Sei sulla pagina 1di 3

Giuseppe Pensabene Perez Schede lessicali e grammaticali ARABO

VADEMECUM PER VOCALIZZAZIONE E TRADUZIONE (ARABO 2 E 3)

- Dopo tutte le PREPOSIZIONI, sia quelle solite ( . etc) sia quelle meno conosciute e gli avverbi ( senza; durante; riguardo a; presso; etc) avverbi la parola va SEMPRE AL CASO OBLIQUO - Dopo e e tutti i loro composti (e sorelle) vari ( perch; analogamente; infatti; tuttavia; ma; etc) la parola va SEMPRE IN ACCUSATIVO a meno ch le suddette anna e inna non rechino un pronome suffisso, in quel caso seguire le regole solite di inna e anna (cfr scheda mia) - Domandarsi SEMPRE se la parola senza articolo (e leventuale aggettivo che la segue) che troviamo determinata o indeterminata e se in stato costrutto o meno e dunque VOCALIZZARLA e TRADURLA di conseguenza - I complementi di tempo, quando non sono introdotti da una preposizione vanno SEMPRE IN ACCUSATIVO. Es: di mattina o oppure ;una volta - Attenzione ai DIPTOTI , sono segnalati sul vocabolario con una u breve (amma) sopra allultima lettera della parola ( es ,)ricordarsi per che seguono la declinazione diptota solo quando sono indeterminati. Sono diptoti tutti i comparativi e i colori (schema )e tutti i plurali dei nomi di luogo (schema ) - Ricordarsi che la vocale segnata sul voc. per limperfetto del verbo valida solo per la prima forma, tutte le altre forme hanno il loro imperfetto stabilito, sempre uguale

Giuseppe Pensabene Perez Schede lessicali e grammaticali ARABO


- I perfetti e i madar di VII, VIII e X hanno sempre lalif wala

;
- Ricordarsi che se trovate un verbo al condizionale iussivo (generalmente dopo ) e privo di una radicale esso potrebbe provenire da quasi tutti i tipi di radici irregolari (prima, media o ultima debole, doppia) es: potrebbe vocalizzarsi nei seguenti modi Vocalizzazione Radice

- Ricordare che IN TUTTE LE FORME VERBALI, nella terza persona femminile del perfetto1 di una radice di ultima debole, LA DEBOLE SCOMPARE cos come nelle persone plurali maschili (perfetto e imperfetto) dove le desinenze e si mangiano le ultime radicali deboli Es: da oppure da da oppure da - Se troviamo un verbo seguito immediatamente da un altro verbo senza Traini) o ( _sullo Zanichelli) e tradurlo di conseguenza Es: si misero a scrivere oppure non scrive pi

ricordiamoci di cercare sul vocabolario la dicitura seguito da imperfetto (sul

11

Tranne nel terzo gruppo dei verbi di prima forma di ultima debole (quelli che seguono lo schema es)

Giuseppe Pensabene Perez Schede lessicali e grammaticali ARABO


- Per capire quale delle varie possibilit tra le radici che avete trovato fato sempre riferimento alla preposizione che eventualmente i verbi reggono, NB, anche participi e

madar di tali verbi potrebbero reggere la stessa preposizione


- Ricordarsi che esiste sempre il caso di frasi semplice ovvero soggetto determinato e

predicato (da tradurre col verbo essere) indeterminato


- Ricordarsi che le preposizioni sono usate anche per rendere il verbo avere, valutare dunque anche questa possibilit. In tal caso la cosa posseduta va al nominativoes: il maestro ha un cane - Ricordare inoltre che la preposizione si mangia lalif dellarticolo della parola cui attaccata e che la possiamo trovare con svariati usi, i pi comuni sono: 1) complemento di causa ( perci) 2) frase finale ( - con verbo al congiuntivo affinch tu scriva, per scrivere) 3) per fare lo stato costrutto quando il primo termine determinato etc. - Attenzione a il vero jolly dellarabo, oltre a negare il perfetto pu fungere da pronome relativo indefinito, in tal caso si traduce ci che e la si pu trovare combinata con altre preposizioni: + ( tra ci ch); + ( per ci che) - Ricordarsi sempre che dopo un nome indeterminato un eventuale frase relativa non sar introdotta da nessun pronome relativo ( etc.) il quale SOTTOINTESO. (Restano comunque e ci aiutano a capire il tipo di frase - gli

eventuali pronomi ritornanti)


-

Attenzioni ai tempi verbali, se troviamo un imperfetto arabo, traduciamo (quasi sempre) col presente, se troviamo un perfetto traduciamo col passato. Ripassare le varie possibilit di variazione dei tempi verbali dati dalla presenza di Kna. Allo stesso tempo se una parola singolare cerchiamo di tradurla col singolare e viceversa.