Sei sulla pagina 1di 157

Sommario...

GT;ER-.\TITA' SIILLE PROTEINE LIF]R{LITA SUGLI ENZIMI.. .. . . ..: IGR.GLA. LIBERA ED ENZIMI, CINETICA ENZIMATICA....... {*};TTCA }BIZIONE ENZIMATICA SECONDOMICHAELIS-MENTEN ENZIMATICA.. ..,.....pgg. 14 1..-...pgg. 14-16 r...pgg. 11-21 -. . . ...pss. 2l-26 ....psg. 27-32 ,...pgg.33-36 .... pss. 36-38 .......Pgg.39-47

].fFCC.\NISMIDI CATALISI e SERINA-PROTEASI...... 5ZL\fi AlLosrERICI.

:\IOPROTEINE RESPIRATORIE.

'

METABOLISMO DEL GLUCOSO...........

.DA PG.49 53 .....Psg. - 59 pgg.59-64 '.'pgg. 65-68 ..' - " Pgg'69 - 77 --.Pgg-78-82 .- pgs- 83-91 97-r0e ---------pss.........DA PG.l1O " " "' Fss' Lls-r26 Pgg.126-135 .-pss- 138-141 .....Pgg. I42-I5O Pc'lsl -.-.-.--..DA ... Pgg.152-T54 ... Pgg.154-158 Pgg. 158-160 ""'pgg' 160-164 """ pss' 164-765 ..."'DA PG.I66 "' pgs' 167-177 . ... Pgg.T72-176 ...Pgg.117-I]8 r 79 """"' pg' "'pss' 180-181 Pg. 182 Pgg' 183-184

: LI CO G EN O . . . .. FOSFATI .oF_\-TOSO +*TRI MONOSACCARIDI:fruttosoe galattoso G -I CO L N I . . . . . . {.TLUCONEOGENESI OSSIDATIVA e CICLO DI KREBS DECARBOSSILAZIONE FOSFORILAZIONEOSSIDATTVAeCATENARESPIRATORIA.. . METABLISMO LIPIDICO

ossIDAZIoNE DEGLI ACIDI GRASSI" DEGLI ACIDI GRASSI.. tsIOSINTESI BIOSINTESI DEI LIPIDI COMPLESSI:I TRIGLICERIDI I DEI LIPIDI COMPLESSI: GLICEROFOSFOLIPIDIBIOSINTESI DEL COLESTEROLO \ETABOLISMO ' METABOLISMO PROTEICO........... DEGRADAZIONEDELLE PROTEINE DEGLI AMINOACIDI... DEGRADAZIONE GLUTAMMATO E GLTITAMMINA cICLo DELL''REA ARGININA"-" ' METAI}OLISMO DEI I{UCLEOTIDI SINTESIDI NUCLEOTIDI. DEGRADAZIONEDEGLI ACIDI NUCLEICI...... .... DI SINTESI DEOSSIRIBONUCLEOTIDI.. CI CL O D E I F O LA T I.... :.---..METABOLISMODI DI-NUCLEOTIDI--.... "
-<.

"':"'

TRASDUZIONE DEL SEGNALE..... GLI oRMoNI

'

=Y
APPUNN DI BIOCHIMICA
_AfiM{W PROF. TONETTI

r{f: ampio gruppo di composti organici, formati da una sequenza di molecole, chiamate , l flTffffffffffffffffffffffffffffffff _#, t eg a t e l'u n a a ll'a ltradategamipeptidici.P re s e n t iin t u t t ig lio rg a n is miv iv e n t i, s o n o g li - c6i cos*iurivi predominanti delle cellule e sono indispensabiliper il loro funzionamento.
_ $[plrure crprale di una amminoacido:

coo
+[

HrN --c'-

R
* ffi. n pwoo essere presenti in forma indissociata (nonionic form) oppure nella forrna dissociata (ionic o

_
<

Zpim:nfo form):

o
J-

C-

ll I

o
OH
I

Hzl{ --<'-

tt

*l HsN--{:I
I

c-o
H

tl

R forsur non ionica

R fonrur zrvitteonica

HO
1

H-H
\-t'-.

- oT
H {'

oHrl ' HsN --\ COO \---l/

H,o
./'
,

t:
li

EjF -{t

COOH

I
CH: Forma I A,lMr in soluzione acida

--5
+

H N-{--c0()rl
I

cHs
Forma2 neutra l{anina in soluzione @H circa 6) Caricanetta: 0 (forma isoeletkica)

H, PKz:q't

cHs
Forma 3 fanina in solrrzionebasica (pH > 10) Carica netLa: -1

PK1:2'3

'PH<) +1 C^6rica netta:

AA ESSENUALI
Arginina
,qp-ziele solo nella prima

AA NON ESSENZIALI
Alanina Asparagina Aspartato Cisteina Glutammato Glutammina Glicina Le piante hanno una quantit d aa essenziali non sufEcienti per noi (tranne la soia), per tale motivo importante mangiare anche la carne.

-J

Istidina Isoleucina Leucina

Lisina
Metionina Fenilalanina Treonina

(n grassetto: aa di ctti si deveconoscerelaformula)

Prolina
Serina

Tri
!elina

Tirosina

I
<
:,

ll

l'li f,
I I i i

T^,
-f

delle proteine: degli aa condizionano laforma spaziale Le caratteristiche delle catene laterali

,C -l

lateralinonpolar): . A'4.IDROFOBICI (con catene Alanina (Ala) Glicina (GlY) L'aa* piccolo
H H

Valina H I

(Val)

5r K
I t:., i,i
' "'(-

I H.,tI -C-cooH
I H

I
H ,N -C -C OOH

HN -C -CooH

-l

't

cH.

cH3 cH3

/r

CH

L{_
ilt

Altr aa drofobci: (Ile) - Leucina (Leu) e Isoleucina itlp"f"1o - Feninilalanina gni"

iilil;;;b""

proteine) mportante caratteristica per analisi gruppi *tiU"i - Metionina O4"t) -+ ;;utore di - Prolina (Pro) -+ irnminoacido della catenapolipeptidica: p.t tipi"g;"nto

8 d r.'"gr'"tt" d'on aryqeiori(?'':20nm)'

(Trp) + R-co1lelli aromatici'


- S - CH3) CR: CHz - CH'?
H

(phe:R= CHaC)

I g.11 -g-CoOH
H -c

fCTn->
D Rt 5! 1Lr 5i

1 .t" z t..
NH vr r 2

X H rl '
latetal\polari' neutryt-AA.IDROF'ILICI (con catene TiroLrna (Tyr) -+_eruppifH _serina (ser), Treo;;;(Thr), (nella srutrura III di molte proteine) _ cisteina (cys) _+ gup-sH .
nei siti athvr dr motr srz'""' Tirosina e Cisteina si troryano neutre' Ult:::::::fiatene lontani dal pH fisiorogi*o'popsopo loruru-t (!ar Prr ^'"^"^"f"i;o"
[pKn : costante di disst a pH non fisiotogico]

hanno PKp e a valori

,!ADf?H

+ N'i-roRitti! lt

Altri aa idrofilici:

(Arg), - arginina ryP"Y:o:il?ffS"o (utu,)

(Asp)

- Gtutammato o acidoglutammrco (In,l - Asparagina (Asn), Glutammina imidazolico - miaio" (His) -+ con ardo

con catenelaeraliACIDE ' AAPOLARI AcidoasparticoeA.cidoglutammico;'apH:Tsonosemprenellaforrradissociata rr perchedonano Carichi negativamente lateratiBASICIIE con catene ' A-POLARI le forme a pH :7 presentiln entrambe Lisina, Arginina, ;;;; -

-'=F
}--elle proteine la 7" dei vari aa variabile: sono pi frequenti i piccoli aa (Gly, Ala) e rari quelli di pi $andi dimensioni (Trp, Cys; quest'ultimo solo quando servono i ponti S-S')Inolhe, la presenza degli aa influenzata dal codice genetico: alcun aa sono codificatirda pi codoni, mente alti da un solo codone. ponti S-S (disoliro)

+l HqN -CH 'l CH. lz SH

co0

coCIrLN- qH
+l I

":--l--,
'-t\

aH++ze-

CH, tS

SH I CH.,
la

**

I I
I
I

(cheratine -+ proteine stutturali di unghie e capelli, ricche di ponti S-S)

2H+ +2e-

I CH-

r+

o*

cH- NH"
I

cH-NlI

coo? cvs

coo
cistina

.s' RUOLO DELLE CATEITE LATER,{LI: - determinrzione strutf,ura proteine Off, fY) - *rsfUi con catene laterali polari (neutre o cariche) sono coinvolti spessonel meccanismo catalitico degli snziirti (IsL Cys, Ser, Tyr, Glu, Lys), catalisi acidebase, catalisi covalente. - residui con catene laterali con gruppi -OH (Sea Thr, Tyr) rappresentanositi di fosforilazion. - Serina, Treonina e Asparagina come possibili siti di glicosilazione. - catene la*er.alialifatiche hanno reattivit bassissirna.

-dlcuni aa possono.ffiare inconto a modificazioni post-traduzionali: - iisina idrossilisina nel collagene, proteina dgllo scheletro - proltna ----> idrossiprolina strutfurale connettivale. - desmosina --> 4 catene dl;./,ls&sdrvmite un anello@*lastico) da - ornitina g gitrullina -) aa mai presenti a'Il'interno di proteine; sono intermedi del ciclo dell'urea i eiimin 2sisae ammoniaca dall' organismo)

-{lcuni aa sono importanti precursori di neurotrasmettitori: a tirosina -+ dopamina *+ noradrealina e adrenalina dzacido glutammco -+ GABA daistidina-> istamina da triptofano --+ serotonina

L ' {d
I

"e CARATTERISTICHE DEL LEGAME PEPTIDICO:


R * ll H3N -cH-c
H R"

-oH

+ H_ N-C: H-CO O

t l'

tl
o4

H. oJlL t ", o
R
L-

n l l\

tl

* ll H3N-CH

R1

CH-C O O

t"

,l

Il legame tra C e N a met tra un legame singolo e uno doppio [C-N]; si trovano ad una distanze intermedia.Il legame peptidico un legame rigido, planare, impedisce Ia rot:rzione degli atomi.

i'-

-, -:s
l*

Configurazione in trans (in cis impossibile)

s/
\
/-\l .
f1
IT

R (JPorrooo singoli

v fi-"\ r-,/2
p

V3"mr t"T '


r

ruotare xk sono legami

E s.q:120" e V :- 60" s i

q:0"

e V:0"

l{F- +

II legame peptidico stabilizzato da forme di risonanza

oI

ll
R-C \/ \/ .N I H

. R.

I
L-

R-cir
\+/ .N I H

, '*
continuo cambiarnento da una forrna all'altra

Dl

Forma simile ad un ibrido di risonanza: cariche parziali su N e O, presuppostoper legamiH

OUGOPEPTIDI: piccoli peptidi, pochi aa Tripeptide(Glu-Cys-Gly) -+ glutatione

ATP Allp+pi

cys

7-glutemil-cisteina

ATP ADP+Pi

Da y-glutatione a y-glu-cys-gly (ridotto) N.B.!! Inizia e finisce con COO- !! Usa C della catena laterale,quello del COOH su Cy per forrrare il legamepeptidico SH
I
I

CH: Or o, tt lH illH I * C_+N_ c H - . iFI It I


CH:

y-glu-cys-gly

I
S

t-

coo

l
S y-glu-cys-gly (ossidato)

l
CH. + | Hc-'- NHI

coo
Glutatione (1- gtutam il-c isteina-glicina)

TTI]RA DELLE PI{OTEINE:

-+ serie di aa con legami peptidici (d, tri, tetra,"') POLIPEPTIDE + centinaia, mgliaia diaa PSCITEINA+ polipeptide con struttura e funzione ben precisa

ta

Leproteinepossonoessere: _> - SEMPLICI _} - CONTT]GATE ( uot:nonnla)

GLOBULARI F.IBROSE

--+ -+

solamenteda aa composte daaa+ guppi diversi (es. gr- prostetico) formate (Parteproteica: apo)+ (gruppoprostetico) LIPOPROTEINE GLICOPROTEINE (residui zuccherini legati a Ser,Thr, Asn) : EMEPROTEINE (citocromi, emoglobine) FL/IVO PROTEINE (contenentiFAD) Mgz*,per proteine METALLOPROLEINE (ioni metallici, Zn*, Caz*, leganoDNA) che forma pi o meno arrotondata,compatte(enzimi, Hb, p- di trasporto, p. plasmatiche) struthre in genere molto lunghe

della cellula prevedonoI'intervento di proteine(ormoni proteici, fattori di Tutte le funzioni specializzate enzimi'...) del di canal, trasduzione segnale, di anticorpi,p. di membrana" trasporto, crescita, s

I
I

t_

I I

STRUTITJRA: di -+ sequelrz aa (proteinemedie300-600aa) I foglietto-P,--. -+ o-elica, tr (es' mioglobina) polipeptidica -+ catena m con di proteine 1-subrmita caratteristica -> pi subunitfofipeptidiche associate (es. emoglobina), fv \H3 Perconvenzione, - AA - (AA)' - AA - COO(xk vengono sintetizzate in talesenso)

)l

l*

STRUTTURE SECONDARIE: coinvolti nel legame PePtidico


1).4.d elica

si vengono a forma':e grazie a legami H tra gli atomi

-+ a-ELICA -> nastro 23t - elica 31e n -elica'"' 2) Foelietto B -+ Parallelo -> antiParallelo 3) ripiegamenti P 4) ansa f (x via della forma) --\ gomitolo' ansa) Sj ,irotto. non ripetitive (coil,loop: proteineglobulari

frbrose II dene Qstrutture proteine I frlffffirl"ilffi:l-oo"


[quellesottolineate:tipiche delle dell q-elica, rigonfiamento beta'" ' Alcune variazioni di snutnne II ordinate ; capping

--l

''

---

3)4)'eo-+erroneamenteinseriticome,.randomcoil',.InrealtSonostrutturechenonsiriesconoa assolutamentecasuali! ricondurre amodelli definiti, ma non sono


. - : - .!' Ar ri

Asecondadelleproteine_>contenutivariabilidistruttue ttutti L-a111) u-ELICA (destrorsa) .porlooo all,esterno, ment iiegamiH _ 1" laterali ""t"o" .-passoelica:5"44-> 3rlazxgiro/l3atomixgiro 12 residui (3 gld) 57'- Q 47" - '' <p ' sono intracatenari i

,! ..

-glialtitipidielicasonocaratteizzatedadiversespaziaturetragliaa 26"] q 49"- 10 atomi 3aa lelica 3ro -ilegamiHvengonoaformarsitraatomirelativamentevicini_>legameHtral'ossigenoel'idrogenodel gruppo amminico i 4 residui doPo di regami rl altri la alc'ni aa favoriscono la formazione _ la sequenza amminoacidica imForbante: disturbano(es.gly,Pro,'.-);inoltre,adaconsiderarel,ingombrostericodeilecatenelaterali 2) Foglietto P distanti far loro della catena polipeptidica - i legami H si formano tra punti - ANTIPARALLELO

- PARALLELO

Legami H leggermente pi distanziati Legamifl Pividini

tutravta' pi antiparaneto stable.di-q::t:^-*:t:i ::tt:ffi%:J':ffi,1hff#iH: 6) (armeno tr fogrietto stabile aiI"*"" pe-r-essere

il ;;f;:ff;Iifff,ff

i,nil*l?JJ;rHffi;sfi;

.l-

"6 TECNICHE PER ANALISI PROTEINE


t-

'
l-

ELETTROFORESI --) migrazione di particelle cariche atfaverso un gas o iun liquido sotto I'influenza di.un campoelettrico,applicatomedianteuna coppiadi elethodi ir,rmersinel fluido.

t.-

Molte molecole biologiche possiedonopruppi iodzabili. quindi, sono assirn ilabili a pqrticelle carche; sono, perci, presenti in soluzione come cationi 1+7o anionf (-). All'interno del carnpo elettrico migrano verso il polo di segnooppostoalla loro carica ,: In una proteina vi una quantit variabile di cariche (coo-, idrofobiche,dal momentochea qualsiasi non si ionizano pH 5ru3;; non importano le cariche

l-

t-

A pH:3-4 (acido) -+ la carica nettra della proteina positiva All'aumentare del pH diminuiscela concentrazione degli rf lcoorr _+ coo- + tf; Al punto isoelettrico + [cool : [E*l *] carica della proteinanull4 neutra proteina (soluzione 9he per aggiunta Ai pi soluzione;es: le proteine del plasmahanno,ro i-po.tuot" firnzione tamponej.
ln

l-

non fa variare il pH della

Non si pu parlare d valori estremi di pH: a pH : 14 il legame peptidico si rompe e la proteiga si denatura : pH < pH punto isoelettrico Prevalenza in forma pH: pE punto isoeletfrico

pH > pE punto isoelettrico


Prevalenza in forma

f-

-cooH -NH3
carica positiva

Prevalenzain forrna -COO-: -NH3 carica neutra

-coo- -NH2
cqrica negativa

t
L

'

ELETTROFORESI sU SUPPORTO SoLIDo (carta -+ derivata dalla cellulosa -)es. acetato d cellulosa), su cui il campioneviene posto.

t t
t
v

, . r--* --r _qJ

_aJ

pH:8-6 x proteine plasmatiche (hanno pI = 6)

Tutte le q-, quindi la migrazione non avviene per tipo di carica, ma per n" di q- r " ELEIIR.OFORESI SU GEL (polimero) si effettua generaknente su un sottile sfrato verticale di un gel di poliacrilamide, per cui la direzione dell'elethoforesi dall'alto verso il bassoEfeno setaccio in un gel uniforme: oltre alla carica si sfrutta il diverso peso molecolare delle proteine. T"!" Le molecole che hanno dimensioni pi piccole dei pori dl gel si muovono ripiau-"ot", menke le molecole pi grandi dei pori reslano praticamint" ior*ouiti; i" *ol*"il" di dimensioni intermedie si muovono nel gel con diverse velocita, - ,,Sf.Ni MTGR,A.ZIONE sol,o PER PM ' La carica effettiva delle proteine viene mascherata dal legame con sDS (sodio-dodicil-solfato -+ coda apolare * testa q): le proteine hdnno, quindi, tutte la stessa"carica e migran s,, g*l in posizioni differenti solo per il loro diverso peso molecolare.

r
I
i
I

-+ carica -+ dimensioni (le molecole *grosse hanno maggior atrito) -+ fonna b) TAMPONE -+ concentrazione(forza ionica) -) pH c) S{IPPORTO --+ adsorbimento -+ filtrazione molecolare Semolto poroso,Ie proteinegrosse ailungate si incastrano e vi facilmente

a) CAMPIOiYE

I
)

13

,,:A

l'k"rr,/\
T,
I

t.I

+ !r
Stl
It:i 7
'i(

v di una proteina in un campo elethico dipende dalla forza del campo euindi, la velocit di migrazione E, dalla carica n"ttr d"llu proteina z e dal coefficiente frizionale.f, ""tri"l E'z
lt -

l'{

con carica opposta gontralala dalla t :b$? La forzaeletbicaEz chespingela morecolacarica verso I'eletfodo m'r}jt"rf J dalla frizione fra la molecola ed il mer.zocircostante;i.""m"i*t v, chederiva forza ritardante.fu, eL I(JIZA lrl.zllrJrup.' viscosit 4 del mezzqrPer irna sfera di /. dipende dalla massa"dalla forma della molecola migrante e dalla
rraggio r: *

.f :6mtr
I

/ i e-*,i\-roun

FOCALIZZAZIONETSOELETTMCA

ffi,

il punto iro"r"tri*

nctta 1pi di una prot"iou e it pH a cui la suacarica

perci a tale pH la sua mobilit elettroforetica pari azeo'


sl rlrtluve.4 ;:J#:Iffi;Jr"o prolgula

t !:t}"r"ff#; LjJq'

che significa che si possono ,"p-*"

" il 1_e'1u,:#::r:lj"-t:1n":::fr prot"i"" ":' cui pI differisceanche soltanto di 0'01, il Lafocarizzazioneisoelettrica pu facilmenie risolvere singola caricaproteine che differiscono tra loro solo di una

di *r-*ra di protein:i" " gercontenete qradiente pH, ciascuna 1n ----^t^ ollq nrnteina -,,: :r -rr "", ^l -T "i"*^"t"rffi nel p poriao"" gel ,rou raggiungere r

APPUNTI PROF.SALAMINO
{l L t H iDRi,s!rcQ!

la funzione di proteica che negli organismi viventi svolge llluru. ENZIMI: struttura molecolare .di natura il decorso di t,a reazione chimica' cll catalizzatore biologico, catalizzatore biologico, capace di accelerar "upu"" stabilizzando-gt;t"tldl t'"^ld""",L
le Essicatalrzzano i" r"rrioni .tlssr catalizzano rt reazione: stabilizzanclo in modo selettivo tl di ransizione' "oro un

"p"'L;pi "1":*.:1"::itT5t::?* aetermina quale delle moltissime

reazioni potenziali deve realmente awenire'

"-u

XH

ISnIMI-gnzimichecotalizzanolastessareazione,macheSonoGomunquedotatidipropriet ewimatiche diverse tra loro' enzima sono: Le pi importanti carattersttche d un

- POTERE CATALITICO - SPECTHCITA' . POSSIBILITA' DI REGOLAZIONE

t i tufH
r:l -F.;i"'jE ->

. pOTERE CATALITICO \iIO6 dete reazionichimiche: ra anchepi di oo N$* di vorte. verocitenzimi' accererare Gli enzimipossono di assenza questeooo urr"o" a velocit alprezzabile in
con i infatti, la maggior parte di .,oi"o, *"h"a"*o uu" "ai"io"i ai r p fisiologiche, compatibili " La reazione, in questo modo, sistemiviventi. - - PRODOTTO STIBSTRA:IO - '-----. ENZfrVIA
Kot -+ costanJedi ygloqita catalitica

PROTEINE SEMPLICI METALLO-PROTEINE

degli aa il sito cataliticoutiltzzzsolo le catenelaterali : i di un metallo'per orientare la per la catalis necessaria preserua r-^ per stabilizare il composto *uooi in basealla loro "*i"u o
oenzima)
a

PROTEINE CONTUGATE o OLOENZINdI

(cofittore) Parte non Proteica saldamente cofattore : gruppo prostetico, se legato (covalentemente)

fficatiaPartire

dieta)

14
\
!.

__-:
-t -

-.4-

-.t-

. SPECIFICITA' - Rieonoscimentoselettivo del proprio substrato tratutte te alte molecole ASSOLUTO -> il meccanismo talmente perfezionatoda distinguere i diversi anorneri e [e varie forme isomeriche MINORE -+ specificita riferita a gruppi, atipi di legame
- Specificit intesa\66me specificit di prodotto (che singolo e unico, non isomeri). \\ Si hatta di un grande vantaggio. poich se la reazione non fosse cataluzatz si awebbe Ll50o di probabilita di avere come prodotto la forma isomerica attiva o quella inattiva. - Garantisce un'elevata resa (>95%) - Controllata dal sito di legame dsll'snzjma a cui deve adattarsi il subsbato Regione associata ad tma particolare disposizione delle catene laterali interazione ta loro e con iI subsbato. Le peptidasi o enzimi proteolitici sono gli enzimi meno specifici in assoluto'. scndono il legame peptidico e aggitmgono HzO ai prodott di scissione, ripristinando i gruppi COOH e NH2; scndono, inoltre, il legami esreri (alcol+acido).
ANIP

.-I_

J.

rt:oarrrvo-+costituitoda

ffi'Sllnn"
I due siti non sempre sono perfettamente distinguibili]

Formato da guppi che derivano da parti anche molto lontane tra loro nella sequenza amminocidica;possono essere parti delle catene laterali dell'enzima o gruppi diversiforniti come coenzimi o cofaxori. Occupa una parte relativamente piccola del volume totale dell'enzima. LE INTERAZIOM TRA SUBSTR-{TO ED ENZIMA SONO INTERAZIOMDEBOIJ!! \\ (stdo di transizione) | I \ La specificit di legame dipende dalla disposizione degli atomi in un sito attivo- { en = C,rS o +n1"ua J \-/

POSSIBILITA'

N; DI REGOLAZIOITE

A 38 ;r/aDtTft6 P66
(in genere all'inizio di vie metaboliche)

- ENZIMI AILOSTERICI

- REGOI,AZIONE

-> regolati per atttvazioneda effettori positivi (AC<e&-ra,r+.<>) -+ regolati per inbiziona da effettori negativi $ecena,',d) Lt-t4. uJh, \ e\e,t -pb , 9'e-)r-r.-.nr-olQ5-*[-A BRE\rE TERMINE estsno alla cellula (ap, - segnale - cascataenzmatica
a

pn'*ted-*l[cl

"

REGOLAZIONE A MEDIO TERMINE:

+ Csnrr.r...)rr', ; S@' (y*e"'"*l"t ()

- modificazioni post-traduzionali attivano I'enzima la pi diffirsa lafosforIazone/defosforlazone (aggiunta/rimozione COVALENTI: - MODIFICAZIOM di uno o piir gruppi fosfato), grazie ad una serie di enzimi attivati da secondi messaggeri o damodificazioni esteme di recettori, corrispondenti a segnali ormonali. Associazione/dissociazione di monomeri: enzimi controllati dalla concentuazione del substrato - REGOLAZIOFI-E A LUNGO TERMINE possono avere inibitori, vasta parte della farmacologta). (ENZIMI INDUCIBILI, Sintetizzati solo se la cellula riceve uno stimolo esterno (es.ormone), che induce la trascrizione dell' enzima!

fU6-e*r*

p.1"

CA- {-,c o du t3*rau-.*r^ fl.t:i+-r-t-#l.


15

I I *l'/

a
tl

"6 CLA,SSIFICAZIONE ENZIMI


Ogni enzima definito da 4 numeri: 1) classe 2) sottoclasse 3) tipo di guppi implicati 4) identifica quel particolareenzima

t
fi d \.r

'-,

l.
I

Esistono6 classidi enzimi:


I
7

OSSIDOREDUTTASI TR.NSFERASI IDROI.ASI LIASI (a volte SINTASI) ISOMERASI LIGASI (SINTETASD

8' *r.z.P b. catzlizzanoreazioni di ossidoriduzione,chep."-eaono quinai un trasferimentod e'

Catalizzano reazioni di trasferimento di tm gruppo Catalinano reazioni di idrolisi; l,HzO viene u@ un legmei trasfertmento di un Eruppo fimzionale cnl'If,O

3 4
f,

Addizione d gruppt a doppi legam/ Fr*@ dalla rimozionedi un R-ruppo


Is omerizzazione, trasferimenta intramolecolare di m gruppo
--"-?-

Unione di due substrati a spese d drolisi di ATp

Alcuni enzimi oltre alla propriafunzione principale hanno attivita suppletive.

lL-- Soffoclassi:
t--- -' { f ,* r
1.I DEIDROGENASI T I 1.1.1.1alcol deidrogenasi * ( t- !,-o-Pr
\!4

i !Jr-.e' :1:;-

*-

J{*

r \rtAD-A r vf)

rl
f '. 1 -i -

1.2 (C:O) OSSIDASI 1.3 OSSIGENASI > mLtzz$No ozc()XD Eu6sf{fre 2.4 GLUC OSILTRANSFERASI 2.7 F'OSFOTRANSF'ERASI 3.4 PEPTIDASI 4.l ALDOLASI

FF " '-:- -:

4'2 c,)*HrrpJ":rFr+: (c: :ffiff"* ?lJ:"Ti3*5?ffiTi",e ::''uffi game


nrtnt

s.r RAcitMAsr / EpmftERASr/ Morrrs I


6.4 forma C-C

c0.{$n rrG&.rr.l,rsp11, $!'?.

legami di condensazionerichiedono molta energia di per s (AG>>) 6.4.1 carbossilasi (a volte sintetasi) condensazione C u rob"t rto di t t ,S,* r, N)

o.E,/.**" - hUUP,/ u-rrollJ.eK p =S

r,rvr,

- lr

.? .//

_/r,._Jg @,{at"W ctr--<-r.,.,,,,

c. .

"O/

iL ri^_*b

/e"re3

16

I--

.6 EN-ERGIALIBERA ED ENZIMI
termodinamiche di una reazione: la differenzadi energialibera(AG) tra i prodotti ed i reagenn
(indipendente 612[4pscsanismo di trasformazione)

l_

L L L L Lr
) ['

determina se la reazione pu awenire spontaneamente

I'energia richiest per la conversione dei reagenti nei corrispondenti stati di transizione solo su quest'ultimaproprieta!

determina la velocit di reazione

Slolo

{rsnsi=ione AG = variazione di energia libera (in relazionecon la costantedi equilibrio Ieq)


\ _\

',.t| 'r4
<9.

II lG d ndicazion sulla reazione: - se AG < 0 -+ la reazione spontanea (psoergonica)


ljl.t

t_,
l_ 1_ l_ 1_
Reachbn prryiess

LoYeg..:}one

- se AG : 0 -) iI sistema in equilibrio pu modificarsi

e non

- se AG > 0 -+ la reazjone non avyiene in modo spontaneo, ma richiede la somministrazione di energia (endoergonica)

AGO: variazione di.e. n-grgralibera in condizion standard (i i crrimicil T:*s(.i p : la h @' l zYl"l< .!,. AG0': vari*zione di-energia libera in condizioni standard biochinich : 298 "K T p : 1 ah pH: 7 --) xk[soluto]:lMnonunaconcentrazionefisilogica [lkcal:'4:18 kI AG#: variazione di energia-di attiv:rzione (in relazione con la costante di velocit) N.B: la costante di equilibrio K"o di sna rsezione non viene influenzata dalla prese za di un enzima!

t t

t
t_
LI I
L

E QIIILIBRIO

DI RE,A.ZIO}I"E

S<+P

AG: AG"+RTln tPl/tsl


Per AG:0

Keq: tPlltsl

-+ AGo: -RT ln Keq R :8,315J/mole T:298 "K 25"C

ln presen'" di un AG < 0 si forma pi prodotto

Potrebbero esserenecessarieore perraggiungere I'equilibrio, solo pochi secondi con un enzima appropriato. Gli enzimi acceleranoil raseiunsimento dell'equilibrio. ma non la sua oosizione.

t7

La reazione chimica che inizia dal substrato S per formare il prodotto P, passa atuaverso lo stato di transizione S#,che possiede pi energia libera di S e di p. : gli enzimi accelerano Ia velocit di renzione abbassando I'energia di attivazio"", o, i"ftr" p"* facilitano la formazione dello stato di transizione. Lavelocit di reazone proporzionale alla concentrazione di f perch solo # pu , essere cornertito nel Pjolonoi la,concentruione di S a sua volta dpende dct /d, ne cotnsegueche anihe Ia veloctt di reazione r dtDercledazc .

:r.

:tr

rnr V - fl,Su ry.f,Su Il.g-^G#


hLJ

KT
dovek: costante velocit : di / RT h . e_LG#
; K: Boltznann h : Planck

un'energia pi bassarispetto a quella in asserLza enzima: questo signifi"a"he vi sono molte pi di *r1"".1" che possono raggiungere l'energia richiesta per passareallo stato di transizione. ENERGIA DI ATTWAZIONE o BARRIERA DI ATTIVAZIONE (Ea) -+ quantit di energia da somministrare ad un substrato per passare ad uno stato di transizione con energia maggiore. L'EA in relazione esponenzialeinversa con la costantedi velocita: minore l'Ea richiesta da una reazione, maggiore sar la sua velocit. Un enzima utTlirzadiversi meccanisnli per far progredire la reazione che richiedono una miinore Ea.

Sfcrto*rcnsie -

$
Q)

ts

0)

- s- P -5

r-;"|: _i____
I
\

I/trTtsr,.rins;

lO /

rr! Nrcr:

1=a
l_cat-

[i

P
fuec'on
na

TA?n

Ll'v\tAJli: FiS f4; i','j f r'ru+-rn Rtrq.r\-, -'"*''*u' I R ; A r *'A L

F ormazione del complesso ENZIMA-SIIBSTRAT

O (E- S) :

E+S-+ES-+EP-+P+E
si Fattadi reazionia cui sonoassociate diverseEa con equazioni velocitain entrambii sensi di La velocit gemplessiva dipende solo dalla reazione pi lenta, che richiede cio un'E6 maggiore. PERCHE' GLI EI,I.ZTMI ABBASSANO L,ENERGA DI ATTIVAZIONE? Gli enzimi abbassano I'Ea perch si forma il complesso E-S. IVIa lo stessoenrjma crea un'energia che consente di raggiungere lo stato di transizione: i legami deboli che si formano nel complesso E-S (interazioni ta S e le catene laterali degli aa dell'E) forniscono I'Ea. 1) destabilizzazione substrato -+ I'energia serve a rendere meno stabili le molecole, dal momento che i reagenti sono generalrnente stabili. Se si tratta di un singolo substrato. in questo modo viene ' destabilizza3o,(slvatazione,interazione tra cariche dello stessosegno, distorsione legami e angoli di legame). 2) riduzione di entronia -+ Se i substrati sono pi di uno. questi si legano a diversi enzimi che li orientano'in modo da facilitarne I'inconFo

18

L L L L
L

3) prossimit ed orientamento -+ maggiore I'energia somminishata al sistema, maggiore l'energia cinetica delle molecole, maegiore la probabilit di urti efEcaci I
i

Il massimo della complementarieta enzima e substato ottimale con la modificazione che il substrato ta subisceper giungereallo statodi transizione. I siti attivi non sono, quindi, complementari al substrato,ma allo stato di transizione, ossia gllo stato che per il substratodeve raggirrngere convertirsi in prodotto.

Com' stata dimostrata I'esistenzadei complessi E-S?


A concentazione costante di enzima la velocita di reazione aumenta in modo proporzionale all'aumento di concentrazione del substrato, finch non viene la velocita massima. Le reazioni non catalizzate, al contrario, non presentano questa curva di saturazione. La velocit massima di una reazione cataltzzata da un enzima suggerisce la formazione di rmrcomplesso E-S discreto Quando la concenfuazione del subsbato sufficientemente alta" tutti i siti catalitici dell'enzima sono occupati dal substrato e la v di reazione massima.

L
L

L L

rsl

t
L

I substrati si legano ad una regione specifica dell'enzima -> sito attiyo, regione che contiene i residui che partecipano direttamente alla formazione o alla rottura di legami chimici. I1 sito attivo la regione dell'enzima che abbassa maggiormente e direttamente I'Ea, aumentando la velocit di rcazioneAnche se gli enzimi differiscono tra loro per stnrttur4 specificita e sistema catalitico, si possono harre alcune generalit sulle propriet del sito attivo: I - il sito attivo un'entit tridimeniionate formatp da gruppi che derivano da parti diverse d.ella:sequenza amminoacidica lineare; infatti, residui loritani poisono interagire pi fortemente rispetto a residui adiacenti. - Occupa una parte relativamente piccola del volume totale di un enzima; gli enzimi sono formati da pi di 100aa"ma la Faggor parte di qlfgsti non vi-ene in,.contatto con il substrato, ma firngono da scheleto su cui costruire la struthrra tridimensiona'ledel sitgatlivo a partire da aa lontani tra loro: - I siti attivi sono cavit o fenditure, da cui t'IIzO normhnente esclusa (a m'eno che non sia un reagente) - Le interazini con il substrato sono deboli, perci enzima e substrato devono avereforme complementari.

t t_ t t

t
t
L

degli atomi in un sito attivo: per adattarsi - I-a specificit del legame dipende O"U" pr*"i"t-aisfiori"iooe ai sito attivo il substato deve avere una forma appropriata, poich l'interazione E-S ha a disposizione scarsa variet di forze, che richiedono contatti serrati (chiave-seribtirra). Tuttvia ora sappiamo che g/i enzimi sono molecole flessibli e che le forme dei siti attiv possono essere modificate profondamente quando si lega il substrato. n sito attivo di alcuni enzimi presenta forme complementari al substrato solo dopo che il substrato stesso si legato (: adattamento indotto)

,- f-\

L4Jtl
Classica interazione chiave-serratura ba enzima e substato; si parla" indotto, movimento nell'ambito di adattamento inoltre, dell'enzima-

t
{ngimo.r

EI
19

I
I

SITI DI I]lI ENZIMA:


SITO DI LEGAME per iVi substrato/i
il substrato interagisce con le catene laterali dell'enzima; il sito fornisce l'energi4 ma detennina anche l stabilita. regione dell'enzima in cui awiene la catalisi, per intervento delle catene laterali dell'enzima o di cofaftori e di coenzimi (che forniscono Suppi non presenti sulle catene laterali

srro
, 7
I

ATTTVO

SITO CATATITICO legamicovalentitransitori

\rl.
I

SITT DI REGOLAZIODI.E

per effettori positivi o negativi

AMBITI DI MOWMENTO: - flutturzioni atomiche -+ vibrazioni, <0,5 Ar movimenti rapidissimi, in funzione della temperatura (studio tramite diftazione raggl X) sec (studio x Nl,{R, spethoscopia di - movimenti collettivi -> guppi di atomi covalentemente legati, 10-12 risonanza magnetica nucleare) sec (es: catalisi, - transizioni conformazionali -> guppi di atomi, intere sezioni di proteine, lnm, 10-e- 10-3 regione enzimatica, adat|amentoindotto, legame Fez* a IIb,-..)

l'-

TIPI DI CATATISI: - catalisi acido base - catalisi eovalente - catalisi da ioni metallici

(legami covalenti !A,nsrtaQ=-_ _ \iy -( -+ gruppi ionizzabili (es. IIis, Asp, Glu, Lys) -->gruppi nucleofiIici, facihnente attaccabili (es. Hs, Ser, Cys) -+ f3 rcaziene non pu awenire se tl metallo non presente (x stabilizazione, orientamento)

t ^+

ffit

..6 CINETICA ENZIMATICA

Determinazione della velocit di reazione catnlizr.ata da un enzima.e vedere core questa varia
in risposta a parametri sperimentali: --+ produrre un enzima alterundone la sequenzaprmoia, per vedere se un particolare aa ha influenza -+ legare sostanze a parte delle cmene laterali e vedere se quel particolare gruppo era iidispensabile alla catalisi (Jecnica della mutagenesi sito-specifica)

-+ tecnichedi crstallografia La velocita di un enzima pu esserevalutata in base a: -laquantit diprodottochesiforma infunzione del tempo
la quantit di substrafo che'scompardtinfunzione del tempo

v=

dlPl
dt

Ipmoli/min] Ipmoliimin]

d[,s]
dt

diverse: lnformazioni che si possonoottenere dalla velocit di un enzima, in condizioni di dosaggio - la [E] e se funziona - la [S] in un liquido fisiologico - la presenza di un enzima come marker di uno stato patologico

ha CordizionenecessariatS] > tE] -+ perchn3t lolnento in cui la reazione iniziaf,S cominciaa


dlmmu1re

2A

t-_
Ll_

,.,it' nei primi 60 secondi

Si parla di u4, ossia la velocit di reazione

Vmax

CURVA DI SATURAZIONE DA SWSTRATO equilatera) (ramodi iperbole


per consente Non precisamente Vo,-, e Ku. di deterrninare

LL-

(t

t_
t-L_-

fsl

Quando tutto I'enzima complessato al la aumentare serve non subshato, bisogna del substato: concentazione attendere che l'enzima si dissoci dal prodotto per poter legare del nuovo substrato.

ES) a si La sahrrazione raggiungequandotutto il s complessato E (complesso


1

L. <\CINETICASECONDOMICHAELIS-MENTEN
p"r-oJotut" Cinetica allo stato stazionario --+ sistem. rtroO*a con qella di altri' caruttennaroe I'efficienza e confrontarla

il comportamento di un enzima"

pu: Dallo studio della cinetica allo stato stazionario si - studiare il pscsanismo di azione degli enzimi - studiare I'efficienza catalitica degli enzimi produce una concentrazione di prodotto conc*otr"zione fiJorogica del subsbato l'enzima _;"pi.";; '1, significativa pi trasformazione di pi substrati, stabilire verso quale substrato - ouando un enzima pu cataiizzare la affine .pi efFciente in prodotto g-piir di'n enzima, vedere quare enzima - se rn substrato pu esseretrasformato nella sua trasformazione, a condizioni di [S] fisiologiche Partendo dalla relazione:

E+s= - EL_*,EP*"11_,^\ + ers?a-)


tG;lenifaCnb'redaK-z E + S -=--

Si pu passaread una formula pir ridotta: = Velocitalepqplgggg della reazione-- " #:


l!>s, *",1;[n*

k'lESf' tuttavia tESl non misurabil4


NrY v fruf'e T'rt?!r qu:uc cnt Dtrgri)'l}ti

lr{iut:g, ,ofln'rrtp;C lgL,-n r4.{\ztoile },J

nella condizione in cui la variazione di [ES] in pffiarno dall,assunto di operare allo stato stazionario, ossia solo [S] e [P]): nln'ioo" del tempo nulla(si modificano n grafico mostra i cambiamenti tutti in osservati concenhazione f,rno rrezisne della componenti raggiungi{nrto dell' equilibrio

di i al

tquitrlaj.:m
:

2L

StsQ. dtESrydb rl =O _bteod,i

-----+ ftz a^ ;rrq.l*iam.f,

ntla- Ccrd]rcr

a-

l-

Equazioni di velocita associate:

-(
-l

t-'

,\r

E+S- + ES ES- +E+ S ES- + E+ P E + P -+,8'.S

!: krtEltsl
v = k_r[ES] v: kzlESf v = k-zl0llPl

Jr

A una concentrazione fissa di enzim4 vo direttarnente proporzionale a [S], qilando [S] bassq mentre quando alta del tutto indipendente. Il punto focale del modello proiojo^da Michaelis-Menten la formazione di un complesso ES specifico, quale intermedio essenziateaeiU catalisi; tale modello iI pi semplice che consentedi studiare le propriet cinetiche di molti enzimi:

\\_A:5urDt,:rtDr,l 0V,yrt. ^''-' Un enzima E, si cornbina al substuatoS, per forrnare il complesso ES,;d;';"'jdti;'Ai velocita k1. Il complesso ES pu andare incontro a due possibili destini: dissociarsi di nuovo in E + S, con una costante di velocit k -1, oppure pu procedere per formare il prodotto P con una costantedi velocita k2. che il prodotto non possa convertirsi nel substrato,una condizione che awiene sicwamente nelle lllp:,fuiTo llpnme tasi della reazione, quando [P] ancora bassa. =)flS5d,rZlott Vf,,rc,.io{jtrr[,t tESl determinata dalla velocit con il complessoES si forma:

E + s + = E S e g ., E+ p ',F.>

v : k1[E][S] - (vs,rS c*e si dissociaper tornare a E+S) - (V *o, ar ES che si trasforrna in E+p)
V V (''J Ji 5. rC!" 65 ll f$Gnr:.tlr. er:;

.il,

:ry:4[E][.s]-ft - ,[E^t] _,[ES]


e

Assunzione dello Ftato stazionario: [Sp>[E] Per cui:

,t,tE'ltsl _r[Es]kr[ES]:6 fr,tEl tSl : fr_, + fr,[ES] [ES]

[Er]:tEl+tESl -'*'' S stituisco nella o r",*i"l ?XJSI"',t[E]


Raccolgo[ES]: Svolgo il primo membro: Riordino: Raccolgo [ES]: Risolvo per [ES]: Divido perkl:

[ES] e [E] non sono note! E'noto soto [81]!

[E]:[Er]-tESl k,(lEr)- ttsl)tsl = k_r [ES]+ krlESl kr{E,l- tEsl)tsl : [ES](k_, r) +

, ] [s] - r tsl = [Es](r-,+ kr) [8, tEsl


,t,[Er ] [,S]= 4 [ES][.S] [ES](_,+ kr) + k,[E ][,S]= [f,S](&[,Sf k_,+ kr) + ,1,[8.][S] [E.S]: ( ,L,tS] +k_r +kr )
r E., LLP I ------Zr,-,-r_--t

[8. ][.t]

rsit!*2/---+Km \-{rPercui :
ttrsr - [E.U't] tLpl-

[,S]+ K,

22

1:

L L L L
lj lj

dlll Tornandoalla velocit complessiva dellareaziens, u : = "[ES] -" [Er]['S] dt + [^S] K," La v-* viene raggiunta quando tutti i sti catalitici sull'enzima sono saturati con il substrato. cio quando [Fr] : [E!]r per cui v-ux: kz [Er] (sempre condizionisovrasaturanti S) in di
l!>pr}lE'srH0 &r$Dlrr.r$1 DElt'fru?rtl4 irr DrgnrFruDrle I [rs] si arriva, quindi, all'equazionedi Michaeris-Menten: v0 : r pSl+ K, v**

r*
|_-]'*'

Questa equazione verifica grafico:

i dati cinetici

del

- a concentrazioni di S molto basse, quando [S].=Knr, vale I'equazione di M-M, cio Ia velocit direttamente proporzionale aIIa [S] a elevate concentrazioni di S, quando cio la velocit [SI>>Kru, y6 : V**, indipendente dalla [S]. -

L
L

=ry Quando "


Questo perch: Divido per Vmax

-+-+[S]: KM
Y max _ I.max.[S]

K[,SJ+

L
l:

;-61;ralla con

1_

[s]

2[s]: ['s]*ro"

[,s]=r,

della velocit massima.

Ky un'importante costante di una reazione catzlizzata da un enzima ed significutitu pir lu su.* firorioo" biologica.

<-Vo =

Urn.*fsl

V mo x

=vma " J"

L
L L
LTJ

s
s
Krn
oiccola!

-\

fsl GnMl

Se Ky bassa si dice che I'affinita dell'enzima alta perch si raggiung" 1u

r*u-"on
L

una [S] piu

23

d :-

Prendiamo 2 enzimi diversi che catalizzano Ia stessa reozione (isozimi):

{ mar

I
.l

AT
vmax

o&o ofihifa'<-

Kna

Kilz + bc.ssq. eFFinito-(IG:

fsl
costante di dissociazione del cornplessoES)

Ku:'*:'?,* *,*3 ?:
Quindi:

- quando (5 piccola -+ l'affinit dell'enzima per il substrato alta - quando kznq molto piccolo rispetto a Ik -+ Ku : tr(s -+ I'affinit dell'enzima per il substrat bassa

elevata, sarbassa la sua alfinit per il subshato lllse I'enzima ha una K1,a lllse I'enzima ha ruraKM bassa,sarelevata la sua affinit per il subskato Kr*r una misura di affinit enzima -substrato lll ill

d*

Krtr: . . . '

una costante una costante cb;ederiva dalle costanti di velocit assume valori da Iff7M < Ku<a lUI M negli enzimi MM una stima della costante di dissocimione d E da S

ilrl

Vmax:
. ' . .

una costante la velocit massima teorica della reazione ma non viene mai raggiunta nella realt per raggiungerlatutte le molecole dt E dowebbero esserelegate a S Ia reaztone st awicina asintotttcamentealla Vmax con I'aumentare del substrato

Grafico dei doppi reciproci o di Lineweaver-Burk Selo sonoinventatiperchno si pu conoscere Vma:q n Vma:c/2, Ky! n

Y:mx+ c ,_K, 1 1* vo V max tsl Vtnax = K, Vm ax

4lVnax

t frst
n rA

t-

l_

Kcat [S-'] : costante catalitica -> nodi turnover, n" di molecole di substrato convertite in prodotto da una molecola di enzima nell'unt di tempo.

t_ t_ t_ t_
L-

In MM -+ kz : Kcat vman: Kz[Er] : Kcat [E1] Kcat= vmaxi[g,rl Kcatpu assumere davalori minori di un secandoa migltaia di secondi. Quindi: - Kcat d informazioni sull'efficienza con cui si forma il prodotto =7 ES +Et It p

bK*,
1l

/F;f< _ ^-M

: efficienza catalitica dell'enzima 1s{ N[11 ErS alES

- Ku d informazioni sull'efricienza con cui si forma il complessoES :)

che possonoessere Quandoun enzimasubisceuna mutazione modifica la sua KlaIe conseguerae che alle concentrczioni fisiologiche del substrato I' enzimanonfurzziona

L_ LI

L_

Es: la sensibilit che alcrmi individui mostano verso I'etanolo. Alcune persone dopo aver ingerito anche quantit modeste di alcol, presentano arrossamento del viso e tachicardia. Nel fegato I'alcol-deidrogenasi converte l'etanolo in acetaldeide: questa viene hormalmente degradata ad acetato dalla acetaldeide-deidrogenasi. La maggior parte delle persone ha due forrne di acetaideide-deidrogenasi: - una mitocondriale a bassa Ky - una citosolica ad alta Ky Nelle persone sensibili all'alcol la forma mitocondriale presenta una sostituzione di rrn ee, per cui risulta meno attivq I'acetaldeide viene convertita quindi solo dall'enzima citosolico che avendo un Kl"r elevata, risulta meno affine al substrato, e meno acetaldeide viene convertita in acetato. Eccesso di acetaldeide riversato nel sangue, responsabile sintomi.

ft_
I

. . '

tttt_
I

il pH ottimale non coincide necessariamente al pH a cui un enzima opera all'interno di trn sistema biologico . i altvelli estremi di pH e di T --> densturazione dell'enzima in quanto proteina massma fficenzaaTfsologica

FATTORI CIIE INT'I,IrENS|NOjA T lsl

VELOCITA' Dr REAZTOhIE: pH

La maesior narte delle reazioni biochimiche hanno oi substrati e, quindi, pi nrodotti: la maggioranza di queste reazioni comporta il trasferimento di un gruppo funzionale da un substrato ad un alho. Le reazont con pt substrati possono essere divtse in due categorie:

a) SEQUENZMLI b) A DOPPrc SPUZZAWNTO (o a doppo spostamento) a. SEQIIENZIALI


Prima che o$i prodotto venga rilasciato, tutti i substati devono legarsi all'enzima. Di conseguenza"si forma un complesso ternario, costituito dall'enzima e da enhambii subst"ati. J meccanismi sequenziaii possono esseredi due tipi: ordinati o casuali - ORDINATI (molto spessole reazioni 6hs hanno come substrati il NAD* o il NADII) -)CtnRtO SlNfnSf

t
I

6r
E .S ,$ ES, - 7 -t rS 1 S 2 ; = = ---F = P r= P :
\o

t-

L'enzimaforma sempre tm complesso ternmio: 1rma costituito dall'erzzma e dai substrati, poi dall'enzima e dai prodotti.

25

l-

- CASUALI ----" E-(_ ESr \ )ESrSz----+ E+Pr+P2

s
l^

\ss'Z

-_r

aT

L'ordine con cui substrati vengono legat e i prodotti rilasciat casuale: Ia reazione passacomunque ' attrsverso compless ternui che ncludono prma substroti e poi i prodotti-

\l

b0

t t

b. A DOPPIO SPIAZZAMENTO (o a ping-pong)=:> M c. hST Uno o pi prodotti vengono rilasciati prima che tutti i subsbati si siano legati all'enzima (es. scambi di guppi amminici ha aa e u-chetoacidi). Tali reazioni sono caratterizzate dalla presenza di un intermedio, costituito daLl'enzima. modiJico. f, \z E+Sr ;-+ ES1 ;-+ E'Pr I-4 E' =-l--= E'Sz -------? E+pz i substati entranoed esconodall'enzinna,ricordando nna pallina da ping-pong che rimbalza su un tavolo da gioco.

(perenzimit\ll4 ENZIMATICA "6 INIBIZIONE Modificazionedellacineticaenzimaticaregolazione dovutaalla concentrazione di substrato.


{Jn enzma a monte O{l\zf) regola l'accensione e/o 1o stop di una serie di reazioni Nel caso di enzimi MM non si parla di effettori positivi o negativi, ma solo di inibitori Inibitorireversibili_+interagisconoconEmedianteffipercuiquesto tipo di inibizione cao;atterizzrtzda una rapida dissoci"zione del complesso enzima-inibitore @I) Inibitoriirreversibili-+interagisconoconEmediante@dissociandosimo1to lentamente dall'enzjma bersaglio (alcuni farmaci irnportanti:penicillin4 acido acetilsalicilico).

N-BITORI

REVERSIBILI

-> in basealmeccsnismo d'azione,al tipo di complesso che";siforma e aI sito dell'enzima,si possono distinguere:
si legano solo ad E, non a ES (perci nello stessosito in cui si lega S) si legano solo ad ES, non ad E (classe ipotetica mai riscontrata fino ad ora) si legano sia ad E sia ad ES

INIBITORT COMPETrIIW INIBITORI INC OMPETITTYI I}IIBITORI N{ISTI (NON COMPETITT\rI) T conpeHfr,,re

Un inibitore COMPETIIWO si lega al sito attivo dell'snzima" impedendo al substratodi legarsi. Diminuisce la velocit di catalisi riducendo iI no di molecole enzimatiche accessibili aI substrato. L'inibzione competitiva pu essererimossa da tm aumento di [SJ. Un inibitore INCOMPETITTVO non impedisce al substrato di legarsi (complesso ESI, S e I legati a siti diversi di E). Diminuisce il no di turnover, ma non la proporzione di molecole enzimatiche che possono legare il substrato. Questo tpo d nibizione non pu essere rimossa da tm aumento di [SJ

non -) CpmP.

Enr'rn3

Quando un inibitore altera sia iI legame del substrato, sia iI no di turnoyer, quadro piir complesso: inibizione MISTA.

26

l__ . INrBrroRr coMpETrrrvr l - Et S== S * - p


r-__

lI
tL4

| r.t

cineticai, risulta la Cambia apparentemente modificata la Kvr e, al I'affinit dell'enzima quindi, substato. Si tratta di un meccanismo di inibizione che funziona bene a basse concentrazioni di substrato.

EI

l-r
I _ oon partecipaalla catalisi!

"!+

l -

L; / _* 2T l- l r t ; , (
L_ ', V / ,/( ^ > r T
v-

--\*---r 5 -----r t+ F

\5

lnfatti, abbiamo detto che I' inibizione competitiva pu essere rimossa da alte concentrazioni di substratoLa Vmax pu essere ottenuta anche in presenza dell' inibitore comPetitivo. Tuttavia il valore apparente di KM alterato -+ I'effetto di un inibitore competitivo quello di aumentare iI valore apparente di KM-

L_ t_

.,
fl.Kt f1l=g Kt frl =oK

t_
LL-

dove [f] la c.oncentrazione dell'inibitore e Ki la costante .::r di dissociazione del complesso EI' .'

Ktunn : Ku (1 + [Il/Ki)

tg[,{f o:Lrease.ntil:
lprodottl Wfl [Er]:[E]+tEIl+tEsl
nibitore in firnzione ai Kr e lfl esprimepresenza

= "

1+tfl
T,

t i
t

Z max'[S]

r
t_ t:
i
t
d= 2

@+tsl)
\graee

ril
(y: mx + c) + grafico dei doppi reciproci

V' ?*d*"*
I

=/d tti{"\ -J' l ' IV * * (V * r,

L_
L--T.

otKi\

*"

=)vlRtfl ifu => t

L-

.tKe Jl(ffi

{/tsl

= Vnon*e
27

*d

s Ar

Un inibitore comnetitivo risulta "simile" al substrato: presenta i gruppi caratteristici in grado di legarsi aglt stessi siti di legame dell'enzima; ha anche dimensioni simili al substrato, poich i legami poco stabili e la direzionalit del legame sono influenzatr dalla distanza tra it gruppo chimico ed il substrato.

. INIBITORT INCOMPETITTW
ktc ll complessotemario ESI non procedeverso la \iuQsaUqXtiXxnEqXrbgilb$al'uF$Lc$\k formazione del prodotto di reazione. Il valore di Vmax tende a diminuire e il nuovo valore Vmax"pp, mente il valoredi KM rimaneinvariato. L'inibitore diminuisce semplicemente la concentrazione dell'enzima attivo. Tale inibizione non pu essererimossa da un aumento di [Sl. t- S -------+
<--

t
t-

-------+ -r P

+
-TI

,f.{

ll K ;' rl
v

[Er ]:tEl+ tESl +[E S rl


l\t

v,

'
-

:-

[ES]tIl

)J
d

[Es4
1+ l-11
------:--::

K,

v..A VO

=t

I Vnaxl

1 r c* \ I

Zmax-[S] (a [S] + Kr)

lt

rsl -

T,**
i Iff+i
4\

c(

tl

SeVmax diminuisce-+ l/Vmax aumenta

.'f i(t

:4 ,,

Le rette hann6 tutte la stessapendenza | : l=\ ' ' \Vmax)

( K, l-

r v

,jlu^r*
Questo meccanismo di inibizione funziona bene anche ad alte concentrazioni di substrato.

ullYlr,jUrs NB.:Lfl Kq, nfflnKru iEliehJrc quftNosE L,iftt6,njul;,tcorrrrrvu iA,r f; ..'1,tuu Lq Vn^E{i)(:11?rv:tl'1ft CpnSBCuLnUrHtJiJ/SC6 0trcii rN _l 1ticp5!flB Dt au;s*) ftiRrrJl lFoructreft @, Jrirp (,;i.:,:o oSst fi L n K^ r)lt,t.:6ri PfiRLf t'116tp,1:1ty1,1i6,t ld
5, 6'e !tRr-W AUHErj r,,r. sl2rprruu)rota6 et,,t -r. Dt;fu f6l INui14 Zg Lfr(\iiAit,itftv(? 'i;::,; sj.q,it.iHf vrr }"1,,r .^r],y."utui,y. _vrxi" svsr,lrL ,0).{f;t,1 s,.r11rrc.e f riHiiiT<"tr,k TaILY
Spr'ri GiEt,LFj;ta., *t itf*it,

. f rS
,f

INIBITORI MISTI : + .3 ---------+ P

+
I

J fot
fI + S :ESl

il n'

L'inibitore ha il sito sull'enzima diverso da quello per il substrato, per cui si forma invariabilmente prima ESI o EIS.

frl =Ki

frl =tki
f Il=,.toKi

rr,:-

,/

'

tElt4

lErl

r\--

r/, : tEslt/l

tEs4

[Er]: [E] + [E[ + [ES]+ tES[

v-

I/max[,S]

(,

+ a'[,S])

^lu,

Vo

lglrt./ i o d' Vnnar


VARIA

f5l 4o' d,,#4.,

Vmax

K,,n [Vr-"rt.
La presenza di I influenza la pendenza della retfa-

r/tSl

29

fc.t -i-.
+L

ll

l
i I
{ (

i
l

Caso particolare: intercetta su x?

quando Ie rette hanno la stessa i

-__l

Ar

a/hrv

nel caso in cui la Nell'inibizione rnista non competitiva' a quglla dt ESI costante di dssociazionedi EI uguale (h = lq') (ESI) e ad E @I)' L'inibitore si lega in quantitauguati a ES

5r

att

la K u la ' -: vo V max tS]


lr
I

V max

Calcoliamo|'sldinata quandox:

0 -+ 1/[S] : 0

r _ oKr, -o* o'


Vmax

G,

.ffcTt*
iDRis;ur

vo

Vmax

vo l/ v o : 0

V max

y: 0 Calcoliamo I'intercetla su x quando


dK,, 0 - -----i:" 1 d'

xl-f t
.

V max tSl

V max s ea * s . ' inibizione mista r

seo:0' inibizione mista non competitiva K,, Kr,

-) per dividiamo crA/max 0 = ffi *t

t.t "l t
iD; -r

moltiplico x [S]

-+ Kv = -[S]

tsl

= -l

dK,, =!-+ a' lA/max -l 0 = dividiamo Per LJ K1a dell'enzima la Krvr ora diversa dalla non inibito Per un fattore u

x divido Kv

-+

. -Etsl r=
tsl -1
KM

lsl = -t
KM

divido x S ->
l/Km "rr"-"

=-

KM tsl

(non comPare Piir a)

sia in ugualc sia in Presenza ai t linitizione mista)

30

b. -_

+;

L
l_

INIBITORI

IRREVERSIBILI
TRANSIZIOI\IE.

La maggior parte dei meccanismid'azione di tali inibitori sirai presentano una somiglianza d struttura con il substrato, o meglio *;@ ""*r4 substrato nel suo stato stszionario ---+ tale motivo sonodetti ancheANALOGHIDI per REAGENTI GRI]PPO SPECIFICI

Reagisconoper specilici gruppi di aa Simili al substrato, vengono inizialmente processaticon r normare meccanismo catalitico fino a formare compostoche non si stacca pi

t t t
l__

MARCATORI PER Atr'FINITA'


INIBTTORI BASATI SUL MECCANISMO

(flncrDr)

tt_
t_
L-

La serina fondamentale per la catalisi: se I si lega covalentemente aI residuo d Ser,non potr pi awenire alcuna catalisi --+ enzima inattivo! E1: il gas nervino (tipo di DIPF) impedisce la degradazione dell'acetilcolina con questo meccanismo F.A-N.S. (farmaco antinfi emmnlorio non competitivo).

Es : DIPF : diisopropilfluorofosfato - Modifica solamente I di 28 residui di Ser dell'enzima chimotripsina -+ questo residuo, quindi, deve essere importante per la catalisi (infatti situato nel sito attivo). - Identifica anche un residuo di Ser dell'acetilcolinesterasi, enzima importante nella trasmissione degli impulsi nervosi. ---+acetilato-cox inattivo + salicilato

Es: ciclossigenasi (Cox) _+aspirina

L-

I Cox sono enzimi chefanno parte dellavia che da lipidi porta allaformszione d: - prostaglandine --+ difesamucosa gastrica t - hombossani -+ .A2 aggregante piasbinico - molecole che attivano la risoosta antinfiaqmatoria --+ dolore, febbre L'aspirina deve essere pre-sa dopo i pasti perch impeiisce la prod,zone di prostaglandine, proteggono da HCI Ie pareti dello stomaco, producendola mucosa. Coxl --+ secrezione mucosa gastrica CaxZ -__+ risposta antinfiammatoria (dffiriscono per I aa) Trovare un inibitore che agisca solo sulla Cox2 (__+\rte)e! farmaco)

che

t
I I

t_
L_

CHIMOTRIPSINA --+ enzima proteoltco che agrsce zui leeami peptidici in cui il grappo carbossiltco fornito daun aa aromatico (il sito di legame riconosce t'*"tiffi TPCK -+ inibitore dplla-chimotipsina haunanello aromatco,riconoscimento a"t ,lto di legame. si lega antche ad m istidina nel sito tno, necessma alla catalis_ TIM -+ triosofosfato isomerasi, enzima che interagisce con il substato diidrossiacetonefosfato. viene inibito d"l3-bromoacetolo, che si lega covalntementeal sito attivoTIMIDILATO SINTASI ---+enzima che sintetizza dTTp viene tnibito, blocca il ciclo cellulare (soprathrtto delle cellule cancerogene, ^fe pi attive dal punto di vista della proliferazione).

3t

dUMP---+dTMP

trasferimento d un 1Ht portato da nn tasportatore di unit monocarboni ose (fo I at o). da Iegaidrofotato recupera it {Hl timidilato sintasi: metl-tetraidrofolato cede 1Hj e si ossida ---+per continume afinzionare deve essereridotto e reagire con una nuova ser.

Per inibire la timidilato sintasi si-pu agire a monte. inibendo la ossidoreduttasi he riduce il diidrofolato ---' @r4!q.(motto simile at diidro e tetraidrofolato).

DEGRADAZIOITE IYUCIEOTDIPT]RIMCI AMP ---+adenosina ---+inosina ---+ipoxantina --+ xantina --- acido urico (cristalli) Quando la degradazione eccessva (per mancanza di enzimi che utilizz-ano AMP) -+ farmaco che inibisce la xantina-ossidasi (alloBurinolo), perch identico alla ipoxantina. -

SIILFAMIDICI -+ assomigliano all'acido paraaminobenzoico (usato solo dai batteri -+ inibitori che agiscono solo su batteri).

--) sono spesso suhstrati modiJicai e rappresentano il mezzo pi INIBITOzu SUICIDI specifico per modificare il sito attivo di un enzimaL'inibitore si lega all'enzima come subshato e viene ini-jaLmente processatocon il norurale meccanismo catalitico ---+questo crea un intermedio chimicamente attivo che modifica covalentemente ed inattiva I'enzima- Il fatto che I'enzima partecipi attivamente alla propria inibizione suggerisce chiaramente che il gruppo dell'enzima modificato covalentemente essenziale per il processo catalitico. '

CHF.IVtrOTERAPICI

che agiscono sulla timidilato

sintasi -> Sfluorouracile

Uracile con fluoro in posizione 5 -+ FdUMP

H N ,,

)ruleno o=L-.-u-Jt*'

- g '=

r'nRFnur)

dUMp --\->dTMp FdUMP--(-->

u*

H Le prime parti della reazione avvengono (legame con il tetraidrofolato), ma poi il fluoro non pu essere rimosso (come awiene per lf), quindi il FdUMP rimane legato al tetraidrofolato e la renzionesi blocca.

---+si lega all'enzima glicopeptiltranspeptidasi, impedendo il legame con il suo PEMCILLINA subsato. Parte del meccanismo d'azione dell'enzima viene modificato.

Il virus flfV necessita della trascrittasi invena (RNA--+DNA). AZT un analogo del timidilato (dTMP), nur manca di m OH in 3' ---+non si forma il legame fosfodiesterico con il nucleotide successivo ---+intemrzione della catena di DNA. L'AZT ha bassa affrnita con gli enzimi dei mammiferi --+ attacca soprathrtto le trascrittasi inverse.

---+contro proteasi del virus HfV FARMACI PEPTIDO-MIMETICI A livello virale vengono sintetizati polipeptidi, poi suddivisi in peptidi dall'aspartico proteasi (riconosce e taglia a livello dell'aspartato), riconoscendo anelli aromatici. I farmaci sfruttano la somiglianza con Ia fenlalonna modificata allo stato di transizione, inibendo I'enzima.

)z

1^

t_

.6 ,V|,ECCAI\
t

DI CATALISI
scambio di protoni, interes.sano catene lateral Le ionizzabili

CATALISI ACIDO.BASE
In genere oltre all'acqua un'altra molecola ha il ruolo di donatore o accettore di protoni. (es. la chimo tripsina usaHis comebasecatalitica per atrmentareil poterenucleofilico della Ser)

t_

un nucleofiIo CATALISI COVALENTE Il sito attivo contiene grupporeattivo, un


generatm.enteun lorte nucleolrlo, che subsce una modificazione covalente transitoria nel corso della catalisi. (es.chimotripsina)

ediun elettroJilo C:O C-N*-H

-otnpresenza di

-s-c-N:

-Po+ }I-

-olr

CATALISI DA IONE METALLO

Il metallo puo agire cataliticamente in modi diversi: - Pu orientare correttamehte il substrato. aumentando il n" di interazioni con I'enzima - Pu stabilizzare una carica negativa su un intermedio della reazione - Pu generare un nucleofiio aumentando l'acidita della molecola vicina

Un esempio-' le SERINEPROTEASI --* scindonoil legamepeptidicousandoH2O (:idrolasi) (enzimi digestivi, della coagulazione) Proteina + HzO ---)pepl + pep2 S1 + S2---+P1 + P2
Reazionea doppiospostiamento: 1 ) S 1+ E- * Pt+ ' 2) E'+ 52 --+P2 + E
turnover proteine --+ degradazione proteine usurate in aa per formazione nuove proteine proteine ingerite rotte e aa assorbiti a livello intestinale reazioni proteolitiche importanti anche per la regolazione di certi enzimi e di altre proteine

L I I

Le proteasi tagliano le proteine con una reazione di idrolisi, addizionando una molecola di H2O al legame peptidico, velocbzmtdo enormemente la reazione di proteolisi (da l0-1000 anni a pochi millisecondi!) I legami peptidici, infatti, sono particolarmente resistenti per il carattere parziale di doppio legame: per Promnovere la sua rotfirra, tm enzma devefaclitme wt sttacco nudeortIco su un gruppo carbonilico di norma non reattiyo. La serina fondamentale alla catalisi e anche I'istidina impoante in questo meccanismo di . catalisi.

TRTADECATALITICA delle SERINEPROTEASI: SERINA _ ISTIDINA - ASPARTATO La triade cosfituisceil sito catalitico.
(l'aspartato non necessariocome i primi due aa, favorisce solo una maggiore velocitii di reazione).

0sp ao2

ilis 5 + o-- - - - - H''tnl\,n\ -./-

Ser tQS

l:"
li
u
l

-+)'Ct

,L

r
ATTTVAZIONE SERINE PROTEASI terrninata la loro traduzione, le serineproteasisono inattive (forma di zimogeno --+ i residui della triade lontani). Si attivano solo in seguito a modificazioni post-traduzionali(irreversibili per sono spazialmente le serineproteasi)che prwedono il taglio proteolitico di una parte della proteina-zimogeiro. polipeptidi unite da ponti S-Stre sferica e comprende catene I.a chimotripsina pressoch polipeptidica --+ rl chimotripsinogeno (forma nattiva), sintetizzataa putre da tma singola catena che viene tasformata in chimotrispsina (forma attivata) da una scissioneproteolitica" che porta alla formazionedelle tre catene.t-

+t . t- "t- G' . - L; s - I \ e- V a \--TR\P6\NOGg$O

)o

Js

-lG

I
I

Chi1oUpBioo?er'o
f,no-\ln'o)

I ente.ro p=pfi o\ o-ui o trip>rnot

lr

t tpsino-

T-chicnotr-rpaino(o*tn-)

Hinr -Gr)o- Ly *Ln"-Va\ -\a\ ' 1


TRtmrNn

d"i^ohrp-*a

d- chimohrpinoCoJ$s.q

proteasi (es' chimo Gene ancestrale comgne da cui derivano per evoluzione divergente molte serine gere comune, hanno subito tripsina" enzimi digestivi,-..). Altre serine proteasi, non derivanti da un a poter usare latriade' un'evoluzione convergente che le ha portate uguaknente una scissura sulla superficie Il sito attivo della chimoripsina, che contiene la ser 195, risiede in imidalolico dell'His 57; il dell,enzima: Ia catena laterale della Ser 195 unita da legami H all'anello dell'Asp 102' gruppo -I{H di questo anello a sua volta legato al gruppg carbossilato corretta poslzione la catena laterale della Ser e per il residuo di His serve per tenere nella di base generale' come polarizzare if r"" grupp; ossidrilico -+ His agisce come catalizzatore i accettore diioni : cos a creare tmo ione alcossido, molto pi nucleofilo di un alcol sulla ser si viene un migliore accettore di protoni per l,Asp aiuta l,orientamento del residuo di Tfis e lo rende effetti eletkostatici

gruppo carbossilico proviene da'n aa aromatico. Per La chimotripsina scinde i legami peptid.ici in cui il si osserva I rapporto Kcat/Kr,r (efficienza capire quate subsrato e pit uartto alla chimo ip"i"u catalitica). laterale dell'aa che interwiene con il gruppo specificit al substrats ---' determinata dalla catena COOH nel legame PePtidico

AA DELL'ENZIMA So Gito ai legame grande,

6i,c{)

r-/" li

T-u"*n ,o. 'r-l -pa-,.r?rl


ri\N-l

3Iffi'uu^n,ouu fA I

Rz

' H' N

,r4 cI
t_l

o tl

lnherr,netrc,

teho"e ,_.co , Aql + a.s + &r* F\is

@Fz - N - t - + R
I

Aci \-

emr(na

+l

oo - u o
)

L--ou

^$c
bJco

- *1rN A1J

LL: L_'
)

tt Otfo. ir'R.r <*


C

a (a
asEorrrcre_

\J

./.o*

-01*.N,rxff',

" \^t b.'-, tY-/

rJq

/t

Y" K{
(

t_ i
tI

I o

tnt. fe-ho.eslric-o

A.i( - er'+., rno

L_ L:
I
t-

1. 2 . attacco nucleofilo del gruppo ossidrile di Ser 195 al C carbonilico del substrato (catalisi ccivalente)

3. 4. 5. 6.

I
I I
I

l_
L
I

7.

Cambia la geometia intorno a questo C -- intermedio tetaedrico --+ stato di transizione, formazione di legami deboli tra il subsrato e gli aa del sito catalitico con gti altri aa dell'enzima. L'intermedio genera rma carica negativa sul c cmbonilico --+ stabilizzata dall'interazione gpu goppi -NH dellaproteina in un sito detto buco dell'ossanone- (Se,r,Gly) trasferimento di un protone da His (carico positivamente, o stesso protone preso alla Ser) al gruppo arnminico formatosi rlalla rottura del legame peptidico che ha liberato l"acil-enzima (1" peptid). ^ ' il componente amminico ora libero di staccarsi viene rimpiauato da una molecola di II2O HaO attacca il gruppo carbonilico, mentre contemporaneamente il residuo di His rimuove un protone da I{2O, agendo con rrn meccanismo di catalisi generale acida, formando I'interrnedio tefoaedrico (PeprSerrII2O+His) intersredio tetraedrico si spezza" dando come prodotto I'acido carbossilico (2" peptide), rendendo pronto l'enzima per un altro ciclo catalitico (stadio 8)

L.

Questo meccanismo spiega le caratteristiche di azione della chimokipsina, ma non la preferenza osservata per la scissione di legami peptidici posti subito dopo residui con catene laterali grandi e idrofobiche --'+ stata rilevata sull'enzima la presenza dj una tasca (S1), relativamente idrofobica e profonda, che rappresenta il sito di legame. a livello del quale si adagiano Ie lmghe catene loteral di residui come lafenilalantna ed il triptofano. Il legame di un'appropriata catena laterale in questa tqsca porta iI legrme peptidico adiacente nel sito attivo per la rutturaQuindi --> Chimotripsine ---+ sito di legame: tasca idrofobica ---+ sito di catalisi: Asp - His - Ser

I IL

35

ZJ'
Fosforilrzione : Uridinilazione (aggiunta di UMP da uridil-transferasi;donatoreUTp) Adenilazione (aggruntadi AMP da adenil-transferasi: donatoreATp)

Glicosilazione RXVERSIBILI
Metilazione' (rasferimento di-CH3)

ADP-ribosilazione(ADP+ribosio trasferito dal'NAD)


Acetilazione(aggunta all'emino terminale come protezione da proteolisi (in particolare dalle amino-peptidasi che riconoscono fN-terminale solo se libero)

Ubiquitinazione Idrossilazione (es-collagene)

IRREVERSIBILI

N-acetilazione T-carbosihzione (consente legami con Ca21 Farnesilazione (aggimta catena idrocarburica"consente legams6sn membranacellulare) simili

"6 ENZIMI
-

ALLOSTERICI

(atlosterico diversa -+ conformazione)

Le proprieta cinetiche degli enzimi allosterici non sepFono la cinetica di Michaelis-Menten! contengono pi subunit, pi siti attivi la relazione tra v6 e [S] ha un andamento sigmoide (assomiglia cineticaMM solo alla fine, quando alla v6 rrondipendepi da [S]) legami con iI substrato cooperativi ---+il legame di trna molecola ad un sito attivo facilita il legame del subsbato agli altri siti attivi (il cambio di una subunit. inducecambiamentinelle alte) possono essere regolati da attivatori ed inibiton (effettor postivi e negativ), che si legano a siti di regolazione distinti dai siti attivl e inducono modificazioni conformazionali che si riflettono su di essi Gli enzimi allosterici sono impoanti regolatori del metabolismo cellulare! Possono essere regolati da segnali estemi o da condizioni intracellulari e si trovano generalmenle all'inizio di una via metabolca ---) superato questo stop la via continua.

Vo

X R"gioo" in cui per piccoli cambiamenti di [S] la vs aumenta di molto.

36

[:

L L L L L

--+ il legame del substrato o di altri ligand ad una subtmit prodtrce COOPERATfVITA' modificazioni conformazionali tali dafare cambse I'affinit ai siti liberi. Cooperazione pogitrya -"+ amrcnta I'afFrnit Cooperazione negativa "-+ diminuisce l' affinit --+ il tipo di effetto dato dal substrato sugli enzimi allosterici EFFETTO OMOTROPICO (cooperativit) ---+il tipo di effetto prodotto da molecole diverse dal substrato EFT'ETTO ETEROTROPICO (altri ligandi), che si legano a siti diversi da quello del substrato; possono essere sia positivi, sia negativi

. .

Ko.: : [S], a cui la velocita dell'enzima vale Vma>r/2 (stessoconcetto di Kvr, ma con alta dengminazione)

L L L L L L L @L T{ I I \U/ L I"sX;F\ aY--,Fq L L L


K os @
1,.

'\ o.5

Kc.S \

Ll

A-*B--+C-+D---+E-* R--------9------;

Via metabolica in cui I'effettore negativo rappresentato dal prodotto finale della via stessa. Quando si accumula, perch in eccesso, rallenta l'attivit dell'enzima all'nizo della via (* enzim a FEEDBACK o RETROATTIVT). Es. aspartato-transcarbamilasi (ATCasi): cstalizza Ia 1^ reazione detlg-biosntesi delle pirimidine ! Asp + carbamilfosfato ---' N-carbamil-aspariato +fffosfato (due trimeri catalitici) -r 3 l- 3 subunita catalitiche (3 dimeri regolatori) --+ 6 subunitaregolatrici legatitra loro dai 3 dimeri regolatori. I2 kimeri catalitici sonosowapposti,

Tale eneima ha 12 subunita

-ffetto omotropico:

{'t A\

l'Asp cooperativo -+ il suo legame, rompendo i ponti Il facilita il legarne dei successivi Asp e induce la rotazione. Rotazione delle subunita -> anche la 2 subunita accoglie I'Asp, senza difficolt perch non ci sono legami H (maggiore affrnit).

-rrqocro \ncrrE. t-q- :",}i.rrvrtC f

\egarne"* -p inct-r"ca-dU".o-t"g.

Inibitore: prodotto finale = CTP -+ aumento della concentrazione---; stop sintesi L'osservazione che la ATCasi inibita da CTP di notevole importanza, in quanto il CTP strutturalmente assai diyerso dai substrati della reazone -r il CTP deve, quindi, legarsi ad un sito distinto dal sito attivo dove si lega il substrato, in un sito regolatore-

an JI

I
(

T I

1. MODELLO CONCERTATO (modello per ATCasi)


Un enzima polimerico pu avere conformazione delle subunit T (* bassa affinit per S) o conformazione R (* alta affinit per S): queste due forrne sono in equilibrio, in presenza di qualsiasi concenhazione dei subsbati. La posizione dell'equilibrio dipende dal numero di siti attivi che sono occupati dal subsnato. Arrtva il substrato che si lega a R -'+ per ristabilire I'equilibrio tmaforma T si trasforma in R L'inibitore CTP ha un sito di legame su ciascuna catena regolatice dell'enzim4 in un dominio che non interagisce con la subunit catalitica. II legame del CTP inibitore sposta I'eqluilibrio verso lo stato T. facendo diminuire I'attivita enzimatica. -r modificazione del tipo "o tutto o nulla" ---+l'intero enzima si converte dallo stato R allo stato T, influendo in ugual misura su tutti i siti catalitici. Quindi: - L'inibitore dell'enzima (CTP) si lega alla forma T, mantenendo I'enzjma nella forma a bassaaffinita - L'atlivatore dell'enzima (ATP) si lega alla forma R e tiene I'enzima nella forma ad alta affinita M pirimidine= N" purine altrimenti aumenta 9 errori DNA la sintesi purinica molto alta (indice di ATP elevato), la sintesi pirimidinica deve continuare ad Quando awenire per non creare squilibrio. 1 allo Si puo considerarela cuwa cinetica signoide comecompostada due curve MM, una corrispondente stato T e l'alfa alo statoR. Nel modello concertato un enzi62 allosterico pu esistere soltanto in uno dei due stati (f e R) e non sono permessi intermedi!

2. MODELLO SEQUENZIALE (modello per Hb) da La transizione tra Ie forme ad alta e bassa affinita awiene indipendentemente subunita a subunita: il passaggioawiene per le subunitavicine a quella che lega il subshato.
L'affinit aumenta e raggiunge all'ultimo stadio. il massimo

Il modello concertato e il modello sequenziale reppresentano casi limite l6salizzati' a cui i sistemi reali possono awicinarsi, raggiungendoli per raramente.
__> :$o.{r\ \ \Fv)bcb

38

E--

"6' EMOPROTEINE RESPIRATORM


-

deputateal trasportodi 02 (o a reazioni redox --+ es-citocromo C) possiedono gruppoeme un

MIOGLOBINA EMOGLOBINA

(cuore,muscolo) (Mb) -+ proteinamuscolare (IIb) + trasportoO2(si lega labihnente all'llb grazieal Fe bivalentedel grqppo eme)

L'O2 viene ceduto ai tessuti grazie a una diferenza di pressione parziale, massima nei polmoni (= tOO mmHg) e minima nei tessuti (= 20 mnHg), e indirizzato ai mitocondri.

[Ib +4Or+ Hb4O2


Globuli rossi --+ forma biconcava

I I

I capillari periferici hannodiametro inferiore a quello dei globuli rossi: questi si impilano, in filaindiana" e si deformano (grazie alla particolare struttura del loro citoscheletro) -* i/ circolo sanguigno rallenta cos da permettere il rilasco completodi Oz. nel Un globulo rossocede % del suo carico di Oz nel suo tragitto polmoni-tessuti-polmoni; circolo venoso statisticamentepresente ossillb e % deossillb. % 250-300milioni di Hb tetramerica (l"2miliardi di 02) , In un globulo rosso ---+ ---+ una riserva lenta di 02, perchessendo affine all'Oz lo cede pi lentamente: pi I/trOGLOBINA acquista02 ceduto dall'Flb diventanto ossiMb, con affinit massiore per I'Og rispetto alla Ilb (-+ la pressione parzialeper avereuna cerLa di ossiMbrispettoad IIb minore). % Struttura m (153 aa) --+6 a-eliche * strutture non ripetitive [a Mb assomigliaalla catenaa dell']IbA] piatta) Protenaconiugata:parte proteica + eme(molecola Il gruppo eme si trova in una zona di compromessoevolutivo: - se fosse pi superficiale awebbe maggiore afEnit per I'O2, ma sarebbe pi propensa a trasformare Oz in O- (anione con vita breve che si accumulerebbe nelle cellule) - se fosse piri profondo, I'Oz, solubile in FIzO, avrebbe difficolta a legarsi con I'eme, perch si troverebbe in una regione idrofobica (aa idrofobici al centro ella proteina).

a
dato dall'associazionedi 2 coppie di dimeri identici EMOGLOBINA (HbA, nell'adulto) -r tetramero ---+ (ap), con struthne tridimensionali simili, ciascunalegataad un gruppo prostetico(eme). La capacit di IIb di legare02 data proprio dalla presenzadell'eme, a cui dovuto il caratteristico colore rossodel sangue. Il qrupbo eme costituito da: ,n componente organico -? profopor'{irinu * 4 .afrplliptg'pligi.lpgati da ponti metinici, per forrnare un anello tetrapirrolico; all'anello sono.sff4ggqp ffpp'pi mptili*I,2 guppi vinilici e 2 4 catene laterali di propionatro un atomo di Fe biyalente cPptr4fp---+ spntrpdplla propporfirina al

f{ c -\rA: {-l(. -c -

i-
* .C :c_

l-l

l-.1

H L -c/

ll

\ P r+

Hr{/

porfina-+ 4 anelliRirrolicilegatidapontimetinici, CH R: R'; fz / t-

/'-/ll, r

It
('-r
L+g

H c- * 1//

--_l.u I ,lr tq:c1-1

\Nz' H

r(

H c_{ ru-l--.:R= L.* tt rs /--f '- ^' /i 1(- )xx HN

l: l

,.n{.F*"

portirine ^tljtu nucleo delle schemadet (porFrna+gruppi n) sostitue"ti , f,1'_


-ra/

39

- protoporfirina

D(

---+

4 guppi metilici -CHr Gosiz. 1-3-5-8) 2 guppi vinitici CH:CH (Posiz.2-4) 2 guppi propionilici CHr- CHr-COO-(posiz.6-7) Fe'* non pu legare O)

-ferroprotoporfirina

---+ come la protoporfirina D! in cui gli N centrali servono a legareil Fe2*i;i

$
f,e
ftz
(.@-

cr3
per Il Fe ha 6 valenze coordinative (6 paiadi e-che deveacquistare stabile): .,r essere --wt- 4 valenze sono saturate dagli N dei pirroli (con doppietto elettronico libero) '- la 5^ viene saturatada un N di un His (prossimale)della catena globinica (legame che fissa I'eme alla proteina in una posizione specificaPerognr catena) la 6^ legaI'O2 (pr,os *.m,.ie)

C-Flz lJ

cF{a \

C}leCm-

'N/

I i l i s & 1o9 2

Due His legano il gruPPo eme: una prossimale (con legame coordinativo) una distale (con legame debole) cedendo un e ad un altro citocromo; se ci awenisse nelle catene [nel citocromo, il Fe pu ossidarsi a Fe3*, -+ anemial globiniche, ,ro. val"nl non sarebbe pi disponibile per legare I'O2 --+ metaglobine --> la forma deossigenata corrisponde allo Nella deossIIb i gruppi eme sono ben dstanziafi nel tetamero della cooperativit dell'Ilb' stato T nel contesto del modello concertato o del modello sequenziale tnterfaccia, che comprende anch4l'estremit cNella deossigh i due dimer ap sono legat da tma vasta
_^r:^^;^n; -r-_-^ri della struthrra quaternana che modificazioni ,{alta el In seguito al legame con I'Oz awengono notevoli Rcorrisfondono allo stato di transizione dallo stato T allo stato 5^ valenza pi*ro *IIZ p-9.'rt:ina, il residuo di H1s legato alla Quando lo ione -Fe s trasferkce nrt che si trasferisce anch'essa; qu"iro residuo di H fa parte di wt'a-elica coordinativ a si trasferisce con "rro, elica situata nell'intrfaccia tra i due dimeri op' Di conseguenz4 la l,estremit c-terminale di questa direttarnente alle altre subunit: il riarrangiamento transizione struthrrale a liv"ilo dello ione Fe si trasmette il legame ta subunita, p![rettendo delrinterfaccia tra i dimeri fornisce una via di comunicazione le catene p, liberando 2'3-BPGA' cooperativo dell'o2. Rimuove anche la tasca idrofobica tra terminale di ciasctma catena-

un concertato o da quello sequenziale?E' necessario Il legame cooperativo meglio descritto dal modello modello combinato ta i due: \. t n -^rr^ sfuttura r' ' : *r*rrro trprca da oz nella di Hb concertato in quanto I'Hb con tre siti occupati il comportamento 20 volte maggiore dell'Ilb'completarnente dello stato R; il restante legame ha un'affrnit per l'oz deossigenatache lega la sua prima molecola di 02 -ilcomportamentopernoncompletamenteconcertato,poichl'Hbconunsolo02legatoresta 1'o2 tre volte piir fortemente rispetto comunque associabileallo stato T: tuttavia quesbamolecoia'lega all'Hb completamente deossigenata'

lr_ Lb} -. o a ! z + 4em le nonfa parte del piano dellaporfirina (n:anche i sostituenti fanno parte)' perch un ne Fe del gruppo eme .: pirrolici' format dai gruppi -:*^t:^i neila cavitbendefinitaentro l'anello aaattarsi , , ;;;;;'o Jii"''". ' riarrangia notevolmente gli e entro il Fe' coordinativa con I'o2 (ossiHb) riarrangia notevolmente gli | ,'r""JJ; A;;^'ralenza
L---

I'ossi*enazi::"^i1_:ll catenaglobinicaaumenta fa t- 4 guppi eme sonoL-iurt"*,e_qistanti .loro,.,m1 efettoomotropico)' allosterica' p"t t'o2 (Hb -> proteina I I "fgil;tr-ir" "ro" "*"o"
I (cambio indotto dal legame dl 1" 02)

. --^- r r^ :^-^ ,r!-,^a+o pi niannln e cnnlenare con ltangllo. lo ione diventa -i piccolo e coplanare con I'anello' lslc|;ug osic"cnelt luu|; ulYsuE t,ru l'rvlvru

Proteina

effettore

intermedio complesso
(adattamento indotto)

--.> effetto (legameeme-O2)

l' L--Curva di saturazione

L:,
I l_
I

IIbA curva sigmoide (p- allosterica) Mb curva parabolica

I I

I d
.0) ' o /1 3

I-

l-

ri'

Per avere una curva sigmoide, I'Ifb deve avere almeno due subunit (alloste6ico) di (curvadi saturazione HbH * Bn,iperbolica)

3 -tr
t_

,t-:,n*i'y ' JU* lr.'


t_

FooF tl ) b*Hg

per determi"*1 r"#ita

o!o" arl,o2 si introduce .? deile emoproteine

(stesso concettodi KM) -+ pressione

r-

at * ta di parziate oz chedetermina saturazio* "rtu:t:r T":",t:-" LorlIbF < P-o'rIbA n |orm < P
oLo"HbA:25 '2
1

per periferici,quindiIIb si scarica il 50% di 02) nei _3hmmHg (p parziale tessuti

t_

p ; O rM b = 1 - Z m mH g
z

DISSOCIAZIONE DELLA' deossiHb:


,l {l/

-,o

curva Con lo sPostarsi verso sx della la aumenta l'affinit per 02 e diminuisce dissociazione \

Por{n'rntHfi
DI 02: 3 CONDIZIOM MODIFICANTI IL RILASCIO

(acidosi) L)pH acido :iTT"{t

;l+lTffiilffi,
HHb + 02-

1" 9f".":1i::: quando 02 protonata; rega liberaf deossirrb

IIbO2 + Ff

di verso la dissociazione Oz pH acido,aumentoFfl' 'q9t? la.reazione rilascio Oi OZ per smaltireacido lattico rutti"o -t minore pn uu-""to (es.nel muscolo,. ,i;;;;;lu'u"iao poich r'associazione (endoergonica), _> l'aumento di r favorisce la dissociazione ;]t*;)"*ura iA FIboz+ 2'3-BPG esoergonica r-rh? ?-RPGA+ oz-z---dIb2,3-BPGA Or-.--_ der2J-BpGA^ 4l 3) variazionemetaborica

-_ in azpzin conseguenza Le catene globiniche ct e p vengono sintetizate in no quasi uguale --+ si aggregano a queste due % uguali.

Kr Mb + Oz ._ MbOz k-r Hb(Oz)q Hb + 4Oz---+

Keq: -1-

k,.'

unico equilibrio

K_1

4 diversi equilibri, uno per oesdmolecoladi 02 che si legaall'eme minima * il 1o con pendenza (la curva del [e legme una reta 02 ha un'afFnita molto bassa). A causa della cooperativit4 i legami successividiventano via via pi vetoc! perch aumenta Paffinita. Il risultato di queste varie affinit una cuwa sigmoide.

t{b + oz
HbOz+Oz

Kr
IIbOz K-r Kz :
K-r. l(e

t"*r:*

Hb(Oz)z

f"*r:8
O * rr: * f"*o : *

k"r ( k"r .kur

(k"o

IIb(Oz)z+ 02 =---Hb(oz):
l(-3

(affinita crescente ai cambi di conformazione)

+Oz;I{b(Oz)s

{A

Hb(oz)o

k"+ = 20 /3Ak^2

l-(-a

monomerica (i 4 g,rppi eme si comportano in La rIbH (Fn) ha una sola Keq --* si comporta come se fosse maniera indipendente)' 'gmoide' ma spostatapi rasdore IIbA, ha sempre una curva s1l Ln HbF (a212, fetale) ha affinita per 02 maggiore di rIbA' parte di quello materno' sulla sinistra. Permette I'ossigenazione del sangue fetale da (2'3-BPGA) -> composto fortemente anionico' presente in Negli eritrociti presente 2,3-bifosfoglicerato concentrazioo"qot'iog*"adI{b(=zmM)"Inasseraadi2'3'BPG'l'I{bsarebbezmttasportatore ctco d 02iriS"irnt" di oz, rilasci-ando nei tessut solo I'gg del suo neila forma T, hel centro del in una-tasca sortanto Nella deossi[fb una morecora di 2r3-BpGA si lega stato di transizione dallo sLato T a R' questa tasca si +): in r"i . carichi tetramero (tasca 'llo alla deossiFfb e lu stabilizza' riducendo efficacemente "or, "" si lega ai frJteren a contrae. perci if Z,igpCa l'affinitper I'O2. regami tra Hb e 2'3-BPG devono essererotti e il da T a & Afhnch awenga [a transizione strutfurale ' 23-BPGA deve essere esPulso'

+ 2,3.BPGAHb OZ .-

t{boz + 2,3-BPGA

quando aumenta la (dissociazione di Oz)


z

concentrazione sposta la

reazione verso

sx

de

: l'IIbF un tetramero di tipo c2y2in cui le

der I'affrnit ffi:"ilT'"#;i;t' d'l;.-*:"-tiflfl?1"^TH"ffi1i:**"e :""il""tiff#:fitl all'IbAmaterrna" d;['HbF perI'o2rispetro l'affinit cos ;,j ilrafiJr;riir,
""*"ntando
iti -^+nw n ntplli fetnli

-- 1

-'.6 EMOGLOBINOPATE per binichemodificate I o pi aa) . (squilibrionellasintesidi catene e P) o talassemiche srndromi ltrovano su cromosom diversi sono piuttosto simil: a ,,1 gen a e f anche se si -hanno3 esonie2 introni I delle proteine omologie di sequenza. -omologre di conforrnazione delle proteine (catena a: I4l aa; catena P: 146 aa). 1 -I l--1yfiryo21oni ----> carico degli esoni (ma da non trascurare quelle degli introni) a

r
lj

a) mutazone missenso --+ una solamutazone ptmtiforme, sostituzione di L aa dalla sostituzionein posizione 6 di acido glutamico (aa idrofilo) con valina (aa es.IIbS + catenaglobinica p interessata idrofobo) -+ anemiafalciforme b) mutazone non senso -> codoni perfetti, ma ad un certo punto qodone di stop. Il gene globinico risulta essere nor:nale fino ad rm certo punto, ma al codone di stop viene interrotta la lettura dell'mRNA - La proteina sbagliataviene riconoseiuta da enzimi proteolitici. Difetto di snesi nella cellula -+ talasseme c) mutazioni di detezione-+ mzncano degli aa, tagliati viu Proteina completamentesbagliat.

Si parla anched.isostituzioni non patologiche(mutazioni silenti) * cambiodi aa chenon determinamodificazioni della proteina. Mutazioni in superficie* aa idrofilico con aa idrofobico lallis prossimale,difetto di trasporto02 Mutazioni profonde -* se interessano

- HbS --+ le-Eateneglobinighe a e vengono sintetizzatein egual misur4 ma nella catenap in posizione 6 si B t orr. nna@)al posto diGD-* stcHe-cell rmation -+ snemiafalciforme: -i; - ?sglsirclselitica - anilopoichilocitosi (variazione del diametro e della forma di globuli rossi) 1 ro .* globulo rosso sono presenti3OOmilionidi tetrameri di l{ti: ma se sulla superficiedi IIb prerynte lm aa tr{tetr,amfri: - idrofoiico (Val) I'HzO iiene respnta-Possono avre luogo, inoltre, int[4zigni idrofobishe (potimerizzazione).Il globulo rosso non rigsce ni 1 I buona parte-dei-tetra;eri si unisci- insolubilizzandosi -j o i capillari e si bloccq fermando i globuli rossi retrostanti -+ formazione di polrnonare,perch vi gi una ) quantitadi deossiHb' + insolubile di - trombi. ---+a livello tissutale ma non per s. ta.d9|s,slllb pi Deossilfb e ossilfb sono proteine conformazionalmentediverse (es-hannopI diverso): non awiene a livello dt,Ot$it:r$ytlll dei insolubile,per cui la situazionedi agglomero tetrameri , ,. tO\\O\s\I*\?l 1o meno insolubileed i globuli rossimutati pzlssano stesso-s:sr'K$._SLche l,ossillb -^\.., (deossillb)'. a L,agglomerodi tetrameri awiene pncipalmente livello dei capillari muscolari 5;.> anemiaemolitica- \i\cLwlALloc) ---+ Aumentata distruzione f".ir"ri"u d^igtouh rossi da parte degli oigani emocateretici t-cs pi 02 va ai tessuti'circostanti, lo traggonodai globuLirossirlllentati e cosi si viene a formareancorapiu $\ob che
deossillb- -+ ancora pi trombi

"*r**Gli _ "r{iliQb\"*i^ C-\iti\l"\s._

Neq\"

d-

t\t-S
,{,\/r

-?' Ogg\C^,l.lel,o

r L

fL_
i

Due ltvelli di diagnosi

(pce."qP).: - e-o-trto-_,*. F"f'."*- Or!S-f.c*l .^ \tJ.f[i\ /t(-,\\a


E\trlal^

der 'feyVfbtnq-{fr q;rlr(Xr9


:-

-L'Ltqr)(r
\

tuql$ejrq1(rc!,.u-. ffio",r^s,x*'ufQii^,1+atxre.tl'14 _ o'ltc{bQ-ktr(i'84-&tQ/LLQ-' : e,wer;prtt{t., .-i\rvawl,- -L-c--,\).* 'qS,"e.ur.uq1"r,.Or.at,vuq*e*rfgr& cdgrXfr 43

analisicon enzimi di resrizione per.rndiv1dl$" l'* mutato Z,) mappadi restrizione---+

Shs)GAY\

!
|

,r ""gt$;"f),1*?1cr*
\ , f 4. t ^- \ ; -

\& ar\rb-"s-p t9 e\ Slq OW t*t *.,1".q :fa^fg6lp^me.^-i=,q:t + ru Ltu-r\Lr\q-

=FI:\LIl-L&l: ts,-rrts.E 'r' ccr"L\Fc{t-- ctuuL\q ..i\p:nti\ ..ri\**

qoo |
cHNHs +

r |
g

cooH 1"""'^
g
S cHNH:*

'

7-r' L'

lr +rf
\\

cool-GHNH3*

+olr
-)

'

H2o

l--R poloverso rn eletnoforesi

(pH:5.0)

t
R 6@r"r-o

1pH:8.0)

I
*,, o.. -lj -) \ veoPolo+ \( 1>jl1 in elettroforesi .,,

1 [f;:"*l & f-> \r,uel-Ln A^'pH \ Cr.-!-\ Eo\etrus- g-*tr''-.hl\ sia flD) nanno pI sla Hb) hannopr

(sla del,PlT-q o: tutte proteinedel sangue Una proteina aw un suo punto isoelettrico: tutte le proteine del sangue (sia del PIT-q

sottoT(=6).

--f-ffiff*H-:J:R\*H,A

pLLr*S-t.rSG-

'.@

r*s'"\e--

HbS ha perso la carica negativa dell'ac-glutammico

c'- p\\(

eteto$r*al

Valutazione della corsa elethoforetica (la mutazioneinfluenza la mobilit elettroforetica della proteina)

SS

aki Qt3.\vr,.*s

y\rag&:- \F.ep

lrr\

-t-

riprstinando gruppi Frammentazione di tma proteino con idrolasi che rompono i legami polipeptidici, specifici -+ endo- ed eso-peptdas(tagliano COOH eN[. Alcuni enzimi proteolitici tagliano ponti CONH la proteina rispettivemente alf interno e verso I'esterno). ,.------,-\ +LqLr*c_rle_. Cg!-j,\ \-\ Ftxr\ > SchAare subshato (rottura legarni lI) ---+struttura attaccabile daQ19!5p \-c\- arJ \=.\ itL-

totalmentedifferenti)' --> e 1o si fa disciogliere' per poi sequeneiarro Fammento si taglia l pezzo di foglio contenenteil frammento diverso detertinazione delle diierse seque'ze di aa e, quindi, dell'aa sostituitodel DNA da una cellul4 lo si amplifica e si va a oggi Ia diagnosi si fa a livello genomico: si preleva della mutazione nucleotidica'2, L + +$F\ bkB\t. sequenziale una porzione ben precisa -* identifiazione con piccole sonde i polimorfismi dovuti ad'na base Dagnosi atrche su polimorfismifzmzionali: evidenziare

(rrt\src1i'xrc'\'r gt **," p*&l'*"c\^\- r ,,*,ffffili',tff"#H'i$-i 66ns'" b:ttxrcc"efifif\ i qt"pttc]',ltr r-t1[\c>, cJd<]Ea- ii*

;,] /rg-.'rl
'l^

,o

C\t\E tNr$= e.sori"j soN'Gi\aZr+i rlwft '.:iige-\Ntr NcP}tAie

vl

-*" a:'s*ffipp3ffi;$ffiH*E;h d*K:T{ ii{Ul#-"d"{.'&* "r."t',+*. { e / *Lo*

rr:] I,Per'ocr'-rp'r"Y I

{lY^

- r r,*-v>.\N \

t-,-g**- *;;t"ril;

\{'Px.\\

q,,t\ Q-(x*,-?R}ex.'

=* e \e\\er

' -leni gtobinici a e p sono diversi, ma con molte analogie,presentateanche dalla Mb: infatti, derivano da -4n geneancestrale che si andatodifferenziandoin vari modi (divereenz evolutiva). i

p globinici -+ situatosuLcromosoma (2 illgl eni 1l jeni c globinici -+ situatosulcromosoma16 G sllgli) Geni della Mb -+ situati s.tl cromosoma 22 -

geni o e p sono stnrtturalmente simili (3 esoni + 2 intoni) e sono stati completamsnls sequenziali -+ condizionebaseper le diagnosigenomiche_+ danno Hb nstabili che tendono a precipitare (con danni minori dell'HbS), quindi producono un'aumentata azione -emocateretica. Fc. ts-r\F\s-Uf,c-f \-. E Ce,\rci-c> hO ) 4 Jn'altra classedi mutazioni conduce alla sintesi di HbM Qetaglobine, con spettri di assorbimentodiversi aa IIbA): iI donno riguarda il grztppo eme.che tendead ossidare l Fe da bivalentea trivalente. non pi in [il n" di HbM minsls delleHb instabili]. @. Possono formarsi non solo in seguito a denni all'Hb in cui, ad esempio,a causadi mutazioni I'eme pu -essere spostato in periferia ed essere,quindi, preda di radicali che ossidano il Fe, ma anche per motivi fisiologici: infatti, un 37" ili Hb viene ossidataad HbM ogni?4 ore --+ questo3% pu essere -puramente Ffl riconvertito in I{bA.qA'e.= der g\O\ALt[": CoSY\ c\rcr pce,rtC$.On,uoe gl.d.trfloOzhec1* +]O-\qfnt() ' Perci, Ie I{bM sonopercolose se aggtmgonoquantit elevste p 3%o): forma una normal'e di si lPerci, Ie IIbM sono pericolose se aggitmgono quantit elevste P 3%: si forma wra normal'e % di I{bM -}\bH ,lperchrT l-rn ^ 2 \ ^ | *^-^r-: //^ - :^ - ^ ^ - ,- ^ - ^ ^ ^ :J^ \ ^1-^ -: ^^--:--^l -^-^ ffUGgt)OZ - r n r r : r ^ 3 \r r che ^--I piano ^l ^*^-:^^ / Hb(F"')Oi - (anionesrrperorsdo;, sul -:^.-^ elettronicosi equivalgono.r>r- cexrg-'W (G.$gr1q : p cesre.m$\obi\oJ FS\(* r-rtr C_onr\tr\o-sl* \.p-b *- * t-tb lqejrsloV:r\q_ (Fe"lO, normale dissociazione Ub(f'ez)Or Hb( Hb@e2)+O, e._bz

ru-rrqrcap;i

-"

formazione di I{bVI, auto-ossidazione della ossiHb

pericoloso perch, se non rmossa, pu dare nizio ad una serie di reazioni che distruggono varie -O| lspece molecolar. La formazione di IIbM non deve preoccupare troppo se non supera-certe o/0,perch .^ ," -all'interao dei globuli rossi ci sono dei riducenti che monoelethicamente riducono la FIb(Fe3) trasferendo e-crN Ngbat da fattori come FADII2 (trasferimento ad opera di MetIIbREDJ. .I'L[IL'I\-EIJ
f
'.

I L

qrcbrsft+us$r\n

Hb(F"')

G q]a\hh FIb(Fe'?) Ft{.-L [:w,tnaru-rc d' Ht-w fnc) ncxj- F\nbc\\r\gt^,\\,\,-

- \a

qWft\

[y-i,r.\

f.lc-r.\t*c.o-r-\-qrr_1;_z+[ f (sutfamidici)e cibo (fave)possonoiod..o" I'auto-ossidazione.d.iUb(Fe-)t ingeritecome farmaci L- Sostanze Se un'Hb mutata e tende, quindi, ad ossidarsi, questo processopu dare luogo a patologie; altre cause 'enz.imatici, che alterano I'equilibrio della riduzione, oppure I'awelenarnento (es. Da g- riguardano difetti ! barbiturici). (ei

". t
?

e4r.rN)\r}brfvq-. a::islJ.r*C>fv\e^\K. c\cflr{qS: [rt a dEcS.A Q, l?ncgrN -> in coma --* iniezione di riducente (es:acido ascorbico)4 la HbM viene subito ridotta ad.IIbA Pazienti
tipi Riassunto di mutazionimiste: --+ -->
---+

\J 9\,' C

IIbS Hb instabili
HbM

r\t \! -':-r' o- i6rr-s-s-*c}-"' tnrl\GJ.f,:,u-o-' r\b Es{\b^{L\. dr- p-e- l\b\L'e- @ I t \R- c.,.\ #i-rtrtnrcsr"trr: cl^e*csrr\tn'ut'o lX)-'pon"urr-rQ dd- @":?Orsr

L Emoglobr..

. srNDRoMrrALAJrb*"ffiw

o^^^s*rfK;-,

- \Rlsse\ttN$=e\Ke

che non vengono quindi

I)

emi biochimic o delle tal ass e Talassemie cu Talassemie a" I Talassemie Bo Sintesi caten'c ossente diminuita normale normale normale Sintesi catene B normale normale assente diminuita normale

x\

o. ell,

l T ah sse m ie B*

*^ptt*Yu.te..ec\t-$.ur\i>.e\lrX

ci*.t0'.t,ianneli,Lq-

1,tuLu- ut^o-zixf-, 'n "L

art$

s
Geni p: o: Geni (.L. \Jgltl omo (2 alleli mutati) alleli rrru@Lr,,/' Uur\J o*o (+ (lllstr mutati) ut etero(1 allele mutato) etero(1-2-3 alleli mutati, pi combinazioni) vcvrv ---------r-\ | '

* con f+alassemie f globinedfeftose @::

; @'

di tl""*"-i' 0o @ii" m.edueryanlylffit"x* loote' p li : f!!::::^:!: grLnel midollo osseo e daruro anemia emolitica cronica (emocateresi
tendono a'pricpitare a massiccia tiveto del miao[o o della milza); i macrofagiriconosconoi globuli ro,ssiabnormie li es distruggono,mopo i inefficiente-

Lefic\t-- \1=,- rfip 'fro\o -(.sa+Ae-'sfwS-: -,,"' fo'm,?:1*!:

ft

p0: sono Sul cromosoma 1l possonoawenire pi di 100 mutazioni conosciute che danno talassemie (codoni stop) mutazioni non senso g"o"r*o p"ptidi monchi chevengonodegradatidalle proteasi. la sintesi "h" In alezmisoggettis*ienl lo slr,tci ielle cstene .presenti sempre sul cromosomaI I -+ si accende "o*p"^ottldeIleydoni@adu1toconun'ef|rcienzafrsiologicade||,|oArispettoalla sintesi delle B globine) --+ sintesi di HbF (aztz)' c-onI'O2, Non si tuattq comunqe, di globuli rossi normali, dal momentoche I'IIbF ha una maggiore atrnit confronto ai quindi la deossigen*ioo" linore. Questiglobuli rossi hanno,per, rmpao di giorni divita in ierogiornideiglobulirossif. , I i----r!-:-^ Ricorda! HbF piri affine a 02 rispetto ad HbA perch lega pitr labilmente ?,lBtG_r"1d:lo:::*t?

mutabile per identificare lpresenza di mutazione' per p talassemiealcuni casi di trapianti di midotlo (precursori eritroidi sani). (A sostituita con G), ma non l'unica' B* talassemiain cui la mutazione colpisce 'n introne non determnate da mutazoni del Epiqenetica : studio delle variazioni trasmissibili.geneticamente

eio plfa. taip"A" da come i geni vengonoespressi tradotti)


rrvurvv vuurlu ffi","'iJ.i"rJ,-";;;;;oi-

a causa ^J i fi nqz i a n i viene modificato a causa di -modificazioni ^ ^ Ai controllo tr-i... + il DNA in zone di nnnrrnlln-oifl"oro d"-"til"ri""h""tilazioni enzimatiche degli istoni cui legato)' geni Y in talassemie F0agendo sul possibilt di controllare I'elpressone dei geni (es- accendere ---+ codice istonico)
- r :E^- r trnrlificato ^

i*t*atiche

che

sli istoni (es-i metilazioni e J

con la vita (ab<rnlpontaneo)' a-talassemia omozigor.e (4-a[eli-E0!@) (oo) -* incompatibile gradi di gravit' a seconda del n" di alleli e ha vti L:;;;;;grtl C"t e compatibile "oo ln vita A^++a rt-innp i
^t

rurcpegroQLX-F-\

,.-,i-nqr-r,rqrc p rimaste spaiate possono formare un'innaturale' [Ja. minima quantit di t{b c2p2 viene prodotta: le catene
.v\v|lIr v\\\

\E\- \\'\oflr

'^i{;tr;I)ffi;pil"rr"A#F*s;Rmi*:{i{*es.%":sl**s:lFls$ a' ck',-stLeuQ\ rsf* ffi ogtobinelct$"fiuob$ ,r;d'


9 -t**; L +e=xtttt -> e^\LcLr-w -Qr'einqr-\L't----

=)

*"qiii.o pa f-" ;\1fl:^=* oz {Y tetramero(omotetram".o mavitale, -),% saturazione -* curva di "u""ii"" iperbolicaed eleiata affrnita-sor J-(K Tetramero - Hbri Ft d questi tessut; globuti non;*"-'4s<#3ffir6{*"$&".*.?=-i, pr:ott"*"rie maiOz-ai

#S

(iffirrg-

Po"a}Ib(microtema)eglobulirossipiccoli(mcrocite-'d)..fiF}#EE--+-*o'.-e1necrc^tE "S1-,

ci'Q<ixPzvtr=cJ swelenamentomitocondri -* o""rfr;i Dminuzionegroburi -+ aumento quantitFe ltbero "i"""ti"i fesal];dei dei Gopratruttoin"alcuniparechimi,del cuoree $et *:::::::X1',,u--r^ in seruito emocateresi ad ad in diFe aumento liberato'semrito emocareresi ulteriore

ffi:fffi:"i#::H'ffiiTl?"li'l"J-ii*ioni
il:3*,Hffl"oaooo RapportoPicr

Metodi di diagnosi + nurPPedi restrizione'

dai smaltito reni(formacifcupfu!@' dLqtc essere cosi il solubile Fe (chelato) chepossa cc-q,'\S--+ norrnale = 1 -+ fl talassemie

r*->"reQc;Q\ \

3 tq qt.(}bt]U(-r otatassemie r ---+ ssJ '{\ cf\\f\\.\o C.}1.'a-, u\ H4 -r'cr-;gg 6d; csr-t'utQ-'

0rur.9<zLu"w.vttb*a C)l.c,-t/'i\][).(Fln

--+ omozigote = 0-1 ---+eterozigote = 0.5 pir alto del sindrome det portatore silente (rapporto poco normale) -> eterozigote= l-4 -* FIbH = 2.5

i, {C vuctc{LCI ttr$.'iet^,i'te-.1ft.c<ir& -t

tl

tessut che metabolizzano rapidamente (es. muscolo n contrazione) hanno tm elevato bisogno di 02 e, jnoltre, generano grand quantit d ioni I{ e CO2: queste specie molecolari sono entrambi .faxori bterotronici deU'IIb. che oromuovono il rilascio deII L'affnit dell'Hb per l'O2 dminusce quando I pH dimnuisce rspetto aI valore'7.4 che si

I f t_I r fr I I i

osservs a livello dei polmoni: perci quando I'Hb si trasferiscein una regione a bassopH, aumenta la sua tendenza rilasciare02 (se il pH rimanesse a invariato verrebberilasciato solo il 660^ di Oz, il77%). anzich Alte concentrazionidi COz.fanno diminuire Paffinit dett'Hh per I'O2,promuovendone rilascio. il tt h,ics-'-laon_olo s-" :crcoqre ^q .a,rn,a-

L]

/^r_.\

wz pnoaoUa-_ dd

u
Li

i\h- \^\e\\' erihscrl-a-

cnnloHiwr.s

-Kft-

C[-

-i-e.s='.rh
NIDRA{ , / r+Rffi^ltq '-/ H1O -"--r ^^tO2 + +\Ll)? + f+

E
'

Ll

( r,. LCt

cse+!\1o c+,orurc4_,.* wo +H1\) q1#^;S,c-H* r\* g- I #i,gcq-*r\* .,- I


--WLCO;
PIJa/fvuo^tr

P-tcvr-n-i

L]
Lf
'l I

uie.e =picolo_

,* _

20% C0zlegata ad Hb (HCO3-) nel plasma : 80% CO2 sottoformadi bicarbonato I


I

,-@', ---*_ I
L

t jvclal\t" ico:x\ cip,\ oLr;tts)J ou* Qr{rr*r) y* R: nb,te* iqUL\' e4f,..,iw.G"_ l-- iKQgtLe{q}\\s\- a- lUp,tl,r: e Z fncfhak \e_ <1 \cgl;-( l\J L 6'i1 fe>x-"5- dt c{r:'vrc$otrr-- T)l"4,r;.c>\/'rr 'A\ le.rnr.rr-cre ctqri,-r Qfr-)urtq- r.x)^i-{b. e,tvwi-t$-\ dqr frn<-,ec.Fg,' <-_ |qr,,qFa o$o* .**'; ;3. L- cQac\.^z\s ^0

yffi .:. _ ry*, ru:'*fi6=.ptrm.m;


- t*-A :
ej* G - \q F"ti:..^:tqrr o.--d \.(; i) r_ ) tLor\\eL F* -cdrrnn\ (15ri N\*t\".m,,**

Kr tq i:c>::::=Q-ffff"rft.;i'!*cs\3 :> -T:,SC *: o<gc** Eyec'xrDe.zcln "-* &r(ii.*-rert^ z<l_t) l\A(),\.r $...r'Yn-,
c-\

-v'tq rccr'^,*,.-r) : -(}\'u.s-r.p;'tl ,.<c,n-qr_i---' ce-ira-[a\:t" -Fic"rrL ffi=-T.;H...$gSdS* $' C-l.LV.rt*-e:.t"tR,l_e'/* or*** qtt"tzte-'*- -\rili'"*i**
[Pjr-ic'\*I

'.\\, trqi-X.F.E c1'r*-cq-,tp,y"r

c{^sitc.-*rh ccn-,\.,\,, t-j-.i, ,,,L,,

s, METABOLISMQ INTERMEDIO CELLTJLARE ( OINTRACELLTILARE)


"fn.siemedi reazon hochimiche all'interno di una cellula" energiae materialecon I'ambientqesterno. possibile,poichla cellula un sistemaaperto -->scamba 0
t! (; \
i

I I
I

Il metabolismo dei nutrienti awiene attraverso un rete metabolica pi o meno complicata


Sequenza di r eazi on esoergonic he : Sequenzadi reazon spontsnee (con variazioni energetiche 0) Sequenzadi reazioni endoergoniche Nutriente -) cellula -+ attivazione del precursore (con sPesa energia" ATP) di -> via metabolica con 10 metabolita

A partire da tm precursore possono seguire pi vie, alame delle quali vengono intraprese contemporaneamente.
I =

CATABOLISMO: insieme di reazioni cbeproducono energia (reazioni di deeradazione) insieme di reazioni che rchicdono energia (reazioni di biosintesi) AN^{BOLISMO: AG : variazione di energia libera in tma qualsiasi sequenzadi reazioni:

A+>B AG: GlBl-GlAl

Energia libera --) capace di produrre lavoro -+ (misurabile:peso sostanza P.M. in grammi * * bomba calorimetrica) energiaterrnica

* 1 grammo-molecola la si brucia *

e combustione

/G0 : variazione di energia libera in condizioni standmd alle concentrazon [R] e tPl /G0, : varazione di ergia libera in condzioni stsndord biochimiche,

fisiologiche A G<O
Reazioni che liberano energa, generalmente non reversibili L'insieme delle reazioni sar esoergonico

a6nl
| ---r\\, ----*

AG> O

reazioni chenecessitano di energia, endoergoniche

bz ;
.d+^nt^nt

AG:0
ml

equilibro idi delle vie meta : hanno curva di saturszione sigmoide e lG>-?;

il flusso degli altri enziml


della velocit dell'enzima istantanea cinetici) --r risposLa
--J -^ ^ --^ ^ -

Fattori di regolazione degli enzim: ;'";.:;:#;;;;;:;";;;;""(meccanismi

2)regolnzioneamediotermine_+rispostadellavelocitdell'errzimaq}.^1T3:

;l ;#:iffi;

che, per potersi rializzarc,hanno bisogno di molto tempo

l'rk*

enzimatiche concentrazioni pr"u"d"*.y*T.:eintercellulare delle turmine_-

di un complessointermedio (a cui si pu legare un 1) la velocit di reazione dipende dalla formazione attivatore,un inibitore,.--) J-.-.-^ in condizioni sottosaturanti,per cui la v in grado Generalmente gli enzim.rnelte vie metabolche operano Vmax uguale ovunque)' di variare (in condizioni sowasaturanti, invece, la 2) modfrcazio n i co valent i ea- fosto-dE+o : : ( t{r
F2.

r;f r--\ I l ^ .tr,,. \e/ nts-\\..:ov,t-_gp_---zqP

[ o-ld.uo

.o.l

ekoleAc_ oo^,afe,rtlrq

(hanno come substratoforme enzimatiche dtverse) Enzimi sowapposti che lsvorano su altri enzimi : attiva O: fomra eniimatica inattiva fl forma enzirnatica da segnali esterni 3) tunghissima sequenza di tappe,promossa generalmente alla cellula'

l"

L
T T

6 METABOLISMO DEL GLUCOSIO (COH,"O')

L_ I=o

\^r/

L-;-j-,,
L: "_i-OH

_-___l 0H " I I H O -C -H
HH-C I t CHzOH C-OH

C H 2OH

L_
I I l, -r
I

H _ C-OH

CHzOH

a-D-giucopiranoso
forma semiacetalica: m.omeroalfa (OH in alto e a d.x)

D-glucoso f_l'nimero:
t
rf

Il glucosio entra nella cellula per difinione semplice (sempre con trasporto di membrana) neg{i organi insulino-indipendenti (fegato, cervello, globuli rossi) Il fegato l'tmico oru?p chqmato in causa nella produzione di glucosia in periodi di carestia. Il glucosio si trova pi concentrato nei lluidi extracellulari (nel sangue soprathrtto) rispetto all'interno delle cellule, dove viene consumato. de

,l W sono diversi
! TRASPORTATORE

TESSWO IN CW E' ESPRESSO


ubiquitario

RAOLO
asstmzione basale di C6I{12O6

GLtrI-I

-l

GLUT-2

fegato, intestno, isole del pcmcreas

Nel feeato -+ rimorone dell'eccesso d glucosio nel sangue. ( un sensoredi dislivello del glucosio tra il fegato ed i fluidi extracetlulari) Di contro, pu anche immettere glaosio nel sangue assrmzione basale di C6HI2O6 La sua attivita aumentata dall'nsulina

GLUT-3 GLUT-4

cervello muscoli, grasso, cuore ftnsulino-dipendenti)

Ge + GLUT ::f
lt

IGLUT-GI ---------r GLUT + Gi

(sangue)

(cellula)

dove

T
I j

Ge: glucosioesterno GLUi : trasportatore Gi = glucosiointerno

hanno tm dslvello tale che la reazione va sempre da sx verso rlx. Solo , GLW-| e GLW-3, degli ertrocti, nel feqato. quando b glicemia si abbassa,la reazione va in senso contrario (della cellula al sangue)-

aFF-n'he-I
J

n GLUT-2 non sarmai stabile,ma regola momento per momento la propria attivit ed anche in grado di invertire il flusso, perch poco afrne al glucosio (per questo ogni dislivello tra Ge e Gi si fa sentire).
La curva degli eritrociti, invece, avendo questi alta q{finit per il glucosio. sar semore satura-

I I J

b*=to
aFliurh

49

'..^r'" n-J-o H I tl H I H O_Cl" H - c- o n

per fosforilazione Appena entrato nella cellula, il glucosio deve essereATTMTO tm grnppo fosfato in posizione 6 -+ GLUCOSO-6-FOSFATO vrt enzima attacca

(c6P).

tl
I

I
I

S S S

IJ

Questa reuione difosforilaziane un reazione endoergonica (in salita). : lguppo fosfato a gruppo alcolico esterefosforl'co (AGo : 3500 cal/mole)] Nella molecola di ATP si fianno rm legame esteree due legami fosforici -+ riserva energetice per ogni cellula.

-rr

CH2OP

OH

HO H \/

;_I_E
,H H

H _ c- oH
HO _ CI

T-__-l I
tl
H I O + A DP

lo - c-oH

+ ATP

rt
I

I
I

-rt

Y :p A _Rp -p^+p-p^.+-

,leg.esFete

H- c-oH rl,,
|

I
_ a , -

leg. Fos6orici
^ CH2 Q P ' , i = or tI | | I

CHZOH GLUCOSO

-'-''

l- \ On

G6P o-D-glucopiranoso-6-fosfato (1" metabolita)

L'ATP

inADP"

trasferisce il suo fosfato (legato con un legame altamente energetco : 7500cal), trasformandosi

ff:l'f*"

II totale della reazione , perci. esoergonico -> si rompe un legame fosforico con molta produzione di energia" e lo si attacca alla molecola di glucosio con un dispendio minimo (se guardo soloila reazione di attacco, questa endoergonica). ma I'ATP perde 4000 cal per attaccareil suo fosfato e n G6P, quindi, ha acquistatoenergia (3500ca1/mole), frasformarsi in ADP. QIIESTA REAZIOFIE NON E' RXVERSIBILE! + - 4000 un "gradino" troppo grande per essere sormontato da un enzima! ftutte le reazioni diltttivazione non sono reversibilill L'enzimu che cataluza questa reazione di attivazione del glucosio appartiene alla famiglia delle transferasi ( (catzlizzano reazioni di trasferimento di gruppi): pi precisamente si hatta dell'ATP-glucoso-transferasi una cinasil. CINASI (Mgt* dipendenti)-+ enzimi che catzlizzptto reazioni non reversibili --+ trasferiscono un fosfato da una forma organica ad un'altra forma organica. Ile del elucosio Dossonoessere di due tipi (svolgono la stessafimzione, ma con GLUCOCTNAST(Gr9
snzima altamente specifico per il glucoso enzima espressodagli epatociti (fegato)

ESOCTNASIGITO

enzimi meno selettivi, dal momento chep ossono fo sfor i I ar e altri deriv at i del glucos o (es.glucosammina)

enzimaespresso tutti gli altri da tessuti periferici

f-

AItre

tra GK e HK:

-I

GK
Enzima legato al RE o allaMP

I{K
Enzima citosolico Enzimi ad alta afrinit per il glucoso (Sassa K11a). Lavorano nelle cellule in condizoni sovrasaturant (a pieno regime) Sono msens ibli all'insulina (no punto di regolazione).

|| I I I

(E sensibile,quindi, alle minime variazioni di) + 1 \ concentrazlone. Opera in condizioni sottosaturantiGarantisce un punto di regolazione imporLante: l'insulina -+ ormone che induce I'epatocita a produre GK (meccanismo lento,3'tipo). Le GK lavorano di pi e, quindi, si consuma pir glucoso.

Lj

l_

l{t(

t_ t_ t_
LLL_ LLbbr
t'" \

lL e6Tcr rNrE fiu R rc.,f-iltR iL 6Lutoi5c C$g A t \jiL)n.qRtO co.\rG^/il-nZroNl $J Qr.lrui{ P,f55e
Ur5q
{-r

f t " i t x U S r : r . o c th i ,t {'C - G4 i - ,
tl \ ,

U ^qr < qa L)

knn,

(*,

fl.uc-'a;]

ALTERNATTVE METABOLICIIE DEL G6P:


esoergonica (sintesi di A:fP) -+ athaversolaglicoltsi anaerobia ed - VIA GLICOLHICA: 7l ciclo di Krebs aerobo. Dopo. glicolisi -> acido piruvico (ac. organico) e acido lattico(via ciclica) -+ tramite redox si gitrnge a zuccheri a - CICLO DEI PENTOSO-FOSFATI 5 atomi di carbonio fosforilati. (via ciclica) -+ porta alla formazione di glicogeno Qtolisaccaride - GLICOGENOSINTESI di risema degli mimali)-

Una via ciclica la premessa iniziale per la regolazione di segno opposto tra opera di sintesi e di degradazione. NeIfegdo s pu passare da G6P a glucoso, grazie all'azione di un enzima peculiare di tale organo, che rompe iI legame estere con una reazione di idrolisi:

G6P+ 11,3

G + H3PO4

G6P-fosfatasi (antagonista GK lunidrolasi-+ esterasi fosfatasi) -+ di Anche questa reazione irreversibile, come tutte Ie reqzioni idrolasiche!

t_
L_

GKO
-/ "/ 2)'.,G6P

l)v"

+
+

ATP HrO

--) -)

pt{ ,g

t +

ADP
Pi

Glucd'

-.-7\--'tP boP) G6 P

t_
L-

+ -> ATP + ADP Pi HrO 2 reazioni non awengono mai insieme! Se accadesse: degradazione improduttiva di ATP. Queste
L'insulina accende 1) e spegne2) [Glucoso come uno dei segnali metabolici dell'organismo]

tlt

51

Ii

CICLO DI CORI (ciclo frsiologico)


con.Tnnatorl

-+ fegato che produce glucoso a beneficio degt organi

FGftTO |icogeno ( \ uz o P r

l66\)-r\

et, "
ATP ftCP
I

u':a:,i:#'ycorc

--=ql.r-rc,cr-aos(eo:rco"'q/rcom\)

qtuccno \J '

6P '\\

s-*

Prauvn-to LR\tr

IFP J l/

rubmF{

\___\'5F

L$i'gro

lFlIftTO _

prRuTo

In tutte ie ceilule (tranne nei sistema ciegii astoci iI lattato un binario metabotico morto -+ pu tornte solo ad acido piruvico. ceiiuia -+ sangue -+ Jegato -+ segle ia via deiia llSe i iattato viene prociono in grotcii quantit -+ esce daia IIC6UCOU6OGEIVESI -> sintesi di un glucide a partire da un precunsore non glucidicoIn certi tratti, glicolis e gluconeogenes hanno enzimi in comune e puntt d intercorwersione.

G6P pruvato I
.l
I

glucoso

G6P

deficit d GdP-losfansl + ipogiicemia arresto sviiuppo (metaboliti a monte: alti; a valle: bassi o nulli) -+ 4-5% del peso : glicogeno Ltveil di glicogeno si aizano -+ glicogenosi (o tesaurimosi, Von Gierke),patologie da accumulo di glicogenoIl fegato gonfia --+ epatomesalia

noJ-r**Nelfegato
lattato

lattato

"6 CICLO DEL GLICOGENO :

(molecola molto gande) omopolisaccaride (n molecole di a-D-glucopiranoso) GLICOGENO ramificato di riserva negli animali, forma di r$;rva di glucosio facilrnente mobilizzabile, che pu essere degradata a molecole di glucosio, qualora sia neceisaria energia. La maggior parte dei resdui di glrcosio sono legat da legami a-1r4-glicosidici, mentre le ramificazioni (situate circa ogni dieci residui) sono carattenzzateda legami a-1r6-glicosidici (nella cellulosa, polisaccaride di riserva delle piante, i legami sonop-glicosidic)Il glicoseno non ridotto tanto quanto gli acidi grassi e. di consezuenza non altrettanto ricco di energia. Il glicogeno , comunque, un'importante riserva di combustibili per vari motivi: - la degradazione regolata del glicogeno ed il rilascio del glucosio aumentano la quantit di glucosio disponibile nelf intervallo di tempo tra due pasti consecutivi -> glicogeno come tampone per mantenere a livelli appropriati la concentrazione ematica di glucosio (glicemia) Glucosio :rmico comtustibile utilizzato dall'encefalo (tranne che duranteil digiuno proltmgato). - il glucosio derivante da glicogeno facilmente mobilizzabile d , quindi, uiti bna fonte di energia per I'attivit fisica intensa ed improwisa- A differenza degli acidi grassi, il glucoso rilasciato pu qnaerobia. fornire energa n assenza di 02 e quindifornire energia per l'attivt Principali stti di riserva del glcoeeno - fesato. in cui la concentrazione di glicogeno pi alta - muscolo scheletrico. in cui la quantita complessiva di glicogeno immagazzinato * alta (vohrmemaggiore) Nel fegato la sintesi e la degradazione del glicogeno sono regolate in modo da mantenere la giicemia ai livelli necessari per soddisfare il bisogno dell'org"nismo. Per cortro, nel tessuto muscolare questi processi sono regolati in modo da soddisfare il fabbisogno energetico del tessuto muscolare stesso.

STRWTLIRA GLICOGENO:

r-* Czo+

(I2oH
La maggior parte delle molecole di glucoso sono legate da legami a-1r4-glicosidici, che impegnano appuntci il Cr e il C+ di due residui di glucoso consecutivi

Cr.lzOH
I punti di ramificazione sono interessati, invece, da legami cr-l,Gglicosidici, che impegnano il C1 ed il Ce di due residui di glucoso-

t L
I

r)

LL53

u-

rl

..:,

estreEi- non niducente -+


. ] . ' , "1. : : ' : : 1

J estrernit ri,iucente
de {L,'- - :r ..,: ...4coD DroD-rreta llDera .. - .r :
.\ ' : l , ri \' -

el-dpdice)' Sruppo ;tt-i.: ir i.icl i: it 'i,;;|.-o,.,iJ . j, ,, i .' ri "r iH l-;f ;., i,-,',+... i+r:,';i-i: ,,',.r,.,1-,].",: I i-i,;.-'-i.- iilii'.:\;;: ': ") :' *- ,. Cli

ti..-; ..--..!-

. i , - i ! . . r, r'\J* ,,'|-.*l .l 'r' --!-'',f:jt,/ 'Jl-)tr

,.;4'-,*;i ' "- ( ..1n r i..i- - *.r=-o;r: -i- ^- ' tlt o.;' i,- =i=:J' '*-'ur**-Jit'-'-Oi -i H i ' 3H ' , ''i'n; r;-'l;o

\ NL \7 ilR iln \R;'re


NR \\.R

, ;. .,1 ,, ,O H ,. .., , l i . Qi d ,.' .:, ., H NR rl2 .,-

!;::i-.Ti::

v\

L'accorciament/allungamento della catena di glicogeno awiene a livello dell'estremii non riducente: quindi il polimero di glicogeno costituito da tm'estremit riducente ed n estremit non riducenti.

1) rilascio di glucosio-l-fosfato (GlP) da glicogeno 2) rimodellarnento del substrato glicogeno per ulteriore degradazione 3) conversione di G1P in G6P per ulteriore metabolismo (si verifica principalmentenel fegato, in misura < nell'intestinoe reni)

'

DEGRADAZIONE DEL GLICOGENO:

i) glicogeno (n residui) + Pi
Glicogeno fosforilasi

GlP + glicogeno (n-1 residui)

;-

La glicogeno fosforilasi ( lna glicotronsferasi) scinde il proprio substrato mediante l'aggitmta di athaverso quindi una reazione di fosforolisi, forrnando GlP. ortofosfato (Pi:&POl, La glicogeno fosforilasi catalizzala rimozione sequenziale di residui glicosidici dalle esbemit non riducenti della molecola di glicogeno (scinde i legami a,-1,4-glicosidici). llll G0' di questa reazione piccolo, poich tm legame glcosidco viene sostituito con un legamefosfoestere, procede verso destra (nella ll"o" t* poieruiale di trasfermento quasi uguale: tuttavia, in vivo, la reazione psrmetto'ro \o teozione \\rsezrote ir egianurone), poich \e concentroa\oni flso\ogrche ei tecgent\ nn il. ltnversascissione fosforolitica del glicogeno energeticamente vantaggrosa' poich lo zuccheo rilasciato idrolitica awebbe portato aUa rormazione di glucosio che awebbe .rna=scissione E /iigi r"rlt1"r"r fer "ontro, fosforilato a spese dell'idrolisi di un ATP; altro vantaggio dato dal'fatto che il G1P, lili"i dovuto "rr"i" -E t lllcarico negativamente, non in grado di diffondere fuori dalla cellulaji[" .',.^

I
Si assiste, quindi, all'azione di aitri due enzimi che rimodellano il glicogeno per la prosecuzione della degradazione ad opera della gl icofosforilasi . i C!tur'I+lQri

,p!6!6!.OSl-o-O

o-

FctrcR\LAt
bc CcR

IJna transferasi sposta un blocco di 3 residui glicosidici da un ramo esterno all'altro. Questo trasferimento espone un singolo residuo d glrrcoso legato da tm legame a-L,6-glcostdico. (o enzima a-1,6-glucosidasi L'enzima zza il legame a- 1,6-9licosidico, deramifi ca nte) dr oli determinando il rilascio di tma molecola d glucoso libera. dall'enzima Tale molecola 'viene fosforilata esochinasi @<)glicolitico

I renstreRAa\
2 \g{rs trtP

a-@{F
b

<c

r3_e-C e.ta-.)
| "l

!E-e-=o\:'

l d,f6 G'ircDXSEr wl

54

__

.---

r
I I

3) GIP + glucoso-1,6-bisfosfato + G6P tr GIP formato dalla scissionefosforolitica del glicogeno deve essereconvertito in G6p per entrurenel flusso metabolico principale: questo spostamentodi gruppo fosforico catalizzatoi dall'enzima fosfoglucomutasi (PGM). Nel sto attivo di questoenzma contenutotm residuo di Serfosforilato: rl gruppo fosforico viene trasferito dal residuodi Seral guppo ossidrile sul C6del GlP, per formarei' ntermed giicosg,GbisJi2sfato. Dunque, l gruppofosforico su Cl viene trasferlto sllo stesso.resduo Ser,determinandola"fonnazioUgji di G6P e la rigenerazione : dell'enzima La degradazionedi glicogeno pu awenire in tutti i tessuti, quindi anche la produzione di glucoso (non viene, quindi, solo prodottonel fegato ad operadella G6p-fosfatasi)-

l_

t t
i

*1o,^P GlP <+G6P5 slucoso

t_ L I

,{/x 5P

tticcetc'-

- Finalit epatica *> alzzre Ia glicemia - Nel muscolo scheletrico vince la via della glicotisi (con produzione di ATP) * *iorr" *or"ot* 1" i'f l "orrt monte: accentuatadegradazione di glicogeno). Assente l'enzima che defosforila il G6P {stucoso-g-6"r1"*t1. ;;; - Nella corteccia surrenale vince il ciclo dei pentoso-fosfati -+ soprathrtto per la Uiosintesi ai onnonilll ---------.-.-1lI steroidei.

t t
i

Un'importante funzione del fegato mantenere la glicemia costante: il fegato rilascia glucoso nel sangue durante l'attivita muscolare e nelf intervallo di tempo fra due pasti consecutivi, pi", captato "rr"r" principalrnente dall'encefalo e dal muscolo scheletrico. n G6P non facImente trasportabile aI di faoi delle cellule, ma il fegato. contiene un'idrolasi, la glucosio-6-fosfatasi, che scinde il gruppo f-osfbrico per fbrmare glucosio libero e ortofbsfato: G6P +HzO -+ glucosio * P;

l{l GdPrui, assentenella maggior parte degti altri tessuti: di conseguenzail G6P viene conservato per la generazione di ATP; per conto, il ghrcoso non rm combustibile importante per Ifegato.

I
l:

. SINTESI DEL GLICOGENO: (glucoso A-fP -+ G6P+ ADP + 1) c6P <+ clP
Fcb

glucocinasi)

Questa reazione, come abbiamo visto, catzlizzaa dalla fosfoglucomutasi (PGM), che determina un apparente trasferimento del gruppo fosfato (in realta non si tratta dello stesso gruppo fosfato).

Ep +(eE:)-TYllr L '|"' J
H
OH

lo- P-e t

ctlro

Fst< :<_----.-H0d

2) GrP + UTP

tlDP-glucoso + PPi u ridil-transferasi

AG =o

(te-'ett'bt'\e'

iL{il_cc,l

+ L\'-.a-----, + , r.p-o-P-o-P L \ )T P F I

vKl{utLE

e.LP PT +

EomqtF,

bB . piroFos{oncc

tp-oruFI

PG +

+ fPi

ilr"j P reonrsenrsr

1,"--1ireeni;,o
55

t I
L

2Fp,, \/ La reazione di per s facilmente reversibile, ma in vivo il pirofosfato viene rapidamente idrotizzato a oofosfato ad opera-di una pirofosfatasi inorganica: PPi+ IIzO -+ 2Pi

I
PFi

l o.

.>H

oJP-o-P-a:
F \o /

\o H

Pi + Hzo ------> *Pt

L',drolisi essenzialmente irreversibile del pirofosfatofavortsce la sintesi dt uDp-giucoso (uDpG), il donatore di glucoso nella biosintesi del glicogeno.
I

questopunto nuove unita di glucosiovengono l-)-A addizionate."r'"r*a* non riducentedel glicogeno: IntlDP-glucoso vienetrasferito al -gtoppo ossirile sul ca terminare der gricogeno,con ra formazione di Iegami c-L'4-glicosidici' Questat"iioo viene catalizzatalauagti"og"ooiioti grucosrtransferas), Tunu enzimaregolatore essenziale nella sintesi di glicogeno.
Tuttavia, Ia glicogeno sintasi in grado rul*vrq' ra E'G.,gero sulElsl e grado di addizionare residui di glucoso solo se la polisaccaridica contiene gi pi di 4 residui -) la sintesi rtet --ti^^-aaa -j^L^J^
catena

a_t,4. L,estremit rau"""t'ii;;,";:;k:ff"Hil:l! l*:-,:lffiT,i'"H:3:F:S:X, ffi:fi::H


tirosina (che pu essereglicosilato).

cosrituito d.u" *ri";:;'."ili,xl"oliJrT:j,#'l2 subtmtt tdeittche, ciascunad"U;-q""li;;r da T',n#!:*:s:xn:H*:^y:::"uo.g,i*u1,

arra partner dimero 3:#""#i:;:T;:"!:l::!:'r^i:X f,uesto "3:!::.,^g!:":e ,; dj.s mit(i gtucoso subunit net dellaglicogenin a punto inrerviene ru'"J{##T:: ::"W;f ffiK"r#, glicoseno. glicogeno.
uRAcrre

rr-orup s

f-

.roo*t-"-B

-+

(-o\-o

t -\*o{3

-_*
UDP RtrsRa'uLoa

glicogenina UDpG -+ glicogenina_di_glucoso + + UDp glicogenina-di-glucoso UDPG + gficJgenina_tri_glucoso + + IJDp cosvia fino a gricogenina-g-glucosJ-+ nascente glicogeno iossibile di Qaglicogeninaad un certo punto si stacca) "ut*ou

-trffitr

Trreoas

4) Un enzima ramificante deve catalizzare la reazione di formazione di tegami o-f,Cgti"oridici: ramffissi.ne awiene dopo che un la certo n" di residui di glucoso sono stati legati con legami a_1,4_ glicosidici dalla glicogeno sintasi.

d";:";"W;ki::"TfT!,,"fii,!#J "y::;;:#Ti'::re3:::;:y:l:::{::::;:
nuovo punto ramificazione distare di deve atmenoresidui 4 ;;;;';;::i:I#;Jff:TiH"liT?-t
La ramificazione:
- aumenta la solubilit del glicogeno - erea numerosi residui terminali, siti d,azione della glicogeno sintasi (sintesi) e dplla glicogeno fosforilasi (degradazione)-+ aumenta Ia velocit di sintesi/degrrdazi"one der glicpgepq, :

fffi"T,:lnJi##y::*::::::_1f:Tj-1.,+srilosi.dico

edaila formazione regame diun a-

'

REG.LAZT.NE crclo

GLrcoGENo: (ordinara opposta) e


x + ATP -+ x-P + ADp r-P +H2O- + x+ ( pi)
rrn* Pi + x-P * rxx lg en er at ment irr ever " i bi I f s (P orgonico +p inorgmico) (P inorganico -+ p organco)
, i 'oi tcr*.cr *P ou,t,, .

Premessa: fo sfotr ansfer aii j CniaSf , idrolasi -+ FOSFATASf: transferasi -+ FOSFORILASI:

::
t-

Gli enzimi chave per la regolazione del ciclo del glicogeno sono: - - Ia slicoseno fosforilasi (degradazione) Re qofat' cl a nnoolifi'cqaiec'i couolenh" - la slicoseno sintasi (sintesi) - Controllo da partedi insulinae adrenalina *Nel glicemia ;>? fegato:GIP + G6P-+ innalzamento

glicogeno (n) + Pi -+GIP + glicogeno (n-I)


i

' I

Laglicogeno fosforilasi (dimero) che catzltnaquesta reazione si trova al fondo di un processo a cascata'- n"ff" sua forma attiva (n) -+ depolimerizza il glicogeno

rcR\LTR

$""e"*C^)
--------

if t_ -

-hDZ RT\uo

PiflP
qJ

\r ?;
lS.

aP s*

G6P

{""1-;t-; n,

(AMP) del - nep suaforma subattiva (ls%" di attivit) (O) -+ funzionameno,assenza suo effettore
,/--\ >er-LL)-eaD 'r '^

$**go^,oG-")

l_

t._
i

{*,_F_r\\.r$

E5

t_ I t_
I

ctl"rc,oqer,o (r***) ooP -\l

<-sHP

=A't'

TP<-G-:I

ltucogocre

DPG --l

epcoq-r- (n,^-)

tI
t_
I
' L_

(se non fosforilata) GS attivata solo se ha Ser vacanti di GdP ---' complera*menteinattiva in assenza Se GS fosforilata di G6P --+ attiva al 10% in Presenza glicogeno sintesi (ipogiicemizza): Insulina _> blocca pkA --+ promuove

F l_
lt

}R IR< 'r\-r-r\-rl

1-r''-1*-w-l

acQt\P

tWi trtR I Rf<


---\J+\J--

I t l+ J n* * e

2 subunitregolatorie (R) 2 subunitacatalitiche (C)


t""1*"lts"gnui" (2" messaggero) "Al!f; [legame fosfodiesteri"o] ., presentein basseconcentrazioni nella cellula" sensibile lle minime flutn:azioni* reazione non reversibile! cAMP regolato da envima idrolasico

+ Io-o-o-o-o
..TP

adsfilato crclasl

.,T

+ppi

' I'o tp
5 ' L " O' -

c-\IIP 1--5' rnouofosfrrot {;de.o.s[],

iisroornrgnasrtt
su una faccia AA

fosfodiesterico apreil legame

, 'I . . ,r +Hro-I 'Ii

fp

)/

cLTCOGENo FOSFORILASi NEL MUScOLo SCHELETRIc9: th"lo

che esiste n 2 forme

-+forma , di solito inatttva -+formaa, di solito attiva ntercowersibili gruppo fosforico in ciascunasubunit - Le forme a e b differir"oio p". un singolo -+ modificazione covalnte catalizzata - La forma b si converte nilla forma a quando viene fosforilata dall'enzimafosforilasi chinasi GIq. sforzo fisico) e la stimolazione - Un aumento della concentrazione di adrenalina Qtaura, eccitazione
aa"l mrrs"olo determinano la fosforilazione flsl['gnzima alla forma fosforilasi "f"ttri""maggior parte delle condizioni fisiologiche Nella

ATP e di G6P: per contro, ATP. AMP e G6P. che determina I'attivazione della Con l,inizio dell,eserciziofisico aumenta la concentazione di AMP, generala forma a dell'enzima' fosforilasi b; l,eserciziofisico determinaancheil rilascio ormonaleche rimanga all'intemo della cellula per L,assenzadi G6p fosfatasinel muscolo assicurache il G6P convertito in energiaGLICOGENO FOSFORILASI ITIEL FEGATO : mobilizzare il glicogeno' doivante ad esempiodalla dieta non necessaria - se present" g.r"offi"ro ad opera dellnAMP, dal momentoche il - La glicogeno fosforilasi epatica insensibile atla regolazione che si osservano' invece, nel muscolo fegato non subisce te drasiictre variazioni di carica energetica
scheletrico. costituita da 4
covalenti' ad opera della proteina chinasi

gpTalty na f"nzione catalitica,le altre di regolazione r,rUon'ita


- qnche la PK viene resolata da modificnzioni

A (PKA).

enzimatica innescata dal cAMP (2" messaggero) , - PKA attivata O* ,rnf "asc"ta palzialmente dalla concentrazione di lonl ua- cne sI leganoalla subunit - PK pu essere anche attivata 6 (calmodulina). p e ' pr( raggiunge la sua attivit massima soltanto dopo la fosforilazione delle subunit euindi, la surrene)-+ stimola degradazione glicogeno muscolare 1o messaggero : onnone-> adrenalina (midottare _> glucagone (eflule a pancreas) -+ stimola degradazione glcogeno epatico 1) adrenalina -+ recettore ftadrenergico (muscolo) glucagone -+ recettore per glucagone (fegato) la relettri 7TM nelle membrane plasmatiche attivano ,pJin"i Questi legami tra ormooi " tnUooita a a"Ua proteina G5 (trimerica) cicrasi, cbe catzlizza ra a di Gs attiva z) la forma legata at GTp deth sbunit 'aden'ato daATP formazione di cAMP aPartire del cAMP alle 4 subrrnit ai cAMP attiva la PK.^., attraverso il legame 3) elevata e "o*"ot.*io,," dissociano dalle subunit catalitiche lasciandole libere regolatrici dell,enzima" che in tal modo si

p la 4) PKAfosforila subunitdella "1" '",":"TIT:i"^:T::'i:H:::::;Tt'nt*t lt fosforico alla glicogeno sintasi (inattivandola) pKA
addizioor ro"n*o ftrppo

atLive-

gli ampiamente effettid"sl,:31-g:t$::::i:fr"i:r*?J del La cascata cAMPamplifica


controregolazione d;;; glicogeno' d-" fondo all'intera riserva epatica di

il Tn'Ti":ilT"1l#Iili"'"@{11':rl*::*:**:y;:#i:-"J"Hf di ff'##ti unsistema ff di I'esistenza ffffi,ttil"H1'ff;rhH::::";#Fil;'d#;*1ry::":;cessaria


L'adrenalina ha effetti snehe a livello epatico: 1) legame con receoretr-adrenergico 7TM fosfoinositolo zj uti.r-iotr" fosfotpasi C -> cascata del ^ s: o^2+-t p F -+ rilascio di Ca2' dal R'E' 3l aumento concentrazione inositolo 1,4,5-trisfosfato su PK con sua attivazione parziale J-oa"lina C;il' ; ;;;;

Sistemadicontroregol*zione_>prevede|adefosforilazioneeconseguenteinattivazionedellaPKe I' antvazione simultanea della glicogenosintesi' del segnale G converte GTP in GDP --+ trresto trasduzione 1) l,intrinseca attivit GTPasica della proteina convertito in AMP trarnite anivitfosfodiesterasica ti prl per favorire una migliore illa subunit a dena "AI\'[P addizioni oo g.rrppo ro*roi. pKA 3) proteina fosfatasi 1 (PPl) defosforilazior.* d"ll,enzim"uopera della convertendoto neila/orma b inattiva ppl rimuove anche il gruppo rosrorico aina gncogeno fosforirasi, 4)

58

t_

r
r

U
D -z ()

t-L L-

q
lT

z k

fr $
I

n*r v
U F\
I

fi
a_

,F - g g2

* frs
f)'

t1

u
,n
u

&

l_=

t_ t
l-

e
(

& v ' -j

fu o-, a U - \
n6@

9 a -\t

'

)&

i $# ifl
5

't3 B 7q
7e

v F fi i L 'ef
^ I f il
^l

a 2a

\r \t

a c"

?,

fl

fr

dn q
ilt

Hfl
&
a
u,,

U U

P<, 2Y ua'
I I
I

fle ffi 0
ij4

d '0
dU

0VT 6 TJ

t._

TO
U

.) OJ

tU
I rT
I

r\

-frert

ltfi q+a
L0 -z

t....--l r v_- |

l"l-

o' 0

0. ,6 >\

nE

i\!

"t'1

l-

e, di conseguenza' -]LICOGENO SINTAST: la proteina fosfatasi I (PP1) inattiva la fosforilasi chinasi rimuove il gruppo iiu"ndo Ia veloct di degradazionedel glicogeno.Inoltoe, =r glicogeno ro*tjilFdm di glicogeno' la :"r}r.f daila glicogenosintasi,accelerando sintesi cI si Tegaal suo recettore trosina-chinasico d -,. ,rr""-""rrr*'; l^nlo"" promuovendo tma via che attiva Ia PPI '

--

Convert" di NAPII = Funzione ",r""@eri biosintetica (nella prima parte dl ciclo) con la formazione di la contrastando formazione radicali ossioridunivo

f*i'r') $tr';i;;;ii(1dt PENTQSo-FqsFATI-iljtUl',ml1i';Jfrliiffi};tt",,F:*^ . clc o DEI o'r pentosi (5C) Yiceversa


'-. ..-.,, 'l(/"
ll

----

- '

( $1idrrrf- pf)r fl Cr'tdi:cr\. trv {')

/''v.fu 4i Frd?cr o

l l r'revr

-'ri ot''/r'tco''r:i r

(srr*e-'"'a1

- M;J]fr;;il;iir*q;ilio

via citosolica. in cui si distinguono: .,./ r.\ nnn 1 d' nna rnmnqionp d NADPH d NAD,H irreversibile -+ da esosiapentosi(-lC) con/annazione | - una fase osslDaTrvA L-. si deve alle concentazioni di reagenti e di reversibile (il senso deue razioni ossrDATwA -:;;;N llrodotti)..>dapentosiaesos,tramiterimaneggiamentidegliatomidiC

L
r+' Glucoso-6-fosfato

f ossrDArw"'gb;r'rr,F#nrrH,Jr,rrr' FASE 'S!;'rsive


giutaone reduttasi NADP+ *-*.--_-.-- ,r :=-).2
t-' -------*:-

('\'(is,

I
6-Fosfogluconato

GSH

:::--! NADPH =:'-::)

GSSG

ca,<-l [:--_-__^_
\-;. Ribulosio-5-fosfato

I .+frF

NADP+ {-=1'
NADPH il==ql,-;

r-::---'
t=='r biosintesi tidr.rttiva

stersli'' Acidi grassi'


Precurs od

I I + Ribosio-5-fosfato I I
+
I

Nucleotidlcoen:im! DNA RNA


HZO

o-FoSFOGLUCoNATO --\-t 6-FOSFOGLUCONo-6-LATToNE ", t) c6p \t*oluto,Drre,{rr ' G6pdeidrofenasi


(G6PD)

1IROP+

Nq,gP1*'aiH+

{ry Y, \'/

/-\ra

c'----r
t ll _ l L :

tt

o -

(o^'l

\r-

n--onl

i-"*lNA?P'*-dg@: :^iu

.^^

H -c- oHl

r i.- ' c- on

l@

,ro-J

* -l-o" I GGPD
l l 2I

:-i-" | ;*''-) n_f__j


tHpeor'G6P
(orr":is

n --o" i t'Rlrodetfn-c-oH
*1oeo;i-

"_l_C ctlclPoi
nu non-

Gfosfoglucono-lattone
nFr6{ST,}ir?ra9r!e) {^r

Gfosfogluconato
,Q . G os f, 6ru(!tJ ,qi} C

59

7-

6rp [Ri ?eFfttoc"RR[ seR\E tL NnpPtihJoN La carenza di G6PD portaalfwismo (uon si possonoassumere farmaci). La molecola neoformata (6-fosfoglucono4-lattone), per, altamente instabile -+ trasformazione del gruppo aldeidico in gruppo carbossilco La reazione in teoria reversbile,mapoich il 6-fosfoglucono-6-lattone si muta ntbito in 6fosfogluconato, la reazione n pratica irreversible2) A questo punto di deve ossidare il gruppo carbossilico a CO2:

6-FOSFOGLUCONATO

6-fosfogluconato deH

> RIBULOSIO-5P+COz

RIBOSIO.5P

oo
\ .2

H -cral^

OH

-c-oH
C=O

tHP-c-QI) I
H -.COH

cHroH
tI

HO '. ',// C H -c-oH

I
I

H -c-olt

I -c-oH I I

----------+

C=O H -.c-

I I

OH

tGelgt

ri -l-ou
u r r - ( - - LJ r 1

_C_O H

ur r - t- - ( J r l

^,, ^2 unf ^ ^rtl3-

cnpng^';'LA Si'ur9q f&aZrorl

l cripegtR IEUL.OSGDSP

I
CFLOPG

B-chetoacido

R-tEo>oTP

- Si forma un chetone (in C:), per la perdita di due idrogeni; la presenza di un chetone in C3 e di un gruppo acido in Cl d origrne ad un intermedio [p-chetoacido], inesistente in natura, ma che rimane legato all'enzima{LoJo .1 - tr ribulosio.SP un chetone a 5C (se si ha come desinenza&lq: chetozucchero). ) spostato su Cl per formare il,ribosie5P con il gruppo atdeidico)> ' *OOo chetonico viene P
lfltblali.".? I ;cnenq rcrrcJLL+rQL >Rrt5t,r,tJaru ens'; gr@!r"1;sc )ra'I ^ oF r^f,r^co'-^rrl'*z FASENONOSSIDATIVA i

Un primo modo per passare da 5C a 6C prevederebbe l'uso di reazioni di carbossilatone: tuttavia, si preferisc. rimaneggiare gli atomi di C stessi, perch con la semplice carbossilazione si dovrebbe prod 'zione (controsenso). |rodurre ATP, dopo averne consumato per la sua stessa Siparterperci,da3molecolea5Cperrimaneggiarlea2molecoledi6C-|lmolecolaa3C

I cH,o H \ t t^ I I I \:" /
\.i/ HO-C-H *H O - C H-- i n u \i +|
H- C- O H

fr,";\
Il
|

\rn
H--oH
H__OU H-c-oH l
H _ C _ OH | ,

-\/v I

*""il)F
r..rrr-sctrerolr' \/

f r-.Fl

(Ft?tg) \6 " r?srn

tsti;4{l{e-3P)
\ c=o
Ho-c-H
H-C-Ol H-q-OH

( r lp ; ; S r ii' . q , q o H + ir " ' i : $ o ' ' ' H


,r_l_.,r.r H-q-ori

-*r*"r=c.. \-!' s' u' -' -" ' J

",f

n---cri
I H -C -OH

cH,opo;'
xilulosio 5 fosfato

-)-

C H ,O' O;.5 t'

tn"ooor,
ribosio 5 fosfats gticeraiddde i fosfats

cH oPo;' sedoephrlosio 7 fosfato

(cambiaIa posizionedell'ossidrile)a )ilLUlosro-sP (;nnliitu/'rRnrl epimerizz,ato viene - It RIBgLoSro-sp ribosio-SPa formare it - [a transchetolasi trasfeiiscezC dallo xtulosio-SP per trasferirli sul SEDOEPTULOSIO-5P 60 -(p?= t:'qHrl-t+ PrRoF>StrATo

(U,.- vit. Ba.l

I -=
L

/ cH"O tf

C :O I
--

o-c--H
I I

\r
I H--oH
I

OH \/ nmusaltloh.sr \
\-_-#

t-

H._IJ-LJN

H-C-OH I r ^rr

I
I

H_C_OH H_C_OH
I

L
I
L_

H-C-OH I bH,oPortsedoeptulosio 7 fosfato

cH,oPO;-

cH,oPo32'

c H, o P o ; -

gliceraldeide 3 fosfato

eriEoso 4 fosfato

ftutlosio 6 fosfato v Gl FRU"I*[OSO-6P in soluzione)

alla glieeraldeide'3P L'enzima transaldolasi trasferisce3 unit carboniosedal sedoeptulosio

U trl r(J 11

tI

C= O O_C-H HOH-C,

I H--oH
H-C-OH cH,oPO3'."ton v3 2-

\,n

TPP + trn.srhetoh'fl \--

\,n

Ho-l-H

H-C-OH

I
I

+l H--oH
H-C_OH

I_OH
I

cH,OPO32-

tn,o"o;fruttosio 6 fosfato :
t'

vrI)vr

tr

xilulosio 5 fosfato

eritroso 4 fosfatn

gliceraldeide 3 fosfato

ra sintesi di'RfruToso-dP L,enzima transchetotasi (+ sssnzimaTTp) catarizza :3P a partire daxilulosio-SP ed erttroso-4P'
reaziowi assidattve dell a vi a dei P ento so fo $ati

e GLTcERALDETDE-

;* C s < ) C 7 * C 3 + C 3 < ) C6 * C a

..,-....-__-.-.---

' * Cs + 'Cr*C o

v
Cs e}Cd+ lC:

.r/

ribosio 5 fosfato
l-,

sedoeprlosio 7 fosfato
-,:^^-;-

-'-iruttosro __-----) | cdP I 6 fosfato

\--:-/---'

fri
)={-:; iJ

-->
enfosio 4 fosfato

,,---rz,-i_.=
xilulosio 5 fosfato

fosfoesoso isomeras

-i---;'-

trutschetolasi gfceraldeide ftansaldolasi I fosfato

fruttosio 6 fosfato
frttttosio

''"--== ,:j7

-'i--'-'l:t'

| I

1t+ilo6otoa ftiosiofo{ato
isomaasi

fiL Gr6r,i, osSo s;616, ;1"rr9 UluPil 4'rvrtu5qFocru Lo Sr/rJlrt Df I f^/1-b! !i:Ar{

transchetolasi

xilulssio 5 fosfato

gliceraldeide 3 fosfato

l-

\,ur,

fn'f*

Dt->exot'si tovnho 'a>

61

REGOLAZIONE CICLO PENTOSI-FOSFATtr

dal momento che quella La regolazione pi importante arriver nella fase OSSIDATIVA. dipende dalle concentrazigni di NADP' e comprendente reazioni non reversibili: la sua regolaeione, per, 1 NAPH.

L'enzima limitante (regolato) la G6PD -+ inibito ilaNADPH -+ attivato daNADP*


!'10ilil tcCoCqzroloetoirA KRctl DALZ ftvvtr/ A 5o.-rD(l ^ltlstfA utQ lstLe 5i,ftGoun(rcr.U crr t I 0r; iotzGocn'

Glucosio

I I

gticolisi -

Glucosio 6 fosfato
vra del pentoso fosfato

ATP

I,O*-----5
1\:=NADI
Fosfogfucono lattone
i1! -- | \ nerrt'''"'rnPzn
LL> rGotqrc w I Cofotlo 6tv(.ilRrg

re I 0 Sptlt Pffr-tttvet,.o. crN atJgutt to.vt:71tp;1\


A iPt:l, hfyn fs,l?4ttl^) 5, t-OPl6 I Dt wN 1''1t{) o q " l r l ' r t o * r c \ = > ( A' ' f( ld r r Dr < a fh vd \''''s t G r" I I

tf-[''---:]-lif or-nlr Lfl.rfr/.D$rs0Arril\ t f toss,wuo Gu


/\

NADPH

Pentosio fosfato

diminuisce -) aumenta Nel citosol c, tanto NAD?H -+ quando viene utilzzalo la sua concentrazione concentrazione NADP* -+ attivazione G6PDossidativa - se la cellula ha bisogno di NADPH e di zuccheri a 5C -+ si segue solo la fase - se la cellula ha bisogno solo degli zuccheri -> si segue soto la fase non ossidativa (GdP+ R5P + F6P + Ga3P) - se la cellula ha biso[no solo di NADP*-+ si segueil ciclo completo

\ Oz'Superossido #

IIzOz -r) Perossidod

O;6tf ____++.-H2O
icale ossidrilico .1,. Ltl
-

\.

Acqua

I{zOz di Perossido H

-----------+ OIIossidrilico Radicale

}I'?O Acqua

e coslo ioneossidrilico loffie oH punto o-o, formandosi in si La molecola spacca due,si rompeil legame
- g + F U" - > ^1 + ()z fZ ?e +

" + --+ Es. HzOz Fe2* Fe3*+ Otf + OH


r\, I\Jn -+ cA. rWx
c,
'q I

Lo Vpe OH punto avendo 1 a spaiato in grado di reague , ) l/f A


t SF X{^r :{a

con ogni
LJ rl
l-

^/n

Ar l' 4 \Jn

;: H
"\+---/ ---'

15'{"n.t .. -.

""tffip*ttuo

con i doppilegami(PERICOLO!)
e >{f$S

.'1. tr q! l tA 0i Yrsr.-,1Dr,r*.62
r.n ilc'Aiocrarj' ('tr-1n(rqk)

j.?li _'1"-f ly ilxu t#A"i

a:,on,e1r,r"

-siste

un altro radicale dell'O2, detto ossigeno sinsoletto. in cui cambia lo spin di uno dei suoi e : se si hanno ,-Je a spin antiparatleto si crea alta reattivit (per cui anche I'ossigeno singoletto si lega a tutto). e: L'eliminazione di HzOz necessaria affinch non si formi lo ione OH punto!! acquaossigenatae ossrgeno: anioni superossidoreagisconotra loro per dar.e ? enuur_e _ Hzoz + oz pz- + Qz, I J'i,"'i;:;t,or"' "\o
,5,:,rl

jr"

I -

(soD) dismutasi f'superossido


, \

.r t",{,on;tt:ite.tttt)E t (c 'r^rur ,^,t,o,^) u")r

'J

i.,,1,::*:;h!^Y.i.4.
u,t^,ur..ru"',,nfln(/1a,!ttu-:

c r r idNJ r -

, ! , r , *r r *, r 4

( {1N .r r ;{;,1

\,-r.*
( l

!-v

d"3: dall'azione eliminata modo,l'HzOz essere stesso A.llo Pu catalasi


-)ppure,

C, Pvo Ltaql\Pft{?s' t)l y tfcS,pn lE 6 Pp 9rakltE il ,rttt l:Y2l": z"att;(t&t


A4 t- ty',n.f+ 4, ltr".hlu:' r-Pf:\tt , t it*rY" ol))l) '>'21t6< r-"" 1 5tl..'t OiJ C,,rrc

f?ff

pu reagire con il glutatione a formafe glutatione ossidato e acqua: 1'H2O2

HzOz+ 2 G-SH ------------| GS-SG + THzO glutationeperossidasi


[ |t ,' N,qDpn
*

ci permette, tramite la glutatione reduttasi,

di tornare po al glutatione

ridotto:

(!. ($ci:. Dliqorr- (roiLdil (\tt, r Lt 1:.t L)n / s. t i), | r:cF'r-t

NADPH + H

G-S-S-G

,t'., rt'i i \ ii \r. \i ;il glutatione

fr 2 H.,o !

Presridd5t

NADP+

2G- sH F# \irt H,c, -ldi'llx v' \J

( 1 L i \/ rr t e o 9 .fr f 1,0I 6L

4vltl 'li,o,it

5,rrrl-l F" :i.\ !'-fi . r'"."' a ( t ; ft-tf' t't\!,

t_ t_
l_

t ,,lt t'l
c l{.lal

t_
t_
a passare nei capilrari o perch riconosciuti come I globuli rossi si rompono perch non riescono dneggiati dagli organi emocateretici ed eliminati' con x, quindi saranno colpiti da defrcit enzimatico il gene deua G6pd si trova ,or "romo*-" per il gene)' solo se risulteranno omozigoti pi probabilita gli individui di sessomaschile (te donne

63

F-_

In condizioni normali Ia cellula pu soppertre alla produzione di HzOz, ma in seguito all'assunzione di farmaci o altro (stress ossidante),parte dell'HzOz non vene smaltita -+ ItIIb si accumula sottoforma di corpi di lleinz e viene modificata da danni ossidativi. i

essere suddivsi tn 4

CLASSI I T

SINTOMI
molto gravi

ATTIVITA' ENZIMATICA RESIDUA

<zYo
< l0 o/o (favismo)

gravi (favismo)
moderati nessunsintomo

m
IV

10-50% (anemiaA- africana)

60-100%

Bench I'attivit dell'enzima normale declini con I'invecchiamento dei globuli rossi, anche le cellule pi vecchie hanno un livello di attivit sufficiente a prowedere alla protezione nei confronti del danno ossidativo e dell'emolisi. AI contrario, soltanto pochi globuli rossi con G6PD mediterranea mosbano un'attivit enzimatica sufficiente ad impedire il danno ossidativo, mentre la frazione di globuli rossi contenenti G6PD.A- capace di of&ire tale protezione sipnificativa. Normalmente la crisi emolitica avviene per ingestione di elementi ossidanti (fmmaci, come alctmi analgesci, sulfamidici; cibo, come le fave in cui si riscontrano 2 sostanzeossidanti)L'emolisi porta febbre, anemia acuta e colorezione molto scura delle urine, Tigrch I'Hb \A lbera in crcolo e vienefiltrata dal rene e tl cataboltta dell'eme passa nelle urine. =)rl.l-i.rpito\tr(r^A n.err,r Le altre cellule non sono toccate da difetto di G6PD, perch abbiamo una sintesi cont,nuad G6PD e perch le cellule sono dotate anche d altr sistem di produzione di NADPH (attraverso I'enzima palico, che i globuli rossi non hanno!)

.6 METABOLISMO DI ALTRI MONOSACCARIDI

FRUTTOSIO
-Dsaccarid:

-+ introdotto con lafrutta -> nel saccarosia (fruttoso +gluc oso) --> polmer di imilina (non digeribili) -> saccaridasi --------+ lattasi

SACCAROSIO

GLUCOSO + F'RUTTOSO GLUCOSO + GALATTOSO

LATTOSIO
Lamlncanzadi

questi enzimi d.intolleranza -+ moltofrequente quella al lattoso (diarrea, flatulenza).

L'esochinasi (HIC) che fosforila il fruttoso ha una Ky molto elevata, per cui una bassa affinit al substrato: per tale motivo non s riesce a passare a F6P --> glicolisi. Si dowebbe avere un'alta -concentrazione intracellulare di fruttoso e bassa concentrazione di glucoso (non succede praticamente mai, a 1 volte nei tessuti periferici).
iI

11

. d-(:

l r ',r ..- , // ,/

!A livello del fegato, del rene e di alcuni tratti particolare:


a-

dell'epitelio

intestinale, il fruttoso segue tma via .-q

I ffilq,c,l
fi ,;r Ti i ieldl

I I
:

F.RUTTOSO ____> FlP fruttocinasi


C H OH l2 ^ ., ^ -^ 2 !rl2Jru. C H .fP O. ,z ?

. {" i P'

?HL)rl
lteo|l

.7r

"'"5o2--7
I

urop
O;,rKY-tr,i P

I U=\J

l-

C=O
11

r
I

I_lu_

I u _
I

I HO_C_
Fhrttochi$asi (FK} H -C -O H H _C_

H Aldolast B OH {esclustvo dt feCato e rene)

I
cHzoH
+

D I-IDF'-OSSLA.CE CINE T FOSF-\TO iD[L{Pi

H -C

-OH

G!

t
7
I

H -C_

OH

t9
l6

I
f,u nu vrr^vrr

I
cH2oH
FIP

tq
t6

UN

'(FF'-UTTOSO

t t
L !

lJu &$* lN er7,nA


Cr+e i+ itrta*:'tt lt)

IJ nU

I
_ U II

f.;LIf..EF'_1-LDEIDE

I
CH^OH

v F l, a8{ er . / U, r J f u i n* y ^n4 iv l , a l , s I

Q;,u4r,

I prodotti di questa reazione possono esserel;ldfizzatrverso la glicolisi o verso la giuconeogenesi: DHAp ________1' Ga3p trioso-isomerasi

F""ot ,T",,
cilz-t+
Gtaqpr,6u 1 .\/

DHAP + Ga3P aldolasiA

F-1,6-BP
:

t'

GLICOLISI

GLUCONEOGENESI

- 1[**t**t..**>G1P

FP #\u,

15

glucoso

fo,,r**-,
F1,BP

Per promuovere la trasformazione di fruttoso in glucoso dobbiamo avere condizioni di !pog!!gg!q!& con stimolazione da parte del glucagone. In condizioni di iperelicemia frutitoso tende a trasformarsi trigliceridi ed acidi grassi. il in

ffi;r

Jf',*n,,,
DHAF + Ga3P

65

,fti

I ll I'ingresso cellulare e I'utilizzo del fruttoso sonoindipendenti dalla stimolazioneormonale di III (mentreil glucosoenha nelle cellule solo in presenza insulina!).
Lbtpo*t crte f G R.'nil-/:;ir.{^A7,1/o v t)rctvzntx :

+ Ga3P ADP Ga+ATP gliceraldeide.3-cinasi 6u a g4p1{ + tf glicerolo + NAD* alcol-deidrogenasi -----------> (per sintesitrigliceridi)

ttPn
H _ C_ OH

cH2oH
FRIITTOST]RIA ESSENZIALE :
- manca1xzafl sll'snzim a fnfttocnnasi. - recessiva outosomica (1 su 3Omila nascite) - condizione benigna, asintomatica - il fruttoso abbonda nelle urine (fruttosuria) per cui FiP rimane

INTOLLERAITIZA. AL FRUTTOSO : - assewzadell'enzima#iA

No doici e frutta. No carie.

intr app ol at o nell e cellul e - Sr" tpoglicemia che intedersce con la gluconeogpnesi,vomito, ittero, emorragie, epatomegalia, iperuricemia - pu provocare insuff.epatica e morte -i"ropto.rapida individuazione e rimozione del fruttoso e del saccarosodalla dieta

g3S.:}FftoNgtt r{l.triro&:{rgr

yur'r$arfit$ MsLHTaR.a>G ua'wtl{ltl'

66

LL_
I

GALATTOSO
(epimero L del glucoso)

+ inkodotto con il lattoso (galaxoso+glucoso)


;

Il latte umano il pir ricco di lattosio, dal momento che lo sviluppo cerebrale forte. iI galattosio viene conveito in glucoso

l[_

A tivello epatico +
U

L LL){

\\/I

II

H -C-OH I I H C-OH I
I

cH?oH
OH H OH
IJ

cH2oH
ADP OH

H O-ccu

\-o ,l

I
Url-LJrI

salrrtoso

r
t

L'
l-

GallP + UDPG

-------)
uridilil-transferasi

tiDPGA + G1P

L
-i !t

\
ti l)l'-Aalirttositr -l-epimcrasi

cl l r(-)l l

i
ll (]lucosirpl ( ) tl -finfsto ((; I I')

\" 1
' ri

NAD- usato come coenzima nel 6ggsanismo -+ ossidoriduzio ne interna

tf
JI
||

lr stotluct' mttL11st

t
t_
67

f,

DLFICIT della GAL{. f,'f()C}IINASI:

e - provoca galattosemia galattosuri alimenti contenenti gatattitolo sesi assumono - "cumul di galattosio

NADp+

galatritolo ff

/_

NADPE* I+

galatosio *il"*""JF +___*


galatto cinasi

GallP

aldoso reduttasi

vescichette seminali, reni, r-etina, cristallino, t' nervoso' vescrche,e semtnat\ Aldoso reduttasi -+ enzima presente ".elfegato, nel ie-tabolismo dpl oalnffosio- a meno che il livello dello zucchero -o*-l.nriann del galattosio, meno che iI ;;;"o};'t-pr;;;fi"oroei"" LiVello elevato di galattitolo -+ cateratta non sia elevato (es. galattosemia). RichiamaHzOperosmosieoffirscailcristallino,normalmente

ffiseTnrc TTIoLo. 6RuR


QeNTAs,

GA.LATTOf

N z'
\

NfDP'
tuPn Hr +

4LPio\-N

DEFtrCIT dt

oLiCoLlPlDt Cr,tr" pBatrpg


J t w l v r&r e !

\)'p.Ouleso -.

I ': -

GGQ

14 tSiD stL tgc;''ktrcqe OHlti

il,#=i
iii:,l.ii'ii',r.i

prolattina Nella ghiandolamammariasotto stimolo di


t

a:,.':r,;,,1 ji:,'i:r:ri;: irLi

p.q1uz|"::44ffittumina
"""rr*iu per 1'attivit della galattosiltransferasi

UDP-glucoso -- UDP-galattoso ePmeras


UDP-galattosio' + gtucosio r-> UDP Lattosio I l

* galattoso UDP-galatto5o * glucos6 --+ UDP-glucoso galattosiltransferasi - . con affrnita diversa!) 1:glicogeio sintasi, ma

\-----------l

p-Gatattosio

Glucosio

T/-"{
l-{ H

$l.lr()Fl

nlp

\t-*

At)P

cHroFD;rr J----{}- ll lrr ott tttl ,/l orl Ho \-{


HH

t -4

-lrtrPrlc-tl:.,6

t,/u

.- gr-

,.\1{4pl''h'u"'
11firo,rio:.,,u

tirsttlmlnnosirl
ts()lllr:Lsl

Ku *p) c' n );f


t{() l't

-r t' Itiltrlosi

ji('t i;t'i11'' '

-5i GLICOLISI-+

nell'evoluzione) nel FEGATO e nei TESsfruI PERIFERICI (consewata


con alcunedffirenze di regolazion, ,,

Si svolge esclusivamente nel CITOSOL e pu awenire anche in assenzadi Oz (anaerobia). [glicolisi aerobia: ciclo di Krebs, nomeimproprio]

G6P
;

_------_-.+

PIRtryATOATTATO

U AGo' < 0 nel complesso -+ sequenza di reazioni esoergonica -> determina la liberazione di energia -iono comprese anche reazioni ossidative-

di sequenze attre di processogticotis Dar "f",H::;,"i"l:"#;,7"*rtr,;frtr:ermettere _


Il glucoso entra -t"it'anp nelle cellule athaverso GdP arormare I r#'-T'"'::iHH:";HH:ii"T#trSfl::i#:hffi3"" l'ulteriore metabolismo
RTP ftOP

specifici trasportatori e ha un destino principale: essere fosforilato

r0 )
I

GIu

n,

G6P

AGo'= - 4000 caVmole

(f{.R.)

esochinasi

non reversibile

va a formare per la sua attivita richiede lo ione Mg!' (o cmq uno ione bivalente) che -L'esochinasi I complessocon I'ATP:

I rr ,*-'

c6P

F6P mI

AGo' = 0

(R)

T
I

t
I I I t

otr u -cG6p in forma ciclica #---+

CH OH

"l{ oH
)
<-#

C =O

Ho-c- H

I
I

rt o -c -H I
tt -c-

F6P in forma
@4 ^:-l;^ull{Lq

g -c- oH I
H -C *(;r{ I

oll

H _C_OH

cH^oeort(5P

cHroPo;F?

di uno zrrccheroaldoso in tmo dstoso' Reazione di isomerizzazione del G6P aF6P: conversione (esosofogfato isomerasi) comprende tappe addizionali: Tale reazione catalizzatadall'enzima ffr isomerasi di forme cicliche- L'enzima apre I'anello esaatomico sia G6p che F6p sono presenti p.io"iparrn"ot" nelle pentaatomico di F6P' G6p, catzluza l,isomerizzazionei forma I'anello HPI isomerasi: -> agisce come enzima glicolitico * u!ir"" come enzima gluco?ogenetico (fegato)

69
I f_

2)

F6P

fosfofruttochinasi

F-1,6-BP
I

< o (-4000 caUmole) (N-R-)


enzima ^C' esclusivo delta glico[isi ' enzima regolato!

eFK-r)
cH2ori

cH20Po32C =O HO _ C- H H _C_ OH
H _C-OH I

H O-c- H

I C I
I

=O

I
I

H _c- oH
H _C_OH

I cHzoPo;F6P

cH-oPo^22)
F-t.tt-BP
Reazione rli fosforilazione

3)

F-1"6-BP_------>

Ga3P + DHAP

AGo' in vivo leggermente > 0


lo permettono le concentrazioni

(R')

-F-1,6-BP --aldolasi (liasi)

cHzoPO32C =O

CH^OH
I I

C= O I

DTLI.P

,l .,-FO

-g- H

cH2oPo;'
+ n \// .(.

H _.c- 0t1_ I
H _C-OH

-\H

I cH-oPo:2)
F-T.d-BP

. -C -O H I cH?oPo;

fialP

il DI-IDR.S'IA.ET'.{E F.I,GBP (6C) in due molecole di 3C: ft.nzione che prevede la scissione del ATO' O tt Cf,fCnruf'nEIDE-3-F'OSF fOSflf " enzima a due facce: (rerazione di condensazione alcolica)' un La reazione catalizzatada un'aldolasi glicolitica - si comporta conae aldolasinellavia L!,- 1 U-^i come sinteasi nella via gluconeogenetlca I - si comporla

70

-r)

DIIP frrn/f) eHpH


I C=O
I
J

Ga3P

Go' > o

(R.)

trioso fosfato isomerasi

DH.{P

cH2oPo;'
+

La GaSP gi ubicata sulla via diretta della glicolisi, il DHAP no: se non aweiisse questa reazionedi isomerizzazione, verrebbeperduto un frammento di 3C utile per la produzione di ATP La reazione catalizzata dalla trioso fosfato isomerasi (InO ed rapida e reversibile: in questa conversione(ossidoriduzione intramolecolare),vn atomo di H viene spostatoda C1a C2(atfraverso intermedo enediolico). Isomerzzazione wt chetonein tm'aldeide. di

t
t-

--\/z
HO (-

H _C _OH
I

Ga.3P

r-g npn2-

Finora una molecola di glucosio stata scissain un due molecole a 3C, ma non ststa ancora estratta energia: per contro,.finora sono state investite due molecole di ATP.

5)

ca3P

------+

l,3-BPGA

GaiP deidrogenasi

v\
-l
{l

l\ t l. U

t, r'

u ' //o "\


H * C-O H t Ctslz0r1,hzC I

+H b

{-i-

H+ '1 =-tf-soo*l f ^s-tEl-NaoF+ -fJ-r.troo+ 1,, __-5 h.{- c-oh lH- c-ou

fu

oH

f .r- j'*"*'T'

bcs:ilicoDtq *,oca,. teg.

- deHll

cHzoq,-

I
J

.uroRD;_'

iDc; IvA Fnse c)55 r\F-Do-r-f- a


in realta a II-BIFOSFOGLICERATO, Questa reazione, la trasformazione di GLICERALDEIDE-3P ia somma di due processi: - una reazione di deidrogenazione anaerobia -+ un gruppo aldeidico viene ossidato a gruppo carbossilico (ad opera del NAD) di un H3POa. - la fosforilazione dell'acido carbossilico, mediante I'organicazione Mentre la prima reazione termodinamicamente favorevole (esoergonca), la seconda ho un Ad)' delto stessoordine di grandezza, ma di segno opposto (sfavorevole, endoergonica). L'accoppiamento delle due reazioni reso possibile dalla struthrra della Ga3P deidrogenasi, un enzima costituito da dverse subtmit: la chiave dell'accoppiamento la formazione di un ntermedio, che si forrna dall'ossidazionedell'aldeide ed ha un'enereia libera oi alta di quella dell'acido carbossilico libero. - Tappa 1: il substrato aldeidico reagisce con il gruppo -SH di una Cys sull'enzima per formare un emitioacetale - Tappa 2: trasferirnento di uno ione idruro ad una molecola di NAD" (strettamente legata all'enzima ed adiacente al residuo di Cvs) con formazione di NADH e l'intermcdio tioestere

LJ

7l

e liberare il residuo di Cys; questo - Tappa 3: l,ortofosfato attaccail tioestere per forrnare 1,3-BPG da I'enzimaed statorimpiazzato un secondo ha spostamento luogo solo dopoche iINADH a abbandonato partedell'ortofosfato : NAD* (la cui caricapositiva facilita I'attaccoda

lgg*f,,#i,'o
(4o@o t! l^a

<-r uS -l l- N R D H t H +
t*
I

lr

P;
+

i) ll

H -C- O H

Ho - p:;

,0fl

-+

tH+ + us]fl-rv+on
(\rqD+

I
I

ruo Po^a

H- C- OH

cFr20 ryA, ,\\ il'

OH

cHz0ftU'J . 3- S P G
Acroo -l,3 bir-o N\D+ rif'orna- od
aFer().l

LfrZIN FNSDI FC6rCRI


(rfi6o*,c,rt,,rv" P, F

A1 // lt

4t

\ I NJeoH<-4 -F{+

Hs -\*

G'U

r.\qo+ nel cr\oest t=t{ifur':cq_

NH +H+

(ofhrcrveruk 6yi rc.berccm,pe. a $retra-i)

in alto potenziale di trasferimento del gruppo Lrenergia rilasciata dall'ossidazione si conYerte tioesteie. che conserva morta dell'energia lbera fosforico: le reazioni sono accoppiate dail,intermedio rilasciata dallareazione di ossidazione r -,t- ^Crelzionedianlegamecarbossilfosforico(andrtdico)adaltaenergta (11mila caVmole)

ACP

$iP

1,3-BPGA /-

3-PGA

AGo' = -2000 caVmole

(R-)

fosfoglicerato cinasi (PGI()

pu anchetornare indietro trm *i bilancia cori la reazione precedente)

{J il

?nf.EGGtnto
iL Bi L R f . ) c l o

g*

H _ C -OH I CH OPO:' r.3-BPf-;

oPO"2' ADP
\* i ?)

ATP

COOH H _C _OH

<__

trer<

I
CH_OPO-223

3-P(-+-\

dell'acil fosfato det'l3del nasferimento grup_p_o_fosforico fosfogricerato chinasi (*crc) sdtz,rizz.ail La q"inai ATP c 3-FOSFOGLICERATO' vengono BPG all'ADP: i prodotti d reazione'ooo' reazrone molecoledi Ga3P' per cui ora da questa si erano f";;;t p."r"rr* Si deve tenere "t " prodotte2 molecole di ATP' IlbilanciodiATPaquestolivellougualeazero-)2consumati,2prodotti

72

L_n 3-PGA

-*
fosfoglicerato mutasi

2-PGA

AGo' :0

(R.)

(PGno

CCIOH H I t--

I _C

COOH
I

_OH

- c- o Po ;
PGM
-

l)-

cHzopo32' 3-PGr.

iL

CHzOH Z-PGA

L-r
L

2.PGA

---------------> PEP
enolasi
(idroliasi) -> De,g\iAsl

AGo'=0

(R.)

AA

l_ I L

UULJ11

'

C N OH H2'3

I iH ,- c -oP o:'
t' t_
UlI^

---zt-------Ncu A5 r

C O,zPC:'
t, \ 3

ar LI

' Lr
J]I

l. "*?

,oaonuNcL ruioRrco (.rsou"<-t_7r7,.)

tF T
I
e)

1-FGA

PEP

Con la rimorione di H2O si ha il rimrneggramento della molecola: l'energia viene ridistribuita nei vari leeami. prvTleqrando ll lesame enol-fosforco (= l5mila caVmole, l doppo del precedente legame ptrofosfato). Enolasi: -> come idroliasi nella via glicolitica -+ come idrosinteasi nella via gluconeogenetica

PEP
piruvato cinasi (PK) (fosfotronsferasi) COOH

PIRIryATO

AC'= 7500- 15000: - 7500caVmole I (N.R)=) rRRrVERS,Rrf.

CO O H
ADP ATP

COOH

c o.-PO;ll
CH, PEP

c-oH ll
CH,

C= 0 CH, PIF'-U\-.{T(f

@-, v
tu SiLnucto
P o S itrV o t 7 r LTP

glicolitico. La piruvato cinasi Gfq un enzimaesclusivamente

t r l

PIRIryATO (chetone) PIRIryATO (in forma enolica) PEP gruppo fosforico del FOSFOENOLPIRIryATO (PEP) dovuto L'alto potenzialedi trasferimentodel Quindi si forrra principalrnentealla grande forza motrice della successivaconversioneenolo-chetone. di generazione ATP PIRIryATO con la concomitante Bilancio energetco: * 2 ATP

73

GLICOLISI = insiemedi reazioni esoergoniche : nei E56RGIA LIBERA contenuta legami di unamolecoladi PIRWATO : 315mila caVmole nei E1I.ERGIA LIBERA contenuta legamidi unamolecoladi GLUCOSO 686mila caUmole A Go ':- 56m ilacal/mole

energiago-\SERVATA ='19!!? ENERGETTcoRENDTMENTo 56000 energiaLIBEMTA

=26o/n ^00

NEL GLOBULO ROSSO:

F1 .68 P

I
DHAP
---^--'Ga3P

L 5ESSn R^lrEtuo, \:N;lolJl

o
tl f, v ^-^ 2Ul'u, ---.-----,

COOH H -Cr-.aOFCr"

j
1,3-BPGA A-DP I I \
\--\-----l

[ TJ -.{ v -aH f r

\{
l:llU

1 cH-oPO^2;* e3-B
2r 1.1-BPi-J

I
^ ., ^ - ^ 2 Ln2uru3

:.3-BPfJ-\

Ar P o l

./l

/l

{/

3-PGA

Occhiello metabolico proprio del globulo rosso BY-Pass det 2j-BPGA ( alternativ a mdab olica) Rientra in glicolisi, saltando laProduzione di I ATP ;

2,3-BPGAsileganellatascatraleduecateneglobinichepdel|'Hbel'oznonspupilegme. stessa proteina gn?imatica con duplice funzione: sintesi e disfacimento di zJ-BPGA ad opera della ad attivit mutasica, un'altra ad attivtfosfatasica,*it"i"t" loesempiodinroteinabifunzionale.nonancorachiaroilmeccanismodiregolazione

I I
I

Ga3P

x - Hr

&ATTATO)

I gtobuli rossi forano grandi quantit di lattato

REDOX CYCLiNG
NADE + E+

(PTRITVATO)

Solo nel globulo rosso(no mitocondri!)

qur Lfl 6[eotlsr6'5il?ft ftdft&Ottn

I.3-BFGA

74

Sr o 4oCr4 J rl r'lAO" ftrr'l?-rJn^J rf{ ni r? er;! ; - vl 4, , I \

AT.TF"RNATIVF" METAROI,ICHF" DEI,I,'ACrI)f}

PTRTIVICO

cl r,rti
c = cr

(,r /,/rrtrr dA D , (hrrr

ll
\

\/
--:4-1

lr, c -oq

I i cn,r'{t
i t n,inl
-----::1J.!.1--

i,,@
Gr r cr 1 f

C ONEOGENE$I GLUCONI

CO OH H _ C _ NH,

cooH

1..
l'

+ HADH E+

HAD+

cooH
H_C--OH

c =0

l-

cHl .\L-{NIN,+.
,'llo di congiunzione tra ,tabolismo elucidico e azotato

I
CH

\IDE + E+ l{AD+

CH

PIF'_tn-A.T{:i \

LATTlGs de.tif CCDH)

L-\TT-{T{)

$o,.o
A CETIL-CoA
Ciclo d Krebs
Anche in questo caso viene rigenerato il NAD*, quan{o NADH frasferiscei snoi eall'O2, attraverso la catena respiratoria nei mitocondri.

1., I
L

iI
I

,@a

il - In vivo I'acido lattico -+ combustibile ideale per le cellule nervose (e non, come si pensavaa giucoso). prelwano I'acdo lattico prodotto dagl astrociti, viene corwertito n ptruvato ed indrizzato al I'I neuroni r-ciclo di Krebs per laprodtnione di energia(riduzione) sostiene il funzionamento continuo La conversione da PIRUVATO a LATTATO/ETANOLO aeUa glicolisi in condizioni anaerobie! (si ripristina I-NADI intracellulare)I Nelle cellule,la lattico deidrogenasi [LDE) un enrima tetramerico. i?

! Possibili isoenzimi:
p

-+ -) ->

omotetramero H4 (,rLmK*) omotefumero M41rm:"'Ko) eterotetrameri interrnedi

-+ cuore --) muscoli -+ H3NI, HzMz, HMr

Il cuore si contrae sempre: deve astenersi dal produrre acido lattico, deve indirizzare il piruvato al ciclo di Krebs. Il muscolo pu produrre acido lattico e poi recuperare il debito di 02-

I,DH (Ho) ha una Ky altissimq per cui I'enzima ha una bassa affinit per il piruvato LDH GVI4)ha una Kp1 bassa, per cui alta afrinit per il piruvato.

I'l$

Quando si verifica wa lesione (es. rothra fibrocellule cardiache) si liberano nel plasma proteine di sortita proprie del tessuto: queste permettono la diagnosi di alcune malafte -> ad esempio, il dosaggio di Ha e HjM permettono di dagnosticare I'infsrto, assiemeal dosaggio della Mb, delle transaminasi,..Nei saccoromiceti (lieviti) su buccia d'uva -+ fermentazione alcolica --+ da acido piruvico ad alcol etilico (per decarbossilazione da carbossilasi)
viruvato .arrrr uuLJrt decatbossilasi L To o O H

= o
l c o zl
I

-----*

"'

\\,/

IIADII + H+

IAD+

CHpH

-,
alco! deidrogenas
^3

/-IJ

l"
CHI

Acetaldeideed etanolo = veleni per l'attivit (inattivanti) enzimatica

l-IJ vLL

-.

I PIRU\/ATO

A C E T AL D E ID E

ETA NOL O

75

alle condizioni interne ed esterne alla IJ flusso delle reazioni glicolitiche deve essereregolato in risposta regolata in modo da soddisfare due cellula. La velocit di conversione di glucoso in piruvato i importanti esigenze cellulari: l) la produzione di ATP sintesi degli acidi grassi Zi ta proAuzione di precursori per le reazioni biosintetiche. come la Gli enzimi che catalizz(tno reazion rreversbl sono potenziali sti d regolazone (tppe limitant,

R.EGOLAZIONEGLICOLFI

lente): - esochinasi (HIC) - fosfofruttochinasi 1 (PFI(-f)

- piruvato chinasi (PK)

allosterici o da modificazioni covalenti; Le loro attivit sono regolate dal legame reversibile di effettori regolazione della trascrizione' inoltre,le quantit di questi enzimi vengono variate dalle . la prima tappa della glcolisi, ossia il passaggio t,esochinasi lffio_ l,enzima che catalizza inihita-dal suq pro'dptto (GdP)' GLUCOSO + ATP -+ G6P + ADP : I'eltiYit detl'enzima.vie-nq non richiede pi glucoso da utilizzare come lra le cui elevate concentr.aziooi ,"goul-oE ""lltlu sorgente di energia. delle concentrazioni di Il fegato, in conformita con il suo ruolo di sorveglianza (GI0 che tigne i inasi possiede un isozima specializzato, a lun . + ATP + F1,6BP + ADP, il pi importante La fosfofruttochinasi 1-(:PFK-1). che catalizzzFdP glicotitica (enzima sllo$ertco, crrrva sisrnoide)' elemento ai ,"eoffi;;aAlu-ti"

glucoso-+ G6P F6P -+ F-1.6-BP PEP -+ piruvato

ilffii|t;

"JJJI"..,-*. :ffiil;#;H":ffi;;il;*,

cooperativa)' at"*gi*ooo tra loro (interazione le cui subunit^ I :---^^+^


-^1,
a t ,'

"n:ffirff!ffi],.#ffi;ipr;Ai lconsumo ATP)

negativo)' r^ri"lo proc"so(retroinibizioneo feedback ,- -:-:r ilit" -J:lffiHilfiff;:;H;;; il diminuisce la verso li.iffi, r. c'rvasi sposta sinistra' KM -r: A al'D :-I:^- e,di ;; -l#ri di presenzz indice positivo. --^ di AMP perF6p(feedback

-+ diminuzione affinit)- L'ATP, prodotto finale l,affinit di pFK-l per il F6p (aumento della r(M

cambia modo ed destra. in questo verso sposta h curva=si


c-^l^

I
tl
I

(1

[Fee3
Krr

?SdSST&A]-O

-_-+ Id'BISC

fAlPl

ATP a basse concentrazioni substrato ATP ad alte concentrazioni inibitore Perverificarelostatodiunacellula(consumo/produzioneenergia)

CARICA ENERGETICADI UNA CELLULA

lArPl

IADP)-lAMPl

rxP$wns) RrP'x-*no -tv-o-^l;.1 ) ntPty f*n'''t


{

FNF'RGTA VALORE,4 LTO -+ INDICE Dt PRODITZIONT ENERGIA Mplons BASSy -+ INDICE DI coNSrJMo

*",4'fi$-(Hi,foiuurns} nto

76

ll-a
\

l' '@ = "


-ATP n,taihore. ,

Esiste 'n'altra molecola analoga a ATP -> l,acido citrico, tmo degli acdi trcorbossilici del ciclo di Krebs. I Se il ciclo rallenta, I'acido citrieo si aeeumula, quindi la carica energetica della cellula alta. per cui, I'acido citrico inibitore della pF.K-l.

L_i

ATP'ubs\.,.[o

LL_

La piruvato cinasi (PIQ, che czra,liz.zaPEP ADp -+ PIRITATO + ATp, molto menoregolata+ si tratta semprediwenzima allosterco(costituitodap subtmit). rnibizione da ATP (o anche da citrato), che pu essere rimossa da AMP (sistema di autoregolazionecomeper PFK-I). Altri meccanismidi regolazionedella piruvato chinasi:
- inibita allostericamente dall'alanina, per segnalare che i precursori biosintetici sono abbondanti - modificazione covalente (fosfedefosfo)

L L
L_ L_ L_
I

INGR.ESSODI FRUTTOSO E GALATTOSO NELLA GLICOLISI:

Glucoso

GALATTOSO //\ unp6

I ll('r GK I

+caitp'&+gls*ctp G.,,1
diftt,

. -ft{
ATP \Jr

F CIp
I I ltPt I

t_
t

FRUTTOSO (muscolo)

ADP > r;p esochinasi I

,,ot^T.^Y lnr-r-r 0l ri ti i4'pRlrfr';rb,o F_l,_Bp

t_ t_

t_
l_
,-

LATTOSO:

GLUCOSO + GALATTOSO lattasi

intolleranti al latte: carenza dell'enzima lattasi; tuttavi4 caerf,za non un termine corretto, dal momento che una diminuzione dell'attivit della lattasi fisiologica (svezzamento). fermentazione con prodrrzione di: Lattosio -+ fonte di energia per i microrganismi intestinali ---+ ACIDO LATTICO, richiama t{2O per osmosi -' diarrea METANO (CH4) gas --' flatulenza -

LJ

t'1.
,_

77

To#:l1.e,ofPorul\- f GLUCOI\IEOGEI\IESI+ "a


partire da precursori

r* ffi,ofro tl,vY{(? n^ ,'6s,tt{EGGirvr' tg n fflh

vta W;Fc

che prevedela sintesidi elucosioa

non glucidici-

Via metabolica importante, dal momento che I'encefalo dipende dal glucosio come suo combustibile primario e gli eritrociti utilizzano soltanto glucoso come combustibile.

Le riserve dirette di glucoso sono suflicienti per soddisfare il fabbisogno di glucosio per circa un giorno. Durante un digiuno pi prolungato, il glucosio deve formarsi 4 partire da fonti non quindi,/essibile: forte a digiuno,altimenti non awiene) carboidratiche. (processo,
IN GLUCOSO Lavia gluconeogenetica COFwERTE ILPIRIryATO Da 2 molecote di Piruvato a G6P (ma non I'inverso della glicolisi!!). I precursori non ghrcidici del glucoso vengono prima convertiti n piruvo o entrqno nella via a livello d ntermedi successiv(come OAA e DI{AP).I principali precumori iron sluci4ici di slucoso sono: quella - il LATTATO. che si fonna nel mtscalo scheetrico attivo quando la velocit della glicolisi supera in piruvato dalla lattato deidrogenasi. ossidativo.Il lattato vieneN$convertito a"t -etatotis*o degradazione delle proteine della deta e dalla degradazione delle derivanti dalla - gli AMMINOACIDL proteine che costituiscono il muscolo scheletrico dursnte l dgimoderivante dall'idrolisi dei tracilgliceroli nelle cellule adipose (glicerolo+acidi grassi); - ii Cf.fCnnOf-Opoo *" o"lla via gluconeogeneticao in quella glicolitica alivello del DIIAP"ot di modesta La gluconeogenes che avviene nell'encefalo, nel muscolo scheletrico e in quello cmdiaco solo gluconeogenesi nel fesato e nel rene di mantenere i livelli la principale funzione della di aver "rlt,tantoihe ematici di glucoso sufficientemente alti da consentire all'encefalo e al tessuto muscolare metabolichesufficienti quantit di glucoso per soddisfare le proprie esigenze Qnitocondri La gluconeogenesi epatica un processo compartimentato ed altri in comtme con la glicolsi. gluconeogenetici "r"uiuo*"nle - citoso[): esistono enzimi

1)

PIRIryATO (3c)

ca

OSSALACETATO (4c)

r.mitocondriale

(sintetasi)

cooH
| COOH ",o-Ll<z-

f= o
I

cnr
o
PIF'-.^.,LTO

+ coI z* "it-@) lt

11=

E-rriohrn .

=o
*t'2

.v .

' ' :- /

f,3]['x*{illim"^ t'i'i'n-ar PvA


tt.$S$jrytro"r
uuuLl..s

booH
o-4-\

-'l-\ H f...fI I

I'uomo essenziale, (composto : coenzima,vitamina H, idrosolur7e

" --r'.lt-+ |
I

(*@ !fl:ffi":i #iT#P""hco+ anetrotiorentco t


'

,* frt- ,J-

-*jil /^ ., \ : -L -(*.)dt9Pl _ ,/(-vl


,--.rrolizzo-

-|tf;il}}**

r r ^r .,!r r a

di (conspesa cometrasportatore di Co2: la Coz va sul coenzima cedela COz il quale,unavolta carbossilato, ,erp. "*Uossibiotina), coelrzimi: diventare possono Le vitamine * piruvato. I
<arbcssla,si' - fasformandosi e legandosi ad rm coenzima

.-^n L/s

er*furo co' + E-\ioa6-> ADP+ Pi +gbiotiu'a-coz rm-ATo + oAA +pbftrtifa E-btotirf(Q+


ATP+ Hp + coz + PRWATO -+ ADP+ Pi + oAA
1'.1L ivNq}izrilr ltR rL rRGstuRIo C11D50L POi 0lliiu PRi5q(Gro O{lf SERVE ft lesPlTrD Py cnr p# rfIF Siicpi$SrvFhfl] Rr, Elfi fee I Sit fiu ftrlt'crvp,rpiJvRcr,ti-rtr -I P li' fosl",r'.i r F
-"t X----

78

La piruvato carbossilasi un enzima mitocondriale --+ enzima tetramerico, allosterico, interessato da reglazione a breve termine: : - ACETIL-CoA attivatore obbligato della carbossilasi - glucagone -+ induttore L'OAA deve uscire dal mitocondrio e portarsi nel citosol: tuttavia" impermeabile alla membrana osi trmteste'da ACIDO mitocondriale e non esistetm.traspotatorg che possa portarlo: I'OAA, quindi, MALICO, vene trasportato nel citosol, dove un enzima nftne Io "smaschera" (-+ meccanismo di shuttle). nutocondrio COOH ctrosol COOH
oAA tJt^J ffigr:A

I I

I
cI-L{
I

I
C=O

=o

I CH, COOH
I

I
CH, COOH
I

r:r-r-r

t t
L
I

MDltn
I

lp:=:==

NADH + H

i\-=

NAD+
I.soerranr I\Ialico de H {nr} e -----/

,|;*-NADH+H+
,/l;*n
COOH

NAD*

;,1Dt|.

COOH CHOH

I
CHOH

I
CH,

I
CH, COOH _\{i.I\Lq,L.I{-'(j
I

L I

bootr
-{C"NLA.LIL:(I

t_
tz )

GbP

^, pEp+co2 \ OAA *tmfrticinasi *5 rp!16 o'r siur' (.,rh'*; "*) cooH

GDP+ ftTP;ciciordc,al-o

<=rP-rrDP

I
C=O

GTF

GDP

\</
\

,
toz

COOH I C - O .r'PO,.2'
l*t{

?\ I

lr2

COOH {1_L\

PEP

cre *?F \/)ofA tKoKl4 w? tc'c' ' iJ R03ruN cW FoefiSci d urln pfnaur,i0A'rftzfb(0 onn pZRtL etct V t U A e85

t
I

t_ I, I

gruppa La pEp-carbossicinasi catalizzawareazione d decarbossilazione (reazione lasica) e agghmge un questo enzima esclusivo della gluconeogenesi anche fosfato (reazione fosfotransferasica, cinasica): (ndotto dal glucaeone)-

'ig.'!:.fl'?r55 Po'i?hilrE citg ot^*i:fii.^ -- ( c"eernjn6{-rl(n E' vNrri,,(Lta fl\ _OeSjgff:_Ftr--Q"PJ-LlS"a ;t."o'tiliv Y{iltr pyRt {ritP t.lr'r6.7p =-ffF+clr, .oyf, p.r r nrrf.tP, -,"

p +lftq AP+ LO Pyt.r-(r"r+

79 ---a

f I
:

3)

PEP

_-_-.--> enolasi (sinteasi)

2-PGA

reazione inversa della glicolisi

cooH

CO O H
H20 -\'J---------.---+ <*--FI

I
CO*PO23 ll

i,ni-co t,- Po-2' -:r,


l ._

CH, PEP

CH.CHI : -P{:J.\

4)

2-PGA

-_>

<m-mm
(somerasi) COOH

3-PGA

reazione inversa della glicolisi

I H-c-oPo;'
cl-rzoH
: -P{:;A

COOH I
I

u
II

-fl

-rTJ

r-gunun2v? v! l

I
3-Pr-_{

s)

3-PGA

<|-

1,3-BPGA
PGK

reazione inversa della glicolisi

o
tl

COOH H _C _OH

g 4y oPo.2H _C _OH
r-H rtl:r

I
r-rr n p nu3 2 vr r zvr

t-

3-P{-;-\

1-3-BPGq

6)

1,3-BPGA
Ga3P-deH npn2o "3 \ /./ -' C I H _C _OH

Ga3P

reazione inversa della glicolisi

HO -'\//
NADE+ E+ NAD+ cl.

.7 /'"

I
CH OFO.2.
2) 1.1-BPt]f1

H _C _OH I cHzoPo32(-i;r?,P 80

CIi o:

.T

::il r lYti\ i:3*';'l^1'


per azione dell'isomerasi (TIM) lt}+aelle due molecote di Ga3P viene isomerizzata a DH'{P

. A Ga3P +DHAP T/+-i


aldolasi kinteu.si)

F1,6BP

reazione inversa della glicolisi

cH^oH
-lj- l ----- 2 -5 ) ' - - - t- .l D H - \P C=O CH-OpOl-

cHzoPoi'
C= O ,',-HO _6_ H

tl

i_
t

*
F{ ol - \//
H -C -o H CH opolrro V pt t F6P r-(.-n:ar, I O,s n,c itst?ir.sr /-,, ^^-l) t

H- c - oH*
H- c - o H
2 F-I'd-BP

rcl -{_ia3pl_cHppoi?

l1 t

f ,'
f

-,.+
tB) F1'6BP

reazione irreversibile!

cDilf,F

- (-+,cof
cHzoH

cH^oPo"2-

F
ts

I:^'
\-u

J=o
s2o Pi tto-cH

Itr rl -h

Ho-c- H

F I
l, I

r;l

H -c- oH
I H -C-OH
| -

\' ,

H-l-oH
H- c- oH I
!-.r.^2bnroro{

[
I t J ,
n f

"HzoPo;F-l'ti-BP n pf t(t \ + s]r"ir]'l '*'t'ul'to 71 / *69 "q inversadellagticolisi reazione

F6p

J
! l, t

;;\

>

\
m

al Sela gluconeogenesi st massimo: -e<i

^rrr^^on-,J Glucoso t t G6P-fosfatasi

rzo F /

A
K*44'c''q

r
r gstura._+.iniuzio*,0:l1.t.l::::1"::il'*"j:igricogenorisi r cLUCAcoNE _+iperglic
TL ,IN S I J L I N A+ i p o g l ice mml +i n d rrzi o n e dellagucotisiedellaglicogenosintesi t,'
: lr

81

It t

F6 P

eveoueeeeUst fu-->

Eutcqeou

,:,tnlp
PKf}

F2,of
\ AFr,l

E?./

It

5u l., Li t.,f

T2, 68P

F4,6 B? lt v
.7 __

GLtcr utSt

;ntrjna lP/ lPl li\

tre6BP

-a

E
- Pvr a r vve r

uf GlticopaoGru6r Pu'f ygorR RGfiJTAofvctlE '9a (,Ltvt DVLSJF-f-(d

S$$'Us;

P,n PyR-*o$fi /nt\nrt;ru \

PoCCSSo Drk6ucnJro.d tlnvtJ 6.1Quesso

Enzima fosforilato (per azione cinasica di pkA) -+ spegFeI'attivit fosfofruttocinasica -+ attivit. Enzima con Ser Ubra (per azione fosfatasica della fosfoproteina fosfatasi)

ll

ei

F_-

tI
I

.s'

CICLO DT KREBS OCICLO DEGLI ACIDI TRICARBOSSIICI

I- - -i- --! CICLO DELL'ACID-QCITBIEq l


glucoso- Ora I rUUiu*o visto che la glicolisi raccoglie solo una parte dell'ATP che si pu otteneredal L:orninciamo ad esaminarela trasfonnazionedel slucoso per via aerobica, che lafonte della maggot parte 'ell'ATPprodotto nel metabolismo +.ttraveiso il ciclo di Krebs si compie'ltossidazione completa dei derivati del glucoso a biossido | di carbonio (COz). LI

nutrient: aa, acdi grassi e dell,acido citrico lavia comunefinale per l'ossdafione dellesostanze i :l "i"to corboidrti-+ la maggiorpartedellesostanze nutrienti entranonel ciclo comeACETII-CoA L
(intermedio comrme).

dell'organismo . in condizioni anaerobiche-> si converten ITTATO o n ETANOLO a seconda : in condizior:daerobiche -) viene trasportatoneiMITOCONDfuI
-1) All,interno della matrice mitocondria;g il piruvato yiene decarbossilato ossidativamente dal bomplesso enzintfrtico della piruvato deidrogenasi:

SCIIEMA GENERALE:

piruvato + CoA + NAD* -> acetil-CoA + COz + NADH + ff

a COz 2) L,acetil-CoA entranel CICLO DI KREBS e viene OSSIDATO completamente

t
-tf u

- 50

t
t:
lJ t

.4)
/l a-l

: ...Compost fsforic ,.adalta,nergao ComPosti ' fosforici . bassaenergiart


CIucosio-6-frs[ro

'.

I prodotti della scissione di un legame ad alto energetico sono pi stabili dei pt"*i"t" substrati (hanno pi forrne dl fi56nanza)

: --

- 30

Ho- fP s. '$=,^no- + Qtt.r'tm"nte e

-20
-'l

I
L-

- | ,--t ( ll iecro Io-J -fbsf rtr it

qhtoor/ro.u?Q-'tJ-a!''rcSultuppox J, p".c51t*'.' erlbd'E'r (o,t*"fr"- e- u-cu d QD- urc:tscxfl.o-

+ ouoaryuc_e) 83

Trp soloconunapwte deIla sua degradazione

da gluco$enetict

Ir" I c:'
LS"t
\ti

l nr

Trp g[ucosio

\,i

degradazio"u \ A ft

t*

gJicalisi

PIRUVATO
per di La degradazione aa chetogmici e di acidi grassi,non passando il piruvato, non contibuisce alla formazionedi glucoslo.

DESTIM DEL PIRIIVATO

ALANINA
t
ttansatninazione

LATTATO \\ \
\,

/ \

ri&,uiona

PIRUVATO . i
; / / /
/

cdr5osfllazlone

\ \

decarbosstazione osstdafiua \ Acetil-CoA

OAA (gluconeogenes|

_ DE CARSO SSILAZIOFI-E OSSIDATIVA i piruvato + CoA + NAJ)*+ acetil-CoA+ CO2+ NADH + ff


piruvato deidrogenasi il Questareazione irreversibile e costituisce coilegamentotra la glicolisi ed il ciclo di Krebs.

Il piruvato viene tasportato dal citoplasmaal mitocondrio ad opera della piruvato translocasi, attraverso un - sistemadi simporto. cherichiama ancheioni I{ all'interno del mitocondro.

coz coo I I
I
t" I

coc-,s/l t.----

C=O CH^
J

NADH NAD+ i"PF,lrpoatc F,4D a \ ,

+ n \ /, -uor_

co nry I*s so p,irJlufo de idrcg e nasi

tr
I

fgJ+sr+g3J

I
Ft

t-3

piruvato

G't3,qr\/w

acelil-CoA

r- Il complesso della piruvato I regolazione:

deidrogenasi comprende 3 enzimi * 5 coenzimi + 2 enzimi di

l- - nt : piruvato deidrogenasi - E2 : diidrolipoil transacetilasi [ - E3 = diidrolipoil reduttasi


- - 2 coenzimi non legati a enzimi

coenzima; tiamina pirofosfato (fPP) coenzima: lipoammide \, coenzima: tr'AD r'o"rr"o,.^",*


E- tA PtlL u heiik

+ NAD -+ CoA-SH

-+ accettore di protoni H -+ si lega poi all'acetile

$ ; - 2 enzimi di regolazione I i t

-> proteina chinasi (perfosfortlazione) * proteina fosfatasi (per defosorilazione)

f , La
I / -

conversione di piruvato in acetl-CoA costituta da tre tappe: 1) decarbossilazione 2) ossidazione 3) trasferimento del risultante gruppo acetile al CoA

Queste tre tappe devono esserre accoppiate per conservare I'energia libera derivata dalla tappa di - decarbossilazione che rende possibile la formazone di NADH e di acetil-CoA.

85

-*

C +r-a- IJ* E g'511o$o acl'do,

@I

c !o

t.-"

-'.-" ''-.

rF

PeRJ?i _:l.rc( it+ e :r tusfpr*o;n $yrbonisve c.rnpo*o


CIJ
_,\ -t

t cH3

u'g) il

CD
i^-:
\

\--rl

PIRUVAT,o.F

oddigqne
IDROSS\TIL_TPF

Il piruvato si lega al coenzima TTP (legato all'81), gne al corbanione che si forma per Ia ionizzazione del C posto tra N ed S: il carbanione si addiziona facilmente al gguppo carbonilico del piruvato. Il composto di addizione viene immediatamente decarbossilato -+.forme di rsonanza di idrossietil-TPP.

l-lc

& t au-

roA

------------

,t^;l *-t)rt

\DROs:\gT\L_TFP Et 6. teqg},t>o- , n S.c.to i.ni:eolol


della lipoamide, che viene ridotto alla forrna disulfidrilica).

\-/

l(

CAReNrorb=
TPP -L

^^--\\_,8 \\L-

URcRH\t

alla lipoamide (l'ossidante i gruppo disolfuro

US

H5 - a
\

G n->u +
G=.erMA A

r\ /' t3-\,r'ur,/

tt O

,ra {IR

,u,=\2 cr{3 i.o '-- // \ -.


HR crnr -GA
b{ \ oR'\\'Rbt\F,

AGrrL-

\,RAH\q

Il gruppo acetile viene trasferito dall'acetil-lipoamide al CoA -+ acetil-CoA Il legame tioestere (ricco di energia) viene conservato.

La lipoamide deve essereriossidata per essereattiva (E2 non pu essereora riutilizzato), per cui:

hS

FS \

trlO+

hR

+ rFo

?1
;{

+ FDtlg

(i

$tA{+t+-+

Quind: - Er e Ez -+ formano il prodotto [acetil-CoAl - Er e E3-> riportano alle condizioniiniziali atte al lavoro

86

n un complesso enzimatico della

piruvato deidrogenasi:

| 'n, dmero ug)

. 24 Et (tetramero s.z12) -8Ez(trmero a3)


sia con Er sia con E3' 82, dal momentoche devecomunicare nucleo del complesso formato da [I e di Er' di E2 circondatodalle copie di Er tr;;h" da 3-domini: Ciascun trimero d Ez costiuto Iip oamidico (lipoamide-lis ina) N - a1l, -ter minal e wo*i"io un dominio che interagiscecon Es ;** - se;ue un dominio transacetilasico

EI der compresso e di E; * quare situato arl'interno co2) viene decarboss*atoner sito attivo il l"prodotro 1) Il piruvato tar"t ul"" ti*"""rro ",ri viene riberato ,d^rr';";;i; I collegatoarrasuperfia" "',"o"i* canale in E1 iipoamidico nel iJJ"*i"io o-Uttpoit-t'-r 2) E2inserisceii bralcJi * braccio i rpo,-tisina acetilato del ur"n, *-,oe alla ripoamide; 3) E1 catalizza il *."*r*ri-"nto lipoil:ato; braccio abbandonaEledentranelnucleoa"t"Jfrlrsoper-visitT:l;it"aftivodiE2 liberato; il braccio di fi 1z'f'ootto) viene acetile .ri*" t t t"rita at C";;l;;;Jtit-coe 4) l,unit dell'E: Iiina rtdotta si spostr al sito attivo .rql *AT)

;ffi'*

"q"...:P*fFl:::*:::TH#ffiTi:tiii"tm cor I 6i prodotto finate NADE generato


un nuovo ciclo direazioni

per riattivata Hpoamide pronta ra

ro'ro:jlHffliJ":l:il- di La prossimft un enzima

e di reazione riduceal minimole

H
rl ft

enzimatico inibiscono la reazione: di reazione del complesso concentrazioni di prodotti Elevate transacetilas ga) - l'acetil-CoA inibisce il cJmponente (Es) _ il NADE inibisce v liiarotipoI deidrogenasi pirtwato col4e:lle del componente pqr' la a! t9so-lazios-q'-' folTgdone inattiva il complesso' n nrincipate mezzo

'

REGOLAZIONE

(nelleprime fasi della reazione)

ooo.ffiffi*irr* d"'';i;1.;;-i complesso (Er): r.-roffi.it;ioo" deidrogenasi ro rortor""ione -+ inattivazione acet'-coA : dt +Tp;iro**orro L'aumento di NADH, la chinasi*> attivazione complesso Il piruvato e l'ADplioini"ooo provo-candoun aumento della stimorano ra piruvato deidrogenasi, la fosfatasi --+ ormoni come ra vasopressina concenyryt"-"" r mitocondriare '.ttiv* citosorico -+ ;r*"r;, concentrazione der ct* deH -+ attivazione del complesso' specificache defosfo"Jlt f"pi*""o Quindi: . - - ^^6Fnr. a -,r E. (inibizione) -r daNADH e acetil-coA

;*:';n:

fJ'"Tf^ffi1t,"'

(rorma a.chinasi inattiva) + rosrorilazio*


+defosforilazionedafosfatasi(formaattiva)

cHrNAsr su _ ALLosrERrcA regorazione 1$ffi**';rru


su FOSFATASI-+ Ct. llaattiva) - regolazioneALLOSTERICA

ilti""!;'*:"
87

sono alti Risultato: bassaattivit se i rapporti NADHA{AD, ATP/ADP, acetil-CoA"/CoA ad altri scopi) (non serve br-ucisrepirtnato per ottenereacetil-CoA, maviene indirizzato V0soPResSiPn ->Ca*?Ll':'; ",p
[r
,i

* - ___S

cl

Pyruvate dehydrogenase inactive

.'ft.

.'

l-ll\lfi.tlu / --"

PATOLOGIE ASSOCIATE A CARENZE VTTAMINICHE: e la sintesi dell'acetilcolina. della piruvato deidrogenasi - vitamina 81 (tiamina) -+ se manca" si altera della transchetolasi. neuronale, mancanza di controllo motorio' Partz atassia, confus;ione mentale, disturbi nella trasmissione di riso brillato, che porta sintomi neuromuscolari' Si parla di "beri beri", malattia dovuto a consumo (dermatite, diarrea' demenza) e a malattie da malassorbmento - niacina -+ la sua cafenza potta a pellagra (soprathrtto negli alcolisti e negli anziani)'

TTAMTNA prRoF,osFATo

(flpp) * coenzimache deriva dalavitamina Br (tiamina)

NHa

lo
\"

o, ,f--C tr t-l \?

R=r\ (ree'
i :

\:LcHztjo-oCt-la . \JI: \--' \r.arclrca onelLo h.a:clrca


n

cHz -io -.P-o -P-o


i ../ ,i
r-/"

or r

o n

R = cH- crt
OH
I

(dvcy

-- - s\!. \5'

di Lys dell'Ez LIPOAMIDE *> coenzimalegatoad unresiduo red/ox durantela reazione priOf"gT"- { *nO",""^CfO ch pu essere Ha un guppo dir"lfird;h; " ne escein forma ridotta lnterviene nella reazioo" io fttot ossidata'
t

a, -

\ NH - Lq 5- E. I
t

ost"clqlo-

/'Q tNi* - L.lg -Ee,

I C=O t

ndol*o-

GLICOGENO elicoeenolisrI + GLUCOSO


glfcolsi

TRIGLICERIDI I trrottn I AC. GRASSI

FROTEINE i l' I proteolisi

AA CHETOGENICI

I FIRUI/ATO
e*ninazione e ossidazione

ACETTL-COA

CICLO DELL'ACIDO CITRTCO (CICLO DI KTIEB$ OSSIDATWA


'acetil-CoA nei mitocondri in questo modo entra nel ciclo

viene speso GTP. un percorso ccltco, che prevede al termine la ricosttuzone'dell'ossalacetato' II ciclo diKrebs un ciclo ANFIBOLICO: -+ ossidorione completa dell'acetil-CoA - funzioni CATABOLICHT'. -+ prodrrzione di coenzimi ridotti, dalla cui riossid"zione possibile ottenere energla

- tunzioninnfanocm

-> produzione di intermedi per la sintesi di molecole biologiche


6oP+P. t PYR . otsjt,-1 e- ,F-r:a{

pyR+cor. op .oo_ ,ro\-, "'\.'

*,r.euo pr;.-.
.tf-:
,.0-"" q-+r
cno' ,/

. "1:.pa.r,-

i;:

*t'

"llin..": ,,/'o-* J1.t,-q1! s

''{r'rr o.,.,5.GA

',
lo-f,--,

'-9nn nto
\

":l'-_'t --,'"-'-ton :: "r': " L@'

-, tc't-to*

cod

.o$i--***nrur '.si-->g[oH+H'
' N A *

''a, ) -trJ'o fo

l.-"

}{oltlfo
./ -

i n , ,/ /

t;.i\ i ' ' )t i'{tt''i t "ar\


.\J

,--' ,

9(
iu' i r."

N A O P n r Hrtttg - ' /

,,.:;4wt\.

crrRro ...1-c*' ClrRo -. ::'."..

F0HfiGflo - atr ''"t;"'" 1 '\ ( -"o./crl.r \"'/\* -zFh1tl, -.r^o c,,< Yr-Grp f: .u.)irro /16rP

l r.r Foo- l tc'

:?."*.oi"'crilf,-,iio,o ,. -..,
tilrrt,o ! " ti'-,,,' i.tr// runo'* NnR' ,so&r6^* "t''"'ro;rrR'crc .tl , 'i'

;?l

ii,', '"'*'V.-fgr*0, \sry* - ,*on ilsrr+ ''"\ '/' 1,.;"n'J r'fD *8,
t''V,t succtij|L'c'tn
o.. ,s-GA
I.

unou'r-l-oy-)
.t'"!!i'< H' *
!^

:: ':
':

^.. . t' ossnuc'unro


!"o c:(
{'1
{41i'

";Fo+tl
u" L I

U,KA{
c oo'

9Hr
C t{ r

Gr

t -t tt ., L ,).; cop-

Cao-

r-_

A6*;lEact"$ffi
t

oAA + acetil-coo

L:
"@ c
OAA

",..o. =>S {

**t*

crrRrl-coa

------->
idrolisi

crTR.{TO
:

5I?+/^# i i T,*
(z.: .3l)
CITEATO SINITR5t

G) Q.S

Cco-

l+- c )\.

r+z ,t#-cocI to'

= o *.,o c

CHe

c -oH
I

HO- c.- CCOlds.('oRAor,J ir<-w? ffl{}ff ;r0o6itj o ;rra R 0u

CHt

Ac-r\L-CoA

-Ocfrtr
CJTRIL- CoA

CooCtreATO

ne di una nolecola a aC (OAA) con una molecola a 2C (il gruppo acetile dell'acetil-CoA): (senza I'OAA, I'acetil-CoA non si reagiscono L C carbonilrco dell'OAA e tl C metilico dell'ACEIII-CoA -potrebbe attivare)seguita da idrolisi e reazione di condensazione aldolica determina la formazione di CITRII-CoA" formazione di CITRATO e CoA- La reazione catalimatadalla citrato sintasi. enza energra si pu passare,nei mtocondrl, al citril-Co,A* punto fino a cui la reazione irreversibile. Per tornare indietro bsogna essere nel citosol efornire energia. Per cui: - nel mitocondrio -> la reazione imeversibile - nel citosol -+ la reazione reversibile, fornendo i due substrati, ATP e un nuovo enzma + clrR{p t{.qsl La citrato sintasi presenta una cinetica sequenziale ordinata: I'OAA si lega per primo, seguito poi dall'acetil-CoA- Questo legeme ordinato dovuto al fatto che I'OAA nduce tm importante riarrangiamento stntthffale deII'enzima, che determina Ia creazione di un sito di legame per I'acetil-CoA. Passaggio dell'enzima da una forma aperta ad una forma chiusa. La citrato sintasi cataltzza- la reazione di condensazione portando i substrat molto vicini, orentandoli e polarizzando specifici legami.

t(

E
CITRATO
o.T\zO
#

- Es,g+ ES =
iiG

+P, -+A +F.t i---:-------

CIS-ACONTfATO

+,'l5,iod4n& t.o

ISOCITRATO

aconitasi

idratazione

(lasfi
deidratazione

Cco-

- OOc
Hzo
AeDNr\AE

\./

+
H2f)
t

"_.fl : - c-ay
i

I.. C .OFt l
a

Ccot.,----|
,- - - - '

It

Cr z

- @c

//\

=-

- cDc-C. =H
t

.,,-.:

CHz
I

ACcnntAEr

CrcQre+_ro
rr,t [Ot-t Ca)

flz

@-

m-

Os-oDNrrrqTo

lbcrrreR-co

(ou a..rc-z\

IJ gruppo ossidrile terziario non localizzato adeguatamente nella molecola di citrato per permettere le ,ui""iitu" decqrboslazon ossidattve: il CITRATO viene, quindi, isomerizzato in ISOCITRATO, atgaverso unatappa di deidratazione, seguita da una idratozione, reazioni catalizzate dall'enzima aconitasi (si forma un interrnedio,ll CIS-ACONITATO)L'aconitasi una proteina FeS: contiene 4 atomi di Fe, complessati a 4 solfuriinorganici e a tre atomi di S (da 3 Cys): viene iasciato disponibile un atomo di Fe per legare il citrato e, quindi, I'isocitrato attraverso i loro gruppi carbossilico e ossidirilico. Questo centro Fe.S facilita le reazioni di deidratazione e

ridratazione.

71ffc-\5

=) rDR Z,/D Rnnz I in e ,

er,rztl'tfi t' /tr:Mtnsr Ur,j +Hft E l{r:ofutu6trfr*16Lfuuztowt(


\

91 => Prmnl

btqg+

NflDr{+F\+

+,+

3) ISOCITRATO \
isocitrato " deidrogenasi

ossAl,osucclNATo - @c,

4cDz \--7> a-GHF.TOGLUTARATO

oF
t-\

- COC -c- H
\

Qfi -o1!t
cRz
I

N
\fCtlRA-VC t-l

<. -H
i

C I

//O

*cOC.

\</l O
Cf.lz
l-

CHZ
I

CHa
I

GcoO(_KG

Coo\bc.lraftTo
Questa L,IS'CTTR-TS "im l,ossALosuccINATO, CHETOGLUTARATO

CCD*
()S1A(-D$CqJI\'ATO

riofio aNADH + If; in questare"ione l'intermedo w p-chetoacido nstabile: mentre legato all'enzima perde co2 per formare a(aKG)-

Se il rapporto NADHINAD' fosse alto -> iduttive, soprattutto del colesteroloe degli acidi grass. ,n nL i;Jitando le bosintesi
I !,:-: -r--: \

4) a-CIIETOGLUTARATO+NAD+ +CoA+

SUCCINIL-CoA +COz +NADH


Vv*
1'ocr,aqo )r - tA Fr,ot.,) 1;-6r t;* ,*.ri?i: R.\,T;ilLf&6o

cl(G-deidrogenasi -n*rrrru=er@r

o
ctl -

SJ-ro CA-

Cmo(-KG

*.

Dr{

" toccrr'tlL-C

ossidativa del ciclo' lda 5c a4Cl dg.caEbgisilazione Questa la seconda reazione di q"frl d"l piruvato' dal momento che si tratta in sioril" La decarbosilazione ossidativa d"U'a-Kcffilto " secondamolecola di O2 e un'alta molecola diNADHentrambi i casi di o-chetoacidi. Viene prodotta la piruvato deiilrogenasi -+ complesso formato fla J snzimi: L'a-KG deidrogenasi un enzima simile h

- Er f coE TPP -Ezt coE lipoamide - Er * coE FAD - * coenzimi liberi

stesso meccanismo d'azione, ma diversa regolazione

di 2 molecole I1 primo obiettivo stato raggiunto: la liberazione Si dice che non derivmto entrambe dall'acetile' ma tma dall'OAA). ossidazionedell' acetile (/e 2 fi"olecole

di COz' equivalentq alla comPleta

92

-s)

+ SUCCINIL.COA Pi + GDP

-r AG : . .* *,1..''...j..1.'"tt e ii::""-" I 1:- - . .I SUCCINATO+ COA+ GTP


succinil-CoA sintetasi

Gg - s"-a,,o
I

(troCr.tz
ElcclsrtQetr
I

cmEoccrniiL-CcSl

Cltz I Clt2 i

E\\\\G>\

l -L C$z t-

(oH

CCO$qcr NRTo

* Unico punto nel ciclo di Krebs in cui si forma un nucleotide trifosfato (GTP) -> usato come fornitore di energia in alcune reazioni, oppure converito in ATP (secondo il meccanismo di fosforilazione del substrato). - Il succinil-CoA un tioestere ricco di energia: la sissione del lesame toestere del succinl-CoA accoppiata con Ia-fosforlaztone di tm nucleoside difos-fato (GDP).

I La succinil-CoA sintetasi un eterodimero a2f z L -' subunit u : awolgimento di Rossman (sito di legame per il substrato) -+ subunita p : ATP grasp ] di questo enzima un chiaro esempio di tras-formazonedi energia; | il spostamento del CoA da pae dell'ortofosfato, con produzione di succinil-fosfato (anch'esso ricco di i) -"""*ismo I energia) His della subunit o rimuove il gruppo fosforico con la concomitante formazione di [ :1 "" residuo di e fosfoistidina succinato r i) il residuo di fosfoistidina ruota verso il nucleoside difosfato legato e vi trasferisce il gruppo fosforico
L

I iLa L il

partecipazione compostiricchi di energia a tutte Ie tappe aftestata dalla reversibilit della di


reazione (^Go':O)' i

I
I

_1Sesi isolasse,questa reazionesaretrbe reversibile: cos si spiega iI nome dell'enzima ( stato dato opposto,GTP + CoA + SUCCINATO -+ SUCCINIL-CoA + Pi + GDP). nel ftonsiderando la reazione senso
Si passa, quindi, allo stadio finale del ciclo, che prevede la rigenerazione di OAA: tutte queste ultime , reazioni riguardano composti a 4Ct6) 7) e 8) tutte reversibilil Un gruppo CIf2 vicne convertito in un gruppo curbonilico (C:O) in tre tappe: - una ossidazione (FAD dip-) non solo viene rigenerato OAA, ma viene anche estratta - una idratazione energia sottoforma di I'ADH, e NA,DH - un'altra ossidazione (NAD dip.)

xeortT

SUCCINATO ;:.--+

FUMARATO

succinato deidrogenasi

C,co
H *L-t.
\ k1 ,-!-ts
a. I t

,/-

m c\ Ft.."

\_

_/>

-gnrl t- HrLJ't t Z

\-l \

,C /cco rl

<-5-\rccr PPr'o st+

0 0c

H
93

GD-

Fu HRftTO

"::::Vr"Jix:"#.:::ll"1h\""::,I:'fr #f desti ;::,#:K:,?'i:# ff-"9ffiTJ*'*il*f ril;i;;1"1"1*'i""'il#l;r"i".1#::1ry#irl,:;::;;,! iaspo''n e' che


(d"iq?g":f"fl; FAD Ossidazione dipendente

*:ii-*::,::'n',?,n#i,;,:"0:;T\i::;#";,X;;;;;.;:;;";
7::'::#;T:i::,;;"#";;;;i;i;d'i't'erormazionediArP)
v,***i'q,r"*ti reazione non sl olssul;rir u4' tr FADE, prodotto dalla finale {s[t'snzima' L'accettore dal FADHz ti ""o'iioS
vedremo-

trt d{p prodottol"T:.i" e- i'":-",il-ffff,l"H:H:*: ij::'i':::::*:l;ffff1'1i|:,11 l'ossigeno molecolare' come 'FADE,


r"\zO

1\

FtiM'RaTO

>
fumarato idratasi :.-_---\

MALATO (L-malato)

t{ r

/CfD-

qlg

qm-

ti
C-

( *"1 c--H
z - - '- \

- OOL,

.H

<q51_t6Af*to
\fiA'\h?\

\ 9C_H

crD-

*"!::!-1:il edi,m forma idroseno srupp:soltanto si fiTiT:$J".Xffi";#(H:i',##i:";4!:{'s,,:'::'di dmarato' p"' "oi il Aoppio**J det ad r";"; ,i ,i"iil"
truppo ossidrile 'i***to L del malato' -rltanto

Fostt*eNlo

L -t\t\p

r'rno+

*DR+

+{+

8)

LMALAT.

(mitocondriale)

l$'gi => , il lls^l-.iil: r/Di u"fi'&-:"*i l,'- llit{frJ,ft es:


GDt{+ $\b$
I

oAA

t HO- C -F\
I

GO_

t-r

tt+
*

C-O
I

H .C -H

\\q*.o-t\
l\

Crz
t

Coo-

LsN/ c l

/- ttn*tnro

CcDOAA

l'e;#;;; '::#r#zdettacitratosintasiet :i,HH""iffij'l#t|":"#djj;:#l%'onedein'"f#; ^ototo deHcitosotica' e.oii;'iioodere i-r;;"r*aegl; NADHdanacarcna

t
I - ' REGOLAZIONE del CICLO DI KREBS dellaglicolis! e si g*"r;h";; ma a mnte verificatala fine regolazione Lp"u d;*";; ;' della Piruvato deidrosenasi!
| -

L;
I

di fn,el"vata conceptr-azionedi acetit-CoAnecessita un'elevata concentrazionedi OAA

E + suBsrRAro ACErrr-coA. oAA 1) orspoNdu;rra, DEL


e,'":#;;;.;ii"J

di rormazioneoAA a partireda che teiu"o""oeenesi) catatizzala

+ re'lolazione

L-i,t:ii#"u1
lffi

'

r f- ;#;Jl"?"i"irr..

D rIYtBIzroIYEDA PRoDorro -+ NADH perch hapi NAD* necessario alle soprattutto non , di Elevataconcentrazione NADH + il ciclorallenta,

dei deH dellamalato inibiscqquella primi ipoo direcI'azione In qualche -oao

l-t"T

crclo D-a FEEDBACT(rNr'Rivfri)r po*rr pru' avaNTrI\.EL rn-rBrzroN'

l1

ll 11 I

i/

t1

r-. tnu
PYR

f
t
t

rvr,-

,,j.rrj,(.:rrr ij, z l\ r r iJ , r lt , y t U"L, ct

t er J I 4) L t ) t {" f . . e U " / f / _ 4 3

I a
I

Ie s

l.

pvrrl"'te i cerboxl/lase I
'ri

PEPc:rrhoxykinuse .r=t\t
n4v

n I litate 'gfi\

PhosphoenolpYruvate

(PEP)

PEP c':lrhoxy'la,se.

!t -Ketoglqla-rat

&
r9 g

ef
ii.,

b nratrc r;l .qR0 I zvme I h I


, Srruva te

slot a.:ol.
x ntri Eona 'Y o.o. 9336,

-> portano materiale da ossidare al ciclo REAZION-I ANAPLEROTICHE (piruvato carbossilasi) fegato' rene . PIRITATO+ co, +-ATp -+ OAA + ADP + Pi (PEP carbossichinasi) cuore' musc pEP + COz + GDP -+ OAA + GTP ' largam.dish(enzima malico) . pIRtuvATo + co2 + NAD(P)H + MAL,A',TO +NAD(P)+ Altre reazioni anaplerotiche: 'DEGRADAZIO|I-EAcIDoGRASSOnoCPARI--+ZACETTI-CoA . DEGR-DA,ZIONE ACIDO GRA.SSOno C DISPARI -+ 7c+Qp--fnA)clirL-+ forniscono metaboliti per altre vie REAZIONI CATAPLEROTICHE -. CIIRATO -+ ACIDI GRASSI' STEROIDI GIUIAMMNA) (PI]RINTf,' PTOT|NA' . OKG -+ GLUTAMMA'TO&DERIVATI _> PORFIRINE (EME)' ASPARTATO&DERTVATI . I SUCCINII.COA .OAA--)PEP--+,GLUCOSIO,Ser,Gty,Cys,Asp,pirimidine Altre reazioni cataplerotiche : + ACETO ACETATO --+ SUCCINATO + ACETII-CoA . SUCCbII-CoA torna al ciclo come succinil-coA' Non si tratta di una vera e propria sothazione, perch il succinato Rende6gta[6|izzabiliicorpichetonici-VienesaltatalaprodrrzionediGTP. G4 ->SruL{-r'LGh

o.b,5-G|l
cl.i,
I

o
+ cHr-C'CtlL coo +
.^ll*" -.."7*
ll

lr"
crl,

l / 't t '.

oO
tr
rt\ u t t,t - \-/ ,

an,
c0 0 "
t

t"

)';
v ,'L

r-,\i

l/
\r . / n ) - [rl]

[-1" - ; .(_ "-i

, , * l-

COO

r'.- r lf, .| \/r \l truUl\\r


I
{/ n'

^ L

L4-l-)':1

,'^

rL l ' J

96

--

LI f_acnrn-coA REAZIOFTE COMPLESSrVA DEL CICLO DI KREBS: + 3 NAD* + FAD + GDP + Pi +'2 HzO --+2 CO2+ 3 NADH + FADH2 +GTP + 2 }f + CoA

G.t UQ..,/O! O^r,'po tttt\ ^ta

2'I SISTEMA PREVALENTEMEITTEUSA

c r tosoL

A LIVELLO DEL FEGATO E DEL REhIE:

l{ foContCRro

utff \{-_/
i
t)AA

.\qb+ \r,z

F{ftLsTO

14elaTo
-:l'is1\u c$.U.

sa*
a .i

c.il

1,:-:+1
CAA I I
I
\J
/ _ FSii <-----

Tn\-{eir

Gu)sM--to

Si=l';i:A-rc'
l1Hist3-----.i\r= *i{s\:\Tr<H"lr

d-re

(nsr)

tL-) ASPAK'A

I I

45PtlR-\ATc
l/

*-*"Jr

mitocondriali di elettroni -+ all'ossigeno molecolare (Oz), accettoreultimo di e (il + avido), che si riduce ad HzO-+ si forma AT? nella matrice mitocondriale- Trasporto esoergonico - I coenzimi si riossidano e possono partecipare nuovamente alle reazioni (gradiente di pH e di potenziale - L,energia prodotta.,iene utili"rat p.r formare an gradiente elettrochimco (accumulo contro gradiente di If nello elethico) tra lo spazio ntermebrana e la matrice mitocondrrale di gradiente' . spazio interrnembrana): trasformazione dell'energia di ossidoriduzione in energia Sistema di trasportaiori csnale dell' enzima" - Ritorno degti nella matrice mitocondriale attraverso F6,ATP-sintasi Qtorzione dove gli If sono inibiti da oligomicna)' si formato sulla FrATP-sintasi' - Il pissaggio fomisce I'ener[ia necessariaa liberare I'ATP che che iu comeuna sintetasi: realt unasintasi dal momento poa alla fl'enzima era stato"ooo"u*"ite classificato consumo] produzione di ATP e non al suo di energia che detta respirazione La fosforilazione ossidatva il culmine di una sere di conversioni cellulare: potenziale di trasferimento f i f. ossidazioni dell'acido citrico danno elettroni con alto convertita in forza motrice protonica 2) laforzzmotrice eletfronica viene di trasferimento del gruppo fosforico 3) laforzamotrice protonica viene convertita in potenziale di protoni nella matrice, produce ATP 4) il complesso ATP-sintasi, azionato dal riflusso : dagli eleWoni" il punto 2) reso possibile da tre pompe protoniche azionate grandi complessi transmembrana che contengonomolti e diversi - NADH-Q ossidoreduttasi lentri di ossidoriduzione (tra cui chinoni, flavine, centri Fe-g, eme e - Q-citocromo c ossidoreduttasi ioni rame) - citocromo c ossidasi

98

* r colleganento frsico _,a CATENA RESPIRATORIA costituita da tre pompe protoniche :nn il ciclo dell'acido citrico:
NADH
I I

t
I

+
NADH.Q f ossidoreduttasi complesso

r'-- I
T
I

Gli e' vengono trasferit dalNADH all'Oz lungo una catena di 3 grandi complessi proteici denominati: - NADE-Q ossidoreduttasi (complesso f) - Q-citocoromo c ossidoreduttasi (IIf) - citocromo c ossidasi (IV) Ilflusso di e- entro questi complessi transmemb rarra determina il trasporto di proton atffoverso la membrana mito condrial e int ernaGli e vengono trasPortati dal complesso I al comPlesso III dalla forms ridotta del coenzima Q,,tdetto -anche ubichinone (in quanto chinone ubiquitario nei sistemi biologici)' L'ubichinone riceve anche gli e dat FADH, atfaverso la succinato-Q reduttasi (complesso T), e'ubichinone trasporta anche questi a ai compiesso

a+ I

Succinato-Q reduttasi

complessoE

c Q-crtocromo ossidoreduttasi

complesso IIf

I
t

Cyr c

I
Citocromoc ossidasi
I complesso N

m.

t
tl

*2

Il citocromo c trasPorta gli e dal comPlesso ITf al comPlesso fV' il componente finale della catena" che

:ffi***i comptessi euindi: pompa proton, co[egamento ompt"s*o ft:no, -"ffi


COENZIMA q

-'llinone mammiferi contiene 10 unita isopreniche

wor*'gffi-ffi ,coQtt , iixi;:';:;:::;:#;:y;#:):-"' L'B\-i Gra-{-* (,,(n.-6H=[iu,);u F.,,\-u q\+R/ u/*#l'ouu; R D$cHttclo
cnlnone

. -,-:^-,,<r.\. l- forma isoprenica.jtt)irf f^mq ni comune uf,u Lutlq con zmaltmgacatenllatLrate i:j:X:*t (coenzima
cutt

nr b4''toler

Q1s)'

i-tata a *o rJiwer.si .stadi di ossidaZiot

B lc Hrrl ON

,),,, \t:,^r
*, Nelcaso

:-Ttlt,I".5i*"nte

t_ J--^ * ,^^; nhotnnj ai (ot,thi chi none) (Qubichinone) ossidat' ff'u'i"?i n3 wwi chetonici radicate t;;:*r#,iJ*rill"rTJ*ir#:H"lJJ:"ffi" vnanione semichinonico per facilit. formare { ox )

QFlr -T-^.Nl.ur-Z]u, *r'o\-/cr: 'I{- ee w#= ^{w. ff"}=,X*


Q ridotta del coenzima completamente

il*" t - se acquistaun secondo I t*.-*Jnfr i suotprotont' -;1",t:-T^l -+trattiene pi saldamente


@bichriolo QH

ffi

brana6 protont.
99
t

-+catalizzalareazione: f) NADH-Q ossidoreduttasi(complesso + 42 subunit


1

NADH + Q + 5 If'4.;"" + NAD*+ QHz * 4 If";6*1

con w braccio orizzontale localizzato nella membrqna Il complesso I ha rma struttura a forma di L, bracciverticale sporgente nellamatrice mitocondriale: ([MN), prostetico del complesso I. flavina mononu lceotide il NADH s'^le" al srupDo

rrce a FMI{Hz grlrypo serie di centri Fe'S' ll secondo 2\ Gli e-vengonotasferiti dall'FMNHa ad una

centri 3) ";{l:::T.'oi questi osciuano.cicticamente flussodi 2e darNADH al cor ":t,-+"(i::': (,r1:!_7K:::#:(:! rI


i Q traspo{tati ar coenzima ;ii ";;i*],,l]q,riooi, a"t*riill-lJo-paggro attraverso 1 complessor
mitocondriale.

di 4 ioni

fuori dalla

e dizioni If danamatrice -> la coppia di e- sul QH: La riduzione di e a eHz deterrninala captazion sul versantecitosolico' o 4Fe-4Se i piotoni vengonorillcifi viene trasferita uArrn const ""rrt iucleo idrofobico della membrana' con ra ,,uirl, ,"r Gli e- vengono i 2 protonilf dalla matrice' captazionei alti "rf#i-;

fa parte del comPlesso L,enzimadercicrodell,acidocitricocheformaFADHr(succinatodeH)

subunit)dettacatenl-t'u"po'to$eelie.(pi"Ti!::Y:::!^::T::f:)"ai i suoi e
;"fADHt nl,
Itentreta
. 1- -^nnella

"wo"a"na +menorfo ^+^ro,li cafera |Ir tlarJur

invce' il complesso:
rlepli ' ]v u"E ' e-.

centri FeS e

Intermembrane 6pace

Glyccml 3-phosPhate (cytosolic)

Altri 2 enzimi cbe

FAD producono
- glicerolo-3P
NADH - NAD+
Succinate oxidoreductsgg

- acil-CoA deH Trasferiscono i analogamente dal FADH2 at Q' formare QHz

tl, E TF =) FlnVoPRoiErruR RntRlnrRt


Dl A'e' ml?')pt

Fatty acYl-CoA

non traspora pro altri complessidetla catenadi trasporto' fL lf comPlesso a differenzadegli a quella del NADH dall'ossidazionedel FADH, rispetto oo.,r"gu"n- si forma meno AT? contro2,5 ATP)-

A r -l.citocromo

|'' - ^- -----

c ossrdoreduttasi (complesso Tff) --> 11 subunit -+ catalizzalareazione"

Q H z + 2 C yt" o ." *2 f-',';" " +

Q+2 Cyts"ia*4ff.;r o*o1

t_ I
I

Il complesso lTf eatalizza il traseorto di e dal QHa al citocromo c ossidato e, al tempo stesso,Dompa brotoni all'esterno della matrice mitocondriale'
Inter:membrsnt

space{rsiile) Un citocromo una proteina che intenriene nel trasportp di lo iione Fe dil un

citocromo oscilla tra uno stato (ossidato).

ttol ad uno Fe3*

Il complesso fTI s6ntisne un totale di Sgruppi eme: b - 2 gruppi eme di tipo b -+ br, e b11ento il citocromo Mskirftisiile) affinit) @:bassie H:alta ct r - I gruppo eme di tipo c entro il citocromo

,j ;'

f"r-roprioporJrinaD(

nei L'eme presente citocroni b e "-t lT:h" T.1 "J-i 1" emedella tlb e dellaMb\ (lo stesso
\/
con un trreaz.ma contiene anche una protena ferro-zolfo perch centro 2Fe'2S (centro di Reske)-+ un po' insolito'

,rnodegliioniFecoordinatodadueresiduidiistdna'anzichdicisteina(e" e Q; i + vicino all'interno della siti di regame per Infine, ii complesso IIr contiene 2 distinti 'ubichinone
matrice). di e- da Q at citocromo c con il trasporto

ciclo

Q -+ nsgsnnismo

di accoppiamento

del trasferimento

all' esterno di Protoni:

;] IT"}JI::"*;*;;2Fe-2s
o**iattq

eo {;T#{{i:;:L, ,no etrasreris:"1."":i " ""T1T:T'^-'.Y:::'T'::#T di S"":liT;c c1-) aduqamolecora citocromo qi


ryl',,^"1:?:.T-o che cosi si riduce e si allontana dall'enzima

3) llT:l,"ff":::l.";.*oi"
+
+)

4);":fffrtT:iliJ'*G;ii"*.;G"a"Ti?^':: " ::xi::::i:1x i*:ffi;


::, -> citocrom:-:t: elettrone-+ ce 5) 1 elettrone -+ centro di Rieske ridotto un secondo citocromo

tiqg!" !i anio1e.1"*"li::::-lg? alla passa forma "n" x*!,:urla seuu'ua rrrvrvvvrsr..

h;;il;-.5-l^)i:y'ne

ner (Q) ossidato legato sitoQi


c

l"o".t -) citocrom';-"tiYJ*,5-l-*"a;1"?nJt3#',lli (rmozione erettrone che 6) L'artro F io.-"' Q'' ;r::y#" ;l=:;;Jo'u"'t*'iee per #lL1Jffi?T*;""::";;#del gradiente protonco)' alla-formazione """tU"X"e

ol rt. - tesero al sito O,- che i

Citocromocossidasi(complessorV).+13subunit-+catalizza|areazione: + ?FJ+O + Oz -+ 4 Cyt c ossidato + yt I .iaotto+ 4 If matce

3 delle quali (subunita r' tr rv Il complesso costituitoda 13 subunita" mt Jo"o codificate dal genomamitocondriale' " eme A (a e a3) e 3 oni rame' I1 complessofV contiene2 gruppi con A e B' ;tp;d comedue centri Cu' designati
di 2 ioni Cu legati mediante 2 residui - Un centro, Cu6/Cu6 contiene

l1i roo*"
L'eme
Lteme

di tirosina)' f"galo covalentementead un residuo trssPorta e- da Cua/Cu1 ^ tfASpOftA e- a CU6 L3

(r dei quari da ione cug coordinato 3 residuidi His

2r.2o i:- -' ,up"d)

Mal.Y: (N8lde)

L,emelreCugformanoinsiemeilcentroattivoincui0zvieneridottoadHzo.

1 01

tlmolecoladicytcridottotrasferiscele'aCu6/Cu6_)emea-+eme83_}CU3,doveilCul. tl Fe vlenc e il x'e viene ad eme a3, dove si fera riene ridotto a o* 1 d _-_r stessa 1 e _+ sressavia fino di ; c ridotto hasferisce r) 2^ morecol"

"# permette ff;jtrH"%"' " "u"':'.j:':': :" di il"';"ffi I #JIH"'J: j "" : un o-o origine e di un g"'ppo Cuz*n-oII"l g?fffiT"e"^:1i5"::x*;".,":":',T"$"ieil1"'B::"Ti i"nJ*" "'l r"t"ol r"Y=o (a livetlo gruppo
,; T#:r,'f*** ro'-"ioli'r";;t4:j1:
allasua
quesnpl

#fffit1lil:i'ortando'i'enzima
of 4' Binding o' "

I 4 r cheintervenr::;#,'::;f,;;#?X,;;;;;"

Y;:";ff'

del allaformazione gradiente ' t"{*iitf,l

di consumo dalta esctusivamentery'"t""'-!I:::: protowco'

to transfer cus ' '-,:"H*:insfer 1.Erecrron


----->

to Fe

9'nffi'-,

ffiU2

___\->

,*ro{

of B-Release water

7. Reductionof the ferryl grouP

of 6. Cleavage o-o bond

5- FormationoJ, brtoge Peroxide origine a Prodotti innocui (2

#-,1;#::ffiHX,1l;:#i;iiu' Nerla,idyllo:.di*,9#:;3.HJff
menEe t"-'-:::=;r,urrr: molecoledi HzO)'

'j''i"t*

*'o*'"n5':i:::J::' ^

sn[ lfriu DAttAJvrv'r'nlyt

- *t;""';;"i49
Cu.

*t

";,P":'"": :0,:

lula: in questo i nociv ^-^-innr:i.-i ioniFee #ffi:en6o, tragli

caso'

spazio GRAIE,ITEP+oro*?ehento di4ff neno inlelnembrana I -+ Gplesso di4; ;;n' 'n'"io :"i"H:il'Jol ger2 a) trasferimento nello spaziointei g
Comptesso
--perl-ni ComplessoW+

* iilf"*"r,"

di 2

mbrana --' otoni ru rr"--pompat ADP . .- , r s+ nprhtraslocar E+ npr Ia traslocazione di

NADH + B'

di3ff per *TT;T;tif#l$T';"ff;t Arpnecessit "

Ia per tras

102

(aaflne

E-

I [-

L I -lentri
I f-

Fe.S di ferro proteine non eme: il Fe si coordina ad atomi di S completamenteo pmzialrnente Fe's renti a residui di Cys (kappola per e ). oRutt"o"oti Fe-S /\ strutturadi centroFe-Spi semplice Singolo ione Fe coordinato tetraedricamenteai 4

,*i l:i.w
2Fe-2S centro. r-->r \ ---. \ \

+ - \- ) * o p isu lfi drilicidi4Cysdellaprotein a .

coordinati da 4 Cys 2 ioni Fe +2solfilrilggt$lF!, (eccezione,per es', nel complesso ltr)

l19^
/\

jB

,\ a z. >' \ r J ' l 1 ' I f f r= \ / - , I I I/ 'r

s+yl

I centro 4Fe-4S

4 ioni Fe + 4 solfi'ri roreanici e 4 Cys

I \CS

l'

,fd>/'l

- ,S/Q'l

,,.s-VWry V
e ?or q\,1t cs,o ,n NADH + ff +112oz<+ HzO+ NAI)v

Eo': - 0J20 +s+ 2 <+ NADE NAD-.I un potenzjaledi riduzione negativo' ,o," Un aget .ia""""t" fort" 1"oro"NADrf) in grado di donaree' e ha
Eo':+0'815V e HzO + l/2 o,2- z+ fe di accettaree ad ha un potenzialedi riduzione positivo' :nte Un aget ossidanteforte (come02) capace V AEs': +0,815 {- 0'320V) : * l,l4Y deila coppiadi reazioni la differenzadi potenziale. Il potenzialedi riduzione

Eq. Ne

erst -+

E=Eo -#

L"sffi

[=potenzialeosservatoquandotutteleconcentrazionisonolM E'o: potenziale standard a PH 7'0 R= costante dei gas T : temperatura assoluta in "K (96500 J /) F: costantedi FaradaY

103

La variazione di energia libera standard AG0' legata alla variazione di potenziale di ridrraone AEor dalla relazione: : dove: ^Got--Pl'AlCs'

n : no e-trasferiti :23,06 kcal (o 96,48kI)mol-l V-l F: costante Faraday di AE6' espresso V in AG"' espresso kcal o kI mol-l in

Gli e fluiscono spontaneamente (e quind oroducono energia) da coppie ossidoreduttive con


Eo'minori a coppie ossidoreduttive con Eo'maggiori (quindi dal NADH alt'oz).
Lt

i trasportatari di elethoni sono in


Maggiore la distanzatra le proteine, maggiore I'efficacia dell'ossidoriduzione!

NADH -_ x Fsmpo-r.

NsD-t JOH+

RqrrclicrteNhc

Z?o Ks/moe AG r , r_ =)tvrlnLorr (r(1,/Aqrr.orrrq\dbe$rs : r. rr^r;rrr st o.U'e.:Fercro G ZCo Kslmxis r^\ gc,oc\Eerrlo-Lo-

9co ef,3

Finora abbiamo consideratoil flusso di e dal NADH all'O2, un processo esoergonico:

NADH + YzOz+ If e HzO + NA)+ A Go ':-52KcaVmole


Ora consideliamo come questo processo accoppiato alla sintesi di A.TP, un processo endoergonico:

A D P +P i +H- +} ATP+HzO A Go ':*7,3KcaVmole


La sintesi di A.TP viene effettuata da tm complesso molecolare localizzato nella membrana mitocondriale interna: tale complesso enzimatico fu denominato inizialmente FFs,4Wasl, poich fu scoperto altroverso Ia sua catalisi della reazione nversa ('drolsi d ATP). La denominazioe definitiva quelladi$TP s:igtas,io di complesso V. di e e la sintesi di ATP sono accoppiati da un gradiente protonico atfraverso la membrana mitocondriale intema. Il trasferimento di e- lungo la catena respiratoria determina, come abbiamo visto, il pompaggio di protoni dalla matrice allo spazio intermembrana: - la concentazione di }f diventa pir bassanella matrice e si genera un campo elettrico (con il versantedella matrice negativo, potenziale di membrana: 0rl4 $ - il pH flpllo spazio intennembrana diventa molto anido(1,4 unit pi basso che all'interno) Ipotesi chemiosmotica: la forza motrice protonica favorisce Ia sintesi di ATP ad opera dell'ATP fl tr4orto

L, ,,nn'''qts"ot'1"'fi' AV oat45/ glt

\ l P o r(z' , Ar rrb! 1 = - ; r / c r \ olF AV'KYfk*, n|.'3lkl/,,A "Krhd (

\r'0,*o,r,,*,*,o' ( hilr =* rJ l,*rr.

=zpnr@ril) r rLy -

)
104

ffi
':95

av

s, ,
J

5r

L'ATP sintasi un enzima grande della membranamitocondria|g interna con una strutturacomplessa: . SUBUNTIA' Fr -+ sporge nella matrice mitocondriale ed dotata di attivit catalitica. E'costituita da 5 tipi di catenepolipeptidiche-+ as I Ft I y I E I e

-> Le subunita a e p (costituisconola maggioreparte di Fr) sono disposte in modo alternato in un anello esamerico: entrambelegano i nucleotidi, ma solo ) nr lrri r ru All*rt#[ti ., le F partecipanodirettame;rfg centrale: y comprende una lunga l'-Cteto ' -+ Le subunit y ed @iostituiscn penetrando centrodell'esamerocr3p3 nel spiraleawolta ad a-elicache si estende -+ ciascuna subunit p distinta in virhr della sua interazione con una differente faccia di y.
5 q ;;n r r r !,n L - ,t,liq sa "c' 3 - tn "p t d .tl

G. SUBUMTA' Fg + segmento idrofobico che si estende da tma faccia all'altra della membrana mitocondriale interna, costituendo ii canale protonico dell'enzima anello costituito da 10-14 subunit c, incluse nella membrana 'una singola subunit a si lega all'esterno di questoanello tdue sublmit Fge Flsono connessein due modi: 6llo stelo centrale ye h una colonia esterna (subunit a + 2 subtmit b + subtmit 5) ROTORE: SjI$TABE: unit mobile -+ anello c * stelo 7e unit immobile -> resto dellamolecola i formazione di ATP a partire da ADP ed ortofosfato: un atomo di ossigeno ATP sintasi svtaLlir.r.a.la minale delt'ADP afiacca l'atomo di fosforo Pi per formare un intermedio pentacovalente, che poi si socia in ATP e H2O. 'tATplegato all'enzma siformafacilmente n assenzadi una-forza motrice protonca: l'AT?, tuttavia, non bandona il sito catalitico a meno che non fluiscano protoni atfi'averso I'enzima. perci il gradiente protonico non ha iI ruolo di formare ATP, ma quello di rilasciarlo dalla sintasiI

icazoni delle tre subunt B permettono, in sequenza, il legame d ADP e Pi, la sintesi di ATP e I io di ATP.Le nterazoni con la subtmit 7 fanno s che le 3 subtmit P non sano equivalenti: subunit p nella conformazione serrata T e lega ATP con avidita (conformazione vincolata" no o) subunit p nella conformazione lassa L e lega ADP e Pi (no rilascio) ra subunit p nella cnformazione aperta O, e pu esistere con un nucleotide legato in una struthrra simile a quelle delle forme T e L, ma pu anche convertirsi performare una conformazione pit aperta iare il nucleotide legato.
IlPo urJq Pst^t.

--

Delroitro S

]'

L +o
flDP'P

f+C
1 f<

L'interconversione

di queste 3 forme favorita dalla rotazione della subunita y:


!

. t'

: _ a-:

'-

120" rotation of 1 (countercloclaruise) .

ADP+ P; Supponiarno che la rotazione awenga di 120" in sensoorario: - Ia subunit nella conformazione T passa alla O, liberando ATP - la subunit nella conformazione L passa alla T, permettendo la bansizione ADP+Pi legati fuATP - la subunit nella conforrnazione O passaalla L, intrappolando ADP e Pi Questo meccanismo indica che si pu sintetizzore ATP fovorenda Ia rotazione della subtmt y nel u appropriato; analogamente, I'idrolis d ATP dovrebbefavorire la rotazine della subunt y nel v opposto.

l-.-Asparticacid

r STRUTTURASI]BUNTTA' C Ciascuna catena polipeptidica forma una coppia di cr-eliche che si estend tma faccia aU'ahra della membrcma; vrr residuo di acido aspartico (Asp posto al centro della seconda elica. Quando Asp 61 in contatto con la parte idrofobica della membrana, il deve esserenella forma di acido aspartico neutro, anzich nella forma di a: carico. Le subunit c (10-1a) si dispongono a formre un anello simmetrk transmembrana-

-+

q, t{ I4l)1 O| 6vr4Gfi ! i,

half-channe{ Cvtosolic

. STRUTTURASUBT]NTTA'A Comprende due semicanali protonici che non si estendono da tme all'altra della membrcma: perci i protoni possono entrare nell'uno o nr semicanale, senza per attraversare completamente la membrana. half_channelLa subunit a si trova addossata all'anello c, e ciascun semicanale inter Matrix direttamente con una subunit c.

Subunita

* che - Supponiamo i residui di Asp6l delle due subunitc che sonoin contattocon un semicanale
ceduto i loro protoni e siano, quindi, nella forma di aspartato carico .-) I'anello c non pu perch signifrcherebbe trasferire un residuo di aspaato carico nella parte idrofobicr membrana. - Un protone proveniente dallo spazio intermembrana entra nel semicanalecitosolico per Ia carica su un residuo di Asp6l in una subunit c. di la citosolico elevat4 perch concentrazione il La probabititache il protonepassiattraverso semicanale versantedella matrice; inoltre, il potenzialedi me questo versante 25 volte piir alta di quella sul
+0,14V(positivo su versante citoplasmatico) aumenta la concentrazione di protoni vicino alla bocca citosolico.

- Una volta che la carica su un Asp stata neufuali?zat4l'anello c pu ruotare in senso orario di una subunit c- asferendo tm resduo d Asp protonato fuori della membrana. n corrspondenza del semicanale della manice -> pu esseredeprotonato, e il protone pu passare nella matrice, riconducendo il sistemanello stato iniziale-

I
Nor pu ruotare n rr st:nsoor;rrc n irr serrso arttioia;io
Q\t, N)t ?[:: .F J
,i-

L'anello c saldamente Iegato alla subunit y ed e: perci, mentre I'anello c ruota, queste subtmit vengono fone ruotare all'interno .'uro,u,"ldell'esamero atfrt

ir

, ,+ ,+' orattc '" ll*F La e-lvfu>-o 1-.rxnr\ _l'rb? o1If,


.i
.i,

V4 ra1 a 61,

La colonna esterna impedkce all'esamero ruotsre

di

no subunit c nelloanello : 10-14, determina l1n" di protoni che devono essere trasportati per generare J molecola di ATP.
o f' l' ri .,'

Una rotazione completa di y determina la sintesi ed il rilascio di 3 ATP. Se le subunit c sono 10 -> ciascuna molecola di A.TP generata richiede il trasporto di l0/3:33 protoni (=3 protoni).

Sulla membrana mitocondriale interna sono presenti proteine di trasporto specifiche, le iATp-ADp translocasi hl 14% delle proteine presentesulla membranamitocondrialeinterna),che perrnettono il sezuente raspono: ADP"1oro1* ATP-'I i."+ ADPmarrice -F ATP";6".1 II /hxso d ATP e iI flusso di ADP sono accoppiati secondo un meccanismo di antiporto. ,, n+ Cyf-sol _ _ ^ Af.\.o

tl

Z-.-..----...----l \

HoHcs- a
,'-r-D I

l--\21 I

1-r;\-l
F lt-cv\

J-, DPm

,-

La ATP-ADP translocasi un omodmero e contiene un sito di lesame per i nucleotidi che rivolto ilternativamente verso il versante della matrice o verso quello citosolico della membrana. l, AT? e I'ADp sono legati con Ia stessa aflinit.

lschemia deficit 02: flattato JpH o

attivazione Iff (dimero),atrivoa pH 6.5 di InibisceATP sintasi lF1 inattivo


ATP sintasi attiva

1Q7

Altri.trasportatorimitocondriali:

translo:lf:".1i:t:i-1;l;tT:T+9 conta ATP-ADP di con ffi - il carrierdelfosfato -t opera concerto deterrnina di roscambio ADppi delcitosor Ar'P-

)\r,

<anl o ,,r 6r:{9bPP lir

;$ilil:1j_Til:";;ffi;#;:r,u,ori
**i""

di ritorno nlla matricedi 1t{*' "L"osto dai mitocondri di esportare malato, succinato e fumarato il carrier del dicarbossilato -> permette cambio diPi' e marato dai mitocondri in cambio di citrato _ il carrier det tricarbossilato -+ perrnettedi esportare '' piruvato dal citosol al mitocondrio in camh[ il nassasq$di * qT:tT - il carrier del piruvato di Er (o insieme ad ) per te volte di rm motivo strutturarecomune-+ ripetizione trasportatorimitocondriali hannoun euesti quali contienedlrg dgmini transmembrana. modulo di 100residui, ,i*"""o a"i

orrdt*orichiede'- t*;;f Lafosforilazron"


tr pi importante ne'a

. REGOLAZIONE della FOSFORILAIpIE

OSSIDATWA

di eletoniad alto
ossidativa

*rt,tm'altrafonte
di velocit di fosforilazione

fattore 0t""F"4]f:::i:"{::**;'H;":#i;;:T"J:;,"::il":# cornertitu di staro aggiunto concentrazione tavetocit ,;:#:Itr::;ri;y" DP: l,*r" "*do ,ADp

determinazione

;;f,;:?iif#"""',"i7"i"

ATP-

ossidatir consumato ATp, e quindi la fosforilazione di ADp aumenta quando viene sintetizzato I'A La concentrazione sarvo che nonvenga g elettroni non fluiscono nu'or accoppiata att,utitizza"i.r]ne JiaTp, necessano. la sono stati morto utirt netl'individuare dere *asporto degli elettroni Gri inibitori specifici ; catenarespiratoria" tt"*oninella ltt'i*lrit-i (x) rotenone ---> Cyt b --+ CYt c, ---) CYt c ---+ Cyt (a + a3) -) Oz

NADH -+
NADH --+

(x) antimicina A

a
a

---+vtt
---) CYtb --'
Cyt '-'+ CYt c "t -'

Cyt (a + a3) --)

Oz

(x) CN, CO, azide Oz Cyt (a+ a3)

NADH

-'

bn -ilROTENONEeI,AMITALbloccanoiltrasferimentodiaalivellodelcomplessol dercitocromo nercompresso

Tfr di * trasfeirnTtJ;":Ji""*" or** il rasferinento e-a _TANTIMT.TNA Dr cicofuto""*o (cN-), l,AzrDE (Ni) e _il crANuRo 'rvrNosiroo non di ATP'poich pu ess*t degtie-inibisce trasporto ^"'ii,))rJ,)o*a di catena T"!1::Ysi
generato tm gradiente Protontco' Fo)

Anchel,A TP -sintasipueS S : I e " in iP it a d a c o mp -o s t ic o me l, o lig o mic in a (ini b i s c e

dicicloesilca,roaiiml#JC;;t'
blocca Fr.
r. h;flo

qL mq &\,lfp (r''0,re[t) ,4Tf s.nrns, fv t^'itdltq ?$1. olrxt{1lto =)tf,l i (p r.^ir$r,itf Ur1rgurttt | 9f^)9LEYlr t C$'tr I o F' ftnl ti rouf U , l > r(nt "t @' 6. Sr ,lad alo Dl \.\

lftVo 61 Pt':G,) *,n A [;if r"if' / -;, | ('

u, P,o-rXrry,1ti

-'l '( 5-nnw

ricca di ieddo il tessuto .aipo"o t*oo ricco di mitocondri" ta cui membrana mitocondriale internr di flusso dei protoni dallo spazio *na proteina disaccoppiante (termogenina), che forma una via che passino attraverso la Fs delltATP-sintasi, senza quindi brana alla matri"*r's.oza di energia-L'energia viene, invece,rilasciata sottoforrra di calore.
'ATP-ADP translocasi viene inibita da concentrazioni molto basse di: quando rivolto verso l rtrattiloside (glucoside vegetale) che si lega al sito di legame per il nucleotide per l nucleotde quondo ecido bongcrechico (antibiotico ottenuto da muffa) che sf lega aI sito di legame

di marrtenere disaccoppiamento della fosforilazione ossidativa un merzo per generare calore al fine animali neonati (uomo) e nei mammiferi adattati al temperatura corporca negli anmali ibernati, in alcuni

ivolto verso Ia matrice mitocondriale inibitore, il cheildica si La fosforitazioneossidativa arrestasubitodopo che statoaggiuntoI'uno o I'altro \l che I'ATP-ADP translocasi eisenzialerccoppiamento senza produzione di calore: - dinitrofenolo ---' FI* matrice, catena ok, no sintesi - valinomicina --+ libera K' nella matrice

(AUO

niisa DI ATp DALL'oSSIDAZIONE COMPLETADEL GLUCoSo

- Gr-rcol-is\
fosfotitaacce
Fosrtto.n,cre

(ctios'cf
clej ql-uce-no
o\eJ :FG P

_ -I-ATP - -l ATP
-F 2 A T P , I

-fu-$spcrto.":\cre
.Degrsrr\qarcne

oLi 2coo\ecole-cil lla-ren ' rcte- cti FP du 2ccc*gct*-d'-l-'


GLIfc./i, 3f D00R. (c-va^ g I'u;t"o)

+ 2Fri*P "'i
^ / -+ 6 l3.i-Ps lx 2 \ lm t t o c : \./;

2 NSDF\*li."-*Frltl+L
?rocU-r:r,or-E

-{- 3

,\)

,..;

g*ry**{", .^"oNE rb#ilffi'g'flHffi\Tt1 il-o oss


ilrrusJ $0$ln$6d t{0t*lT 0g,q-(rzr'ap

lJ 2NAUI\

x 2,5ATP

-+ 5ATP

Ctc,uc

olr <RBS :-,

(c*lcand

r"L
cf-,

6 rro\eCcle ci.i t]5{ )<osido,xcnI

dj tfndcde

i:o;t-"-i-, 2 fAnHr

d-Ks e'2ctrr oxrk'$o x P'S0TP

-+ L= OTF -+ 3TP
- + zH
.^^'".''^

X 4,6PTP ciuu'osda?r'one c! 2

Suc-c-' nolc>

UoL ci.r G-rP dc- 2 succ-rnil -CcA -2

t-

Re-:* Nrt A r -catit'

r^r-,c\gcctc-

3o ATP'
.5

oL CeHDCc

)L

fiTP
r 09

.6 METABOLISMO LIPIDICO
LIPIDI DIMEMBRANA (polarD

RISER]TEDI LIPIDI (neutr}


t

I
TRIGICERIDI (triacileliceroD grasso 7 acido acido grasso drcerolo \ arido grasso FOSF OLTPIDI \ I

(mol arfiPatiche)

GIJCOLIPIDI e cerebrost<f, gangliosidi

v,

I I

I I I

\ \ \ \ \ \

I
I
I

lr -'l'/r

I I

GLICEROFOSFOLIPIDI
dicerolol grasso / afldo acido grasso

SFn{GOIIPIDI
1 sfingosioa )

SFN.TGOI.PIDI
I sfogosina;

\Po.

- alcole

I Y--I
\ \/

f-anoo grasso
col i " a

F POo-

| t ---'' acidograsso l-saccaride \ l- noadofuo V (**u[o side) erebro Ode/c

GIJCEROLO

TRIGLiCERIDE

o
lt

on nt
CHOH

cH;o-c-R1

o
ll

t*ron

cH.-o -c-R2 .t-

lo Irt cHto -s-R3

-3P GLiCEROLO cHzoH


I ffIOE
I t^ CH2OPO4
J.

per tro nnimodi enerpia legamefosforicoche,fornisce potenziale) *olecole 0"g- . basso formarelegam "* "ro" a questofosfato testapolarecn gr' OH per legarsi

110

GLICEROFOSFOLIPIDE.

o
ll

{sm*nra geaerale) ac. grasso sahrro X = Este Folari ETANOT.AMMINA ac. grasso insaturo COLINA SERJN"

cH_--o-c-Rl l'
ltl

lo

CH -O-C-R2

q"*, *r;rinr q{-*"r-cn-tfc*t,),

o
tl

@""rpH-r$H,
coo -

cH.,-o- P - O-X
'l

oINOSITOLO

L*_lI,*
\oH-3L'{oH
fosfonlamiu4 ein5

FOSFATTDILINOSITOLO GLICEROLO

AC. FOSFATIDICO

o
lt

precurs fosfolipidi ore

CH

z-o-c-Rl

o
CH _O _C_Rz
I

cHro-

ll

P -OH
I

O-

6Gi
/ { ,/

--___,--l

stucca l,acrlefipose t

cH^_.c_Rl

\o u \

Lasciando lisofosfolinidi

l"

:
staccalhalen
posiz2

!{T=@ R2 -c--O-CH ,

q:f"W"9
farma nolecole i daalgluerclo e fosfainoslblo che agiscono come secondi messaggan stacca la tasta polare lasciando ttfosfafrdato

i-

ltl cH_-o- P - O-Y

lo

111

SFINGOSiNA

= cH-(cH2; cH 3 QH.- CH- qH-CH t I I I l +l OH i'lH OH


3

SFINGOSINA.

+ AC' GRASSO= CERA'MIDE

!Hr- H-H-cH ttt


oH i'IH OH

= cn-(cllzh *n,

b=o
R

. *J:,Xffi: sFrNGosIN"
CH. I
l+
I

+ FosFocoLINA PATMITIC.

CH:-Nrl

CH^

9H+ I'
CH^.
lt I

O= P -

I ot cHr- n-*-cH
ll NH OH I

= cH-(cHztcHu

(fHz)r+ t
CH,

= contiene ana lunga catena drocarburica ed tm gruppo carbossilato termtnale.

4 ruoli fisiolosici principali:


1) ?) 3) 4)

sono precursori per la biosintesidi fosfolipidi e glicolipidi (molecoleartfpaticfte importanti x le membrone) molte proteine sono indirizate dal legame covalente di acidi grassi, che le indirizzano verso posizioni della membrana (a.9.+ proteine: lipoproteine) costituiscono una riserva di energia, e vengono accumulati sottoforma di trigticeridi (triacilgliceroli), ester neutri di acidi grasscon glicerolo derivati di acidi grassi fungono da ormoni e messaggeriintracellulari

sono riserve molto concentrate di energia metabolica, essendo ridottl e anidri: /a energetca derivsnte dall'ossidazone campleta degli acidi grassi pw a circa g lccaUg, a differenza di 4kcaVgper i carboidrati e le proteine. Questa grande differenza di resa energetica si basa sul fatto che

acidi grassi sono molto pi ridotti e che, essendoapolari, vengono accumulati in forma quasi anidra le proteine ed i carboidrati, molto pi polari, sono molto pi idratati.
riserve di glicogeno e di glucosioforniscono energa suficiente per sostenere lefimzoni biologche per circa 24 ore, mentre le riseme di triglicerid permeltono Ia soprawveraa per parecchie settimane. sito di accumu -> le goocioline di i si riuniscono a formare un grande globulo che occupa la maggior parte del volume della cellula. rte dei lipidi viene ingerita sottoforma di trigliceridi. ma devono essere degradati ad i grassi per I'assorbimento- I lipdi non sono facilnente solubizzabili (molecole drofobe!), tuttavia essere solubilizzati per poter essere degradati-

1) I trigliceridi giunti nel lume intestinale sono incorporati in micelle formate con I'ausilio dei sali biliari, molecole anfipatiche sintetizzate nel fegato a partire da colesterolo e secrete dalla cistifellea 2) L'incorporazione dei tipidi in micelle orienta i legami estere dei trigliceiidi verso I'esterno della micella" rendendoli suscettibili all'ozione digestiva delle linasi pancreatiche, da cui originano diacilgiceroli e monoacilgliceroli 3) Questi prodotti di digestione vengono assorbiti dalle cellule dell'epitelio intestinale: all'interno di i trigliceridi esse vengono risintetizati 4) I trigliceridi vengono assemblati con colesterolo e apolipoproteine a formare chilomicroni (Iipoprotene d trasp orto) 5) I chilomicroni vengono rilasciati nel sisJema linfatico e poi nel sangue 6) Queste particelle si legano a lipoproteine lipasi legate alla membrana, principal-mente nei tessuti adiposo e muscolare: questi enzimi scindono i trigliceridi ancora una volta in acidi grassi liberi e monoacilgliceroli

7) Questi prodotti di degradazionevengono trasportati all'interno delle cellule del tessuto 8) Nel tessuto adiposo vengono riassemblati in trigliceridi ed immagazzinati
Nel tessuto muscolare vengono ossidati per fornire elergia

olvono il problema della solubilizzszione dei lipidi -+ l'organizzazione in micelle permette il passaggio grandi gtUuti idrofobici a globuli di dimensioni minori con rn numero maggiore di regioni idrofiliche

'

SALI OACIDI BII.IARI

ili da lipasi.
ac accessibili all' azione enzimatica molecole idrofobiche (:emulsione) hvoriscono l'assorbimento dei prodotti di digestione delle lipasi pancreatiche: assorbono i prodotti e li icolano alla membrana cellulare intestinale dove vengono assorbiti.

delle vitamineliposolubili (A, D, E, K) vorisconoI'assorbimento

LIPASI PAFICREATICA

enzima idrofilico

il leeameenzima-lipidee -+ - Lavora in presenzadi coLlpAlfl (attivatada micelle lipidiche) favoriscono ' rendonoaccssibileil sito catalitico della lipasi solo in perch coperto da unloop -+ diventaaccessibile accessbile Il sito catalitico non normalmente (:cambio conformazionale)' {91loop fr"."*u di micelle lipidiche, in seguitoallo spostarnento ES il complesso (triade catalitica* buco si crea ancheuo" ."gioo. a.ofi"a di 10 aa in cui alloggia
dell'ossanione). - Presenta due regioni

-+ N-terminale -+ contieneil sito catalitico -+ C-terminale -+ lega la coliPasi

I e/o 3 -> prodotti: l"Z-diacilglicerolo e 2-acil - rdroliza (idrolasi, +H2o) i legami esteri in posizione plasmatica della cellula intestnale' to membrana glicerolo, in-grado it om*"rt*

INTESTINALE CELLI]LA gliceroli (acidi grassi), prodotti di delle cellule intestinali si trovano 1,2-diacilgliceroli, 2-acil All,interno digestione di fosfolipidi e sfingolipidi, colesterolo' risolto datla r-FABP -+ proteina che Iilrobtema della solubilit degli acidi grassi nella cellula intestinale in lipidi complessi che vengono lega gti acidi grassi liberi dntro la cellula intestinale; si riformano lipoproteine (chilomocroni)' org"ioruttin

LIPOFROTEINE con lipidi della dieta (A BASSA DENS[A') CHILOMICROFI-I: - si fonnano nelle cellule intestinali - passano nella linfa intestinale e da qui nel sisle{ra ::t*]":3tio laipoproteina lipasi Apo oi l"e*o qll'endntelio capillari, capillari, dove Apofl attiva la lipol ri l"g*o all'endotelio - ,i looqnn all'endotelio dei caoillari. ove,Lpo*[attiva q ga-iate digestione che entrano nei miociti per - si liberano acidi grassi, monoacligliceroli e attri-prodotti adipociti p"tts"t" conservati come trigliceridi ossidati o ""gti ".r"r" . ieste poiari dei PL allesterno coe apolari alfintemo
3

apolipoproteine proteicidelle (costituenti lipoproteine)

.iF

colesterolo

trigirceridr+ esteri colest.-

: F UN'ZI NI D EI CHILO MIC RONI -@^ti O muscolaree adiposo al tessuto - trasporto di colesterolo alfegato

.maggiorelaquantitditriacilgliceroli,minoreladensitdellalipoproteina_+amanoamanoche colesterolo -+ la densit della lipoproteina aumenta: si liberano acid grassie monoacilglceroli'rimane della dieta al feeato chilomicroni residui -+ portano il colesterolo

114

VLDL : YERY LOW DENSIIf'I

LPOPROIIINS

i formano nell'enatocita agli altri tessuti trigliceridi e colesterolo endogeno lrasportano al fegato e vengono internalizzate b mano a mano che li cedono si trasformano in IDL e LDL -+-tornano endocitosi mediata da recettori

4 C.pff vnPbY,66 acil uansferasi) colesteroloin esteri del colesterolomediante LQAT (lecitipacolesterolo

i legano a di colesterolo tornano in circolo

#l$L effi'#ffi :*;;'"hffi".,"""iffi nr*-fr #*r3pl$ffi


si consiglia la parte di biochimica
rafi gr,

per lo studio delle lipoproteine

clinica!

1) 2)
ll

ciclo tli Krebs

mitocondriale esterna (citosol) ad reazione di attivazione dell'acido gr:tssosi wolge sulla membrana vrene legato at coenzrpa a' pt dell,acil CoA sintetasi: l'acido Bnasso (tioestere). ola risulta, cosi, attivata e porta un legame ad alto potenziale

Acido grasso + CoA -> acil CoA

*rP
CII3 - (CHz)"- COO- + HS-CoA

nueJpPid2Pd
CHs-(CH2)"-COSCoA

acil CoA sintetasi

HS-CoA \.s ppi

R-q|

+AMP

l, ^

' s-coA

+
2Pi
e completa:

H2O

AG<0

reaz.esoergonica

- + c;A + ATP + Hzo --+Rco-scoA + AMP + 2Pi


grasso ed il gruppo ,ATp favorisce la formarione di un legame tioestere tra il C carbossilico dell'acido aYele rlfrdrile det CoA -) questareazionedi attivazione \2.'"F!":^^-L^--;ri^^ rocarnalp rtell, AMp rr legato P dell'AMP) (i gr.cartossilico

,'rr"ff;lr"\'I)"ri;;rribire

r9r-Jo aciladenilato racidograsso iif;;#iltlJ".; a"ioa attacLI'ac'J."9:tjt* \::::ytr:,**Lffi,,-, 2) il gr.sutfrdril" tnnna) operadi primatappa)adooera dau'idrotitia"l p*"t"tpto (ppt, m"r"to netta
unapirofosfatasi-

115

Tre tipi di reazioniaventi AT? comesubstrato:(+ sintasi)

ooo

- o-F- o-p -o-p-

l ttti l

J1aTt\
/t\
OO
l l tt

o Fd"-""i1""1

,//\ fosfotra*sferasl

oirafosfotransferasi

adehfti 'transferasi I

o
ll

R - P - Ot-

R-P -O-p-O-

tl o-

n-i-o-@-;q
lo-

ll

r__

At:tP c c ir A

6uCaRDJ-O

-ffi&ffiHffi.tfre&6il
i.[}oeis.lrr,T.N&grl tr$BtSen$b i Nl,

I neuroni non utilizzano acidi grassi per produrre energia perch n le lipoproteine, n I'aibumina (proteine che mediano il trasporto degli a.g.) possonoathaversarela barriera emato-encefalica.

del glicerolo rimasto dalla liberazione degli acidi grassi (raccolto nel fegato):

GLICEROLO

GLICEROLO-3P NAD+ :* eUu*Io-3p | (crt) +H+ <==--'+ NADH DHAF


t
I

deH

t
i

Th/r

Ga3P
t

Du8f$$5i.'9i,"u2

\1 B$e$ns

PIRUVATO ,/\ /\

gluconeogenesi

li acidi grassi attivati devono esseretrasportati all'interno della matrice mitocondriale, dove subiranno nrocesso di ossidazione: se I'acido grassoattivato costituito da una catena carboniosa con noC>12 si ha viene trasferito solo nella sua porzione di necessit di trasferimento mediato da trasportatori -> I'acil{oA trasferito dalla CARNTIINA; ido grasso -+ il CoA resta nel citosol e I'acile viene
i

.*.(*,ki1.*o
-,P ctl;(crr);c'
lllLoNiL-G,
'\gn6tt flrlft

ca l-!J t-]J

5'Pnztgl IIEHKNNfr \NEP..

.t: al II

erlrtut-' ,s \,, .-

A ,v

^ )"(,rfl

Il

b-Qq\.i"*_,*n
.a ci. a = :.

=
a4 s
l -rl -

impossibilita di utilizzare gli acidi gras'si,per cui ryie legate al malfinaionamento del trasporto -+ problemimuscolari,"' utilizzato solo il glucosiocomefontedi energia-+ ipoglicemia,sonnolenza"
U.H
+l

13

H^ N - C H .- CH- CH; 31 "l rl cH= @

COO glasso tegalacido

CARNTTINA.

N--r t7
)

degradato da una sequeDza ricorrente di una volta che l,acil-coA saturo entrato nel mitocondrio viene 4 reazioni (: lciclo): tl Al dipendente ^;'jffo t 1) osiiidazione FAD ('2) idratazione \O-F aNAD diPendente TFP \ 3) ossidazione Cs C 13= l-{ ( q tiolisi con intervento del CoA grasso perde 2 atomi di carbonio e vengono ln conseguenzadi 1 ciclo di reazioni la catena di acido generati FADH2, NADH a acetil-CoA'

crr3-(G,,- fe - ff" - .",,.

seriedi reazioniprende il namedi Ppaich r,ossidazione awiene sur carbonti'p, questa


ossidazione.
R-cH;_cHr-CH;c-SCoA
(J

acrl-{-'o-.

*Io*..on=o,=
' E\ clsp.

t*
FA'DH2
acil-CoA deff (d.opgio teg. oor',, H i.l\cans) H
I

R -_ C H ^ -Q -(
tl

g-SCoA
ll

frans- -\,- eorl-Co'\

o
enoiJ-CaA idratasi

r\

rDaR_s?\on

H.o--l "\

i
CH-.- C -SCoA
rl l
tl

l-I{

.--\

_CH2
I\O .lrp NAD+ r:-r:.j._..:Eijl
NADH +

L-p-idlo's'siacil-f-'o-A'

3) SE\DAE\Cf\

?_
H

*idrossiacil-CoA *':-,:-:"1

H +I
R -C H ;C tll

CH-.- C-SCoA
tl l

p'-chetoacrl-C'o-r

.| -,o.r* COA

.on

.U

CoA-SH

1
+

acetil Aci]-CoA transferasi osc1eoG'U.c' Cogac-.-

cb- GA

sq Ce)

R -C H ;C -S C o A
oll

r-r{ - r:-SCoA
vr .t

'l l
l-

.\, .rcrl-C-'o-\ con C o-2 entra in un aitro ciclo di ossidazisne

acenl-L'o-\ va al ciclo di Krebs

n un complesso ultimi 3 enzimi sono organiTzrti desli acidi grassi con C>12' gli dipendente' B Per I'ossidazione -' o o --+ idratasi + deidrogensi NAD compless(IFPf Proteina hifunzionale: otLamerico (cr4p4), v --* tiolasi.
RtFdilCrl0$rL 'PRo-l^l

118

:-il
-I

:o f-;ilF)l,--)

vL*+-J/.
FADH2

flavoproteinadi trasferimento di
e-

ETF-Qossidoreduttasi (Fe-S) e

catenarespra{oria

I FAD viene trasferito al coenzima Q attraversodue enzimi che trasferiscono e-, riducendoiossidando FAD intermedi

x degradazione delpalmitoil-CoA (C6-acil CoA) richiede 7 cicli di reazione -+ nel 7" ciclo il Ca-chetoacilloA viene tiolizzato a 2 molecole di acetil-CoA. Quindi la stechiometria dell'ossidazione del palmitoil-

oA : palmitoil-CoA + 7 FAD + 7 s,;O+ 7 NAD* + 7 CoA -> 8 acetil-CoA + 7 FADH2 + 7 NADH + 7 ff "ossidazione di: la completadell'acidopalmiticodetermina produzione + 17,5ATP -+ 2,5 ATP X NADH + IO,5ATP -) 1,5ATP X FADH, + 80 ATP --> 1OATP acetil-CoA x -- -2 A T P .{TP spesi per I'attivazione del palrnitato ENERGETICA 106 ATP

REGOLAZIONE della p-OSSIDAZIOFIE DEGLI ACIDI GRASSI


DEL SUBSTRATO

. DISPONIBILMA'

che sono stati immagaz:zinati sottoforma di il substrato deriva dagh acidi grassi derivanti dalla dieta dgliceridi all'interno degli adipociti. r!---: :- r^--^ ^#. daile lipoproteine lipasi in forma attiva, La mobilitazione degli lcidi lrassi dagli adipociti permessa ormonale' cio fosforilate datla=PKA, cAMP dipendente, sotto controllo

IA
tr-acarnitina acil transferasi I inibita d 'lb""i" la formazione di malonil-CoA precede la sintesi

g"ffitffidlo.monali

per I'accumulodi energiat-_:^-^\

d"[[." ri"tesi inibisce con il suo primo prodotto ladegraflazione)'

-+ effettuata su acetil coA carbossilasi - REGOLAZIONE SINTESI/DEGR.{DAZIONE

119

ladegradazione (
I

r.'o-*"a*n"":t'"ttilEg:ryir**ff fl;fi *f#H;?"*,Jif 5#0" per Tlju;*tif; ;G#f -F*f taPPe :1$o-tl"lle -+ ACIDI GRASSI INSATIJRI di
+ IcDr cRAssi sArlRr coN noc DTSPARJ

'OSSIDAZIONEDEGLIACIDIGRASSIINSATIIRI
Ae (doppio legame tra Cq e Cro) a 18C ACIDO OLEICO '-4 a-E monoinsaro

|-aac+it

GR

(a

";.r,

dios='<Ja3dc*)
doppio legarne in cis riconosce (1'noii-idratasi in transl)c l' " t legami

solo
1L

Cr5 r)1.9191
Tni!i Pilf'i

1l il

IL
H r-r

enoil-CoA isomerasi

Convertg il doppio legamecis B-y in trans LP (da disPari a Pari)

s -4
H

''l*o f r"*; (3o*


r- - ^ -l '\ A kr O,Ce.nl- \.-of\

Stadio in cui arriva la p-ox degli a'g' saturi doPo la reazione FAD dipendente. ; Rispetto alla p-ox degli a'g' satun *uo"o il guadagnodi un FADHz (resa minore di 1,5 ATP)

"li" ,i'3I
' l ' r ",1

_ii.i

,,

i^.,,r , ,
tt t.

ti* jf!;.rr -r";


t t 1 ! " . P, Yl-t'

120

-=-Ert

C OSSIDAZIONE DEGLI ACIDI G,RASSICON DISPARI

Dall'ultimo ciclo della p-ossidazione di un acido grasso con numero dispari di C nqn originano 2 molecole di acetil-CoA" ma I acetil-CoA + L propionil-CoA (il propionil-CoA deriva anche dalla degradazionedegli aa)

H_C_H

I
I

a-T_E
propianil-%A carbosslasl, (netast) + biotina

CoA-S

I ,c* /\\

o :l tn

H_C_H
--rr

NH

--..'
eptmemsi

H_C_H

t\l
I

C _C_H

t-

i' ^

\
,c C0,4.-S

--H f, ./-\

-O

nen!-naloni!-ha mtast + BtZ

- coA- s'

H -?-H

Crft-Sl\ D-lre tiLrndonil-Co-A.

o- 'o
L-meol-rndonrf.CoA (rrolecolar^dficata)

o'

I .^

'o

proproui}.Co-\

$nctnnl-Co-{(molecola linoare)

diun'adenina Coenzima Bo -> struttufa simile allaporfrina con al centra un atomo di cobalto; prese-17a dall'ATP con liberazione di 3Pi). Vitamina Bp : riboso (la sintesi di Brz awiene kg"t" ,d "" cotralammina.

una pae Bench la maggior parte dell'ossidazione degli acidi grassi abbia luogo nei mitocondri, gli acidi dell'ossidq'ione avsiene all'interno dei perossisomi -> quesLaossidazione interessa soprathto poich ha un bassoricav enerqetico (i sola molecola srassi a catena molto lunga (accorciare le catene) + ii arriva a catene con I C (ottanil-CoA), queste vengono trasportate al ti u""tit-coal"liii'"e"a mitocondrio, dove viene completata l' ossidazione. trasferisce elettroni Nei perossisomi le reazioni sono molto simili a quelle mitocondriali, ma il FADHz i che di all'O2, con conseguente formazione di H2Oz (per questo scinde il perossido di H in acqrn e ossigenoproduce solo acetil-CoA: n FAD}I2, n NADH vanno alla catena respiratoria! (poco conveniente)

- Rimozione di I atomo di C dalla parte di COO - Prodotto finale -+ ProPionil-CoA idrossilasi -+ accurnulo di acido fitanico n:el sangue' con llMalattia di Refsum: manca fitanoil-CoA ll"""r"su"nte cecit, sordit e grwi problemi neurologici.
ftt tlir{bF,

;* finrvn;: !g|?*<;i;teL d;5il,l; . + 4 0X


CoH: 7t eB

t22

':.-'.l
-t

10-l
awiene prima dell'attivazione questotipo di ossidazione alla liberazionedi acidi grassidi-carbossilici;
acido grasso.

*<: cHl(cH2)NADPII 02 + NADP


ti---:-==:-**----=l I I Y

<=:-'5)l

g;i&ff oll funzione mista

-o Ho-crr,-(cttr);c(oNAD+ ':-=--.---:..1 --*---)l NADH <--"--"F


.rO
H r/

alcol deff I

\c -rcri-)-cl \o r' I0 '


NAD+ rc=
NADH 4.*"-ts
,J#--

| -ll
1l

deH aldeide

| 'f

UI "t>

-(cHz)-c(o
i p-ossidazione

I
{-\
f-

' o;

"c -(cH-)-c. ,/O t"^?/2 -\osnccitrato

- o./-

o\ ^?o \: -(cH"). c. o \- t''4 \


atliPato

dd

acidi /

;C"ttt dt OAA (derivato dapiruvato): dtAgiuno mancapinrvato ed elevatala il-":d-."t

I I
V

-\r-'ETIL-i-'o-\

grassi dai trigliceridi degli di *iai tit"ru"io"" di acetii-CoA' adipociti, con conseguente sintesi p"ittg manca ossalacetato,questo si accumulerebbe e Krebs -+ sequestrerebbe CoA dal ciclo di viene inviato neil'epatocita I'acetil-CoA ig ccrello alla sintesi dei CORPI CHETOMCI'

t23

@^ttuliA cdPi ctl[rb''li c | lL RlCtl &&\flt"Lo I ol 14ftsot-o gaw LUNci+t rjtt';tl ,=qt' 1'6 E> pp-e S $tv co| u fc' i l ilr {il
e utilirzabili solo dai tessuti periferici (sptt cuore e muscolo - prodotti solo nei mitocondri.dellrepatocira.

scheletrico) .Possonoessereconsiderati|aformasolubiledegliacidigrassi

dal momentoche non sono nelmeno attrezzateper il Il glucoso l'alimento preferito delle cellule nervose' dei metabolismo corPi chetonici' CORPI CHETONICI

cHl c.:cH, o

_\f_'ETONE

I I

decarbossilasi

r' CH_ C_CH a


, ll
LJ
\^-

_\(IET-\T{i _\{_'ETO

Accumulo di acetil-CoA (diabete mellito) ---+ chetosi. - assenzrdi insulina --+ lipolisi non inibita - mancata inibizione carnitina-4cil-transferasi di --+ assenza malonil-CoA mancanzI di adeguata concentrazione di OAA, perch impeganto nella gluconeogenesi fff corPi chetonici ]]PH

deH s&?ilr4D diP


OH
|

CH; tl-CH-, ---3 H

r .o |

^ /i ur.

O D- B-IDROSSIBUTIRR*q'T

COKPI CHETONICI

CONCENTRAZTONE URINARIA <125 mgl?4h

CONCENTRAZIONE EMATICA

J.. nvv

rrr '

it di insulina)

@endenteconaccuml

Dr coRPIemTOllI

l cuore e del muscolo scheletrico)

- CHETOSI - CHETOACIDOSI

con ll dgimo prolungato -+ condizio ne fisiologicache si instaura -- - ^ t il pH det sangue'sotto a pH 7'2 e consuma + chetosi molto er;ve ohe abbassa sistemitamPonefticarbonato)' unacondizionepatologicacaus.a-ta-daldiabete-mpllito,'eaccompagnatada i1 impedisce riassorbimento at disidr azior, " ip"ttr ".". } ltffi la (l'H2O non rientra nei tubuli e aumenta dell,HzO -+ diuresi osmotica disidratazione) f$jt9 chetonici . 1?l f produzione corpi dei,frw*periferici 1 consumo da parte

t24

t-

CH_C' ?\
-

"/y
-S-CoA

// CH-C' ?\ -S-Co.\ -

I ncetil-{-'o-.\

fioJasi

CoA-SH 4:::-*--

r tlo r

r'D5rc t06u,20ir&Gqh

ll CH-T_CH_

2
|

-o C7

rceto-cehl-{-'0-l

-s-coA

, v irr-o-H \"."_:#

acetil-CoA i.------==----*FJl

---.--|
n O H rr

nuc-ca.,4 si#fasi

R**y

'*: \-"nt O/ -

p-iiho'ssr-p-rnehl-gnrtrrrl-{-'o-{ f--.t" {/ " l _ _ - - S- CoA _ iHI\IG-{-'o'\i


CH,

acebt-coA -*=='l

*or"4

liasi

- o '/ 23
CO ""2\
__,...-rr- ,/

.O "',\ -C-cn-

ll C-CH^

aceto acehfo

/.-\\

deidrogenasi \\.r

decarbossilasi

NADH +Hr

_t

OH

CH- c-cH-3 ---3


il

NAD+

-a cH; !--cH; c<''' LJ I

oH

tLl|4lNA'r0 coN Lq r.Ls#lrina tCIM -+ abbassamento del pII sotto 7-2 -{ccumulo di corpi chetonici individuatadall'alito)' (--+ - ,acetone, dalla respirazione la chetosipu essere emesso volatile,pu essere essendo

I RCD}J I I

n$'rrfi.c:Iir sil?#fiTo

t25

oneogenesi) ,ttt
\\ r

Vot'nwo o^'l

'I

&P'idrossrbnnrrto '
r h

..l I

lilf

reto cehto

r-T.-hl sugsinil-CoA # su cci n a tol 'tra n sfer asi


t
I

F-rhutoacil-CoA

t ^., ^tO 's'1s-lggril-(-'o-\ CH-C-CH; C-' 3 ' -s-coA

coA-sH--{

lt
CH;

|' notusi
/'/O CH: C-'

,F C-'

'

-s-coA
2 acerrl-{-'o-\

'

-s-coA

(inviato al ciclo di Krebsa fini

energetici)

ma costituita da una I'inverso della via degradativq grassi non semplicemente La sintesi degli acidi nuova serie di reazioni'

'

GRASSI BIOSINTESI DEGLI ACIDI

SINTESI ACIDI GRASSI


nel CTTOSOL
--

*i nnffOCONDRI
ai gruppt

i ,,:1'.'IH"^T::::igruPP GIi intermedisonoleeat!c9'1(ntemente ffi sulfidrili del CoA ",1,;,;;r,'rrrrrngjf nriTi::^.:*TANTE


a u, 4. e6 ^

ACILI

(ALf

- -r^flf , acyl uitrrrer Prvrv."''

i^-

sono uriti Gli enzimi della sintesi

in una singola Gli enzimi della degradazonenon


\ \tu (* ,*,- 5 S ! r)' rr i Jtt --rr

a(co" ** o eptidica"*"T-*3113i'ITl' o "i* AcrD cRAsso Jj]'::t|u""5;i;i --r


sINTAsr

sono assoclau

%antiilNry."'ir'.ql Vengono ulili-zati co


G I'i tL N e& +r,V l i i l 5-aO^
Ia.ji

ri

l:''ti

,.. ;.i -

""'

t26

\d ogn ciclo diallungamento vengono addizionati JC, donati da malonil-CoA (3C), che a sua volta deriva da acetil-CoA L'allungamento della catena si ferma alla ione di nalmitsto (C16),acido grasso saturoUn ulteriore allungamentoe la formazione di doppi legami sono effettuati da alti sistemi enzimatici

Ad ogni ciclo ossidativo la catenaviene adcorciata

di 2c

Al terrrine si ha I'ossidazione completa dell'acido grasso.

L'acetil-CoA compare come tale solo nella parte iniziale -> poi viene sostituito da malonil-CoAghiandola mammaria in La maggiore attivit biosintetica si riscontra a livello dell'epatocita e della allattamento.

\ -+ ottenere acetil-CoA nel citosol 'acetil-CoA si foffi di per s permeable alla membrana mitocondrale interna:

tras

citosol
lnner membran-e Vlatrix Citratetransporter

I'acetile
Outer membrane

a d ic i

i:;l'i.+j
': t_.:'.,4t--.

C5ztosol

;..Ji.ir:

b--irlcriiii+
,,:;":P'i' Co.'l

#$:+i rr:.Si.*;
P]'ruY.nte
pyruvi[e -?AceWl.CA : rlelrl.-tltogerrrr-se,,lr
,q..._::

l-1;.e:iJ

,:Faiy,acid ',synthesis g

Amihb ''iids
Oxaloaceiite

+H " tt:hyrlrugenase mslate clehldroi;enLie AI,P = Pi NAX' p!"rurate rtruxl,l:rst: iHalate- -; tr-kefoglutanrtr: i.:
Pyruvrtc Lrattspotter ilirlic enz)'rtle

ffi

+H -

ltyrutate

,,.'|.,

127

2oPROBLEMA -> ottenere NADPH * ff

(l

\ :l

gooC H OH

.L NADPH NAD F'. +H+ ,\.


ensimo malico

cno

I.J

CO ,
L-I

CH l2 I

CH,
507o ottenuto dal ciclo dei pentoso-fosfati
pllil\,ll[O

507o ottenuto dalla reazione dell' enzima malico citosolico

coo-

InrI.rfo

3" PROBLEMA

-+ ottenere malonil-CoA

a c e t i l - C o A + C Oz+A T P

malonil-CoA +ADP + Pi
(enzima regolato!)

acetil-CoA carbossilasi (sintetasi) biotina

solo nel 1" cielo di sintesie nel 1" ciclo si lega L,acetil-coA si lega al complesso dell'acido grasso sintasi catena di2c, si utilizza malonil-coA e acetilanche malonil-coA. Nei cicli successivi. p*."ullrrrrg*e la CoA non viene Pi illzzato-

SINTESI DI MALONII-COA:

acetil-CoA + CO2 + ATP

malonil-Co6lAnP

+ Pi

acetil-CoA carbossilasi -+'(sintetasi) biotina

O
./ It C \-

..- ,/- o .
-\H

Ht l'

+ Co,

\)- rt .rP -DP+Pi a1 /-\ln..,t"tCrn \J LJ \_ H,.t ^ ttc'-cHn-c t' , BicinrF -o/ '( 5c '-rR}\N5 CRK\\I.ESI (Srr, mrn;r) cRRQs\rLFSt MtD\\L_

L-./--\---*

*{-

- B\ortNJ

'

REGOLAZIONE della SINTESI DI ACIDI GRASSI


n 68V9 l -lr"t'tco T6l'1t\,e E l,|utl
:-

CITRATO

.// y"

,//

:l \

citratoliasi I

ACETIL.CoA
I

-flq lflcnL I
\

|-----.-_---a

$
z,_---

fl ll

acetil-CoA I carossiasi I MALONiL-CoA

lc0Afi,55,r,1jrf | =___J

\ cnr60:srusr )

/4ctt-Gr\

I
I
PALMITOiL-CoA

C G L U qbOL)

c ftHF ---

a-. +*

<"* |frl sCLtilt

r,i5i5 coq f0I.R D r fK 4S c ri l 2l t,

dell'acetil-QoA carbossilasi (a medio termine):

chinasi (er</) affivo fosfatasi f f fglucoso]


+ insulina
I

forma defosfo.pqligerizga@ e attiva

E-P inaffivo

forma fosfo depolimerizata

e inattiva

fJ [glucoso]
I

J
attivazione fosfatasi

glucagone -+ cAMP I attivazione cinasi


v

J
sintesi a.g.

I
no sintesi a.g.

Sulla carbossilasi e sull'acido grasso sintasi, I'insulina agisce da fattore di trascrizione e quindi un attivatore.

a breve termine (allosterica) -> palmitato (-) / citrato 1+; a medio termine (covalente, fosfo/defosfo) -+ glucagone (-), adrenalina (-) a lungo termine + insulina (+)

129

di: regolatore

( PFK-r
(+)acetil-CoAcarbossilasi (:.ITR.T(:}

fontecitosolicadi riducenti equivalenti per le bisintesi riduttive

c_.(}{JCH, H(}- C -C{lO-

tI I
t-

t-lH+ {_t{){J-

nel mitocondtio ciclo di Krebs

fontedi carbonio i Per biosintetici processi (a citosolici g steroidi..)

_V

r-rrJr LfitttiTt'Jp n /[[ F>HrfHn


Protein, Protein@ Schetoacil-A.CP sintasi
lonil-acetil-CoA transacilasi

ACP
1

2 4

KS MAT
I{R

"""t ""t.i".

^ 3

DH ER TE

qenre, B-chetoacil-AcP reduttasi (N ALrI' orpen E-idrossiacil-ACP deidratasi


onnil- Af-P redutfssi (NAIrf|l. drpenoente,

palmitoil

TloslERttst

2 catenevegono dimerizzate mediante laregione L'acido grasso sintasi presentesottoforma di dimero -+ interdominio.

SH

SH pntoterr

cys
N
F:S NI-{T

DH

dnnertr;r

ER

I-:F'-

A{::P

TE

dorniro 1

i,.Afi:..i"i"

dorniro2

dorniro 3

in grado di legreacili - sia ACP sia KS contengonoun residuo -SII (acetil-CoA, malonil-CoA' catena nascente) - MAT lega sull'acido giasso sintasi i substrati e la associa ad TE stacca la molecola dall'acido grasso sintasi - una volta che la catena raggiunge i 16C, un CoA (formazione d palmtoil-CoA) ' Proilotto : aeido grasso saturo a 16C

130

-*\

fosfopantoteina gr.tiolico derivato da lCys decarbossilata

*broc51o

F\esaih,t \e.
ACP

CoA

TR,A,SFERIMENTO SI]BSTRATI SU ACIDO GRASSO SINTA.SI MALOII{IL-CoA +,A.CP MAT ACETIL-CoA + K$-Cys-SE
MAT

MALO|U-ACP

+ CoA-SH

ACETII-S-Cys-KS + CoA-SH

(acetil-CoAtrasferito :@ggJ:!g) MLONIL-ACP + ACETIL-S-Cys-KS


./ A L

p-chetoac'-A* tit*t
o

ACETOACETIL-ACP + K5

Corl

t-

. -v
rr,rlotrl--.(-'P

-1.n,=f-r-oro

-o

\ - cH2-8-.-"rrl \
I

| ".rtil"

nrr-[-"n, J-r-o"o
;rcerocerrl-_\Cp

tl
L

i
'energia per la sintesi fornita dalla liberazione di CO2 (che era stata legataad acetil-CoA,tasformandolo l; ll unto in malonil-CoA).

I
t

oo
ilt l

HgFpn+Ir+
flrJ
9l I

o
I I
5

il tl

CH_ C_CH. C_S_ACF


3t nceto atel-ACP

KR lcp 0-crr,iorcrt'

-C H_CH-C2

S_ACF

fi,Durlnsi

idlos,sibutird-AcP
(J

oHp\o
flr rr{-rrT{-.,T{-rvrr u 3

llt+

tl
-

-r .2

- S-ACP
rtH ipRussi oqL-Orp tltR0 rnsi

CH-CH_CH-C_ llrtenorl-ACP

S-ACP

idr o s sibntn ril-;.t-'P

o
tl

$ASFI H+ S-ACF
Eiloti-- qcP i0ii REDU

NADPT

^
(J

tl

CH-CH_CH-C_
3

CH-CH-CH-C-

ER

322

S-ACP

bnteloil-ACP

buth'dLAqP

FIFIE IO CICLO

r31

2" CICLO: malonil-CoA-

neo formata su Gys-KS trasferimento della catena

---+ACP libero per legare

1) butirril-ACP + KS-CYs

butirrit-KS + ACP MAT matonil-A.CP MAT

2) Malonil-CoA + ACP

t* + 3) butirrir-KSmaronl-A

t<5

'4^

KS '-t";l;ti'+ -uL"- ""t;


r's' {r*tt;i 6) ossidoriduzione

a)ossiffiiduzione 5) deidratazione a
ESEIEAcP
FINE 2" CICLO Portano

a9

unamoleco|aa16C (:palmitato;. via vta*C,fino ad ottenere I cicli continuano aggirrngendo 0


u tl

H,O

CH_(CH^ 4 )-C_ S-ACP /,1


3

T=.
E

r;i(o cHl(cHr
Pabrtato

AcP-sH
;

*,*,ioul1s5rrair

tra i domini p"'-r9lPt ta lsatananza catene sintetszzadue AcIDo GRAsso sll.trAsl il durante 1" ciclo' 11complesso di acili) n"r;;;ii"i"t-1o"" *port tori KS e Acp 1t

N
Ks

C-,

oll

-l"cP

'c-9 -

o\l

giustapposf-testaLe due catenesono ACP e KS (che si coda:cosi aoe enziml trovano in PosrzroneoPPosta:" :gnt di fro1te e catena) possono trovarsi atta sintesi delle molecole ;ii;;" nei vari cicli'

ACP
C

Ks
i-(
t32

-r.6,c@
J8: O

-\

,+unirotgft-I- -{6:i CA)


c).r.q. SoIrI'

+ &s.rqur

o ugero
I

48, I (ar)

d$at-ccozicgpl fclorellc I - piantel I v


-l

Lil,lolEerc -1s:2 gu,')


/ Qg.=ht g. ,, f Pistrte /
i/ b

,\

\ \ de'*-;-u;Gl -"--.-=_-\
-l

zicf\e

(e:rci--tr\*t )i

t^- uxicLEn-rc

-i8 : 3 (Au't .')


n,l, -b: I @s'

C unCWnrO:18:3
/7t.r,iz, r5\ -/ L-

I cri*t-cs*:et'-lc

c-Gr.e ggacSrrq'> a q'9. potrntffrx_r

tcs*TRioNlcsro I de cl;;rc-?io$e
#

9c -Reci-{roch\\Ccr rA @tu,l j:")

ACIDI GRASSI (per formare molecole con C>16) ' &LWG,MNTO - I'allunqamentodellacatena awiene sulla_faccla citosolicadel reticoloendoplasmati.o - il donatore di unitbicarboniosemalonil_CoA PALMITOII-CoA + MALONII-CoA
iN-resi\

CHETOACIL-CoA * CO"

Reazioni: sintasi -> reduttasi --+deidratasi -_>reduttasi Prodotto: molecola a lgC: stearil_Co.{

- l'aJlungamento pu awenire anche nel mitocondrio - il donatore di unita bi"utbonioffii-coA.

PALMrrorr-coA+ACETTL-coS

cHEToACrr-coA

Reazioni: sintas nauo)"i -+ deidratasi -+ reduttasi (Reduttasi NADPH -dipendenti -+ via inversa p-ossidazione)

1aa IJJ

del REL - awiene sulla faccia luminale

atr<[o gra'sso-Co,\ sanuo


n -L - :- . ,.u , - .

CH- (CH.)--CH;-CH;-\un2l{-uv^ .3\---/4 -2.-S - CoA

+ or+ 2H
-

O- e

NADPH+ Hacide grasso-CoA desaWasi (ossrgenasia furaione nista)


cetens di trasporto degti eleiLroai NADPf

-:Le --------....-, _._ cH; (cH2)^{H- 3 -1cH'hcl0.*1 '\..--'-....' > ?-c-- ;rci<lo gr-asso-{--'oJ rrtonour'slmlo

+ 2H ^O -L /;r /,

ACIDO A+ACPOI$CO - trigticeridi

20:4 (AJil'H)-+ pu derivareda:

*ido grasso essenziale - modificazroil ctl tto assunti con la dieta - fipiai complessi

(mediatoricbimici dellansP antiafiacnmatoria) LEUCOTRTENI

F0SFOLIPIDI 4-

-\F'-{c'HIDON-\T{)

P LA 2

DG lipasi

"

.lrsinta;
orostaciclino 'rinasi "r-

lr*',ffkffi*) Rsapinr=
trombossano sintai ----.---j TR05IB()s,1_\NI piastnnicainizio (aggregaaon'e coagula:ione)

PR(lsT-\f;L-\NDIN',\ H. CegUr; -t I +

PF-osr-\{-'I{:'LIN-\

'T-3I-ft"'-\NDINE lisctc muscolo (- coutrazione - veglia-sorrm - urfi".*"zrone' dolore)


1a

tJ +

'GsnounDs

ca:ier-ente-

FMCH\SNSTO 'ttgrrm' -Al- -"' i e'=t"P-\"Pi<le f-'

Sct1rbr$QTo ATfustG&\ | - rr-,<{iGrt<

/:\'a\-''\'/ccc-

J C}--osacrrvay',a:eeon<ere Cco -

pee z

ffiFFASEAI
-Gt{ esk

Smurrn , I
tl,
I

I@
v trcr",b.n,ao
erLorahaslcd*Ce t^
CCDf
-\

^/\.

)l.oia.l"(
o$+
6X s-ntuQ A=-.x:
I CI

ll

c H :)

\-,,
ftSPiA.iNlS

v--#

./ .\J / rti

,a/^

I (

\\\

-:-

ttt

tA,'a
EUCJTA\D

\css ,)

'\--'

C+tcsnLr1ncu*rf

C-ox rrr\tllrtUR-I (ecen6+-tq\


)t

Z\
l\

iir
)

.,
*17 @.-

hlaRcfE

BIOSINTESI DEI LIPIDI COMPLESSI


grassi + TRIGLICERIDI gli Forma sotto cui vengono inrmagazz'1aati acidi

TR\G\CR\C

A
)

\-1

sG/r

TR\3L\C,

q|.iand,o

-3P

-tsP 2 $1^**)" 'be.nT:CENO

T. D\?OTD
Gfl

Non vengono immagaznatt per lungo tempo nell'adiPocita' 'rcoro una Il ciclo consentedi avere sempreln cl certa quantitadi trigliceridi subito disponibili Qs%usato,ilresto tonmnel circolo)'

CICLObEI TRIGLICERIDI

ftRi'lr gtolirfni !tt liri"rcirt'ri ron:rueto ciLl0c.uas5i |'tfhE

q HIOH I CHOII

fosfatasi
glrcerolo-l'P
url^ IT

| , H2 o l,._=_ I
n
ll

Fi

I
v

r
lt

1.1-rtitcilglicerolo

cH -o-c-R2

.o
K=--r-<

cHzoH
acil-transferasi tfuq -*=:-==_ : coA-sH +
(J

aeil-transferasi

S-coA

.o ot-(*-ro^

Co.4.-SH

o
ll

cH.-o-c-Ri l"

II

CH, O -C-Rl
acrdo fosf,rhdico
i.1 U

lo
l^

lr l CH _O _C_R2 I

lz teq.sTffi.

II

inftsia-l-

cH -o-c-Rz
CH,o- C- R3

tugliceride

cHzoPo4 I

lo lll

r36

fltuuqloTS $ oiiA
511"rlli
K

p.g
NaD+

l'

N-A-DH+tt.-

'l

cH,oH
.

C=O
|
I
ir

I HO _C-

CH. O H
l? t '.

cli. oFo;
DE{P

S'J:i,1';-_.JJ

4-fi

cti=oeo;L-glicerolo-3P

H
grlcauls siri,*si

CT{OH CHiOH glicerolo EPATOCITA

DIPOCITA

a nell'epatocita, sia nell'adipocita sono stati scoperti enzimi che sintetizzano giicerolo-3p, baverso il processo di glicerogenesi (processo simile alla gluconeogenesi, si arrestaprima di rivare a glucoso).

ell'adipocita:giungonoacidi grassi--+esterificaticon glicerolo-3p: trigliceride rll'epatocita:acidi grassiesterificati+ glicerolo-3p: trigliceridi, vLDt EGOLAZIONE:
attivano PEP-carbossicinasinel fe eatq ( gluconeogenesi) | inibiscono PEP-carb-ossicinasi nell' adipocita ( Jglicerogenesi) (mantiene alti i livelli di..g- in circolo) ti livelli di a-g- liberi ---+induzione a loro utilizzo a discapito del glucoso (ipergticemia).

TUCOCORTICOIDI

IBELLA KIASSUNTTI/A
---o

MITOCONDRI

Produzione acetii-CoA Sintesi corpi chetonici

CITOSOL

Sintesi colesterolo, isoprenoli, steroli Produzione NADpH (ciclo 5p/enma

R E. L "

- Sintesifosfolipidi _ Desaturaz.ione a-g. - Sintesiultimo stadiosteroli GLUCAGONE


1

IPOGLICEMIA

(+) triacilgicerolo lipasi nell'adipocita--* disponibilit di a.g. -, ossidati nei mitocondri dei tessuti periferici (none'roni!) (+) sintesi corpi chetonici nell'epatocita ----,atilizzo dei comi chetonici nei tessuti extraepatici

I
t

IPERGLICEMIA

(+) acetil-coA carbossilasi-' sintesi di malonil-coA, sintesi di a.g.e liberazionedi VLDL


(+) lipoproteina lipasi di trieliceridi ingresso di a.g. nell'adipocita_+ 5ln1sr;

I i

tJ /

SINTESI DEI GLICEROFOSFOLIPIDI GLICEROFOSFOLIPIDI = ACIDO FOSFATIDICO + TESTA POL'4RJ'

biosintesirichiedeenergia-+ fomita da CTP Questa


l) Ia coda idrofobica (ac.fosfatidico) 2)la testaPolare ia sintesi dei le parti' quindi esistono due vie diverse Per ).ion devono essere atLivate entrambe 11CTP pu legare (e quindi attivare):

glicerofosfoliPidiNei Marnmiferi: I'attivazione del fosfatidato - seguono --+ sfati diIinosi toIo fo --- cordiolipina ---+ sfatidil gl i cer ofasfato fo -> fzsfafidilserina -, fosfatidilcolina a --*fo sfatidil etanolammin

polare seguonol'attivazione della testa

n It

o
It

cH;o-c-Rl

CH,o- c- Rl
IJ
tl

o
It

cH -o -c-RZ

fltr
9r

- o - c - R2

I [

cHr OPO;
acido fosfatidico

,-

cH" o- P -t o-

I I

o
tl
-rl-D-

(J

tl

CITDI\
I
I

o-

CDPI'iacilglicerolo

CDP-DIACILGLICEROLO

+ TESTA POLARE

TESTA POLARE + ATP TESTA POLARE-P + CTP

TESTA POLARE-P + ADP _--_* CDP-TESTAPOLARE + PPi --"-+ GLICEROFOSFOLIPIDE + CMP

CDP-TESTA POLARE + DIACILGLICEROLO

1 38

t-to- cl-1-c1- N- CCllgl:


c s l i oa. clricgsi

CouN\

|4 rl f,\+ oP

+ t\ -O-P- o -c-H1-cnn-Nl- Gur)u

bsrccouNth
cc\ifiQ

o-

ft* eet
O _t
It

lrclP

CTP-

cit dil-frasrasi

o-?-o.,a"'O I

clH2 -

clrl- i- (**)=
a\

CDP-CoUN!A

O=PI

RtEpto

- ct..irgtt'\ )
------C{viP

\-j;
transFeral\ f .f_
o
\\

l'

DicrLG$'cKr-o

cMP

Ct\1- O - c - H-c-

I C*t- olo

c- -. Rz
bsS.E\COUNJA

i t^

ct{r-o-- o - cr{2 -c}t2-il -e,4. \ o-

r39
.

FTJNZIONI GENERALI DEI GLICEROFOSFOLIPIDI: membr ana pl asmatica delle cellule.

dCIIA A1IA PATICCiPANO COMPOSiZiONC

quarrtitativamenteminore: Svolgono anche funzioni specifiche, anche ," |n 6rnier4

HzO 1) FOSFOLIPIDE

a.g.

4 >

LrsoFosf,'olrPrDE

A2 .fosfolipasi

teL pu esserestilizzato per ia sintesi di siER La deacilazione libera l'acido gmsso in posizione2, che colesterolo-

2) FORMAZIONE DI SECONDI MESSAGGERI


FOSF.S;TDil-NOSITOLO
I

f,rsinlazicne a lveltr.deila \'IP

| -----:-2ATr t{-F-

2 'A'DF

F 0 SF-'LTIDiL f!\io SITOL C+j -B ISIO SFAT


iil:g?siiiSilt'l*

aceft-coiip:* /brproni.:l

1'os;oltpas c ------>t

o OL r--OSrT O-l,+.!-TRisr sF-\To


I

Dtq.CT-GLIC.EROL} +

I
R-ilascicCla-

I I

I I

anir.a:icnedetlaPROTEN--{ CLU-SI C

I f
regc a:icne di effirni (per t'ostbrilarioaei

regclaJcae di alu^ien:lmi

'1**di"t"

daa":r 1

140

: passaggiodaun fosfolipide ad un altro agendosolo sulla_testa polare:

o
tl

cH--G-C-R1
fosfatidilserina l tl CH _O_C_R2

l" lo

c H z o- l- o - * oo
; r - - .- .. ll

lrt

lo

NH I iCH -

coo

cH^-o-c-Rl
l tl CH _O_C-RZ I
lll

l" lo

lo

CH?-O-P-l

O-Cii.-alf,-&if

fosfaridileranolammina

oinc.ni 1l-:-'--", t'IlSjtrtlEi ltV


f

,arr.

I !/

dcnatxedi gr-meti S_adeorrs&netioaba

l
i
.

o cH^-o-c-Rl l"
lCI
I ll
ll

CH -O_C_Rz
lll

fosfatidilcolira

lo
I-

cHro- p - o-cri:0-

cri:_\-_(cH. i.

goRDA ! ! DONATORI DI UNITA' MONOCARB OIyIOsE BIOTINA ---)trasporta unita monocarboniose nella fomrapi ossidata i(COz) i- S-ADENOSILMETIONhIA --+ trasportja unit monocarbooir",rifu fonna pi ridona (CHs) i- FQLATI --+trasporta unita monocarboniose vari stadidi ossictazione a (CH2, C:ro \ \,
H

= LIPIDE SEMPLTCE NLESTEROLO di - Costituente membrane' ormoni steroidei di - Precursore acidi biliari e

utilizzo. *l11lJ:t^:*::"3"HH di {ecessita equilibriotra sintesi'. :

lffii#"ff?':jffi
spetlibile).

non i"i"'r"*.' *.*i"t " n':"t:""iTut:Tcolari' idcecacbqstco*"


In tutto sono27 C

1a deposizione di degradabile ed

libero o esterificato) (pu essere

HC

-",J"Io

:[@i.i-' che si organizza in moleco|e dt IS)PKENE:

(CHl-Coo), Gli atomi di C derivano da acetato


F

Cll' = C-CH=

-*u

Ci:

nella sintesi del C' la molecola + lunga che si forma e : SQTALENE 6 unit isoprenich -(30 cichzzaztone e altre modifi'checolesterolo), subisci ,*" p-*ri"f e
-Lereaz ionicheseguonosano'catalizzatedaisozimicitosolicdeglienzimimitocondrialiche chetonici iatqlizzno la sintesi dei corpi citosolica! - ona via esclusivamente del reticolo endoplasmatico - Awiene sulla faccia citosolica

Jll-

flT:r

r'/l' !.\

.o
- S-Ca-+'

f acetitr-Co--L

{2

F //

;TA PRP..I
6vq( A trZ ill, 0tl$ 5f telo)ef l
fD . v , C t

;,oi:-i

ce-{.-sn i [o
ll -.O C<-t s-co-. ^ .

CH-*--CH.-

acetoacetil-Co'l

TL,G-C'a-J l I -,--:r* sii-:r.::i ll%:F

AI

IV
1.-al

+ iiro ^t**-50; CoA_SH

CH.-

I
-C -

(JUL -

u'r"

-O CH._ C,(

OH

\ s-co-{ ffiH# lNeoe+

p -idrossi-p -metilglutaril-Co'{ ' l[ilIG-Co-{)

HMG-CoA redutssf

------:=l_l=-

cH i
- t - il' _ C H .r-

I
C'l

CHr- CH2OI1

mevalonato

r42

oH

CF.,

I - oL- cit,- c- cH,- cH"oH :: -t


. tiH 'a:'::-1t-:-'iri L;i.l,:i;

mer"alonatc

l1--: --*+__::= | I

.{j

C{.
_40' . t E gll t-

ooc-cH.- tl c- c:lI.- clt.-o-P-a OH

5-fosfomevalonato

O-

c,f s il. 3
I '*

cli. - ot-lc-ci.I ilil

O-

o 5-ptrofosfoile\.o.lcnflro b-

- ttl

p- cH.- cH.- o-F- o-p-o


OH

crtns lr*q:=_
+
t

r --===--*

-..::.n=

- oc-cH.-

CE OO l -"t'

'lll

c-

cI"-cH,-

o -F-o-p-o-

3-fosfo-$pirofosfo

ner.alo n ato

10 0 -o -

lr ' o -p- oI o-

'*
I I

f'f1 vv1

vt

D.l

r'1.i : Lf

t= CCH: ISOPRE}-I

oa
ilil

CH'- CI.- O-P'll

O-

P- C -

43 - isopenteil-PP

o-

o-

_r.rTfr.Ari

4l

ty cI{.
Iiltl

I lfouioHERi tl

o
O-POdimetilallil-PP

Ci{_.- C = Ci{ - Ci,- O-P-ll

o-

o-

143

Dr

_-4

DTMETTLALLIL-PP + lt-ISopnNTErL-PP . (5C) (sC) rsf_ r (sC) t l\PPi prenil transferasiI

I !:= i

+
I

i=

GERNIL.PP

(1oc)
H> I

A3-isopenteil-PP

prenil transferasi 4
v

PPi

FARNESIL-PP

(lsc)

rarresrr-rrlin questocaso-reagiscono farnesil-PPl I"i" "ttu-"oau


2PPi
squalenesintasi

.,_-l .

rI Si lib.t*o 2PPiperchle molecole'


.

:testa-testa

NADPSQUALE}I E

(30c)

ffi
NADP* Oz I'J+Oz

H-

squalene ePossidasi (ssigenasi a fiutzione mista)

SQUALENE-23-EPOSSTDo I ciclasi I
SQUALENE sislizzato con ossidrile

Epossido: ciclizzazione che luttltzza 2 atomi di C legati ad un O; forma instabile che si apre e forma un OH

ciclasi

LAIIOSTEROLO (3oc)

+ I I
I

COLESTEROLO Q7C)

Funzoni deqli intermedi: -Unitisoprenica-PPi(dimetilallil-PP):nucleotide.(anomalo)delt-RNA di membrana doticoo, o*" idrofi1cadelle tipoproteine . Famesil-PP -*.'ti"ii,'oo",

__ril
I

IoLESTEROLO

acil-C oA- coI ester oI o ac l -transfer as

ESTERE DEL COLESTEROLO

@cAr)

o
I

C-=O

S " t'
Celeerele diera
\ Celesreroloda HDL e LDL ---} \ \ ) */

9ott,LCnr U- poxtfttrJpe!L,oprt(po &tLe E-ln LecrnMfi @N W tL Crfr

rnnacenue ehgmispnl

FEG..TO (simesie:-oo'i'oj

I
orrnani sierq,.idei

Secrerionedi VLDL

Cclesrercls hberc :+trel c';n bf,e

PR-I"I-C IP-{L I Il-E .rTR{, :ERSO CT-I trL COLE 5TER.OL O -iB B.q-\D O\ A tr- FEG.{TO

t45

SALI BILIARI

-qt
OZ\

R r=OH Rz: OH
n - rrEr-t^ET^-COflIf

Rr :H
Acido chenodesossicolico Acido elicodesossicolico Acido tanrochenodesossicolico
sALr ttrr.Leusr

Acido colico Acido glicoligq

R" : NH-CH2-CH2-SOIE

Acido taurocolico ACIDI BILIARI

ACIDI BILIAzu + GLICINA/TAURINA SALI BILIARI

SALI BILIARI (fegato)

(duodeno) ACIDI BILIAzu + GLICINAIAURI\IA nciclo dei sali

Escrezionefecale di sali e acidi biliari:0'5g/die Bile: 15-30 g/die sali biliari Circolo portale : 15-30 g /die acidi biliari

salibiliari
!1r3flIna

COLESTEROLO

r
t

sterci.e1 cra3.on

ALis,:penteil-PP

dciic+ic

146

N&, g*fl^j: DEL 11o crr.10! CI;ue>iERc,16 SoNo F0ttr-tfrfrE|i-f1i.r ?TnflvftHNTE rf'r,\c4p.n6il( qel.i Rre..rffiq?r, En t'nri,frlys0Qr suo t_ttt&Lo L c"'tzfui oa
COLESTEROLO

J
Y I

PR.EG5t-EJ\.OLO\T

,,t

/t\
,I

PROGESTEROJ\E

/ CORTISOIO iglucccr:rnccidei -inreressa merabefismo prcreirc : 3{ucidicc ' scpp,ressicne rlsllnmuureradeila r.frn:mancne e alersie

+ .l
COR-TICOSTERONE

-ILDOSTERO\IE [mineralcurriccidel

+ + +

TESTOSTERO:\T I

+
ESTR\DIOLO

+ ,

t I

rgLlafli] riassorbinetrto i sadio.clcro e il Lical-bLnaro rene nel

- preduione crmonise:l:uali:\L,F - influen'a caraneri sessualiII


- lgggleng rI ujCle c.i-aricc

sono ormoni idrofobici:

agiscono direttamente sulra trascrizione

zic'osawiene sull'enzimaHMG-coA reduttasi. regola -

Regolazione a BRE\IE TERMINE: a feedback, la sintesi di colesterolo inibita dal v "r'ur* sQ colesterolo intracellulare Regoiazrone MEDIO TERMINE: fosfo/defosfo a Glucagone(AC --r cAMP --* pkA) ---' enzimafosforilato ---rforrna meno attiva Insulina ---+ enzimadefosforilato -+ forma aliva
Regolazione a LTINGO TERMINE: controllo della quantita dell,enzima disponibile mediante sintesi/degradazionedello stesso

Acsrrt_ C;A
f{tre - C=A -GrA Hw\G sA. I @ rr.ta:u
tecls\\6=r

d,

HVR\.DT$TO -

| ^@ GulcAccrr: .fW< - '., SiliioL{t,R ,,FlQ,i-grJrrS; Llc -"-,vn( |fnsi /l?Dt,

@l
S-r4
,l- 4.

{'

Ccls;r.

*-

io.etreest*-

- -

I
r47

''^^ 8. l'
LDL- c ot-ETtr-RaLc)

20 geni che codifiga'o per proteine _ il gene per la HMG_CoA reduttasi(cosi come artri \rna sequenzadi p'er te iOI-; possiede, correlate al colesterole, compresoil recettoreDEGLI STEROLT oN : DI RO oL --* riconoscimento SRE ELvGNro reduttasi' awiene quando ^u ;"*ttgry {"}'fuG-CoA - Latrascrizione del gene ", qoiodi, & snnnp &inding protein), che si iorma in firnzione SREsi lega al framento N-i"*ri* della [colesterolo] a SCAP ftlroteina che attiva la scissionedi SREBP sul reticolo endoplasmatico insieme o S SREBP); di COLESTEROLO ALTA: e si forma il l[Sela concentrazione proteina di membranader reticolo endoplasmatico interagisce con -rscap tl;;pt";ro 'na sul prt"iou-SCAP-SREBP reticolostesso BASSA: Sela concentrazionedi COLESTEROLO r"ti*r" dara proteinadi *.*#JLr scAp si stacca vescicole'al Golgi' nip viene trasferi, mediante scAPed endoplasmatico il complesso

ffitr;ffi"t"
terminale).

all'azione viene scissoda SCAP grazie el Golei: SREBP * !:l: e cdueframmenti Qrl-terminale fonnando l:1j:T,n?t:3,::t:

a sequesto legato sart;,

[ffii?;r"

(n - ar:Lv:?:"', ve st Jffii#:lega a ;"ffi*:'#i"#;t"iru

dell'enzimq o^"rizione .-i lt^lro onnacntrr'.Tinne di colgStgrOlO *i'ir]-^_1,]r--r_-^rr,,r,; "o"._'::cessiva I'alta concentrzzon.e di colesterolo Una volta raggiunti i valori limite intracellulari lesterolo.
da il diitaccodi SREBP SCAP'

(sP2)e migranel nuoleo' proteasi da vienemodificato un'artraserina N-terminare di sintesi -rlr^-.-i*o ^^n errcnq"iwn sintgsi di

lll'Ji;;"ovamente

(legato ed un d9ryuo di membrana un possiede dominio citosolico(cataritico) HMG_coAredutrasi di sensore segnalichene attivano la degradazione' (modificando Io f,al reticolo proteolisi la "naopr*uti"o), intacerlutare arimentano suscettibilita alla Livelri alti di cot"Jeroro del proteasoma' all'interno degradazione con conseguente s"to ai oligomerizzazione), Riassumemdo: ALTO COLESTEROLO (-) sntesidella reduttasi '(+) della reduttasi degradazione COLESTEROLO BASSO (=) sintesidella reduttasi della reduttasi (-) degradazione

nto r all entame sintesi col esterol o

o aument sint esi coIesteroIo

*tff
OSSD.L\TI :urerc:sido ausne di percssrdc Ii cs:idcniricc altri

LDi.ossm-ir-l
.L\TIOSSD.}TI -'iraminaF riramina C
cafttene
4U! -1;

[recettori scavenger(presentiad es. sui macrofagi),avendobassaaffinit per le LDL, non sono pggetti a questotipo di regolazione,'edassumono LDL accumulatein circolo e sottopostea le ; (macrofago cellula schiumosa".foam -t cell"). hess ossidativo
LDL ossidate tendono a fermarsi in circolo, causando danni endoteliali ---+richiamo di monociti, aderiscono sulle cellule endoteliali, si hasferiscono nello shato sub endotelialb dove si

in macrofagi. Questi, come visto, possono internalizzare grandi quantita di LDL trasformandosi cellule schiumose. in cellule schiumose si accumulano, liberando fattori di crescita e citochine che stimolano la igrazionedi cellule muscolarilisce che vanno a formareuna placca, stringendoil lume del vaso
lacche aterosclerotiche)

RIDT]RRE CO
DIETA POVERA DI COLESTEROLO i UTILIZZO DI RESINE A SCAMBIO IONICO Sono cariche positivamente e si legano agli acidi biliari (carichi negativamente), impedendone il riassorbimento (no riciclo!). La cellula epatica , quindi, costretta a sintetizzare nuovi sali biliari sfruttando altro colesteroio Effett indesiderot: -disturbi intestinali -nausea" fl atulenza" costipazione -acidosi iperclorica -alterato assorbimentodi famraci anionici -ridotto assorbimentodi vitamine liposolubili UTILIZZO DI STAITNE reduttasi; possono Sono inibitori competitivi irreversibili dell'HMG-CoA metabolizzate dal citocromo p450i Effetti indesiderat: -nausea, insonnia" affafi samento -alterazione di enzimi epatici (aumento di 3 volte neI2Yo dei casi) -dolori e tossicit muscolare IC DIALISI EXTRACORPORF'.A ChETiMUOVC LDL iN CiTCOIO

essere

REGOLAZIOFIE DEL PESO CORPOREO


I iIbRESSIGENICI-* influenzano il comportamento verso il cibo: aumento massa grassa e uzione del consumo energetico. IpOCITI svolgono una funzione onnonale, producendo omroni proteici come la LEPTINA unico). -+ esistono meccanismi che regolano il peso co{poreo' opponendosi gn meccanismo a feedback -- quando aumenta il peso, diminuisce con ,"" "*i-i"ni, il consumo energetico. appetito e aumenta

ORIA

ATI

t49
g

Attraversoil circolo La LEPTINA un olmoneproteicoprodotto dall'adipocitariccoTq*"gdi' produzione di PEPTIDI ANORESSIGEMCI sang.,,*'no raggi*rg" t'iptahmo oo" induce la di movimentoo di termogenesi)' i itr""ro ai fami ti"tu energeticasottoforrra per via 5impatica(noradrenalina) Dall,ipotalamopartono,quindi, segnalinervosi cheraggiungono disaccoppiante; guesta dissipa il gli adipociti, ,portando d t*a magglore sinJesi $-f. roteina degli acidi grassiper ristabilire d.ical-Je, induzionedelf ossidazione sadiente di Ir "onlroa.r"ione
il sadiente-

iPoT-{L-l-\io

:e'analinerr.,'si

+nnf\..

J
i I
\

vIu-'!

\j rcradretralina

P.DiSACCOPPLI_NTE

.g u I.,r U]gLLIlu

sr

dr

fucF)
t*tss'.r'"-r.1

oL GN}E (,**t*t,r) g'tL itJ& i}*ti& {*]"}nAfft

OB
\ i'*14,*ouit'

i t. r'i c,h$b=? ilqtrlf"t.< ;' -qI:I


i (JIJ; |I

0PoltertNft(*tq-

{ ,\riV K
t{U5CcUo
{-r:g3i*'**rlF. &.q

i*,:'li *,- & , - :i ru r".g'JL Gtu f':vcb "{*r**i Jr1" -* G{tf.]i tt I -

t6nt*'

150

o METABOLISMO PROTEICO

n . . _ ,",, f 0 i|t t lo y iri' f iS.t2 a . " . r H,TT


( ,tt.'*r ;, r,-f; r;411 ^.> - t \ #*oir;

PROIET\.T CORPOREE i'r-itl e'die'l

PROTEL\E DELL{ DiETi- ( lrjrig'1ie

Sinresitariabile di aa essen:iai

r}la*ciu- a:otarc in equlibric)

\J
POOL DI.L\.SN-O.{CD1 SIA;TESIDL (3i] gidie"r
- nnrtrinp

PROTEI\8 CORPOREE rfu +rJ gdie.)

variabile Quantfu

- creatina - nlroasrsetdran - purine e pirimidine - aftri cempesti:azcnri

glucosio g{ieogenc

corpi ch*terrci acidi grassi ;rer*rdi

co,
(dal pmt* i;ta calu=rico le rateine *d i gfucid si equfalsoa*j

f. &tltLi i"lt sl {/d,,i lye-$. {

iJ i,"$* s t"

ltwfl;t l#d"ff. -l',asi)fi f::*1i$ dr:l}ii , i\i'|l t

{*' * i' "d;*.c;;.. tr y l,nrt irirrllri r1;f *$ ir;#g:llir?i (^, ,,,,,, 1.jrri., ,yt{i,r{, {1,!

l * 0,

AA ESSENZIALI AA NON ESSENZIALI AA GLACOGENICI AA CHETOGENICI

His, Lys, Met, Phe, Ile, Letr, Thr, Trp, Val

Glu, Al4 Arg, Asn, Asp, Ser,Cys, Glu-NHz, Pro, Tyr Gly,
Aa che sono degradati a piruvato, g-KG, succinil-CoA" fi.rmarato.OAA Aa che sono degradati ad acetil-CoA o aceto acetil-CoA (possono dare origine a corpi chetonici o a-9.)

Aehl

Asp
\{

TsP,r\e1L.; A \a , G\y,S e r '.--' l C yt,-fh nTr P Pteuuglc 1u --t r PR\JU* \ Aq.s\L-CoA ./

L{s, ., ., ,y -rt tl-p


<

AcETo+cET\L
c>A

f:hreA,6f>

\ )/r

=u'+tlRxrc 't

oAA ,+

CITRAYo

--.''

l5 l

delle PROTEINE ALIMENTARI (EXTRACELLULARE) PROTEOLISI --"---> ---------*dellePROTEINECORPoREE(INTRACELLWARE)


conferita dai gruppi funzionali'

con utra precisa direzione (N*c), Le proteine sono biopolimeri

meglio Perchgi denaturate) la ne riveno deno stomaco.ir cui ambieriteacido favorisce derle proteinede[a dieta fo3iniz.io a pi un La digestione rappresentano substrato + pompe ioniche)+ re proteine denaturate denatwazione (p.succhi gastric-i con specificit h pEpsrNA -) una proteasi (idrolasi) * a bassae benfunzionante pH:2' ,"ilffi*t* presenno d proteasi secretedar pancreas -> a prosegue tivello intestinare. con I'attivit La degradazione ditti in.aa^Iiberi' e tri-peptidi' un,ampiagarma Oi.pE"in"t O"erud*ffiU.t " **^- ^.-^"--' I questienzimi digertscono pspuura r'--' W-aZl.cellule intestinali: assorbiti dal villi delle aa liberi, di- e tri-peptidi vengono I prodotti della degradazio-o*: da parte di altri tessuti' intestinare, rilasciati ner sanguef "r*o.biti cerure den,epiterio '

Ladigesrio""u"n"ilJ,Hln-#til'"i"*-*l*:m*mnnf f.mr*.ltm."'lu

INTESTINALE + IDROLASI PROTEASIPRESENTI A LIVELLO


iICOOH fornito da aa come idrolizza legami peptidici in cui mginina e lisina

CARBOSSIPEPTIDASI. itlrolizzano il legame peptidico tt I'oltimo ed ilienultimo aa di *u PoliPePtidica "utena

ESOPEPTIDASI

individuano il legame PePtidico' aa tasliando il Primo e I'ultimo i oo" catena PoliPePtidica

ffin-cangossl
PEPTIDASI di idrolizzano !'estrelqii N e-g'

idrolizano

ENDOPEPTIDASI

di una catena i legami peptici presenti all'interno poliPePtidica

questi enzlml tripsina dar pancreas: se prodotta daro stomaco.e ra e pancreatiti' come acceillato, ra pepsina-viene rirp"tti',nuente ulcere gastriche alt,interno di queste ""uirl, "*":rr"r"uu"ro funzionassero gi sempre Per questo motivo vengono "!

SINOGXNO

lNzce.[Nl

r52

DI EDITING = delezione post-taduzionale di aa in una molecola proteica FROCESSO I phimotri psinogeno(pocoattivo)

lr
|

l+
I

tripsna

Tripsinogeno (inattivo) I *r,'' enteroleptidasi rl c.,ts,

t
(molto attiva)

t,

f-chimotripsina

tripsina (molto attiva)

tl lv

ftinsina
Il TRIPSINOGENO una catena un po, pi lunga della tripsina, con una struttura tr e Illdiversa (non presenta il sito attivo). Pfotpolisi.. controllata: fonnazione di piccole nicchie nella catena per la rimozione di I-2 aa Da un polipeptide lungo si passa a 3-4 polipeptidi minori dotati di sito attivo (cambio di conformazione).

l-chimotripsina (mo attiva) lto

htestino tenue:

CIND,{OTRIPSTNA.

EL-\SI.{SI

C.qRB OSSIPEPIID.{SI .{ C"{RBOSSIPEPTID.{SI B

TRIPSD;OGE-\-O

Ci{t\{OTRIPSNOGE}tO

PRO-EL.\ST-\5I

PRO-C-{RBOSSIPEPTQ_{SI -, PRO{ J.R8 OSSIPEPT]D. SI B

DEGRADAZIONE DELLE PROTEINE CORPOREE

tnavolta si pensava i lisosomientasseronel processo proteolisiall'internodella cellulae cherilasciassero che di i loro enzimi nel citosol! turnover (: ricambio) delle proteine, cio la degradazione e la risntesi delle proteine. awiene tnttnuqmenfe all'interno delle cellule.'Mentre alcune proteine sono notevolmente stabili, altre hanno vita reve, in particolare quelle che rivestono un ruolo importante nella regolazione del metabolismo. llule roteine rnneqqiate: una certa %odelle proteine neosintetizzate risulta difettosa a causa di errori di traduzione. e relle sintetizzate correttamentepossono andare incontro ad alterazioni.

: proteine destinate alla degradazione vengono marcate dal legame covalente con un piccola proteina, tamente conservata e presentein tutte le cellule eucariotiche -+ l'ubiquitina (mono-o poli-ubquitinazoni). (S.U.M.O. -+ alho piccolo peptidemarcatore, simile all'ubiquitina) resduo di glicina in posizioneC-terminale dell'ubiquitina si lega covalentemente gruppi e-amminici ai Ci alcuni residui di lisina sulla proteina destinata alla degradazione -+ formazione di leeami isopeptidtci (perchcoinvolgono i gruppi r- e non a-amminici) a spesedi idrolisi di ATP.

r53

3 enztmt: ad wM proteina sonocoirwolti NeI legamedell'ubiquitila attiva I'ubiquitina . - P,, "f," si coniugaall'ubiquitina ;t;;

ti**nmoio,iruilm;

di spese efp; daE2 zdunFtruppo dett'ubiquitina '-ilLi"o trasferimento


* u:^,-:+i-o neruna reaztone DrogrEssr*

su,p:::*:It1' Yn 'i l:.s1.1d t'u't"titt '" *"*?;;; t'uUiquitina.attiv.ata;t;

a regame un rormazione.di tioestere' con il


i+ Ez;infine'E: catalizza *t proteina bersaglio' della

'

I lBn'*v il legame '

rappresenta molecola di con.-vvl! un'uni"i.-*:1"rut-:-tlo:H""H111".""o1";;*r*" si posson? -> ':T1"^ s"t-"-1T:::::


-1 "',t;. --...-:

un solo debole

tj"::5::fi.:1";

ubiquitina- "r,"olit di turmnale tm,artra


di degradazione'

al-"*"te

,1: C^^- iI snnno di un'ubiqiitn "on il gruPPo segnale un efficace di ubiquitinarappresentano

lfi

;;t

:t"t'11il:"ffiL*-i"o'

c-do te proteinedel ciclo cellulare =ffit*ielle *che determinanrcl $"+ e serinatreonina)'

h inacitosoricadeterminataglevare"I-^"1i"*:".:fifl);:#'I?'i'ffi lo\"-' " Arxl offissr..;:;;;;;;'"-issrin""*',,!Y:i:::::# ricche protein!-dlr4istuesere'

':;il"'

(in proteine

Le proteine ubiquitinate dipendente.

complesso ATP: clindri di enzimi proteolitici' ti proteasomi -+ irrdtnz:ate

degradata ma viene riciclata' L'ubiquitina non viene --s L'uotquruura'u'vrvr^-

celluta mediatadall'attrvrta"t anchecome onde che desaclativ+de,1.."-:rl11,:*tJ:3j^Jl::il$,:l5J"J'T'Jixffi{:tr';";"":; vra uv':one H"Jff;;;"Jili;;. un,altra un,altra via degacrativa_della calcio agiscono da segna'' t]":^:"j::^ Jrl'arlra via del attivate da determinate a, quindi, a" determinate quindio

_ -,- ... -,\ r:

t6g;1ct*

dipendenti: Ie

ai variazioni "oo'"r,ffiii"*oJ^"**:*:":-1"'ffi:*

mffi

H "#frlto

"f:i?:ffii:"6:*1"'ffi:ili;-n* "I"i" la celiulal per pericolose oiiot'""ullulari ut potenzialmente


:"t":t: perch ;"T iH"o," regorate
r - ^^r l ,.l - - l DEGKTLLIAZTT\-','.! s!"-^ --

vensono' -J.,ir-

A*;m'i

. r.r_--^_,o 6f^tF' alla sintesi diinuove proterne proteine non necessari derle degli aa il dar processo di de.gradazione sito di degradazione -+ tt p.Jie Gli aa riberi derivati aa onenere "";;;;"cifici vengono degradati frno fegato. non entrano nelle

di tutto' rimuovere necessario, prima

in quanto

#;;;;;e

dienergial4g1q

6--"

pt..*sori

di

%iclodiKrebs. glucosoo deglrrnrerr


rr err-

:l;1"e'ffiH*ffi,T:':: :,-,-".H;;r*;Jr:rffif ::HLfr*.;-JJffi :::ffiJ f ::"JL::,:*:T****.ffi il:T"i:fr:HrJirffi l"*:,ffi l*ffi


glutammato, che vten
' e poi deemminatatlamlt' Lrrru.*^v^4-'.r-

*"tplNSAMtrIAsI gruep::*lxnil*fri" q,NSFERASI', trastnmenu' di ur AlvlJrtt-r-rxr n},m.lorn L,r: z n ,or7rrtr e strno t',tt. re.versibili. o lffilorn'q'NSFERAST' It trasferimentour un "' tutte reversibili. T R A N S AMtr' IAS Io -, e a dueprodotti eueste reazioni sono;;;; di transaminazione liu" subtt'ati

-:r^ ^r ,,- a-chero^cido ad un c-chetoa - .co da *" o o-ammro'ct'u4 un a_amminoacido

catalizzato

tlalle

a-KG /\ ansaminasi

OAA /\

PIRUVATO

LUTAMMATO

il \,2

il

il w ATO SPART

tt

1r
J lALANINA

il

154

Le transaminasi sono classiche proteine-dis-ortita-+ se vengonoriscontate nel siero sono indice di danno cellulare' pi precisam"ot" d"ll'[unoii q*trr tansamirasi sono cirrosi,:ed epatopatie, tes. "ui aumentodi transaminasi siero)nel "p""in"n" Le transamhasi sono $ffls" tl tutti eli orgunelli c variazionidi energialibera, quindi catalizaanoreazioni .".r,".ribiti. in grandi quantit: non comportano che deriva daila piridossina

prosrefico piridossal fosfato ru), (vit 86, idrosolubile).

parzialmenls basico (caico -) a causa deI gruppo ifenolico

I'atomodi

I'

formando un fenolato.
t

tI mentre il

ri
ffii?;

*X"

-.. [r$ *'"' ",.

protonatie la loro carica(+) stabilizzata dall'interazione la carica d"G;;. con (-)


OE

\-c /
^.2

Ho-cn,-1,/\.oH

lil \*-j\^-. LI-

PIRIDOSSDi.{

oTr.86)

PIRIDOSS.{LE (forura inattva)

PLP
({orma ah-a) [/ii l*#fi ; F+:!l.r*lc:

il PLP funge da coenzima anche della glicogeno fosforilasi.

P\IP

P11i;6.SsSrilA
f'oli616

[odello di transaminazion_e: i) amminoacido1 + E-pLp +> o,-chetoacido+ E-pMp 1 2) u-chetoacido + g-p1i4r <+ ammino 2 acido2 + E_pLp
nminoacido 1 + a-chetoacido 2 +> amminoacido 2 + c_chetoacido I

COOFl I I ;^^-'". tI

I F =o I
R:

COOH

COOII

C= O ?.-i\'s.ri/i:f:f rl-

COOIa I I
v{r _ !r a

f-r

l-

RI

R.l
aal

ta I

o(-chetoacidol

6{-chetoacido 1

155

Reazione a ping-pong: - entra I'aa 1 ed esce subito il chetoacido I, poi entra il chetoacido 2 ed esce I'aa 2 - questomeccanismo pu awenire wazie all'interconversione di PLP-E in PMP-E \

t)
-:,'H,O -l =COOH C- \ = C- il rl
ll

Fi.o
tl - l

COOii
I,

'l

o= C-H PLP.E piridossaleP

' ^ :H-

C
t-

I=

\i-CH.
PLP-E

RI

PLP.E

II
Rl

\--

C =O

rrr

|
RI chetoaci dol

-\ -L.ri r
I

P}IP-E piridos.sanrnrinaP

base di Schiff: tautorneria

<, /

n\

aoo H

H .o
r li: \ - L- ll1

-^
i

coon
C = \- CH.

cooFi
f-i i -C -N =

'

R: ; i c letoac ido 3

PIP-E piridossamminaP

l-

\--

i'--;"' fu po.ro-t

I .-

I. \.-"- i"- i
R:
tar-rt4meria

Tto
q-H

cooH

\--

r n-l-rn.

PlfP-E

I Rf

-'i I

hase di lchiff:

aaZ

piridossaleP

Esempio:

GLUTAMMATO

+ PIRTIVATO {',-KG + ALANINA glutammco-ptrtmico


transominasi (GPT o ALI)

Esempio:

GLUTAMMATO

+ OAA =o-KG glut ammco- ossaIac et i co transaminasi (GOT o ASI)

+ ASPARTA.TO

Esempio:

ASPARTATO+PIRUVATO = asportico-piruvico
transam.nasi

OAA + AtrANINA ;

In pratica" tutti gli aa zoz essenzalisono sottoposti a processi di transaminazione. Quando aumenta la proteolisi, aumentano le tansaminasi per drenare questi aa in circolo, convertendoli in altri aa e aKa.

ln condizion di digiuno, prima viene intaccato il glicogeno, poi le riserve lipidiche ed infine le scorte proteiche (prima gli aa meno nobili, quelli pi rinnovabili) -> il catabolismo di sostanze indotto ^zotate dal glucaqone.

r56

DEAMMINAZIOhIE

COOFi
'i

I
t-

-f

\:lr-rrrl

NADe)+
\

leWf
4 \r

COOFi C= NT I

fr

\/\

I.O
t-

cli. I
IH ^f

I
f-ld

\T{ lr.-

CO O H

C= 0

I I

G.LTAJ,\.aCODEH
entrentbi i

t-

coo Glutammato

{!d+.ora catt coeruintii

l' l' coocH"


acido a-immino.glutarrico

l--*-

I cli. tI

cooH
Cr-KG

-Esrs;esio in foritze clrosoiic:i sie *z fornta ninco*:irlaie

AMMONIACA

CNE])

20-60y{l00ml (concentazione molto bassaa causadell'elevata tossicit!) Se > 50-70 pgll0Oml --+ allarme! Se >> coma epatico hlII3 viene riversata nel sangue -+ in ambiente acquoso diventa NHf e alcalinizza l,embiente -> aumento pH [se si accumula pu dare problemi __> iperammonemiaf proteine plasmatiche sono debolmente dissociate in senso anionico (hanno pI < 7, sarebberonutre a pH

sono dissoci{e};+_gontriluiscooo 7 vvrlu l(rf,l_ al sistuma tamoonu. ;,::::T*:1lf}-ll:J^"1_..1",0-'oj:-" basifisse,comeNa*, al sistematampone anche
Ct'*r If, Md*.

quando riversati nel sangue metabolti corichi negativamente, come l'acido lattico ed i sqry!_-sheteniqt per Lantenere stabile il pH ematico. quando vengono riversati nel sangue metaboliti cationici (carichi +), come NT[a* *> gn,alta concentrazione i cationi porta alcalosi

maggior parte degli eventi di degradazione degli aa awiene nei tessuti extraepatici: ad esempio, il ;colo utilizza aa come fonte di energia durante I'esercizio prolungato e il digiuno. tt p.i*o purruggi ; la rimozione dell'azoto dall'aa -+ il muscolo per non possiede gli errzimi del cicl deil'rirea, qui"al deve essere liberato in una forma che possa essereassorbita dI fegato e convertita in urea. na parte dell'NlIa* che si forrna dalla degradazione degli aa consumata nei processi di biosintesi dei tmposti azotati: nella maggior parte de vertebrati terreski I'eccesso di NI{4" viene converito in urea ed (organismi ureotelicl. i organismi ammoniotelrcl, invece, il catabolismo azotato termina con NH3 (es. pesci, si diluisce 'acqua). Altri organismi ancora trasformano NH3 in acido urico (uricotetici). ganismi ureotelici e ammoniotelci '-'+ per I'escrezioone di N dipendono in vario grado da una sufprciente ponibilita di HzO. ismi uricotelci -'-+secernendoN sottoforma di acido urico richiedono pochissima acqua
1_i 7

- sottoforma di alanina - sottoforma di elutammina' dipendente)

stntetizzata dalla glutammina sintetasi a partire da NFI+" e glufammato(ATP-

t
I
{q

EQUILIBRIO NEL METABOLISMO DELL'AMMOIIIA.CA FONTI


Transaminazione accoppiata alla glutammico deH Amminoacido ossidasi (perossisomiale) Serina e treonina deidratasi Amina ossidasi (mitocondriale) Idrolisi glutammina .9!"14 (glutarninasi iot"t!449 " Catabolismo glicina

vfiLrz,zo
Sintesi glutammato (glutammico deFI) Sintesi glutammina (glutammina sintetasi)

I I
I

I
I
!

Sintesi urea (decine grammial giornoconalimentazione di


bilanciata)

-I

_
Escrezione urinaria come NIL

RICORDAI Il gruppo amminico viene Perso Per: Transaminazione (dove viene ceduto) Deaminazione (soto il glutammato!) Gruppo amminico: -CHNH2 Gruppo ammidico: Gruppo imminico: .( -C:NH

_ _ _ _

NH,

_
l

_
*n r+ctrntre, t\
,\Lqta ,.ulfifrru :ujcrrtiL \".1/

rs.rrnnnr SINTESIGLUTAMMATO \ ' flKG+NH3+NAD8)H+f / glutammico deH

GLIITAMMATO

srci*rt{nrri/

tessuti neriferici' Prima via di difesa se I'amonemia alta" attuata dai pu scappar fuori forzato dall'ammoniaca -> di Krebs se tale reazione froppo intensa" l'oKG del ciclo per il cervello, grande intemrzione a.fr proarrzione di err fu*clo soprattr;-po catena respiratoria o"uot", utilizzatore di glucoso).

_j

RFFR fi14ttjel Sfillcu E tefnU,el,r,JCpE f;ncsrilrt ftll(llE- rL C,rnPc ScTTfnt; KG ,$LCtCLo Dr Kn659 Dt eSret-uc{tr-'J
;>

,t_ll j.cll ut sr LliZ trl$ 6ru{14!,trg,3 E-L'i,,"tirCu r:,lfi(fiL1aNo Qu- L1Li ?r llil\cll, r'( l; l(\'1o g5q,Oo(itov
coy cor, "1,i,.o J, I t/f-).
f ci1", a,,,f"rp-,v rtl 5 rlrl

Un L ra z A 1 5 8

-l

-___----

'

SINTESI GLUTAMMINA

I H-c-N-I{.
t-

coo!{
-.\.P NI{J .r!p : pi

cooH \ \_
GTL.LI.E.!NA s-.i'7fI{,Sf

zr

GLL'T.-1L\,ECO DE,Z

cH.

t*. (
I

cH\Ti.

rl

I
cooli
Nti. - 4 'r

H.'O
GilTi.if,l:{Ji' EP.C-j.

i {-c-\8 .
t-

cooglutarmato

t-

(uronsl)

c.1.

df\".
glutammiua (Glu-.\-F,r)
I

coo glutammato

f,iu lAMMt".t fJc :>pn - rNr;U Orpoii'ERsi L'nLRR . 6;1r66uru S r' \l S rl C;ril GS s rN r e TR Si - (
GLT.-T-{}Itr,.IATO

GILz{J,r'nfi\..{ s..i.EIl'if

AI?

hIT?

.A_Dp pi +

GLY
RL O

GLUT-tlf\"It\-A
(:riC pu-,r,:.cl .L\TP \

-r/ -

(ntd rinmidnuc) CTp

. r/
)/

.//\

V/
t
l

I
T
T

\
(aa.) HLs

'Carbarrul-P

V,

Glucosammina=6P laminozuccheri)

glutammina prelude anche alla sintesi di NAD e di alti aa. Escherichia coli, Laglutammina sintetasi costituita da 12 subunit identiche (ognuna di 5Omila Da), ibuite in due corone di 6 subzmit sowapposte. un enzima allosterico, sottoposto a.fine regolazone:

r) REGOLAZIOhIE A BREYE T'ERMINE DI cS


, grazie a i di legame su ciascuna delle 12 subunit di GS (inibitori feedback di natura allosterica) -+ inititori al cumulativo.

IL>,uo, n,riln uN'l^Jii&/rt,,rr .ii pd- rps Dr


" fU m<r c, p,N E r'

15q

2)
el

IT'.RM

I N lL -+

Al-tr!rllr!/ru,r\-'r\!/

v!r*'

dffi;t"tt"ffi Questomeccantsmo T? su presentr clascunasubunit)' ri t"ga a residui di ryr , r^_:r^-:^_ intermediaadenilazione

intrecciacon quello precedente


(: onda diiadenilazione'

Irw

f,HT#";i.;*.o

con io*" ibride


-|l'$*fP

-{QPF.

{* urRrutulR}.lss#}<St sco.rie^o:. t'\1 1 'r \'r ^ ( 'i

fiEP'q*
lrP

P ) &

@e,S-'

tbl\B\ed s$\l\N Z;;1osoccanitrrro)


rSqP

ca-,^-,.cole''*l

y'2RDP

Gr-u

q:'^ ..ti-. Af i"""',"d-t1 1" :i::*"""::"13


Il tutto deciso da

ismo *." d"t g"*-St tratta di un.meccailsmo fiendo sull'esPressi i *ott*u^ vemva ;;; l';#;i?";" -addizionata ffitopiidealnentenerbafien:'.,"o,"cr-KG,lasintesidiGSaumentava. seerapres i cs diminuiva; ai contrario' iu,int"ti ;il*-;; diN a-KG *+ comPletamentePrivo met Glu -+ carico di N a Glu-NHz + carico di N della sua sintesi Clu-NH2 -> bloccata la via Se nella cellula e pt.*"t" Glu-NH2> Glu> a-KG

di

RTCORDA:
ATP substrato in: fosfotransferasi(:r uns) AMP-x + PPi) adenilazione (ATP + x -+ per fornire energia) ,ii"oti tefp che scinde

ft-

UREA:metabolitafinaledelcatabolismoazotatoneiMammifen Ie wine escreta con sungue' portatq ai reni' Prodotta dal feSlrtg 'fu""olii"I da la molecola di urea provengono vuwvvu^r-^.' I vari elementi che compongono gonvergerur: srntesi ' \f{' a -le[ltilLr ,/ donato dall'aa aspartato C =O - un atomo di N viene \*unatomodiNarrivadir"tt";;;iliio'*idiioneNH+*libero t di idratazione di coz) d"il't;ii";" lt'. - f atomo di c fornito (1932)' ciclica ad esserestata scoperta stata la prima via metabolica (compartimentahuzzone)' "it*ot - Ha inizio o"f *ito"ooiiJ di " '"t*i"t""t giomo al di mg' se alta indice 3040g di urea azotemia(pochedecine - ii?"il" ntoJ"9"

sangue'ri irroi"u come di _ La concentrazrone urreaner renale) malfunzionamento

160

i tenga conto della seguente def,rnizione: 'hn amminoacido un acido organico in cui un H legato al Ca stituito da un pruppo amminico". i cooFi 'aa pi semplice la glicina: che ,-r- J - *=.
n
j

secondo la definizione ha analogrecon I'acido acetico:

I I

a I'acido pi semplice I'acido fonnico:HcooFL quindi.l,aa pi semplice rrredi ACIDO CARBAMICO tavia guestamolecolanon esistein vivo.

coo:
I
I

. che prende il
. f>,!r ,J :;tr i .,, " ;f| r r i l , i .i ;,i

g{ car+ttL3+f flr* fis CI

flril -f - **4g* t"*p#*ftr-

U 1) Il ciclo dell'urea ha inizio con I' con la formszr'one di carb4-mil-fosfato; *"@a semplice, la sua sintesi awiene in tre tappe, catalizz*e dalla carbamir-fosfato sintetasi di tipo r(eurfi r,ro.orasi*ru.1

o li Ir
,/-\
l*-

Tp

lnp

\
x/ vHo

. rr

tl C:
oPo:
carbes sifosfato

N"

Pi

rr
TJ.r

:o

tl r'
:ti:

.{TP
\i-r--

-I---j\-iDP
, opo 3'
r' / \

.A
\'=__.
carbam i-lc'sfatl

i c ar rl n at e

ac-itlo carbam!ee

Nel citosolin carbamil-fosfato preludealla sintesidi nucleotidipirimidinici ;onsumo di 2 molecole di ATP rende la reazione di sintesi del carbamil-fosfato praticarnente irreversibile. iTP alimenta la catalisi sintetasica-lieasica rTP al imenta I' atfvit fosfotran sferasr:ca
qooli
I In

Cl*-I{ qHl

-cl,'r

cH. coo!{

t-

L'enzima non funziona se non viene attivato da un acido glutammico acetlato acetilglutammato), composto che si forma a partire d" gto@-1" all'azione della N-acetil-glutammato sintasi (sotto stimolazione di arginina):
cooI

(N-

,r.t',-.l-.t + Cto.d,O
(c!r), Coa"

i.lLiflL- it:nilU.D j i/ r^)i o.. . -

A ,;

CL'' _,.

2)

uth

ile all' con la formazione di citrullina:

tramite una carbamiltransferasi, COOH I Clil\iir tI


I

EOOFi I I CH\TI:
CH: CH:
CH: I

l+
I

O = C'-P I esbatntl transferast


I

CT: I
L11.

I I
I
\- CITRULLINA
--

\E

M,
ORNTTINA

I I

ll,t!xg',q; i:ffi,

Ornitina e citrullina sono due ae, rrt& non sono utilizzati come precursorinella sintesi di proteine.

161