P. 1
Scheda Tecnica Conica

Scheda Tecnica Conica

|Views: 1,258|Likes:
Published by PL500

More info:

Published by: PL500 on Dec 16, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

03/18/2014

pdf

text

original

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Scheda Tecnica

Conica

Caldaie murali istantanee

20-24 ie • 20-24 ie FF

Conica 20-24 ie • 20-24 ie FF
Ogni prodotto all’interno della gamma Sylber trova una sua precisa collocazione derivante dagli attenti studi volti a soddisfare le esigenze di ogni utilizzatore. Volendo sintetizzare, le principali caratteristiche di Conica sono: • la linea armoniosa che ne consente l’inserimento in ogni ambiente; • le dimensioni contenute che facilitano l’inserimento anche in ambienti ristretti; • la modulazione elettronica continua che adegua la portata termica al bruciatore, sia in fase riscaldamento che sanitario; • il gruppo idraulico di distribuzione a basse perdite di carico; • lo scambiatore primario in rame; • la scheda a microprocessore, che controlla ingressi, uscite e gestione allarmi; • la funzione analisi di combustione. Certamente, quelli finora descritti sono Plus commerciali, ma il lettore più attento troverà nell’indice la risposta ad ogni quesito su prestazioni, installazione e manutenzione.

Sylber

3

INDICE

Capitolo 1
1.1 1.2 1.3 1.4

Guida al capitolato
Conica 20 ie FF Conica 24 ie FF Conica 20 ie Conica 24 ie

pag. pag. pag. pag.

5 6
7 8

Capitolo 2
2.1 2.2 2.3 2.4 2.5 2.6 2.7

Dati tecnici
Tabella dati tecnici Tabella Legge 10 Tabella funzionamento multigas Descrizione dei modelli Caratteristiche tecniche Sicurezze Grafico prevalenza/portata disponibile circolatore

pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag.

9 10
11

12 12 12 13

Capitolo 3
3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 3.6 3.7 3.8 3.9 3.10 3.11

Installazione dell’apparecchio
Lavaggio dell’impianto Fornitura Kit di montaggio Montaggio della piastra raccordi Collegamento alimentazione gas Collegamento mandata e ritorno riscaldamento Collegamento mandata e ritorno sanitario Collegamento scarico valvola di sicurezza Caricamento dell’impianto riscaldamento Installazione esterna Dimensioni d’ingombro pag. 14

pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag.

14 14 14 15 15 15 15 15 16 16

Capitolo 4
4.1 4.2 4.3 4.4 4.5 4.6 4.7

Collegamenti elettrici
Avvertenze generali Collegamento elettrico Schema elettrico multifilare Conica ie Schema elettrico funzionale Conica ie Schema elettrico multifilare Conica ie FF Schema elettrico funzionale Conica ie FF Collegamento termostato ambiente e/o programmatore orario

pag. pag. pag. pag. pag. pag. pag.

17 17 18 18 19 19 20

Capitolo 5
5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 5.6

Descrizione dei principi di funzionamento
Principio di funzionamento idraulico in sanitario Principio di funzionamento elettrico in sanitario Principio di funzionamento idraulico in riscaldamento Principio di funzionamento elettrico in riscaldamento Sistema di autoregolazione automatica del riscaldamento Descrizione componenti principali

pag. pag. pag. pag. pag. pag.

21 21 22 23 24 25

Capitolo 6
6.1 6.2 6.3 6.4 6.5

Installazione condotti di aspirazione aria e scarico fumi
Tabelle di riferimento per massima lunghezza dei condotti Sistema scarico fumi a condotti coassiali Ø 60/100 Sistema scarico fumi sdoppiato Ø 80 Accessori circuito idraulico Accessori comfort

pag. pag. pag. pag. pag.

26 27 29 31 31

4

CAPITOLO 1 Guida al capitolato
1.1 Conica 20 ie FF
caldaia murale a gas per impianti unifamiliari camera stagna tiraggio forzato senza fiamma pilota controllo a ionizzazione riscaldamento ambiente e produzione istantanea di acqua calda sanitaria
Caldaia Modello CE N° Pin N° Apparecchio di tipo Categoria gas : Sylber : Conica 20 ie FF : 0694 : 0694BN3905 : B22-C12-C22-C32-C42-C52-C62-C82 : II2H3+

Caratteristiche
Costruzione conforme alla Legge 6.12.1971 n. 1083 “Norme di sicurezza per l’impiego di gas combustibile” secondo Normativa italiana UNICIG-7271 e ulteriori aggiornamenti. Certificazione CE, Direttiva 90/396 (Normativa Europea EN 297). • Campo di funzionamento della potenza termica sul servizio riscaldamento regolabile da 9,4 a 24,00 kW con regolazione modulante. Rendimento utile 91,7%. • Campo di temperatura mandata riscaldamento regolabile da 40 a 80°C. Massima temperatura di funzionamento 90°C. • Vaso d’espansione da 8 litri con pressione di precarica di 1 bar e valvola di sicurezza tarata a 3 bar. • Contenuto d’acqua massimo dell’impianto di 130 litri. • Campo di funzionamento della potenza termica sul servizio sanitario regolabile da 8,20 a 24,00 kW con regolazione modulante. • Massima temperatura di prelievo 60°C. • Massimo prelievo acqua sanitaria con ∆t 25°C di 13,8 litri/minuto. • Accensione automatica elettronica diretta del bruciatore principale e rivelazione di fiamma a ionizzazione. • Alimentazione elettrica 230V 50Hz. • Allacciamenti: gas Ø 3/4” riscaldamento Ø 3/4” sanitario Ø 1/2” • Dimensioni: L = 400 mm H = 740 mm P = 328 mm

• Peso: 34 Kg. • Dispositivo antibloccaggio del circolatore. • Dispositivo antigelo che interviene quando la temperatura dell’acqua scende a +6°C. • Attacco raccordo fumi Ø 80 mm. • Sicurezza contro il rientro in ambiente dei prodotti della combustione (fumi). • Certificazione secondo Direttive Europee: 89/336 EMC Compatibilità elettromagnetica 73/23 BT Bassa tensione • Certificazione del sistema di Qualità Aziendale: ISO EN 9002. • Classe di emissioni: 2 • Certificazione rendimento (**) normativa Europea CEE 92/42 • Garanzia 2 anni.

5

1.2 Conica 24 ie FF
caldaia murale a gas per impianti unifamiliari camera stagna tiraggio forzato senza fiamma pilota controllo a ionizzazione riscaldamento ambiente e produzione istantanea di acqua calda sanitaria
Caldaia Modello CE N° Pin N° Apparecchio di tipo Categoria gas : Sylber : Conica 24 ie FF : 0694 : 0694BN3905 : B22-C12-C22-C32-C42-C52-C62-C82 : II2H3+

Caratteristiche
Costruzione conforme alla Legge 6.12.1971 n. 1083 “Norme di sicurezza per l’impiego di gas combustibile” secondo Normativa italiana UNICIG-7271 e ulteriori aggiornamenti. Certificazione CE, Direttiva 90/396 (Normativa Europea EN 297). • Campo di funzionamento della potenza termica sul servizio riscaldamento regolabile da 10,5 a 28,0 kW con regolazione modulante. Rendimento utile 91,3%. • Campo di temperatura mandata riscaldamento regolabile da 40 a 80°C. Massima temperatura di funzionamento 90°C. • Vaso d’espansione da 8 litri con pressione di precarica di 1 bar e valvola di sicurezza tarata a 3 bar. • Contenuto d’acqua massimo dell’impianto di 130 litri. • Campo di funzionamento della potenza termica sul servizio sanitario regolabile da 8,7 a 28,0 kW con regolazione modulante. • Massima temperatura di prelievo 60°C. • Massimo prelievo acqua sanitaria con ∆t 25°C di 16,1 litri/minuto. • Accensione automatica elettronica diretta del bruciatore principale e rivelazione di fiamma a ionizzazione. • Alimentazione elettrica 230V 50Hz. • Certificazione rendimento (**) normativa Europea CEE 92/42 • Garanzia 2 anni. • Allacciamenti: gas Ø 3/4” riscaldamento Ø 3/4” sanitario Ø 1/2” • Dimensioni: L = 450 mm H = 740 mm P = 328 mm

• Peso: 37 Kg. • Dispositivo antibloccaggio del circolatore. • Dispositivo antigelo che interviene quando la temperatura dell’acqua scende a +6°C. • Attacco raccordo fumi Ø 80 mm. • Sicurezza contro il rientro in ambiente dei prodotti della combustione (fumi). • Certificazione secondo Direttive Europee: 89/336 EMC Compatibilità elettromagnetica 73/23 BT Bassa tensione • Certificazione del sistema di Qualità Aziendale: ISO EN 9002. • Classe di emissioni: 3

6

1.3 Conica 20 ie
caldaia murale a gas per impianti unifamiliari camera aperto tiraggio naturale senza fiamma pilota controllo a ionizzazione riscaldamento ambiente e produzione istantanea di acqua calda sanitaria
Caldaia Modello CE N° Pin N° Apparecchio di tipo Categoria gas : Sylber : Conica 20 ie : 0694 : 0694BN3905 : B11-BS : II2H3+

Caratteristiche
Costruzione conforme alla Legge 6.12.1971 n. 1083 “Norme di sicurezza per l’impiego di gas combustibile” secondo Normativa italiana UNICIG-7271 e ulteriori aggiornamenti. Certificazione CE, Direttiva 90/396 (Normativa Europea EN 297). • Campo di funzionamento della potenza termica sul servizio riscaldamento regolabile da 8,70 a 24,10 kW con regolazione modulante. Rendimento utile 90,3%. • Campo di temperatura mandata riscaldamento regolabile da 40 a 80°C. Massima temperatura di funzionamento 90°C. • Vaso d’espansione da 8 litri con pressione di precarica di 1 bar e valvola di sicurezza tarata a 3 bar. • Contenuto d’acqua massimo dell’impianto di 130 litri. • Campo di funzionamento della potenza termica sul servizio sanitario regolabile da 8,70 a 24,10 kW con regolazione modulante. • Massima temperatura di prelievo 60°C. • Massimo prelievo acqua sanitaria con ∆t 25°C di 13,8 litri/minuto. • Accensione automatica elettronica diretta del bruciatore principale e rivelazione di fiamma a ionizzazione. • Alimentazione elettrica 230V 50Hz. • Garanzia 2 anni. • Allacciamenti: gas Ø 3/4” riscaldamento Ø 3/4” sanitario Ø 1/2” • Dimensioni: L = 400 mm H = 740 mm P = 328 mm

• Peso: 32 Kg. • Dispositivo antibloccaggio del circolatore. • Dispositivo antigelo che interviene quando la temperatura dell’acqua scende a +6°C. • Sicurezza contro il rientro in ambiente dei prodotti della combustione (fumi). • Certificazione secondo Direttive Europee: 89/336 EMC Compatibilità elettromagnetica 73/23 BT Bassa tensione • Certificazione del sistema di Qualità Aziendale: ISO EN 9002. • Classe di emissioni: 2 • Certificazione rendimento (**) normativa Europea CEE 92/42

7

1.4 Conica 24 ie
caldaia murale a gas per impianti unifamiliari camera aperto tiraggio naturale senza fiamma pilota controllo a ionizzazione riscaldamento ambiente e produzione istantanea di acqua calda sanitaria
Caldaia Modello CE N° Pin N° Apparecchio di tipo Categoria gas : Sylber : Conica 24 ie : 0694 : 0694BN3905 : B11-BS : II2H3+

Caratteristiche
Costruzione conforme alla Legge 6.12.1971 n. 1083 “Norme di sicurezza per l’impiego di gas combustibile” secondo Normativa italiana UNICIG-7271 e ulteriori aggiornamenti. Certificazione CE, Direttiva 90/396 (Normativa Europea EN 297). • Campo di funzionamento della potenza termica sul servizio riscaldamento regolabile da 8,80 a 28,80 kW con regolazione modulante. Rendimento utile 90,8%. • Campo di temperatura mandata riscaldamento regolabile da 40 a 80°C. Massima temperatura di funzionamento 90°C. • Vaso d’espansione da 8 litri con pressione di precarica di 1 bar e valvola di sicurezza tarata a 3 bar. • Contenuto d’acqua massimo dell’impianto di 130 litri. • Campo di funzionamento della potenza termica sul servizio sanitario regolabile da 8,80 a 28,80 kW con regolazione modulante. • Massima temperatura di prelievo 60°C. • Massimo prelievo acqua sanitaria con ∆t 25°C di 16,5 litri/minuto. • Accensione automatica elettronica diretta del bruciatore principale e rivelazione di fiamma a ionizzazione. • Alimentazione elettrica 230V 50Hz. • Garanzia 2 anni. • Allacciamenti: gas Ø 3/4” riscaldamento Ø 3/4” sanitario Ø 1/2” • Dimensioni: L = 450 mm H = 740 mm P = 328 mm

• Peso: 33 Kg. • Dispositivo antibloccaggio del circolatore. • Dispositivo antigelo che interviene quando la temperatura dell’acqua scende a +6°C. • Sicurezza contro il rientro in ambiente dei prodotti della combustione (fumi). • Certificazione secondo Direttive Europee: 89/336 EMC Compatibilità elettromagnetica 73/23 BT Bassa tensione • Certificazione del sistema di Qualità Aziendale: ISO EN 9002. • Classe di emissioni: 3 • Certificazione rendimento (**) normativa Europea CEE 92/42

8

CAPITOLO 2 Dati tecnici
2.1 Tabella dati tecnici (Certificati da Istituto Gastec)
DESCRIZIONE
Portata termica nominale riscaldamento/sanitario Potenza termica nominale riscaldamento/sanitario Portata termica ridotta riscaldamento Potenza termica ridotta riscaldamento Portata termica ridotta sanitario Potenza termica ridotta sanitario Potenza elettrica Categoria Tensione e frequenza di alimentazione Grado di protezione Esercizio riscaldamento Pressione - Temperatura massima Campo di selezione della temperatura H2O riscaldamento Pompa: prevalenza massima disponibile per l'impianto alla portata di Vaso d'espansione a membrana Esercizio sanitario Pressione massima Pressione minima Quantità di acqua calda con ∆t 25° C con ∆t 30° C con ∆t 35° C Portata minima acqua sanitaria Campo di selezione della temperatura H2O sanitaria Regolatore di flusso Pressione gas Pressione nominale gas metano (G 20) Pressione nominale gas metano (G 25) Pressione nominale gas liquido G.P.L. (G 30 - G 31) Collegamenti idraulici Entrata - uscita riscaldamento Entrata - uscita sanitario Entrata gas Dimensioni caldaia Altezza Larghezza Profondità Peso caldaia Prestazioni ventilatore Portata fumi (G20) Portata aria (G20) Prevalenza residua con tubi concentrici 0,85 m Prevalenza residua senza tubi Tubi scarico fumi concentrici Diametro Lunghezza massima in linea retta orizzontale Lunghezza massima in linea retta verticale Perdita per l'inserimento di una curva 90°/45° Foro di attraversamento muro (diametro) Tubi scarico fumi separati Diametro Lunghezza massima Perdita per l'inserimento di una curva 90° Perdita per l'inserimento di una curva 45° Valori di emissioni a portata massima e minima con gas G20* Massimo CO s.a. inferiore a CO2 NOx s.a. inferiore a ∆t fumi Minimo CO s.a. inferiore a CO2 NOx s.a. inferiore a ∆t fumi

UNITA’
kW kcal/h kW kcal/h kW kcal/h kW kcal/h kW kcal/h kW kcal/h W V - Hz IP bar - °C °C mbar litri/ora litri bar bar l/min l/min l/min l/min °C l/min mbar mbar mbar Ø Ø Ø mm mm mm kg nm3/h nm3/h mbar mbar mm m m m mm mm m m m p.p.m. % p.p.m. °C p.p.m. % p.p.m. °C

20 ie FF 24 ie FF 20 ie
26,30 22.618 24,00 20.640 11,20 9.632 9,40 8.084 9,80 8.428 8,20 7.052 125 II2H3+ 230-50 x5D 3-90 40-80 380 800 8 6 0,15 13,8 11,5 9,8 2 37-60 10 31,00 26.660 28,00 24.080 12,70 10.922 10,50 9.030 10,50 9.030 8,70 7.482 125 II2H3+ 230-50 x5D 3-90 40-80 380 800 8 6 0,15 16,1 13,4 11,5 2 37-60 12 26,70 22.962 24,10 20.726 10,40 8.944 8,70 7.482 10,40 8.944 8,70 7.482 85 II2H3+ 230-50 x5D 3-90 40-80 380 800 8 6 0,15 13,8 11,5 9,9 2 37-60 10

24 ie
31,90 27.434 28,80 24.768 10,70 9.202 8,80 7.568 10,70 9.202 8,80 7.568 85 II2H3+ 230-50 x5D 3-90 40-80 380 800 8 6 0,15 16,5 13,8 11,8 2 37-60 12

20 20 20 20 25 25 25 25 28-30 / 37 28-30 / 37 28-30 / 37 28-30 / 37 3/4” 1/2” 3/4” 740 400 328 35 45,2 42,5 0,2 0,35 60-100 3,30 4,25(1) 0,85/0,5 105 3/4” 1/2” 3/4” 740 450 328 36 53,6 50,5 0,2 0,35 60-100 3,40 4,25 0,85/0,5 105 3/4” 1/2” 3/4” 740 400 328 32 46,2 43,5 130 90 6,90 160 112 80 2,80 120 77 3/4” 1/2” 3/4” 740 450 328 33 140 110 6,45 170 110 80 2,35 110 67

80 80 20+20(2) 14,5+14,5(3) 0,8 0,8 0,5 0,5 100 6,95 140 127 130 2,60 110 98 80 6,90 130 131 140 2,35 100 106

* Verifica eseguita con tubi separati ø 80 0,5+0,5+90° temperature acqua 80-60°C (1) Comprensiva di terminale passaggio tetto di lunghezza 1,30 m non accorgiabile (2) Il singolo tubo non deve superare i 25 m (3) Il singolo tubo non deve superare i 18 m

9

2.2 Tabella Legge 10
DESCRIZIONE
Potenza termica Max.: Utile Focolare Convenzionale Potenza termica Min.: Utile Focolare Convenzionale Rendimento utile: Pn. Max. Pn. Min. A carico Rid. 30% A Pn. Max.: Perdite al camino con bruciatore spento Perdite al mantello con bruciatore spento Perdite al camino con bruciatore in funzione Perdite al mantello con bruciatore in funzione ∆t temperatura fumi Portata fumi Prevalenza residua circuito fumi: Con flangia Senza flangia Contenuto di H2O circuito primario Pressione Max. di esercizio A Pn. Max.: Rendimento di combustione CO2 Potenza elettrica assorbita

UNITA’
kW kW kW kW kW kW % % % % % % % °C Kg/s mbar mbar litri bar % % W

20 ie FF
24,00 26,30 25,25 9,40 11,20 10,20 91,7 84,8 90,6 0,07 0,80 7,90 0,40 127 0,015 0,2 0,35 2,6 3 92,1 6,95 125

24 ie FF
28,00 31,00 29,45 8,70 10,50 9,97 91,3 83,5 90,4 0,07 0,80 8,20 0,50 131 0,018 0,2 0,35 3 3 91,8 6,90 125

20 ie
24,10 26,70 24,40 8,70 10,40 9,91 90,3 85,5 88,6 0,07 0,80 7,10 2,60 112 0,017 2,6 3 92,9 6,90 85

24 ie
28,80 31,90 31,52 8,80 10,70 8,97 90,8 85,4 89,7 0,07 0,80 7,40 1,80 110 0,020 3 3 92,6 6,45 85

10

2.3 Tabella funzionamento multigas
TIPO DI GAS
Indice di Wobbe inferiore (a 15°C-1013 mbar) . . . . . . . . . Pressione nominale di alimentazione . . . . . . . . Pressione minima di alimentazione . . . . . . . . . 20 ie FF Bruciatore principale: numero 12 ugelli . . . Portata gas massima riscaldamento . . . . Portata gas massima sanitario . . . . Portata gas minima riscaldamento . . . . Portata gas minima sanitario . . . . Pressione massima riscaldamento . . . . Pressione massima sanitario . . . . Pressione minima riscaldamento . . . . Pressione minima sanitario . . . . 20 ie Bruciatore principale: numero 12 ugelli . . . Portata gas massima riscaldamento . . . . Portata gas massima sanitario . . . . Portata gas minima riscaldamento . . . . Portata gas minima sanitario . . . . Pressione massima riscaldamento . . . . Pressione massima sanitario . . . . Pressione minima riscaldamento . . . . Pressione minima sanitario . . . . 24 ie Bruciatore principale: numero 14 ugelli . . . Portata gas massima riscaldamento . . . . Portata gas massima sanitario . . . . Portata gas minima riscaldamento . . . . Portata gas minima sanitario . . . . Pressione massima riscaldamento . . . . Pressione massima sanitario . . . . Pressione minima riscaldamento . . . . Pressione minima sanitario . . . . 24 ie FF Bruciatore principale: numero 14 ugelli . . . Portata gas massima riscaldamento . . . . Portata gas massima sanitario . . . . Portata gas minima riscaldamento . . . . Portata gas minima sanitario . . . . Pressione massima riscaldamento . . . . Pressione massima sanitario . . . . Pressione minima riscaldamento . . . . Pressione minima sanitario . . . .

Gas metano (G 20)

Gas liquido
butano (G 30)
80,58 30 (305,9)

propano (G 31)
70,69 37 (377,3)

MJ/m3 mbar (mm H2O) mbar (mm H2O)

45,67 20 (203,9) 13,5 (137,7)

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Ø mm m3/h kg/h m3/h kg/h m3/h kg/h m3/h kg/h mbar mm C.A. mbar mm C.A. mbar mm C.A. mbar mm C.A. Ø mm m3/h kg/h m3/h kg/h m3/h kg/h m3/h kg/h mbar mm C.A. mbar mm C.A. mbar mm C.A. mbar mm C.A. Ø mm m3/h kg/h m3/h kg/h m3/h kg/h m3/h kg/h mbar mm C.A. mbar mm C.A. mbar mm C.A. mbar mm C.A. Ø mm m3/h kg/h m3/h kg/h m3/h kg/h m3/h kg/h mbar mm C.A. mbar mm C.A. mbar mm C.A. mbar mm C.A.

1,35 2,78 2,78

0,77 2,07 2,07

0,77 2,04 2,04 0,87 0,76 36,00 367 36,00 367 7,30 74 5,50 56 0,77 2,07 2,07 0,81 0,81 36 0 36,00 367 6,40 0 6,40 65

1,18 0,88 1,04 10,10 103 10,10 103 1,90 19 1,50 15 1,35 2,82 2,82 1,10 1,00 10,10 103 10,10 103 1,70 17 1,70 17 0,77 28,00 286 28,00 286 5,60 57 4,40 44 0,77 2,10 2,10 0,82 0,82 28,00 0 28 286 5,00 51 5,00 51

1,35 3,37 3,37 1,13 1,13 10,40 106,05 10,40 106,05 1,40 14,28 1,40 14,28 1,35 3,28 3,28

0,77 2,51 2,51 0,84 0,84 28,00 285,52 28,00 285,52 3,80 38,75 3,80 38,75 0,77 2,44 2,44

0,77 2,48 2,48 0,83 0,83 36,00 367,10 36,00 367,10 3,80 38,75 3,80 38,75 0,77 2,41 2,41 0,99 0,82 36 367,10 36 367,10 6,50 66,28 4,80 48,95

1,34 1,00 1,11 10,20 104,01 10,20 104,01 1,90 19,37 1,30 13,26 0,83 28 286,52 28 285,52 4,90 49,97 3,40 34,67

11

2.4 Descrizione dei modelli
La ricerca Sylber propone con Conica ie FF e Conica ie una caldaia per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. La versione stagna è un apparecchio della tipologia: C12-C22-C32-C42-C52-C62-C82, predisposta con prese per l’analisi della combustione ed eventuale installazione con scarico sdoppiato. Il circuito idraulico prevede l’utilizzo di un gruppo di nuova concezione, pensato e progettato per l’asservimento idraulico del funzionamento in riscaldamento. La regolazione del bruciatore è del tipo a modulazione elettronica continua.

2.6 Sicurezze
• Camera di combustione a tenuta stagna rispetto all’ambiente (versione ie FF). • Valvola gas elettrica a doppio otturatore. • Apparecchiatura di controllo fiamma a ionizzazione che nel caso di mancanza di fiamma interrompe l’uscita del gas. Segnalazione d’allarme tramite led. • Pressostato che agisce sulla valvola del gas in caso di mancanza d’acqua. Segnalazione d’allarme tramite led. • Termostato di sicurezza limite a riarmo automatico che controlla il surriscaldamento dell’apparecchio garantendo una perfetta sicurezza a tutto l’impianto. Segnalazione dell’allarme tramite led e ripristino selettore “Off/Reset sblocco allarmi, Estate, Inverno”. • Termostato di sicurezza fumi con segnalazione allarme tramite led (versione ie). • Pressostato differenziale che verifica il corretto funzionamento del ventilatore, dei tubi di scarico ed aspirazione aria di combustione. Segnalazione d’allarme tramite led (versione ie FF). • Valvola di sicurezza da 3 bar sull’impianto di riscaldamento. • Termostato antigelo con sonda NTC del riscaldamento attivo anche nello stato di off.

2.5 Caratteristiche tecniche
• Scheda a microprocessore che controlla ingressi, uscite e gestione allarmi. • Modulazione elettronica di fiamma continua in sanitario e in riscaldamento. • Accensione elettronica con controllo a ionizzazione di fiamma. • Lenta accensione automatica. • Valvola gas con stabilizzatore di pressione incorporato. • Potenziometro di regolazione minimo riscaldamento. • Potenziometro riscaldamento selezionabile all’interno dei tre settori: - Alte temperature (65-80°C). - Auto regolazione (taratura di fabbrica 55-65°C). - Basse temperature (40-55°C). • Potenziometro per la selezione temperatura acqua sanitaria (37-60°C). • Selettore estate/inverno Off/reset per sblocco allarmi. • Comando test analisi di combustione. • Sonda NTC per il controllo temperatura dell’acqua riscaldamento. • Sonda NTC per il controllo temperatura dell’acqua sanitario. • Circolatore con dispositivo per la separazione e lo spurgo automatico dell’aria • By-pass automatico circuito riscaldamento. • Flussostato di precedenza sanitario. • Scambiatore primario in rame. • Vaso di espansione da 8 lt. • Rubinetto di riempimento impianto di riscaldamento. • Collegamento all’impianto completo di raccordi riscaldamento rubinetto sanitario/riempimento, raccordo acqua sanitaria e rubinetto gas. • Predisposizione per termostato ambiente. • Autodiagnostica gestita da un unico led. • Flussostato precedenza sanitario. • Dispositivo antibloccaggio del circolatore. • Grado di protezione IPX5D.

12

Led segnalazione stato caldaia

Visualizzatore digitale

Idrometro

Selettore di funzione Selettore temperatura acqua riscaldamento

Selettore temperatura acqua sanitario

2.7 Grafico prevalenza/portata disponibile circolatore

600

500

PREVALENZA RESIDUA (mbar)

(

)

400

300

200

100 0 100 200 300 400 500 600 700 800 900 1000 1100 1200 1300 1400

PORTATA (l/h)

13

CAPITOLO 3 Installazione dell’apparecchio

3.1 Lavaggio dell'impianto
Chiudere, se esistenti, i rubinetti dell'impianto di riscaldamento e chiudere il rubinetto di ingresso dell'acqua fredda. Portare un tubo di alimentazione acqua e collegarlo al ritorno del riscaldamento; posizionare poi un condotto di scarico sulla mandata riscaldamento, avviare il flusso dell'acqua e lasciare fuoriuscire fino a che non si vedrà scaricare acqua pulita. Svuotare l'impianto dai tappi di spurgo nei punti più bassi, chiudere i tappi e ricollegare i rubinetti o le rampe dell'impianto. Procedere al caricamento dell'impianto di riscaldamento.

3.4 Montaggio della piastra raccordi (Fig. 3.1)
La caldaia è fornita di serie con piastra di supporto caldaia con dima integrata. La posizione e la dimensione degli attachi idraulici sono riportate nel dettaglio:

piastra di supporto (F)

3.2 Fornitura
L'apparecchio viene consegnato imballato in una scatola di cartone, predisposta di maniglie pretranciate per agevolare il trasporto, e con protezioni in polistirolo, poste anche sotto il mantello, da rimuovere. Al suo interno si trovano: il libretto di istruzioni ed il kit di montaggio. Il kit di evacuazione fumi prescelto viene fornito in imballi separati (optional).

E dima (G) D

3.3 Kit di montaggio
Il Kit (Fig. 3.1) contiene: • dima di premontaggio • raccordi di collegamento: 2 curve acqua riscaldamento, 1 curva acqua sanitaria, 2 raccordi bicono 3/4”, 2 raccordi bicono 1/2”, 1 rubinetto gas, 1 rubinetto acqua sanitaria con rubinetto di riempimento, 1 rampa rettilinea per rubinetto, guarnizioni acqua e gas.

A

B

C

Fig. 3.1

A B C D E

mandata riscaldamento uscita sanitario allacciamento gas entrata sanitario ritorno riscaldamento

3/4” 1/2” 3/4” 1/2” 3/4”

14

Per il montaggio effettuare le seguenti operazioni: - fissare la piastra di supporto caldaia (F) con dima di premontaggio (G) alla parete e con l’aiuto di una livella a bolla d’aria controllare che siano perfettamente orizzontali - tracciare i 4 fori (ø 6 mm) previsti per il fissaggio della piastra di supporto caldaia (F) e i 2 fori (ø 4 mm) per il fissaggio della dima di premontaggio (G) - verificare che tutte le misure siano esatte, quindi forare il muro utilizzando un trapano con punta del diametro indicato precedentemente - fissare piastra con dima integrata al muro utilizzando i tasselli in dotazione Effettuare i collegamenti idraulici. AVVERTENZE: - La dima deve essere fissata su una parete verticale e liscia. - La caldaia deve essere installata su una parete in materiale incombustibile. Se questo non dovesse essere possibile, la parete stessa deve essere protetta con un foglio in materiale ignifugo. Se l'apparecchio viene utilizzato in edifici con strutture in legno, l'applicazione deve essere effettuata in conformità alle vigenti normative. In caso di dubbio, contattare il competente ente per l'erogazione del gas.

Fig. 3.2

3.7 Collegamento mandata e ritorno sanitario (Fig. 3.2)
Collegare le tubazioni dell'impianto sanitario ai raccordi da 1/2” inserendo sull'entrata dell'acqua fredda il rubinetto di riempimento (fornito in dotazione). Fissare i dadi di tenuta con una coppia di serraggio compresa tra 1÷2 kgm. Collegare il tubetto posto sulla curva di mandata impianto al rubinetto di riempimento.

3.8 Collegamento scarico valvola di sicurezza
La valvola di sicurezza, tarata a 3 bar, è incorporata nel raccordo di aspirazione del circolatore. Si consiglia di predisporre, al di sotto della valvola di sicurezza, un collegamento di raccolta acqua con relativo scarico, in caso di fuoriuscita per sovrappressione. La valvola è dotata di uscita filettata 1/2" per il collegamento di un tubo di scarico. Durante il collegamento, verificare che lo scarico sia dritto in posizione tale da permettere lo scarico dell'acqua, anche calda, senza causare danni o inconvenienti. Tale sistema di scarico dovrà essere comunque in posizione ben visibile.

3.5 Collegamento alimentazione gas
La canalizzazione gas è prevista esterna; nel caso in cui il tubo dovesse attraversare il muro, esso dovrà passare attraverso il foro centrale della piastra inferiore. Collegare un tubo del diametro di 15 mm al rubinetto di servizio del gas e stringere il dado di collegamento per fissare il rubinetto all'apparecchio. La tenuta ottimale dei raccordi si ottiene applicando una coppia di serraggio compresa tra 1÷2 kgm.

3.6 Collegamento mandata e ritorno riscaldamento (Fig. 3.2)
Collegare le tubazioni del riscaldamento ai raccordi da 3/4”, a destra il ritorno, a sinistra la mandata dell'impianto. Fissare i dadi di tenuta con una coppia di serraggio compresa tra 1÷2 Kgm.

3.9 Caricamento dell'impianto riscaldamento
Il vaso di espansione é precaricato ad una pressione di 0,8 mbar ed è dimensionato per soddisfare un volume d'acqua nel circuito di riscaldamento di circa 130 litri. Il riempimento dell'impianto deve essere effettuato a circa fra 1,5 e 2 bar.

15

Non scaricare comunque azoto dal vaso di espansione del riscaldamento. Il riempimento a freddo delI'impianto va effettuato tramite l'apposito rubinetto, controllando sull’idrometro che la pressione si mantenga a circa fra 1,5 e 2 bar.

3.11 Dimensioni d’ingombro (mm)
Installazioni in condizioni non idonee portano automaticamente al decadimento della garanzia. Per installazioni esterne, è comunque indispensabile prevedere un vano tecnico di protezione riparato.

3.10 Installazione esterna
La caldaia non è stata progettata per installazioni esterne a cielo scoperto; tuttavia con particolari accorgimenti è possibile procedere ad installazioni di questo tipo. Si dovrà assolutamente evitare che la caldaia sia soggetta ad agenti atmosferici, quali vento, umidità, gelo, che ne potrebbero seriamente compromettere il funzionamento.

Modello Conica ie

Modello Conica ie FF

16

CAPITOLO 4 Collegamenti elettrici

4.1 Avvertenze generali
L'apparecchio è conforme alla norma EN 60335-1. È obbligatorio il collegamento con una sicura messa a terra, secondo le norme vigenti. È vietato l'uso delle tubazioni gas o acqua come messa a terra di apparecchi elettrici. Il costruttore non può essere considerato responsabile per eventuali danni causati dal mancato rispetto delle indicazioni sopra riportate.

cavo di alimetazione T. A.

fusibile

4.2 Collegamento elettrico
Il collegamento alla rete elettrica deve essere realizzato tramite un dispositivo di separazione con apertura onnipolare di almeno 3 mm. L’apparecchio funziona con corrente alternata a 230 Volt/50 Hz ha una potenza elettrica di 125 W ed è conforme alla norma EN 60335-1. È obbligatorio il collegamento con una sicura messa a terra, secondo la normativa vigente. È inoltre consigliato rispettare il collegamento fase neutro (L-N). È vietato l’uso dei tubi gas e/o acqua come messa a terra di apparecchi elettrici. ll costruttore non può essere considerato responsabile per eventuali danni causati dalla mancanza di messa a terra dell’impianto. Per l’allacciamento elettrico utilizzare il cavo alimentazione in dotazione. Il termostato ambiente e/o l’orologio programmatore vanno collegati come indicato sullo schema elettrico riportato a pagina 13. Nel caso di sostituzione del cavo di alimentazione, utilizzare un cavo del tipo HAR H05V2V2-F, 3 x 0,75 mm 2 , Ø max esterno 7 mm.

Fig. 4.1

17

4.3

Schema elettrico multifilare Conica ie
NOTA: LA POLARIZZAZIONE L-N È CONSIGLIATA

4.4

Schema elettrico funzionale Conica ie
NOTA: LA POLARIZZAZIONE L-N È CONSIGLIATA
S.R. S.S. JP1 JP2 JP3 JP4 F F1 E.A./R. RL1 RL3 RL4 LED Sonda (NTC) temperatura circuito primario Sonda (NTC) temperatura circuito sanitario Ponte selezione funzionamento solo riscaldamento Ponte azzeramento timer riscaldamento Ponte selezione MTN - GPL Selettore termostati sanitario assoluti Fusibile esterno 2 A F Fusibile 2 A F Elettrodo accensione / rilevazione Relè pompa Relè comando motore valvola tre vie Relè consenso accensione Led (verde) alimentazione presente Led (rosso) segnalazione anomalia Led (arancio lampeggiante) funzione spazzacamino Modulatore Pompa Servomotore valvola tre vie Scheda comando Trasformatore Operatore valvola gas Connettori di collegamento Modulo di accensione e di controllo di fiamma Trasformatore di accensione remoto Morsettiera per collegamenti esterni Visualizzatore digitale

P1 P2 P3 P5 T.A. T.F. T.L. P.A. FL

Potenziometro selezione temperatura sanitario Potenziometro selezione temperatura riscaldamento Selettore off - estate - inverno - spazza camino Potenziometro regolazione massimo riscaldamento (quando previsto) Termostato ambiente Termostato fumi Termostato limite Pressostato riscaldamento (acqua) Flussostato sanitario

MOD P 3V CP04X TRF1 OPE CN1÷CN11 ACF01X TRX ME CPVIS

18

4.5

Schema elettrico multifilare Conica ie FF
NOTA: LA POLARIZZAZIONE L-N È CONSIGLIATA

4.6

Schema elettrico funzionale Conica ie FF
NOTA: LA POLARIZZAZIONE L-N È CONSIGLIATA
FL S.R. Flussostato sanitario Sonda (NTC) temperatura circuito primario S.S. Sonda (NTC) temperatura circuito sanitario JP1 Ponte selezione funzionamento solo riscaldamento JP2 Ponte azzeramento timer riscaldamento JP3 Ponte selezione MTN - GPL JP4 Selettore termostati sanitario assoluti F Fusibile esterno 2 A F F1 Fusibile 2 A F E.A./R. Elettrodo accensione / rilevazione RL1 Relè pompa RL2 Relè comando ventilatore RL3 Relè comando motore valvola 3 vie RL4 Relè consenso accensione LED Led (verde) alimentazione presente Led (rosso) segnalazione anomalia Led (arancio lampeggiante) funzione spazza camino MOD Modulatore P Pompa V Ventilatore 3V Servomotore valvola 3 vie CP04X Scheda comando TRF1 Trasformatore OPE Operatore valvola gas CN1÷CN11 Connettori di collegamento ACF01X Modulo di accensione e di controllo di fiamma TRX Trasformatore di accensione remoto ME Morsettiera per collegamenti esterni CPVIS Visualizzatore digitale

P1 P2 P3 P4 P5 T.A. P.F. T.L. PA

Potenziometro selezione temperatura sanitario Potenziometro selezione temperatura riscaldamento Selettore off - estate - inverno - spazza camino Potenziometro regolazione minimo riscaldamento Potenziometro regolazione massimo riscaldamento (quando previsto) Termostato ambiente Pressostato fumi Termostato limite Pressostato riscaldamento (acqua)

19

4.7

Collegamento termostato ambiente e/o programmatore orario
Collegamento normale Il termostato ambiente andrà inserito come indicato dallo schema dopo aver tolto il cavallotto presente sulla morsettiera a 6 poli. I contatti del termostato ambiente devono essere dimensionati per V= 230 Volt

Il programmatore orario andrà inserito come indicato dallo schema dopo aver tolto il cavallotto del termostato ambiente presente sulla morsettiera a 6 poli. I contatti del programmatore orario devono essere dimensionati per V= 230 Volt

Il programmatore orario andrà inserito come indicato dallo schema dopo aver tolto il cavallotto del termostato ambiente presente sulla morsettiera a 6 poli. I contatti del programmatore orario devono essere dimensionati per V= 230 Volt

20

CAPITOLO 5 Descrizione dei principi di funzionamento

5.1 Principio di funzionamento idraulico in sanitario (Fig. 5.1)
Aprendo un rubinetto di prelievo dell’acqua dei servizi (1) viene richiamata sull’ingresso sanitario (2) l’acqua di rete, che passa attraverso regolatore di portata (3) e flussostato (4). L’acqua che attraversa il flussostato con una portata superiore a 2 l/min, spingerà verso l’alto il galleggiante posto all’interno dello stesso. Tramite questo movimento si avrà la chiusura del contatto elettrico, inserito in un dispositivo esterno al flussostato. Per mezzo di una rampa (6) di collegamento, l’acqua passerà dal flussostato al limitatore di flusso (5) (colore rosso 12 l/min per la 28 kW e colore rosa 14 l/min per la 32 kW) per passare poi nello scambiatore secondario (7).

5.2 Principio di funzionamento elettrico in sanitario
Per il solo approntamento dell’acqua calda, durante la stagione estiva, si dovrà predisporre il selettore di funzione sul simbolo “estate”. Premesso che la valvola tre vie si trova in posizione di riposo in sanitario (riposo = senza richiesta di calore), aprendo il rubinetto dell’acqua calda, con una portata superiore ai 2 l/min, il flussostato, rilevando il passaggio d’acqua all’interno del circuito, tramite un consenso elettrico alimenta il circolatore. La corretta circolazione del circuito primario viene verificata dal pressostato acqua del riscaldamento, con pressione impianto > 0,45 bar, viene attivata la sequenza di accensione del bruciatore, di seguito descritta:

Fig. 5.1

21

- per versione Conica ie FF: il pressostato acqua in posizione consenso alimenta il ventilatore, mentre, tramite il contatto del pressostato aria, vengono alimentati gli operatori della valvola gas. - per versione Conica ie: il pressostato acqua in posizione di consenso da il via all’accensione, vengono quindi alimentati gli operatori valvola gas. In richiesta di temperatura, il bruciatore si accende e l’elettrovalvola gas apre l’otturatore in modo proporzionale per consentire la lenta accensione (regolata automaticamente dal microprocessore) del bruciatore, per poi passare alla massima potenza, sino a quando non sarà raggiunta la temperatura impostata sul selettore. Il selettore della temperatura dell’acqua sanitaria permette di scegliere una gradazione da 37,5 ± 2 °C a 60 ± 2 °C. A seconda della portata del prelievo, la fiamma del bruciatore si adeguerà automaticamente alle richieste di acqua calda. Con prelievi d’acqua alle basse portate e selettore di temperatura al minimo o con caldaia alimentata con acqua preriscaldata, lo spegnimento del bruciatore avviene 5 °C oltre la temperatura impostata e la riaccensione 1 °C al di sotto della temperatura di spento. La massima oscillazione dell’acqua sanitaria in fase di modulazione è di ± 1 °C, in fase di spento è di 5 ± 1 °C. Sia il selettore di temperatura che la sonda forniscono all’integrato della scheda un valore di resistenza (ohm), che inizialmente (a freddo) comanda il funzionamento del bruciatore al massimo, sino a quando la temperatura letta sul secondario dalla sonda NTC, confrontata dall’integrato della scheda principale con la resistenza impostata sul selettore di temperatura acqua calda sanitario, si avvicina alla temperatura preimpostata: passa allora al minimo nella fase di modulazione, per poi spegnere a temperatura raggiunta. La bobina modulante posta sulla valvola del gas, riceve un valore di corrente minore o maggiore in funzione del valore rilevato dalla sonda e dallo stesso valore di resistenza impostato sul selettore, fino a spegnere il bruciatore a temperatura raggiunta. N.B. In caso di anomalia della sonda sanitaria l’anomalia verrà segnalata con il LED arancione acceso fisso che diventerà verde in fase di prelievo e la caldaia sarà comunque in grado di produrre acqua calda sanitaria. In questo caso la modulazione sarà effettuata sul set point sanitario ma controllato dalla sonda primaria. In conclusione, all’apertura del rubinetto dei sanitari, la sequenza di funzionamento è la seguente:

Versione Conica ie FF

Flussostato Verifica pressostato acqua Pressostato fumi a riposo Ventilatore Pressostato fumi in consenso Bruciatore
Versione Conica ie

Flussostato Verifica pressostato acqua Bruciatore

5.3 Principio di funzionamento idraulico in riscaldamento
(Fig. 5.3) A una richiesta di temperatura del termostato ambiente, la valvola tre vie elettrica si predispone a far defluire l’acqua del primario nel circuito riscaldamento. Durante la richiesta lato riscaldamento viene alimentato il circolatore (A). L’acqua, spinta dal circolatore nello scambiatore primario (D), prosegue lungo la rampa di collegamento fino alla valvola di ritegno (E) dello scambiatore sanitario, ma, trovandola chiusa perché la valvola tre vie (B) è in posizione di riscaldamento, non riesce a vincere la resistenza della molla e il flusso è obbligato a proseguire verso la mandata dell’impianto. Se il pressostato acqua (C) é chiuso viene innescata l’accensione del bruciatore. Durante il funzionamento in condizioni normali, cioé con impianto a basse perdite di carico o comunque con una circolazione d’acqua superiore a 450 l/h, il by-pass automatico (G) resterà chiuso, facendo quindi fluire l’acqua direttamente verso l’impianto di riscaldamento (mandata impianto ). Se invece l’impianto presenta perdite di carico notevoli, il circolatore scaricherà la sua prevalenza sulla superficie dell’otturatore del by-pass (G) che spingerà la molla mettendo in comunicazione il ritorno con la mandata. Si avrà così un ricircolo interno che andrà a sommarsi all’acqua proveniente dal ritorno dell’impianto.

22

5.4 Principio di funzionamento elettrico in riscaldamento
Posizionando il selettore su estate/inverno, con richiesta del termostato ambiente la valvola tre vie si predispone in riscaldamento e viene attivato il circolatore. Tramite il pressostato acqua se la pressione impianto > 0,45 bar viene dato il consenso alla sequenza di accensione. A questo punto se la temperatura dell’acqua del primario letta dalla sonda NTC posta sulla rampa uscita scambiatore primario è inferiore a quella impostata sul pannello di controllo, viene attivata la sequenza diaccensione del bruciatore, come so seguito descritto: Per versione Conica ie FF: Il ventilatore verrà attivato e il movimento di quest’ultimo genera una depressione e una pressione, lette ripetutamente del venturi e dal tubo di pitot che andranno ad intervenire sul pressostato, il quale, tramite la chiusura del suo contatto elettrico interno, darà il consenso all’apertura degli operatori della valvola gas e contemporaneamente innescherà l’accensione per mezzo dell’apparecchiatura. Per versione Conica ie: a questo punto se la temperatura dell’acqua del primario letta dalla sonda NTC é inferio-re a quella impostata sul pannello di controllo verrà innescata l’accensione. L’elettrovalvola gas aprirà l’otturatore in modo proporzionale per consentire la lenta accensione del bruciatore, regolata automaticamente dal microprocessore, che

funzionerà ad una potenza pari al 75% della sua capacità massima per un tempo di 15 min, per poi passare, se necessario, ad erogare la massima potenza e modulare al raggiungimento della temperatura impostata sul selettore riscaldamento. Se durante i primi 15 min dovesse essere necessaria una potenza inferiore al 75%, la caldaia modulerà al disotto di questo valore senza aspettare il termine dei 15 min. Lo spegnimento interviene 6 °C oltre la temperatura impostata sul selettore di temperatura di caldaia, salvo intervento del termostato ambiente, se si raggiunge la temperatura prefissata dall’utilizzatore. Ottenuto il livello di temperatura impostato con il selettore riscaldamento, la scheda principale adegua automaticamente la potenza alla richiesta dell’impianto. Nel caso in cui anche al minimo la potenza fornita fosse superiore alla temperatura richiesta verificata tramite rilevazione sul primario a mezzo della sonda NTC, la scheda principale spegne il bruciatore, consentendone la riaccensione solo dopo un tempo di 3 min ± 10 s per poi funzionare al minimo per altri 2 min. Il tempo di ritardo e funzionamento al minimo si avranno solo dopo l’intervento del selettore di temperatura del riscaldamento. Non si hanno ritardi su intervento di: interruttore generale, termostato ambientee pressostato acqua. Il prelievo di acqua sanitaria annulla la temporizzazione riscaldamento eventualmente in corso. Riassumendo, chiuso il rubinetto dei sanitari, in posizione inverno la sequenza di funzionamento è la seguente:

Fig. 5.2

23

Versione Conica ie FF

Consenso T.A. Circolatore Pressione acqua > 0,45 bar Pressostato fumi a riposo Ventilatore Pressostato fumi in consenso Bruciatore
Versione Conica ie

5.5 Sistema di regolazione automatica del riscaldamento
La temperatura di mandata riscaldamento sarà selezionabile tramite il potenziometro posto sul cruscotto e autoregolante in funzione del tempo di chiusura del contatto T.A. La scala di selezione é suddivisa in 3 settori come indicato di seguito: 1° SETTORE ⇒ T° regolabile tra 40 e 55°C → T° massima raggiungibile = Temperatura impostata 2° SETTORE ⇒ T° regolabile tra 55 e 65°C → T° massima raggiungibile = Temperatura impostata 10°C 3° SETTORE ⇒ T° regolabile tra 65 e 80°C → T° massima raggiungibile = Temperatura impostata L’isteresi di passaggio tra i vari settori é: PASSAGGIO 1° ⇒ 2° SETTORE PASSAGGIO 2° ⇒ 1° SETTORE PASSAGGIO 2° ⇒ 3° SETTORE PASSAGGIO 3° ⇒ 2° SETTORE 55°C 53°C 65°C 63°C

Consenso T.A. Circolatore Pressione acqua > 0,45 bar Bruciatore

TERZO SETTORE 65 ˚C SECONDO SETTORE 55 ˚C 60˚ 60˚ 80 ˚C

PRIMO SETTORE

120˚

40 ˚C

Fig. 5.3

24

5.6 Descrizione componenti principali

Conica ie

12 11 13 10

9 14 8 15

LEGENDA: 1 2 Rubinetto di riempimento Valvola scarico impianto Pressostato acqua Sonda NTC sanitario Scambiatore sanitario Valvola di sicurezza Modulo d’accensione Elettrodo accensione-rilevazione fiamma Bruciatore Termostato limite Sonda NTC riscaldamento Pressostato differenziale Presa depressione ventilatore Ventilatore Vaso espansione Scambiatore principale Valvola sfogo aria Circolatore Flussostato Valvola gas Valvola a 3 vie elettrica

7 6 5 4

16

3
17

4 5 6

18 3 2 19

7 8

1

9

Conica ie FF
13

10 11 12 13

12 11

14

14 15

15 10

16 17 18

9 16 8 17

19 20 21

7 6 5 4

18

19

20 3 2 21

1

Fig. 5.4

25

CAPITOLO 6 Installazione condotti di aspirazione aria e scarico fumi
6.1 Tabelle di riferimento per massima lunghezza dei condotti
SCARICHI COASSIALI La caldaia viene fornita predisposta per essere collegata a condotti di scarico/aspirazione coassiali e con l’apertura per l’aspirazione aria (M chiusa (fig. 6.1). Gli scarichi coassiali possono essere orientati nella direzione più adatta alle esigenze del locale, rispettando le lunghezze massime riportate in tabella. Per l’installazione seguire le istruzioni fornite con il kit. In figura 3.4 sono riportate le quote di riferimento per la tracciatura del foro attraversamento muro ø 105 mm rispetto alla piastra di supporto caldaia. Secondo la lunghezza dei condotti utilizzata, è necessario inserire una flangia scegliendola tra quelle contenute in caldaia (vedi tabella riportata di seguito).
20 ie FF lunghezza condotti (m) flangia (L) fumi perdite di carico di ogni curva (m) 24 ie FF 45° Ø 42 fino a 0,85 Ø 44 da O,85 a 2 Ø 46 da 2 a 3 da 3 a 4,25 (*) non installata (*) 3,30 per installazioni di dipo C22 24 ie FF lunghezza condotti (m) flangia (L) fumi perdite di carico di ogni curva (m) 45° Ø 45 fino a 0,85 Ø 47 da O,85 a 1,70 Ø 49 da 1,70 a 2,70 da 2,70 a 3,40 (*) non installata (*) 3,40 per installazioni di dipo C22 0,5 90° 0,8
M L

essere tolta facendo leva con un cacciavite. In figura 6.1 sono riportate le quote di riferimento per la tracciatura dei fori attraversamento muro ø 85 rispetto alla piastra di supporto caldaia. La tabella riporta le lunghezze rettilinee ammesse. Secondo la lunghezza dei condotti utilizzata,è necessario inserire unaflangia scegliendola tra quelle contenute in caldaia (vedi tabella riportata di seguito).
20 ie FF perdite di carico di ogni curva (m) 45° 3,5+3,5 ›3,5+3,5÷9,5+9,5 ›9,5+9,5÷14+14 ›14+14÷20+20 Ø 42 Ø 44 Ø 46 non installata 0,5 90° 0,8

lunghezza condotti (m)

flangia (L) fumi

90° 0,85 lunghezza condotti (m) 3+3 ›3+3÷7+7 ›7+7÷11,5+11,5 ›11,5+11,5÷14,5+14,5 flangia (L) fumi perdite di carico di ogni curva (m) 45° Ø 45 Ø 47 Ø 49 non installata 0,5 90° 0,8

0,5

M M

L N M

26

SCARICHI SDOPPIATI Gli scarichi sdoppiati possono essere orientati nella direzione più adatta alle esigenze del locale. Il condotto di scarico dei prodotti della combustione (N è indicato in fig. 6.1) Il condotto di aspirazione dell’aria comburente può essere collegato all’ingresso (M dopo aver rimosso il tappo di chiusura fissato con delle viti. La flangia fumi (L, quando necessario, deve

(20 ie FF) (24 ie FF)

(20 ie FF) (24 ie FF)

(20 ie FF) (24 ie FF)

(20 ie FF) (24 ie FF)

Fig. 6.1

6.2 Sistema scarico fumi a condotti coassiali Ø 60/100
Per tutte le configurazioni fumisteria fare riferimento alla legge n° 1083 del 6/7/1971, alla norma UNICIG 7129/92, al D.PR. 412 e al D.PR. 551

Esempi di installazione

Tabella accessori disponibili (misure espresse in mm)
ACCESSORI CODICE DESCRIZIONE

1550109

COLLETTORE STANDARD Ø mm 60/100

1550119

COLLETTORE PER SCARICO VERTICALE

1550129

PROLUNGA SCARICO Ø 60/100 L. 750 mm

1550139

CURVA COASSIALE 90° Ø 60/100

1550149

CURVA COASSIALE 45° Ø 60/100

1550179

FASCETTA DI COLLEGAMENTO Ø 60/100

27

ACCESSORI

CODICE

DESCRIZIONE

1550189

KIT FASCETTE Ø 100

1550169

TEGOLA UNIVERSALE IN PIOMBO

1550159

TEGOLA UNIVERSALE PER SCARICO VERTICALE

1220019

RACCOGLI CONDENSA ORIZZONTALE

1220029

RACCOGLI CONDENSA VERTICALE

1550199

DISTANZIALI PER TUBO Ø 100

28

6.3 Sistema scarico fumi sdoppiato Ø 80
Per tutte le configurazioni fumisteria fare riferimento alla legge n° 1083 del 6/7/1971, alla norma UNICIG 7129/92, al D.PR. 412 e al D.PR. 551

Esempi di installazione

Tabella accessori fumi e aria, idonei per ambienti interni privi d’umidità (misure espresse in mm)
ACCESSORI CODICE DESCRIZIONE

1550209

TERMINALE ASPIRAZIONE ARIA

1550219

TERMINALE SCARICO FUMI A PARETE

1550609

KIT COLLEGAMENTO SISTEMA SDOPPIATO

1550579

SDOPPIATORE ARIA FUMI CON TUBO DI PASSAGGIO Ø mm 80

1550239

CURVA Ø mm 80 A 45° CON GUARNIZIONE SILICONE

29

ACCESSORI

CODICE

DESCRIZIONE

1550249

CURVA Ø 80 A 90° CON GUARNIZIONE SILICONE

1550269

L = 1000

PROLUNGA Ø mm 80 CON GUARNIZIONE SILICONE

1220049

RACCOGLI CONDENSA PER SCARICO VERTICALE

1220039

RACCOGLI CONDENSA ORIZZONTALE

1550199

DISTANZIALI PER TUBO Ø mm 80

30

6.4 Accessori circuito idraulico
ACCESSORI CODICE DESCRIZIONE

1550299

KIT DISGIUNTORE IDRICO

1550409

KIT ANTICALCARE COMPRENDE - 1 DOSATORE PROPORZIONALE - 8 RICARICHE RICARICHE ANTICALCARE CONFEZIONE DA: - 8 RICARICHE

1550419

1550639

KIT CIRCOLATORE ALTA PREVALENZA

1550649

RUBINETTI RISCALDAMENTO RUBINETTI RISCALDAMENTO FILTRO COPERTURA RACCORDI

1550659

1550679

6.5 Accessori comfort
ACCESSORI CODICE DESCRIZIONE

1220009

CRONOTERMOSTATO A PARETE SETTIMANALE

1550629

SCHEDA INTERFACCIA REC 05 COMANDO A DISTANZA REC 05

1550539

31

32

33

34

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

Conica

SYLBER nel 1961 si impone sul mercato producendo uno scaldabagno a gas dalle caratteristiche innovative. Da allora, per l’Azienda, è un crescendo continuo nei prodotti, con la nascita della prima caldaia murale SYLBER e nei servizi con una rete di assistenza capillare e puntuale. Oggi SYLBER fa parte del Gruppo Italiano leader nel settore del riscaldamento e risponde pienamente alle esigenze dei propri Clienti grazie alla costante ricerca di nuove tecnologie. La gamma di prodotti, caldaie murali e scaldabagni, essenziale e completa, abbina tecnologia e “Industrial design” e fa di SYLBER uno dei Marchi più apprezzati dagli Addetti ai lavori e dagli Utenti finali.

Sylber si riserva di variare le caratteristiche e i dati riportati nel presente fascicolo in qualunque momento e senza preavviso, nell’intento di migliorare i prodotti. Questo fascicolo pertanto non può essere considerato come contratto nei confronti di terzi.

Timbro del rivenditore

Servizio Clienti 199 115 115 www.sylber.caldaie.com e-mail: sylber@sylbercaldaie.it

Cod. PS307 - 4.000 - 09/03

Sede Commerciale Via Trieste,16 20059 Vimercate (MI)

VIEW POINT®

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->