Sei sulla pagina 1di 205

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI UDINE

________________________

FACOLT DI MEDICINA E CHIRURGIA FACOLT DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Corso di laurea in Educazione Professionale

Tesi di laurea

TITOLO Ritorno alla Comunit: dai gruppi di Mutuo Aiuto ai Gruppi alla Salute

Relatrice: Chiar.ma Prof. Flavia Virgilio Laureando: Tommaso Querini ANNO ACCADEMICO 2009/2010

Indice generale
Introduzione...................................................................................................................4 1. I Gruppi di Auto-Mutuo Aiuto e la Psichiatria...........................................................7
1.1 Storia dei Gruppi di Auto-aiuto nella psichiatria .................................................................7
1.1.1 Le origini: gli Alcolisti Anonimi................................................................................................7 1.1.2 Prime esperienze in ambito psichiatrico: Recovery Inc e WANA.............................................8 1.1.3 L'avvento degli Psicofarmaci....................................................................................................10 1.1.4 La de-ospedalizzazione dei pazienti psichiatrici......................................................................10 1.1.5 L'esperienza dei CAT di Hudolin.............................................................................................10 1.1.6 Il movimento antipsichiatrico...................................................................................................12 1.1.7 I movimenti per i diritti civili degli anni '70.............................................................................14 1.1.8 Lo sviluppo dei gruppi di auto-aiuto in Italia...........................................................................15 1.1.9 Gli AMA e le Istituzioni...........................................................................................................16

1.2 Definire i Gruppi AMA.......................................................................................................16 1.3 Caratteristiche dei Gruppi AMA.........................................................................................18 1.4 Le regole dei Gruppi AMA.................................................................................................19 1.5 Principi del gruppo AMA...................................................................................................20
1.5.1 Legame ..................................................................................................................................20 1.5.2 Rispetto ...................................................................................................................................20 1.5.3 Fiducia......................................................................................................................................21 1.5.4 Empowerment: un concetto confuso........................................................................................21

1.6 I gruppi AMA e la psicoterapia di gruppo..........................................................................22 1.7 Processi in atto sull'individuo nei GAMA per la Salute Mentale.......................................22
1.7.1 Responsabilizzazione................................................................................................................23 1.7.2 Helper Therapy.........................................................................................................................24 1.7.3 Comparazione Sociale..............................................................................................................25 1.7.4 Conoscenza Esperienziale........................................................................................................26 1.7.5 Ideologia ..................................................................................................................................27 1.7.6 Supporto....................................................................................................................................28 1.7.7 Processi paralleli alla Terapia di Gruppo..................................................................................29

1.8 Il ruolo del facilitatore ........................................................................................................30


1.8.1 Funzioni del Facilitatore...........................................................................................................30 1.8.2 Le difficolt del facilitatore......................................................................................................31

1.9 Efficacia e Criticit dei Gruppi AMA.................................................................................32


1.9.1 Efficacia dei Gruppi AMA.......................................................................................................32 1.9.2 Criticit dei Gruppi AMA.........................................................................................................34

2. La Catarsi.....................................................................................................................37
2.1 Breve Storia della Catarsi...................................................................................................37
2.1.1 La Catarsi prima dell'era moderna............................................................................................37 2.1.2 Josef Breuer e Anna O..............................................................................................................38 2.1.3 La catarsi come concetto psicoanalitico...................................................................................38 2.1.4 Lo Psicodramma e l'avvento delle terapie di gruppo................................................................41 2.1.5 Lo Human Potential Movement e gli studi sulla catarsi...........................................................43 2.1.6 Alexander Lowen e la Bioenergetica........................................................................................44 2.1.7 I Programmi di confronto: Synanon.........................................................................................48 2.1.8 La catarsi oggi...........................................................................................................................50

2.2 L'Espressione delle Emozioni.............................................................................................52


2.2.1 Il pianto.....................................................................................................................................53 2.2.2 La risata....................................................................................................................................55 2.2.3 Lo sfogo rabbioso.....................................................................................................................56

2.2.4 Effetti benefici dell'espressione delle Emozioni.......................................................................57

2.3 I Risultati della catarsi.........................................................................................................59

3. La Comunit e la Cura................................................................................................63
3.1 Comunit: alcuni riferimenti teorici....................................................................................63 3.2 La Comunit di luogo e i suoi membri deboli ...................................................................65
3.2.1 Cenni sulla storia della mutualit ............................................................................................66 3.2.2 Consumer-Run Organisations...................................................................................................68

3.3 Conseguenze sociali negative del coinvolgimento dei servizi.......................................69


3.3.1 Il legame tra disagio psichico e condizioni economiche..........................................................70 3.3.2 La riabilitazione d'intrattenimento e la Societ dell'Intrattenimento........................................71

3.4 Rapporti tra Lavoro Sociale e Mutualit.............................................................................72 3.5 Le Comunit artificiali e la cura.........................................................................................74
3.5.1 Le Comunit Terapeutiche.......................................................................................................74 3.5.2 Kingsley Hall............................................................................................................................75 3.5.3 Soteria.......................................................................................................................................76 3.5.4 I Gruppi di Auto aiuto...............................................................................................................78

4. Case Study: I Gruppi alla Salute................................................................................81


4.1 Metodologia e Strumenti del Case Study............................................................................81
4.1.1 Il Case Study.............................................................................................................................82 4.1.2 Caratteristiche del Case Study sui Gruppi alla Salute..............................................................83 4.1.3 Caratteristiche dell'Osservazione Partecipante.........................................................................85 4.1.4 Metodologia delle Osservazioni Partecipanti sui Gruppi alla Salute.......................................87 4.1.5 Modalit di Analisi dei Dati.....................................................................................................88 4.1.6 Attendibilit e Limiti della ricerca............................................................................................89

4.2 Gli Studi Precedenti sui Gruppi alla Salute........................................................................90 4.3 L'ideologia del Metodo alla Salute......................................................................................90
4.3.1 La cosmologia del Metodo ......................................................................................................91 4.3.2 I tre Codici................................................................................................................................92 4.3.3 Il Codice Simbolico e l'Evoluzione Psicotica della Societ.....................................................94 4.3.4 Interpretazione del disagio e patologie interessate...................................................................96 4.3.5 Le pecche dei Servizi Sociali Odierni......................................................................................99 4.3.6 Il rifiuto degli psicofarmaci....................................................................................................100 4.3.7 Le soluzioni e la Nuova Specie..............................................................................................103

4.4 Storia ed ultime evoluzioni del Metodo............................................................................105 4.5 Il contesto dei Gruppi alla Salute......................................................................................107
4.5.1 Il Centro di Medicina Sociale di Foggia ................................................................................107 4.5.2 Villa Terronia..........................................................................................................................108 4.5.3 Il Villaggio Quadrimensionale...............................................................................................108 4.5.4 Il Rituale.................................................................................................................................109

4.6 Definire i Gruppi alla Salute.............................................................................................109 4.7 Caratteristiche dei Gruppi alla Salute...............................................................................110 4.8 Le regole dei GAS.............................................................................................................111
4.8.1 Regole basilari........................................................................................................................111 4.8.2 I diversi livelli dei Gruppi alla Salute.....................................................................................112 4.8.3 Le fasi di un Gruppo alla Salute.............................................................................................115 4.8.4 La presenza dei familiari........................................................................................................115 4.8.5 Astensione da sostanze psicoattive ........................................................................................116

4.9 I principi dei Gruppi alla Salute........................................................................................117 4.9.1 La Teoria-Prassi........................................................................................................117 4.9.2 Processi che permettono l'immersione......................................................................118 4.9.3 Ascolto.......................................................................................................................118 4.9.4 Superamento dei tempi scanditi................................................................................118 2

4.9.5 Principio di Contraddizione.......................................................................................119 4.10 Processi in atto sull'individuo nei Gruppi alla Salute.....................................................119 4.10.1 Crossing-Over ........................................................................................................119 4.10.3 Ideologia..................................................................................................................124 4.10.4 Il Fare Teoria...........................................................................................................126 4.10.5 Conoscenza Esperienziale ......................................................................................131 4.10.6 Comparazione Sociale ............................................................................................131 4.10.7 Helper Therapy........................................................................................................133 4.10.8 Supporto .................................................................................................................134 4.10.9 Processi Paralleli alla Terapia di gruppo.................................................................135 4.11 La Catarsi nel Metodo alla Salute...................................................................................136 4.11.1 Attinenze con altri approcci catartici......................................................................142 4.11.2 Il ruolo dell'ideologia nella catarsi..........................................................................144 4.11.3 Valutazioni sulla catarsi nei Gruppi alla Salute......................................................146 4.12 Il ruolo del conduttore.....................................................................................................148 4.12.1 Le funzioni di un conduttore...................................................................................148 4.12.2 I conduttori nel processo di catarsi..........................................................................152 4.13 Altre criticit dei Gruppi alla Salute ..............................................................................154 4.13.1 Il ruolo dello psichiatra Loiacono...........................................................................154 4.13.2 I Gruppi alla Salute da un punto di vista comunitario.............................................155 4.14 Valutazioni Conclusive sui Gruppi alla Salute...............................................................158

5. Il ruolo dell'Educatore Professionale.......................................................................161


5.1 L'opportunit del Crossing-Over.......................................................................................162 5.2 Il Ruolo dell'Educatore Professionale...............................................................................164 5.2.1 La fondazione di un Gruppo Crossing-Over.............................................................165 5.2.2 L'Accoglienza............................................................................................................166 5.2.3 La Valutazione..........................................................................................................166 5.2.4 La presa in carico......................................................................................................167 5.2.5 L'Intervento Educativo..............................................................................................168 5.2.6 L'Educatore come facilitatore....................................................................................168 5.2.7 La facilitazione nei Gruppi Crossing-Over...............................................................170 5.2.8 Alcune regole dei Gruppi..........................................................................................171 5.2.9 I principi di un gruppo crossing-over........................................................................171 5.2.10 Stabilizzazione e sviluppo del gruppo.....................................................................172 5.2.11 Attivit di promozione del Gruppo.........................................................................173 5.2.12 Dimissioni dell'utenza ............................................................................................173 5.2.13 Il ritiro dell'Educatore dai gruppi .........................................................................174 5.3 Implicazioni per il lavoro educativo.................................................................................174 5.3.1 L'educatore come ricercatore.....................................................................................174 5.3.2 Il ruolo politico dell'Educatore..................................................................................175

6. Conclusioni.................................................................................................................177 Appendice A: Questionario sui Gruppi alla Salute....................................................180 Bibliografia.....................................................................................................................183 Sitografia.........................................................................................................................203

Introduzione
Questa tesi intende concentrarsi sulle potenzialit di autonomia e di cura che iniziative messe in atto da membri deboli di una societ possono avere. L'idea che sta alla base di questo pensiero che le individualit emarginate, con scarsa contrattualit, diventino risorsa per la societ e questo gli permetta di riguadagnare quell'interazione piena e dialettica che il disagio ha infranto. Parlo di Ritorno alla Comunit perch ritengo che la riabilitazione, in particolare nell'ambito psichiatrico considerato in questa tesi, debba indirizzare verso una piena cittadinanza (Saraceno 1995), non semplicemente in termini di diritti e doveri ma come pratica quotidiana di discussione, azione e decisione (Zoletto 2011:66). Ma il Ritorno alla Comunit anche una rinnovata considerazione per una modalit di lavoro sociale che promuove gli scambi paritari e mutuali, l'assistenza reciproca al di l dei ruoli professionali, le alleanze a salvaguardia della salute e del benessere che nascono da un bisogno comune. I Gruppi di auto-aiuto, storicamente sviluppatisi dal basso ma sempre pi promossi dai professionisti come parte dei loro servizi, possono essere ritenuti una forma di Comunit in piccolo, in cui riattivare la responsabilit personale e la capacit di aiuto. Si tratta di gruppi formati nonprofessionisti che si riuniscono periodicamente per parlare del proprio problema. Un'altra forma di Comunit, sviluppatasi a Foggia negli ultimi trent'anni e quest'anno maturata in una Fondazione, l'oggetto del Case Study esplorativo al centro di questo studio. Si tratta dei Gruppi alla Salute ideati dal Dott. Mariano Loiacono e oggi diffusi in diverse regioni d'Italia. Sono due gli elementi che suscitano particolare interesse rispetto a questi gruppi: essi sono aspecifici, ovvero vi partecipano persone di ogni et con problematiche delle pi svariate e in secondo luogo le persone vengono trattate senza uso di psicofarmaci. Il principale obiettivo della tesi ricondurre i Gruppi alla Salute ad altre esperienze e valutando l'efficacia di queste ultime fornire delle aspettative e delle implicazioni per future ricerche sulla loro validit. I Gruppi alla Salute saranno analizzati a partire dalla cornice teorica dei Gruppi di auto-aiuto, rispetto ai quali verranno evidenziate le differenze. Il contatto diretto con i gruppi ha permesso di stabilire in un secondo momento l'importanza data da essi all'esperienza catartica. La catarsi, una forte esperienza emotiva dalla funzione purificante, 4

comune a molti rituali religiosi e la psicanalisi si sviluppa a partire da essa. Pur non essendo estranea ai Gruppi di auto-aiuto, essa assume un'importanza considerevole nei Gruppi alla Salute ed essendo l'elemento che li avvicina maggiormente ad altre forme di psicoterapia si scelto di descriverla separatamente, confrontandola con le forme di psicoterapia affini. L'approccio dei gruppi mutuali e dei gruppi alla salute necessita di essere esplorato ad una scala pi ampia che riguardi le Comunit in cui essi si vanno ad inserire. Solo assumendo questa prospettiva sar possibile cogliere le opportunit riabilitative che essi offrono ad operatori che, come gli educatori professionali, abbiano le competenze per lavorare in questa direzione. Le analisi di queste tematiche si avvalgono di un esteso uso di articoli scientifici, reviews e libri, per fornire un quadro dettagliato e facilitare la comparazione. D'altra parte per rendere la lettura gradevole si sono riportati diversi aneddoti ed esempi che danno alla dissertazione un taglio pi divulgativo. Il primo capitolo della tesi fornir la cornice teorica di riferimento riguardante i gruppi di autoaiuto, la loro storia, le caratteristiche ed i processi benefici in atto, gli studi di efficacia. Il secondo capitolo sar dedicato alla catarsi e agli approcci psicoterapeutici che a partire dalla seconda met del novecento ne hanno fatto ampio uso a scopo riabilitativo. All'interno dello stesso capitolo uno studio delle principali emozioni correlate alla catarsi permetter di ridimensionare le credenze riguardanti il legame tra salute ed espressivit. Il terzo capitolo, l'ultimo della parte teorica, sar dedicato alle soluzioni sviluppate dalle Comunit per rispondere ai bisogni dei suoi componenti deboli. Oltre a fornire alcuni esempi virtuosi nell'ambito della riabilitazione psichiatrica, in particolare soluzioni nate dal basso, fornir un'analisi critica del ruolo debilitante dei Servizi Sanitari e dei Gruppi di auto-aiuto stessi. Il quarto capitolo dedicato al Case Study sui Gruppi alla Salute. Oltre ad un'analisi delle fonti bibliografiche in merito verr fatto un ampio uso delle Osservazioni Partecipanti durante il periodo di ricerca trascorso a Foggia. Gli elementi teorici dei precedenti capitoli saranno utilizzati per descrivere le diverse sfaccettature del Metodo alla Salute, offrendo alcune valutazioni preliminari sulla sua funzione terapeutica e le sue ricadute sulla Comunit. Il quinto capitolo, dedicato al Ruolo dell'Educatore Professionale, coglier i diversi spunti positivi forniti dalle esperienze descritte per proporre alcune idee operative per un lavoro di Comunit in cui la figura dell'Educatore pu inserirsi di diritto grazie alle sue competenze trasversali.

Nelle conclusioni infine si considereranno i principali contributi di questa ricerca, i punti di forza e di debolezza e le implicazioni per ulteriori studi.

1. I Gruppi di Auto-Mutuo Aiuto e la Psichiatria


Questo primo capitolo dedicato ai gruppi di auto-mutuo aiuto con un particolare riguardo ai loro sviluppo nel disagio mentale. Si ripercorrer la storia dei Gruppi di auto-aiuto dedicando alcune sezioni alle evoluzioni pi significative della psichiatria. Alcune parti, e questo vale anche per i successivi capitoli, riguardano specificamente fenomeni avvenuti negli Stati Uniti che hanno avuto una significativa influenza in Europa. I Gruppi di autoaiuto, come quelli psicoterapeutici, nascono oltreoceano e raggiungeranno l'Italia solo tardivamente. Saranno quindi definiti i Gruppi ed il concetto di auto-aiuto, le attivit di cui si occupa, l'utenza a cui sono rivolti, le caratteristiche specifiche anche rispetto alla Psicoterapia di Gruppo, le regole e i valori di riferimento. Per analizzare i processi di cui beneficiano i membri dei GAMA si scelto di ordinarli secondo il grado di peculiarit, di unicit rispetto a quelli in atto in altre terapie, fornendo una panoramica dei diversi paradigmi interpretativi che sono stati applicati nel tempo. Il ruolo del facilitatore, il membro del gruppo con maggiori responsabilit, ha un'importanza critica per l'efficacia del gruppo; in questo capitolo ci si concentrer sui non-professionisti che ricoprono questo ruolo mentre si rimanda al quanto capitolo per quanto riguarda i facilitatori professionisti come l'educatore. Se i GAMA sono effettivamente efficaci una questione trasversale a tutto il capitolo, nella sezione specifica si valuteranno le ricerche con maggiore attendibilit mentre considerazioni su quali siano le migliori configurazioni per il gruppo sono reperibili in ogni sezione. Per quanto riguarda le criticit, ci si limiter a considerazioni sui Gruppi AMA mentre altri interrogativi sulla funzione dell'auto-aiuto nell'attuale societ saranno approfonditi nel quarto capitolo.

1.1 Storia dei Gruppi di Auto-aiuto nella psichiatria


1.1.1 Le origini: gli Alcolisti Anonimi L'origine dei gruppi di auto-aiuto viene solitamente fatta risalire alla fondazione degli Alcolisti Anonimi (AA), un movimento nato negli Stati Uniti nel 1935 e diffusosi in tutto il mondo. AA nasce come costola di un gruppo religioso e questo rende i famosi 12 passi essenzialmente un

percorso di redenzione verso il risveglio spirituale. L'elemento mistico, che fondante negli AA, non comune ai GAMA ma esso offre un chiaro esempio di quello che verr definito l'elemento ideologico dei gruppi mutuali. Nella prima delle 12 tradizioni, le regole di funzionamento, degli Alcolisti Anonimi viene specificato come il recupero personale e il cambiamento dipendano dall'identit del gruppo (Alcolisti Anonimi 2000). Non l'individualit della persona, che ha commesso torti, ma il potere di Dio e della coesione a permettere il recupero da una condizione di dipendenza. Le sedute cominiciano con le presentazioni, si usa solo il nome e si dichiarano i giorni passati dall'inizio dell'astinenza; progressivamente le persone si raccontano al gruppo e confessano le loro condotte biasimabili. Secondo la filosofia AA il recupero avviene un giorno alla volta e i partecipanti vengono spinti a partecipare in modo continuativo. La facilit di accesso e la grande importanza che viene data alla regolarit si sono rivelati due elementi utili per chi cerca di interrompere una condotta abitudinaria e pervasiva come l'etilismo e necessit perci di abbandonare il proprio giro di amici e i luoghi di ritrovo, sostituendo le proprie dipendenze con altre suppletive. Come studiato da Hoffmann (2003) l'esperienza dei membri all'interno di AA pu differire di molto, la frequenza continuativa generalmente un buon supporto all'astinenza ma non la via esclusiva. L'autore indica che la maggiorparte delle persone che transita per il mondo sociale di AA ad un certo punto ne esce. I membri anziani di ogni gruppo AA che hanno mantenuto la sobriet e sviluppato una certa esperienza sono chiamati sponsor ed hanno il ruolo di aiutare i meno esperti ad esaminare gli errori passati, diventando un punto di riferimento per gli altri. La metodologia dei 12 passi stata applicata al trattamento di molte forme di dipendenza, in contesti terapeutici pi intensivi, come le Comunit residenziali e anche in ambito psichiatrico con Emotional Anonymous. 1.1.2 Prime esperienze in ambito psichiatrico: Recovery Inc e WANA Le prime organizzazioni di lunatici risalgono all'inizio del ventesimo secolo e svolgevano attivit di pressione sui politici e sull'opinione pubblica. Nel 1937 il neuropsichiatra Abraham Low concepisce Recovery Inc., un trattamento dedicato ad exinternati. Il suo approccio si basava su di una psicoterapia cognitiva di gruppo, associata al

mantenimento di una rete di supporto che, in un primo periodo, si occup anche di reclamare miglioramenti delle politiche sociali e delle leggi per la salute mentale. In questa esperienza erano gi condensati gli elementi principali dei gruppi di auto-aiuto. Il cardine dell'approccio di Low la capacit di gestire tramite la Volont i pensieri e i temperamenti negativi, definiti Ambiente Interno, che conducono la persona a Sintomi quali ruminazione e ad ansia crescente e dannosa. Per sviluppare la propria volont a questo riguardo le tecniche principali sono: Identificazione del Sintomo, Re-impostazione del linguaggio, Auto-approvazione e Creazione di Esempi. Quest'ultima modalit consente al Metodo di funzionare, secondo le intenzioni di Low, senza bisogno di professionisti. Una persona descrive un pensiero, le emozioni che ha comportato, come lo ha fronteggiato e come lo avrebbe fronteggiato prima di conoscere il Metodo. Gli incontri si svolgevano tre volte alla settimana e per fronteggiare i weekend, quando la lontananda dal gruppo poteva comportare una recrudescenza dei sintomi, Low aveva previsto una catena di persone a cui rivolgersi: un membro pi esperto, il responsabile di zona e infine lui stesso. La persona poteva per esprimere le proprie problematiche solo attraverso il gergo specifico del gruppo (Wechsler 1960:302). Gli incontri seguono una prassi invariabile: lettura di testi di Recovery Inc., presentazione di Esempi, discussione dell'esempio dato e momento di domanda e risposta. Dal gruppo originario, composto da pazienti di Low, si formarono nuovi leader che attivarono altre unit. Recovery Inc. oggi diventata Recovery International ed stata oggetto di studi che ne hanno dimostrato l'efficacia (Raiff 1984). Un' altra esperienza con elementi comuni ai GAMA fu We Are Not Alone (Anderson 1998), formata nel 1944 da ex-pazienti di ospedali psichiatrici newyorkesi. Essi furono inizialmente supportati da uno psichiatra che conosceva l'esperienza degli AA ma si rese presto indipendente, costituendosi in associazione e stabilendo le cariche. I gruppi non si dedicavano solo ad incontri di supporto reciproco ma perseguivano un'attivit politica di supporto alle persone ancora ospedalizzate, diffondendo bollettini tra i pazienti e collaborando alla ricerca di abitazioni e lavoro per le persone appena dimesse. Questa esperienza diede vita a Fountain House, la prima delle Clubhouses, una rete di centri diurni dedicati espressamente ai folli in cui oltre alle attivit quotidiane si tengono laboratori, corsi di formazione ed iniziative di supporto per la vita all'esterno.

1.1.3 L'avvento degli Psicofarmaci Negli anni '50 l'invenzione degli psicofarmaci maggiori ebbe conseguenze inaudite per il trattamento delle psicosi. I primi neurolettici ridussero la necessit di forti misure di contenimento per le persone in fase di crisi, mettendo in ombra terapie fortemente opprimenti e pericolose come l'elettro-shock. La cloropromazina, inizialmente testato come anestetico, si dimostr utile per il trattamento dei sintomi negativi (allucinazioni e deliri) e comportamenti agitati (Shen 2004). Nei manicomi di tutto il mondo con la diffusione del farmaco si registrarono forti riduzioni delle popolazioni di pazienti ospedalizzati. Vennero per presto osservati clinicamente anche i tipici Sintomi Extra-piramidali che determinano un certo disagio per chi li vive. 1.1.4 La de-ospedalizzazione dei pazienti psichiatrici Gli ospedali psichiatrici versavano in condizioni di estrema precariet, aggravata dalle periodiche riduzioni di fondi: strutture fatiscenti, sovraffollate e con condizioni igieniche preoccupanti, persone torturate ed abusate e nessuna forma di riabilitazione. Fin dagli anni '50 negli Stati Uniti cominci un processo di deospedalizzazione con parallela diffusione di cliniche private e comunit residenziali. Negli stessi anni, in Regno Unito si svilupparono le prime Comunit Terapeutiche il cui fine ultimo era il reinserimento della persona nella societ. Molte di queste, come quella di Northfield diretta da Bion, abbinavano a psicoterapie di stampo psicoanalitico un programma con regole precise e momenti della giornata ben scanditi. Un'altra corrente, a cui fa capo Maxwell Jones improntata sulla democratizzazione della condizione degli ospiti, con la partecipazione a riunioni quotidiane riguardanti la vita collettiva, durante le quali oltre a prendere decisioni condivise ogni comportamento degli ospiti e degli operatori riceveva un feedback da tutto il gruppo. Pur non utilizzando psicoterapie formali, Moreno che aveva elaborato la tecnica dello psicodramma fu un visitatore assiduo dell'Henderson Hospital, diretto da Jones. 1.1.5 L'esperienza dei CAT di Hudolin A partire dagli anni sessanta, a Zagabria, lo psichiatra Vladimir Hudolin attiv una comunit terapeutica per alcolisti e loro familiari. Il suo approccio sistemico considera l'etilismo uno stile di vita problematico dovuto a molteplici cause antropo-spirituali (Petrella 2007:99) per il quale non basta un intervento medico sull'individuo ma necessario che si agisca sulla rete sociale di

appartenenza. In una fase successiva questo paradigma venne diffuso al lavoro sul territorio tramite i Club di Alcolisti in Trattamento, ai quali partecipa anche un coordinatore-servitore che offre il suo supporto gratuitamente. La considerazione antropologica dell'uomo lo port a riconoscere nel fatto religioso una componente universale e necessaria che va tenuta in considerazione da chiunque si approcci come servitore perch sia in grado di catalizzare le spinte spirituali dei membri. Durante gli incontri settimanali i partecipanti parlano delle proprie esperienze e riconsiderano le relazioni con i propri familiari esprimendosi pi liberamente grazie al supporto del gruppo all'espressione emotiva della propria sofferenza. L'ACAT punta alla creazione di una rete sociale di supporto che si mantenga oltre la seduta settimanale e aiuti le persone ad affrontare i propri problemi quotidiani. Si denota una parziale apertura all'esterno, attraverso la Formazione, che ambisce a coinvolgere professionisti e volontari, e prepararli sistematicamente al ruolo di servitori. In termini teorici Hudolin proponeva un superamento, in senso integrativo, di ogni approccio alla persona: psicobiologico, molecolare, relazionale, richiamandosi ad un metodo complesso in cui la pratica non sia strettamente legata alla teoria, pur rimanendo coerente ad essa (Petrella 2007:100). In questa prospettiva risalta la necessit di un approccio libero e poco strutturato schiuso alla complessit della vita. L' apertura del medico croato alla ricerca scientifica, che egli non vede come opposta alla profonda comprensione dell'altro, sembra per non conciliabile con l'indeterminatezza e scarsa sistematicit della pratica. La sua opera dedicata agli alcolisti ma egli evidenzi come le problematiche multiformi come la doppia diagnosi, che trovano oggi una risposta frammentata di servizi pubblici scarsamente integrati, potessero trovare risposta nel suo approccio ecologico. Hudolin sembra suggerire la necessit da parte di un ingente numero di supporto psicologico, riservato solo ai casi pi gravi ed anche in questo caso in maniera molto parziale. La psicanalisi, la psicoterapia a suo modo di vedere pi accreditata era inadatta per screening a lungo termine sull'efficacia ed onerosa in termini di tempo e denaro, un investimento in questa direzione non garantirebbe pertanto il trattamento di un numero cospicuo di pazienti. La maggiore diffusione di psichiatri e psicologi medicalizzerebbe la societ senza garantire un aumento del benessere collettivo. Pertanto Hudolin evidenziava l'importanza di una Comunit di Prevenzione formata da persone comuni, dedicata alla cura di ogni forma di disturbo psichico ed orientata pi in generale al miglioramento della qualit della vita (Petrella 2007:100).

1.1.6 Il movimento antipsichiatrico L'antipsichiatria stato un movimento culturale promosso da psichiatri ed intellettuali a partire dagli anni sessanta. Le sue premesse derivano dall'importante eredit della psichiatria fenomenologica il cui fondamento l'osservazione della psicopatologia non in termini neurologici o tramite un oggettivazione biologica ma cercando di comprendere il vissuto altro ed alieno dell'esperienza psicotica durante la quale il paziente vive in un altro mondo dai significati fortemente emotivi (Sini 2005). Uno dei padri fondatori della psichiatria fenomenologica Karl Jasper, che nel suo trattato di Psicopatologia Generale attacca il modello riduzionista tipico della psichiatria biologica incentrata sullo studio del cervello. In antitesi ad essa, l'interiorit e la soggettivit dei pazienti, i significati del comportamento rispetto alla loro identit sono studiati attraverso l'introspezione,

l'immedesimazione e la messa in dubbio della realt esistente. L'epoch, proposta da Edmund Husserl, definibile come una sospensione del giudizio che consente di individuare unit di significato spogliandosi delle conoscenze e credenze implicite, le cosidette precomprensioni, e giungendo all'essenza dei fenomeni mediante l'esercizio costante del dubbio e la negazione dell'ovviet (Trinchero 2004:128). L'intuizione, la partecipazione emotiva sono gli unici modi per giungere ad una comprensione della sofferenza e ad una diagnosi che pu essere stabilita solo in seguito a questo processo. Questo approccio fin in secondo piano con l'affermarsi della psicanalisi all'interno delle Comunit Terapeutiche e venne riscoperto negli anni sessanta grazie all'antipsichiatria. Il capisaldo dell'anti-psichiatria proprio quello di porsi prima di, ad uno scalino antecedente il giudizio psichiatrico e la diagnosi e non in semplice contrasto a (Sini 2005:22). In Inghilterra le due figure principali associate a questa corrente sono Ronald Laing e David Cooper, a cui si deve anche la coniazione del termine, poi rinnegato. Laing non si discosta totalmente dall'approccio psicanalitico quando nel suo Io Diviso descrive l'esperienza schizofrenica come una conseguenza comprensibile di esperienze familiari e sociali negative. La radicalit del suo approccio sta nel negare l'esistenza di una linea di demarcazione tra normalit e follia e quindi a definire la schizofrenia come un viaggio alla scoperta di se stessi. David Cooper estende la sua analisi alla societ e alle istituzioni, dalla famiglia all'universit all'ospedale psichiatrico, definendole malate e considerando la nevrosi e la pazzia una ribellione alla loro violenza.

Un altro dei pensatori che estese l'analisi politica dell'antipsichiatria fu Michel Foucault ripercorrendo la storia della follia (Foucault 1998) ed evidenziando come il Potere abbia via via elaborato nuove spiegazioni per il confinamento dei membri non ragionevoli della societ e indicando nell'approccio medico solo quello pi recente. Ci che in passato veniva considerato come conseguenza di una colpa morale ora visto come una malattia, diagnosticabile scientificamente attraverso la ricerca frenetica di fondamenti organici per essa. La scienza, e la medicina in particolare, non sono immuni dall'ideologia dominante e rispondono alle necessit e pressioni della societ. A riprova di questo significativo come le devianze, comportamenti minoritari e ritenuti socialmente pericolosi come l'omosessualit furono per lungo tempo definiti una patologia psichiatrica. Lo Stato Terapeutico il termine coniato negli stessi anni dallo psichiatra statunitense Thomas Szasz, per descrivere il potere che ha comportato una medicalizzazione della societ . Il potere si esplica anche nella relazione paziente/psichiatra in cui il primo sottoposto ad un controllo che lo priva della libert e padronanza di se stesso e il secondo non apprende da questa situazione nulla che lo possa aiutare a comprendere il disagio della persona per agire terapeuticamente. Nel 1961 Erving Goffman pubblica Asylums (1961), uno dei primi studi sociologici sugli ospedali psichiatrici dove descrive il processo di istituzionalizzazione che porta gli internati a diventare buoni pazienti, docili e remissivi. Come sottolineato da Saraceno (1995) l'istituzionalizzazione non meramente ospedalizzazione. La persona istituzionalizzata, a cui attribuito il carattere giuridico di infermo, vive una condizione di separazione dalla societ per tramite delle strutture sanitarie. La sua identit si appiattisce alla malattia e questo lo conduce a vivere una vita adialettica ed aproblematica. Gli ospedali psichiatrici non fanno che aggravare la condizione perch isolano il malato piuttosto che offrire ragioni alla societ per aumentare il grado di accettazione verso le persone problematiche. Lo stesso autore pubblica Stigma (Goffman, 1963), in cui riflette su come una condizione esistenziale possa limitare fortemente le interazioni sociali di una persona perch porta gli altri ad associarla ad un'identit stereotipata, bollata con degli attributi di pericolosit o debolezza, piuttosto che a desiderare di conoscerla veramente. Anche alla luce della sua esperienza precedente Goffman indica tra le prime cause di stigma e degradazione morale la malattia mentale. La diagnosi lo strumento che viene utilizzato per effettuare questo cambiamento nell'identit della persona ed considerata dalla cultura antipsichiatrica come troppo vaga e inadatta a descrivere la reale condizione del malato, racchiudendola in un'etichetta disconnessa dalla realt della malattia o

dall'effettivo funzionamento della persona. Sotto la diagnosi di schizofrenia ad esempio si possono trovare persone con sintomatologie e capacit adattive molto diverse. I manuali diagnostici come il DSM venivano invece criticati per aver incentrato la categorizzazione delle malattie sui sintomi piuttosto che sulle cause sottostanti. Recentemente il loro approccio stato paragonato a quelle di una guida naturalistica per il riconoscimento dei volatili, con conseguenti vantaggi e svantaggi (McHugh 2005:2526). La cultura antipsichiatrica contribu senza dubbio a diffondere nell'opinione pubblica la coscienza della condizione dei pazienti internati e mise per la prima volta in discussione lo stigma verso la follia. 1.1.7 I movimenti per i diritti civili degli anni '70 Il periodo dei movimenti per i diritti civili negli Stati Uniti vide tra i protagonisti oltre agli afroamericani e i movimenti femministi anche persone che soffrivano di disabilit e disagio mentale. Esse cominciarono ad organizzarsi in gruppi per sostenersi vicendevolemente e in alcuni casi anche difendersi dalle istituzioni. Nel processo Wyatt vs Stickney del 1971 i pazienti di un ospedale psichiatrico in Alabama si organizzarono per richiedere un trattamento individuale con fini veramente riabilitativi e non di mera contenzione. La loro vittoria fu un passo cruciale nel processo di de-istituzionalizzazione negli Stati Uniti (Carr 2004). Questa ed altre esperienze portano ad uno sviluppo di una coscienza maggiore rispetto ai diritti e alle possibilit di azione della persona malata. L'idea della persona malata come risorsa attiva si sviluppa anche grazie al contributo indiretto dei movimenti femministi i cui capisaldi erano l'autorealizzazione come possibilit concreta, la fiducia nelle proprie capacit di aiutare se stessi e gli altri. (Noventa, Nava & Oliva, 1990). I gruppi di self-help videro in questo periodo uno sviluppo esponenziale; pur non avendone gli elementi essenziali (Adamsen & Rasmussen 2001) condividevano con i movimenti sociali un atteggiamento critico verso l'autorit e la qualit dei servizi socio-sanitari (Borkman 1997). Negli anni '80 lo sviluppo dei Gruppi si diffuse soprattutto alle malattie e alle condizioni esistenziali e molti gruppi cominciarono a fornire servizi direttamente. La dimensione di critica rispetto al sistema si ridusse nella maggiorparte di essi anche perch il crescente interesse da parte di professionisti ed istituzioni comport una maggiore integrazione tra le due realt.

1.1.8 Lo sviluppo dei gruppi di auto-aiuto in Italia L'esperienza di de-istituzionalizzazione in Italia che ha successivamente condotto allo sviluppo dell'auto-aiuto passa per la fondamentale figura di Franco Basaglia. Il suo lavoro nell'Ospedale Psichiatrico di Gorizia, ispirato al modello della Comunit Terapeutica inglese, gli permise di promuovere la sua idea di libert come terapia, avviando un intenso dibattito a livello nazionale sulla condizione dei pazienti internati. Sotto la sua direzione erano organizzate assemblee pressoch permanenti di medici, infermieri e pazienti come avveniva nella Comunit di Maxwell Jones. Il pensiero di Basaglia nasce da una visione fenomenologica della psichiatria e dal supporto alle idee di Foucault e Goffman, che politicizzarono fortemente il suo lavoro. Senza dubbio nelle sue opere la psichiatria come branca della medicina non viene delegittimata ma forse proprio la sua moderazione facilit l'approvazione di una legge, la 180/78, che unica a livello mondiale a superare definitivamente l'ospedale psichiatrico (Sini 2005). Il provvedimento richiese una modifica generale dei servizi, che port alcuni psichiatri a promuovere occasioni di scambio e discussione. Per certi versi questa pu essere considerata l'origine dei gruppi di auto-aiuto in ambito psichiatrico nel nostro paese (Cesario, Mariotti & Sani 2001). I gruppi di auto-aiuto si erano diffusi in Italia a partire dall'esperienza degli Alcolisti Anonimi negli anni '70 e hanno avuto uno sviluppo significativo grazie ai Club di Alcolisti in Trattamento di Hudolin. A differenza che negli Stati Uniti la quasi totalit dei gruppi nasce come integrazione ai servizi professionali e non in conflitto ad essi (Cecchi 2005). L'Italia ha quindi vissuto solo l'ultima fase di un'evoluzione che negli USA ha portato i Gruppi AMA da subcultura alternativa a strumento integrato nel sistema socio-sanitario tradizionale (Borkman 1997). Una delle esperienze di integrazione tra Gruppi di auto-aiuto e Servizi socio-sanitari pi significative quella del FareAssieme, sviluppatasi a Trento a partire dagli anni novanta. Uno sviluppo capillare dei Gruppi di Auto-aiuto e la promozione tramite convegni (per citarne alcuni Le parole Ritrovate nel 2001, La Comunit Accogliente nel 2003, Culture e Pratiche di condivisione nella Salute Mentale nel 2005) di questo approccio ha facilitato una contaminazione tra il Servizio di Salute Mentale di Trento e i propri utenti. Il Servizio ha via via promosso un loro maggiore protagonismo culminato con l'ideazione degli Utenti e Familiari Esperti che ricevono un compenso per le loro attivit ed hanno un ruolo significativo in ogni attivit del servizio, affiancandosi agli operatori e mettendo al servizio la propria conoscenza esperienziale. Questo esempio non di per s

assimilabile ad una forma di self-help, ma piuttosto come un uso efficace di non professionisti all'interno di un'istituzione (Humphreys & Rappaport 1994). 1.1.9 Gli AMA e le Istituzioni A livello italiano il Piano Sanitario Nazionale 2006 2008 (Ministero della Salute 2006) considera l'importanza dei Gruppi di auto-aiuto nel rispondere ai bisogni complessi e non codificati dei pazienti e pertanto ritiene necessaria la promozione di questa cultura all'interno dei servizi. In controtendenza la bozza provvisoria del Piano Sanitario 2011-2013 non cita l'auto-aiuto n come obiettivo generale n specifico per la Salute Mentale (Ministero della Salute 2011). A livello internazionale l'Organizzazione Mondiale per la Sanit inserisce l'auto-aiuto in un continuum con altre forme di cura come il self-care e il volunteer care, le cure fornite dalle persone nel contesto di vita quotidiano o l'aiuto dato da parte di volontari, sottolineando la dimensione complementare rispetto a forme di cura professionale (Noventa et al. 1990). L'evoluzione storica delineata fino ad ora indica come questa sia solo l'ultima fase di un rapporto che stato anche conflittuale. La carta di Ottawa identifica tra le strategie in grado di promuovere la salute il rafforzamento di un'azione comunitaria per la salute che pu essere ottenuta solo da comunit con un elevato empowerment (WHO 1998) che va pertanto promosso anche attraverso i Gruppi AMA.

1.2 Definire i Gruppi AMA


E' necessario scegliere una definizione generale per i GAMA tra le numerose a disposizione in modo tale da precisare quali esperienze saranno inserite in questa categoria molto ampia e labile. I gruppi di self help possono essere definiti come quei gruppi formati da persone che ritengono di avere un problema comune e si raggruppano per fare qualcosa per esso. (Richardson & Goodman cit. in Totis & Zanichelli 2007). In questa definizione sono due gli elementi centrali: il problema come comune denominatore del gruppo e l'azione rispetto al problema. Non si specifica quali tipi di problemi possano rientrare nella sfera dell'auto-aiuto n che tipo di azione si metta in atto rispetto al problema. Per descrivere invece l'auto-aiuto si di riportare una definizione quasi analoga ma che abbraccia i temi centrali di questa tesi: linsieme delle misure utilizzate da non professionisti, per promuovere o recuperare la salute di una determinata comunit (Quaderni della Sanit Pubblica cit. in Focardi, Gori & Raspini 2006:9).

La principale differenza rispetto ai servizi pubblici e privati che l'auto-aiuto realizzato con il lavoro di non-professionisti. Se un servizio organizzato da professionisti ma condotto in ampia parte da persone senza una particolare qualificazione, si pu considerare una forma di auto-aiuto che in quanto entit distinta pu rapportarsi ad altri servizi. Al contrario, se un servizio condotto da professionisti coinvolge anche altre figure non si pu parlare di auto-aiuto (Humphreys & Rappaport 1994). I Gruppi di Auto-mutuo in Italia sono novemila e coinvolgono centotrenta-centottantamila persone, con una crescita annua stimata attorno al 20% (Redattore Sociale 2010). I problemi trattati nei gruppi AMA variano moltissimo. Nel solo ambito della salute mentale sono presenti gruppi per i disturbi psichici pi comuni come ansia, depressione, fobie, attacchi di panico, disturbi compulsivi, schizofrenia. In generale essi si rivolgono a tutte le persone che vivono un cambiamento sensibile del loro modo di vivere per il quale i servizi professionali non danno tutte le risposte di cui si pensa di avere bisogno. Rispetto alle condizioni per fare parte di un gruppo, Lo stato delle persone deve essere tale consentire una partecipazione alla vita del gruppo, anche se minima. La capacit e il desiderio di parlare sono pertanto necessarie. Per quanto riguarda l'azione rispetto al problema necessario stabilire alcune categorie di gruppi di auto-aiuto. Vi sono diverse classificazioni, quella prescelta (Richardson & Goodman, 1983) descrive cos le possibili attivit di un gruppo AMA: fornire supporto emotivo : tramite il dialogo e lo scambio le persone escono dall'isolamento e si aiutano nell'accettare la propria condizione o a cercare di cambiarla; fornire informazioni o consigli : offrire una definizione condivisa dei problemi, condividere le strategie per affrontarli e ragguagliare sui servizi che possono venire in aiuto; produrre servizi diretti : aiuto diretto per necessit pratiche o di cura; organizzare attivit ricreative : momenti di socializzazione per facilitare le relazioni interpersonali fra i membri; pressione, promozione ed advocacy : azioni politiche rivolte alla Comunit di appartenenza, ai servizi professionali o alle amministrazioni per modificare la condizione sociale delle persone che condividono lo stesso problema.

Il ventaglio di attivit molto ampio e le attivit sopra descritte non sono esclusive l'una rispetto all'altra. Nell'indagine conoscitiva pi recente sui GAMA in Italia (Focardi et al. 2006) il 74% del campione dei gruppi dichiara di svolgere altre attivit di supporto oltre a quella del gruppo. Quella indicata dalla maggioranza (21%) di informazione e promozione.

1.3 Caratteristiche dei Gruppi AMA


Per descrivere le caratteristiche dei gruppi AMA si scelto di integrare il modello di Levy (1976) con ulteriori specificazioni. Per essere definito tale un gruppo di Auto-aiuto deve sottostare ad alcune condizioni. I gruppi di auto-aiuto sono focalizzati sul problema e sulla sua eventuale soluzione, non ci si incontra semplicemente per socializzare ma si persegue un obiettivo. Questo non significa che i singoli partecipanti abbiano la stessa meta del gruppo; la persona diventa membro per aiutare se stesso e solitamente frequenta fino a quando lo ritiene utile (Twelvetrees 2006:79). Il gruppo su base volontaria e gratuita, origina dai membri, eventualmente supportati dai servizi professionali e per loro scelta si pu chiudere. Infatti non vi un'auto-perpetuazione tipica di altre organizzazioni supportate ad esempio da fondi statali. Le risorse per il cambiamento provengono dai membri e l'intervento di una figura professionale marginale rispetto alle capacit e competenze sviluppate all'interno del gruppo. Il gruppo ristretto, ha un massimo di 10-12 partecipanti, cos da promuovere le relazioni faccia a faccia e il supporto tra i diversi membri. Ogni membro ritiene di vivere lo stesso problema e questo aiuta la persona a sentirsi compresa e ad avere speranza in un cambiamento tramite l'osservazione dei membri pi anziani. La condivisione del problema prima di tutto una percezione perch, sebbene nella maggior parte dei GAMA questa sia effettiva, esistono dei gruppi aspecifici radunati, come si vedr, principalmente dall'ideologia. Infine il controllo che interno al gruppo, il potere e la comunicazione sono su base orizzontale, i diversi ruoli dipendono dal grado di esperienza raggiunto.

1.4 Le regole dei Gruppi AMA


Ogni gruppo caratterizzato da regole generali atte a garantire una buona convivenza tra i membri. In alcuni di essi le regole sono parte fondante dell'ideologia, mentre in altri si basano soprattutto sul senso comune e sui precetti per una buona comunicazione. Le riunioni dovrebbero svolgersi in un ambiente neutro che permetta di mantenere la riservatezza, confortevole, appartato e silenzioso, le persone solitamente si riuniscono in cerchio e tendono a preferire la comunicazione verbale. Una netta maggioranza dei gruppi ha un facilitatore, a volte a rotazione. Le sue funzioni, in termini pratici sono di iniziare e terminare la riunione all'ora stabilita, di stabilire assieme agli altri il tema della riunione, di dare la parola ai partecipanti, di richiamare al rispetto delle regole. Il gruppo deve seguire orari determinati e limitati. Solitamente l'incontro a cadenza settimanale e si consiglia in ogni caso di non superare i quindici giorni tra un incontro e l'altro. Questo consente di mantenere una certa continuit, evitando che si dimentichino i temi trattati. La durata indicativamente un'ora e mezza, in modo che vi sia il tempo per tutti i membri di un gruppo medio di parlare e sentirsi a proprio agio, ma al contempo non sia troppo stancante. Se una persona non ha potuto raccontare tutto ci che voleva sa che in capo ad una-due settimane ne avr di nuovo la possibilit. Ad ogni modo utile stabilire il tempo massimo a disposizione per ogni intervento garantendo cos che tutti abbiano modo di parlare. Durante le riunioni bisogna concentrarsi su di un tema scelto, riferendolo alla propria personale esperienza senza distrarsi con altre attivit o uscendo dall'argomento. E' importante parlare in prima persona evitando riferimenti generici o a persone assenti pertanto non si parla di come familiari od amici dovrebbero comportarsi ma come si pu cambiare in prima persona. Nessuno deve essere interrotto o giudicato per quello che dice o per come ha agito al di fuori del gruppo. I membri sono liberi di chiedere pareri o consigli ma non bisogna darne se non richiesti. Questo facilita la condivisione di esperienze che potrebbero trovare una condanna in altri contesti. In alcuni gruppi pu essere redatto un piccolo verbale riguardante le tematiche trattate durante la seduta. L'ingresso di altri membri deve essere agevole, anche perch una delle problematiche in cui il gruppo pu incorrere la mancanza di nuovi inserimenti. E' stato indicato che i gruppi con un maggior rispetto delle regole e dell'ordine rilevano un maggior beneficio (Maton 1988).

1.5 Principi del gruppo AMA


Esistono peraltro altri elementi, che riguardano la filosofia generale del mutuo aiuto e le sue regole non scritte. Il clima che ne deriva influenza in maniera determinante l'efficacia e il senso di appartenenza dei membri. 1.5.1 Legame Hornsey (2007) ha criticato il concetto di legame o di coesione all'interno di un gruppo in quanto troppo generico e quindi non direttamente misurabile riformulandolo in termini di identificazione di gruppo, senso di omogeneit rispetto al gruppo e interdipendenza percepita. L'identificazione di gruppo quantificabile in base a quanto la partecipazione al gruppo considerata dalla persona come base per definire se stesso. Il senso di omogeneit si sviluppa anche in assenza di effettive somiglianze tra i membri; pur avendo una particolare importanza nella fase di aggregazione iniziale perch rinforza la partecipazione, pu condurre in un secondo momento ad un appiattimento e ad una crescente monotonia. L'interdipendenza percepita pu promuovere un maggior grado di collaborazione e permettere ai membri di interagire ed aprirsi maggiormente. Il legame che si forma tra i membri strettamente correlato alla continuit della propria partecipazione agli incontri. Se vi un'adesione solo parziale pi difficoltoso che le persone siano spinte ad aprirsi con gli altri componenti. 1.5.2 Rispetto Il rispetto nei gruppi di auto-aiuto consiste in primo luogo nell'attesa dei tempi di espressione dell'altro. E' fondamentale che ogni partecipante trovi il proprio modo di stare all'interno del gruppo, decidendo se condividere le proprie esperienze o limitandosi ad un ascolto, il pi possibile aperto ed empatico. Ascoltare, significa anche fare domande opportune per riformulare quanto laltro ha detto per assicurarsi di aver compreso. Vissuti comuni suscitano interpretazioni diverse che possono condurre a discussioni anche accese che vanno considerate come un elemento positivo, in quanto la presenza di dialettica indice di reciprocit che spesso manca quando si ha il timore di mettere in discussione l'altro. Il rispetto per le opinioni divergenti, che rappresentano una ricchezza all'interno del gruppo, pertanto imprescindibile.

La paura di esporsi e di confrontarsi con gli altri pu essere un problema se fossilizza nella passivit, ma il facilitatore pu solo cercare di stimolare le persone, senza forzare la mano. 1.5.3 Fiducia La fiducia viene definita come un'aspettativa di esperienze con valenza positiva per l'attore, maturata sotto condizioni di incertezza, ma in presenza di un carico cognitivo e/o emotivo tale da permettere di superare la soglia della mera speranza (Mutti 1987:230). All'interno di un gruppo di auto-aiuto si attivano due diverse tipologie di fiducia, quella personale basata sulla conoscenza dell'altro e quella verso l'aggregazione. Solo se vi un clima di fiducia le persone si sentiranno libere di condividere anche sentimenti cosiddetti negativi o confessare azioni riprovevoli. La fiducia fondamentale per creare un ambiente libero dai pregiudizi, un clima veramente solidale. 1.5.4 Empowerment: un concetto confuso E' opinione comune che i GAMA promuovano l'Empowerment, un processo dellazione sociale attraverso il quale le persone, le organizzazioni e le comunit acquisiscono competenza sulle proprie vite, al fine di cambiare il proprio ambiente sociale e politico per migliorare lequit e la qualit di vita (Rappaport,1987:122). In termini psicologici invece esso include secondo Zimmermann (2000) che ne ha studiato le diverse accezioni, la convinzione soggettiva di poter decidere, almeno in parte, per se stessi (componente intrapersonale), la capacit di comprendere il proprio ambiente socio-politico (componente interpersonale) e la partecipazione ad attivit collettive mirate a influenzare lambiente socio-politico (componente comportamentale). L'empowerment un processo che si attiva all'interno della comunit di appartenenza ed al contempo un risultato socio-politico e non di semplice miglioramento personale e non si pu perci collegare direttamente alle attivit di un Gruppo di auto-aiuto. I diversi livelli di analisi applicabili a questo concetto, la sua ampiezza e l'immaginario che esso suscita hanno spesso condotto ad erronee sovrapposizioni (Bruscaglioni 1994) tra il concetto di empowerment e quelli di autostima od autoefficacia, che hanno una funzione molto pi netta all'interno dei Gruppi di Auto-aiuto. Con questo non si intende dire che questi non possano influenzare l'ambiente socio-politico delle persone che vi partecipano, ma che questo processo va distinto dalla pi comune attivit di supporto emotivo perch associato, secondo la classificazione di Levy (1976), a quella di pressione,

promozione ed advocacy. In Italia la promozione consiste, come gi indicato, soprattutto nell'organizzazione di attivit di formazione (Focardi et al 2006). Altri gruppi di auto-aiuto, AA in primis, rifiutano espressamente di avere un ruolo politico o di promuovere la propria attivit all'esterno.

1.6 I gruppi AMA e la psicoterapia di gruppo


Fin dai loro primi sviluppi alcuni studiosi hanno definito i Gruppi di Auto-aiuto come una forma di psicoterapia di gruppo tra pari (Hurvitz 1976). Questa posizione pu essere considerata plausibile solo accettando una definizione molto ampia di psicoterapia. Secondo Jervis (1975:308) la psicoterapia qualsiasi forma di aiuto e di cura attraverso il rapporto interpersonale. In senso generale, psicoterapia quanto di utile pu derivare al soggetto, per la soluzione dei propri problemi e la scomparsa dei propri disturbi, dall'incontro con un'altra persona o con persone, e dallo scambio diretto di parole e di messaggi non verbali. In modo pi preciso e limitato, si pu parlare di psicoterapia quando un aiuto del genere venga dato in modo intenzionale da parte di una o pi persone che abbiano la capacit di farlo. La definizione di Jervis, malgrado se ne trovino versioni deliberatamente modificate, non ritiene fondamentale l'iscrizione ad un albo di professionisti od una preparazione accademica, ma la d per assunta. Si ritiene infatti che l'elemento centrale per definire psicoterapeutica una forma di aiuto, oltre il fatto che la cura sia rivolta chiaramente alla psiche della persona, sia l'utilizzo di una tecnica. Le azioni della persona che somministra la psicoterapia sono quindi pervase di un'intenzionalit che, oltre a richiedere studio e preparazione, privano della spontaneit cos tipica dei GAMA. Pertanto si reputa errato considerare l'auto-aiuto una forma di psicoterapia. Ciononostante vi sono alcuni processi analoghi a quelli della psicoterapia di gruppo, come verr evidenziato in seguito. Non potendosi assurgere ad una psicoterapia l'auto-aiuto privo anche di una regolamentazione chiaramente definita. I membri vi partecipano liberamente e le loro azioni non devono rispettare una deontologia. Questo pu potenzialmente comportare dei rischi per i partecipanti, rispetto ai quali nessuno tenuto a rispondere.

1.7 Processi in atto sull'individuo nei GAMA per la Salute Mentale


Lo studio dei processi in atto all'interno dei Gruppi AMA negli ultimi cinquant'anni ha seguito l'evoluzione dei paradigmi di interpretazione psicologica. Inizialmente descritti da un punto di vista comportamentale e cognitivo (Levy 1976), sono stati successivamente considerati da un punto di

vista psicosociale (Katz 1981) e pi recentemente si sono sviluppate interpretazioni a cavallo tra psicologia, antropologia e sociologia (Rappaport 1993). Sebbene alcune teorizzazioni abbiano avuto maggior fortuna accademica si scelto di descrivere da pi prospettive lo stesso fenomeno. I Gruppi mutuali studiati variano notevolmente e alcuni appartengono alla sola realt statunitense ma le caratteristiche sono trasversali e facilmente riconducibili ad ogni tipo di Gruppo. Si scelto di cominciare con la descrizione dei fattori maggiormente caratterizzanti individuati dai ricercatori per spostarsi gradualmente verso quelli che sono condivisi anche da altre forme di aiuto. 1.7.1 Responsabilizzazione Si ritiene che la responsabilizzazione del singolo membro sia l'unico elemento che si presenta in maniera cos percettibile solo nei gruppi mutualistici, richiedendo ai partecipanti una certa consapevolezza e volont di cambiare la propria condizione. Il riconoscimento di un proprio malessere si scontra con l'immagine che la persona ha di se stessa e del suo ruolo nella rete sociale di appartenenza. Ad esempio la madre di famiglia tender a dare maggiore importanza alle proprie incombenze piuttosto che al suo stato di salute fino a quando non si aggraver. Il livello di malessere deve essere tale da convincere la persona che non si risolver spontaneamente o deve influenzare significativamente le relazioni con gli altri. Molto eloquente l'osservazione di Goffman (1961:135) su come a determinare l'istituzionalizzazione non sia la malattia mentale ma alcune contingenze che portano la rete sociale della persona a considerarla problematica. Avere consapevolezza in sintesi significa avere l'opportunit o l'obbligo di vedere la propria condizione o stato d'animo con una maggiore oggettivit. Non si tratta di un processo indolore e presuppone un periodo di ambivalenza, soprattutto considerati i pregiudizi di cui avvolta la malattia mentale. Partecipare ad un gruppo di auto-aiuto ed ascoltare le storie degli altri aumenta la consapevolezza perch offre l'opportunit di riconoscersi, di avere accesso alla propria intimit. Per quanto riguarda il desiderio di cambiare la propria situazione, esso ci che spinge la persona ad agire e a cercare aiuto. Il modo con cui la persona viene aiutata influenza le aspettative che la persona avr rispetto al proprio problema. Nell'ambito della salute mentale l'avvicinamento ai servizi e l'istituzionalizzazione rendono il proprio problema un qualcosa di facente parte dell'identit spesso a scapito di una riduzione del

senso di controllo. Questo utile fintanto che allontana dalla persona ci che per essa insostenibile ma diventa negativa se porta ad una cronicizzazione del disagio o in generale alla visione di se stessi come persona malata e quindi incapace di completa autonomia. Nei suoi risvolti positivi la de-responsabilizzazione una scelta terapeutica di protezione e garanzia del soggetto il pi possibile temporanea. All'interno di un GAMA la responsabilizzazione non percepita immediatamente. Una persona si reca al gruppo per aiutare s stessa e non continuer a partecipare se non riterr il gruppo efficace a questo fine. Ma se vi sar un miglioramento esso riguarder anche le qualit terapeutiche naturali della persona e il suo altruismo (Folgheraiter, 2010). 1.7.2 Helper Therapy La responsabilizzazione stata la prima caratteristica ad essere analizzata, attraverso la concettualizzazione dell'helper therapy (Riessmann 1965). L'helper ricopre un ruolo, ovvero un insieme di aspettative condivise circa il modo in cui dovrebbe comportarsi un individuo che occupa una determinata posizione nel gruppo (Palmonari, Cavazza & Rubini 2002:208). Qui si definisce l'helper come una persona che vive gi una dinamica di cambiamento rispetto alla sua condizione di svantaggio, un esperto che si pone in modalit di aiuto verso gli altri. All'interno del gruppo esistono essenzialmente due ruoli prestabiliti, l'aiutante e l'aiutato, che pi corretto porre agli estremi di un continuum. La posizione dei partecipanti in questo continuum dipende dai loro atteggiamenti, dalle regole e dal clima del gruppo. Per esempio lo sponsor AA ha compiti ben definiti, che sono pi sfumati in altre organizzazioni mutuali. In ogni caso la struttura del gruppo semplifica fortemente la diversificazione dei ruoli tipica della societ e questo limita le conseguenze negative e stigmatizzanti di un fallimento nel ricoprire il proprio ruolo, in una maniera simile a ci che pu avvenire all'interno di un manicomio (Goffman, 1961:164). Essere un helper ha un effetto boomerang sulla persona e gli consente di percepirsi come meno dipendente, dato il maggior equilibrio tra aiuto ricevuto ed aiuto dato; sentirsi competente a livello interpersonale vista l'influenza che ha sulla vita di un'altra persona; essere apprezzato in maniera continuativa per il ruolo che ricopre ed apprendere strategie di cambiamento perch rapportandosi agli altri ci si osserva in maniera diversa.

Questo vale per qualsiasi tipo di helper, compreso l'educatore professionale, ma essi hanno particolare valore per chi aderisce ad un gruppo AMA perch il problema osservato coincide con quello di cui soffre. Levy (1976) lo descrive come Supporto al cambiamento dell'attitudine rispetto a se stessi: il gruppo basa la sua forza sulla responsabilizzazione e valorizzazione dell'individuo e della sua esperienza e competenza. Pertanto il cambiamento positivo di mentalit, di immagine di s viene fortemente premiato all'interno del gruppo. Katz (1981) parla di Occasione di un nuovo status: in contrasto alla stigmatizzazione la persona costruisce una nuova identit, basata sulla consapevolezza rispetto alla propria situazione e sull'idea che sta facendo qualcosa a questo riguardo. Lo stigma viene combattuto anche quando il gruppo partecipa attivamente a campagne di sensibilizzazione o di pressione politica. Questo particolarmente importante per persone con un identit problematica come alcolisti, tossicodipendenti o coloro che vivono lo stigma della malattia mentale. La nuova identit, che nasce anche dalla presenza di una rete sociale diversa rispetto a quella di provenienza, evidenzia e rinforza comportamenti adattivi, altruistici e proattivi. L'altruismo da semplice precetto morale diventa pratica di vita della persona. Essa in conclusione una modalit nuova e coerente di vedere se stessi, il mondo e il proprio posto in esso. 1.7.3 Comparazione Sociale L'incontro e confronto con gli altri membri del gruppo scatena due fenomeni fondamentali e comuni a tutti i gruppi AMA. In primo luogo l'Universalit: i partecipanti, ascoltando le storie degli altri ed identificandosi con essi, comprendono di non essere gli unici ad avere un certo problema e di conseguenza si ha una riduzione o eliminazione del senso di isolamento o atipicit, un processo di normalizzazione. Questo vissuto viene riportato da Levy (1976) ai processi cognitivi di comparazione sociale e di validazione consensuale. La persona si vede come parte di una comunit e a si apre maggiormente, acquisendo fiducia nel gruppo. In uno studio per la valutazione dell'efficacia dei gruppi AMA Cheung & Sun (2001) classificano l'universalit come un fattore di sostegno, ovvero necessario perch le persone non abbandonino il gruppo insoddisfatte.

Altrettanto importante la Percezione di cambiamento, quando i partecipanti cominciano ad avere speranza, un altro fattore di sostegno secondo Cheung & Sun, tramite l'osservazione di membri pi esperti che hanno gi vissuto un cambiamento nella loro condizione. 1.7.4 Conoscenza Esperienziale Le interazioni all'interno del gruppo di auto-aiuto consistono in gran parte in uno scambio di informazioni esperienziale, che la maggiore fonte di apprendimento all'interno del gruppo. Possiamo dire che nei gruppi di auto-aiuto si impara dicendo e ascoltando, piuttosto che facendo. Una conoscenza di questo genere non scaturisce semplicemente da una serie di fatti e sentimenti su cui una persona non ha riflettuto ma da una condizione personale vissuta intensamente. Per questo essa tende ad essere concreta, specifica ma abbastanza comprensibile perch, al contrario delle teorizzazioni psicologiche, rappresenta l'esperienza di altri che hanno lo stesso problema (Borkman 1976). Per conoscenza esperienziale si intende anche quella sviluppata in prima persona all'interno del gruppo, nella cui validit il partecipante ha fede. Da questo si deduce che i membri pi esperti possiedono una maggiore conoscenza esperienziale rispetto ai nuovi arrivati perch essi hanno sviluppato una maggiore consapevolezza riguardo la condizione che accomuna tutti i membri e le possibilit che il gruppo offre di modificarla. La conoscenza esperienziale viene scambiata tramite due modalit. In primo luogo lo scambiarsi informazioni normative regolative ed opinioni rilevanti sul problema, consigli pratici o descrizioni in cui gli altri si possono riconoscere. E' un passaggio di prescrizioni ed osservazioni diverse da quelle che possono provenire da un professionista per diverse ragioni: la conoscenza esperienziale pragmatica piuttosto che teorica o scientifica ovvero si concentra su eventi facilmente osservabili ed pertanto orientata al qui ed ora piuttosto che a considerazioni sul lungo termine. Questo ha conseguenze anche comparando i possibili effetti terapeutici di un Gruppo mutuale rispetto ad una psicoterapia convenzionale. Il terapeuta terr in considerazione l'autostima della persona od altri processi sul lungo termine. Infine le considerazioni che si fanno all'interno di un gruppo di auto-aiuto scrutano il vissuto nella sua totalit, mentre il professionista tende a segmentarlo per analizzarlo meglio (Borkman 1976). La quotidianit un argomento comune dei gruppi di auto-aiuto e la ricerca di strategie per fronteggiare situazioni difficoltose avviene tramite una sorta di brainstorming tra i membri. Questa modalit di problem solving amplifica significativamente le opportunit della persona di affrontare la specifica situazione. Tramite l'ascolto dell'esperienza altrui inoltre vi una crescita in termini di

consapevolezza e capacit di astrazione ed analisi del proprio ambiente ed i propri comportamenti, sostituendo comportamenti adattivi ad automatismi negativi. In alcuni casi le informazioni sono trasmesse in maniera pi diretta, ad esempio elencando delle regole da rispettare che possono riguardare lo sviluppo di capacit di auto-controllo rispetto ai propri pensieri od indicare alle persone in che modo possono cambiare il loro ambiente sociale dannoso (Levy 1976:317) 1.7.5 Ideologia L'ideologia una forma di conoscenza esperienziale, universale in tutti i gruppi AMA. Secondo Antze (1976:324), lideologia comprende un insieme di credenze e considerazioni sul problema, insegnamenti fondamentali, regole di comportamento, rituali e slogan per ogni seduta. Vi sono dei principi ideologici generali, che abbiamo gi considerato nello studiare la nascita dei gruppi AMA e la loro filosofia: la persona come risorsa, la credenza nel cambiamento possibile, la solidariet e l'altruismo. Questi elementi, in quanto parte di un'etica del senso comune, potrebbero perfino essere considerati retorici ma si ipotizza influenzino gli atteggiamenti dei membri. Gli elementi caratterizzanti dell'ideologia di un gruppo hanno invece delle ricadute pratiche immediate consentendo in primo luogo di superare le proprie spiegazioni idiosincratiche, spesso atte a mantenere la condizione attuale. E' fondamentale sottolineare che non necessario che questa interpretazione sia logicamente accettabile o men che meno attendibile scientificamente ma che tutti i membri vi credano. Nel suo studio Antze (1976) sostiene che lefficacia dei GAMA si possa risolvere nella loro dominante funzione persuasiva. Durante il racconto intimo di s, la persona interpreta la propria esperienza utilizzando la terminologia e i concetti propri del gruppo, promuovendoli tra tutti i presenti ed auto-persuadendosi. Anche l'helper nel dare consigli ed indicazioni si sente rinforzato nelle proprie credenze e scelte di vita. L'attivit di promozione del gruppo all'esterno ha questa stessa funzione ma in alcuni casi diviene una causa politica (Wechsler 1960). Antze sostiene che il cambiamento avviene perch cambiano in maniera standardizzata rispetto all'ideologia il dominio delle assunzioni che la persona fa sul mondo e su di s. Per Katz (1981) tutti i processi cognitivi sottostanti ad un GAMA hanno un elemento ideologico e che i gruppi maggiormente ideologici hanno membri maggiormente stabili. Questo per non coincide con lo scarso appeal che gruppi dei 12 passi hanno per molte persone (Noordsy, Schwab, Fox & Drake 1996)

Si reputa che l'interpretazione di Antze, seppur valida per ogni GAMA abbia particolare valore per alcune tipologie di gruppi mentre sia secondaria in gruppi pi informali. In Emotional Anonymous, un gruppo che applica i dodici passi, ad esempio il fulcro dell'ideologia che una persona soffra di un disagio psichico perch dipendente dalle sue emozioni (Kurtz & Chambon 1987). Come indicato da un'indagine (Boydston, 1974) questo tipo di gruppi raccoglie persone con ansia, depressione, fobie, dolori psicosomatici, solitudine, problemi relazionali o non meglio definiti. Si pu quindi affermare che ad accomunare il gruppo l'ideologia piuttosto che l'effettiva condivisione di un problema. Per quanto riguarda i gruppi di Auto-mutuo Aiuto legati ai Servizi di Salute Mentale non vi un'ideologia rispetto alla malattia, anzi pi probabile che l'interpretazione corrisponda alla visione medica del problema. Nel caso di gruppi nati spontaneamente l'ideologia sar legata alla storia del gruppo. In generale la forma ideologica pu essere pi o meno aperta, ma senza dubbio in costante (ri)costruzione tramite le interazioni tra i membri, la loro condivisione di bisogni, idee e storie. L'approvazione dell'ideologia del gruppo contribuisce a far sentire parte di una comunit il partecipante (Rappaport 1993). Rappaport giunge alle stesse conclusioni di Antze sul rapporto tra ideologia e coinvolgimento del partecipante ma non parla di persuasione od indottrinamento mantenendo un approccio costruttivista e neutrale. Si tratta di una visione post-moderna nella misura in cui considera che la realt personale si costruisce nel corso della vita sulla base delle proprie identit ed abitudini. Marcando un filo rosso tra Gruppi di auto-aiuto ed ogni altro tipo di organizzazione comunitaria (parrocchie, partiti politici) egli definisce il complesso delle storie personali una community narrative ( Rappaport 1993:247) che influenza la prospettiva di

ciascuno dei membri: essa diventa parte della propria identit, della propria esperienza di vita e porta il soggetto a modificare la propria identit proprio tramite levoluzione del suo gruppo. 1.7.6 Supporto Possiamo considerare il supporto nei GAMA su due livelli; in prima istanza supporto emozionale ed empatia sono gli elementi che pi comune trovare. A livello di processi comportamentali si pu parlare di rinforzo diretto e vicario da parte dei gruppi mutuali (Levy 1976). Applausi, gesti rituali di incoraggiamento, complimenti alle persone che mettono in atto comportamenti ego-sintonici e rimuovono comportamenti indesiderati. Il rinforzo anche dato dal piacere che si prova nella frequentazione del gruppo. In generale esso presente in ogni interazione

all'interno del gruppo ma nei Gruppi AMA che esso focalizzato sul problema della persona. Si suppone che sia pi incisivo il supporto ricevuto da propri pari piuttosto che da un professionista sia pi utile. Inoltre la filosofia dei Gruppi AMA fortemente influenzata dall'idea che ogni persona sia una risorsa e che il cambiamento sia sempre possibile e perci i membri avranno una maggiore tendenza a rinforzare i cambiamenti nella persona. Il gruppo mutuale consente quindi di sperimentare nuove abilit in un ambiente protetto. Il supporto, assieme al senso di universalit porta la persona ad aprirsi e a parlare di s (self disclosure) grazie anche ad una garanzia di protezione data dalle regole del gruppo e dalla sua reciprocit. La self-disclosure viene considerata un fattore di sostegno imprescindibile (Cheung & Sun 2001) perch oltre a rafforzare la coesione con gli altri permette lincontro con la propria intimit. Il racconto diviene un esternazione in termini cognitivi ed emotivi in maniera almeno parzialmente catartica. Infine vi un vero e proprio supporto materiale: essere parte di un gruppo di auto-aiuto dovrebbe comportare l'ingresso in una rete sociale, non la semplice partecipazione ad incontri settimanali. Andrebbero offerte opportunit di socializzazione, particolarmente importanti per le persone che soffrono di una dipendenza o per coloro che passano molto tempo all'interno della famiglia. La struttura paritetica del gruppo inoltre pu facilitare lo sviluppo delle capacit comunicative nella persona. Ci pu avere ricadute importanti anche in contesti esterni al gruppo per le persone che hanno difficolt a questo livello. I partecipanti dovrebbero sentire di poter contare l'uno sull'altro se durante la giornata vivono un momento particolarmente difficile. Questa funzione formalizzata nel ruolo del facilitatore che ha il compito di informarsi se una persona stata assente dal gruppo o se sta vivendo un brutto periodo. Lo studio gi citato (Cheung & Sun 2001) ha stabilito che il supporto un fattore benefico. 1.7.7 Processi paralleli alla Terapia di Gruppo La maggiorparte delle terapie di gruppo dedica particolare attenzione ai processi di maturazione collettiva che si verificano nel susseguirsi delle terapie, condividendo pertanto con i Gruppi AMA un'attenzione verso sviluppi che vanno oltre la singola seduta. Eccezione a questa regola si pu rilevare nello Psicodramma, che verr analizzato nel successivo capitolo. Un processo comune alla psicoterapia di gruppo l'apprendimento interpersonale, che avviene tramite feedback da parte degli altri ma non viene messo in atto quasi mai perchfare commenti ai

contributi di un membro del gruppo, giudicandolo, pu avere effetti negativi e ad ogni modo non necessariamente terapeutico.

1.8 Il ruolo del facilitatore


Il Facilitatore la persona che si mette a disposizione del gruppo e contribuisce, attraverso le sue capacit personali o professionali, a promuoverne il buon funzionamento. Nella realt italiana il 91% dei GAMA per il disagio mentale utilizza un facilitatore, (Focardi et al. 2006). La percentuale simile per la depressione e i disturbi d'ansia, scende al 70% per i disturbi alimentari. Questo dato pu essere interpretato come un indice sia della necessit, per questo tipo di problematiche di avere un sostegno che della diffusione di una modalit di auto-aiuto con caratteristiche omogenee grazie all'influenza dei servizi socio-sanitari nella loro fondazione. 1.8.1 Funzioni del Facilitatore Nelle fasi di crescita e assestamento del gruppo il facilitatore ha il delicato ruolo di guidare la discussione promuovendo un ambiente empatico, l'assenza di questi presupposti condurrebbe il gruppo al fallimento. Cura allinterno del gruppo laccoglienza dei nuovi partecipanti, mantiene i contatti con i membri che stanno vivendo un momento difficile o che non presenziano alle riunioni pur essendo ancora parte del gruppo. Questa responsabilit verso i singoli si riflette anche in una responsabilit verso il gruppo, soprattutto nei momenti critici e di disgregazione. Solitamente il facilitatore ha anche delle responsabilit organizzative rispetto al gruppo, ad esempio per quanto riguarda la gestione dello spazio in cui ci si incontra. Egli promuove il contatto con altri gruppi AMA e la Comunit in generale, partecipando a riunioni e incentivando attivit di scambio. Non deve assicurarsi solo che le regole riguardanti gli orari, i temi trattati e la modalit di espressione siano rispettate ma che anche i principi di rispetto, reciprocit e fiducia siano mantenuti. Inoltre promuove le potenzialit del gruppo, comportamenti, pensieri, emozioni, sentimenti comuni che rafforzino la reciprocit, con l'obiettivo che essi diventino parte dell'identit dei membri e della squadra stessa. Al contempo sta al facilitatore il compito di garantire l'espressione di opinioni

discordanti e differenze interne al gruppo, non solo col fine di arricchire il gruppo, ma anche di evitare il pi possibile che le persone si auto-escludano. Lemergere di un conflitto la concretizzazione delle differenze esistenti, l'opportunit per riflettere sulle relazioni di gruppo e sui propri modi di essere. Il conflitto non deve riguardare l'individuo: la critica non va diretta alla persona perch si perderebbe la visione di gruppo e la persona si sentirebbe giudicata negativamente in quanto tale. Una guida per facilitatori (Steinberg 2002) parte dal presupposto che un conflitto non comporti solo rischi per la divisione del gruppo ma sia opportunit di arricchimento. L'opportunit di esprimere sentimenti negativi liberamente evita che questi si mantengano in maniera latente, favorendo la frammentazione del gruppo, l'assenteismo e infine l'abbandono. Tutte queste caratteristiche presuppongono che il facilitatore conosca la filosofia del mutuo aiuto ed abbia esperienze di dinamiche di gruppo per conoscenza diretta o tramite una formazione di qualche tipo. Pertanto in molti gruppi il ruolo del facilitatore sar assegnato al membro con maggiore esperienza. E' comunque auspicabile che il facilitatore si senta sempre in formazione e colga le occasioni per migliorarsi. In termini di capacit interpersonali il facilitatore spesso un modello dei comportamenti desiderabili nel gruppo, dimostrando capacit di ascolto riflessivo e di rinforzo dei comportamenti appropriati, rispetto, empatia. 1.8.2 Le difficolt del facilitatore Il ruolo di regia del facilitatore lo pone in una condizione differente rispetto agli altri membri. Nel ruolo del facilitatore si attiva la gi nominata 'helper therapy' ma rinforzata dal fatto che vi un ruolo riconosciuto dagli altri. Se la responsabilit assegnata continuativamente alla stessa persona sar pi facile che il ruolo diventi parte dell'identit della persona. Nella concettualizzazione originale (Riessmann, 1965) rimane per un equilibrio, che nella realt non sempre garantito, tra il supporto offerto e quello ricevuto. La necessit di fare attenzione alle dinamiche di gruppo, al rispetto delle regole rendono pi difficile per il facilitatore avere l'opportunit di raccontarsi agli altri con spontaneit, di essere apprezzato per i propri cambiamenti e di sperimentare gli altri benefici descritti in precedenza.

C' anche il rischio che il suo senso di responsabilit lo porti ad assumere un ruolo maggiormente direttivo e paternalistico verso i membri. Infine le numerose responsabilit possono portare ad un eccesso di deleghe nei confronti del facilitatore e alla relativa riduzione del senso di appartenenza da parte degli altri membri. Pertanto in alcuni casi questo ruolo viene svolto a turni. Si potrebbe supporre che se il ruolo del facilitatore condiviso tra tutti i membri, siano condivisi o frazionati quegli effetti benefici derivati da esso invece uno studio sulle caratteristiche organizzative e le sue conseguenze sul benessere percepito (Maton 1988) indica che nei gruppi in cui il facilitatore fisso vi una minore soddisfazione sia per chi riceve che per chi d l0aiuto Pur non essendo stata chiaramente stabilita la causa probabilmente la differenziazione dei ruoli promuova un maggior senso di appartenenza ed efficacia tra tutti i membri mentre l'eccesso di responsabilit diviene una fonte significativa di stress per il facilitatore. Il frazionamento dei ruoli non una scelta priva di lati negativi perch questo ruolo fa la differenza all'interno del gruppo. La sua abilit ha conseguenze sul senso di efficacia e il livello di soddisfazione dei singoli partecipanti (Maton 1988). Oltre alle capacit gi elencate stato valutato come efficace il facilitatore in grado di concettualizzare comportamenti ed idee dandogli un'interpretazione e indicando alle persone la via per il cambiamento (Antze 1976). Va per evidenziato che questa qualit ha maggiore rilevanza per i gruppi in cui questi ha una funzione tipicamente direttiva come in AA.

1.9 Efficacia e Criticit dei Gruppi AMA


Saranno di seguito esaminati i principali studi riguardanti l'efficacia dei GAMA, quindi saranno affrontate alcune delle criticit riguardanti dinamiche interne ai gruppi. 1.9.1 Efficacia dei Gruppi AMA La ricerca sull'efficacia sui gruppi di auto-aiuto si da sempre focalizzata su caratteristiche strutturali (Kurtz 1997). Questo dipende da difficolt metodologiche come l'assenza di dati sui membri e la necessit di garantire riservatezza, che rendono difficile la raccolta dati (Kurtz 1990). Le caratteristiche molto variabili dei gruppi fanno s che sia pi difficile estendere i risultati di una ricerca a tutti i gruppi di auto-aiuto. Molti studi qualitativi si focalizzano sulla narrazione in prima persona dei cambiamenti percepiti ma non sono in grado di valutare miglioramenti quali la riduzione di sintomi ed ospedalizzazioni (Pistrang & Barkner 2008).

Per valutare gli effetti benefici di un Gruppo di auto-aiuto necessario assumere un criterio pluralista ad esempio basando gli studi non solo su ci che riportano i membri come benefico ma anche con i fattori correlati a miglioramenti sul piano clinico (Cheung & Sun 2001). Uno studio longitudinale ha indicato miglioramento in termini di sintomi psicologici ed adattamento sociale su un periodo di un anno ma mentre chi offriva supporto migliorava il proprio funzionamento, chi lo riceveva lo migliorava solo se il grado di coesione col gruppo era elevato (Roberts et Al 1999). In una comparazione tra membri esperti, nuovi arrivati e controlli, vi era un maggior benessere percepito da parte dei membri esperti, un minor uso di psicofarmaci e uno stress ridotto (Galanter 1988) ma si tratta di affermazioni dei pazienti rispetto al loro passato e non di dati longitudinali e pu quindi esservi un bias rispetto alla modalit con cui ci si osserva in retrospettiva. In uno studio sui gruppi per depressione e ansia valutazioni cliniche e reports di pazienti dimostravano un miglioramento pari a quello di un terapia diretta da un professionista (Bright, Baker & Neimeyer 1999). Questi sono gli unici studi che riguardino l'efficacia dei gruppi di auto-aiuto in quanto trattamento in ambito psichiatrico. Nei gruppi di questi studi i professionisti non partecipano alle riunioni ma hanno al massimo un ruolo di consulenza occasionale. Se si includono ricerche sui gruppi di auto-aiuto con presenza di professionisti e ricerche in cui il gruppo non l'unico trattamento fornito come nella recensione a scopo divulgativo di Kyrouz & Humpreys (1997), il quadro si amplia. L'82% dei partecipanti ad un gruppo per i disordini affettivi hanno affermato di fronteggiare meglio la malattia da quando erano entrati nel gruppo. Pi lunga era la frequenza, migliori erano i risultati (Kurtz 1988). La partecipazione ai gruppi di auto-aiuto viene correlata ad un'ospedalizzazione pi breve (Edmundson, Bedell, Archer, & Gordon 1982) ma nel caso in esame, pi che un esempio di selfhelp pi facilmente definibile come un uso efficace di non professionisti da parte di un servizio sociale di professionisti (Humphreys & Rappaport 1994). Una ricerca su 31 membri del Gruppo GROW indica un ricovero per un tempo inferiore rispetto ad una popolazione simile. Inoltre i membri affermavano accresciuta autostima, accettazione dei problemi, senso di spiritualit e una riduzione dell'ansia esistenziale (Kennedy 1990).

All'interno del gruppo per ex-pazienti psichiatrici Recovery Inc., membri intensivamente coinvolti non riportavano un'ansia superiore alla media della popolazione generale ed erano abbastanza soddisfatti della loro condizione di salute. Per i membri con una partecipazione inferiore a 2 anni vi erano comunque effetti benefici ma inferiori (Raiff 1984). A livello italiano i progressi maggiori nella ricerca sui Gruppi AMA riguardano l'elaborazione del questionario sulla Valutazione dei Gruppi AMA, il VAMA (Gigantesco, Bertoldi, Mosna, Mirabella & Morosini 2004), molto semplice in termini di compilazione ma, perlomeno per quanto riguarda la parte dedicata alla persona, soggettivo e limitato ad un'esplorazione meramente qualitativa. Ad ogni modo uno dei primi tentativi a livello internazionale di analizzare la funzionalit dei GAMA. Queste valutazioni generali sull'efficacia, pur offrendo un riferimento generale non indicano quali persone possono beneficiare maggiormente da certi tipi di gruppi. Uno dei fattori determinanti l'efficacia di un percorso all'interno di un gruppo di auto-aiuto la frequentazione, in particolare per coloro che stanno affrontando una dipendenza (Luke, Roberts & Rappaport 1993). La frequentazione anche una delle criticit maggiori percepite dai membri del gruppo (Focardi et al. 2006). Abbastanza comunemente alcune persone partecipano ad 1-2 incontri e poi decidono di non tornare pi. Questo dipende dalla somiglianza percepita tra la persona e gli altri partecipanti. Come in ogni forma di gruppo i membri tendono a somigliarsi non solo per il problema condiviso ma per un processo di selezione naturale che porta all'esclusione di coloro che si sentono fuori posto (Antze 1976). Le persone che pi probabilmente continueranno a frequentare un gruppo di auto-aiuto per il disagio mentale dopo i primi incontri sono quelli non sposati, con un buon grado di scolarizzazione ma un livello basso di funzionamento sociale e capacit interpersonali (Luke et al. 1993). L'alto livello di abbandono rende questi gruppi una realt insufficiente per garantire opportunit di supporto tra membri e per questo non deve essere visto come una panacea ma come un potenziale strumento di integrazione sociale (Davidson et al. 1999). 1.9.2 Criticit dei Gruppi AMA Accentrare la terapia nel racconto di s stessi non cautela dalla possibilit che una persona utilizzi i gruppi di auto-aiuto per confermare un'identit che non gli appartiene, per ripetere a s stesso e agli altri delle storie non vere. Le persone istituzionalizzate che soffrono di disagio mentale, tendono a

credere vicendevolmente a racconti che stanno a met tra fantasie e fatti (Goffman 1961:153). I Gruppi di auto-aiuto non offrono una particolare metodologia per aiutare la persona d effettuare un esame della realt, prendere atto della propria maschera e a superarla perch non possibile mettere in discussione ci che la persona confessa di s. L'obiettivo dei gruppi di auto-aiuto aiutare il partecipante a migliorare la condizione rispetto al disagio pertanto come stato indicato nelle regole la persona spinta a parlare di s, non di come potrebbe migliorare la propria situazione familiare. Ci permette al membro di responsabilizzarsi e di non utilizzare il GAMA come un luogo in cui possa colpevolizzare gli altri e mantenere l'attuale condizione. D'altro canto, se il proprio malessere legato al proprio contesto concentrandosi sul sintomo la persona pu essere portata ad ignorare ci che vi sta alle spalle e rinviare cambiamenti pi significativi nella propria vita. Il principio di universalit, ritenuto fondamentale perch si formi un legame tra i membri, diventa anche il principale limite del paradigma AMA. Se i componenti trovassero altre parti in comune oltre al sintomo potrebbero sviluppare riflessioni pi profonde rispetto a loro stessi e alla loro condizione. Nella pratica questo pu avvenire, ma non previsto dalle regole dei Gruppi. Il gruppo pu sviluppare una dipendenza nei membri, visto che l'atto di confessarsi agli altri e di aprirsi emotivamente comporta forti legami per i membri del gruppo, un patto di segretezza comune che non pu formarsi quando le presenze sono molto labili. D'altra parte, come fa notare coloritamente Loiacono (2000:211) si tratta di una dipendenza ipotetica che riguarda l'1-2 % della vita di una persona che paragonata a tutto il tempo che viene utilizzato per guardare la televisione molto ridotto. Avere a che fare con persone simili in un ambiente protetto riduce il livello di complessit sociale e pu essere per alcuni una serenit difficile da abbandonare. Inoltre la struttura organizzativa del gruppo fa un forte affidamento sui membri pi esperti per il loro passato e il loro potenziale di aiuto rispetto agli altri. Non esiste infatti in generale nei gruppi di auto-aiuto una forma di promozione della persona, una modalit per giudicare che il suo percorso nel gruppo finito e la persona pu virtualmente rimanere nel gruppo per tutta la sua vita. Che cos' d'altra parte un gruppo efficace? E' un gruppo che dopo un percorso diviene superfluo per i suoi membri oppure un gruppo che comporta una responsabilit crescente per la persona fino a divenire vincolante?

I GAMA possono limitare le opportunit di risocializzazione alla sola relazione con i propri simili, confinando la persona tra i suoi simili. Naturalmente questa considerazione va rapportata al grado di funzionamento sociale della persona e alle sue realistiche possibilit di crescita. Per alcuni il GAMA pu essere una sfida gi molto impegnativa ed esservi parte attiva un ottimo risultato ed ipoteticamente il grado di sviluppo delle capacit sociali a cui essi conducono pi essere uno stimolo per cercare la socializzazione anche in altri ambiti. Pertanto ancora da stabilire se la socializzazione a cui concorrono i gruppi di auto-aiuto sia un fattore rinforzante od ostacolante l'opportunit di integrarsi in altri contesti sociali ma la tendenza delle persone affette da stigma ad unirsi in piccoli gruppi sociali venne constatata gi da Goffman (1963:23) perch essi offrono la possibilit di ricevere comprensione per la propria situazione. Si sottolineato come i gruppi si propongano di lottare contro lo stigma, ma alcuni ricercatori temono che l'adesione ad essi possa invece essere fonte di un etichettamento negativo perch associando l'identit della persona al proprio problema lo si mantiene nel ruolo di diverso e malato (Zola 1993) e vi tutta una serie di tratti socialmente negativi comunemente associati alla malattia: debolezza, mancanza di aiuto, dipendenza, regresso, anormalit e svalutazione di ogni modalit di funzionamento fisico e mentale. L'azione di gruppo pu consentir una maggiore visibilit sociale ma rimarr un'azione compiuta da parte di malati, non da parte di persone. Ulteriori considerazioni sugli effetti dei gruppi di auto-aiuto saranno introdotte nella parte finale del terzo capitolo.

2. La Catarsi
In questa panoramica si considereranno gli assunti tuttora diffusi nel pensiero popolare sugli effetti benefici della catarsi. La psicanalisi, le psicoterapie sviluppatesi nel secondo dopoguerra saranno prese in esame e l'excursus storico si concluder con le valutazioni attuali, in ambito psicologico, sulla catarsi. La ricerca si soffermer quindi sulle principali tipologie di espressione emotiva associate alla catarsi: il pianto, la rabbia ma anche la risata e offrir i risultati a cui la ricerca psicobiologica giunta nel valutare le conseguenze sulla salute di queste modalit espressive. Considerazioni pi generali sull'efficacia della catarsi in psicoterapia saranno quindi fonte di riflessione e permetteranno di valutare l'approccio del Metodo alla Salute con un maggior numero di elementi. Si volutamente scelto di non riportare una definizione della catarsi fin dall'inizio. Questo perch il fenomeno ha una storia antichissima e la sua concezione si modificata nel tempo.

2.1 Breve Storia della Catarsi


2.1.1 La Catarsi prima dell'era moderna La parola catarsi deriva dal greco kathairein che significa purgazione, espulsione di fluidi superflui e disgustosi, un'attribuzione che si mantenne anche nel corso del Medioevo. Fu Aristotele a sviluppare, a partire da questa definizione medica, il concetto di Catarsi come purga delle emozioni (Belfiore 1992). Nelle Poetiche egli sostiene che lo spettatore di un'opera drammatica viva con coinvolgimento ed al contempo piacevole distacco ci che succede sul palcoscenico, perch pur condividendo le passioni che la maschera esprime in maniera iperbolica, esse non lo riguardano. Il filosofo, confutando un giudizio di Platone sulla poesia come spinta a comportamenti incontrollati, defin la rappresentazione artistica piuttosto un ambito in cui isolare e contenere le emozioni, evitando che il caos invada la vita quotidiana. La purga e pulizia di s stessi un concetto saliente di molte religioni nella cui interpretazione i comportamenti innaturali sono conseguenza di una possessione da parte di uno spirito, che va esorcizzato in una cerimonia rituale estremamente catartica. Anche la confessione di un peccato, soprattutto nella religione cattolica, considerata una guarigione dell'anima e l'espressione delle proprie emozioni tramite la confessione ad un prete pu avere un effetto catartico.

L'idea della catarsi come espiazione dei propri peccati si ritrova nella Divina Commedia: Dante sviene ripetutamente perch ritiene che i peccati da lui descritti siano presenti dentro di lui in maniera minore o maggiore, come evidente nel Canto di Paolo e Francesca. 2.1.2 Josef Breuer e Anna O. Fu il medico Josef Breuer, con il suo lavoro terapeutico assieme alla paziente Bertha Pappenheim (meglio conosciuta come Anna O.) a descrivere il racconto emotivo di se stessi come metodo terapeutico. Bertha soffriva di uno spettro di sintomi tra i quali afasia, a tratti parlava solo inglese e francese, ma comprendeva il tedesco, progressiva paralisi degli arti, disturbi dell'umore ed amnesia. L'esordio della sua problematica si era verificato nel 1880 mentre si trovava al capezzale del padre malato, quando venne assalita da allucinazioni ed un forte stato di ansia. Breuer, il medico di famiglia, cominci a trattarla con ipnosi incoraggiandola a raccontare delle storie e questo provocava dei miglioramenti nella sintomatologia malgrado la sua condizione generale continuasse ad aggravarsi. La morte del padre, pochi mesi dopo, la rese completamente rigida e non mangi per giorni, tanto che fu ricoverata in un sanatorio. Una volta dimessa, sei mesi pi tardi, continu ad essere trattata fino al 1882 quando il medico la invi ad una clinica privata. Dal primo resoconto, redatto lo stesso anno risulta che Berta durante i primi mesi raccontava favole di sua invenzione, in seguito cominci a drammatizzare le sue allucinazioni e solo da met del 1881 la cura del racconto, cos fu soprannominata da Breuer, si focalizz sulle sue memorie (BorchJacobsen,1996) ciononostante l'effetto curativo era il medesimo in tutte le condizioni. In altre situazioni Bertha richiedeva a Breuer di tenergli la mano oppure di pregarla perch lei cominciasse a raccontare le sue storie purgative, come se vi fosse una contrattazione tra sintomi espressi e concessioni del medico. Queste storie vennero inizialmente descritte da Breuer come capricci e fantasie, piuttosto che reminiscenze o memorie, come vennero definite in seguito. E' alquanto probabile che i miglioramenti fossero principalmente effetto dell'auto-suggestione e di un patto inconsapevole tra medico e paziente. 2.1.3 La catarsi come concetto psicoanalitico Negli stessi anni Charcot compiva i suoi famosi esperimenti su donne isteriche, ipnotizzandole di fronte ai suoi studenti e indicando in un trauma precedente la causa del loro grondare di inspiegabili sintomi. Fra i suoi allievi, nel 1885, sedeva Sigmund Freud.

Il neurologo viennese rimase profondamente colpito dalla teoria di Charcot e cominci a svilupparla ulteriormente a partire dal lavoro del suo collega Breuer. Nel 1895 i due pubblicano il libro Sulla Teoria dell'attacco isterico in cui l'esperienza terapeutica di Anna O. venne riletta alla luce delle teorie di Charcot. Breuer riport in questo lavoro che i sintomi di Bertha si intensificavano per poi scomparire per sempre una volta che veniva scoperto quando si erano verificati la prima volta. La terapia si concluse quando la donna trov tra le sue reminiscenze l'allucinazione di un serpente nero, che aveva vissuto durante i giorni in cui suo padre era a letto malato. Riprese a parlare normalmente tedesco e si ritrov libera da tutti i sintomi. Ciononostante la storia ci dice che venne ricoverata in una clinica privata ripetutamente negli anni successivi fino a quando, ristabilitasi, cominci una vita da femminista impegnata. I primi pazienti che Freud prese in cura riportavano tutti quanti delle problematiche fisiche come difficolt di espressione, allucinazioni olfattorie, prolungati dolori alle gambe. Egli diagnostic per tutti una forma di isteria e cominci ad indagare nel loro passato per scoprire quale evento traumatico avesse comportato questi sintomi. La sua tecnica, che inizialmente consisteva nel premere le mani sulla fronte dei pazienti e lasciarli esprimere pensieri si svilupp in seguito e si fond maggiormente sull'esplorazione dei loro traumi pregressi, basandosi sulla tecnica di Breuer. Secondo il fondatore della psicanalisi un vissuto affettivo negativo rimane nella memoria se la reazione, volontaria od involontaria, viene repressa; in tal caso la persona otterrebbe una liberazione solo se si esprimesse adeguatamente, ad esempio vendicandosi. Ma la parola un sostituto dell'azione e il vissuto affettivo viene ab-reagito (reagito a distanza). Freud defin abreazione il rinvenire delle emozioni nei propri ricordi e catarsi il conseguente processo di espressione corporea, involontaria ed istintiva (Powell 2007). L'utilizzo del concetto non era nuovo nella Vienna dell'epoca e oltre un centinaio di pubblicazioni sul tema erano gi diffuse; l'originalit stava nella ricerca sistematica di memorie del passato per spiegare una condizione patologica presente. Come i successivi fautori della corrente psicanalitica sottolineano il concetto di abreazione non va sovrapposto a quello di flashback o ai ricordi vividi perch la loro natura spontanea e prettamente inconscia non consente la liberazione emotiva caratteristica dell'abreazione psicoterapeutica e si possono pertanto definire abreazioni secondarie (Van der Hart 1992). Questo metterebbe in dubbio la consistenza di una catarsi suscitata dall'osservazione di un'altra persona.

Ricapitolando, Freud ipotizz che vi fosse un'energia psichica che reprimesse le memorie traumatiche generando dei complessi e che la catarsi fosse un modo di liberarla. I pazienti acquisivano cos un insight, una comprensione intuitiva sulla propria condizione interiore e questa era accompagnata da un grande sollievo. I traumi pi significativi originavano dai primi anni di vita e coinvolgevano pertanto il nucleo familiare. Si svilupp verso la famiglia un processo di attribuzione di colpa di cui troviamo traccia, come gi visto, anche nell'approccio anti-psichiatrico. La visione di Freud sulle emozioni chiamata modello idraulico, un analogia per descrivere come lo stress emozionale scorra nella persona come un liquido, un energia che si pu accumulare. Il modello idraulico assimilato anche alla libido, la pulsione che porta l'individuo a perseguire il piacere o il sollievo da un bisogno attraverso un comportamento appagante. Questa spiegazione stata applicata nella psicologia behaviorista e definisce la motivazione come un rilascio della tensione (Lorenz & Leyhausen 1973). Questa liberazione di energia non per associata ad uno specifico comportamento n costituisce di per s la motivazione. Il modello idraulico pu essere associato solo ad una visione soggettiva, ideologica della motivazione che pu di per s influenzare emozioni e comportamenti. Secondo Freud l'accumulo di libido inappagato conduce ben presto alla ricerca di altre fonti di soddisfacimento come la sublimazione o a sintomi debilitanti di origine isterica. Pur ritenendo, al pari di altri approcci catartici, che i disordini psicologici derivassero dall'inibizione la psicanalisi freudiana non stimava che le emozioni si potessero immagazzinare per anni, n che fosse l'espressione delle emozioni la parte determinante dell'abreazione. Egli cominci a paventare che con l'utilizzo della catarsi il paziente si concentrasse sullo sfogo senza avere l'opportunit di comprendere lo sviluppo dei meccanismi di difesa e delle modalit di pensiero. Nondimeno conducendo ad un sollievo dai sintomi, priva il paziente della motivazione di continuare l'ardua ma necessaria esplorazione delle cause, della storia e del significato dei suoi sintomi nevrotici (Nichols & Zax 1977:36). Perci man mano Freud si indirizz verso una forma di terapia meno legata all'espressione e pi focalizzata su di una rielaborazione graduale degli elementi pi dissonanti concentrandosi sui cambiamenti a lungo termine dei pazienti piuttosto che sull'eliminazione progressiva di sintomi. Non esistono ricerche o case studies che dimostrino egli abbia mai raggiunto questi risultati. Ciononostante continu a considerare il metodo catartico come il nucleo della psicanalisi (Dewey 2008).

2.1.4 Lo Psicodramma e l'avvento delle terapie di gruppo La psicanalisi rimase per lungo tempo una pratica dedicata a persone di classe medio-alta e non si diffuse nella popolazione. Fu negli anni '50, nel periodo della de-istituzionalizzazione statunitense e dello sviluppo delle Comunit su stampo Northfield che essa si diffuse fortemente (Singer & Lalich 1998) accanto alle neonate terapie di gruppo. Il loro iniziatore fu Jacob Moreno che si proponeva di aiutare i partecipanti ad esplorare i propri conflitti interni attraverso lo psicodramma, la messa in scena di memorie passate, sogni, paure. Sono aperti a persone con problematiche diverse, vengono condotti da un regista e si dividono in tre fasi: riscaldamento, drammatizzazione, condivisione di ci che avvenuto durante la messa in atto. Vi sono alcune peculiarit rispetto alle psicoterapie di gruppo: l'unit di base dell'intervento terapeutico la singola seduta, i membri non interagiscono sulla base di una relazione genuina focalizzata sul qui ed ora ma vivono un'imitazione terapeutica della vita per comprendere meglio le loro esperienze private (Nichols & Zax 1977:75). Tipicamente il gruppo comincia con una piccola discussione che permette di focalizzarsi su un problema, quindi il regista comincia a lavorare con una persona. Oltre ad una grande familiarit con la teoria e le tecniche ideate da Moreno questi deve avere delle buone capacit drammatiche perch il suo ruolo fluttua durante la seduta dall'essere passivo, direttivo o provocativo. Egli deve cercare di suscitare la raffigurazione di scene dolorose ed essere pronto a sopportare l''ansia dei partecipanti (Nichols & Zax 1977:77). Tra le tecniche classiche usate dallo psicodrammaturgo vi sono lo scambio di ruoli, in cui si diventa un proprio familiare; il doppio e lo specchio nei quali si cerca di recitare un altro partecipante, il monologo con se stessi. Gran parte del trattamento incentrato sul protagonista mentre gli altri partecipanti fungono da agenti terapeutici ausiliari per facilitare la drammatizzazione di diversi aspetti della vita del protagonista. Il loro ruolo all'interno della seduta dipende dai problemi portati dal protagonista e non dalle loro problematiche personali. Questi ruoli possono virtualmente consentire loro di acquisire una maggiore consapevolezza, sebbene questo non sia un obiettivo esplicito della terapia. Solo la parte finale della sessione coinvolge attivamente anche gli altri membri ma osservare l'altra persona pu essere particolarmente coinvolgente (Gail 1995).

L'intento dello psicodramma risvegliare la spontaneit dei partecipanti in modo che essi sviluppino idee nuove e creative per affrontare antichi problemi. La creativit era centrale nella concezione di Moreno perch sottendeva una psicoterapia che non era orientata alla risoluzione di problemi statici ma alla promozione delle capacit adattive del paziente. La spontaneit suscitata nei partecipanti dall'improvvisazione relazionale necessaria per aumentare la lorocreativit. Lo sfogo di emozioni non va raggiunto a discapito della spontaneit poich prescrivere ad un paziente di esternare le proprie emozioni pu portare ad un'espressivit artificiosa (Nichols & Zax 1977:75). Il coinvolgimento che lo psicodramma comportava era molto pi forte del semplice parlare di un problema, al contempo per il contesto rimaneva giocoso e i partecipanti non dovevano temere le conseguenze di ci che accadeva durante la seduta. La drammatizzazione rispondeva anche ad una necessit di sublimare i propri bisogni e le proprie sofferenze esprimendole in una maniera pi completa ed efficace della semplice verbalizzazione. L'uso della parola era di conseguenza accompagnato dall'uso del corpo e della comunicazione nonverbale vista la loro importanza nel determinare gli atteggiamenti e i sentimenti delle persone. La partecipazione alle dinamiche di uno psicodramma ha delle ricadute anche in termini di comprensione della condizione degli altri ed empatia. La tecnica dello scambio di ruoli fa comprendere che possibile, anche nella vita quotidiana mettersi nei panni degli altri e che anzi una necessit. Inoltre tutte le dinamiche che intercorrono tra le persone sono facilmente descrivibili in un linguaggio semplice e la loro comprensione non esclusiva dei professionisti. Il coinvolgimento delle persone non si limitava ad un livello sociale, psicologico o corporeo ma aveva secondo Moreno anche degli elementi spirituali perch consentiva alle persone di creare un'eccedenza di realt in cui poter sperimentare interazioni inedite con il proprio passato, presente o con il trascendente. Le storie sviluppate all'interno del gruppo divenivano vere e proprie narrative, strumenti per comprendere e dare significato anche simbolico e metaforico alle proprie esperienze di vita (Blatner 1998). Per Moreno la catarsi era una fase necessaria della comprensione dei propri conflitti perch permetteva di riunire le parti inconsce e consce della psiche nella maniera pi efficace (Powell 2007). Egli riteneva che nello psicodramma fossero coinvolti quattro tipi di catarsi: somatica, mentale, individuale e di gruppo. La catarsi somatica la riconquista dell'espressivit corporea, ottenuta in seguito ad uno sfogo catartico (Nichols & Zax 1977:74).

Una meta-analisi di 25 studi sperimentali (Kipper & Ritchie 2003) sulle tecniche dello psicodramma ha indicato un'efficacia superiore alla media delle terapie di gruppo, in particolare per le tecniche di scambio di ruoli e il doppio. Lo scambio di ruoli comporta una disinibizione perch permette un distanziamento psicologico dal proprio vissuto ed correlato ad un cambiamento delle proprie attitudini. Il doppio facilita una maggiore empatia verso gli altri. Ciononostante un'altra review afferma che allo stato attuale il livello di evidenze non adeguato per indicare un'efficienza in termini di costi per i disagi psichici trattati con altre modalit (Rawlinson in Kipper & Ritchie 2003:14) In comparazione con una semplice attivit di intrattenimento lo psicodramma si rivelato pi coinvolgente per dei pazienti psichiatrici e proficuo in termini di miglioramento dei sintomi e nel raggiungimento degli obiettivi terapeutici individuali (Bender et al 1979). Combinata con gli psicofarmaci la terapia dello psicodramma si rivelata utile per i pazienti con schizofrenia cronica nella riduzione dei sintomi negativi come anedonia e scarsa motivazione, ridurre i comportamenti regressivi, migliorare le relazioni interpersonali e il grado di adattamento a situazioni sociali (Qu, Li & Xiao 2000). 2.1.5 Lo Human Potential Movement e gli studi sulla catarsi Lo storico Cushman (1990) descrive un processo di svuotamento del S nella popolazione americana dovuto a diversi fattori: lo sradicamento da strutture sociali tradizionali come la famiglia o la comunit, la relativa penuria di una rete sociale significativa e la competizione tra individui nel perseguire non solo migliori performance, ma il tipo di personalit pi adatta alla societ capitalistica; questo ha condotto ad uno sviluppo di letteratura e programmi di self-help individuale ma ancor di pi all'espandersi della psicoterapia. La psicoterapia si associa secondo Cushman al consumismo pubblicitario come risposta culturale al vuoto del S come maniera di colmare una fame emotiva indifferenziata. Carl Rogers modific la psicoterapia per come era stata sviluppata in Europa per adattarla alla mentalit statunitense. Era necessario enfatizzare l'individualit della persona e fornire i mezzi per far sentire le persone completamente realizzate. Fu uno degli iniziatori dell'Human Potential Movement, una corrente culturale che si svilupp negli Stati Uniti a partire dagli anni sessanta ma il cui stile plasma tuttora la cultura popolare statunitense. All'interno di questa cornice la catarsi venne letta come un processo naturale di eliminazione dell'eccesso di stress dovuto all'insoddisfazione dei propri bisogni. Questo stress pu condurre a

comportamenti maladattivi tali da comportare l'isolamento della persona e la catarsi pertanto necessaria a generare le condizioni per la guarigione e la crescita. Il contributo di questo approccio stato di analizzare il processo catartico e offrire alcune spiegazioni sui sentimenti che essa suscita. Heider scompone la catarsi in cinque fasi: la costruzione del momento catartico che dipende da fattori cognitivi, memorie, relazioni; la catarsi vera e propria; un picco transitorio di sensazione estatica; una fase depressiva conseguente; un processo di normalizzazione ma con la creazione dei fondamenti per un cambiamento (Kettles 1995:77). Heider indovin che qualcuno avrebbe potuto continuare a ricercare le sensazioni date dalla catarsi senza perseguire la possibilit di cambiamento. E' quindi chiaro che la catarsi pu essere considerata molto piacevole e far sentire la persona sollevata, facendole credere di essersi liberata delle proprie emozioni represse, ma l'utilizzo terapeutico di questa pratica un'altra questione. 2.1.6 Alexander Lowen e la Bioenergetica La scarsit di fondi statali per l'assistenza sociale e la sanit negli USA condusse allo sviluppo di psicoterapie private, in competizione tra di loro, contribuendo cos alla proliferazione delle teorie e degli approcci terapeutici senza che vi fosse un ente di controllo su di essi. Negli anni settanta si assistette ad un prosperare di approcci catartici la cui cornice era prettamentemente freudiana ma con una forte enfasi sul rischio di accumulo emotivo, spesso utilizzando spiegazioni semplicisitiche, ad esempio il trauma della nascita come causa fondante di ogni complesso, l'eccesso di stimolazioni all'origine della mancanza di sentimenti, la cultura come ostacolo alla vita emotiva. Tra i sostenitori di quest'idea vi era Alexander Lowen, uno psichiatra, ex-paziente e discepolo di Wilhelm Reich, a sua volta allievo di Freud. Reich si dedic alla psicanalisi e alla scrittura di saggi fino agli anni trenta quando cominci a sviluppare un suo personale approccio psicoterapeutico: la vegetoterapia. Una delle tematiche centrali della sua teoria era che il sesso avesse la funzione di liberare energia che altrimenti avrebbe provocato sintomi nevrotici. Nella sua concezione non solo i sintomi patologici ma la personalit in generale aveva origini nevrotiche. La repressione della cultura borghese portava i bambini a ridurre la loro espressivit. sviluppando fin dai primi anni di vita una vera e propria corazza corporea, riscontrabile da rigidit di muscoli ed organi.

Reich non si relazionava ai pazienti secondo il classico approccio psicanalitico neutrale ma chiedeva loro di spogliarsi e li toccava in modo da sondare e quindi abbattere le loro rigidit fisiche e conseguentemente caratteriali. L'obiettivo della seduta, incentrata sull'espressione intensa di emozioni era che il corpo dei pazienti fosse percorso da onde di piacere, il supposto riflesso orgasmico, che avrebbe comportato anche il ricordo di esperienze repressive infantili. A tutt'oggi una caratterizzazione del genere farebbe dubitare sulla professionalit di un terapeuta simile, soprattutto considerato che lo psichiatra ebbe una relazione con una delle sue pazienti entrata in terapia con l'intento di sedurlo. Nel corso della sua vita Reich sostenne altre stravaganti idee quali la scoperta della cellula che provocava il cancro e dell'orgone, una potenza che permeava i corpi e l'atmosfera e si poteva controllare tramite appositi macchinari. La sua vita si concluse in un carcere degli Stati Uniti. Alexander Lowen, pur essendosi avvicinato alla psichiatria non giovanissimo principalmente perch interessato all'approccio di Reich (Lowen 1985:181), non ne segu la deriva e svilupp l'Analisi Bioenergetica, un approccio di psicoterapia individuale o di gruppo orientato sul corpo. Consiste essenzialmente in uno sviluppo della vegetoterapia e come questa riconosce l'importanza della parte analitica visto che i meccanismi di difesa richiedono strategie complesse per la loro dissoluzione e non una semplice rottura (Nichols & Zax 1977:107).Egli condivideva con Reich l'idea che le emozioni si potessero immagazzinare nel corpo e formarvi delle rigidit ma le sue tecniche catartiche avevano uno spettro di lavoro pi ampio. Si dedic inizialmente alla descrizione delle strutture caratteriali conseguenti a dei traumi infantili e al relativo aspetto fisico. Il s secondo Lowen comprende la mente ed il corpo in una relazione d'interdipendenza negletta dalla psicanalisi tradizionale. Solo il s pu sentire ed esprimere sentimenti mentre l'Io ha funzione di coscienza, azione e pensiero. S ed Io sono entrambi necessari per la salute mentale, ma la libido va principalmente investita sul corpo o si rischia di investirla narcisisticamente su di un'immagine, negando i sentimenti (Lowen 1985). Facendo riferimento alle teorie di Reich, sostenne che i bisogni basilari sono fisiologici, non psicologici. L'idea viene utilizzata per far risaltare la vulnerabilit dei bambini, ma fortemente riduzionista se si considerano le tribolazioni dell'adolescenza e dell'et adulta (Nichols & Zax, 1977). La ri-approprazione del s il fulcro della Bioenergetica che si sviluppa per esercizi volti a contenere ed esprimere i sentimenti. Nella terminologia dello psichiatra un sentimento avvolge

l'intero corpo, una sensazione localizzata ed un'emozione un movimento di risposta ad uno stimolo che parte dall'interno e culmina in un'azione. Il respiro profondo a cui gli esercizi conducono fornisce l'energia libera per provare emozioni e conduce a volte al presentarsi di sentimenti e memorie represse che vengono elaborate a livello emotivo e cognitivo. Tramite l'insight la persona acquisisce maggiore calma ed integrazione tra s ed io. L'obiettivo della pratica non la semplice risoluzione di problemi ma l'ottenimento di una maggiore vitalit, un termine non meglio specificato, ma che ha dei chiari legami con la potenza orgastica di cui parlava Reich. In uno dei suoi libri pi famosi, Il Narcisismo (Lowen 1985), fa una critica alla cultura attuale eccessivamente concentrata sull'immagine, sulle sensazioni piuttosto che sul corpo e sui sentimenti. Egli definisce irreale il nostro tempo perch le persone inseguono il proprio io, definiscono la loro identit sulla base di ci che consumano, sono iper-stimolati e pertanto non sono in grado di coltivare il desiderio. Il sesso, che Reich definiva fondamentale, per Lowen eccessivamente legittimato, svincolato dal sentimento di amore e pertanto puramente narcisistico. Per ottenerlo le persone, private della propria potenza orgastica che origina dai sentimenti, costruiscono un'immagine seducente di loro stessi rischiando di incorrere continuamente in frustrazione e insoddisfazione. Per spiegare psicologicamente e sociologicamente il fenomeno Lowen fa ricorso a numerose spiegazioni a tratti molto generiche. Per citare un esempio: Quando ero piccolo mia madre mi pizzicava perch stessi fermo e ubbidissi a quello che diceva. Quando ero ragazzo la punizione consisteva nel tenermi in casa e nel non lasciarmi andare a giocare con gli altri ragazzi. Pi tardi mi fece sapere quanto fossi importante per lei. Invece di affermare il potere con la forza, mi rese partecipe del suo dolore e dei suoi dispiaceri. Espresse la speranza che mi sarei preso cura di lei quando sarebbe invecchiata (Lowen 1985:78). Lowen identifica in quest'esperienza abbastanza ordinaria una delle forme di utilizzo del potere in forma seduttiva che risvegliano nel bambino desideri sessuali non soddisfabili verso il genitore del sesso opposto. La lotta con il genitore dello stesso sesso, il timore della castrazione ma soprattutto il desiderio della sua morte sviluppano nel bambino un forte senso di colpa e per questo conducono ad una negazione dei sentimenti sessuali e relativa rinuncia alla potenza orgastica, denotabile da un bacino ristretto.

Meccanismi simili vengono chiamati in causa anche per la negazione di altri sentimenti e modalit di espressione come il pianto o la collera. Le persone che non riescono ad esprimersi in queste modalit o che non le esprimono con abbastanza sentimento sono considerati bisognosi di terapia e la loro condizione pu essere determinata osservando le rigidit muscolari, alle spalle, nella gola, al petto o le caratteristiche del viso come le labbra strette e crudeli. Secondariamente essa utilizza oltre ai gi citati esercizi alcune attivit ideate per suscitare delle catarsi emotive come l'assumere una posizione che faciliti il pianto o lo sfogare la propria rabbia colpendo un divano con una racchetta da tennis. A volte viene chiesto al paziente di verbalizzare durante questi sfoghi o il terapeuta compie dei massaggi per elicitare una risposta somatica. La terapia di Lowen, come quella di Reich, non esclude alcun paziente, ma nel campo della psicosi invita alla prudenza. Lo sfogo della persona schizofrenica non dovrebbe divenire incontrollabile perch avvicinarsi a livelli profondi potenzialmente molto pericoloso. Coloro che non hanno la capacit di riassemblare le proprie difese dopo che si fatto breccia durante la terapia dovrebbero essere esclusi (Nichols & Zax 1977:108). Il lavoro di Lowen ha acquisito una certa fama e i suoi libri sono stati ristampati in Italia diverse volte. E' invece particolarmente difficile trovare testi scientifici o semplici articoli che mettano in discussione l'approccio bioenergetico. Gli unici articoli scientifici provengono dalle Riviste di Bioenergetica stesse. Per certi versi la filosofia di Lowen fa appello, come lui stesso afferma (Lowen, 1985:170) al senso comune: all'idea, discussa nelle prossime sezioni, che non esprimere le emozioni abbia effetti debilitanti e cagionevoli, ma mentre i suoi fondamenti psicoanalitici fanno riferimento ad altri autori, la parte riguardante la terapia completamente autorefenziale. L'approccio della bioenergetica criticabile sotto diversi aspetti: in prima istanza, l'individuazione di una condizione patologica tramite la ricerca di riscontri corporei e fisiognomici risponde ad una logica cosiddetta lombrosiana. Cesare Lombroso nel corso dell'ottocento sostenne che si potesse stabilire la predisposizione alla delinquenza sulla base della forma del cranio delle persone. Con le stesse basi scientifiche, ovvero nulle, Lowen associa supposte rigidit muscolari con repressioni riguardanti l'infanzia. Con questo non si vuole certo affermare che il corpo non risenta di ci che la persona sperimenta durante la sua vita. E' invece fondamentale osservare il corpo della persona, in modo in cui si muove, la sua espressione per comprenderla. Ci che pu invece risultare dannoso assumere un approccio deterministico e rappezzato come quello di Lowen. Cos' infatti la normalit secondo la bioenergetica? Se esiste una vera modalit di esprimere le emozioni mentre le altre sono false, se alcuni eventi conducono irrimediabilmente alla formazione

di un certo tipo di carattere represso e per liberarsene imprescindibile un'abrezione guidata allora vi sar sempre una ragione per essere in terapia. La persona che sta male ed immersa nel suo senso di inadeguatezza si affida al professionista che identifica il problema basandosi sui suoi indiscutibili criteri e persegue il cambiamento, valutato anch'esso secondo i suoi criteri. Si rientra nel dominio degli approcci taglia unica (Singer & Lalich 1998): psicoterapie somministrate privatamente e pertanto volutamente rivolte ad un'ampia utenza, che offrono una soluzione standardizzata e di dubbia efficacia. 2.1.7 I Programmi di confronto: Synanon Un'altra categoria di terapie basate sulla catarsi quella dei confronti di gruppo. Il primo e pi famoso gruppo ad utilizzare questa tecnica stato Synanon che ha dato inizio alla corrente dei cosiddetti gruppi sfogatori, presenti soprattutto in California e ritenuti dallo studioso dell'aggressivit Leonard Berkowitz, un contributo al Sogno Americano, assieme ad Hollywood e Disneyland (Berkowitz cit. Nichols & Zax:187). Il fondatore di Synanon, Charles Dederich, era un ex-AA di Santa Monica riabilitatosi che riteneva la metodologia dei 12 passi inadatta ai tossicodipendenti e per questi ide un programma residenziale privato della durata di 2 anni. La giornata tipo prevedeva due fasi, il Piano e il Gioco. Il Piano consisteva nella vita di comunit e alle persone in trattamento veniva richiesto di dare il meglio in ogni attivit e di ignorare ogni emozione negativa qualora si presentasse alla mente. La seconda parte, ritenuta terapeutica Il Gioco. Durante il Gioco un gruppo di persone in cerchio cominciava ad attaccare verbalmente un partecipante, a provocarlo, a fare critiche fino a farlo rompere in pianto o in uno scoppio di rabbia. Il clima ritornava quindi caloroso ed accogliente verso il bersaglio degli attacchi che riceveva consigli costruttivi e poteva esprimere i propri problemi con gli altri. L'operazione si ripeteva per tutti i partecipanti fino al completamento del giro. Anche persone esterne potevano partecipare al Gioco e professionisti erano invitati ad unirsi al gruppo. L'idea di Dederich che nelle relazioni tra persone si creino dei contratti, ovvero degli accordi consci o inconsci che impediscono di parlare di certi argomenti, di certi problemi. Le emozioni negative legate a questi argomenti inespressi sono la causa dei problemi di una persona e per questo

il Gioco permette di ripulirsi condividere tutti i risentimenti e le paure col gruppo. I membri pi esperti insistono che sebbene questa tecnica possa inizialmente spaventare porta ad un nuovo senso di leggerezza (Antze 1976). Questo tipo di scambi emotivi, come si visto, rafforza il legame tra membri ma pu anche fungere da sistema di controllo sociale: a partire dagli anni '70 era richiesto alle donne in trattamento a Synanon di rasarsi i capelli, le coppie sposate venivano separate e se ne formavano di nuove, le donne incinte venivano costrette ad abortire (Whistett & Kent 2003). Ben presto i leader della Comunit verificarono che la riabilitazione non avveniva entro i 2 anni promessi e pertanto affermarono che la riabilitazione era garantita solo se si rimaneva all'interno del programma. Questo condusse a problematiche legali che Dederich risolse dichiarando Synanon una religione. Tra gli anni settanta ed ottanta i membri della setta si macchiarono di crimini quali omicidio ed abuso di minori. Il gruppo scomparve a met degli anni novanta dopo la confisca dei beni da parte dalle autorit. Il metodo di Synanon e di altri gruppi simili stato definito Terapia dell'Attacco, la cui efficacia fortemente controversa. Le difese del paziente, i comportamenti falsi ed elusivi vengono attaccati tramite misure verbali e non verbali estreme il cui fine latente lo smantellamento del s per rieducare l'individuo secondo i termini del gruppo e del suo leader (Monti, Colby & O'Leary 2004).L'attacco delle difese individuali, che hanno solitamente una funzione adattiva per la stabilit della persona, pu essere eccessivamente stressante per alcuni partecipanti (Hartley, Roback & Abramowitz 1976:251). Queste tipologie di gruppi sono potenzialmente pericolosi per i partecipanti e in certi casi hanno condotto al suicidio ed allo sviluppo di psicosi (Nichols & Zax 1977:83). Una review di studi volta a studiarne gli effetti nefasti indica che ad avere effetti potenzialmente pi negativi sono i soggetti con bassa autostima rispetto alle capacit di socializzazione e che sentono un bisogno di crescita e cambiamento (Hartley, Roback & Abramowitz, 1976:250). Le caratteristiche organizzative correlate al maggiore deterioramento nei partecipanti sono la scarsa strutturazione in termini di turni di parola ed obiettivi, perch questa indeterminazione aumenta la probabilit di interazioni dannose tra i membri. I gruppi in cui si facevano pressioni perch si esprimesse rabbia o si partecipasse attivamente erano quelli con gli effetti pi negativi.

Le caratteristiche dei leader sono un altro importante fattore nel determinare o meno un danno nei partecipanti: la maggiorparte dei leader oggetto di ricerca non avevano una background di studi in psicologia e pertanto trattavano tutti i partecipanti allo stesso modo. Non erano in grado di riconoscere i segnali di attivazione di un conflitto irrisolto e non riuscivano quindi a direzionarlo positivamente. Il vissuto di contro-transfert da parte dei leader inoltre impediva loro di percepire gli incidenti all'interno dei gruppi (Hartley, Roback & Abramowitz, 1976:252). Rispetto alle popolazioni a cui queste tipologie di gruppi sono particolarmente sconsigliate vi sono gli psicotici, le persone in crisi o con forte depressione ed in generale tutti quelli che non hanno un'immagine positiva di loro stessi. L'espressione vivida di sentimenti ostili all'interno della terapia pu incoraggiare i pazienti a comportarsi nello stesso modo al di fuori della terapia. Se nel caso di un paziente stabile vi possono essere atteggiamenti litigiosi verso gli altri, per una persona immatura o borderline si pu arrivare ad atti di violenza pericolosi. Pertanto necessario che il terapeuta chiarisca la distinzione tra ci che avviene all'interno della seduta e ci che avviene fuori (Nichols & Zax 1977:195). 2.1.8 La catarsi oggi L'importanza della catarsi oggi in psicoterapia si sicuramente ridotta. La diffusione dei modelli di intervento cognitivi e psicoeducativi ha messo in secondo piano la risoluzione dei conflitti interiori. Anche in ambito psicanalitico, in seguito al disconoscimento da parte di Freud essa ha via via perso valore. Come sottolinea Bohart in netta critica a questi nuovi approcci n la semplice espressione emotiva n la semplice terapia cognitiva possono essere terapeutiche ed apportare cambiamenti significativi nella personalit di un individuo (Bohart 1980). Il fiorire delle tecniche e psicoterapie alternative ed il diffondersi dei gruppi di auto-aiuto, come testimonia anche questa tesi, tutt'altro che cessato. Se da una parte, come vedremo, alcuni studi mettono in discussione i fondamenti della catarsi altri approcci ne continuano a considerare la centralit. In termini di concettualizzazione appare ormai chiaro che, malgrado ci che si crede comunemente, le emozioni non si possono immagazzinare per anni ma i ricordi legati ad un evento hanno legami con desideri e frustrazioni del presente ed evocano emozioni forti (Lutz 1999). Le persone che hanno vissuto traumi possono apprendere ad inibire la risposta emotiva ad eventi stressanti, la terapia pu aiutarli pi che a risolvere i vecchi traumi ma a sperimentare ed esprimere i propri

sentimenti, senza timore che essi vengano puniti e superando pertanto le condotte di evitamento e rinuncia (Nichols & Zax 1977:211). Questo richiede almeno in parte una regressione terapeutica (Nichols & Zax 1977:69). Per regressione in questo contesto si intende un ritorno a forme pi primitive di comportamento ed esperienza, ma il termine stato recentemente oggetto di controversia negli ambienti psicanalitici e si suggerisce che la sua accezione confusa lo renda un concetto sterile ed antiquato (Spurling 2008). La catarsi non pi considerata un metodo isolato e curativo di per s ma uno dei modi per aiutare la persona a giungere ad una maggiore conoscenza di s stessa e va accompagnata in maniera sicura e non provocata dal terapeuta. Come riconosce anche il Lowen dell'ultimo periodo l'annientamento delle difese dell'io non un obiettivo legittimo della terapia. Queste difese vanno rispettate se non si pu aiutare il paziente a sviluppare una maniera pi effettiva di affrontare gli stress della vita. La rottura valida solo se conduce ad una svolta. Questa richiede lo sviluppo di insight ed un'integrazione dei nuovi sentimenti nella personalit (Lowen cit. in Klopstech, 2005:3). Il ruolo fondamentale del terapeuta, successivamente allo sfogo, di guidare la persona attraverso i conflitti suscitati dalla catarsi (Nichols & Zax 1977:130). In altre parole per essere definita tale una catarsi deve coinvolgere attivamente e volontariamente il soggetto, non si tratta di una mera espressione di emozioni, un semplice svuotamento sollecitato da qualcun'altro come negli approcci in voga negli anni settanta. Deve esservi inoltre un supporto cognitivo altrimenti il paziente continuer a riprodurre la risposta emotiva senza nessun apprendimento significativo perch non svilupper una consapevolezza dell'esperienza vissuta (Kosmicki & Glickauf-Hughes 1997:157). Questa consapevolezza viene descritta da Bohart (1980) come una modifica degli schemi cognitivi della persona rispetto a quella situazione ad esempio se la persona sentir di aver fronteggiato un problema che lo aveva fatto irritare o se il pianto permette di sperimentare e fronteggiare la tristezza della perdita. Vi sono di conseguenza due componenti distinte della catarsi, l'espressione emotiva e la componente cognitiva. Secondo Robertson (2008) l'espressione di emozioni si pu definire catartica solo se queste emozioni erano soppresse o represse. E' importante valutare che cosa viene espresso, in che contesto e con che percorso personale si arriva a questa espressione. Ridurre la catarsi ad una misurazione fisiologica non ha senso a suo parere. Il Sociologo Scheff, sebbene non porti nessuna evidenza scientifica n una cornice teoretica adeguata richiama il concetto aristotelico della giusta distanza dall'esperienza emotiva come

necessario per una buona esperienza catartica (Scheff 2007). Occorre avvicinarsi ed allontanarsi dall'esperienza traumatica per poterla elaborare correttamente. Egli associa questa forma di distanziamento alla capacit di esprimere assertivamente le proprie emozioni oppure di esprimerle con veemenza essendo per consci di averne il completo controllo. Anche se la catarsi pu indebolire atteggiamenti maladattivi non indica di per s delle maniere pi adeguate per fronteggiare le situazioni, piangere copiosamente o essere furibondi non sono strategie accettabili, e pertanto essa pu essere solo una parte di una terapia pi ampia che incentivi lo sviluppo di nuove abilit (Nichols & Zax 1977:211). Ad ogni modo il contesto per questo tipo di sfoghi deve essere quello terapeutico e il terapeuta deve essere empatico, contenere l'emotivit del paziente senza esprimere giudizi negativi verso la persona quando essa si racconta (Kosmicki & Glickauf-Hughes 1997:156). La catarsi quindi come punto di partenza piuttosto che punto di arrivo; questa visione supportata anche dalla teoria sulla terapia di gruppo e sui GAMA. La persona frequenta questi gruppi per trovare supporto al processo di integrazione di nuove parti della propria identit, in seguito al superamento di alcune barriere cognitive ed emotive.

2.2 L'Espressione delle Emozioni


Si andranno ora ad esaminare le principali modalit di espressione coinvolte nella catarsi in modo da avere un quadro pi definito prima di trarre delle conclusioni definitive sulla catarsi. Si scelto di esaminare le modalit espressive principali da sempre associate alla purificazione: il pianto e lo sfogo di rabbia. L'emozione per certi versi opposti, la risata, l'unica considerata a partire da un solo articolo scientifico. Si scelto di escludere l'Urlo, centrale nella Primal Therapy di Arthur Janov, per l'assenza di studi specifici su questa modalit espressiva. L'approccio di Janov considerato un inutile lavaggio del cervello emozionale (Nichols e Zax 1977:143) ma l'effetto delle urla sul corpo non mai stato esplorato da altri ricercatori. Nonostante esse siano associabili al pianto, si ritiene che la loro efficacia nel ridurre i sintomi fisici dell'ansia, ad esempio l'oppressione al petto, attraverso quella che pu essere definita una catarsi somatico-emotiva (Nichols & Zax 1977:213), sia qualcosa di peculiare e che, vista la facilit nell'esprimersi in questa maniera, andrebbe indagata in forma preliminare. Nella parte finale di questa sezione verranno esaminati i benefici dell'espressione emotiva equilibrata e spontanea.

2.2.1 Il pianto Nella cultura popolare il pianto solitamente associato ad una funzione essenziale della persona, la cui assenza pu provocare malattie e addirittura la morte (Stougie, Vingerhoets & Cornelius 2004). Questa idea non per mai stata corredata da una dimostrazione scientifica. Secondo la teoria catartica il pianto ha la funzione fisiologica di ridurre lo stato di tensione e l'eccessivo flusso di emozioni. Altre teorie di questa corrente associano il pianto all'impossibilit di mettere in atto un comportamento adattivo e quindi alla mancanza di controllo rispetto ad una situazione. Lowen ad esempio afferma che bisogna piangere tutte le volte che avvertiamo un dolore, sia fisico che spirituale, perch altrimenti non ci liberiamo neanche un p dall'angoscia, e nulla potr rendere meno acuto il dolore (Lowen 2004). Posizioni altrettanto assolute sono state assunte da altri sostenitori dei metodi catartici. Le teorie riduzioniste rispetto al pianto lo considerano in termini fisiologici. Darwin sosteneva che il pianto nei bambini in attesa del cibo sia un sollievo dalla sofferenza e che pi elevato ed isterico esso fosse, maggiore il beneficio per la salute (Vingerhoets, Bylsma & Rottenberg 2009). Alcuni ricercatori hanno ipotizzato che il pianto sia un mediatore del rilascio di endorfine, ma non vi sono studi sistematici su questa ipotesi (Stougie,Vingerhoets & Cornelius 2004) solo in un esperimento, che si proponeva di rilevare negli umani un effetto identificato nei piccoli di scimmia, l'intensit del pianto dopo la visione di un film triste stata associata con una riduzione del cortisolo nella saliva (Vingerhoets, Bylsma & Rottenberg 2009:466). Secondo una teoria cognitivista il pianto appartiene alla fase di recupero da un emozione negativa o positiva ed ha una funzione risolutiva rispetto al conflitto emozionale interno all'individuo. Nelson (2005) studia la funzione comunicativa del pianto, sia in termini di richiesta d'aiuto e dichiarazione di debolezza che di espressione dell'attaccamento, mantenuta anche nella vita adulta. Non esistono studi che dimostrino che il pianto abbia di per s una funzione catartica e di riduzione dello stress e delle emozioni negative. Esistono invece studi che dimostrano l'opposto. Ragioni etiche e pratiche rendono impossibile la costruzione di una situazione sperimentale rispetto al pianto nelle persone. I soggetti non possono essere forzati a piangere solo perch sono stati assegnati casualmente al gruppo del pianto. Pertanto gli studi possono essere solo restrospettivi ed osservare coloro che hanno pianto o meno in un determinato gruppo nella stessa condizione. In questo modo per fattori confondenti rischiano di avere una funzione dominante come pu essere

nel caso di una personalit pi o meno tendente al pianto o una condizione di salute che ne aumenta la frequenza. Gli studi sul pianto possono dividersi in due categorie: self-report retrospettivi sull'utilit del pianto e studi maggiormente sistematici come le ricerche quasi-sperimentali che comparano persone che hanno pianto o meno rispetto ad uno stimolo, generalmente un film tragico, tramite l'utilizzo di questionari ed altri strumenti di valutazione. La prima categoria, basata su questionari somministrati a diverse popolazioni (studenti universitari, uomini e donne) quella che tende a confermare la funzione catartica del pianto ma pu essere soggetta a diversi bias: i ricordi possono essere fortemente influenzati dal significato che viene dato all'esperienza a posteriori, dal fatto che pi facile ricordare una situazione in cui il pianto ha avuto un ruolo liberatorio o dalla valenza culturale che viene data dal pianto. A dimostrazione di questa tesi uno studio preliminare (Stougie, Vingerhoets & Cornelius 2004:284) ha indicato che il pianto associato dalle persone ad un miglioramento nell'umore con maggiore frequenza nelle culture in cui non vi vergogna rispetto al pianto. La seconda categoria solitamente valuta le condizioni della persona in seguito alla visione di un film triste in termini di stato dell'umore percepito e condizioni fisiologiche. Questi studi hanno dimostrato che il pianto non correlato ad un miglioramento dell'umore o della salute bens ad un'accresciuta tristezza, umore depresso e immunosoppressione. Utilizzando la stessa tipologia di esperimento per valutare le strategie di risoluzione dei problemi si sono trovate correlazioni positive tra la tendenza al pianto e le strategie di auto-commiserazione, fantasie irreali e ricerca di supporto sociale (Stougie, Vingerhoets & Cornelius 2004:281). Questi risultati sono per fortemente influenzati dall'utilizzo di uno strumento, il film tragico, che poco correlato con la vita della persona e che pu quindi provocare una risposta emotiva pi superficiale che influenzano l'intensit e la qualit del pianto. Nella condizione sperimentale questa espressione emotiva non porta a nessuna modulazione dell'ambiente circostante, n alla possibilit di trovare soluzioni per i propri problemi n di ricevere supporto da parte degli altri. Gli studi sembrano comunque indicare che il pianto abbia una valenza sociale piuttosto che di un concreto miglioramento nella salute.

2.2.2 La risata L'idea popolare che l'umorismo e le risate abbiano effetti benefici sulla salute degli individui ha una crescente influenza negli ambienti medici e riabilitativi. Approcci come la clown-therapy si stanno diffondendo tra le corsie dei reparti di oncologia non solo infantile. L'interesse scientifico a riguardo nasce da un articolo di Norman Cousins che riport come si fosse curato dalla spondilite anchilosante con dieci minuti di risate al giorno e molta Vitamina C. Il caso viene spesso citato come esempio, assieme ad alcune ipotesi sull'effetto delle risate sull'organismo. Principalmente si pensa che le risate riducano il dolore stimolando la produzione di oppioidi endogeni ed attivando il sistema immunitario o modificando i livelli di catecolamine e cortisolo nel sangue 2001:505). Le risate e il buon umore potrebbero essere benefiche anche perch associate ad altre emozioni positive come contentezza, speranza, goia e felicit oppure potrebbero attivarsi come modalit positiva di fronteggiare gli elementi stressanti della vita quotidiana, altrimenti insalubri. Infine essi possono agire come mediatori del supporto sociale ovvero aiutando i soggetti ad avere migliori rapporti con le persone (Martin 2001:506). Questi diversi modelli enfatizzano la differenza tra la risata in quanto espressione umana, di per s neutra e il contesto in cui viene messa in atto. Diversi esperimenti basati sull'esposizione ad un film comico hanno riscontrato una correlazione significativa tra risate, buon umore e livello immunitario tuttavia molti di questi non avevano gruppi di controllo, non tenevano conto delle molteplici variabili ambientali nel misurare la baseline immunitaria e avevano delle problematiche nel valutare la variabile manipolata. Sono pertanto necessari altri studi in questa direzione (Martin 2001:509). Uno studio risultato consistente con la teoria per la quale il buon umore influenzi lo stress ma esso non ha cercato di misurare il ruolo di altri meccanismi mediatori come la presenza di emozioni positive o il supporto sociale (Martin 2001:510). Gli studi che hanno cercato di studiare la correlazione tra percezione del dolore e buon umore hanno una maggiore rigorosit metodologica perch utilizzano manipulation checks e gruppi di controllo a cui veniva somministrato un film drammatico. Essi hanno dimostrato una riduzione del dolore percepito non solo in seguito all'esposizione ad un film comico ma anche ad uno triste. L'effetto analgesico sembra pertanto dovuto al destarsi delle emozioni in generale, non a quelle specificamente positive (Martin 2001:511). (Martin

Anche per quanto riguarda le correlazioni tra le risate e la pressione sanguigna, la longevit e i sintomi riferiti non vi sono risultati univoci. Perci gli studi empirici sul tema offrono una ridotta evidenza a prova degli effetti benefici del buon umore, l'ipotesi degli oppioidi endogeni non stata comprovata da alcuno studio. Suscitare emozioni molto forti, a prescindere dalla valenza affettiva, attiva cambiamenti ormonali correlati ad effetti immunosoppressivi. E' pi probabile che gli effetti benefici delle risate siano dovuti alla loro correlazione con un pi generale carattere ottimista e positivo che migliora effettivamente la salute e con una migliore rete sociale. Sono in ogni caso necessarie maggiori ricerche che distinguano i diversi tipi di umorismo e di risate e i rispettivi effetti sulla salute, perch ora come ora promuovere l'allegria come terapia non supportato da certezze scientifiche (Martin 2001:516). 2.2.3 Lo sfogo rabbioso Scheff (2007) esaminando la storia della catarsi non vede ragioni per cui la rappresaglia rabbiosa debba essere considerata una modalit catartica, che piuttosto una tranquilla riscoperta delle proprie emozioni, e la considera un'erronea associazione con le terapie dell'attacco. Egli pertanto non ritiene validi gli studi che valutino l'efficacia dell'aggressivit per ridurre il livello di rabbia perch manca l'elemento di distanza rispetto all'esperienza, cos importante per Aristotele. D'altra parte psicoterapie come la bioenergetica hanno considerato centrale lo sfogo della rabbia. Lowen incoraggiava i propri pazienti a colpire un materasso con i pugni o con una racchetta da tennis per esprimere la propria rabbia in un contesto protetto e ad accompagnare verbalmente quest'azione. Sottolineava per come i pazienti sapessero benissimo cosa stavano facendo e siccome stavano mettendo in atto un comportamento ego-sintonico potevano fermarsi quando volevano (Lowen, 1985:147). Ma il setting di Lowen era anche uno spazio in cui la persona non doveva temere la propria rabbia o considerarla un sintomo di follia, potendo anzi esorcizzarla senza temere un giudizio sociale. Bushman (2001) dimostra che sfogare la rabbia, siccome porta anche ad una ruminazione del motivo per cui si arrabbiati, non diminuisce la tensione ma la aumenta ed quindi meno efficace della ricerca di una distrazione. Sebbene la ricerca di Bushman abbia una progettazione capziosa e distante dalla realt il suo lavoro non fa che confermare i risultati di altre ricerche che vedono nello sfogo di rabbia un falso supporto alla liberazione da sentimenti negativi (Scheff 2007). Inoltre l'aggressione verbale correlata con un aumento delle probabilit di aggressione fisica (Bohart,1980:196).

Alcuni studi suggeriscono che l'espressione collerica possa comportarne una riduzione ma si tratta probabilmente di uno sfogo rivolto ad ascoltatori empatici (Bohart 1980:197). Robertson (2008) critica l'utilizzo della catarsi come una semplice valvola di sicurezza per la rabbia, perch la fatica che questa attivit richiede potrebbe essere utilizzata per scopi pi costruttivi. Egli mette in discussione anche i risultati che definiscono fallimentari gli approcci catartici aumentino il sentimento che promettono di ridurre, come nel caso della rabbia, perch un aumento di questi sentimenti pu anche essere benefico e non detto che il sentimento espresso sia qualitativamente lo stesso; la semplice riduzione di sintomi,quali la rabbia espressa, non sottende la risoluzione del problema. Infine egli fa notare che la situazione sperimentale soffre degli stessi limiti gi descritti per il pianto: per ragioni etiche non si pu andare ad esplorare le reazioni di rabbia a situazioni che influenzano significativamente la vita del soggetto. Come indica Bohart (1980) la collera solitamente legata ad un'offesa che si pensa di aver subito. Questa collera pu essere risolta agendo per liberarsene o considerandola non importanti per s stessi. In entrambi i casi si risolve la dissonanza cognitiva che l'offesa ha comportato. Un'espressione della rabbia pu quindi essere positiva solo se vi una risoluzione del problema che l'aveva suscitata. Infine la componente culturale dell'espressione di rabbia significativa essendo, soprattutto in occidente, culturalmente proibita perch considerata poco fine (Nichols & Wax 1977:215). Studi indicano che pi accettato culturalmente che i maschi riducano la loro rabbia tramite la rappresaglia, coerentemente con alcune teorie catartiche e con gli schemi comportamentali degli animali. Per quanto riguarda le femmine invece era la conciliazione a ridurre il senso di rabbia tramite la conciliazione (Scheff 2007, Bohart, 1980). La rabbia, un comportamento tendenzialmente sanzionato socialmente pu essere apprezzato all'interno di certi gruppi, come ad esempio all'interno di Synanon. 2.2.4 Effetti benefici dell'espressione delle Emozioni Una ricerca ha dimostrato come le persone, quando affrontino un vissuto che le colpisce emotivamente sentano il bisogno di condividerlo. Gli studi hanno sistematicamente dimostrato che condividere le proprie emozioni non comporta una loro attenuazione, quello che potrebbe essere definito effetto catartico, ma che questo comporta benefici soggettivi e sentimenti positivi. (Rim, Herbette & Corsini 2004).

La condivisione permette di trovare un significato personale ad un evento, comprendere ci che successo con maggiore distacco e riacquistare in questo modo il senso soggettivo di coerenza ed appartenenza necessario alla persona per non cadere nell'anomia e nella confusione a cui le emozioni forti possono condurre. In termini di benefici interpersonali la condivisione di emozioni riduce lo scambio verbale e aumenta quello non verbale quali carezze e abbracci, rafforzando di conseguenza le relazioni sociali. Pi colui che racconta si sente ascoltato, pi apprezzer l'ascoltatore. Parallelamente maggiore attenzione ed interesse verr richiesto dalla storia maggiore soddisfazione ne trarr l'ascoltatore (Rim et al, 2004:38). Permette la creazione di una memoria collettiva, di una narrativa rispetto ad un evento che rimarr maggiormente nella mente delle persone. Nel caso della perdita di un proprio caro alcuni meccanismi di difesa tenderebbero a negare la realt. La condivisione sociale invece permette di rimanere legati alla realt. Inoltre come abbiamo gi visto in particolare nei gruppi di auto-aiuto questa descrizione emotiva della realt viene ridefinita sulla base dell'ideologia del gruppo. Le ricadute sulla salute sono state valutate seguendo due teorie. Una prima teoria sostiene che l'inibizione prolungata dell'espressione di un'emozione comporti stress e che possa condurre ad un peggioramento della salute. Diverse ricerche confermano questo modello: i bambini inibiti emotivamente hanno pi probabilit di sviluppare raffreddori, otiti ed allergie; i vedovi che parlano a proposito della morte della propria moglie hanno condizioni di salute migliori un anno dopo l'evento (Pennebaker, 2001:16). Sebbene questi miglioramenti non siano direttamente riconducibili all'espressione delle emozioni essi sono coerenti con evidenze fisiologiche e psicosociali correlate alla soppressione dell'espressivit (Mauss & Gross, 2004) Una seconda teoria ha invece voluto valutare gli effetti di una self-disclosure indotta tramite la scrittura, mostrando come parlare o scrivere delle proprie emozioni migliora la condizione del sistema immunitario (Pennebaker, 2001:19). Sebbene questa modalit non sia direttamente riconducibile alle modalit di espressione messe in atto in un Gruppo di Auto-aiuto si scelto di riportarla per la correlazione maggiormente lineare tra espressivit e salute rispetto alle ricerche che seguivano il modello dell'inibizione.

2.3 I Risultati della catarsi


Le critiche concettuali al metodo catartico riguardano tre principali problematiche: la possibilit di un ulteriore trauma dovuto all'elevato contenuto emotivo presente nella terapia, possibilit discussa in questa sezione, il pericolo che i pazienti si fermino alla ricerca dell'esperienza catartica per il benessere che provoca e la riproducano in maniera artefatta e stereotipata e l'ipotetica scarsa durata della consapevolezza ottenuta durante le esperienze catartiche (Klopstech 2005). Quanto duri la consapevolezza successiva ad una catarsi non mai stato oggetto di ricerca, ma si pu supporre che, sebbene le sensazioni positive svaniscano ben presto il ricordo dei pensieri che la catarsi ha suscitato si mantenga. Dipender da quanto significativi sono quei pensieri per l'identit della persona se l'intera esperienza sar ricordata come un cambiamento importante rispetto ai propri problemi o meno. Verranno di seguito discussi i risultati di studi aventi come soggetto la catarsi in psicoterapia, in alcuni casi verr specificata la categoria di pazienti a cui i risultati sono riferiti. Alcune forme di terapia basate sulla catarsi, gestite da professionisti, hanno determinato un miglioramento, non confermato per da un follow-up, in termini di soddisfazione generale e livelli di benessere mentale in particolare in coloro che soffrivano di disturbi ossessivi-compulsivi, questo grazie alla possibilit di superare le rigide difese all'espressivit emotiva (Nichols & Bierenbaum 1978). Un altro studio con follow-up ha indicato un miglioramento nel grado di soddisfazione da parte dei pazienti e nei loro comportamenti problematici ma non per gli altri fattori in esame (Nichols 1974) . Rispetto alla tesi per cui la catarsi non conduca a cambiamenti di lunga durata questi studi sembrano indicare l'opposto. Sono per solo questi gli studi che hanno affrontato il tema della catarsi. Questo perch vi sono dei problemi etici nel far sperimentare alle persone emozioni molto forti, si possono provocare dei danni irreversibili manipolando i sentimenti degli altri e i soggetti vulnerabili vanno esclusi dalla ricerca (Kettles 1995). Gli studi di Bohart (1980) indicano che, in comparazione con la catarsi, la migliore situazione per l'espressione di sentimenti di rabbia risultata essere lo scambio con una persona empatica e comprensiva. Studi pi prolungati indicano che i gruppi che si concentrano sull'espressione intensa di sentimenti non hanno maggiore successo, inoltre i gruppi con maggiore rabbia espressa erano correlati al minor grado di successo. (Bohart 1980:196)

Per quanto riguarda il lavoro con persone con disturbi post-traumatici da stress e personalit multiple, entrambi correlati a forme di dissociazione ovvero di rimozione emotiva e cognitiva dell'evento scatenante, rispetto al processo di integrazione delle memorie la catarsi e l'abreazione hanno un effetto che a seconda degli studi risulta disturbante, inefficace o di supporto ma non sono mai considerate fondamentali (Van der Hart 1992). L'idea originaria, secondo la quale la catarsi serve a entrare in contatto con i traumi vissuti nel passato, sembra quindi confutata dalla pratica con persone che effettivamente hanno questo problema. E' comunque sconsigliato per questi pazienti l'utilizzo della catarsi senza una cornice cognitiva ben strutturata perch pu riportare alla mente memorie rimosse che il paziente non ancora in grado di affrontare. La re-integrazione delle memorie dissociate comprende anche la componente emotiva ma questa va regolata con cautela in modo da evitare che la persona si senta soffocata dalla paura, senta di perdere il controllo e accusi il terapeuta di questo. Un'abreazione maligna quando conduce a grida continue e comportamenti regressivi perch non vi nessun passaggio di informazioni significative, nessuna ristrutturazione cognitiva (Van der Hart 1992). Per quanto riguarda le persone che soffrono di dipendenze l'analisi di Antze (1976) su Synanon quella che fornisce maggiori argomentazioni a supporto dell'approccio catartico. La persona in astinenza da sostanze vive in una condizione di ansia, depressione e craving (ricerca della droga). All'interno di un programma che prevede la catarsi la persona inizia a rapportarsi all'ansia in maniera diversa e a sentire il bisogno di uno sfogo nel Gioco, piuttosto che nell'assunzione della sostanza. I sentimenti di stress e ansia vengono man mano ricondotti ai rapporti interpersonali, a cause tangibili e questo aiuta la persona ad essere pi orientata al problem-solving. Non vi sono ricerche a supporto di queste assunzioni. La maggiorparte dei gruppi catartici esclude la presenza di persone che soffrono di psicosi (Nichols 1974, Singer & Lalich 1998) perch si ritiene che l'abbassamento delle difese possa condurre a comportamenti distruttivi, ma alcuni terapeuti come Jackins, l'ideatore della Re-Evaluation Therapy, hanno lavorato anche con pazienti gravemente psicotici (Nichols & Zax 1977:218). Studi indicano che i terapeuti di pazienti psicotici devono avere una profonda conoscenza dei meccanismi di contro-transfert che si mettono in atto. Il terapeuta ideale mostra supporto emozionale, empatia, evita sentimenti spiacevoli e rafforza l'autostima del paziente. Nelle terapie a stampo psicoanalitico meglio concentrarsi sul presente piuttosto che sul passato (Bachmann, Resch & Mundt 2003) e questo vale anche per le tecniche basate sulla catarsi, che per richiedono

pi attenzione, tempo ed un contesto terapeutico comunitario come quelli descritti nel terzo capitolo (Nichols & Zax 1977:219). Rispetto alle situazioni in cui il metodo catartico ha una valenza insostituibile secondo i sostenitori vi sono le esperienze negative infantili. Secondo una tuttora valida teoria psicanalitica il bambino percepisce quando una sua modalit espressiva solleva stati d'ansia nella madre e per questo tende a reprimerli considerandoli come una parte cattiva di s. Dei genitori poco empatici pertanto possono portare ad una frammentazione delle emozioni nel bambino. Per rientrare in contatto e re-integrare queste memorie che hanno una larga componente sensori-motoria il semplice approccio cognitivorazionale pu non bastare e la catarsi pu essere di grande aiuto in quanto permette di sperimentare sentimenti ego-distonici in un'esperienza relazionale correttiva (Kosmicki & Glickauf-Hughes 1997:158). Anche in questo caso non vi sono studi a sostegno di questa tesi ed tutto da dimostrare che il bambino ricordi effettivamente i periodi pre-scolastici. Per quanto riguarda il coinvolgimento diretto di bambini generalmente considerata dannosa l'esposizione ad espressioni di rabbia e di sfogo (Cummings, Zahn-Waxler & Radke-Yarrow 1981). Uno studio sulle concezioni rispetto alle emozioni indica che i bambini da 4 a 6 anni ritengono che in presenza di emozioni negative si dovrebbe cercare di sfuggire da quella situazione, pensare a qualcosa di divertente e smetterla di esprimere un'emozione negativa (Stegge, Terwogt, Reijntjes & van Tijen 2004). Sebbene le concezioni dei bambini siano influenzate dall'ambiente in cui crescono e dalle idee dei genitori, gli studi indicano che un bambino piccolo tenderebbe naturalmente ad allontanarsi da una condizione aversiva. Non si vedono pertanto ragioni per agire in senso contrario e richiedere ai bambini di comportarsi da adulti. D'altra parte le tecniche dello psicodramma sono state adoperate anche con bambini emotivamente disturbati a partire da 9 anni di et (Kipper 2003) e l'activity group therapy di Slavson era espressamente ideata per i bambini (Nichols & Zax 1977:68). Per quanto riguarda l'osservazione indiretta dello sfogo di emozioni in altre persone pu avere un effetto terapeutico presumibilmente dovuto ad un modellamento dell'osservatore a partire dalle caratteristiche percepite nell'altra persona e dal grado di rinforzo che questa ha ricevuto, dipendente anche dall'ideologia del gruppo, e la possibilit per colui che osserva di comportarsi similmente in un momento successivo (Nichols & Zax 1977:72). Buell ha dedicato uno studio fenomenologicoesistenziale riguardante l'esperienza di cambiamento del pubblico ad alcune sedute di psicodramma valutando che la catarsi per gli spettatori possa essere anche pi intensa che per i protagonisti (Buell 1995:110).

In conclusione, si sono indicati alcuni studi a supporto della catarsi ma si sono riportate anche numerose controindicazioni. E' chiaro che forzare le persone ad esprimersi secondo una certa modalit, che non considerano propria non per nulla benefico e pu anche essere dannoso. Non esiste un modo corretto di esprimere le proprie emozioni, come sosteneva Lowen, ma il modo che si sente pi adeguato a s stessi in una fase della propria vita, sia esso flebile o chiassoso. La capacit di esprimere tutte le proprie emozioni ha indubbiamente effetti benefici come si mostrato nella sezione precedente, ma come abbiamo visto l'espressione catartica non sembra avere effetti maggiori, sembra anzi avere pi effetti collaterali e richiedere un dispendio di energia superfluo. Naturalmente gli effetti collaterali e il dispendio di energia sono irrisori se una persona sente spontaneamente e crede di essersi espressa in una maniera che gli permette di superare le proprie inibizioni. Ciononostante ogni psicoterapia dovrebbe modularsi secondo le necessit di una persona piuttosto che richiedere la ripetizione continua di un certo pattern comportamentale sperando che abbia effetti positivi. Si pu anche supporre che apprendere degli automatismi riguardanti l'espressione delle emozioni, come avviene ad esempio nel Social Skills Training (Bellack, Mueser, Gingerich & Agresta 2004) possa recare beneficio e migliorare le capacit adattive della persona. E' per necessario dimostrare che questi automatismi hanno effettivamente un effetto positivo e come si visto gli approcci catartici falliscono in questo.

3. La Comunit e la Cura
In questo capitolo l'analisi si sposter su di un livello pi ampio cercando di offrire alcuni spunti di riflessione sulle diverse modalit di cura che si sviluppano all'interno delle Comunit. Per cura si intende un atteggiamento premuroso e costante verso qualcuno, non il superamento di una condizione morbosa. Considerata l'ambiguit del termine, si definir prima di tutto il significato che si d alla Comunit in questa tesi, evidenziando il nesso tra le diverse forme che si andranno ad esaminare. A partire dalle Comunit di luogo si accenner alla storia della mutualit e ad alcune esperienze molto significative in campo psichiatrico. Si passer quindi ad analizzare gli effetti negativi e si sottolinea, solamente questi, del delegare agli specialisti la salute di una Comunit. Si scelto di trattare la tematica in maniera unidirezionale perch questa tesi strutturata sulle potenzialit dell'auto-aiuto. Offrire una trattazione completa sul tema elencando tutti gli argomenti a favore e contro allontanerebbe dall'intento di questo lavoro e ne svilirebbe l'eloquenza. Considerare brevemente come si sono evoluti i rapporti tra istituzioni e mutualit e i diversi approcci al lavoro sociale che ne sono derivati offre l'opportunit di comprendere in che situazione ci troviamo attualmente. L'analisi delle Comunit Artificiali ricreate dalle istituzioni a scopo riabilitativo fornir diversi elementi per considerare quella che potrebbe essere una nuova forma di approccio al lavoro di Comunit, che assegni una responsabilit accettabile e coinvolga diverse tipologie di utenti.

3.1 Comunit: alcuni riferimenti teorici


Il termine Comunit, fin dalla sua definizione in termini sociologici da parte di Tnnies, che parl di Gemeinschaft per distinguere gruppi uniti dal senso di appartenenza dai gruppi uniti da interessi strumentali, stata oggetto di proclami d'amore, rozzi millantamenti e dichiarazioni di morte premature. La Comunit spesso stata definita il luogo in cui ritornare, in cui trovare certezze, calore ed accettazione (Bauman 2001). Il termine per stato attribuito anche a non altrettanto calorosi gruppi di persone che interagiscono su Internet (Rheingold 1993) ed uno degli ingredienti pi comuni nei discorsi politici ad ogni livello (Yar 2003), perfino quando si parla di riabilitazione in ambito psichiatrico.

Pur non desiderando entrare nel dibattito molto ampio sul tema, in cui si faticherebbe a mantenere dei riferimenti chiari, necessario cominciare da una base stabile. Storicamente le Comunit nascono a tutela dei deboli perch impegnano chi vi partecipa a condividere i benefici tra tutti, senza considerare le loro capacit o il livello di importanza. I deboli sono conseguentemente definibili come tutti coloro che non sono in grado di praticare l'individualismo (Bauman 2001:58). Partire da questo assunto esplicita per quale motivo, in una tesi dedicata a modalit di auto-aiuto tra persone in difficolt si sia scelto di dedicare un capitolo alla dimensione pubblica di questi gruppi. Ovviamente non questo il concetto operativo di comunit con cui i lavoratori sociali si interfacciano ogni giorno e alla quale rivolgono i progetti di prevenzione ed empowerment. Ciononostante possiamo trovare in ogni tipologia di comunit diverse attributi comuni; la categorizzazione personale che segue riguarda solo alcuni di questi, necessari per caratterizzare e valutare le comunit che si andranno a descrivere. Ogni comunit ha una sua natura, data dall'origine e dalla durata. Alcune comunit di interesse o multimediali sono artificiali e hanno un corso limitato nel tempo durante il quale le persone interagiscono tra di loro. Comunit di luogo molto piccole e tradizionali viceversa hanno una maggiore persistenza e durata. Ogni comunit ha delle regole pi o meno formali, che ne determinano il grado di apertura ed hanno una funzione stabilizzatrice o pragmatica. L'appartenenza, caratterizzabile essa stessa come una regola ma anche come un sentimento condiviso dai membri, molto importante per definire il tipo di relazioni che si formeranno tra di loro. Una Comunit definisce se stessa attraverso un lavorio insistente e continuo di posa in opera e di riaggiustamento dei confini che la qualificano come entit a s stante e la strutturano al proprio interno (Gri 2003:7). Ogni Comunit caratterizzata da uno Scopo pi o meno esplicito. Esistono Comunit a scopo riabilitativo, politico, di intrattenimento o di sopravvivenza. Maggiore il senso di appartenenza, pi forte l'influenza della comunit sull'identit della persona, maggiore sar la continuit tra obiettivi personali e ruoli nel gruppo (Riel & Polin 2004). Infine si possono valutare le modalit di aiuto interne alla Comunit, che si pongono in un continuum che va da forme mutuali a forme pi specialistiche. Questa categorizzazione molto parziale risulta particolarmente utile nel descrivere il trattamento delle persone deboli all'interno di diverse tipologie di Comunit.

3.2 La Comunit di luogo e i suoi membri deboli


Una comunit di luogo condivide uno stesso spazio che determina un interesse comune (Bagnasco 1993:9). Una comunit di luogo , piuttosto che venir costruita, ha continuit nel tempo e i membri generalmente vi fanno parte per tutta la loro vita. Le regole che la determinano hanno lo scopo di mantenerne la stabilit e l'appartenenza ha come condizione necessaria ma non sufficiente il fatto di abitare in quella zona. Lo scopo di una Comunit di Luogo storicamente rispondere ai bisogni degli individui. Maggiore il grado di disgregazione spaziale dei luoghi in cui una persona soddisfa i suoi bisogni di sopravvivenza ed esistenziali, maggiore sar l'entropia della sua rete sociale e pi elevata sar la separazione dalla sua Comunit di Luogo. Quando si parla dei bisogni delle persone deboli si possono descrivere due forme di aiuto nelle comunit moderne, che sono in continua dialettica tra loro: la mutualit e i servizi professionali alla persona. Un rapporto mutuale essenzialmente un rapporto tra pari in cui ci si aiuta vicendevolmente qualora possibile e si ideano soluzioni culturali e pratiche per garantire un ruolo a tutti, questo avveniva soprattutto nelle societ tradizionali. Nel film L'Albero degli Zoccoli (Olmi 1978) che rappresenta la vita di una Comunit contadina bergamasca di fine ottocento, la carit in nome di Dio al ritardato Ciopa, che ricambiava con una preghiera, un imperativo per tutti i membri, anche quando essi stessi sono in grave bisogno. Le persone con disagio mentale venivano lasciate libere fintanto che non erano di eccessivo disturbo e quando era richiesta la custodia essa era responsabilit di amici e familiari (Nichols & Zax 1977:23). La malattia, il dolore, la disabilit erano viste all'interno delle Comunit come sfide necessarie che sollecitavano una risposta all'interno di un contesto significativo e questa risposta si esplicava in diverse modalit. La principale, generica risposta consisteva in una maggiore tolleranza ed empatia verso le persone sofferenti a cui si associavano rituali di cura, spiegazioni comprensibili del proprio malessere e modelli a cui ispirarsi (Illich 1995:134). Fintanto che la malattia un problema a cui la comunit deve dare una risposta, la dimensione sociale del problema sar tenuta in particolare considerazione. La seconda modalit quella dei servizi professionali alla persona, intendendo genericamente tutte le attivit di aiuto rivolte a persone con diverse problematiche. In una societ pi stratificata e specializzata le persone ricoprono diversi ruoli, corrispondenti in primo luogo alle loro professioni.

Nell'era moderna si assistito, soprattutto con la nascita del welfare moderno, ad una crescente importanza dei Servizi sanitari ed assistenziali, con una corrispondente riduzione dell'importanza delle attivit mutuali. 3.2.1 Cenni sulla storia della mutualit Non possibile parlare di mutualit tra bisognosi senza cercare di comprenderne le origini e l'evoluzione. Fin dal Basso Medioevo l'attore dominante nella presa a carico dei malati e degli indigenti stato la Chiesa ma si svilupparono forme di assistenza anche tra persone che condividevano lo stesso mestiere, i membri di una gilda e da parte di filantropi. La caratteristica delle societ del medioevo la solidariet di gruppo, da quello familiare a quello corporativo (Artifoni 1998:656). La mutualit era naturale all'interno della Comunit e garantiva un certo senso di appartenenza tra i suoi membri (Lorenz 2005). Durante il Medioevo si svilupparono i primi ospizi, ospedali e ricoveri per malati mentali, cooperative per auto-proteggersi ed aiutare le famiglie. Nel Tardo Medioevo si cominciarono a sviluppare istituzioni atte a reprimere e controllare le masse di vagabondi e la reclusione divenne una forma comune di trattamento dei poveri e dei folli (Foucault 1961). La rivoluzione industriale comport uno sconvolgimento nella composizione della societ: la nuova classe operaia si ritrov sradicata dalla propria comunit di origine, inurbata in quartieri costruiti ex-novo, senza prevedere luoghi di aggregazione pubblica (Hall 2007). Ciononostante il contatto quotidiano tra operai promosse relazioni forti, vincolate da patti di autodifesa. Nella prima met dell'ottocento si costituirono societ operaie che prevedevano il versamento di una tassa settimanale offrendo agli associati un'assistenza reciproca. Si parla di Mutualismo Storico per definire il fenomeno che port, durante la fase di industrializzazione, allo sviluppo di gruppi mutuali promossi da filantropi o dalle persone disagiate stesse per rispondere alle loro necessit primarie. A partire dai moti del 1848 si cominciarono a formare anche in Italia delle societ di mutuo soccorso tra operai. Nobili e borghesi degli Stati Sabaudi supportavano queste forme di organizzazione con donazioni ma ponendosi al contempo in un ruolo direttivo rispetto alle finalit sociali, garantendo in questo modo una crescita della solidariet ma una limitata politicizzazione. Questo comport un'istituzionalizzazione delle societ di mutuo soccorso e la loro astensione dai movimenti resistenziali degli operai della fine dell'Ottocento e degli inizi del Novecento. Nel 1886 una legge riconobbe la possibilit della Associazioni di Mutuo Soccorso specificando tra le loro

funzioni l'assicurazione di un sussidio in caso di malattia, infortunio o vecchiaia ai lavoratori o ai familiari in caso di morte. I fondi venivano altres utilizzati per cooperare all'educazione dei soci e delle loro famiglie, per l'edificazione di sedi sociali che promuovevano attivit istituzionali e di svago (FIMIV 2008). Nel 1912 la fondazione dell'Istituto Nazionale Assicurazioni comport il superamento dell'associazionismo mutualistico che per mantenne il suo valore di aggregatore culturale. In altri paesi come l'Inghilterra il conflitto tra enti mutuali e Stato risult maggiormente pronunciato. I grandi industriali fecero pressioni sullo Stato per sopprimere questi gruppi temendo il loro carattere eversivo. Ad essere attaccati non erano solo i gruppi socialisti, ma anche gruppi religiosi come la nascente Chiesa Metodista o l'Esercito della Salvezza. Sarebbe ingenuo pensare che i rapporti tra Stato e Gruppi mutuali sia sempre stato armonioso (Lorenz 2005). In Germania Bismarck promosse a partire dal 1883, in accordo con i grandi industriali, la prima forma di Welfare, volta a rafforzare il legame tra lavoratori e Stato, a contrastare i Socialisti sul loro campo di battaglia e ad assorbire i Gruppi Mutualistici gi presenti.

I gruppi mutualistici diedero origine anche alle prime cooperative di consumo volte a ridurre il prezzo di beni essenziali per i soci. Le prime esperienze di questo tipo si svilupparono nella prima met dell'ottocento a Rochdale. I principi su cui si basavano era il lavoro non solo per s stessi ma anche per gli altri, l'accumulazione dei profitti per la comunit futura. In Italia cooperative ispirate a questo modello si svilupparono soprattutto nell'Era Giolitti, non solo grazie all'influenza liberale ma anche a quella cattolica e socialista. Il fascismo priv sia le cooperative che le societ di mutuo soccorso della loro autonomia, negandone i principi democratici ed acquisendo le loro risorse. Nel secondo dopoguerra gli enti mutualistici di lavoratori furono definitivamente superati con l'istituzione del Servizio Sanitario Nazionale nel 1958, che ne inglob i fondi e garant a tutti i cittadini la possibilit di fruire di prestazioni sanitarie ed assistenziali in condizione di uguaglianza. Le cooperative invece, forti anche del riconoscimento dell'articolo 45 della Costituzione, ripresero nuovo vigore e si svilupparono in tutti i settori produttivi e servizi e si svilupparono gradualmente anche in ambito sociale offrendo lavoro per le persone svantaggiate.

3.2.2 Consumer-Run Organisations L'evoluzione dei gruppi mutuali negli Stati Uniti, anche a causa di un assistenza pubblica molto ridotta, ha visto il svilupparsi di servizi gestiti completamente da persone con disagio mentale, senza il sostegno di professionisti. In Michigan un gruppo di utenti dei servizi psichiatrici chiamato Justice in Mental Health Organization (JIMHO) ha attivato dei drop-in, dei centri diurni che offrono supporto per i problemi di casa, lavoro, trasporto e organizzano attivit ricreative per promuovere la socializzazione. I drop-in offrono alle persone una comunit accogliente, supportiva che fornisca opportunit di crescita e di scambio di informazioni. Viene data molta enfasi allo sviluppo dell'autonomia e alla capacit di decidere per s o chiedere aiuto ai propri pari piuttosto che ai professionisti. Ogni centro governato da un consiglio di amministrazione ed gestito da utenti psichiatrici. Un clima di questo tipo si rivelato utile per facilitare le persone a condividere pensieri e sentimenti, trovare nuove amicizie ed essere coinvolti in attivit proficue (Mowbray & Tan 1993). In California i drop-in hanno dello staff stipendiato, pi o meno specializzato e offrono servizi di counseling per l'abuso di sostanze, per la ricerca del lavoro, la gestione del denaro. Inoltre i membri sono coinvolti in attivit politiche, organizzazione di conferenze stampa e proteste nei casi in cui il governo paventi tagli al welfare (Segal, Silverman & Temkin 1995). Questo tipo di attivit ha dimostrato di avere un'importante funzione riabilitativa: in uno studio con follow-up i partecipanti ad organizzazioni gestite da utenti mostravano una ridotta ospedalizzazione e maggiore possibilit di mantenere il proprio coinvolgimento nel lavoro e nella scuola a confronto con persone che non sono coinvolte in queste organizzazioni (Nelson, Ochocka, Janzen & Trainor 2006a). In termini di ricadute a livello sistemico le Consumer Run Initiatives hanno acquisito maggiore influenza ed hanno svolto un ruolo chiave nelle riforme politiche volte a migliorare la condizione delle persone con disagio psichico negli Stati Uniti (Nelson, Ochocka, Janzen & Trainor 2006b). E' evidente come il contesto politico e sociale influenzi fortemente le opportunit che una persona con disagio psichico pu avere. Negli Stati Uniti, in cui il welfare molto ridotto e le lotte per i diritti civili hanno avuto un impatto significativo sulla capacit della societ di far fronte ai propri problemi autonomamente, si sono sviluppate esperienze che richiedono alla persona che vive il disagio una forte responsabilizzazione, ancora temuta in paesi in cui i Servizi Socio-assistenziali hanno un ruolo dominante e desiderano mantenerlo, come in Italia. E' auspicabile uno sviluppo nella direzione indicata dalle CRO, come sta lentamente avvenendo per gli Utenti e Familiari Esperti a Trento.

3.3 Conseguenze sociali negative del coinvolgimento dei servizi


La crescita dei servizi sanitari ed assistenziali conseguente alla nascita del welfare ha comportato un'espansione di questi settori economici e un accresciuto potere delle categorie professionali ad essi legati, in particolare i medici (Illich 1973:58). Questo ha permesso in prima istanza una diffusione di pratiche igieniche e di profilassi che hanno ridotto le malattie e la mortalit. La medicalizzazione ha per anche delle conseguenze sociali e culturali negative che sono state analizzate da Ivan Illich nel libro Nemesi Medica (Illich 1973). Gli studi del sociologo austriaco si sono concentrati su una valutazione sociale delle conseguenze del progresso tecnologico e sugli effetti sociali nefasti della sovra-produzione industriale. Illich critica a tutto campo l'autorit delle professioni e definisce molti dei loro prodotti delle autoriproduzioni istituzionali. La salute per Illich in primo luogo autonomia e pertanto una societ che la delega completamente ai medici non potr che oscurare le ragioni politiche del malessere ed espropriare la capacit delle comunit e delle persone di prendersi cura di loro stesse e modificare autonomamente il proprio ambiente. In termini culturali la sofferenza e il dolore, che venivano considerati dalla cultura come parte della vita di una persona, vengono soppressi in nome dell'efficienza e della felicit costante. Pu far riflettere il trend in crescita nelle prescrizioni di antidepressivi (Osmed 2010:6). Esse possono essere affrontate al di fuori di ogni contesto soggettivo ed intersoggettivo, come parti aliene della vita di una persona. La medicalizzazione diventa cos un programma burocratico che tenta di fare per le persone ci che le loro eredit genetiche e culturali li avevano attrezzati a fare (Illich 1973:129). La salute non pi una qualit posseduta da ogni soggetto ma diventata un obiettivo costantemente all'orizzonte per il quale bisogna far riferimento al proprio medico. La sofferenza, il lutto e la cura al di fuori del ruolo di paziente sono considerati una forma di devianza (Illich 1973:41). Questa aumentata dipendenza serve i bisogni di un settore economico che per espandersi necessita di raggiungere pi consumatori. Le discipline mediche e in particolare la psichiatria tendono a generare nuove malattie, che spesso rispecchiano l'organizzazione sociale e la cultura (Illich 1973:169). Curiosa ad esempio, in una societ progressivamente interessata a mangiare cibi biologici ed ecologicamente sostenibili, la

recente ideazione della ortoressia: il disturbo di coloro che sono fissati col mangiare sano (Rochman 2010). Una delle leggi fondamentali dell'economia che per essere pi appetibile da diversi consumatori un prodotto deve essere differenziato (Chamberlin 1933); questo promuove la ricerca e lo sviluppo di nuovi farmaci e tecniche in risposta a specifici problemi, piuttosto che trovare soluzioni generiche e pi adatte a tutti come avveniva nelle culture tradizionali. Ogni forma di counseling e psicoterapia va considerata non solo in termini di scienza medica e psicologia applicata ma anche come manifestazione di ampie forze culturali e sociali. Queste considerazioni hanno un crescente valore nell'approccio incentrato sul paziente, che sta acquisendo crescente importanza nella Sanit europea, perch esso aumenta la possibilit di scelta del paziente in quanto consumatore di servizi e mette in competizione ancora maggiore le diverse forme di assistenza. Storicamente gli approcci psicoterapeutici a partire dall'Human Potential Movement, hanno deviato l'attenzione dalle condizioni sociali che erano causa dei problemi personali nella vita delle persone, identificando aspetti disfunzionali della psiche individuale (Cushman, 1990). Esse hanno pertanto una concreta responsabilit nell'erosione delle basi della solidariet sociale e del capitale culturale, che avrebbe potuto rendere possibile la formazione di una risposta collettiva alle richieste della societ capitalista. Le idee di remissione spontanea o di ricaduta, infine, detengono ogni comportamento della persona con problemi psichiatrici all'interno della sfera medica. In questo modo si inibisce una prospettiva sociale nell'interpretazione del disagio e si continua a considerare solo il singolo. La remissione spontanea inspiegabile perch non dipende dall'intervento di un medico che pu certificare un concreto cambiamento e pertanto si suggerisce che si tratti di una condizione temporanea. Nella pratica medica questa condanna viene sancita prima di valutare che cosa abbia sia effettivamente successo alla persona cos da farla permanere nella condizione di paziente, oggetto su cui pu essere applicato un servizio psichiatrico (Goffman, 1961:379). 3.3.1 Il legame tra disagio psichico e condizioni economiche E' necessario sottolineare come sia stata identificata e confermata da diversi studi una significativa correlazione negativa tra salute mentale e situazione socio-economica: peggiore la condizione pi alta la probabilit che una persona sviluppi questo tipo di problematiche (Hudson 2005). Per spiegare questo legame vi sono due teorie speculari: la teoria della selezione sostiene sostiene che gli individui con disagio psicologico hanno pi probabilit di presentare una deriva verso la

povert e l'emarginazione. La teoria della causa sociale ritiene invece che la povert pu essere una forte fonte di stress ed un possibile fattore scatenante per una popolazione gi predisposta a sviluppare una malattia. Per quanto riguarda la selezione sociale si sono trovate correlazioni per le malattie come la schizofrenia mentre la teoria della causa sociale stata confermata per disturbi minori come l'ansia e la depressione (Hudson 2005:5). A sostegno della teoria causale uno studio inter-generazionale ha evidenziato una relazione tra la classe sociale dei genitori e il rischio di depressione nei figli, mentre essere figlio di un soggetto depresso non significativamente correlato con una deriva sociale (Ritsher, Warner, Johnson & Dohrenwend 2001). Lo studio di Hudson si basa sull'analisi di dati riguardanti lo stato del Massachussets e rafforza gli elementi a sostegno dell'idea che vuole nella condizione economica precaria uno dei principali fattori di rischio per quanto riguarda la possibilit di sviluppare un disagio mentale e di essere ricoverati. 3.3.2 La riabilitazione d'intrattenimento e la Societ dell'Intrattenimento La spinta alla differenziazione, soprattutto negli Stati Uniti ha promosso molte forme di riabilitazione che, anche perch spesso rivolte a persone in grado di pagare per esse, hanno totalmente negletto la dimensione sociale, politica del disagio. Concentrandosi sulla modifica dell'individuo piuttosto che del suo ambiente queste psicoterapie secondo Benedetto Saraceno (1995) hanno prodotto forme pi o meno raffinate di intrattenimento. Questo termine indica al contempo il sollazzo e il mantenimento all'interno di un dato sistema. In-trattenere, far scorrere il tempo senza opportunit concrete di cambiamento. Non esistono, nella visione dello psichiatra, forme genuine di riabilitazione che non prevedano anche un lavoro sull'handicap della persona e conseguentemente sulla cornice sociale d'appartenenza. Pertanto fondamentale la dimensione politica, spesso negletta nel lavoro sociale. L'intrattenimento, data la sua natura effimera e poco impegnativa influenza sempre pi anche le relazioni tra pari. Zygmunt Bauman, richiamandosi a Kant, parla di Comunit Estetiche per definire gruppi di persone che condividono una passione temporanea ma che non stipulano impegni a lungo termine tra di loro. Ad esempio i fan di una popstar si riuniscono per grandi eventi collettivi ma durante questi rimangono individualit separate. La preservazione della propria identit sentita come necessit principale da parte dell'individuo medio e sta nella ricerca di un riconoscimento identitario il fulcro delle attuali lotte per i diritti

umani. Queste lotte non fanno che esacerbare le differenze tra i diversi gruppi e rendere un traguardo pi lontano la concreta giustizia sociale. Per le persone deboli di una societ quest'identit poi una mera illusione, dimostrandosi piuttosto come una fonte di stigma ed umiliazione sociale. Un processo di riconoscimento della propria identit di folle all'interno di riserve protette inglobate nella societ sterile se non vi una corrispondente azione di redistribuzione sociale, di sostegno verso le persone marginalizzate. Solo attraverso delle Comunit Etiche possibile rispondere alle limitatezze dei singoli e per fare ci essa si deve basare su diritti inalienabili e obblighi incrollabili, garantiti istituzionalmente (Bauman 2001:73).

3.4 Rapporti tra Lavoro Sociale e Mutualit


E' doveroso offrire ora una sintesi dei cambiamenti nelle relazioni tra il Lavoro Sociale e i Gruppi Mutuali. Il declino del mutualismo storico corrispose allaffermazione del grande capitalismo organizzato, cui si accompagnavano lo sviluppo di un sindacalismo centralizzato e la progressiva statalizzazione dellassistenza e dei primi servizi sociali. Il Lavoro Sociale nasce a cavallo di questo periodo ed ha fin dall'inizio il doppio ruolo di erogazione diretta dell'assistenza e funzione politica di intermediazione in modo da promuovere una strategia di societ ben funzionante. Il ruolo di mediazione tra Stato e Societ ha posto il Lavoro Sociale in una continua dialettica che lo ha reso in alcuni casi strumento di critica sociale quasi sovversivo quando si dimostrato troppo attento alle potenzialit della mutualit, ma anche forma di controllo sugli individui, soprattutto nel determinare quali utenti fossero meritevoli di assistenza o meno (Lorenz 2005:15). Nelle prime fasi di sviluppo delle strutture sociali moderne il lavoro sociale e la mutualit racchiudono il potenziale dell'emancipazione ma sono anche esposti al rischio che lo Stato si disimpegni e le classi pi benestanti non si prendano la responsabilit di quelle indigenti. Col rifiorire del welfare a partire dalla fine della seconda guerra mondiale si svilupparono due forme di Lavoro Sociale. Il Community Work supportava la mutualit all'interno della popolazione ma riconosceva l'importanza della solidariet sociale e promuoveva pertanto la capacit delle Comunit di ottenere risorse dall'esterno. L'obiettivo di questa forma di lavoro sociale era diventare superfluo per il gruppo su cui si andava ad intervenire, ponendo l'operatore nella posizione contradditoria di lavorare per divenir disoccupato.

Il Case Work d'altra parte si proponeva di concentrarsi sul vissuto della persona per comprendere come mettere in gioco le diverse risorse dei servizi e della Comunit ed abilitarla alla mutualit. Lavorare seguendo questo metodo, concentrandosi sui drammi interiori della persona, pu far rischiare di perdere di vista la condizione di profonda indigenza in cui la persona vive. Si pu affermare che il Case Work, comparato al Community Work, fortemente depoliticizzato. Scindere queste due componenti, la condizione esistenziale e quella socio-economica, indebolisce il lavoro sociale. Una Comunit di pari era in grado di fornire risposte per entrambi i livelli mentre i servizi sociali tendono per loro natura a parcellizzare queste risposte. Negli anni settanta i movimenti politici e culturali come quello antipsichiatrico gi descritto nel primo capitolo dimostrarono come anche nelle societ occidentali bisogni basilari fossero trascurati. La critica al lavoro sociale riguardava il mantenimento della dipendenza che esso perpetrava, senza consentire alle persone di risolvere autonomamente i propri problemi. Il Lavoro sociale si focalizz nuovamente sul Community Work ma si invest maggiormente sull'identit degli assistiti e degli operatori stessi a cui venne richiesto sempre pi di mettere in gioco loro stessi e le loro qualit umane. La professionalit non dipendeva pi dal fatto che il proprio lavoro fosse retribuito e volontario, ma vi era un intenso scambio tra questi due ambiti tra gruppi mutuali e professionisti del sociale (Lorenz 2005). Naturalmente non fu ovunque cos, i Gruppi di ex-pazienti negli Stati Uniti nacquero col dichiarato intento di porsi in maniera antagonista rispetto alle istituzioni psichiatriche. Negli anni ottanta la crescente liberalizzazione comport una crisi dello Stato Sociale. Proprio mentre si prospettava una progressiva istituzionalizzazione dei gruppi di volontariato i tagli alla spesa spinsero il discorso socio-politico a tessere le lodi dell'aiuto informale. I professionisti dell'assistenza sociale si ritrovarono a temere il volontariato e i gruppi mutuali perch potevano potenzialmente privarli di lavoro presentandosi come un servizio non retribuito. I rapporti creatisi tra volontariato e professioni di assistenza pertanto si perse. La generale deregulation ha avuto delle conseguenze dirette anche sui servizi sociali. Gli ambiti di competenza non sono pi ben chiari e diventano sempre pi una questione di domanda ed offerta. E' incerto il confine tra attivit professionale ed onorifica, tra lavoro volontario e commerciale (Lorenz 2005:19). Ad oggi molti servizi promuovono la mutualit perch essa integra il lavoro professionale, piuttosto che per compensare le manchevolezze del comparto pubblico.

L'intervento del mutuo aiuto oggi nasce soprattutto dove i servizi professionali sono carenti: dove non riescono a dare una risposta soddisfacente ai bisogni delle persone, ad esempio ai bisogni emotivi o di auto-realizzazione (Cecchi 2005). I rapporti tra gruppi mutuali e servizi possono essere come abbiamo visto complementari o conflittuali. Quando sono le istituzioni a promuovere i Gruppi AMA si corre il rischio di professionalizzarli, togliergli la libert, delegare problemi che non competono o renderlo pi dipendente dall'istituzione (Cecchi 2008). Tipicamente le istituzioni osservano le persone come fornitori/usufruitori di servizi e considerano l'auto-aiuto come una forma di trattamento cos da poterla valutare facilmente in termini di efficacia e riduzione dei costi ma in questo modo si rischia di professionalizzarlo e perdere la ricchezza esperienziale che gli propria (Rappaport 1993). Vi d'altra parte un significativo differenziale di potere; considerato il supporto economico dato all'establishment medico, pratiche come i Gruppi di auto-aiuto andrebbero supportate e promosse da parte dello Stato in maniera costante ed anche economicamente, come avviene negli Stati Uniti, ma effettuando uno screening adeguato sulla qualit dei servizi offerti per evitare effetti di autoriproduzione istituzionale che indebolirebbero le relazioni mutuali e il senso di autonomia del gruppo.

3.5 Le Comunit artificiali e la cura


I servizi professionali hanno nel tempo ideato delle istituzioni che riproducessero le funzioni di una Comunit per favorire processi di riabilitazione in contesti protetti. Anche queste Comunit Artificiali (Di Fiorino 1998) possono essere descritte secondo le caratteristiche gi elencate e in esse possibile identificare delle forme di aiuto mutuali e forme di aiuto specialistiche che determinano anche la differenza di potere tra i suoi membri. 3.5.1 Le Comunit Terapeutiche Le Comunit Terapeutiche sono una prima forma di Comunit Artificiali, la cui partecipazione a generalmente a termine e l'appartenenza dipende dalla manifestazione di un disagio. La partecipazione a queste comunit non necessariamente volontaria ma sottost al rispetto di alcune regole. Le regole sono ideate per sostenere una graduale autonomia nella persona in modo da raggiungere il loro scopo, essenzialmente di riabilitazione alla vita in societ. La presenza di altri utenti facilita meccanismi di mutualit mentre gli operatori mettono in atto diverse tipologie di interventi, con l'intento di facilitare la persona nel suo percorso di crescita.

I principi delle Comunit Terapeutiche in ambito psichiatrico sono rintracciabili in molte istituzioni in particolare quelle legate al trattamento morale di Pinel (Hollander 1981), ma la loro fondazione risale come si visto al processo di de-ospedalizzazione inglese. Le esperienze di Bion e Maxwell Jones, basilari anche per lo sviluppo delle Comunit italiane, avevano favorito un processo di democratizzazione, incentivando la partecipazione dei membri a riunioni e favorendo dinamiche mutualistiche tra di loro. Queste esperienze non avevano per messo completamente in discussione la relazione medicopaziente, mantenendo l'autorit dei primi a discapito dell'autonomia dei secondi. Altri psichiatri cercarono di superare questo modello. 3.5.2 Kingsley Hall Kingsley Hall fu una Comunit ad est di Londra in cui, a partire dal 1965 vennero ospitate persone psicotiche. Ideata e per molti aspetti dominata da Robert Laing, che considerava la psicosi come un viaggio nel proprio interiore, voleva essere un luogo in cui poter viaggiare in tutta sicurezza. La persona andava accompagnata piuttosto che bloccata e questo le avrebbe permesso di apprendere qualcosa dal proprio squilibrio. Non venivano somministrati psicofarmaci e comportamenti intollerabili in altri luoghi venivano accettati con gentilezza e rispetto, pratiche mistiche come la trance sciamanica venivano invece promosse. La concezione originale era che i professionisti dovessero vivere strettamente insieme con i pazienti in modo da abbattere gerarchie e ruoli (Sini 2005). Esso era secondo Laing al contempo un esperimento di psicoterapia ed un tentativo di vita comunitaria, un luogo in cui la guarigione potesse avere luogo. Il vicinato era contrario al progetto perch alcuni dei residenti si comportavano in modo bizzarro, taccheggiavano nei negozi locali o disturbavano il vicinato (Schaztzman 1970). La casa era fatiscente e i centoventi ospiti che vi trascorsero del tempo non ebbero particolare giovamento dal periodo passatovi (Di Fiorino 1998). L'artista Mary Barnes, diagnosticata schizofrenica, fu una famosa ospite di Kingsley Hall. Visse una regressione estrema, fino a divenire incapace di alimentarsi e di parlare e a passare il suo tempo in una stanza imbrattata con le sue feci, durante quello che fu definito un viaggio fino ad un'epoca precedente la sua nascita (Di Fiorino 1998). La donna recuper, scopri un talento artistico e divenne un'ambasciatrice del metodo di Laing, scrivendo anche un libro a riguardo. Lo scrittore Clancy Sigal divent ospite della Comunit e condivise diversi viaggi con LSD assieme a Laing. Nel suo libro descrive la folie a deux con lo psichiatra, lo scambio di ruoli e gli abusi subiti, in particolare l'aggressione e la somministrazione di un sedativo da parte dell'equipe medica

di Laing quando aveva cercato di dimettersi dalla Comunit. In questo come in altri casi la finzione del rapporto paritario tra medico e paziente a Kingsley Hall venne smascherato (Szasz 2008). L'esperienza si concluse dopo cinque anni e Laing stesso afferm che Kingsley Hall non fu un successo travolgente (Mullan 1995) ma questo non imped la creazione di venti strutture simili e l'innalzamento della Comunit a tempio della contro-cultura inglese. Basaglia visit la Comunit ma rimase scettico perch sosteneva che la funzione custodiale era mantenuta e che si augurava Kingsley Hall non diventasse essa stessa un'istituzione (Di Fiorino 1998). 3.5.3 Soteria L'esperienza di Soteria (in greco salvezza, sollievo) nasce dall'opera dello psichiatra Loren Mosher in California alla fine degli anni sessanta che fu influenzato dalla corrente ermeneutica fenomenologica, dalla psicanalisi sui pazienti con schizofrenia e da Kingsley Hall. Egli cominci ad immaginare una comunit dedicata alle persone con schizofrenia basata sulla fenomenologia interpersonale, che superasse i limiti della relazione medico paziente tipica dell'epoca. Si proponeva anzi di lavorare con un approccio ateoritico superando la crescente influenza della psicofarmacologia, i concetti di malattia, disturbi cerebrali e la modalit diagnostica basata sul DSM. Essenzialmente si trattava di una piccola, accogliente Comunit residenziale in cui personale rigorosamente non-professionista conviveva con le persone cercando di empatizzare con loro, di stare assieme e fornire un supporto intensivo, senza un giudizio negativo verso i sintomi psicotici e credendo in un possibile miglioramento. Non vi erano interventi terapeutici o di supervisione e solitamente le persone non assumevano psicofarmaci; l'accompagnamento mirava ad aiutare le persone a ricollegare i propri stati emotivi con vissuti passati in particolare quelli che avevano comportato la recente crisi (Mosher 1999). In seguito gli operatori cominciavano a sondare le prospettive degli ospiti rispetto al loro contesto sociale e ci che sarebbe servito per permettergli di tornarvi in tempi relativamente brevi. Lo staff era infatti addestrato a non sviluppare negli utenti un eccessiva dipendenza e aiutarli a mantenere la loro capacit di decisione autonoma e i contatti con la propria rete sociale. L'assenza di scartoffie offriva molto tempo per l'interazione necessaria a creare una relazione ma senza dubbio la mancanza di un diario pu privare gli operatori della possibilit di rielaborare ci che l'utente ha espresso.

Il contesto non era strutturato, si basava anzi sulla flessibilit ad esempio lo staff lavorava con i pazienti in crisi in una relazione uno a uno per tutto il tempo necessario. La Comunit Terapeutica originale, nella periferia di San Francisco, non si distingueva da altre abitazioni e i suoi membri coinvolgevano la Comunit nelle attivit. Il numero massimo di abitanti era di dieci compresi i due membri dello staff. Le procedure di ammissione erano informali e individualizzate sulla base delle abilit dell'utente di partecipare attivamente. Anche chi veniva dimesso poteva secondo le preferenze telefonare in caso di bisogno, venire a trovare il gruppo o una persona significativa e tutti gli ex-membri erano invitati ad un'attivit organizzata ogni settimana.

Gli operatori di Soteria, relativamente giovani e senza esperienza, avevano molte caratteristiche in comune con quelle di operatori di altre comunit per persone con schizofrenia, in termini di sicurezza in s stessi, maturit emotiva, autonomia e sensibilit, calore ed empatia ma avevano un maggiore senso dell'intuito, introversione, flessibilit e capacit di accettare gli stati alterati di coscienza ed erano selezionate per queste qualit che gli permettevano di lavorare in un contesto cos fortemente de-strutturato (Hirschfeld, Matthews, Mosher & Menn 1977). La capacit di accettare gli stati alterati di una persona con psicosi, piuttosto che essere una caratteristica psicologica dovuto anche al fatto che gli operatori avevano un'esperienza con un familiare problematico o psicotico ed erano stati spinti ad acquisire una visione maggiormente fenomenologica, legata anche al particolare clima culturale di quell'epoca e all'influenza di Mosher. Rispetto alle difficolt relazionali e ai meccanismi di transfert e contro-transfert, gli operatori si supportavano vicendevolmente e ricevevano aiuto dallo psichiatra che partecipava ad un incontro settimanale e veniva chiamato in situazioni particolarmente difficili ma non aveva un ruolo attivo nella pianificazione del trattamento (Mosher 1999:8). Mentre in Kingsley Hall il ruolo dello psichiatra professionista rimaneva, sebbene fossero almeno teoricamente superate le pi evidenti disparit di potere rispetto ai pazienti a Soteria il suo ruolo era molto marginale ed essa si configurava, secondo la definizione utilizzata nel primo capitolo, come un'attivit di auto-aiuto in forma di servizio diretto di tipo residenziale. La componente mutualistica era molto pronunciata rispetto a quella specialistica e questo fa di Soteria un'esperienza unica nel suo genere. L'esperienza originale si concluse nel 1983 ma il testimone venne assunto a Berna dallo psichiatra sociale Luc Ciompi, conosciuto ai pi per il suo modello di riabilitazione sulle due assi di abitazione e lavoro.

Ciompi modific sostanzialmente l'approccio iniziale, inserendo professionisti e riducendo l'importanza dell'accettazione dei sintomi psicotici. Rimane la particolare attenzione rispetto ai bassi dosaggi di psicofarmaci e la relazione uno a uno nelle fasi di crisi (Ciompi & Hoffmann 2004).

Fin da subito Mosher cominci a condurre delle ricerche per determinare l'efficacia del suo approccio alternativo, uno dei pochi su cui sono stati fatti studi quantitativi. Le due Comunit sperimentali erano rivolte a soggetti diagnosticati ai primi stadi della malattia, con meno di trenta giorni di ospedalizzazione. I soggetti avevano mediamente 21 anni ed erano celibi. Il primo studio di coorte che compar soggetti di Soteria con soggetti ricoverati in ospedali psichiatrici rivel simile riduzione dei sintomi, ma nel caso di Soteria senza uso di psicofarmaci. A due anni dalle dimissioni i soggetti di Soteria avevano un impiego, vivevano indipendentemente o con dei pari in maniera significativamente pi ampia ed avevano vissuto meno ricoveri. Nel secondo studio di coorte una proporzione maggiore dei soggetti ha assunto psicofarmaci durante le prime settimane e alla met di essi erano stati prescritti alla fine del trattamento (Mosher 1999:6). Questa differenza significativa si potrebbe ricondurre agli effetti di sensibilizzazione cronica da psicofarmaci suggeriti nel quarto capitolo. Una revisione sistematica di venti studi con controllo riguardanti le Comunit di San Francisco e Berna ha indicato che l'approccio di Soteria ha solo modeste differenze lievemente positive rispetto all'approccio normale, che non vi sono evidenze di danni che possano essere provocati da questo approccio ma anzi una riduzione dei costi complessivi e dell'uso di neurolettici. Il modello conforme alle necessit di comunit per la crisi espresso dai pazienti (Calton, Ferriter, Huband & Spandler 2008). 3.5.4 I Gruppi di Auto aiuto Per come sono strutturati in Italia, a differenza che negli Stati Uniti, i Gruppi di auto aiuto possono essere definiti come una Comunit artificiale a termine istituita dai servizi, la cui appartenenza basata sulla condivisione di un disagio, le regole favoriscono una certa apertura che rende il gruppo permeabile, lo scopo al contempo di socializzazione e di riabilitazione informale. Non necessariamente l'obiettivo il superamento del proprio disagio ma un differente modo di rapportarsi ad esso. Secondo Bauman i Gruppi di auto-aiuto si possono ricondurre a delle Comunit Estetiche perch hanno durata limitata e sono formati da individui che condividono temporaneamente lo stesso problema, ma lottano contro di esso separatamente nella loro routine quotidiana, rinforzati dall'idea

di autonomia promossa dai gruppi stessi. E' un gruppo che si basa su legami transitori, volti alla ripetizione di un incontro settimanale o mensile ma che si dissolvono a rituale completato. I legami evaporano quando uno dei membri richiede di compensare la propria mancanza di risorse ed inabilit (Bauman 2001:71). La generalizzazione di Bauman indica una limitata conoscenza degli aspetti sociologici del mutual help (Adamsen & Rasmussen 2001:910). Una delle caratteristiche dei gruppi proprio l'opportunit di ricevere supporto anche al di fuori dell'incontro settimanale, soprattutto tramite telefonate (Focardi et al 2006:33). Si pu discutere sull'effettivo aiuto di una telefonata ma non se ne pu negare il carattere supportivo. Il messaggio del sociologo per non pu che risultare come un avvertimento: non la celebrazione di un incontro settimanale a generare una Comunit, ma la solidit delle relazioni che si formano al suo interno. Fino a che punto pu arrivare il sostegno all'interno di un gruppo di auto-aiuto? L'indagine conoscitiva sui Gruppi di auto-aiuto in Italia associa all'auto-aiuto attivit di assistenza psicologica, medica, sociale e legale; comunit terapeutiche, assistenza domiciliare (Focardi et al 2006:34). Come chiariscono anche le ricercatrici per si tratta di servizi che vengono offerti dalle Istituzioni che collaborano o hanno contribuito alla fondazione dei Gruppi di auto-aiuto e non si possono pertanto considerare propriamente forme di auto-aiuto come quelle che sono state analizzate in precedenza. Focalizzandosi solo sui problemi individuali delle persone i Gruppi d'auto aiuto possono per concorrere a rendere il disagio una questione privata piuttosto che legata ad una condizione sociale. Le persone vengono frammentate in numerosi gruppi di auto-aiuto, supponendo che sia possibile aiutarsi solo tra simili, ma appellandosi indirettamente alle istituzioni a cui fa riferimento ogni utente per rispondere ai problemi concreti. Le problematiche tendono ad essere rielaborate in maniere che rendono fortemente difficoltosa la loro condensazione in forza politica (Bauman cit. in Adamsen & Rasmussen 2001:914). L'attivit politica che questi gruppi possono promuovere limitata alla loro comunit di appartenenza e questo conduce ad un'ideologia conservatrice ed esclusivista con ovvie ricadute negative per quanto riguarda la possibilit di ricevere maggiore equit al di fuori del proprio gruppo (Bauman 2001:105). Un GAMA di persone con depressione in un quartiere di periferia non potr realisticamente fare pressione come categoria diagnostica sull'amministrazione locale per ottenere

degli spazi aggregativi che ne ridurrebbero l'isolamento. Questo possibile soltanto agendo come cittadini della propria Comunit di Luogo. Inoltre confermarsi come gruppo di persone caratterizzate da un problema e agire politicamente (ovvero all'interno della collettivit) in questo senso segrega le persone nella loro diversit e nell'inevitabilit della malattia stessa (Zola 1993).

4. Case Study: I Gruppi alla Salute


Questo capitolo si propone di affrontare in maniera originale ed inedita il tema del Metodo alla Salute (nel testo anche MaS), ideato dal Dott. Mariano Loiacono e dei relativi Gruppi alla Salute (nel testo anche GAS). In questa tesi i Gruppi alla Salute sono associati ai Gruppi di Auto-mutuoaiuto: questa assunzione sar discussa all'interno del capitolo. Come gi accennato nella premessa i Gruppi alla Salute sono diventati oggetto di ricerca solo recentemente sebbene la loro ideazione risalga agli anni settanta. La prima sezione descriver gli strumenti di indagine e le caratteristiche del Case Study, la modalit di analisi dei dati e i limiti dello studio. Per un'analisi pi completa necessario partire dall'origine dei Gruppi alla Salute, dalla loro storia e dall'ideologia che ne sta alla base. Nel primo capitolo si gi evidenziato il ruolo pregnante che l'ideologia ha rispetto ai GAMA ma per quanto riguarda i GAS essa non si limita alla spiegazione del disagio ma cerca di fornire alle persone una vera e propria cosmologia, una spiegazione coerente della vita. Malgrado ci l'ideologia non il centro della tesi: essa sar trattata nei suoi punti pi pregnanti. Una sezione sar dedicata specificatamente a descrivere il contesto in cui i Gruppi alla Salute si situano. Sar quindi descritto il funzionamento dei GAS comparandoli ai GAMA, ovvero sviluppando il capitolo in maniera parallela al primo. Per comprendere pi nello specifico come funzionano i Gruppi si riporteranno alcune Osservazioni Partecipanti realizzate durante il periodo a Foggia oltre ad informazioni sul funzionamento dei gruppi acquisite attraverso la ricerca diretta e il confronto con fonti bibliografiche. Non essendovi studi sperimentali volti a determinare l'efficacia dei Gruppi AMA non ci si potr che basare che sui risultati delle osservazioni e sui casi riportati nella bibliografia per discutere potenzialit e criticit dei Gruppi alla Salute.

4.1 Metodologia e Strumenti del Case Study


Questa tesi si basa su di una ricerca di tipo qualitativo, basata sul paradigma del Case Study e sullo strumento dell'Osservazione Partecipante e dell'Analisi dei Documenti. La ricerca qualitativa consiste in un processo dinamico che lega assieme problemi, teorie e metodi [] di conseguenza il processo di ricerca non una ben definita sequenza di procedure che seguono il nitido disegno, ma una confusa interazione tra il mondo concettuale e quello empirico, dove

deduzione ed intuizione si realizzano nello stesso tempo (Bryan e Burgess citati in Amaturo, 2010:1). Questo approccio storicamente associato all'antropologia e alla sociologia ma fin dagli anni '70 si cominciato ad applicare anche agli studi nell'ambito dell'Educazione e dell'Assistenza sociale, la psicologia e le scienze politiche. Il disegno di ricerca aperto perch si costruisce nel corso del lavoro, la raccolta e l'analisi dei dati non sono ben distinte come nella ricerca quantitativa ma si sovrappongono. E' un paradigma particolarmente utile quando si cerca di analizzare un fenomeno che come in questo caso non mai stato oggetto di studio. La relazione tra la teoria e la ricerca di aperta induzione, la letteratura ha una funzione ausiliaria e i concetti vengono utilizzati durante la costruzione della trattazione, a scopo orientativo (Amaturo 2010:1). 4.1.1 Il Case Study Il Case study come strumento della Ricerca Qualitativa ha origine dalla Grounded Theory di Glaser e Strauss che condusse ad una riscoperta dei metodi di ricerca qualitativi enfatizzando l'importanza di generare teorie durante la conduzione della ricerca. Lo studio di caso investiga unit di analisi autonome, con caratteristiche di specificit rispetto all'ambito di studi, delimitate in termini di spazi ed attori. Esso parte da un concreto e delimitato obiettivo conoscitivo per evitare un'estensione troppo ampia, focalizzandosi piuttosto su poche istanze fondamentali. Essi prevedono una rivelazione ripetuta dei dati sugli stessi referenti e sono per questo di carattere longitudinale (Trinchero 2004:156). Il disegno di ricerca viene costruito sulla base dello specifico caso da studiare, esso parte dagli obiettivi conoscitivi che il ricercatore si pone e cerca di assumere un approccio olistico che miri a considerare il caso nella sua complessit irripetibile. Essendo impossibile cogliere tutti i fattori il ricercatore si concentra su alcuni di essi, stabiliti durante la fase di osservazione e passibili di cambiamento. Gli studi di caso possono essere suddivisi in intensivi, comparativi e di ricerca azione e possono avere fini esplorativi, descrittivi o esplicativi. Essi possono concentrarsi su casi singoli o multipli (Trinchero 2004:158). Non ci si dilungher in questa sede nello spiegare le diverse tipologie, per approfondimenti ci si richiama alla letteratura citata. Nello studio di caso il ricercatore parte con un quadro teorico iniziale e questo viene modificato man mano che nuova evidenza empirica viene raccolta. In situazioni limite il ricercatore pu anche

partire senza alcun quadro teorico, ma questo non significa che le sue conoscenze, credenze ed aspettative non gli facciano osservare l'oggetto di studio da un punto di vista soggettivo. A questo grado per il quadro teorico diventa una variabile implicita ed incontrollabile che potrebbe compromettere la qualit della ricerca (Trinchero 2004:159). Un modo per limitare l'ambiguit derivante da questo approccio aperto la dichiarazione costante dei criteri di interpretazione dell'oggetto di studio. L'interpretazione peraltro non deve essere solo una ma vi devono essere pi interpretazioni che successivamente saranno confermate o meno (Trinchero 2004:160). I dati raccolti possono essere quantitativi e qualitativi con una preferenza per questi ultimi. L'analisi dei dati deve tenere conto anche degli aspetti legati agli ambienti e contesti nei quali i dati sono raccolti. Il ricercatore si serve della sua esperienza e della letteratura sull'argomento per presentare in modi diversi l'evidenza empirica raccolta. I metodi di analisi maggiormente utilizzati sono il patternmatching, l'explanation building e l'analisi di serie temporali (Trinchero 2004:162). La validit interna del Case Study dipende dal confronto continuo con altre prospettive e dalla capacit di evitare distorsioni sistematiche nel processo di rilevazione ed interpretazione. Un'altra modalit per garantire una maggiore attendibilita lo sviluppo a priori di un protocollo di ricerca che renda espliciti gli obiettivi, i bisogni conoscitivi e gli argomenti oggetto di studio. Essa deve specificare le fonti delle informazioni, le domande che hanno guidato i ricercatori, gli strumenti utilizzati e l'esplicitazione delle modalit con cui gli strumenti sono stati somministrati, i criteri per l'interpretazione e i criteri seguiti per redarre il rapporto di ricerca (Trinchero 2004:165). La validit generale pu essere stimata partendo dal principio che lo studio di caso non prevede a priori generalizzazioni statistiche dei risultati, ma propone un'estensione delle teorie elaborate tramite la ricerca alla popolazione affine; qualora i risultati siano trasferibili ad unit analoghe a quella studiata si parler di caso emblematico, ma questo non l'obiettivo primario del Case Study. 4.1.2 Caratteristiche del Case Study sui Gruppi alla Salute Lo studio di caso qui trattato di tipo comparativo su caso singolo, sono stati adottati dei criteri per individuare similitudini e differenze tra casi storici e quello oggetto di studio (Trinchero 2004:157). Nello specifico la domanda conoscitiva che ha guidato il Case Study come comparare i Gruppi alla Salute ai Gruppi di auto-aiuto, ad alcune Psicoterapie basate sulla Catarsi e ad altre forme di aiuto basate sulla Comunit, argomenti sviluppati nei primi tre capitoli della tesi.

Lo studio di caso stato condotto a fini esplorativi ovvero per identificare domande conoscitive pi specifiche, indicare gli elementi da valutare con strumenti pi specifici e fornire delle valutazioni preliminari. Il rischio di questo tipo di case study che le conclusioni tratte dal ricercatore siano fortemente premature ed influenzino le future ricerche. La cornice teorica dalla quale si partita quella dei Gruppi di auto-aiuto, perch una prima ricognizione in un Gruppo alla Salute in Veneto, satellite rispetto a quelli di Foggia, aveva permesso di rilevare le molteplici affinit tra questi e i GAMA. In seguito all'esperienza di Foggia, avendo stabilito l'importanza pratica ed ideologica che vi veniva data, si deciso di sviluppare una ricerca approfondita riguardante la catarsi, l'espressione delle emozioni e i gruppi terapeutici che ne facevano uso, offrendo peraltro ampie valutazioni sull'efficacia di queste pratiche, in modo da associare ad una comparazione con i Gruppi alla Salute alcune valutazioni preliminari sulla loro potenziale efficacia. Inoltre la percezione dell'eterogeneit e complessit della rete di supporto sottostante i Gruppi alla Salute di Foggia ha condotto ad una riflessione pi ampia riguardante le modalit di aiuto messe in atto dalla Comunit. Anche in questo caso, oltre ad una comparazione con le caratteristiche dei Gruppi alla Salute si sono fornite alcune stime sui possibili effetti terapeutici e riabilitativi. Gli elementi di studio sono pertanto le caratteristiche di self-help, la catarsi e le ricadute sulla Comunit dei Gruppi alla Salute. Gli strumenti utilizzati per questa ricerca sono l'Osservazione Partecipante e l'Analisi di Documenti. Alle caratteristiche generali dell'Osservazione Partecipante e quelle delle Osservazioni effettuate per questo Case Study sono dedicate le sezioni successive. L'analisi dei documenti ha riguardato le tesi e i contributi scientifici precedenti sui GAS e gli articoli a riguardo. Inoltre si sono riportati ed analizzati gli Atti della Settimana Intensiva a cui si partecipato, che riportano le Teorie Globali sviluppate dai partecipanti. E' stata anche elaborata un'intervista, riportata nell'Appendice A, volta a valutare i processi interni al Metodo alla Salute ed inviata via mail a numerosi membri, ma nessuno vi ha risposto e non si pertanto potuto integrarla.

4.1.3 Caratteristiche dell'Osservazione Partecipante La tecnica principe della ricerca qualitativa l'osservazione partecipante. Losservazione partecipante una strategia di ricerca nella quale il ricercatore si inserisce in maniera diretta e per un periodo di tempo relativamente lungo in un determinato gruppo sociale preso nel suo ambiente naturale, instaurando un rapporto di interazione personale con i suoi membri allo scopo di descriverne le azioni e di comprenderne, mediante un processo di immedesimazione, le motivazioni. (Corbetta citato in Amaturo, 2010:2). L'osservazione partecipante si sviluppa in ambito etnografico con Malinowski ma ha un suo corrispettivo anche nella psicanalisi con l'Infant Observation (Bick 1989), applicata anche nella formazione degli Educatori Professionali. In entrambi i casi l'osservatore non separato dal soggetto dello studio ma vive ed interagisce quotidianamente con le persone, partecipa direttamente alle loro attivit per descrivere e comprendere la realt tramite i loro occhi, per studiarne i sistemi simbolici e il significato attribuito. Si studiano pertanto i modi di esprimersi, le credenze, le mete collettive, la valenza positiva o negativa attribuita alle situazioni. Pur utilizzando soprattutto la registrazione di episodi chiave, ci si avvale anche dell'analisi di documenti quali diari o lettere (Trinchero 2004:115). Questa capacit di assumere il punto di vista dell'altro ha particolare importanza quando si osserva un fenomeno per il quale esistono forti differenze tra i punti di vista interni e quelli esterni. Come vedremo questo il caso per i Gruppi alla Salute, che formano una subcultura in conflitto con la visione generale della psichiatria e degli altri servizi sociali. In termini metodologici, prima di cominciare l'osservazione opportuno sancire le premesse teoriche e i modelli espliciti di riferimento, stabilendo di conseguenza quali saranno gli obiettivi dell'osservazione (Trinchero 2004:113). L'osservazione partecipante pu essere dissimulata o palese, ovvero ci si pu inserire all'interno della realt osservata senza dichiarare apertamente i propri obiettivi oppure chiarendo fin da subito che non si condividono le mete del gruppo. Gli oggetti osservati si possono distinguere in cinque categorie: il contesto fisico ovvero la descrizione degli spazi dove si sviluppa l'azione sociale; il contesto sociale ovvero le caratteristiche generali delle persone; le interazioni formali che riguardano i ruoli prestabiliti all'interno dell'aggregazione; le interazioni informali al di fuori dei ruoli prestabiliti e le interpretazioni

culturali e gli atteggiamenti rispetto a ci che avviene all'interno del gruppo sia da parte del ricercatore che dei soggetti stessi. La registrazione dei dati differenzia la descrizione oggettiva dei fatti e le interpretazioni soggettive, distinguendo tra quelle del ricercatore e quelle dei partecipanti. Si pu parlare di una thin description quando pur scendendo nel dettaglio si descrivono solamente i contesti dello studio, mentre quando vi anche un'interpretazione si parla di thick description. (Trinchero 2004:114). Per quanto riguarda la descrizione dei fatti essa considera i comportamenti verbali e non verbali, la prossemica, la gestualit Vanno registrate situazioni abituali, eventi chiave ed assenza di eventi che sarebbe logico aspettarsi, in modo da poter descrivere i comportamenti comuni nel gruppo e quelli negli episodi eccezionali, ottenendo pertanto informazioni pi dettagliate sulle dinamiche in atto. L'osservazione deve concentrarsi sugli attori cardine della situazione, ma fornire informazioni anche sugli elementi di contesto. Essa deve riconoscere le strutture e le funzioni all'interno del gruppo e fornire un'immagine dell'aspetto statico e quello dinamico, valutando la condizione attuale e i possibili scenari futuri (Trinchero 2004:117). Occorre saper trarre informazioni sui soggetti e sul gruppo non solo dal comportamento ma da tutti gli elementi di contesto: abiti, aspetto fisico, gerghi perch essi forniscono informazioni sulla storia delle persone e sui loro caratteri profondi (Trinchero 2004:120). Tutti i comportamenti devono essere corredati da informazioni riguardanti i contesti, le sequenze in cui sono inseriti e la scansione temporale. Per tutta la durata dell'osservazione il ricercatore deve sospendere il suo giudizio valutativo perch questo potrebbe alterare la validit dei dati raccolti e tenere conto se durante la stesura delle sue interpretazioni vi era un coinvolgimento emotivo (Trinchero 2004:121). La fase dell'analisi dei dati comporta una selezione degli elementi osservati secondo quelle che sono state valutate come regolarit, i cosiddetti tipi, che vengono organizzate e classificate. Assumendo una visione pi generale possibile quindi costruire delle teorizzazioni su ci che si visto, riferendosi in particolare alla cultura del gruppo oggetto dell'esame (Amaturo 2010:17). Sia nella fase di raccolta che di analisi necessario assumere continuamente prospettive diverse, cercare di osservare gli eventi attraverso gli occhi della cultura in cui si era inseriti, approccio emic, e secondo le categorie interpretative di uno studioso, ovvero con un approccio etic.

I limiti dell'Osservazione Partecipante sono la non standardizzazione delle procedure utilizzate che implica la non ripetibilit degli studi, la non generalizzabilit dei casi studiati dovuta al loro ridotto numero e il ruolo centrale della soggettivit del ricercatore nel lavoro. Infatti la selezione di cosa si osserva legata ad un determinato contesto spazio-temporale. Le capacit dell'osservatore, la sua predisposizione a cogliere aspetti di una situazione complessa quindi la discriminante fondamentale nelle Osservazioni Partecipanti. 4.1.4 Metodologia delle Osservazioni Partecipanti sui Gruppi alla Salute Una larga parte delle osservazioni partecipanti si svolta durante una delle Settimane Intensive, eventi atti a far conoscere il metodo a chiunque voglia parteciparvi, tenutasi per cinque giorni a Foggia dal 19 al 23 Luglio 2010. Questi gruppi sono stati condotti da persone in trattamento, tranne che per gli ultimi due giorni in cui intervenuto Mariano Loiacono. Oltre alla partecipazione ai GAS da mattina a sera ho vissuto assieme ad alcuni dei partecipanti conoscitori del Metodo alla Salute ed ho discusso molto con loro. Alcune considerazioni riguardano un Gruppo alla Salute contattato a Bassano del Grappa per una seduta. Osservazioni aggiuntive si riferiscono alla mia esperienza di tirocinio al Centro di Salute Mentale di Tolmezzo e l'incontro con ex-partecipanti ai gruppi di Foggia. Le osservazioni si possono definire palesi perch ho fin da subito dichiarato la motivazione per cui mi trovavo all'interno dei gruppi. Al contempo ho partecipato attivamente ai gruppi condividendo con gli altri partecipanti la mia vita personale e cercando di assumere il loro punto di vista rispetto al Disagio, questo cambiamento di ruolo ha comportato un coinvolgimento emotivo da cui stato necessario separarsi nella fase di analisi dell'esperienza. L'elevato numero di persone all'interno dei gruppi di Foggia e la relativa passivit mi hanno consentito sovente di raccogliere le osservazioni in tempo reale mentre a Bassano del Grappa, visto il clima pi raccolto del gruppo la registrazione si svolta solo successivamente alla partecipazione al gruppo. Tutte le osservazioni riguardanti il metodo, compresi gli elementi aggiuntivi raccolti durante il tirocinio a Tolmezzo, sono state raccolti in un Diario di Bordo, nel testo abbreviato come D.B., annotando la data. A questo si far riferimento quando si citeranno le osservazioni. Nel Diario sono state distinte la descrizione dei fatti e le sue interpretazioni. Altre interpretazioni sono state fatte in un secondo momento, a distanza da una settimana dall'esperienza. Le interpretazioni a caldo, sono

state confrontate con queste ultime e hanno fatto da base per un confronto con la cornice teorica di riferimento. Le interpretazioni conclusive sono riportate in calce ad ogni osservazione partecipante. Le osservazioni riportate nel testo sono di due tipi: osservazioni articolate, che descrivono il contesto, i partecipanti e le interazioni tra di loro, queste sono contrassegnate nel testo da un carattere diverso. Le osservazioni disgregate riguardano invece l'analisi sul funzionamento dei gruppi, ottenute attraverso discussioni con i membri o raccolta diretta delle informazioni e sono rilevabili nel testo tramite i riferimenti al Diario di Bordo. Le osservazioni, pur se raccolte in tempo reale non riportano le affermazioni esatte dei partecipanti ma una sintesi degli elementi pi rilevanti. Le osservazioni riguardano il contesto fisico, sociale, le interazioni formali ed informali e le opinioni riguardo a ci che avviene all'interno del gruppo. Nelle osservazioni sono considerati i comportamenti verbali e non verbali, le azioni degli attori cardine di ogni situazione, su cui vengono fornite alcune informazioni di contesto e le reazioni degli altri partecipanti, sono descritti eventi chiave e marginali quando questi vengono considerati di particolare interesse per descrivere alcune sfaccettature dei gruppi, sono fornite informazioni sull'aspetto statico dei gruppi attuali ed alcune considerazioni su possibili sviluppi futuri. Le uniche persone citate direttamente siamo io e lo psichiatra e ideatore del metodo Mariano Loiacono mentre per tutti gli altri sempre rispettato il pi completo anonimato. 4.1.5 Modalit di Analisi dei Dati Per l'analisi dei dati stato utilizzato il metodo dell'explanation-building ovvero si costruita un'iniziale teoria esplicativa rifinita via via che l'analisi e il confronto con la teoria ha rivelato nuovi elementi (Trinchero 2004:162). L'Explanation-building considerato particolarmente utile per i case studies esplicativi, ma pu essere utilizzato anche per quelli esplorativi in quanto consente di generare ipotesi. Si tratta di un metodo iterativo, che parte da una dichiarazione teorica, la rifinisce, la revisiona e ripete il processo fino a quando la teoria non viene considerata congrua con l'oggetto di studio. Il rischio risaputo di perdere di vista il focus della ricerca (Tellis 1997). I dati sono quindi stati articolati attraverso il frequente utilizzo di mappe concettuali che hanno il pregio della sintesi e la possibilit di costruire strutture molto ordinate, facilitando l'analisi e la trattazione. Il processo opposto a quello della scomposizione in unit di significato perch si continua a ricostruire e ad aggiungere parti fino a che non si raggiunta una strutturazione completa (Trinchero 2004:131).

La mappa cresce e man mano si collega ad altre mappe fino a fornire un quadro completo del fenomeno. Nel caso dei Gruppi alla Salute, intersecarsi continuamente con la cornice teorica ha consentito di distinguere tre livelli distinti di analisi, che ha portato allo sviluppo dei tre capitoli teorici. A partire da essi sono state sviluppate delle valutazioni preliminari riguardanti le modalit del Metodo alla Salute e fornite indicazioni sugli strumenti che potrebbe essere plausibile utilizzare per valutazioni qualitative e quantitative dell'efficacia del Metodo. 4.1.6 Attendibilit e Limiti della ricerca La ricerca ha una certa validit pragmatica data dal tentativo da parte dell'osservatore di evitare che la partecipazione inducesse cambiamenti nel comportamento degli aderenti ai GAS. In alcuni casi stato necessario l'approfondimento di alcuni aspetti del gruppo, ad esempio il grado di adesione all'ideologia del Metodo e questo mi ha portato a prendere delle posizioni durante le sedute per valutare la reazione del gruppo. L'osservazione stata continua e perseverante piuttosto che superficiale. L'estesa compilazione di un diario di bordo ha permesso di avere, anche ad un anno di distanza, molti elementi su cui riflettere. La riproducibilit dei risultati rispetto ad altre sedute dei GAS, pur non essendo verificata plausibile vista la relativa stabilit dei ruoli, le premesse ideologiche che sottostanno all'azione dei conduttori e il grado di eterogeneit dei partecipanti-. La triangolazione di diverse teorie, ovvero l'osservazione dei fenomeni attraverso numerosi punti di vista fino a raggiungere un quadro teorico valido (Trinchero 2004:164), stata integrata. Il principale limite della ricerca il breve tempo dell'osservazione e quindi la possibilit di essere stati influenzati dal primo impatto con i Gruppi alla Salute. Sebbene le Settimane Intensive consentano una full-immersion in diversi aspetti del Metodo come la ritualit, le dinamiche, l'unit didattica, il fare teoria, non stato possibile osservare la variet di tutte le dinamiche. Un altro limite, conseguente, che non stato possibile il lavoro di continua ridefinizione della domanda cognitiva e conseguente lavoro sul campo volto ad approfondire aspetti svelati tramite la comparazione con la teoria, si potuto solo cercare di esplorare ci che era stato osservato in precedenza utilizzando diversi approcci e paradigmi allo scopo di descrivere il fenomeno nel migliore dei modi.

L'inerzia dei referenti del Metodo alla Salute quando contattati non ha permesso di effettuare un member checking, ovvero di discutere la congruenza dei dati e le loro interpretazioni allo scopo di giungere a risultati condivisi e maggiormente verificati (Trinchero 2004:138). Non si valutata la validit degli asserti prodotti attraverso forme di triangolazione come il rilevamento di dati in contesti diversi, l'utilizzo di pi metodi di indagine o la presenza di altri ricercatori (Trinchero 2004:163).

4.2 Gli Studi Precedenti sui Gruppi alla Salute


Quattro sono le tesi di laurea che negli anni passati si sono incentrate sul Metodo alla Salute e ognuna di esse dedica una parte significativa alla sua ideologia e alla cosmologia. Si utilizza questo termine nella sua accezione antropologica, intendendolo quindi come una visione del mondo complessa e relativamente coerente. Per quanto riguarda l'ideologia si rimarr fedeli alla definizione gi usata, ovvero l'insieme delle credenze e considerazioni sul problema, gli insegnamenti fondamentali, le regole di comportamento, i rituali e gli slogan per ogni seduta (Antze, 1976:324). Le dissertazioni riportano ampi stralci dei testi di Mariano Loiacono e di altri autori, il professor Giuliano Piazzi, lo psicologo Roberto Boldrini, che hanno contribuito alla teorizzazione dei concetti relazionati al Metodo. Si tratta in generale di contributi impressionistici ma gli autori hanno il pregio di essersi immersi per diverso nel Metodo alla Salute e di conoscerne maggiormente i diversi aspetti. Abagian (2002) oltre a descrivere l'ideologia e le modalit dei Gruppi alla Salute riporta un'osservazione partecipante di particolare interesse, che verr successivamente discussa. Petrella (2007) affronta il Metodo in maniera maggiormente comparativa ma offre considerazioni molto impressionistiche per quanto riguarda i Gruppi alla Salute; Boldrini (2008) si dedica completamente alla cosmologia del Metodo, Coletto (2009) si focalizza sul disagio diffuso. Altri Contributi scientifici riportati provengono da alcuni professionisti che hanno visitato il Centro di Foggia e hanno fornito un breve resoconto della loro visita (Goussout 2009, Johnson 2009). Questi, assieme alle tesi e alla bibliografia di Mariano Loiacono saranno l'oggetto dell'Analisi dei Documenti. Si rimanda ai testi originali se si interessati ad un approfondimento maggiore degli argomenti descritti.

4.3 L'ideologia del Metodo alla Salute


La teorizzazione riguardante il Metodo alla Salute cominciata quarant'anni fa e continua a tutt'oggi grazie al lavoro prolifico del suo fondatore, Mariano Loiacono. Diversi libri sono stati

pubblicati sul tema e solo alcuni saranno esposti in questa tesi (Loiacono 2000, 2007, Loiacono & Velluto, 2007). L'approccio di Loiacono incorporato in una serie di teorie altamente

ideosincratiche sulla natura dell'uomo e dell'universo. Pur ritenendo necessario fornire un quadro sintetico si maggiormente interessati alle procedure terapeutiche e all'influenza dell'ideologia su di esse. Gli scritti di Loiacono sono colmi di giudizi di valore molto veementi sull'attuale societ, i Servizi sanitari, la psichiatria, la scienza, ma non supportati da dati o da riflessioni particolarmente strutturate. Il loro fine, pi che descrittivo od analitico sembra persuasivo. Nel mettere in discussione certi aspetti dell'ideologia si cercher pertanto di ridimensionare alcune affermazioni iperboliche e fare riferimento ad altri autori che hanno sviluppato in maniera pi strutturata ed approfondita le argomentazioni di Loiacono. 4.3.1 La cosmologia del Metodo Il MaS si propone come approccio olistico in risposta alla parzialit dell'era contemporanea che comporta crescenti vissuti di disagio nella societ, le cui ragioni sono comprensibili solo tramite un'analisi che vada a comprendere le radici profonde della Vita. Secondo Loiacono la Vita nasce come risposta al conflitto tra due forze con funzioni opposte, l'una creatrice e l'altra distruttrice; si tratta di uno scontro meta-storico, che permane oltre le vicende concrete. Tramite un terzo agente, lo Spirito, comincia la Storia. Lo spirito utilizza il Simbolo, o meglio un sistema di simboli detto Codice per trovare una possibile soluzione al conflitto, per fondere le due forze (Boldrini 2008:26). La Vita di noi tutti quindi solo una possibile soluzione che la storia ha creato per risolvere il conflitto tra le due forze. Tale visione, che ha delle ovvie similitudini con le filosofie orientali e in particolare con la religione induista, supera la concezione tipicamente cristiana, legata alla nostra cultura, di Bene e Male, di giusto o sbagliato. Il Metodo alla Salute separa quindi la concezione morale dall'interpretazione del disagio. Non si colpevoli in quanto esseri umani, ma nella vita viene riflesso il conflitto tra forze ultra-millenarie. Il peccato piuttosto genitoriale, ovvero di chi genera (Boldrini 2008:24). Ci che gli esseri umani possono fare Creare, accettare ed affrontare le proprie forze distruttive come parti della propria interezza. Il Codice deve attraversare diversi livelli per cercare di interpretare il fenomeno vivo. Questa interpretazione sar sempre parziale e non riuscir a cogliere la vera profondit della vita ma solo a darne una rappresentazione virtuale, aggiungendo degli elementi non presenti nella profondit, che la tramutano in un 'Intepretazione Delirante ed Allucinatoria o IdeA (Boldrini 2008:30).

E' rilevante come Loiacono sbeffeggi la terminologia psichiatrica allo scopo di ridimensionarla. Il modello dell'atomo e l'allucinazione visiva di una persona con schizofrenia sono entrambe idee che non rappresentano la realt ed hanno perci lo stesso significato gnoseologico; Kant dissentirebbe, ma non ci si vuole ora inoltrare in discussioni filosofiche a riguardo. Spesso nei testi del MaS sono utilizzati anche termini come psicotizzare o ossessivit (Loiacono & Velluto 2007:19) per indicare come tutte le persone possano vivere esperienze simili a quelle descritte dai manuali diagnostici, pur non avendo una patologia conclamata e che questo sia naturale. 4.3.2 I tre Codici Sono tre i Codici che si sono stratificati durante la Storia, emergendo sempre dalla sospensione e frammentazione di quello precedente. Il primo quello Bio-Organico, responsabile della vita sulla terra. Esso ha negato la morte e la distruzione, agendo per questo motivo in modo psicotico ovvero perseguendo solo la vita (Loiacono citato in Boldrini 2008:32). Il desiderio di continuit, di globalit, di cose vissute piuttosto che di consapevolezza sono tra le caratteristiche del codice Bio-Organico, che si esprime tramite il disagio quando i suoi bisogni non vengono rispettati da coloro che si prendono cura della persona fin dalla sua nascita. Ma vi una ragione pi profonda in questo disagio, la negazione della morte che ha allontanato dalla completezza della meta-storia. Gli esponenti di questo codice sono i disabili e gli psicotici, perch esprimono il loro estremo desiderio di vivere, combattendo contro la morte. Anche il suicidio pu essere un estremo gesto eroico in nome della propria vita (Boldrini 2008:38). Il Codice Analogico, concetto ereditato dalla scuola di Palo Alto (Watzlawick, Bavelas & Jackson 1967), permette di interagire con altri esseri viventi tramite l'uso del corpo utilizzando la comunicazione ma anche il conflitto e la supremazia del forte sul debole. Esso esprime la vitalit del codice bio-organico e si lega ad esso indissolubilmente formando il Codice Padre, l'origine della Vita in ogni sua forma verso la quale bisognerebbe sottomettersi. Come sostenevano Reich e Lowen la vitalit si pu determinare senza riserve dall'osservazione del corpo (Boldrini 2008:41). Il Codice Simbolico l'ultimo in ordine cronologico, nasce con l'essere umano per comprendere con i concetti ci che questi non pu sperimentare direttamente tramite i cinque sensi. Genera eterogeneit, parzialit e relativit perch ad ogni oggetto d'indagine possono essere attribuiti

significati e valori di ogni genere, tutti ugualmente limitati. Le conseguenze sono particolarmente dannose quando esso permette di giustificare azioni apertamente contro la Vita. Fin da quando nasciamo viviamo all'interno di un sistema di valori simbolici che determinano la nostra vita, spesso negando il Codice Padre, castrando i nostri veri bisogni; la semplicistica supremazia dei bisogni del corpo rispetto ai bisogni simbolici e dell'intelletto un tema centrale della Bioenergetica. Il codice simbolico frammenta l'individuo in diversi ruoli, in virt e difetti che per non corrispondono alla sua specificit, che pi profonda e legata alla vita. Questa specificit non meglio definita sembrerebbe difficilmente scindibile dal Codice Simbolico in quanto esperienza che accompagna fin dalla nascita ogni persona, plasmandone personalit ed esperienze. Uno dei concetti fondanti del Metodo l'esistenza di un Fondo Comune, l'insieme delle cose renderono simili, preponderanti rispetto a quelle che distinguono. Attraverso il confronto con gli altri e la ricerca del fondo comune possibile riconoscere la propria specificit. Esplorare queste tematiche non l'obiettivo di questo lavoro, si intende solo accennarne le contraddizioni. Il codice simbolico frammenta il corpo umano in diversi organi, considerandolo una macchina biochimica senza anima. Il potere della diagnosi di classificare con termini astratti e generici una condizione di vita specifica, cercandovi pertanto soluzioni standardizzate. Esso superabile ma siccome ha paura delle crisi proietter angoscia sul cambiamento,

spingendoci a desistere dallo sperimentare il Codice Padre (Loiacono citato in Boldrini 2008:49). Utilizzando un concetto biologico, questa si potrebbe denominare un' 'argomentazione autoimmune': se si cerca di metterla in discussione utilizzando la razionalit si pu sempre affermare che a causa del Codice Simbolico allarmato che cerca di riprendere il controllo. La visione dei codici come espressione di bisogni ordinati gerarchicamente coincide con la piramide di Maslow (1943) e conduce a considerazioni condivisibili. Ad esempio si fa notare come la riabilitazione spesso si concentri su obiettivi cognitivi senza considerare bisogni inespressi sottostanti, come pu avvenire per un bambino con problematiche di apprendimento. Nella visione del MaS i codici a tratti appaiono come entit concrete, con potere e volont propri. I rapporti tra i Codici non vengono descritti come processi psicologici interni alla persona ma come scontri archetipici tra forze che compongono la nostra vita. Vi quindi un processo di reificazione, che porta all'attribuzione di valori morali a dei concetti che dovrebbero avere un fine esplicativo,

essendo essi, a detta di Loiacono solo la migliore ipotesi che riusciamo a fare (Loiacono & Velluto, 2007). 4.3.3 Il Codice Simbolico e l'Evoluzione Psicotica della Societ Il male viene relegato alla Societ contemporanea, alla sua evanescenza e al valore assoluto attribuito al denaro. Il patto con il Codice Simbolico un patto con il Diavolo, perch priva del contatto con la vera anima della vita (Loiacono citato in Boldrini 2008:50). La nostra societ composta di umanoidi psicotizzati e distanti dalla profondit della vita. Il processo che ha condotto ad una crescente simbolizzazione del mondo l'Umanesimo Rinascimentale, nella misura in cui da esso origina il concetto di individualit, la centralit dell'essere umano nell'universo e della razionalit come maniera per dominare le forze naturali. Lo sviluppo del metodo scientifico releg gradualmente in seconda fila le epistemologie religiose e filosofiche. Infine lo sviluppo industriale e la crescita della classe capitalista asserv scienza e tecnologia al denaro e questo si riflesse in una visione produttiva dell'essere umano, riflessa anche nella medicina a cui viene sempre pi richiesto di trovare soluzioni rapide per ottenere efficienti produttori e consumatori (Loiacono 2000:122). Questi processi, definiti Rivoluzione Psicotica, sono la ragione del passaggio da villaggio-mondo, a mondo-villaggio, accelerato esponenzialmente con la fine della seconda guerra mondiale. Una comunit che prima dava alla persona tutte le risposte e gli consentiva una crescita protetta divenuta una societ inconsistente in cui regna l'anomia. L'analisi a partire da questo periodo si fa quindi molto pi specifica. Come si vedr leggendo la sua biografia, Loiacono ha fin dagli anni settanta una posizione privilegiata, una torre di guardia, dal quale osservare e profetare i cambiamenti in corso nella societ. Egli descrive come i quattro vizi capitali i processi collegati al dominio del Codice Simbolico che hanno interessato prima i giovani e successivamente gli adulti. Il primo la logica degli opposti, proveniente dal periodo della contestazione. Una visione del mondo come un luogo in cui diverse forze sono in conflitto permette una visione solamente parziale della complessit che comporta il desiderio di assoggettare e distruggere l'altra parte.

Il confronto tra opposti si esplica anche nel pensiero-logico-razionale che cerca di ricongiungerli e valutarne la validit utilizzando strumenti scientifici. Ci che viene stabilito come veritiero dopo questo confronto diventa una verit universale, promossa dalle istituzioni e difficilmente modificabile (Loiacono 2000:138). La frammentazione dei fenomeni vivi port le persone a vivere isolatamente, come monadi. Le monadi si legano tra di loro privatamente in relazioni di dipendenza, il secondo dei vizi capitali, che possono essere oppositive, simbiotiche e parassite. Le dipendenze oppositive sono quelle che pongono due schieramenti in un conflitto tra loro che ha perso una motivazione od un obiettivo, quelle simbiotiche e parassite sono una relazione volta a completare la propria parzialit attraverso il legame con un'altra entit e l'allontanamento dal resto del mondo, in una crescente con-fusione. Il terzo dei vizi capitali origina dal secondo ed la virtualit, ovvero la presenza di una rappresentazione della realt che non coincide con il fenomeno vivo. Il quarto dei vizi capitali la mancanza di utero e la parzialit. Un tempo le comunit approntavano per l'individuo delle modalit costanti nel tempo, i Mediatori Meta-storici, per affrontare i cambiamenti che avvenivano lungo la vita che nel mondo presente si sono dissolti, impedendo alla persona di vivere le gravidanze a cielo aperto di una volta. Mancano anche le persone in grado di svolgere funzioni uterine adeguate. Questo comporta una crescente parzialit delle persone, che manifestano esigenze infantili (Loiacono 2000:158). Questa descrizione dei processi risulta molto semplicistica, non essendo possibile stabilire qual'era la condizione psicologica ed esistenziale delle persone nell'antichit ci si appella ad un'innocenza perduta, per di pi in tempi recentissimi. Le persone di un tempo vivevano le stesse sofferenze di oggi, la depressione ad esempio era conosciuta fin dai tempi dei greci, affrontavano i problemi in maniera diversa. In zone diverse del mondo, in luoghi in cui il villaggio-mondo ha ancora importanza significativa, la schizofrenia meno diffusa ma i nuovi casi si presentano con la stessa frequenza che nei paesi sviluppati e questo porta a supporre che la differenza dipenda soprattutto da quante persone non siano state diagnosticate (WHO 2001). Una ricerca epidemiologica italiana indica che non vi sono differenze significative nella distribuzione dei disturbi mentali tra zone urbane e rurali (De Girolamo et. Al, 2004). Infine vi una sorprendentemente maggiore possibilit di recupero per le ma senza dubbio

persone che vivono in paesi in via di sviluppo; alcuni dei fattori che promuovono una prognosi positiva sono l'abitare in un ambito rurale e l'assenza di sintomi negativi (Jablensky et al 1992). 4.3.4 Interpretazione del disagio e patologie interessate Il Codice Simbolico tende ad impadronirsi del corpo per far prevalere il suo valore. E' il caso della violenza perpetrata dai genitori verso i figli per il mancato rispetto di una regola. Sebbene vi sia questa appropriazione da parte del Codice Simbolico su quello Analogico, il BioOrganico rimane il giudice supremo sulla vita ed abbatte gli altri due attraverso il disagio, che si manifesta sul fisico. Il disagio una risposta all'apparente supremazia del codice simbolico, un progetto di non-vita per combattere la non-vita del simbolico (Boldrini 2008:61). Si pu manifestare in forme diversissime: dipendenza da sostanze illegali e non (compresi gli psicofarmaci), depressione, attacchi di panico, disturbi dell'alimentazione, deliri psicotici, ossessioni, malattie psicosomatiche, disturbi di personalit. Abbiamo gi considerato l'interpretazione che viene data delle dipendenze, derivate del senso di parzialit delle persone. L'ossessivit viene vista come la negazione del desiderio di continuit del codice organico attraverso rituali del proprio codice simbolico. I disturbi dell'alimentazione sono una forma di aggressivit verso la vita che convivono con una facciata di normalit (Coletto 2009:67). Il delirio un risveglio del codice bio-organico che rompe tutti gli schemi simbolici dell'esterno. Un'idea delirante non ha senso perch non risponde alla visione simbolica generale del mondo, ma una risposta naturale del Codice bio-organico. A questo elenco di patologie della sfera psichiatrica, in alcuni scritti vengono aggiunti la disabilit, la dismaturit, la conflittualit sociale ed il disagio asintomatico (Loiacono & Velluto 2007:5). Il Metodo alla Salute non nega il fattore biologico nella patogenesi, ma gli assegna un ruolo marginale (Petrella 2007:76), la persona con disabilit ad esempio considerata per le sue capacit. Il Codice Bio-organico ha delle caratteristiche che i disabili, definiti anticamente abili, sono in grado di percepire con pi profondit delle persone normodotate. Le differenze simboliche (la religione, l'appartenenza politica) perdono di valore perch essi sono in grado di percepire immediatamente le emozioni, di sentire se ci si rapporta a loro con pietismo o meno. Sono un test efficientissimo per valutare quanto siamo collegati ai nostri codici profondi.

Questo conferimento a priori di di un sesto senso o di altre capacit eccezionali desiderabili ma non desiderate dalle persone normodotate in realt una tendenza comune nella societ, a prescindere dall'ideologia. Ci capita ad esempio di credere che una persona cieca abbia per forza un olfatto eccezionale e di avere aspettative a riguardo, lasciando che questi pregiudizi ci precedano quando facciamo conoscenza. Si tratta solo di un'altra sfaccettatura, falsamente positiva del processo di stigmatizzazione (Goffman 1963:5). La dismaturit una forma di parzialit ed una fase del disagio. Loiacono ne d due definizioni attinenti: un interesse per il soddisfacimento di bisogni concreti ed immediati con la negazione della complessit della vita (Loiacono 2000:44) oppure una mancanza di coinvolgimento veramente forte per un'attivit in cui ogni cosa sembra confusa e senza senso (Loiacono 2007:22). La conflittualit sociale come gi visto una conseguenza della logica degli opposti. L'analisi di Loiacono sul Disagio giovanile ed adulto, riportata da Coletto (2009:43), pur cercando di abbracciare molti fenomeni pecca di teleologia ovvero cerca di descrivere in modo molto ma molto generico un supposto destino comune a tutti i giovani che li conduce al disagio, senza cercare di fornire concrete fattualit o indagare in profondit gli effettivi fenomeni in corso. Il disagio giovanile secondo il Metodo caratterizzato da un mancato ascolto del proprio corpo ed una corrispettiva proiezione verso la virtualit, un'incapacit crescente di interpretare e comprendere meglio eventi del proprio passato, di fare riferimento in modo stabile a sistemi di valori dominanti o coerenti; esistenze e rapporti sociali basati sulla contingenza, senza progettualit e maturazione. Per quanto riguarda gli adulti vi un generale relativismo riflesso anche nelle istituzioni, e l'evanescenza di un fondo comune che avvicini le diverse specificit. Infine si denota il disagio asintomatico che un primo passo del processo evolutivo verso la malattia (Petrella 2007:77). Spesso i familiari di una persona che vive un disagio mostrano questa forma di disagio ed arrivati in terapia per accompagnare il familiare realizzano loro stessi di soffrirne.. Ad un convegno il disagio asintomatico viene definito in questo modo: si pu rivelare genericamente nellessere insoddisfatti della vita che si conduce, nellaccontentarsi della condizione in atto senza per sentirsi bene e col piacere-voglia di vivere, nel sentire maggiormente il peso dellesistenza e nel temere per s problemi di cattiva salute, nel mascherare la sofferenza cercando iperattivamente stimoli pi vitali e situazioni con maggior senso, nel rifuggire momenti di

solitudine e di crisi-riflessioni, nellevitare situazioni in cui questi vissuti possano essere esaltati o possano emergere e venire conosciuti anche da altri. (Loiacono 2007c:2). Segnali della propria parzialit, frammentazione e disarmonia possono venire anche dal sistema neuro-vegetativo nella forma di vertigini, malessere, confusione, umore variabile, distrabilit, cefalea. (Coletto 2009:85). Tutti questi sintomi che sono, in maniera variabile comunemente presenti tra le persone divengono prodromi di disturbi pi gravi. Il Disagio asintomatico non viene ulteriormente definito, pertanto potenzialmente tutti coloro che non si sentono completamente felici possono avere ragioni per sentirsi incompleti, non completamente in contatto con la propria profondit e di conseguenza bisognosi di partecipare ai Gruppi alla Salute. L'approccio riduzionista dell'ideologia di Loiacono tende a far sentire ogni persona incompleta e parziale, soprattutto perch difficile avere una visione obiettiva di se stessi e si tende ad considerare solo certe parti della propria persona, soprattutto se stimolati da persone ritenute specialiste. Le varie forme di disagio si raccolgono nella grande categoria del Disagio diffuso, definito come un indizio della presenza di forze che stanno facendo allontanare la persona dall'interezza e dalla normativit della vita (Coletto 2009:89). Il disagio diffuso perch riguarda tutte le persone, indipendentemente dalla classe sociale, dalla famiglia, dall'ambiente e tende a crescere giorno dopo giorno. Non c' modo di sfuggirne, al massimo l'intensit pu essere diversa, la modalit d'insorgenza, ma una gabbia in cui si trovano tutti quanti. I miti nelle societ tradizionali offrono una spiegazione del proprio dolore (Illich 1995:108) e il metodo cerca di fare lo stesso. Una delle eziologie comuni nelle societ tradizionali era la perdita di anima, associabile al concetto di depersonalizzazione o derealizzazione, il senso di concreto distacco dalla propria identit (Clements 1932). Nell'interpretazione di Loiacono viviamo tutti questa condizione in una certa misura, perch siamo tutti distaccati dalla profondit della Vita e quindi ogni malattia definita in questo modo, solo una diversa modalit con cui si presenta un problema comune. Si accennato precedentemente che il Metodo alla Salute oltre a negare la capacit diagnostica della medicina evita, al contrario delle religioni, un giudizio morale della persona. Ma valutando le persone sulla base del contatto con la propria profondit da una parte effettua una diagnosi,

dall'altra solleva nelle persone un senso di colpa per una condizione che non pi dovuta ad una malattia organica, ma al proprio modo di essere e pensare, ad una forma di peccato. Sebbene si possa considerare un arretramento in termini di pensiero razionale il peccato pu stimolare la persona ad un'azione correttiva autonoma molto pi di una diagnosi di malattia. La malattia comporta in ogni caso una delega all'esperto per quanto riguarda la terapia, mentre il peccato richiede una purificazione che non ha solo un valore simbolico, e conseguentemente un effetto placebo, ma accentua il senso di auto-controllo della persona. Naturalmente questo vale solo per i casi in cui il peccato comporta una concreta azione correttiva e non una mera azione simbolica, come la semplice preghiera. Il Metodo alla Salute cerca di tutelare entrambe attraverso i Gruppi alla Salute ed i rituali. 4.3.5 Le pecche dei Servizi Sociali Odierni Loiacono ambisce ad un superamento della concezione medico-paziente e pertanto i partecipanti al metodo vengono definite persone in trattamento e non pazienti od utenti. Questa negazione della differenza di potere e di disabilit definita da Szasz (2008) la menzogna su cui si fonda l'antipsichiatria. Loiacono lancia poi un attacco diretto ai servizi di assistenza pubblici come SERT e CSM definendoli uno strumento per gettare denaro, rispondere a necessit burocratiche e controllare la societ. I Servizi sono senza identit ma cercano di tutelarsi dal rischio di divenire superflui e inutili. La loro scarsa integrazione conduce i casi complessi a muoversi come nomadi da uno all'altro (Loiacono 2000:88). Il medico di Foggia ritiene che avvicinarsi ai disagi delle persone con un approccio specialistico come fanno i servizi, faccia perdere di vista il fondamento della vita, comune a tutti. I servizi sono orientati al trattamento dei sintomi (tossicodipendenza, disagio psichico, disturbo alimentare) e pertanto vedono come trattamento elettivo ed efficace lo psicofarmaco. E' qui percepibile il richiamo diretto alle idee di Hudolin, che Loiacono ha avuto modo di conoscere indirettamente (Petrella 2007:97) ma che oggi descrive come il promotore di un metodo molto costoso e limitato (D.B. 22 Luglio). Il dottore per non considera che la definizione in servizi specialistici ha una funzione pratica: fin dallo sviluppo dei primi servizi assistenziali ci si resi conto che era necessario dare specifiche risposte a problemi diversi per ragioni di efficacia e sostenibilit (Lorenz 2005). Le considerazioni

su di essi, come tutte le altre non sono sostenute da dati concreti e risulta particolarmente demagogica.

4.3.6 Il rifiuto degli psicofarmaci Una delle ragioni che attrae molte persone a Foggia la prospettiva di una guarigione dalle proprie problematiche senza l'utilizzo di psicofarmaci. Nel percorso dei gruppi alla salute infatti essi vengono gradualmente scalati e all'interno dei gruppi si rinforzano le persone che ne hanno interrotto l'uso al pari di coloro che hanno interrotto l'abuso di droghe od alcool. Gli psicofarmaci sono assimilati a qualsiasi altra sostanza psicoattiva e definiti come una modalit artificiale per riprodurre e modulare funzioni che l'organismo gi in grado di sperimentare e che vengono normalmente suscitate nella Vita da situazioni simboliche, non biochimiche. In questo modo si cancella la naturalit della Vita in ogni sua forma, compreso il dolore, e si priva la persona della consapevolezza, nascondendo le manifestazioni della sofferenza. Lo psicofarmaco priva la persona della sua specificit e personalit, fatta anche di ansie e lacune. I farmaci riproducono tre esperienze base della mente. La prima esperienza base una sensazione di piacevole torpore e gradevole rallentamento. Questa esperienza, associata all'eroina, all'alcool, ai barbiturici e ai cannabinoidi corrispondeal funzionamento del sistema nervoso parasimpatico e pu essere associata anche ai neurolettici perch essi sedano i sintomi della persona, senza farsi carico della loro frammentazione (Loiacono 2000:199). La seconda esperienza base si vive al presentarsi di bisogni impellenti che svegliano e stimolano l'attenzione, la capacit di tollerare la fatica, fuggire, attaccare. E' il genere di sensazioni associate agli psicostimolanti come cocaina ed anfetamine che attivano il sistema nervoso simpatico. La terza esperienza base quella che permette agli individui di sognare nella realt, essere immaginifici, dare voce alla creativit ed associata agli allucinogeni e alla funzione onirica. Le tre esperienze di base sono necessarie per la stabilit della persona e tutti sono in grado di sperimentarle pienamente ma solo se vi un legame tra apparato esperienziale ed il proprio vissuto. Le sostanze psicotrope spezzano questa accoppiata perch distaccano l'esperienza dal vissuto e proiettano la persona nella virtualit.

L'uso di sostanze psicotrope comune ad ogni cultura umana ed in passato aveva un importante significato rituale nell'affrontare il dolore ed il cambiamento (Illich 1995:144). E' ovvio per che in una societ basata sul consumo e non su rituali significativi l'utilizzo di sostanze perde questa funzione e diventa una fuga ripetuta e stereotipata verso la virtualit. Le origini del Metodo alla Salute sono legate al trattamento delle tossicodipendenze e questo giustifica ulteriormente la posizione intransigente rispetto ad ogni sostanza. A Foggia gli psicofarmaci vengono scalati gradualmente, ma solo con il consenso dei familiari, considerate le conseguenze che questa riduzione comporta (D.B. 21 Luglio). Il Metodo alla Salute fa riferimento ad altri studiosi che hanno sviluppato posizioni critiche e pi strutturate rispetto agli psicofarmaci. Si offrir pertanto una breve panoramica, dichiaratamente unilaterale, a questo riguardo. Whitaker (2004) sostiene che il rapporto tra invenzione degli psicofarmaci e de-ospedalizzazione sia solo casuale e che la prima dipenda essenzialmente da una riduzione dei fondi per gli ospedali psichiatrici. Egli correda il suo articolo con studi che indicano come i neurolettici di prima generazione sebbene efficaci nella gestione iniziale della crisi aumentino la vulnerabilit biologica alle psicosi. I pazienti che mantengono il trattamento farmacologico dopo una prima assunzione sarebbero pi raramente soggetti a ricadute, ma soffrirebbero maggiormente degli effetti collaterali, mentre coloro che interrompono il trattamento affronterebbero delle ricadute causate per da una modifica dell'equilibrio biochimico del cervello. Proseguendo su questa linea di studi un altro articolo, dedicato principalmente all'analisi delle reazioni da interruzione di farmaci antipsicotici suggerisce che le supposte ricadute possono essere dovute a diversi fattori legati all'interruzione dei farmaci: dipendenza dal farmaco, psicosi reattiva data dall'interruzione, effetto nocebo dovuto alle aspettative negative di pazienti ed operatori a riguardo. Solo una parte delle sindromi successive all'interruzione sarebbe quindi una genuina reazione del disturbo psichiatrico sottostante mentre negli altri casi un cambiamento generale degli atteggiamenti ed uno scalaggio lento potrebbero ridurre il consumo generale di psicofamaci (Moncrieff 2006). Cercando di smentire le argomentazioni che vorrebbero un miglioramento nella Qualit della vita grazie ad una riduzione degli psicofarmaci uno studio ha comparato per 7 mesi i pazienti con sintomi psicotici lievi in caso di sospensione di neurolettici atipici oppure di mantenimento. Le misure della qualit della vita dei pazienti con psicofarmaco sospeso non sono migliorate ma questo

dovuto, anche se non completamente, ad un peggioramento dei sintomi psicotici (Beasley et al 2006:43). Rispetto alla nuove generazione di anti-psicotici sono state messe in dubbio le teorie secondo le quali essi comporterebbero un miglioramento nei cosiddetti sintomi negativi di isolamento sociale e si ritiene che in realt vi sia una semplice riduzione dei sintomi extra-piramidali, ma un aumento dei rischi di obesit (Calton, Ferriter, Huband & Spandler 2008:187). Un altro studio afferma che gli antidepressivi creano, e non curano, stati cerebrali alterati. Vi sono secondo i due studiosi pochi elementi scientifici a sostegno dell'idea che l'azione del farmaco sia centrata sul disturbo neurobiologico sottostante la depressione. Non vi sono evidenze scientifiche a sostegno del fatto che gli anti-depressivi producano un innalzamento dell'umore a lungo termine o altri effetti utili per il trattamento della depressione. Essi suggeriscono che gli stati cerebrali provocati dagli anti-depressivi possano casualmente alleviare i sintomi, alla stessa maniera di altre sostanze psicotrope come le droghe con le quali condividono la variet degli effetti indotti, dalla sedazione all'agitazione. Viene fatto un paragone con l'alcool, l'alcool pu ridurre i sintomi della fobia sociale, ma questo non significa che l'alcool corregge lo sbilanciamento chimico sottostante la fobia sociale. Gli studi clinici che indicano un'efficacia nei triciclici e negli inibitori di ricaptazione potrebbero aver sorvolato questa considerazione (Moncrieff & Cohen 2006:961). Gli antidepressivi peraltro sviluppano sindromi fisiologiche da interruzione e problemi di astinenza che possono rinforzare gli effetti nocebo nei pazienti in caso di sospensione del farmaco (Moncrieff 2006). Esistono diversi incentivi perversi nell'industria farmaceutica che promuovono lo sviluppo, la ricerca, il marketing e l'utilizzo di psicofarmaci. E' il caso dei neurolettici atipici i cui effetti secondo alcuni potrebbero essere sostituiti dalle benzodiazepine (Charlton 2005). Gli effetti collaterali dei neurolettici, come l'ipercinesia o la lentezza dell'eloquio, infine sono di per s una fonte di stigma perch rendono visibile l'anormalit anche ad occhi inesperti (Goffman 1963:50). La ricerca su soggetti cui vengono interrotti da psicofarmaci stata in passato messa in dubbio eticamente per le ricadute nefaste che pu avere sul breve e lungo termine. Uno studio sulle conseguenze di questa pratica non ha individuato un danno sulle persone e (Bola 2006).

4.3.7 Le soluzioni e la Nuova Specie Per affrontare il Disagio Loiacono ritiene non si possa ritornare alle sicurezze del passato ma sia necessario fare un salto evolutivo, un mutamento antropologico che condurr le persone verso una nuova specie caratterizzata da quattro virt. Per superare la parzialit e la lotta tra gli opposti necessario vivere l'intero, divenendo autoreferenziali, capaci di confrontarsi con la complessit degli altri e comprenderla, rigenerandosi continuamente (Loiacono 2000:168). Il progetto sociale conseguente la creazione di una Comunit Globale, una rete tra persone che hanno cominciato il loro percorso di crescita e vogliono diffonderlo nella zona di appartenenza avvalendosi dell'Epistemologia Globale di sua invenzione (Petrella 2007:39). La seconda virt l'uguaglianza nella diversit, il superamento dei limiti dati dalla propria ideologia e la valorizzazione delle culture altre. La terza virt fondamentale un salto evolutivo, lo sviluppo del globcettore, un nuovo organo che sia in grado di cogliere le caratteristiche di un fenomeno vivo per produrre culture che si innamorino della vita. Perch sia possibile svilupparlo necessario innanzitutto superare il codice verbale, poi partecipare ai corsi di Quadrimensionalismo ed Epistemologia Globale (Loiacono 2000:175). La quarta l'utero psiche che consente di superare la grossolanit delle gravidanze a cielo aperto del mondo passato, offrendo maggiore auto-referenzialit alle persone. E' una prospettiva a lungo termine e per giungerci necessario avviare contesti uterini che accolgano devotamente la persona. I Gruppi alla Salute si propongono di svolgere questo ruolo, ispirandosi ai mediatori metastorici presenti in ogni cultura. Anche questo utero ipotizzato come una specie di nuovo organo di cui la vita ci munir (Loiacono 2000:178). Anche per quanto riguarda queste proposte, si spera metaforiche, vi un'assenza di concretezza ed un livello cos elevato di astrazione che Loiacono potrebbe intendere tutto ed il contrario di tutto. Il timore che dietro al vaniloquio criptico non vi sia nulla di utile per le persone in difficolt che giungono al Centro in cerca di una comprensione pi ampia della loro condizione. 4.3.8 La Mela Gimagiona: un modello di vita Come altre culture tradizionali quando si approcciano al dolore anche il Metodo alla Salute offre un esempio a cui ispirarsi (Illich 1995:144). La favola della Mela Gimagiona (Loiacono & Velluto

2007), scritta dalla moglie dello psichiatra e da lui commentata contiene tutti -e in sequenza gli elementi gli elementi di una dinamica di vita (Loiacono & Velluto 2007:13). La Mela Gimagiona si trova all'inizio della storia in uno Stato Quiete, attaccata all'albero Diomede, con cui vive una relazione simbiotica. La curiosit, il bisogno di vita nuova, la porta a lasciare l'albero a separarsi dall'identit che gi possiede. Questo provoca nella punata una reazione di paura, teme gli inevitabili cambiamenti che la fine di ogni relazione simbiotica comporta. Nella caduta Gimagiona si rompe in due parti, un senso di confusione e la necessit di essere supportata dall'esterno l'assalgono. Gimagiona incontra un fiume, l'accompagnatore devoto Acquafresca, che mette a disposizione le sue capacit naturali per farla crescere. Dopo essersi lasciati, Gimagiona incontra Rinogiava, un'altra mela che come lei ha un vuoto che necessita di colmare. Assieme a lei in grado di fare Teoria Globale, ovvero di riflettere sulla vita. Separatasi da Rinogiava, incontra la non-vita di altre mele che sono violente l'una con l'altra e questo la fa disperare e chiedere un cambiamento. L'intervento provvidenziale di Diomede, che rappresenta il profondo della Vita, considera le insistenti richieste e ripara la situazione attraverso un diluvio. Gimagiona a questo punto ha l'opportunit di incontrare Rinogiava, che si scopre essere la sua met e si unisce in una relazione fusionale, ma non simbiotica, che le permetter di mantenersi in viaggio continuo. E' questo pertanto l'obiettivo del Metodo, offrire alle persone la possibilit di divenire pi indipendenti, di evitare relazioni simbiotiche con persone o situazioni e stimolare la capacit di interpretare la propria vita. La storia di Gimagiona denota anche un elemento spirituale, la Vita, a rispondere alle richieste delle persone e pertanto di fronte ad essa bene sottomettersi ed attendere risposte. 4.3.9 Sintesi delle concezioni del Metodo alla Salute Secondo Ivan Illich nel rapportarsi alla sofferenza ogni cultura tradizionale risponde in quattro modalit: espressione, sostanze, miti e modelli. L'espressione l'opportunit di comunicare all'esterno la propria condizione in una modalit significativa, le sostanze sono il supporto chimico che ogni cultura elabora per rispondere al dolore. I miti offrono una spiegazione razionale del perch del dolore, mentre i modelli indicano una modalit operazionale di agire rispetto al dolore stimolando nella persona un senso di responsabilit rispetto a se stessa. (Illich 1995:108). Il Metodo alla Salute si riavvicina a questa tendenza fornendo la possibilit di esprimere le proprie emozioni, di avere una spiegazione del proprio malessere e di avere dei modelli di riferimento. Non vengono offerte sostanze, perch si suppone che le persone possano produrle per conto proprio.

Si pone inoltre nella corrente della psicologia umanistica per via del suo approccio olistico, la democratizzazione della relazione terapeutica e l'enfasi sulle forze umane positive, sulla solidariet piuttosto che sulla malattia, che solo il punto di partenza (Nichols & Zax 1977:132). La psichiatria fenomenologica riflessa nell'attenzione data ai vissuti della persona, piuttosto che alle sue disfunzioni ma non viene riconosciuta la supremazia della psichiatria in termini diagnostici (Borgna 2003). La malattia nel suo senso di stato anormale viene negata e questo avvicina il Metodo maggiormente alle posizioni dell'anti-psichiatria nella ricerca di una ragione del malessere nella societ e nella critica ai trattamenti farmacologici. Si pu affermare che Loiacono abbia continuato sulla strada indicata da Hudolin riconoscendo la necessit delle persone di qualche forma di psicoterapia per il proprio miglioramento personale e proponendo pertanto un approccio aperto a tutti, richiamandosi alla spiritualit cristiana e a quella di culture precoloniali nel leggere il disagio come una condizione a cui la Vita trover delle soluzioni e che al compimento generer una Nuova Specie.

4.4 Storia ed ultime evoluzioni del Metodo


La storia del Centro di Medicina Sociale di Foggia indissolubilmente legata a quella del suo fondatore, Mariano Loiacono. A diciotto anni, nel 1966, Loiacono speriment un forte senso di smarrimento che lo condusse nelle profondit della vita obbligandolo ad agire con continua vigilanza e creativit. Le competenze acquisite, anche grazie alla compagnia degli antenati della vita, lo portarono a sviluppare il Metodo alla Salute e a desiderare di condividerlo (Loiacono 2007:7). Conseguita la laurea in psichiatria nel 1978, si specializz in tossicodipendenze. Questo il suo percorso di studi universitario, riportato sul sito Internet, ma durante la Settimana Intensiva ha affermato di essere anche psicoterapeuta (D.B. 21 Luglio). Nel 1977 fonda assieme ai salesiani una delle prime Comunit per tossicodipendenti del CentroSud. A partire dallo stesso anno esercita al Centro di Medicina Sociale, Servizio di Alcologia aggregato alla Divisione di Neurologia degli ospedali riuniti di Foggia, sito in Via Arpi nel centro storico di Foggia. A partire dal 1981 il Centro comincia a trattare in regine ambulatoriale e di Day Hospital, soggetti alcoldipendenti e farmacodipendenti o che manifestano il disagio diffuso. Nel 1999 viene fondata la casa editrice Nuova Specie che pubblicher il periodico Limax e diversi libri fondanti per la teoria del Metodo. Nel 2001 diventa direttore della struttura.

Nel mentre sviluppa una collaborazione con la facolt di sociologia dell'Universit di Urbino e svolge seminari sul Disagio Diffuso e la Comunit Globale. In collaborazione con l'Universit sviluppa il LAM, Laboratorio dell'Antropologia del Mutamento, che a partire dalla teoria di Loiacono e del sociologo Giuliano Piazzi studia i processi di cambiamento in atto nella societ. Da questa collaborazione sono nate alcune delle tesi riguardanti il Metodo. Fa parte del Comitato Scientifico Gi le mani dai bambini contrario all'uso di psicofarmaci e in particolare il famigerato Ritalin per il trattamento del disturbo di iperattivit. L'esperienza del Metodo alla Salute non si limitata a Foggia, infatti nel 2005 lo psicologo e psicoterapeuta Roberto Boldrini, ha cominciato a proporre i Gruppi alla Salute a cadenza di due volte a settimana presso il Centro Diurno di Ancona di cui responsabile, con le stesse modalit dei gruppi originari di Foggia. Nel centro diurno si svolgevano altre attivit con approccio alternativoolistico, quali sedute di Chi Gong e Shiatsu (Petrella 2007:43). Nel 2008 le attivit del Centro Diurno vengono attaccate da Daniele Silvetti, un consigliere regionale di Allenza Nazionale, che in un'interrogazione all'Assessore alla Sanit sostiene vi si svolgano sedute di sessoterapia, rituali degradanti e lesivi della dignit delle persone . La sperimentazione del Metodo viene immediatamente interrotta e Roberto Boldrini sospeso, per ordine del direttore del Dipartimento di Salute Mentale Gianfranco Rocchetti, dichiaratosi fin dall'inizio dubbioso sull'approccio del MaS. Parallelamente i partecipanti ai gruppi, utenti e familiari, cominciano a protestare sostenendo che le accuse sono infondate e richiedendo che le attivit del centro vengano riprese immediatamente (Danieli 2008). L'incidente si risolve, Rocchetti dichiara che non vi nessuna sessoterapia e che i Gruppi alla Salute ricominceranno presto (Campagnoli 2008). Ad oggi per nel Centro di Ancona non viene pi praticato il Metodo alla Salute e a continuare l'attivit l'Associazione alla Salute Marche. Altre Associazioni che praticano settimanalmente i Gruppi alla Salute sono state fondate oltre che in Puglia in Veneto, Lombardia, Romagna, Marche ed Abruzzo. I membri del Gruppo di Bassano considerano l'esperienza di Foggia come fondante e suggeriscono ai partecipanti di provare l'esperienza di una Settimana Intensiva, la modalit attraverso la quale la maggiorparte delle persone entra in contatto con il metodo (D.B. 10 Aprile). Il 25 Febbraio 2011 grazie alle ingenti donazioni delle persone che hanno beneficiato del Metodo alla Salute nata la Fondazione Nuova Specie che permetter al Metodo alla Salute di consolidarsi nel tempo.

4.5 Il contesto dei Gruppi alla Salute


Prima di cominciare a descrivere specificatamente i Gruppi alla Salute necessario analizzare il contesto in cui essi si situano e le principali attivit correlate; per un elenco pi completo si rimanda alle precedenti trattazioni sul tema (Boldrini 2008, Coletto 2009). 4.5.1 Il Centro di Medicina Sociale di Foggia Il CMS fa parte degli Ospedali Riuniti di Foggia ed impiegava nel 2007 uno psichiatra, due infermieri, un responsabile amministrativo e un'assistente sociale. (Petrella 2007:126) Il resto del personale formato da volontari ed eventuali tirocinanti. Il Centro dotato di un magazzino antistante in cui sono stipate le pubblicazioni delle Edizioni Nuova Specie, procedendo lungo un corridoio si aprono la cucina, la sala da pranzo, il Day Hospital, al quale recentemente sono stati tolti i tre posti letto (Bardi 2011) la segreteria e l'ampia sala in cui si svolgono le sedute del Metodo. Le persone cprese in carico dal Centro vengono trattate in regime ambulatoriale o di Day Hospital. Per fornire alcuni dati sull'afflusso i dati pi recenti riguardano lanno 2005, durante il quale sono state ricoverate 142 persone in regime di Day Hospital; mentre 164 persone sono state seguite ambulatorialmente. Di coloro che sono stati ricoverati hanno continuato il trattamento 135 persone, e sette sono state pertanto perse al follow-up (Petrella 2007:41). I gruppi alla salute si svolgono tre volte alla settimana per un totale di circa 12 ore. Il trattamento del Metodo per persone con dipendenza da sostanze o da psicofarmaci prevede un protocollo: nelle prime quattro settimane la persona segue un trattamento intensivo, sottoposto a regolari analisi e viene inserito nei Gruppi alla Salute con la partecipazione dei familiari. Alla fine del trattamento intensivo si svolge un rituale. A lungo termine la persona viene invitata a frequentare un gruppo alla salute alla settimana e ogni tre mesi viene ricoverata per una settimana di follow-up (Anima Mea 2008). Il Centro di Medicina Sociale un luogo aperto, soggetti che hanno beneficiato del Metodo, familiari, tirocinanti visitano spesso il servizio. Durante le settimane intensive vi la possibilit di mangiare direttamente al Centro, al costo di 10 euro (D.B. 19 Luglio).

4.5.2 Villa Terronia La Comunit di Villa Terronia la principale residenza in cui abitano i partecipanti ai Gruppi alla Salute. Vi abitano anche i volontari che assistono gli ospiti durante la notte (D.B. 20 Luglio). La convivenza di persone con diverse problematiche, frequentemente senza copertura di psicofarmaci, potrebbe suscitare dei dubbi ma non risultano casi di incidenti eclatanti. E' in questa residenza che una persona in trattamento ha vissuto un'allucinazione che l'ha fatta fuggire e ritornare a casa, senza che fosse possibile trattenerla. (D.B. 28 Novembre). L'importanza della Comunit e del trasferimento in un'altra citt non vanno sottovalutati perch essi consentono un cambiamento completo delle proprie abitudini di vita, che spesso possono stimolare anche cambiamenti ad altri livelli. Per quanto riguarda le persone con psicosi si indicata la necessit di un contesto comunitario per mettere in atto terapie emotive in maniera sicura ed efficace (Nichols & Zax 1977:219). Quest'esperienza riconducibile a quella di Soteria perch al pari di questa vi una gestione da parte di non professionisti e la privazione degli psicofarmaci. Ma mentre nella Comunit californiana le persone venivano espressamente scelte per alcune caratteristiche, istruite a dovere sulla fenomenologia interpersonale ed avevano la possibilit di fare riferimento allo psichiatra in ogni momento, non chiaro se valga lo stesso per Villa Terronia. I successi di Soteria e la ricerca di Bola (2006) accertano perlomeno che non vi sono rischi immediati per la salute degli ospiti nello sperimentare soluzioni di questo tipo. L'alloggio costa 35 euro a notte, un prezzo non proprio per tutte le tasche (D.B. 19 Luglio). 4.5.3 Il Villaggio Quadrimensionale Il Villaggio Quadridimensionale una Comunit che la Fondazione si propone di costruire. Sar sita a Troia, luogo di provenienza di Mariano Loiacono e, secondo una proposta preliminare, comprender uffici, sale per i gruppi ordinari e quelli delle settimane intensive, un centro di documentazione, una mensa, spazi residenziali stabili per gli operatori e temporanei per le persone in trattamento (D'Errico 2010). Separandosi dagli Ospedali Riuniti di Foggia, che hanno via via ridotto il supporto al Metodo (Inserra 2010), i Gruppi alla Salute dovranno in prima istanza fronteggiare il problema del mantenimento del personale. Qualora siano necessarie le competenze del personale sanitario o di un assistente sociale non chiaro come esse potranno essere garantite. Nel progetto si parla di spazi per degli operatori, ma come saranno stipendiati?

4.5.4 Il Rituale Il rituale un momento regolare delle Settimane Intensive. Esso riproduce la funzione dei rituali delle culture tradizionali che, secondo l'interpretazione del metodo erano Mediatori Meta-storici volti ad aiutare la persona a mettersi in contatto con le profondit della vita. Il rituale varia a seconda del periodo pertanto qui verr fatta una descrizione riguardante il rituale dei popoli delle terre danzanti. All'inizio del rito vengono consegnati dei talismani a tutti i partecipanti, poi la stanza viene oscurata e comincia un lavoro di respirazione e concentrazione sulle diverse parti del corpo. Il ritmo aumenta fino a culminare in una danza concitata. Alcune persone raggiungono la catarsi, con pianti ed urla. Una signora ha associato l'esperienza al ricordo quasi pre-natale di essere cullata. La danza si riduce gradualmente e le persone ritornano in cerchio. Al centro della sala viene posta una bacinella con dell'acqua e delle offerte di frutta e verdura. Coloro che lo desiderano vengono invitati a confessarsi all'acqua e a chiedere di sanare vecchie ferite. Una parte del corpo, quella che ha subito l'offesa viene quindi contrassegnata con la tempera. La relativa superficialit con cui ci si approccia a questa fase e il cocktail di diverse concezioni richiamate la fanno assomigliare ad un ritrovo New Age, con la conseguente virtualit dell'intera situazione. Il rito non vuole essere curativo di per s, ma promuovere la vicinanza tra le persone ed un diverso approccio a se stessi ed alla vita.

4.6 Definire i Gruppi alla Salute


Questa tesi delinea una continuit tra i Gruppi di Auto Mutuo Aiuto e i Gruppi alla Salute. Si tratta per di una considerazione inedita. Boldrini afferma che non pu essere caratterizzato come un gruppo di auto-mutuo-aiuto, n come un gruppo psicoterapico, in quanto sfugge ai parametri di entrambi questi setting, avendo una sua radicale originalit che ha alla base una nuova visione sulla vita che ha come madre lepistemologia globale di Loiacono. (Boldrini cit. in Petrella 2007:47). Malauguratamente, definire il MaS come qualcosa di incomparabile non va a suo favore perch per intraprendere la costruzione di una rete globale, riproducendosi in modo capillare in gruppi diffusi sul territorio, necessario cominciare a descrivere ci che effettivamente avviene all'interno dei Gruppi. I gruppi alla salute riuniscono persone che condividono le loro esperienze ed interagiscono tra loro non solo attraverso la parola ma attraverso il corpo, in maniera generalmente spontanea. La

strutturazione riguarda principalmente la divisione della seduta in fasi diverse e il rispetto di alcune regole riassimilabili a quelle dei Gruppi di Auto Mutuo aiuto. Le sedute sono dirette da un conduttore, solitamente non-professionista. In precedenza i Gruppi sono stati definiti anche una forma atipica di psicoterapia di gruppo (Petrella 2007:28). Mancando per l'utilizzo di una tecnica strutturata, basata su di una particolare teoria della mente, non si profilano le caratteristiche tipiche di una psicoterapia, esaminate nel primo capitolo. Un altro elemento caratterizzante i GAMA la percezione di un problema comune; come si visto nei GAS l'ideologia descrive ogni problema come una diversa espressione di un disagio comune alla specie umana dell'era contemporanea e questo accomuna tutti gli aderenti. Gli elementi fondamentali di un Gruppo di auto-aiuto sono presenti nei Gruppi alla Salute.

4.7 Caratteristiche dei Gruppi alla Salute


Si esamineranno ora le caratteristiche dei Gruppi alla Salute sviluppandole secondo l'ordine che stato applicato nel primo capitolo. I gruppi alla salute si presentano come dei gruppi che hanno lo scopo di aiutare la persona a superare il suo disagio e a migliorare il rapporto con se stessi e con e gli altri ma agli aderenti viene offerta un'interpretazione della vita, le soluzioni per vivere nella societ attuale e la necessit di sviluppare la propria specificit. Nel caso dei Gruppi alla Salute l'iniziativa nasce da un professionista piuttosto che dal volere di un gruppo di persone e tuttora i partecipanti pagano una prestazione sanitaria agli Ospedali Riuniti di Foggia. Partecipare al gruppo di Foggia ha lo stesso costo di una psicoterapia in ambito pubblico, circa 30 euro al mese a cui aggiungere eventualmente il costo per l'alloggio in Villa Terronia ed il pranzo, 45 euro al giorno. L'evoluzione che essi stanno seguendo ricorda quella di Recovery Inc, esaminata nel primo capitolo, in cui la responsabilit man mano transitata dal fondatore alle diverse associazioni satellite propagatesi nel tempo, infatti nelle Associazioni alla Salute nelle diverse Regioni d'Italia la partecipazione generalmente volontaria e gratuita. Le conseguenze che la nascita della Fondazione comporter sono al momento imponderabili. Le risorse di aiuto provengono dal gruppo stesso, dal contributo che le storie di ogni persona apporta.

Per quanto riguarda la composizione, il gruppo non ha una dimensione limitata, in alcune sedute si possono superare anche le cinquanta persone. I membri affrontano problematiche ed hanno et anche estremamente diverse, dai bambini agli anziani e questo non garantisce che una persona si senta compresa nei propri sintomi, come avviene nei GAMA. L'incontro con la differenza percepito come il fondamento della crescita e si pensa chesolo in un contesto simile le persone cosiddette disturbate possono portare un contributo rilevante. Se da una parte l'ampio numero pu stordire e trasformare i GAS in un convegno, ogni persona ha l'opportunit di socializzare con coloro che ritiene pi affini, da cui si sente pi compreso e sviluppare con essi un legame significativo. Nei Gruppi alla Salute satellite invece il numero simile a quello di un gruppo di auto-aiuto. In termini di potere i diversi ruoli dipendono dal grado di esperienza raggiunto. Nei gruppi di Foggia, non chiara la modalit con cui vengono scelti i conduttori mentre per quanto riguarda le Associazioni si tratta solitamente della persona che conosce maggiormente il MaS.

4.8 Le regole dei GAS


Le regole dei Gruppi alla Salute riguardano diversi aspetti centrali per il Metodo. 4.8.1 Regole basilari Le riunioni si svolgono presso il Centro di Medicina Sociale, in una sala che pu ospitare diverse decine di persone. I partecipanti sono disposti a cerchio su diverse file, al centro si trova un materasso-utero dove le persone si possono distendere, pisolare e farsi coccolare ed accarezzare, ad un'estremit del cerchio si trova il tavolo dove sono seduti i conduttori. Non vi sono necessit specifiche per la sala ma preferibilmente dovrebbe essere un luogo in cui sia possibile esprimersi liberamente e rumorosamente, senza disturbare i vicini. Non vi la preoccupazione di scegliere un luogo al di fuori delle istituzioni per far sentire le persone a proprio agio. La tendenza piuttosto opposta: coinvolgere un ampio numero di persone, di ogni tipo e farle entrare in un luogo un tempo riservato a tossici e folli. Vista anche la numerosit dei gruppi si pu entrare od uscire dalla sala quasi in ogni situazione. I gruppi hanno sempre un conduttore che scandisce i tempi, attiva le dinamiche e contribuisce con una teorizzazione che cerca di riassumere le dinamiche avvenute durante la giornata. Gli orari del gruppo sono definiti ma abbastanza elastici, perch tra i valori dei GAS, come si vedr vi un superamento del tempo cronometrico in quanto esso impedisce il vero ascolto e l'immersione nella vita. Se vi una dinamica significativa in corso ad esempio non la si interrompe.

La durata di 4-5 ore, per garantire che tutti coloro che lo desiderano possano parlare, ma si riduce ad un'ora e mezza circa nel gruppo di Bassano (D.B. 10 Aprile). L'ingresso di nuovi membri all'interno del gruppo di Foggia richiede di norma che la persona faccia una visita con il dottor Loiacono. Mentre nel gruppo di Bassano e presumibilmente negli altri gruppi satellite l'ingresso libero. A chi desidera lasciare i gruppi viene richiesto di esprimerlo all'intero gruppo, eventualmente riportando critiche e commenti costruttivi. Questa piccola ma significativa responsabilit, che rafforza lo spirito di gruppo e il rispetto per gli altri partecipanti non presente nei GAMA. In questi ultimi le regole di base sono la spina dorsale che garantisce un buon funzionamento. Nei GAS esse sono molto pi marginali e duttili, forse a discapito dell'efficacia perch alcune ricerche sembrano indicare che i gruppi con maggiore efficacia sono quelli in cui le regole sono pi rigide (Maton 1988). 4.8.2 I diversi livelli dei Gruppi alla Salute La partecipazione ai GAS prevede un percorso di crescente avvicinamento e coinvolgimento delle persone all'interno del Metodo e della sua ideologia, i diversi livelli sono gerarchici e vi si procede gradualmente. Il primo livello definito scorza ed il livello delle settimane intensive, durante le quali la maggiorparte delle persone viene avvicinata. Si partecipa da mattina alla sera, assistendo anche all'unit didattica e al rituale dei popoli delle terre danzanti; dello stesso livello fanno anche parte i Gruppi alla Salute regolari. Al secondo livello, legno, si riceve una formazione riguardante l'ideologia del metodo, attraverso Corsi di Dinamiche di Vita e Quadrimensionalismo. Nella fase del cuore si pu diventare accompagnatori e professare il Metodo nel proprio contesto quotidiano. 4.8.3 Le fasi di un Gruppo alla Salute Ogni seduta del GAS articolata come un viaggio. Le diverse fasi del viaggio sono indicate dal Graallasalute (Petrella 2007:187) e prevedono forme espressive diverse. Il Graal rappresenta un graduale viaggio verso le profondit, fino a raggiungere un livello di profondit che condiviso da tutti. Durante la fase dei pensieri si esprimono idee sulla vita elaborate da ante-nati che hanno prodotto delle riflessioni a partire dalla propria esperienza. Ogni antenato ha valore di per s, senza distinzione, ma necessario che si sia immerso nella vita per riflettervi. I partecipanti che lo desiderano possono condividere una riflessione che considerano significativa senza che gli altri la commentino o la censurino. Si pu trattare ad esempio di una canzone che si balla tutti assieme, di

una poesia o del brano di un libro. Questa condivisione pu essere ispirante per tutti ed ha anche la funzione di rompere il ghiaccio. Alcune canzoni sono diventate una parte rituale degli incontri del Metodo alla Salute, come la canzone d'incoraggiamento Goccia dopo Goccia (Di Stefano & Fasano 1994). La seconda fase quella delle Comunicazione, in cui si d spazio al presente attraverso la presentazione di ciascun partecipante. Ognuno deve dire il proprio nome, la provenienza, la ragione per cui si avvicinato al Gruppo alla Salute e quale stile di Vita vuole cambiare, ad esempio il consumo di sostanze o psicofarmaci, la propria depressione, l'assenza di emozioni vitali. Si racconta da quanti giorni si sta cambiando stile di vita e si promette che si continuer nel cambiamento fino al giorno successivo e se si fallisce che lo si riferir al gruppo perch la sincerit e l'umilt sono i presupposti per avvicinarsi alla Vita. Dopo dieci giorni si fa un applauso di incoraggiamento, sonoro, muto, o battendo i piedi per manifestare la com-partecipazione del gruppo allo sforzo dimostrato. Se si torna a ricadere si ricomincia a contare da uno. Questa modalit ereditata direttamente dagli AA ed altri gruppi dei 12 passi che affrontano le astinenze. Le comunicazioni possono anche riguardare le relazioni tra i partecipanti, rispetto a persone assenti o tra due familiari che stanno vivendo un conflitto. Si sfocia spesso in delle dinamiche che i conduttori facilitano, come verr riportato in seguito. Infine si pu utilizzare la fase delle comunicazioni per informare su iniziative in programmazione. Questa fase, considerate anche le dinamiche che si possono attivare quella che dura di pi, gli altri partecipanti possono intervenire e anche commentare negativamente ci che una persona dice ma solitamente questo viene fatto solo dalle persone chiamate in causa o dai conduttori (D.B. 20 Luglio). Non essendoci regole a riguardo viene a mancare la garanzia dell'assenza di giudizio caratteristica dei gruppi AMA, che nei GAS solo un principio.

Nella fase dell'immersione le persone che lo desiderano raccontano in modo descrittivo un episodio della propria vita. E' una fase quasi sacra e pertanto viene richiesto di non entrare od uscire dalla sala, di non intervenire ed ascoltare fino alla fine del racconto ricreando cos un contesto devoto. Quindi si passa ad un'altra persona che racconta a sua volta la sua esperienza. Solitamente non si fanno pi di cinque-sei immersioni in una seduta perch esse ispirano molte riflessioni e confronti col proprio passato, che vengono indirizzate nella quarta fase. L'immersione una fase molto emotiva, spesso le persone si commuovono mentre si aprono agli altri. Gli episodi narrati sono considerati quasi degli ordigni disinnescati, che se si trattengono possono risultare devastanti. Un concetto erroneo, ereditato dagli approcci catartici. L'ultima fase il Fondo Comune e consiste nel fare Teoria Globale, nel carpire insegnamenti da ci che si visto per comprendere come funziona la vita e in che modo si pu raggiungere una maggiore interezza. Il Fondo Comune fa tornare, secondo Loiacono, alle radici della vita che fanno sentire specifici ma anche uniti al medesimo humus (Loiacono 2000:207). In una prima fase si indicano le dinamiche, le immersioni o le frasi che hanno colpito maggiormente, senza sapere quali saranno le conclusioni. Quindi si cerca di dare un titolo alla teoria, solitamente utilizzando due concetti opposti (ad esempio: Fratello Zavorra o Fratello Amico). Successivamente si porta il proprio contributo, cercando di astrarsi dagli episodi concreti per elaborare ci che la realt ha suggerito rispetto al tema scelto (Abagian 2001:48). Ogni persona pu dare il suo contributo ma non obbligata a farlo se non porta nulla di nuovo. Nel proprio intervento non si giudica n si danno consigli ma si cercano di utilizzare le storie emerse per contemplare come funziona la vita (Loiacono & Velluto 1977:21). Nella pratica pu avvenire che si esprima biasimo e si giudichi negativamente il comportamento di una persona mentre pi raro che si commentino le teorie sviluppate da altri (D.B. 20 Luglio). Alla fine i conduttori riassumono ci che si detto in una Teoria Globale. Le Teorie vengono raccolte ed possibile acquistarle dal Centro di Documentazione del Metodo. Analizzando il funzionamento chiaro che non esiste un tema specifico da seguire durante le riunioni come nei Gruppi AMA, ma questo si sviluppa durante la riunione stessa. In alcune sedute le regole variano: nel ring e nel bilancio finale vi un confronto serrato tra i familiari che eventualmente si pu sviluppare in dinamica. Le supervisioni invece sono una parte distinta dei Gruppi alla Salute, consistono nell'analizzare una persona, una coppia o una situazione di vita per fornire spunti di crescita. Alla supervisione partecipano persone che si sentono distinte dalla situazione ed hanno abbastanza risorse per vederla

da distante. Ogni persona porta un suo contributo, un giudizio anche negativo e alla fine viene fatta una teoria globale da parte di coloro che sono coinvolti nella situazione (Loiacono 2007:46). 4.8.4 La presenza dei familiari Condizione necessaria per divenire una persona in trattamento l'essere accompagnati da un familiare perch chi vive il disagio non il capro espiatorio dei problemi della famiglia, il cui destino viene delegato al servizio. Spesso i familiari non credono nella possibilit di un cambiamento nella condizione del proprio parente e inconsciamente lo temono perch questo li costringerebbe a rivedere il proprio ruolo. Coinvolgendoli nel metodo come persone indipendenti, si offre loro la possibilit di rivedere la propria vita ed avere un altro approccio con i propri parenti. La situazione individuale e quella familiare sono quindi separate. Come gi riportato, comune che il familiare accompagnatore trovi ragioni per cominciare un percorso individuale attraverso il metodo (D.B. 19 Luglio). Il coinvolgimento dei familiari offre molteplici vantaggi: in primo luogo si riduce la possibilit che i cambiamenti messi in atto dalla persona problematica svaniscano una volta tornata nel contesto naturale di vita. Idealmente anzi vi un cambiamento comune, un avvicinarsi l'uno all'altro e comprendersi meglio. Peraltro offre l'opportunit di proiettare sul genitore le ragioni delle proprie manchevolezze senza mettere in discussione, perlomeno in una prima fase, il proprio modo di essere, accantonando il senso di inadeguatezza e di colpa per la propria condizione. D'altro canto molti terapeuti si fermano a questo e non cercano di far notare alla persona le sue manchevolezze o suggerire come potrebbe migliorarsi, anche perch potrebbero rischiare di perdere il proprio cliente (Singer & Lalich 1998). Non il caso dei GAS in cui alla persona, viene gradualmente richiesto di imparare a perdonarsi per poi prendersi le proprie responsabilit (D.B. 22 Luglio). Il mondo di oggi e la relazione con i genitori sono entrambi soggetti che vengono affrontati con forte e giustificata ambivalenza dalle persone (Luescher & Pillemer 1998). Le persone in condizioni di difficolt e tristezza hanno pi facilit nel ricordare del proprio passato situazioni negative piuttosto che positive (Williams & Scott 1988). Pertanto, una volta assunta questa posizione sar pi facile trovare elementi a favore della propria idea ed accusare i genitori della propria condizione liberandosi da relazioni simbiotiche e imprigionanti. Sebbene nell'ideologia del metodo la ragione

del disagio non sia genitoriale, uno dei fattori comuni delle dinamiche osservate l'accusa e l'espressione del malessere ai propri genitori (D.B. 20-21-22 Luglio). Il coinvolgimento di familiari non una proposta inedita: nei gruppi di auto-aiuto per pazienti psicotici comune e riguarda la met dei gruppi (Corlito et al 2003). 4.8.5 Astensione da sostanze psicoattive Un'altra condizione necessaria per partecipare ai Gruppi l'astensione da sostanze psicoattive. Le persone che assumono droghe ed alcool, anche senza esserne dipendenti, sono tenute ad interromperne il consumo e a dichiarare da quanti giorni hanno cominciato una vita alla salute. Non si tratta per di un dogma che le persone senza dipendenze si portano dietro come un peso nella vita quotidiana e non si percepiscono pressioni tra un partecipante e l'altro a questo proposito, alla fine della settimana intensiva molti tornano soddisfatti alla propria birretta al ristorante (D.B. 23 Luglio). Per quanto riguarda le persone che assumono psicofarmaci questi vengono scalati gradualmente, secondo le prescrizioni di Loiacono. Per quanto riguarda le sostanze, vista la loro funzione nelle ritualit delle culture tradizionali a cui il Metodo si richiama ho presentato questa domanda:

Contesto: Nella fase finale de l'Unit Didattica L'Iceberg, quando si fanno le domande dal pubblico. Partecipanti: Io, Mariano Loiacono Io:Dunque si dice, come penso sia parzialmente giusto, che le sostanze, gli effetti delle sostanze siano virtuali. Ma visto che possiamo provare le stesse sensazioni da sole, con tecniche che sono patrimonio di civilt antiche. lo abbiamo sperimentato questa mattina, durante il rituale, abbiamo risvegliato delle sensazioni interiori. O ci sono i dervisci, c' la meditazione. Ci sono diverse tecniche. Io mi domando se sono le sostanze ad essere virtuali o se l'uso che se ne fa ad esserlo. Mariano Loiacono: Beh, se tu vuoi fare fatti, che ne so mo non che... un po' stizzito - puoi darmi una giustificazione.... Qua non siamo proibizionisti. Io dico, se uno si vuole fare si faccia, dico solo che una soluzione parziale. Non una cosa negativa o altro. Per me quando uno scopre che pu avere non nello stesso modo ma potenziate le stesse cose sue penso che uno indietro non voglia tornare. Per se uno ritiene che si vuol fare di sostanze si faccia. Non c' un'ottica persecutoria, perch senn devo perseguitare tutti. [] Vivere con le proprie sostanze

meglio. Poi uno pu essere pi bravo ad usarle, meno bravo ma... Certo, se io non voglio cambiare, mi mancano certe esperienze me le faccio virtuali. Per me chi viene qui deve imparare a produrre le proprie sostanze perch ha perso la capacit di produrle, soprattutto se si fa di sostanze. Di questo ne sono convinto, anche perch ho 34 anni di esperienza con tossicodipendenti ed alcolisti (Nuova Specie 2010).

Ad una prima risposta che si pu reputare indisponente Loiacono fa seguire delle considerazioni pi misurate. L'apertura alla contraddizione e alla discussione per solo parziale, la manchevolezza sta nella persona che non ha ancora sperimentato certe cose e quindi utilizza le sostanze. E' naturale che per l'identit di un gruppo certe cose non si discutano e in questo caso, visto la presenza di persone che hanno interrotto con difficolt l'uso di sostanze necessario sottolineare l'importanza della visione ideologica, ovvero che le sostanze riproducono, in maniera ridotta, esperienze della vita. La riduzione o l'astensione da psicofarmaci pu essere per alcuni di per s un obiettivo ma necessario fare presente che ogni situazione va considerata individualmente. Qualora il farmaco sia la condizione essenziale o quella pi efficiente perch la persona possa vivere un'esistenza maggiormente integrata ad un costo accettabile, in termini di ricadute sulla salute, sul benessere ed il funzionamento rispetto ad una lunga e naturale reintegrazione ovvio quale sia la scelta pi razionale e sostenibile. Vivere liberi da psicofarmaci, ma con un livello di funzionamento tale da non consentire relazioni significative od un lavoro non necessariamente un indice di successo.

4.9 I principi dei Gruppi alla Salute


I principi dei Gruppi alla Salute sono molteplici regole non scritte e molte sono legate all'ideologia gi descritta. I principi che verranno elencati riguardano in particolare il funzionamento dei gruppi. Nella loro trattazione originale essi vengono sviluppati parossisticamente (Loiacono 2000:203) mentre qui sono sintetizzati e messi in discussione. 4.9.1 La Teoria-Prassi Perch sia possibile costruire soluzioni adeguate alla vita necessario che la capacit di fare teoria, di vedere, osservare, contemplare, sia accompagnata dalla possibilit di mettere in pratica, per poi riflettere nuovamente, in un processo ciclico continuo basato sull'apertura al diverso e al dubbio. Per cercare la verit, ovvero l'ipotesi pi adeguata, bisogna continuamente tornare alla vita e ai

fenomeni vivi (Loiacono & Velluto 2007:5). Questo approccio sembra molto prossimo ad un atteggiamento fenomenologico alla vita, basato sull'esercizio costante del dubbio e la negazione dell'ovviet (Trinchero 2004:128) ma vacilla in presenza di ogni forma di ideologia, come si vedr tra poco parlando del principio di contraddizione. 4.9.2 Processi che permettono l'immersione Alcune regole non scritte riguardano la possibilit di immergersi nella vita e raccoglierne parti inedite. E' innanzitutto necessaria una separazione dal proprio contesto, dalle proprie abitudini e sicurezze in modo da creare un vuoto che possa essere riempito dalla novit comprese le diverse forme di sballo, gli scombussolamenti rispetto alla solidit precedente e lo stupore che si sperimenta quando si entra in contatto con delle cose inedite. La solidariet, la capacit di essere abbastanza solidi da fare il primo passo, all'interno dei gruppi non dettata dalla morale o riconoscimenti esterni ma da esigenze di cambiamenti interiori, da un progetto di rigenerazione individuale della propria salute. E' infine necessaria una certa continuit, l'immersione non pu essere episodica ma deve essere una pratica costante, richiede perci un cammino che si fa giorno per giorno. 4.9.3 Ascolto Durante i gruppi necessario mantenere l'ascolto: solo se una persona immersa nella vita ed ha delle parti vuote che possono essere riempite pu essere in grado di percepire la persona che gli sta vicino, di avvertire la presenza di cose inedite. Si tratta soprattutto di mettersi in sintonia con il buio, le tenebre, le ombre di morte di un fenomeno vivo cercando di coglierne i cambiamenti nel quotidiano. Ascoltare significa anche credere nelle risorse ancora non manifestatesi nella persona, che probabilmente saranno vitali per la su crescita. Pur essendo un valore, non un obbligo. Le persone possono pisolare od uscire dalla sala quando gli altri parlano. Questo lassismo evidenzia l'importanza della responsabilit personale ma pu essere deleterio per coloro che vivono una condizione che necessita di contenimento e struttura, che avranno difficolt a beneficiare del metodo. 4.9.4 Superamento dei tempi scanditi Per realizzare un crossing-over non ci si pu basare sui tempi scanditi, sul kronos. L'assenza di tempo ci che permette il rivelarsi del kairos, il periodo favorevole alla vita ed al cambiamento.

Il rispetto dei tempi individuali che ne consegue per in contraddizione con la funzione di catalizzatori, acceleratori del cambiamento, che Loiacono attribuisce ai GAS. 4.9.5 Principio di Contraddizione Perch il crossing-over sia possibile necessario essere aperti alla contraddizione. Il principio di non-contraddizione , secondo Loiacono, quello su cui si basa ogni ideologia, ogni religione ci che porta ad eliminare tutto ci che contraddice la propria verit. Per essere pi vicini alla globalit necessario essere a contatto continuo con la molteplicit perch senza di essa non si pu entrare a contatto con l'inedito e crescere tramite esso (Loiacono 2000:206). Questa apertura alla contraddizione , al contrario di ci che afferma Loiacono, il fondamento della scienza e del metodo scientifico mentre spesso sono i sostenitori di un'ideologia, i difensori di un'istituzione a temere la contraddizione. Bauman (2001) afferma che pi bizzarra e poco credibile un'ideologia maggiore sar la necessit di difendere le sue verit strenuamente. Ho indicato nell'Osservazione Partecipante riguardante le Sostanze Psicoattive che c' la tendenza nei GAS a proteggere le idee centrali del gruppo. Spesso quando qualcuno non convinto Loiacono tende a dire che il metodo non per tutti, in contraddizione con ci che viene recitato nel sito internet, e che se si pensa non vada bene per se stessi meglio andare via (D.B. 22 Luglio). La contraddizione accettata fino ad un certo punto.

4.10 Processi in atto sull'individuo nei Gruppi alla Salute


Si riprende e si sviluppa qui la classificazione sui processi in atto nei Gruppi di auto-aiuto, partendo anche in questo caso dai processi peculiari per poi spostarsi su quelli condivisi da altri gruppi di auto-aiuto. 4.10.1 Crossing-Over Il termine crossing-over di origine genetica ed indica la ricombinazione di materiale genetico tra cromosomi omologhi che avviene nella cellula madre. Nell'ideologia del metodo una modalit di incontro con l'altro e con le sue parti sconosciute che rigenera la propria identit, ci che permette una comunicazione paritetica tra individui completamente diversi. Sono gi stati citati gli elementi necessari perch questo avvenga, consistenti in una certa apertura al nuovo ed al diverso. I Gruppi alla Salute propongono di superare lo stigma e l'emarginazione attraverso lo scambio e il contatto continuo tra persone diverse. La persona non si riconosce negli altri per il problema che

condivide e questo preserva da una delle criticit sollevate per i GAMA, ovvero che essi stessi possono essere stigmatizzanti perch appiattiscono l'identit della persona alla sua malattia. La persona all'interno dei GAS non depressa, o divorziata o psicotica, ma persona che affronta un problema, membro di un gruppo di cui potrebbe far parte potenzialmente l'intera umanit. Ogni contributo, ogni vita considerata importante e degna di attenzione. Naturalmente, perch il crossing-over sia effettivamente efficace necessario coinvolgere in maniera equa, evitando le forzature, tutti i partecipanti, in caso contrario l'emarginazione avr solamente cambiato contesto, ma sar sempre presente. L'elevato numero di partecipanti ai gruppi di Foggia e le condizioni di partenza molto diverse, vi giungono anche persone con ritardo mentale congenito, non consentono in ogni occasione questo tipo di partecipazione. Ci si domanda poi se il superamento dei pregiudizi avvenga spontaneamente o debba seguire alcune fasi non meglio specificate. Si possono fare alcuni esempi dei processi descritti dai partecipanti, premettendo che essi sono solo una parte delle molteplici testimonianze a riguardo. Una persona in trattamento ad esempio afferma Pu sembrare strano ma le persone che pi mi hanno accompagnato a riconoscere parti di me sono stati i 'cosiddetti' psicotici ed i bambini, persone che sono riuscite a scalfire la mia razionalit e farmi ritrovare la mia parte bambina (Martelli 2007). Un'altra ragazza, Luna, ha vissuto il tempo con un ragazzo con diagnosi di psicosi importante per far riaffiorare cose di s (Petrella 2007:135). Una signora ha raccontato che una reazione di gelosia da parte di uno psicotico che non aveva ricevuto abbastanza attenzioni le aveva riportato alla mente dei ricordi legati ai suoi primi mesi di madre, che aveva represso da molto tempo ed era stato come togliere un tappo (D.B., 21 Luglio). Durante una settimana intensiva (Abagian 2001:48) l'arrivo inaspettato della signora F., psicotica e delirante, ha monopolizzato l'intera mattinata e le dinamiche si sono sviluppate esclusivamente attorno a lei. La donna era capace di fare teoria sul proprio disagio, riconoscendo quali erano stati gli eventi che l'avevano condotta in quello stato ma non lasciava spazio agli altri per parlare, pregava, si esprimeva con una gestualit intensa e coinvolgente che non poteva lasciare indifferenti i presenti. Loiacono, conduttore della seduta, l'ha messa in relazione con gli altri partecipanti. Ad esempio si rivolta ad un tossicodipendente dicendogli di non drogarsi altrimenti perder la sua bellezza. Molte persone hanno rivisto parte del loro passato in quella donna, altre si sono sentite infastidite dalla sua presenza, ma anche a questo fastidio nella fase finale della seduta si cercato di dare un senso.

La combinazione di persone con problemi diversi uno degli elementi pi interessanti ed inediti del Metodo alla Salute e riflettono il tema centrale di questa dissertazione: la possibilit di ricreare una comunit a partire dalle manchevolezze di ognuno e dalla loro accettazione e rivalutazione. Ma quanto questo processo possa giovare persone che vivono ad esempio la schizofrenia, questo un quesito aperto e dipende dalle modalit con cui vengono valutati i processi di guarigione, se attraverso dei criteri concreti o attraverso gli occhi dell'ideologia. Per il metodo maggiore la promiscuit maggiore la possibilit che il sofferente riconosca negli altri parti simile alle sue (Petrella 2007:178). Questa ipotesi ignora per che la confusione pu essere una forte di fonte stress per coloro che non hanno la ricettivit per cogliere dinamiche multiformi. Per questi, il conforto offerto da operatori e volontari in caso di difficolt (Abagian 2001:53), pu essere d'aiuto, ma non render l'ambiente terapeutico. Il caso di Michele (Petrella 2007:136) che soffriva di gravi psicosi, deliri e crisi con autolesionismo ed arrivato al Centro di Medicina Sociale sotto neurolettici, pu fornire qualche altra indicazione a riguardo. Dopo aver vissuto dinamiche molto violente di cui il centro si fatto carico ed aver sferrato un pugno a Loiacono, a Michele vengono date delle regole. Partecipa a dei viaggi con il Gruppo alla Salute e durante uno di essi ha una crisi che per sembra molto meno incoerente delle precedenti, infatti dice: Io sono nato, e nello stesso giorno in cui sono nato sono morto. Sono un cuore ma tutti non vedono e mi mettono sotto, e io mi faccio male. Io il mondo cos non lo voglio guardare!. La stessa sera ha una crisi isterica. Loiacono interpreta l'avvenuto in questo modo: Purtroppo per lui, anche grazie al nostro lavoro, ora sta meglio e non riesce pi ad utilizzare in maniera efficace le modalit psicotichecome ha fatto per tanti anni. Il che un vantaggio per noi. Ma per lui adesso comincia una maggiore consapevolezza del suo star male e il dover elaborare nuove modalit [..] Adesso come se stesse diventando nevrotico. Anche se la scienza psichiatria dice che uno psicotico non pu diventare mai, o quasi mai, un nevrotico[..] tornato a vivere direttamente l'angoscia e non riesce pi a trovare la precedente soluzione di uno sfogo psicoticodelirante, vissuto senza averne piena consapevolezza. Ora sta trovando altre strade. Certamente si trova in una fase un po' delicata rispetto alla quale, ancora pi di prima, viene interrogato e coinvolto chi sta intorno (Loiacono 2007:23). L'analisi di Loiacono ha degli elementi dell'approccio fenomenologico e non si limita ad osservare i sintomi senza contestualizzarli. Michele risulta man mano pi adeguato e migliora anche se successivamente torna a stare male per alcuni giorni, a vivere sintomi psicotici ma il fatto che il processo di crescita sia tortuoso non nega l'effettivo miglioramento, dato dall'acquisizione di competenze acquisite nella realt ordinaria.

Michele ha smesso di frequentare il centro perch i genitori non partecipano pi ma quando viene a trovare risulta lucido ed adeguato e pare vivere un periodo di relativo benessere malgrado non lavori e non sia indipendente finanziariamente (Petrella 2007:141). Il climax della guarigione di Michele quindi associato in particolare ad un episodio, ma non vengono forniti elementi per valutarne l'effettivo miglioramento su parametri concreti. In termini riabilitativi non lavora e non si sa frequenta una rete sociale diversificata come quella che gli era stata offerta per un certo periodo dal centro. La storia di Luigi (Petrella 2007:129) offre ulteriori spunti di riflessione: cresciuto con una madre apprensiva comincia a 14 anni a soffrire di deliri di persecuzione e disturbi ossessivi-compulsivi. Diagnosticato un disturbo di personalit viene ricoverato in diverse cliniche private, visitato da alcuni degli psichiatri pi famosi d'Italia e trattato con numerosi psicofarmaci. Arriva al centro a 25 anni e comincia a relazionarsi con i suoi coetanei, malgrado l'aspetto sgradevole e il grave rallentamento dovuto ai neurolettici. In capo ad un mese gli psicofarmaci sono interrotti e comincia a vivere insieme ad altri ragazzi e ragazze della sua et. Si innamora, viene respinto. Vive anche delle fasi regressive, durante le quali non si lava, non mangia e non urina si rinchiude nel silenzio, cerca di bruciarsi o insulta tutti. Loiacono suggerisce al gruppo che Luigi stava morendo al vecchio per poi rinascere nuovamente (Petrella 2007:134). L'esperienza psicanalitica indica che nel trattare una persona con psicosi preferibile evitare le regressioni a comportamenti istintivi e promuovere il contatto con la realt, che la persona ha sacrificato in nome degli istinti (Racamier 1956), altri approcci riabilitativi valuterebbero i segni indicati da Loiacono come elementi particolarmente negativi. Vi sono anche delle fasi violente in cui urla in un supermercato o rompe una finestra, ma anche queste vengono accettate e non sono trattate con la somministrazione di psicofarmaci. Caldeggiare, accettandoli come giusti e naturali, comportamenti aggressivi in persone con psicosi pu favorire atti di violenza al di fuori della terapia (Nichols & Zax 1977:195). Non si tratta di incutere terrore sociale, ma va ricordato che purtroppo per qualsiasi reato, anche di minore entit, le persone con infermit mentale in Italia possono venire incarcerate in quelle raccapriccianti istituzioni che sono gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. Si tratta di una responsabilit non indifferente, in primo luogo sulla sorte della persona in questione.

Il rapporto con la madre migliora anche se lei non si affida completamente al metodo. Luigi fa dei passi avanti nei rapporti con gli altri, non si rinchiude pi in se stesso, anche se a volte vive delle crisi di qualche giorno (Petrella 2007:135) Altre storie hanno esiti che possono venire considerati ancora meno positivi. Durante il tirocinio ho avuto modo di conoscere una persona che aveva visitato il Centro di Medicina Sociale e durante una notte in Comunit aveva vissuto un'allucinazione che l'aveva fatta scappare via e tornare a casa (D.B. 25 Novembre). Per un'altra utente friulana dopo l'esperienza di Foggia stato molto arduo per i Servizi tradizionali riprendere contatto con lei e ricominciare un percorso di riabilitazione (D.B. 10 Novembre). 4.10.2 Espressione corporea: catarsi ed abbracci Mentre nei GAMA l'accento viene posto sugli scambi verbali i GaS danno un'importanza maggiore all'espressione corporea ed emotiva perch pi vicine alla vita. Sebbene nella pratica vi sia una continuit tra le diverse forme di espressione possiamo suddividerle in diverse categorie: esternazioni catartiche, scambi d'affetto e vicinanza o momenti d'intrattenimento come la danza ed il canto, non necessariamente meno importanti. Le modalit catartiche dei GAS verranno discusse successivamente nel capitolo. All'interno dei gruppi si osservano persone che si accarezzano, si massaggiano, si abbracciano e si consolano con spontaneit, senza alcuna malizia, piuttosto giocosit (D.B. 20 Luglio) e cercano di ricreare ci che stato definito un utero a cielo aperto. Quando una persona desidera particolari attenzioni si pu distendere nel materasso al centro e probabilmente qualcuno si dedicher a coccolarlo (D.B. 20 Luglio). Il gruppo sostiene le persone soprattutto nella fase successiva alle dinamiche. La pratica dell'abbraccio anche ritualizzata in diverse occasioni. Ad esempio quando una persona parla della propria esperienza il conduttore pu invitare gli altri partecipanti ad abbracciarla, mentre il resto del pubblico scandisce il tempo battendo le mani. La grande apertura e gratuit che si vive contagiosa e pu abbattere le resistenze personali. Questa forma di supporto pu rispondere al bisogno di contatto corporeo ed espressivit emotiva che hanno molte persone (Boldrini in Petrella 2007:46). Anche in questo caso per non detto che tutti abbiano bisogno, in ogni momento di un contatto corporeo. Ad esempio in questi stralci di osservazione:

Distratta durante una dinamica, D., seduta in un angolo della stanza a fianco a M. che sotto psicofarmaci lo abbraccia distratta mentre lui continua a guardare nel vuoto, completamente assorto e indifferente. (D.B. 21 Luglio). F. appare immerso nei suoi pensieri. A. passa a fianco a lui e si siede sulle sue ginocchia, mettendosi le sue braccia attorno al grembo.

Assorbiti dai propri bisogni di calore ed affetto si pu anche trascurare quelli che sono i bisogni di un'altra persona, non riconoscendone l'individualit e i desideri. In questo non vi nulla di dannoso ma agire contro il volere di una persona, riducendolo a un pupattolo da coccolare non valorizza certo la sua autonomia od affettivit. Loiacono stesso ha l'abitudine di toccare le persone e di stimolarle al contatto. Una signora mi ha riferito che quando ha cominciato a frequentare il centro non sentiva il proprio corpo perci il dottore aveva invitato i partecipanti a palpeggiarla, in alcuni casi si erano utilizzate modalit anche pi dirette ed aggressive (D.B 21 Luglio). L'atmosfera che si vive al centro suggerisce che non vi abuso in queste modalit ma importante indagare la loro potenziale nocivit sulla psiche, magari gi fragile, e sulle percezioni degli individui. Si tratta senza dubbio di una prassi diversa dalle psicoterapie tradizionali, degli approcci cognitivocomportamentali e psicoeducativi, che considerano negativo addirittura il fatto che il terapeuta tocchi il paziente (Singer & Lalich 1998). 4.10.3 Ideologia L'ideologia del Metodo alla Salute influenza fortemente i partecipanti, molto pi che nella media dei GAMA per la salute mentale. Nel gruppo di Bassano, perlomeno nel periodo in cui sono stati presi i contatti, la fase pregnante dell'incontro consisteva nella lettura di un testo di Loiacono, come avviene per altri Gruppi di autoaiuto nati dal carisma di un leader, ad esempio Recovery Inc. Il Metodo offre, come si visto, una spiegazione comune per le proprie sofferenze, le ricadute e i momenti difficili, spingendo la persona a cambiare modo di vedere questi problemi e non averne paura.

Molte persone giungono al centro dopo un percorso di sofferenza e fallimenti nei servizi psichiatrici pubblici e privati. L'elevato livello di stress rende pi facile che avvengano conversioni quasi religiose, cambiamenti estremi del proprio modo di pensare (Antze 1976). Loiacono fomenta questa rabbia frequentemente per costruire un maggiore consenso e fornire un'immagine parziale dei servizi italiani per la salute mentale. Queste modalit mantengono alto il fervore politico, sottolineando la distinzione rispetto ad altri gruppi, rafforzandone l'identit e garantendone la longevit (Emerick 2009). Il rovescio della medaglia che un approccio simile limita il contatto con i servizi di salute mentale e la possibilit di influenzare effettivamente le loro metodologie. Il gergo del metodo e i suoi rituali vengono assunto dai partecipanti: tutti quanti si definiscono portatori di un disagio, anche se per alcuni asintomatico, si abituano a dare e ricevere abbracci di incoraggiamento, si adeguano a rituali bizzarri. Molte altre idee centrali del metodo sono ripetute dai partecipanti mentre raccontano le loro esperienze o testimonianze sull'efficacia del metodo e questo, come si visto nel primo capitolo, ha un forte effetto persuasivo sull'individuo e su coloro che lo ascoltano. La persona acquisisce l'ideologia del Metodo e la utilizza in maniera standardizzata per modificare le assunzioni sul mondo e su di s, ritenendo per esempio che sta facendo qualcosa di eccezionale entrando in contatto con le profondit della vita o impegnandosi nella ricerca di un fondo comune con gli altri. Anche nella fase della Teoria i partecipanti e soprattutto il conduttore, come si vedr nella sezione successiva, utilizzano i concetti di Loiacono per avvalorare le loro posizioni. I corsi instancabilmente organizzati dalle Associazioni alla Salute sono essenzialmente dedicati allo sviluppo e alla diffusione dell'ideologia del Metodo da parte di Loiacono pi che a fornire informazioni pratiche su come fronteggiare il disagio o le proprie problematiche. Si gi mostrato come l'ideologia sia abbastanza contorta e malgrado questo in continua espansione, anche attraverso le teorie che vengono fatte quotidianamente. Molte persone con problematiche gravi potrebbero non coglierne la complessit e tutto il tempo che vi si dedica potrebbe essere perso per quanto riguarda queste persone. Il rischio di ridurre tutte le problematiche a diverse forme di disagio la negazione di disabilit oggettive come mostra quest'osservazione: Partecipanti: F. (figlio), Padre, D. (partecipante)

Contesto: F. si mostra come una persona dai tratti autistici forse con lieve ritardo mentale, parla a tratti si esprime soprattutto tramite abbracci e si lascia coccolare in silenzio da molte ragazze, anche se spesso sembra assente e non desideroso di ricevere tante attenzioni. Il suo sguardo spento, anche perch nascosto da occhiali spessi. Durante la settimana non ha mai parlato in gruppo ma ha recitato in uno spettacolo teatrale. Il padre si rivolge a lui e si unisce anche D., una donna che per tutta la vita ha assistito il fratello con schizofrenia. Padre: Io voglio che tu ti svegli! - alzando sempre pi la voce e con tono autoritario- Voglio che tu faccia qualcosa. Tu non sei handicappato. E' solo che non ci provi. Se fossi handicappato lo capirei. F. non risponde resta in silenzio con gli occhi bassi, seduto da solo. Interviene D. D.: Tuo padre ha ragione! Devi svegliarti F. Io ho sacrificato la mia vita cos. Tu devi cominciare ad agire!- alzando la voce e cominciando a piangere, viene consolata dalla sorella accanto a lei. F. resta nel suo silenzio.

Gli sfoghi di D. e del Padre appaiono pi utile ad auto-commiserarsi per la propria situazione piuttosto che servire da stimolo a F. Negare l'esistenza di una disabilit, che non corrisponde a negare la malattia il suo stigma, un modo per giustificarsi dal non agire, giorno dopo giorno per cercare di aiutare la persona a superare i suoi limiti attraverso una concreta riabilitazione. Ideologia difficile da comprendere per tutti, ma vi viene dedicato molto tempo. 4.10.4 Il Fare Teoria Un altro elemento che riguarda l'influenza dell'ideologia sui partecipanti ai GAS l'opportunit di Fare Teoria su s stessi a partire dalle idee del Metodo, ma soprattutto da ci che le dinamiche e le immersioni risvegliano nei partecipanti. Ognuno pu uscire dai gruppi con idee inedite, personali, sui propri problemi. Non una fase in cui si sperimenta il problem-solving o in cui vengono date soluzioni pratiche. Il senso del Fare Teoria viene descritto dal conduttore in questo passaggio: R. (conduttore) : Stamattina il materiale stato tanto, ognuno si visto un pezzo, per, proprio perch, appunto, qua ognuno si vede nella storia dellaltro, ognuno vede delle sfaccettature nellaltro adesso possiamo risalire da questa valle, delle cose sono accadute e adesso un po alla volta, ognuno si porta un pezzettino intanto questo pezzettino entrato dentro di noi e ci ha fatto riconoscere delle cose, ce lo scambiamo e scambiandocelo risaliamo il monte e riusciamo

a vedere dallalto perch ognuno dice qualcosa e ampliamo i meccanismi della vita e riconosciamo i meccanismi a partire perch qua non si tratta di chi ha ragione e chi torto, le dinamiche sono dinamiche di vita, la vita non che chi giusto e chi sbagliato, infatti qua nessuno ha la verit, per se tanti di noi in questa giornata di oggi abbiamo riconosciuto dei pezzi, tanti pezzi formano una luce che vanno a illuminare il mare infinito che c perch noi stamattina non sapevamo che dinamiche venivano fuori, il bello del Metodo questo, che non sapevamo il materiale che venuto oggi illuminiamo ste parti, domani illumineremo altre parti e cos dicendo si fa il cammino. (Atti della Settimana Intensiva)

Attraverso questo processo si pu acquisire un insight sulla propria condizione ed osservarne i nodi critici. Il gruppo pertanto stimola la responsabilit individuale nell'osservarsi e conseguentemente decidere che cosa sia meglio per se stessi. Si riporteranno alcuni stralci riguardanti le teorie elaborate dai partecipanti per mostrare in che maniera le idee personali possono divenire patrimonio di tutti: Teoria Globale: La Crescita non fatta ha creato disastri G. : Per me questo titolo significa che anche noi genitori siamo cresciuti io penso che gi noi genitori non siamo cresciuti e tutto questo disagio labbiamo riversato sui nostri figli. F. : Ognuno di noi un individuo, una persona a se, non puoi dare la colpa a quello e a quellaltro, tu ti devi prendere le tue responsabilit D. : Penso che dobbiamo partire da questo concetto: che cos la crescita! Quando ci poniamo questa domanda possiamo parlare sia di genitori che di figli. Hai ragione tu quando dici che ognuno di noi un individuo e quindi vale per se, per una cosa essere figli e una cosa essere genitori! A. : Al di l del fatto che in questa societ non mai messo in discussione il ruolo di genitore, almeno non fino in fondo, almeno nella maggior parte dei casi perch qui intendendo all'interno dei gruppi - riusciamo a mandare a fare in c**o un padre, a prendere a calci una madre, normalmente, e lo dico da professionista perch io sono un insegnante di sostegno, e non c uno dei miei colleghi che di fronte alle difficolt di un ragazzo che si fa di sostanze capace di dire: tu sei questo perch non sei stato accompagnato da tuo padre e da tua madre, allora, secondo me, visto che siamo unassociazione diversa, di nuova specie, fatemi il piacere di non

fare sti discorsi, di non mettersi dietro un paravento perch poi il senso dovrebbe essere di riuscire a trascendere questo legame che ci rende, anche da adulti, ancora bambini! R. (conduttore) :Io volevo dire questo, che innanzi tutto ci dovremmo liberare un po dei sensi di colpa perch [..] la crescita la intendiamo a partire da quella che un confronto differenza, per cui si rischia di fare chi figlio e chi padre, per credo che dovremmo fare, se ce la facciamo, dovremmo cercare di vedere la crescita pi a partire dalla vita, la vita non ha distinzione tra mamma e figlio perch altrimenti rimaniamo un po impantanati in quello che io non ti ho dato, chi io non volevo e tu non volevi e quindi invece dovremmo cercare di capire ma perch le nostre, un po tutte, non crescono? Cos che, in realt, fa si che nel nostro tempo ognuno di noi non riesce a far crescere quelle che sono le nostre profondit? Volevo riprendere dei concetti dellEpistemologia Globale e del Quadrimensionalismo di Mariano per dire che la vera esperienza di crescita che facciamo, la prima esperienza di crescita di vita che facciamo sicuramente quella nel grembo! Mariano dice che l unesperienza che facciamo in cui c un grembo che ci fa fare una crescita, che ci fa fare un viaggio e quindi questo un viaggio metastorico per cui attraversiamo una serie di tappe, una serie di fasi in cui riusciamo a fare unesperienza metastorica fino ad arrivare a quella della nascita. Il problema diciamo nostro che, in realt, proprio perch non ci sono condizioni uterine in grado di farci continuare questo viaggio metastorico, per cui, proprio perch veniamo accolti, ognuno di noi stato accolto e per questo non ce ne dobbiamo fare colpe. (Atti della Settimana Intensiva).

Tra le persone si sviluppa un dibattito a proposito di diverse visioni del rapporto genitori e figli, il Conduttore interviene e riporta l'attenzione sull'ideologia del Metodo, utilizzandone la terminologia. In questo modo, come egli stesso afferma, supera le visioni parziali dei singoli e assume una visione pi ampia sulla vita, oltre a persuadere se stesso e gli altri della bont del metodo (Antze 1976). Teoria Globale: Tagli in Superficie Ferite Profonde R. (conduttore) : Molti di noi siamo rimasti bloccarti dentro a ste storie, come mai? Proprio perch non veniamo abituati, accompagnati, a saper fare teoria della nostra vita, delle cose che ci succedono Invece iniziare a dare un senso alla propria vita, vedere le parti significa iniziare a farle respirare, a dare voce a questi meccanismi che tutti i giorni viviamo. P. : Io ho scelto questo titolo perch non solo rappresenta la storia che ha spiegato D., per me rappresentava il taglio superficiale di prendere uno schiaffo da mio fratello che ha, appunto, una

ferita profonda: perch io devo essere punita da te perch sto meno male di te, perch tu devi giustiziarmi soltanto perch io soffro meno o perch apparentemente soffro meno? T. : Io un po ci vedo questo, che di solito chi procura la ferita oppure chi si trova di fronte al ferito, ha limpressione che la ferita sia leggera, o meglio, fa di tutto per farti credere che la ferita leggera D. : Il brutto non tanto riaprire la ferita, gi tanto se noi riusciamo a dire: Io bisogna che riapro perch l c del marcio, l c qualcosa che mi batte ma non tanto quello ma la difficolt nellessere accompagnati in questa cosa, la sfiducia che abbiamo nelle persone che prima non ci hanno visti in questi piccoli tagli ed ora non ci fidiamo neanche nellessere accompagnati nella riapertura di questo pus che batte. F. : Oggi io penso sia stato un po come un disinfettante, se mettiamo un disinfettante su una ferita allinizio brucia, allinizio c lurlo perch, come diceva Dina, richiama il dolore di quando c stato il taglio, poi questo disinfettante da una ripulita e col tempo vediamo che il disinfettante ha bruciato, per capiamo che ci ha fatto bene R. (conduttore) : Quindi il taglio di superficie lo vedo come unassenza di dinamica, cio la vedo come una vita distrutta a partire dai tagli di superficie, praticamente una vita che non riesce ad esprimere tutta se stessa, quindi il taglio di superficie lo vedo come lespressione di ognuno di noi del proprio disagio, del fatto che ci che noi siamo legato molto ai tagli di superficie. Quindi si ha gi un taglio di superficie che non si sa elaborare, in pi c un esterno che tutti i giorni lo rinforza; per cui questi tagli di superficie diventano una identit e che ti fa? Ti fa perdere la tua profondit. (Atti della Settimana Intensiva) Le persone attribuiscono alla ferita, al trauma, diversi significati. Si descrive la necessit di far uscire il dolore per rientrare in dinamica e non rimanere fermi in una condizione provocata dai traumi stessi. In un'altra Teoria viene affrontato il tema del parente che vive un disagio, in questo caso con la partecipazione di Loiacono. Teoria Globale: Fratello Zavorra, Fratello Amico V. : Io volevo aggiungere effettivamente un fratello che crea disagio alla fine pu essere un fratello amico nel senso che [..] il suo disagio ha fatto fermare questa famiglia e a dire: qua dobbiamo fare qualcosa! Infatti tutta la famiglia qui in questo senso fratello amico! L. : Quello che mi viene in mente rispetto alle storie che le zavorre vanno tolte una alla volta

perch se vengono tolte tutte insieme il pallone impazzisce e si con tutte le conseguenza del caso un po come nelle storie questa capacit di conoscere le zavorre che di volta in volta devono essere tolte e mantenere il pallone nel cielo, nellaria e pi consono a quello che sono le problematiche F: Il fratello amico pu essere un fratello o un amico o qualsiasi altra cosa, per un fratello malato mi diventa amico perch maiuta a riflettere e a percorrere la stessa strada Loiacono: Almeno in questo ambiente un fratello o anche un figlio viene considerato ufficialmente zavorra! Almeno dalla psichiatria! Non pu essere trattato, uno non riconosce pi di avere il figlio cos lo sopporta pure per si sente fallito di avere creato una zavorra zavorra in questo caso perch pesante, mentre nella vita bisognerebbe viaggiare, bisognerebbe camminare, bisognerebbe cambiare uno che rimane piombo, cio non ci fa andare avanti, ti fa rimanere sempre in certe dinamiche, sempre mamma, sempre fratello maggiore che deve pensare a te, zavorra nel senso che rallenta, ferma il fluire della vita e quindi anche dei cambiamenti che dovrebbero venire fuori nella vita. Fare Teoria pu anche significare sviluppare delle idee ideo-sincratiche sulla propria condizione. Una persona pu convincersi che il proprio disagio una sorta di punizione della vita o che dipende dalle sue manchevolezze. In tal caso per i feedback da parte di altre persone e i commenti del conduttore possono avere un effetto mitigante. [..] Fratello amico dovrebbe essere: Ti accolgo per quello che sei, compreso il negativo che hai!, lamicizia che ci serve questa! Vedi le mie parti ombrose, le parti che non vanno e stai con me lo stesso, mi vuoi bene e mi stai vicino per quello che puoi, no quando io non funziono o sono attivo rispetto i tuoi tempi, quello un ruolo di quello che dice: Tu sei un fratello zavorra, per piacere affrettati perch non ne posso pi mo, che lo dica dolcemente o che lo dica direttamente, per me non cambia molto, cambia la forma ma la sostanza questa, lamicizia dovrebbe essere: ruoli gerarchici non ce ne sono, differenza non ce n, ci ritroviamo ad affrontare la vita ed ognuno mette in campo quello che pu mettere a disposizione in maniera molto volentieri, con piacere, anche rinunciando a qualcosa se possibile.[..] il trattamento psichiatrico! [..] la zavorra viene presa in carico da una struttura zavorra, la quale, in pratica, definisce i termini, cio legalizza questo! Il tuo figlio garantisce alla famiglia che gli equilibri, cos come sono arrivati, possono rimanere per sempre! Come si finisce? Che un po si sopporta, per un periodo, poi uno comincia a sbottare e poi si beneficia della struttura zavorra secondo me diventa la conclusione della storia zavorre perch una volta che il figlio va in psichiatria la struttura zavorra dir: questo figlio sar zavorra per tutta la vita! (Atti

della Settimana Intensiva).

L'intervento di Loiacono continua a lungo, a tratti fa riferimento ad alcuni partecipanti, dichiarandone i miglioramenti o sostenendo che devono ancora lavorarci e concludendo con un'ampia promozione del Metodo (D.B. 22 Luglio) 4.10.5 Conoscenza Esperienziale Una forma marginale di conoscenza esperienziale consiste nella condivisione dei pensieri antenati. Il racconto delle proprie esperienze diviene patrimonio di tutti e pu fornire suggerimenti e spunti. Nei Gruppi di Foggia mancano per momenti di problem solving ad esempio come affrontare l'astinenza, la depressione, l'ansia o le difficolt del proprio ambiente sociale, anche perch la persona viene spesso separata dal suo ambiente d'origine e vive l'esperienza al centro come una parentesi che gli permetta di ritornarvi con una nuova identit. L'elevato livello di astrazione offre risposte esistenziali, come in una religione, ma rispetto a problematiche quotidiane non vengono fornite risposte concrete . Una persona pu parlare di eventi molto recenti, ma difficilmente gli verranno offerte soluzioni pratiche ad essi. In questo senso la persona spinta ad una responsabilit ancora maggiore. 4.10.6 Comparazione Sociale Ascoltare le storie degli altri porta a riconoscersi, a cogliere frammenti che possono essere utili, come avviene per i GAMA. Il processo di universalizzazione, considerato fondamentale per i Gruppi AMA, non pero dettato dalla condivisione di uno stesso problema o situazione di vita, ma dalla comunanza di alcune situazioni, di alcune sofferenze arcaiche e soprattutto dall'effetto persuasivo dell'ideologia. Si ritiene infatti che il processo di universalizzazione possa essere efficacemente sostituito dalla condivisione di un'ideologia, di una spiegazione del proprio problema e che sia questo ad avvenire all'interno dei Gruppi alla Salute. Naturalmente pu avvenire che le persone non si sentano di accettare di essere etichettate come persone che soffrono di disagio o il fatto che difettino di un non meglio specificato contatto con la profondit della Vita, come avviene in questi casi: Partecipanti: M. (partecipante) e Mariano Loiacono

Contesto: Durante la fase delle comunicazioni Mariano incontra per la prima volta M., un ragazzo che stato ricoverato diverse volte con diagnosi di sindrome maniacale. E' venuto per la prima volta ad accompagnare la madre, persona in trattamento. M. ha un corpo ben formato ed un viso regolare, ha l'aria molto presente, uno sguardo attento e discute con passione delle filosofie orientali e della meditazione di cui esperto. A volte si esprime con frasi sibilline, con una voce nasale dall'accento straniero. Appare molto sicuro di s e sovrasta Mariano Loiacono che gli parla in modo molto sereno cercando una certa complicit. Mariano: Allora come sta andando? M: Bene. Mi sembra un metodo interessante. Mariano: Ti trovi bene? M: S. Tutto bene. Mariano: E tua mamma come la vedi? M: Ma... mi sembra contenta. Sta facendo un suo percorso. Mariano: E tu? Come stai in questo periodo? M: In questo periodo sto bene... meglio. Mariano: S, anche a me sembra tu stia bene. Ti vedo per come uno che va un po' troppo con la testa, un po' razionale. M: No, non penso. Anche perch ho lavorato per anni su di me attraverso la meditazione per imparare ad esprimermi col corpo, a trasmettere affetto e calore. Mariano: S, d'accordo. Per potresti essere ancora pi a contatto con le tue profondit, con i tuoi tre canali. M: Certo, si pu sempre migliorare. Ci sto lavorando. Mariano: Beh, poi chiaro, non detto tu trovi nel metodo quello che cerchi, questa solo una soluzione non la migliore. (D.B. 22 Luglio).

M. si era sentito colpito nel vivo dall'affermazione di Loiacono sulle sue capacit ed essendo preparato sull'argomento ha espresso cosa ne pensava a riguardo. Ad una considerazione da parte del medico basata sull'intuito, ma anche sul desiderio di aiutare il ragazzo a trovare un motivo per

frequentare i Gruppi, M. risponde con la propria consapevolezza. Il tentativo da parte di Loiacono di ridurre ad un comune divisore ogni disagio in questo caso fallito. Un'altra osservazione fornisce idee di come invece gli altri partecipanti cerchino di persuadere i nuovi arrivati. Partecipanti: G. (Padre), A. (Conduttrice), B. (Partecipante) Contesto: Durante la fase delle comunicazioni viene invitato a parlare G., genitore di M., un ragazzo che soffre di allucinazioni. E' un uomo svettante, di circa 50 anni, che racconta un po' della sua vita attuale. A. (Conduttrice) : Che cosa hai imparato in questi giorni? G. (Padre) : Io? Ma, niente di particolare... io sono venuto qui per mio figlio. A. (Conduttrice) : Tutti vengono qui per accompagnare un familiare. Poi per molti si rendono conto di aver bisogno di un aiuto anche loro. G. (Padre) : Mah io sto abbastanza bene. Ho i problemi di tutti, M. che sta male. - con voce scoraggiata. B. (Partecipante) : Ma proprio quando si convinti di stare bene che ci si vuole nascondere il proprio malessere. Si indossa una maschera.- fissando negli occhi G. G. (Padre) : Non penso sia il mio caso.

In questo caso l'ideologia del Metodo viene utilizzata per convincere una persona che anche lei soffre dello stesso problema. Nel compiere questo atto, come si visto nel primo capitolo, si rinforza anche se stessi nella propria scelta. 4.10.7 Helper Therapy Il ruolo dell'helper particolarmente significativo per il conduttore, a cui viene assegnata la responsabilit di guidare gli altri. Per quanto riguarda gli altri partecipanti, ogni contributo considerato importante. Nella fase della teoria viene per richiesto di indicare quale contributo ha maggiormente colpito e ci si rivolge alla persona in questione. Cos il partecipante ha modo di valorizzare l'esperienza condivisa col gruppo e sentirsi di aiuto. Se nel gruppo molto numeroso di Foggia questa modalit

esclude comunque la maggioranza silenziosa, nel gruppo di Bassano la suddetta fase non sempre implementata (D.B. 10 Aprile). Una persona si pu sentire d'aiuto anche quando assiste un'altra in difficolt in seguito alle dinamiche offrendo calore ed ascolto (D.B. 20 Aprile). Infine una persona pu portare il suo contributo alla teoria, ma a questo non viene dato un feedback. Il rapporto con persone con un livello di funzionamento sociale pi basso o con disabilit a livello ideologico non viene visto come relazione d'aiuto ma come modalit di aiutare se stessi, di raccogliere un'altra parte del proprio intero. 4.10.8 Supporto I GAS offrono diverse attivit di supporto e socializzazione come i Viaggi alla Salute, i Compleanni alla Salute ed altre attivit aggregative. I rituali di incoraggiamento ed i certificati aiutano la persona a pensare che sta mettendo in atto un cambiamento (Singer & Lalich 1998). Lo stesso Loiacono rinforza puntualmente le persone confermando un cambiamento, dicendo che si esprimono meglio, che non sono pi rigide o sembrano pi in contatto con loro stesse.

Partecipanti: M. (partecipante), Mariano Loiacono Contesto: nella fase di bilancio conclusiva ogni persona viene chiamata a parlare dallo psichiatra. E' il turno di M. Mariano: Come ti parsa questa settimana? M. : Non ho potuto stare molto attento, perch ero impegnato a raccogliere la documentazione. Mariano: Beh, non importa, avevi un tuo ruolo. Dovete sapere che questo ragazzo qua, ne ha passate di tutti i colori, con una mamma Barbie ed un pap Big Jim. Quando arrivato sembrava perso. Ora invece costruisce dei progetti, va a scuola attivo. (D.B. 23 Luglio)

Solitamente viene fatto un raffronto tra la condizione iniziale e quella attuale ed lo psichiatra a chiedere se anche l'altra persona la pensa cos (D.B. 21 Luglio).

La self-disclosure, il parlare di se stessi, pu essere ostacolata dalla possibilit di essere giudicati per ci che si dice, dal numero elevato di partecipanti e dalla audio-registrazione di ogni seduta. Si parla con un microfono davanti e questo pu creare un'atmosfera parzialmente artificiale. Il contesto permette di passare molto tempo assieme anche al di fuori delle sedute e questo favorisce l'empatia e la comprensione tra i partecipanti. Il supporto tra persone al di fuori dei gruppi viene incoraggiato perch permette di creare il senso di una Comunit Globale. Tra le persone incontrate vi sono alcuni che hanno deciso di vivere assieme, altri che hanno avuto delle relazioni (D.B. 23 Luglio). Questo consente ad ognuno, a prescindere dal disagio, di sentirsi accolto e parte di una famiglia. Anche chi non ne ha una, come avveniva nella Comunit di Hudolin, pu essere

temporaneamente adottato da persone che si offrono di accompagnarlo. I partecipanti si prendono la responsabilit di gestire le persone nonostante i comportamenti problematici (Petrella 2007:176). Questo contatto continuo che limita la riservatezza e fornisce stimoli continui non necessariamente salutare per tutti. Gli operatori dei servizi di salute mentale tradizionali ritengono che un ambiente protetto sia necessario in alcune fasi del disagio mentre i GAS mettono in discussione questa posizione. Nei GAMA il facilitatore ha la responsabilit di mantenersi in contatto con tutti i membri, anche quelli che non partecipano pi ai gruppi. Non chiaro, vista la numerosit dei partecipanti se il conduttore dei Gruppi alla Salute abbia formalizzata la stessa responsabilit. La creazione di un gruppo eterogeneo formato da persone deboli che si sostengono l'un l'altra forse il pi grande traguardo raggiunto dai Gruppi alla Salute. La persona disturbata non viene allontanata per proteggere la societ, come avviene da sempre nelle normali comunit, ma viene sostenuta da tutti. E' la comunit a dover acquisire le competenze per fare in modo che le parti malate entrino nelle dinamiche di tutti (Petrella 2007:177). 4.10.9 Processi Paralleli alla Terapia di gruppo Durante le terapie di gruppo i pazienti identificano inconsciamente il terapeuta e gli altri membri come i propri genitori o fratelli in una forma di transfert tipica dei gruppi terapeutici. Le

interpretazioni del terapeuta possono in questo caso aiutare i pazienti a comprendere l'impatto delle esperienze infantili sulla loro personalit cosicch essi imparino ad evitare inconsciamente la ripetizione di modalit interattive negative nelle relazioni odierne. Questo processo viene definito ricapitolazione correttiva dell'esperienza familiare primaria ed centrale anche nei gruppi alla salute. In questo caso per la conoscenza di conduttori ed altri partecipanti rispetto a queste

dinamiche prettamente esperienziale per cui, pur non svalutandone l'importanza, non detto che questi sappiano direzionare accuratamente le persone.

4.11 La Catarsi nel Metodo alla Salute


La catarsi nel Metodo alla salute si esplica attraverso le dinamiche meta-storiche, volte a far rientrare in contatto la persona con il proprio passato ma anche con la profondit della Vita. Si tratta di scambi emotivi molto intensi tra i partecipanti che li portano ad esternare conflitti irrisolti del proprio passato. Le dinamiche sono assistite dai conduttori che possono avere ruoli diversi, in particolare di incitamento, contenimento o di supporto. Esse sono lo strumento principale dei Gruppi alla Salute e la loro efficacia viene attribuita oltre che ai meccanismi di funzionamento della catarsi per chi vive la dinamica e per chi la osserva. Le modalit espressive ritenute pi importanti all'interno dei gruppi sono il riso ed il pianto (Petrella 2007:116) che permettono di produrre gli psicofarmaci naturali. La catarsi nella visione di Loiacono ha se si vuole una valenza neurochimica, in contrasto con quella somatica descritta nello psicodramma (Nichols & Zax 1977:74). L'assenza delle esperienze di base a cui le emozioni sono legate indicano un malessere, per cui se una persona non riesce a piangere significa che c' qualcosa che non va. Altre forme di espressioni catartiche che vengono favorite sono gli sfoghi di rabbia e le urla come viene indicato nelle osservazioni partecipanti seguenti. Partecipanti: R (mamma), P. (figlio), Conduttore R., Conduttrice A., Conduttrice L. Contesto: durante la fase delle comunicazioni la Mamma di P. vuole dire qualcosa al figlio. Una conduttrice al suo fianco mentre un conduttore vicino al figlio. R (mamma): Io volevo dirti che finalmente mi sento libera. Da quando sono venuta qua, dopo tanti anni, mi sono sentita leggera come una farfalla. Mi sono tolta un peso. E per questo voglio dirti che spero anche tu riesca a liberarti di ci che hai dentro. - M. ha un aspetto fragile e un'espressione triste, la sua figura molto piccola e curva. P. (figlio), con voce bassa : Cosa posso dire. A me sembra che di me non te ne sia mai fregato niente. Ed quello che mi stai dicendo, che ci stai dicendo, che vuoi essere lasciata in pace. Ora mi vuoi parlare e tutto ci che senti di dirmi che sei libera come una farfalla. Ho bevuto per 10 anni, mi sono fatto di eroina, guarda come sono ridotto! Mi vedi ? cominciando ad alzare la

voce tu non mi vedi, tu vedi solo te stessa. - malgrado il suo passato M. in ottima forma, sovrasta la madre di molto. R. (Conduttore) sostiene P. (figlio) con una mano sulla spalla. Il resto dei partecipanti ascolta con attenzione. P. continua. La Mamma sembra ferita dalle parole che gli dice il figlio, ha gli occhi umidi. P. (figlio) : Vederti mi fa incazzare, pi ti guardo e pi mi fai venire rabbia. R (mamma) : Cosa pensi, che sia stato facile per me? Vivere con tuo padre, badare a voi ogni giorno. Io non mi sono sentita aiutata da nessuno cominciando a singhiozzare. P. (figlio) : Ma lo senti come parli? Vedi te, solo te! Tu non mi vedi! R (mamma) : Beh, sento di aver bisogno di pensare a me stessa! P. (figlio) : E allora pensa a te stessa, ma non dire che ti interessa di me! Hai sempre scaricato su di noi il tuo stare male in questi anni. A te non frega niente di come sto. - P. inizia ad essere agitato, un'altra conduttrice si mette al suo fianco mentre un'altra sostiene la mamma che comincia a piangere. R. (mamma) : In questo momento non penso di riuscire ad aiutarti. P. (figlio) : Tu non mi hai mai aiutato, mi hai sempre fatto sentire in gabbia. Conduttrice A : E allora esci da questa gabbia! Dillo a tua madre quanto sei arrabbiato. - P. sempre pi agitato e rosso in volto, gli vengono tolti gli occhiali. P. emette un urlo. Un'altra conduttrice si rivolge alla madre: Conduttrice L. : E tu diglielo cosa hai provato tutti questi anni. R. (mamma): Sono stufa!! - in lacrime P. (figlio) : Guardati, mi fai schifo! - si avvicina alla madre mentre viene trattenuto da due conduttori e da un partecipante. Poi accenna un calcio alla madre mentre questa piange disperata. P. cerca di divincolarsi P. (figlio) : Lasciatemi! Lasciatemi! Dopo un minuto si comincia a calmare. Per il restante tempo della mattinata P. verr consolato ed avr modo di riposarsi. (D. B. 22

Luglio)

Un primo aspetto significativo che successivamente allo sfogo i conduttori non aiuta i due partecipanti a rielaborare lo scontro appena vissuto, n offre spunti di riflessione su modalit pi adeguate per esprimere la propria rabbia. Il giorno seguente Loiacono stimoler P. a riappacificarsi con la madre e ad abbracciarla; nel pomeriggio durante l'unit didattica P. parler del suo bisogno di far vedere alla madre quanto sta male anche se non lei che odia e verr aiutato a dare un significato allo sfogo e incentivato a pensare a se stesso e al suo dolore (Nuova Specie 2010). Durante la fase della teoria molti partecipanti faranno degli apprezzamenti riguardo all'atto di P., definendolo una sorta di risveglio, di scuotimento da una condizione di torpore. Minore comprensione andr alla madre (D.B. 22 Luglio). L'osservazione successiva riguarda un bambino. Partecipanti: Bambino, Padre, Conduttore R, Conduttrice A, Conduttrice M, Partecipante P. Contesto: Prima giornata della Settimana Intensiva, durante la fase delle comunicazioni, a cinque minuti dall'inizio, G. (bambino), 6 anni, si presenta alla sala affollata, microfono in mano, e racconta con voce tranquilla che ha perso la mamma quando aveva 3 mesi. Il Conduttore R. interviene: Conduttore R:Ma tua madre non l'hai neanche conosciuta! Io non vedo un bambino in te, vedo un adulto! Smettila di fare l'adulto. A (Conduttrice) si avvicina al bambino e comincia ad intimargli di smetterla di fingere, di comportarsi da bambino vero. Conduttrice A: Dillo che sei arrabbiato con tua mamma per quello che ti ha fatto. Dillo che ti ha abbandonato. Bambino: No, mia mamma era buona. Conduttrice A: Tua mamma stata una stronza a lasciarti cos, dillo che lo stata. Bambino: Nooo... Il bambino comincia a singhiozzare e a lacrimare. La tensione nella sala elevata, molte persone osservano ammutolite. Ad A (Conduttrice) si avvicina M (Conduttrice) che incita il bambino dandogli delle pacche secche sulla schiena con uno sguardo feroce. Si avvicina carponi anche P (Partecipante) che in precedenza aveva raccontato la sua vita da orfana. E si rivolge con rabbia

al bambino, mentre A le avvicina il microfono. P (Partecipante): Sai, anche mia mamma mi ha abbandonata e sono davvero incazzata con lei. Io mia mamma non so nemmeno chi . Sono senza nessuno io! Intanto R (Conduttore) e M (Conduttrice) si sono avvicinati al Padre, un uomo di cinquant'anni con lo sguardo cupo, dall'altro lato della stanza del bambino e gli dicono: Conduttrice M: Se tuo figlio si comporta cos anche a casa tua. Hai nascosto il tuo dolore, non gli hai consentito di vederlo e lui ha dovuto fare lo stesso. Devi esprimere il tuo dolore, devi buttarlo fuori se vuoi aiutare tuo figlio. Padre: Non posso, farebbe troppo male. Conduttrice M: Devi provarlo quel male, non puoi tenertelo dentro o continuer a farti male. Urlalo. Buttalo fuori. Altrimenti continuerai a fare male a tuo figlio. Mentre lo tengono stretto e continuano ad intimargli di urlare il bambino afferma Bambino: E' vero pap! Hanno ragione. - piagnucolando Conduttrice A: Lo vedi, lo dice anche tuo figlio. Urla! Il Padre si trattiene ancora un po' e poi scaturisce in un urlo profondo e singhiozzante. Il bambino intanto piange e la Conduttrice A lo abbraccia forte, mentre piange copiosamente anche lei. Alcune persone si tappano le orecchie o chiudono gli occhi, stordite. Conduttore R: Ecco, hai cominciato a sentire il tuo dolore. E' cos che devi fare. Un'ora dopo alcuni partecipanti riferiranno con una certa soddisfazione che il bambino sta giocando tranquillamente assieme ad altri.(D.B. 19 Luglio) L'intervento secco del conduttore denota che egli conosce il bambino e che ha sviluppato un'idea riguardo al suo modo di esprimersi. In seguito mi stato detto da alcuni partecipanti che la famiglia in questione frequentava il metodo da diverso tempo e che il bambino inizialmente aveva una voce da automa ma che ora stava cominciando a comportarsi da bambino vero (D.B.19 Luglio). Queste considerazioni per sono una ripetizione di ci che afferma Loiacono a riguardo (D.B. 22 Luglio). Ad un certo punto il bambino conferma che il padre non gli ha permesso di vedere il suo dolore, dando ragione ai conduttori. Oltre agli ammissibili dubbi rispetto al livello di consapevolezza a quell'et, vi una chiara pressione da parte degli adulti. Questi non lo stanno semplicemente aiutando a mettere fuori qualcosa che ha nel profondo ma gli stanno richiedendo di esprimersi in un modo ben preciso, senza rispettare i suoi tempi n le sue modalit naturali che, per un bambino di quell'et, sarebbero altre come si visto nel primo capitolo.

Perch il bambino si esprima vengono anche utilizzate le mani, la conduttrice nel pomeriggio giustificher in questo modo: Quando ci si trova di fronte un bambino con questo tipo di taglio di ferite profonde che si sono non cicatrizzate ma proprio calcificate, andare a rompere con il corpo, perch il corpo il codice che attraversa tutto, noi con il corpo esprimiamo tantissimo, esprimiamo tutto ci che noi abbiamo dentro, quindi per arrivare a ci che abbiamo dentro a volte dobbiamo sfondare per passare per il corpo. (D.B. Teoria Globale: Tagli in Superficie Ferite Profonde 19 Luglio). Questa considerazione, verosimilmente stimolata da Loiacono, ha dei legami con le teorie reichiane, ma non ha nessun fondamento scientifico. In cambio, una tale pressione in una situazione pubblica e da parte di una persona quasi sconosciuta pu avere degli effetti traumatici su di un bambino. In un'altra dinamica una persona abbastanza passiva nei gruppi alla salute viene incitata ad esprimersi verso il padre. Partecipanti: T. (Padre), D. (figlio), F. (figlio), M. (partecipante), T. (conduttrice), A. (conduttrice), C. (partecipante) Contesto: Durante la fase delle comunicazioni il padre parla dei suoi figli. F. mostra dei comportamenti autistici ma il rapporto con lui sta migliorando e il padre vede come segnali positivi anche dei litigi culminati in qualche schiaffo. L'altro figlio invece perde tempo sui videogiochi, fallisce in tutte le occasioni di lavoro e lo delude molto. Mentre sta parlando negativamente di quest'ultimo, seduto all'altro capo della stanza, uno dei partecipanti lo invita ad avvicinarsi. D. alto e robusto ma ha uno sguardo annoiato e passivo. M. : Vai no? D. fa segno di no con la testa. M. : Ma che ci sei venuto a fare qua? D. si decide ad alzarsi. T. : Allora? Sentiamo cos'hai da dire. D. : Tu non sai qual' la mia situazione. T. : Io so che tu non fai niente tutto il giorno e adesso stai l, sempre davanti ai videogiochi. D. : Lascia stare i videogiochi che sono affari miei. T. : Sono anche affari miei visto che ti mantengo. D. : E' tuo dovere mantenermi, finch non trovo un lavoro. Interviene una partecipante con la tendenza a fare commenti e a cercare di stare al centro dell'attenzione. C. (partecipante) : Vai a lavorare!!!

R. : Che cosa vuoi dire a tuo padre? Viene avvicinato anche F., l'altro fratello cos che i tre uomini sono uno di fronte all'altro. D. : Gli voglio dire che... - con voce lievemente incrinata lui non mi capisce . Lui non sa qual' la mia situazione. R. : E com' la tua situazione? D. : Non facile. Poi loro sono molto attenti a F. e non a me. T. : Ma se ti abbiamo dato tutto ci di cui avevi bisogno! D. : No, non vero! Vengono tolti gli occhiali a D. A. (conduttrice) alza il tono di voce e fomenta D. A. (conduttrice): Digli che cosa ti mancato! Interviene anche T. (conduttrice) che scrolla D. prendendolo per le spalle M (partecipante) : Ma sei un uomo o cosa! Ti sta dicendo che non vali niente e tu stai qui a sentirlo! Incazzati! T. : Diglielo! Diglielo che hanno dato le attenzioni solo a tuo fratello. Digli che ti sei sentito abbandonato. Svegliati! Svegliati!!!- urla. T. comincia a tremare e singhiozzare e scoppia in un pianto forsennato, viene fatta sedere e consolata da alcuni partecipanti, perch non si vuole fermare la dinamica. Alla fine D. decider di non sfogarsi come veniva richiesto dai conduttori. (D.B. 20 Luglio) Anche in questo caso i conduttori esigono che la persona si esprima emotivamente, si liberi della sua tensione interiore. E' presumibile che D. in quel momento non abbia un sentimento di collera verso il padre e non sarebbe interessato a partecipare, ma ciononostante i conduttori ritengono di conoscere la ragione della sua rabbia, l'invidia del fratello e gli chiedono di arrabbiarsi per questo. Una conduttrice talmente trasportata dal suo ruolo di provocatrice che non regge l'emozione e scoppia a piangere. La catarsi si palesa anche in altre situazioni come durante le immersioni, che fungono da confessioni agli altri del proprio passato. Si nota anche l'intervento di una partecipante non coinvolta dalla situazione che fa un commento diretto al ragazzo. Non sar la sola a definirlo uno smidollato (D.B. 20 Luglio). Come si gi fatto notare il numero molto ampio di partecipanti e le dinamiche cos intense portano ad uno schieramento dei partecipanti che pu venire esplicitate anche all'interno dei gruppi ma che dovrebbe essere controllato dai conduttori qualora diventi anti-terapeutico.

Non tutte le dinamiche hanno contenuto esplicitamente catartico, nell'osservazione partecipante riportata da Abagian (2001:48) la donna psicotica stata invitata da Loiacono ad interpretare una sacerdotessa e tutti hanno pregato assieme a lei, fino a quando non si saziata del ruolo impostole dal delirio ma assecondato dagli altri. La situazione stata gestita con flessibilit permettendo alla donna di ironizzare sulla propria ossessione, di ridurre la propria rigidit rispetto ad essa attraverso il gioco (Abagian 2001:54) fino a che sembrato avesse superato, almeno momentaneamente, il delirio. Loiacono suggerisce pertanto un approccio flessibile alle rigidit di ogni tipo, anche quelle degli individui troppo razionali. Questa prassi molto simile a quelle che si trovano nello psicodramma. 4.11.1 Attinenze con altri approcci catartici Nel secono capitolo si sono discussi approcci catartici che hanno attinenze con i Gruppi alla Salute, in particolare lo Psicodramma, la Bioenergetica e i Gruppi di Confronto. Vi sono senza dubbio dei legami con lo psicodramma, ma il livello medio di strutturazione all'interno dei Gruppi alla Salute decisamente inferiore e questo mina la potenziale efficacia di questi gruppi nei termini intesi da Moreno. Mentre nel suo approccio viene richiesto alla persona se vuole mettere in atto una propria esperienza, nei Gruppi alla Salute questa viene balestrata nella dinamica spesso in maniera anche molto brusca. Gli unici ad interpretare effettivamente una parte sono i conduttori, nel loro ruolo, quasi strumentale di far rivivere le dinamiche meta-storiche alle persone. Non essendovi una metodologia, modulabile ad esempio a seconda delle persone che ci si trova davanti come stato fatto per lo psicodramma (Kipper 2003), il successo delle dinamiche messe in atto dipende solo dall'abilit dei singoli conduttori. Sennonch si potuta percepire dal numero esiguo di osservazioni partecipanti

un'estinzione dell'individualit dei conduttori allo scopo di rispecchiare una figura stereotipata e quasi grottesca. Questo mina la spontaneit dei partecipanti, che nello psicodramma era centrale, in nome dell'espressione emotiva. Nell'osservazione in cui Loiacono a gestire la dinamica d'altra parte i partecipanti vengono coinvolti come attori ed assumono un nuovo ruolo (Abagian 2002:48). Un altro punto in comune l'utilizzo di tutti i canali comunicativie dell'espressivit corporea. Nel Metodo alla Salute si riconosce la centralit del vissuto corporeo, le interazioni tra i membri hanno una forte componente corporea. In molte delle psicoterapie contemporanee il corpo negletto e si

interagisce con la persona solo verbalmente, la corporeit viene deputata ad ambiti specifici disgiunti dal vissuto quotidiano come le palestre, le piscine o approcci ateorici come la danzaterapia. La proposta che viene da Foggia non pu che considerarsi positiva da questo punto di vista. Vi in comune anche un desiderio di rendere le dinamiche psicologiche che intercorrono tra le persone comprensibili a tutti e di superare il gergo tecnico della psicologia. In questo modo si offre a tutti i partecipanti l'opportunit di acquisire una maggiore consapevolezza e di fornire contributi originali durante la fase della teoria, rischiando per di scadere nei luoghi comuni che non fanno crescere nessuno, come pu apparire in alcuni degli stralci riportati. Anche nel Metodo alla Salute la spiritualit ha una parte rilevante, ma mentre Moreno parlava dell'occasione per sperimentare altre realt, Loiacono descrive le dinamiche e i rituali come modalit per avvicinarsi al Fondo Comune, a ci che c' di pi vero della vita. Per quanto riguarda la Bioenergetica in comune con l'approccio del Metodo alla Salute vi l'importanza che viene data ad un lavoro terapeutico direttamente sul corpo. Testimonianze e Osservazioni dirette per riportano anche un lavoro a base di calci (D.B. 20 luglio), pacche sulla schiena e schiaffi, presumibilmente leggeri, ma ingiustificati. Non essendovi emozioni bloccate da qualche parte nel nostro corpo, non essendovi tappi se non quelli immaginari non sussiste neanche la necessit di approcci violenti per abbattere la corazza di una persona. Semplicemente perch questa corazza non corporea ma psicologica. Un'altra similitudine sta nell'eziologia del disagio che al contempo derivato dalla cultura e dai genitori. Un tratto comune a molte psicoterapie basate sulla catarsi ritenere che la cultura si potenzialmente devitalizzante (Nichols & Zax 1977:123). Infine anche nei Gruppi alla Salute, in particolare nelle sedute in cui interviene Loiacono, si fanno valutazioni sulle persone sulla base di criteri soggettivi e non ben determinati come la capacit espressiva ed il contatto con il proprio profondo. L'efficacia dell'atto catartico pu venire valutata dai partecipanti, sulla base delle proprie sensazioni si considera se uno sfogo sia stato sincero o meno (D.B. 21 Luglio). Le considerazioni ambigue, soprattutto se fatte all'interno di un gruppo sono generalmente accettate e introiettate (Sherif, 1936). Cos come il gruppo a validare la manchevolezza della persona, esso pu anche corroborarne il miglioramento e aiutarlo nella costruzione della sua nuova identit. Rispetto ai gruppi di confronto sono presenti anche nei Gruppi alla Salute le provocazioni, l'incitamento ad arrabbiarsi o a piangere, le offese. A volte si aizzano i familiari l'uno contro l'altro

con i conduttori che agitano le persone e gli urlano in faccia. Anche tra i partecipanti possibile vedere qualche atto violento: figli che accennano calci alle madri, fratelli che si schiaffeggiano e persino persone che non si conoscono ma che ritengono una scrollata possa essere utile all'altro. Sebbene non si prenda mai di mira un individuo in maniera sistematica come avveniva all'interno di Synanon, la frequenza e l'intensit dei comportamenti bellicosi non trascurabile. La letteratura scientifica indica che questo tipo di comportamenti controproducente: non efficace, pu danneggiare alcune persone ed allontanarne delle altre. L'attacco delle maschere, che hanno una funzione adattiva per la persona pu essere eccessivamente stressante (Hartley, Roback & Abramowitz 1976:251). Nella terapia familiare pi indicato stimolare interazioni genuine ed un funzionamento positivo piuttosto che degli sfoghi catartici, perch essi almeno in parte isolano l'individuo dal suo contesto sociale (Nichols & Zax 1977:222). Incentivare gli sfoghi di rabbia non porta le persone a sentirsi meglio o a riavvicinarsi l'un l'altra ed pertanto necessario trovare una corretta via di mezzo che permetta alle persone di esprimere la propria collera in maniera assertiva, ma senza bisogno di eccessi. Infine, ci che era comune a molte terapie degli anni '70 era l'utilizzo di approcci molto schematici e ripetitivi che lasciavano poco spazio alla spontaneit della persona. Daniel Casriel organizzava seminari per l'espressione della rabbia o delle urla, Nolan Saltzman insegnava le frasi da ripetere mentre si urlava. Questi approcci, che si ripromettevano di liberare le persone dalle gabbie culturali e genitoriali in realt li imprigionavano in altre gabbie, senza tenere conto della loro individualit e della loro storia personale (Singer & Lalich 1998). I Gruppi alla Salute, al contrario dei Gruppi AMA in alcuni casi spingono la persona a partecipare, la forzano ad esprimersi in maniera catartica, rispettando solo parzialmente i tempi di ognuno. 4.11.2 Il ruolo dell'ideologia nella catarsi Si mostrato come la considerazione che si ha dell'espressione emotiva, come il pianto o la rabbia, dipende dalla cultura in cui si inseriti; si suppone che questo abbia ancor pi valore nella cultura di un piccolo gruppo, quella che abbiamo definito anche narrativa o ideologia. L'atmosfera di un gruppo favorisce una certa pressione sociale ed offre modelli di riferimento che possono facilitare la catarsi, specialmente se incentivata dal leader (Nichols & Zax 1977:66).

Le persone che frequentano il gruppo da diverso tempo dimostrano una maggiore facilit ad esprimersi attraverso urla e pianti (D.B. 23 luglio) e questo viene letto come un indice di salute. Un'altra osservazione mostra la validazione teorica che viene data da Loiacono agli atti di sfogo: Partecipanti: D. (moglie), G. (marito), A. (partecipante), Loiacono Contesto: Oramai in conclusione alla settimana tutti i partecipanti sono chiamati a fare un bilancio di ci che hanno vissuto e a riflettere su che prospettive hanno per il futuro. D. e G. sono una coppia con dei figli che vivono un disagio. D. (moglie) durante la settimana ha fatto anche da conduttrice e frequenta i Gruppi da diverso tempo. E' una donna energica di circa quarant'anni. G. smunto e ha un'aria fragile. Parla in maniera poco chiara, perdendosi nei suoi discorsi e balbettando. Ha uno spirito da sognatore. Discutono su come affrontare la propria situazione familiare. G. : Ok, io sono pronto a cambiare. Dimmi come devo essere. D. : La fai troppo semplice. G. : Non la faccio semplice. Cominciamo a volare. Possiamo volare in alto come aquile. D. : Non penso che siamo in grado di farlo. G. : Proviamoci! D. : Tu parli di volare in alto. Ma a me pare sempre che fuggi, scappi via dalle tue responsabilit. Continui a sognare, a sognare e intanto i nostri figli stanno male. G. : Io voglio ricominciare. Dimmi cosa devo fare. D. : Lo devi scoprire tu come fare. Interviene A., che gi stata chiamata in precedenza da Loiacono a fare il bilancio ed stata qualificata come ambivalente. A. : Io per mi sento di dire che capisco G. (marito), perch mi sento un po' come lui. Cominciando a piagnucolare in fondo lui vuole essere accettato per come ... - comincia a piangere. Il suo compagno la abbraccia. D. : Ma cosa credi! - molto irritata Pensi che io sia una stronza? Ma come credi viva io questa situazione? Ma che ne sai... sembra che sia io il mostro... - ha gli occhi pieni di lacrime. Dopo qualche secondo appoggia il microfono e comincia a lanciare delle urla lunghe e violente. A. continua a singhiozzare. Qualcuno nel pubblico chiude gli occhi o dopo un po' si tappa le orecchie o guarda per terra in silenzio. Loiacono attende con pazienza, mentre D. sembra inarrestabile. Qualcuno l'accoglie con degli abbracci. Ad un certo punto si interrompe. Interviene Loiacono:

Loiacono: A. hai fatto un intervento fuori luogo, hai parlato a lei per dire qualcosa di te agendo di nuovo da ambivalente. E' un po' una tua modalit. Comunque, dovete capire che il fatto che D. si sia espressa cos salutare. Tutta quella tensione, se fosse rimasta dentro le avrebbe causato qualche malattia. E' un bene che si esprima cos. (D.B., 23 luglio). Ci che afferma Loiacono , come si visto nel secondo capitolo, una frottola. Sfogarsi in questo modo non ha effetti significativi sulla salute, se non in termini di supporto sociale ricevuto. Comportandosi in questo modo, pronunciando l'espressione emotiva, D. da un punto di vista fisiologico ha aumentato piuttosto che ridotto la sua tensione emotiva. L'espressione catartica di sentimenti verosimilmente rafforza i legami interni e la fiducia negli altri membri, un elemento distintamente rilevabile e offre al partecipante un segnale che qualcosa sta avvenendo, che vi un cambiamento in positivo in atto verso il quale bisogna avere fede (Nichols & Zax 1977:220). Il successivo conforto ricevuto pu essere molto gratificante ed aiutare la persona nel processo di self-disclosure, accettazione e comprensione di s stessa. A conferma di questa idea, lo studio di Cheung e Sun (2001) indica che il gruppo di mutuo aiuto diventa, in una societ come quella cinese dove l'espressione diretta di sentimenti socialmente sanzionata, uno spazio privilegiato dove la persona pu esprimersi liberamente con beneficio. Riassumendo, una persona all'interno dei Gruppi alla salute pu sentirsi motivata a giungere alla catarsi e trarne dei benefici soggettivi, rafforzati dall'idea, erronea, che lo sfogo permetta una liberazione di energia imprigionata Disgraziatamente l'ideologia del gruppo pu considerare altri sintomi come segnali di un cambiamento. L'ansia e il dolore, possono essere considerati segnali di un incontro con il proprio profondo, della rimozione di una propria maschera piuttosto che privazione di meccanismi di difesa supportivi. Le ricadute nell'abuso di sostanza, le crisi psicotiche, sono anch'esse passi normali e necessari di un percorso di vita . Ci si domanda per che cosa costituisca invece un segnale di pericolo, che cosa venga valutato come un segnale di allarme che richiede maggiore attenzione ed un cambiamento di strategia. 4.11.3 Valutazioni sulla catarsi nei Gruppi alla Salute Nel secondo capitolo sono discusse le origini dell'idea comune che l'espressione intensa delle proprie emozioni abbia effetti benefici e si sono confutate queste credenze. Ci che si pu ottenere

in termini di risoluzione di traumi con urla e pianti forsennati si pu ottenere condividendo le proprie emozioni in maniera tranquilla e spontanea. La riflessione su eventi negativi del proprio passato non fa rivivere le emozioni che si erano represse a quel tempo ma solo quelle che ancora si provano rispetto a quell'evento. La catarsi pu essere utile solo per coloro che hanno appreso a reprimere le proprie emozioni e in questo senso avere una funzione liberatoria. Non esiste un modo giusto o sbagliato per esprimere le emozioni, ognuno dovrebbe essere libero di esprimerle senza un rigido controllo a riguardo (Nichols & Zax 1977:75). Forzando le persone ad arrabbiarsi, piangere ed urlare secondo delle modalit prestabilite si promuove all'interno del gruppo un clima di fascismo emozionale (Nichols & Zax 1977:83). Al contempo, se una persona sente di volersi esprimere con urla e pianti forsennati la sua modalit espressiva va rispettata ed accettata con flessibilit. Nelle fasi immediatamente successive all'espressione di emozioni le persone possono essere pi lucide ed necessario da parte del terapeuta un lavoro cognitivo, una discussione sulle strategie adatte a fronteggiare i propri problemi (Nichols & Zax 1977:229). La catarsi di per s non pu portare a significativi cambiamenti. Va inoltre tenuto presente che non tutti i meccanismi di difesa, le cosiddette maschere che ci separano dal profondo della vita, sono controproducenti ed alcuni consentono di ad una persona di mantenere una certa stabilit. Alcuni individui inoltre hanno dei meccanismi di difesa troppo deboli ed compito del terapeuta proteggere la persona dall'espressione arrendevole dei propri sentimenti pi privati (Nichols & Zax 1977:226). Rispetto alle tipologie di utenza coinvolte si visto come la terapia catartica abbia delle controindicazioni in particolare per i disturbi post-traumatici da stress, i disturbi di personalit e le psicosi e che per venire utilizzate in questi casi richieda una particolare abilit e gradualit per la quale il Metodo alla Salute non offre alcuna metodologia. Se il dolore una fase necessaria nella crescita di una persona l'etica dovrebbe spingere a limitare questo dolore al necessario, evitando che una persona con un disagio soffra ulteriormente senza motivo solo per una credenza sbagliata. Si pu argomentare che proteggendo la persona dal dolore la si isola dalle dinamiche della vera vita ma con la stessa logica potremo evitare l'anestesia dal dentista perch ci allontana temporaneamente dal contatto con noi stessi. Come il rifiuto

dell'anestesia questa una scelta che pu essere supportata ideologicamente (Illich 1995), ma non ha concreti fondamenti psicologici.

4.12 Il ruolo del conduttore


Il conduttore nei Gruppi alla Salute ha un ruolo molto pi importante che nella media dei Gruppi di auto-aiuto. Il suo ruolo non pu essere sostituito facilmente ed egli segue un percorso formativo particolare. 4.12.1 Le funzioni di un conduttore Al pari di un facilitatore AMA garantisce che vengano rispettate le regole ed i tempi, rinforza le persone che stanno mettendo in atto un cambiamento offrendo speranza ai partecipanti. Gli accompagnatori sono anche i referenti sul territorio per il Metodo alla Salute e rimangono in contatto con il medico di Foggia. Soprattutto egli aiuta ad attivare e dirige le dinamiche meta-storiche, si occupa della teorizzazione finale che fornisce un riassunto dei temi suscitati dalle dinamiche; durante la fase delle comunicazioni si presenta come tutti gli altri e condivide la propria storia ma solitamente non entra in dinamiche personali e tende ad evitare le immersioni. In un gruppo ridotto vi un solo conduttore mentre nei gruppi numerosi si arriva anche a quattrocinque, perch essi devono riuscire a gestire le dinamiche, anche fisicamente, come si visto nell'osservazione riguardante lo scatto d'ira verso la madre. Ad esempio durante una dinamica gi citata una conduttrice nell'atto di suscitare una catarsi in un partecipante si era emozionata molto ed aveva cominciato a piangere. Un'altra conduttrice ed altre persone l'hanno allontanata e qualcuno rimasto a consolarla. Il conduttore non mette in atto delle tecniche apprese ma si lascia guidare dalle indicazioni fornite dal Metodo stesso su come essere un accompagnatore devoto. In sintesi egli mette a disposizione ci che gi possiede naturalmente, parte dai bisogni dell'accompagnato e fa un contratto a partire da essi, pone dei limiti, dipendenti dalle sue esigenze ai desideri dell'accompagnato e porta l'accompagnato ad affidarsi (Loiacono & Velluto 2007:28). Sono due le strategie di accompagnamento: il gioco e il racconto. Il gioco consiste nel manifestare la propria flessibilit e molteplicit, permettendo all'accompagnato di sperimentarsi, di far uscire le sue diverse tendenze e sperimentare gli opposti, la sofferenza e la felicit. Inoltre l'accompagnatore

racconta la propria esperienze e le conclusioni che ha tratto, facendo da mediatore, preparando gradualmente la persona ad essere indipendente (Loiacono & Velluto 2007:30). L'accompagnatore deve essere in grado di prendere il suo tempo per fare teoria e questo gli permette di affrontare i problemi dell'accompagnato in maniera empatica e pervicace (Loiacono 2007:71). In un altro testo, paragonando l'accompagnatore a Ges Cristo, si afferma che egli debba aiutare la persona ad affrontare le sue paure, ad avere fede nella Vita e che lo pu fare solo attraverso le sicurezze che gi possiede, attraverso la sua interezza (Loiacono 2007b:75). Le poetiche parole spese per descrivere il ruolo del conduttore sono molto distanti dalla realt osservata, in cui i conduttori appaiono molto bruschi ed esagitati e cercano di spingere le persone a stati emotivi molto forti. Non essendovi delle tecniche codificate, oltre che da queste indicazioni generali, si pu supporre che il conduttore apprenda innanzitutto in maniera vicaria, sulla base della sua esperienza come partecipante ai Gruppi alla Salute e in secondo luogo da quella personale ma non deve necessariamente aver vissuto i sintomi di un disagio. L'accompagnamento pu essere virtualmente accessibile chiunque abbia affrontato i primi due livelli dei Gruppi alla Salute, ovvero abbia partecipato ai gruppi e abbia seguito i Corsi diretti da Loiacono. In realt perlomeno in alcuni casi Mariano Loiacono a comunicare alla persona che potrebbe essere indicata per fare l'accompagnatore (D.B. 22 Luglio, Enrico 2010). Il percorso continua quindi con incontri settimanali di supervisione della esperienza di conduzione di gruppo. Secondo i principali approcci catartici un terapeuta tra le sue caratteristiche dovrebbe avere la capacit di fronteggiare sentimenti molto forti, apertura e desiderio di sperimentare e un certo gusto per il drammatico (Nichols & Zax 1977:224). Ci si chiede se caratteristiche similari vengano preventivamente valutate nei Gruppi alla Salute. L'esperienza di Soteria ha mostrato che una certa empatia ed accettazione della sintomatologia allucinatoria possono in molti casi prendere il posto dei neurolettici, ma mentre nella Comunit californiana gli operatori erano stati educati a riguardo e la loro conoscenza era trasferibile, nella formazione di Foggia si spende molto pi tempo a delineare la cosmologia del Metodo piuttosto che a fornire una metodologia coerente. La preparazione che ricevono per fronteggiare contesti simili generica e la possibilit di confrontarsi con un esperto non sempre garantita, resta la possibilit di lavorare in equipe tra di

loro, perlomeno nel gruppo di lavoro foggiano.

Goussot (2009) considera la formazione dei

conduttori dei Gruppi alla Salute uno degli elementi critici del metodo. A Foggia gli accompagnatori sono tra i responsabili del servizio stesso. Essi si prendono cura degli altri, in modo da aiutare se stessi. Il loro ruolo diviene a tutti gli effetti professionalizzato. Questa responsabilit per volontaria e non legalmente vincolante. I conduttori attuano degli interventi psicologici anche profondi su persone dalle problematiche pi variegate ponendosi senza dubbio in una condizione rischiosa, ma non punibile per negligenza. Questa de-professionalizzazione riduce i confini percepiti tra conduttore e partecipante, tra dinamiche interne ai gruppi e ci che avviene all'esterno dei gruppi. Questo pu portare ogni persona a ritenersi legittimata a comportarsi sregolatamente con gli altri partecipanti. Due esempi significativi a questo riguardo. Partecipanti: V., Io Contesto: Durante un Fondo Comune un urlo lancinante e prolungato proviene dal corridoio. Alcune persone si guardano intorno scosse, mentre altre, probabilmente pi esperte, continuano come niente fosse. Un minuto dopo entra V., un signore sulla cinquantina. Successivamente V. parla in mia presenza dell'avvenuto. V. : C'era la ragazza che cresciuta senza genitori seduta piangente su di una sedia, e T. che la consolava. Lei piangeva e diceva che nessuno le voleva bene. Allora le ho bisbigliato: 'A tuo padre di te non gliene fregava niente'. Subito dopo ha cominciato ad urlare come un'ossessa e l'abbiamo portata nel lettino del Day Hospital cos si riposava e io sono tornato in sala. Io: E secondo te questo l'ha aiutata? V.: Ma cosa credi, se quel dolore le resta dentro pu farla ammalare!

V. puntava probabilmente a riprodurre la dinamica che i conduttori avevano attivato nei confronti del bambino, ma lo ha fatto al di fuori della sala e del suo ambiente protettivo, suscitando la sofferenza nella partecipante per poi andarsene subito dopo. In questo modo non ha confortato la persona ma l'ha solo ferita. La sua giustificazione in linea con una delle credenze diffuse del metodo. In un'altra occasione: Partecipanti: I. (volontaria), A. (partecipante), M. Loiacono

Contesto: Durante la fase delle comunicazioni A. sembra piuttosto irritata e Loiacono le d parola. A., una signora del sud di quasi cinquant'anni, molto composta e descritta da alcuni degli altri come un po' snob. Nei giorni precedenti aveva espresso dei dubbi sul metodo e si era dimostrata un po' rigida rispetto al suo modo di comportarsi con il figlio. M. Loiacono: Vuoi dire qualcosa? A. : S! Sono incazzata nera! Con quella ragazza, dove sei? Una ragazza si alza in piedi dall'altro lato della sala. I. : Sono qui! A. : Io stavo camminando per i fatti miei e questa qua mi arriva da dietro e mi d una pacca sulla schiena che quasi mi lascia il segno! I. : Non ti ho lasciato il segno! - puntualizzando A. : Ma come ti permetti? Ma chi ti conosce! Ma cosa cavolo vuoi? Chi ti ha chiesto niente! alzando la voce e agitando le braccia I: Penso che fosse quello di cui avevi bisogno! A volte ci si deve smuovere! M. Loiacono : Ecco vedi A., I. ha una relazione problematica con sua mamma e probabilmente in te ha rivisto dei tratti che le ricordano sua mamma. - con tono calmo e cercando di riappacificare le due parti. A. : Ma qua siete tutti matti! Ma cosa ti viene in mente? I. : Certe cose si capiscono col tempo. - dice con tono meno sicuro M. Loiacono : No, I. Diciamolo, hai sbagliato. Hai fatto una cosa nel momento sbagliato e non ti sei fatta capire. I. sembra rimuginare tra s e s, con la testa bassa. M. Loiacono : Ora chiedi scusa ad A. e stringetevi la mano. I. acconsente e anche A. (D.B. 22 Luglio)

Si tratta di semplici scaramucce, che nella vita reale non hanno peso e che in un contesto istituzionale potrebbero anche essere erroneamente amplificate pi del dovuto. Ciononostante comportamenti simili indicano una tendenza che sarebbe auspicabile evitare, sottolineando che ci che avviene all'interno delle dinamiche diverso dal contesto quotidiano. Pertanto necessario che il terapeuta chiarisca la distinzione tra ci che avviene all'interno della seduta e ci che avviene fuori. (Nichols & Zax 1977:195) 4.12.2 I conduttori nel processo di catarsi Durante la settimana intensiva oggetto delle osservazioni partecipanti lo stile principale dei conduttori consisteva nel suscitare emozioni forti nei membri, ma l'osservazione presente in

Abagian (2001) indica ad esempio che le dinamiche possono essere pi vicine all'interpretazione drammatica di un ruolo. Il Metodo ambisce ad essere malleabile come la Vita stessa. La specificit, l'abilit del conduttore quindi l'elemento centrale che determina la natura delle dinamiche, i cui processi non sono pertanto valutabili in maniera sistematica. I conduttori, secondo l'ideologia del MAS, hanno il ruolo di catalizzare processi che sarebbero naturali, ma nel concentrarsi sulla modalit espressiva rischiano di perdere di vista il ben pi importante sviluppo di una consapevolezza nella persona. Il rischio di ricadere nel gi descritto approccio a taglia unica. La potenza delle procedure catartiche richiede un allenamento adeguato ed una supervisione costante del loro lavoro da parte di persone con pi esperienza. Uno screening ed un follow-up dei partecipanti altres fondamentale (Nichols & Zax 1977:225).

All'interno dei Gruppi alla Salute i conduttori non sono terapeuti preparati ma viene comunque richiesto loro di aiutare le persone ad entrare in contatto con la loro profondit. Il sapere esperienziale dei conduttori solo parziale: non necessariamente essi vivono la stessa problematica dell'altra persona e di conseguenza non conoscono quel vissuto, il tipo di pensieri, gli stati d'animo. Ci si domanda se e come i conduttori abbiano appreso il know-how per gestire con sicurezza questo tipo di situazioni per non lasciare le persone in balia delle proprie emozioni e pulsioni ma direzionarle cognitivamente, aiutarle a reintegrare parti profonde della propria personalit nei termini che abbiamo visto essere necessari. Pur non volendo riconoscere ai professionisti un'esclusiva nel trattare questi problemi si evidenzia come il sapere necessario vada ben oltre la conoscenza delle dinamiche di vita e la capacit di far sfogare una persona. Il contesto adeguato per una catarsi deve garantire empatia, contenimento dell'emotivit ed assenza di giudizio, elementi non sempre presenti nelle dinamiche del metodo (D.B. 20 Luglio). Inoltre una catarsi che coinvolga idee ed emozioni, elementi cognitivi ed emotivi, pu essere un elemento distruttivo nel rapporto terapeuta- paziente o conduttore/partecipante: se il partecipante infatti associa all'espressione di sentimenti delle false attribuzioni, ad esempio in una condizione di disperazione incolpa ingiustamente gli altri dei propri problemi, il conduttore pu ritrovarsi a rafforzare le proiezioni del paziente e le strategie utilizzate per ignorare le mancanze personali (Nichols & Zax 1977:212). Non scontato che il richiamo ideologico alla responsabilit personale in questi casi basti e questo mostra come trattare queste dinamiche, essere capaci di accogliere i sentimenti senza accettare le attribuzioni, sia complesso e richieda una consapevolezza dei meccanismi psicologici sottostanti. Per alcune persone occorre domandarsi se lo sviluppo dell'insight sia qualcosa di raggiungibile e se l'esposizione ad emozioni forti sia auspicabile. I promotori del Metodo, Loiacono in primis, sono da questo punto di vista molto spregiudicati. Il Metodo aperto a tutti e non vengono specificate le possibili conseguenze negative. In termini etici sarebbe necessario fare presente ai partecipanti che si tratta di una tecnica non sperimentata e chiarire quali possono essere i costi in termini emotivi e di durata (Singer & Lalich 1998). Le caratteristiche dei leader possono invero determinare un danno nei partecipanti ed il loro vissuto di contro-transfert impedisce di percepire contingenze negative all'interno dei gruppi e direzionare i conflitti irrisolti (Hartley, Roback & Abramowitz, 1976:252). Va per evidenziato nuovamente come nelle sedute dei Gruppi alla Salute si generi un clima di accoglienza ed empatia tra le persone che non termina allo scadere della seduta, come invece

lecito supporre per quanto riguarda le psicoterapie gestite da professionisti, ma continua nella vita di comunit proposta dal Metodo. Nelle psicoterapie tradizionali i pazienti cercano di resistere ai loro bisogni regressivi perch temono che se si lasceranno andare si sentiranno come bambini e non riusciranno a tornare adulti per la fine dell'ora (Nichols & Zax 1977:215). Questo sembra indicare il bisogno di avere maggiore tempo a disposizione ed una cornice terapeutica pi ampia come quella che viene fornita dalla Comunit.

4.13 Altre criticit dei Gruppi alla Salute


4.13.1 Il ruolo dello psichiatra Loiacono Loiacono si occupa delle diverse attivit di promozione del metodo e contribuisce in modo prolifico con nuove teorie e contributi, durante le settimane intensive gestisce ancora alcune delle sedute e la sua esperienza, come si visto nell'Osservazione Partecipante di Abagian (2001), diversifica e valorizza questi momenti. Egli per non solo la prima persona in trattamento, ma il dirigente di una struttura sanitaria, professionista e psichiatra che mette in atto una forma di trattamento. La natura dei Gruppi alla Salute, se osservata da questo punto di vista, cambia bruscamente. Non si tratta, nei casi in cui essi siano diretti da Loiacono, di gruppi informali di persone che si incontrano volontariamente e in cui la responsabilit personale, ma di gruppi gestiti da un professionista che riceve uno stipendio. In un servizio di salute mentale tradizionale lo psichiatra ha la responsabilit della persona che viene presa in carico, monitora l'andamento della persona e la incontra regolarmente. Vista la moltitudine di coloro che visitano il Centro il dottore visita individualmente gli utenti molto raramente e la responsabilit viene delegata ai pochi operatori e volontari. La persona che vive una problematica grave non ha quindi un punto di riferimento forte a cui pu fare affidamento in ogni momento e che responsabile del suo andamento. Un'equipe psichiatrica ha l'opportunit di lavorare a tutto tondo sulla persona, mentre il medico garante; a Foggia le riunioni tra conduttori riguardano principalmente la conduzione dei GAS. La cura messa in atto da uno psichiatra, assimilabile ad una psicoterapia, sottosta a delle regole deontologiche (Michielin in Singer & Lalich 1998:10); in prima istanza ogni terapia deve sottostare a studi di efficacia ed pi adeguata per un certo tipo di problema. I Gruppi alla Salute sono in una costante fase sperimentale da quasi quarant'anni. A sostegno della sua efficacia vi sono solo dei resoconti impressionistici.

Il professionista deve informare con sincerit la persona su altri trattamenti per il suo problema mentre Loiacono agisce da ideologo e condanna indiscriminatamente le altre psicoterapie. Gli obiettivi, i costi ed i tempi presumibili dell'intervento dovrebbero essere dichiarati al paziente. Nei gruppi alla salute l'obiettivo molto generico e non vi sono criteri oggettivi per valutare i cambiamenti messi in atto dalle persone e quanto questi siano effettivamente dovuti alla terapia. Gli utenti dovrebbero avere modo di valutare in termini concreti la qualit della propria condizione piuttosto che basarsi su criteri pi astratti decisi dal terapeuta. Alcuni delle tecniche semplicistiche comuni a molte psicoterapie-truffa sono la ricerca dell'origine dei propri problemi nel passato, l'uso improprio di modalit volte a modificare lo stato di coscienza dell'individuo anche abusando emotivamente o fisicamente della persona e la pressione a fare proprie delle credenze spirituali (Singer & Lalich 1998). Questi elementi sono tutti presenti, in maggiore o minore parte, nei Gruppi alla Salute gestiti da Loiacono. Se episodi di violenza fossero verificati, come li si potrebbe giustificare? Si riflettuto in precedenza sull'apprendimento vicario da parte dei conduttori. E' verosimile che le modalit evidenziate durante la settimana intensiva siano state apprese dall'osservazione di Loiacono all'opera. Alcuni gruppi legati all'Human Potential Movement, allettavano i propri pazienti affermando che tramite particolari tecniche essi potevano raggiungere il livello pi alto dell'evoluzione umana (Singer & Lalich 1998). In una maniera simile a Foggia si chiede alle persone di credere che stiano vivendo qualcosa di unico ed eccezionale e che in questi tempi di disagio diffuso essi si stanno preparando ad una Nuova Specie. L'utilizzo di queste idee grandiose, in queste come in altri casi descritti precedentemente, pu isolare ulteriormente il gruppo e renderlo auto-referenziale. L'unico antidoto continuare a mantenersi un gruppo aperto e dare spazio alle contraddizioni piuttosto che rinchiudersi in situazioni settarie. 4.13.2 I Gruppi alla Salute da un punto di vista comunitario Anche i Gruppi alla Salute, malgrado l'ideologia di Loiacono affermi il contrario (Loiacono 2000:228) sono Comunit Artificiali la cui partecipazione a termine. Le persone che si recano a Foggia per fare un percorso sanno che dovranno tornare alla loro vita ordinaria i membri del Gruppo alla Salute di Bassano del Grappa ritornano nella loro quotidianit alla fine di ogni seduta. Non vi sono regole di appartenenza ai Gruppi alla Salute, chiunque pu parteciparvi.

Lo scopo dei Gruppi alla Salute il superamento del disagio vissuto e una maggiore socializzazione. Ovviamente bisogna distinguere quella che la componente ideologica dall'effettiva consistenza dei gruppi: nel Metodo alla Salute si parla di aprire le proprie porte alla Comunit Globale (Loiacono 2007a) ma le persone si incontrano principalmente per risolvere il proprio problema piuttosto che per cambiare la societ. Altres, rispetto ai Gruppi di Mutuo Aiuto la preminenza viene data alle dinamiche interne alla seduta piuttosto che alla rete di supporto, pur esistente, che si forma tra le persone. Questo rende i gruppi qualcosa di pi simile alle Comunit Estetiche criticate da Bauman (2001): Loiacono parla apertamente di un passaggio da una Comunit basata sui doveri e su certezze assolute ad una Comunit basata sullo spettacolo pubblico come massima espressione della vita e della creativit, associando i Gruppi alla Salute a quest'ultima categoria (Loiacono 2000:229). L'identit che viene proposta da questo tipo di gruppi non pi basata su di un'appartenenza naturale ma viene conquistata tramite le relazioni e dura solo fino a quando chi vi partecipa decide di farla durare, ovvero costruita sulla transitoriet della Passione. Una persona al loro interno ha l'opportunit di sperimentarsi, ma i risultati della sperimentazione sono sempre instabili. Le relazioni che sopravvivono solo per il volere dei propri partecipanti richiederanno un'estrema volont per mantenersi. Le regole dei Gruppi alla Salute li rendono abbastanza aperti ma questo va a danno della sicurezza percepita dai partecipanti. (Bauman 2001:99). Quando per si tratta per di prendersi una responsabilit quotidiana e continuativa nei confronti di coloro che stanno male, magari senza ricevere per questo un compenso per il solo fatto che anche loro sono persone in trattamento, come viene richiesto ai volontari che abitano nella Comunit di Villa Terronia e che abiteranno in futuro nel Villaggio Quadrimensionale, allora il discorso cambia. In tal caso il peso dei doveri viene affidato solo ad alcuni, limitando la possibilit per queste persone di vivere in maniera indipendente, lavorando e vivendo il proprio tempo libero. Ovviamente si pu scegliere di diventare volontari in maniera libera, a patto che non si utilizzi quest'occasione soprattutto per curare se stessi o perch si percepisce un senso di obbligo verso l'organizzazione. Come avviene per altre comunit, ad esempio alcune strutture per tossicodipendenti di impronta cattolica, persone che hanno seguito il trattamento lavorano a fianco degli operatori regolari. Ma nel caso dei Gruppi alla Salute la presa in carico e la cura che viene data agli ospiti di Foggia si basa esclusivamente sulla vocazione piuttosto che sulla responsabilit di operatori retribuiti.

Qualora i volontari interrompessero il loro lavoro per ritornare alla loro vita quotidiana le persone che vivono un disagio sarebbero abbandonate, senza un servizio alle spalle a garantire loro un'assistenza continuativa in caso di bisogno. La conseguente precariet, indipendente dalla professionalit dei volontari gi considerata precedentemente, va a discapito degli ospiti. Pur essendosi sviluppati all'interno di un servizio pubblico, viene data un'importanza minore a percorsi di integrazione lavorativa ed opportunit formative e ci si rivolge soprattutto alla rete sociale in cui la persona viene immessa (Anima Mea 2008). Ovviamente la limitazione di fondi a cui sottoposto ogni servizio pubblico, soprattutto nel Sud Italia, limita le possibilit di sviluppare percorsi in questa direzione, ma altre realt in condizioni ancora pi precarie hanno sviluppato collaborazioni con il privato sociale per offrire questa possibilit ai propri utenti (Ansa 2007). Come gi affermato, una riabilitazione che si concentra sulle carenze dell'individuo senza affrontare apertamente la sua condizione all'interno della societ si trasforma in un lavoro d'intrattenimento. Il lavoro sull'individuo e sulle sue condizioni sociali non possono essere scissi o si lavorer col profondo della persona senza considerare la sua indigenza, capovolgendo la piramide di Maslow (1943) e rischiando peraltro di sviluppare un circuito chiuso alla societ tipo setta (Giachi 2007:3). L'approccio di Foggia in questo senso considera il soggetto solo da una prospettiva e limita il lavoro di rete atto a consentirgli l'accesso ad altre risorse. La permanenza a Foggia abbastanza costosa, si parlato di 45 al giorno, non certo alla portata di tutte le tasche. Questo rende il MaS un privilegio per persone che possono permettersi un periodo di pausa o hanno l'opportunit di mantenersi attraverso un lavoro regolare. La faziosa condanna dei servizi di assistenza pubblici da parte di Loiacono non tiene conto di questo, fondamentale elemento.

4.14 Valutazioni Conclusive sui Gruppi alla Salute


I Gruppi alla Salute possono essere descritti come comunit in cui si sviluppano dinamiche mutualistiche simili a quelle dei Gruppi di auto-aiuto. Infatti gestito principalmente da non professionisti e i membri condividono le loro storie e si supportano emotivamente nel processo di cambiamento. Al contrario dei Gruppi AMA che hanno degli scopi definiti e dei criteri per valutarne l'efficacia, i Gruppi alla Salute hanno delle mete pi indistinte che vanno dal contatto con la profondit, al superamento del proprio sintomo, pur nell'eventualit che esso si ripresenti, alla creazione di una Comunit Globale. Tramite l'ideologia sono in grado di giustificare peggioramenti della condizione di salute come il segnale di un cambiamento. Nei GAS, come in molti gruppi mutuali statunitensi un'ideologia molto sviluppata a cui i partecipanti aderiscono fa da spina dorsale offrendo spiegazioni per i propri problemi e una serie di rituali che rafforzano il legame tra i membri. Il principio di universalit, l'opportunit di riconoscersi nelle esperienze degli altri in quanto affetti dallo stesso problema, ritenuto un elemento imprescindibile dei GAMA, viene supplito dall'ideologia. Naturalmente questo comporta che chiunque non si riconosca nel credo inconsueto dei GAS, avr pi probabilit di staccarsi dal gruppo. Riferimenti al Fondo Comune della Vita, ai Mediatori Meta-Storici, ai Glob-cettori, all'Epistemologia Globale e ad altri concetti criptici e supportati principalmente dal senso comune possono far allontanare persone pi razionali e con un maggiore senso critico. E questo in primo luogo un problema per il Metodo che, perlomeno dalle dichiarazioni, si vuole far attecchire ovunque. La pretesa, condivisa da approcci simili, di attribuire un disagio all'intera societ a partire da valutazioni dubbie logora ulteriormente la credibilit teorica dei Gruppi alla Salute. Ma in fondo i messaggi pregnanti dell'ideologia del Metodo sono molto pochi: si pu imparare da tutti quanti a prescindere dall'esperienza, pi probabile trovare la soluzione ai propri problemi confrontandosi con gli altri, il disagio sempre inserito in un contesto e pu essere solo il sintomo di una problematica pi ampia. Su questi punti sarebbe molto pi semplice trovare supporto nella Comunit Scientifica e al di fuori di essa. E' necessario valutare se effettivamente l'ideologia pu ricoprire il ruolo del principio di universalit, ad esempio esaminando le percezioni degli aderenti al metodo riguardo alle somiglianze con gli altri membri.

Infatti, nel concreto, i partecipanti al Metodo esprimono l'utilit derivata dall'incontro con persone diverse. Il cosiddetto Crossing-Over pu non essere indicato per tutti, ma offre l'opportunit di socializzare ed essere parte di una rete sociale che prescinde da stigma ed emarginazione. Si tratta di un grosso punto di forza del metodo perch offre alla persona con disagio psichico grave numerose opportunit di ricevere aiuto da parte di coloro che hanno una maggiore stabilit ma altre problematiche. Un altro elemento difforme dal modello dei GAMA il lavoro con tutto il corpo favorito dai gesti consuetudinari e dai momenti informali. Suscitano molti pi dubbi le dinamiche catartiche attivate dai conduttori allo scopo di rivivere i traumi del passato e ristabilire il contatto con diverse modalit espressive. Gli approfondimenti teorici riportati in questa dissertazione smentiscono la sua funzione di sfogo o superamento di traumi del passato e in generale l'idea che l'espressione intensa di emozioni abbia effetti benefici sull'organismo. Una catarsi pu essere significativa solo come parte di un intervento che comprenda anche una componente cognitiva, un esame razionale di modalit efficaci per fronteggiare i propri problemi. Per alcune persone e in alcune situazioni essa pu divenire anche controproducente e incentivare comportamenti avversi al di fuori del gruppo. A questo riguardo si nota una formazione molto limitata per quanto riguarda i conduttori che oltre a non avere una tecnica a cui fare riferimento o delle teorie dettagliate non hanno la possibilit di sviluppare competenze atte a direzionare nella maniera pi efficace le persone in seguito alla catarsi. Sono troppo poche le informazioni per valutare le dinamiche affini allo psicodramma, ma oltre a mancare la solida metodologia di quest'ultimo, si gi affermato che l'efficacia di queste tecniche limitata rispetto a quella di altre pratiche. Sarebbe pertanto preferibile favorire l'espressione di emozioni in maniera serena e per nulla violenta in modo da ridurre gli effetti controproducenti. Scatena dubbi anche l'affidamento completo della Comunit residenziale a dei volontari, per la responsabilit che viene loro assegnata, senza garantire una copertura da parte dei servizi. In termini di riabilitazione psichiatrica, limitarsi al lavoro sulla persona escludendo l'assistenza sociale, l'inserimento lavorativo e le opportunit abitative non pu fornire garanzie a lungo termine.

Queste garanzie possono essere fornite da un Servizio Sanitario ben funzionante, ma sono pi rare. Se non si lavorer anche in questa direzione il Metodo rimarr, al pari di altre cliniche private, un privilegio per coloro che sono in grado di permetterselo. Non si hanno abbastanza informazioni a disposizione per valutare i Gruppi alla Salute satelliti come quello di Bassano del Grappa. Rispetto ai Servizi Tradizionali uno degli elementi di maggiore attrattiva dei Gruppi alla Salute la forte riduzione nell'uso di psicofarmaci. Si sono offerti alcuni argomenti a sostegno di questa scelta terapeutica, ma si sottolineato come ogni caso vada considerato singolarmente, allo scopo di trovare la soluzione pi efficace. Le considerazioni precedenti vanno considerate come preliminari ed urgente la necessit di nuove ricerche sul tema. Il Dott. Bob Johnson suggerisce l'utilizzo del General Health Questionnaire (Universit di Bologna 2010), uno strumento agile, generico rispetto alle diverse patologie e standardizzato per fornire delle prime evidenze sull'efficacia del metodo anche rispetto ai disturbi per il quale pu risultare dannoso (Johnson 2009). L'intervista riportata in Appendice A, elaborata per valutare i processi in corso nei Gruppi alla Salute, riporta le domande della versione italiana del GHQ nella parte finale e potrebbe essere somministrata ad un Gruppo alla Salute ed ad un Gruppo AMA di controllo. In essa sono affrontate in maniera indiretta il ruolo all'interno del gruppo, l'ideologia, l'helper therapy, il cambiamento percepito, la dipendenza dal gruppo ed il supporto tra membri. Sono necessarie ricerche con follow-up sui soggetti che hanno partecipato per un periodo abbastanza lungo ai Gruppi alla Salute. Queste dovranno considerare fattori demografici, diagnostici e integrare la valutazione dei conduttori sul percorso della persona. Sono principalmente i conduttori a stabilire un eventuale successo nella partecipazione ai gruppi e pertanto raccogliere la loro valutazione consentir di distinguere tra processi di remissione spontanea e cambiamenti significativi per la condizione di vita dei soggetti. Qualora si rilevasse un miglioramento della salute per specifiche categorie diagnostiche questo andrebbe ulteriormente valutato attraverso strumenti patologia-specifici come la Hamilton Rating Scale for Depression, per la depressione, la Beck Anxiety Inventory per l'ansia, la Positive and Negative Syndrome Scale (PANSS) per le psicosi.

5. Il ruolo dell'Educatore Professionale


Questo capitolo conclusivo riguarda le implicazioni di ci che si affermato fino ad ora per la figura dell'Educatore Professionale. La trattazione comincer con alcune considerazioni riguardo le diverse forme di responsabilit verso la persona con disagio psichico, quindi si parler dell'opportunit in questi termini offerta dal modello del Crossing Over ideato in seno al Metodo alla Salute. Successivamente si forniranno alcune considerazioni su come l'educatore potrebbe promuovere nella comunit dei gruppi aspecifici per diverse forme di disagio e che conseguenze ha questo per lo stile di lavoro dell'educatore. Le tematiche discusse fino ad ora sollevano una questione di fondamentale importanza. Fino a che punto deve spingersi la responsabilizzazione delle persone con problemi mentali? Quanto necessario l'apporto dei servizi? E che ruolo ci si pu aspettare dalla Comunit? Non possibile dare una risposta semplice e lineare a queste domande ma ci che si detto conduce a diverse considerazioni. Innanzitutto il sistema economico e la condizione di una societ determinano fortemente il grado di responsabilit che si disposti a delegare alla popolazione e a chi vive il disagio. Il sistema indiano per la salute mentale consta essenzialmente in un lavoro sul territorio da parte di infermieri che collaborano con i familiari e la rete di appartenenza. Sono molto pochi i servizi ospedalieri e i risultati in termini di decorso della schizofrenia sembrano essere migliori (Saraceno 1995). Un ridotto interesse della categoria medica a promuovere una maggiore assistenza favorisce processi a partire dal basso che consentono alle persone di rimanere nel proprio ambiente sociale. Allo stesso modo la mancanza di un'assistenza pubblica estensiva negli Stati Uniti ha portato diversi gruppi a sviluppare autonomamente le proprie soluzioni. La societ ha delegato loro un elevato grado di responsabilit, pur mantenendoli all'interno dei servizi tradizionali per quanto riguarda la gestione delle crisi e la somministrazione di psicofarmaci. Proprio questi elementi riflettono la dimensione custodiale residua, delegata in Occidente ai servizi per la salute mentale. Nei paesi in via di sviluppo, quando questo ruolo non affidato ad essi, i familiari ricorrono anche a modalit detentive opprimenti (Minas & Cohen 2007). L'accesso ai servizi garantisce perlomeno delle sicurezze sulla condizione della persona e la possibilit di informare i parenti sulle dinamiche delle crisi. Inoltre un lavoro di equipe pu facilitare il recupero nella persona. D'altro canto si possono sviluppare processi di cronicizzazione dati dall'accresciuta

attenzione degli operatori verso ogni comportamento degli utenti, che li pu condurre ad essere molto pi cauti del dovuto rispetto ad una loro responsabilizzazione. L'esperienza di Soteria offre degli spunti di lavoro molto stimolanti che potrebbero ridurre questa tendenza negli operatori, diminuendo peraltro l'uso di psicofarmaci. Soteria mostra anche come sia possibile delegare a dei dilettanti il ruolo di operatori senza per questo perderne in termini di efficacia. Ci detto, per quanto si possano favorire gli aspetti mutuali tra le persone che vivono un disagio, sono necessari operatori che garantiscano un supporto quando questo viene a mancare da parte dei propri pari; la qualit del lavoro sociale non deve compromettersi per convenienza economica o eccesso di delega. I tagli al sociale di cui siamo stati testimoni negli ultimi anni riducono fortemente le possibilit per i servizi di prendersi cura dei propri utenti (Agenzia Dire 2011). Questo dovrebbe comportare risposte politiche e solidaristiche da parte di tutta la popolazione. Le persone pi svantaggiate, soprattutto coloro che vivono un disagio mentale hanno molte meno possibilit di far sentire la propria voce e protestare. E' plausibile che saranno i servizi stessi a sviluppare delle soluzioni sostenibili e la proposta di questa tesi si inserisce in questa corrente. Per quanto riguarda il coinvolgimento delle Comunit la questione si fa, al di l delle facili retoriche, molto pi spinosa. Hudolin immagin una Comunit di Prevenzione per tutti i disturbi psichici, che assomigliasse pi ad una famiglia di famiglie in cui la delega ai servizi e agli esperti avrebbe riguardato solo casi molto gravi (Petrella 2007:103). In una Comunit in crescente disgregazione (Adamsen & Rasmussen 2001:913), la promozione di ogni tipo di responsabilit risulta difficile ed essendo i comportamenti anormali sempre stati storicamente stigmatizzati e puniti, nell'ambito della salute mentale la prospettiva sembra ancora pi ardua. Naturalmente si fanno dei tentativi, soprattutto nella direzione dell'intrattenimento: film sulla follia, mostre, conferenze, ma oltre a raggiungere una componente limitata della societ difficile credere che queste modalit possano spingere le persone a prendersi un maggiore impegno verso gli emarginati.

5.1 L'opportunit del Crossing-Over


La proposta del Metodo alla Salute, per quanto nel suo insieme eticamente scorretta nel arrischiare l'abuso emotivo e spingere le persone ad aderire a considerazioni arbitrarie, pu offrire delle soluzioni inedite a questo problema.

Il Crossing-Over riunisce nello stesso setting persone estremamente diverse, ma che ritengono di avere un problema su cui lavorare, favorendo l'emergere di contributi personali da parte di tutti. Szasz (cit. in Goffman, 1961:364) sosteneva che la differenza tra una persona che ha un'idea (o IDeA) sbagliata ed una che viene considerata malata mentale il presupposto che si possa comunicare con essa; in caso contrario verr considerata una persona inferiore e psicotica piuttosto che qualcuno con cui dissentiamo. La follia in prima istanza una mancata condivisione di significato. Un tipo di gruppo simile sarebbe pi prossimo alla molteplicit della Comunit di Luogo ma con dei rapporti paritari e maggiormente intensi. Principalmente si parlerebbe del proprio passato, dei rapporti significativi della propria vita ma anche delle proprie problematiche quotidiane e di come le si affronta. La possibilit di Fare Teoria su di s e confrontarla con quella degli altri andrebbe mantenuta e occorre garantire l'apertura alla discussione. L'empatia e la comprensione reciproca sono elementi comuni ad ogni gruppo di auto-aiuto ed necessario che siano promossi anche all'interno di un gruppo in cui si mette in atto il crossing-over. Ogni persona porta con s determinate risorse e competenze ma agisce all'interno di un ambiente paritario. Il problem-solving rispetto alle problematiche che i membri affrontano quotidianamente pu risultare ancora pi efficace e le competenze di alcuni possono permettere di sviluppare attivit che vanno oltre la semplice seduta, ad esempio forme effettive di supporto. I membri che hanno superato o stanno affrontando il loro disagio, qualsiasi esso sia, possono fornire dei modelli e delle interpretazioni molto diversificate ai partecipanti. Le relazioni che stanno alle spalle di ogni membro forniscono al gruppo una potenziale rete sociale molto diversificata che pu divenire fonte di opportunit concrete. Un gruppo di questo tipo si pu sostenere attorno ad un'ideologia molto pi semplice rispetto a quanto il MaS prospetti: le problematiche comuni che si possono presentare con sintomi diversi, la possibilit di imparare qualcosa di utile da tutti quanti e la relativa tendenza a valutare positivamente i contributi di ogni partecipante. Le considerazioni, anche quelle negative, vanno preservate e in un contesto simile possono essere un forte incentivo al cambiamento per le persone, ma bisogna separarli in modo chiaro dal giudizio morale. Questi atteggiamenti possono essere promossi da un facilitatore che dovr lavorare anche per evitare che le persone meno capaci vengano emarginate ed aiutare negli aspetti organizzativi delle diverse attivit. L'educatore professionale, come si vedr tra poco, ha le competenze perch questo avvenga.

Un gruppo di questo tipo, aperto ad ogni persona che non si sente bene e vuole fare qualcosa a riguardo potrebbe fungere da ente di prevenzione primaria, supportando le persone prima che il loro disagio si aggravi. Per rendere la sua genericit qualcosa di veramente attraente per necessario un contatto con i servizi assistenziali, in particolare quelli per la salute mentale, perch essi indirizzino i propri utenti verso quest'esperienza. Esso potrebbe promuovere iniziative di tipo solidaristico diretto tra i diversi membri, che acquisirebbero nuovamente un peso politico, agendo come membri di una Comunit piuttosto che come portatori di un disagio. Si tratta, utilizzando le parole di Bauman, di una modalit per ricostruire il luogo dove i problemi privati e quelli pubblici si incontrano, dove i cittadini si impegnano in un dialogo allo scopo di governare loro stessi. La libert individuale pu essere solamente un prodotto di un lavoro collettivo, pu essere assicurata e garantita solo collettivamente (Bauman in Adamsen & Rasmussen 2001:914). La principale sperimentazione in questo campo fornita dai Gruppi alla Salute ma si ritiene necessario sviluppare maggiormente le ricerche in questo senso, isolando gli elementi positivi fino ad ora considerati.

5.2 Il Ruolo dell'Educatore Professionale


Ci che si detto finora ha particolare valore per gli educatori che intendano orientarsi su di un lavoro di Comunit, all'interno dei Servizi Sociali di Base, volto a stimolarne le capacit autonome di cura. Lo sviluppo di diversi modelli bottom-up per soddisfare le necessit di gruppi svantaggiati indica una crescente sensibilit per un approccio di community work che si presta ad essere applicato in molteplici settori del lavoro sociale (Twelvetrees 2006:171). Per quanto riguarda la fondazione di Gruppi mutuali si propone che essi assumano alcuni degli elementi caratteristici dei Gruppi alla Salute, in particolare che facilitino il Crossing-Over. L'efficacia di gruppi misti ancora da dimostrare, attraverso attivit di ricerca approfondita, ma i vantaggi che questi offrono meritano di essere esplorati attraverso progetti pilota. Qualora l'educatore intenda creare un gruppo di auto-aiuto che sia pi prossimo alle forme virtuose di una Comunit e non promuova l'auto-referenzialit e l'isolamento, dovr sviluppare alcune delle competenze che sono gi proprie della sua figura. Il core competence dell'educatore professionale prevede la capacit di progettare e realizzare attivit aggretative nei luoghi e contesti a rischio di marginalit e di degrado sociale, attivare servizi a bassa

soglia e di facile accessibilit, lavorare in collaborazione con le risorse formali ed informali della Comunit per attuare gli interventi programmati (Crisafulli, Molteni & Paoletti 2010:65), competenze necessarie per la fondazione di un gruppo crossing-over. 5.2.1 La fondazione di un Gruppo Crossing-Over Il gruppo crossing-over ideato come un servizio a bassa soglia, a cadenza settimanale, aperto ad utenze afferenti da diversi servizi e da comuni cittadini che desiderino parteciparvi. La costruzione un gruppo mutuale dovrebbe sempre essere preceduta da una domanda, centrale nella professione dell'Educatore: che tipo di cambiamento ci si prospetta nei partecipanti? I gruppi di auto-aiuto nascono soprattutto per fornire supporto emotivo alle persone, migliorando il loro benessere, promuovendo un cambiamento fintanto che loro li riterranno utili. Anche un gruppo crossing-over ha questo scopo ma promuove attivit solidaristiche tra membri su base volontaria. Fintanto che la persona riterr utile un gruppo con le caratteristiche costruttive di una comunit aperta alla diversit, potr farne parte. Non si tratter di una cronicizzazione nel ruolo di malato mentale perch i Gruppi saranno formati da persone di ogni tipo e promuoveranno il contatto con l'esterno attraverso attivit diverse. Il cambiamento prospettato avviene quindi nell'individuo per tramite del gruppo in cui si trova e riguarda la possibilit di vivere relazioni significative con altre persone, di fare parte di una rete sociale soddisfacente. Essere parte di una rete sociale ha un valore basilare perch una persona abbia maggiori possibilit di godere di buona salute, imparare nuove abilit, trovare un lavoro, essere accettato con i propri limiti e debolezze. Questi sono elementi essenziali per un percorso di riabilitazione, in psichiatria come in altri ambiti. Perch venga promossa la partecipazione di persone con caratteristiche diverse occorre definire un target molto ampio per il proprio gruppo, rivolgendosi a tutte le persone che ritengono problematico un proprio modo di essere o di comportarsi. Per le ragioni gi elencate in precedenza questa apertura pu essere un grande stimolo e la genericit conseguente pu essere supportata dal coinvolgimento e dalla condivisione di alcuni valori. Una cittadina di media grandezza ideale per formare un gruppo di questo tipo: la presenza di diversi servizi assistenziali permette un contatto con un bacino molto differenziato. La promozione dovr essere abbastanza generica e sottolineare la completa gratuit e l'assenza di un particolare credo nel gruppo; perlomeno inizialmente si prevede la partecipazione solo di persone abbastanza motivate, ma col tempo sar prospettabile la partecipazione anche di individui pi esitanti. La promozione pu essere fatta tramite volantini, attraverso la radio locale ma lo strumento migliore rimane il passaparola. Per questo, perlomeno nelle prime fasi sarebbe opportuno che

ciascuno dei partecipanti si impegnasse a reclutare nuove persone, sono pochi infatti coloro che sono disposti ad inserirsi in un gruppo in cui non conoscono nessuno (Twelvetrees 2006:49). 5.2.2 L'Accoglienza L'accoglienza di nuovi membri all'interno di un gruppo non dovrebbe sottostare a regolamenti particolari e dovrebbe essere svolta in maniera preponderante da parte degli altri membri. L'educatore pu facilitare il processo di accoglienza attraverso l'uso di particolari rituali, come l'applauso di incoraggiamento, o l'invito ad altri membri a presentarsi al nuovo arrivato. Per alcune persone potr risultare necessario un intervento lento e graduale proponendo delle attivit da fare insieme che alimentino le motivazioni e la fiducia (Tweltetrees 2006:81). Il Gruppo Crossing-Over aperto a tutti ma chiaro che molte persone vi si troveranno a disagio. Coloro che vivono in maniera molto stressante la presenza di altre persone o che non sono in grado di affrontare un'ora di riunione probabilmente si auto-escluderanno. Star al gruppo cercare di aprirsi all'eterogeneit, di accettare le modalit espressive di tutti senza cristallizzarsi in regole che spesso confinano all'esterno chi non le accetta. Come mostra l'esperienza di Foggia la diversit pu essere un'effettiva occasione per imparare nuove cose su di s e sugli altri. Infine bene che l'operatore chiarisca ai partecipanti qual' il suo obiettivo e se il suo impiego a termine o meno per evitare delusioni nelle fasi successive. 5.2.3 La Valutazione La Valutazione individuale dei partecipanti al gruppo necessaria per considerare se essi stanno ricavando qualche beneficio dalla partecipazione ai gruppi. L'educatore, rispetto ad altre figure professionali, ha portato allo sviluppo di unattenzione agli aspetti valutativi dei processi e dei risultati (Zancan 1996) e questa va mantenuta in ogni contesto lavorativo e in ogni fase, pur adattandosi al tipo di intervento che viene svolto, mantenendosi oggettiva ma al contempo sostenibile e soprattutto proficua. Nel caso di un Gruppo aperto a diverse forme di disagio si tratta in particolare di valutare la percezione individuale del proprio benessere e la qualit della partecipazione ai gruppi. Un questionario auto-somministrato abbastanza solido in termini metodologici, di facile compilazione ed analisi il GHQ, il General Health Questionnaire, presente anche in italiano ed utilizzabile gratuitamente (Universit di Bologna 2007). Esso potrebbe essere somministrato a cadenza mensile ai partecipanti che hanno seguito il gruppo e i dati potrebbero essere elaborati dall'educatore.

Per quanto riguarda la qualit dell'interazione nel gruppo, considerata l'originalit dell'aggregazione e i diversi tipi di argomenti che possono esservi trattati indicato l'utilizzo di tecniche qualitative quali osservazioni partecipanti e resoconti dettagliati dei temi trattati in ogni seduta. Uno strumento aperto di questo tipo pu permettere di monitorare numerose variabili quali i concetti espressi, le modalit verbali e non verbali di espressione, il feedback negli altri partecipanti, la qualit degli scambi, il clima del gruppo, le iniziative solidaristiche. Col tempo l'educatore potr valutare se costruire degli strumenti personalizzati di pi semplice compilazione ma indubbiamente questi dovranno essere su misura del gruppo. Raccogliere osservazioni su tutti i membri particolarmente arduo e naturalmente si tender a concentrarsi sulle persone pi attive. Per rimediare a questo limite possibile, ma solo se vi un accordo preliminare con tutti i partecipanti (ANEP 2002:4),videoregistrare le sedute per osservare i comportamenti dei singoli membri. Inoltre questo metodo pu permettere all'educatore di osservarsi al lavoro (Twelvetrees 2006:53). E' altres fondamentale che l'educatore sviluppi una scheda semi-strutturata per valutare la sua efficacia all'interno dei gruppi. Elementi critici sono il coinvolgimento di tutti i partecipanti, il grado di empatia trasmesso, la capacit di promuovere un problem-solving adeguato. Questi elementi vanno corredati con alcuni appunti riguardanti le ansie vissute dall'educatore, i vissuti di disagio o di riconoscimento nelle storie dei partecipanti, che gli permettano di monitorare il proprio comportamento (Bick 1989). Nonostante queste scrupolosit rimane fondamentale la capacit di cercare al di fuori del gruppo un feedback da parte dei partecipanti (Twelvetrees 2006:86). 5.2.4 La presa in carico La presa in carico da parte dell'Educatore riguarda essenzialmente la partecipazione ai gruppi da parte di coloro che vi hanno aderito. Il coinvolgimento dei familiari che spesso hanno un ruolo critico nell'andamento del disagio va senza dubbio incentivato ma non deve essere una condizione necessaria perch i partecipanti possano trarre beneficio dal gruppo. Di fronte ad altre problematiche presentate dai partecipanti direttamente all'educatore star a lui valutare se indirizzare verso il gruppo stesso o verso altri servizi. E' fondamentale da questo punto un contatto con essi, rispetto ai quali non sar scontato acquisire una certa credibilit. Una netta proporzione dei Direttori di Servizi per la Salute Mentale credono nella validit dei gruppi di autoaiuto (Corlito et al. 2003) ma indubbiamente non sono preparati a dei gruppi misti. L'educatore non potr riferire ad altri operatori informazioni che compromettano la riservatezza promossa all'interno dei gruppi. Potr ad esempio fornire valutazioni riguardo il grado di partecipazione ai gruppi ma non il contenuto delle confessioni.

5.2.5 L'Intervento Educativo L'obiettivo principale dei gruppi di far parlare i membri di loro stessi, delle loro relazioni significative, dei propri problemi passati e quotidiani, ai quali vorrebbero trovare una soluzione e l'intervento educativo dell'educatore riguarda principalmente l'attivit di facilitazione del gruppo. Sebbene questa attivit possa sembrare semplice si vedr come essa non si limiti alla gestione della seduta ma abbia molto di pi le caratteristiche di un lavoro di comunit. Questo non preclude il lavoro individuale, ma lo mette in secondo piano. Per la sua caratteristica ibrida e di gruppo ponte tra utenze afferenti da diversi servizi, i progetti individuali saranno legati principalmente a questi ultimi, potr perci rendersi disponibile a fornire aiuto, anche individuale, ai membri nelle attivit correlate al gruppo. Ad esempio si potr assistere una persona a cui stato assegnato un ruolo dal gruppo per mantenere elevata l'autostima od aiutare un soggetto con tendenze all'isolamento a mantenersi in contatto con il membro che considera pi gradevole. 5.2.6 L'Educatore come facilitatore La presenza di un operatore all'interno dei gruppi di auto-aiuto uno dei temi maggiormente discussi e cruciali nella realt del self-help (Katz 1981:145). E' bene sottolineare che il gruppo mutuale mantiene le stesse caratteristiche anche in presenza di un facilitatore professionista ovvero il suo ruolo rimane marginale rispetto agli scambi che avvengono tra gli altri partecipanti e non pertanto sovrapponibile a quello di uno psicoterapeuta di gruppo. Sul territorio nazionale i gruppi con facilitatore professionista sono il 71%, le professioni prevalenti sono lo psicologo (30%), l'educatore (10%), il medico (7%), l'assistente sociale (6%) (Focardi et. Al 2006). La presenza di professionisti indica una maggiore integrazione tra gruppi di auto-aiuto e servizi socio-sanitari pubblici o privati. I vantaggi della presenza di un facilitatore professionista sono dati dalle competenze professionali che egli ha sviluppato a proposito delle dinamiche di gruppo. Solitamente questo gli consente di promuovere le potenzialit con pi facilit e di valutare la qualit delle interazioni. Il ruolo del professionista non riguarda invece la conoscenza della patologia o la possibilit di intervenire sui contenuti del gruppo (Oliva & Croce 2009). In termini di processi interni al gruppo il professionista pu interrompere il clima di eccessiva distensione che si viene a creare quando tutti i membri si conoscono troppo, riducendo le sedute ad un semplice momento di socializzazione piuttosto che di scambio concreto e costruttivo.

Spesso l'educatore non una figura isolata ma il rappresentante di un servizio. Con la sua presenza egli promuove una sinergia tra il gruppo mutuale e servizio che ha un valore pratico per i membri. In questo modo si fornisce un ulteriore sicurezza ai membri che sono in carico al servizio, si pu facilitare l'accoglienza e la presa in carico di nuove persone. Col tempo il ruolo del facilitatore nei gruppi mutuali si deve andare a ridurre, egli non deve cercare di creare dipendenza dei membri nei suoi confronti. In uno studio dedicato a comprendere in che modo la partecipazione di un professionista pu essere utile al gruppo e in quali casi pu essere deleteria i risultati indicano un maggiore successo dei gruppi in cui per la partecipazione dei professionisti indiretta, ad esempio nella organizzazione iniziale del gruppo (Cherniss & Cherniss 1987). In linea con questa considerazione alcune guide per l'avviamento ai gruppi di auto-aiuto definiscono come necessario il passaggio di responsabilit ai membri del gruppo dopo la fase di avviamento del gruppo (Oliva & Croce 2009). Vi sono comunque delle controindicazioni alla presenza di facilitatori professionisti. Il professionista pu diventare destinatario di messaggi, i membri si rivolgano direttamente a lui perch ritengono che egli abbia la soluzione al problema o comunque una maggiore conoscenza di esso in quanto esperto. Questo pu essere particolarmente sconfortante per gli altri partecipanti perch non d valore alla conoscenza esperienziale. Parallelamente il professionista stesso pu assumere il ruolo di esperto fornendo consigli o indicazioni. Uno studio quasi sperimentale (Toro et al. 1988) ha mostrato che il professionista, anche se con preparazione rispetto ai gruppi di auto-aiuto, pu comportarsi in maniera consistente rispetto al suo ruolo, accordando meno valore a comportamenti considerati psicologicamente poco rilevanti ma facendo al contempo sentire meno a proprio agio i membri del gruppo. Lo stesso studio suggerisce che nei gruppi in cui il facilitatore uno psicologo vi possa essere un numero inferiore di self-disclosures e dunque una minore spontaneit. Il professionista non vive direttamente il problema ed quindi meno empatico ed ha al massimo una conoscenza professionale della persona. Considerando il core-competence dell'educatore professionale (Crisafulli, Molteni & Paoletti 2010:64) appare chiaro che per quanto riguarda le funzioni di Educazione e Riabilitazione il suo ambito di lavoro si estende anche ai gruppi e alle comunit. Le attivit di gruppo per le quali l'educatore preparato variano dal dominio dell'accoglienza e pianificazione dell'intervento educativo, la capacit di identificare le necessit educative, di attuare il progetto in modo

partecipato e svolgere attivit di follow-up. Si ritiene per necessaria una formazione specifica riguardante i Gruppi di auto-aiuto perch l'educatore possa interfacciarsi positivamente con essi. Numerosi corsi aperti agli educatori vengono offerti sul territorio anche se la maggiorparte dedicata ad un problema specifico come il lutto o gli attacchi di panico. 5.2.7 La facilitazione nei Gruppi Crossing-Over Considerate le osservazioni precedenti opportuno chiarire quale potrebbe essere il ruolo specifico di un educatore all'interno dei gruppi crossing-over. In questi gruppi l'educatore professionale dovrebbe agire su molteplici livelli, associando le competenze del conduttore di gruppi con quelle del facilitatore di Comunit. In primo luogo egli deve garantire il rispetto delle regole e promuovere i valori di accettazione e ricerca dei punti in comune con gli altri. E' importante che i membri comprendano il valore della democrazia e che lo rispettino anche a costo di risultare direttivi (Twelvetrees 2006:52). Dovendo anche fare da modello per le prime fasi sarebbe auspicabile che l'educatore interagisse come gli altri partecipanti, mettendo in gioco la sua storia e quelli che ritiene essere i propri limiti. Naturalmente non lo far con lo scopo di ricevere conforto dagli altri membri ma soprattutto per evitare gli effetti negativi sul senso di appartenenza che la partecipazione di un professionista pu suscitare nei membri di un gruppo. Il rapporto che si deve instaurare tra l'educatore e i membri del gruppo non deve presupporre una dipendenza affettiva ed intima a suo vantaggio (ANEP 2002:3). Questo approccio dovr gradualmente ridursi per evitare che i partecipanti lo percepiscano come un membro qualsiasi. L'educatore far da modello anche per quanto riguarda la capacit di essere empatici verso coloro che portano la loro testimonianza. Le informazioni private che l'educatore raccoglier durante le sedute vanno, come afferma il codice deontologico dell'Educatore Professionale (ANEP 2002:4) mantenute tali e non possono in linea di massima essere condivise con altri servizi o con l'equipe educativa, perch raccolte in un contesto che garantisce la riservatezza. Per creare un'atmosfera di fiducia all'interno del gruppo l'educatore dovr cercare di incoraggiare ogni membro a dare un contributo ed infondergli fiducia in proposito. Molto spesso le persone si aspettano di raggiungere risultati molto velocemente e rimangono delusi in caso contrario (Twelvetrees 2006:50). Anche in questo caso sar compito dell'operatore chiarire che il percorso lungo che i risultati dipendono dall'apertura al cambiamento.

Tenuto conto dell'eterogeneit che possono essere comprese in questo tipo di gruppi, il facilitatore dovr curarsi che nessuno venga emarginato n che tra i membri si attivino dinamiche di autoesclusione. I pregiudizi, soprattutto verso le persone che vivono sintomatologie pi gravi o hanno condotte di vita socialmente deprecate, vanno senza dubbio affrontati. Fare finta che non esistano, sperando che scompaiano da soli non sar d'aiuto per le persone che vivono uno stigma e probabilmente coloro che si ritengono pi sani, si allontaneranno presto dal gruppo. L'educatore potr stimolare le persone a parlare dei loro vissuti rispetto allo stigma, di come influenza la loro vita e come preferirebbero essere trattati. I conflitti inter-individuali sono un'evenienza che non si pu escludere. In questi casi l'educatore deve riflettere approfonditamente prima di intervenire, sempre meglio evitare di perdere la pazienza ed assumere piuttosto un atteggiamento assertivo. Il conflitto spesso motivo di cambiamento (Twelvetrees 2006:88). 5.2.8 Alcune regole dei Gruppi Un primo, necessario elemento una struttura chiara della seduta che trasmetta a chi vi partecipa un senso di sicurezza e seriet. Un esempio potrebbe essere la divisione in una fase di presentazione in cui i partecipanti parlano di loro stessi e del proprio recente passato, una fase di discussione su un tema generale deciso dal facilitatore per il quale le persone possono descrivere le loro esperienze e soluzioni, una fase di racconto di un momento significativo della propria vita e infine una fase di bilancio in cui si valuta ci che si appreso durante la seduta. Le regole pi importanti riguardano in particolare il rispetto dei tempi, dei turni e degli altri partecipanti. I gruppi devono rimanere aperti a tutti coloro che lo desiderino ed essere flessibili rispetto alle diverse modalit espressive. Alcuni rituali, come gli abbracci di incoraggiamento e momenti informali di danza e ballo vanno promossi per l'opportunit che essi offrono di lavorare con tutto il corpo, di dare e ricevere calore, di aiutare le persone a rompere il ghiaccio. La riservatezza rispetto a ci che viene condiviso all'interno del gruppo fondamentale. Qualora si decidesse di non partecipare pi si richiede di dirlo al resto del gruppo. Dopo una fase di stabilizzazione sar anche possibile discutere democraticamente alcune regole, se i partecipanti lo ritengono necessario. 5.2.9 I principi di un gruppo crossing-over Un gruppo crossing-over dovrebbe promuovere la comprensione e l'empatia tra i membri, le prime forme di una solidariet pi ampia. Questo , per l'uomo della strada, pu risultare particolarmente

arduo di fronte all'esperienza psicotica. Le persone con psicosi sono generalmente inquietanti perch trasmettono un'immagine, veicolata socialmente, di pericolosit per s e per gli altri, non sono interpretabili con gli schemi cognitivi conosciuti e sono portatori di un'anormalit che ha molti tratti in comune con la supposta normalit e per questo spaventa ancora di pi (Tramma 2003:97). A questo proposito possono venire in aiuto quelle capacit a fondamento fenomenologico caratteristiche degli operatori di Soteria. L'empatia, l'ascolto, la curiosit e lo sforzo interpretativo sono elementi che oltre ad avere un valore fondamentale per rapportarsi alla follia, sono trasversalmente utili nella vita quotidiana. Se rapportarsi ad un delirio non una capacit di tutti, essere aperti ed accettare empaticamente ci che esprime l'altro sempre, perlomeno in parte, possibile. 5.2.10 Stabilizzazione e sviluppo del gruppo Perch il gruppo si stabilizzi dopo una prima fase di conoscenza l'educatore potr cominciare a valutare quali membri regolari hanno le potenzialit per svolgere il ruolo del facilitatore. E' preferibile avere un numero limitato di facilitatori perch non si tratta di un ruolo per cui tutti sono portati ma ha un'importanza critica nel determinare l'efficacia del gruppo. Avere pochi responsabili permette inoltre di avere maggiori garanzie per quanto riguarda il completamento di alcune incombenze. Se il gruppo mostra sufficiente stabilit si pu pensare di promuovere delle semplici forme di supporto reciproco. Sono i membri che devono regolamentare queste forme di supporto, accordandosi assieme su quali impegni sono disposti a prendersi. L'educatore in questa fase ha un ruolo centrale nell'organizzazione perch deve garantire che si punti a progetti realizzabili, perch sperimentare un fallimento nelle fasi iniziali potrebbe essere devastante per il gruppo. Le proposte eccessive o troppo onerose vanno pertanto ridimensionate. E' bene avere un idea su cosa ci si aspetta dal gruppo, ma essere pronti a cambiare i propri piani. Oltre a ci in questa fase necessario dove possibile allenare i membri a condividere le proprie idee con gli altri, a programmare le attivit insieme (Twelvetrees 2006:55). Alcuni esempi di attivit di supporto realisticamente implementabili possono essere il mantenimento dei contatti con un membro del gruppo anche al di fuori della seduta, la condivisione di attivit di svago e la possibilit di spendere qualche ora per fare assistenza o insegnare qualcosa ad un altro membro, come avviene nelle Banche del Tempo. In questo modo sarebbe possibile coinvolgere persone svantaggiate in attivit socializzanti assieme ad altri. Naturalmente il Gruppo

crossing-over aperto a nuovi sviluppi, garantendo sempre la sicurezza dei suoi partecipanti e il supporto indiretto da parte dei servizi che hanno in carico direttamente le persone. Il core-competence dell'educatore professionale contempla queste capacit: attuare programmi finalizzati allo sviluppo della partecipazione alla vita quotidiana, di relazione e d'impegno attivo nella comunit, realizzare percorsi di sviluppo del pensiero critico, delle autonomie e delle responsabilit (Crisafulli et al. 2010:68). 5.2.11 Attivit di promozione del Gruppo Appartenere ad un gruppo mutuale aperto a tutti coloro che affrontano dei problemi esistenziali una maniera per occuparsi potenzialmente di una parte della collettivit, ma diventa azione politica solo qualora si prevedano progetti di societ, formule organizzative ed atti che tendono al progetto di societ auspicata (Tramma 2003:38). Il raggio d'azione dell'educatore di Comunit non si limita al gruppo ma si estende ad ad attivit in favore del gruppo come il reperimento di informazioni e nuovi contatti. L'educatore pu condividere il suo know-how su come rapportarsi ad altre organizzazioni evitando che il gruppo ne esca sconfitto (Twelvetrees 2006:62). Prioritario il contatto con i servizi socio-sanitari per garantire che le persone ricevano assistenza al bisogno. L'educatore pu informare i partecipanti delle possibilit che i Servizi offrono ed aiutarli a prendere contatto con essi. Naturalmente non si pu sostituire, pena il sovraccarico e l'inefficacia, ad altre figure professionali specializzate. Per avere maggiore sostegno attorno al progetto, qualora si dimostrasse fruttuoso, sar necessario proporre degli incontri pubblici di promozione. Preferibilmente questi dovrebbero essere diretti da alcuni componenti del gruppo, per migliorare il loro senso di auto-efficacia. Star all'educatore valutare chi sia pi indicato per questo ruolo per evitare di dare eccessive responsabilit a membri che non saranno in grado di sopperirvi (Twelvetrees 2006:61). L'educatore, come avviene per altri gruppi mutuali, pu promuovere anche attivit di advocacy per richiedere maggiore assistenza alle istituzioni locali come avviene per le Consumer Run Organisations negli Stati Uniti. In tal caso le persone potranno agire politicamente come membri di una comunit che difende i suoi interessi acquisendo una capacit di negoziazione maggiore rispetto ai GAMA specialistici. 5.2.12 Dimissioni dell'utenza Le dimissioni da un gruppo crossing-over, come si gi indicato, richiedono che la persona lo dichiari in primo luogo al gruppo. L'educatore pu valutare opportuno discutere individualmente

con la persona interessata. Questo ha una doppia funzione: fornire alla persona un feedback rispetto a come si comportata nel gruppo, a quali potrebbero essere le parti su cui lavorare e in che modo, eventualmente indirizzando la persona ad un altro servizio. E' importante e necessario che la persona si misuri con l'esterno, piuttosto che si ritiri dal gruppo senza averne tratto nessuna lezione utile. Queste osservazioni andrebbero fatte in maniera molto informale, n prescrittiva n persuasiva. In secondo luogo fondamentale raccogliere una valutazione dell'esperienza personale all'interno dei gruppi, in modo che essa divenga un elemento di riflessione e modifica del gruppo. 5.2.13 Il ritiro dell'Educatore dai gruppi Ritirarsi da una comunit svantaggiata pu risultare particolarmente difficile e se quest'operazione non svolta con la giusta gradualit ed accortezza si pu rischiare di compromettere in maniera fatale il lavoro svolto. Nella fase preliminare l'operatore dovr formare una figura professionale o preferibilmente un membro del gruppo che lo sostituisca (Twelvetrees 2006:70). Successivamente passer da una fase di sostegno intensivo ad una forma di sostegno pi leggera, da consulente esterno. In questa fase gran parte delle responsabilit dovr essere gi stata trasferita dall'operatore al gruppo, che deve esserne consapevole. Si pu decidere di rimanere in contatto con il gruppo di tanto in tanto, magari facendo riferimento al nuovo leader. Per un buon ritiro dai gruppi la strategia d'uscita dovrebbe essere pianificata con un anno di anticipo e va garantito che i membri del gruppo avranno tutte le forme di supporto di cui hanno bisogno (Twelvetrees 2006:73). Nel valutare quando e in che modo lasciare il gruppo l'operatore dovr ipotizzare i possibili scenari conseguenti al suo abbandono. I gruppi potrebbero abbandonare completamente ogni attivit o essere abbastanza resistenti da proseguire in modo stabile il proprio funzionamento. Ciononostante, se un educatore ha costruito su delle basi solide e i membri del gruppo hanno trovato nel crossing-over un'occasione costruttiva per la propria vita essi continueranno a promuoverlo e a diffondere col loro esempio concreto valori di tolleranza ed accettazione.

5.3 Implicazioni per il lavoro educativo


5.3.1 L'educatore come ricercatore Proporre una modalit di trattamento inedita richiede da parte dell'educatore non solo una valutazione continua ma anche la capacit di raccogliere dati consistenti per una ricerca che determini il grado di efficacia di un gruppo di questo tipo.

Questo coinvolge le competenze legate alla ricerca e in particolare la capacit di analizzare il problema alla luce delle principali indicazioni ed evidenze scientifiche, predisporre un progetto secondo i principi della metodologia di ricerca, redigere il documento finale della ricerca secondo lo standard richiesto dalle pubblicazioni scientifiche, predisporre momenti di scambio e confronto nella comunit professionale sugli esiti della ricerca, individuare la metodologia appropriata per la diffusione dei risultati della ricerca (Crisafulli et al. 2010:71). Queste competenze sono acquisite solo in parte durante il percorso di studi, richiedendo un impegno formativo aggiuntivo, anche autonomo. Per quanto riguarda i Gruppi Crossing-Over gli strumenti per valutarne l'efficacia sui partecipanti potrebbero essere lo strumento dell'OMS per la misurazione della qualit della vita (WHO 2004). Somministrato attraverso un'intervista, esso considera elementi quali la salute fisica, quella psichica e le condizioni di vita ed ha delle capacit psicometriche che vanno da buone ad eccellenti (Skevington, Lofty & O'Connell 2003). Esso andrebbe somministrato da un ricercatore esterno a cadenza semestrale sui partecipanti che hanno una frequenza al gruppo abbastanza elevata, indicativamente pari al 70%. Oltre a raccogliere i dati dell'intervista si dovrebbero considerare elementi anagrafici e l'eventuale patologia pregressa cos da poter valutare se il gruppo risulta sconsigliabile per alcune categorie in particolare. Si pu supporre un miglioramento in termini di soddisfazione generale e dei sintomi depressivi legati alla propria condizione. L'influenza sulle condizioni socio-economiche potrebbe correlarsi alle iniziative di solidariet effettiva messe in atto dal gruppo, per le quali non vi ancora uno strumento di misurazione adeguato. 5.3.2 Il ruolo politico dell'Educatore Associare la politica all'educazione professionale pu far storcere il naso a molti, in particolare coloro che dimenticano che qualsiasi azione rivolta alla collettivit politica nel senso pi puro del termine. La distinzione tra attivit politiche ed attivit solidaristiche o di volontariato ha senso solo se queste ultime sono fini a loro stesse e non ad un progetto pi ampio di cambiamento della societ. La tendenza in corso, come si visto, di ridurre il disagio psichico a problematiche individuali, trascurando la significativa influenza delle condizioni socio-economiche. Col suo ruolo l'educatore tenuto a sostenere le battaglie per una maggiore equit all'interno della societ, pena un continuo retrocedere dei diritti non solo degli utenti ma anche di tutti i lavoratori sociali.

In quanto operatore ponte tra istituzioni e societ compito dell'educatore garantire che la riabilitazione non consista in un mero intrattenimento, un processo fine a se stesso per trattenere la persona nella condizione in cui (Giachi 2007:7). Nell'evoluzione della sua professione l'educatore riuscito a portare un contributo complementare, non oppositivo, rispetto a quello di altre professioni e ha promosso una certa flessibilit all'interno dei servizi (Zancan 1996). In ambito psichiatrico l'autorit del medico all'interno del servizio rimane indiscutibile e l'educatore, come altri operatori ha pertanto un ruolo da sottoposto. Nelle istituzioni manicomiali gli psichiatri sopprimevano i tentativi amatoriali di psicoterapia da parte di operatori od infermiere perch un lavoro psicoterapeutico malfatto poteva precipitare la persona in una psicosi o in una regressione. Mentre perfettamente chiaro che questa idea si integri perfettamente con l'idea del mandato medico come qualcosa di unico e pericoloso e che possedere questo mandato conferma la visione di se stessi come esperti non chiaro come un semplice scambio verbale potesse avere gli effetti declamati (Goffman 1961:180). Tuttora gli operatori in equipe non sono tenuti a mettere in discussione tematiche che non riguardano le loro competenze, come la gestione degli psicofarmaci. Perch si attivino dinamiche di rinnovamento, anche radicale, della maniera di fare psichiatria necessario che l'educatore cerchi continuamente di acquisire gli strumenti per analizzare e criticare il modello psichiatrico attuale. La formazione dell'educatore gli consente di approfondire autonomamente tematiche come la farmacologia o la psicologia se il suo interesse vivo. Le informazioni raccolte dall'educatore possono essere condivise con i propri colleghi psichiatri ed offrire loro punti di vista alternativi, ma questo possibile solo se l'educatore coltiva informazione ed umilt. Il rischio di sviluppare eccessivamente questa componente quello di scadere nel fantasma del militante (Tramma 2003:100), essere guidati da una spinta ideologica al cambiamento che fa perdere di vista l'importanza di cambiamenti limitati e graduali e che attribuisce le ragioni del disagio sempre e solo alla societ. Per evitare questa deriva l'educatore deve conservare una certa obiettivit a fianco di un dubbio sempre presente, mantenersi in continua ricerca e confronto con gli altri professionisti, per garantire il benessere dell'utenza.

6. Conclusioni
Questo studio stato sviluppato attorno al Case Study sui Gruppi alla Salute ideati da Mariano Loiacono. La graduale scoperta di questo approccio, precedentemente oggetto solo di studi impressionistici, ha portato a sviluppare un'ampia cornice teorica che ne considerasse le molteplici caratteristiche. I Gruppi alla Salute sono particolarmente intriganti per la loro proposta di cura aspecifica, rivolta ad ogni forma di disagio e la negazione dell'efficacia degli psicofarmaci. Trattandosi di un Case Study di tipo esplorativo il quesito conoscitivo era molto ampio e riguardava la possibilit di comparare i Gruppi alla Salute con altre esperienze in ambito psichiatrico e fornire alcune valutazioni preliminari sulla loro possibile efficacia. L'opportunit di avere accesso alle principali banche dati internazionali di ricerche scientifiche ha concesso molte pi scelte riguardo la letteratura di riferimento e la possibilit di dare maggiore fondamento alle posizioni sostenute. In primo luogo si sviluppata un'analisi dettagliata riguardante i Gruppi di Auto-Aiuto, un fenomeno sviluppatosi negli Stati Uniti, dove riscontrabile una loro maggiore molteplicit e diffusosi successivamente in Europa e in Italia. Si riportata una quantit ingente di studi riguardanti i processi in atto e la loro efficacia, offrendo diverse prospettive a riguardo e cercando di integrarle. Si peraltro suggerito, in difformit con le principali teorie a riguardo, che l'effettiva condivisione di un problema non sia un elemento necessario per definire i Gruppi Mutuali. Infatti esistono effettivamente gruppi che non condividono lo stesso problema, ma vi danno un'interpretazione ideologica dall'effetto aggregante. Questa ipotesi ha influenzato le restanti parti dello studio, soprattutto le implicazioni per il lavoro dell'Educatore Professionale. In una seconda fase l'esperienza diretta con i Gruppi alla Salute, registrata dovutamente attraverso un Diario di Bordo redatto tramite la metodologia dell'Osservazione Partecipante ha indicato la significativa importanza conferita alle esperienza catartica. Questa pratica stata studiata attraverso un'avvincente retrospettiva storica da Freud a Reich, da Moreno a Dederich, concentratasi in particolare sulle tecniche sviluppatesi negli anni settanta durante l'espandersi dello Human Potential Movement. Per ognuna di esse si fatto riferimento dove possibile a meta-analisi, reviews ed altri studi di efficacia. Infine, per valutare direttamente se l'espressione di emozioni abbia un effetto sulla salute ci si concentrati sulle espressioni somatiche correlate alla catarsi, riportando ricerche dettagliate a riguardo.

Infine si scelto di sviluppare il tema della mutualit indicando alcune esperienze di frontiera per l'integrazione e la responsabilizzazione di individui con disagio psichico e della Comunit nei loro riguardi. Si sono analizzate diverse forme di Comunit Artificiali come Kingsley Hall, Soteria e i Gruppi di auto-aiuto stessi. Attraverso le considerazioni di due critici della societ contemporanea, Illich e Bauman, si sono descritti i limiti dei Servizi Sanitari da una parte e dei Gruppi mutuali dall'altra. Questa cornice teorica stata applicata sul Case Study. Le osservazioni partecipanti sono state analizzate secondo il metodo dell'explanation-building ovvero si costruita un'iniziale teoria esplicativa rifinita via via che l'analisi e il confronto con l'oggetto di studio hanno rivelato nuovi elementi. L'utilizzo delle mappe concettuali in fase di scrittura ha permesso di strutturare gli argomenti in maniera sistematica. La comparazione dei Gruppi alla Salute con i Gruppi AMA ha mostrato una consistente affinit tra le due tipologie. Le differenze riguardano principalmente la componente catartica dei GAS che stata valutata in termini negativi per i suoi fondamenti teorici scorretti, le modalit a tratti coercitive e la carente preparazione dei conduttori a riguardo. Infine, per quanto riguarda le effettive ricadute sulla Comunit si considerato l'effetto potenzialmente benefico dei GAS per quanto riguarda il superamento della parcellizzazione e stigmatizzazione delle malattie, individuandovi l'elemento pi inedito dell'approccio, ma si d'altra parte criticata l'eccessiva responsabilizzazione dei volontari e la poca incisivit di una riabilitazione che vede nell'esplorazione interiore l'unica risposta a problematiche che spesso coinvolgono condizioni di povert ed emarginazione a cui necessario dare risposta. Le implicazioni per la professione dell'Educatore Professionale e il suo ruolo nella Comunit sono quindi state oggetto di indagine. La proposta di progettare dei Gruppi mutuali di nuova generazione nei quali siano le problematiche di vita trasversali a molte persone piuttosto che i sintomi di un disturbo psichico ad essere oggetto di discussione e confronto e dove, sul lungo termine, sia gradualmente possibile attivare delle dinamiche solidaristiche indipendenti dai Servizi Assistenziali, sul modello delle Consumer Run Organisations statunitensi. Questa proposta porta a considerare due aspetti fondamentali della figura dell'educatore: il suo ruolo di ricerca e sperimentazione allo scopo di validare e poter mettere in risalto quelle che sono le buone pratiche in ambito sociale. In secondo luogo il suo ruolo politica di attenzione verso la dimensione collettiva e In conclusione, stato possibile attraverso un lavoro di comparazione ridurre l'alone di vaghezza che circonda il Metodo alla Salute. Da questo punto di vista si pu affermare che le ipotesi sono state confermate.

Ribadendo l'attendibilit e i limiti del Case Study, i punti di forza di questo studio sono il massiccio utilizzo della letteratura scientifica, l'acquisizione di punti di vista molteplici e l'approccio sistematico che stato adottato. Il principale punto di debolezza la ridotta durata del lavoro sul campo, che limita molto l'attendibilit delle conclusioni, l'impossibilit di implementare delle interviste, sebbene fossero gi state previste nel protocollo di ricerca, e dei member checking data dal disinteresse dei membri dei GAS contattati. Le implicazioni per ulteriori ricerche riguardo il Metodo alla Salute sono di una maggiore attenzione verso fattori misurabili come il grado di benessere percepito dai partecipanti, le loro caratteristiche demografiche, diagnostiche e le carriere all'interno e all'esterno dei Gruppi alla Salute. La responsabilit di una ricerca, qualsiasi sia la sua portata, il perseguire per quanto possibile l'obiettivit e l'esattezza. Ci che cristallino in termini teorici ha invece delle ricadute in termini morali ed emotivi. Valutare la fondatezza di un Metodo pu condurre ad una delusione da parte di chi ha vissuto dei veri cambiamenti grazie ad esso. Ritengo per che, fintanto che un cambiamento c' effettivamente stato non importante guardare al passato e valutare quanto esso sia plausibile o meno. Piuttosto, fondamentale guardare al futuro e continuare nella ricerca degli elementi che hanno condotto a questo cambiamento, perch il numero maggiore possibile di persone possa riceverne beneficio.

Appendice A: Questionario sui Gruppi alla Salute


Ringrazio per aver deciso di compilare questo questionario.
Informativa sulla Privacy ART. 13, DLGS196/03 CODICEIN MATERIA DI PROTEZIONEDI DATI PERSONALI Si desidera informare che i dati personali da Lei forniti saranno trattati secondo i principi di correttezza, liceit e trasparenza e di tutela della Vostra riservatezza e dei Vostri diritti da parte del sottoscritto adottando le misure idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza, nel rispetto della normativa sopra richiamata. In fase di elaborazione ad ogni questionario verr associato un numero progressivo che non permetter il riconoscimento dell'intervistato. I dati raccolti verranno trattati esclusivamente per motivi riguardanti la mia tesi di laurea Ritorno alla Comunit: dai Gruppi AMA ai Gruppi alla Salute e verranno pubblicati solo in forma anonima, aggregata e non identificabile individualmente. In tale modo risulta impossibile una correlazione diretta tra statistiche e singolo intervistato. Tutti i dati verranno eliminati a conclusione della ricerca. Come da articolo 7 del Codice della privacy, potr consultare, modificare, opporsi o far cancellare i Suoi dati o comunque esercitare tutti i diritti che Le sono riconosciuti dal Codice, scrivendo al Titolare del Trattamento.

1)Sesso:

2)Et: ___

3)Per quale motivo (sinteticamente) si avvicinata/o al Metodo alla Salute? ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ 4)Per quanto tempo ha partecipato attivamente al Metodo alla Salute? ___________________ 5)Continua a partecipare al Metodo alla salute? S No Se No, da quanto tempo non lo frequenta? __________________ Quanto spesso partecipa/partecipava al Gruppo: Sempre , Abbastanza spesso , Ogni tanto, Raramente 6)Ha mai svolto attivit di conduttore all'interno del Gruppo alla Salute? S No

7)Che cosa pensa di avere in comune con le altre persone che frequentano/hanno frequentato il gruppo assieme a lei? ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ 8)D una spiegazione diversa al proprio problema da quando entrata/o a contatto con il MaS? Se s, quale? ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ 9)Si mai sentita/o a disagio all'interno del Gruppo alla Salute? Perch? ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________

180

10)Pensa di porsi in modo diverso rispetto alle difficolt che si presentano ogni giorno? Come? ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ 11)Si sentita/o supportato dal gruppo rispetto ai cambiamenti che hai messo in atto? In che modo? ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ 12)Vede delle differenze nel modo di esprimere le emozioni da quando si avvicinata/o al Gruppo? Se s, ha delle conseguenze sulla sua vita quotidiana? ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ 13)Oltre a questi, vede altri cambiamenti significativi nel suo modo di essere? ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ 14) Nel gruppo pensa/pensava di essere utile agli altri membri? Se s, in che modo? ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ 15)Come vive il distacco, anche temporaneo, dal Gruppo di cui fai parte? Teme mai che le cose ritornino come prima? ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ 16) Durante la partecipazione ai Gruppi alla Salute e nel periodo successivo si sente/sentiva supportato dagli altri membri al di fuori del gruppo? In che modo? ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________

17)Qual' stata per lei la cosa pi positiva del Metodo alla Salute e quale quella che cambierebbe? ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________ 18)Assumeva regolarmente psicofarmaci o sostanze psicotrope (alcool, droghe) prima dell'ingresso nei Gruppi alla Salute? E ora ne assume regolarmente? ________________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________

181

19)Rispetto a prima di cominciare a partecipare al Gruppo alla Salute riporti, scrivendo una X nella casella, come si sono evoluti questi comportamenti, in particolare riferendosi all'ultimo periodo: Comportamento Meglio di Prima Come Prima Meno di Prima Molto meno di prima

1. E' in grado di concentrarsi su ci che fa? 2. Ha perso molto sonno per delle preoccupazioni? 3. Si sentito utile?

4. Si sentito capace di prendere decisioni?

5. Si sentito costantemente sotto stress (tensione)?

6. Ha avuto l'impressione di non essere in grado di superare le difficolt?

7. E' stato in grado di svolgere volentieri le Sue attivit quotidiane?

8. E' stato in grado di affrontare i Suoi problemi?

9. Si sentito molto infelice e depresso?

10. Ha perso fiducia in se stesso?

11. Ha pensato di essere una persona senza valore?

12. Si sentito, tutto sommato, abbastanza contento?

182

Bibliografia
ABAGIAN A.

2002 Nellaria c allegria: Il Sapere tra individuo e societ (Tesi di Laurea Universit di Urbino) in www.nuovaspecie.com/IT/documenti/miscellaneo/MASUrbino2.pdf
ADAMSEN, L. & RASMUSSEN, J.

2001 Sociological perspectives on self-help groups: reflections on conceptualization and social processes in Journal of Advanced Nursing 35(6), pp. 909-917
AGENZIA DIRE

2011 Una scure sul sociale, Fondi nazionali tagliati del 79% in 3 anni
www.dire.it/HOME/una_scure.php?c=38218&m=3&l=it

22 Marzo in

ALCOLISTI ANONIMI

2000 Le Tradizioni in www.alcolisti-anonimi.it/modules.pp/modules.php?name=aa4-tradizioni


AMATURO, E.

2010 Metodologia e Tecnica della Ricerca Sociale in http://www.federica.unina.it/corsi/metodologia-etecnica-della-ricerca-sociale/#corso

ANDERSON, S.

1998 We are not alone: Fountain House and the development of clubhouse culture Fountain House Inc New York in www.thestrengthsfoundation.org/3-tips-for-understanding-the-self-help-movements-work-onstrengths

ANIMA MEA

2008 Il Metodo alla Salute in animamea.splinder.com/post/17048609/nuove-esperienze-di-psicoterapia


ANSA

2007 Nel centro di salute mentale di Lamezia avviati i progetti-lavoro 7 dicembre


www.calabrianotizie.it/2007/12/07/nel-centro-di-salute-mentale-di-lamezia-avviati-i-progetti-lavoro

in

ANTZE, P.

1976 The Role of Ideologies in Peer Psychotherapy Organizations: Some Theoretical Considerations and Three Case Studies in Journal of Applied Behavioral Science 12: pp. 323-346
ARTIFONI, E.

1998 Storia Medievale Donzelli, Roma


BACHMANN, S., RESCH,F. & MUNDT, C.

183

2003 Psychological treatments for psychosis: History and overview in Journal of the American Academy of Psychoanalysis and Dynamic Psychiatry. Spring Vol. 31, Iss. 1;pp. 155-176

BAGNASCO, A.

1993 Comunit: Definizione in Bagnasco, Parolechiave (1), pp. 11-30


BARDI, G.

2011 Appunti relativi alla terza giornata del corso formativo "Mettersi in relazione e comunicare: le diverse modalit e opportunit in http://metodoallasalute.blogspot.com/2011/03/foggia-mercoledi-23-marzo-2011.html
BAUMAN, Z.

2001 Community: Seeking safety in an insecure world Polity Press, Cambridge


BEASLEY, C., SUTTON, V., TAYLOR, C., SETHURAMAN, G., DOSSENBACH, M. & NABER, D.

2006 Is Quality of Life Among Minimally Symptomatic Patients With Schizophrenia Better Following Withdrawal or Continuation of Antipsychotic Treatment? in Journal of Clinical Psychopharmacology Volume 26, Number 1, February pp. 40-44
BELIFIORE, E.

1992 Tragic Pleasures: Aristotle on Plot and Emotion, Princeton UP, Princeton
BELLACK, A., MUESER,K., GINGERICH, S. & AGRESTA,J. 2004

Social Skills Training for Schizophrenia A Step-by-Step Guide Guilford Press New York

BENDER, W., DETTER, G., EIBL-EIBESFELD, B., ENGEL-SITTENFELD, P., GMELIN, B., WOLF, R. & ZANDER, K.

1979 Psychodrama versus patient club activity (leisure group): effects of a 25 hours group psychotherapy with psychiatric patients in Fortschritte der Neurologie, Psychiatrie, un ihrer Grenzgebeite Dec 47(12): pp. 641-658.
BICK E.

1989 Note sullosservazione del lattante nelladdestramento psicoanalitico in Isaacs S., Bonaminio, V. & Iaccarino, B. Losservazione diretta del bambino, Boringhieri, Torino p. 70-89
BLATNER, A.

184

1998 Theoretical Foundations of Psychodrama

Relazione presentata alla IAGP Conference,

Agosto, Londra in www.blatner.com/adam/pdntbk/pdtheory.htm


BOHART, A.

1980 Toward a Cognitive Theory of Catharsis in Psychotherapy: Theory, Research and Practice Volume 17, #2, pp. 192-201
BOLA J.

Medication-free research in early episode schizophrenia: evidence of long-term harm? Schizophrenia Bulletin.32: pp. 288296.
BOLDRINI, S.

2008 Giallo Metastorico, Paradigma Vita-Non vita e Progetto Nuova Specie (Tesi di Laurea Universit di Urbino) in http://www.nuovaspecie.com/IT/documenti/miscellaneo/MASUrbino1.pdf
BORCH-JACOBSEN

1996 Ricordi di Anna O. La prima bugia della psicoanalisi Garzanti Libri, Milano [1996]
BORGNA, E.

2003 Le Intermittenze del Cuore Feltrinelli Milano


BORKMAN, T.

1976 Experiential Knowledge: A New Concept for the Analysis of Self-Help Groups in The Social Service Review, Vol. 50, No. 3 (Sep), pp. 445-456 1997 A selective look at self-help groups in the United States in Health and Social Care in the Community 5(6), pp. 357-364
BOWER, P., RICHARDS, D. & LOVELL, K.

2001 The clinical and cost-effectiveness of self-help treatments for anxiety and depressive disorders in primary care: a systematic review in British Journal of General Practice 2001 October; 51(471): pp. 838845
BOYDSTON, G.

1974 A history and status report of Neurotics Anonymous, an organization offering self-help for the mentally and emotionally disturbed (Tesi di Master, Barry University Miami, Florida)
BRIGHT, J., BAKER, K. & NEIMEYER, R.

185

1999 Professional and paraprofessional group treatments for depression: A comparison of cognitive-behavioral and mutual support interventions in Journal of Consulting and Clinical Psychology, 67, pp. 491-501.
BRUSCAGLIONI, M.

1994 La societ liberata, FrancoAngeli, Milano.


BUELL, S.

1995 Experience of Significant Change for Psychodrama Audience Members (Tesi di Laurea Universit della British Columbia)
BUSHMAN, B.

2002 Does Venting Anger Feed or Extinguish the Flame? Catharsis, Rumination, Distraction, Anger, and Aggressive Responding in Personality and Social Psychology Bulletin Vol. 28 No. 6, June, pp. 724-731
CALTON,T. FERRITER, M. HUBAND,N. & SPANDLER,H. 2008

A Systematic Review of the Soteria Paradigm for the Treatment of People Diagnosed With

Schizophrenia in Schizophrenia Bulletin vol. 34 no. 1 pp. 181192


CAMPAGNOLI, M.

2008
CARR, L.

1994 Wyatt v. Stickney: A Landmark Decision Alabama Disabilities Advocacy Program Newsletter, July 2004 in http://www.adap.net/Wyatt/landmark.pdf
CECCHI, M.

2005 Rapporti tra i gruppi di auto mutuo aiuto, il mondo dei professionisti e le istituzioni: tra integrazione e conflittualit. Relazione presentata al convegno Auto mutuo aiuto e professionalit nel lavoro sociale - 4 Ottobre 2005 in www.amalo.it/articoli/Atti_convegno_it_klein.pdf 2008 Si pu aiutare l'auto-aiuto? Relazione presentata al convegno Auto aiuto come risorsa: efficacia e necessit. Utilit e promozione di competenze, potenzialit e risorse dei gruppi di auto aiuto 12 Settembre Bolzano
CESARIO, S., MARIOTTI, F. & SANI, D.

2001 L'auto-aiuto psichiatrico:i processi aspecifici nella psicoterapia FrancoAngeli Milano

186

CHAMBERLIN, E.

1933 Theory of Monopolistic Competition Harvard University Press Cambridge


CHARLTON, G.

2005 If atypical neuroleptics did not exist, it wouldnt be necessary to invent them: Perverse incentives in drug development, research, marketing and clinical practice Medical Hypotheses Volume 65, Issue 6, pp. 1005-1009

CHEUNG, S., & SUN, S.

2001 Helping processes in a Mutual Aid Organization for persons with emotional disturbance. In International Journal of Group Psychotherapy, 51, pp. 295308.
CHERNISS, C. & CHERNISS, D.

1987 Professional Involvement in Self-Help Groups for Parents of High-Risk Newborns in American Journal of Community Psychology, Vol. 15, No. 4, pp.435-444
CIOMPI, L. & HOFFMANN, H.

2004 Soteria Berne: an innovative milieu therapeutic approach to acute schizophrenia based on the concept of affect-logic in World Psychiatry 3:3 - October pp. 140-146
CLEMENTS, F.

1932 Primitive Concepts of Disease Univ. Calif. Pub. Am. Arch. Ethnol. 32: pp.185252.
CLINARD, M. & MEIER, R.

1968 Sociology of Deviant Behavior


COLETTO, E.

2009 Il Metodo alla Salute contro il Disagio Diffuso ideato da Mariano Loiacono (Tesi di Laurea Universit di Padova) in http://www.nuovaspecie.com/IT/documenti/miscellaneo/MASPadova.pdf
CORLITO, G., RUBINACCI, P., VALIANI,C. ZEI,U. & MOROSINI,P.

2003 Il movimento dellauto-mutuo-aiuto nel campo della salute mentale in italia: i risultati della Ricerca Nazionale G.A.M.A. in www.lidap.it/pdf/RicercaGAMA_Corlito2003.pdf
CRISAFULLI, F., MOLTENI, L. & PAOLETTI, L.

2010 Il core competence dell'educatore professionale. Linee d'indirizzo per la formazione Unicopli Milano

187

CUMMINGS, M., ZAHN-WAXLER, C. & RADKE-YARROW, M.

1981 Young Children's Responses to Expressions of Anger and Affection by Others in the Family in Child Development, 52, pp. 1274-1282
CUSHMAN, P.

1990 Why the Self is Empty: Toward a Historically situated Psychology in American Psychologist, Vol. 45, No. 5, pp. 599-611
DANIELI E.

2008 Pazienti senza guide: Ma quale sesso Corriere Adriatico 11 Gennaio p.6 in
http://www.nuovaspecie.com/IT/documenti/miscellaneo/articolo_corriere_adriatico.pdf

DAVIDSON, L., CHINMAN M., KLOOS, B., WEINGARTEN, R. STAYNER, D. & KRAEMER,J.;

1999 Peer Support Among Individuals with Severe Mental Illness: A Review of the Evidence in Clinical Psychology: Science and Practice 6(2): pp. 165187.
DE GIROLAMO,G., POLIDORI,G., MOROSINI,P., MAZZI,F., SERRA,G., VISON,G., FALSIROLLO,F., ROSSI,A., SCARPINO,V. & REDA,V.

2004 La prevalenza dei Disturbi Mentali in Italia: il Progetto Esemed-Wmh. Una sintesi in www.epicentro.iss.it/temi/mentale/Esemed.pdf
D'ERRICO, G.

2010 Ai Sognatori concreti che credono nella Fondazione Nuova Specie e nella costruzione di un "VILLAGGIO QUADRIMENSIONALE"... in
http://metodoallasalute.blogspot.com/2010/07/ai-sognatori-concreti-che-credono-nella.html

DEWEY, R.

2008 Psychology: An introduction in www.psywww.com/intropsych/ch13_therapies/freud_discovers_childhood_sexual_abuse.html


DI FIORINO M.

1998 L'Illusione Comunitaria: La costruzione moderna delle "comunit artificiali".Moretti & Vitali Editori, Bergamo in http://www.ex-cult.org/Groups/Landmark/landmark-cherries.dir/psichiatria/cap3.html
DI STEFANO E., FASANO G.

1994 Goccia dopo Goccia in www.filastrocche.it/leggi.asp?id=3273


EDMUNSON, E., BEDELL, J., ARCHER, R., & GORDON, R.

188

1982 Integrating skill building and peer support in mental health treatment: The early intervention and community network development projects in M. Jeger & R. Slotnick Community Mental Health and Behavioral Ecology, pp.127139. New York: Plenum Press.
EMERICH, R.

2009 The politics of psychiatric self-help: Political factions, interactional support, and group longevity in a social movement in Social Science & Medicine, Volume 32, Issue 10, pp. 1121-1128
FIMIV (Federazione Italiana Mutualit Integrativa Volontaria)

2008 Il

Rapporto

di

Missione

2008

della

Mutualit

Volontaria

in

www.smscc.it/CREVESMUS/pag_storia_sms.htm

ENRICO

2010 Testimonianza sul Metodo alla Salute in www.nuovaspecie.com/IT/storie/enrico.php


FOCARDI, F., GORI, F. & RASPINI, R.

2006 I gruppi di auto-aiuto in Italia Indagine conoscitiva Briciole - Cesvot n.8 Giugno in www.cesvot.it/repository/cont_schedemm/1355_documento.pdf
FOLGHERAITER, F.

2010 Empowerment e Partecipazione attiva Relazione presentata al Congresso nazionale del movimento italiano dell'auto mutuoaiuto Brescia 17-19 Settembre in www.amabrescia.org/documenti-e-atti-del-convegno/doc_download/47-relazione-prof-folgheraiter-.html
FOUCAULT, M.

2006 History of Madness Routledge Londra [1961]


GALANTER, M.

1988 Zealous Self-Help Groups as Adjuncts to Psychiatric Treatment: A Study of Recovery, Inc. American Journal of Psychiatry 145(10) pp. 1248-1253
GIACHI, L.

2007 I Diversi volti dell'intrattenimento Relazione presentata al Convegno


del progetto

Il Centro della Qualit

13 Febbraio Roma in www.istc.cnr.it/erg/progetti/csm/convegno%2013_02/intrattenimento.pdf

GIGANTESCO, A., BERTOLDI, S., MOSNA, S., MIRABELLA, F. & MOROSINI, P.

2004 Gruppi di automutuoaiuto: la valutazione dei benefici dal punto di vista dei partecipanti Rivista di psichiatria, 2004, 39 pp. 410-416 189

GOFFMAN, E.

1961 Asylums: Essays on the social situation of mental patients and other inmates Anchor Books, New York 1963 Stigma: Notes on the management Spoiled of Identity Prentice Hall, Englewood Cliffs
GOUSSOT, A. 2009 Il Metodo alla Salute Centro di Medicina Sociale di Foggia

in www.nuovaspecie.com/IT/documenti/miscellaneo/alain_goussot.pdf GRI, G.P.

2003 (S)confini, Circolo culturale Menocchio, Montereale Valcellina (PN).


HALL, P.

2007 Cities of Tomorrow An Intellectual History of Urban Planning Blackwell Publishing, Oxford
HARTLEY, D., ROBACK, H. & ABRAMOWITZ, S.

1976 Deterioration Effects in Encounter Groups in American Psychologist March pp. 247-255
HIRSCHFELD, R., MATTHEWS,S., MOSHER,L. & MENN, A.

1977 Being With Madness: Personality Characteristics of Three Treatment Staffs in Hosp Community Psychiatry 28 pp. 267-273
HOFFMANN, H.

2003 Recovery careers of people in Alcoholics Anonymous: Moral careers revisited in Contemporary Drug Problems, 30, pp. 647-684
HOLLANDER, R.

1981 Moral treatment and the therapeutic community Psychiatr Q 53 (2): pp. 132138
HORNSEY, M.

2007 Beyond Cohesiveness: Reconceptualizing the Link Between Group Processes and Outcomes in Group Psychotherapy in Small Group Research October vol. 38 no. 5 pp. 567-592
HUDSON, C.

2005 Socioeconomic Status and Mental Illness: Tests of the Social Causation and Social Hyphotheses in American Journal of Orthopsychiatry vol. 75 n1 pp. 3-18
HUMPREYS, K., RAPPAPORT, J.

190

1994 Researching self-help/mutual aid groups and organizations: Many roads, one journey Applied and Preventive Psychology Volume 3, Issue 4, Autumn, pp. 217-231
HURVITZ, N.

1976 The Origins of the Peer Self-Help Psychotherapy Group Movement in Journal of Applied Behavioral Science 12 pp. 283-294
ILLICH I.

1974 Medical Nemesis Calder & Boyars, Londra


INSERRA, G.

2010 Lisola felice: il Centro di Medicina Sociale degli OO.RR. / Viaggi della speranza con destinazione Foggia in www.blogpolitica.it/2010/10/03/l%E2%80%99isola-felice-il-centro-di-medicina-socialedegli-oo-rr-viaggi-della-speranza-con-destinazione-foggia/

JABLENSKY, A., SATORIUS, N., EMBERG, G., ANKER, M., KORTEN, A., COOPER, J., DAY, R. & BERTELSEN, A.

1992 Schizophrenia: manifestations, incidence and course in different cultures. A World Health Organization ten-country study in Psychological Medicine. Monograph Supplement;20:1-97.
JERVIS G.

1975 Manuale critico di psichiatria. Feltrinelli, Milano


JOHNSON, B.

2009 Il
KATZ A.

Metodo

alla

Salute:

la

valutazione

psichiatrica

di

un

esperto

in

www.nuovaspecie.com/IT/documenti/miscellaneo/Valutazioni_BobJohnson.pdf

1981Self-Help and Mutual Aid: An Emerging Social Movement? in Annual Review of Sociology, Vol. , pp. 129-155
KENNEDY, M.

1990. Psychiatric Hospitalizations of GROWers. Relazione presentata alla Second Biennial Conference on Community Research and Action, East Lansing, Michigan
KETTLES, A.

1995 Catharsis: A literature review in Journal of Psychiatric and Mental Health Nursing, 2, pp. 73-81
KIPPER, D.

2003 A Survey of Clinical Reports on the Application of Psychodrama in Group Psychotherapy, Psychodrama and Sociometry 55.4 pp. 141-157 191

KIPPER, D. & RITCHIE, T.

2003 The Effectiveness of Psychodramatic Techniques: A Meta-Analysis in Group Dynamics in Group Dynamics: Theory, Research, and Practice. Vol. 7. No. I. pp. 13-25
KLOPSTECH, A.

2005 Catharsis and self-regulation revisited: scientific and clinical considerations in Bioenergetic Analysis, vol. 15, p.101-133
KOSMICKI, F. & GLICKAUF-HUGHES, C.

1997 Psychotherapy: Theory, Research, Practice, Training, Vol 34(2), pp. 154-159.
KURTZ, L.

1988 Mutual Aid for Affective Disorders: The Manic Depressive and Depressive Association. American Journal of Orthopsychiatry 58(1) pp. 152-155. 1990 Measuring member satisfaction with a self-help Association in Evaluation and Program Planning, Vol. 13, pp. 119-124. 1997 Self-Help and Support Groups: A Handbook for Practitioners Sage Publications , California
KURTZ, L. & CHAMBON, A.

1987 Comparison of self-help groups for mental health Health & Social Work, Vol 12(4), Fall, pp. 275-283.
KYROUZ, E. & HUMPHREYS, K.

1997 A review of research on the effectiveness of self-help mutual aid groups. The International Journal of Psychosocial Rehabilitation. 2, pp. 64-68
LEVY, L.

1976 Self-Help Groups: Types and Psychological Processes in Journal of Applied Behavioral Science 1976 12 pp. 310-322
LOIACONO, B.

2007a Il Vangelo Globale. Commenti sapienziali per gli uomini del terzo millennio Edistampa Nuova Specie, Foggia
LOIACONO, M.

2000 Verso una nuova specie. Disagio Diffuso, salute e comunit globale Edistampa Nuova Specie, Foggia 2007b Il Vangelo Globale. Commenti sapienziali per gli uomini del terzo millennio Edistampa Nuova Specie, Foggia

192

2007c Disagio Diffuso, Metodo alla Salute

e PNEI,

Relazione presentata al Convegno Il alla promozione della salute,

contributo della PsicoNeuroEndocrinoImmunologia (PNEI)

Ancona, 27 Novembre in www.nuovaspecie.com/IT/documenti/miscellaneo/approf_metodo_alla_salute.pdf


LOIACONO, M. & VELLUTO G. (pseudonimo LOTULEV G.)

2007 La Mela Gimagiona e il senso del viaggio continuo Edistampa Nuova Specie, Foggia
LORENZ, K. & LEYHAUSEN, P.

1973 Motivation of Human and Animal Behavior: An Ethological View Van Nostrand, New York
LORENZ, W.

2005 Dalla cultura assistenziale alla cittadinanza attiva: un cambiamento di paradigma per gli utenti e per i servizi Relazione presentata al Convegno Auto mutuo aiuto e professionalit nel lavoro sociale, Bolzano 4 Ottobre in www.amalo.it/articoli/Atti_convegno_it_klein.pdf
LOWEN, A.

1985 Il Narcisismo L'identit rinnegata Feltrinelli, Milano [1983]. 2004 I segreti del corpo (Repubblica, 9 Aprile) in
http://www.gianfrancobertagni.it/materiali/psiche/intervistalowen.htm

LUESCHER, K & PILLEMER, K

1998 Intergenerational Ambivalence: A New Approach to the Study of Parent-Child Relations in Later Life in Journal of Marriage and Family, Vol. 60, No. 2, May, pp. 413-425
LUKE, D., ROBERTS, L. & RAPPAPORT, J.

1993 Individual, Group Context, and Individual-Group Fit Predictors of Self-Help Group Attendance in Journal of Applied Behavioral Science 29 pp. 216-238
LUTZ, T.

1999 Crying: the natural and cultural history of tears. Norton, New York
MARTELLI, V.

2007 Esperienza col Metodo alla Salute in www.nuovaspecie.com/IT/storie/valentina.php


MARTIN, R.

2001 Humour, Laughter, and Physical Health: Methodological Issues and Research Findings in Psychological Bulletin 127, No 4, pp. 504-519

193

MASLOW, A.

1943 A Theory of Human Motivation in Psychological Review 50(4) pp. 370-396.


MASTERS, R. 2008 Catharsis Reconsidered in www.robertmasters.com/Work_Section/catharsis.htm MATON, K.

1988 Social support, organizational characteristics, psychological well-being, and group appraisal in three self-help populations in American Journal of Community Psychology, 16, pp. 53-77.
MAUSS, I. & GROSS, J.

2004 Emotion Suppression and cardiovascular disease in Nyklicek, I.,

Temoshok, L.

&

Vingerhoets, A. Emotional Expression and Health: Advances in Theory, Assessment and Clinical Applications Brunner-Routledge New York pp. 61-81
MCHUGH, P.

2005 Striving for Coherence: Psychiatrys Efforts Over Classification in Journal of the American Medical Association 293(no.20) pp. 2526-2528.
MINAS, H. & COHEN, A.

2007 Why focus on Mental Health Systems in International Journal of Mental Health Systems 1:1 pp.1
MINISTERO DELLA SALUTE

2006 Piano Sanitario Nazionale 2006-2008 in www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_655_allegato.pdf 2011 PIANO SANITARIO NAZIONALE 2011-2012 in www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_1454_allegato.pdf
MONCRIEFF, J.

2006 Why is it so difcult to stop psychiatric drug treatment?It may be nothing to do with the original problem in Medical Hypotheses 67, pp. 517523
MONCRIEFF, J. & COHEN, D.

2006 Do antidepressants cure or create abnormal brain states? Plos Med 3 (7) pp. 961-965 194

MONTI, P., COLBY, S., O'LEARY, T.

2004 Adolescents, Alcohol, and Substance Abuse, Guilford Press, New York
MOSHER, L.

1999 Soteria and Other Alternatives to Acute Psychiatric Hospitalization:A Personal and Professional Reviewin Journal of Nervous and Mental Disease 187: pp.142-149
MOWBRAY, C. & TAN, C

1993 Consumer-Operated Drop-In Centers: Evaluation of Operations and Impact in Journal of Mental Health Administration 20:1 pp. 8-19
MULLAN, B.

1995 Mad to be normal. Conversations with R.D. Laing. London: Free Association
MUTTI, A.

1987 La fiducia. Un concetto fragile, una solida realt, in "Rassegna italiana di sociologia", XXVIII, pp. 223-247.
NELSON,G. OCHOCKA,J., JANZEN,R. & TRAINOR,J.

2006a A longitudinal study of Mental Health Consumer/Survivor Initiatives: Part 2 a quantitative study of impacts of participation on new members in Journal of Community Psychology, vol. 34, no. 3, pp. 261272
NELSON,G. OCHOCKA,J., JANZEN,R. & TRAINOR,J.

2006b A longitudinal study of Mental Health Consumer/Survivor Initiatives: Part 4 Benefits beyond the self? A quantitative and qualitative study of system-level activities and impacts in Journal of Community Psychology, vol. 34, no. 3, pp. 285303
NELSON, J.

2005 Seeing Through Tears. Crying and Attachment, Routledge New York.
NICHOLS, M.

1974 Outcome of Brief Cathartic Psychotherapy in Journal of Consulting and Clinical Psychology Vol. 42, No. 3, pp. 403-410
NICHOLS, M. & BIERENBAUM, H.

1978 Success of Cathartic Therapy as a function of Patient variables in Journal of Clinical Psychology, July, Vol. 34, No. 3 pp. 726-728 NICHOLS, M. & ZAX, M. 195

1977 Catharsis in Psychotherapy Gardner Press New York


NOORDSY, D., SCHWAB, B., FOX, L. & DRAKE, R.

1996 The Role of Self-Help Programs in the Rehabilitation of Persons with Severe Mental Illness and Substance Use Disorders in Community Mental Health Journal, Voh 32, No. 1, February pp. 77-81
NOVENTA, A. NAVA, R. & OLIVA, F.

1990 Self help; promozione della salute e gruppi di autoaiuto Edizioni Gruppo Abele, Torino
NUOVA SPECIE

2010 L'Icebergh/min.01:19
9fa1-a4bfdbddcbbb

in

www.livestream.com/nuovaspecie/video?clipId=pla_a7e53ccd-189a-436a-

OLIVA F. & CROCE M.

2009 Il Rapporto tra Professionisti e Auto-mutuo-aiuto Il facilitatore risorsa per il gruppo in AA.VV. I Quaderni: percorsi dell'auto-aiuto. Un laboratorio di cittadinanza attiva Edizioni Gruppo Abele, Torino
OLMI E. (Regista)

1978 L'Albero degli Zoccoli [film]. Italia: Radiotelevisione Italiana (RAI)


OSMED 2010

L'Uso dei Farmaci in Italia Rapporto Nazionale gennaio-settembre 2010 in

www.agenziafarmaco.gov.it/sites/default/files/osmed_primi_9_mesi_2010_0.pdf

PALMONARI, A., CAVAZZA, N. & RUBINI, M.

2002 Psicologia Sociale Edizioni Il Mulino, Bologna


PENNEBAKER, J.

2001 Disclosing and Sharing Emotion: Psychological, Social and Health Consequences in M.S. Stroebe, W. Stroebe, R.O. Hansson, & H. Schut Handbook of bereavement research: Consequences, coping, and care American Psychological Association Washington DC pp. 517-539.
PETRELLA, S.

2007 Considerazioni storico-critiche sul Metodo alla Salute di M. Loiacono, trattamento olistico rivolto a diverse forme di disagio psicologico e pschiatrico (Tesi di Laurea, Universit di Pavia) in http://www.nuovaspecie.com/IT/documenti/miscellaneo/MASPavia.pdf

196

PISTRANG, N. & BARKER, C.

Mutual Help Groups for Mental Health Problems: A Review of Effectiveness Studies. in American Journal of Community Psychology Volume 42, Numbers 1-2, pp.110-121
POWELL E.

2007 Catharsis in Psychology and Beyond in www.primalmatters.com/images/Catharsis%20.pdf


QU, Y., LI, Y. & XIAO, G.

2000 The efficacy of drama therapy in chronic schizophrenia in Chinese Journal of Psychiatry Issue 4
RACAMIER, P.

1956 Psicoterapia psicoanalitica delle psicosi in digilander.libero.it/LaTerraSanta/lete/voci/racamier1.html


RAIFF, N.

1984 Some Health Related Outcomes of Self-Help Participation. in Gartner, A. Riessman, F. The Self-Help Revolution, Human Sciences Press. New York
RAPPAPORT, J.

1987 Terms of empowerment/exemplars of prevention: toward a theory for community psychology in American Journal of Community Psychology, 15(2):121148.. 1993 Narrative Studies, Personal Stories, and Identity Transformation in the Mutual Help Context in Journal of Applied Behavioral Science 1993 29: 239
REDATTORE SOCIALE

2010 In Italia 9 mila gruppi di auto-mutuo aiuto Redattore Sociale (15 Settembre)
RHEINGOLD H.

1993 The Virtual Community: Homesteading on the Electronic Frontier in


http://citeseerx.ist.psu.edu/viewdoc/download?doi=10.1.1.87.590&rep=rep1&type=pdf

RICHARDSON A., GOODMAN M.

1983 Self help and social care: mutual aid organizations in practice Policy studies institute, London
RIEL M, POLIN L:

197

2004 Online Learning Communities: Common Ground and Critical Differences in Designing Technical Environments in Barab S., Kling, R. & Gray J. Designing for Virtual Communities in theService of Learning. Edited New York: Cambridge University Press; 2004: pp. 16-52.
RIESSMANN F.

1965 The helper therapy principle in Social Work, 1965, 10, 27-32
RIME', B., HERBETTE, G. & CORSINI, S.

2004 The social sharing of emotion Illusory and real benefits of talking about emotional experiences in Nyklicek, I., Temoshok, L. & Vingerhoets, A. Emotional Expression and Health: Advances in Theory, Assessment and Clinical Applications Brunner-Routledge New York, pp. 2942
RITSHER, J., WARNER, V., JOHNSON, J. & DOHRENWEND B.

2001 Inter-generational longitudinal study of social class and depression: a test of social causation and social selection models in British Journal of Psychiatry 178: 84-90
ROBERTS, L. , SALEM, D. , RAPPAPORT, J., TORO, P., LUKE, D. & SEIDMAN, E.

1999 Giving and receiving help: interpersonal transactions in mutual-help meetings and psychosocial adjustment of members in American Journal of Community Psychology, 27, 841-886
ROCHMAN, B.

2010 Orthorexia: Can Healthy Eating Be a Disorder? in


www.time.com/time/health/article/0,8599,1963297,00.html

SARACENO B.

1995 La fine dell'Intrattenimento Manuale di Riabilitazione Psichiatrica Edizioni Etas, Milano


SCHATZMAN, M.

1970 Madness and Morals in


www.mortonschatzman.com/index.php?option=com_content&view=article&id=8&Itemid=6

SEGAL,S., SILVERMAN,C. & TEMKIN,T.

1995 Characteristics and service use of long-term members of self-help agencies for mental health clients in Psychiatric Services, 46, pp. 269274.
SHEFF, T.

198

2007 Catharsis and Other Heresies: A Theory of Emotion in www.soc.ucsb.edu/faculty/scheff/main.php?


id=57.html

SHEN W

2004

history

of

antipsychotic

drug

development

in

Comprehensive

Psychiatry

Volume 40, Issue 6, November-December 1999, pp. 407-414


SHERIF, M.

1936 The psychology of social norms Harper, New York.


SINGER M. & LALICH, J.

1998 Psicoterapie Folli: conoscerle e difendersi Edizioni Erickson, Trento


SINI M.

2005 Modelli Teorici Pratici per il superamento dell'Ospedale Psichiatrico (Tesi di Laurea, Universit
%20Sini.htm

di

Torino)

in

http://www.psichiatriaestoria.org/Torino%20a%20Collegno/tesi%20Margherita

SKEVINGTON, S., LOFTY,M. & O'CONNELL, K.

2003 The World Health Organizations WHOQOL-BREF quality of life assessment: Psychometric properties and results of the international eld trial A Report from the WHOQOL Group in Quality of Life Research 13 pp. 299310
SPURLING, L.

2008 Is there still a place for the concept of therapeutic regression in psychoanalysis? The International Journal of Psychoanalysis 89(3), pp. 523-540
STEGGE, H., TERWOGT, M., REIJNTJES,A. & VAN TIJEN,N.

2004 Children's conception of the emotion process in Nyklicek, I., Temoshok, L. & Vingerhoets, A. Emotional Expression and Health: Advances in Theory, Assessment and Clinical Applications Brunner-Routledge New York, pp.240-253
STEINBERG D.

2002 L'auto/mutuo aiuto. Guida per i facilitatori di Gruppo, Centro Studi Erickson, Trento
STOUGIE, S., VINGERHOETS, A. & CORNELIUS R.

199

2004 Crying, catharsis and health in Nyklicek, I., Temoshok, L. & Vingerhoets, A. Emotional Expression and Health: Advances in Theory, Assessment and Clinical Applications BrunnerRoutledge New York pp. 275-288
SZASZ, T.

2008 Anti-Coercion

Is

Not

Anti-Psychiatry,

The

Freeman,

58:

26-27

(May)

in

http://www.aepsi.it/aep_n115.htm

TELLIS, W.

1997 Application of a Case Study Methodology in The Qualitative Report, Volume 3, Number 3, September in www.nova.edu/ssss/QR/QR3-3/tellis2.html
TNNIES, F. & HARRIS, J.

2001 Community and Civil Society Cambridge University Press Cambridge [1877]
TORO, P., ZIMMERMAN, M., SEIDMAN, E., REISCHL, T., RAPPAPORT, J., LUKE, D. & ROBERTS, L.

1988 Professionals in Mutual Help Groups: Impact on Social Climate and Members' Behavior Journal of Consulting and Clinical Psychology, Vol. 56, No. 4 pp. 631-632
TOTIS A. & ZANICHELLI G.

2007

Auto-mutuo

aiuto:

Storia,

Definizioni

Metodologia

in

www.amalo.it/articoli/self-

helpstoriadefinizionietipologieaiuto.pdf

TRAMMA, S.

2003 L'Educatore Imperfetto Carocci Editore Roma


TRINCHERO, R.

2004 I Metodi della Ricerca Educativa Laterza Bari


TWELVETREES, A.

2006 Il lavoro sociale di Comunit Edizioni Erickson Trento [1982]


UNIVERSITA' DI BOLOGNA

2007 General Health Questionnaire in http://emergenze.psice.unibo.it/test/ghq/ghq.asp


VAN DER HART, O.

1992 Abreaction Re-evaluated in Dissociation, 5(3), pp. 127-140


VINGERHOETS,A. BYLSMA, L. & ROTTENBERG, J.

2009 Crying: a Biopsychosocial Phenomenon in Fogen, T. Tears in the Graeco-Roman World, Walter de Gruyter, Berlino pp. 439-475
WATZLAWICK, P., BAVELAS, J. & JACKSON, D.

1967 Pragmatics of Human Communication W. W. Norton and Co New York 200

WECHSLER, H. 1960 The Self-Help Organization in the Mental Health Field: Recovery, Inc., A Case Study in Journal of Nervous & Mental Disease Volume 130 - Issue 4 pp. 297-314
WENGER E.

1998 Communities of Practice: Learning, Meaning, and Identity Cambridge University Press, New York
WHISTETT, D. & KENT, S.

2003 Cults and Families in Families in Society Vol. 84, n. 4, pp. 491-502
WHO

1998 Health Promotion Glossary Geneva in www.who.int/hpr/NPH/docs/hp_glossary_en.pdf 2001 Schizophrenia: Youths Greatest Disabler in www.searo.who.int/en/Section1174/Section1199/Section1567/Section1827.htm 2004 The World Health Organization Quality of Life (WHOQOL)-BREF in

www.who.int/substance_abuse/research_tools/en/english_whoqol.pdf
WILLIAMS, J. & SCOTT, J.

1988 Autobiographical Memory in Depression in Psychological Medicine, 18, pp. 689-695


WHITAKER, R.

2004 Argomenti a sfavore dei farmaci antipsicotici: pi danni che benefici in 50 anni dimpiego
Medical Hypotheses 62, 5-13 in www.nuovaspecie.com/IT/documenti/miscellaneo/robert_whitake.pdf YAR,M.

2003 Community: Past, Present and Future in www.whb.co.uk/socialissues/vol2my.htm


ZANCAN, E.

1996 Manifesto sugli Educatori in www.edscuola.it/archivio/handicap/educatori_professionali.htm


ZIMMERMAN M.A.

2000 Empowerment theory: psychological, organizational and community levels of analysis in Rappaport, J., Seidman, E., Handbook of community psychology New York, Kluwer Academic/Plenum Publishers: pp. 4363.
ZOLA I.K.

201

1993 Self, identity and the naming question: reflections on the language of disability in Social Science and Medicine 36, pp. 167-173.
ZOLETTO, D.

2011 Un possibile framework per lanalisi dei luoghi pubblici come contesti di educazione informale alla cittadinanza in Altin, R. Virgilio, F. Ordinarie Migrazioni Educazione alla Cittadinanza tra Ricerca e Azione KappaVu, Udine

202

Sitografia
Agenzia Dire (www.dire.it) visitato il 22 Marzo Agenzia Italiana del Farmaco (www.agenziafarmaco.gov.it) visitato il 27 Marzo Alabama Disabilities Advocacy Program ( www.adap.net) visitato il 27 Marzo Alcolisti Anonimi ( www.alcolisti-anonimi.it) visitato il 16 Dicembre Auto Mutuo Aiuto Brescia ( www.amabrescia.org) Auto Mutuo Aiuto Lombardia ( www.amalo.it) visitato il 4 Marzo Blatner (www.blatner.com) visitato il 25 Febbraio Blog Politica ( www.blogpolitica.it) visitato il 25 Marzo Anima Mea (http:// animamea.splinder.com) visitato il 3 Marzo Calabria Notizie (www.calabrianotizie.it) visitato il 2 Marzo Centro Servizi Volontariato Toscana ( www.cesvot.it) visitato il 27 Marzo Epicentro ( www.epicentro.iss.it) visitato il 27 Marzo Ex-Cult ( www.ex-cult.org) visitato il 27 Marzo Federica Universit di Napoli ( www.federica.unina.it) visitato il 13 Febbraio Filastrocche (www.filastrocche.it) visitato il 15 Febbraio Focus12Passi (www.focus12passi.it) visitato il 15 Dicembre Gianfranco Bertagni ( www.gianfrancobertagni.it) visitato il 13 Gennaio Google (www.google.it) visitato il 27 Marzo Google Scholar (http://scholar.google.com) visitato il 20 Marzo Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione ( www.istc.cnr.it) visitato il 27 Marzo Lega Italiana Attacchi di Panico ( www.lidap.it) visitato il 12 Marzo LiveStream ( www.livestream.com) visitato il 3 Febbraio Metodo alla Salute ( http://metodoallasalute.blogspot.com) visitato il 26 Marzo Ministero della Salute ( www.salute.gov.it) visitato il 21 Gennaio Morton Schatzman ( www.mortonschatzman.com) visitato il 18 Marzo Nova ( www.nova.edu) visitato il 22 Marzo Nuova Specie (www.nuovaspecie.com) visitato il 23 Marzo Primal Matters ( www.primalmatters.com) visitato il 7 Gennaio Psichiatria e Storia ( www.psichiatriaestoria.org) visitato il 3 Dicembre PsicoLab (www.psicolab.net ) visitato il 16 Febbraio Psych Web (www.psywww.com) visitato il 27 Marzo Societ di Mutuo Soccorso Carpentieri e Calafati ( www.smscc.it) visitato il 27 Marzo

Strenghts Foundation ( www.thestrengthsfoundation.org) visitato il 9 Dicembre TIME (www.time.com/) visitato il 13 Marzo Universit di Bologna ( emergenze.psice.unibo.it) visitato il 23 Marzo Wiley Online Library (http://onlinelibrary.wiley.com/ ) visitato il 28 Marzo Wikipedia (www.wikipedia.org) visitato il 26 Marzo World Health Organization ( www.searo.who.int) visitato il 4 Febbraio