P. 1
LABORATORIO DI CUCINA

LABORATORIO DI CUCINA

|Views: 9|Likes:
Published by nadia270571
Progetto scolastico di alimentazione
Progetto scolastico di alimentazione

More info:

Categories:Types, School Work
Published by: nadia270571 on Dec 27, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOC, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

01/20/2014

pdf

text

original

Sperimenti…amo, cucini…amo, gusti…amo, impari…amo.

1

Sperimenti…amo,
Un’isola strana dove imparare a cucinare e riconoscere gli alimenti in allegria

cucini…amo,
Cosa succede agli alimenti quando li mescoliamo, impastiamo, cuciniamo…

gusti…amo,
Dolce, salato, aspro, croccante, piccante, acidulo, fresco, stantio… Odoroso o puzzolente?

impari…amo.
2

A dosare

A pesare

A scrivere un ricettario

Ad avere una corretta alimentazione

Una buona alimentazione è essenziale per una cres cita ed u s ppo corretti. no vilu Infatti un corretto reg e im alim ta en reinfluisce sulla crescita fisica del bambino, sulla composizione del suo organismo, sulla funzione immunitaria e su quella mentale.

3

C dobbiam fare per nutrirci osa o correttam ente?
• L'alimentazione deve assicurare l'introito di cinque classi principali di nutrienti: carb oidrati, gras i, s proteine, vitam ine em inerali. Vediamoli insieme.

P roteine
• Sono i mattoni del nostro organismo, le loro funzioni sono di accrescimento corporeo e rinnovamento dei tessuti. Le troviamo nei seguenti alimenti: carni, pesce, uova, latte, formaggi, legumi e cereali.

4

C arboidrati
• Sono il carburante per muoversi, forniscono l'energia per le funzioni vitali. Si trovano nei cereali, nella pasta, nelle patate, nella frutta, nelle verdure e nei legumi.

Grassi
• Sono la nostra riserva di energia, costituiscono le membrane cellulari e favoriscono l'assorbimento di alcune vitamine. Dove si trovano: formaggi, latte, olio vegetali, carni, pesce, uova.

5

Vitam ine
• Regolano i processi metabolici e le attività degli organi. In quali alimenti si trovano: frutta fresca, verdura cruda, ortaggi.

Minerali
• Consentono un corretto funzionamento degli organi, regolano il volume dell'acqua nel corpo. Dove si trovano: frutta, verdura, pesce, carne, uova latte, formaggi.

6

• Tutte queste sostanze devono essere introdotte con l'alimentazione e solo una dieta varia ed equilibrata riesce a fornirle quindi: mai mangiare le stesse cose, cercare di variare sempre gli alimenti proposti.

F requenza settim anale sui 14pas principali (pranzo e ti cena) deg alim li enti
Carne rossa Legumi Carne bianca Pesce Uova Formaggi Salumi 1 volta alla settimana 2-3 volte alla settimana 2-3 volte alla settimana 2-3 volte alla settimana 1-2 volte alla settimana 2-3 volte alla settimana 1 volta alla settimana

7

Cosa ci serve per lavorare insieme
Abbigliamento
Guanto da forno Cuffia o bandana

strofinacci

Grembiule da cucina

Utensili
Mattarello

Ciotole

Utensili vari

Formine varie

Ciotole

Stampi da forno Cucina economica

8

Ingredienti:
(indispensabili per la buona riuscita di qualsiasi ricetta)

 ingredienti freschi e di buona qualità

 collaborazione (almeno 1Kg)

 pazienza (in grandi quantità)

 buona volontà (chi più ne ha più ne metta)

 allegria (chi non cucina in allegria è un ladro o una spia)

9

10

BISCOTTI DI PASQUA
INGREDIENTI
• 175 gr di farina • 50 gr di zucchero • 100 gr di burro o margarina • 3 cucchiai di latte PER LA GLASSA • 175 gr di zucchero a velo . 1 cucchiaio di succo di limone

PROCEDIMENTO
Metti la farina nella ciotola e unisci lo zucchero. Unisci il burro a pezzetti. Sfrega il tutto fra le dita fino ad ottenere un impasto friabile. Aggiungi un cucchiaio di latte poi impasta con le mani, formando una palla. Cuoci i biscotti nella parte alta del forno preriscaldato a 180° per 15-20 minuti finchè sono appena dorati. Mentre i biscotti si raffreddano prepara la glassa. Setaccia lo zucchero a velo nella ciotola. Unisci il succo di limone e lavora col cucchiaio di legno finchè la glassa è liscia. Colorala a piacere e spennellala velocemente sui biscotti prima che si solidifichi.
11

TAGLIATELLE
TRI INGREDIENTI

COL

ORI

200 gr di farina

• 2 uova

Coloranti naturali
• Spinaci lessati e tritati • Doppio concentrato di pomodoro

PROCEDIMENTO
Mettere la farina in una ciotola e disporla a forma di vulcano. Rompere le uova nel cratere. Sbattendo le uova fare assorbire tutta la farina fino a realizzare un impasto morbido. Dividere l'impasto in tre parti uguali, due si colorano, uno con gli spinaci l e l' altro con il pomodoro. Lavorare i panetti e stenderli. Arrotolare l'impasto e tagliare a striscioline. Srotolare le strisce ed ecco pronte le nostre tagliatelle.

12

TORTINE ALLE CAROTE
INGREDIENTI

200 gr di farina

• 60 gr di zucchero • ½ bicchierino di olio di semi • 1 uovo • 100 gr di carote tritate • 1/3 di bustina di lievito • Un pizzico di vanillina • Pirottini della misura desiderata

PROCEDIMENTO

Mettere l'uovo con lo zucchero nella ciotola e sbattere energicamente con il frustino. Aggiungere a pioggia la farina e versare l' olio di semi, continuare a mescolare e inserire il lievito e la vanillina. Infine aggiungere le carote. ersare l'impasto nei pirottini. Infornarli a 180° per circa 20 minuti, una volta cotti mettere sopra lo zucchero a velo.
13

SAPORI E COLORI D’ORIENTE

La cucina di ogni popolo rappresenta un’importante aspetto della sua storia e della sua cultura, ma anche dell’uso razionale delle risorse alimentari di una regione. Imparare a conoscere la cucina etnica può essere divertente per tutti perché la cucina delle altre culture è una finestra sul mondo. La cucina araba è molto ricca e varia, così come profondamente diversi sono i paesi che appartengono al mondo arabo. Ogni regione esprime nella cucina le sue tradizioni ed il suo passato. I falafel polpettoni di fave o di ceci, molto popolari, sembrano essere una delle ricette più antiche, si dice fossero già conosciute ai tempi dei Faraoni. I felafel sono adesso un piatto tipico della tradizione Araba, costituito da polpette fritte a base di fave o ceci tritati con cipolla, aglio,cumino e coriandolo. Qui in Italia, i felafel sono diventati un piatto conosciuto solo da poco tempo, da quando hanno preso piede i ristoranti, take away e le rosticcerie di prodotti orientali, stile kebab. Semplici da preparare, i felafel sono ottimi da utilizzare come antipastini durante una cena o come spuntini per un aperitivo.

14

Il cumino
La parte della pianta del cumino usata in cucina sono i semi. L’aroma che rilasciano è leggermente amaro e pepato. Il gusto è spiccato e quindi vanno usati con attenzione perché si corre il rischio che questo sapore intenso copra tutto il resto. Gli usi più frequenti, visto il gusto particolare, lo vedono protagonista nelle marinate di carne bianca, come anche negli spezzatini e nelle carni rosse da cuocere alla brace. I germogli freschi vengono invece usati per insaporire zuppe, minestroni, minestre e risotti.Non troppo diffuso nella cucina mediterranea, è invece molto apprezzato nel nord Europa, specie in Germania, Olanda e Inghilterra. Fra le sue proprietà terapeutiche, quella di curare le leggere patologie legate allo stomaco: aerofagia, nausea, meteorismo e difficoltà digestive. Una curiosità: Plinio il Vecchio ha lasciato una testimonianza in cui diceva che i suoi studenti lo usavano per accentuare il pallore del viso e fingere di essere sovraccarichi di compiti.

Il coriandolo
Il coriandolo (Coriandrum sativum) è una pianta erbacea annuale originaria dei paesi del Mar Mediterraneo, che appartiene alla famiglia delle Ombrellifere; è conosciuto anche come prezzemolo cinese, ed appartiene infatti alla sua stessa famiglia. Ha radice sottile e poco ramificata, il fusto eretto, alto circa 30-50 cm, con la parte superiore ramificata. I fiori, di colore bianco o rosa, sono riuniti in ombrelle a raggi e i frutti aromatici si presentano sotto forma di globo dal colore giallo paglierino. I frutti del coriandolo vengono utilizzati come spezia: sono dolci con un lieve sapore di limone e sono meno piccanti delle foglie, che non sono gradite al palato di tutti, poiché mentre alcuni ne adorano l’aroma e il sapore speziato e amaro, altri le trovano sgradevoli. I frutti del coriandolo sono uno degli ingredienti principali del garam masala, una miscela di spezie molto usata nella cucina indiana, sud americana e orientale in genere, e attualmente un po’ meno in quella Europea.

15

Il coriandolo, viene impiegato fin dalla più remota antichità (sin dal 5000 a.C.) come pianta aromatica e medicinale dagli Egizi, dagli Ebrei, dai Greci e dai Romani..

16

FELAFEL
INGREDIENTI:
• 2 spicchi di aglio • 300g ceci • 1 cipolla • 1 cucchiaino di coriandolo fresco tritato (oppure in polvere 1 cucchiaino) • 1 cucchiaino di cumino in polvere • 1 cucchiaio di farina • 200ml di olio • Pepe una spolverata • 2 cucchiai di prezzemolo tritato • Sale q.b

Preparazione
Per prima cosa immergete in acqua i ceci secchi per almeno 12 ore fino a che si saranno ammorbiditi. Mettere i ceci ben scolati e asciutti, la cipolla, l’aglio, prezzemolo, il cumino, il coriandolo, il sale e il pepe in un mixer e tritare il tutto fino ad ottenere un composto morbido ed omogeno che lascerete riposare per almeno 2 ore in frigorifero. A questo punto possiamo preparare i nostri felafel: prendete una noce del composto ottenuto e fate una pallina che schiaccerete leggermente con il palmo della mano. Preparate tutti i felafel e lasciateli riposare in frigo
17

per circa 60 minuti affinché mantengano la forma che gli avete dato, senza sfaldarsi. Fate scaldare l’olio in una padella fonda e friggete i felafel fino a doratura, quindi serviteli ancora caldi accompagnandoli con una insalata e del pane pita.

18

E SE VOLESSIMO UN PO’ DI CIOCCOLATA?
Si può, ma con moderazione!
I pregi della Nutella
Spalmabilità - Prima dell'avvento delle merendine industriali confezionate, le creme spalmabili erano una delle merende più ghiotte per i bambini: una fetta di pane con la Nutella è un ricordo tipico dell'infanzia di molti di noi. Dal punto di vista nutrizionale, la Nutella è un alimento molto ricco di grassi e carboidrati. L'apporto energetico è quindi molto elevato, ma la Nutella, a differenza del cioccolato, può entrare in una dieta a regime (non dimagrante) se usata sporadicamente e in piccole quantità, magari in sostituzione di un dolce più elaborato (se sappiamo accontentarci, una fetta di pane di 50 g con 20 g di Nutella fornisce un totale di circa 250 kcal) o come aggiunta di pochi grammi per rendere più appetibile e saziante un alimento (particolarmente indicati yogurt e ricotta). Pregio fondamentale della Nutella rispetto ad altre creme è quindi la migliore spalmabilità che consente un risparmio calorico. Niente trans - Nonostante sia stata spesso demonizzata, la Nutella contiene grassi vegetali generici, ma non oli/grassi idrogenati, a differenza di moltissime merendine, biscotti e prodotti di pasticceria.

I difetti della Nutella
Grassi generici - Purtroppo utilizza grassi estranei agli ingredienti tipici (cacao e nocciole), indicandoli con la dizione generica oli vegetali . Altri ingredienti - L'avere lo zucchero al primo posto non è il massimo, come pure utilizzare latte scremato in polvere o siero di latte in polvere. Non si tratta di ingredienti sospetti, ma la dicono lunga sull'abilità di creare un prodotto dal gusto eccezionale con ingredienti "poveri".

19

NUTELLINE
INGREDIENTI
• 100 g di farina • 100 g di zucchero • 1 uovo • 1 gradina • Pirottini

PREPARAZIONE
Mettere nella ciotola lo zucchero e l’uovo con il frustino montare il composto. Dopo inserire la gradina e, a pioggia, la farina. Continuare a mescolare finché diventa come una cremina. Riempire per metà con il composto i pirottini e al centro mettere un cucchiaino di nutella. Metterlo nel forno per 15 minuti è così diventano le nutelline.

20

Crostata di frutta
Ingredienti:
• • • • • • • • •

500 gr di farina 150 gr di zucchero 200 gr di burro/margarina 3 uova 1 limone un pizzico di sale 1 bustina di vanillina 1 bustina di lievito frutta a piacere

Preparazione
Disporre sulla spianatoia la farina a fontana, e fate un buco al centro dove metterete lo zucchero, il sale, la bustina di vaniglia, il lievito, la buccia del limone grattugiata, le uova e il burro liquefatto e freddo. Amalgamate prima questi ingredienti e pian piano aggiungete la farina. Impastate fino a quando il composto non sarà omogeneo. Imburrate e infarinate uno stampo per torte e disponete la pasta sul fondo e sul bordo. Mettete in forno a 180° per 35 minuti. Decorate l’interno con la crema pasticcera e sopra con la frutta fresca a vostro piacimento. Per finire il tutto passate la gelatina sulla frutta, e la vostra crostata di frutta sarà pronta.

21

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->