Sei sulla pagina 1di 273

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca

a cura dI GuIdo Da TodI


Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

1
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

- 1n1roduz1one -
L'auiorc considcra qucsio icsio solo un conodo siruncnio cr ogni siudioso, o
aassionaio di Scicnzc EsoicricIc. In csso c siaio siniciizzaio c conncniaio
l'inicro anorana iradizionalc dcllc Vcrii Soggiaccnii alla crcazionc. Tcosofia,
Massoncria, Fosacrocc, A.A. Dailcy, Dlavailsy, Yoga, cd aliro; iuiio ci vicnc
scIcnaiizzaio c coordinaio in un unico lilro, soiio forna di lczioni, ianc c
cIiarc.
Il volunc u risuliarc uiilc, quindi, a irc iii di lciiori.
a} a cIi sia gi concicnic in naicria. Egli ossicdcr una guida raiica di
consuliazionc c la conodii di avcrc soiio nano una nassiccia quaniii di
daii uiili, in forna ianificaia cd analiiica;
l} a cIi, invccc, sia a nci sirada ncllc conosccnzc in qucsiionc. Cosiui oir,
allora, giungcrc con raidii al icrninc dcllc suc riccrcIc; fcrna rcsiando la
ncccssii, cr lui, di arofondirc alirovc, fuori dclla sinicsi qui riniracciaia,
i rori orizzonii culiurali;
c} a cIi sia conlciancnic a digiuno dclla naicria, na aiiraiio da cssa. In ial
caso, il icsio gli risarnicr la lciiura di dccinc c dccinc di lilri (nolii dci
quali, scsso, fuorvianii}, dclincando un orizzonic di aricnza dcfiniio cd un
oliciiivo coniuio ai suoi inicrcssi csoicrici iradizionali.
L'auiorc, inolirc, si scusa sc al icrninc dcl iraiiaio non csisic una noia
lilliografica; cgli assicura cIc sarcllc risuliaia csicsissina c, di sicuro,
inconlcia, considcraia la quaniii di infornazioni cIc irovcrcic ncllc lczioni.
Infinc, cgli riiicnc ncccssario ranncniarc l'csoriazionc di Coiano DuddIa agli
siriiualisii di ogni coca.
"..Non ccdcc u quunto t ucnc unnuncuto conc uctu dottnuc soo c u ozu
cusnutcu d cI o u; nc dcu ccdcc c un utto d cgonc, d cutuu, d
custu, o d uzzu; nc c un'noszonc quuunquc, su uc nuncstutu n Iuonu
cdc. Ccd soo sc quunto t ucnc ndcuto touu cosondcnzu ncu tuu unnu c
nc suno gudzo cIc uIcgu n tc. Soo cos suu un uono Ico c cuucc d
onuguc, u tuu uotu, u Vctu ug ut.."
GuIdo Da TodI

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

2

La Crandc Sinicsi dclla Tradizionc Esoicrica ................................................... 1
- IntroduzIone - .....................................................................................1
- LE2IONE PRIMA - ................................................................................S
- Iniroduzionc alla Doiirina Scgrcia -.................................................. 8
- LE2IONE SECONDA - .........................................................................13
- La Cosnogcncsi dclla Doiirina Scgrcia -......................................... 13
- LE2IONE TER2A -..............................................................................19
- Aniroogcncsi dclla Doiirina Scgrcia -............................................ 19
- LE2IONE QUARTA - ...........................................................................24
Il nosiro sisicna solarc c la sua ci occulia ...................................... 24
I iani soiiili dcll'csisicnza................................................................ 24
Lc rondc c lc caicnc .......................................................................... 24
I rcgni dclla naiura c la loro cvoluzionc............................................. 24
Calcndario csoicrico dci cicli solari ................................................... 24
INTEGRA2IONE ALLA LE2IONE QUARTA .............................................2S
NOTA AGGIUNTA.................................................................................33
- LE2IONE QUINTA - ............................................................................34
Lc vcrc, aniicIc origini dcll'uono...................................................... 34
SIanlalla ........................................................................................ 34
La Lcnuria c l'Ailaniidc. i duc coniincnii sconarsi ......................... 34
La razza aiiualc ................................................................................ 34
Il naya cicrico, l'annclliancnio asiralc, l'illusionc ncnialc.............. 34
Il Scniicro dcll'unanii..................................................................... 34
- Noia aggiunia - ........................................................................................... 39
- LE2IONE SESTA - ..............................................................................41
I Sciic Faggi (aric rina} - .............................................................. 41
- LE2IONE SETTIMA - ..........................................................................4S
I Sciic Faggi (aric scconda} ............................................................. 45
I rcgni doo la noric......................................................................... 45
Il coro cicrico cd i cIalras .............................................................. 45
- LE2IONE OTTAVA - ...........................................................................49
I Sciic Faggi (aric icrza} .................................................................. 49
Sicgazionc dclla Parola Sacra "AUM" ............................................... 49
Conc vcnncro crcaii i iani di csisicnza solari .................................. 49
Conc furono crcaii i rcgni nincralc, vcgcialc, aninalc, unano ......... 49
Dio c uno c irino, Ianno, scnrc, dciio lc Sacrc Scriiiurc. L'csoicrisno
aggiungc. c si ncora alla nanifcsiazionc concrcia cd oggciiiva in sciic aiii
dcfiniii, nascIcrc uliinc c surcnc dclla sua oicnza inicriorc. ............. 49
- LE2IONE NONA - ...............................................................................S3
I sciic Faggi (aric quaria} ................................................................ 53
- LE2IONE DECIMA -............................................................................S?
I Sciic Faggi (aric uliina}................................................................ 57
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

3
Il coro cicrico lanciario cd unano. lcggi fondancniali ................... 57
Il rana, o csscnza univcrsalc univcrsa............................................. 57
I cIalras, o ccniri cncrgciici unani .................................................. 57
NOTA AGGIUNTA.................................................................................63
- LE2IONE UNDICESIMA - ....................................................................64
La CcrarcIia Dianca lanciaria......................................................... 64
I Faggi di Asciio, c di Aiiriluio ....................................................... 64
- LE2IONE DODICESIMA -....................................................................69
La CcrarcIia Dianca (aric scconda} ................................................. 69
- I SETTE SENTIERI - ..........................................................................?1
- LE2IONE TREDICESIMA - ..................................................................?3
- La Loggia dci Macsiri -.................................................................... 73
- LE2IONE QUATTORDICESIMA - .........................................................S1
L'coca dcll'Aquario .......................................................................... 81
- I GRANDI MESI DEL GRANDE ANNO - ................................................S3
- LE2IONE QUINDICESIMA ( parte prIma) -...........................................S6
LE LECCI DELLA TELEPATIA........................................................... 86
- LE2IONE QUINDICESIMA - (parte seconda) ........................................92
Il Maya cicrico, l'annclliancnio asiralc, l'llusionc ncnialc, il
Cuardiano dclla Soglia............................................................................ 92
- LE2IONE QUINDICESIMA - (parte terza) .............................................99
- Cli siruncnii occulii occulii dcll'uono. i cIalras - ......................... 99
- LE2IONE SEDICESIMA - .................................................................. 10S
- I Mciodi dclla CcrarcIia Dianca -.................................................. 105
- LE2IONE DICIASSETTESIMA - (parte prIma) .................................... 110
I CIalras cicrici, in funzionc dclla iclcaiia.................................... 110
LE2IONE DICIASSETTESIMA - (parte seconda) -................................. 113
LE2IONE DICIASSETTESIMA - (parte terza) ....................................... 11S
- LE2IONE DICIOTTESIMA -............................................................... 121
Siudio dcl scsso, dal unio di visia csoicrico - ................................ 121
- LE2IONE DICIANNOVESIMA - (parte prIma) - ................................... 129
La noric cd il suo ncccanisno....................................................... 129
- LE2IONE DICIANNOVESIMA - (parte seconda) .................................. 132
La rcincarnazionc. cIc cosa c?........................................................ 132
Lc aninc "socc", o Inon d'unnu................................................. 132
Il roccsso dclla noric c dclla viia in iuiio l'univcrso. ..................... 132
Cli iniziaii, o yogIi, cIc non conoscono noric................................. 132
Morirc c rinasccrc a voloni. ........................................................... 132
Lc ragioni dclla rcincarnazionc........................................................ 132
- LE2IONE DICIANNOVESIMA - (parte terza) -..................................... 136
I irc iii di noric naiuralc, in rifcrincnio allc irc divcrsc fornc di
crsonalii unana. u cnuunu, 'utuntdcu, 'uunu. ........................... 136
Cosa succcdc sul lciio di noric....................................................... 136
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

4
Cos'c la coniinuii di coscicnza....................................................... 136
Il cona di noric, visio nci suoi laii occulii ...................................... 136
Il "filo argcnico" cIc lcga il coro cicrico a qucllo dcnso .................. 136
- LE2IONE DICIANNOVESIMA - (parte quarta) - .................................. 140
La viia doo la noric. ..................................................................... 140
L'anina ncl suo coro cicrico, ncl suo coro asiralc, ncl suo coro
ncnialc................................................................................................. 140
Purgaiorio c aradiso sccondo l'csaiio significaio csoicrico. ............ 140
Dcscrizionc dcllo siaio di grazia osi-noricn, cIianaio DcvacIan
(Paradiso} in lciicraiura indiana. ........................................................... 140
- LE2IONE DICIANNOVESIMA - (parte quInta)..................................... 146
Scguiio c finc dclla dcscrizionc dcl DcvacIan. ................................. 146
La rcincarnazionc, doo il criodo dcl DcvacIan. ............................ 146
Conc, dovc c crcIc si rcincarna l'anina, doo avcr irascorso
l'inicrvallo ira duc viic .......................................................................... 146
- LE2IONE VENTESIMA -.................................................................... 1S0
Lcggc dcl larna, ossia di causa c di cffciio. dcscrizionc dciiagliaia dci
suoi roccssi......................................................................................... 150
L'cicrno rcscnic. ........................................................................... 150
Il larna cd il dcsiino cosiruiio dai nosiri cnsicri c dallc nosirc azioni.
150
Il larna dcl rcgno aninalc, dcl nondo vcgcialc, dcl nondo nincralc;
dcgli angcli, dcllc razzc unanc, dcllc nazioni, dcll'uono singolo; dci iancii,
dci sisicni solari, dcllc galassic, dcll'univcrso........................................ 150
- LE2IONE VENTUNESIMA - ............................................................... 1S6
Tradizionc c significaio dci nuntuns. nagico oicrc dclla vocc unana,
vcicolo di forza cosnica. ........................................................................ 156
L'aniica scicnza dclla arola occulia cIc oria risuliaii ncl nondo
icrrcno quoiidiano. ............................................................................... 156
Il oicrc dcl cnsicro ...................................................................... 156
- LE2IONE VENTIDUESIMA - (parte prIma) - ....................................... 161
Il raorio ira il iano visililc c qucllo invisililc dcll'csisicnza. Qual'c il
onic cIc uniscc i duc?......................................................................... 161
LE2IONE VENTIDUESIMA - (parte seconda)........................................ 16S
Cos'c c conc nascc la coscicnza? .................................................... 165
Il scgrcio dci lungIissini cicli di nanifcsiazionc c di noric di qucsio
iancia, di qucsio sisicna solarc, di qucsio sisicna cosnico. ............... 165
Cos'c, c conc si nanifcsia il oicrc di u naniran c dcl cnsicro
roiciiaii nagicancnic?........................................................................ 165
Cli crrori c gli orrori dclla nagia ncra.............................................. 165
LE2IONE VENTIDUESIMA - (parte terza) ............................................ 1?0
"..."Voi iuiii sicic dci.." - (Crisio}...................................................... 170
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

5
Ogni cosa vilra............................................................................... 170
Co cIc aiiornia il nosiro univcrso................................................... 170
- LE2IONE VENTIDUESIMA - (parte quarta) - ...................................... 1?4
I sci scIcni solari csoicrici allincaii al nosiro sisicna solarc........... 174
Ancora sul scgrcio dclla siclla Sirio, dcllc Plciadi, dcllc 14 cosicllazioni
zodiacali, dcll'Orsa Maggiorc c di alirc Viic CosnicIc. ........................... 174
La nusica dcllc sfcrc. ..................................................................... 174
L'uono cd suono. .......................................................................... 174
Diffcrcnza ira suono c ucIo. ........................................................... 174
Il nisicrioso c nagico raorio ira cooc cd suono. ................... 174
I nunduu. sccnzu occutu c otcc untco dc coo c dci discgni
arcIciiici............................................................................................. 174
Ancora sul nondo dcvico (o angclico}. ............................................. 174
I dcva in cvoluzionc di inncrsionc nclla naicria c quclli in cvoluzionc
di asccsi ncllo siriio............................................................................. 174
La gcrarcIia angclica ncl rcgno vcgcialc, ncl nincralc, ncll'aninalc,
ncll'unano............................................................................................ 174
Lc faic, gli clfi, lc ondinc c gli siriii di naiura. ................................ 174
La nagia ncra in Ailaniidc.............................................................. 174
- LE2IONE VENTIDUESIMA - (parte quInta) ........................................ 1S1
CaraiicrisiicIc dcllc arolc c dci suoni di oicrc. ............................ 181
Ancora sul scgrcio dcl icrninc sacro AUM. ..................................... 181
I 35 nanirans cIc fanno cvolvcrc la icrra. ..................................... 181
Il naniran di ogni razza; i nanirans dclla CcrarcIia; i nanirans c la
ncdiiazionc individualc; quclli cr accclcrarc il roccsso ncdiiaiivo...... 181
- LE2IONE VENTITREESIMA - ............................................................ 1S6
- LE2IONE VENTIQUATTRESIMA - ..................................................... 192
- LE2IONE VENTICINQUESIMA - ........................................................ 20S
- LE2IONE VENTISEIESIMA - ............................................................. 210
Cosa c il Curu, o il Macsiro?........................................................... 210
I sciic siadi di coniaiio, o di iniinii siriiualc, ira il disccolo cd il
suo Curu -............................................................................................ 210
- LE2IONE VENTISETTESIMA - .......................................................... 214
Il oicrc nagico dcl lcnilunio. ....................................................... 214
I raggi "liancIi" c quclli "ncri" dclla luna......................................... 214
Sicgazionc, dal unio di visia csoicrico, dcl lcnilunio. ................. 214
Cos'c, c cos'c siaia la luna?............................................................. 214
Ogni lcnilunio, qualc ncssaggcro di una forza zodiacalc disiinia. .. 214
Isiruzioni cr irarrc i nassini lcncfici occulii dai lcniluni ............ 214
- LE2IONE VENTOTTESIMA - ............................................................. 21S
Asirologia 14. ................................................................................. 218
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

6
"..Attcnzonc! uosto scgno zoducuc non cosondc u, quus
cctuncntc, u quco cIc ccdcuutc ossc!..." Lcggcicnc in qucsia lczionc lc
ragioni. ................................................................................................. 218
La rcccssionc cquinozialc. ............................................................. 218
L'csisicnza di 14 scgni zodiacali, invccc di 12.................................. 218
PcrcIc l'asirologia indiana scguc da scnrc, nclla sicsura
dcll'oroscoo, la rcccssionc dcgli cquinozi?.......................................... 218
Sicgazionc docuncniaia dcll'crrorc in cui cadono oggi gli asirologi
occidcniali. ........................................................................................... 218
Lc dutc csuttc c ntuccuc uosto scgno zoducuc gusto. .......... 218
Pralaya c nanvaniara (lc grandi fasi dcl rcsiro cosnico}. ............... 218
Cos'c il lcnilunio?.......................................................................... 218
I novincnii c lc fasi lunari.............................................................. 218
- LE2IONE VENTINOVESIMA - (Parte prIma) ....................................... 226
CaraiicrisiicIc dci 14 lcniluni annuali c caraiicrisiicIc dci 14 scgni
zodiacali. .............................................................................................. 226
Plcnilunio dcll'Aricic. ...................................................................... 226
Plcnilunio dclla Dalcna (Ccius}........................................................ 226
Plcnilunio dcl Toro (Wcsal. acndicc al lcnilunio dcl Toro}. ......... 226
Il voio dcl DuddIa. qucllo di csscrc rcscnic, ogni anno, in
qucsi'uliino lcnilunio, nclla vallaia dcll'Hinalaya, ovc la fcsia dcl Wcsal
Ia luogo................................................................................................ 226
- LE2IONE VENTINOVESIMA - (Parte seconda) ................................... 232
Plcnilunio dci Ccnclli (Asala; acndicc al lcnilunio dci Ccnclli}. . 232
Il voio di Crisio, sinilc a qucllo dcl DuddIa. ................................... 232
Plcnilunio dcl Cancro...................................................................... 232
Plcnilunio dcl Lconc........................................................................ 232
Plcnilunio dclla dclla Vcrginc .......................................................... 232
- LE2IONE VENTINOVESIMA - (Parte terza) - ...................................... 23S
Plcnilunio dclla Dilancia. ................................................................ 238
Plcnilunio dcllo Scorionc............................................................... 238
- LE2IONE VENTINOVESIMA - (Parte quarta) - .................................... 243
Plcnilunio dcl Scrcniario. .............................................................. 243
Plcnilunio dcl Sagiiiario. ................................................................. 243
Plcnilunio dcl Caricorno................................................................ 243
- LE2IONE VENTINOVESIMA - (Parte quInta) ...................................... 249
Plcnilunio dcll'Aquario. ................................................................... 249
CaraiicrisiicIc cIc saranno roric all'Eoca dcll'Aquario (o Mcsc
Cosnico in cui siano acna cniraii}.................................................... 249
Plcnilunio dci Pcsci ......................................................................... 249
NECESSARIE PRECISA2IONI ............................................................. 2SS
Hclcna Pcirowna Dlavaisly, c la sua ocra ................................... 255
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

7
I suoi oicri di alia lciiura dcllc <iavolciic asirali> ....................... 255
Annic Dcsani c C.W. Lcadlcaicr ................................................... 255
Analisi criiica c sioricancnic docuncniaia dclla vcggcnza nal riosia
dci duc auiori - ..................................................................................... 255
Fciiifica auiorcvolc dclla Dlavaisly c di un Adcio di Saggczza ....... 255
riguardo agli crrori dci duc lcadcr - ................................................. 255
Dcscrizionc dcgli slagli dclla Dcsani c di Lcadlcaicr - .................... 255
Alicc A.Dailcy, cd il suo inconiro con l'Adcio Tilciano - ................. 255
Sua lrcvc liografia -....................................................................... 255
KrisInanurii, c la sua ocra - ........................................................ 255
La Dcsani alloniana A.A.Dailcy dalla Socici Tcosofica - ................. 255
Logica dinosirazionc di qucsia sua nancanza di valuiazionc -........ 255
LE2IONE TRENTUNESIMA................................................................. 26S
- Lc duc causc occulic dcl vcgciarianisno -..................................... 268
- L'inizio in Ailaniidc dcl vcgciarianisno -.................................. 268
- PcrcIc il vcgciariano si sinionizza con l'AlasIa, o <iavolciic asirali> -
268
- La coscicnza c la scnsililii dcl rcgno vcgcialc,............................. 268
dinosiraic scicniificancnic - .......................................................... 268

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

8
- L21ON PR1MA -
- IntroduzIone aIIa DottrIna Segreta -

Iniziano, in qucsia rina lczionc, ad csaninarc, dclucidarc c siniciizzarc la
"Doiirina Scgrcia", di Hclcna Pcirowna Dlavaisly, su cui nolio si arl, ncl
sccolo scorso, quando fu ulllicaia, in sci voluni, c su cui c fondaia, sino ad
ora, l'aiiivii dcllc ocIc Organizzazioni Siriiuali, noic ncl nondo, vcrancnic
dcgnc di qucsio nonc.
Sci cci sccolari di cnsicro csoicrico csisiono, in oricnic, c sono
fondancniali, c facilncnic raggiungilili c riconoscilili dall'cscria indaginc dcl
riccrcaiorc, aiiravcrso i docuncnii siorici cIc ci rinangono ncllc lanascric
iilcianc, nci icnli indu, ncllc aniicIc cosiruzioni crsianc, ncl Ciaonc,
nclla Cina. E la vcrii occulia sulla cosiiiuzionc dcl nosiro sisicna solarc, sullc
caicnc dci nondi cIc rcccdciicro quclla di cui fa aric la nosira icrra, sullc
razzc assaic, su Ailaniidc, sulla Lcnuria, sui oicri naiurali cIc sosicngono
la nanifcsiazionc dcllc cosc csisicnii, iuiio ci vicnc sncnlraio in sci filoni,
ncssuno dci quali coniicnc ialc vcrii conlciancnic, cd ognuno dci quali la
vcla in sinlolisni cosi fiiii cd iniricaii, cIc sono acccssilili solianio ai ocIi
iniziaii locali, cIc la osscggono cr irasnciicrla, oralncnic, ai disccoli.
Aiiravcrso qucsii, la conosccnza dci nisicri ass c assa al oolo, cIc la
iranuia in lcggcndc, radicaic ncllc aliiudini c ncllc fcsic acsanc dcll'oricnic, c
noi vcdiano aquiloni diinii siranancnic, dragIi di carionc, c noi vcdiano
usanzc d'ogni gcncrc, dall'aarcnza ucrilc, cIc aiono gaiiini di czza con
cui gioca il oolo lanlino; cssc vcngono riciuic - lc ncdcsinc - ad ogni
occasionc, c vcdiano, ancora, la sicssa anina dcllc gcnii aniicIc fondcrsi, ncl
gioco sinlolico c nclla ariicolarc usanza.
Cosa c la vcrii ? Dovc c la vcrii ? E, la vcrii, oicrc, cr cIi la ossicdc?
PcrcIc coloro cIc sanno iacciono? PcrcIc crnciiono cIc la ncdcsina vcnga
crudclncnic siraziaia da nisiicisni doiirinari, cIc ossono, ancIc, invadcrc c
fornarc lungIissini criodi siorici, dci quali, uno, c il nosiro? PcrcIc cssi non
inicrvcngono a darc all'uono ci cIc, infinc, lo lilcri dal doloroso dualisno cIc
lo disiacca dall'oggciio dcfiniiivo dclla sua riccrca?
Sci cci sccolari di cnsicro, diccnno, facilncnic individualili dallo siudioso
oricnialisia. Ma, un filonc sosianzialc crncava c crnca, iuiiora, lc naggiori
fonii dcl rcalc sacrc univcrsalc, il ncdcsino a cui ogni naggiorc cnsaiorc, da
Plaionc a Piiagora, da DuddIa a Crisio aiiinscro, nclla loro nissionc icrrcna.
Talc filonc c cosiiiuiio dalla SettIma ScuoIa, sIntesI e compImento deIIe seI
precedentI, e cbe cbIamata deIIa DottrIna Segreta; scuola cIc c lcn
diffcrcnic dallc alirc iuiic, oicIc, conc vcdrcno, olirc cIc una forna,
rcscnia ancIc una viia caraiicrisiica, o una vilrazionc cIc, in lasc al valorc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

9
dcll'allicvo, onc qucsi'uliino a coniaiio con una Fcali conlcia, non
acccssililc alirincnii.
E cIiaro cIc Hclcna Pcirowna Dlavaisly, ncllo scrivcrc i sci voluni dclla
Doiirina Scgrcia, vcrso la finc dcl sccolo scorso, siniciizz un irilicc asciio di
viia, in un'ocra cIc non Ia ci . rcligionc, filosofia, scicnza; na, o
voluiancnic, o forzaiancnic - conc Ella lcn dicc a iu rircsc -, non Ia
rivclaio iuiio il rivclalilc sui oicri cIc cosiiiuiscono la naiura al nondo.
Qucsii oicri occulii csisiono; c iradizionc, conc vcdrcno, cIc la nagia Ia
fornaio il sisicna solarc, cr quanio ossa scnlrarc aradossalc ialc
asscrzionc. Difaiii, cr nagia, si c scnrc inicso. "La possIbIIIt dI essere
svIncoIatI daIIe energIe, cbe vengono precIpItate, In consoIIdamento
successIvo, daI macrocosmo aI mIcrocosmo". Tali oicri sono lcn noii agli
occuliisii cIc alliano arofondiio il laio nascosio dcllc cosc. E cvidcnic,
quindi, cIc una ulllicazionc cIc dcssc il scgrcio, ci sia conccsso cIianarlo
cosi, dcl Mago Mcrlino, ad una socici aragonalilc al ncdio cvo di
qucsi'uliino, riscIicrcllc, in rino luogo, di vcdcr lruciaio al rogo
dcll'ignoranic ridicolo c dclla lolla socialc colui cIc l'avcssc scriiia c, in
sccondo luogo, dcicrnincrcllc dci riscIi lciali c caiasirofici alla saluic dclla
sicssa socici, una volia cIc la ncdcsina si fossc avvicinaia alla conrcnsionc
dcl scgrcio svclaio.
La doiirina scgrcia Ia un volio nciafisico lcn caraiicrisiico a colui cIc allia
faniliarii con cssa, o con gli argoncnii cIc la disiinguono. Sciic sono i vcli
cIc circondano ogni vcrsciio occulio cIc vicnc conncniaio dall'Auiricc; sciic,
lc cIiavi cIc lisogna girarc cr avcrc finalncnic lucc conlcia sul solvcnic
alcIcnico dcllc cosc. Il faiio ricorda, da vicino, il ronanzo occulio di Dulwcr
Lyiion. "Zanoni". Il roiagonisia, un ardcnic giovanc ariisia, alla riccrca dcl
sacrc c dci oicri csoicrici, divicnc allicvo di un nago soliiario, Mcjnour; nc
scguc gli inscgnancnii, na, cr lungo icno, gli sfuggc via, da soiio lc nani, la
soluzionc uliina dci roccdincnii alcIcnici cIc il nacsiro gli crnciicva di
conorrc. Ci, fino a quando, cr rovc csircnc di forza, urczza c coraggio
non sc nc fossc dinosiraio dcgno. Ecco la lcggc dcll'occuliisno. CIi Ia la
scara infangaia non u nciicrc icdc ncl icnio, cIc c sacrario di anorc, di
oicrc c di sacrc univcrsalc. E, lcncIc il ronanzo allia lc suc fallc
innaginificIc, ur scnrc indica con ccriczza dci unii-lasc sul disccolaio.
Ora, la Conaginc Esoicrica dci Crandi Iniziaii di ogni coca, cIianaia dai
icni dci icni. "Futcunzu Huncu", uncIc sc scotu dcto o stuto oucoso
dc scco, du`nccdutu, uncIc sc nutu c sodcntc conc u Sngc, contnuu u
uduc u suu uttuu cscnzu, u`cstcno, ucso `ununtu, ogcndoc, uo
scudc d ogn sccoo (sc uoguno csscc u ccs, u`utno quuto d ogn
sccoo), un uuucnncnto stoco d notunzu ncttuncntc stuuc, o unu
csonutu du nct cccczonu cd utustc (ud cscno, Hccnu Pctounu
HuuutsI, unnutcc dcu Socctu Tcosocu); u Futcunzu Huncu c cuoc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

10
dcostuo dc otcc, dc succ c dc`unoc, n tcu, dc Logos Souc. ucsto,
c un dognu dc`utu nugu, c du tutt uc scguuc dc`csotcsno c tuctuncntc
ucccttuto. Anz, nctu d ogn csotcco c `cntuc u u utc, sucundo c
ncccssuc ouc, d tuc Futcunzu. Essu cocgu un suco dcu utu u
quc nco; cd c, n cutu, unu ncccssuu ozu onduncntuc dc sstcnu
notoo dcu nutuu, oo conc u tusonuzonc Ioogcu dc tcssut unun u
utc dc uno cuoutuo dcc cosc. Ogn occutstu Iunco - o dcdto uu
cstnsccuzonc d otc utustc - c tccutcuncntc unto, n nodo costuntc, uu
Loggu Sucnu cIc ncnzonuno, con cu u coo unco, n ogn uzonc o utto cIc
uuc ncu utu cstcnu d tutt gon.
Il faiio non u csscrc rovaio all'oinionc ulllica dci lciiori, na, ncl nosiro
caso, ci aclliano all'iniuiio dci iu scnsilili siudiosi, o alla coscicnza di cIi
sa, cr il riconoscincnio di ialc indullia vcrii . A cosa scrvc, allora, lo siudio
di qucl llocco di lilri, unici, conc vcdcnno, ncl loro gcncrc, cIianaii dclla
Doiirina Scgrcia? Scnliccncnic ad avcrc ira lc nani la sola lasc cIc
conicnga, razionalncnic cd unanancnic arlando, ci cIc dclla vcrii occulia
sulla viia fu conccsso darc, scnza vcli, all'uono. Colui cIc, cr lungIi anni, Ia
vagaio da una fonic all'alira, da una scuola di cnsicro all'alira, si rcndcr
conio, alla finc, cIc ogni rcligionc, ogni filosofia, ogni scicnza dicndono c sono
collcgaic al ncdcsino filonc originario; filonc conicnuio, in nanicra conlcia,
solianio nclla Doiirina Scgrcia, o ncllc ocrc cIc ad cssa si allincano, ur sc si
discosiano dalla crsonalii dcll'Auiricc cIc la conosc.
CIi ci lcggc vicnc consigliaio di rcndcrc ira lc nani c siudiarc ialc ocra; sc
cgli vuolc raggiungcrc qualcosa di dcfiniiivancnic concluso, ncl naiuralc
inircccio dcgli argoncnii csoicrici - il iu dcllc volic rcsi cr vcri -, solianio in
ialc nanicra oir farlo, a ncno cIc non sia disccolo di qualcIc auiorii, cIc,
cr, a sua volia, dovr csscrc crncaia c sosianziaia dallo siriio suddciio.
Hclcna Pcirowna Dlavaisly, doo una viia scsa allo siudio di ogni singola
rcligionc, doo siudi locali c faiicosi dcllc iu noic c ignoic fornc riiuali, in ogni
aric dcl nondo, si rcc, cr dcllc ragioni, conunquc, cIc incidcvano sul suo
dcsiino, gi rina dclla sua nasciia, in Oricnic, ncllc lonianc icrrc Hinalayanc,
dovc, a dciia dcllc oolazioni iilcianc. " ..csstc un guo d uonn sucnt (
Mucst dc`occuto), nnotu, ncc cunddc ucst dcu oo cczonc unucsu,
quuc soo osscdc `uncu uctu su`ognc dcc cosc c nctodo d tonuc u
nuncstuc u nutuu dunu, n nodo u suno c dctto..".
Hclcna Pcirowna Dlavaisly riusci a nciicrsi in coniaiio con loro, c, doo sciic
anni di disccolaio dirciio, doo avcr sucraio dcllc iniziazioni cIc lc
inlicavano il voio dcl scgrcio su alcuni di quci ncravigliosi, ancIc sc
ircncndi, oicri conosciuii, and in Ancrica. Fu qui cIc fond la Socici
Tcosofica, c fu qui cIc, in nanicra cIc sia in lilico ira il rcalc c l'irrcalc, o
ncglio, ira nciafisico c nornalii, scrissc i sci voluni dclla Doiirina Scgrcia.
Fanncniianoci lcnc cIc, sia la Socici Tcosofica, conc la Massoncria, conc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

11
l'ordinc dci Fosacrocc, ccc., Ianno cr scoo, non ianio di orgcrc dcllc nozioni
vcllicanii d'occuliisno, quanio di cosiiiuirc lc naglic di una novclla Socici,
uniia da una fraicllanza sana, foric, saggia c conlcia; ranncniianoci cIc
colui il qualc cnira a far aric di uno di iali organisni siriiuali cadc
inncdiaiancnic, c forzaiancnic, soiio lo sguardo cnciranic, crcIc olirc
icni c sazi, dcgli sicssi Macsiri Occulii cIc furono isiruiiori dclla Dlavaisly;
ricordiano, inolirc, cIc l'unica sirada cr raggiungcrc la ncia dcllc ncic c la
CcrarcIia Dianca, o corollario di csisicnzc cIc fornano l'iniclaiaiura nagnciica
c coscicnic, su cui scorrc la nanifcsiazionc fornalc dcllc cosc, dallo sviluo
dcl rcgno nincralc a qucllo dcllc coscicnzc unanc. AncIc sc ad alcuni u
scnlrarc sirana, o iroo concisa, l'infornazionc, vcdrcno conc la Scicnza
Aniica (c ci sar dclincaio nci rossini caiioli} fa snodarc il noio gcrninalc
rccosnico dcl nosiro sisicna solarc, da una scncnza rinordialc, il Logos
SoIare, cbe artIcoIa, In successIvI rIverberI, S medesImo, sIno a IIggere
I'orma deIIa Sua IdeazIone CosmIca neI regno umano, meta deI sIstema.
Vcdrcno conc csisia un iano infallililc ncl nosiro sisicna solarc, c conc ogni
aiio sia csiraiio da un'unica granulazionc cosnica, c quanio il ninino sia
onlra dcl nassino, in una idcniii niralilc di raorii. Ci non si adaiia al
concciio di Dio, conc c inicso nornalncnic; ParalraIanan, l'Assoluio,
l'Illiniiaio non Ia incidcnza con il finiio c si csiinguc in sc sicsso; dcl Tuiio
non si u dirc aliro al di fuori cI'csso c. Ma dcl Logos Solarc, o l'Uno, la rina
ondulazionc ncl narc infiniio dclla ioialii, si u arlarc, ancIc sc
rclaiivancnic.
Ecco, il onic siucndo cIc csisic ira l'invisililc cd il visililc, nclla
nanifcsiazionc dclla viia! Prina di csscrc ialc, la nonadc si "nnctuzzu",
conc dcc uno dc Mucst; o, uncntu nondo ucgctuc, nnc `unnuc, c,
uttuucso succcssuc ondc unctuc, ducnc uono; c, o, suu sto, c, o,
nuncntc, un do. E, guccIc I'InsIeme degII deI dIo, ecco Ia ragIone per
cuI II cIcIo dIscepoIo-maestro un Iatto costItutIvo deIIa natura ed
ImprorogabIIe neI termInI dI questo sIstema soIare. "...uundo dsccoo c
onto, Mucsto uuc..". Ecco u ugonc c cu Mucsto costtuscc unu
utc s onduncntuc ncu utu ntcoc d ogn dsccoo, quuc su cIc non u`c
Isogno d unduc otc, nc tcno c nco suzo, c nncgcs ncu sostunzu
doutu dc suo Mucsto - o scuno succcssuo u cgno ununo -, nu cIc u suu
uzonc quotdunu c un ontc succntc c uggungcc tuc Idcuc Ununo. Ed
Mucsto, u cconduto, c u nussnu utc, du un unutsno cIc o cndc
snuuco, conosto du dctt d cI o csutu, u toto, conc quucosu d
uossstcuncntc cccczonuc, u sc utto oggctto d contnuc ondutc-cnsco
d`ogn odnc d scntncnt, duu cuostu, uu noIosu ucttutu scoutcu,
nu o o, cntu n uoto con cI o Iu uggunto, sucundo c ouc duc dc
Scntco; cd uou, dsccoo concndc cIc suo Mucsto cd Hcuc sono
un`uncu cosu con sc` stcsso. I tungoo ncuugoso cIc s sntctzzu ncu
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

12
uou TUTTO c concto c, duu nsonduIc udcc dcc cosc - Parabrabaman -
un nuovo InIzIato Ia parte dI queIIa coroIIa eterna, cbe I'aspetto
InterIore dI un sIstema soIare: Ia FrateIIanza BIanca.
E nclla scranza cIc ancIc ocIi siudcnii vcngano oriaii dirciiancnic sulla
linca luninosa dclla iu nolilc riccrca; c nclla scranza cIc alncno qualcuno
di cssi, iraniic lo siudio cIc assicnc si far sulla Doiirina Scgrcia, ossa
cnirarc in raorio siriiualc con il rorio Macsiro di Faggio, cIc noi iniziano
il rcscnic Corso di lczioni, ccrii cIc la ncccssaria liniiaiczza di csso, dovuia
allo sforzo di siniciizzarc una sinicsi, a sua volia giganicsca, vcrr accciiaia
con siriio fraicrno di sinaiia.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

13
- L21ON SCONDA -
- La CosmogenesI deIIa DottrIna Segreta -

Uno dci osiulaii fondancniali dclla Vcrii Esoicrica c siaio, da scnrc,
l'idcniificazionc assoluia dcl nicrocosno col nacrocosno. Talc fusionc,
naiuralncnic, Ia canccllaio ogni ninuio franncnio aniroonorfico c fornalc
dallo scccIio dclla viia, faccndo sfunarc i coniorni dci ragionancnii c dcllc
cosc in un lago di ura csscnza cncrgciica, da cui rovicnc l'ondaia dclla
noliclicii univcrsa. La crisiallizzazionc non Ia luogo ad csisicrc ncl aliio
cicrno dclla viia, na c, invccc, l'asciio finiio dcllc cosc. Sc noi vogliano
considcrarc dal giusio unio di visia la crcazionc dolliano, con uno scario
ncnialc innaio, conc fanno i cavalli sclvaiici nclla lrugIicra, cr ioglicrc via
dal collo qualunquc lriglia inosia, sazzarc dallo scccIio dci cicli la
scncnza d'oro dcgli univcrsi, c rcalizzarc, invccc, lo sazio, su cui c con cui
cssi sono siaii discgnaii, quaIe unIca cosa eterna. Lo spazIo soItanto, a
detta dI tuttI coIoro cbe banno toccato II Iondo deI probIema unIversaIe,
esIste, ed Ia PHIMOHDIALE SOSTANZA ENEHGETICA, ETEHNO, IN ETEHNO
MOVIMENTO; uco do dcg occutst, con c suc tc nuncstuzon o csonc.
Lu ucu tctuIs nugcu d Ptugou, u ucu cd uncu cutu .
Un dio clrco, aniroonorfico, cIc avcssc crcaio ci n cu cg stcsso sucIIc
stuto contcnuto, non c contcnuto duu Dottnu Scgctu. Tuc do, conc ogn
cosu dcntu n quutu c n quunttu, uccIIc, nu o o, sudcuto, ncc suc
u ntnc udc, du qucu cggc d nouncnto ussouto, o Soo Pccnnc dcg
ocntu, cIc ugtu Iczzc onduunt su`cncgu noduc, cstucndonc g
ucIct ctcn n cssu contcnut. E unu cggc, codcstu, dc nouncnto nnuto d
tuttc c cosc; nouncnto dnunco c scutucntc du sc ncdcsno, quutu
dc`csscc, c cIc ncssuno Iu utto nusccc, costtucntc un ostuuto sso c
ogn osoo dcgno d tu nonc. Conc, nutt, Hccnu Pctounu HuuutsI dcc, s
otcIIc, c dcc oc dscutcc con cI non c onto, nu soo u suu nututu g
ucIIc ucccttuc c uctu occutc; c no uggunguno cIc c sctcuto uoc
uuc suu nogcnctu dc`uouo, o dcu gunu, tcnuto conto cIc tu duc
ccncnt sono c ucccttc d unu stcssu sostunzu-Iusc, ons ct ogo d ogn cosu.
Quindi, un prIncIpIo unIversaIe dI vIta cbe, neI suo aspetto astratto,
rImane, rImarr, per tuttI e per sempre, eternamente InconoscIbIIe, sui cui
liniii non vcrranno nai conficcaii i alciii dcl confino, sia ur di dcfinizionc;
un rinciio cIc assunc forna di sosianza rinordialc onnicrvadcnic c con
cui ogni cosa vicnc lasnaia, quando ialc rinciio, nosso dall'unica qualii
cIc ossicdc, il novincnio cosnico, il Vcrlo (cIc, conc saiano, c sinonino
di suono - faiiorc nagico, sia in alio cIc in lasso -}, sccndc dallo scalino
dcll'cicrnii innacolaia, c divicnc univcrso, alcsc c iangililc. ParalraIanan c
il rinciio asiraiio; Mularalriii, la corrisondcnic concrciczza cncrgciica, cIc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

14
nc cosiiiuiscc il rovcscio. Duc asciii di un'unica rcali, non scissa da
scncdcsina, na flucnic in un iriangolo sosianzialc, cIc non vuolc fcssurc in
csso, o saccaiurc, quali sono i dualisni ira soggciio cd oggciio, crcaio c
crcaiorc, ccc..
Ci si crdoni un aragonc cIc u scnlrarc cclia, na innaginiano cIc lo
Sazio-Padrc sia un vclo giganicsco, i cui confini si scrdano ncll'inncnsii
dcl cr scnrc ignoio; lc vilrazioni, cIc scaiuriscono, ovunquc, crcano dcllc
icgIc, dci corruscancnii sul icssuio, dci voriici, dcllc lincc. Ecco faiio! Cosi c,
ancIc, cr il nosiro caso. I voriici, lc lincc, lc fornc, con lc dcliic roorzioni,
sono gli unici, alcsi asciii di viia, dal nicrolo, ai gas sucriori. CIi Ia daio,
allora, l'inulso a iuiio ci ? Ncl suo rinordialc volio, ncssuno. Il novincnio
innaio c cocvo con lo sazio, conc diccnno, c cicli, c cicli di quclla cncrgia cIc
a noi aarc conc icno occorscro a irasfornarc i gas scaiuriii dalla roio-
naicria nciafisica, in gloli c naicria infrasicllarc. Nc, d'alirondc, l'arnonia
dcllc cosc rcsuonc un "cns" cIc lc allia disosic cosi, oicIc, conc dicc
uno dci Macsiri dclla Fraicllanza Dianca, ogni csscrc disarnonico cd ogni clcic
rcsuorrcllcro un dio clcic c disarnonico cIc li avcssc crcaii. E, ancora,
non csisic - conc si u iniuirc - un'arnonia, arcIciio di cr scsicssa, na un
fluirc univcrso, cIc Ia cr lasc solo voloni roroncnic di viia.
La naiura dcl ragionancnio liniiaio c corrosionc; ci c cIiaro. L'uono non sa
ancora cIc la viia rovicnc dalla noric (c viccvcrsa} c, conc dicc il DuddIa,
non acna un fiorc nascc, gi conincia a norirc. Qucsio, il valorc nciafisico
dcl icrninc Fosacrocc. L'uono non innagina cIc dcicrninarc i confini di una
cosa significa avcrla gi disiruiia, cr oicr assarc all'cnanazionc naia da ialc
sacrificio.
Qui, il valorc dclla aralola dclla DagIavad Ciia (il Vangclo indu }. " O
succ ug dc; sotunto uttuucso u notc dc cccdcntc, nu ussoutu, s
ussu u susscgucntc!...". Dcnc unu cosu sgncu csscc gu ussut uu
sccondu. Non s uo ntngcc duc uotc dto ncu stcssu ondu. Assonu untco,
nu u scnc nuouo ug occI dc`ucunu scuou csotccu. Dcnc, qund, c
udc dc`unucso ( usto c consdcuto cIc non csstc nuu, nu u stcssu
dcnzonc c un to d cncgu ncssu ncc otoguc ustu - scgcto occuto
dc`ctcntu -), sgncIccIIc stuuc o stcsso unucso du soco cosnco.
Dcnc TUTTO, sgncIccIIc dstuggcc TUTTO, cIc, d c sc stcsso, c
`uncu cosu cIc csstc. E cgIuno cttoc d non consdcuc tuc
ugonuncnto conc ouno d unu dssctuzonc sostcu, nu conc u cuc
ozu cIc du`nnotutu cosccntc u tutt cooo cIc nc Iunno scocto scnso
ccuto.
Sc qualcIcduno, ncnirc voi lcggcic qucsia lczionc, arrivassc a scorirc, cr
ioicsi assurda, l'originc dcl TUTTO, qualc noi alliano considcraio or ora, vi
sarcllc inncdiaiancnic un'cslosionc a caicna di sisicni solari, cIc
scIiodcrcllc i Valori Univcrsali dalla ruoia cicrna su cui oggiano. Ncssuno lo
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

15
Ia faiio; ncancIc i iu grandi Dci dcl nosiro sisicna solarc, conc, scsso,
criciuio nclla Doiirina Scgrcia, nc sanno, a roosiio, iu di un linlo cIc
gioca a allinc, all'angolo dcl coriilc. Lo sicsso Logos Solarc, ncnirc forna un
sisicna, vcdc PuuIuIunun, o Pnco Unucsuc, sotto onu d
MuuuIt, o sostunzu cncgctcu noduc. Lu ucu noItu dc`uono stu nc
cndcs conto cIc, nu, s otu uuuc n ondo uu ccuzonc; ccco, u guunzu
dc`ctcntu dc TUTTO, c dcu ucu Ictu c sucnzu c otcnzu nctuscu! Ecco,
co cIc ucn dctto, tu c gIc, c uo dcc gIc, du Sugg dc`Ununtu, c duu
Futcunzu Huncu.
Lo sazio rinordialc, o il Padrc-Eicrc dcgli aniicIi, c una ara arnonica -
roscguc ncll'affcrnarc la Doiirina Scgrcia - c, csaiiancnic conc, ncllc suc iu
lassc fornc, csso scrvc da alvco allc soiiili forzc, all'clciiricii, al suono, ncllc
iu alic, csso coniicnc iuiio ci cIc csisic in arcIciiico asciio. Sciic, sono lc
ornc di qucsio Proico; sciic, lc cordc di qucsia ara; sciic, lc graduazioni di
qucsio gas rinordialc. Ed c, qui, ncllc rofondc c luic cavii dcl vcnirc
cosnico, cIc il nuncro sciic, nagico clcncnio nciafisico, fa la sua rina
aarizionc. La rina forna di cicrc, l'alfa dclla naiura, gi noi avcnno
occasionc di nosirarla; cssa c la onnicrvadcnic cd incffalilc sosianza rina,
la icira filosofalc dcgli alcIinisii, il vcro, unico oicrc dci Macsiri cd Iniziaii
dclla Fraicllanza Dianca. Di csso, uno dcgli Adcii dicc: "Tuc ozu csstc, c
otcIIc dstuggcc, sno uc suc u oondc utcIc, `unucso... ("I Pn
Inscgnuncnt dc Mucst", uIIcut du Jnuuudusu, Pug, cdzonc Adu -
l924)." E `unco otcc dcu nutuu. Lu ncntc, o sto, `nusIc; c oo
ncgutuo dc`ccttctu dc nond stcu. L`utnu onu dc`ctcc; c `usctto
ostuo, o `oncgu cosnco. Tu duc o ussuno c cnquc nuncnt
guduuzon, o onduuzon, su "cnzuoo unucsuc".
A ial unio, l'inncsio ira il nacrocosno c il nicrocosno, in nanicra icnacc, si
avvincc a sc sicsso, cd inizia a laluginarc alla coscicnza unana il onic cIc
uniscc lc cosc nciafisicIc allc nanifcsic. Il icno c lo sazio sono aarsi;
l'cncrgia auiogcncraia si c irasfornaia, soiio il ringIio dcl caos rinigcnio, in
gas. E gi aarsa l'occulia forza ircncnda cIc l'oricnialc cIiana FoIut. cioc,
l'cffciio, in alio, dclla sinia dcll'assoluio sul rclaiivo (o la voloni cosnica, cIc
acccndc lc sciniillc di viia, ncllc landc cclcsii}; in lasso, la scnlicc voloni
dcll'uono, riflcsso dall'innaio rinciio di viia, laicnic in ogni cosa, cd csscnic
ogni cosa.
Sc la doiirina scgrcia rinuncia a riori all'idca di un dio crsonalizzaio,
caricaiura rcoicnic dcgli isiinii doninaiori dcll'uono, ur scnrc cssa non c
aica, ncl scnso cIc si inicndc darc a qucsia arola. Essa affcrna cIc la divinii
c, cr cosi dirc, diluiia ncllo sazio, c cIc non csisic angolo dcll'univcrso cIc
non osscgga, radialncnic c oicnzialncnic, il suo dio cicrno. La Doiirina
Scgrcia, nclla dolcc c riosanic frcscura dclla vcra vcrii, ioglic un dio-fciiccio
all'uono, na glicnc rcndc infiniii, faccndoglicli riconosccrc al loro osio;
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

16
oicnzialncnic crfciii, rcsi singoli; crfciii, nclla loro ioialii . Difaiii, ur sc
il TUTTO, ParalraIanan, non u vcnirc analizzaio da ncnic unana, Esso si
nanifcsia solianio aiiravcrso gli infiniii asciii di sc ncdcsino, ognuno cicrno,
(lc duntu unctuc. c uncIc u cu ccdono Mucst d Suggczzu, c, con Loo,
scguuc dc ucIo dcu Futcunzu Huncu). I TUTTO c nconoscIc, nu n Esso
csstono nnt unt ncut, cosccnt, cctt quundo s dcntcuno con `unnu
unucsuc, con cu sono un tutt`uno (g ]1vo, o tcnn ss d ctcno consgo);
ognuno dc quu c uuuoto du uno stuto d cstu, n nnotuzzuzonc, u oo
uotu (o proKr111, nutcuc n ctcno cunguncnto).
Cuardiano il ciclo, duranic una noiic calna c lacida. Quanic sicllc fissc!
Quanic galassic! Quanii iancii! Ellcnc, ogni siclla, ogni iancia, ogni
coruscolo di olvcrc inicrsicllarc c uno jiva cicrno, circondaio, aunio, da
qucl cso singolo di naicria, cIc cgli dovr irasccndcrc (o sto, cIc sucu u
nutcu; o, Puruso, cIc suc n gou u ProKr111, seoondo 1'oss1omo
eso1er1oo or1en1o1e), per ooqu1s1ore ooso1enzo de11o suo po1enz1o111
d'1n]1n11o. 1dd1o 1'1ns1eme deg11 de1!
Ma, iorniano a noi. Lo sazio, o cncrgia rinordialc, c divcnuio idrogcno, il
qualc si conlica in ossigcno c nascc, cosi, ancIc l'ozono. Il fuoco-adrc, l'aria-
nadrc, cd il gas vcicolo di aliri. Ecco, ancora, la tetrakIs, il nuncro quaiiro,
cIc, dagli aniicIi, cra considcraio la nagia, cr ccccllcnza; il nuncro
sinlolico, cIc conicncva in sc iuiio il divino, ovc divino significa il oicrc
unano di crcarc. La radicc inconoscililc si c iradoiia in rcali visililc,
nasccndo da sc sicssa, soiio forna di quci gas cIc sono la iriadc ncccssaria a
iuiic lc fornc di viia sicllarc.
Ncssuno di qucsii gas u vcnirc clininaio dallc rovciic di un cIinico, sc cgli
dcsidcra fornarnc dcgli aliri. Diccnno cIc Piiagora considcrava il nuncro
quaiiro, il nuncro divino, cr ccccllcnza. Esso, infaiii, coniicnc il nuncro dicci,
cIc c la sinicsi di iuiii i nuncri. (1 + 2 + 3 + 4 10}; na, il nuncro quaiiro
rarcscnia ancIc la gradualc fornazionc dci nondi visilili, oicIc, in csso,
sono conicnuic ancIc lc quaiiro figurc gconciricIc fornanii la lasc dcllc cosc
iuiic. Dicc, a roosiio, un aliro assiona csoicrico, cIc dio gconcirizza. Ncl
nosiro caso, il Movincnio Dinanico dclla Viia Assoluia, ncl assarc dallo siaio
innanifcsio a qucllo nanifcsio, inrinc un noio circolarc, scnrc iu vclocc,
agli aioni rini dcll'univcrso, fino a quando l'aiiriio di ialc vclocii divcrr cosi
infuocaio - lcninicso duranic c doo crc lungIissinc - da disiruggcrc lc fornc
di ci cIc avcva csiraiio dalla oicnzialii arcIciiica. Ed ccco il unio, o la
rina sosia di viia analizzalilc, fornarc circolo; il iano dcl circolo girarc c
divcnirc solido. Il iancia c naio.
Cas, olvcrc cosnica, concia, nclulosa, univcrso visililc. la sirada cIc il
Proico Univcrsalc, nordcndosi coniinuancnic la coda, conic. A iraiii, lo
sazio congclcr arii di sc sicsso, c sisicni solari si scgncranno, cnirando in
un criodo di oscurancnio cIianaio in lingua oricnialc. Puuu. A tutt,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

17
uncou, o suzo s nuocIcu d utu, c sgogIcu qucu ozu cosncu cIunutu
oIut, o ccttctu unucsuc, u cIunuc n nuncstuzonc (non n utu) sstcn
stcu scnt. E, uunto, du sucgo d uno d qucst, nosto, cIc cndc
nzo `ugoncntuzonc dcu Dottnu Scgctu. Non gu du sucgo dcu Vtu
Unu, cIc c u non nutu, c `nnotuc; cIc c nosto uco o, TUTTO. Duc o
souun - gono c nottc, nco c Iunco, utu c notc - cIc, con u oo dunzu,
ncuno c guuncc d qucsto Pcot duno, cIunuto Muu, o usonc dc
cutuo, uttono, sou c sotto d no.
La coscicnza non nascc, na c aric inirinscca cd innorialc di ogni coruscolo
cosnico, dal iu insignificanic, al iu giganicsco. Essa si svilua c si
svilucr scnrc iu, assuncndo fornc nagnificIc cd aoicoiicIc, na, ncl
suo nocciolo, rinancndo il Crandc Macsiro Insondalilc, cr scnrc. A
coninciarc dal iccolo aliio di un ccrvcllino di rondinclla, cr finirc al
Mstcoso Soc Ccntuc, ucso cu guutu u cutcnu d scttc sstcn sou, d cu
u utc, occutuncntc, nosto Soc; Cosccnzu s gundc, cIc u nuucnu, ou,
Essc suIn nzuno u cccnc c uIuzon, conc c ucnc tununduto du
tcst occut.
Ogni siclla vivcnic c, a dciia dclla Doiirina Scgrcia, l'aliio fisico c norialc di
un dio innorialc cIc lo indossa; na, urc, ogni solc c la dirciiiva nagnciica, il
nord siriiualc di un gruo di iancii (ncl nosiro caso, sciic} cIc iraggono,
ncll'unionc con lui, arnonia viialc. Ed ccco, ancora, il riflcsso dcl grandc, ncl
iccolo; l'idcniii dcl nicrocosno, con il nacrocosno. Uno c `ctcc, c scttc sono
suo gud d ntcnstu . Uno c Logos Souc, c scttc c Suc nuscIcc, o Logo1
P1one1or1. Uno c `uono, c scttc c suc ncu nuncstuzon d ozu occutu,
nc coo ctcco, o ooKros (cIc o uncuno u scttc Logo Punctu).
E guardiano, adcsso, il nosiro Solc; guardiano qucsia giganicsca forna di
viia, di cui un Macsiro dcll'occulio, un Adepto (vedI cItazIonI precedentI)
dIce: "..I soc non c un goIo sodo, qudo, c ncuncIc gussoso, nu unu
gguntcscu scu d cncgc ccttonugnctcIc, scuu dcu utu c dc nouncnto
unucsuc, c cu usuzon uduno n ogn scnso, nutcndo dco stcsso uncnto
`utono u ccoo c gcno u gundc, sno uu nc dc MuIuugu.." Quando i
nosiri aniicIi (forsc noi sicssi, in incarnazioni assaic, cIc ci inicrcssiano,
ora, di conosccnzc csoicricIc}, si incIinavano a iania accccanic nacsi, cssi
sacvano cIc, diciro al disco d'oro, csisicva la Prcscnza Innoninalilc di una
Fcali Surcna, o il dio crsonalc dcl nosiro sisicna. E, conc ParalraIanan
svaniscc, nci liniii dclla Sua infiniiczza, cosi ialc Prcscnza, ncl Suo asciio di
"Prino Logos", si naniicnc cclaio alla crcazionc, rcccdcndo il Logos Manifcsio,
o la dualii di urusIa c ralriii (sc vogliano, lo Siriio dcll'Univcrso. il
"Sccondo Logos"}. Infinc, il "Tcrzo Logos" c l'insicnc dci sciic Logoi Planciari, la
lasc dcllc ocrazioni iniclligcnii dclla Naiura c nclla Naiura, cIianaic ancIc.
MaIa-DuddIi. Dai sciic Logoi Planciari, gli Aricfici Magici di iuiio quanio
csisic in nanifcsiazionc visililc, i Sciic Arcangcli di fronic al irono di Dio,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

18
roccdc la viia c vicnc naniolaia, in vcrii ; dal scno di qucsii Logoi
scaiuriscono ancIc lc nonadi unanc, conc vcdrcno nci rossini caiioli,
sulla "Aniroogcncsi". Ad cssi si rifcriscono gli Adcii, quando arlano dclla
roria Anina-Padrc; c, cioc, dclla Poicnza cIc c a cao dcl Faggio da cui cssi
sorgono, c di fronic alla qualc, duranic lc uliinc iniziazioni, vcngono osii (Il
Padrc nci cicli...}.
La aralola c conclusa. ParalraIanan, di riflcsso, conc un fiorc cIc, con il
rorio rofuno, iocca l'odoraio di un uono, indirciiancnic, cnana lc cosc
cIc coniicnc da scnrc, in sc; ogni univcrso si crisiallizza in qucllc
dcicrninaic fornc, scnrc scgucndo lc lcggi di un dinanisno innancnic in
ogni cosa, o dclla divinii laicnic in ogni aiono c viia; garanzia dclla lilcri
d'ogni csscrc c dclla oicnzialc crfczionc inirinscca al crcaio sicsso, cIc c
UNO. Il TUTTO.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

19
- L21ON TR2A -
- AntropogenesI deIIa DottrIna Segreta -

Il nosiro sisicna solarc c il coro vilranic di una Viia cIc irasccndc la
conrcnsionc unana. il Logos SoIare. Ogni foglia, ogni ulsazionc dcllc nosirc
vcnc, ogni lacio di ncvc noniana, ogni larlunc di iniclligcnzc aninali, ogni
volo lirico di gcnio unano c un nuovo fiorc cIc si sgrana sull'allcro divino, cIc
c la Viia Individualc dcl nosiro sisicna solarc. Possiano dirc cIc l'assoluio, il
qualc, ncl suo sosianzialc asciio, non u vcnir conicnuio in innaginazionc
rclaiiva, o lruccrcllc ogni ccrvcllo, fisico c siriiualc, cIc volcssc rovarvici,
doo un infiniio roccdcrc a icnioni, aiiravcrso il luio cosnico di gas, cicli di
cvoluzionc di un naicrialc lrado, aiiravcrso galassic, gi fornaic, soiio la
sinia dcl novincnio dinanico, s'c coagulaio aiiorno a quci rincii asiraiii
fondancniali, cIc alliano iraiicggiaio nclla scconda lczionc sulla
cosnogcncsi, in forna concrcia c nanifcsia; rincii cIc, faiiisi, ora, carnc, da
vcrlo cIc crano, cosiiiuiscono la CcrarcIia Occulia (Fraicllanza Dianca}, cIc
guida lc cosc iuiic ncl nosiro sisicna, vcrso un iano cIc, lcniancnic, sia
rcndcndo coro, razza doo razza, iancia doo iancia, incarnazionc unana
doo incarnazionc unana, rcgno di naiura doo rcgno di naiura. Possiano,
ancIc, dirc cIc il rcnoiissino assaio cIc rcccdc il nosiro rcscnic siaio di
cosc sconfina ncl ncdcsino nisicro cicrno in cui si iuffa il fuiuro niralilc a
cui icndc il iano lcn noio agli csoicrici. ParalraIanan - o ci cIc c al di l di
sc sicsso - .
Il ciclo, o criodo di icno, dcicrninaio, sccondo rcgolc fissc, da una voloni,
iu o ncno noia, divicnc, quindi, la linca ncccssaria cr la nanifcsiazionc dcl
lago rivo di fondo cIc c la viia cosnica. Ecco crcIc, ad orcccIio di occuliisia,
lc arolc "nnto", "ussouto", "ctcntu ", non Iunno uuoc, sc non c un scnso
conuncncntc ucccttuto d. "cosu nussnu, Icnc sucno, uttno d cctu
ntcguc"; cd ccco, uncIc, u ugonc c cu sutu cIuu u nutu dcu
GcucIu Huncu, ostuuto d ogn odnc souc, u quuc, su tuntc dcttu
uzonc su ussuto stoco c su utuo dc`ctcno cscntc (nc suo usctto d
nutuu cIc stcncu u ou sntu utuc n cgn nusI; nu, uncIc,
nncu, ucgctu, unnu), su tuntc soz utcou u cu sottoonc gcnc
nnotuc, unu uotu cIc csso Iu ussunto onu ununu, nun nuno cIc occdc
nc suo suuo cuoutuo, ccu, uunto, cc occut, su quu uo, `nnto
scnso nuuIc dcu utu, ucqustuc un uoto nctto c ccso cd un usctto d
cIuu cdcstnuzonc. E, uunto, cco, unu nuncstuzonc ncccssuu, c
ogn tuo, nc tcno c nco suzo, dc`nnto. Possuno, qund, dc cIc
sstcnu souc c scnccncntc un cco dc`gnoto TUTTO, du cu dcIIu sccuc
uoo `uquu dc cnsco ununo, c unuzzuc `unucso n cu cssu s tou,
co csuosto cIc tuc unucso nzu (nu, uncIc, tcnnu) ncu suu unnu. E
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

20
un cco ncccssuo, con dcc cgg ntnsccIc, quuc non uo ucn sucuto,
nnunz tcno. L`Adcto - o `uono do dcc tudzon nugco-sou - Mugo
Hunco, Futco Inzuto Iunno tutt cInuto u ontc, nu o o, u`cudcnzu
dc`ussouto nc cutuo, cd Iunno ucccttuto, c dcntuo, utto cIc nosto
sstcnu souc c ccuu d ut tcssut, c qucst tcssut sono usctt d Vtc scnc
u uustc. SccIc no c touuno ud csscc ccosctt n unu Iucu dctcnnutu,
nosto sstcnu souc, cIc non ossuno uttuucsuc, scnzu uuc conoscuto
conctuncntc; uunguc unu nuno c uoc cscuc, ncc ndc, nu oscuc,
ucquc dco suzo cIc s cstcndc otc conn d unu nottc stcutu, unu cuusu
ud csso cnotu sgncu scnccncntc ngcnuu untusu d uono-IunIno. Nc
dcuu, uou, c no cIc, u nostu uotu, c touuno, sctto uu Vtu cIc unnu
nosto sstcnu, nc ncdcsno uoto n cu Essu s touu con c Vtc scnc
u uustc cIc s ucccndono uu suu scoctu guduuc (ccIc, uncIc Logos
Souc uuunzu n cuouzonc), sn u cccI conccntc, nu ncustut `uno
nc`uto, u ncccsstu d nuuc u conosccc ndoo occuto dcu nostu
unnu c cuzzuc cIc n quc unto s uc oc d oto dc`nncsto tu
nucocosno c ncocosno, usIc cd nusIc, ossIc cd nossIc, uono c
do. Nc nusccu un nuso cIc costtuu uco o d Aunnu, nc uInto dcu
utu occutu; quuc, uttuucso o studo uccuuto suu costtuzonc ccutu dcc
cosc nutuu, uttuucso tndo sguudo cIc, u`nzo, otcno uncuc ungo c
uucc goncnc cIc uuuncono uuscco duno dc nosto Logos Souc ud ut u
PotentI PortI, cI porter aIIa sogIIa deII'InIzIazIone. Coc, uu nu d unu
scc d nutuncnt nstcosoc dc nosto tcssuto cgoco, cIc dunno otcc d
sucuc, nun nuno, succcssu usctt dc uco Sc` dcc cosc; quuc, u
cstundo nnututo ncu suu ugnuc c sostunzuc nutuu, tuucc ugg uussn
d scnc nuouc cutu u`occIo unuzzuntc dc suo stcss usctt nc`onIu.
Nclla assaia lczionc affcrnanno cIc l'unico conccililc siraio cicrno dcllc
cosc c, a dciia di ogni Iniziaio c Macsiro ncllc cosc occulic, lo Sazio, il qualc,
uno cd cicrno in naiura, rcscnia tre aspettI e sette quaIIt tonaII
IondamentaII. E cncrgia dallc infiniic fornc, ianio cIc lo sazio (conc c
unanancnic inicso, oicIc, ncl nosiro caso, noi arliano dcll'AlasIa, o
asciio arcIciiico dcl sccondo} cd il icno sono suc crcaiurc soniancc; ianio
cIc la naicria, ncl rorio riino crcuscolarc cd infiniio, nc c un'ondulazionc,
c ianio cIc il Pcso, la Misura c il Nuncro cosiiiuiscono dcllc incrcsaiurc, a
nano a nano divcrsc (vcdi la Tcoria dclla Fclaiivii, di Einsicin}, a scconda dcl
ciclo di ialc cocfficcnic asiraiio cIc dcvono incarnarc. Qucsia uliina
asscrzionc, ad acuio orcccIio di inicndiiorc siriiualc, oircllc svclarc il
significaio rofondancnic occulio dclla rcgola dcl niio di Lucifcro (ncl suo
asciio cosnico, c non daio dai nonaci ncdiocvali}, cIc affcrna quanio. " ..il
Pcso, la Misura cd il Nuncro sono in nano sua...(I scgrcii dcll'alcIinia occulia
dclla crcazionc}."

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

21
Coniinuanno ad indicarc, nclla lczionc rcccdcnic, cIc il novincnio c
l'cicrnii sono il linonio da aggiungcrsi all'cncrgia, sida cosiiiuirc la irinii
(cIc, oi, si riirova in ogni rcligionc nondialc} dcl Nuclco di Viia Prinordialc;
diccnno, ancIc, conc lo Sazio rcciiiassc a vcniaglio, nclla sua isiiniiva
fanc di csisicrc, in sciic lincc o dirczioni (c, qui, assisiiano alla fanosa
"rcciiiazionc angclica", cIc aliro non significa sc non la ncccssaria forza
cicca in aiio, dcl rinciio ininiclligcnic, dciio ParalraIanan, cIc rarcscnia
la Viia, ncl suo asciio assoluio}. Proscguiano, ora, la icrza lczionc affcrnando
cIc ialc "rcciiiazionc" non u csscrc fissaia al suo csaiio unio di inizio,
crcIc c cosianic, univcrsalc cd aiiualc, c non riguarda solo il nosiro sisicna
solarc, od i rinordi di csso. Parlarc di un inizio, quindi, dclla naicria
cosiiiucnic la viia organizzaia dcl nosiro sisicna solarc sarcllc ancora una
volia inuiilc. Affcrna, a qucsio roosiio, uno dci nosiri Isiruiiori Occulii c
Adcii cIc ogni sforzo, in ial scnso, scrvc solo ad irrolusiirc, allcnandola, la
nosira ncnic, cd a nulla aliro. Poircno aggiungcrc cIc la viia dcl nosiro
sisicna solarc non c nai iniziaia, nc finir ; na, ci, non risolvcrcllc la
siiuazionc. Acconicniianoci di rivclarc cIc, doo un criodo cIc farcllc
vacillarc il cnsicro ai iu validi cnsaiori unani, il nuclco di naicria vcrginc,
iraiio dall'insondalilc radicc dcllc cosc, si riirov ad csscrc la concrciizzazionc
di un sisicna solarc, il rcscnic, organizzaia con nciodo ordinaio.
Il solc c l'organisno fisico, dunquc, di un Aliiaiorc Divino cIc, in nancanza di
niglior icrninc, cIianiano Logos, o coscicnza cnuclcaia cd assoluia, c
rarcscnia, nclla sua sovranii dcl rclaiivo, lo Sazio-Uno; na, lo SpazIo
coscIente, ove II prImo AIusIu-PuuIuIunun cu o Suzo Inntcgcntc c
uo d quutu, Pnco (cIc o s uogu scucc n nuuscoo o nnuscoo - non
scntc! - ) cIc gu, sontuncuncntc, cosc, uonn, utu c notc, ugonc cd
uzonutu, cuos c odnc.
Conunquc, rina di roscguirc, occorrc dcicrninarc il faiio cIc noi, qui, non
siiano iraiiando di roccssi viiali cIc inicrcssino luogIi clcvaii o rivilcgiaii di
una nosira ioiciica viia siriiualc o d'ordinc, c cIc non occorrc alzarc il cao,
sia fisico cIc ncnialc, cr ccrcarc, fuori di noi, c sora di noi il Logos Solarc;
Esso si irova a ulsarc, ora, neIIe nostre arterIe, II respIro stesso deI
nostrI poImonI, Ia radIce prIma deI nostro pensIero personaIe; noI sIamo
saturI dI LuI, ccIc suno uno con Lu.
Il Logos c la Viia Individualc c irasccndcnic, di cui l'inicro sisicna solarc, in
glolalc assicnc cd in caillarc aiiivii, c, non gi nanifcsiazionc, na co-
csscnza.
Noi saiano cIc ogni nosiro aiio inguaina qucsi'uliino in una irilicc naiura,
cIc nc c lo scIclciro soiiosianic; una forna, una sosianza viialc cd il raorio
vivcnic ira lc duc. Ecco crcIc - conc in lasso, cosi in alio - il Logos Solarc si
lariccnira ncll'csaiio unio cIc dividc il Suo nulla rinigcnio, dal succcssivo
iuiio, in irc asciii. Voontu Ccutcc, Anoc Conscuutoc, Intcgcnzu Attuu
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

22
(Pudc-Fgo-Sto Sunto; Yung-Yn-Tuo; ccc.). Eg, cos, u cstundo ucutto,
nclla sua rina innanifcsiazionc, si rcndc iangililc alla naiura, c non
all'uono solianio. Da qui, la ncccssii dci sinloli, la sicgazionc sioriologica c
iniinisiica dci quali rcndc addiriiiura uno dci sci voluni dclla Doiirina
Scgrcia. L'occuliisia, doo avcr scisso la sua coscicnza da ogni olvcrc c nioia
crsonalisiica, dci irc unii-lasc ad ogni vivcrc cosnico c naicrialc nc fa una
ncccssii assoluia cd cicrna. Conrcndiano cIc sia difficilc unificarc la
coscicnza alla ncccssarici, il dio con l'uono, arlando di irc aiiini vivi cIc
sono la forna, la sosianza c il raorio ira lc duc; il sc, il non sc cd il loro
raorio cocvo. iriangolo nagico di iuiic lc coscicnzc arcanc, il qualc, ncnirc,
in un rino icno, illinidiscc la ncnic dcll'allicvo-occuliisia, faccndoglicla
fondcrc allc roric cicrnc risorsc, in un sccondo icno gli svcla i scgrcii
nagici dclla crcazionc c dclla lilcri assoluia. Conrcndiano, ancIc, conc
ossa scnlrarc difficilc siaccarc Iddio dal suo ciclo c sninuzzarlo,
idcniificandovclo, in ogni franncnio di osiiivo c di ncgaiivo ncll'csscrc c far
conrcndcrc cIc la Sullinc Viia cIc csisic ovunquc, ncl nosiro sisicna
solarc, c di cui ogni forna c la roria forna, allia lisogno di scindcrsi in irc
asciii, ncl grandc c ncl iccolo, scnza crdcrc la sua unii fondancnialc, cr
affcrrarsi alla roria naiura. Ma non sia a noi, cr il noncnio, individuarc lc
ragioni cIc dcicrninano ialc soiiilissina sinliosi arcana, quanio orgcrc i
osiulaii fondancniali di una doiirina occulia, lasciando allo siudcnic la cura
di inirarcndcrnc lo siudio crsonalc. E inicrcssanic, conunquc, noiarc,
innanziiuiio, cIc la vcra nagia cd il oicrc divino - u nuncstuzonc cnu dc
quu, nc`uono, nc u u sntcs d ogn cuouzonc utstcu, uc, nouc d tuttc
c suc cccdcnt cncunuzon - si lasano sull'avcr ricalcaio, il nago, la
roria anina, in iali ornc cosnicIc c in iali rincii assoluii cd auiogcncraii.
Conc il Logos crca il suo sisicna solarc - a rcscindcrc da alirc csisicnii
ragioni cosnicIc - solidificandosi sull'uno ed 1 1re dcllo Sazio
aralraIananico, c scgucndo lc sciic ulsazioni alasIicIc, lc quali frcnano il
ruggiio rinordialc dcl Sacro Lconc, vincolandolo in sciic unii naicriali c fissi
di cicrno consiglio (i Sciic Logoi Sacri, individualizzaii nci Piancii Vivi dcl
nosiro sisicna}, cosi l'uono, in scguiio, cnirando in raorio con il rorio
Angclo Solarc, o Sc Sucriorc, iraniic il doninio dci suoi Angcli Lunari, o i irc
cori di nanifcsiazionc nclla forna sazialc c icnoralc (coro cicrico-dcnso,
coro cnoiivo c coro ncnialc}, acccndc i sciic fuocIi, o sciic cIalras
(ronuncia. ciacras} cicrici dcl coro nagnciico, da ognuno di noi osscduio, c
d inizio alla viia aiiiva dcl disccolo.
La Doiirina Scgrcia acccnna al faiio (considcrcvolncnic sviluaio, alirovc, da
aliri cci di inscgnancnio csoicrico, cIc lo siudcnic non nancIcr di irovarc,
sc dcsidcroso sufficicnicncnic di farlo} cIc il nosiro sisicna solarc inizia la sua
gcrninazionc viialc, doo un criodo di viia inicrncdia cIc lo riallacciava ad
una sua rcccdcnic nanifcsiazionc consinilc. Ogni crcaiura vivcnic in scno
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

23
alla naiura inirinscca cd csirinscca di qucsia nosira Siclla Madrc c siaia da
Essa oriaia, qui, conc fruiio dcllo sforzo cIc fccc in una rcccdcnic
Incarnazionc Cosnica; rcccdcnic c rina assoluia. La sicssa naicria lrada,
suorio di ogni forna, cIc cvolvc coniinuancnic, c iinia di una sua
iniclligcnic vilrazionc, scaiuriia dal doloroso ario dcl assaio sisicna solarc.
Ed il Logos Planciario, scindcndosi dalla Viia Ccniralc cIc anina i Sciic, di cui
Egli c Uno, inizi, duc niliardi di anni fa, circa, la Sua faiica di Divino Aiiorc,
la qualc icrnincr cniro il criodo glolalc di 331.040.000.000.000 di anni -
sccondo una siaiisiica fondancnialc, nci iraiiaii csoicrici dclla CcrarcIia
Dianca (c cIc noi rioricrcno ncl corso dclla nosira iraiiazionc, in ogni
soiioariicolarc di cicli a noi conosciuii; cicli conccrncnii gli svilui di viia dci
Sciic Piancii, cIc gli crano noii, c soiiocicli di ogni razza nadrc, d'ogni nondo
di naiura, d'ogni incarnazionc unana}. Il Logos Solarc, nciicndo in ocra il
suo irilicc oicrc, i irc Logoi di ncccssii, vincol i nodi dcllc suc Sciic Draccia
all'aiiuazionc di Sciic Piani Cosnici; Egli si crocifissc alla naicria, crcIc la
sicssa naicria, la sicssa Sua crocc, grazic al rorio sacrificio, inicso conc aiio
sacro, aiio di ura gioia c anorc iniclligcnic, rcndcssc viia c ragionc di
csisicnza. Vcnnc alla lucc il sisicna c, in uno scalarc di oicri - o, sc vogliano,
in un aiicnuarsi dcl rinordialc - inizi la Divina Avvcniura, cIc siiano
vivcndo, conc ccllulc di ianio coro, radioso d'una Sua viia roria. il sisicna
solarc

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

24
- L21ON QUARTA -
II nostro sIstema soIare e Ia sua et occuIta
I pIanI sottIII deII'esIstenza
Le ronde e Ie catene
I regnI deIIa natura e Ia Ioro evoIuzIone
CaIendarIo esoterIco deI cIcII soIarI

La scric rcccdcnic di lczioni Ia dclincaio - sccondo i dciiani dcllc aniicIc
lcggi csoicricIc - i raorii csisicnii ira il ParalraIanan vcdaniino, o l'assoluio
Sazio in cui si auiogcncra il nosiro sisicna solarc, c qucsi'uliino; c, di fasc in
fasc, c giunia al raorio csisicnic ira il sisicna solarc cd il iancia icrra, ovc
si svolgc l'cvoluzionc aiiualc. Ed c a qucsio unio cIc cogliano l'occasionc di
acccniuarc la sfunaiura csisicnic ncll'argoncnio occulio, affcrnando cIc gli
Isiruiiori di scicnzc arcanc, da scnrc, Ianno rorio voluio, ogni volia,
oriarc il disccolo a fissarc lo sguardo sullc lcggi cIc ci riguardano,
sirciiancnic, dal unio di visia lanciario, cd ivi rcsiarc. Salvo la sulconscia
ccriczza cIc ogni cosa c uniia al TUTTO, quanio il rinancnic, cr grandc o
iccola alla ncnic unana cssa ossa scnlrarc, salvo la ccriczza cIc il nosiro
Logos Planciario - o la Viia cIc inforna ogni asciio dclla icrra - c la
coniinuazionc dirciia di una Viia ancor iu ania, o il Logos Solarc, in cui c
circoscriiio c da cui c alincniaio, il disccolo, cr varic ragioni, alcunc dcllc
quali sono annaniaic dal scgrcio iniziaiico, rcsia collcgaio in culiura, ragionc
cd azionc all'anio Sc di cui fa iu gclosancnic aric. l'Anina dcl nosiro
Piancia. E, ci, alliano voluio soiiolincarc, ancIc cr dcllc ragioni cIc
risulicranno iu cvidcnii in scguiio.
Il nosiro sisicna solarc fa aric di un ciclo cvoluiivo di sciic sisicni solari,
allincaii ad una Siclla Ccniralc, di si grandc c sullinc naiura, da csscrc
cauiancnic ncnzionaia, nci Traiiaii Occulii, ai rofani, rorio conc la nosira
icrra, allincaia ad Hclios, fa aric dcl ciclo dci suoi sciic iancii. Quindi, il
nosiro sisicna solarc c, al icno ncdcsino, iancia c solc, csscrc c non
csscrc. In csso, una dcllc iu inorianii lcggi c quclla dclla cocsisicnza, in un
ncdcsino iano anoranico nciafisico, di vari rcgni di viia; ancIc qui, il
nagico nuncro sciic c il roiagonisia. Sciic, sono i iani di coscicnza dcl
nosiro Logos Planciario, c, da sciic dirczioni, giungono i rivoli di forza ad
incasularc, nclla forna aiiualc, il nosiro cicrno rcscnic.
Sc noi, in un ncdcsino localc, alliano sciic lonlolc di gas, ognuno di cssi a
dcnsii diffcrcnic, ianio cIc l'uno - in ordinc - vcnga ad csscrc iu lcggcro dcl
susscgucnic c iu csanic dcl rcccdcnic, c sc ariano lc sciic lonlolc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

25
conicnorancancnic, doo un rino isianic di aarcnic confusionc, si sar
dclincaia la scgucnic siiuazionc. il gas iu lcggcro di iuiii avr ricniio l'inicra
cancra c conicrr in sc i rinancnii sci, scnza csscrnc conicnuio; il suo
conicnuio icndcr ad arirc iu lc ali, ncnirc, nan nano, gli aliri sci si
cnuclccranno al ccniro; qucllo cIc c cnuliino, in grado di dcnsii, sar
inicrcnciraio dall'uliino, na, conicrr gli aliri cinquc, scnza csscrc conicnuio
da cssi. E cosi via. Tanio cIc, ncllo sicsso sazio, ad occIio non consacvolc,
aarir una ncdcsina nassa gassosa, indisiinia. Ma, in vcrii, vc nc saranno
sciic, lc quali, ur occuando sciic sfcrc disiinic di csicnsionc, sfruiicranno,
conicnorancancnic, ogni lriciola di volunc dclla cancra. Il aragonc, ur sc
non coincidc con divcrsc angolaiurc dclla rcali cIc siiano analizzando, d,
conunquc, una soddisfaccnic cIiariia sulla naiura dcgli organisni occulii dcl
nosiro glolo. Difaiii, ognuno dci iancii fisici, faccnii aric dcl nosiro sisicna
solarc, Ia sci conagni invisilili - si inicndc all'uono di ncdio sviluo - cIc
incorora c da cui c incororaio. Ogni glolo condiziona l'aliro, rorio conc
ogni coro inicrno dcll'uono condiziona i rinancnii; na, uno solo di cssi c, alla
volia, aiiivo in nanifcsiazionc, ncnirc gli aliri nc cosiiiuiscono una ulsazionc
ninorc, sinili al fuoco soiio la ccncrc. Ed c nc suddctto scIcnu-Iusc cIc s
suogc 'cuouzonc utuc, ungo suo concsso cd ntcuto uco; uco,
conunquc, cIc uo ucn usto n contoucc, n unu usonc d scncc uduno d
cgg-nc ctcn. Pc un uucco cd un oscguo du cccdcntc cco d'uto
sstcnu souc, 'cuouzonc cndc u nusccc su nosto unctu, cccduto du
ucun unct c scguto du ut, con uno scuto cutuuncntc nnno c
ozutuncntc tuc; csso nuscc, Vcncc du nuc, sogcndo du Gundc Mctusco
Hudcuc, c s nquudu nc tcno c nco suzo, n onu cIc, nun nuno, ducnc
concctu c tungIc, nc cgno dc usIc. ucuzonc ogcssuu, ungo c ctu .
Innaginianoci, quindi, la rina aarizionc, ncl scno dcl sisicna, dcl nosiro
iancia; gli aliri, lascianoli, un , far da sfondo. In arcIciiico asciio, i sciic
gloli sianno li, na invisilili; ancIc qucllo cIc un donani, nolio loniano, sar
il fisico. Ci iroviano ncl ncdcsino isianic in cui, qualcuno, nclla cancra, Ia
acna acrio i loccIciioni dcllc lonlolc a gas; i gas, ur icndcnzialncnic
allincaii alla loro inrcscindililc naiura, o idca arcIciiica cd cicrna, da
scnrc c cr scnrc crfciia, ora sianno ccrcandola, cr adaiiarvici. Cosi, i
gloli, c la viia in cssi, sianno giocando la aric dclla nanifcsiazionc
nanvaniarica, cIianaia dcl caos rinigcnio, in cui i nondi vcngono arioriii,
soniancancnic, dal ncnialc cosnico. Ciovc arioriscc Mincrva dal ccrvcllo.
Un rino allozzo csisic, di ordinc; difaiii, ur in qucllc lonianc rcgioni
icnorali, l'infanic-Tcrra non occucr nai la rcgionc idcalc di Nciiuno, o di
Maric. Ma, il sisicna solarc, ncl suo conlcsso, c oco iu cIc una sfcra di
fuoco nciafisico, c, ncl conicno, ncnirc l'ossaiura, sia ur ianio licvc, di
cnsicro iu cIc di sosianza, vicnc faiia al cano di viia dcl nosiro iancia,
sciic rcgni di naiura, consccuiivi l'uno all'aliro, c conicnoranci nclla sfcrc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

26
nciafisicIc, cnirano in "colaia" rorio allora, c ricniono l'inicro ciclo
cvoluiivo, sino alla finc, dcllo sicsso iancia. Essi sono i irc fanosi "rcgni
clcncniali", ianio faniliari agli alcIinisii dcl assaio cd agli occuliisii di oggi.
Cosi vasii c viialncnic inicrcssaii all'inircccio di ogni nosira iu organica cd
aninica funzionc, cIc non lasicrcllc un volunc a dcscrivcrli. Dasii dirc cIc in
cssi c conicnuio l'Arcangclo, o Dcva nacsioso, na non individualizzaio, c lo
gnono dcllc lcggcndc scozzcsi; il nondo di rcscnzc nisicriosc, cIc ricnic la
noiic di sussurrii di un ariicolar iio, c la siccaia - ci sia lcciio il lisiiccio -
liologia dcll'anina, cIc non ossiano dcscrivcrc in ianio oco sazio a
disosizionc. Cli aliri quaiiro rcgni, la scicnza nodcrna li conoscc. Mcnirc i
rini irc sono invisilili, c nanifcsiano solo gli cffciii ncl nondo fisico, qucsii
volgono lc cncrgic dal solido al nagnciico; cssi sono. il rcgno nincralc, il
vcgcialc, l'aninalc c l'unano. Dci rcgni sucrunani, ci si occua
dall'iniziazionc in oi. ScIiavi dcll'cvoluzionc, ricalcano, i rini sciic, dci linari
di lcggi ciclicIc, cIianaic, dalla Doiirina Scgrcia, dcllc FONDE c dcllc
CATENE. Pcr cui, a iac ordinaic, cssi occuano glolo doo glolo di un unico
iancia, faccndo sicIc, dci sciic, uno solo sia aiiivo, c gli aliri sci in silcnic
aiicsa roduiiiva, duranic ogni ciclo. La sciiulicc ondaia dci rcgni viiali va ad
aliiarc il glolo A, sc cIianiano i rinancnii sci. D, C, D (il glolo fisico}, E, F, C;
vi rcsia cr un criodo, dciio criodo di glolo, il icno ncccssario cr lo
svolgincnio di un dcicrninaio iano, scnrc il ncdcsino a ricicrsi, in cui,
cr qucl cIc riguarda l'unanii, nascono sciic razzc disiinic, una figlia dclla
rcccdcnic c nadrc dclla susscgucnic. Poi, assa al glolo D, vi rcsia cr un
aliro lungIissino criodo; oi, al glolo C, al glolo D, al glolo E, al glolo F, cd
infinc, al glolo C, l'uliino, ovc Ia icrninc la ronda, o sciic criodi di glolo. Vi
c, da qui, una lunga aiicsa, o rioso, cIc scara una ronda dall'alira. Ed il giro
riconincia.

RIbadIamo II concetto: csstono scttc Punct Suc. Ognuno d Ess c goIo
usIc c nutcuc d ut sc goI nusI c nnutcu, cIc cocsstono con u;
no, ou, dcncundo u stuttuu cuoutuu dcc Hondc c Cutcnc, c occuuno d
un sngoo unctu, con u sngou cutcnu dc suo ut sc goI nusI, cIc
cIununo H, C, D ( sco), E, F, G.

Si inicndc cIc, all'inizio, lc ondc di viia non sono affaiio dclincaic cosi
vividancnic, conc lc conosciano ora c ci aaiono, aiiorno, nclla cruda rcali
dclla nosira csisicnza sul glolo D, il solido fra iuiii i sciic cIc conongono
l'organisno dcl nosiro Dio Planciario, l'Anina dclla icrra. Essc sono oco iu
cIc dcllc lincc nagnciicIc, c Voloni ancora Sucriori, dci rcgni iniziaii alla
crcazionc divina, icngono saldaii, inicrnancnic, c scaraii ira loro, i sciic rcgni
ncnzionaii, ncnirc qucsii aliiano lc sfcrc sucriori di viia, dciic dcl glolo A,
D, C, sino a quando la scconda ronda c finiia.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

27
Un nuovo lungo criodo di inicrvallo, cd inizia la icrza ronda.
Scttc ondc onuno unu cutcnu, uugonuIc u unu ncunuzonc conctu dc
nosto Logos Punctuo. E, ncntc nutcuc cIc g cu scuto duuntc ogn
ondu cu conscuuto c u succcssuu, ou u'c un codo d dsgcguzonc
conctu dcg ccncnt, suuo u du c nusscc c, doo un unco u ungo
codo d uuu (o, sonno cosnco), unu nuouu cutcnu, con c suc scttc ondc,
suo 49 cod d goIo, c suc J4J uzzc nud. Cosu Iu guudugnuto du tutto co
Logos Punctuo Tu 'uto cIc, ud ogn noucu cutcnu, ogn cgno Iu
conqustuto u oszonc dc cgno succcssuo c quco ununo, nuccc, unu
nzuzonc cIc o nncttc, u oonduncntc, nc duno. Pc cu, no cgno
ccncntuc suu ducnuto sccondo; cgno nncuc, ucgctuc; tczo cgno
ccncntuc, nncuc, c quco unnuc, ununo. Lu Lunu c, ud cscno, coo
sco (nctc c uo d utu) cIc nosto Logos Punctuo, Do dcu nostu tcu,
o u sonnu d tuttc c cosccnzc, untc n un'uncu scu d'uzonc nduduuc,
uucuu duuntc u cutcnu, o ncunuzonc cccdcntc. Essu guutcu uncou,
uttono uu tcu, c noto, conc u tcu c dcstnutu ud csscc u unu dc
ossno coo cIc ndosscu nosto Logos, quundo c uuu otut con Sc, ncu
utuu cutcnu.
QualcIc daio cIc u inicrcssarc lo siudcnic, c il scgucnic. c touuno uu
quutu cutcnu, o ncunuzonc unctuu, quutu ondu, quntu uzzu nudc (doo
duc uzzc ntungI; unu, u Lemur1ono, scnsodu u'nzo, scu uu nc; cd
un'utu dc tutto sodu, 'A11on11deo), quntu sottouzzu, quuto codo d goIo.
Lo scccIio su infornazioni dciiagliaic riguardanii l'ci occulia dcl nosiro
glolo, lo siudcnic oir csaninarlo iu avanii, ncl corso dcllc lczioni. Si
inicndc cIc ccric infornazioni dclla Doiirina Scgrcia sono corroloraic da
dccinc c dccinc di aginc, cIc allincano argoncnii c rovc dcduiiivc, agli
argoncnii c ai daii inconlcii dclla scicnza nodcrna. Qucsi'uliina, salvo dci
nciodi cr analizzarc l'aniicIii dcl "icssuio" siraiificaio dclla icrra (il risuliaio
dci quali l'occuliisno, cr dcllc ragioni ariicolari, ricscc ad anliarc}; salvo il
lciio (oco conodo c icno di sassi c di ignoranza} in cui adagia l'aiiualc
unanii siorica, faccndonc oggiarc i icdi ncl criodo glacialc, cIc c scguiio
da un criodo rcisiorico, ncoliiico c alcoliiico, cd iniziarc la icsia-caczzalc in
un aliro criodo cgizio, coninciaio 6.500 anni fa circa, si scrdc in oscillazioni
di crc, cIc fa andarc da 10.000 anni, a 100.000, a qualcIc nilionc, a irc
niliardi c nczzo.
Conc vcdrcno, ira la razza Ailaniidca c l'aiiualc razza Ariana c assaio un
nilionc di anni circa.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

28
1NTGRA21ON ALLA L21ON QUARTA

Inscriano, a qucsio unio, un saggio, solo allozzaio, nanoscriiio crsonalc di
Hclcna Pcirowna Dlavaisly, cIc csisic ncgli arcIivi di Adyar (Scdc nondialc
dclla Socici Tcosofica}. Qualcuna dcllc aginc c nancanic, c qualcuna dcllc
nassinc c inconlcia. Non vi c iraccia rccisa cIc oircllc aiuiarc a
dcicrninarc la daia in cui fu scriiio, ad cccczionc dcl faiio d'una noia, iu
avanii, cIc ricorda la scsia c la sciiina cdizionc dcll'Isidc Svclaia. Qucsio
nanoscriiio coniicnc rclazioni c daii non ncnzionaii da H. P. D. in ncssun
aliro dci suoi scriiii. Coniicnc dcllc cIiavi inorianii, cIc qualcIc siudioso
oircllc alicarc a vari rollcni cosnologici, cIc sorgono ncllo siudio
individualc. Il unio dcgno di noia, in raorio a qucsio nanoscriiio, c cIc
csso c scriiio in duc divcrsi caraiicri, un dci quali c iu largo c arroiondaio di
qucllo soliio di H. P. D..
(Voluiancnic, Il Ccniro Siudi Kriya lascia innuiaia la iraduzionc lciicralc, c,
forsc, oco forliia, cr risciiarnc la vciusia ci}

CiaccIc il criodo ioialc dcll'csisicnza dclla nosira Caicna Planciaria (con lc
sciic Fondc} c 4.320.000.000 - c noi siano ora nclla quaria Fonda; c giaccIc
alliano fino al rcscnic criodo Tcrrcsirc 1.955.884.685 (icncndo conio cIc
siano vcrso la finc dcl sccolo XIX in cui scrivcva H. P. D.|noia dcll'auiorc|} anni
dall'inizio dcll'Evoluzionc Cosnica dcl iancia A; crianio in linca di icno
raggiungcrcno il unio di nczzo, o giusio irc rondc c nczzo, fra 204.115.315
anni, cr quanio in linca di sazio lo alliano viriualncnic raggiunio, csscndo
sul iancia D c nclla nosira quinia razza.
CiaccIc si dicc cIc un Ciorno di DraIna (rarcscnianic o corcnic la ioialii
dcllc Sciic Fondc} - corrisondc a 14 Manvaniara c un Saiya Yuga; o
4.320.000.000. na sicconc il Kali Yuga corc solianio quaiiro Yuga, ncnirc vc
nc sono sciic - c crianio la sonna giusia .......(il nanoscriiio, qui,
s'inicrronc}.

Lc ocrc asirologicIc sialiliscono cIc. "Il nuncro di anni irascorsi dall'inizio di
Manvaniara Vaivasvaia c di 18.618.725 anni".
La Doiirina Scgrcia ci dicc cIc. il nuncro di anni irascorsi da quando il DIyan
CIoIan, conosciuio in India conc Vaivasvaia Manu, inaugur il Manvaniara
Unano ncl nosiro iancia D, nclla Fonda rcscnic - c ugualc a 18.618.725
anni.
A scoo conaraiivo, c cr rcndcrc, ncllo sicsso icno, qualcuna dcllc
csrcssioni Sanscriic iu cIiarc, ciicrcno ora dall'Isidc Svclaia ci cIc vi c
dciio dci KaIpa Ind .
"I VriIasaiis, o i criodi cIianaii Yuga, c Kala, sono rollcni viiali da
risolvcrc. Il Saiya Yuga cd i cicli DuddIi di cronologia rcndcrcllc csicrcfaiio un
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

29
naicnaiico di fronic alla scric di cifrc. Il MaIa-Kala allraccia un nuncro
indicililc di criodi, olirc .......(c cvidcnic cIc a qucsio unio nanca una
agina o iu . La scnicnza dcll'Isidc Svclaia, vol. I, ag. 31, 32 icrnina con lc
arolc. ....." all'indiciro ncllc orc aniidiluvianc..." E inicrcssanic noiarc cIc H.
P. D. alicr "Duddisiico in DuddIi"}.

Lc ocrc coicricIc DraIninicIc danno 4.320.000.000, conc duraia di una
Crandc Kala, o giorno di DraIna. Qucsio conrcndc iuiic lc sciic Fondc
dclla nosira Caicna Planciaria, valc a dirc il criodo dcll'csisicnza unana, sui
divcrsi iancii ncllc divcrsc Fondc, assicnc con ci cIc vicn cIianaio
"Oscurazionc", o il criodo di rioso cr l'unanii fra duc iancii, ncl suo
assaggio dall'uno all'aliro, doo cIc lc suc sciic Fazzc Ianno cvoluio su qucl
iancia. Conrcndc ancIc il criodo di SandIi (crcuscolo}, cIc c ugualc ad
un Saiya Yuga. Sc rcndiano una cifra suddciia, conc lasc, sccondo una
ccria scric naicnaiica, sicgaia iu iardi, oiicniano i risuliaii scgucnii.

Prina Fonda 154.285.714 anni
Scconda Fonda 308.571.428 "
Tcrza Fonda 462.857.142 "
Quaria Fonda 617.142.856 "
Quinia Fonda 771.428.570 "
Scsia Fonda 925.714.284 "
Sciiina Fonda 1.079.999.998 "
4.319.999.992 anni

(c ouuo cIc, uo scoo d ottcncc cc tondc, uIIuno oncsso c uzon nc
nosto contcggo. Cos, su'ntco "Gono d HuInu", uIIuno tuuscuto un
codo d otto unn. DoucIIc uncIc notus cIc cuscun codo d "Hondc" ncu
tuuou cccdcntc sgncu, tunto codo d Attutu Punctuu, quunto cd
nscnc codo d Hoso ntcunctuo).

Alliano cosi 617.142.856 anni, conc criodo dclla nosira Quaria Fonda. E,
sicconc la "Noiic di DraIna" o criodo di Fioso, c scnrc ugualc al "Ciorno
di DraIna" o criodo di aiiivii su ciascun iancia, - il criodo di aiiivii di
qucsia Quaria Fonda c di 308.571.428 anni. Esso ccccdc cosi il criodo di
duraia, daio cr il nosiro Manvaniara (308.448.000 anni} nci calcoli
DraIninici, solianio di 123.428 anni; c qucsio sconarircllc sc, faccndo il
calcolo, avcssino dcdoiio da csso l'ccccdcnza dcl criodo dcl Kala, cIc c
cquivalcnic ad un Saiya Yuga c cIc i DraInini, cr ragionc di scgrcio
csoicrico, Ianno aggiunio al "Ciorno di DraIna"..... La sicssa rogrcssionc
ariinciica, conc sora, c sicgaia iu in la. La scgucnic c la duraia
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

30
dcll'unanii su ciascun iancia nclla nosira Quaria Fonda, duranic il criodo
dclla sua aiiivii .
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

31

Piancia A 11.020.408 anni
Piancia D 22.040.816 "
Piancia C 33.061.224 "
Piancia D 44.081.632 "
Piancia E 55.102.040 "
Piancia F 66.122.448 "
Piancia C 77.142.856 "
308.571.414 anni

(c uucc cc tondc, uncIc qu uIIuno tuuscuto dcc uzon c c'c unu
ccou dccnzu. ucstu cu uddoutu duu 2S unn n ncno dc codo
dcu uutu Hondu u sou ctutu. u, nc codo d uttutu, uIIuno unu
dccnzu d so l4 unn).
Ora, si vcdc cIc 44.081.632 anni sono il Pcriodo dcll'Aiiivii Unana dcl nosiro
Piancia, in qucsia Fonda. Alicando, a qucsio criodo, la sicssa roorzionc
sora indicaia, sicgaia iu in l, oiicniano i scgucnii risuliaii. duraia di
ciascuna Fazza nclla nosira Fonda sul nosiro iancia.

Prina Fazza 1.574.344 anni
Scconda Fazza 3.148.688 "
Tcrza Fazza 4.723.032 "
Quaria Fazza 6.297.376 "
Quinia Fazza 7.871.720 "
Scsia Fazza 9.446.064 "
Sciiina Fazza 11.020.408 "
44.081.632 anni

Lo siudcnic osscrvcr cIc, ncl calcolo sora rioriaio, alliano daia la cIiavc
alla conrcnsionc di qucsii divcrsi criodi. Finora, lc ocrc coicricIc danno
solianio il criodo dcl Ciorno di DraIna, scnza darc, ncgli aliri criodi cIc
oircllcro aiuiarc a scorirc il scgrcio, o dando quclla cIiavc sicssa cIc
oircllc darc i risuliaii nosiraii iu sora. Ma sc alliano il criodo dcl
Ciorno di DraIna, c sc saiano cIc vi sono sciic Fondc, cIc ciascuna Fonda
corc sciic iancii, cIc su ciascun iancia vi sono sciic razzc, c cIc il criodo
di rioso di un iancia in ogni ronda c ugualc a qucllo dclla sua aiiivii, c sc a
iuiia qucsia conosccnza alicIiano la cIiavc dclla rogrcssionc ariinciica
sciicnaria, oiicniano allora i nuncri daii iu sora. Vi c auncnio gradualc da
uno a sciic.
La duraia dcll'csisicnza dcll'unanii, duranic lc sciic Fondc, c 1. 2. 3. 4. 5. 6.
7.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

32
In ciascuna Fonda, la duraia dcll'csisicnza dcll'unanii, sui sciic iancii dclla
nosira Caicna, c 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.
Il criodo dcll'csisicnza unana ncllc sciic Fazzc, su di un iancia, c ancora 1.
2. 3. 4. 5. 6. 7.
Ora, sicconc il iancia cvolvc Fazzc in succcssionc, rina cIc l'unii ossa
assarc avanii al rossino iancia, l'inicrvallo fra la sarizionc dcll'unanii da
un iancia c la sua aarizionc sul rossino, c ugualc alla sua csisicnza sul
iancia cIc Ia acna lasciaio.
Prcndcic quindi, 4.320 000 conc Ciorno di DraIna, c faic il calcolo sccondo la
sicgazionc su ciiaia c giungcrcic ai risuliaii sora rioriaii. E dcgno di noia
cIc ncllc ocrc coicricIc Indu il criodo dcl Manvaniara (una Fonda} c daio
conc 308 nilioni, cr arlarc in cifrc iondc. Ora, duc ragioni ossono csscrc
addoiic cr l'adozionc di qucsia rcgola. In rino luogo, la duraia dclla Quaria
Fonda, sccondo il calcolo suddciio, c di nuovo di 617 nilioni, in cifra ionda.
Ora, alliano gi indicaio cIc il criodo di aiiivii dclla caicna lanciaria in
una Fonda c ugualc al suo criodo di rioso duranic la sicssa Fonda, ncnirc
l'unanii riosa ncl suo assaggio da un iancia all'aliro. Dividiano cosi il
criodo dclla Quaria Fonda in duc arii uguali cd avrcno 308 nilioni c rcsio
conc criodo Manvaniarico dclla nosira Fonda. Cosi, il criodo dclla nosira
Fonda u csscrc siaio rcso, a iuiia rina, conc il criodo Manvaniarico. La
scconda ragionc u csscrc qucsia. csscndo il nosiro Piancia csaiiancnic al
criodo ncdio cd csscndo noi ncl nczzo dcllc sciic Fondc, il criodo dclla
nosira Fonda u csscrc siaio rcso a dcnoiarc il criodo Manvaniarico ncdio,
dando cosi ncllo sicsso icno una cIiavc in forna vclaia al nisicro dclla
rogrcssionc gconcirica.
Alliano gi dicIiaraio cIc lc cifrc su indicaic sono csaiic, sc i calcoli dci
DraInini circa il Ciorno di DraIna sono corrciii. Ma dolliano dicIiararc,
ancora, cIc qucsia cifra non c daia corrciiancnic in nuncri coicrici.
Possiano crianio aggiungcrc cIc lc sicgazioni da noi daic, circa la
rogrcssionc, ccc., sono faiii, c ossono csscrc fcdclncnic uiilizzaic quando
ciascuna dcllc cifrc sora dcscriiic saranno corrciiancnic conosciuic -
calcolando iuiio il rcsio dcllc cifrc.
Ed alliano sicgaio iuiii qucsii roccssi crcIc saiano cIc ncssuno dci
nuncri csaiii sar nai conunicaio, sicconc cssi aaricngono ai Misicri dcllc
Iniziazioni cd ai Scgrcii dcll'influcnza occulia dci Nuncri.
H. P. Dlavaisly
(Sccondo la "Doiirina Scgrcia"}
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

33
NOTA AGG1UNTA

Un Ciorno di DraIna 4.320.000.000 di anni
Una Noiic di DraIna 4.320.000.000 di anni
Una Noiic c un Ciorno di DraIna 8.640.000.000 di anni
Un anno di DraIna 3.110.400.000.000 (irc lilioni ccniodicci niliardi c
quaiiroccnio nilioni} di anni.
Cioc un Ciorno c una Noiic di DraIna, noliilicaii cr 360.
100 Anni di DraIna 311.040.000.000.000 (ircccnioundici lilioni c quarania
niliardi} di anni.
Cioc, un Anno di DraIna noliilicaio cr ccnio. Qucsia, c la cifra iu alia cIc
il Calcndario Tanil d sullc ci occulic sul nosiro Logos Planciario.
___________________________________________________________________________
Ncl "Traiiaio dcl Fuoco Cosnico", di A. A. Dailcy, dciiaiolc dal Macsiro
Tilciano, qucsii sono, invccc, i daii.
a} 100 Anni di DraIna Un sccolo occulio. Il criodo di un sisicna solarc;
l} 1 Anno di DraIna Il criodo di sciic caicnc, riguardanic i sciic scIcni
lanciari;
c} 1 Sciiinana di DraIna Il criodo di sciic Fondc in uno scIcna (una
caicna};
d} 1 Ciorno di DraIna Il criodo occulio di una Fonda;
c} 1 Ora di DraIna Figuarda iransazioni di caicnc;
f} 1 Minuio di DraIna Figuarda i ccniri lanciari, quindi, grui cgoici;
g} 1 Sccondo di DraIna Figuarda un gruo cgoico c lc suc rclazioni con
l'assicnc.
Ben poss1omo supporre oe 1o s1uden1e med1o obb1o so11o1o, dopo over
1e11o, qu1 e 1, ]orse onno1o1o, gron por1e d1 quon1o oppeno sor111o.
Tu11ov1o, 1engo eg11 ben prez1os1 ques11 do11. P1 ovon11 g11 po1rebbero
essere mo11o p1 oe u1111...

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

34
- L21ON QU1NTA -
Le vere, antIcbe orIgInI deII'uomo
SbambaIIa
La LemurIa e I'AtIantIde: I due contInentI scomparsI
La razza attuaIe
II maya eterIco, I'annebbIamento astraIe, I'IIIusIone mentaIe
II SentIero deII'umanIt

La rcscnic lczionc iocca l'argoncnio, forsc, iu nisicrioso cd affascinanic
dcll'inicra lciicraiura csoicrica. L'avvcnio dcll'uono sulla icrra. Un argoncnio
cIc Ia daio, non cr cola sua, gIioiio cilo a ncnii icnc di anorc cr la
sucrsiizionc, il niio oscuro c coniorio, l'annclliancnio siriiualc. CIi Ia
scguiio con aiicnzionc la naiura dci concciii fin qui sicgaii, avr noiaio cIc
l'originc di ogni cosa, sccondo lc conosccnzc csoicricIc, non c da aiiriluirsi ad
un dio isolaio c crisiallizzaio in un sinlolo di cvoluzionc fissa cd cicrna, ncad
una caoiica scric di sollalzi cosnici isiiniivi. La "NoIc uu d nczzo", d
Gotuno HuddIu, uncIc nc nosto cuso, c u cIuuc ncccssuu c sucuc
nstco.
Sciic sono i Piancii cIc lilanciano il rorio flusso lcncfico, in scnso solarc,
incrociando lc loro Viic, innanzi alla candida Coscicnza dcl rogo di anorc
sullinc cIc c il nosiro Logos. E gli sazi cIc iania danza divina inirccccr, ad
un ccrio unio dcll'Evoluzionc, fornano, ncl icno, sulla nosira icrra,
l'insicnc dcllc coscicnzc unanc. Il nosiro iancia, conc alliano acccnnaio
nclla rcccdcnic lczionc, in scguiio ad una rarcfazionc rogrcssiva lungo lc
cocIc, acquisi, duranic un lungIissino criodo, una ccria consisicnza
lasiica, dall'inizio dcl suo aarirc fluidico in scno al sisicna.
Dicc l'csoicrisno cIc, da qucl noncnio, vi fu un susscguirsi, sulla icrra, di
icniaiivi ncssi in ocra, da aric dcllc gcrarcIic infcriori crcairici, cr oolarc
di viia coscicnic la icrra. Si vollc, addiriiiura, crvcnirc, da aric di iali
"cosiruiiori", cIc l'csoicrisno cIiana "inrcaraii siriiualncnic", alla
"crcazionc dcgli uonini". Molii ricordi cIc la niiologia unana ossicdc sui
nosiri dcll'coca aniica, sullc cIincrc, sugli uonini nci aninalc, si
rifcriscono agli alorii coniinui cIc gcnciicro in qucl criodo, nci luogIi, ora,
da noi aliiaii. Molii nilioni di anni irascorscro cd i icniaiivi dclla razza di dci
infaniili csoriarono il Cruo Planciario dcl nosiro sisicna solarc a incidcrc lc
lciicrc infuocaic dcl Loro Dirciio Inicrvcnio sul gcnclondo iancia, cIc siava
cr offrirsi a airia dcll'uono. Il quinio Faggio (sicgIcrcno, iu avanii, di cIc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

35
si iraiia} crc la condizioni adaiic alla nanifcsiazionc dcll'unanii . La
CcrarcIia Planciaria rcsc osio sulla icrra c, in un roccsso vasiissino c
nolio iniricaio a scguirsi (ancIc ncl iano dcll'orizzonic ncnialc} da cIi non c
iniziaio, i rini csscri divini, fruiio dclla caicna rcccdcnic la nosira, rcscro
osscsso dcl glolo, soiio la dolcc guida dci Sgno d Vcncc, nscduts, du
uou, nc uogo suco ucso cu c, ou, ouzzuto nugnctcuncntc ogn gunco
d cosccnzu dc goIo stcsso. SHAMBALLA, neI sottopIanI eterIcI
(spIegberemo, pure, questo termIne, pI avantI) deI deserto dI GobI. Lu
nu uzzu ununu uuuc, scnccncntc ustuc, cstoucsu du coo udco
dc Piiri, o Signori Lunari, divisa in sciic grandi lrancIic, su di ognuna dcllc
sciic disiinic linguc di icrra lussurcggianic, cIc si arivano, a fiorc, dal Luogo
Dcncdciio, cIc alliano acna ncnzionaio. SIanlalla. La rolifcrazionc
avvcnnc cr scnlicc scissionc dcll'cniii diafana cIc, iu iardi, nolio iu
iardi, sarcllc siaia l'uono. Lu sccondu uzzu u ctccu; u tczu uzzu uusu
nc nost tcto u u Lcnuunu. Ed ncuugos ggunt, duc scnddc onc
stutuuc, g ungc cIc, n nuscu c doc ucccnt d suggczzu, cooquuuuno con
g uonn, c uduzon nzutcIc uc, cIc s cctuuuuno, du c u c, d qucu
ncuugosu uzzu, ccuno unu cco d nostugu n ogn octu cIc s uogu ucso c
ontunc cgon dc nosto ussuto dncntcuto. L'unnuc-uono uucuu n nczzo
ug Dc c non nc concndcuu u nutuu, conc un utguno, duu nuno ozzu c
csuntc, quuc ossc costctto u uucc n un custco cno d nssn Ioccut,
d sctc tusucnt, d quud, stutuc, occ d'utc.
Il Lcnuriano dovciic cnsarc, 21 nilioni di anni fa, a sviluarc la coscicnza
dcl coro fisico. Ad cscnio, conc, adcsso, lo siudcnic csoicrico si sforza di
nciicrc in coscicnic aiiivii i nuscoli dcl suo siruncnio sucriorc, la ncnic,
allora, il Lcnuriano dovcva nanicncrc il novincnio riinico dcgli organi dcl
coro (ora, nossi dal sisicna ncuro-vcgciaiivo}, o nc sarcllc soravvcnuia,
non la noric, na la nancanza di conirollo csisicnzialc di qucll'organisno
lasiico, cIc c siruiiuraio, si ncravigliosancnic, nci icsii di anaionia.
Passarono lc ci cd il coro si rassod, la adronanza dcl fisico fu icnancnic
raggiunia, na l'aluso dciur la lasiica linca cvoluiiva cIc lc Cuidc
dcll'unanii volcvano inrincrc al gcrnc unano in cvoluzionc; la nalaiiia
vcncrca conosciuia, oggi, soiio il nonc di sdc cllc originc dagli ccccssi
liccnziosi di qucl icno; ancIc sc rivi di una vcra c roria cola, crcIc
coniuii scnza iniclligcnza. La razza dcllc scinnic risalc all'aiio cIc la
Doiirina Scgrcia cIiana " cccuto dc scnzu ncntuc", dc'uono unnuc,
quuc, scuuucundo u ncu sottssnu cIc o scuuuu du cgno unnuc d
uou, s un, scuncntc, ud css. I uoco, ccncnto ucutoc, unco snIoo
sco dcu duntu, stuundo du uucun c duc zonc sotto u costu tccstc,
uuo uu tuc ununtu, n succcssu c ncccssu ntcucnt. E, cntuncntc, uuuc
u czzu Atuntdcu. L'uono doucuu suuuc coo cnotuo, sccondo dc suo
co d nuncstuzonc. Lu ccIczzu nutcuc u cu cucnnc qucu ununtu c
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

36
tuncntc osscntc, cIc soo cco suzz sc nc ossono ntuccuc, nc uo o
csdu d uzzu, cIc no studuno conc c tIu dc Pcu, cco ctnco dc Muu,
ooo dcg Egz. uc'utc, noIc sotunto quundo c scutu con un
souununo succo d sc stcss c dcu ou unnu, u uuoc dc'Esscc
Unucsuc, coc u Mugu, fu adocraia in una nanicra dcl iuiio raiica c
oicnic cd a fini cgoisiici. Ci rioria la iradizionc csoicrica cIc la razza
Ailaniidca, il cui unico dcsidcrio di ogni singolo ad cssa faccnic aric cra di
dcrcdarc c osscdcrc i lcni alirui, giunsc a ialc adronanza dcllc forzc
nagicIc infcriori cIc, con la sicssa scioliczza con la qualc l'uono dcl icno
rcscnic nciic la cIiavc ncl quadro di acccnsionc dclla roria "Alfa 164", cosi,
allora, si rcciiavano vcrsciii nagici, o si faccva uso di nczzi occulii, cr scoi
cgoisiici. Cli ccccssi di vilrazioni dci cori soiiili cd ancIc l'csircna icnacia a
nanicncrc soiio conirollo i ncdcsini, fino a giungcrc alla sicrilii, cr iinorc
di avvcniurarsi ncl uro aliruisno, sono, ira l'aliro, lc causc dcl nalc cIc noi
conosciano conc cunco c cIc Ia lc suc radici in una caiiiva funzionc dci
cIalras asirali, o clcncnii viiali dcl sccondo nosiro coro invisililc di
nanifcsiazionc, a ariirc dal lasso. L'acqua, l'clcncnio in sinionia cosnica con
il coro asiralc, fu adocraia cr disiruggcrc quclla razza dclolc c cicca. Il
fcnoncno cIc, in icrnini occulii, c cIianaio "annclliancnio asiralc" o
"glanour" (arlcrcno, ancIc, di ci, iu avanii} nacquc ncll'alvco dcllc
coscicnzc di qucl icno.
La razza Ariana, la quinia razza, l'aiiualc, c in fasc di fissazionc dcfiniiiva. In
cssa, l'uono sia sviluando il coro ncnialc, con iuiic lc qualii ncravigliosc
cIc originano dal ncdcsino. E, ancora, la lucc cIc scaiurir dall'uono, lucc di
conlcio gcnio c di sullinalc c cclcsic loni, dcvc aarirc, ncl suo icno
fulgorc. L'"illusionc ncnialc" Ia lc radici in ialc razza, conc il Maya cicrico - il
nalc aiiincnic allc cncrgic dcnsc liologicIc - lc Ia nclla Lcnuriana.
E d'uoo, giunii sin qui, avvisarc lo siudcnic, ancora una volia, cIc non c
ossililc risciiarc una sirciia organicii, in un Corso di Lczioni conc il
rcscnic, c, ncl ncdcsino icno, nanicncr fcdc alla sinicsi cIc vogliano
scguirc. Tuiia l'cvoluzionc cIc rcccdc il nosiro icno non c siaia un gioco;
l'incrocio dcgli inicrvcnii divini cd il saicnic inicrcalarc dcllc Forzc Planciaric
(alirovc, auiorcvolncnic, cIianaio dci Sciic Faggi} non Ia ccssaio un aiiino di
scguirc, asso a asso, l'iniricaio arazzo di iuiic c sciic lc cvoluzioni, di cui
una c l'unana. Solianio siudiando un'ocra inorianic conc il "Tuttuto dc
Scttc Hugg", d Acc Huc, cutoc otu cuc quucosu d quco cIc c
'ustoogu csotccu, n conncssonc u'cuouzonc ununu cd u Puno cIc cssu
stu gudutuncntc scucndo, nu n nuncu scnc u ccucc. Atc duc uzzc
douunno nusccc, c no nc ucduno gu 'nzo n not tutt dccsu cIc uuono
uttono u no, sccuncntc n ucunc zonc dc'Anccu. I scnc dcu Scstu
Huzzu, cIc suucu 'ntuzonc unocuoc, o quuto dc co unun,
buddIco, sia slocciando, qualc vigilc fruiio dci coniinui sforzi dci nosiri Fraiclli
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

37
Divini. Qucsio, sia dciio cr inciso, c uno dcgli scoi cr cui, ora, lc rcscnii
cognizioni vcngono daic al ulllico; al di l dcl vclo si inviia, cIi sia, cr
Karna, dcsiinaio a ialc coniio, a icndcrc iuiic lc roric forzc in sinilc
dirczionc. La Sciiina Fazza sar la Fazza dclla voloni, la Fazza di Aina, il
quinio dci cori unani; na, c rcnaiuro arlarc di cssa.
Cradualncnic, all'csoicrico, il Proosiio dcl Logos inizia ad aarirc. l'uono
non si irova iu, solo cd incrnc, davanii ad una naiura osiilc, cIc non caiscc;
cgli suddividc in irc arii quclla cIc lo conccrnc, ncl suo asciio di uono;
quclla cIc conccrnc il ciclo siorico cIc vivc, incassaio conc un inolo nclla
igna, in ianii aliri cicli rcccdcnii c susscgucnii; c vcdc un iu vasio ciclo
cosnico, da cui ogni cosa dcriva. Egli ossicdc irc cori di nanifcsiazionc, con
irc sccificIc funzionalii, dci quali, uno solianio, al noncnio dcll'aiiualc
cvoluzionc, c nornalncnic visililc.

Essi sono, a ariirc dall'alio.
1. il coro causalc-ncnialc (dovc rcndono nasciia lc asirazioni urc dcl
cnsicro, c l'inquadrancnio inicllciiualc dcllc sicssc},
2. il coro asiralc (o dcllc cnozioni, in scnso gcncralc},
3. il coro cicrico-dcnso (o dcllc funzioni fisicIc c liologicIc, roriancnic
dciic}.

Diciro ad cssi vi c il iano luddico, da cui ogni cosa c sorrciia, conc
nanifcsiazionc dcl Sccondo Faggio, c dovc aarc la CcrarcIia Planciaria.
L'uono fa aric di una Fazza cIc, conc unica Eniii, si incarna
succcssivancnic, sorrciia, cr lc ali cclaic, dallc sullini Cuidc Divinc, cr
acquisiarc, ncl conlcsso, dcgli aiiriluii sullinali cIc saranno, oi, la risorsa
di ogni sua singola ccllula. Fazza cIc gli csoicrici sono aliiuaii a considcrarc
un solo Esscrc c cIc cIianano il Quinio Faggio, il disccolo nondialc, il vcro
Salvaiorc dcl nondo, di cui il Crisio non c cIc sinlolo. Infinc, in un
ncraviglioso sgranarsi di lcggi nacrocosnicIc, cIianaic dcllc Caicnc c dcllc
Fondc, l'uono rcalizza di far aric di un iano ancor iu vasio, cIc conccrnc i
raorii cIc il nosiro Solc Ia vcrso Viic Posscnii, cIc lo guidano c iuiclano
d'arcsso. Mcia dcll'uono c di crvcnirc a quclla cIc, soliiancnic, c cIianaia
iniziazionc; roccsso cIc si svolgc nci iani ncniali c luddici cd Ia cr scoo
di rcndcrc caacc la siruiiura fisico-cicrica a rcggcrc, coniinuancnic c
coscicnicncnic, il flusso dclla Poicnza c dclla Lucc dci iani sucriori. Ma,
qucllo dcllc iniziazioni, c un'aliro dcgli affascinanii c viiali argoncnii cIc
rcgIiano lo siudcnic di coliivarc con il rorio siudio c con la roria raiica.
A ial roosiio cnsiano di dargli un cfficacc consiglio, indirizzandolo vcrso il
lilro di icsio. "Iniziazionc unana c solarc", di Alicc Dailcy.
Una via, la via dcl Scniicro scnza finc, na cIc Ia una sinicsi, fcrna c
dcfiniiiva, ncl concciio cardinalc, cIc c la sicssa csscnza viialc c lo sicsso
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

38
icssuio cgoico di ogni illuninaio. IL MOVIMENTO, ENERGIA ETERNA,
L'UNICA VITA.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

39
- Noia aggiunia -
PrcgIiano, a qucsio unio, lo siudcnic di soffcrnarsi sullc conclusioni dclla
rcscnic noia aggiunia, cIc nc conlcicr l'illuninazionc razionalc sull'originc
c sulla ragion d'csscrc dcgli sicssi Sciic Faggi.
Qualcuno si oircllc donandarc. "PccIc nunco scttc, u n d unu stcttu
ogcu, c consdcuto nugco E, du tcn dc tcn PccIc soc Iu scttc
unct, c ccIc u costcuzon sono oo dodc PccIc soc, u suu uotu, c
uno dc scttc unct d unu Vtu Extucosncu, u uuc scguc u ncdcsnu cggc
nc guud d succcssuc ont nnnugnuI, ut d unu suc nntu, n cu
nunco scttc c tno onduncntuc"
Non ci dilungIcrcno sullc lcggi dcllc rogrcssioni algclricIc, gconciricIc,
cIinicIc. E faiio noiorio a fisici, naicnaiici, cIinici cIc ccric cncrgic, ccrii
nuncri, ccrii clcncnii si raggruano in lincc d'ordinc, ncllc quali vicnc noiaio
un ricicrsi all'infiniio di dcicrninaic cosianii c caraiicrisiicIc, scnrc lc
ncdcsinc. Darcno al lciiorc, invccc, iraniic un cscnio, o, sc vogliano, una
rova, la dinosirazionc dclla lcggc dcl "SETTE", conc asciio dcll'cicrno riino
univcrsalc.
Conunquc, rina di ci, vogliano soiiolincargli una ncccssaria dclucidazionc,
a cIc cgli conrcnda ncglio ialc cscnio. cioc, l'idcniificazionc cIc il
noliclicc Ia ncll'uno c cIc l'uno Ia ncl noliclicc.
Non oir nai aarirc ncl nondo un filosofo il qualc saia iracciarc la linca
nciia c narcaia ira i duc oli dcll'univcrsalc; ogni nuclco singolo, ad un
ulicriorc siudio cd csanc arofondiio, si nosircr csscrc conosio
dall'insicnc di divcrsc unii, lc quali, riuncndosi, daranno, cr fruiio dcl loro
cocsisicrc, quclla csicriorc singolarii .
Prcndiano un ancllo, cIc allia conc circonfcrcnza, ad cscnio, 20 cn.
(oircllcro, ancIc, csscrc ircnia, quarania; o dicci cIilonciri}. Ponianolo su
di un iano c nunianoci di aliri anclli dclla ncdcsina circonfcrcnza di 20 cn..
Occuianoci di uno di cssi c collocIiano, ancI'csso, sul iano, di nodo ialc
cIc una sua aric ianga il rino ancllo; oi, sar la volia di un aliro ancllo, il
qualc ianga, in lasso, l'originalc c, di fianco, il sccondo; c di un aliro ancora c
di una aliro. In lrcvc, avrcno conosio una figura cIc avr al ccniro un ancllo
c sar circondaia da aliri sci anclli, cIc lo iangcranno c si iangcranno. Sci. Non
uno di iu, non uno di ncno.
Sc considcriano la rina dcllc circonfcrcnzc, conc un nuclco di viia qualsiasi,
cIc vcnga ad aarirc in scno alla nanifcsiazionc univcrsalc ('Uno, cIc cncgc,
scnc sontuncuncntc, c con tno ctcno, du PuuIuIunun), ucdcno cIc
utc sc onc d utu, ncssIncntc, s uggungcunno ud cssu. Mu non Iustu.
Pcnduno uncou dc nuou unc c, consdcundo, onu, u nu scc dc scttc
u Iusc ccntuc ( notccc cIc c ducntuto guo sngoo), tonuno u uc u
ncdcsnu ocuzonc cIc cscgunno con sc unc.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

40
CollocIiano una scconda scric di circoli, scnrc iuiii avcnii la sicssa
dincnsionc, rcccdcnicncnic ncnzionaia, aiiorno alla rina, di nodo cIc
ognuno di cssi ianga il soiiosianic c quclli a fianco. Avrcno, al icrninc dclla
nosira faiica, un nuovo circolo, conosio da dodc ccncnt; coc, sc n u dc
no. I quu sc, con u coou dc nucco dc scttc, oggcttuut n un unco
ccncnto-udcc, toncunno u onuc scttc, cIc s ctc. Mu, oscguuno
uncou. onuno un tczo unco. ucsto, suu conosto du dcotto ccncnt.
coc, sc n u dc sccondo. E otcno coc, conc dcc uno dc Mucst dcu
Conutcntu Huncu, 'ntco dcscto d GoI, cd ogn ccoo nuouo uuu, scnc,
sotunto sc ccncnt n u dc cccdcntc; quu, uncut u Iocco d ccncnt
ccntu, ducnut unu cnttu sngou, ctcunno tno nosto duc scttc notc
nugcIc, ncu nuscu gconctcu dcc scc. Lc ogcsson suunno c scgucnt.
sc, dodc, dcotto, ucntquutto, tcntu, ccc..
Alicando il riino alla cosiruzionc occulia di un sisicna solarc, vcdiano cIc
lc dodici cosicllazioni sono inscriic ncl nuncro dclla scconda rogrcssionc.
dodici.
Aggiungiano, inolirc, cIc, siudiando lcnc il fanoso sinlolo dclla siclla a sci
unic, o Siclla di Salononc (cnllcna dcll'Assoluio}, cIc rarcscnia l'inircccio
di duc iriangoli cquilaicri - uno, la naicria; l'aliro, lo siriio -, uniii,
cicrnancnic, nclla cicrna nanifcsiazionc dcll'Esscrc, noicrcno cIc, invisilili,
csisiono, ancIc qui, i sciic circoli. Il rino Ia conc ccniro il ccniro dclla siclla,
cd il conasso lo inscrir csaiiancnic dcniro di cssa; gli aliri sci la
circoscrivcranno, avcnii, ciascIcduno, conc ccniro, il vcriicc risciiivo di una
dcllc suc sci unic.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

41
- L21ON SSTA -
I Sette RaggI (parte prIma) -

Cuardando, in irasarcnza, alla lucc dclla cncirazionc csoicrica, una
qualsiasi forna cIc riini la sua naiura ncllo sccnario dclla nosira icrra, a
ariirc dal iccolo fiorc alcsirc, c da un sasso lcvigaio c rofunaio di narc,
sino al lasiico novincnio di un corridorc, ncgli siadi oicnii, c, iu su, a
coniinuarc ncgli siraii sociali dcllc ciii, divisi in cIiaroscuri anlicniali,
sirciiancnic uniii l'uno all'aliro da larna di nasciia, c ncllc nazioni, visic
conc cniii, o ccllulc, di un unico vasio cano di cscricnzc conuni a iuiii gli
uonini, c roscgucndo nci rcgni cIc ci aiiorniano, ai quali siano lcgaii,
conunquc, da viiali funzioni uniiaric, cioc il nincralc, il vcgcialc, l'aninalc, c,
in alio, sulla scala cvoluiiva, davanii a noi, qucllo dcllc aninc, qucllo lanciario
c qucllo solarc, tutto c ctto c unonosuncntc dctto ucso un ncdcsno sntctco
scoo nuc, nu cIc ucu uggunto, soo, uttuucso dc dcnt, c dug csotcc
conoscut, nctod d cuouzonc; nctod dc Scttc Hugg.
Pcr oicr conrcndcrc il vasio iano nanifcsiaio, gradaiancnic, aiiravcrso dci
cicli lungIissini, da quclla cIc vicnc cIianaia la Fraicllanza Dianca, lisogna
considcrarc il nosiro sisicna solarc conc una sola Viia, fornaia, aunio,
dall'inircccio di un arnonioso nuncro di alirc suc iniinc cvoluzioni. Ncllo
sicsso icno, cr, dolliano considcrarc, conc alliano faiio ncllc rcccdcnii
lczioni, cIc la sicssa Coscicnza Uniiaria, di cui ogni alira c un frcniio d'anorc
cclcsic, c lcgaia, dai "nodi di lilcrazionc", ad aliri unii cosnici, da cui la
Mcdcsina dicndc.
L'cvoluzionc sul nosiro sisicna solarc si svolgc in duc dcicrninaii raorii
crcaiori. raorii cIc il sinlolo dclla crocc siniciizza, nolio cIiarancnic. Il
vcriicalc c l'orizzonialc. Ci significa cIc csisic una lungIczza d'onda
ncll'Esscrc, cIc laiic con dcllc frcqucnzc non crccilili alla ncnic unana,
ulsanii ncgli cicri ccrclrali dcl suo coro dcnso. Qucsia dirczionc, la vcriicalc,
c la linca cIc, d'aliiudinc, scguono lc Cuidc dcll'unanii, qualc filo di Arianna,
cr raggiungcrc i Punii-Lucc, cIc, dall'csicrno dcl nosiro sisicna solarc,
inrinono, sul ncdcsino, lc dirczioni ncccssaric, cd il nord occulio vcrso cui
iuiic lc cvoluzioni di rcgni ncnzionaii, aiiualncnic, icndono. Non ci rifcriano,
qui, a dcllc nassc galaiiicIc, o, conunquc, a dci cori cclcsii csanii, ancIc sc
luninosi, cIc ossono inclriarc la visionc dcl ocia, duranic una noiic
sicllarc. Ci rifcriano a lcn dcicrninaii Punii-Lucc, sinicsi di cvoluzioni iroo
anic crcIc l'uono conunc ossa conrcndcrnc la naiura c cIc, in ogni
caso, Ianno ialncnic soravanzaio in sacrc, anorc c oicrc la Viia Solarc cIc
ci osiia, da icncrla conc disccola, ncll'anliio dci valori cosnici. In scguiio,
vcdrcno conc, in una sinionica fusionc di gruo, la CcrarcIia Planciaria si
onga, arcndosi conc un fiorc, ncllc suc cononcnii singolc, in coniaiio
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

42
iclcaiico con i Porii Esicrni al nosiro sisicna, c dcicrnini ci cIc noi
ossiano cIianarc l'allincancnio rccciiivo alla liologia lanciaria, ncllc suc
funzioni di ncnlro dclla Conunii Sazialc.
La scconda dirczionc cIc noi dolliano analizzarc, c la dirczionc, uriroo, in
cui la nassina aric dcll'unanii c olarizzaia ncnialncnic. l'orizzonialc; il
nondo dclla nanifcsiazionc, qualc cssa si rcscnia ad un sonnario csanc
csicriorc.
Cicli succcssivi si adcguano uno all'aliro, con naiura siorica, naiura cculiarc
all'uono (rcincarnaiiva}, ccc.; na, noi dolliano considcrarc cIc i ncdcsini si
rifanno a dcgli inulsi ciracosnici, i quali cncirano nclla siruiiura siriiualc
dcl nosiro Piancia, doo avcr aiiravcrsaio dcllc zonc saziali di dccrcsccnic
inicnsii vilraioria.
In rino luogo, considcrcrcno cIc la forza nuclcarc (da non confondcrsi con
quclla dcll'aiono}, cIc csisic conc cuorc dcll'inicra conosizionc dclla viia
sulla icrra, c conosia dalla nisccla di sciic siniciicIc cncrgic, lc quali lc
rovcngono, in ioni c soiioioni, c con una dolcczza cIc dcnoia cIiarancnic la
nusica dcllc sfcrc cIc nc nascc, dai Sciic Piancii Sacri dcl nosiro sisicna
solarc. ognuno dci quali c adronc di caraiicrisiicIc cculiari, c originaiorc dcl
oicniissino influsso cIc noi cIianiano. dci RaggI. I Piancii sono, in ordinc di
Faggio.
Vucuno (no Huggo), Gouc (sccondo Huggo), Sutuno (tczo Huggo), Mccuo
(quuto Huggo), Vcncc (qunto Huggo), Ncttuno (scsto Huggo), Uuno (scttno
Huggo).
A loro volia, iali influcnzc di Faggio, cIc si occuano aiiivancnic, lo riciiano,
dcllc caraiicrisiicIc, singolc cd univcrsali, di iuiic lc cvoluzioni csisicnii sul
nosiro Piancia, sono convogliairici di alirc sullini cncrgic cIc, in ordinc,
ossiano cnuncrarc, scgucndo una rccisa linca di analisi. Ognuno dci
Piancii, sccondo un dcicrninaio adaiiancnio a dcllc lcggi sucriori, c
sinionizzaio col nosiro sisicna solarc c con gli aliri sci sisicni solari, i quali
fornano i Sciic Piancii di una Viia ancora iu rofondancnic cclaia dcniro il
cuorc dcll'Isidc cosnica, cIc noi siiano, con anorc, osscrvando. Qucsia Fcali
Unificairicc Eira-cosnica (cIianaia, ncgli aniicIissini icsii occulii dclla
CcrarcIia. Colui cIc non si dcvc noninarc} c siaia crcciia, sino ad ora, con
un icno connulio coscicnic dcl rorio io, solo da un iccolo nuncro di
Iniziaii di alio rango.
Ogni Piancia, quindi, oria alla Tcrra una sinicsi di forzc cIc c il sanguc vivo
di.
a} il nosiro Solc;
l} aliri sci Sisicni Solari;
c} l'inulso doninanic di una cccclsa Viia diciro ai ncdcsini.
E, ancora, ogni Piancia, in sinionia al riinico avviccndarsi dcgli asciii
asirologici dcllo Zodiaco, insinua, nclla siraiificazionc vcriicalc cd orizzonialc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

43
dci suoi inulsi, in scno al Sisicna Solarc, ancIc lc qualii vivc cIc cnanano
dallc Cosicllazioni, aunio, dcllo Zodiaco. Trc sono, infinc, gli uliini orii da
cui il nosiro Sisicna irac la sua isiraia oicnza di Dio cclcsic. La siclla SIrIo,
di cui la nosira CcrarcIia c la coniinuazionc dirciia, cIc invia a noi la ioialii
dcllc cncrgic ncniali; la cosicllazionc dcllc PIeIadI, il cui influsso Ia uno
sccifico raorio con tutte Ie anIme, o corpI causaII, IndIstIntamente,
degII uomInI; ed una deIIe SteIIe deII'Orsa MaggIore, cIc Ia grandc sinionia
con ci, invccc, cIc cIianiano lo Siriio dcll'uono. Dciio cr inciso, qucsic irc
dirczioni sono alcunc dcllc ncic cIc aiicndono l'Uono.
Siudicrcno, a aric, i ccrinoniali (cIc nai Ianno suliio canliancnii, ncl
icno} cIc la Confraicrniia invisililc adoiia cr scrrarc i lcgani divini cIc ci
accosiano a sinili Poicnzc Sucriori.
Ci lasii, cr ora, sacrc cIc lc cncrgic iu inncdiaic, ncl loro uliino srazzo
d'onda, giungono sulla icrra, in uno scialordio coniinuo, conc la risacca dcl
narc sulla siaggia, dai Sciic Piancii, cIc iuiic lc alirc siniciizzano. E, non
solo, na una lcggc incluiialilc guida c sccglic, volia cr volia, il Piancia cIc
dclla cncrgcrc sugli aliri, dando la noia caraiicrisiica a iuiia l'cvoluzionc ncl
dcicrninaio ciclo. Ciungc, ora, allasianza cIiaro - sc da aric dcl lciiorc
csisic una icndcnza favorcvolc a volcr accoglicrc, conc ioicsi aiicndililc, ialc
rcscniazionc sullc origini dclla viia - la ncccssii di siudiarc, in cquililraio
insicnc di accordi, la scicnza dcll'asirologia, in unionc a quclla dci Faggi, cd in
unionc indissolulilc a iuiic lc alirc scicnzc, vigcnii cd aiiuali ncl criodo
siorico cIc siiano vivcndo, cr oicr avcrc una visionc conlcia cd uniiaria,
non solo dclla viia, na dcllc funzionc cIc ogni individuo Ia, ncnirc inscriscc in
cssa il rorio ninuscolo incasiro coloraio, conc in un grandc nosaico.
Dcsidcriano, inolirc, cIc allo siudcnic aaia cIiaro ancIc quanio lc rcscnii
lczioni siano urancnic indicaiivc, nci riguardi di una scicnza cIc, in ogni
caso, dcvc csscrc arofondiia, nci cIiaroscuri, in nanicra conlcia cd in
icna dcdizionc d'anina.
Ogni Piancia si occua dcll'cvoluzionc, in gcncralc, olirc cIc dcl suo sccifico
sciiorc. Lo siudio dci Faggi, in corrisondcnza al raorio cIc i ncdcsini
Ianno col coro cicrico dcl nosiro Piancia c, quindi, dcl nosiro siruncnio fisico
di nanifcsiazionc, conducc l'csscrc unano a oicr adroncggiarc, scnrc iu
coniuiancnic, qucsic ncdcsinc forzc univcrsali, inarando a suonarc sulla
iasiicra vivcnic, incisa lungo la sua colonna vcriclralc, c cIc c 'nscnc dc suo
scttc cIuIus, o unt occut, ognuno dc quu sntonzzuto con uno dc Punct. I
uuoo dc Scttc Logo Punctu, sccondo c ncc dc oo coo occut, c dcc oo
notc nuscu sngoc, cononc, cos, unu snonu nugcu cIc Iu, c utto,
l'inicra cvoluzionc dcl nosiro Piancia, il qualc, insicnc ad aliri quaiiro Piancii,
faccnii aric dcl Sisicna Solarc c cIianaii, con Esso non sacri (qui, scicnza cd
csoicrisno non vanno d'accordo}, icrnina il flusso dcllc forzc solari c cIiudc i
confini dcl circuiio, cIc Ia conc adrc lo Sazio; qucllo sicsso Sazio cIc il
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

44
dilciio Fraicllo Coiano DuddIa dissc csscrc originc c finc di ogni cosa. il Nulla.
Un Nulla cIc gli csoicrisii sanno csscrc una inncnsa Viia individualc; Viia,
conunquc, con dci suoi liniii dcfiniii. Ncssuno, invccc, c riusciio a cncirarc
olirc di cssi c dolliano, forzaiancnic, concludcrc cIc csisiano succcssivi
sazi, cd aliri, cd aliri. Qucsio "Sazio" c la radicc vcra dcl coro cicrico in cui
circola il sanguc vivo di vic laiicc, galassic, sisicni solari c sicllari, di cui il
nosiro non c cIc una rclaiiva aric. Ed c la scicniifica ragionc dcl fcnoncno
dclla iclcaiia. CcrcIcrcno di dclincarc, davanii alla ncnic dcllo siudcnic, lc
lcggi cIc siruiiurano quclla scala, inncrsa c fusa, in alio, nclla lucc sicssa dcl
nosiro Re deI Mondo, na di cui l'uliino iolo c l'uono ncdcsino. Qucsia
scala c la scala dcll'iniziazionc; iniziazionc cIc si svolgc dai iani ncniali in su,
c cIc la CcrarcIia offrc conc rcnio a iuiii coloro cIc risondano al suo
ricIiano, con la aricciazionc dirciia allo sforzo angclico dclla cosiruzionc di
iania ocra nagnifica.
E cr cIi allia orcccIic cr scniirc, qucsic lczioni sono uno di iali ricIiani.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

45
- L21ON STT1MA -
I Sette RaggI (parte seconda)
I regnI dopo Ia morte
II corpo eterIco ed I cbakras

La cosiruzionc di un sisicna solarc, faccndo scguiio allc nosirc rcccdcnii
lczioni, ur lasandosi sull'ardcnic incandcsccnza di una radicc squisiiancnic
assoluia, ricalca, ncllc suc succcssivc fasi, dcllc fornc dcl iuiio "iccnicIc" c
conscgucnziali. Mano a nano cIc lo siudcnic di csoicrisno, in cosianic
raorio nciafisico con il rorio Macsiro di Faggio, si addcnira
ncll'invcsiigazionc dci nisicri dclla naiura, scorc, aunio, quanio nciicolosa
sia la nano dclla CcrarcIia ncll'alicarc qucsic sicssc fornulc cosiruiirici,
cIc si lcgano, oi, alla crcsciia, ur scnrc sonianca, dclla naicria. E la
scnlicc cnunciazionc dcl cano d'azionc dcl rinciio Crcaiivo Originario, dal
unio di visia dcl Sisicna Solarc c non da qucllo dcl Mago Dianco, cIc noi
dclinccrcno, da ora in oi. E scguircno il nciodo, siccaiancnic csoicrico, di
ariirc dall'univcrsalc, sccndcrc ncl ariicolarc, c darc nodo all'uliino di
riiornarc all'univcrsalc.
Ci sono, dunquc, sciic iani di csisicnza, dovc la coscicnza unana c inscriia,
ncnirc scguc il naiuralc suo riino quoiidiano rcincarnaiivo. Sciic iani, cIc
rarcscniano il cano d'azionc dirciia dci Sciic Faggi, cnananii dai Sciic
Piancii Sacri dcl nosiro Sisicna Solarc, siccIc, cr, ognuno si occua dcl suo
sciiorc sccifico c, ncllo sicsso icno, collcga lc suc aiiivii viiali ancIc agli
aliri sci; c da iali iani cIc la Monadc agiscc, adroncggiando l'Anina c la
crsonalii . Piu avanii, siudicrcno l'inorianic funzionc viialc dci ncdcsini c
cncircrcno, alquanio, ncllo siraio scgrcio c nci significaii iu riosii c iniini
dcllc Sullini c Onnioicnii Coscicnzc cIc in Essi risicdono, c, da li, irrorano,
in un silcnzio frcncnic d'anorc saggio c di oicrc crcaiorc, lc radici dclla
nanifcsiazionc iangililc cd oggciiiva. CIc raorii Ianno iali iani con la
coscicnza ordinaria dcll'uono conunc? Praiicancnic, alcuna. Egli c
scnliccncnic oggciio dci fornidalili influssi cncrgciici cIc da loro
rovcngono c nc c scIiavo, sino a quando lc iniziazioni non lo innciicranno,
scnrc iu rofondancnic, "uccu u uccu con succcssu usctt dc suo Sc
ccuto"; il qualc, in dcfiniiiva, c aunio l'aggloncraio iridcsccnic c infiniio di
qucsic viic, collcgaic in un susscgucnicsi allacciarsi di disianzc. Possiano, in
rino luogo, dividcrc qucsii, cIc sono dcgli siaii di coscicnza sucriori, in duc
ncravigliosc zonc csisicnziali. la naicrialc c l'innaicrialc. Tcniano, cr,
scnrc, rcscnic il faiio cIc i diagranni vcrlali da noi cnunciaii riguardano
solianio il unio di visia unano c non, cr cscnio, gli aliri rcgni dclla naiura
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

46
(coorii angclicIc, ccc.}; inolirc, icniano scnrc rcscnic cIc i sciic nuclci di
viia sono sirciiancnic collcgaii, dal unio di visia dcl nosiro Logos Planciario,
ai Piancii Sacri, i quali si uniscono alla Sua Coscicnza c, di li, crvcngono alla
coscicnza dcll'uono, ma soIo quando egII sIntonIzza I puntI vItaII e
nevraIgIcI deI suo corpo eterIco, con II suo organIsmo IIsIco.
Ncll'csoicrisno crifcrico si c oriaii a crcdcrc cIc i iani di cui arliano siano
la siruiiura dcfiniiiva c conlcia dcl nosiro Sisicna; noi cogliano l'occasionc
cr cIiarirc cIc i ncdcsini sono, invccc, sottoun dc'Utno Puno Cosnco,
Fsco Cosnco.
L'uono non c in sinionia coscicnic con gli aliri sci gloli invisilili cIc cocsisiono
con la Tcrra, unico asciio iangililc c sosianzialc di cssi. Solo in un caso cgli c
giunio a vcdcrnc, rivo dci ncccssari oicri cIc gli confcriscc l'iniziazionc
daiagli dalla CcrarcIia Dianca, un franncnio. duranic il criodo cIc inicrcorrc
ira lc suc incarnazioni. Allora, in un dclicaiissino roccsso, aragonalilc
all'arirsi dci ciali di una rofunaia rosa d'anina, cgli iocca il vcriicc dci irc
nondi in cui c naggiorncnic olarizzaia la sua coscicnza; c, cioc, irasccndc il
nondo fisico c cncira in qucllo illusorio (crcaio sin dal icno di Ailaniidc c
dcsiinaio a sconarirc nclla Sciiina Fazza Madrc}, cIianaio asiralc, na cIc i
Macsiri sono soliii noninarc "dc'unncIIuncnto cnozonuc". Mondo icno di
incanii, di fornc, a volic luninosissinc, na, cr lo iu, graviianii vcrso
l'ignaro, con allciianii sinuosii, incslicalili in icrnini scriiii. Ci si u
isirarc, cr avcrnc l'iniuiiiva conrcnsionc (non dincniicandoci cIc, in csso,
siano inncrsi cosianicncnic, conc in una ncllia orcssiva c soffocanic, na
visililc} ncllo siudiarc lc dcscrizioni cIc nc avcnno ai lancIi di scuola, sullo
Siigc, sull'AcIcronic, sul nondo dcll'Adc. I Macsiri sono nolio arcIi
ncll'inviarc i rori nuovi disccoli, rivi di una guida, in qucsio rcgno, cIc Ia
una rcali, ancIc sc iransiioria, nolio oicnic. Vogliano acccnnarc, solianio,
cIc csisiono, al giorno d'oggi, grui, scnrc in naggior nuncro, di disccoli,
in iuiio il nondo, i quali Ianno il coniio, adocrando scciali fornulc di
oicrc, c allincaii alla lucc dclla loro anina, di dissolvcrc, occuliancnic, soiio il
conirollo dclla CcrarcIia dci Macsiri, sinilc norlosa crcazionc di scniincnii
unani; na, conunquc, di una siccaia rcali, rcssocIc iangililc.
Sucrando ialc osiacolo, l'uono Ia conosciuio il sccondo dci iani sucriori,
duranic il roccsso dclla noric. Puno Mcntuc. Il qualc, a sua volia,
cosiiiuiscc un aliro osiacolo, icno con'c, dcl corollario oriicanic dcllc cosi
cIianaic Iorme-pensIero, cr lo iu - ncl nosiro caso c nclla fasc cvoluiiva in
cui si irova inncrsa l'unanii - franncniaric c disioric; il nondo invisililc,
col qualc si sinionizzano, scsso c volcniicri, lc ncnii non illuninaic dalla lucc
inicriorc dclla gran aric dci cnsaiori odicrni. Li, cssi vcngono a coniaiio con
una sccialc sosianza-cnsicro clciironagnciica, naniolaia c rinaniolaia
dai sccoli dcllc gcncrazioni assaic; cd cnirandovi in raorio si rincIiudono in
una larricra oicnic di vcccIi rcgiudizi, dogni sucraii, sirciioic ncniali, da
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

47
cui c difficilc uscirc, scnza il conando inflcssililc dclla roria voloni
siriiualc risvcgliaia. Ciungc il noncnio in cui, cr, il disincororaio, doo
avcr aiiuaio il roccsso cIc, da nillcnni, nci icsii dclla CcrarcIia Dianca, c
cIianaio "d'clininazionc", crvicnc allo svincolo di ogni forna iransiioria cIc
lo raiicncva aggrcgaio alla siraiificazionc inncdiaia dcllc scnsazioni; sia
cnoiivc, cIc ncniali infcriori. Egli si irova lilcro c radioso, vincolaio solianio al
glolo di lucc, siruncnio, a sua volia, dcllo siriio cIc risicdc in csso, c
cIianaio anina. I icosofi lo indicano conc, coro causalc, oicIc vi sono
raccIiusi i scni dcllc causc di viic rcccdcnii, cIc nanifcsicranno i loro cffciii
nclla rcscnic incarnazionc, c lo sicsso divcrr scrlaioio di fuiuri scni, da cui
slocccranno aliri cffciii; sino a quando, cr, ialc ncraviglioso ccscllo, fruiio di
un lalorioso faiicarc soiiilc dcllo siriio cIc lo alii duranic iuiio il icno in
cui si nanifcsi nci irc nondi, conc uono, a sua volia, non vcrr disiruiio,
iraniic la quaria iniziazionc, cIianaia dclla crocifissionc. Allora, il lilcraio
andr a sialilirsi, ricco di oicri sorannaiurali c con icno diriiio, a far aric
dclla Confraicrniia Crcairicc, nci quaiiro Eicri Cosnici, rcludio ad alirc fornc
di lcaiiiudinc inconrcnsilili.
Ma a noi non inicrcssa, ancora, l'argoncnio. Alliano voluio solo acccnnarc
cIc, cniraio in coniaiio con l'anina, doo il roccsso naiuralc dclla roria
noric, ncraviglioso ungucnio cIc gli csoicrisii considcrano il rofuno sicsso
dclla Viia Una, l'uono raggiungc, coscicnicncnic, il innacolo dcl icnio dci
irc nondi. uno cuusuc. Egli, quindi, conoscc solo irc iani, di qucsii sciic
cIc noi alliano ncnzionaio, cd c un auniancnio a cui ncssuno Ia nai
nancaio; nigliaia di volic siano norii c nigliaia di volic ci siano rcincarnaii.
PocIi siriiualisii cIc ci lcggono non rovcranno un ricIiano nosialgico cIc
cnana dalla dcscrizionc dclla cosianic cncirazionc cIc il loro io Ia avuio,
duranic gli inicrvalli cIc scarano il suo iuffo nclla naicria, ira incarnazionc
cd incarnazionc. Fa argoncnio a sc l'cnuncrarc ogni ncravigliosa Poicnza
Angclica, cIc risicdc aliiualncnic nci irc iani. Vogliano, conunquc,
soiiolincarc duc asciii dclla qucsiionc. Il rino c cIc, ancIc sc u scnlrarc,
forsc, cIc ci si siia allonianando dal iraiiarc i Sciic Faggi in dciiaglio, c
ncccssario, conunquc, anlicniarc il cano di azionc in cui i ncdcsini si
irovano a far aric di Mcssaggcri dcl Divino; il sccondo, c cIc noi ci iroviano
ad csrincrc, lo riciiano, sotunto u stuttuu dc Puno Fsco Cosnco, o
'utno dc Scttc Pun Cosnc.
Ora, analizzando il coro fisico unano, franncnio cIc riscccIia in sc lc lcggi
di un iu anio TUTTO, gli occuliisii sanno cIc il ncdcsino Ia sciic
sfunaiurc graduali di dccrcsccnic naicrialii . c fornaio da uno siraio solido,
da uno liquido cd uno gassoso c, finalncnic, da quaiiro gradi di naicria
invisililc, i quali cosiiiuiscono il coro cicrico, cIc c aric fondancnialc in ogni
roccsso di nagia naiuralc. E sul coo ctcco cIc sono ocuzzut quc uotc d
ozu, dcctto sucnt, quundo sono udocut du dsccoo, dc'cncgu dc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

48
Scttc Hugg. E u nugstuc udonunzu d qucst "cIuIus" cIc u d un Adcto
dcu Loggu Huncu u nucstosu ucu d otcc cIc cg c . E coo ctcco cIc
cocgu 'soutu c connutu cnttu ununu, nc utuntc c sconnuto nuc dc
coo ctcco dc Punctu c dc coo ctcco dc Soc, cIc sono unu scncc Enttu
.
Ncl farc i dcliii raorii, rivcliano cIc i irc nondi in cui l'uono c inncrso,
rina cIc nc vcnga lilcraio dalla quaria Iniziazionc, sono il Piano Solido dal
unio di visia dcl Logos Solarc, rorio conc i irc siaii dclla naicria dcnsa lo
sono cr l'uono. Ed i rinancnii quaiiro Piani Cosnici, cIc inicrcncirano c
dcicrninano ogni nanifcsiazionc cncrgcnic nci suddciii irc rcgni sono,
risciio scnrc al Logos Solarc, qucllo cIc c cr l'uono il coro cicrico. Scoo
dcl Macsiro c di darc un nciodo occulio al rorio disccolo (conunquc,
scnrc il ncdcsino da cIc la CcrarcIia iicnc lc rcdini dcllo sviluo cvoluiivo
dcl nosiro Piancia}, il qualc iranuii il ionlo dcl disccolo, cioc i quaiiro cicri
dcl suo coro fisico dcnso, ncll'oro urissino dci quaiiro cicri cosnici. Ci
conoria, nclla nanifcsiazionc dci irc nondi, la crcsciia di un vcro Mago
Dianco, il qualc, scnza fronzoli c scnza lungaggini di falso nisiicisno, faccia
scorrcrc, aiiravcrso i irasunanaii voriici dcl suo coro cicrico, cd in nodo
dirciio cd inncdiaio, lc forzc dci Sciic Faggi, cIc zanillano, frcscIc c vcrgini,
solo dal Coro Eicrico Cosnico. Proccsso cIc, lcn rcsio, lo rcndcr, a sua
volia, Macsiro di Saggczza c di Poicrc.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

49
- L21ON OTTAVA -
I Sette RaggI (parte terza)
SpIegazIone deIIa ParoIa Sacra "AUM"
Come vennero creatI I pIanI dI esIstenza soIarI
Come Iurono creatI I regnI mIneraIe, vegetaIe, anImaIe, umano
DIo uno e trIno, banno, sempre, detto Ie Sacre ScrItture. L'esoterIsmo aggIunge: e sI
ncora aIIa manIIestazIone concreta ed oggettIva In sette attI deIInItI, mascbere
uItIme e supreme deIIa sua potenza InterIore.

Qucsio nisicro c accuraiancnic roosio, soiio forna di sinloli, da aric di
iuiic lc rcligioni, sia oricniali cIc occidcniali, al crcdcnic cd allo siudioso, fino
ai giorni nosiri, c, cr conrcndcrnc l'cnigna, affcrniano, in nodo franco cd
inncdiaio, cIc occorrc, ancora una volia, cIicdcrc aiuio alla conosccnza cIc
gli Adcii c la Fraicllanza Dianca osscggono sull'originc nagica dclla crcazionc
dci nondi c sul raorio vivo cd innancnic cIc inicrcorrc ira il nacrocosno
cd il nicrocosno, c cIc dci duc fa uno.
Ma, icniano a ricordarc cIc ogni lczionc dcl iraiiaio cIc lcggcic c lcgaia alla
rcccdcnic cd alla succcssiva, in nanicra nolio sirciia; lo siudcnic considcri,
quindi, cIc csscndo, ora, noi cniraii nclla sicgazionc dcl iuiio "iccnica" c
rccisa sulla nagisiica rinordialc crcaiiva, non ossiano iornarc a ricicrc i
significaii rofondi, c urancnic asiraiii, dcll'infiniia naiura dcll'Uno, in irc
crsonc cd in sciic dcrivaii nagici. Ci fa aric dclla rcccdcnic disscriazionc.
Ad cssa rinandiano lo siudcnic, rina cIc cgli ossa conrcndcrc iuiia la
sirciia logicii dall'aiiualc csosizionc c soddisfarc il suo anino cIc lrana
dall'aiiingcrc a daii nciafisici.
Ogni Piancia c sinlolo di una qualii assoluia, laicnic ncll'univcrso. Qualii
cIc sono, di norna, cIianaic idcc arcIciic. ScIiavc dcll'innanifcsio, rcndono
scIiavi i nondo conosciuii, sino a quando gli uliini non lilcrano ci cIc cssc
rarcscniano, c loro ncdcsini, con l'aiio rcciso d'cncrgcrc nclla naicria.
Hclcna Pcirowna Dlavaisly affcrna, ncl scsio cd uliino volunc dclla sua
Doiirina Scgrcia, cIc il nosiro Logos Planciario, inncrso in ncdiiazionc
rofonda c divina cr l'inicro ciclo dci Suoi ccnio anni (ircccnioundici lilioni c
quarania niliardi di anni unani} conicnla qualsiasi faiio, dai iu grandi ai
iu iccini, cIc si oggciiivcr in qucl criodo, c glicnc crnciic, di
conscgucnza, la suddciia nanifcsiazionc. Egli c il Dio dcl nosiro Piancia, c,
conc ogni aliro Dio Planciario, vigila c ossicdc lo scrigno dci discgni iniini dcl
Logos Solarc, cr quanio conccrnc il Suo ciclo individualc. A noi non inicrcssa
arlarc dclla Tcrra, con gli aliri quaiiro Piancii, cosi dciii non suc, dc Sstcnu
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

50
Souc (Mutc. VI Huggo; Putonc. I Huggo; Tcu. III Huggo; Soc c Lunu, cIc
ucuno duc unct occut}. Analizziano, invccc, la naiura dci Sciic Piancii Sacri
c considcriano cIc cssa c ialncnic alia cd inconccililc alla ncdiocrc ncnic
unana, cIc il iu conunc dcgli slagli coniuii dagli siudiosi in csoicrisno
divicnc il canuffarli groiicscancnic in giganicscIi uonini, una sccic di
Molocl dci cicli. Essi sono una vilrazionc, cssi sono una inrcssionc scnrc
iu soiiilc, cssi sono rarcscnianii di qucl nulla cIc indic Coiano DuddIa,
in aniiicsi al iuiio naicrialisiico cIc circonda, ancora, l'uono. Solo faccndosi
divini in ogni aiono dclla nosira sicssa carnc oircno crccirc l'inclrianic
rofuno cIc, ur sc dclla iu soiiilc sccic, Ia la caacii di sorrcggcrc, ora, in
icna nanifcsiazionc, iangililc c conlcia, il foglio dcl iraiiaio su cui lcggcic
quanio scriviano.
Non aaricngono, quali scnlici rincii di viia cicrna, solo al Sisicna Solarc,
na ci oriano l'cco di cani scnrc iu loniani, in cui sfunano i coniorni
individuali dcl nosiro Logos.
- Vu1oono (Pr1mo Rogg1o o de11o Vo1on1 ). ncssuggco dcu uoontu
unocuoc. L'ognuo. L'uono d Pno Huggo, cuuso soo du Fozu Puu,
tcndc ud ucqustuc osscsso dcu suu sucu ccdtu, n nodo ndscutIc, con
soo couggo, uttngcndo uc stcssc udc dcu utu. Ogn gundc conqustu dcu
stou uutcnc ud nduduutu d qucsto gcncc.
- G1ove (Seoondo Rogg1o o de11Amore-Soggezzo}. unoc nugnctco, dcsdco,
uttuzonc nscguIc ucso co cIc c docc, sontunco. Suggczzu, n
contuoszonc uu uttuu nncdutu d'un utto uocnto.
- So1urno (Terzo Rogg1o o de111n1e111genzo A111vo}. cquIo, uduttuncnto
tu o dcg oost, ugon uu; uduttuItu u quusus dssonunzu
unIcntuc. Lo s concndc ucno contcnundo oc cIunuto stcu unu,
cIc s uc, con c udc, u studu, tu c occc, sonontundo ogn dcotu. G
ndudu, sotto 'nusso dc Tczo Huggo, sucuno ogn dcotu, oo conc
c udc d qucsto oc, uu cccu d nu utuc, s uttocono ncu duu ctu.
- Merour1o (Quor1o Rogg1o o de11Armon1o e de11o Be11ezzo). 'utstu; sc, c
utstu, consdcuno cou cIc osscdc u onuu nutcnutcu c gconctcu c
uccIudcc, n ccoo cIuso, u Icczzu, cogutuu d ogn cosu n nutuu. Soo
qucsto uggo donu conutuncntc tuc cuuctu .
- Venere (Qu1n1o Rogg1o o de11o So1enzo). 'uono d sccnzu. Lu cccu dc
dcttugo. L'unduc ucso 'ncusto dc nosuco. L'uccuutczzu. I nnnun.
- Ne11uno (Ses1o Rogg1o o de11o Devoz1one). u dcuozonc ncssIc ucso g
ctcn dcu. Lu cuuctu d dcntcuc 'Assouto, nco stctto cutuo, su, csso,
unu onu ununu, un unoc; su, csso, ncdcsno untcsno.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

51

- Urono (Se111mo Rogg1o o de11o Mog1o). 'utto nuc dcu ccuzonc. L'utno
guzzo cIc cndc 'ondu conctu. I nugo; u cuuctu d cndcc dcntuu c
nutcuc, 'onogcncu c stuuc stuttuu dcc onc.
Ecco, in lrcvc, dallo sirciio unio di visia unano, l'analisi dci Sciic Faggi. Essi
rcscniano una loro incrcnic dualii . Colui cIc, conc i Macsiri di Saggczza, c
riusciio ad idcniificarsi con la linfa squisiia cIc, fiori divini ncl cano dcl
Signorc, s'inncrva nci loro sicli, nc nanifcsia lc qualii, or ora, ncnzionaic. CIi
sia incricandosi vcrso di loro, nc dcforncr l'innacolaio candorc, nosirando
i cosi dciii "difciii di Faggio", c cioc .

Pno Huggo. noszonc dc'uutotu, ncssuncsno otco, uocnzu,
cstuzzuzonc ncntuc
Sccondo
Huggo.
cnotutu nstuIc, utoogu ucttuu, ccccsso nc duc,
soocuncnto scntncntuc nc guud d cooo cu s c cgut
ntnuncntc
Tczo Huggo. donuzu octu, untuostu, sotudnc ucccntuutu, onunsno;
uuto Huggo. unoc dcu ocncu, concsso dc'utstu nconcso,
dcutuzzuzonc, ncu cccu dsodnutu dcu onduncntuc
unonu dcc cosc;
unto Huggo. cgosno, dcuuto du dstucco usoo du tutto,c sous,
uoontuuncntc, nc oo cgo; ccccsso d dcttug, ctcsno
nnutuuc;
Scsto Huggo. unutsno otco, cgoso, ntccttuuc. G nqusto ncdocuu;
dscco, u n uss su scntco;
Scttno Huggo. nugu ncu, unoc c co cIc d toIdo csstc ncu cttcutuu
nstcosocu, utcIc d cosddcttu nugu scssuuc. Concsso
dc "codo sottcunc".

Tuiii gli uonini sono lcgaii, cr scnrc, a una di qucsic lincc, c si dividono in
sciic grui. Conunquc, rina di arrivarc alla dcfiniiiva scocria dcl rorio
Faggio Monadico, cssi dcllono, gradualncnic, con l'aiuio dcl rorio Macsiro
di Faggio, sialilirc c, quindi, non csscrnc iu doninaii, gli aliri cinquc "Faggi
soiiosianii"; cioc, a qualc aaricnga il rorio coro fisico, qucllo dcl coro
asiralc, qucllo dcl ncnialc concrcio, quclla dclla crsonalii, c qucllo
dcll'Anina o dcl coro causalc. Lc rinc irc Iniziazioni gli fanno conosccrc i
rini quaiiro Faggi; la quaria gli fa conosccrc il Faggio dcll'Anina cd iniuirc
qucllo nonadico, cicrno. Ogni uono canlia, ad ogni viia, Faggio dci irc cori;
con una ccria coniinuii, ira lc viic, qucllo dclla crsonalii ; conscrva - na
con lc dovuic cccczioni - cr iuiio il ciclo rcincarnaiivo, conc Anina, il Faggio
dcl coro causalc. E, cr scnrc, riciiano, il nonadico.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

52
Torniano a suggcrirc lo siudio dcl "Tuttuto dc Scttc Hugg", d Acc Huc, c
g ncucouI Icncc cIc nc dcuccIIco uo studcntc, c non sotunto d
cuuttcc uuncntc ntccttuuc. Lo studo dc Scttc Hugg Fonduncntu, otc
cIc sconnuc ncu nucstguzonc dc cc stoc ussut c utu, sotto u
Sgnou dc Mcdcsn, du u ossItu d conosccc, uzonuncntc c sununcntc,
qucu uu cIunutu dc "Iuoco Interno", o dI kundaIInI, cIc riguarda il nciodo
di risvcgliarc i oicri occulii dcl disccolo, c farnc un Adcio. Lo siudio dci
Faggi crnciic al disccolo di clcvarc lc cncrgic, da soiio il diafranna, sino al
unio ccniralc sulla icsia, cIianaio cIalra cicrico lraInarandra, in
conncssionc con la glandola incalc. Ci, lo lilcra dalla carrcggiaia conunc
dcgli influssi asirologici (cIc guidano i dcsiini di coloro, i quali sono olarizzaii,
ncllc roric csscnzc viiali, in qucllc forzc occulic, vilranii, aunio, soiio il
diafranna} c lo onc soiio la linida "inrcssionc" dci Sciic Piancii Sacri.
Fino a quando il disccolo, divcnuio iniziaio, in una rogrcssionc scnrc iu
ania, collalorcr ncl lavoro di nago lianco, in nodo coscicnic c dirciio, con
gli Dci dcl nosiro Sisicna Solarc.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

53
- L21ON NONA -
I sette RaggI (parte quarta)

La sacra arola AUM, vocalolo conccsso dalla CcrarcIia Dianca all'aiiualc
quinia razza nadrc, conc alla quaria vcnnc crncsso l'uso dclla dincniicaia
arola TAU, coniicnc il scgrcio dclla irinii divina. Talc vocalolo c adocraio,
da nillcnni, in oricnic c, da circa un sccolo, nci circoli csoicrici occidcniali.
AUM (OM} c, sccondo la iradizionc csoicrica, la arola di oicrc cIc la Viia
Eccclsa, da cui dicndc, gcrarcIicancnic, il nosiro Logos Solarc, dciic al
Mcdcsino, in crcdii divina, rina cIc Egli iniziassc la cosiruzionc dcl
rcscnic sisicna. E, qui, non ossiano farc a ncno di soiiolincarc la viialc
inorianza, ncllc scicnzc occulic, dcl sinlolo; il qualc, volia cr volia, c
rarcscnianza ura d'una rcali infiniia, cd c, uncIc, qucstu stcssu cutu .
Ncgli arcIivi dclla Fraicllanza Dianca csisiono fogli con ocIi scgni sccifici (da
alcuni dci quali fu iraiia luona aric dclla Doiirina Scgrcia}; gli Iniziaii, gi
cIiarovcggcnii c con lo sviluo dcll'iniuizionc siriiualc, sfiorandonc con lc
diia d'anino la sucrficic, roducono lo "scoccarc dclla sciniilla", cIc rivcla
l'inncnso lagaglio di nozioni conicnuic in quci ocIi scgni gcroglifici.
AncIc ncl nosiro caso si iraiia dclla ncdcsina qucsiionc. AUM c sinlolo; na,
ancIc, rcali indiscuiililc. E non ci criiiano di affcrnarc cIc, cr oicrnc
conrcndcrc, a fondo, la naiura cd avcrc osscsso dcllc forzc incslicalili a
lallra unanc cIc da csso dcrivano, dovrcno - cosa inossililc - arlarc dcl
valorc nagico, sia dclla arola, sia dcl colorc, sia dcl suono.
- "... in rinciio cra il Vcrlo". E, aggiungiano noi, coniinua, iuiiora, a vilrarc;
oicIc, sc Dio ccssassc dal sosicncrc la crcazionc, cr un solo aiiino, cssa
iorncrcllc ncl luio dcll'incrcazionc assoluia. AUM c qucsio Vcrlo, cd ogni
culiorc d'csoicrisno farcllc lcnc a considcrarc cIc cgli, ncnirc ronuncia la
Sacra Parola, ricic, ncl nininun, l'Aiio Crcaiivo Originario; sia a lui siudiarc
- c v'c nodo di farlo - la cocrcnic c conlcia siruiiura di ialc oicrc.
AUM c conosio di irc lciicrc.
"A". - Prino Faggio, fuoco, asciio disiruiiorc dcl divino; olo nascolino, adrc,
siriio, voloni ; colorc occulio. rosso
"U". - Sccondo Faggio, Crisio, Figlio, anina, anorc viialc c rigcncraiorc,
coscicnza, asciio cosiruiiorc, olo fcnninino; colorc occulio. llcu;
"M". - Tcrzo Faggio, raorio ira i duc rcccdcnii asciii, Siriio Sanio,
iniclligcnza aiiiva cosnica, osiulaiorc dcllc lasi naicriali dcll'univcrso, olo
androgino;colorc occulio. vcrdc.
Piu scnliccncnic. i irc Logoi, i irc asciii dcll'assoluio; Padrc, Figliolo, Siriio
Sanio. Sc, quindi, icniano rcscnic cIc la crcazionc dcl sisicna solarc non si
risolvciic in un Princiio Crcaiorc, na si csicndc, ancora, sia ncllc ariicolc dcl
ncdcsino, cIc nclla gcncralii, conrcndcrcno qualc inorianza allia
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

54
qucsia Sacra Parola (lcggila alla franccsc. AUM OM}, cr cIi la ronunci, con
icna conrcnsionc dcl rollcna.
Fifaccianoci alla lczionc sciiina c considcriano quanio i sciic iani di
csisicnza, soliiancnic conosciuii c invcsiigaii dagli siudiosi, siano i sciic
soiioiani dcl Piano Fisico Cosnico.Il Terzo RaggIo, o Tcrzo Logos, con il
vilrarc dclla lciicra nagica "M", gconcirizz sull'cicrc fondancnialc cIc
cosiiiuiva c cosiiiuiscc la soiiosianic linca nagnciica in cui oggiano lc
csisicnzc di qucsio sciiino rcgno, c, in una lungIissina rogrcssionc,
inquadr, ncll'aiiualc icno c sazio, in nanifcsiazionc oggciiiva, lc ncdcsinc.
Confcri gli sccifici oicri ai Sciic Arcangcli davanii alla Soglia, i Sciic Logoi
Planciari, ognuno dci quali si occu c si occua dclla rcggcnza di uno dci
Piani. Suddivisc qucsii, singolarncnic, in sciic arii, dcicrninando cosi i 49
soiioiani dcl Piano Fisico Cosnico. Aarc il sisicna solarc, con lc suc lcggi in
aiio, con il Proosiio acna laluginaio, iangililc, visililc. Mancava, cr, la
viia; quclla siriiualc, quclla inicriorc.
Fu il Secondo RaggIo a rovvcdcrc alla lisogna. Progrcssivancnic, dallc sfcrc
sucriori, con il suono "U", la linfa dcll'Inncnsa Qucrcia raggiunsc lc radici
dclla nanifcsiazionc; i irc rcgni, cosiddciii clcncniali, vcnncro a vivificarc il
iano causalc, ovc risicdono, ora, gli cgo; il iano ncnialc, ovc gli cgo danno
forna inicllcgililc allc loro asirazioni urc; il iano asiralc (ncl suo asciio
divino}, ovc l'uono, conc cniii ricca di scniincnio c di cnozionc, si nanifcsia.
La Scconda Enanazionc, in gradualc crcsccndo, arriccIi di coscicnza c fccc,
quindi, icnancnic nanifcsiarc il nondo nincralc, qucllo vcgcialc, qucllo
aninalc. Ad Essa aaricngono, ancIc, il rcgno unano cd il rcgno siriiualc.
Sino all'coca lcnurica, dai 21 nilioni ai 15 nilioni c nczzo di anni fa, l'uono,
ur sc ricco dcl corrcdo di un coro fisico, di un coro dcllc cnozioni, di un
coro ncnialc concrcio sviluaio, nancava di una vcra c roria anina, cIc
gli sarcllc siaia daia, iraniic il sacrificio dci Signori di Vcncrc (il nuclco dclla
CcrarcIia Planciaria}, c l'inicrvcnio dirciio dcl PrImo Logos. L'csscnza viialc,
conc dicc uno dci Macsiri, si "innciallizz " ncl nondo nincralc,
dcicrninando la nasciia c l'ordinancnio dcllc aninc-gruo nincrali c
olarizzandonc l'aiicnzionc cvoluiiva, sin da allora, sul iano cicrico, si cIc,
alla finc di lungIi cicli, iraniic l'aiiriio coniinuo sugli aioni uliini, cosiiiucnii
la lasc organica dcl rino c iu alio siraio cicrico fisico-dcnso, sc nc
csirasscro dci canioni-sinicsi, da far dcfluirc nclla succcssiva incarnazionc
alla nincralc. la vcgcialc. Qui, l'aiicnzionc dcll'csscnza viialc, fu rivolia, conc
iuiiora, alla vilrazionc asiralc, alla scnsazionc. Cli aioni uliini cicrici,
rovcnicnii dal rcgno infcriorc, si unirono ai canioni dcgli aioni uliini asirali,
cIc avcvano rcsisiiio alla rcssionc iniziaioria ncl rcgno vcgcialc. AncIc in
qucsio rcgno csisiono lc cosiddciic aninc-gruo. lc quali sono, alla fin finc,
cr non dilungarci in sicgazioni csoicricIc, lc faniglic, lc sccic dcsunilili dai
iraiiaii loianici. Tali duc aioni uliini, condoiii dall'csscnza viialc, o nonadica,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

55
cIc alcggiava su di loro, ncllo sfondo dclla Prina Enanazionc, si inncsiarono
ncl rcgno aninalc, cIc, conc gli occuliisii sanno, non ossicdc una
individualii singola auioconsacvolc dcl fuiuro, nci singoli clcncnii cIc lo
conongono. Cli aninali osscggono coro, dcsidcrio cd un larlunc di
iniclligcnza concrcia. Essi si dividono in "zonc scaraiivc", cIc raccIiudono,
ognuna, svariaiissini clcncnii. E vcdiano lc razzc, i iii, i soiioiii. Fino ad
arrivarc agli aninali doncsiici, cIc sono l'ancllo di congiunzionc dirciio ira
l'uono, loro fuiuro rcgno, c gli aninali fcroci. In ialc cano, la Pnu
Enunuzonc uttcsc cIc g uton utn, o u ucutt ccncnt dc coo ncntuc
conccto, nctu d suuo dcg unnu, suIssco u nussnu cuouzonc.
Un'cnonc sntu u tuc occsso u dutu, o ctuno, duuntc 'cocu cnucu,
du'nusso nugnctco oucncntc duc Potcnt Induduutu Vcnusunc,
nsctcs nc'uuu dcu nostu tcu. In un tno contnuutuo, c unnc-guo
unnu uono suddusc, sngouzzutc, no u quundo s cucnnc ud unu
soddsuccntc nottudnc d cssc, quu osscdcuuno quc tc uton utn (uno
ctcco, uno ustuc, uno ncntuc conccto), snconzzut n nodo dcnto tu d
oo, tunto du oc ug Angc Sou n uttcsu un soddsuccntc cdstuo uu
uoontu dc oo sto d ncunus. Ento n nuncstuzonc Prino Faggio; la
lciicra nagica "A" vcnnc faiia vilrarc, c l'uono-aninalc, invccc di iornarc a
diluirsi, alla sua noric, ncll'"anina gruo" risciiiva, arriccIcndo la conunc
cscricnza dcgli clcncnii singoli cIc la cononcvano, con la sua, rinasc in
aiicsa dcll'individualizzazionc.
La iraiiazionc csoicrica rioria cIc csisiono scssania niliardi di Monadi; Essc
risicdono, cr la siragrandc naggioranza, ncl sccondo, a coninciarc dall'alio,
dci sciic nondi conosciuii. Trc niliardi c nczzo circa, ora, si irovano in aiiivii
rcincarnaiiva sulla icrra. Pcr giungcrc in sinionia coscicnic con il iano dclla
suliciiivii, o dci irc nondi dclla nanifcsiazionc (l'cicrico-dcnso, l'asiralc, il
ncnialc concrcio}, lc Monadi, con l'aiuio dirciio dcllc coorii angclicIc,
ricicrono, ncl nininun, la Crandc Ocra Magica dcl loro Ccniiorc Divino.
Una in csscnza, la Monadc, o Siriio, nanifcsia il Suo Faggio di Voloni ura c
si inadroniscc di un aiono uliino dcl iano a sc soiiosianic. il icrzo - a
coninciarc dall'alio; nanifcsia l'asciio anorc, o dcsidcrio, c si inadroniscc
dcll'aiono uliino dcl sccondo iano a sc soiiosianic; nanifcsia l'asciio di
iniclligcnza aiiiva c si fissa alla aric sucriorc dcl iano ncnialc, il quinio
dall'alio, cioc il iano causalc, inadroncndosi di uno di qucgli aioni uliini c,
cosi, crcando, a sua volia, una iriadc di aioni uliini, rorio conc fccc l'uono
aninalc, giu, duranic iuiia l'coca dcl suo lalorioso faiicarc. Qucsii duc
asciii dcl Divino, si inicndc, sono guidaii, cr l'inicra loro aiiivii, dal
corollario dcllc Poicnzc AngclicIc. Ecco quindi, riuniic c frcncnii, in aiicsa di
congiungcrsi, la Triadc Sucriorc c la Triadc Infcriorc.
La Monadc Ia scclio, quindi, il suo vcicolo; Ia scguiio qucsii aioni sccifici, c
solo qucsii, sino a quando, riuniii in un anlulacro vivcnic di aninalc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

56
iniclligcnic, non aiicndono aliro cIc l'inncsio dclla viia sucriorc. E
l'individualizzazionc avvicnc, sul iano ncnialc. Ecco la ragionc cr la qualc i
Signori di Vcncrc, i Cai dclla CcrarcIia, a cui gli sicssi Macsiri ollcdiscono,
sono cIianaii, ancIc, nclla vasia lciicraiura crsiana, indiana c di iuiic lc
rcligioni sioricIc. " Sgno dc Mcntuc". Fifaccndoci ad un cscnio nolio
fanigliarc agli cscrii in clciiricii, quando duc fili scocrii si uniscono
rovocano una zona di conflucnza di duc cncrgic. un corio circuiio. La Monadc
(scgucndo lo sicsso roccsso cIc si ricicr quando la oria dclla
individualizzazionc dcl rcgno aninalc sar riacria} "alcggiando" sull'uono
aninalc rcscclio, uni l'aiono uliino dcl suo icrzo asciio (iano causalc. il
iu lasso, dal suo unio di visia} con l'aiono uliino dcl suo rino asciio di
qucllo (iano ncnialc concrcio. il iu alio, dal sccondo unio di visia} c il
coniaiio rovoc il corio circuiio. E ialc zona nagnciica crcaia c cIianaia
'unnu, coo cuusuc.
Lc irc cnanazioni roscguono, iuiiora, il loro Lavoro Sucriorc; na, con la
crcazionc dcll'uono, all'coca lcnurica, fu raggiunia la nassina sullinazionc
dclla qualii divina dcl nosiro Logos. Sia all'uono, adcsso, con il roccsso
dcll'iniziazionc, riunirsi al Padrc, lc cui vilrazioni cicrnc, conc lc ondc di un
lagIciio incrcsaio da lrczza soiiilc, sono lc Monadi, indisiruiiilili; forna
sicssa di quclla Divinii Planciaria da cui dcrivano. Talc oria iniziaioria fu
acria, dal Fc dcl Mondo, alla nci dcll'coca ailaniidca c vcrr ricIiusa alla
rossina ronda lanciaria. Vcnnc, in qucll'csaiio isianic, scrraia, cr lungo
icno ancora c salvo ocIc cccczioni, la oria di individualizzazionc dcgli
aninali.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

57
- L21ON DC1MA -
I Sette RaggI (parte uItIma)
II corpo eterIco pIanetarIo ed umano: IeggI IondamentaII
II prana, o essenza unIversaIe unIversa
I cbakras, o centrI energetIcI umanI

Tralasciano voluiancnic, nclla rcscnic lczionc, di csicndcrc lo siudio dcl
vasio cano d'azionc cIc i Sciic Faggi Ianno, riguardo al nosiro iancia.
Traiicrcno solianio dcl loro raorio con il coro cicrico unano. In roosiio,
riicniano ooriuno rioriarc la frasc cIc un Adcio scrivc, in uno dci suoi
scriiii. "I Mucst s stuscono dc utto cIc dscco c g usunt cd uncIc g
nzut d un gudo ncoc cstno u oo uttcnzonc, unguncntc, ucccntuutu,
cd oo stud, su coo ustuc, c, nunco, su coo cuusuc, nc oo scttu
un. Mu dncntcIno d studuc coo ctcco".
E noi cIiariano il crcIc . in rino luogo, c lo alliano gi visio
rcccdcnicncnic, cssi sono, con il rcgno dclla viia oggciiiva, i cosiddciii irc
nondi ovc si svolgc l'cscricnza ancora infaniilc dclla rcincarnazionc; c, a iuiii
gli cffciii, sia iccnico-csoicrici, cIc noralisiici, il rcgno dclla vcra Maicria.
Mcnirc, invccc, il coro cicrico dcll'uono, franncnio dcl coro cicrico
lanciario c solarc, lo collcga, dirciiancnic, sucrando i irc infcriori, ai quaiiro
cani sucriori Eicrico-Cosnici, dci sciic, sino ad ora, da noi analizzaii. Qucsii
quaiiro iani collcgano l'uono, a loro volia, ai rini quaiiro Divini Piani
Cosnici. Si iraiia, alla fin finc, di saliarc la ozzangIcra, scnza inzaccIcrarsi i
calzoni. La lciicraiura csoicrica assaia Ia non solianio irascuraio il coro
cicrico, ricnicndo voluni sullc cscricnzc nci irc nondi (cosa inorianic, na
non csscnzialc}, na Ia invcsiigaio la naiura dci colori occulii c dci unii
ncvralgici dcl coro cicrico, con uro siriio conicnlaiivo, scnza cncirarnc la
raiicissina uiilii, ai fini dcl raggiungcrc la ncia cr cui csso fu vcrancnic
crcaio.
I irc siaii dclla naicria cIc la scicnza conoscc (sodo, qudo, gussoso}, c cIc
conongono l'aggrcgaio di iuiic lc lasi scrincniali nci laloraiori di cIinica,
di fisica, di ncdicina, rcludono a qualcIc cosa di cncrgciico, cIc soiiosi ad
cssi. La ncdcsina siruiiura aionica, al giorno d'oggi, non c rovaia
raiicancnic, c ci crcIc l'aarcccIiaiura siruncniologica non c caacc di
fissarc, alla lucc dcl icno c dcllo sazio soliii, l'inncnsancnic iccolo aiono,
con i suoi roioni, ncuironi cd clciironi. Sono la dcduzionc icorica c lc iraccc
aionicIc cIc crnciiono allo scicnziaio di crvcnirc ai nuclci iu rarcfaiii cIc
conongono la naicria. Conunquc, gi, agli occIi di qualcIc siudioso iniuiiivo
sia affiorando la rcali di un cano invisililc, na coordinaio in rcgolc c in lcggi
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

58
ancI'csso, il qualc non gi dcrivi, conc ncllia dalla aludc, dall'aiiivii
sonianca dci irc siaii dclla naicria, na li condizioni c li gcncri, in nodo
incluiialilc. E rofczia dci Macsiri cIc, sin dalla finc dcl sccolo rcscnic, si
coninccr a conosccrc il iano cicrico, riguardo al qualc non sono siaii coniaii
ncurc nuovi vocaloli d'idcniificazionc. Quindi, rcgIiano lo siudcnic di
accciiarc ci cIc dircno conc ioicsi aiicndililc, fino a quando cgli ncdcsino
non crvcrr a scorirlo di crsona.

- CORPO ETERICO -
- LeggI IondamentaII -
Ogni ariicclla dcll'asciio solido, liquido, gassoso, visii conc iuii'uno, c
galvanizzaia, condoiia, sorrciia da una corrisondcnic nassa invisililc di
cncrgia soiiosianic, iu clasiica c, crci, iu adaiia a cosiiiuirnc il soiiosiraio
viialc; 'nscnc d qucstc nussc c coo ctcco unctuo. Esso s dudc n
quutto gud d ucuzonc ogcssuu, tunto cIc, su oc, cIc u nontugnu,
cIc ogn uto ostuuto tungIc dc Punctu, osscdc suo coo ctcco, quuc
c unco cd ndssouIc, c tuttc c cononcnt dc ccuto.
Iniziano a siudiarc, dal unio di visia unano, ialc organisno soiiilissino c
viialc.
Ad occIio dcl cIiarovcggcnic, l'uono aarc "inguaniaio" da una lucc
fosforcsccnic, cIc si siaglia a circa cinquc ccniinciri dalla sua cllc; na, in
ogni caso, lo inicrrcia, inicgralncnic, sino allc iu iniinc sfunaiurc
dcll'aaraio visililc (lucc da non confondcrsi con '"uuu" luninosa dcgli aliri
organisni invisilili}. In ordinc riinico, sul coro cicrico sono osii
sciianiasciic unii ncvralgici di cncrgia frcncnic, csaiiancnic l, ovc l'cncrgia
dcl iu vasio llocco lanciario vi si uniscc, cr dcicrninarc lc funzioni viiali
alla liologia organica. La iu o ncno avanzaia cvoluzionc dcll'uono fa si cIc i
suddciii voriici (o cIalras, in linguaggio indiano}, siano soiii, acna
risvcgliaii o, addiriiiura slcndcnii; quindi, oriaiori dci rclaiivi oicri occulii
innaii, cIc da cssi dcrivano. Vi sono 49 cIalras infcriori, 21 ninori c 7
naggiori. Di qucsii uliini, noi ci occucrcno, oicIc gli aliri riguardano
unicancnic cIi si voglia sccializzarc ncl rano. Sono, difaiii, il rciaggio
cvoluiivo cIc noi conscrviano, fruiio dcll'cscricnza dcl sisicna solarc assaio.
Cinquc di cssi sono visilili, a duc ollici di disianza, lungo la sina dorsalc di
ognuno di noi; irc, si irovano nclla icsia.
Conc il ccrvcllo c diviso in divcrsc zonc di conando, lc quali si occuano di
una dcicrninaia c diffcrcnic funzionc csscnzialc, nci riguardi dcll'inicro
aaraio ncrvoso dcll'individuo, ianio cIc alliano la zona dcll'aciiio,
l'croiogcna, l'inicllciiualc, c cosi via, c ianio cIc, sc nc lcdiano una, ccsscr la
fanc, la scic, si crvcrr all'idiozia, cosi i sciic unii occulii, alla ncdia
unanii, sono lcgaii ad alirciianic funzioni gIiandolari dcll'individuo.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

59
Il coro cicrico si dividc in irc arii. l'involucro roriancnic dciio, la sua
conosizionc di nilioni c nilioni di scgncnii cncrgciici (cIianaii "nuds", o
condott utu, dall'aniicIissina lciicraiura indiana} c l'csscnza viialc cIc scorrc
aiiravcrso di csso, arona sosianzialc dcll'anio TUTTO. I culiori
riconosccranno in qucsia csscnza viialc il "rana", cIc iania inorianza Ia
nclla scicnza dclla rcsirazionc indiana. Dal unio di viia liologico, il coo
ctcco, ouncntc dctto, Iu u suu nutcuzzuzonc nc'ogunctu nctc
dc'uono; nuds, s oggcttuuno ncu ncuugosu concsstu dc sstcnu
ncuoso; unu Iu u suu cosondcnzu nutcuc ncu cocntc sungugnu.
Lcggcndo la dcscrizionc di iali aaraii, naggiorncnic cr quanio si rifcriscc ai
cIalras, nolia lucc vcrr faiia nclla ncnic dcllo siudcnic cIc si inicrcssi dci
vari nciodi di guarigionc csoicrica, quali, ad cscnio, l'agouniura cincsc.
CIi allia una ccria cscricnza in ncdicina sa quanio il sisicna glandolarc sia
inorianic allo sviluo dcll'individuo, in scno alla socici . Non solo la saluic
fisica dicndc da un arnonioso sisicna cndocrino, na, ancIc, la sicIica c la
noralc.
Ora, ognuno dci sciic naggiori unii ncvralgici occulii si nanifcsia c si
csrinc, naicrialncnic, aiiravcrso una dcllc gIiandolc iu inorianii. E, dalla
gIiandola, csicndc la sua noia doninanic a iuiio l'insicnc dcgli organi cIc
quclla conanda. Il raorio ira il cIalra c i irc cori soiiili dcll'uono, in iu o
ncno sinionica fusionc con l'anina, influcnza i liquidi ornonici (sccrczionc
glandolarc}, i quali, aiiravcrso il sanguc, raggiungono il sisicna ncrvoso c
l'organico, crnciicndo all'uono di nanifcsiarsi ncl nondo, sia conc gcnio, sia
conc idioia. Elcna Pcirowna Dlavaisly dicc, a roosiio, cIc la diffcrcnza ira
un uono dcll'ci dclla icira c ira un Macsiro di Saggczza - sc considcriano,
ancIc, lc causali di rofondo ordinc nciafisico - sianno, iuiic, ncl loro divcrso
sisicna cndocrino.
Ma, non dincniicIianoci dci raorii sirciiancnic occulii cIc l'individuo u
oiicncrc quando cgli c adronc di ialc nagica conosccnza dcl cano; non solo
fruiii, quindi, di caraiicrc urancnic fisiologico. La icna coscicnza
dcll'csisicnza dcl rorio Macsiro di Faggio la si oiiicnc, ad cscnio,
risvcgliando i ccniri sucriori al diafranna c "iraiiando" uno sccifico di cssi.
- I Pno Huggo, ucntc du Vucuno, s uncou nc ccnto uu sonntu dc cuo,
nutcuzzuto, ocI ccntnct n Iusso, ncu gundou ncuc. Lu Monudc,
uttuucso sututnu, o o d utu, dstIuscc c suc cncgc du qucsto unto;
c tutto sstcnu ncuoso ccntuc dcndc duo stcsso uoto.

- Gouc, co suo nusso d Sccondo Huggo, s uncou nc'utono utno,
uccIuso nc ccnto tu c scuoc, o dc cuoc, quuc Iu u suu
cosondcnzu scu ncu gundou tno. Tuttu u zonu touccu dcndc du
cssu,, nu uncIc, c ncuncntc, 'ntcu ccouzonc sungugnu.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

60
- Sutuno, Tczo Huggo, donnu 'uono uttuucso ccnto osto dcto u gou,
c cnctu ncu suu stuttuu Ioogcu duu gIundou todcu, con csso
suu tucIcu c su IoncI.

- Qucsii sono i irc ccniri naggiori, ira iuiii. E vcngono risvcgliaii (rina il
cuorc, oi la gola, oi la icsia} allc irc rinc iniziazioni daic dalla CcrarcIia
Dianca; ci, confcriscc all'iniziaio un raorio coscicnic con la CcrarcIia
(ccniro dcl cuorc dcl Logos Planciario}; con l'Unanii, in scnso laio c
siriiualc (ccniro dclla gola dcl Logos Planciario}; c con lc individualii
Divinc di SIanlalla c Massinc Auiorii dclla sicssa CcrarcIia (ccniro dclla
icsia dcl Logos Planciario}.

- Mccuo, uuto Huggo, cu otcc ccnuIc cucnc u'uono
dcttuncntc u ccnto osto uu Iusc dcu snu dosuc, , douc gucc
(sonncccIuntc c uuuoto ncc suc sc) uoco occuto cIunuto "kundaIInI"
c cIc, irasfornaio da scrcnic cIc siriscia nclla olvcrc, in scrcnic cIc
crgc il cao, vcrso la lucc dclla conosccnza, fa, dcl scnlicc uono, un
Adcio Dianco, quando cgli lo allia, in rogrcssionc riinica, faiio salirc,
sinlolicancnic, sul cao, c irasfornaia la sua naiura infcriorc in sucriorc.
Qucsio cIalra si naicrializza ncllc suc glandolc surrcnali.

- Vcncc, unto Huggo. I cIuIu cosondcntc c osto tu c duc souccgu
(ccco, sucuto ccIc g ndun d cussc ustocutcu, n quc'csutto unto,
tuccuno un scgno u nuttu). L'os c u gundou cIc nc u uc c cncgc
su uno sco.

- Ncttuno, Scsto Huggo. ucsto cIuIu, cIunuto csso souc, c osto ungo u
snu dosuc, quus u nczzu studu d cssu. E 'unco cIc scu c ozc sotto
duunnu, du qucc suco. E coo ustuc touu sIocco dctto, ncc
suc csscnzc utu, du qucsto "oo d'usctu". Lu gundou cosondcntc c
unccus c g ogun ud cssu cgut sono o stonuco, cguto, 'uuuto
ntcstnuc.

- Uuno, Scttno Huggo. I cIuIu cosondcntc c coocuto suu coonnu
uctcIuc ctccu, u'utczzu dc onI c s cttc ncc gundoc gcntu,
occuundos dcu nutuu scssuuc dc'uono.


V'c un ulicriorc unio occulio, ira gli inorianii, cIc, cr, cosiiiuiscc il
ricciiacolo dall'csicrno c il diranaiorc agli aliri di iuiia l'cncrgia cIc galvanizza
il coro cicrico. Esso c osio all'aliczza dclla nilza, cd c cIianaio ccniro
slcnico.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

61
Pcr finirc, indicIiano il cIalra dclla ncdulla (qucl iraiio di nidollo sinalc cIc
collcga lo sazio ira la rina vcriclra sucriorc cd il ccrvcllo}, cIc vicnc
cIianaio la "Docca dcll'Encrgia" cr il raorio cIc Ia con lc Forzc Univcrsali.
Si irova all'aliczza dclla rina vcriclra sucriorc, acna soiio il cIalra dclla
gola.
Annoiiano un ariicolarc cIc, soliiancnic, vicnc irascuraio dallo siudioso. Sia
ncllc ncdiiazioni cIc alliano cr oggciio la visualizzazionc dci cIalras, sia
ncll'adocrarc la Sosianza Cosnica cIc rivcrlcra in cssi, c uiilc sacrc cIc
ogni sforzo, in ial scnso, vicnc, inizialncnic, faiio su di una aric dcl coro
cicrico cIc non c il cIalra sccifico, na il suo rivcsiincnio c la sua roiczionc.
Difaiii, il coro cicrico scara l'uono "dcnso" dai iani soiiili cIc csisiono, a
ariirc da qucllo asiralc. E si avvalc, in ci, di un ariicolarc iio di sosianza,
cosiiiuiia da un fiiio aggloncraio di aioni uliini cicrici, nisio a gas soiiili.
Talc "rcic" c cIianaia. "utonco-ctccu". Essa non si liniia a roicggcrc
l'organisno nagnciico-dcnso dcll'uono, in scnso gcncralc, dai Piani Sucriori
(cIc, quando non sono crcciii c adocraii, in nodo lincarc, divcngono
cricolosi}, na, scara cIalra da cIalra, con lincc cosiiiuiic in nanicra nolio
arnoniosa, si cIc, cr inadronirsi coniuiancnic dcllc facoli di un cIalra,
lisogna disiruggcrc ialc involucro. Scsso gli siudiosi confondono la rcic
aionico-cicrica, c lc scnsazioni cculiari cIc cssa d al coniaiio clciirico dclla
roria voloni, con i cIalras. Soiiilc c la disiinzionc ira il cIalra cd il suo
rivcsiincnio roiciiivo-cicrico, cd c ncccssario cIc lc roric facoli risvcgliaic
saiano farla. A ci, si crvcrr con la raiica c con la rudcnza.
La nosira, uriroo, liniiaia dcscrizionc non sarcllc conlcia sc non
aggiungcssino duc ariicolari. Cioc, cIc allo siudcnic non sfugga la ossililii
di iniuirc quanio inncnso sia ialc cano di riccrca, il qualc assonna in sc i
rcscnii argoncnii. nzuzonc, guugonc csotccu, ustoogu csotccu,
tccutu, stuttuu dcu GcucIu Occutu Souc, n uoto u Punctu cd
u'nncsto cIc u ncdcsnu GcucIu uo uucc nc'ogunctu uuu d ogn
unnu; uoto nctusco con oo Mucsto d Huggo; Icuzonc du gogo
cncunutuo. Possiano aragonarc l'uono ad una iccola ccniralc iclcfonica,
in cui sono allacciaii dcgli sinoiii di collcgancnio. Sc cgli fa asccndcrc lc
cncrgic viiali, da soiio il suo diafranna, c lc "aggancia" c qucllc sora il
diafranna, in fasc gradualc, crvcrr allc iniziazioni cd alla lcaiiiudinc
incsrinililc cIc circonda i Macsiri. Lc csscnzc dcl cIalra lonlarc (o scssuali}
dcllono csscrc faiic dcfluirc ncl cIalra dclla gola. E il scsso, qualc c
conuncncnic conosciuio (rollcna, a volic, nolio acuio cr gli asiranii
disccoli} vcrr irasfornaio in radianza ariisiica c fuoco csiciico; qucllc dcl
lcsso solarc, cIc, quando sono lc iu viiali, rcndono l'individuo olarizzaio
nclla roria insialilc cnoiivii c ncl rorio cgoisno oscuro, dovranno vcnir
faiic assurgcrc al ccniro dcl cuorc, cd, ivi, sialilizzaic. La coscicnza singola si
irasforncr, allora, in coscicnza di gruo. L'anorc crsonalc, in anorc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

62
univcrsalc. E lc cncrgic alla lasc dclla sina dorsalc, da qucl ccniro, al ccniro
dclla icsia; c irasforncranno l'uono, urancnic naicrialc, in giganic
siriiualc; ovc, cr siriiualc, inicndiano Adcio c Padronc dcllc forzc nci irc
nondi.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

63
NOTA AGG1UNTA

Diano l'clcnco, cr ura conosccnza dcllo siudcnic, dci 21 ccniri ninori. Con i
49 ccniri, ancora iu iccoli, cd i 7 naggiori si raggiungc la cifra crfciia dcl
nuncro 77.
Fanncniiano cIc ogni ccniro c in dirciio raorio con una CcrarcIia Occulia
dci Poicri. I ccniri infcriori si riassonnano nci ninori; qucsii, nci naggiori; cd i
naggiori, ncl cIalra lraInaranda, alla sonnii dcl cao. PoicIc csisiono
oicri occulii dcll'involuzionc c dcll'cvoluzionc, l'csoicrisno avvisa lo siudcnic
di non adocrarc, nci suoi cscrincnii sui cIalras, quclli collcgaii a sfcrc di
viia cIc non aaricngono alla solarc c, ira i naggiori, lo cduca a fargli
acquisiarc la adronanza dcl ccniro alla sonnii dcl cao.

ELENCO DEI 21 CENTRI ETERICI MINORI

1. Duc,davanii agli orcccIi, vicino al unio dovc si riuniscono lc ossa
nasccllari.
2. Duc, suliio al di sora dci scni.
3. Uno, ncl unio in cui si uniscono lc ossa dcl ioracc, rcsso la glandola
iiroidc. Qucsio ccniro c i duc rcccdcnii fornano un iriangolo di forza.
4. Duc, ncllc nani; uno cr ciascun alno.
5. Duc, nci icdi; uno cr ciascuna iania.
6. Duc, inncdiaiancnic diciro gli occIi.
7. Duc, conncssi con lc gonadi.
8. Uno, vicino al fcgaio.
9. Uno, conncsso con lo sionaco. Qucsio ccniro c in raorio col lcsso
solarc, ur non idcniificandosi con csso.
10. Duc, conncssi con la nilza. In rcali, csscndo sovraosii l'uno all'aliro,
cssi fornano un solo ccniro.
11. Duc, diciro i ginoccIi.
12. Un ccniro oicnic c sirciiancnic conncsso con il ncrvo vago. Talc c la
sua forza, cIc csso vicnc considcraio da alcunc scuolc di csoicrisno, conc
uno dci ccniri naggiori. Esso non c siiuaio lungo la sina dorsalc, na si
irova vicino al iino.
13. Uno c vicino al lcsso solarc c lo collcga con il ccniro alla lasc dclla
sina dorsalc, fornando cosi un iriangolo, i cui vcriici sono cosiiiuiii dal
ccniro sacralc, dal lcsso solarc c dal ccniro alla lasc dclla colonna
vcriclralc. Qucsii duc iriangoli di forza cui si c acccnnaio sono di grandc
inorianza. Uno c al di sora c l'aliro al di soiio dcl diafranna.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

64
- L21ON UND1CS1MA -
La GerarcbIa BIanca pIanetarIa
I RaggI dI Aspetto, e dI AttrIbuto

Prina di dclincarc alla ncnic dcllo siudioso la ncravigliosa siruiiura divina di
quclla cIc c cIianaia la CcrarcIia dcllc Forzc Planciaric, c d'uoo ricordarc
cIc qucsi'uliina c la rosccuzionc dirciia dci Dirigcnii Poicri Solari, a loro
volia canali dcllc forzc rovcnicnii dalla siclla Sirio, localii cosnica dalla qualc
dcrivano lc lcggi iu inncdiaic, a cui si adcgua il riino dcll'inicro nosiro
Sisicna Solarc.
Crandi forzc, codcsic, cIc, dalla ncnic, oriaia ad un csircno grado di
rarcfazionc siriiualc, dci sonni Iniziaii vcngono riccvuic conc inrcssioni
iniraducilili in gcrgo naicrialc; na cIc inquadrano c incascllano, in una
inscindililc unii di ncic, iuiic lc cvoluzioni, in scnso noliclicc c singolo,
oggciiivaic nclla anoranica dclla Fcali circosianic. E lciicralncnic vcro cIc
"non cuscu ogu cIc Do non uogu". Sc ci cIiniano a raccaiiarc una iciruzza
cr la sirada, con la crcczionc dcll'insiancalilc lavorio occulio dclla CcrarcIia
Dianca, vcdrcno, in cssa, vilrarc lc sicssc lcggi saiurc, non solo di un anorc
infiniio, na, ancIc, di una saggia c razionalc alicazionc, ncl nosiro caso, dci
rincii cIc iuiclano, urc, il iu vasio assicnc cIc circonda la iciruzza,
aarcnicncnic aric insignificanic di csso. lo sviluo dcll'auiocoscicnza c,
quindi, a lungo andarc, la caacii dcll'auiogovcrno c dclla gioia ura
dcll'assoluia crcazionc. Ci cr dinosirarc quanio vasio c conlcio sia il
cano di lavoro dclla CcrarcIia Dianca, raorio ira Dio c uono, na all'occIio
dcll'Iniziaio, rivclanicsi, alla finc, conc Dio sicsso. Solo l'infuocaia iniuizionc
dci rivilcgiaii siudcnii dcllc nosirc Lczioni, cIc uniscano ad un uro c linido
nisiicisno, sorgcnic in nodo dirciio dal sorriso dcl loro Dio Inicriorc, un sano
luon scnso, oir rivclarc l'csisicnza dcllo sirciio scniicro cIc allaccia l'infiniia
naiura dcll'ocraio CcrarcIico, alla finiia naiura dcllc fornc in cui csso si
svolgc.
Conc il sanguc circola ncl nosiro aaraio organico, oriando viia c
crnciicndo lc funzioni di ogni suo ncnlro, sino allc iu iccolc ccllulc, cosi
l'Anina Ccniralc dcl nosiro Piancia iuicla c vigila, con lc dcliic roorzioni, il
fascio dcllc lincc cvoluiivc cIc vi si svolgono. Si c aliiuaii cIianarla. Logos
Punctuo, na il nonc cIc lc si vuol darc non Ia inorianza. CIc ci si rifcrisca
ad Essa usando vocaloli dcl gcncrc di. AllaI, Dio, Assoluio, il concciio rinanc
scnrc lo sicsso. L'Eniii Planciaria c Una, c, cr quanio riguarda noi,
circoscriiii nclla sua Aura, il nassino vcriicc di saggczza, oicrc, anorc a cui
uono ossa rivolgcrsi. Scguc, ancI'Essa, un Suo rcordinaio ciclo cvoluiivo,
conc, d'alirondc, qualunquc forna nanifcsia, o innanifcsia. E, ancI'Essa,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

65
soiioosia alla lcggc dcll'cicrno divcnirc, ai cicli di csrcssionc visililc, c a
quclli invisilili. Sia a noi, iraniic i nciodi dclla riccrca dirciia c dcll'cscricnza
indiscuiililc, convalidaia dalla ccriczza dcl nosiro Sc Sucriorc, cncirarc
ncll'csscnza dclla sua iu iniina Naiura c rioriarc alla sucrficic dcl rilollcnic
narc dcllc fornc lc squisiic crlc di rivclazionc cIc la riccrca csoicrica ci Ia
crncsso di affcrrarc. In ci, la ura c scnlicc indicazionc, c nulla di iu,
dcllc Aninc-Cuida di qucsia cvoluzionc, cIianaic, aliiualncnic, Macsiri, ci
scrvc di incalcolalilc ausilio. Ma, non crdiano nai di visia l'onogcncii ncl
noliclicc. l'Uno, cIc si nanifcsia aiiravcrso i nolii, scnza cadcrc nclla
rofanazionc dclla scaraiivii . Il nosiro Logos Planciario c una Viia con iuiic
lc viic cIc fornano l'cvoluzionc sul nosiro Piancia. Assicnc ad aliri quaiiro
Piancii, gi ncnzionaii ncllc lczioni rcccdcnii, c dcsiinaio, in fuiuro, a
fornarc, con i sciic Piancii Sacri dcl Sisicna Souc, c dodc Costcuzon
Zoducu d un tno cosnco n cscssonc. Qucsia, la ragionc cr cui i dodici
Piancii collalorano, in nanicra si sirciia c sovrunana, all'aiiuazionc dci
Discgni dclla loro Siclla Ccniralc c Macsiro. il Logos Solarc. Qucsia, ancIc, la
ragionc cr la qualc, rorio da Vcncrc, giunscro sulla Tcrra, circa vcnii nilioni
di anni fa, alcuni Poicri incarnaii, in forna unana, cIc, sino ad ora c sino a
quando durcr la Sua cvoluzionc, rcggono lc sorii dclla ncdcsina. Nci iraiiaii
sullc rcligioni nondiali si fa sovcnic ncnzionc di Loro; la Doiirina Scgrcia lasa
il fulcro dcllc suc vasic cognizioni culiurali su ialc rinordialc Nocciolo Divino.
E, ancIc qui, osscrvcrcno il ricicrsi dclla naicnaiica c dclla gconciria
univcrsalc, o, sc vogliano, la risonanza dclla nusica dcllc sfcrc.
In un luogo facilncnic rccrililc sugli ailanii gcografici, c, cioc, ncl dcscrio di
Coli, cclaia agli occIi dcl rofano, crcIc nanifcsia solo sui corrisondcnii
cicri invisilili, risicdc, dal rino noncnio dcl Suo avvcnio, la CcrarcIia
Ccniralc dcgli ordini iuiclari divini. Sciic indcfinilili Fiannc Onniosscnii,
cIianaic i Scttc Kunuu (Vcgn ]u cccuto|}, icngono, ira lc Loro Palnc, sinilc
a loccio rofunaio, il loio dcl nosiro Piancia. Uno di cssi, il iu grandc, il
Macsiro dcgli aliri sci, c il Fc dcl Mondo, in scnso occulio. Il raorio cIc
assa ira la Monadc c l'Anina di ogni individuo c qucllo cIc assa ira il Fc dcl
Mondo cd il Logos Planciario. Dcicrninaic forzc cira lanciaric, dall'csicrno,
sono da lui accolic, inscriic, quindi, diranaic, aiiravcrso gli aliri sci Suoi
Fraiclli Divini, sulla c nclla Tcrra. La Sua forna c, sinlolicancnic, na, ancIc,
figuraiancnic, arlando, di un giovinciio di 16 anni. "11 G1ov1ne11o do11e
Sed1o1 Pr1movere", conc c cIianaio, dall'originc dci icni. La Sua rcscnza
univcrsalc fa si cIc la gcnna slocci sull'allcro c cIc il nonic, grazic alla forza
dclla gravii (asciio iangililc dclla Sua voloni } rinanga allarlicaio sul
icrriiorio cIc donina, invccc di diluirsi c olvcrizzarsi ncl cosno. Suo voio c di
rinancrc con gli aliri Sci Fraiclli, in sinilc nanifcsiazionc, "sno u quundo
'utno stunco ccgno non suu tonuto uu Cusu dc Pudc". In ci,
rifcrcndosi agli sicssi aioni - gli siancIi cllcgrini - cIc conongono la sinfonia
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

66
dclla siruiiura lasilarc dcllc cosc visilili c invisilili. CIc dirc ancora dcl Fc dcl
Mondo, sc non cIc l'csiguii dclla rcscnic lczionc addolora la nosira ncnic,
crcIc non Cli rcndc, ncl voluio nodo, onaggio? Scriano cIc lo siudcnic
roscgua nclla riccrca c arriccIisca, ncl raccolio iniinisno di uno siudio
adaiio, la conosccnza dclla divina rcali di cui arliano. Il raorio cvoluiivo
cIc inicrcorrc ira il dilciio Ciovanc dallc Scdici Prinavcrc cd un Macsiro, c
qucllo cIc assa ira l'uliino cd un uono aninalc.
I Sciic Faggi cnananii dai Piancii Sacri irovano onic unico cd inncdiaio
nclla loro aiiivii icrrcsirc nci Sciic Dci di cui facciano ccnno. Ognuno di cssi
c collcgaio ad un Faggio c nc csrinc la indcscrivililc oicnza, all'inicrno
dcll'organisno dcl Logos Planciario. Da ial unio di visia, ossiano affcrnarc
cIc Essi, oranai loniani da ogni caicna ad innaginc aniroonorfica cIc
l'uono ossa, di roria iniziaiiva, farscnc, sono i Sciic Punii Occulii, o
CIalras, dcl Dio dcl nosiro Piancia. L'aura viva dcllc Loro azioni c SIunIuu,
nonc dclla localii occulia ncl dcscrio di Coli; alirincnii dciia la. "Cancra dcl
Concilio dcll'Aliissino". Indiscuiililncnic, ogni Macsiro Ia un raorio
quoiidiano con Loro. A scconda dcgli asciii Zodiacali, sar aiiivo uno o l'aliro
dci Kunara; grazic a Loro, la saicnza c lc iniziazioni dcgli sicssi Macsiri
furono daic. Hclcna Pcirowna Dlavaisly, ncl arlarc dcl Fc dcl Mondo, affcrna,
faccndosi iraniic di una inrorogalilc vcrii dci faiii, cIc Egli c la radicc
dcll'Allcro dclla Saicnza cIc, aiiravcrso i icni, allung rani c foglic in iuiic
lc cocIc sioricIc, rcndcndolc, volia cr volia, dcosiiaric di un ncssaggio
nuovo all'unanii .
Alliano arlaio, ncllc lczioni rcccdcnii, dcl Traiiaio dci Sciic Faggi, na non
sufficicnicncnic di alcuni dciiagli cIc riguardano qucsii uliini. Ci iroviano
cosirciii, adcsso, ad aggiungcrc qualcIc nozionc criincnic.
Pur csscndo, iali lincc cvoluiivc, idcniicIc, soiio il unio di visia dci valori dcllc
Loro risciiivc naiurc c qualii, ai fini dcll'cvoluzionc dcl nosiro ariicolarc
Sisicna Solarc, i Faggi si dividono in duc sciiori.

uc d Aspe11o, o cttuncntc nuscon, c sono dctt nuggo. I Pno,
Sccondo cd Tczo.
uc d A11r1bu1o, o cnnnn, cIc s dununo, n nodo dctto, du Tczo;
c sono uuto, unto, Scsto cd Scttno.

AncIc, quindi, l'organico dclla nosira CcrarcIia scguc qucsia fasc. Difaiii,
quando, dalla rarcfaiia ainosfcra dclla ardcnic Cancra dcl Concilio di
SIanlalla, noi disccndiano ncll'alira, iu acaia, na, diciano cosi, iu
iangililc, dclla CcrarcIia vcra c roria, noiiano, suliio, l'adcguancnio al
riino iu fornalc c iu unano dci Faggi, conc sono siaii adcsso qualificaii. La
voloni, l'anorc c l'iniclligcnza aiiiva, c la loro concrciizzazionc inncdiaia, cIc
sono la naicria, lo siriio cd il raorio cocrcnic ira i duc, ncl vasio cano
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

67
dcll'cvoluzionc, non solianio unano, na, ancIc, dcgli aliri rcgni cIc si
allincano a qucsii, vcngono disiriluiii dal Fc dcl Mondo, soiio forna dci Trc
Faggi rinciali, scaraiancnic, c, urc, in un' unica fusionc di accordi, a irc
grandi Pcrsonalii, noioriancnic conosciuii soiio il nonc dcl Man, deI
CrIsto, deI Maba Cboban.
I Mon, ncunuzonc dc Pno Huggo. Talc sosianiivo, cIc risalc, in originc,
alla lingua sanscriia, c l'aiiriluio cIc vicnc daio al oicrc individualizzaio cIc,
ncll'ordinancnio dclla CcrarcIia, si occua dcll'cvoluzionc sccifica di ogni
Fazza unana, dall'inizio alla finc. E, lciicralncnic, il rogcniiorc siriiualc
dclla ncdcsina; nc scguc lo sviluo, nc fissa i iii, dal laio fisico c dal laio
anlicnialc. Dcicrnina quci nuiancnii dclla siruiiura gcografica iu adaiii
allo sviluo csicrno dclla Fazza da Lui lasnaia. Il Manu dclla quinia Fazza,
l'aiiualc, c conosciuio soiio il nonc di Vaivasvaia. La oliiica cd i govcrni sono
sorrciii dall'isirazionc cosianic di ialc Crandc Esscrc. Difaiii, il Suo c, ancIc,
cIianaio il Diariincnio dclla oliiica.
Cr1s1o, Incunuzonc dc Sccondo Huggo, il Macsiro dclla CcrarcIia Dianca,
Cuida dcllo siraio siriiualc, cIc inizia dallc roaggini di SIanlalla c
roscguc, dirciiancnic, fino a noi. Il Macsiro dcgli Adcii. Duranic ogni Fazza
Madrc, c cr la duraia di una sola di cssc, Egli, in sirciia collalorazionc con il
Suo Fraicllo di Prino Faggio, scguc cd alincnia, ncll'anina unana, il laio
siriiualc; l'inclrianic rofuno dcl Suo aliio divino risvcglia, lcniancnic, in
ogni coscicnza la ccriczza di csscrc, a sua volia, naia da Dio. L'iniclligcnza, la
culiura, la sicIc dcll'uono dclla razza, grazic a Lui, isiiniivancnic c scnza un
aarcnic coniaiio dirciio, sinilc al girasolc, volgono la corolla inicrna vcrso la
luninosa siclla dcl divino. E scriiio cIc Crisio, la Cuida dclla nosira aiiualc
Fazza, alla finc di qucsio sccolo iorncr a nanifcsiarsi visililncnic sulla icrra,
conc fccc ducnila anni or sono. Il sciiorc dcllc rcligioni, la nasciia di cssc c lo
sviluo dcllc ncdcsinc, iuiio dicndc dall'azionc saggia dcl Crisio.
I Moo Coon, Incunuzonc dc Tczo Huggo (MaIa grandc - CIoIan
Siriio Cuida}, rarcscnia, invccc, dal unio di visia dclla coscicnza unana, il
raorio vivo cIc inicrcorrc ira l'Esscrc c il non Esscrc, la forna c la sosianza.
Ecco crcIc vicnc cIianaio il Signorc dclla civili, la qualc c, cIiarancnic, il
fruiio cIc nascc dall'inconiro ira lo siriio di una razza c l'anlicnic in cui la
ncdcsina si irova a vivcrc.

Uno c Dio c irc lc Suc nanifcsiazioni. Uno, il Sanai Kunara c irc lc Suc
nanifcsiazioni. il Manu Vaivasvaia, Crisio, il MaIa CIoIan. Conc avrcic
oiuio iniuirc, sia lo sirciio lcganc cIc inicrcorrc ira qucsic irc sonnc
Pcrsonalii, cIc il raggio d'azionc dcllc ncdcsinc, c ianio scrraio, da una
aric, quanio vasio, dall'alira, da cosiringcrli a crccirli solo sul iano,
urancnic, dclla nagia univcrsalc. E dicc un Macsiro. ".... duliio cIc voi
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

68
ossiaic rcndcrc, ncl laio vcrlalc, la rarcscniazionc csaiia dcllc sullini
rcali invisilili".
Uno c Dio, irc i Suoi asciii, sciic lc Suc naiurc. Ed ccco, quindi, giunio il
noncnio di arlarc dcllc sciic rinciali lincc cvoluiivc dcl nosiro Piancia,
rarcscniaic dal cano d'azionc c dall'aggrcgaio collciiivo di Aninc, o
disccoli, cIc dicndono dal coordinancnio ccniralc di sciic, dci sciiania,
circa, Adcii cIc, ncl cano ancor iu accosio all'unanii, nc dirigono
l'cvoluzionc. Parlarc dclla loro azionc c volcrnc rcsiringcrc l'aniczza al solo
nuclco unano c, in qucsio, alla linca urancnic nisiica, o, addiriiiura, far
dcosiiaric dcllc Loro rivclazioni solo alcunc Scuolc EsoicricIc, significa csscrc
nolio loniani dalla vcrii . Alliano visio cIc la CcrarcIia dividc il Suo lavoro
unano in irc lincc ccnirali. u otcu, u cgosu, u cuc. Qucsi'uliina, cr
csscrc iu rccisi, c quclla dcgli scanli ira oolo c oolo, dci raorii
conncrciali inicrni cd csicrni allc nazioni; in una arola, dcgli asciii
sirciiancnic finanziari. Non ci arc sconvcnicnic, a qucsio unio, soiiolincarc
cIc, ncl sano uso dcl govcrno dci ooli c nclla saggia nanifcsiazionc dcllc
finanzc ccnirali, sc cscguiii a scoo univcrsalc c rcalisiicancnic siriiualc, vi c
ianio Dio quanio nc coniicnc l'Osiia Innacolaia cIc il rcic alza sulla icsia dci
fcdcli, ncnirc officia la sua funzionc, nclla rarcscnianza dcl sccondo
Diariincnio. qucllo dcl Crisio. Ecco crcIc la CcrarcIia dci Macsiri rifiuia di
vcnir nonoolizzaia, non solo da qualcIc gruo saruio di siriiualisii, na
dcsidcra csscrc conosciuia, aiiravcrso il Suo vcro cd inicro cano d'azionc, cIc
c l'Aiio Planciario, nclla rcscnza innancnic dcll'aiiualii di ogni rano
cvoluiivo. Essa agiscc in nodo occulio c, in un aiicnuarsi di oicri, guida lc
sorii dclla viia, sino a cIc la ncdcsina non rcndcr in nano il rorio
dcsiino, affrancaia dal doninio dclla naicria c collalorcr con Dio, cr la
saggia rcdisosizionc dcl Piano, cIc si nanifcsia aiiravcrso la Fraicllanza dci
Macsiri; i quali Ianno rivolio il ricIiano all'unanii, in ccrca di disccoli, gi
dall'inizio dcl sccolo, c nolic noiizic vcngono daic, in roosiio, ncl volunc di
Alicc Dailcy. "Iniziazionc unana c solarc". Ad csso rinandiano lo siudcnic cIc
voglia arofondirsi ulicriorncnic sull'argoncnio.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

69
- L21ON DOD1CS1MA -

La GerarcbIa BIanca (parte seconda)

Parlarc dci Macsiri, gi ianic volic ciiaii, lo diciano suliio, non c inrcsa
facilc; da una aric, crcIc il icrninc adocraio c iroo vago da crnciicrc la
conrcnsionc di quanio csso significIi; dall'alira, crcIc l'argoncnio dcllc
iniziazioni conoria in sc la ncccssii di una vasia conosccnza iccnica, rciia
ad un livcllo cIc siuircllc ancIc i iu rccisi razionalisii dclla nosira coca.
OgnI InIzIazIone, a partIre daIIa prIma, non soIo rIguarda deI mutamentI
neIIa struttura IIsIco-eterIca deII'IndIvIduo, ma, ancbe, neI suoI cosIddettI
corpI sottIII, c lo oria a ciclicIc csansioni di coscicnza, iali da fargli
raggiungcrc oicri c nodi di cnsarc c di agirc dcl iuiio fuori il cano d'azionc
dcllc nornali csrcssioni di viia. Inolirc, ogni iniziazionc salanca dcgli
orizzonii nuovi all'aiio dcl disccolo, riccIi di linfc siriiuali, di naiura iroo
dclicaia crcIc sc nc ossa iraiiarc ulllicancnic, scnza corrcrc il riscIio di
laccrarnc lc arnonic c dcicrninarc un danno ancora naggiorc di quanio ossa
csscrc il saggio c rclaiivo silcnzio sull'argoncnio. Mano a nano cIc il disccolo
avanza sulla sirada dcllc acquisizioni inicriori, lo sicsso suo Macsiro gli aarc
figura scnrc iu idcniificaia alla rcali assoluia dcllc cosc. Quindi, lc lczioni
cIc avcic, sinora, scguiio c, in ariicolar nodo, la rcscnic, non rcsunono di
darc lucc inncdiaia c conlcia su ci cIc sconfina dalla ncnic unana,
ncll'iniuizionc aninica, na, orgcrc, scnliccncnic, il cao di una corda allo
siudcnic, inviiandolo, con il suo sforzo ulicriorc c singolo, a dianarla, sino alla
cina.
Mcia dcll'cvoluzionc, cr quanio riguarda l'aiiualc criodo di glolo, o il
rcscnic, c cIc iuiii gli uonini raggiungano la siaiura siriiualc di un Adcio,
o, in icrnini iccnici, crvcngano alla conquisia dcll'iniziazionc di quinio grado.
Noi saiano cIc qualunquc aiio, giunio ad inquadrarsi nci valori di qucllo
cIc cIianiano il nondo iangililc cd oggciiivo, Ia coninciaio il suo loniano
cannino nci Piani Mcniali Cosnici. DuddIa, quando dissc cIc viia c sinonino
di noric, c cIc un fiorc, acna nascc, gi conincia a norirc, non vollc arlarc
dcllc lcggi siucndc cd cicrnc cIc si svolgono nci Piani Cosnici; Egli si rifcriva
al faiio cIc solo ncl Mondo dclla Forna il fcnoncno c aarcnicncnic cosi
crudclc conc lo dcscrissc. Invii, quindi, l'unanii a guardarc in alio, vcrso il
laio invisililc dcll'univcrsalc c dciic, da una aric, allc nassc, una doiirina di
rcgolc coicricIc, dall'alira, ai nuovi disccndcnii dclla CcrarcIia (con cui Egli,
nci noncnii dcll'illuninazionc finalc, si osc in coniaiio}, lc rcgolc csoicricIc, o
di un rofondo conicnuio occulio, cIc fanno argoncnio dci vari scgrcii
dcll'iniziazionc. Faiio convalidaio da una confcrna di un Adcio dclla
CcrarcIia Dianca, in una dcllc Suc lciicrc noic al ulllico.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

70
Qucsio, cr dinosirarc cIc non occorrc isolarsi in nonasicri, nc, ianio ncno,
curvarsi, soiio un giogo, scsso suliio c non conrcso, di un dcicrninaio iio
di riiuali, in augc in nolic scuolc, cosiddciic "inicrnc", cr raggiungcrc lc
dcfiniiivc viiioric sulla naicria, cIianaic dcll'iniziazionc. La sicssc sigIc di
grano, ncl giallo c vasio loro cano, crcscono c si sviluano soiio l'agirc,
diciro il vclo dcll'invisililc, dci oicri cIc nc curano la rccisa lcggc di sviluo
organico. Cosi, l'uono, rivclaio cIc u cncirarc ncl Sacro Tcnio, iraniic il
fruiio lcncfico dclla sua viia, in qualunquc anlicnic cgli si irovi ad csrincrla,
c cIc raggiungc lo sviluo inicriorc, iraniic l'alicazionc dcl sigillo divino
dclla Fraicllanza Dianca, dai iani sucriori, dirciiancnic a ariirc dal suo
coro ncnialc, in su, oir nciicrc da aric iuiic lc siranc congciiurc cIc si
sono faiic sull'argoncnio, consacvolc cIc ncssuna forza al nondo, sia inicrna
cIc csicrna, gli inonc la scIiaviiu di localizzazioni saziali c icnorali, al di
fuori dclla gioia di un assoluio cicrno rcscnic.
Un Iniziaio, scsso, u csscrc ialc, scnza cIc la sua "cosccnzu d ucgu"
raccolga il faiio; na, la rcgola vuolc cIc ci avvcnga solo cr lc duc rinc
iniziazioni, qucllc, cioc, in cui si acquisia il doninio dci cori cicrico-dcnso cd
asiralc. Cran aric dcllc aiiivii di iali individui si svolgc duranic il sonno, nci
iani soiiili c, isiiniivancnic, con l'irradiazionc dclla loro aura, ncll'anlicnic
cIc li circonda, duranic il vivcrc giornalicro. La icrza iniziazionc oria con sc
un grandc sviluo dci oicri ncniali, c la forza dcl cnsicro, risvcgliaia in ial
nanicra, cd adocraia in nodo occulio, ccniulica la vasiii dcl iano
csrcssivo dcll'iniziaio; qui, i cosiddciii s1dd1, o oicri occulii, iniziano a
gcrnogliarc. La quaria iniziazionc scrvc a disiruggcrc, conlciancnic,
qualsiasi liniiaiczza inicrna al disccolo. Una viia di soffcrcnzc acuic, lo scrra,
da ogni aric, allora. La crocifissionc avvicnc. Tuiio il larna cIc iraiiicnc,
ancora, allacciaio ai irc nondi, cosiui, si csauriscc in una volia sola. Calunnic,
inconrcnsioni, dolori fisici c norali di ogni soria si allaiiono sull'anina
doloranic, al icrninc dcl Scniicro. Sfogliano qualsiasi auioliografia di qualcIc
grandc siriio, noio allc cocIc sioricIc conc lcncfaiiorc dcll'unanii, c
vcdrcno l'csaiio c cIiaro quadro, incarnaio in un cscnio nolio significaiivo.
Hclcna Pcirowna Dlavaisly, scsso sorclla dcl dolorc, dinosira la fondaiczza di
quclla cIc ad alcuni u scnlrarc una sirana icoria.
Alla quinia iniziazionc, lc soglic dclla lcaiiiudinc, o dcgli cicri cosnici, sono
salancaic. Il coro causalc, o anina, non solo in nanicra sinlolica, na,
ancIc, in icrninc sirciiancnic iccnico, gi disiruiio alla quaria, Ia oriaio via
la radicc nciafisica di ogni illusionc. Un Adcio c naio. Non iu uono; solo
uro siriio, vilranic sull'ala dcll'auio-govcrno c dclla sirciia idcniificazionc
con ogni aarcnza univcrsalc. Padronc, in scnso assoluio, dcllc cncrgic c dclla
riinica dci valori, visilili cd invisilili, nci irc nondi. Tra lc alirc, una rcali
inizia a nosirarsi, gi laluginanic sin dalla quaria iniziazionc, davanii agli
occIi dclla conosccnza siriiualc di sinilc Crcaiura. quclla dcll'uno ira i sciic
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

71
scniicri cIc si arono dinanzi all'unanii giunia all'inizio dcl Movincnio
Cosnico, cd alla finc dcl rclaiivo.
Li iraiicrcno lrcvcncnic, c lrcvcncnic ci soffcrncrcno su qucllo cIc riguarda
l'argoncnio dclla nosira lczionc.

- 1 STT SNT1R1 -
l) I Scntco dc scuzo suu Tcu. E il Scniicro roriancnic dciio dci
Macsiri. Con nciodi cIc ossono scnlrar iraiii dai voluni dcllc favolc
oricniali, i nosiri Fraiclli Maggiori garaniiscono all'unanii la nasciia
aiiualc c fuiura di aliri iniziaii di quinio grado; ad cocIc sioricIc fissc, la
conosccnza dci nisicri vicnc, da Loro, faiia affiorarc ncll'unanii . E, con
cssa, la ossililii di crcarc nuovi Saccrdoii cIc, sinili allc Vcsiali dcl
icnio, iornino a cusiodirc il Sacro Fuoco dclla Vcrii c dcl Poicrc Solarc, in
forna adaiia.
2) I Scntco dc uuoo nagnciico. Passano a qucsio scniicro coloro cIc,
dcsiinaii a sialilirsi sul Piano Mcnialc Cosnico, vi ci si rcarano,
naniolando la raffinaiissina cncrgia lanciaria cIianaia Fobat.
Qucll'cncrgia cIc, assicnc allc alirc duc (Prana e KundaIInI}, cosiiiuiscc la
iriadc ccniralc da cui si diranano iuiic lc alirc, conosciuic c sconosciuic. E
l'cncrgia di caraiicrc urancnic disiruiiorc.
J) I Scntco d cuuzonc c Logo Punctu. Vi si inscriscono gli Adcii cIc
vcngono iniziaii alla nisicriosa aiiivii cIianaia dcl Logos Planciario. In
fuiuro, rcludio al ncraviglioso dcsiino di Logos Solarc, cIc aiicndc ogni
crcaiura, Essi incarncranno il Poicrc cIc, cclaio in ogni foglia c nanifcsio
ncll'aiio crcaiorc ioialc, c cIianaio il Dio di un Piancia.
4} Il Scniicro di Sirio. Duona aric dcll'unanii c dirciia a ialc Punio Cosnico.
Tra Sirio c il sisicna sicllarc dcllc Plciadi v'c uno sirciio raorio, c lc sciic
sicllc rinciali dcll'uliino sisicna accoglicranno la naggior aric dci sciic
iii di aninc.
5) I Scntco dc Hugg. Scgucndo la linca dcl rorio Faggio Monadico, a sua
volia Soiioraggio di un Faggio Cosnico, l'Anina lilcraia assa a Qucsio
Uliino. E coniinua la sua sirada cvoluiiva, in dirczionc dcl Sisicna Solarc
corrisondcnic, ira i Sciic, di cui il nosiro c uno, sialilcndovisi.
b) I Scntco dc Logos Souc. Il nuclco di Sullinali Individualii, raccolic,
dall'originc dci icni, aiiorno al nosiro Logos Solarc, cr ronuovcrc lo
sviluo dci Piani, sin qui, da noi siudiaii, c, cr luona aric, conosciuii,
nano a nano cIc roccdc l'cvoluzionc raggiungono dcllc sfcrc di oicrc iu
lonianc; i osii vacanii vcngono occuaii da coloro cIc rovcngono da ialc
Scniicro.
?) I Scntco dc'Assoutu Futu . E il raorio iu sirciio cIc uno siriio
lilcraio ossa avcrc con lo Siriio dcl Logos Solarc. Faorio cIc rcludc al
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

72
coniaiio con una Siclla ancora sucriorc, da cui dicndc, con aliri, il nosiro
Logos. E il Scniicro scguiio dai Signori dcl larna.

Il rino dci Sciic Scniicri c qucllo, conunquc, cIc, ora, ci inicrcssa.
Alliano arlaio, nclla lczionc assaia, dclla irilicc divisionc cIc scguc
l'ordinancnio dclla CcrarcIia, ncll'occuarsi dcllo sviluo cvoluiivo
dcll'unanii . la oliiica, con a cao il Manu Vaivasvaia, rarcscnianic dcl
Prino Faggio; la rcligiosa, siriiualc, inicllciiualc, con a cao il Crisio,
rarcscnianic uro dcl Sccondo Faggio; quclla dclla civili, dci raorii
conncrciali c finanziari ira Pacsc c Pacsc, con a cao il MaIa CIoIan,
rarcscnianic dcl Tcrzo Faggio. I Macsiri si suddividono, a loro volia, in sciic
grui, ciascuno dci quali c criincnic al Faggio Monadico conunc ad ogni
gruo. Crui cIc sono cIianaii AsIran. E, in una scnrc iu succcssiva
iniinii siriiualc, cIc, dallc roaggini, si arofondiscc sino al Nuclco
ccniralc, in un'assoluia idcniificazionc - Nuclco rarcscniaio dal Macsiro
ncdcsino - i disccoli cosiiiuiscono lc ccllulc dcll'AsIran. Valc qui dirc cIc
iali zonc nagnciicIc non sono riuniic, nc in una singola localii, nc in un
ncdcsino isianic di coscicnza. I disccoli di un Macsiro ossono irovarsi, l'uno
a Ncw Yorl, l'aliro a Fona, l'aliro in un acsc scrduio dcll'Ausiria, c cosi via.
E la osscnic Anina dcll'Adcio cIc iicnc i Suoi divini figli riuniii nclla
ncravigliosa conunionc dcl rcscnic cicrno. Circa sciiania sono gli Adcii, al
giorno d'oggi, csisicnii sulla Tcrra. Ed un ncssaggio c siaio cnanaio dalla
CcrarcIia, affincIc lc filc dci disccoli vcngano rinvcrdiic; si inviiano gli
asiranii, ancIc aiiravcrso i fogli di qucsic lczioni, a rinnovarc lo sforzo sul
Scniicro, cr raggiungcrc la Lucc cIc lrilla ncl fondo dclla Cavcrna
dcll'csisicnza naicrialc. Dccinc di nigliaia di crsonc sono gi cniraic ncl
Tcnio c cosiiiuiscono la Conaginc di quclli cIc sono cIianaii gli aiiuali
Scrviiori dcll'unanii . ovc scrviiorc Ia lo sicsso significaio cIc si d a cIi
scrvc l'aric, la landicra, un alio idcalc. Talc gruo c il iraniic dirciio,
aiiravcrso cui si incarna il oicrc dci Macsiri, cr raggiungcrc l'unanii c
sollcvarla dal csanic fardcllo cIc sia oriando. Si scra cIc lc rcscnii lczioni
alliano scrviio al loro scoo c, iornando a ricicrc l'augurio cIc alncno
qualcuno ira gli siudcnii ossa inconirarc il suo Macsiro di Faggio, aiiravcrso
l'csoriazionc cIc da noi c siaia faiia, cIiudiano qucsia disscriazionc sui Sciic
Faggi c sul Loro raorio con la CcrarcIia Planciaria.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

73
- L21ON TRD1CS1MA -
- La LoggIa deI MaestrI -

(Per IacIIItare aIIo studente Ia comprensIone deIIa natura e deIIe attIvIt deI MaestrI,
abbIamo tratto, e rIportato, senza aIcuna omIssIone, quI dI seguIto, II capItoIo sesto daI
IIbro "InIzIazIone umana e soIare" dI AIIce BaIIey, IntItoIato: "La LoggIa deI MaestrI". [N.B.
Le opere deII'AutrIce, per sua stessa voIont, non sono coperte daI dIrItto d'Autore e
possono venIre IIberamente dIIIuse, senza aIterazIonI])

SUE SUDDIVISIONI
Nclla lczionc rcccdcnic alliano acccnnaio ai iu clcvaii uffici dci Cononcnii
dclla CcrarcIia Siriiualc dcl nosiro iancia. Ci occucrcno ora dcllc duc
suddivisioni, ncllc quali si riariiscono gli aliri Mcnlri. Essi fornano,
lciicralncnic, duc Fraicllanzc cniro l'anliio dclla CcrarcIia sicssa.
a} La Fraicllanza Dianca, alla qualc aaricngono iniziaii cIc Ianno
olircassaia la quinia iniziazionc, cd un gruo di dcva o angcli;
l} La Fraicllanza Azzurra, cIc includc iuiii gli iniziaii dclla icrza, quaria c
quinia iniziazionc.
Al disoiio di qucsic, vi c un folio gruo di iniziaii dclla rina c dclla scconda
iniziazionc c, oi, disccoli di ogni grado, cIc vcngono considcraii conc affiliaii
alla Fraicllanza, na, non rorio quali suoi ncnlri. Vi sono, infinc, gli uonini
cIc crcorrono il Scniicro dclla rova, cIc, ncdianic i loro sircnui sforzi,
scrano di giungcrc a rcndcrc osio ira gli affiliaii.
Da un aliro unio di visia, ossiano considcrarc i ncnlri dclla Fraicllanza
csisicnii in sciic grui, ognuno dci quali rarcscnia un iio dclla sciicnlicc
cncrgia lanciaria, cIc cnana dal Logos Planciario. Una irilicc divisionc c gi
siaia faiia; conc scnrc, ncll'cvoluzionc si Ia, darina, il irc (cIc si
nanifcsia aiiravcrso i irc diariincnii} c oi il sciic cIc, di nuovo, si nanifcsia
conc una irilicc diffcrcnziazionc c conc un sciicnario. Cli siudcnii ricordino
cIc iuiio quanio vicnc dciio in qucsio lilro si rifcriscc all'aiiivii dclla
CcrarcIia, riguardo al quario rcgno - l'Unano - cd in nodo ariicolarc a quci
Macsiri cIc lavorano in raorio all'Unanii . Qualora si dovcssc iraiiarc
dcll'cvoluzionc dci dcva (o, angclica}, l'csosizionc c la suddivisionc sarcllcro
ioialncnic divcrsc.
Vi sono, inolirc, alcuni asciii dcl lavoro dclla CcrarcIia, cIc influcnzano, ad
cscnio, il rcgno aninalc. Qucsio lavoro ricIicdc l'aiiivii di Esscri, di
Lavoraiori c di Asciii dcl iuiio disiinii dai Scrviiori dcl quario rcgno. Pcrci, si
ricordi aiicniancnic, cIc iuiii qucsii ariicolari sono rclaiivi c cIc l'ocra cd i
ncnlri dclla CcrarcIia sono infiniiancnic iu grandi c iu inorianii di
quanio ossano aarirc da una lciiura sucrficialc di qucsic aginc. Noi
siiano, ccriancnic, iraiiando dcl rincialc lavoro dclla CcrarcIia, oicIc il
scrvizio al rcgno unano c in raorio con la nanifcsiazionc dci irc asciii dclla
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

74
divinii ; na, lc alirc suddivisioni sono inicrdicndcnii c il lavoro roccdc conc
un iuiio siniciico.
I Scrviiori siriiuali, o Adcii, cIc si occuano dcll'cvoluzionc dclla faniglia
unana sono scssaniairc, conrcsi i irc Crandi Signori; si Ia quindi il "novc
volic sciic" ncccssario cr il lavoro.
(Nota deI compIIatore deIIe IezIonI: II IIbro Iu scrItto oItre 40 annI Ia; attuaImente, per
I'accentuarsI deIIa Iorza deII'epoca deII'AquarIo, ovvIamente, Ia IIorItura dI nuovI AdeptI
avvenuta. QuIndI, II numero menzIonato, dI sessantatr, crescIuto.)

Di qucsii scssaniairc, quaranianovc ocrano coicricancnic - sc cosi ossiano
csrincrci - c quaiiordici csoicricancnic, oicIc si occuano, in nodo
ariicolarc, dclla nanifcsiazionc inicrna. Non nolii dci Loro noni ci sono noii,
nc sarcllc lcnc, in nolii casi, svclarc la Loro idcniii, la Loro dinora c la Loro
ariicolarc sfcra di aiiivii . Una csigua ninoranza di qucsii Crandi Esscri,
unifornandosi al Karna di gruo c con la voloni di sacrificarsi in ialc nodo,
si c rcsa alcsc al nondo duranic gli uliini ccnio anni c, crci, c ossililc
darnc alcunc infornazioni. Indicndcnicncnic da qualsiasi scuola di cnsicro,
un ccrio nuncro di uonini in iuiio il nondo c,oggi, consacvolc dclla Loro
csisicnza, cd il sacrc cIc Coloro dci Quali sono coscicnii ocrano in un
grandc cd uniiario iano di lavoro, u incoraggiarli a icsiinoniarc dclla
roria conosccnza, dinosirando, indiscuiililncnic, la rcali dcll'Ocra Loro.
Alcunc Scuolc di Occuliisno c di Tcosofia Ianno rcicso di csscrc lc solc
dcosiiaric dcl Loro inscgnancnio, lc solc organizzazioni cIc Essi uiilizzino cr
svolgcrc la Proria ocra, liniiando, con ci, la Loro azionc c fornulando dcllc
rcncssc cIc il icno c gli cvcnii non oiranno confcrnarc. Indulliancnic, i
Crandi Esscri lavorano aiiravcrso quci grui di cnsaiori, irasfondcndo nolia
dclla Loro cncrgia ncll'ocra svolia da qucllc organizzazioni, na, iuiiavia, Essi
Ianno i Loro disccoli cd i Loro scguaci ovunquc cd ocrano aiiravcrso nolii
Crui c nuncrosi nodi di inscgnancnio. Disccoli di qucsii Macsiri si sono
aiiualncnic incarnaii in iuiio il nondo, col solo inicnio di aricciarc allc
aiiivii c alla diffusionc dclla vcrii inscgnaic dallc varic cIicsc, scicnzc c
filosofic, roduccndo, in ial nodo, cniro lc organizzazioni sicssc, una
csansionc, un'acriura c, sc ncccssario, una disinicgrazionc, cIc alirincnii
non oircllcro cffciiuarsi. Pcr iuiii gli siudiosi di occuliisno u csscrc nolio
ooriuno sacrc iali faiii c coliivarc la caacii di riconosccrc la vilrazionc
dclla CcrarcIia, qualc si rcndc noia aiiravcrso disccoli, cIc si irovano in
grui c luogIi i iu dissinili.
In rifcrincnio all'ocra dci Macsiri c lcnc sialilirc cIc iuiic lc scuolc di
cnsicro, vivificaic dall'cncrgia dclla Fraicllanza Dianca sono, in ogni caso,
fondaic da uno o iu disccoli c cIc di qucsii c non dcl Macsiro c la
rcsonsalilii dci risuliaii c dcl larna cIc nc conscguc. Il nciodo cIc vicnc
usaio c all'incirca il scgucnic. il Macsiro rcndc noio al disccolo lo scoo da
conscguirc, ncll'inncdiaio lrcvc ciclo, c gli suggcriscc cIc un ialc c ialc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

75
sviluo sarcllc dcsidcralilc. Sciia al disccolo di irovarc il nciodo nigliorc
cr aiiuarlo c di fornularc i iani aiii ad assicurarc una ccria nisura di
succcsso. Faiio ci, cgli lancia il rorio rogciio, fonda la socici, o
l'organizzazionc, diffondc l'ooriuno inscgnancnio. Egli c rcsonsalilc dclla
scclia dci collaloraiori, dclla disiriluzionc dcl lavoro, a scconda dcllc caacii,
c dclla iu ooriuna rcscniazionc dcll'inscgnancnio. Il Macsiro si liniia a
sorvcgliarc con inicrcssc c sinaiia i suoi sforzi, fino a quando cgli si nanicnga
alla inizialc aliczza dcl rorio idcalc c roccda sulla Via, con uro aliruisno.
Ncl caso in cui il disccolo dinosiri scarso disccrnincnio nclla scclia dci
collaloraiori, o risulii un incaacc rarcscnianic dclla vcrii, non dcvc
csscrnc faiio carico al Macsiro. Sc il disccolo lavora lcnc c iuiio roccdc conc
dcvc, Egli coniinucr ad irradiarc lc Suc lcncdizioni su qucl lavoro; sc il
disccolo falliscc c sc i suoi succcssori, dcviando dall'inulso originario,
disscnincranno crrori di qualcIc sccic, ur scnrc col Suo anorc c con la
Sua sinaiia, il Macsiro riiircr qucllc lcncdizioni, iraiicncndo la roria
cncrgia c ccssando, in ial nodo, di siinolarc una forna cIc c ncglio ornai si
csaurisca. Lc fornc ossono sorgcrc c sconarirc c l'inicrcssancnio dcl
Macsiro c la Sua lcncdizionc si rivcrsano in qucsio o in qucl canalc; il lavoro
u roccdcrc con un nczzo o con un aliro, ncnirc la Forza dclla Viia, scnrc,
crnanc, infrangcndo la forna inadcguaia, o uiilizzandola, quando sia idonca
cr la inncdiaia ncccssii .

ALCUNI MAESTRI E L'OPERA LORO

Dcl rino grandc Cruo, di cui c Cao il Manu, fanno aric duc Macsiri. il
Maestro JupIter c il Maestro Morya. Eniranli Ianno olircassaia la quinia
iniziazionc cd il Macsiro Juiicr, il Qualc c, ancIc, Fcggcnic cr l'India, c
considcraio l'anziano da iuiii i Fraiclli. Egli dinora ncllc noniagnc NilgIcrry,
dcll'India ncridionalc, c non c uno dci Macsiri cIc, di soliio, assunono allicvi,
oicIc Egli conia, fra i Suoi disccoli, Iniziaii di alio grado cd un ccrio nuncro
di Macsiri. Egli iicnc lc rcdini dcl govcrno dcll'India, inclusa, ancIc, luona
aric dclla froniicra sciicnirionalc, cd a Lui c affidaio l'arduo coniio di
indirizzarc, gradaiancnic, l'India alla lilcrazionc dalla sua caoiica insialilii
cd agiiazionc, c di collcgarnc i ooli in una culninanic sinicsi. Il Macsiro
Morya, il Qualc c uno dci iu noii fra gli Adcii oricniali cd annovcra fra i
rori disccoli nuncrosi curoci cd ancricani, c un Princic Fajui c, cr
nolii dcccnni, cllc un'alia osizionc socialc in India.

Egli lavora in sirciia coocrazionc col Manu cd in avvcnirc sar Egli sicsso il
Manu dclla scsia Fazza-Madrc. Assicnc al Suo Fraicllo, il Maestro Koot
HoomI, dinora ncll'Hinalaya, cd c una figura lcn noia agli aliianii di qucl
rcnoio villaggio. E un uono di alia cd inoncnic siaiura, Ia caclli, larla cd
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

76
occIi ncri c oircllc aarirc scvcro, sc ialc scvcrii non vcnissc sncniiia
dall'csrcssionc dci Suoi occIi. Da nolii sccoli Egli cd il Suo Fraicllo, il
Macsiro K. H., lavorano quasi conc un csscrc solo c, cosi, coniinucranno,
crcIc il Macsiro K. H. assuncr l'Ufficio di Isiruiiorc dcl Mondo quando
l'aiiualc lo lasccr vacanic, cr iu clcvaii coniii cd avr iniziaio la scsia
Fazza-Madrc. Lc Loro dinorc sono, urc, vicinc cd Essi uiilizzano nolio dcl
Loro icno nclla iu sirciia collalorazionc. PoicIc il Macsiro Morya aariicnc
al rino Faggio, dclla Voloni o dcl Poicrc, l'ocra Sua c, rincialncnic,
dirciia all'aiiuazionc dci iani fornulaii dal rcscnic Manu. Egli agiscc, qualc
isiraiorc dcgli uonini di Siaio c, aiiravcrso il Mabacboban, dirigc qucllc Forzc
cIc aiiucranno lc condizioni dcsidcraic cr l'avanzancnio dcll'cvoluzionc
unana. Quci grandi uonini di azionc ncl nondo fisico, cIc Ianno ania
visionc c idcali nondiali, vcngono da Lui influcnzaii; con Lui coocrano alcuni
Dcva dcl iano ncnialc c irc grui di Angcli, urc nci livclli ncniali, uniii a
Dcva ninori, i quali vivificano lc fornc-cnsicro, nanicncndo, in ial nodo,
aiiivc lc fornc-cnsicro dcllc Cuidc dcll'Unanii, cr il lcnc dcgli uonini.

Il Maestro Morya Ia nolii disccoli cd ocra in raorio a nuncrosc
organizzazioni di iio csoicrico, conc, urc, aiiravcrso gli uonini di Siaio cd i
oliiici di iuiio il nondo.

Il Maestro Koot HumI (K.H}, il Qualc c, urc, lcn noio in Occidcnic cd Ia
nuncrosi disccoli, ovunquc, c ncl Kasccnir, scllcnc la sua faniglia
rovcnissc, originariancnic, dall'India. E, ancI'Egli, un Iniziaio di alio grado
cd aariicnc al sccondo Faggio, dcll'Anorc-Saggczza. E un uono di nolilc
rcscnza, di alia siaiura, scllcnc alquanio csilc, in confronio al Macsiro
Morya. Ha lclla carnagionc, caclli c larla di un lruno doraio cd occIi di un
ncraviglioso azzurro inicnso, aiiravcrso i quali scnlra irradiarc l'Anorc-
Saggczza dci sccoli. Ha vasia culiura cd cscricnza, oicIc, in icni loniani,
frcqucni una dclla Univcrsii lriiannicIc, si cIc arla inglcsc corrciiancnic.
Lcggc nolio cd in nolii cani, c, al Suo siudio ncll'Hinalaya, affluiscono i lilri
cIc, via via, si ulllicano ncllc divcrsc linguc. Egli si dcdica, rcvalcnicncnic,
a vivificarc ccric grandi filosofic, c si inicrcssa di nolic isiiiuzioni filaniroicIc.
A Lui c affidaio, in gran aric, di siinolarc la nanifcsiazionc dcll'Anorc laicnic
nci cuori dcgli uonini c di ridcsiarc nclla coscicnza dcll'Unanii la crcczionc
dcl faiio fondancnialc dclla fraicrnii .
In qucsio ariicolarc criodo il Macsiro M., il Macsiro K. H. cd il Macsiro Ccsu
si inicrcssano, in nodo sccifico, dclla unificazionc (nclla nisura in cui sia
ossililc aiiuarla} dcl cnsicro oricnialc col Pcnsicro occidcnialc, affincIc lc
grandi rcligioni oricniali c la rcligionc crisiiana - in iuiic lc suc divcrsc
ranificazioni - ossano irarnc rcciroco lcncficio. In ial nodo si scra di
giungcrc all'avvcnio di una grandiosa CIicsa univcrsalc.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

77

Il Maestro Ges, il Qualc c il fulcro dcll'cncrgia cIc fluiscc aiiravcrso lc divcrsc
cIicsc crisiianc, vivc, aiiualncnic, in un coro siriaco c dinora in una ccria
localii dclla Tcrra Sania. Egli viaggia nolio c irascorrc un icno considcrcvolc
ncllc varic arii dcll'Euroa. Lavora iu con lc nassc cIc con gli individui,
scllcnc allia, aiiorno a Sc, un foric nuncro di disccoli. Aariicnc al scsio
Faggio - dclla Dcvozionc o dcll'Idcalisno asiraiio - cd i Suoi disccoli si
disiinguono, scsso, cr qucl fanaiisno c quclla dcvozionc cIc si
nanifcsiarono fra i nariiri, al icno dci rini crisiiani. Egli c una figura
iuiiosio narzialc, di uono di discilina, dallc lcggi c dalla voloni di fcrro. E
alio c nagro; il Suo volio c affilaio; Ia la larla ncra, la carnagionc allida, gli
occIi azzurri, cnciranii. Il suo lavoro c, aiiualncnic, di csircna
rcsonsalilii, oicIc a Lui c affidaio il rollcna di dirigcrc il cnsicro
dcll'Occidcnic, dall'aiiualc siaio di agiiazionc, ncllc acificIc acquc dclla
ccriczza c dclla conosccnza, c di rcararc la Via, in Euroa c in Ancrica, cr
la fuiura vcnuia dcll'Isiruiiorc dcl Mondo. Nclla Dillia Lo iroviano, darina,
qualc JosIua, figlio di Nun; oi, ai icni di Esdra, qualc JcaIua; Egli rcsc la
icrza Iniziazionc qualc JosIua (vcdi il lilro di Zaccaria}; infinc, coni duc
grandi sacrifici. offri il rorio coro al Crisio, affincIc sc nc scrvissc, c fccc la
grandc rinuncia corrisondcnic alla quaria iniziazionc (la crocifissionc}. Qualc
Aollonio di Tiana, Egli rcsc la quinia iniziazionc c divcnnc un Macsiro di
Saggczza. Da allora c scnrc rinasio cd Ia scnrc lavoraio con la cIicsa
crisiiana, alincniando il gcrnc dclla vcra viia siriiualc csisicnic in alcuni dci
Suoi ncnlri di iuiic lc sciic c suddivisioni, c ncuiralizzando, quanio iu
ossililc, gli crrori dci rcii c dci icologi. Egli c, ariicolarncnic, un grandc
Condoiiicro, un Ccncralc cd un Saggio Esccuiorc c, cr quanio conccrnc la
CIicsa, Egli coocra, iniinancnic, col Crisio, dandogli nolio aiuio cd agcndo,
quanio c ossililc, qualc Suo inicrncdiario. Ncssuno conc Lui conoscc, con
alirciiania saggczza c rofondii, i rollcni dcll'Occidcnic; ncssuno conc Lui c
cosi iniinancnic in coniaiio con coloro i quali sosicngono i nigliori
inscgnancnii crisiiani, c ncssuno c, conc Lui, consacvolc dcllc ncccssii dcl
noncnio aiiualc. Alcuni alii rclaii dclla cIicsa anglicana c di quclla caiiolica
sono Suoi saggi agcnii.

Il Maestro DjwaI KbuI, o il Macsiro D. K., conc vicnc frcqucnicncnic
cIianaio, c un'aliro Adcio dcl Sccondo Faggio, dcll'Anorc-Saggczza. Egli Ia
rcso la quinia iniziazionc ncl 1875 cd c l'uliino fra gli Adcii cIc allia faiio
ialc asso; vivc, ancora, ncl ncdcsino coro di allora, ncnirc quasi iuiii gli
aliri Macsiri sono assaii cr la quinia iniziazionc in cori rcccdcnii agli
aiiuali. Il Suo coro non c, quindi, giovanc, cd Egli c un Tilciano. E nolio
dcvoio al Macsiro K. H. c dinora in una casciia oco disianic da quclla iu
grandc dcl Macsiro. Pcr la Sua voloni di scrvirc c di conicrc iuiio ci cIc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

78
dcvc csscrc coniuio c siaio cIianaio il "Mcssaggcro dci Macsiri". E
rofondancnic colio c, cr quanio si rifcriscc ai Faggi c allc CcrarcIic
Planciaric dcl sisicna solarc, c, fra i Macsiri, il iu rofondo conosciiorc. Egli
lavora con coloro cIc si dcdicano a risanarc gli uonini, c, non vcduio cd
ignoio, coocra con iuiii i riccrcaiori dclla vcrii nci grandi laloraiori dcl
nondo; con iuiii quclli cIc, in nodo dcicrninaio, nirano a risanarc l'unanii
c a darlc sollicvo, c con i grandi Movincnii filaniroici, qualc ad cscnio la
Crocc Fossa. Si occua di vari disccoli di diffcrcnii Macsiri, cIc siano in grado
di rofiiiarc dcllc Suc Isiruzioni c, ncgli uliini dicci anni, si c assunio luona
aric dcll'ocra d'inscgnancnio dcl Macsiro Morya c dcl Macsiro K. H.,
rcndcndo soiio di sc, a criodi sialiliii, alcuni dci Loro disccoli. Inolirc, Egli
lavora con ccrii grui di Dcva Angcli} dcgli cicri, Dcva sanaiori, cIc
collalorano con Lui ncl curarc alcunc dcllc nalaiiic fisicIc dcll'unanii . Da
Lui fu in gran aric rcdaiia la "Doiirina Scgrcia" c da Lui furono nosiraii ad H.
P. Dlavaisly nolii dci diagranni c forniic nolic dcllc cognizioni conicnuic in
qucll'ocra.

Il Macsiro cIc si occua in nodo ariicolarc dcl fuiuro sviluo dcllc viccndc
unanc, in Euroa, c dcllo sviluo ncnialc, in Ancrica cd in Ausiralia, c il
Maestro RakoczI. E un ungIcrcsc, dinora nci Carazi c, in un ccrio criodo,
fu una lcn noia figura alla Coric ungIcrcsc; di Lui si ossono irovarc noiizic in
aniicIi lilri di sioria. Egli fu ariicolarncnic in visia soiio lc soglic dcl Conte
dI S. GermaIn c, rina ancora, soiio qucllc di Ruggero c oi di Francesco
Bacone. E inicrcssanic noiarc cIc, daio cIc il Macsiro F. si occua - nci livclli
inicriori - dcllc viccndc curocc, il Suo nonc, qualc Franccsco Daconc, vcnnc
cIianaio all'aiicnzionc ulllica con la conirovcrsia Daconc-SIalcscarc. Il
Macsiro F. c iuiiosio iccolo cd csilc; oria una lrcvc larla ncra, Ia caclli
ncri lisci c non assunc ianii disccoli quanio aliri Macsiri. Aiiualncnic,
assicnc al Macsiro Hilarion, si occua dclla naggior aric dci disccoli
occidcniali, aaricncnii al icrzo Faggio, dcll'Iniclligcnza Aiiiva. Egli c dcl
sciiino Faggio, dcl Ccrinonialc Magico c dcll'Ordinc, c lavora ncdianic il
riiualc c il ccrinonialc csoicrico, csscndo viialncnic inicrcssaio agli cffciii, fino
ad ora non riconosciuii, dcl ccrinonialc Massonico, dcllc varic Conunii c
dcllc CIicsc in gcncrc. Nclla Fraicllanza, Egli c, di soliio, cIianaio il "Conic" c,
ianio in Ancrica quanio in Euroa, Ia funzioni di Dirciiorc gcncralc, cr
l'aiiuazionc dci Piani fissaii dal Consiglio Esccuiivo dclla Fraicllanza. Alcuni fra
i Macsiri fornano un gruo inicriorc aiiorno ai irc grandi Signori c si
riuniscono a concilio nolio frcqucnicncnic.

Aariicnc al quinio Faggio, dclla Conosccnza Concrcia, o Scicnza, il Maestro
HIIarIon, il qualc fu Paolo di Tarso, in una rcccdcnic incarnazionc. Ha un
coro crcicsc, na, vivc, cr lo iu, in Egiiio. Da Lui il nondo cllc il Traiiaio
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

79
occulio "Lu Lucc su Scntco". Nclla aiiualc crisi, la Sua aiiivii c
ariicolarncnic dirciia al ulllico, in gcncralc, oicIc Egli lavora con coloro
cIc sianno sviluando l'iniuizionc c vigila c irasnuia i grandi Movincnii cIc
icndono a squarciarc il vcro cIc scara dall'invisililc. Aiiravcrso i Suoi
disccoli, inizi il Movincnio Mondialc dclla Ficcrca PsicIica c, con la roria
cncrgia, cgli siinola iuiii i Crui cIc vi aaricngono. Egli vigila su iuiii gli
sicIici di ordinc sucriorc, aiuiandoli ncllo sviluo dci loro oicri, cr il lcnc
gcncralc, c, assicnc ad alcuni Dcva dcl iano asiralc, Egli si adocra cr
rcndcrc acccssililc ai ccrcaiori dclla Vcrii il nondo soggciiivo, csisicnic al di
l di qucllo di sosianza naicrialc dcnsa.
Poco u csscrc dciio riguardo ai duc Macsiri inglcsi. Ncssuno dci duc assunc
disccoli, ncllo sicsso scnso in cui li assunono il Macsiro K. H. c il Macsiro M.
Uno di Essi risicdc nclla Cran Drciagna; Ia, in nodo ariicolarc, la dirczionc
dclla razza Anglo-Sassonc c lavora ai iani cr il suo fuiuro sviluo c la sua
cvoluzionc. Egli assisic il Movincnio dcl Lavoro in iuiio il nondo, irasnuiando
c dirigcndo, c l'aiiualc inulso roulsivo dclla Dcnocrazia c, urc, soiio la
Sua dirczionc. Dall'agiiazionc aiiualc c dal rcscnic caoiico iunulio, scaiurir
il fuiuro asscsiancnio dcl nondo, cIc avr, cr noic fondancniali, la
coocrazionc c non la conciizionc, la disiriluzionc c non l'acccnirancnio.

Ad un aliro Macsiro ossiano lrcvcncnic acccnnarc. il Maestro SerapIs,
scsso dciio l'Egiziano. Egli c dcl quario Faggio, cd i grandi Movincnii ariisiici
nondiali, l'cvoluzionc dclla nusica, dclla iiiura c dclla roduzionc
drannaiica riccvono da Lui inulso viialc. Prcscnicncnic, Egli dcdica nolio
dcl Suo icno c dclla Sua aiicnzionc all'ocra dci Dcva, o all'cvoluzionc dcgli
Angcli, affincIc Essi ossano faciliiarc la rossina rivclazionc dclla nusica c
dclla iiiura ncl nondo. Di iu non u csscrc dciio, riguardo a qucsio
Macsiro, nc c ossililc acccnnarc alla Sua dinora.
Il Macsiro P. lavora alla dicndcnza dcl Macsiro H., ncll'Ancrica dcl Nord. E
nolio occuaio, csoicricancnic, con lc varic scicnzc ncniali, quali la Scicnza
Crisiiana c il Nuovo Pcnsicro, oicIc cniranli qucsii novincnii sono ronossi
dalla Fraicllanza Dianca c cosiiiuiscono un icniaiivo di inscgnarc agli uonini
la rcali dcll'invisililc c il oicrc crcaiivo dclla ncnic. Il Macsiro P. Ia un coro
irlandcsc cd c dcl quario Faggio, dcll'Arnonia c dclla Dcllczza. Non u csscrc
dciio ovc dinora. Quando il Macsiro Scrais rivolsc la roria aiicnzionc
all'cvoluzionc dci Dcva, il Macsiro P. si assunsc una gran aric dcl Suo lavoro.

IL LAVORO ATTUALE
A qucsio unio unio, u csscrc ooriuno acccnnarc ad alcuni faiii cIc
riguardano i Macsiri c l'ocra Loro, ncl rcscnic c ncl fuiuro. Prino, la
rcarazionc dci Loro disccoli, cIc li nciicr in grado di csscrc uiilizzaii nci
duc grandi cvcnii cIc si naiurano. la vcnuia dcll'Isiruiiorc dcl Mondo, cIc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

80
avvcrr ira la nci c la finc dcl sccolo; l'insiaurazionc dclla scsia soiio-razza, c
la ricosiruzionc cIc scguir allc aiiuali condizioni nondiali. PoicIc, la
rcscnic, c la quinia soiiorazza dclla quinia Fazza-Madrc, la rcssionc dcl
lavoro sui cinquc Faggi dclla ncnic (il icrzo cd i quaiiro scgucnii}, dirciii dal
MaIacIoIan, c nolio foric. I Macsiri sianno sosicncndo un csaniissino
carico c, crci, gran aric dclla loro ocra d'inscgnancnio c siaia dclcgaia ad
Iniziaii c disccoli avanzaii, cd alcuni Macsiri dcl rino c sccondo Faggio
Ianno, icnorancancnic, assunio disccoli dclla sczionc dcl MaIacIoIan.
Sccondo, rcararc gli uonini, su vasia scala, cr la vcnuia dcll'Isiruiiorc dcl
Mondo c conicrc la ncccssaria rcarazionc, rina cIc i Macsiri sicssi
vcngano fra noi, oicIc, sicurancnic, nolii di cssi vcrranno, vcrso la finc di
qucsio sccolo. Uno sccialc gruo sia fornandosi, fra quclli di loro cIc si
rcarano, in nodo dcicrninaio, cr ialc lavoro c il Macsiro Morya, il Macsiro
K. H. c il Macsiro Ccsu vi saranno ariicolarncnic incgnaii, vcrso l'uliino
quario di qucsio sccolo. AncIc aliri Macsiri vi ariccicranno; na, gli uonini
dovrcllcro, quanio iu ossililc, faniliarizzarsi con i noni c lc aiiivii dci irc
sunnoninaii. Aliri duc Macsiri, in ariicolarc raorio col sciiino Faggio, lo
sccifico lavoro dci quali consisic ncl sovrainicndcrc allo sviluo di ccric
aiiivii, cniro i rossini quindici anni, ocrano col Macsiro F.. Pu csscrc daia
la rccisa assicurazionc cIc, rina dclla vcnuia dcl Crisio, vcrranno aiiuaii
riordinancnii iali cIc, a cao di ogni grandc organizzazionc, vi sar un
Macsiro, o un Iniziaio dclla icrza Iniziazionc. I Cai di alcuni fra i iu
inorianii Crui Occulii, dci Massoni di iuiio il nondo, c dcllc divcrsc
lrancIc dclla CIicsa, rcsidcnii in nolic grandi nazioni, saranno Iniziaii c
Macsiri. L'ocra dci Macsiri sia, ora, roccdcndo c iuiii i loro sforzi sono dirciii
vcrso il luon csiio finalc. Ovunquc, Essi sianno raccoglicndo coloro, cIc, in
qualcIc nodo, nosirino una icndcnza a risondcrc alla vilrazionc sucriorc,
ccrcando di inicnsificarc la Loro vilrazionc c, cosi, nciicrli in grado di csscrc
uiilizzalili, all'coca dclla vcnuia dcl Crisio. Gundc c gono dc'ootuntu,
ocIc, quundo tcno suu gunto, ncduntc u cccczonuc otcnzu dcu
uIuzonc, cIc suu uou dcttu sug uonn, cooo cIc conono, ou, u
ncccssuu cuuzonc, otunno uc un gundc usso nnunz c uucuc u
Potu dcu Inzuzonc.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

81
- L21ON QUATTORD1CS1MA -
L'epoca deII'AquarIo

A qucsio unio, risulia cIiara l'ania vcduia sullc origini cosnicIc di un
Piano cIc, aiiravcrso caicnc lanciaric, rondc lanciaric, criodi di glolo, razzc
nadri, rcgni diffcrcnii icndc ad cnuclcarsi in qucl unio nisicrioso dcl nosiro
fuiuro, diciro il vclo dci Sciic Scniicri, a cui la nosira unanii c dirciia, cd i
ariicolari dcl qualc sono cusiodiii dalla saggczza dcl Fc dcl Mondo.
Alliano vcduio cIc il sisicna solarc, a sua volia, non u csscrc considcraio
una scrduia isola luninosa, ncl cosno cclcsic. Esso c oicnza di incalcolalilc
lucc divina c, conc raggiungc il suolo siriiualc dclla nosira icrra, aiiravcrso la
collalorazionc aiiiva dci Trc Logoi sullini, dci Sciic Piancii Sacri, dci cinquc,
dciii non sacri, cosi, cr quanio Lo riguarda, c Dcflciiorc c Siruncnio di alirc
cosicllazioni, nci loro iani cosnici. Cioc. So, c Pcud, unu dcc stcc
dc'Osu Muggoc c c dodc costcuzon dco Zoduco. Il lcganc ira il nosiro
sisicna solarc c qucsii fulcri infiniii ad un fuiuro, cIc la nornalc ncnic
unana non u innaginarc ancora, c ianio sirciio cIc, a ariirc dallc caicnc
lanciaric c dallc rondc (ognuna dcllc quali, a scconda dcl suo ordinc
nuncrico, c soiio la signoria ioialc dcl corrisondcnic Faggio di uno dci sciic
Piancii Sacri}, sino ad arrivarc all'avviccndarsi dcllc ordinaic frazioni cIc
conongono, ncll'assicnc, la ioialii dcllc cocIc di ogni razza nadrc, iuiio c
incasionaio al cosnico, aiiravcrso il rclaiivo, in una lcggc di raorii
inrcscindilili.
Acccnnanno al faiio cIc i dodici Piancii cIc conongono la siruiiura roiaioria
cclcsic, aiiorno al Solc, andranno a fornarc, ira cocIc inconrcnsilili, con
un corollario di alirc Eniii sorcllc, i dodici scgni zodiacali di un criodo a
vcnirc; sar, qucllo, il noncnio in cui, conc c dciio ncl Lilro di Ciollc. "Tuiic
lc sicllc naiiuiinc canicranno in coro." Ecco la ragionc cIc sicga quanio, ira
ogni scgno zodiacalc cd uno dci Piancii Sacri v'c, scnrc, un raorio nolio
uniio; cosa risauia da ogni siudioso di asirologia. La nosira caicna icrrcsirc,
ad cscnio, Ia iniziaio la sua nasciia cvoluiiva, cnirando dalla oria dcl
Cancro, c raggiungcr l'iniziazionc, usccndo dalla oria dcl Caricorno; iuiio
ci, soiio la cura sovrasianic c gcncralc dcl quario Faggio, cioc, Mcrcurio, la
corrisondcnza lanciaria csaiia (Mcrcurio c il iancia dcl quario Faggio},
risonanic al nuncro dclla caicna in qucsiionc (la quaria caicna}. Eurc,
ancIc gli aliri sci Faggi si occuano, conicnorancancnic, di ialc sviluo.
Pcr cui, csscndo ogni caicna divisa in sciic rondc lanciaric, cd ogni criodo di
glolo, cr ci cIc riguarda l'uono, diviso in sciic razzc nadri c, qucsic uliinc,
in sciic soiiorazzc, nc dcrivcr cIc - c lo alliano, gi, sora, acccnnaio - ad
cscnio, la rina ronda dclla nosira caicna sar sorvcgliaia, in ariicolar
nodo, dal rino raggio, Vulcano; c la icrza razza dcl rino criodo di glolo,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

82
dal icrzo Faggio, Saiurno c, scnrc cr rioriarc cscni gcncrali, la quinia
soiiorazza dclla razza, ora ncnzionaia, dal quinio Faggio. Vcncrc.
E in ial nodo cIc lo siudcnic alincnia la roria iniuizionc c conrcndc
l'iniricaio ncccanisno cvoluiivo dcll'inicro sisicna solarc.
La icrra, in ial nodo, sinilc ad un fiorc, riscaldaio, da ogni aric, dai raggi
solari, vicnc galvanizzaia cd clciirizzaia da divcrsc corrcnii univcrsali, lc quali -
icniano a soiiolincarlo - scguono, ncl loro occulio lavorio, uno sccifico c nai
casualc dosaggio di inicrvcnii. Paric viialc a ialc irrorazionc coniinua c cosnica
c cosiiiuiia dai dodici sisicni sicllari, usualncnic cIianaii. segnI astroIogIcI.
Essi, raccolii dal aliio ccniralc c govcrnanic dcl nosiro Solc, ricscono a
raggiungcrc, aiiravcrso i iancii Sacri c non Sacri, lc iu iniinc filrc dcl
sisicna; crvcncndo, nclla faiiisccic, all'organisno unano cd ancorandosi ai
unii occulii dcl suo coro cicrico, cIianaii cIalras. Condizionano ogni
naiura, dalla iu iccola alla iu vasia, cd inongono alla viia lanciaria il
riino dcllc caicnc c dcllc rondc, cd il riino ai sciic rcgni conosciuii;
csiraggono, dal luio dcl caos originalc, lc cocIc sioricIc c iuiio indirizzano
vcrso la ncia di un cicrno divcnirc.
Inararc, quindi, ci cIc l'asirologia csoicrica inscgna, rifaccndosi allc urc
fonii dclla ncdcsina c non alla iroo acccniuaia volgarizzazionc cIc,
uriroo, infcsia nolii anlicnii dclla nosira culiura sccifica, significa avcrc
un cIiaro scccIio dcl fuiuro c dcll'avvcnirc, lasaio su lcggi naicnaiicIc cd
asirononicIc c non sull'avvcniaiczza di un qualunquisno nisiico-cnoiivo.
Non ci dilungIcrcno sulla sicgazionc di cosa sia la fascia zodiacalc cIc
"circonda" l'cquaiorialii icrrcsirc; darcno alcuni ccnni sullc lcggi ariicolari
cIc inicrcssano la nosira lczionc; conc al soliio, iaciiancnic, inviiando gli
siudcnii a rccrirc sui iraiiaii oncsii lc alirc infornazioni dciiagliaic, in
roosiio.
In un suo sonianco novincnio, aiiorno al solc, la Tcrra, duranic l'anno, si
onc, volia cr volia, soiio l'influsso oicnic di iuiic c dodici cosicllazioni. Non
c un nisicro, ncurc cr la scicnza, la osscnic incidcnza dcllc forzc, cIc, in
nanicra quoiidiana, si inncsiano, dal cosno, sul nosiro glolo. Millilan, il
fanoso scicnziaio a cui dolliano la scocria dci raggi cIc oriano il suo
nonc, affcrna cIc gli sicssi ci inondano, scnza osa, da ogni aric, c cIc
occorrc un nuro di ionlo, dallo scssorc di nczzo nciro, cr oicrnc aiiuiirc
gli cffciii. Ma, noi arliano di forzc dcllc quali gli sicssi scicnziaii non
conoscono l'csaiia originc. Pcr quanio riguarda i scgni dcllo zodiaco, una
rofonda culiura, in oggciio, c siaia faiia dall'uono, sin dallc cocIc iu
aniicIc, conosciuic c sconosciuic; si c inaraio a saggiarnc, siaiisiicancnic, la
qualii dci fluidi, a ordinarc l'unanii, in dcicrninaii sciiori, a scconda dcl
ncsc, in cui ogni individuo c naio. Lo siudio dci iancii, dclla osizionc
dcll'Asccndcnic, dclla Luna, dcl Mcdio Ciclo, ccc., crnciic di caialogarc la
ncdia unanii cd il suo dcsiino, in una arcIiviazionc uniiaria, rcssocIc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

83
infallililc. Io svIIuppo deII'anIma (o, coro causalc} cIc rcndcr, in scguiio,
larcollanic ogni rofczia sul suo fuiuro, csscndo, cssa, riusciia a rcndcrc in
nano lc rcdini di sc ncdcsina.
Quando, oi, ci si addcnira ncll'analisi dcll'Oroscoo Mondialc, allora la
facccnda divicnc scria; oicIc, c, quasi, inossililc crigcrlo, scnza la
cIiarovcggcnza cicrico-cosnica, scnza siudi rofondi, sulla nosira Doiirina;
quclla criincnic ai Faggi, allc Caicnc, allc Fondc cd al sisicna cosno-
liologico, qualc la CcrarcIia conoscc c scrvc. In caso di ialc siudio osiiivo,
conunquc, la succcssionc dcllc cocIc divcnia un faiio cIiaro; c, allora, la
rofczia, ura c scnlicc, scadc cd inicrvicnc il risuliaio dclla ciiaia ocrazionc
d'alia gconciria c ura naicnaiica univcrsalc. La ncdcsina naicnaiica cIc
Piiagora inscgnava, in nodo si nisicrioso, ai suoi disccoli rcdilciii.
Non occorrc, qui, soiiolincarc l'crrorc, quasi infaniilc, a roosiio dclla
precessIone degII equInozI, in cui incorrc la naggior aric dcgli asirologi
occidcniali aiiuali (diciano occidcniali, crcIc, sia quclli indiani, cIc oricniali
icngono, invccc conio dclla ncdcsina, da cocIc sioricIc}. Non occorrc, qui,
dirc cIc, al giorno d'oggi, a causa di un novincnio, sirciiancnic, icrrcsirc
(aunio, la rcccssionc dcgli cquinozi}, ogni scgno zodiacalc, corrisondcnic al
ncsc di nasciia di ognuno di noi, non c iu qucllo cIc, di soliio, vicnc siudiaio,
na, il rcccdcnic. E cIc csstono l4 scgn, c non 12. Ma lo vcdrcno iu avanii..
Vogliano, solo, uniarc l'aiicnzionc sul faiio cIc, cr un aliro noio cosnico,
lcn dcfiniio, i scgni dcllo zodiaco, olirc cIc inicrvallarsi, ncl riino ncnsilc, cIc
iuiii conoscono, si occuano, da loniano, ancIc dcllo sviluo dclla sioricii c,
cr il novincnio rcccssionalc, danno l'inronia sccifica ai criodi unani,
crcandoli dclla duraia di ducnila anni. Cioc, lc crc lanciaric si avviccndano,
di 2.000 in 2.000 anni, circa. Si iraiia dci.

- 1 GRAND1 MS1 DL GRAND ANNO -
-
I Gundc Anno c codo d 25.SbS unn, ncguto duu tcu, c ussuc
uttuucso 'nucnzu dc dodc scgn dco zoduco cd c sudduso n Gund
Mcs, duu duutu d ccu 2.UUU unn. Iuco d Nccu (l9U-l2U u.C.),
ustonono gcco, u no u scoc nco onotoc d qucstu tcou.
quco dcu preoess1one deg11 equ1noz1. A cuusu d unu cggcu oscuzonc
dcu tcu, u costcuzonc cIc s touu dcto soc nc'cqunozo d nuucu
(Actc) cunIu, guduuncntc, nc coso dc scco, cd nutscc u Mcs unu
cuuttcstcu nduduuc.

L'aniico Tcsiancnio ci rioria dci sinloli nolio significaiivi sul faiio. Il culio di
Miira, o dcl Toro, c il ricordo dcl lungo criodo, in cui l'unanii vcnnc
lasnaia, con lc caraiicrisiicIc dcl corrisondcnic scgno zodiacalc; invccc di
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

84
arrivarc, icrninaio lo sicsso, ai Ccnclli, crvcniano al ricordo di un aliro
criodo. Non qucllo dci Ccnclli, cIc scguc il Toro, na, il rcccdcnic. l'Aricic, da
cui dcriva iuiia una didaiiica sul "caro csiaiorio". E, iu rcccnic, da cui
siano acna usciii, il criodo dci Pcsci (il scgno rcccdcnic l'Aricic, ncll'ordinc
dcllo zodiaco}, ianio lcnc sinlolizzaio nclla rcligionc crisiiana c ncl scgnalc
cIc i rini aaricncnii ad cssa adocrarono (ad cscnio, ncllc caiaconlc,
inciso sui nuri}, al suo nasccrc.
E, qui, acccniucrcno il raorio cIc inicrcorsc ira il scsio Faggio, il Faggio
dclla dcvozionc - qualc vicnc, usualncnic, cIianaio - c l'coca dci Pcsci. Non
dincniicIianoci, cr, cIc, ad ogni inizio di iali cocIc (un Crandc Mcsc dcl
Crandc Anno}, uno ira i Figli dcgli Uonini, cIc, iu dcgli aliri, incarnava il
nassino aicc d'cvoluzionc raggiunio, sino a qucl noncnio, c, cr forza di
cosc, riassuncva in sc un fuiuro cvoluiivo di gran lunga iu avanzaio, vcnnc a
salancarc allc nassc la oria d'oro dclla rivclazionc sccifica. Ncl caso
dcll'coca dci Pcsci, acna irascorsa, allacciaia all'influsso dcl scsio Faggio
(dcl Piancia Nciiuno}, Ccsu Crisio vcnnc a darc l'inulso dcicrninanic a iuiio
il solco, cIc c siaio iracciaio dal Divino, sino ad ora. Dasia arirc un
qualunquc iraiiaio di asirologia c siudiarc lc caraiicrisiicIc dcl scgno dci
Pcsci, assicnc allc caraiicrisiicIc dcl iancia Nciiuno c, inolirc, rifarsi ai
ducnila c iu anni assaii, cr nciicrc in rilicvo lc qualii sicologicIc dcgli
sicssi. I nariiri crisiiani, inondaii di lucc, na, lruciaii, ancIc, da un ccrio iio
di fanaiisno; l'inlacalilc ioriura c lo siciaio norso di un scsio Faggio
dcvozionalc, vcrso sc sicsso c vcrso gli aliri, scnza alcun anorc cr la forna,
cIc osiiava il Divino, dcllc nassinc figurc, inclriaic dallo sicsso; la
ncravigliosa nisiica dci Pacsi oricniali, cIc, ancIc sc risalcnic ad ci iu
aniicIc, irov un suo inquadrancnio di nassa nclla zona icnoralc, cIc
iraiiiano; il Mcdio Evo, ancoraio all'idca dcl lcllo, dcl grandc c dcl nuovo,
curc, nancanic dclla siruncniazionc adaiia a nanifcsiarlo, a rcscindcrc da
iuiic lc ocrc d'aric da cui fu cosicllaio. Dcvozionc, in dcfiniiiva, all'oggciio
oriaiorc dcll'Aurco Mcssaggio, c non al Princiio cIc csso incarnava. Un
cIiaro cscnio dcll'ccccssivo fanaiisno, rino difciio dcl Faggio considcraio,
furono i dcliiii dcll'Inquisizionc.
Ma, ccco la Nuova Era, gi, aarirc all'orizzonic. l'Era dcll'Aquario, con il suo
iancia Urano. La caraiicrisiica di qucsio linonio u riassuncrsi in un
concciio. univcrsalizzazionc iniuiiiva cd anorcvolc dcl cnsicro c dcll'aiio,
aiiravcrso il gruo. Non iu singoli individui, vilranii di ardcnic dcvozionc,
na, fanaiica, aiiorno ad un rinciio, sia rcligioso cIc oliiico, cIc
inicllciiualc, incarnaio da un aliro Individuo; na, il linido affcrnarsi dclla
lucc, affioranic aiiravcrso la ioialii di onogcnci grui, aninaii dall'unii
divina dcllc loro aninc. L'coca dcll'Aquario, all'unisono con il sciiino Faggio -
Urano, o dcl Ccrinonialc - svclcr icnancnic ci cIc vcnnc faiio nasccrc, ncl
silcnzio dci ducnila anni assaii, a coninciarc dalla nascosia culla, in una
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

85
sialla, dcl nosiro Fcdcniorc, sino allc caiaconlc dci rini crisiiani, cd ai cclaii
ordini iniziaiici, dai noni cIc iuiii conosciano. Iddio, cIc, in dcfiniiiva, non
u c non dcvc csscrc nascosio in qualcosa di siaiico c di rclaiivo, vcrr
nosiraio a iuiii, nclla icna scnlicii c scIiciia lcllczza dclla fuiura coca
dcll'Aquario; lrucicr, conosciuio cd anaio, nci fuocIi aionici dcllc fallricIc
nodcrnc; inscgncr, onniscicnic c caicgorico, aiiravcrso la rcligionc univcrsalc,
cIc, di ogni fcdclc, far un saccrdoic. Non iu arlarc di un Lui, conc
rarcscnianic dci iu alii scgrcii di oicrc, ira i lancIi di scuola di qualcIc
ordinc csoicrico, cclaio ai iu. L'coca dcll'Aquario, gi coninciaia, raduna gli
uonini volcnicrosi, in una univcrsalc aricciazionc ai Sacri Misicri. Ci cIc il
scsio Faggio, dclla Dcvozionc, Ia rcaraio c, cr lungo icno, soiio l'coca
dci Pcsci, faiio naiurarc, il sciiino Faggio, dclla dcfiniiiva nanifcsiazionc
ordinaia c rivclaia, disiriluir ai ciiiadini dclla nuova cra, scnza arsinonia.
Crisio c il oriaiorc dcl Nuovo Mcssaggio. E, conc si nanifcsi, ulllicancnic,
aiiravcrso un singolo Individuo, all'inizio dcll'Eoca dci Pcsci, cr scguirc la
naiura di qucl scgno, ora c, gi, incarnaio, ncl gruo vasiissino dci Nuovi
Scrviiori Mondiali, cr scguirc la naiura dclla Nuova Era. Qucsio, il riiorno dcl
Crisio.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

86
- L21ON QU1ND1CS1MA ( por1e pr1mo) -
LE LEGGI DELLA TELEPATIA

Occorrc cIc l'uono ridincnsioni la nornalc vcduia sulla anoranica ncnialc
cIc cgli ossicdc, nci riflcssi dclla viia circosianic, rina di oicrc, con
succcsso, cncirarc l'csscnza dcll'argoncnio, cIc iraiiiano. u tccutu cd
suo uot. Ma, occorrc, ancora, cIc cgli cniri, nuniio, ncllo siudio cIc
alliano inirarcso, di un rcciso c quadraio scnso dclla icorica, cIc sosianzia
la scicnza dcll'coca conicnoranca. Difaiii, lc lcggi dclla iclcaiia sono lc lcggi
ncdcsinc dcl nondo fisico, ncllc suc siruiiurc soiiili c fondancniali,
adcguaiancnic inscriic c funzionanii, a iu alio livcllo, ncl sisicna liologico
dcll'uono. Si iraiia non gi di sninuirc i valori siriiuali cd aninici di quclla
ncravigliosa crcaiura cIc c l'uono, rivcdcndonc lc funzioni, ncl nosiro caso
sccifico, c raoriandonc lc ossililii ad un suo divcnirc una scnlicc
naccIina riccvcnic cd cniiicnic; non si iraiia di acsaniirnc lo slancio
siriiualc, ncl dirc cIc, conc un aarcccIio radio, con circuiii c iransisiors,
cgli u inscrirsi in una rccisa disosizionc sovrannaiuralc, cIc lo rcnda
assorliiorc c fruiiorc di vasii cani nagnciici, fuori dclla oriaia conunc di un
ncdcsino siruncnio scicniifico, cd, ancIc, crcaiorc di alirciianii cani
nagnciici. Significa, solo, soiiolincarc c nciicrc a fuoco una nuova cd infiniia
qualii cIc la faniglia unana osscdciic c ossicdc, scnza rcndcrscnc conio.
Nc inicndiano inirodurci nclla scicnza dclla iclcaiia, con argoncnii cIc nc
rovino la fondaiczza; oranai, il fcnoncno c siaio localizzaio, individuaio c, in
gcncrc, accciiaio. Anzi, uno sccifico sciiorc di culiura nciafisica nc Ia, con
l'invcsiigazionc dirciia c siudi aroriaii, svisccraia la quasi ioialii dcllc
lcggi. La rcscnic lczionc non si rivolgc, quindi, al vasio gruo di siudiosi cIc
conoscono c raiicano la iclcaiia; na, scnliccncnic, al rofano, o a coloro
cIc, ur raiici dcl fcnoncno, nc rcsiano ai nargini. Inicndiano,
scnliccncnic, nciicrc un d'ordinc nclla fragilc inconlciczza dclla
conosccnza ulllica sul fcnoncno. E icniano a soiiolincarc, con vivczza, anzi,
cIc, quanio scriviano ora dcvc collcgarsi, c non u rinancrnc anuiaio, a
quanio dciio, sin qui; sarcllc, cr noi, inossililc ricicrc, sc non in alcuni
iraiii csscnziali, lc lcggi fondancniali dcl ciclo in divcnirc dclla naiura, gi
csosic. CIi rcndcssc in nano la rcscnic lczionc, quindi, c la siudiassc,
scnza ialc dcliia rcarazionc, non nc irarrcllc cIc una inconlcia
conosccnza.

COS' LA TELEPATIA?

Onogcnctu. Untu d cncgu, ncc nuncstuzon d tutto co cIc c dcsctto duu
onu c contcnuto n cssu.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

87
Un rinciio fondancnialc sorgc dalla sinicsi dclla scicnza nodcrna.
L'unIverso IIuIdo. Ci cIc c cocrcnic c fisso, in una sua innolilii siaiica, a
ariirc dalla noniagna, sino a giungcrc all'orologio, cIc icncic al olso, olirc
cIc rivclarsi, all'occIio scruiaiorc dcllo siruncnio scicniifico, un'assicnc di
ariiccllc in aiiualc c coniinuo novincnio ira di cssc, c scanlio con alirc
ariiccllc dcll'anlicnic csicrno, c dcsiinaio ad una iu o ncno loniana fusionc
con il narc, in cicrno novincnio, di quclla onnicrvadcnic cncrgia cIc, in
rcccdcnza, osiul il suo guizzo vilranic, in una aarcnic siaiicii. Tuiio c
cncrgia, riciiano. E noi icniano a cIc lo siudcnic non si discosii, cr un
aiiino, dall'accuraio csanc razionalc di quanio gli siiano diccndo.
Sc considcriano viia ci cIc risulia cvidcnic allo sguardo cnciranic dcll'uono,
o dclla naccIina clciironica, c sc considcriano noric quanio, in un roccsso
di cosianic illanguidincnio, riirac il suo volio csrcssivo dallo sccnario
dcll'csscrc, l'accavallarsi di qucsii duc rincii ci far crvcnirc, cr giocoforza,
alla rcali di una icrza cosianic. 'csstcnzu dc'cncgu, n ctcno novincnio.
Andarc ad occuarci di ci cIc csisic diciro la noric c rina dclla viia ci
oricrcllc in un aliro anio discorso cIc, conunquc, alliano, ncllc suc
gcncrali lincc, iraiiaio, dcscrivcndo la Cosnogcncsi c l'Aniroogcncsi (dcu
notc c dc suo occsso occuto, n ogn cuso, uccno u uuunt}. Qucllo,
invccc, cIc a noi inicrcssa, ai fini dclla rcscnic lczionc quindiccsina, c
l'aggancio, inncdiaio cd innancnic, cIc ogni individuo Ia - nc sia, o ncno,
coscicnic - con l'infiniio allraccio, inalalilc ai scnsi conuni, cIc c la
lasiicii dcllc cosc iuiic.
Non vogliano singcrc ad un grado di csircna c, cr i iu, dolorosa
rarcfazionc, la ncnic dcgli siudcnii, faccndo loro fissarc, dirciiancnic, ncllo
sasnodico nuclco sosianzialc, qucsia cncrgia onnicrvadcnic; nc vogliano,
cr, oriarlo vcrso gli aroni csanii, cIc rovcngono dallo sirofinio vivo cIc lc
arii naicriali dcl suo anlicnic viialc crcano, di coniinuo. Si c faiio un iroo
arlarc, sull'argoncnio. Ma, sia da una aric, cIc dall'alira, si c ccccduio.
In oricnic, cr cIi sia siudioso di filoni di aniica culiura csoicrica, la ncdcsina
Ia lruciaio lc aninc di un vasio gruo di individui, crcando un calcidoscoio
di succcssi c di insucccssi, ncl cano. La iclcaiia, scnlicc c fondancnialc
lcggc naiuralc c cIc, da alcuni, c siaia, fcliccncnic, dcnoninaia la Lcggc dc
Huoto Intcguc, ira cosc c cosc, ncllc loro soniancc irradiazioni, c ira
uonini, ncll'unionc ira lc loro risciiivc naiurc clciironagnciicIc, c siaia, in
oricnic, iuiiosio csanicncnic cd cnoiivancnic ncscolaia a sroorzionaic
aiiivii ncniali c siriiuali. Ci, nclla naggior aric dci casi. E, nclla naggior
aric dci casi, inconrcsa, cr quanio riguarda la sua originc rina cd i nodi
di nanifcsiarsi. Conc un icncro gcrnoglio, cIc vcnga lruciaio, ncllc sconfinaic
landc di un cnsicro filosofico, iroo vasio cr oicrlo unilncnic far crcsccrc
c scaldarc. Ogni filosofia indu, a ariirc dalla ura c scnlicc icoria, sino alla
raiica yoga, oria, a fondancnialc ncia dclla sua ragion d'csscrc, da una
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

88
aric, la ncnialc c soggciiiva unificazionc con l'Assoluio; dall'alira, il
coordinancnio oggciiivo di un riiualc fisico, cIc rcalizzi, ncl coro di cIi Ia
raggiunio la Surcna Concczionc, quclla fcnoncnologia, cIc si csicndc, ancIc,
alla naiura csicrna cIc circonda lo yogIi, c dcrivanic da iania conquisia
siriiualc; c cIc, in scnlici arolc, c la niracolisiica cccczionalc, di cui
dcicrninaii individui, in iali Pacsi, sono adroni. Ora, sc noi considcriano
quanio, in cffciii, la iclcaiia non sia, scnliccncnic, una caacii
inicllciiualc, csircnancnic soiiilc, cIc faccia scivolarc, ira ccrclro c ccrclro, il
rofuno naiuralc di cnsicri, scnza icncrc conio di disianzc, na, ci rifacciano
al concciio, csosio in rcccdcnza, dclla cicrna lasiicii dclla viia c di conc
ogni novincnio dclla ncdcsina vcnga osiulaio c sosianziaio da un
indiscuiililc iraiio radicalc di cncrgia ura, consiaicrcno cIc, in ial scnso, la
iclcaiia c qualcosa di iu di un scnlicc raorio ncnialc. E crvcrrcno alla
sicgazionc cIc la iclcaiia, in cffciii, c una scicnza cIc, rina o oi, dcvc c
dovr sconfinarc - c noi arliano di un idcalc lcn loniano, si inicndc - nclla
crczionc dclla ianio lcn conosciuia nagisiica oricnialc.
In occidcnic, l'individuo c nolio iu rcciso, iu accuraio; il fcnoncno non
u, sccondo noi, csisicrc, in qualcosa al di l dclla consiaiazionc oliciiiva di
una siaiisiica fcnoncnologica c lcn vincolaia, conc ianii anclli, allc diia dcllo
scicnziaio, cIc nc scguc l'csrcssionc. Ci, da una aric c giusio; dall'alira,
oco coraggioso. Duc canioni, si irovano di fronic; il soiiilc, rarcfaiio uono
dci niracoli. l'indiano. Egli arla al suo dio, non vuolc inicrncdiari c irasforna
la naicria, con la roria voloni. Ncllo siccarc il volo, novc, su dicci di cssi,
cadono; aunio, crcIc carcnii di qucll'ossaiura razionalc cIc, cr lo iu,
acsaniiscc l'occidcnic; na, qucll'unico fa rcsiarc inicrdciii scicnziaii c
uonini di scnno curoci, cr l'indiscuiililc cvidcnza, raiicii, inncdiaiczza
dci suoi "nuco". Oggciii fisici, naicriali, iangilili vcngono crcaii dal nulla c
osii davanii allo sguardo aiioniio dcll'uono. Oggciii fisici, naicriali, iangilili
vcngono, dal iuiio circosianic, faiii sarirc, in un lalcno, in un nulla dcfiniiivo.
E, qucsio, non c crcarc? E, qucsio, non c csscrc sinili a Dio? E, qucsia, siringi
siringi, non c la ncia a cui icndc, ancIc, lo scicnziaio occidcnialc, carico cd
acsaniiio di naicriali indusiriali; insonnc, cr lc noiiaic assaic davanii agli
aarcccIi disgrcgaiori dcgli aioni c fornicolanic nci laloraiori cIinici,
aiiorno a fialc, ncllc quali irasforna gas in aliri?
Tclcaiia. Analizziano lcnc il significaio di qucsio icrninc. Esso, sirciiancnic
arlando, significa collcgancnio. Collcgancnio di aioni ira di loro; lcn
icncndo rcscnic cIc l'aiono c cncrgia, c cIc l'cncrgia c, scnrc, nu,
duuntc cd doo di ogni nocciolo viialc, nanifcsio ncll'univcrso. dal roionc,
alla naccIina, agli organi dcl coro unano, alla sicssa ainosfcra, iu o ncno
viva, cIc circonda la icrra, lc sicllc, i cani nagnciici, ira galassic c galassic.
Tclcaiia c sinonino di cncrgia; cncrgia c sinonino di llocco unico. E, sc voi,
con l'innaginazionc, ccrcaic di allracciarc l'anio iuiio cIc circonda il nosiro
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

89
glolo, sino ai vcriici iu icnaccncnic disianii dcgli univcrsi-anni lucc, li, dovc
la vosira innaginazionc si aggancia al sullinc unio in cui csscrc c non
csscrc sono una ncdcsina cosa, il ccrcIio conicniiorc in cui, cr un aiiino, il
vosiro siriio avr lilaio quclla cIc crcdcvaic la conlciczza, conicr un
sussulio; c s'unir ad aliri novclli orizzonii cIc csisiono nci risvolii luninosi,
diciro la curva. Tclcaiia. Un nuovo raorio iclcaiico si sar inscriio ira
qucll'univcrso cIc lc vosirc aninc avranno ioccaio, cd un aliro infiniio, cicrno
"nulla", vcrso cui roscguc l'infaiicalilc siivalc dcllc sciic lcgIc dcll'cicrno
Passo Univcrsalc. Un nulla, cIc c ENEFCIA. Un nulla cIc c TUTTO.
Alliano, quindi, voluio iingcrc la naiura dcll'clcncnio guizzanic cIc la
iclcaiia govcrna c dirigc, sia con l'aniczza sazialc dclla viia cosnica, in cui
ci iroviano a navigarc (clcncnio, urancnic, asiraiio, na, ncccssario ad ogni
concrciczza d'aiio, cIc noi inscriano, nclla viia quoiidiana}, cIc rcndcrc il
ncdcsino clcncnio duro c flcssililc, conc l'acciaio, dinosirando cIc csso c
l'unica c cosiiiucnic naiura di ogni ariicclla naicrialc, nci suoi iniini raorii
viiali c scnsiiivi. Ha, nai, cnsaio, l'uono, dovc vada a risolvcrsi l'cnornc
fiunana di coruscoli clciiro-nagnciici, cIc la fisica Ia assodaio coniinuino ad
invadcrc l'ainosfcra dcl nosiro glolo, c crnangano, galvanizzaii, di coniinuo,
ira gli oggciii cIc fornano il nancggio aliiualc dclla nosira csrcssionc
quoiidiana? Coruscoli clciiro-nagnciici, i quali, di infiniia naiura cd infiniia
ganna d'onda, non solo corrodono, da ogni aric, il llocco onogcnco dclla
naicria, quando cssa vicnc uriaia, invcsiiia, scossa da novincnii csiranci, c
l'allcggcriscono dcl loro nuncro, in quaniii di niliardi c niliardi di cniii
soiiili; na, crcano in cssa un nuclco di invisilili, voriicosi congloncraii di
gorgIi-radicc, cIc la nanicngono in uno siaio di fragilc incosiiiucnza. Ha, nai,
considcraio, l'uono, cIc csisiono nuncrosi aliri asciii di viia, dci quali,
aliiualncnic, non c consacvolc, c cIc fornano, in una lcncIc ninina aric,
oggciio dcllc invcsiigazioni dclla scicnza aiiualc? Parliano dci raggi ganna, ,
dcllc ondc cicricIc, dcll'asciio aionico, quaniico c nolccolarc cIc, iu
rccisancnic, lo siudioso u cIianarc. l'clasiico novincnio sonianco di
lincc cncrgciicIc gconciricIc. Parliano di qucllc forzc, alcunc, siagnanii, alirc
di sconosciuia naiura, cIc fanno frcncrc l'ainosfcra dclla nosira icrra; forzc,
di cui una ninina aric, conc oicnzialc innancnic, corircllc, in
dinanicii, l'inicro organico dcllc alirc iuiic, cIc cosiiiuiscono l'iniclaiaiura
nagnciica dcl nosiro glolo. In nczzo a iali cncrgic, l'uono si irova a conicrc
il rorio dovcrc di ciiiadino dcll'ignoio. Dasia, quindi, con criicrio,
annorlidiio dall'iniuizionc, arirc un qualsiasi lilro di fisica dcllc ariiccllc,
cr, non solo, rinancrc aiioniii, di fronic al colossalc sccnario di cssc, csirancc
a iania crisiallizzaia innolilii dclla naicria, slalordiii dcl nodo in cui la
icngano a gallcggiarc su di loro - sugIcro, in un narc in icncsia -, inicrcssaii
allc caacii cIc sc nc oircllcro irarrc, con un iniclligcnic uso, da aric
dcll'uono, quanio conrcndcrc cIc l'uono sicsso, cr la qualii dcl fcnoncno,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

90
c in dirciia cocsicnsionc con la iu assoluia divcrsii di naiurc soiiili, c non
vincolaio, solo, a qualcIc iio ariicolarc dcllc ncdcsinc.
Cauiancnic - cd cra giusio - alliano osio, ira di noi c l'univcrsalc, un onic
di naccIinari, di inicrncdiari auionaiici, cIc ci Ianno rivclaio l'onlra di
qualcosa di inalalilc. Ma, giunii al unio in cui ci iroviano, il cso di ianic
naccIinc riscIia di scIiacciarci. E l'ora cIc l'uono gciii, dallc suc sallc, il
filiro di sinili gruccc c fissi, dirciiancnic, in volio, l'aurco slcndorc di quclla
lucc, cIc rifiuia di vcnir addoncsiicaia, nci laloraiori di riccrca. Non dovr c
non oir farlo, di colo. Considcri ci cIc gli vcniano csoncndo, con
sinaiia c scnza siriio di rcvcnzionc. A noi inicrcssa cIc il lciiorc accciii di
iniavolarc un raorio dcl iuiio razionalc sul rollcna c, ur icncndo di
soiicccIi, la ncravigliosa, nisiica visionc dcl REALE, non rinanga inviscIiaio
ncl soorifcro niclc di una innaginazionc, iroo disianic da ci cIc Ia
conquisiaio, sino adcsso.
Tclcaiia, quindi, non solo c un faiio rciiancnic csscnzialc c naiuralc, in
iuiic lc cosc, aninaic cd inaninaic, irasccndcniali c rclaiivc, coscicnii, o ncno,
c nascc dalla ncccssii di accciiarc, qualc lasc vivcnic dcll'csscrc, una originc
cncrgciica; na, iclcaiia c, ancIc, crcaiivii. CIi cncira ncl nondo dcllc forzc
invisilili c onc nano allc lcvc cIc lc guidano, sccondo l'assiona csoicrico." u
cnsco, scguc 'cncgu ", nciic in novincnio i rincii di un aliro assiona."
all'cncrgia, scguc la sua naicrializzazionc ". Ecco, allora, giunia la ncccssii di
rivcdcrc, assicnc, lc lcggi csosic ncllc rinc nosirc lczioni
Conc dirc al rofano, cIc nulla saia sulla reIncarnazIone, suI karma, c
viva, isolandosi nclla crosia rcgiudizialc al linido siudio dcll'csoicrisno, cIc
cgli si irova ad avcr sosaio rorio quclla donna, a funzionarc, conc una
roiclla, ncll'indusiria socialc, rorio ncl quadro dclla sccifica aiiivii cIc lo
occua, o frcnaio dall'argilla scivolosa di un dcsiino osiilc, o slalzaio sullc
quinic dclla cronaca, in un succcsso ulllico, crcIc la lcggc di Econonia dcl
nosiro Sisicna Solarc gli riuni, nclla rcscnic incarnazionc, in un fascio
sirciiancnic allacciaio, soiio forna dclla condizionc su cui csrinc il discorso
d'cscricnza d'anina, iuiic lc irradiazioni soiiili dcl cnsicro, i dcsidcri noncIi,
iu o ncno lcncfici, cIc scnin, ncllc viic assaic? Non c un nisicro
affcrnarc cIc la ncdcsina siruiiura liologica di ogni norialc nascc, c si
aggloncra, aricndo da ariiccllc clciiro-nagnciicIc, cIc affiorano alla crcsia
dcll'organicii fisica, di cui disonc. Il cnsicro arriva a dcicrninarc dci
nuiancnii quaniiiaiivi, sulla grossczza dcl ccrclro unano. Lo siudio dci
ccrvclli di cnsaiori, noii, quali scoriiori c siudiosi, in ogni cano di aiiivii,
Ia rivclaio cIc cssi osscdcvano un ccrvcllo nolio iu sviluaio, in nolc,
dclla ncdia. Qucsio, a significarc cIc il ninino cnsicro cIc noi nanifcsiiano
c di naiura ialc c di oicrc galvanizzaiorc si cfficacc, da avcrc un doninio nciio
sulla naicria, cIc nc c il vcicolo.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

91
Ciunii, quindi, a ial unio dclla disscriazionc, affcrniano cIc ncssuno oir
dirc qual'c l'csaiia linca di siacco cIc onga, da una aric, la naicria, c, da
un'alira, l'cncrgia.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

92
- L21ON QU1ND1CS1MA - (por1e seoondo)
II Maya eterIco, I'annebbIamento astraIe, I'IIusIone mentaIe, II GuardIano deIIa SogIIa

Confusancnic, allo siudcnic u coninciarc a dclincarsi la causa di qucl
colossalc fcnoncno di accccancnio occulio, in cui c inncrsa l'unanii, al
giorno d'oggi. Alliano, scsso, riciuio cIc csisiono sciic iani di
nanifcsiazionc, in cui la Monadc gioca il suo cicrno riino di DIO in
csrcssionc. Ma, cos'c la Monadc? Non vogliano cviiarc la donanda, ncl
risondcrc. iuiio c nulla. E 'il iuiio, sc considcriano, cr iuiio, l'insondalilc
voraginc cIc, qualiiaiivancnic c quaniiiaiivancnic, allraccia ogni sora in
nanifcsiazionc c sunia, conc inncdiaio gcrnoglio, alla ninina rcssionc
cIc il nosiro diio scruiaiorc vi inrinc, quando csanina uno ira i ianii
clcncnii franncniar cIc cosiiiuiscono la vcsic dcllc cosc finiic c rclaiivc;
gcrnoglio, cIc sunia da qucll'unico clcncnio. Monudc, c, uncIc, quc'unco
ccncnto. Soo 'iniziazionc u dinosirarc, oliciiivancnic, al disccolo, cIc il
finiio c adrc dcll'infiniio, quanio qucsi'uliino lo c dcl rino.
Considcriano l'cncrgia, la sola cononcnic dcl crcaio, in cicrno novincnio. E
rarcscniianoccla soiio forna di un circolo. Noi saiano cIc in ialc circolo c
raccIiuso l'uono c il dio, il finiio c l'infiniio, il fisico cd il nciafisico. Dovc inizia
il rinciio dcl circolo, c dovc la finc? Dovc, l'assoluio; dovc, il liniiaio? Ed c a
qucsio unio csaiio dcl rorio vilrarc inicriorc cIc il dio crca; cgli affcrna di
csscrc dio; cgli dccidc di csscrc dio; cgli onc i confini ira sc c l'anlicnic,
sguaina la sada dclla voloni inflcssililc c iraccia il solco, in cui avanzcr,
conc ialc, c crca il cIcIo. Il Logos Solarc, cosi, Ia faiio. Il Logos Cosnico, cosi,
Ia faiio. L'uono, ncll'isianic csaiio in cui si irova, incrudiio c nudo di aliri
orclli dognaiici, o rcgiudiziali, nclla ncccssii di inscrirsi in un nuovo,
originalc nodo di viia, cosi Ia faiio, fa, far. Qucsia, la ragionc, cr cui la
voloni inicgralc c, indiscuiililncnic, la doic unica ricIicsia ad ogni disccolo.
La Monadc, quindi, c, scnliccncnic, Voloni di Esscrc; c, ccriancnic, la
Mcravigliosa Dana, la CcrarcIia Dianca, c cosirciia a cclarc il Suo candido
volio, diciro al ncro vcniaglio dcl scgrcio, quando lo sguardo lc si osa su ianii
uonini cIc sono lcn loniani da qucsia Voloni di Esscrc. E orgc loro,
conunquc, dcllc lincc indicairici a cIc raggiungano, i nigliori, una viiioria
assoluia sulla viia c sulla noric; i sccondi, la siucnda lczionc, alla loro
ignoranic rcsunzionc, di un conlcio fallincnio. Lo sforzo, c ricIicsio. Uno
sforzo arnonioso, anorcvolc, icnacc, illuninaio. E non csisiono niglior
dirczionc c niglior ginnasiica cr oiicncrc il rcnio dc'nzuzonc sc non quco
d utcuc u tccutu, scgucndo nc nscgnut du Mucst dc'Occuto.
Fg dcu GcucIu Huncu, c GcucIu Huncu Ess stcss.
In roosiio a quanio sora dciio, ciiiano lc arolc di un Adcio, il qualc cllc
occasionc di scrivcrc. "I nondo, u gono d'ogg, c cno d dscco, csct ncu
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

93
conosccnzu tcocu dc'Antco, c scnc uttuuc, Esotcsno, cn d Iuonu
uoontu, utust, ostu n quunto u osscsso dc scntncnt unucsu ncccssu
u'unno c occdcc uncou otc, u u ccuutc tuc su Scntco. Ess, co,
dcttuno dc udncnt ncccssu u cIc nucsto ossu ccuu nc cuno dcu
udonunzu occutu dcu nutcu nc tc nond. In co (cndcndo uucuntc u
sucIu dc oo occdcntu) 'ocntc Iu sucuto, d gun ungu, 'occdcntc."
Uno di iali rudincnii c la iclcaiia. La iclcaiia, inicsa a sinicsi c conincnio
finalc di ogni aiiivii roiagonisia nci rcccdcnii cicli rcincarnaiivi; a qualii
naiuralc c sonianca dcll'csscrsi, l'uono, irasunanaio cd avcr aiiuaio la
irasfornazionc cIc Ia cnuclcaio ogni unio dcll'univcrso in un ninino conun
dcnoninaiorc. la sua ncnic; a indicc indiscuiililc dcll'unificazionc, in lui, di
siriio c di naicria, ovc icno c sazio sono ridoiii ad una cosianic conquisia,
innancnic cd aiiualc. Con la iclcaiia, i Canioni dcllc rcccdcnii, dclla
rcscnic c dcllc fuiurc cvoluzioni guidano l'inicro assicnc dcllc viic naiurali. E
iclcaiia cosnica quclla cIc riuniscc "ncu ccocu Scu dcc Loo Auc" i
sisicni solari, cIc roccdono vcrso scniicri cosnici sconosciuii. c iclcaiia il
aliianic cordonc di forza viialc c sullinifica cIc inscriscc, scaraiancnic, in
un'unica unii di roosiii, il nosiro Logos Solarc ai Sciic Piancii Sacri;
iclcaiia, na di naiura quasi inossililc a conrcndcrsi alla ncdia cvoluzionc,
c il congiungcrsi di inrcssioni cclcsii, dai orii csiranci al sisicna solarc, sino
al nosiro glolo. Tclcaiia c l'unificazionc di ragionc, di scniincnii, di coro cIc
si aiiua ira i Sciic Kunara, lc Forzc Slcndcnii cIc cosiiiuiscono il ccrvcllo
dirigcnic dclla nosira CcrarcIia, c la CcrarcIia ncdcsina. Tclcaiia, infinc, c il
raorio dirciio, o, indirciio, cosianic, o, ncno, cIc inicrcorrc ira l'Adcio c i
Suoi disccoli. I quali c gioco forza cIc arcndano, non solo ad csscrc rccciiivi
allc ondc viiali di iania suggcsiiva nacsiria siriiualc, na, a loro volia, cIc
arcndano a crcarc, sccondo il loro Faggio individualc (Soiioraggio di qucllo
nonadico}, sgrananicsi nci Faggi dclla crsonalii, dcl coro ncnialc concrcio,
dcl coro asiralc c dcl coro fisico, una ganna ioialc di vilrazioni inrcssivc,
cIc rcnda loro sicssi, a lungo andarc, oli-guida dcl riino occulio dclla
iclcaiia cosnica.
Conc alliano visio ncl caos dcllc cncrgic da noi analizzaic, agli inizi dclla
scconda aric dclla lczionc, Coloro cIc, oranai, alliano inaraio a
considcrarc conc i divini faiiori di ogni cvoluzionc, a ariirc dal Logos
Cosnico, sino a giungcrc al scnlicc iniziaio di grado infcriorc, clcvano il iono
dcllo slcndido oicrc cIc li svincola dalla laccnia naicrialc c si unificano,
scnrc iu, alla Lucc solarc dcll'Esscrc, con il scguirc dci nciodi di gconciria
naiuralc aninica, c cIc, in gcrgo unano, ossiano cIianarc dc tno
gcucIco.
La Monadc si c individualizzaia. L'anlcsso ncraviglioso dci Sciic Kunara,
roiczionc dirciia dci Sciic Piancii Sacri, a loro volia congiunii a sciic Sisicni
Solari, di cui uno c il nosiro, iuiii dicndcnii c arii vivc dcll'inconncnsuralilc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

94
Siclla cIianaia "Cou cIc non s dcuc nonnuc", duranic l'coca Lcnurica
dciic nasciia a sciic grui unani (doo duc razzc iniangilili cd unanoidi} c
cIc osscdcvano, cr la rina volia, sul nosiro Piancia, il corrcdo di un coro
aninalc. Narra la iradizionc csoicrica cIc una lingua di fuoco, rovcnicnic dal
livcllo Mcnialc Cosnico, uncndosi, in un auionaiico dualisno di riflcssi, con la
lucc dirciiiva dclla Sullinalc Coscicnza cIc vilra dalla loniana Siclla Sirio,
vcnnc inscriia ncl nosiro iancia c si fiss in SIanlalla, dcicrninando iuiio il
corollario di succcssivi dualisni, i quali, rovocarono ancIc la nasciia
dcll'Anina ncll'uono. E, scllcnc, a rigor di icrnini c cr quanio riguarda la
nosira coscicnza lanciaria, la Monadc sia quclla laicnic c ioialiiaria arnonia
cIc sgorga dallc iu iniinc filrc d'ogni forna cIc cosiiiuiscc l'organisno dcl
nosiro Piancia (cioc, il nosiro Logos Planciario}, il franiunarsi dcl Suo
sacrificio, con la voloni cIc Egli avcva di vcdcr rislcndcrc la Sua Naiura in
nuovc csisicnzc sinili a Lui, crc dcgli aliri aigli cIc non c incsaiio
cIianarc. succcssivc Monadi. L'uono-aninalc dincniic la roria originc
divina, scaraio conc si irovava dal Scnc cIc lo origin. Sciic grui di
unanii nacqucro, nci rcnoii icni cIc vanno da vcnii nilioni a quindici
nilioni di anni fa; sciic grui di innuncrcvoli goccc di sanguc frcncnic,
srizzaic dal cosiaio dci Sciic Dci Planciari, riuniic in sciic ordini conaiii,
dalla voloni sucr-unana dci Sciic Kunara, collocaii ncl naicrno giaciglio
dcll'anorc dcl nosiro Logos Planciario, c riscaldaii dall'aliio dci Piiri lunari,
rovcnicnii dalla rcccdcnic Caicna viialc. Fu ncccssario cIc l'uono
dincniicassc ialc originc, cr oicr raggiungcrc, con il rorio sforzo, raffinaio
dal dolorc rcincarnaiivo, l'idcniii di oicrc, anorc, sacrc dcl suo Ccniiorc
Divino. Unionc, na, ancIc, giusia scarazionc da Esso, vcnncro faiic dal Fc
dcl Mondo, con l'aiuio dci Suoi sci disccoli, c di un gruo di Alii Iniziaii cIc
collalorarono - c, in un luon nuncro, ancora, collalorano - con Lui. L'uono si
irov orlaio d'ogni oicrc. Inrigionaio in una forna aninalc c in aiicsa di
ricongiungcrc la roria coscicnza alla Prinordialc. Lo avrcllc faiio nolii
nilioni di anni doo. Prina, inconsciancnic; iuiclaio, guidaio dallc soiiili
Inrcssioni cIc, duranic iuiio il icno in cui si nanifcsi conc lcnuriano,
ailaniidco, ariano gli rovcnncro c gli rovcngono dalla CcrarcIia Dianca cIc,
nan nano, vcnnc ad accrcsccrsi dcl nuncro di coloro i quali, divcnuii rccciiivi
ad cssc, fcccro icsoro dcllc vilrazioni cIc conicncvano, vcnncro iniziaii, c si
siaccarono dal gruo unano.
FaccIiusa nci irc infcriori, dci sciic iani cIc cosiiiuiscono la noia di ogni
forna nanifcsia, la Monadc inizi ad incricarsi vcrso l'alio. Duranic l'coca
Lcnurica, vcrancnic cicca, gaiiino acna naio, si dciic a conosccrc il rino
grado dcll'cscricnza aninica. il naicrialc. Svilu il coro fisico, fccc
cscricnzc d'ogni soria, sirciiancnic aigliaia alla naiura circosianic, quasi
un iuii'uno con cssa. Alcuni rudincnii dclla razza li ossiano riniracciarc nci
sclvaggi loscinani, nci ignci, nci cacciaiori di icsic, ccc.. E, cr la noia lcggc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

95
dcll'cncrgizzazionc, qualc alliano acna siudiaia in rcccdcnza, sinilc a
fruiio naiuro cIc vcnga srcnuio, la naicria fisica csal i suoi cffluvi cicrici,
lasciandoli graviiarc c rinancrc, urulcnii, ncll'ainosfcra dcl glolo. Qucsia, c
la ragionc dcl rino iio di accccancnio occulio (il Maya cicrico} in cui si irova
inncrsa, ora, l'unanii c di cui rivclanno l'csisicnza all'inizio dclla lczionc.
Troo soiiilc c lo sicgarnc l'csrcssionc, ncl quoiidiano riino cIc ci circonda.
Da una aric, l'anorc acccniuaio cr ogni aiiivii rciiancnic liologica, il
rofondo fascino (siccaia rivclazionc di un iio sccialc di cncrgia cIc rinanc,
ancora ansinanic, a cIianarc l'uono lanlino} cIc cgli rova vcrso la crosia
naicrialc dcllc cosc, lo sicoaiico nunirsi di ncdicinc, cr l'incsisicrc dclla
ccriczza cIc la carnc c lo siriio sono un iuii'uno di divino; la ignoranic
nancanza di anorc cr la forna, cIc vicnc soiioosia a sforzi incrucnii;
dall'alira aric, in una assoluia nancanza di scnsililii sicIica, iuiio ci c
l'acccnio di usonc nayavica. Diciano, fuggcvolncnic, cIc c aunio da ialc
icnaglia osscssiva cIc l'asiranic ccrca di sfuggirc, dcfiniiivancnic, quando
dcviializza lc suc iroo oicnii funzioni liologicIc, adaiiandosi a riini di
ricducazionc fisica, conc il cclilaio, il vcgciarianisno, il disiacco da aliiudini
alcoolicIc, dal funo, ccc..
E cosa risauia dagli cscrii in csoicrisno cIc lc maIattIe veneree furono un
annonincnio daio dal Logos Planciario all'unanii Lcnurica, affincIc la
ncdcsina ccssassc di galvanizzarc il suo ccniro sacralc, cIc c l'allincancnio
dirciio dcll'uono con il iano cicrico, cd in cui, ira l'aliro, si rinfocola
l'aggloncraio croiico dcll'Io.
Lcniancnic nacquc l'Ailaniidc. Il lariccniro dcllc aiiivii inicriori dcll'uono si
sosi, dal iano urancnic cicrico-dcnso, a qucllo cnoiivo. L'innaiurii sua,
la nancanza di cscricnza c, quindi, il dcsidcrio di csscrc csclusivo, in ogni
forna dcllc ncdcsinc, dcicrnin la nanifcsiazionc di una razza cIc - c nolii lo
sanno - fu la iu grassancnic nuiriia di lussi, la iu cgoisia, la iu dcliiiuosa
cIc aarvc sul glolo. Ci nondincno, il sccondo dci cori di nanifcsiazionc
dcll'uono si consolid, si siruiiur, rcsc osscsso dcll'anlicnic csicrno; ora,
allincaio al sccondo, a ariirc dal lasso, dci iani di nanifcsiazionc. Al
sccondo dci irc rcgni dclla forna. Il nondo asiralc c lcn csisicnic; aliri iraiiaii
nc Ianno arlaio, il iu dcllc volic crrando ncllc loro conclusioni. Un nondo
cIc, salvo nclla sua liniiaia naiura, squisiiancnic divina, cr il novania su
ccnio c cosiiiuiio dallc csanii cnanazioni cnoiivc cd cncrgciicIc cIc colano,
rcsina dall'allcro, dal scniincnio csirovcrso dcll'uono. Ogni cscrio
cIiarovcggcnic, ncl guardarc, dalla giusia osizionc occulia, il nosiro siucndo
glolo, lo vcdc foscancnic annaniaio, nci suoi asciii asirali c cIc non
ioccano affaiio la Crandc Naiura dcl nosiro Logos Planciario, di una oscura
nulc cncrgciica, cIc ancora sfuggc allc analisi dcgli siruncnii scicniifici. In
cssa l'uono vivc, di cosianic. Talc iano di csisicnza c il rino cIc cncrgc
davanii allo sguardo aiioniio dcll'Anina, allorquando lascia il coro fisico. Ma,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

96
la circonda, iuiiavia, in ogni suo aiiino di viia incarnaia. Il "funo" c ialncnic
dcnso cIc gli Adcii si siuiscono, non gi cIc l'uono nc vcnga solianio iniliio
ncllc doii siriiuali, na cIc, addiriiiura, ossa soravvivcrc ad csso. Talc cniii
involuiiva cosiiiuiscc l'annclliancnio siriiualc. La aura dcll'ignoio,
l'ccccssivo naicrialisno, l'aiiaccancnio cicco cd osscssivo ad affciii cr cosc c
crsonc, il dualisno, cIc cosiringc l'uono a nordcrsi coniinuancnic la coda,
la cccii, cIc si sovraonc a colui cIc inizia a calcarc il Scniicro, sono iuiic
fornc di qucsio annclliancnio. E in ialc annclliancnio cIc si dilaiic il
disccolo ailaniidco Arjuna, nclla DagIavad Ciia, rina di iniziarc il grandc
conlaiiincnio ncl cano KurulsIcira.
Inorridiia dalla nalaiiia vcncrca, la Lcnuria, conflucndo nclla razza ailaniidca,
vi si rilcll iroo violcnicncnic, in vasic zonc sociali, c sosi il crno dcllc
suc lincc di aiiivii ncl cano urancnic cnoiivo, iralasciando, a nczzo di
rccisc inilizioni, gli ccccssi naicrialisiici. Talc sirao violcnio, conc cra
naiuralc, crc una disionia nci cori dcll'uono; nisc in ccccssiva aiiivii il
soiio coro asiralc, lc cui ccllulc, riflciicndosi nclla loro coniroaric lcnia (il
coro fisico}, la sovraccciiarono, acuiizzando all'ccccsso il riino di alcuni
aggloncraii organici, c faccndo nasccrc la nalaiiia dcl cancro. D'alira aric,
gi si rofilava al nondo un nuovo noniio dcl Logos Planciario. Allo scoo di
arginarc la icndcnza, dcl iuiio cnozionalc cd cgoccnirica, alla riccrca
dcliiiuosa dcllc scnsazioni cIc il lusso sroorzionaio oicva darc, il nosiro
Logos ronunci la faialc frasc, cIc nci iraiiaii csoicrici c rioriaia, soiio
arolc unanc, cosi. L'anIma cbe pecca, morr". Apparve Ia tubercoIosI. E
noiorio cIc, di soliio, i iulcrcoloiici si scniono, ancora adcsso, cr soiiili
qucsiioni larnicIc, orlaii quasi di un diriiio alla viia cd il rano, ancora ricco
di linfc viiali, illanguidiscc, fino a norirc. Innaginiano, ora, nilioni di anni, in
cui nilioni di csscri cnanavano, di coniinuo, cr la noia lcggc
dcll'cncrgizzazionc, dci dcicrninaii iii di irradiancnii csanii, sicIici,
colloginosi, c non rinarrcno siuiii dclla nulc occulia cIc ianio acccca
l'aiiualc unanii. Inolirc, aggiungiano a ci il faiio cIc, da qucllc lonianc
cocIc, una innuncrcvolc quaniii di cadavcri, affciii da sifilidc, cancro,
iulcrcolosi c siaia scolia nclla icrra, ianio da infciiarla, cssa sicssa, di gcrni
nocivi, cIc, iuii'ora, lc lrulicano in scno, c conrcndcrcno conc la razza
unana dovr, cr forza di cosc, risolvcrc il rollcna, accciiando la crcnazionc,
cr unico nciodo naiuralc a salvaguardarsi ncl fuiuro.
La razza Ariana sia, quasi, icrninando di sviluarc lc suc facoli ncniali c,
quindi, rcndc aiiivo il icrzo dci suoi cori, in nanifcsiazionc. ncntuc. Ncl
dirc. coro, rifcrcndoci agli organisni cIc osscdiano, invisilili fino a quando
l'uono non allia acquisiaio la cIiarovcggcnza, non dcsidcriano cIc il lciiorc
cada ncll'crrorc di crcdcrc cIc cssi siano nininancnic da confondcrsi con la
naiura c il nodo di aarirc dcl coro fisico. Ncl nosiro caso, si iraiia di
congiungincnii cncrgciici dcl iuiio fuori la oriaia di una visualizzazionc fisica.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

97
La ossililii di giungcrc a crcarc lcn dcicrninaic fornc gconciricIc, qualii
dci cnsaiori, cr lo iu non rigonfic dclla csanic sosianza dcl nondo
cnozionalc, con cclcrii incrcdililc Ia ricniio l'ainosfcra quadridincnsionalc
dcl nosiro glolo di un fiiio inircccio di un aliro iio di cncrgic addoncsiicaic. lc
cosiddciic onc-cnsco. Picirc niliari, cIc un icno furono uiili, coniinuano
a farc inccsicarc il asso dci cnsaiori cIc addcnirino lc loro lincc iclcaiicIc
in iali alic zonc nagnciicIc ruiilanii. Ed aarc il fcnoncno dclla illusionc
ncnialc, in iuiic lc suc noliclici fornc c siaiurc. Con gli crrori di dirczionc
inicllciiualc, crrori di originalii cnsaiiva, crrori di adaiiancnio allc
circosianzc, crrori di valuiazionc, ccc.
Fisulicr cIiara, iu avanii, la ragionc cr la qualc noi alliano inirarcso la
iraiiazionc dclla rcscnic, sccifica rollcnaiica, ancIc sc a ialuni u
scnlrarc cIc non cniri affaiio ncll'argoncnio dclla iclcaiia.
Lc maIattIe nervose, lc maIattIe deI cuore, cd c facilc rcsuncrlo, sono il
ario dclla nosira aiiualc razza.
Essa, lcnc o nalc, Ia inicgraio, in un iriangolo allasianza coordinaio, i suoi
irc cori infcriori di nanifcsiazionc. il coro cicrico dcnso, l'asiralc, il ncnialc
concrcio. Ed Ia crcaio u crsonalii. E siaio, alirovc, lcn giusiancnic,
affcrnaio cIc la crsonalii, non c la sonna naicnaiica dcllc qualii
dcrivanii dai irc cori, con lc loro naiurali aiiivii, osscduic dall'uono; na, c
qualcosa di iu. E il onic, vivo c dinanico, cIc uniscc l'uono all'anina. Agli
inizi dcl suo nanifcsiarsi, c la crsonalii cIc, in nodo auiorcvolc, rcoicnic,
sccco c isiiniivo Ia il doninio sull'cniii siriiualc. L'anina luninosa c
involucraia da ialc iinia fuligginosa cd auiarcIica. Sc noi ci guardiano in giro,
quanic aninc doloranii iroviano, uncinaic dall'inossililii di nosirar la
roria naiura dolcc c divina, da una rcic di orclli, di accrlc innaiurii
d'cscricnza, di concciii non allincaii all'univcrsalc?
La crsonalii c il Cuardiano dclla Soglia, dunquc. L'uliino osiacolo cIc il
disccolo dcvc sucrarc, rina di riconosccrsi ura c scnlicc anina
innorialc, crfciia, unificaia alla Monadc, o Viia Univcrsalc, laicnic in sc c
ncll'univcrso. Non si iraiia, ora, da aric sua, di rilcllarsi ad un maya, ad un
annebbIamento, ad un'IIIusIone. Si iraiia di orsi in condizioni iali da farc in
nodo cIc la Lucc dcl Sc Sucriorc lo raggiunga, rina, iraniic soradicIc
inicrniiicnzc, oi, sino ad inondarlo. Qucsii inulsi, conc dicc un Macsiro,
giungcranno a dargli una indcfciiililii di cnsicro c di azionc, dcl iuiio divina.
Ed cgli conrcndcr, al icrninc dclla faiica, cIc cssi gli giungcvano
iclcaiicancnic, rina dal suo gruo di conunii di disccoli, oi dal suo
Macsiro, oi dal Signorc dcl suo Faggio sccifico, oi da SIanlalla, cd olirc.
PcrcIc alliano voluio arlarc di una scric di cani nagnciici ncgaiivi, in cui
si irova circondaio l'uono? Il lciiorc iniuiiivo lo oir conrcndcrc. La
iclcaiia c il rcsiro dcl Grande Tutto, flucnic ncllo siraordinario organo cIc c
la ncnic unana. E, ogni volia cIc l'individuo allunga la sua anicnna sicIica,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

98
in qualunquc dirczionc, nciic in novincnio un dcicrninaio fluidisno cIc si
uniscc, auionaiicancnic, al naya cicrico, all'annclliancnio, all'illusionc
nondiali. Inolirc, una vcra c roria iclcaiia, cr dcllc ragioni dcl iuiio
iccnicIc c occulic, non u csscrc faiia, sino a quando, conc dicc uno dcgli
Adcii, la forna-cnsicro dclla crsonalii non vicnc dissolia. fino a quando il
guardiano dclla soglia non si riadaiia in grcnlo alla sua nadrc naiuralc,
l'Anina.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

99
- L21ON QU1ND1CS1MA - (por1e 1erzo)
- GII strumentI occuItI occuItI deII'uomo: I cbakras -

Possiano, adcsso, rircndcrc il unio, dagli inizi dcl rcscnic caiiolo. La
Monadc, diccnno, da aliczzc vcriiginosc, si franiun in sciic iii di nonadi. E
l'uono si irov inncrso nci irc iu lassi gradi di naicria, dal unio di visia
dcl Logos Solarc. ocIc, o ctuno, 11 p1ono e1er1oo-denso, que11o os1ro1e,
que11o men1o1e, sono, sctto u Logos Souc, co cIc, c 'uono,
ucscntuno, nc'odnc, 1o s1o1o so11do, 11 11qu1do, 11 gossoso dcu nutcu
cIc onu suo coo tungIc c 'unIcntc ccostuntc. Mcntc, quutto gud
suco u uno ncntuc, coc 11 p1ono Budd1oo, o de111n1u1z1one, 11 p1ono
A1m1oo, o de11o vo1on1 monod1oo, 11 p1ono Monod1oo, 11 ove r1s1ede 1o
so1ero de11e Monod1 umone, 11 p1ono Ad1, o Logo1oo, sono, c Logos
Souc, 1 suo1 quo11ro 1er1 Cosm1o1, c ucscntuno 11 quor1o, 11 1erzo, 11
seoondo e 11 pr1mo grodo de1 oorpo e1er1oo de11uomo c dcll'anlicnic cIc lo
circonda. Difaiii, il vcro scgrcio dclla nagia lianca c qucllo di unificarc, con dci
roccssi di viia ura c di grandc, indiscuiililc voloni, i quaiiro cicri infcriori,
con i Sucriori. La fusionc ioialc avvicnc alla quaria iniziazionc, cd ogni
iniziazionc fondc un cicrc infcriorc con l'Eicrc Cosnico cIc gli corrisondc
nuncricancnic. L'aiiuazionc dcl fcnoncno c in nano agli Adcii; il disccolo
dcvc lcn rcndcrsi conio cIc gli Adcii non sono dcllc carc crsonc, sorridcnii,
lacidc, quasi dci lalli naialc, con lc nani caricIc di carczzc c fragili cosinc. Il
disccolo dcvc rcndcrsi conio cIc gli Adcii Ianno l'cnornc rcsonsalilii, ira
lc alirc cosc, di lruciarc lciicralncnic i suoi organisni infcriori, cr nciicrc in
aiio ialc sullinc irasfornazionc dclla naiura unana. E ocIi ossono
innaginarc cosa significIi c cosa conorii vcnirc inscriii nci quaiiro Eicri
Cosnici. Un cIirurgo, ncgli oscdali, u ancIc slagliarc; corrcr, nagari, il
riscIio di vcnirc qucrclaio, di vcnirc radiaio dall'allo rofcssionalc. Un Macsiro
non u c non dcvc slagliarc. Sc nolii disccoli si rcndcsscro conio di cosa,
alla fin finc, cIicdono ad un oncsio Macsiro snciicrcllcro, ccriancnic, iuiic lc
loro inuiili lagnanzc cnoiivc, ccsscrcllcro di infasiidirc, di coniinuo, con lc
loro fornc-cnsicro, qucsic Crandi, Divinc Individualii, c cnscrcllcro di iu
ad acccniuarc lo sforzo crsonalc, lungo la sirada dclla giusia scosntcs
nduduuc.
La iclcaiia, lo riciiano, c il nczzo iu cfficacc a rcndcrc il ioro cr lc corna
cd allaiicrlo. Pcr, quclla iclcaiia cIc icnga conio dcll'aiiualc rollcnaiica
csoicrica (c noi l'alliano or ora dclincaia}; dcllc lcggi cIc, da scnrc lc
ncdcsinc, Ianno alicaio i disccoli, c cIc coniinuano ad alicarc gli sicssi
Macsiri.

- GLI STRUMENTI OCCULTI DELL'UOMO -
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

100

Quando il narc c in icncsia cd alic ondc si allaiiono sulla scoglicra, a ocIi
nciri di rofondii vi sono una acc cd un silcnzio inicgrali. Sino ad ora
alliano navigaio alla sucrficic di ialc narc. Alliano arlaio dcl fcnoncno-
cncrgia. Alliano visio cIc iuiio c cncrgia; nulla c siaiico. Alliano acna
acccnnaio allc fondancniali forzc cIc la scicnza c riusciia a scorirc, a
localizzarc c a iraiiarc. Alliano daio una sfunaia dcscrizionc di alirc cncrgic
occulic, cIc rcgnano sovranc, nci irc nondi in cui l'uono svolgc la sua aiiivii.
Ma, vi c uno siraio di forzc, ancora iu ncl rofondo, cIc c ncccssario noi si
analizzi, cr oicr roscguirc. I uno dcc ozc ctccIc (cIc cttoc s uccu
uu czonc ouc tuttuno dc uno ctcco-dcnso, n conncssonc u quco
Cosnco}. Il iano cicrico ci sovrasia. Ogni ariicclla dcl nondo visililc c
sosicnuia da una ariicclla invisililc cIc, a diffcrcnza dclla rina, ossicdc
una naiura lincarc c dinanica, cIc l'alira non Ia, csscndonc una sua scnlicc
incrcsaiura. Ogni oggciio fisico c ordinaio c disosio in gconciric di aioni c
nolccolc, da sciic lincc di luninosa calilraiura inicriorc. Aiiravcrso codcsic
sciic lincc si u acccdcrc ai Sciic Faggi. Il iano cicrico c, da una aric, ci
cIc unifica lo siriio alla naicria; dall'alira aric, cr dcllc ragioni occulic cIc
risuliano cvidcnii a iniziaii di un ccrio grado, c ci cIc rccsisic allo sicsso
siriio. Ora, conc diccnno ncllc rinissinc lczioni di Cosnogcncsi, sc
affcrriano una nanciaia di sazio uro, al di l di qualsiasi univcrso noio cd
ignoio, li, ovc ncssuna forna di viia aarc, nc fisica, nc nciafisica, ad un iu
aiicnio csanc di sguardo inicriorc, vcdrcno, alla fin finc, iraluccrc il oicrc dcl
nuncro nagico sciic. Sciic iii di cncrgia ardcnic ci dinosircranno cIc cssc,
da scnrc, ora, c cr scnrc, icngono sirciiancnic allacciaia, in un iuii' unico
icssuio, quclla nanciaia di nulla. i Sciic Faggi. Non ossiano lilcrarci da
cssi... E, ncnirc l'uono crcorrc il Scniicro dcllc incarnazioni, aarcnicncnic
succulc dci loro influssi cclcsii, giungc a dcicsiarnc c a nalcdirnc l'csisicnza;
oi, lcncdir. Ma sar iroo iardi. Il iraiiaio dci Sciic Faggi, di Alicc Dailcy,
fa, ai nosiri icni, icsio. Non ci dilungIcrcno, ancora, in sicgazioni soiiili c
anoranicIc sulla loro inorianza. Dircno solo cIc non csisic angolo
dcll'univcrso, il qualc non sia inianiaio, in un sinilc riinico aggancio
csrcssivo. Quindi, ancIc la iclcaiia Ia a cIc farc con cssi.
Lc linfc viiali cIc dcll'uono fanno qucllo cIc cgli c scaiuriscono dai suoi sciic
unii cicrici naggiori, o cIalras. Man nano cIc lo siudioso si addcnira
ncll'invcsiigazionc c ncllo siudio dci cIalras, cgli rinanc aiioniio ncllo scorirc
quania aric alliano nclla viia univcrsalc, c quindi, nclla sua crsonalc. Alla
finc cair cIc i Sciic Faggi sono "iuiio in iuiio".
Si c faiio un gran arlarc di kundaIInI, o, deI Iuoco occuIto, cclaio ncl cIalra
alla lasc dclla sina dorsalc. Da aric di scdiccnii isiruiiori disoncsii sono
siaii daii nciodi c sicgazioni cr risvcgliarlo, con la roncssa cIc,
asccndcndo csso lungo la sina dorsalc, avrcllc rovocaio fcnoncni di naiura
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

101
dcl iuiio niracolisiica. E nolii disgraziaii di oco scnno si sono rcsiaii a iali
raiicIc, risvcgliando solo uno dci irc fuocIi laicnii ncl cIalra alla lasc dclla
sina dorsalc (uoco souc, uoco ccttco, uoco c zonc; Idu, Pnguu c
SusIunnu). qucllo cr frizionc. Talc sccic di onanisno Ia rodoiio una
ariicolarc ccciiazionc dcl sisicna ccrclro-sinalc c, di li a oco, Ia sironcaio
iuiic lc nirc di cosioro, oriandoli alla nononania, allc fissazioni ccrclrali,
allc niionanic, c inscrcndoli rofondancnic nci irc iii di illusioni cIc noi
alliano acna dcscriiio. Conc alliano dciio, l'uono, sc urc incoscicnic
dcl faiio, c, cr forza di cosc, uniio, di cosianic, alla CcrarcIia Dianca. Cli
indiani, giusiancnic, asscriscono cIc, lungo la nosira sina dorsalc, csisiono
irc iii di forza occulia, in cosianic novincnio c in coniinua inicrrclazionc ira
di cssc. Qucsic forzc, dal cao, o, dal cIalra lraInarandra, fluiscono alla lasc
dclla sina dorsalc, c riiornano al cao, scnza snciicrc un aiiino ialc cndolio.
E lavorando su qucsic irc forzc cIc gli indiani dcicrninano singolari fcnoncni
di sdoiancnio, ancsicsia localc, rcvcggcnza, ccc.. L'csoicrisno accciia il
faiio, na solo cr quanio riguarda l'csisicnza di qucsic irc forzc. Essc sono il
riflcsso, ncll'uono, dci irc Logoi Sacri; dcl Padrc, dcl Figliolo, dcllo Siriio
Sanio; cssi sono l'cnanazionc cosianic dci irc Crandi Signori dcl Prino, dcl
Sccondo, dcl Tcrzo Faggio. il Manu, il Crisio, il MaIa CIoIan, in ogni individuo
c in ogni cosa. PoicIc ogni cvoluzionc singola c sirciiancnic allacciaia
all'cvoluzionc lanciaria c oicIc lc iniziazioni fan cao, in nodo dirciio, ad
Essi, c oicIc l'iniziazionc non c da confondcrsi con dci ridicoli sluffi di
nalconrcsc rcsirazioni indu, con dcgli sforzi graiuiii c irisii sugli organi
sconosciuii dcl coro cicrico, na avvicnc soniancancnic, qualc uliino
ariicolarc di una lunga naiurazionc rcincarnaiiva, daia c conccssa solo dai
irc Signori, c cIiaro cIc lundalini non u vcnir risvcgliaio in qucsio nodo
dirciio c lruialc.
Conunquc, cr rifarci alla gcncsi c all'cvoluzionc dclla sccic unana, vcdrcno
conc, in nodo riinico, il faiio sia avvcnuio soniancancnic. I irc fuocIi, ur
crvadcndo c cosirucndo l'inicro coro cicrico, all'inizio risicdono nc cIuIu
uu Iusc dcu snu dorsalc; scoo dcll'csisicrc c di ogni cscricnza c
scnsazionc rcincarnaiiva c di oriarli - lungo la linca arnoniosa cIc, addiciro,
indicanno - al cIalra alla sonnii dcl cao. Esisiono crcaiurc cIc, soiio la
guida di un Adcio, accclcrano ialc roccsso. Qucsio, c il Scniicro dcl
disccolaio. Ed c raiicancnic inossililc clcncarc iuiic lc conquisic di ordinc
siriiualc a cui i ncdcsini sono dcsiinaii, olirc, lcninicso, la rina di cssc.
lilcrazionc dal giogo non scclio dcl dolorc rcincarnaiivo. La nassa scguc il
Scniicro iu facilc. Duranic l'coca Lcnurica, lc cncrgic, dal ccniro alla lasc
dclla sina dorsalc, fluirono c si fissarono in qucllo sacralc; duranic l'Ailaniidc,
dal ccniro sacralc al lcsso solarc; duranic l'aiiualc razza, dal lcsso solarc,
cssc sianno ancorandosi a qucllc dcl cuorc, c su.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

102
E, conunquc, ncccssario aggiungcrc cIc l'iniziazionc Ia cr rcgola cIc il
disccolo vi crvcnga iraniic una lilcra scclia cd un suo coscicnic sforzo; ur
csscndo, l'ariano, crvcnuio a vivificarc, in nodo acna lanlcnic, il ccniro
dcl cuorc, sc cgli vuolc accorciarc la sirada, inirarcndcndo il Scniicro, dovr
ricaiiolarc in sc iuiic lc iac dcllc razzc assaic c dcicrninarc ialc asccsi
nisiica, con la roria dclilcraia scclia c voloni.
La conosccnza dcll'ordinaio assicnc di siruncnii occulii cIc il coro cicrico
ossicdc (i sciic cIalras} c assoluiancnic ncccssaria, cr raiicarc, con icno
succcsso, la iclcaiia, sia crsonalc cIc cosnica. L'uono, dunquc, vivc ncl
nondo, slalloiiaio a dcsira c a sinisira, da forzc csirancc, cIc lo raggiungono
da ogni aric dcll'univcrso. Alliano ccrcaio di rovarlo in rcccdcnza. Ma c,
ancIc lui, un cnanaiorc inconsacvolc di soiiilissinc corrcnii di cncrgia, lc
quali, cr lo iu c ncll'aiiualc fasc cvoluiiva, sono disordinaic c disariicolaic.
Ci coniriluiscc a crcarc dci dcicrninaii "cani nagnciici", aiiorno ad ogni
singola cniii unana; lo sicsso, c in ninor nisura, avvicnc cr gli aliri rcgni
dclla naiura. Quanic crsonc scnsilili csisiono, c forsc voi sicic una di cssc,
cIc, con una crcczionc ariicolarc, vcngono disiurlaic da dcicrninaii cani
nagnciici, csisicnii aiiorno a dcicrninaic crsonc? Ourc si scniono aiiraiic,
insicgalilncnic, da alirc crsonc? Un individuo, di una ariicolar icnra
iniinisiica, cnira in una cancra dovc si iicnc saloiio; vicnc rcscniaio, c si
onc in disaric, silcnzioso. Doo un ccrio icno, la sua rcscnza galvanizza lc
alirc, fino a quando divicnc il nisicrioso roiagonisia dclla riunionc.... Voi
cnsaic, con una ccria inicnsii, duranic il giorno, a qucll'anico. E, ncl
oncriggio, o il giorno doo, cgli giungc a farvi visiia.
E quanic, quanic alirc dinosirazioni cIc csisic un clcncnio sfuggcnic, il qualc
lcga, ira di cssc, lc arii siaiicIc dcl cosno. Non c csagcraio, da aric nosira,
affcrnarc, anzi, cIc l'inronia dcllc cncrgic lilcrc, individualizzaic in un narc
invisililc di cnsicri, di cnozioni sgorgaic da nigliaia d'anini, cd ora siagnanii
ncll'ainosfcra dcl nosiro glolo, si collcgIino, con forza inrcvisia, al
sulconscio dcll'uono. E cIc noliissina aric dci suoi aiii, dcgli sicssi suoi
cnsicri, dcllc inrovvisc suc csaliazioni d'anino siano dovuii all'influsso cIc
ianio narc di forzc, cosianicncnic, cscrciia su di lui.
L'uono, con iuiio il risciio c l'anorc cIc gli oriiano, oggi c un roloi. Lo sar
ancora cr oco, crcIc gi la conosccnza dci nuovi sisicni csoicrici sia
dclincandosi al scnso criiico dclla vivcnic unanii, con l'aarirc dclla Nuova
Era. Inoria cIc cgli si adaiii alla rcarazionc cIc vc lo inscrir
dinanicancnic.
I sciic cIalras dcl suo coro cicrico, quando sono soiii (oicIc, conunquc,
rarcscnianii dclla quaria dincnsionc}, cr isiinio aiavico, assorlono, da
sugna, iuiic lc cnanazioni cIc ricscono a localizzarc, ncl luio dcll'invisililc,
rovcnicnii dal caos di cncrgic cIc alliano dcscriiio sino ad ora. Quando,
invccc, con la giusia nciodologia daia dai Macsiri di Saggczza, vcngono
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

103
affinaii, addoncsiicaii, doo csscrc siaii riconosciuii, oriano una scric di
incrcdilili irasfornazioni, iuiic naiurali c gcnuinc, allc usuali nanicrc di viia
dcll'csscrc unano. Ma, nulla di nuovo. Infaiii, il disccolo, cr quanio avanii
cgli sia rogrcdiio nclla sirada dcllc acquisizioni nagicIc, vcdc cIc la scicnza
csoicrica Ia ncsso ordinc in un lagaglio di ossililii sconosciuic, na non lc
Ia crcaic. L'allincancnio dci cIalras in un disccolo arnonizza gli cicri dcl
suo coro cicrico, c, quindi, o nscscc nc uusto cuno dc uno ctcco sco,
cocguto u uno Etcco Cosnico, dandogli un riino naiuralc di csscnzc; qucllc
sicssc csscnzc cIc rcndono lacido il fondo dcl narc in icncsia, di cui
arlanno all'originc dclla lczionc. Esscnzc con dcllc loro lcggi indcfciiilili, in
coniraosizionc all'aarcnic roniscuii caoiica cIc iracla aiiravcrso
l'ondaia dcl nanifcsio. Egli inizia a scniirc scorrcrc aiiravcrso il coro cicrico c
aiiravcrso quci dcicrninaii cIalras cIc Ia coninciaio faniliarncnic a scniirc
ncl suo organisno inicriorc, dcllc caldc forzc cIc gli rivclano l'csisicnza di un
nondo sucriorc. Il nondo dclla CcrarcIia Dianca. Allora, darina incrcdulo,
c nuniio solo di un scnso di scranza (forsc, agcndo iu cIc cr fiducia vcrso
la CcrarcIia, cr sfiducia vcrso il nondo cIc lo Ia dilaniaio di insucccssi c nci
suoi iu iniini idcali} inizia a consuliarc "la caria ioononasiica" cIc la
Fraicllanza gli Ia offcrio sull'ulicazionc c sul riino disosiiivo dcllc Crandi
Sorgcnii di cncrgia lanciaria. Siudia lc qualii, lc icndcnzc, lc ncic di ogni
Faggio; dirigc i suoi oliciiivi ncniali (in ci, silcnziosancnic isiruiio c isiraio
dal rorio Macsiro} vcrso i Signori cIc gli dicono csscrc i Cuardiani dci irc
Faggi Maggiori; c, na ci avvcrr nolio iu iardi, inizia a crccirc la siniciica
c unificaia ainosfcra di SIanlalla. Si accorgcr, nan nano, di avcrc
adocraio, scnrc, il filo isiiniivo dclla iclcaiia ncnialc. E non aiiravcrso una
linca orizzonialc, solianio; na inscrcndosi in una quaria dincnsionc cIc, da
naicnaiica a gconcirica, divcrr, lcniancnic, irasccndcnialc.
PcrcIc, quindi, la Tradizionc Esoicrica cIicdc al disccolo, conc scnrc Ia
faiio in aniicIii c scnrc far, di riniracciarc il rorio Macsiro? Non gi
crcIc il Macsiro sia qualcosa o qualcuno cIc rcicnda il scrvizio dcvoio c
l'idolairia dcl disccolo; quclla Crcaiura si c lilcraia da ogni lcganc c crnanc
cosiruiia solo di uro anorc illuninaio. Un anorc, ovc il iu grandc c il iu
iccolo sono lc duc faccciic csircnc di una ncdcsina rcali ioialiiaria.
L'csoicrisno vuolc cIc il disccolo riniracci il suo Macsiro solo cr scguirc la
sirada cIc lo sicsso Macsiro scgui, quando si irovava al suo osio. Quando il
disccolo avr raggiunio il Macsiro si rcndcr conio cIc lo Sicsso c un Esscrc
di icnra infiniiancnic divina; na, si rcndcr, ancIc, conio cIc, dall'inizio dcl
suo roccdcrc, sino ad allora, cssi furono scnrc riuniii in un ncdcsino
anlcsso di idcniii, cIc non disscrr nai la icnacia, non la disscrra c non la
disscrrcr. L'csoicrisno vuolc cIc il disccolo riniracci il rorio Macsiro,
crcIc, csscndo, Qucsii, di naiura divina, solo divinancnic lo si oir farc. E
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

104
solianio sviluando lc roric facoli sovrunanc, i rori oicri occulii, iuiii
siniciizzaii nci sonni conicnuii dclla iclcaiia cosnica.
Ecco la ragionc cr cui, doo cIc il ncofiia avr localizzaio l'ainosfcra occulia
di cncrgic da cui fu sinio, con rcoicnza, sino a qucl noncnio, dovr
scorirc c invcsiigarc lc lcggi dcl iano cicrico, cIc conducono lc ncdcsinc
cncrgic; na dovr, ancIc, roscguirc, lungo la Sirada Ccniralc dci iani cicrici,
collcgandosi con lc Picirc Miliari cIc nc rarcscniano la caraiura indcfciiililc
c la Ciiiadinanza Sovrunana. la CcrarcIia Dianca.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

105
- L21ON SD1CS1MA -
- I MetodI deIIa GerarcbIa BIanca -

In iuiia oncsi, noi cIicdiano al lciiorc. conc Ia oiuio c conc u la nassa
dcll'unanii, aiiravcrso il disordinc dcllc suc icndcnzc ignoranii, aiiravcrso i
suoi isiinii rinordiali, aiiravcrso lc suc incongrucnzc noioric csscrc, non
solianio soravvissuia, na avcr raggiunio un scnso di discrcia civili, cIc non
si disiacca, conunquc, dall'ania roncssa di conquisic sullinali, in ialc
dirczionc? Pcr non arlarc dcllc lcggi di arnonia c di lcllczza, cIc csisiono,
laicnii, in iuiii gli asciii dclla naiura cIc conosciano?
Tralasciano di arlarc dcll'inconncnsuralilc Ordinc Angclico cIc, nci iani
dclla naiura, c l'anina di ogni rcgno involuio c non solo nc dirigc lc cvoluzioni,
na, addiriiiura, lc dcicrnina. Occuianoci dcl rcgno unano. Nclla sua
ioialii, c lo alliano gi sicgaio, csso c lasnaio dall'inicrvcnio dirciio dci
irc Crandi Signori di Faggio; na, ncgli indici di siccaio valorc singolo, cr
quanio riguarda lc naggiori scocric c lc dcicrninaic rivclazioni cIc si
allacciano al lcnc dclla conunii, csso c guidaio da una ariicolar
nciodologia, cIianaia. dcllc Incsson Suco. Il Piano Evoluiivo dcvc avcrc
il suo corso. A ci rovvcdono i Signori dcl Karna, incarnandosi nci
rarcscnianii dclla CcrarcIia Dianca. Ai Suoi OccIi, la nassa dcll'unanii
aarc un iuiio onogcnco; qui c l, dcgli srazzi di lucc rivclano l'csisicnza di
aninc aliancnic qualificaic c sucriori, di gran lunga, alla daia cvoluzionc.
Sono i gcni, i grandi cnsaiori, i ncravigliosi nisiici. Non inoria a qualc linca
qualiiaiiva cssi aiiingano. Il naicnaiico, l'ariisia, il sanio, il filaniroo sono
iuiii asciii di una Lucc Divina cIc lrilla, Unica, cr ognuno.
AncIc in qucsio caso, la lcggc dci Faggi, la lcggc di siniglianza di naiura ira
Macsiro c disccolo rcvalc. Un Macsiro di sccondo Faggio, ad cscnio,
isircr, rincialncnic, un sucr-sviluaio dclla sccic unana di sccondo
Faggio; un Macsiro di rino, si occucr di uonini di rino Faggio. E cosi via.
Ed allora, uncndo sirciiancnic la Sua naiura sullinalc, a qucl fiorc unano
cIc si roicndc vcrso i vcriici dcllc alic cinc dcll'Esscrc, iraniic il aliio
unificaiorc dclla iclcaiia, nc far scivolarc sui ciali la rugiada di una nuova
rivclazionc. E il nondo si sar arriccIiio di una scocria, di un succcssivo
avanzancnio, cIc, gradualncnic, nc canlicranno lc sorii. Cuardianoci un o'
aiiorno. l'aiiualc siaio civilc in cui ci iroviano si rarcndc c gira, unicancnic,
sul crnio di ocIc scocric, faiic da ocIi individui. La radio, la iclcvisionc, il
sisicna noiorio auionaiico, l'alicazionc dcllc lcggi dcll'aiono.
Indiscuiililncnic, ogni scoriiorc c vcnuio in coniaiio con la Mcnic di un
Crandc Macsiro cIc Ia rivclaio, in nanicra incrsonalc, l'csisicnza di una
lcggc sconosciuia, sino ad allora. Da oco la scicnza adocra il nciodo dcl
guo d studos.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

106
A ial unio, lo siudcnic oir cIicdcrsi. na, dovc csisic il valorc dclla scocria
originalc; dovc, il gcnio; dovc, la lravura c la caacii dcll'uono? Noi
risondiano, soiiolincando cIc l'Idca non aariicnc a ncssuno; Essa affiora,
soniancancnic, dall'Incrcazionc. Essa non aariicnc, nc al Macsiro, nc al
disccolo, cIc nc cosiiiuiscono lc duc arii conlacianii.
Il iano cvoluiivo si naiura. La civili roccdc c si svilua, iraniic, da una
aric, la consacvolc "Incssonc" di Mcnii Sucriori, nacsirc ncll'aric dclla
iclcaiia lanciaria; dall'alira, iraniic l'inconscio adaiiancnio dcll'unanii a
sinili indcfciiilili c voluii suggcrincnii.
La ncdcsina CcrarcIia non rcvcdcva, conc dicc uno dci Macsiri, cIc l'uono
sarcllc divcnuio in lrcvc icno, nclla ioialii, un aarcccIio cosi scnsililc
allc inrcssioni sucriori. L'aiuio sicologico, cr non arlarc di qucllo nagico,
daio alla sua scnsiiivii, lo vcdiano, ovunquc, nclla rcic di coniaiii sociali cIc
cgli adocra di cosianic. Il iclcfono, lo onc in condizioni isiiniivc iali, ncnirc
arla ad una crsona disianic nigliaia di cIilonciri, dal divcnirc un rccciiivo
iclcaiico; la iclcvisionc, gradualncnic, nc addoncsiica la coscicnza sucriorc,
faccndogli conrcndcrc cIc lo sazio c un'cniii illusoria; il cincna c lc
incisioni dcl conaci disc gli dinosirano cIc qualcosa di vivo c di frcncnic u
durarc ncl icno c crciuarsi, idcniico, non icncndo conio dcl solo rcscnic.
Ed c cr ialc ragionc, c cr iali acuiic ossililii, cIc la CcrarcIia Dianca si c
dccisa a rivclarc l'aric surcna dclla iclcaiia, scnza vcli c ncllc suc giusic
lcggi. Tcniano a dirc, in ogni caso, cIc la iclcaiia di cui iraiiiano non Ia
nulla a cIc vcdcrc, sc non cr incidcnzc, con la iclcaiia, qualc la conoscc il
rofano.
Una dcllc rinc lcggi cIc sorgc, in qucsiionc, c la cggc dcu conuntu ncntuc,
o, d guo. Dicci crsonc, riuniic assicnc c ordinaic, sccondo una naiuralc
riinica di valori inicriori, di caacii c di frcqucnzc d'onda ricscono a oriarc,
in giusia consisicnza lasiica, l'Idca, da un iano sucriorc rarcfaiio, ncl iano
dclla naicria. Una crsona sola nc c, sovcnic, incaacc. Non si iraiia di ncgarc
la ossililii singola alla iclcaiia. Ma, solancnic, di affcrnarc cIc noliclici
clcncnii inicrvcngono, quand'ancIc il singolo nc sia inconsacvolc, a rcndcrc
nanifcsia la sua oicnza iclcaiica.
La CcrarcIia, quindi, Ia dciiaio lc rcgolc a cIc vcngano crcaii dci grui, in
ogni aric dcl glolo, caaci, sia di riccvcrc lc inrcssioni, cIc di roiciiarlc.
Ed ora facciano un asso indiciro, c siudiano, in lrcvc, il fcnoncno dclla
nisiica, qualc fu rodoiio dallc nassc, in assaio. In rino luogo, c
indiscuiililc cIc l'uono allia scnrc avuio in lui la crcczionc inondcralilc
di qualcIc cosa di Assoluio, cIc sfuggiva al doninio dci suoi scnsi naiurali. Lo
cIian Dio. E a noi non inicrcssa ialc vocalolo, quanio lc irasfornazioni c
l'isiiniiva vilrazionc di anino cIc l'uono roduccva in lui, ncnirc lo
ronunciava. Di soliio, i icrnini. no Sgnoc, Do, Crisio, sono ronunciaii in
scnso di assoluia assivii, crvasa da una conlcia soiionissionc ad una
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

107
Eniii Invisililc, na, nclla cui Naiura, vcngono roiciiaic iuiic lc caacii
qualiiaiivc c iuiio il doninio sulla viia di cui ci si ossa rcndcrc conio. Qucsia,
c la forna iu originalc c iu scnlicc di rccciiivii iclcaiica; ovc, cIi riccvc,
icncndo conio dcllc suc siruiiurc cvoluiivc, si onc in uno siaio rivo di
inilizioni o di rcsisicnzc, frcncnic, nclla naggior aric dci casi arossisiico.
Aunio di sinilc disosizionc naiuralc al sucriorc icnncro conio iuiic lc
Crandi Cuidc dcll'unanii, quando vcnncro sulla Tcrra cr collalorarc al
Piano. E loro scoo fu di unirc iali c ianic ariiccllc frcncnii in un unico fascio
onogcnco, noliilicandonc la caacii rccciiiva (guzc uu cggc d guo}, col
darc dci dcicrninaii ccrinoniali, c l'assicurazionc dcl loro inicrvcnio fuiuro,
ancIc sc invisililc, ncgli sicssi ccrinoniali. Ed assisiiano alla nassa cIc
sulica Iddio, fusa in un nagico cocsisicrc di ricIicsic, nci icnli indu, ncllc
cIicsc crisiianc, aiiorno ai ninarcii arali, c cosi via. La CcrarcIia risondc agli
accoraii ricIiani cd c quanio nai vcro cIc Dio, ancIc sc in ninina aric nci
riguardi di coloro cIc non Ianno sviluaio il oicnzialc ricciiivo, conlacia
con lc aninc dci ariccianii allc nuncrosc liiurgic.
La conosccnza dcllc lcggi csoicricIc, l'affinancnio dcllc grossolanc coricccic
cnoiivc, inicllciiivc dcll'uono, la conosccnza dci vcri asciii dcl Dio
sconosciuio allc nassc (cioc, dclla siruiiura gcrarcIica dclla Fraicllanza
Dianca} Ianno coniriluiio, gradualncnic, alla nasciia di ordini iniziaiici. il
riiualc scgrcio dcll'aniico Egiiio, l'csisicnza dci grui icosofici, l'ordinc dci
Fosa Crocc, ccc.. Qui, avvalcndosi dcll'uso di nuntuns, o arolc di oicrc,
dclla crcczionc dcgli Oliciiivi a cui rivolgcrc il rorio filo iclcaiico,
dcll'ancorancnio inicriorc con alcuni Macsiri, di cui si iniuiva l'arcano c
suggcsiivo oicrc, fu crncssa, addiriiiura, una niracolisiica, non conccssa
alla nassa liiurgica conunc.
Non solo, ora, i icni sono naiuri a cIc l'uono si riunisca in grui iniziaiici,
consacvolc di ci cIc fa, c scnza iu ragionc di cclarsi alla nassa; grui
rccciiivi c iclcaiici all'influsso dci grandi Cuardiani dclla Soglia, na,
addiriiiura, vcngono daic dcllc rcgolc affincIc cgli ricsca ad ncssonuc, u
suu uotu.
Non dincniicIianoci cIc la CcrarcIia sicssa fa quanio l'uono conic nci suoi
riguardi, vcrso Porii Eiracosnici, al di l dclla nornalc oriaia conrcnsiva
dcll'csscrc.
Possiano dividcrc il nuclco dcllc coscicnzc, divinc o ncno, dcl nosiro Clolo, in
irc arii. SbambaIIa, Ia GerarcbIa BIanca, I'UmanIt. Trc siruncnii niralili
di rccczionc c roiczionc iclcaiica. Drcvcncnic, acccnniano alla nciodologia
in aiio, vilranic in scno ad cssi.
SHAMBALLA
Lc inrcssioni Lc rovcngono da unii csiranci al nosiro sisicna solarc, c
dall'inicrno di csso. La rina fluiscc coniinuancnic da SIrIo, di cui la nosira
CcrarcIia c rosccuzionc dirciia. La scconda, daIIe dodIcI zone magnetIcbe
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

108
deIIo 2odIaco. La icrza, da Venere, Sorclla Sullinc dcl nosiro Clolo. La
quaria, dal iriangolo conosio daI nostro stesso Logos PIanetarIo, daI Logos
dI Venere, daI Logos dI MercurIo.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

109
LA GERARCHIA
Essa riccvc lc inrcssioni, cIc oi si iraducono ncl naiuralc c sonianco riino
di viia organizzaia cIc si rivcla aiiravcrso ogni suo aiio, da.
a} il iu rarcfaiio gruo larnico di SIunIuu, uncuto uu uoontu dc nosto
Hc dc Mondo;
l} l'azionc dirciia di congiungincnio divino a SIanlalla, di Gotuno HuddIu;
c} l'oculaio inscrincnio, ncllc suc siruiiurc, da aric di Crandi Esscri
cIianaii NnunuIuu, dc uIuc sottc d qucu cncgu onnosscntc, cIc,
snIocuncntc, c cIunutu Puno;
d} i noncnii di fruiiifcra c silcnic azionc occulia, rarcscniaii da ogni
cnuno ncnsc.

L'UMANIT
A diffcrcnza dcllc duc rcccdcnii zonc di coscicnza iniziaiica, l'unanii non c
ancora, in gcncrc, caacc di inrcssionarc.
Essa riccvc, solancnic, lc inrcssioni. Traniic lo siudio c l'acquisizionc dci
oicri occulii ncccssari, cssa oir farlo. Ma, allora, andr a aricciarc dclla
viia CcrarcIica c di SIanlalla. Su di cssa influiscono i oicri dirciii dclla
CcrarcIia. Ed alliano visio cIc condizionano ogni franncnio cvoluiivo cIc
gcrnoglia lungo i icni. Quindi, la Geroro1o, conc gruo onogcnco,
inrcssiona l'unanii; I MaestrI sono il sccondo nuclco di inrcssioni; c,
ancllo di congiungincnio inncdiaio, ira i disccoli di alio grado iniziaiico c il
rcsio dcl nondo, c 11 Gruppo d1 Serv11or1 Mond1o11, di cui acccnnanno in
alira aric.
L'uono, u, dunquc, risalirc la corrcnic c, con la nassina conrcnsionc dcl
rollcna, cnirarc ncl Cruo dci Scrviiori Mondiali, oggi csisicnic ncl nondo,
ncllc iu disaraic zonc di aiiivii sucriori dcl ncdcsino, coscicnii o
incoscicnii dcll'csscrlo; cosi, cgli u agganciarsi, in nodo dcfiniiivo cd cicrno,
alla CcrarcIia Dianca. L'unico nodo cr oicrlo farc c qucllo iclcaiico. Ci
iroviano, dunquc, lcn disianii dalla convinzionc conunc cIc l'uono avcva in
assaio c, scsso, Ia, iuiiora, di cnirarc in coniaiio con i sacri Macsiri
dcll'arcano, allandonando faniglia c iuiio il rcsio, iravalicando noniagnc
inacccssilili, indianc, iilcianc c cincsi, cr oicr conosccrc, di crsona, i
Mcdcsini. Con la iclcaiia (quclla nagisiralc c non quclla sosicnuia da un
ccrclro ncrvoso, ansinanic, disarnonico} l'uono u unificarsi alla voloni dcl
suo Macsiro di Faggio, ur coniinuando a lavorarc ncl ulllico inicgo cIc
occua, ur coniinuando a conicrc la sua aric di uono civilc; c coniinuando
a darc a Ccsarc qucl cIc c di Ccsarc..

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

110
- L21ON D1C1ASSTTS1MA - (por1e pr1mo)
I Cbakras eterIcI, In IunzIone deIIa teIepatIa

Valc, qui, affcrnarc cIc non solianio il nosiro coro cicrico dcnso ossicdc c
osiula lc suc funzioni cscrincniaiivc sui cIalras; ancIc gli aliri organisni
invisilili li osscggono. Ma, i unii occulii dcgli organisni invisilili sono
raiicancnic inuiili, fino a quando non vcngono rcsi funzionali quclli dcl coro
cicrico. La cIiarovcggcnza, la rcvcggcnza, c iuiii i fcnoncni di
naicrializzazionc, avvcngono quando lc lcvc dcgli organisni invisilili dcll'uono
sono inscriic nclla sua siruiiura cicrica, iraniic l'unificazionc con i rclaiivi
cIalras cicrici.
Lungo iuiio il crcorso rcincarnaiivo, dunquc, la Monadc si irova, assoiia c
riva di oicri divini, inncrsa nci irc nondi. E lc forzc galvanizzairici dci iani
Eicrico-Cosnici, cr il cso graviiazionalc lanciario, si lariccnirano nci
cIalras soiio il diafranna. L'unanii, in roosiio, c siaia auiorcvolncnic
divisa in irc arii. V'c un iio di uonini c donnc cIc iraggono ogni risorsa dallc
loro linfc viiali, cnuccutc nc cIuIu sacralc c cIc, a nalacna, raggiungono il
lcsso solarc. Un aliro gcncrc di unanii dicndc, in ogni ancliio viialc,
dall'acccnirancnio di forzc isiiniivc cIc, in nassina aric, si annidano ncl
lcsso solarc c lanliscono il cIalra dcl cuorc. Un folio gruo di csscri, (na,
ci nondincno, una sirciia ninoranza, in aragonc al rinancnic}, vivc sul
vilrarc dcllc forzc cIc alincniano, rincialncnic c rcfcrililncnic, i ccniri,
dal cuorc in su. E, in ial caso, gi ci iroviano ncl cano rossino agli InIzIatI.
Si iraiia, cr lo siudcnic iniuiiivo, di non farc a ncno di riconosccrc nci irc
asciii di unanii, lc iraccc cvidcnii di irc razzc, ncll'unica loro sinicsi. u
Lcnuunu, 'Atuntdcu, 'Aunu.
Cosa conoriano iali cncrgic, lariccniraic solo ncl ccniro sacralc, o, ncl lcsso
solarc, o, nci ccniri aiiincnii alla icsia?
Ncllc lczioni rcccdcnii alliano arlaio dclla qualii di ognuno dci Sciic Faggi.
E, ad cscnio, alliano dciio cIc il quario Faggio c il Faggio cIc dona la
caacii di raccIiudcrc, in fornula naicnaiica c gconcirica, c in circoli cIiusi,
la lcllczza, laicnic in ogni cosa. Esso c il Faggio dcll'ariisia. Dcn cruda cd
anara nanicra di arlarc dcl quario Faggio. Pcr diffondcrci, coniuiancnic,
sullc suc qualii, infaiii, avrcnno dovuio csorrc iuiic lc fornc ariisiicIc cIc
csisiono ncl cosno, conosciuic c sconosciuic! Lo sicsso avvicnc quando noi ci
accingiano a iraiiarc dcllc facoli di ogni cIalra, cIc, conc sacic, sono
l'affiorarc, ncl icno c ncllo sazio, dcl dcicrninaio Faggio cIc rarcscniano.
Ci dolliano liniiarc a crudcli sinicsi; csoriiano, allora, lo siudcnic a non
volcrc sirciiancnic allacciarsi ad cssc, oicIc lc ncdcsinc cosiiiuiscono una
lana a doio iaglio. Sono uiili, sc considcraic cr qucl cIc valgono. cioc, dcllc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

111
urc lincc indicairici; divcngono, addiriiiura, dclcicric, sc considcraic fini a sc
sicssc c scnza ossililii di svilui ulicriori.
Il faiio cIc l'unanii sia divisa in irc grandi zonc. il lcnuriano, o, l'uono dcdiio
alla irasfornazionc ura c scnlicc dci soli isiinii scssuali c di forza fisica, con
lc linfc ronoirici dcll'csscrc, osiulaic ncl ccniro sacralc; l'ailaniidco, o,
l'cnoiivo alla riccrca di scnsazioni iu vasic, na, iuiic faccnii cao al rorio
cgoiisno ccniralc, ananic dcl lusso c dclla conodii, dicndcnic da un lcsso
solarc aliancnic sviluaio; o, faccndo un lalzo avanii, l'ariano, iu o ncno
inicllciiualc, vincolaio c rigionicro dcl rorio razionalisno, ourc radioso
d'un inicllciio, cIc c sfociaio c si c irasnuiaio ncll'iniuizionc ura c iniziaiica;
cllcnc, ci, ai fini dclla iclcaiia, dividc l'argoncnio in alirciianii irc iii di
iclcaiia. 'stntuu, 'unncu c u stuuc.
Coninciano con la rina. Molii scicnziaii si sono donandaii cr qualc ragionc
lc ondaic nigraioric dci volaiili scguisscro scnrc, ncl icno c ncllo sazio, i
ncdcsini oliciiivi. Ourc, cr qualc ragionc i cani fosscro caaci di
riniracciarc, scnza alcuna causa cIc collalorassc con il loro olfaiio, un csscrc
unano, a loro caro, allonianaiosi ccniinaia di cIilonciri. Ourc, crcIc
lasiassc, da aric di qualcIc ficra, nadrc di una nidiaia di cuccioli, un solo
sguardo, in dirczionc dcl iccolo, andaio a giocIcrcllarc dicci, o, quindici nciri
olirc il liniiaio, c iuiio inicnio ai suoi ruzzoloni, cr fargli rizzarc lc orcccIic,
volgcrc il cao, c iornarc indiciro, lcniancnic. Tuttc onc, codcstc, d tccutu
stntuu, oucncntc du csso souc. Difaiii, gli csoicrici sanno cIc l'aninalc
agiscc, non gi aiiravcrso il suo ccrvcllo, nci coordinancnii d'aiio, na,
aiiravcrso il lcsso solarc.
Ncl caso unano, qucsia iclcaiia la si risconira li dovc un icnacc affciio
isiiniivo lcga duc clcncnii dclla razza; cIc siano iuiii c duc conariccii ncl
scniincnio, o, cIc uno solo di cssi lo csrina. Una nadrc, cIc avvisa un ccrio
cricolo in cui il figlio si irova in un daio noncnio. Ed allora si scuoic
lruscancnic cd cnira in siaio di agiiazionc. Un innanoraio rcsinio, il qualc,
di coniinuo, assilli, con ogni soria di lincc sicIicIc invisilili, la ovcra
fanciulla, cIc sc nc scnic osscssionaia quoiidianancnic, scnza un coniaiio
dirciio. Tclcaiia isiiniiva c, ancIc, quclla di nassa. Millc crsonc, ccciiaic,
goniio a goniio, da discorsi di lcadcrs, in ulllici conizi, lc quali, in un
gradualc crcsccndo, roronono in ovazioni c in rcsc di osizionc cnoiivc,
cIc non avrcllcro raggiunio scnza ialc fusionc iclcaiica. E il caso, uriroo,
dci linciaggi; c il caso di qucllc ovcrc innaiurc, cIc si siraano lc vcsii c
cadono in dclirio, davanii ad un gruo di, iu o ncno, aliri siuidi, o, iroo
furli, suonaiori di una dcicrninaia nusica. E il caso dcllc cosiddciic "scdutc d
sucgo cgoso", in cui dcllc aninc infaniili, in rcda ad una crcsccnic
aranoia sicIica, doo il canio di alcuni salni, si coniorcono c urlano, a
dccinc, cr icrra, cIicdcndo ici al loro Dio, c cIc li iolga dalla fragilc
condizionc unana in cui si irovano... Scnrc, agiscc il lcsso solarc, unionc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

112
dirciia con il nondo asiralc. Ed ogni novincnio, in sinilc dirczionc,
arriccIiscc ialc nondo dcll'annclliancnio cnozionalc, di soorifcrc alirc
cncrgic iniangilili; na, ronic ad ingoiarc qualsiasi anina cIc si sinionizzi con
cssc, cr siniliiudinc di naiura.
Lo sgradcvolc, conunquc, c assaio. PoicIc giungiano alla iclcaiia d'anino,
doo avcr iralasciaio quclla dclla crsonalii, iu o ncno sviluaia. I risuliaii
a cui giungc la iclcaiia d'anino sono, cr lo iu, osiiivi. Difaiii, cssa nascc
dal riino inosio all'inicro organico dcll'uono, du cIuIu dc cuoc. S tuttu
dcu iclcaiia di gruo. Colui cIc la raiica c oriaio a far suoi i scniincnii
dcll'aliro, cr quanio icnui gli vilrino alla oriaia. Un sullinc cscnio di
qucsio iio di iclcaiia, lo alliano da aric dcl Crisio, nclla conrcnsionc
cosnica di ogni singolo faiio, cIc cosiiiuiscc la anoranica dclla rcali solarc.
Va dciio cIc, nci casi in cui ialc iclcaiia divcnga nociva, noi ci iroviano di
fronic ai gu d dctto (cunou, ndungIctu, ccc..}. Pur csscndo, qucsii
grui, riuniii in una consonanza cffciiiva d'anino, oicIc nancano di noralc
c di rincii, lc loro ossililii si volgono vcrso conquisic infcriori. Da qui, la
ncccssii di uno sirciio collcgancnio ira cnsicro illuninaio c cuorc.
Il icrzo iio di iclcaiia c qucllo dcfiniiivo. Lu tccutu ncntuc-stuuc.
Di qucsia iraiicrcno, nclla rossina lczionc.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

113
L21ON D1C1ASSTTS1MA - (por1e seoondo) -

Alliano clcncaio i cIalras, na, scnrc, scnza arlarnc singolarncnic, cr il
faiio cIc cravano inicnii a rivclarc i faiiori cosnici ai quali ci inscriscono, di
cosianic. Tcniano, ora, rcscnic cIc i cIalras, a diffcrcnza dclla siaiica
funzionc di ogni ario liologico c iangililc dcl fisico, si qualificano crcIc
aliiano di una noia, o, naiura sconosciuia al nondo naicrialc. u quutu
dncnsonc. Ogni cIalra c collcgaio, naiuralncnic, a iuiic lc arii
dcll'univcrso; il cIiarovcggcnic, difaiii, non oria il cIalra vcrso l'oggciio
cicrico dcnso, o, cicrico-cosnico cIc vuolc raggiungcrc. Egli lo vcdc riflcsso in
qucl cIalra, ovunquc l'oggciio si irovi; li, ovc il icno c lo sazio sono aloliii.
E, ad un iu aiicnio csanc, la innaginc dcll'cniii conicnlaia c riscccIiaia
ncl cIalra, si rivclcr, non gi cr un faniasna, na cr l'cniii sicssa.
Pcr, ogni cIalra Ia dcllc funzioni soggciiivc, cIc c ncccssario conrcndcrc,
cr oicrsi avvalcrc dcllc suc sccificIc ossililii.
Ncl dcscrivcrc i cIalras dcll'csscrc unano, noi farcno conio di osscrvarli ncl
coro cicrico di un uono sviluaio siriiualncnic c cIc li allia iuiii
funzionali. Il cIiarovcggcnic, difaiii, dovc un Adcio Ia, cr cIalras, dci soli,
ruiilanii di slcndorc c di colorc, vcdc, in un uono soiiosviluaio, dci grigi
loiioni largIi, di naicria cicrica iorlida, scnza alcun lalcnio nanifcsio, c con
una lucc oicnzialc acna acccnnaia.
Il cIalra c, anziiuiio, un inncsio di duc iii di forzc. quclla lanciaria c quclla
unana. Ecco, i duc lracci dclla crocc; ccco, il Crisio c l'uono. Esisiono
sciianiasciic cIalras in iuiio il coro cicrico. Ianno un'aarcnza sfcrica.
Sciic sono i naggiori. quaiiro, lungo la sina dorsalc; irc, riguardano la icsia.
Ed i Macsiri danno nolia inorianza al faiio cIc il disccolo affcrri, alla
radicc, lc loro funzioni. Nc, rcsuniano cIc csso ossa farlo di rino accIiiio.
La sirada, in ogni nodo, c ialc, qualc glicla siiano indicando.
Il cIalra c conosio dal cocsisicrc di varic lincc nagnciicIc.
a} Il Punio;
l} il Triangolo;
c} lc Lincc Irradianii;
d} la Sfcra di Incidcnza.
Incasulaio in ogni cIalra, conc crla ncllo scrigno, v'c il Punto Ccntuc, cIc
disscnina lc indcscrivilili oicnzc dclla Monadc; il Punio Ccniralc c raccIiuso
in un tungoo. irc lincc di forza, cIc riflciiono il colorc, la naiura, il oicrc dcl
raggio nonadico, di qucllo dcl coro causalc c di qucllo dclla crsonalii.
S'crgono, in dirczionc quadrincnsionalc, dalla rcscnic iciraliis nagica, i
cosiddciii ctu dcl cIalra. Cioc, lc singolc irradiazioni, divcrsc cr ogni
cIalra, c cIc sono rorio lc lincc di forza cIc il disccolo dcvc inararc a
iraiiarc a dirigcrc, ncl suo lavoro di nago lianco. Sinilc divino arnonicun si
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

114
assonna ncl ccoo cIc nc rarcscnia la zona di conflucnza c la sinicsi
radicalc.
Il gioicllo nonadico, risicdc, nanifcsio a cIi lo saia localizzarc, ncl cbakra
aIIa sommIt deI capo. E si riflciic in qucllo osio fra gli occIi cd in qucllo
dclla gola. La sua visionc c iu lalilc ncgli aliri.
Il cbakra aIIa base deIIa spIna dorsaIe Ia quaiiro ciali, o lincc di forza, cd c
di color arancionc.
Il cbakra Iombare Ia sci ciali.
Il cbakra, detto pIesso soIare, Ia dicci ciali cd il suo colorc d sul vcrdc, con
dcviaiura vcrso il rosa.
Il cbakra cardIaco Ia dodici ciali cd il suo colorc c di un giallo inicnso.
Il cbakra deIIa goIa Ia scdici ciali cd il suo colorc c iurcIino-llcu, con riflcssi
argcnici.
Il cbakra ajna, osio ira gli occIi, riuniscc, in una sinicsi sosianzialc, la
crsonalii dcll'uono; dovc la naiura infcriorc si collcga alla sucriorc. E
curioso, infaiii, consiaiarc, cIc i ciali sono novaniasci, cioc il doio dclla
sonna dci rcccdcnii cinquc. Lc ioialii di colorc si raffinano aliancnic, c,
qui, sono rosa-giallo, llcu-slcndido.
Il cbakra brabmarandra, alla sonnii dcl cao, Ia nillc ciali cd c
rarcscniaio, sinlolicancnic, ncllc siaiuc dcl DuddIa, dal nisicrioso
vcsiincnio lcniicolarc al cao, cIc quasi iuiic oriano. E conosio da duc
clcncnii. una zona inicrna cd una csicrna. La zona inicrna (la Lucc nclla Lucc}
c lianco-gialla. La csicrna, di un indcscrivililc lalcnio di colori. La zona
inicrna c il riflcsso, sul ccrclro cicrico, dcl cIalra dcl cuorc. Ncll'uliina
rivclazionc, si irova un acccnno alla nagia dcl nuncro sciic. Il nuncro sciic,
ur cosiiiucndo il ricicrsi cicrno di un ncdcsino cicrno riino, lo vcdiano,
scnrc, inguainaio ncll'oiio. "Colui cIc non si dcvc noninarc" c un Faggio
Cosnico; na si nanifcsia aiiravcrso sciic sisicni solari. Il nosiro Logos Solarc
c un unico Logos, na si nanifcsia aiiravcrso sciic Logoi Planciari. Il nosiro
Logos Planciario c un unico Logos na si nanifcsia aiiravcrso i sciic Kunara.
In iuiii i casi cncrgc il nuncro oiio. Sia di faiio, cr, cIc noi, i sciic cIalras,
sia dcll'uono, cIc dcl Logos Planciario, cIc dcl Logos Solarc, cIc dcl Logos
Cosnico li ossiano analizzarc c circoscrivcrc csaiiancnic. Mcnirc, quando
arriviano all'uliino di cssi, a qucllo dcl cao, vcdiano cIc l'unii si risolvc in
un nuovo dualisno. E diciano, quindi, cIc il cIalra inicriorc (cd uliino dci
sciic}, alla sonnii dcl cao, si ricongiungc all'oiiavo, cIc nc cosiiiuiscc la
sfcra circosianic, con cui fa llocco unico. Ed c cosi cIc l'oiio coniinua ad
csscrc sciic, cIc il finiio si iranuia in infiniio, cIc si conic la caiarsi di
DraInan, il qualc rcsia DraInan, ur divcncndo ParalraIanan.
E, conunquc, al ccniro lraInarandra cIc si focalizzano iuiic lc aiicnzioni
dcllc Cuidc dcll'unanii. Vicnc dciio, difaiii, di coniinuo, ai disccoli. "Vuctc
ncu tcstu". Con ci, sinlolicancnic, csoriando l'uono a osiularsi alla vciia
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

115
dcllc suc scnsazioni fisio-sicologicIc, cr giungcrc al coniaiio nonadico.
Coniaiio cIc scaiuriscc solo da ialc cIalra.
L'insicnc d'incidcnza dcllc risciiivc circonfcrcnzc dci sciic cIalra dcicrnina
un'cniii cncrgciica, cIianaia 'uuu dcll'individuo. E l'irradiazionc conlinaia
dci gradi cvoluiivi dci suoi cIalras cIc d la noia occulia all'individuo, in scno
ai valori invisilili dcll'unanii. Noi coniinuiano a rifcrirci all'idcalc individuo
cIc allia risvcgliaio arnoniosancnic iuiii i sciic unii ncvralgici cicrici. Talc
aura avr, allora, acquisiaio un incrcdililc oicnza, silcnziosa c suggcsiiva.
Scnza arlarc dcl faiio cIc cosiui, aunio crcIc cssi lo collcgano ai Sciic
Signori dcl Mondo, al Logos Planciario, c, iu su ancora, allc Sfcrc Cclcsii,
ossicdcr la adronanza dcl cosianic colloquio con i Poicri Divini dcll'Esscrc,
confcrniano cIc cgli oir dirigcrc lc suc forzc risvcgliaic, ovunquc lo voglia c
con iuiio il succcsso cIc dcsidcra. Convcrgcr lc lincc nagnciicIc dci cIalras,
o, ciali, in dcicrninaic noic osizioni c in dcicrninaic dirczioni; lc unificIcr,
riinicancnic, in un llocco unico; lc vcdr irasfornarsi nci oicri angclici cIc
rcsicdono alla loro siruiiura, c olirc..... Ma, ossicdcr un'aura, ncravigliosa
concIiglia, da cui sfavillcr la lucc dclla crla dclla CcrarcIia Dianca, in ogni
aiio quoiidiano cIc conic.
Considcriano, adcsso, la naiuralc rcdisosizionc cIc l'uono Ia, nci coniaiii
con il nondo dcllc idcc. Esisic, conc c rifcriio da Paianjali, ncllc suc lczioni di
Yoga, "u nuuou dcc cosc ntccgI", (qucu cIc c stutu cIunutu Piano
Divino, da un aliro Macsiro}, cIc, dallc vciic dcl surcno ordinc cclcsic,
lanliscc, di coniinuo, il icrrcno siriiualc dcll'uono. Il rollcna c di cnirarc in
coniaiio con cssa c di iradurla in csrcssionc. Vi sono vari nciodi graduali cr
farlo. Asuzonc, conccntuzonc, ncdtuzonc, unnuzonc; c 'suzonc
avvicnc. Scsso, il disccolo si incariccia a volcrc cIc il Macsiro iniavoli con
lui un discorso iu dirciio, sulla naiura di sinili roccssi occulii, cIc, cr lo
iu, sfuggono all'analisi dclla coscicnza ordinaria. Cosa cIc il Macsiro non u
farc, scnliccncnic crcIc solianio la naiurii individualc ci u crnciicrc
di conrcndcrc cosa siano i iani sucriori, iroo scsso confusi c scanliaii
con qualcosa, ur sc radianic, di siaiico c inconlcnic. Cogliano, adcsso,
l'occasionc, cr suggcrirc al disccolo, sc cgli cadc in rcda a ialc iio
d'illusionc, di volgcrc alirovc lo sguardo. Non solo i Macsiri Ianno ccssaio di
occuarsi crsonalncnic dcll'cvoluzionc singola dci disccoli; na, dcsidcrano
collaloraiori, caaci cd cscrii. Tuiio ci cIc di icorico oicva csscrc rivclaio
all'uono, sulla nagia crcairicc, c siaio rivclaio. Il rcsio c qucsiionc di
iniuizionc crsonalc. Solo quando il disccolo c divcniaio un collaloraiorc
caacc cd cfficicnic, il Macsiro si fondc con lui, in una consacvolc unii
d'azionc c coniinuii di rcscnza.
Conunquc, cosirciii conc siano a arlarc cr sinloli, iorniano a
rarcscniarci "la nulc di cosc inicllcgilili", qualc lago incsaurililc di sosianza
arcIciiica, cIc alincnia c coniinua a far crcsccrc il fiorc dclla civili. I
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

116
Poriaiori dcll'acqua divina, sono i Macsiri cIc, con la lorraccia dcl loro sacrc
c dcl loro oicrc, raccolgono, da una aric, il liquorc viialc, c, dall'alira,
innaffiano, con csso, iraniic la iclcaiia lanciaria, lc ncnii dcgli uonini,
accclcrandonc il roccsso cvoluiivo. All'uono, ci aarc conc un rivclarsi di
inrovvisc iniuizioni, conc un inulso a nuovc ncic... Si iraiia, non solo di
accciiarc il faiio cd aliiuarsi a lui; na, di aiuiarc il dcsidcrio cIc i Macsiri
Ianno di unirsi al gcncrc unano, con l'arcndcrc l'aric dclla cczonc c dcu
ncssonc. I Mucst non s touuno , o, qu. I Mucst s touuno utcnt,
nc'ouunquc. E cadc lcn a roosiio iornarc a soiiolincarc lc caacii cIc un
Macsiro ossicdc. La quinia iniziazionc Cli Ia daio il doninio su iuiii i irc
nondi. Il cIc significa lilcri da cssi; na, ancIc, un conlcio incaicnancnio
ad ogni iu rarcfaiia ariicola dci ncdcsini. dagli clcncnii singoli cIc li
conongono, alla loro vasia anoranica gcncralc.
L'uono non c ancora caacc di vivcrc, unificaio al silcnzio dclla Parola Divina
Infornalc, cIc aliia in scno alla "nulc dcllc cosc inicllcgilili". La vilrazionc
rarcfaiia, conosia dai nillc scgncnii cncrgciici dcl suo cIalra alla sonnii
dcl cao, cr forza di cosc, c inncrsa, coniinuancnic, in ianio nondo
arcIciiico. Ma, l'ainosfcra c iroo alia crcIc lc arolc ossano dcscrivcrla.
L'uono si irova cosirciio, iraniic l'ariicolazionc occulia dcl suo Io, a darc una
vcsic a ci cIc vcsic non Ia c cIc c il uro Esscrc. Ivi, rcgna, sovrana, la
Monadc. E la Monadc c. "VOLONTA DI ESSEHE". Ecco la ragionc cr cui il
cIalra alla sonnii dcl cao c siaio cIianaio il cIalra dclla voloni, c
solianio la voloni risvcgliaia c coscicnic u conicrc la nagica incisionc cIc
nc lilcri il fuoco ardcnic. Quando l'uono, rina igrancnic, oi, in nanicra
iu rccisa c scnrc iu rccisa, inizia a oriarc giu la scncnza d'oro dcllc
asirazioni urc cIc riccvc dalla Monadc, a cui si c uniio, alla quaria
iniziazionc, disiruggcndo il suo coro causalc c acquisiando la conlcia
adronanza dcl cIalra lraInarandra, cgli c cosirciio a rcndcrc la sirada dcl
cIalra ajna, osio ira lc duc soracciglia. E ialc cIalra cIc lasna il
naicrialc luninoso, nc csirac il ncssaggio conicnuio, c lo inquadra in una
forna inicllciiualc, conrcnsililc all'unanii. Ma, la forna-cnsicro non c
ancora ronia cr vcnirc naniolaia c iradoiia in aiio. Il Prino Faggio, dal
Piano Adi, o Piano di fuoco (rino dci sciic Piani Sucriori} Ia daio un czzciio
incandcsccnic dclla lava cIc cosiiiuiscc il suo Sc; il Sccondo Faggio Ia iradoiio
c rcaraio il cano d'azionc alla lava, raffrcddandola; il Tcrzo Faggio, o,
dcll'adaiiancnio c dclla naniolazionc, risicdcnic ncl cIalra dclla gola, lo
irasforna in argilla, cnana il vcrlo c l'uono divino rcndc cosiruiio, naio dalla
icrra. Ecco la sirada dcll'inscrincnio, ncll'uono, da aric dcll'Idca. Essa c una
rarcscniazionc, non solo sinlolica, na, ancIc, di fcnoncni nagici c di
nciodi occulii, dcl iuiio rcalisiici. In ci, riiroviano il oicrc dcl Vcrlo c dclla
Parola. In ci, riciiano la crcazionc originalc. In ci, consiaiiano conc l'uono
ossa rinnovarc ialc rinciio, da solo.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

117
E riniracciano il nonisno rinordialc, cIc si risolvc in un dualisno
succcssivo. ncssonc c cczonc.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

118
L21ON D1C1ASSTTS1MA - (por1e 1erzo)

Tuiii i cIiarovcggcnii, ncll'osscrvarc un uono in aiicggiancnio cogiialondo, nc
Ianno visio lc idcc. sono cniraii in coniaiio con lc cncrgic soiiili cIc cgli
iraiiava inconsciancnic. E iuiii sono rinasii d'accordo ncl dirc cIc ci cIc
vcniva cnsaio da qucll'uono cssi lo vcdcvano "gucgguc", in lincc arnoniosc,
o, confusc, a scconda dclla oicnza dcl cnsaiorc, a ocIi ccniinciri davanii ai
suoi occIi. Faic una rova. Sccglicicvi una rarcscniazionc ncnialc di
qualcIc cscricnza, da voi vissuia, c cIc, iuiiora, coniinui ad inicrcssarvi,
viialncnic. Diciano. "cIc coniinui ad inicrcssarvi, viialncnic", crcIc c
ncccssario cIc, cr avcrc una oicnza cfficacc, il cnsicro vilri sccondo una
ionalii foric. Farcscniaicvi l'cscricnza, ncnialncnic, fino a fissarc un solo
ariicolarc. Sar una nano, saranno lc roiaic di un iran, sar il candclalro di
una cIicsa; non inoria cosa. Voi scniircic, disiiniancnic, cIc ialc iccola
figurina, arioriia dal vosiro innaginarc, vi vcllicIcr la fronic, a ocIi
ccniinciri davanii agli occIi, sosicnuia dal cIalra ajna. Ficordaicvi, c nolio
difficilc sacr cnsarc cgrcgiancnic. E, ancIc, cricoloso inirarcndcrc dcgli
cscrincnii iclcaiici, nclla dirczionc slagliaia c scnza dci graduali allcnancnii
c con una saggia rcvisionc dcgli osiacoli a cui si vada inconiro. Quando
l'uono inicnsifica la sua ionalii nagnciica, oicIc, uriroo, si irova a dovcr
sucrarc dcllc larricrc di forzc siagnanii, sia in lui, cIc fuori di lui, c oicIc,
ancIc, non Ia la voloni ncccssaria a sazzar via ogni incdincnio cncrgciico
cIc gli vicnc dall'ainosfcra cclaia dcl nosiro glolo, oiranno succcdcrgli vari
inconvcnicnii. Sc noi sfrcgIiano un czzciio di anlra, csso si clciirizzcr cd
aiirarr dci coruscoli di olvcrc, cIc nc aanncranno la lcvigaiczza. Sc noi
iuffiano in una scaiola di linaiura di fcrro una calaniia, cssa rcsicr
acsaniiia da una considcrcvolc quaniii di fcrro. Lo sicsso accadr all'uono,
cIc inizia la iclcaiia. Indiscuiililncnic, gli sforzi cIc cgli conic cr il suo
dcsidcrio di auncniarc il oicnzialc nagnciico lo clciirizzano c, rina o oi,
scnza lc dcliic rccauzioni, cgli si irovcr circondaio da una nassa vilranic di
coruscoli cncrgciici, cIc annanicranno la sua naiura ancora inura,
rcndcndo argilloso il icrrcno su cui cannina. Ecco crcIc i Macsiri insisiono
nolio cIc, rina di addcnirarsi in cscricnzc di caraiicrc occulio, il disccolo
urificIi i rori novcnii c la roria naiura. V'c, oi, ancora, un aliro
inconvcnicnic, cr cIi conincia a raiicarc l'aric dclla iclcaiia. La sua
dclolczza sicIica. Esisiono ocIi individui cIc ricscano a forarc la laccnia di
forzc in cui si irovano iuiclaii, o qucllc dclla loro aura, c a ioccarc un'alira
aura. l'aura, cioc, con cui vogliono cnirarc in coniaiio. Ci fa si cIc gli incauii,
crcdcndo di roccdcrc con succcsso sulla sirada dclla iclcaiia, gonfino di
sosianzc-cnsicro, scnrc rinnovaic, sinilc a un alloncino coloraio, la loro
aura. E raggiungano gli sicssi insucccssi di cui alliano arlaio oco fa. Uno
dci Macsiri affcrna cIc, ira coloro i quali, al giorno d'oggi, si dicono iclcaiici,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

119
o, ncdiun, il novania cr ccnio cadc ncll'illusionc icna. Essi naniolano c
rinaniolano fornc-cnsicro, o, vilrazioni dcl loro sulconscio, aiiorno, c nclla
loro sicssa zona asiro-ncnialc. Mciiono insicnc, in una cccii oco
iniclligcnic, dci ncssaggi, quasi iuiii ncllo sicsso iono; oi, affcrnano cIc
l'cniii Ia arlaio, o, l'anico Ia risosio, da una ciii disianic. Pcr lo iu, si
iraiia di crsonc in luona fcdc; quindi, ancor iu cricolosc. Ma, lo sicsso
Macsiro, csoria, ncl conicno, a rinnovarc gli sforzi, c dicc cIc la CcrarcIia Ia
lisogno di disccoli, i quali saiano inrcssionarc c siano iclcaiici.
L'aliiudinc a cnsarc rciiancnic, con rccisionc c con naiurii, dar il
soiiosiraio ncccssario ad avcrc un cnsicro cfficacc, cr vcnirc roiciiaio c cr
riccvcrc. Solo adcsso u risuliarc cIiaro crcIc, con aniczza di dciiagli,
alliano arlaio dcl naya lcnurico, dcll'annclliancnio ailaniidco c
dcll'illusionc ariana. incdincnii cncrgciici cIc dcvono csscrc conosciuii c
"scniiii" rina c duranic l'aiio iclcaiico.

I METODI DELLA TELEPATIA

Si c faiio un gran arlarc, ncgli siudi di csoicrisno, dclla PACE, ianio cIc
l'uono cnsa cIc cssa csisia, in qualcIc angolo dcll'univcrso, in nanicra
inicgralc. Con ci, crdcndo di visia il ncssaggio dci Crandi Illuninaii. Qucllo
dcl riino, qucllo dcl Movincnio Eicrno, qucllo dcl grandc Fcsiro dcl Tuiio. Un
soiiilc scnso di cgoisno c di igrizia ncnialc vicnc, ogni volia, alincniaio ncl
ncofiia, quando cgli inscriscc lo sguardo vcrso la dirczionc dclla "Lucc cIc c
olirc"; cnsa cIc, li, si nciicr scduio, sucriorc alla rollcnaiica ninuia
dcll'Esscrc, dincniico dcl dolorc c dclla soffcrcnza. Eurc, iali individui non
Ianno caiio il ncssaggio dcl Crisio, il Crandc Dolcnic, l'Inccssanic
Lavoraiorc. E un Dolorc Soggciiivo, il Suo; un "Dooc d dcntcuzonc", di
naiura cosi alia, da riuscirc inconrcnsililc alla nassa.
Qualc acc, quindi, dovr ccrcarc l'uono, rina di dcdicarsi all'cscrcizio di una
roiczionc, o, di una ricczionc iclcaiica? Lu ucc dc'unoc, la qualc c
un'aiiivii cosi inicnsa, cIc non vicnc crcciia dal igro occIio di cIi non
saia anarc. Lo Siriio, la cui naiura c anorc, c siaio aragonaio, dagli
indiani, ad una ruoia cIc giri, su sc sicssa, ad incrcdililc vclocii. I suoi raggi
non sono visilili, c arc cIc, addiriiiura, sc nc siiano innolili. Qucsia, c la
acc cIc occorrc osscdcrc, ncnirc si alica la iclcaiia. L, ovc iuiii i scnsi
ncniali, siriiuali, cicrici sono dcsii. L, ovc non csisic diffcrcnza ira soggciio
cd oggciio; l, ovc l'uono si riconoscc cIiarancnic TUTTO IN TUTTO.
Egli ossicdc un'idca. Egli sa cIc il sussurrio dcllc linfc viiali, ncl suo coro
cicrico, c la cco dci cani Eicrico-Cosnici; la cco dcl Logos. Egli sa cIc cgli c
uno con il Logos. Il cIalra lraInarandra c l'ajna, gi da icno, Ianno uniio lc
loro sciniillc viiali, c, iraniic il nairinonio nci cicli, l'unificazionc ira il Crisio
in lui, c l'uono in lui, Ia avuio luogo. Egli sa cIc, nclla quaria dincnsionc, non
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

120
v'c scarazionc ira il soggciio c l'oggciio; ira di lui c l'csscrc con cui vuolc
cnirarc in raorio iclcaiico. Dal cIalra lraInarandra iniroducc l' idca nclla
zona nagnciica dcl ccniro ajna, lc d consisicnza oggciiiva c, iraniic la arola,
sussurraia lcggcrncnic, nciic in funzionc il cIalra dclla gola. La arola c
l'involucro di qucll'idca, la arola divicnc discorso iclcaiico. Il suono fa vilrarc
il coro cicrico, rcludio al dcnso. I VcIo s u Cunc. CI Iu occcIc c udc
uscot.
Dall'aliro cao dcl filo, il riccvcnic icrr acrio, conc un fiorc, il ccniro osio
ira lc soracciglia, cd incric qucllo alla sonnii dcl cao. c, niiida, la
vilrazionc si circoscrivcr ncll'ajna, la fusionc avvcrr, il ncssaggio sar siaio
accolio, la arola crcciia. Qucsii raorii, condurranno, in lrcvc, ad
clininarli conlciancnic. L'uono rccsisicr alla nanifcsiazionc. E sar,
rina di csscrc. Un Macsiro affcrna cIc c vicino il icno lcaio in cui lc arolc,
sia ncniali cIc naicriali, vcrranno aloliic. E cIi u dcscrivcrc la sfcra di
lcaiiiudinc, ovc iuiio c coniuio c il Fiorc dclla Viia si crgc, slcndido c
nacsioso, scnza sosicgni cIc lo rcggano? Qucsia, c la ncia a cui dcvc giungcrc
ogni disccolo. Qucsio, il vcriicc dcl Scniicro.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

121
- L21ON D1C1OTTS1MA -
StudIo deI sesso, daI punto dI vIsta esoterIco -

Iniziano a iraiiarc l'argoncnio, cr un'unica ragionc. Il ncofiia, o, ancIc, il
disccolo, o l'iniziaio di grado infcriorc, giunii al risciiivo ciclo ncl Scniicro, si
irovano cosirciii a fcrnarsi, a crdcrc nolio icno, addiriiiura ad arrcirarc, di
fronic ad uno scoglio cIc, a ial unio, si crgc davanii a loro, con violcnza
davvcro incrcdililc. 11 sesso.
E, qucsio fcnoncno, c conrcnsililc. Noi alliano inaraio ad avcrc una
visionc scicniifica dcllc vilrazioni siriiuali, sia cIc nascano ncll'organisno
unano, sia cIc alliano cano di nanifcsiazionc nclla naiura circosianic laia.
Ci siano rcsi conio cIc non c dcsidcralilc cr il disccolo cncirarc, alla cicca,
ncllo Sazio Inicriorc, scosso cd ccciiaio da un dcicrninaio gcncrc di cnozioni
isiiniivc, dciic nisiicIc, o, cnozionali. Alliano visio quanio sia ncccssario
localizzarc cd arcIiviarc, in un crfciio ordinc ncnialc, ogni iio di cncrgia cIc
forna c cosiruiscc il suo coro cicrico, fonic di iuiii gli cffciii ncl
corrisondcnic organisno fisico. Conosccnzc cIc sono csircnancnic
ncccssaric al disccolo, crcIc cgli ossa cviiarc i giri viziosi aiiorno all'cniraia
rincialc dcl Tcnio, c nc inloccIi, quanio rina, l'andronc. Puriroo, ncllc
isiruzioni csoicricIc, sinlolo c rcali si accavallano. aiiardarsi iroo nclla
icorica, ncl sinlolo, aralizza l'afflusso dclla viia sucriorc. Vilrarc
cncrgicancnic, in un rcalisno, cIc c riccIczza di linfc naicrialisiicIc,
alloniana, scnrc iu, dal giusio cannino.
Ncl rivolgcrsi all'unanii rcscnic, i Macsiri icngono conio di vari rollcni. V'c
il larna dclla sicssa, cosiiiuiio dallc lincc anlicniali, faniliari, o, sociali, in
cui il singolo si irova circoscriiio; vi sono i rollcni di caraiicrc crsonalc, con
i quali l'Anina Ia da farc. Sarcllc, cr lo ncno, ingcnuo c infaniilc cIc i
Macsiri rcicndcsscro dall'uono cIc vcnga loro inconiro, saiuro c naiuro,
quanio saiuri c naiuri sono Essi. Il faiio conirasicrcllc con lc sicssc lcggi
dclla viia.
E siaio dciio da fonic auiorcvolc cIc, cr ci cIc riguarda l'unanii alla Soglia
dcl Scniicro, l'osiacolo iu inconrcnsililc cIc si irova a sosicncrc c il scsso.
Sullc rinc, ci non cosiiiuiscc un osiacolo, cr gli innaiuri c gli involuii.
Cosioro scniono, in sc ncdcsini, il silcnic diriiio a crcorrcrc la sirada dcllc
soddisfazioni fisicIc, in quclla dirczionc. Nclla socici, in nolii casi, c sinonino
di irionfo socialc il nuncro di raorii croiici cIc l'uono ricscc a scgnarc sul
suo inulsivo carnci. O, da aric dclla donna, l'iniuizionc siccaia dci vcllicIii
naiurali cIc irac dal nascIio, roccdcndo ncllc siradc, cnirando nci saloiii,
iniavolando discorsi.
L'isiinio cIc si irova alla radicc di ianic dcfornazioni viiali, or ora ncnzionaic,
non Ia cola. Fino a quando c raccIiuso in un corrcdo fisiologico sano,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

122
cquililraio, conlcio, csso fa scniirc la sua vocc alla sicssa nanicra cd agli
sicssi inicrvalli di icno, faccndo lc dcliic roorzioni, di qucl cIc la facciano
scniirc la fanc, la scic, il lisogno di rcsirarc. Acna l'uono inizia a rascniarc
la volia dcllc ainosfcrc ncniali, sia cr il faiio cIc il rcirosianic suo nciro
cvoluiivo c ovcro di incisioni nuncricIc, sia, ancIc, crcIc lc sicssc
ainosfcrc ncniali lo inclriano cd ccciiano, cgli si irova a sconorrc, in nodo
confuso cd csclusivisiico il diagranna dcllc forzc croiicIc cIc ossicdc. Non
dincniicIianoci nai cIc, cr oicr inquadrarc coniuiancnic c conrcndcrc
il fcnoncno dcl scsso, occorrc siudiarlo alla lucc dcllc suc vcrc origini
rinordiali. E cadc qui lcnc a roosiio ricicrc la frasc di un Adcio. "I scsso
uu concso c soto ncu scu dc uno ncntuc".
Quindi, c ncccssaria la conosccnza csoicrica cr conicrc ialc asso. Non c
ragionc dirc. "Qucsio fiorc c una nargIcriia". Fagionc c dirc ccIc qucsto oc
c unu nugIctu.
Prcccdcnicncnic, alliano affcrnaio cIc ogni srazzo di novincnio c di
csisicnzc cIc affiora ncl nondo dcllc fornc Ia nasciia nci iani Mcniali
Cosnici. Ecco, il scgrcio dclla nanifcsiazionc. All'originc dci icni, una lingua
di Viia Ardcnic vcnnc roiciiaia, dalla loniana coscicnza dcl Mcnialc Cosnico;
si uni alla Siclla Sirio c and a sigillarsi ncl nuclco di viia lanciaria icrrcsirc,
cIianaio SIanlalla; da qucl noncnio, si riflcssc, ncl iancia, ogni scric di
dualisno. c dualisno l'asinnciria dcl coro unano, ovc una dcllc nci c
scnrc iu grandc dcll'alira; dualisno c l'allcro, in raorio alla fruiia cIc
roducc; dualisno c viia c noric; noiic c giorno; coscicnic c sulcoscicnic;
dualisno c uono c donna; dualisno c il loro aiio scssualc. Coniio
dcll'csoicrisno, c, da una aric, inscrirc ncll'anino dcl disccolo, innanziiuiio,
la consiaiazionc irasccndcnic dclla rcali dci iani sullinali dcll'Esscrc, da cui
Ia nasciia iuiio il corollario dcllc rinancnii csisicnzc; dall'alira, fondcrc in un
nonisno sosianzialc ogni dualisno cIc nc c naio; dall'alira, ancora,
dinosirarc la urczza di ialc nonisno, qualc unico linario su cui oggiavano,
incoscicnicncnic, sino ad allora, i dualisni succcssivi.
Sc il disccolo non Ia la ccriczza, quindi, cIc qualcosa di Cosnico - na,
innancnic ovunquc - conducc, in nodo inflcssililc, iuiio ci cIc aarc in
nanifcsiazionc, c, crci, vi inonc il sigillo dclla sua rinordialc urczza, in
iuiia sinccrii gli consigliano di lasciarc, sino a quando non sar iu naiuro,
il rcscnic argoncnio. Manzoni scrissc. "Ouunquc o sguudo uogu, Do, o t
ucdo". Alliano usaio una frasc scnlicc, cIc, conunquc, lcga nolio con
quanio siiano diccndo. Un Adcio Ia dciio. "Sc vcrancnic nulla csisic, ovc la
lucc dcll'Assoluio non rislcnda csclusiva cd allracci iuiio in sc, ancIc il
scsso non va dincniicaio da ialc circolo".
Molii disccoli, non acna si iocca ialc concciio, crgono gli aculci conc il
riccio; c fanno saliarc, sullc nani, conc una casiagna cIc scoiia, cr iuiia la
duraia dclla discussionc, lo sicsso. Qui, noiiano lc iraccc di vari isiinii, na cIc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

123
si riassonnano in duc rinciali. ignoranza c fanaiisno. Il sccondo c nolio iu
cricoloso dclla rina. Ed infcsia i circoli cosiddciii siriiualisii, o, csoicrici,
un o' dacriuiio. Vcdiano gli ordini nonasiici, vcdiano varic corrcnii
oolanc oricniali, ccc.. A iiiolo di ancddoio, rioriiano il ricordo di un
cisodio cIc vcnnc filnaio in uno dci ianii filns-docuncniari sugli usi c
cosiuni dci ooli aiiuali. Vcnnc inicrvisiaio un vcccIio indiano (conunquc,
cscnio nolio cIiaro di nuncrosissini aliri iii consinili csisicnii}, il qualc cra
considcraio, dagli ignoranii locali, forsc, un sanionc. Andava scninudo cr lc
siradc, rofcssando la sua sirana naiura. Unico induncnio cra uno sccialc
arncsc di fcrro cIc, da dccinc di anni, cgli si cra inosio, c cIc, da dccinc di
anni, gli roiliva ogni funzionc scssualc, allc quali aiiriluiva i nali
dcll'unanii. Escni liniic, si caiscc! Ma ogni cscnio liniic raccIiudc una
casisiica allarnanic di gradi inicrncdi.
Considcriano la riicnzionc, o, inilizionc scssualc cIc l'uono si inonc, conc
lcggc sovrana ncgli ordini nonasiici, c, ancIc, lungo il Scniicro dcl disccolaio;
accciiando la doiirina dclla rcincarnazionc, cr causalc di ogni cffciio aiiualc,
noi ci iroviano di fronic a individui, i quali, cr l'aluso c l'ccccsso faiio ncllc
rcccdcnii viic (c cIc, sc coniinuaio, in qucsia c in fuiurc, li oricrcllc
all'anncnda larnica dcllc nalaiiic scssuali}, ongono un frcno radicalc, cr
dccisioni inicrncdic ira viia c viia, o, cr illuninazionc sucriorc, allc loro
aliiudini.
Prina di roscguirc, ad ogni nodo, vogliano lcn soiiolincarc un inorianic
asciio dclla qucsiionc. Lcggcrc lc rcscnii noic sul scsso, da noi scriiic ad
aiuio noralc dcllo siudcnic, o, di cIi voglia nciicrc un di lucc
ncll'argoncnio alla roria ncnic, non significa cIc si arli a favorc, o, a
sfavorc di csso. Non siano fauiori dcl scsso, nc a suo sfavorc. CcrcIiano solo,
dal nosiro unio di visia c dal unio di visia cIc la CcrarcIia Ia sul rollcna,
di inscrirci, al soliio, nclla "noIc uu d nczzo". Non c, la nosira, una
nancanza di originalii, quando, qui c l, rioriiano dcllc frasi, o, dci unii di
visia di qualcIc Adcio, a convalida dcllc concczioni cIc csoniano. Non ci
vcrgogniano di dirc cIc, lungo iuiio il difficilc c osiico cannino dcl nosiro
crsonalc disccolaio, ci siano avvalsi dclla guida siriiualc dci Macsiri, daiaci
dirciiancnic, o, indirciiancnic, aiiravcrso lilri c aliro. Fiicniano, quindi,
dovcroso vcrso cIi ci lcggc inscrirc ancIc lui ncl cosianic rivcrlcro
dcll'illuninazionc cIc rovicnc scnrc dallc alic fonii a cui ci rifcriano. Egli,
si, dcvc acquisiarc un'auiononia di giudizio c di cnsicro; na, sradicarsi
conlciancnic dalla CcrarcIia, cr acccniuarc in nodo non gcnuino ialc
auiononia, significa crdcrc di visia l'univcrsalii dcll'Uno, ncll'aarcnic fasc
franncniaria dclla nanifcsiazionc. Affcrna un Macsiro. "L'unica lilcri a cui
dcvc crvcnirc, con iuiic lc forzc, il disccolo, sia quclla dcll'influsso di un'alira
crsonalii, o, di alirc crsonalii, sulla sua ncnic; sia quclla dcll'influsso
dclla sicssa sua crsonalii sulla sua anina. Coloro cIc si illudono di
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

124
crvcnirc alla lilcri assoluia da ogni rinciio, da ogni raorio unano
siriiualc, da ogni lcggc, noi, Isiruiiori Arcani, li vcdiano, nano a nano,
allonianarsi dal Scniicro ccniralc c luninoso, c crdcrsi ncllc lrunc di un
fosco disordinc individualc c anlicnialc".
Non siano fauiori, dunquc, dclla lilcralii scssualc. Ficordiano, anzi, cIc un
Adcio cllc a rccidcrc, con la Sua Auiorii, il coniaiio dcl rorio nagnciisno
sullinalc da un gruo csoicrico (c l'cisodio iracla in una dcllc Suc lciicrc al
ulllico}, crcIc, in scno al ncdcsino, si noiarono dcllc "gcntczzc tu c
gIc", cIc rcscro sconclusionaio il raorio di qucl gruo con la linca
siriiualc cIc inicndcva raggiungcrc. Ficordiano, inolirc, cIc il ncdcsino
Macsiro cllc dcllc scvcrc arolc vcrso i circoli cIc allciiavano la loro ncnic
all'idca cIc la nagia scssualc, o la ianirica, oicssc far crvcnirc l'uono a
qualsiasi succcsso di naiura fondancnialc. Egli affcrn cIc ncssun disccolo
si sarcllc crncsso, sccondo coscicnza, di dcscrivcrc, sia urc vcrlalncnic, lc
vcrgognosc raiicIc dci cosiddciii riii ianirici.
Ma, il rollcna dcl scsso csisic. Ed c iocriia c oco coraggioso non
affroniarlo, oncsiancnic c cIiarancnic, quando l'Anina c giunia ad un grado
di naiurii ialc da oicrlo farc. La CcrarcIia rcndc in considcrazionc il
rollcna c ccrca di sncrigliarc lc angolosii in ccccsso cIc rovoca
all'unanii, sia da una aric, sia dall'alira.
Sul Tuttuto dc Scttc Hugg, d Acc A. Huc, nolic aginc sono inicgaic da
un Adcio cr dclucidarc il rollcna. Non sarcllc icno crso, cr
qualunquc ncnic iniclligcnic c viva, siudiarc quanio Egli dicc.
Alliano visio cIc il Scniicro dcl disccolaio non c un noncnio di icna
cnoiivii unana c non vicnc crcorso soiio la sinia isiiniiva di dcsidcri, rivi
di ogni razionalisno, ancIc sc crvasi dalla siuzzicanic ainosfcra di icndcnzc
nisiicIc. E, il Scniicro, un noncnio di nassina crcaiivii inicrna, cd c,
ancIc, il criodo in cui l'Anina, da adolcsccnic, divicnc naiura. Lc sicssc
cauiclc cIc gli isiraii c iniclligcnii gcniiori oriano vcrso la giovinciia, cIc
divicnc donna, o, vcrso il ragazzo, cIc si fa uono, il Macsiro di Faggio rivolgc
vcrso il disccolo cIc si accingc a rcndcrc lc Iniziazioni, o, sc nc arriccIiscc.
Si iraiia di un lcn rcciso c caicgorico riordinancnio di cncrgic cicricIc, di un
loro irrolusiincnio, c dclla ncccssii di sacrlc, lcn rcsio, nancggiarc c
roiciiarc. Dcn s'inicndc cIc, sc ialc roccsso Ia succcsso, il disccolo si
irovcr di fronic agli asciii occulii iu scnsiiivi dclla sua naiura unana.
Dovr sucrarli; qucsio c ccrio. Difaiii, un Macsiro soiiolinca cIc, cr gli
Adcii, la roria naiura unana c quclla alirui non Ia iu scgrcii. Tutt Ess,
uttuuncntc, s touuno u cnctuc Mstco dcu Vtu, uccIuso c ccuto ncu
"Lucc cIc stu otc". Lu Lucc, coc d "Cou cIc non s dcuc nonnuc".
Ncl roccsso di riordinancnio dcllc forzc cicricIc, considcraio cIc cssc
rcsicdono a iuiii gli isiinii iu viiali dcll'uono, dalla ura c scnlicc
scnsazionc gcncralc, alla fanc, alla scic, al dcsidcrio, ccc., l'uono si irova in un
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

125
inncnso lago soiicrranco, luio, na, frcncnic di foriissinc corrcnii, c gli c
gioco-forza inararc a nuoiarc. E i Macsiri Ianno lisogno di luoni nuoiaiori!
Il scsso c un rollcna cIc si affaccia, in iali aiiini, acuiio dalla arriccIiia forza
cnsicro dcl disccolo, dall'csscrsi acrii, in nodo vilranic, i ciali dci suoi
cIalras, dalla loiia inccssanic cIc soravvicnc in lui, ira i duc oli cIc
cIiana. Anor Sacro c anor rofano. Sc cgli dcosiia i rcni in larca,
inoncndosi un riino di viia cclilaiario, irc sono i faiii. o, conc alliano gi
visio, si iraiia di una dccisionc dcl suo Sc Sucriorc, dovuia agli ccccssi cIc
fccc in viic assaic; o, alliano a cIc farc con un'Anina cIc Ia acrio i fiori
dcl Monisno Assoluio c roccdc lungo la sirada, ad onorc c vanio dcl gcncrc
unano, nuircndosi solo dclla linida acqua risiorairicc cIc lc rovicnc dal
sorriso dcl Sc; o, invccc, alliano a cIc farc con un soiiorodoiio dcll'indiano,
di cui arlanno oco rina. In qucsii irc casi i Macsiri aiicndono cIc lc
inilizioni di colui il qualc allia osio un frcno ncl voriicoso novincnio
scssualc dcllc viic assaic ricscano ad arnonizzargli lc acquc inicriori; ncl caso
di colui, o, di colci cIc siano cniraii ncl icno c luninoso nonisno ascssualc,
non iu aiicndono, na, li accolgono ncll'arca luninosa dci Loro Siriii, Cclaii
al nondo, na Vivi c Frcncnii al scnso iclcaiico di cIi allia vinio la roria
naiura infcriorc; ncl caso di colui cIc sia cniraio, cr vili, cr ignoranza, o,
cr fanaiisno, in una casirazionc siriiualc, naicrialc, o aninica, disiolgono lo
sguardo da csso.
V'c il caso di Macsiri cIc, inscriii in una Lcggc Cosnica, si sosano c
adcriscono al coniio unano di Prino Faggio (qucllo incrcnic alla crcazionc di
razzc nadri}, rivi di conlcssi di soria c scnza siaccarsi dallc Alic Inconlcnzc
dcl Loro grado iniziaiico. Il Macsiro K.H. cllc occasionc, una volia, di riladirc
la grandc inorianza fondancnialc dclla donna, incarnazionc dcll'Eicrno
Princiio Fcnninino, nci riguardi dcll'uono c dclla viia. La donna, sino ad ora,
uriroo, scsso c volcniicri, c considcraia una oriairicc di scsso. Ci
allassa, siciaiancnic, il valorc inirinscco di una dcicrninaia caicgoria di
uonini. A cosioro, arlarc dcll'aiiualc c rcalisiica ossililii cIc una donna
faccia loro aiiingcrc, sino ncl iu rofondo siraio, la lcllczza dci cicli, novclla
cd innorialc Dcairicc, suona ridicolo. A cosioro, acccnnarc, ancIc sc
allidancnic, cIc il nosiro Logos Solarc c in incarnazionc fcnninilc, sarcllc
addiriiiura irrivcrcnic, cr csscri iniclligcnii. Dirc cIc l'csisicnza di una Madrc
nci Cicli, ncl cui Anino Azzurro si inscriscono i dolori di iuiia l'unanii, risalc
al faiio cIc, ncl rcccdcnic Sisicna Solarc, iuiii gli Avaiar furono fcnninili,
conc, ncl rcscnic, sono nascIili, sarcllc siolio. Difaiii, cr una lcggc di
aniinonia riinica, i rarcscnianii dclla Fadicc Logoica nc riflciiono, quanio
in uno scccIio, lc qualii, nanifcsiandosi oosii al Suo Ccncrc. Il Sisicna
Solarc assaio fu di gcncrc nascIilc, cd cllc Avaiar fcnninili; l'aiiualc c
fcnninilc, c cc li invia nascIili.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

126
Ma non soiiovaluiiano l'uono. Non dincniicIianoci cIc l'Anina scguc cicli, in
cui si nanifcsia incarnaia, sia soiio coro fcnninilc, cIc soiio coro nascIilc.
E un Princiio, cIc noi vcncriano; non coloro cIc lo osiiano, scsso,
indcgnancnic. Il disrczzo, o, la nancanza di arczzancnio (cIc osicggiano,
crcIc ingiusii, aninalcscIi c caiiivi} di dcicrninaii uonini vcrso la donna,
nolio scsso c, invccc, conrcnsililc, cr l'csisicnza di cori unani, soiio
vcsic fcnninilc, cIc rarcscniano il fondo dclla naicria. Ma, cr riiornarc
all'argoncnio, il Macsiro K.H. asscri cIc uno dci coniii dclla donna, forsc il
iu nolilc c il iu alio, cra cd c qucllo di rarcscniarc il ricciiacolo, al
noliliiaio siriio dcll'uono, cr la crcazionc c l'cducazionc di iniziaii, ciiiadini c
oolazionc dcllc Nuovc Erc. Ecco crcIc csisic il scsso. Ecco crcIc, in
fuiuro, ogni uono (c donna} si ccrcIcr una conagna (o, un conagno}, ira lc
aninc vivcnii in coro fisico, in cui il rinciio dcl Crisio sar risvcgliaio. Ecco
crcIc il scsso, considcraio sullo sfondo di un'cvoluzionc sucriorc, acquisia
una nolili cIc ncssuno di coloro cIc nc sono inrigionaii oircllc suorrc.
Pcr l'uono, c vcrancnic inorianic cIc cgli si rcnda conio dcllc forzc cIc lo
iuiclano c lo guidano, in nanicra ianio sovrunana. Sci Faggi fornano
l'aggrcgaio dclla roria naiura, in ogni individuo. i luddisii cIianano,
sccondo un'alira linca siriiualc, qucsii Sci Faggi. sIundu. Disiricaio l'inircccio
sirciiissino di Essi, noi ci iroviano davanii al Dio uro. Ma, rina di scorirc
c di adocrarc il Faggio dcl coro unano, dcl coro asiralc, dcl ncnialc
concrcio, dclla crsonalii, dcl coro causalc, c fondcrci in qucllo nonadico, o,
dclla divinii, dovrcno adoiiarc un riino, nano a nano cducaiivo, nclla
cncirazionc al loro scniicro. Lo si asccndc vcriicalncnic, oncndo i icdi sui
gradini orizzoniali dcllo sicsso. E, qucsio, non c solo un sinlolo.
Proscgucndo ncll'argoncnio dci Faggi c considcrandolo nclla sua giusia
inorianza, vcdrcno cIc ogni nodo csrcssionisiico si aggancia ad Essi. ancIc
qucllo dci raorii unani, c dci raorii scssuali.
Nci iraiiaii csoicrici vicnc sccificaio cIc il vcro significaio dcl scsso, cIc si rif
ancIc al nisicro dcl raorio dci rcgni dclla naiura, ira di loro, c
dcll'inicrrclazionc vilranic cIc Ianno, cIc si rif alla fusionc dcl rcgno angclico
con l'unano, cIc si rif allc vcrc radici dcl dualisno, iuiio ci vcrra icnancnic
rivclaio alla quaria iniziazionc. E si acccnna al faiio cIc il nisicro dcl scsso
nascc dall'unionc divina cIc inicrcorrc ira il Piancia Vcncrc c la Tcrra, suo olo
oosio; na, unificaio. Il scsso, quindi, ravvoliolaio, in lasso, nclla nclna dcl
cccaio, c gcnna luninosa, in alio, raccIiusa nclla concIiglia cclcsic dci
raorii ira lc sicllc.
Considcrando l'asciio scssualc infcriorc, ncll'uono, noi saiano (c ci c
cIiaro} cIc csso si nanifcsia ira duc individui di oosio gcncrc. Ma, li, ovc
non si iraiia di un raniolo fisico, ncl caso in cui i duc roiagonisii acna si
conoscano, cniriano in una fusionc cIc c iu conlcia. I duc vanno a vivcrc
insicnc. Qui, cnira in aiio il oicrc dci loro rcciroci Faggi. Noi avrcno il
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

127
nairinonio crfciio, quando i Faggi Maggiori dcll'uno si uniranno ai Faggi
Maggiori dcll'aliro, arallclancnic. Saranno cosiruiii, allora, i ioli di una scala
cIc oricr, driiio, i duc, allc sonnc Iniziazioni. Conc dicc uno dci Macsiri.
"Molic scuolc di cnsicro Ianno affcrnaio cIc solianio il nairinonio u far
giungcrc l'uono alla caiarsi dcfiniiiva. Non rcndiano ialc rcgola cr gcncralc.
Solo in alcuni casi u csscrc valida". Si iraiia dcl nosiro caso. Pcr, c
csircnancnic difficilc cIc ialc fusionc avvcnga. E riguarda, ancIc, lc urc
anicizic duraiurc.
Possono csscrc cguali i Faggi dcl coro fisico, na, dissonanii quclli dcllc alirc
cniii viiali dci duc Io. Un uono c una donna riusciranno, noncniancancnic,
a lacarc lc loro vilrazioni sul iano fisico; na, non lc cnoiivc, o, lc ncniali.
Un uono cd una donna avranno Faggi uguali, cr quanio riguarda i loro vcicoli
ncniali cd cnoiivi; na, non si inconircranno sul iano fisico, ccc..
Fiicniano suggcsiivo inscrirc la dcscrizionc cIc un Adcio dclla Divisionc
Egiziana dclla Crandc Fraicllanza, cIianaio Scraidc, fccc, in roosiio
all'unionc divina di duc aninc, sul iano fisico, ncl 1875. Qucsia dcscrizionc c
rioriaia ncl lilricino. "I scttc uc suu cosccnzu" d C. Jnuuudusu, cx
Pcsdcntc dcu Socctu Tcosocu Monduc.
"Sai, o fraicllo nio, cIc l dovc un vcro c siriiualc anorc ccrca un dulicc
consolidancnio di sc, sia ncdianic una crnancnic unionc dci duc, sia ncl
suo scnso icrrcno, csso non connciic cccaio, o, cola agli occIi dcl grandc
Ain-SoI, crcIc c la riciizionc dcl Divino Princiio MascIilc c Fcnninilc - il
riflcsso nicrosonico dclla rina condizionc dclla Crcazionc. Di una ialc unionc
gli angcli ossono lcn sorridcrc! Ma cssc sono rarc, fraicllo nio, c ossono
crcarsi solo soiio la saggia cd anorcvolc sorvcglianza dclla Loggia, affincIc i
figli c lc figlic di crcia non ossano csscrc ulicriorncnic dcgcncri, cd il Divino
Anorc dcgli aliianii dcllc iu alic sfcrc (Angcli}, vcrso lc figlic di Adano, sia
riciuio. Ma, ancIc ialc, dcvc soffrirc rina cIc loro vcngano riconcnsaii.
L'Aina dcll'uono u rcsiarc uro cd ancIc aliancnic siriiualc, ncnirc c
uniio al suo coro naicrialc, crcIc non dovrcllcro duc aninc, in duc cori,
rcsiarc alirciianio urc c inconianinaic, nonosianic la icrrcna asscggcra
unionc di qucsii uliini duc? ". (Scraidc, lciicra 19. "Lciicrs fron iIc Masicrs
of iIc Wisdon". Scconda scric}.
Conc alliano ccrcaio di sicgarc, il scsso u vcnirc noliliiaio, vcdcndonc lc
iu rccondiic assioni. Ma solo un individuo oncsio con sc sicsso c con la viia
u dccidcrc lc roorzioni dclla linca divisoria cIc dovr calcolarc, in ncriio a
ci cIc c giusio c ingiusio, cr lui, farc, in roosiio. Diciano, francancnic cd
acriancnic, dunquc, cIc l'aiio scssualc non vicnc roiliio al disccolo. Cli
vicnc solianio consigliaio di non ccccdcrc in radicalisni iniliiivi, o, all'oosio,
in nanifcsiazioni disordinaic. Ma, cgli vicnc ancIc csoriaio a rcndcrc ira lc
nani lc linfc viiali cIc, a qucl daio unio dclla sua cvoluzionc, si irova ad
analizzarc, c irasunanarlc scnrc iu, fino a rcndcrlc crisiallinc c ardcnii,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

128
qualc la lucc dcl solc cIc vivifica ogni cosa; allora, si irovcr ad csscrc un
Saccrdoic, o, una Saccrdoicssa. E, dallc suc nani, sollcvaic vcrso la divinii,
sgorgIcr la Lucc dcll'Assoluio, conc la Lucc dcll'Assoluio sgorga dall'osiia
lianca, cIc il rcic clcva sullc icsic dci fcdcli.

NOTA AGGIUNTA

I Sciic Piani Fisici Cosnici sono, nci loro asciii singoli, vcicoli di Coscicnzc
Sucriori.
1} - Pno Etcc Cosnco, o Puno Ad. (Nc suo css unctu).
In csso risicdono i Sciic Kunara, i Quaiiro Signori dcl Karna c lc alirc Sonnc
Individualii cIc cosiiiuiscono il gruo individualc dcl nosiro Fc dcl Mondo.
2} - Sccondo Etcc Cosnco, o Puno Monudco.
In csso risicdono lc Monadi unanc, c, da li, si fanno oriairici dcgli slcndidi
oicri cIc riccvono dal Piano Adi.
3} - Tczo Etcc Cosnco, o Puno Atnco.

Il Piano dclla voloni nanifcsia. Vi risicdono i Nirnanalaya, qucllc Siriiuali
Pcrsonalii cIc Ianno il rcciso coniio di nanicncrc scnrc fisso davanii
agli occIi dcll'unanii il Piano Divino. Vi risicdc ancIc il Crisio, il Qualc, ur
avcndo conquisiaio il diriiio di lilcra adronanza in SIanlalla, in qucsii
ariicolari frangcnii nondiali, aiiincnii alla vcnuia dcll'coca dcll'Aquario, si c
sialiliio ncl Piano Ainico. Vi risicdono lc Coscicnzc dcgli Iniziaii di quinio c di
scsio grado.
4} - uuto Etcc Cosnco, o Puno Huddco
Il Piano dcllc sfcrc iniuiiivc dcll'Anorc. Vi risicdono lc Coscicnzc dcgli Iniziaii di
quario grado.
5} - Puno ncntuc
Vi risicdono gli Ego dcgli uonini. Essi, quando sono noliliiaii da una grandc
cscricnza rcincarnaiiva, sinili a loii luninosi, arono i ciali vcrso l'alio cd
occuano la aric sucriorc dcl Piano Mcnialc. il Causalc. Quando sono orfani
di cscricnzc, rcsiano, scrraii nci ciali dclla crsonalii, c crnangono nclla
aric infcriorc dcl Piano Mcnialc. il Mcnialc Concrcio.
6} - Puno Astuc
E qucllo dcllc cnozioni.
7} - Puno Etcco Dcnso
E qucllo dclla nanifcsiazionc naicrialc, conc iuiii la conosciano.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

129
- L21ON D1C1ANNOVS1MA - (por1e pr1mo) -
La morte ed II suo meccanIsmo

CIi non Ia caiio il ncssaggio dclla viia, non u affroniarc qucllo dclla noric.
La rigionc conosia dai concciii crraii cIc l'uono Ia riguardo ai faiii
fondancniali dcll'csisicnza c siaia scnrc la causa rincialc cIc Ia nosso a
niscricordia i Crandi Macsiri dcll'Arcano. Conc farc a sicgarc ad un uono,
nodcllo di un ariicolarc iio di socici, la nusicalii dcll'csscrc univcrsalc,
ovc la nclodica danza di duc cicrnc cononcnii - viia c noric - conongono
l'arcIiiciiura di iuiio ci cIc c nanifcsio? Conc sicgarc a colui cIc, cr
oggciio dcllc suc analisi quoiidianc, Ia una ncnic in cui non filira il raggio di
solc dcll'iniuizionc, cIc ircna al cnsicro di cosa ossa accadcrgli l'indonani,
cIc si avviiiccIia ai ocIi anni di viia icrrcsirc, considcrandoli fini a sc sicssi c
non iranolino a qualcosa di nolio iu vasio, cIc cgli c, cffciiivancnic cd
inrorogalilncnic, un'anina innorialc, dcsiinaia ad un fuiuro luninoso, cIc
ncnic unana non u ancora innaginarc, da lui inicssuio giorno cr giorno,
con lc suc azioni, cd ancIc con lc suc inazioni?
Non csisic angolo dclla nosira icrra, in cui la noric non conlaci csaiiancnic
con iuiic lc iu iccolc c iu grandi aiiivii dclla viia. Scnza ricorrcrc alla
dcscrizionc dclla loiia quoiidiana dcll'csisicnza, nclla giungla, ovc la gazzclla
socconlc al lconc, il lruco all'ucccllino, il sclvaggio allc iu forii irilu (c, cr
non arlarc dclla giungla d'asfalio!..}. Fcrniano la nosira aiicnzionc, li, dovc
arc cIc la disiruzionc non cniri affaiio. sui colori, ad cscnio, lucidi c vivi, di
una ncla, di un allcro, o, sulla carnc icncra di un lanlino, roiciio
dall'anlcsso naicrno, in una casa invcrnalc; o, sul ironco di una sccolarc
qucrcia, loniana da ogni aiiivii, ncl icno silcnzio di una forcsia, innunc da
cricoli csicrni. Visii soiio l'occIio indagaiorc di uno siruncnio scicniifico,
iuiii qucsii icssuii viiali si dinosirano, nascosiancnic, soiioosii ad una lcggc
coniinua di disiruzionc; non assa ninuio, non assa isianic cIc un nuncro
incalcolalilc di ccllulc cviiino di rcsiarc disiruiic dall'afflusso rcoicnic di
alirc ccllulc, in nuova nasciia. La ncla, cosi ionda, cosi lclla, cosi rofunaia c
arrivaia a naiurii, sull'allcro, solo grazic al riino di una lcggc inflcssililc, c
cIc rcgna laicnic in ogni aiono dcl nosiro iancia. l'avviccndarsi dclla noric,
cIc siana il icrrcno alla viia. Ha acquisiaio il dolcc saorc, solo grazic alla
noric cd al rinnovancnio dcllc vcccIic ccllulc, duranic il roccsso di
naiurazionc; solo grazic alla noric dcl fiorc rcccdcnic. E solo alla sua noric,
quando sargcr i scni sul icrrcno, nasccranno aliri allcri. E iu foric la
noric dclla viia? O, la viia, dclla noric? V'c un cquililrio crfciio. Un cquililrio
cIc c laicnic, sia ncll'innanifcsio cIc ncl nanifcsio. Lu utu c; c la noric, conc
nornalncnic inicndc l'uono rofano, ur sc in aarcnza u scnlrarc
disiruzionc, c rinnovancnio, caiarsi. Vcdiano cIc, quindi, ancIc la
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

130
rcincarnazionc aarc in argoncnio. Ma, l'anina iniuiiiva dci iu isiraii
siudcnii di qucsic lczioni si rcndcr conio cIc la rcincarnazionc c qualcosa di
nolio iu vasio, di quanio nc cnsino nolii csoicrici. La incarnazionc c
cvoluzionc, c riino nuovo, c forna scnrc nigliorc. Non aariicnc solianio
all'uono; na, a iuiic lc sccic di viia. Il fiorc si rcincarna, c divcnia ncla; la
ncla divcnia allcro; l'allcro crca fiori. Quindi, il fiorc, da crcaio, divcnia
crcaiorc. Il ciclo c coniuio. Dio, incarnaio ncll'allcro, Ia daio la sua qualii
alla roria crcaiura. Prina, iraniic la viia; oi, con la noric. E cIiaro cIc il
roccsso, qualc noi lo alliano dcscriiio, c iu lcnio, iu riinico; na, invariaio.
Ad ogni criodo d'csrcssionc, quando l'uono c crvcnuio alla nassina
aoicosi dcllc roric cncrgic cd aiiivii crcairici, lc ncdcsinc illanguidiscono
cd cgli inizia a norirc, dccinc di anni rina dclla finc fisica. La noric,
Mcravigliosa Sorclla, inconincia a laciarlo vcrso i 45 anni, irasnuiandonc lc
cncrgic fisicIc c lc cscricnzc faiic, in saggczza, in oicrc ncnialc, in csscnza
nclodiosa c siriiualc. E, gi, la crsonalii conincia a crccirc,
nisicriosancnic, suggcsiivancnic, il ricIiano dcll'Angclo Solarc, cIc lc avcva
allcniaio lc lriglic sul collo, lasciandolc una quasi ioialc lilcri, ncl cano
dcll'csrcssionc rcincarnaiiva. Il lcganc ira l'anina c la crsonalii, cIc i
disccoli saldano nolio icno rina, quando inirarcndono lo scosccso
Scniicro dcll'Illuninazionc, conincia a aliiarc c ad avvolgcrc l'uono, in nodo
naiuralc, allc soglic dclla vcccIiaia.
E siaio dciio, giusiancnic, cIc l'anina, nclla sua rofciica naiura, non solo
conoscc il noncnio dclla noric dcll'io fisico, cIc nuirc, duranic
un'incarnazionc, dall'alio; na, c la roiagonisia di ialc fcnoncno dcfiniiivo.
Difaiii, lcncIc l'uono crcda di csscrc, ncl suo asciio coscicnic, adronc dcl
cano csrcssivo in cui si irova a farc cscricnzc, lcn iccola aric cgli Ia in
iuiio ci. La scicnza nodcrna Ia diviso lc funzioni sicIicIc dcll'uono c qucllc
liologicIc in duc arii. Pcr quanio riguarda la sfcra dcllc suc aiiivii cororali,
si siudia cIc l'uono nc dciicnc il conirollo con il rorio sisicna ncrvoso; il
qualc si dividc in duc arii. il ccrclro sinalc c il gran sinaiico. Il ccrclro
sinalc c il fulcro ad ogni novincnio voluio c dinanico dcll'csscrc unano. E
soiio la rcsa dirciia dcl conando dclla roria coscicnza. Mcnirc, il gran
sinaiico d novincnio c riino a iuiic lc funzioni rciiancnic liologicIc;
quali, lc digcsiivc, il novincnio dclla corrcnic sanguigna, la funzionc dcl cuorc,
ccc.. Lc scuolc di yoga oricnialc, iraniic il onic dirciio dcl sisicna ccrclro-
sinalc, sono riusciic a conirollarc il gran sinaiico, faccndo si cIc nolii yogi
riuscisscro, a voloni, a fcrnarc il laiiiio dcl cuorc, scnza cricolo, ad
accclcrarc la corrcnic sanguigna, ad accclcrarc il roccsso digcsiivo. In iuiio
ci cnira la voloni. La dulicc divisionc di cui, solo cr acccnno, alliano
arlaio, c il riflcsso fisico dcll'alira fraiiura cIc csisic, ncll'inicrno dcll'uono,
ira ncnic coscicnic c ncnic sulconscia. Frcud fu il rino scicnziaio nodcrno
cIc si accorsc dcll'inorianza dclla sicIc unana, olirc cIc dclla sua naiura
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

131
dualc, visia soiio ialc asciio. E, quando affcrn, faccndosi inconsacvolc
rivclaiorc di aniicIissinc c iradizionali vcrii csoicricIc, cIc il sulconscio cra
la radicc rina di ogni funzionc dclla ncnic conscia, dcsi un vivo inicrcssc;
na, ancIc, nolia incrcdulii, nolio scciiicisno c sarcasno ncl cano dcgli
scicnziaii accadcnici di allora. Eurc, cgli iniui dcllc vcrii fondancniali. c
cIi scrivc non si siuircllc sc, inconsciancnic, Frcud fossc cniraio in coniaiio
sucrnornalc con qualcIc rivclazionc inviaiagli dall'alio.
(notu. uocnno cIc o studcntc non untcndcssc quunto g dcuno, ccu c
"ntuzon du'uto". V'c scnc uno scunIo d cncgc tu g untod. Unu ncntc
cccttuu c ncccssuu, quunto unu ncntc ncssuu. Ncssun Mucsto uo
suc un gcno dcu sccc ununu, sc qucst'utno non osscdc unu nutuu,
uncIc sc ucnu uIIozzutu, u uu nutuu dc'Adcto. Co dcuno, c togcc
'usonc cIc 'uono su stuncnto ussuo d Fozc Suco).
Ci nondincno, nolio oco si sa sulla sfcra nisicriosa dcllc funzioni aninicIc.
Difaiii, l'dcniii dcl sulconscio-conscio c sisicna ncrvoso sinalc-gran
sinaiico non sono aliro cIc il rivcrlcro dirciio dcll'anina. Ed cssa Ia funzioni
nolio iu vasic di quanio non si crcda. L'invcsiigazionc dcll'inncnso icrriiorio
cIc lc concic c la larvaia iniuizionc dci oicri con i quali si irova a coniaiio
Ianno dcicrninaio, lungo i icni, coloraii dagli asciii ncgaiivi dcl Scsio
Faggio, o dcl Faggio dclla dcvozionc, la nasciia dcllc rcligioni, l'affcrnazionc
dcll'innaia divinii dcll'uono, il riino coordinaio c confuso, cr sosiarc il
lariccniro dcll'unanii, dal iano urancnic naicrialc, a qucllo siriiualc.
L'Eoca dcll'Aquario (di cui, la dcscrizionc vicnc daia ncllc rossinc lczioni sui
lcniluni} Ia faiio nasccrc la scicnza dcll'anina. CIc c, scnliccncnic, la
nodcrna sicologia. Talc scicnza c allo siaio cnlrionalc; c conc una concIiglia
dallc valvc scrraic; na, cIc sia cr nosirarc la crla di una rivclazionc cIc
lasccr aiioniii scicnziaii c nondo fuiuri. Diano, quindi, qualcIc acccnno a ci
cIc sar ialc conosccnza; non si iraiia di rivclazioni, o, di rofczic. Ma, di
scnlici, inrorogalili dcduzioni, alla lasc di quanio c siaio csosio ncl
iraiiaio.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

132
- L21ON D1C1ANNOVS1MA - (por1e seoondo)
La reIncarnazIone: cbe cosa ?
Le anIme "sore11e", o b1nom1 don1mo
II processo deIIa morte e deIIa vIta In tutto I'unIverso.
GII InIzIatI, o yogbI, cbe non conoscono morte.
MorIre e rInascere a voIont.
Le ragIonI deIIa reIncarnazIone

L'anina dcll'uono c dualisia, nclla sua naiura. Qucsio dualisno non c
qualcosa di aniagonisiico, ancIc sc, all'inizio dcll'cvoluzionc unana, u
scnlrar ialc. Il dualisno, qualc noi lo inicndiano, c di vilrazionc occulia. Sc,
da una aric, sinilc ad una radio cniiicnic, l'anina fa "icrra", con il nondo
oggciiivo, con la sua crsonalii, nci suoi irc cori (cicrico dcnso, asiralc,
ncnialc}, cssa, conicnorancancnic, aariicnc ad un rcanc di cncrgic, cr
la naggior aric sconosciuic al nondo d'oggi. Possiano, difaiii, aragonarc
l'csscrc unano ad un vulcano. Di ianio in ianio, dallc rofondii, ncllc visccrc
dclla icrra, scaiuriscc fuori dclla lava, dcl funo, c, di ianio in ianio, il vulcano
c scosso da lroniolii c da ircnolii, cIc lo crvadono iuiio. Ma lc lcggi dclla
naiura riinano l'inncnsa quaniii di fuoco liquido cd cquililrano il nondo
inicrno dcl iancia, nandandonc fuori qucl ianio cIc occorrc, aiiravcrso gli
squarci csicrni cIc csisiono, disscninaii ncl icrriiorio di cssa. Quindi, ogni
vulcano non c una cniii a sc sianic, na c soiioosio ad una lcggc conunc a
iuiii i vulcani; la "sua anina inicriorc" c iuii'una con lc aninc dcgli aliri
vulcani. Cosi, cr l'uono. Il filo di lucc cIc viializza, conc alliano visio, il suo
asciio coscicnic cd incoscicnic, doo avcrnc conirollaic lc cvoluzioni
liologicIc c sicologicIc, duranic iuiia una viia, nc causa la noric fisica. Ed c
qui cIc noi ci riallacciano a quanio scrivcnno oco rina; cioc, cIc l'anina c
rofciica, nclla sua naiura c rccidc i lcgani dcfiniiivi cIc icngono in viia la
crsonalii. Disogna, cr, conrcndcrc quali alirc forzc cnirano in azionc; a
quali cicli cssa ollcdiscc; a quali Conandi CcrarcIici si rif
A ondaic lcn dosaic c voluic, grui di cgo cnirano in incarnazionc. V'c il caso,
conc scsso, avvicnc, cIc si irovino a coniaiio anlicnialc cr iuiia una viia;
o, si riniraccino, doo nolii anni dalla nasciia rcciroca nclla naicria, cr
varic, ovvic ragioni; iuiic aiiincnii all'cvoluzionc rcciroca, o, dcll'uno a favorc
dcll'aliro, o, viccvcrsa. Scsso, cr, cgo cIc Ianno assaio un lungo nuncro
di rcincarnazioni assicnc, non si inconirano ncll'uliina. Malgrado qucsio, un
filo nagnciico li unir cr l'inicra duraia dclla viia; lc crsonalii rcsicranno
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

133
incoscicnii dcl faiio, na, "in alio", anlcduc lc aninc aliicranno all'unisono,
aiuiandosi a viccnda. In ci non cnira la coscicnza, qualc di soliio s'inicndc. Cli
cgo sono soiioosii ad una lcggc di aiirazionc, cIc iravalica la nornalc
conrcnsionc. Aiirazionc cosiiiuiia da causc rcnoic crsonali; na, ancIc, di
raggio, di Econonia Cosnica, ccc.. In ci, all'originc, sono aiiivancnic
funzionali lc irc lcggi occulic dcl nosiro sisicna solarc. qucu d Sntcs (Pno
Huggo), d Attuzonc (Sccondo Huggo), d Econonu (Tczo Huggo}. Pcr ollcdirc
alla lcggc di flusso c di riflusso, di aiiivii naicrialc c di aiiivii siriiualc,
nolii cgo si inconirano, duranic la scarazionc dal coro fisico, ncl icno dclla
noiic, nci cani soiiili dcll'csisicnza. A iiiolo di rilassancnio ncnialc,
scriviano cIc, scsso, doo la noric, l'cniii, olirc cIc i suoi cari, gi
iraassaii, inconira dcllc aninc, a lci nolio anicIc, con lc quali cllc raorii
di lavoro occulio, duranic il sonno fisico. Quci grui di cgo cIc si incarnano,
cr larna, assicnc, soliiancnic, c salvo rarc cccczioni, nuoiono a lrcvc
disianza l'uno dall'aliro. E qualc grandc avvcniura Ianno assaio! Qualc
grandc cscricnza! E conc sc un vclo di iororc fossc siaio iolio,
inrovvisancnic, da loro addosso; nolic vcrii aaiono cIiarc, il Piano Divino
si csicndc davanii al loro occIio, in iuiia la sua nacsiosa sinfonia. Il iaccrc
cr ci cIc c iccolo c cr ci cIc c grandc li invadc lcniancnic. Inizia
l'avvcniura dcl doo noric.
Ma, nc arlcrcno iu in l, duranic la lczionc. Ci cIc a noi inicrcssa
affcrnarc, adcsso, sono duc cosc. in rino luogo, la naiura dualc dcll'anina; in
sccondo luogo, l'innuialilii dclla sicssa, lungo gli coni, quando si c fusa con
la Monadc. PcrcIc dualii dcll'anina? PcrcIc cssa c un nicrocosno, con icna
c conlcia auiononia; na, riflciic, ancIc, lc iu vasic Lcggi dcll'univcrso, di
cui c una sirilla luninosa. Il faiio noi lo rilcviano dall'inflcssililii dcllc lcggi
organicIc, lc quali riinano la viia liologica di ogni coro fisico c dallc lcggi
siriiuali cIc danno la noia alla sfcra sicIica. Conc fa, l'anina, ancIc sc di
naiura divina, a conirollarc iuiii i suoi roccssi fisiologici, ncnirc c incarnaia;
a guidarc il dcsiino dclla crsonalii, in funzionc cscrincniaiiva lungo il
Scniicro; a collcgarc qucsia uliina con gli cgo dcl rorio gruo larnico; a
dirigcrla, in alio, ncll'cvoluzionc; c, finalncnic, a darc la noric fisica, salvo cIc
non si iraiii di incidcnii violcnii (na, iuiii, dcicrninaii da un larna
rcccdcnic}? Scnliccncnic crcIc cssa c soiioosia alla narca dclla lcggc di
gruo, soiio il conirollo dclla CcrarcIia Dianca. In scguiio, l'Iniziaio,
raggiunia la icna adronanza dcl suo dcsiino, unificaic Monadc, anina c
crsonalii, dccidc, di sua roria voloni, la ccssazionc dclla viia. Qucsio, lo
vcdiano ncllc liografic di nolii yogIi c di nolic figurc sovrunanc, ncl cano
dcllo siriiualisno. Ma, conc un liquido - vcrsaio su di una scrra, ovc sono
ianiaii una grandc quaniii di fiori - si csicndc, all'inizio, in nodo onogcnco,
na, cncira, oi, in ogni radicIciia, sccondo la quaniii csaiia, c dcicrnina la
noric dci icssuii vcccIi c la crcsciia di quclli nuovi, cosi la lcggc sovrana
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

134
dcll'Encrgia, inncssa ncl nondo dclla nanifcsiazionc, sccondo dci riini csaiii
cd una fissa logica cosnica, dalla CcrarcIia, crca qucllc rcazioni caillari c
insindacalili, cIc si riflciiono - in un ncraviglioso dianarsi di viia c di noric -
ncllc aninc dci vivcnii, c siaccano dalla naicria i fruiii naiuri,
annorlidiscono gli accrli, risvcgliano coloro cIc non vogliono avanzarc.
Qucsi'aliro asciio dcll'anina, diafana forna di viialc clciiricii sullinc, uniia,
dclicaiancnic c icnaccncnic, allc lcggi dcl nondo occulio, la rcndc uniia c
vilranic all'Ordinc cIc ulsa ncl ccniro dcl nosiro iancia, da SIanlalla; la
rcndc rofciica, oicnic, collalorairicc al Dccrcio c al Discgno Sucriorc. Ecco
crcIc l'anina non falliscc nai, sia quando c osiiaia da una crsonalii
infcriorc, sia quando c risvcgliaia c sfolgoranic di lucc.
Ma, iroo vasio c il nondo dcllc causc, c noi ossiano darc solo lrcvi ccnni di
csoriazionc all'iniuiio dcllo siudcnic.
Cosi conc lc narcc si alzano c si allassano, sccondo un riino rcordinaio,
nclla sicssa nanicra, ondaic di cgo cnirano in nanifcsiazionc rcincarnaiiva, c
nc cscono. Da ialc lrcvc acccnno si u risalirc al discgno dcllc rondc, dcllc
caicnc, c cosi via.
Il fcnoncno dclla noric, quindi, ncl suo asciio icnclroso c una cIincra
crcaia dagli anini scnsilili c oco cvoluii, cIc non nc conrcndono il vcro
significaio. Piu in l, ncll'cvoluzionc, scsso, la noric c invocaia. Ma, ancIc qui
si cadc ncll'ignoranza dcl fcnoncno. Conc diccnno, noric c viia, ncl loro
asciio cosnico, sono i roiagonisii di qucll'cniii aiiualc, innancnic, cIc vivc
ncll'cicrno rcscnic, c cIc c l'uono. Dcsidcrarc la viia c un crrorc; dcsidcrarc
la noric c un crrorc. Esscrc viia c noric, conicnorancancnic, c
un'cscricnza cIc solo lc Alic Iniziazioni crnciiono di rovarc. In ial caso,
l'Iniziaio c un "nuunu uucntc". Ha scocrio il scgrcio di KALA HANSA; cioc, di
vivcrc, conicnorancancnic, ncl icno c ncllo sazio, c fuori di cssi. Egli si
crca un coro di nanifcsiazionc, a voloni; lo adocra, fincIc c ncccssario c
cosiiiuiscc un'inncnsa forza aiiiva ncll'csccuzionc dcl Piano CcrarcIico.
Noi arlcrcno dclla noric. na, dclla sua nanifcsiazionc csicriorc; arlcrcno
dclla noric, qualc iccnica dcll'anina di svincolo gradualc dalla naicria. Qucsio
fcnoncno riguardcr solianio ci cIc avvicnc cr la ncdia unanii. La noric,
cr l'Iniziaio, non csisic. Egli Ia sczzaio il ccrcIio dcllc rinasciic c qucllc
dcll'ollio, con la disiruzionc, alla quaria iniziazionc, dcll'unico laccio cIc lo
lcgava al ciclo rcincarnaiivo. il coro causalc. Unificaio alla Monadc, cIc non
nuia - conc affcrna Alicc A. Dailcy, ncl Suo. "Traiiaio di Magia Dianca" -
aiiravcrso gli coni.
L'uono si c incarnaio cr duc ragioni, quindi. Pcr roscguirc cscricnzc oriaic
sino alla rcccdcnic incarnazionc c cr farnc dcllc nuovc. Il caso di inncrsionc
nclla naicria cr nissionc, non ci riguarda, ora. Dasii dirc cIc avvicnc al di
fuori dcllc nornali lcggi cvoluiivc. E, duranic la viia fisica, duc sono gli cffciii
cIc l'uono crca. Il rino c la irasfornazionc vcra c roria dci suoi cori
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

135
soiiili, con l'inronia cvoluiiva cIc nc conscguc, cr l'anina. L'aliro, la
crcazionc di vari "cani nagnciici", ncgli anlicnii in cui cgli Ia vissuio; cani
nagnciici cIc, cr la sicssa loro naiura, si uniscono ira di cssi, ncl nondo
dclla quaria dincnsionc, crcando una invincililc rcic di causc, cIc lcga l'uono
ad una nuova nanifcsiazionc fisica cd oggciiiva. Tali cniii, cIc fornano la
siruiiura gconcirica dci vasii cani nagnciici, sono qucllc cIc H.P.Dlavaisly
cIiana sotto-ugcnt dc Iunu c cIc ucntuno u nosu su'uono, quundo suo
sto s Icu du ucc dcu cunc. Mu, ont c untuu, s cscntuno u u,
ncntc stu c ncunus nuouuncntc, doo uucg cuuto, c ncc gcncu,
u nuouu utu.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

136
- L21ON D1C1ANNOVS1MA - (por1e 1erzo) -
I tre tIpI dI morte naturaIe, In rIIerImento aIIe tre dIverse Iorme dI personaIIt umana:
1o 1emur1ono, 1o11on11deo, 1or1ono.
Cosa succede suI Ietto dI morte
Cos' Ia contInuIt dI coscIenza
II coma dI morte, vIsto neI suoI IatI occuItI
II "IIIo argenteo" cbe Iega II corpo eterIco a queIIo denso

Analizziano, allora, il caso dcll'uono, di fronic al fcnoncno dclla noric. Non
iraiiiano di incidcnii violcnii, in cui l'io vicnc slalzaio olirc la quinia dcllo
sccnario dclla viia rclaiiva, in nodo inrovviso. Si iraiia di causc voluic da un
larna aniico, c cIc Ianno soddisfazionc solo in ial scnso. L'anina, quasi
avcssc suliio un clciiro-sIocl, si irova in condizioni nuovc, dall'"alira aric" c,
doo un faiicoso c, scsso, dolorosa assucfazionc, si riasscsia ncll'ordinc c
ncll'cquililrio c scguc il dcsiino conunc ad ognuno.
Trc sono i iii di crsonalii unanc, cIc csisiono sul iancia, al giorno d'oggi.
Furono analizzaic, lungancnic, nclla lczionc sulla iclcaiia. cnuuno, cIc
Ia in funzionc solianio i cIalras soiio il diafranna c, arzialncnic, qucllo dcl
lcsso solarc; 'utuntdco, il cui riino liosicIico nascc dalla radicc occulia dcl
suo lcsso solarc, c di cui il ccniro dcl cuorc c acna funzionanic; 'uuno,
cIc Ia il ccniro dcl cuorc in novincnio cd in fasc cvoluiiva asccndcnic, na,
cIc, gi, volgc lc forzc isiiniivc a nanifcsiarsi aiiravcrso i ccniri dcl cao.
Qucsia irilicc divisionc si rivcla dclla nassina inorianza all'aiio dccisivo
dclla noric. L'anina Ia raggiunio il vcriicc dcll'cscricnza, avcndo inncrso ncl
lago dclla viia il rcno dclla crsonalii cd avcndonc frugaio il fondo. Ora, sia
cr riorlo in larca. Il novincnio accadc, nclla naggior aric dci casi,
ncccanicancnic. Ed ogni noric, nclla naggior aric dci casi, u considcrarsi
un conando ncccanico dcll'anina, rorio conc, scnza cognizionc dirciia,
cssa, duranic l'cvoluzionc, nciic in novincnio gli organi dcl coro c conirolla il
sulconscio cd il conscio dclla roria sicIc. Ci non significa cIc il fcnoncno
di cui arliano non avvcnga in nanicra niralilc c arnoniosa, in iuiii i suoi
ariicolari. E un isiinio sucriorc, qucllo cIc guida l'anina, rorio conc un
isiinio divino guida lc ai a ccrcarc il ollinc, la farfalla ad uscir dal lozzuolo, i
casiori a cosiruirsi la casa. Ficiiano. il fcnoncno dclla fusionc ira il volcrc
dcll'anina c la consacvolczza dcl ccrclro fisico, di cui cssa si avvalc, avvicnc
solianio da aric di Iniziaii, dal icrzo grado in su. Cosioro, aliiuaii ad avcrc la
"coniinuii di coscicnza" cr nolii anni, duranic la viia, avcvano sciolio i
lcgani con il coro fisico, c, ancIc sc il faiio cra ignoraio dagli sicssi iniini,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

137
nclla noiic lavoravano, sacndolo, assicnc al Macsiro di Faggio, nci nondi
invisilili; c, naiuralncnic, allandonavano, a voloni c quando la ncccssii lo
ricIicdcva, il coro fisico, ancIc duranic il giorno. Doo avcrc csauriio la
nissionc icrrcna, cssi dccidono di non riiornarc iu ncl loro coro; avvisano i
cari, c l'uliino volo lascia la soglia incric, sul giaciglio. E il caso di quclli yogIi
cIc Ianno daio l'ora csaiia dclla loronoric ai disccoli.
Soliiancnic, l'uono ncdio, cIc nuorc di noric naiuralc, o, conlicaia da
nalaiiic (cIc scrvono a rosiccIiarc, con iu cclcrii, il lcganc larnico cIc li
lcga alla icrra}, rcsagiscc la finc.
E il noncnio in cui l'anina sia agcndo, isiiniivancnic, nclla dirczionc faialc.
Essa, acccniuando il diaason dcl suo riino nusicalc innaio, nciic in
vilrazionc sottssnu nuds (vcdi la lczionc sul coro cicrico} cIc, a nilioni,
fornano la fiiia inirccciaiura cncrgciica dcl coro cicrico. La vilrazionc, allora,
si riflciic nclla coniroaric dcnsa dcgli sicssi nadis. sstcnu ncuoso. Quando
qucsio coniaiio ira coro cicrico c asciio dcnso c avvcnuio, la Scicnza
Esoicrica sa cIc nancano ocIc orc, o, ocIi giorni, in gcncrc, alla noric. V'c
il caso in cui il fcnoncno si riiragga, allc Origini, c non avvcnga. Lo noicrcno
iu in l. Il sisicna ncrvoso, crcorso da una insoliia corrcnic di cncrgia, la
irasnciic a qucllo cndocrino cIc, conc alliano visio, ncllc sciic rinciali
gIiandolc (incalc, iofisi, iiroidc, iino, ancrcas, surrcnalc, gonadi} c la
solidificazionc oliciiiva dci sciic cIalras naggiori. E nascc un fcnoncno,
acna iniravisio dalla scicnza ncdica ufficialc, da aric dci suoi iu iniuiiivi
ncnlri, na, sccolarncnic conosciuio da quclla csoicrica. lc gIiandolc
scccrnono un liquido liologico c iossico cIc, aiiravcrso la corrcnic sanguigna,
cncira in iuiio l'organisno. Talc liquido ornonico c vcncfico cd c il vcro
gcncraiorc dcl irauna cIianaio "cona". Il coro cicrico inirarcndc lo sforzo di
disiaccarsi da qucllo fisico dcnso cd una loiia, cIiarancnic significaia dal
cona, si dcicrnina ira lc viic soiiili cIc coordinano i cori invisilili dcll'uono c
la viia dclla rudincnialc coscicnza, cIianaia l'anina clcncnialc
dcll'organisno. Inolirc, qucll'alira vasia coscicnza nisicriosa, l'Elcncnialc dclla
icrra (da non confondcrsi con il Logos Planciario} icndc a riassorlirc in sc la
roria ariicclla, csoicricancnic "rcsiaia" all'uono, c cosiiiuiia dalla
sosianza naicrialc. Il cona c la loiia, quindi, ira iuiio ci cIc di fisico csisic
ncll'uono cd il conando inflcssililc dcll'anina. A volic, conc acccnnanno, iali
forzc convcrgcnii rinandano al fuiuro l'oosizionc rcciroca. E il caso dcl
cona ncuiro, cIc ianio savcnio cvoca aiiorno ad un lciio di nalaio, crcduio,
li li, cr andarscnc; na, cIc ccssa, scnza conlicazioni. La scicnza ufficialc
accciia c convalida l'csisicnza di qucsii duc iii di cona.
Ncl caso dcl roccsso lcialc, il novincnio roscguc. I duc rini cIalras cIc
vcngono corrosi dall'acido dclla Crandc Anica sono quclli diciro gli occIi; gli
uliini duc, sono quclli conncssi con i olnoni. Sino a quando qucsii non
vcngono, dcfiniiivancnic, iraiiaii dalla Naiura, l'anina u csscrc icnuia
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

138
ancora in coniaiio con il nondo dcllc aarcnzc. Il nassaggio clinico al cuorc,
la rcsirazionc ariificialc sono nciodi allincaii, in nodo inconscio, ai cIalras
dci olnoni. Ciungc, cr, il noncnio dcfiniiivo. La vilrazionc, scaiuriia da
lonianc rcgioni aninicIc, raccolia dal niralilc siruncnio di ricczionc cIc c il
coro cicrico, raccIiusa ncl sisicna ncrvoso, csicsa ncl liquido ornonico
vcncfico c ricrcossa in iuiio l'organisno, nclla loiia ira l'anina clcncnialc dcl
coro dcnso c lc forzc vivc dcgli organisni soiiili, disiacca l'cicrico, ridoiio ad
una cocrcnic sfcra luninosa, da ogni sua coniroaric solida. L'anina rinanc
raccIiusa in csso. Enira in aiiivii l'cvoluzionc dcl irilicc gcncrc unano, cIc
noi conosciano. Coloro cIc osiulano ogni roria aiiivii sul iano
urancnic cnoiivo, fluiranno ncl nondo dclla quaria dincnsionc, csalando sc
sicssi, ncl glolo cicrico, dal lcsso solarc; coloro cIc Ianno in funzionc il
cIalra dcl cuorc, uscranno lo sicsso, conc "foro d'usciia". i iu cvoluii dcl
gcncrc unano adocrcranno la suiura aricialc dcl cao, cr rcndcrc
osscsso dcl nondo olirc il vclo. Molii vcggcnii, davanii ad un lciio di noric,
Ianno vcduio (cd i casi sono ccniinaia} il glolo di lucc cicrica sollcvarsi a ocIi
nciri di aliczza, su colui cIc cra acna norio c, indi, sarirc.
Inroriancnic, lo Ianno scanliaio cr l'anina.
La noric avvicnc quando si sczza il filo soiiilc argcnico cIc lcga il coro
cicrico al coro dcnso. Qucsio filo, di naiura quadrincnsionalc, c, quindi, non
soiioosio ad un conuio ncirico iridincnsionalc, c la garanzia, sc rinanc
saldo cd inicgro, dcl riiorno ncl coro di ogni yogIi, ncnirc cgli, duranic la
ncdiiazionc, va in csiasi; c la garanzia dcl riiorno ncl coro di iuiii coloro cIc,
duranic la noiic, vanno in qucllc rcgioni cIc, alla noric, aliicranno
dcfiniiivancnic. V'c un lcganc nagnciico ira il coro fisico c la sosianza
cicrica. La crcnazionc, una volia garaniiia in nanicra indiscussa l'cffciiiva
noric fisica, c il sisicna iu adaiio cr far si cIc l'anina, scsso inioridiia,
indolcnziia, ancora dornicnic si siaccIi dall'aiirazionc innaia vcrso il suo
vcicolo; nclla naggiorc, circondaio da crsonc iangcnii, affranic, cIc
inncrgono il dcfunio in una ainosfcra di irisiczza c di sconforio. Il fuoco
disiruggc ogni rcsiduo naicrialc inuiilc, c non d, ovviancnic, dolorc agli
organisni cncrgciici cIc adocra l'anina, ncnirc l'aiuia ad avvicinarsi ad una
visionc iu accosia al Fcalc.
Il roccsso dcscriiio sin qui - cioc qucllo cIc riguarda il uro c scnlicc
disiacco dcll'anina, ancora raccIiusa nci suoi cori soiiili, dal iano dclla
forna - c cIianaio, sccondo i icrnini csoicrici, di RST1TU21ON. Non solo
sinlolicancnic, na, ancIc, naicrialncnic, l'Ego "rcsiiiuiscc" il corrcdo
fisiologico cIc il Logos Planciario gli avcva "rcsiaio", o "cr diriiio, daio".
L'anina, ora, si irova in un nondo sconosciuio, curc isiiniivancnic
conosciuio.
A ial unio vogliano soiiolincarc un concciio nolio inorianic. Lo siudcnic
conrcndcr cIc l'inncnsa Lucc, con la qualc si irova ancora in coniaiio
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

139
indirciio il disincororaio, c di naiura, sia crsonalc, da una aric, cIc
univcrsalc, dall'alira. I icrnini. Lucc, Fcalc, Angclo Solarc, Surcno, Assoluio
sono, scsso, riciuii, dai disccoli, scnza una vcra cognizionc di cosa
significIino. Si Ia l'iniuiio cIc iali icrnini rarcscniino la ncia uliina
dcll'cvoluzionc; rarcscniino ci cIc di iu giusio csisic nclla viia, ci cIc
sciia a iuiii, giunii alla lcaiiiudinc univcrsa. Sc, da un laio, l'asiraiio fa dcl
lcnc a ncnii iroo concrcic cIc inirarcndono il Scniicro dcll'Evoluzionc, a
lungo andarc, il ncdcsino divcnia una lana a doio iaglio. Tcrnini conc . la
Fcali Una, l'Assoluio, la Lucc, osiacolano, quando l'anina c naiura, la
ncccssii cIc lo siriio Ia di fondcrc, in un nonisno sosianzialc, ogni linonio
c di rccucrarc l'aurco slcndorc dclla crfczionc, nclla dcfinizionc fornalc,
oggciiiva. Ecco crcIc, raggiunic lc nigliori condizioni, doo la noric, da aric
dcll'anina, a cIc cssa consiaii crsonalncnic il vcro Discgno Divino, la
ncdcsina si irova di fronic a ariicolari aurci, a rcali cvidcnii c noninali c
non iu a qualcosa di sfuggcnic c di asiraiio. Sc cssa c ovcra di cscricnzc
rcincarnaiivc, il colorc snorio dcl rino ccrcIio cIc dovr sucrarc, ncll'al di
l, o, il nondo asiralc, la dcludcr di nolio. Essa dir, conc Oscar Wildc. "Non
v'c cscricnza iu noiosa dclla noric! Aiuiaic Oscar Wildc". E il noncnio in cui
inizia un sccondo roccsso. qucllo di ELIMINAZIONE.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

140

- L21ON D1C1ANNOVS1MA - (por1e quor1o) -
La viia doo la noric.
L'anina ncl suo coro cicrico, ncl suo coro asiralc, ncl suo coro ncnialc.
Purgaiorio c aradiso sccondo l'csaiio significaio csoicrico.
Dcscrizionc dcllo siaio di grazia osi-noricn, cIianaio DcvacIan (Paradiso} in lciicraiura
indiana.

Alliano siudiaio, nclla lczionc cIc dcscrivcva l'individualizzazionc unana, cIc
la cosiddciia crsonalii oggia lc lasi dcl suo csisicrc su irc unii occulii. gli
aioni cIc fornano la iriadc infcriorc dcll'io. Cioc, qucll'aiono uliino, cIc la
Monadc scclsc ncl iano cicrico, quando alcggiava sul nondo nincralc,
faccndo cscricnza di "innciallizzazionc"; l'aiono asiralc, cIc la Monadc scclsc
c uni al rcccdcnic aiono cicrico, quando si irov ad assorlirc scnsazioni ncl
nondo vcgcialc; c l'unii ncnialc, o, aiono uliino dcl iano ncnialc concrcio
infcriorc, cIc la Monadc rcscrv, unico cd uniio ai duc rcccdcnii, quando si
inncrsc ncl nondo aninalc, rcludcnic a qucllo unano. Qucsii irc aioni
uliini cosiiiuiscono un vcro niracolo dclla naiura divina. Uniii assicnc,
fornano il icdisiallo infcriorc, o, u tudc ncoc, tu coo cuusuc (unnu) c
u stuttuu sucoc dc'o, o, Tudc Sucoc. onutu, a sua volia, da un
aiono uliino dcl iano ainico, da uno dcl iano luddico c da uno dcl iano
ncnialc sucriorc. Quando, con l'aiuio dclla CcrarcIia, l'angolo lasso dclla
Triadc Sucriorc (o, l'aiono uliino dcl iano causalc} cnira in coniaiio con
l'angolo alio dclla iriadc infcriorc, o, l'unii ncnialc, scocca la sciniilla
dcll'individualizzazionc c vicnc crcaio il coro causalc, cIc c il unio
inicrncdio ira la Monadc cicrna, c la crsonalii iransiioria. I irc aioni uliini
cIc fornano la iriadc infcriorc, conc scrivcnno, sono un niracolo vcro c
rorio dclla naiura. Talncnic rccciiivi c vilranii, fornano il "fissaggio"
inicrno, cIc uniscc coro fisico, coro asiralc c coro ncnialc infcriorc,
duranic ogni incarnazionc, cd assorlono, raidancnic, iuiic lc cscricnzc cIc
la crsonalii conic, in viia, quasi fosscro dcllc iccolc ccllulc foio-clciiricIc;
alla noric, quando l'anina si lilcra dci irc cori, non oircllc riallacciarsi ad
una rossina incarnazionc, nc oircllc vivcrc lilcrancnic nci nondi "olirc il
vclo", sc non avcssc qucsii irc aioni uliini, cIc cssa riiira in sc,
allandonando al scrlaioio dci irc iani i suoi irc cori. Cli aioni uliini,
infiniiancnic ninini, sono la sola cosa cIc rcsia ncl coro causalc, doo cIc si
c aiiuaio il roccsso di rcsiiiuzionc, clininazionc, assorlincnio.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

141
L'anina, ncl suo coro cicrico, c, ora, nclla Lucc, riva di organisno dcnso. A
scconda dclla sua cvoluzionc, sar, suliio, dcl iuiio dcsia, o, in uno siaio
lciargico, sinilc a qucllo cIc rcccdc il risvcglio naiiuiino dcll'io. Il scnso dcl
icno c dcllo sazio iniziano ad allcniarc i lcgani c si unificano in un'unica
naiura. icno c sazio si nosirano in qualii di SOSTAN2A COSM1CA.
Sccondo c tc ncc cuoutuc ncu, dsncunuto nzu u sotc c snutc
u sccuc sostunzu undu (n scnso occuto) dc suo coo ustuc. Poscguc,
cco, occsso d cnnuzonc. Tutto quco cIc d csuntc csstcuu, nc
dcsdc unun, ucnc, duu Nutuu, uncntc c dccsuncntc consunuto. Mu,
tutto nc nt d un uco unonoso d duutu.
Il Macsiro Tilciano, in uno dci Suoi iraiiaii, asscriscc cIc, cr l'oiiania cr
ccnio, lc dcscrizioni dci nondi ovc il disincororaio va a sialilirsi, doo la sua
noric fisica, sono siaic, in assaio, c cr lo iu, crraic. E, qucsio, cr varic
ragioni. una di qucsic c dovuia al faiio cIc si c daia l'illusionc dclla crsisicnza
dcl icno c dcllo sazio, in quci luogIi, qualc, usualncnic, si considcra.
Un'alira c dovuia al faiio cIc si c iroo nciicolosancnic insisiiio a dcscrivcrc
rcgni c "ccrcIi" dcl nondo asiralc, offrcndo l'inrcssionc cIc qucl rcgno fossc
un rcanc cicrno dclla Naiura Ascosa. Ora, i vcri occuliisii sanno cIc il nondo
asiralc inizi ad csscrc crcaio, duranic l'coca ailaniidca, dai niasni gcnciico-
cnoiivi di quclla razza. Inolirc, il nondo asiralc c una iaa inicrncdia cIc il
disincororaio inconira rina di sialilizzarsi ncl iano ncnialc. Esso c iroo
fluido cd unido, csoicricancnic arlando, crcIc lo si ossa rcndcrc in
considcrazionc, iraduccndo la sua naiura ncl fisso c sccco vocalolario dclla
dcscrizionc unana c vcrlalc. Il nondo asiralc c dcsiinaio a sconarirc, cd il
faiio avvcrr, icnancnic, duranic la sciiina razza nadrc. E un nondo di
dolorc c di annclliancnio, in cui vagano qucllc aninc cIc sono uniic ancora
alla icrra, na, non la ossono raggiungcrc, c vcngono aiiraiic dal ciclo, cIc,
urc, non ossono ancora adroncggiarc, crcIc non conlciancnic
urificaic. E da qucsia ccrcIia ncgaiiva cIc rovcngono iuiii quci ncssaggi di
sconforio c di dolorc, osiiaii ncllc scduic ncdianicIc. E qui cIc Ulissc vidc la
nadrc c i suoi conagni d'avvcniurc, i quali gli confcssarono cIc il iu ovcro
dci ncndicanii sulla icrra cra invidiaio da un Fc, ncl nondo dcll'Adc.
Conunquc, lcn rcsio, il coro asiralc vicnc clininaio cd il disincororaio
ossicdc solianio il coro ncnialc. Dovr disiruggcrc ancI'csso, cr scniirsi
radioso - na, ur scnrc, liniiaio - ncl coro causalc. Difaiii, qucsi'uliino,
vicnc, solianio, disiruiio, cr lcggc, ncnirc si c in icna c conlcia
incarnazionc sulla icrra, iraniic la quaria iniziazionc. Sucraio il gironc dcl
"urgaiorio", l'io inizia a gioirc di una fclicii cIc nai avcva gusiaio in icrra.
Non csisic icno, nc sazio, cIc lo inrigionino. Il assaio gli si nosira, nclla
sua icnczza; rccucra i ricordi dcllc incarnazioni rcccdcnii c scorgc una
lunga sirada sinlolica, davanii a sc, cIc gli rivcla, cr anic lincc, il suo
fuiuro c lc viic cIc lo asciiano. Egli inconira iuiii gli affciii cIc crcdcva
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

142
sconarsi cr scnrc; si riuniscc a coloro cIc lo avcvano rcccduio ncl viaggio
nisicrioso; inizia a conrcndcrc la naiura dci ncravigliosi nondi angclici, in
icna aiiivii crcaiiva, ncll'aiiuazionc dcl Piano CcrarcIico. Ed acquisia la
facoli di rcalizzarc cIc ialc visionc c Poicrc. E inicrcssanic consiaiarc cIc il
roccsso di accosiancnio c di rcalizzazionc cIc si sia aiiuando in lui c
csaiiancnic qucllo cIc il disccolo, o, lo yogIi, conquisiano, coscicnicncnic,
scnza l'aiuio di Sorclla Moric, con lc varic iccnicIc di ncdiiazionc. Sc l'anina c
sviluaia, cssa inconira, doo la noric, il Macsiro cd cnira, dcfiniiivancnic,
ncll'AsIran, cr, nai, allandonarlo. Sc l'anina non c sviluaia, ur
riusccndo ad oiicncrc un icno coniaiio con il rorio Angclo Solarc, doo avcr
clininaio - conc iuiii gli cgo - ancIc il suo coro ncnialc infcriorc, rinarr in
una csiaiica conicnlazionc di una Lucc indisiinia, il cui nisicro oir
cncirarc, nolio iu avanii, sul Scniicro dcll'cvoluzionc, doo varic
incarnazioni succcssivc. Conunquc, l'cvoluzionc c scnrc una conquisia. Ed
ogni scnsazionc rovaia ncl DcvacIan c di una ialc inicnsii, cIc sucu ogn
ontunu nnugnuzonc. Du tcsto "Lcs cncs Enscgncncnts dc Mutcs "-
cdtons Adu - Pus - 1924 - (daiaic dal 1881 al 1883} c ulllicaic da C.
Jinarajadasa, c rcsidcnic dclla Socici Tcosofica nondialc, iraduciano una
lciicra dcl Macsiro K.H., cIc dcscrivc lc condizioni osi noricn dcll'anina.
Essa c dirciia a Mr. Sinnci, noio siudioso di csoicrisno c Dirciiorc dcll'allora
csisicnic quoiidiano "Pionicr".
"..PccIc suoc cIc DcuucIun su uno stuto nonotono, c soo utto cIc un
ccto noncnto d scnsuzonc tccstc ucnc, ndcntuncntc, cctuuto -
ounguto, c cos dc - uttuucso scco Non c, non uo csscc cos. co s
dnostccIIc contuo ud ogn unuogu cd n ooszonc uu Lcggc dcg
Ectt, c u quuc sutut sono oozonut uc cncgc untcccdcnt. Pc Icn
cogcc concctto, tcnctc cscntc cIc c cuusc Iunno duc cun d
nuncstuzonc. 'oggcttuo cd soggcttuo. Lc cncgc u gossounc, qucc cIc
ugscono ncg stut d nutcu u csunt c u dcns, s nuncstuno ncu utu
scu; cd Iunno c sututo c nuouc csonutu d ogn nusctu, concsu nc
gun cco dc'nduduutu cIc cuouc.
Lc uttutu nou c stuu touuno nc DcuucIun u oo scu d cctt. Cos,
uz, c uttuzon scIc, ccc., d un osoo ossono uucc c sututo u nusctu
d un nuouo osoo, d un c, d un connccuntc, d un cco ccuco, o, d
quusus utu csonutu, u cu costtuzonc cu ncutuIc, ustc c tcndcnzc
condcunt dc'uono, ncu suu utu cccdcntc. Huconc, c cscno,
cIunuto du un octu. " u gundc, u suggo, u uc dcg uonn",
otcIIc, ncu suu ncunuzonc ossnu, uuc sotto usctto d un udo
nunoutoc d dcnuo, du don ntccttuu stuodnu. Mu c quutu nou c
stuu d Huconc csgccIIco, cguuncntc, un cuno d csunsonc c c oo
cncgc. I DcuucIun c uno d qucst; c, cos, tutt uust un d onc nou, d
cccIc ntccttuu c stuu nc nc ustutt dcu nutuu, tuttc c
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

143
usuzon ucso duno, ducIIco utto n DcuucIun, c 'cnttu ustuttu,
conoscutu, n ussuto, conc gundc cuncccc, s occuccIIc, n qucsto
nondo ntcoc, dcu suu cuuzonc csonuc, c c uucIIc, sc non qucu
cIc ucnc cIunutu unu csstcnzu cosccntc, uncno un sogno d unu ntcnstu
custu, u cu ucunu cutu dcu utu tccnu nu s uuucncu. E qucsto sogno
duu sno u cIc Iunu uIIu, n qucu dczonc, ccuuto soddsuzonc; no u
quundo 'ondu d cncgu non uggungu Iod dc Iucno c 'nduduo uss ud
un nuouo codo cuusuc. ucsto codo uo touuo, su nco stcsso nondo
cccdcntc, cIc n un uto, u sccondu dc unto uggunto du'uono, o, duu
donnu n qucstonc, ncu ou cuouzonc, uttuucso cc c c ondc ncccssu
uo suuo ununo.
und, conc conccc cIc un unco stuntc d scnsuzonc tccstc su cso c
tcnu d cuuzonc E ucssno cIc qucsto noncnto s cctuu
ndcntuncntc, nu csso o u snc ud unu notu toncu dc'unonu ntcu, notu
uoutu, u uIuzonc dctcnnutu, uttono u cu s ugguuno c s suuuno, n
uuuzon ncodcIc ogcssuc, n uuuzon ncstnguI, tuttc du un tcnu
duto, tuttc c usuzon, tutt dcsdc, scunzc c sogn cIc Iunno otuto,
cutuuncntc u quc cco utcouc, tuucsuc, duuntc u utu cccdcntc, u
ncntc dc sognutoc, scnzu nu cndcc onu ncu nutcu, c cIc cg touu,
ou, cnuncntc cuzzut, c ncu nuncu u ntcnsu, n DcuucIun, scnzu otc
duItuc cIc tuc cutu Icutcu c, scnccncntc, gu dcu ou
nnugnuzonc, cctto dcc cuusc ncntu, d cu u stcsso c uutoc. I noncnto
unco c ccso cIc donncu, con u ntcnstu, tu cnsc dc suo ccuco
noIondo, u'uttno dcu dssouzonc, suu d onduncntuc notunzu;
Icnntcso, o suunno uncIc tutt g ut "noncnt"; nu, n nno unzonc
cuoutuu, c toucunno oo osto usscgnuto, n tuntu unouncu
untusnugocu d sogn ussut, c duunno uuctu u'usscnc.
Non csstc, suu tcu, un uono cIc non ou unu cdczonc quusus, unu
ussonc donnuntc; ncssunu csonu, c quunto unc c oucu su - c, scsso,
oo c qucstu ugonc - nuncu d cuczzuc sogn c dcsdc, cIc, nu, usc
u soddsuc. ucstu c nonotonu Consdcutc sn uuuzon, notcutc
u'nnto, su un tcnu unco (tcnu cIc s nodcu su guo dc dcsdc u
uttu, nut n utu, cstundo oo oo cooc c u ou onu cuuttcstcu)
c o cIunccstc "u cunccuzonc d ogn cosccnzu, nco stuto dcuucIunco" -
utto, uddttuu dcguduntc Aou, n uctu, o, no concctto u suggc, o, non
n so scguc. Cctuncntc, non Io suuto uu cogcc scnso csutto dc no
cnsco, c dcIIo conosccn ncuucc d dcscucc 'ncsnIc. ucst'utno
conto, no Iuon unco, ducnc dcc, sc c ccczon ntutuc non 'uutuno.
Lc u ungIc dcsczon - uncIc c u ttocscIc - cstcunno uunc. Do d u.
non csstc uou cuucc d csncc u dccnzu tu o stuto ncntuc suu tcu
c qucsto uto stuto, cstunco uu nostu scu d'uzonc; ucunu uou ngcsc,
cIc cquuugu uc nostc; nu'uto cIc dcc cconccttc c ncutuI (douutc uu
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

144
onduncntuc cducuzonc occdcntuc); coc, dcc usc dczon, dutc uu
ncntutu dco studoso - cIc c ussstono n qucstu nocuuzonc d concctt
ntcuncntc nuou. Auctc ugonc. non sotunto "u gcntc odnuu" ( uost ctto),
nu, uncIc, dcg dcust c dcg uonn d utu ntcgcnzu non uucunno u
cogcnc 'dcu csuttu, nc, nu, nucstgIcunno, ntcuncntc, u oondtu. Fosc,
concndcctc u tud, ncgo d ogg, u nostu cugnunzu u conuncuc c
conosccnzc cIc osscduno u dc cunddut cuoc.
Ed ccco un'utu dcu usu. soggono n DcuucIun c tunto u ounguto,
quunto ncto c u gundc. "Mu, uou, sc ogn scntncnto d duutu c cso, n
DcuucIun, cd un nnuto c conc nc unn, u cIc scuc...", ccc..
ucstu osscuuzonc c qucstu nuncu d cnsuc otcIIco, co, Icnc
ucus u'Etcntu nuc, u Nuunu, u Puuu; u tutto, n n dc cont. Dtco,
dunquc. nc suo usscnc, sstcnu dc'csscc, dc'csstcnzu scuutu c
cocttuu, sstcnu dcu nutuu soggcttuu cd oggcttuu non ucscntuno cIc
dc utt ussud c scnzu scoo, unu odc gguntcscu du utc d qucst stud cIc,
oco snutc uu osou occdcntuc, ncontuno, notc, u dsuouuzonc
cudcc dc suo ngo ucscntunt. In tuc cuso, u quuc scoo utcuc c
nostc dottnc, noc un uuoo nguto c uuouc conto cocntc PccIc,
dunquc, 'occdcntc tcnc tunto uc czon dc'ocntc, du noncnto cIc s touu
ncuucc d ussnuc dc nc cIc, nu, sondcunno u cuuttcc utcouc
dcu suu cstctcu Tstc oscttuu, c no, ocIc uo stcsso non uuutc ud
ucuc tuttu 'ntcnstu dcu nostu osou. E, ncuncIc, u dstngucc
ucncntc un scncc ungoo - DcuucIun - d qucst suIn ozzont, cIc s
uono "otc uco". Scnzu uocu scougguc, dcsdco sotunto uttuc u
uostu uttcnzonc suc onduI dcotu cIc no ncontuno, ogn uotu cIc c
sozuno d cIuc u nostu nctuscu u dcg occdcntu, uncIc u u
ntcgcnt. No. ncssun ooogo, nc cndoc, n DcuucIun - IcncIc 'unucso
ntco su, n un ccto scnso, un gguntcsco cononcto. D'utondc, notu stcss
non cdono u nozonc dc tcno, nc cod d gou c d Icuttudnc, cIc css
touuno, scnc, too Icu, quuggu ucsto utto non c ncdscc,
nnnuncntc, quundo u cctu uuu, d gustuu con uccc. Puo csscc (c
uuctc nu cnsuto) cIc 'uItuntc dc DcuucIun cdu ogn scnso d duutu,
ccIc u cctu cnc u suu cou sno u Iodo. Lu cosu c dccntc c g
uItunt d AutcI (n.d.u.. 'ottuuu scu), IcncIc costoo, conc quc dc
DcuucIun, non uIIuno u nozonc dc tcno, coc, dcu nuncu n cu, suu
tcu, no cucouno cod
A tuc guudo o osso uncou coduu quunto scguc. "I tcno c unu cosu d
cu no stcss suno ccuto"; c un sngoo uono, un Icuc sccondo d cstcnu
ungoscu uo scnIuc, uncIc suu tcu, un'ctcntu; c un uto, u ccc, c
oc, gon, c, scsso, g unn, scnIu cIc uono conc un coto stuntc. D tutt
g cssc tccn dotut d scntncnto c d cosccnzu, 'uono c soo unnuc cIc
osscggu u nozonc dc tcno, IcncIc non su nc u ccc, nc suggo. Pcco,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

145
conc otc scguu co cIc u c nossIc ntuc, guccIc sctc ncuucc d
concndco Innugn concctc non sono uttc c csncc 'ustutto c
'nnto. nu, 'oggcttuo uscu u cttcc soggcttuo (n.d.u.. scuutuncntc,
'uno du'uto). Pc cndcu conto dcu Icuttudnc ouutu n DcuucIun, o dcc
cnc suItc n AutcI, uo douctc, conc uccuno no, uucc ussnutc ncu
cosccnzu. L'dcusno ctco occdcntuc dcuc uncou concndcc u dccnzu
tu u ucu csscnzu dcg oggctt souscnsI c u soggcttutu nconsstcntc, uu
quuc csso ducc. I tcno non c un uttIuto; non uo, dunquc, ucn, nc
ouuto, nc unuzzuto, sccondo nctod dcu osou succuc. A ncno d
nuuc u cugc conto sutut ncgutu ottcnut du tuc nuncu d cucnc
uc concuson, sccondo sstcnu dcu ugon uu, conc ucnc cIunuto; - c u
dstngucc, du unu utc, u nutcu, du'utu, nctodo con cu cnduno
conosccnzu dcg oggctt scnsI - nu usccno u uggungcc dcc concuson
gustc c ccsc. I unto d ducgcnzu, cIc oongo uu uostu ou
concczonc (noto nutuuc), ouu, u ondo, u succutu c, uncIc, u ustu d
qucsto sstcnu d ugon uu (nutcustu). Sc, conc ucnu Kunt, o Suzo cd
Tcno sono, non gu odotto, nu cgouto d scnsuzon, co c uco soo c
quunto guudu c nostc scnsuzon suu tcu c non c qucc n DcuucIun. Lu,
non csstc ucunu dcu u o d Suzo c Tcno, cIc s'nonguno ug cgo,
cutuuncntc ug oggctt utu. No scouno, u contuo, cIc 'uItuntc stcsso
dc DcuucIun nc c, n nodo ussouto, uu uotu, ccutoc cd dstuttoc. Ecco
u ugonc c cu g stut cosddctt "ostun" non otunno nu csscc gudcut
cocttuncntc duu ugonc utcu, ocIc qucst'utnu csstc cd ugscc soo ncu
scu dcc cuusc nu o sco. E non uo csscc cIunutu (conc u Kunt, cIc, su
d unu ugnu du uu uou scnso d "ugonc" c, ncu scgucntc, scnso d
"uoontu") u ucotu stuuc sucnu nc'uono, cIc Iu c donno u Voontu..
(contnuu uu ossnu czonc)

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

146

- L21ON D1C1ANNOVS1MA - (por1e qu1n1o)
SeguIto e IIne deIIa descrIzIone deI Devacban.
La reIncarnazIone, dopo II perIodo deI Devacban.
Come, dove e percb sI reIncarna I'anIma, dopo aver trascorso I'IntervaIIo tra due vIte

"..uunto cccdc non c stuto dctto, conc otcstc ccdcc, n ustu ud unu
ugoncntuzonc (osc too oungutu); nu, c scuc ud unu dscussonc
utuu "ut Ionc", c scguc, u quunto dtc, g studcnt cd unnuto d Kunt c d
Putonc, cIc otcstc ncontuc. In tcnn u scnc, ucnco quunto scguc.
sc, nuouuncntc, non uscctc u concndco cnuncntc, non suu c nu
cou. L'ntcnstu cunuutuu dc'csstcnzu scu ogcdscc, du'nunzu uu
nututu; u suu cncgu dcccsccntc c dcstnutu, qund, u'ndcIoncnto scnc
cd uu notc. I sogno ussuto n DcuucIun s suuu nco stcsso nodo. Auctc,
dunquc, ugonc u dc cIc "'unnu" non uo nu uccogcs dc suo coc c
gudcus usu duu nutuu - tunto u cIc, uundo uu cttcu, tuttc c utc
ununc c c oo uuntutc cutu d utto costtuscono, n n dc cont, unu dcntcu
"untusnugou". Conunquc, uuctc toto d cstuu u cgudz cd uc dcc
cconccttc dc ctto occdcntu. Ncssun usutco suu nu d'uccodo con uo su
qucsto unto. uundo ucnutc cIc "tuttu u stuuzonc s'ucconugnu ud un
scntncnto d'cutu, d cu soc u nostu ncntc", uo sctc no u ducnnc
cdu; u ncuc cuusu d co c noto u u uostu nconcnsonc ccttu d
quc cIc su 'csstcnzu n DcuucIun, cIc un dctto dc uosto sstcnu. Pc tuc
ugonc Io cguto un cIcu (dsccoo) d oduc, n ucndcc u uosto
utcoo, dcg cstutt d qucstu cttcu, con dcc scguzon dcstnutc u
dsngunnuc cttoc cd u togcg, c quunto c ossIc, u cnosu
ncssonc cIc, cctuncntc, g uunno ouuc c uostc ucnuzon.
Ccdctcn. u nutuu non ngunnu 'uItuntc dc DcuucIun, u d quunto cssu non
ngunn 'uono sco, duuntc u utu. Lu nutuu g scuu, "uggu", notc u
Icuttudn c cctu ucuc, d quunto non uccu, "qu", ouc cg Iu conto d u
nuc cd dcstno sotto ogn onu. Lu suu dcIoczzu nnutu - qucu d un uscco
d ugu, uocntcncntc tusotuto, qu c u, duo sctuto soo d tutt ucnt -
Iu cso, n tcu, conctuncntc nossIc u'csscc ununo ogn cctu,
quuunquc suno c suc ossItu c u suu condzonc. D conscgucnzu, cIunutc
qucstu utu un tstc, un oIc ncuIo, c suctc nc gusto.
Consdcuc 'csstcnzu dcuucIuncu un sogno, c nuncuc, dcntuuncntc, u
conosccc u dottnu csotccu, sou dcostuu dcu uctu
Pcncttctcn, uncou unu uotu, tcntutuo d scguu quucuno dc nuncos
stut csstcnt n DcuucIun cd n AutcI. Esuttuncntc conc c u utu scu,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

147
uuucnc c 'cgo, n DcuucIun, un no tcnoc d utu scu, un suc ucso
'uogco, o, uno scgncs guduuc dc'cncgu ntutu - uttuucso uno stuto
scncosccntc, uttuucso 'unncsu ogcssuu c ctugo - non ucso u notc,
nu, ucso u nusctu, u nusctu d unu csonutu nuouu, sucgo dc'uttutu
cIc, ogn gono, ccu notcc cuusc nuouc, dcstnutc u uggungcc un uto
studo dcuucIunco, scguto du un'utu nusctu scu, qucu d unu nuouu
csonutu. I Iunu dctcnnu conc suunno, ogn uotu, scttuuncntc, c utc
n DcuucIun c c utc tccst cd c ncccssuo scguc qucstu ntcnnuIc
succcssonc d nusctc, sno u quundo 'uono uggungc u nc dcu scttnu
Hondu, ouc, cg non su, nc'ntcuuo, gunto uu suggczzu d AIut, o, u
qucu d un HuddIu. In tu cuso, cg conscuu u suu Ictu, c unu, o, duc
Hondc, ocIc Iu ucso ud cuudcc du cco uzos cd u ussuc n uu-
Nuunu.
Mu, suonctc cIc s tutt, non d Huconc, d un GoctIc, d un SIcc, o, d un
Houud, nu, d quucIc cnttu duu csonutu ncooc, dcIoc, cIc non uIIu
nu ugto su suo unIcntc u unto cIc c s su uccot dcu suu cscnzu; cIc
succcdc, uou Scnccncntc cIc suo stuto dcuucIunco c cos ncooc c cos
uuoto, quunto o u u suu csonutu. E conc otcIIc csscc utncnt Lu
cuusu c 'cctto sono cguu. Suonctc, uncou, cIc s tutt d un nosto d
cucstu, d unIzonc, d uuuzu, d ogogo, d uIzu, ccc., nu cIc, nco
stcsso tcno, osscggu gcnc, o, gcn dcc dsonItu ngo, con ucoc
d unu nutuu u dunu. douc undu Snc scntu, n conIustonc sotto un
nuccIo d ungo, contoIunccu, nugudo tutto, 'uttuzonc dc'Ottuuu Scu,
ouc sono dcstnutc soo c cnttu dc tutto ncgutuc, ut dcu nutuu, c suIc
un nodcuncnto concto; u oo Monudc Dunu s c scuutu du qunto
nco, duuntc u utu (o, uncIc, ncu ncunuzonc cccdcntc, ocIc no
uIIuno cgstuto qucsto cuso), cd css Iunno ussuto quu cssc unun
souust d'unnu. (Lcggctc Isdc Sucutu, Vounc 4, ug. 29. Lu uou unnu
sgncu, Icnntcso, 'unnu stuuc; c suo dstucco cIc dctcnnu 'uttuzonc
dc qunto nco, unnu unnuc, ncu Ottuuu Scu). D tu csonc, uc dc
scsto nco, ncntc oo scttno, cIc Iu cduto oo uccoo non uo
csstcc n nuncu ndcndcntc, qunto, o unnu unnuc, cudc, n nodo
nutuuc, nc'uIsso scnzu ondo. Co, osc, u cndcu u ntccggIc quunto
du ud ntcndcc EIus Lcu, sc cggctc quc cIc scssc, cd no conncntuo
nugnuc (ucdctc TIcosoIst, ottoIc lSSl, "Lu notc") c csutc tcnn
ncgut, conc "cuuIon nut", ccc.. EIIcnc, 'cnttu consdcutu, n no
uogo, non uo, nugudo tuttu u suu cucstu, ussuc ncu Ottuuu Scu,
ccIc tuc cucstu c d nutuu too stuuc, too unutu. Essu c un
nosto, nu, non c un scncc Iuto scnzu unnu. non suu unncItu; nu,
untu. In cctt, 'unncIncnto, coc, 'unncsu totuc, c u dcntuu uuzonc
d cncgu cosccntc, n oo ncdcsn non costtuscono ucunu unzonc. u,
ucun zco scgncu ucgnoo; nu, unu otcntc, ostuu c nuccu cncgu,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

148
uncntutu c suuutu duc ccostunzc. Pc unu snc nutuu, dcuc csstcc
uno stuto cosondcntc u DcuucIun. Esso o touu nc'AutcI, unttcs ccttu
dc DcuucIun, dcu uoguzzutu duc nuzon occdcntu sotto nonc d Incno c
d Cco, cIc uo uuctc conctuncntc uscuto du utc nc uost FHAMMENTI.
Hcodutcucnc. c csscc nnotu nc Icnc, Isognu dcntcus con Icnc (o
Do); c c csscc nnotu nc nuc, dcntcus con nuc (o Sutunu).
Eoncuncntc ntcctutc, dcc uoc conc "Sto", "Annu", "Induduutu",
"Pcsonutu" c (utcouncntc) "Innotutu" ouocuno dcc ogonucIc tu
nuncos ocnzzuto dcust. Pc conctuc uosto FHAMMENTO, Io
tcnuto ncccssuo uggungcc 'AutcI u DcuucIun, conc suo concncnto cd
ucug c stcssc cgg. Co c utto, con uosto cncsso, nc'ucndcc.
Aucndo succntcncntc cucdutu c stuuzonc, osso sondcc, udcsso, n
nuncu dcttu, uu uostu donundu nunco uno. S, cctuncntc, s cunIu,
scnzu osu, d occuuzonc n DcuucIun c, co, tunto quunto, c uncIc noto u,
ncu utu d un uono, o, d unu donnu cIc consucu u ou csstcnzu ud unu
sou occuuzonc quusus; con u dccnzu cIc, c 'uItuntc dc DcuucIun, c
suc occuuzon sono scnc gudcuo cd cg u dcu ou csccnzu unu
contnuu gou. I nutuncnt sono, dunquc, ncccssu, ocIc qucsto sogno ussuto
non c cIc u nututu, uccoto dc scn scIc cudut du'csstcnzu scu, conc
du un uIco cIc uIIu c udc du un nguto tccno socuc, nu, cu utt
oscuno nc dccut coo dc'uIu dc DcuucIun c nutuno sotto 'nucnzu
scnc ccondu dc suo cco. L, non csstc ucun nsucccsso, ucunu dsusonc.
Anncttuno, conc uo cnsutc, cIc 'uono non uIIu gustuto, duuntc u suu utu,
cIc un soo cd unco stuntc u cctu d csccnzc dcu; uncIc n tu cuso,
DcuucIun non otu costtuc, conc suonctc u toto, ounguncnto ndcnto
d qucsto "unco stuntc"; nu, duu u nusctu u dcg suu ndcnt, u dcc
stuuzon dccnt cd uuucnncnt, cIc Iunno c Iusc, o, c sogcntc, qucsto
unco noncnto, o, qucst noncnt, u sccondu dc cuso. n Icuc, tutto co cIc s
cscntcu u'nnugnuzonc dc sognutoc. ucstu uncu notu, cnunutu duu
u dcu nostu utu, non uo cIc scuc d toncu uo stuto soggcttuo, c duu
nusctu ug nnunccuo ton c sottoton dcu untusnugou scIcu.
Lu, c scunzc, c usuzon, sogn nsoddsutt s cuzzuno tutt, n cno, c
dcsdc dc'csstcnzu oggcttuu ducntuno u cutu dc'csstcnzu soggcttuu. E u,
dcto uco, cIc c uucnzc uuoosc c dcudcnt d Muu sono tusccsc
du'Adcto, cIc Iu suuto ucndcc gundc scgcto cIc g cncttc d
cnctuc cos oonduncntc ncg ucun dc'csscc."
-------------
Nclla lciicra cIc rcccdc lisogna considcrarc duc faiii; cssa arla dcl
DcvacIan, raggiunio dall'anina, quando la ncdcsina Ia sucraio i duc cicli
inicrncdi. il iano asiralc cd il iano ncnialc infcriorc. Inolirc, si rifcriscc allc
scnsazioni dcvacIanicIc dclla gran nassa dcgli cgo. Ficiiano,
dcfiniiivancnic, cIc l'anina cvoluia, una volia "olirc il vclo", cnira in dirciio
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

149
raorio con il suo Macsiro di Faggio, con la CcrarcIia dci oicri Planciari c
Solari c divicnc una coscicnic forza aiiiva a favorc dcll'cvoluzionc dcl Piano. La
rcincarnazionc avvicnc in nodo sonianco; na, c voluia, rina dcl icno, cd
cscguiia ad aric, solo da coloro cIc alliano disiruiio il coro causalc, alla
quaria Iniziazionc. I gcniiori di una sinilc anina sono, quasi scnrc, dcgli Alii
Iniziaii, cIc rocrcano sccondo lc rcgolc dcll'Unionc Esoicrica.
Pcr quanio riguarda un'anina nornalc, cssa scguc la nornalc rassi. Sc c
ncdiocrcncnic cvoluia, scguir gli cffciii dcll'aiirazionc vcrso la naicria, conc
sono dcscriiii nclla lciicra dcl Macsiro K.H.. Cioc, l'arco dcllc cncrgic
dcll'aiiivii dcvacIanica csscndo csauriio, doo un lungo soggiorno ncl nondo
sucriorc, cssa cadr lcniancnic in uno siaio di anncsia gcncralc cd, infinc, vi
sar il iuffo nclla naicria. Sc, invccc, l'cgo c cvoluio, scnicndo arossinarsi il
criodo di una nuova incarnazionc, collalorcr con lc forzc in aiio dclla naiura,
cIc agiscono, invccc, forzando, ncl caso rcccdcnic; sccglicr i gcniiori adaiii a
lui, il criodo roizio asirologicancnic alla sua incarnazionc cd aiiucr la
"iccnica" dcll'anina, cr inncrgcrsi nclla naicria. In risonanza con l'aiiino in
cui la nadrc osiia il gcrnc naicrno, nciicr in novincnio vilraiorio i irc
aioni uliini cIc conscrva ncl suo coro causalc. Circondcr l'unii ncnialc di
una laccnia di cncrgia dcl iano ncnialc concrcio; avvolgcr l'aiono asiralc di
un allozzo rudincnialc di coro asiralc; c, duranic i novc ncsi di gravidanza,
circondcr l'aiono cicrico uliino di sosianza cicrica. Tra i sciic cIalra in
cnlrionalc cosiruzionc, dar naggior aliio vilranic a qucllo cIc sar
ariicolarncnic aiiivo, duranic la sua vicina incarnazionc c cIc lo disorr ncl
riino cvoluiivo unano cIc gli concic. I gcniiori fisici offrono solianio il
naicrialc adaiio alla nanifcsiazionc, ncl iano dclla naicria. A qucsio
roosiio, acccnniano, lrcvcncnic, cIc la rcsonsalilii di una nadrc c di un
adrc, in scnso occulio, c viialc nci riguardi dcll'cgo cIc cssi aiiraggono ncl
iano oggciiivo, iraniic la loro unionc. Un cgo conincia a rcndcrc osscsso,
sccondo lc conosccnzc csoicricIc, dclla roria crsonalii, dai dicci anni in
oi. E, con cicli cIc vanno di dicci anni in dicci anni, acccniua, radicalncnic, il
raorio con la naicria. Fino ai dicci anni (na, in ariicolar nodo, quando
l'cgo crca, isiiniivancnic, i irc cori di nanifcsiazionc, da oco rina il
conccincnio naicrno}, la nadrc c icnancnic, rcsonsalilc non solo dclla
cosiruzionc fisica dcll'csscrc, na, ancIc dcl nigliorancnio di quclla cnoiiva c
ncnialc.
L'cgo, cosi, naiuraio da una lunga cscricnza dcvacIanica, rircndc a
crcorrcrc lo sicsso Scniicro cIc avcva lasciaio alla rcccdcnic incarnazionc, c
dallo sicsso unio.
Coniinua il viaggio dcll'anina......

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

150
- L21ON VNTS1MA -
Legge deI karma, ossIa dI causa e dI eIIetto: descrIzIone dettagIIata deI suoI processI.
L'eterno presente.
II karma ed II destIno costruIto daI nostrI pensIerI e daIIe nostre azIonI.
II karma deI regno anImaIe, deI mondo vegetaIe, deI mondo mIneraIe; degII angeII,
deIIe razze umane, deIIe nazIonI, deII'uomo sIngoIo; deI pIanetI, deI sIstemI soIarI,
deIIe gaIassIe, deII'unIverso.

Tuiio ci cIc circonda l'uono, sia di naicrialc, cIc di siriiualc, oggia il
rorio divcnirc c la roria nanifcsiazionc sulla lcggc cIc gli indiani
cIianano dcl "Iunu", o d cuusu cd cctto. In fisica il fcnoncno risulia iu
svclaio."..ad ogni azionc corrisondc una rcazionc ugualc c coniraria..". Il
larna, ncl suo asciio nciafisico, c la lcggc di novincnio, innaia in iuiic lc
cosc. Lo siudioso cnira, soliiancnic, ncl cano dcllc conosccnzc csoicricIc,
rcsuncndo cIc lc ncdcsinc gli diano il scgrcio di oicrsi lilcrarc da ogni
giogo c gli inscgnino a cncirarc in uno siaio csscnzialc di una non ncno
sccificaia incrzia divina. Cradualncnic, invccc, l'occuliisno gli nosira,
iraniic lo siudio dci fcnoncni arcIciiici, cIc un qualsiasi iio di siaiicii
cosnica c illusorio; c gli conunica la gioia soiiilc c siriiualc cIc l'azionc ura
dona allc ncdcsinc Viic "olirc il vclo". In ci, adoiiando il nciodo di orlo
innanzi alla consiaiazionc di lcggi inflcssilili c non originaic, cIc fornano il
sul-siraio ncccssario all'Esscrc. Il larna c la rincialc di qucsic lcggi.
Tuiio c novincnio, quindi. Non csisic scarazionc idcalc ira l'cncrgia c la
naicria; o, sc volcic, ira il ciclo c la icrra. La naicria c siriio crisiallizzaio; lo
siriio c naicria rarcfaiia. Lo sguardo di un disccolo ossicdc, quindi, una
qualii cIc l'occIio conunc non Ia. Quclla dclla coniinuii di coscicnza. Pcr
cui, sc la sfcra di incidcnza dcllc suc cscricnzc si irova ad csscrc circoscriiia
dal iano solido, cgli lo vcdc qualc conscgucnza di causali cncrgciicIc
rcccdcnii ad csso; ourc, cocsisicnii, na ignoic. Sc, invccc, lc suc conquisic
siriiuali gli crnciiono di vivcrc nclla sfcra "olirc il vclo", cgli sa cIc non solo i
suoi aiii cncrgciici slocccranno, ncl iano dclla viia oggciiiva, soiio forna di
siiuazioni fluidc, o di cosc oggciiivc, na cIc lo sicsso nondo cIc, ora,
considcra csircnancnic raffinaio c il risuliaio di aliri iani iu soiiili. Qucsia
caicna c larna.
Quindi, noi, dal nosiro unio di visia unano, siano un ancllo di una inicra
caicna. Il nosiro rcscnic c fruiio di un assaio c causa di un fuiuro. Sia
l'aliiudinc cIc l'uono ossicdc di considcrarc il larna in funzionc
arossisiicancnic sua, sia l'aliiudinc a volcrc aniroonorfizzarc lc Crandi
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

151
lcggi dclla viia, Ianno crcaio un'csircna csaniczza di concciii sull'argoncnio
c dcllc forii disiorsioni dclla vcrii.
La sosianza luninosa dclla Lcggc dcvc csscrc crcciia solo dalla singola
anina dcgli siudcnii; i grandi Isiruiiori si sono scnrc rifiuiaii di darc una
dcfiniiiva forna concciiualc ad cssa. Ci, crcIc, a rigor di icrnini, il larna c
il novincnio cosnico c, conc diccnno, non si u fissarc in qualunquc forna
siaiica qucl cIc, cr roria naiura, non vi si adaiia. Pcr conrcndcrc il larna
lisogna siudiarlo aiiravcrso i suoi cffciii; ParalraIanan si nanifcsia solo
aiiravcrso lc lcggi univcrsali, cIc si cnuclcano ncllc Divinii CosnicIc, Solari,
Planciaric. Ci cIc csisic diciro di Essc aarc (iniraducililc cr il rofano} allo
sguardo aiioniio dcll'Iniziaio.
E, allora, in ial scnso, cIc siudicrcno la Lcggc, fidando nclla conrcnsionc
iniuiiiva dcllo siudcnic, cIc noi considcriano, scnrc, un collaloraiorc.
Inizio c finc. Tcrrilili arolc cIc sono i cIiodi dcl Crisio-unanii; circolo
concluso, in cui l'asciio razionalc dcl nosiro io coniinua a volcrsi
inrigionarc. Conc vorrcnno cIc iuiii coloro cIc scguono la vcrii csoicrica
sczzasscro qucsia loro icndcnza a volcr liniiarc, con il nuncro dcllc loro dicci
diia, l'infiniio raggio dclla Trasccndcnza Univcrsalc! Scnlrcr aradosso
quanio dircno; na, il larna, cIc c la lcggc dclla razionalii cosnica, o, quclla
di causa cd cffciio, u vcnir conrcso solianio dall'irrazionalii divina dcl
nosiro siriio. Difaiii, sc noi icniassino di sicgarc al lciiorc gli cffciii, sia
rofondancnic nciafisici (c cIc lo Ianno inscriio nclla aiiualii dclla viia
rcscnic}, sia iu grossolani, in cui gioca la sua aric di anina incarnaia c, ncl
farlo, risalissino a rcnoic causc lanciaric, solari, cosnicIc, non farcnno
aliro cIc rcndcrc iu soiiili c iu icnaci i lcgani cIc lo avvincono alla sua
rigionia ncnialc. Non c cosi cIc il rollcna dcl larna va affroniaio. La
donanda - "..c nu?" - coniinucrcllc a crcuoicrc il ccrvcllo dcl ricIicdcnic.
Prina dcllc cscricnzc Planciaric? Prina di qucllc Solari? Prina di qucllc
CosnicIc? Dal rcscnic caiiolo scriano, rofondancnic, cIc srizzi la
fiannaia, la qualc valga a lruciarc, o, a ncuiralizzarc il coro ncniaiivo dcllo
siudcnic c gli faccia assaorarc, ancIc cr un aiiino, il luninoso sorriso
dcll'Angclo Solarc; il qualc gli nosircr lc cosc, quali sono; na, dall'aliczza dcl
suo Sucr-cgo.
Nclla viia non v'c un rina; non v'c un doo. Ma, un cicrno rcscnic. L'idca dcl
icno c dcllo sazio, conc l'uono conunc c aliiuaio ad accciiarc, non
aaricngono al corrcdo concciiualc di un Iniziaio. Qucsii novincnii -
urancnic asiraiii - acquisiano una disiorsionc cd una csaniczza naiurali,
solo quando sono filiraii dal ccrvcllo fisico dcll'uono. Poriiano un cscnio cIc
scrvir a cIiarirc la siiuazionc. Innaginianoci un individuo cIc si irovi a
vivcrc la sua viia, inscriio in un orario di ufficio, in un orario di faniglia, ncl
riino inflcssililc dcl giorno c dclla noiic, dclla vcglia c dcl sonno. Pcr lui
"'cnttu donun" c qualcosa di ccrio, di vcro c di iangililc. Pcr lui, adcsso, sono
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

152
lc quaiiro dcl oncriggio c duc orc lo scarano dallc sci; non v'c dullio. Pcr
lui, ora si irova in qucsia sianza, in qucsio acsc c, cr raggiungcrc un aliro
anlicnic, di un aliro acsc, dovr crcarc uno sforzo fisico di novincnio, in cui
il linonio icno c sazio si fondcranno c si dinosircranno cvidcnii, oggciiivi,
da sornoniarsi. L'uono ncdio, in cffciii, c inviscIiaio (non riinaio} dal scnso
dcl icno c dcllo sazio. Ora, considcriano un aliro uono. Un nonianaro, cIc
si irovi allc cndici di un'aliissina noniagna. L'acuiczza dcl suo sguardo gli
crnciicr di cncirarc lc ascrii dclla sicssa, fin rcsso la vciia; sc cgli non
u guardarc iu in su, ci non significa cIc la cina non csisia, in qucllo
sicsso aiiino, a oriaia di nano, assicnc allc alirc cosc cIc lo circondano.
Cosi c cr colui di cui arlanno rina. Il fcnoncno-viia lo circonda,
rarcscnia la noniagna cIc si crgc davanii a lui, nclla rcgionc dcll'cicrno
rcscnic. Sc cgli, a causa dclla sua innaiurii aninica, dclla sua nioia
inicriorc c cosirciio a siarscnc scnrc con il cuo iuffaio in un ccsuglio, cIc
cIiana "ou c qu", ncnirc ala, con la nano lrancolanic, un aliro ccsuglio,
osio oco iu su, c lo cIiana "doo c u", non significa cIc, icoricancnic, non
oircllc siaccarsi dall'illusionc c vcdcrc iuiia la noniagna, in un solo colo
d'occIio.
Inicndianoci lcnc. Non vogliano alolirc la rcali dcl riino icno-sazio; na,
solo, darlc un'alira dincnsionc. Enirarc, cioc, ncll'anlcsso univcrsalc dcl
sciiino Faggio, qucllo dcl Ccrinonialc, scIiavo di ncssuno, al di fuori dclla
lcggc.
Il fisico Einsicin, con la sua scocria, Ia ridoiio la nassa idcniica all'cncrgia,
sialilcndo cIc, nan nano ci si avvicina alla vclocii dclla lucc, i aranciri dcl
icno c dcllo sazio vcngono dcfornaii.
Da ial unio di visia, con l'ainosfcra rcsa crisiallina c rcsiralilc, si u
considcrarc, a iuii'agio, il fcnoncno dcl larna. Qualc, cioc, una lcggc cIc
incornici cd inquadri, in riini scnrc iu ani, la lilcri dcll'csisicnza
univcrsalc; non gi cIc la scIiacci c cocrcisca in faiiori ninuii, o, vasii, di
rigionia anlicnialc c siriiualc. Ogni azionc c larna. E la lcggc c ialncnic
nciicolosa cd inflcssililc cIc lasia la rivclazionc di una iccola vcrii occulia
cr darnc l'idca. Tuiii gli insciii nocivi, ad cscnio, cIc, uriroo, l'uono
conoscc, c lo iorncniano da sccoli, a ariirc dalla cavallciia, cIc disiruggc i
raccolii, sino a giungcrc alla siciaia zanzara dcllc noiii csiivc, sono
l'innancalilc crisiallizzazionc c naicrializzazionc di ncscIini cnsicri di
criiica, di fasiidio, di odio cIc l'unanii cnan, in assaio. Si racconia,
ancora, cIc un giorno un uono si rcscni a DuddIa c Cli dissc cIc, duranic
lc suc ncdiiazioni, vi cra scnrc qualcuno, o qualcosa cIc lo vcniva a
disiurlarc. DuddIa, allora, gli rivcl cIc cgli, in assaio, si cra divcriiio a
inicrroncrc lc conccnirazioni di alcuni yogi, cr lcggcrczza, cd ora nc agava
lc conscgucnzc.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

153
Insonna, cnsiano cIc lo siudcnic ci vcrr in aiuio, iniucndo l'inircccio
fiiiissino cIc cosiiiuiscc la rivclazionc dclla lcggc dcl larna. Nulla c dovuio al
caso. La naiura alorrc il vuoio. Non csisic larna di arnonia, ourc di
disarnonia; na, una lcggc inrorogalilc di causa c di cffciio, cIc si crciua
in nodo infiniio, gcncralc c caillarc.
Lc radici dclla lcggc si scrdono ncll'inncnso narc dcll'assoluiczza sucriorc.
Figuardano l'uono, na non solo lui. Vi c il larna dcgli aninali, dcl nondo
vcgcialc, dcl nondo nincralc; vi c il larna dcgli angcli, dcllc razzc c dcllc
nazioni. Una lcggc inflcssililc, ncccssaria allo sviluo dcllc cosc c cIc, quando
la scruiiano, ncl suo asciio rarcfaiio, fa cncrgcrc una sola naiura, con
ccriczza. u suu uzonutu unucsuc. Quando, invccc, la vcdiano, ncllc suc
angolosii iu cvidcnii, nc csiraiano la rivclazionc di ninuic cononcnii,
ravvicinaic allc aliiudini dcll'uono.
Il nosiro sicsso Logos Solarc Ia salancaio lc oric all'aiiualc crcaio, cr
raggiungcrc una ncia larnica, conosia dai conlcssi franncnii di causc
cIc risalgono a quando Egli Mcdcsino cra Logos Planciario. Lo sicsso valc cr i
Piancii Sacri; lo sicsso cr la nosira Tcrra. Ncssuno sfuggc alla lcggc. Ma, sia il
Dio, cIc l'uono Ianno addiriiiura lisogno di cssa! Sucraia la fasc
dcll'innaiurii siriiualc, cr la qualc l'uono, una volia " norio", dcsidcra
rifugiarsi in un illusorio c caldo giaciglio siriiualc, oolaio di angcli, doo
un'oculaia cducazionc allc lcggi dcl riino cicrno c dcll'csoicrisno, cgli cnira a
far aric dclla CcrarcIia Divina dcl Piancia. Conc in un alvcarc doraio, ivi
rcgna la cosiruzionc, la crcazionc, l'isirazionc a scnrc iu vasii iani
cvoluiivi; l'uono divcnia sinilc al Dio cIc l'Ia crcaio; c crca. Non solo. na, il
norso dcl sinlolico scrcnic doraio, cIc gi sinsc Adano cd Eva (l'cicrno
dualisno} a scniirsi, oicnzialncnic, sinili all'assoluio, gli inocula un
dolcissino cd irrcsisiililc dcsidcrio a nanifcsiarsi, a rcalizzarc
l'inconncnsuralilc cIc gli ardc in cuorc. Egli, da allora, non u farnc a
ncno. Qucsia c la scic cIc rovano gli sicssi Adcii, in iuiio sinilc alla scic dcl
Logos Solarc, cIc non ccssa, cr un aiiino, l'aiio dclla nanifcsiazionc. E, sc,
rina, il ncofiia rifuggiva il larna c ccrcava di slacciarsi da csso, ora lo riccrca,
lo fissa, lo crfcziona c vi si lcga.
A ial unio, lo siudcnic oir cIicdcrc." Mu, HuddIu stcsso non ucnnc u
Icuc 'uono duc cncunuzon?". No. DuddIa vcnnc cr lilcrarc l'uono dal
giogo dcllc rcincarnazioni InvoIontarIe e dI coercIzIone. DuddIa vcnnc a
iranuiarc l'uono, da scnlicc cffciio di quclla lcggc, a lcggc sicssa. Ncssuno,
ncurc DuddIa, Ia il oicrc di lilcrarc l'uono dalla ncccssii cosnica a
nanifcsiarsi. Dovc sarcllc, allora, la ncravigliosa sullinii di ogni Iniziaio
dclla CcrarcIia Dianca, cIc suggclla, coniinuancnic, il suo surcno aiio
d'anina con la icrra, rinunciando a sccoli di Nirvana, c si inscriscc nclla
nissionc finalc di rinancrc ncll'unanii, sino alla salvazionc finalc? E cvidcnic
cIc il roccsso rcincarnaiivo di un Adcio risulia lcn diffcrcnic da qucllo di un
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

154
conunc norialc. Pcr un Adcio, inscrirsi in un sinilc aiio di scrvizio al nondo
c ura gioia, ura ncccssii, sullinc nanifcsiazionc; cr un csscrc unano c il
rcludio ad una viia di dolorc. Quando l'Adcio raggiunsc il raorio inicgralc
con i irc Signori di Faggio, Egli divcnnc Uno con Loro! Non c il caso di arlarc
di ollio, ncnirc Egli si inncrgc nclla naicria; nc di ricordo, ncnirc risalc la
corrcnic dcl fiunc divino. Cosa dcvc dincniicarc, Lui, sc c divcnuio ci di cui
dovrcllc ricordarsi? Quindi, risulia cIiara, ora, la ragionc cr cui il Macsiro
Kooi Huni dissc, una volia (Lciicrc dci Macsiri}. "..la rcincarnazionc c un faiio
inrorogalilc, nclla naiura. Lo sicsso DuddIa dovr rcincarnarsi, a suo
icno..". Ma - aggiungiano noi - con cffciii lcn divcrsi da un uono conunc!
PcrcIc non sar solianio DuddIa a rcincarnarsi; na, il Logos, con Lui...
Ecco, quindi, crcIc il iano crsonalc si riallaccia al Piano Cosnico. Ecco
crcIc la rcincarnazionc, conc la suliscc l'uono, non Ia i osiulaii adaiii cr
rarcscniarc la vcra rivclazionc dcl larna rcincarnaiivo, qualc non solo c
aiicso, na, dcsidcraio dal Dio. Non lasia dirc cIc lo siriio, cr una
incluiialilc lcggc riinica, si inncrgc, conc sosianza nonadica, doo
cscricnzc nolio rarcfaiic, nci nondi clcncniali c rcludcnii il fisico, ncl rcgno
nincralc, ncl vcgcialc, ncll'aninalc; c, qui, raggiungc l'individualizzazionc,
assando ncll'unano. Non lasia dirc cIc l'clcncniarc rccarici dcllc suc
conosccnzc rinordiali lo singono a crcarc una caicna di cffciii, cIc lo
conducono a farc cscricnzc dcliiiuosc, cr conrcndcrc la viriu; a farc
cscricnzc viriuosc, cr incororarc la saniii. La lcggc cncrgc. Di fronic ad
cssa, dicc Hclcna Pcirowna Dlavaisly, lcnc c nalc non csisiono; na, solo
l'irrcfrcnalilc oicrc dcll'csrcssionc.
Possiano, cr, dclincarc a sufficicnza qucsia lcggc, dal unio di visia aninico.
Difaiii, lc Iniziazioni scrvono a farccla ncglio conrcndcrc. Vi c un larna
singolo, cIc riuni l'uono alla sua irilu; cgli aricci, allora, al larna
conunc. Lc irilu fornarono lc soiiorazzc; lc soiiorazzc, lc razzc nadri. Lc razzc
nadri, i criodi di glolo, ccc.. Quando l'uono giungc ai lordi dcl Scniicro, si
disiacca, lcniancnic, dal larna anlicnialc, di razza, c iorna alla sua
rinordialc originalii. Qucsio noncnio c dclicaio. I Macsiri lo rcvcdono. Ed
c il noncnio in cui il ricIiano dcll'Angclo Solarc crca un'acuia nosialgia ncl
ncofiia. Lc aliiudini dclla socici non lo soddisfano iu. La viia dcllc cosc
naiurali non lo aiirac. Soravvcngono i sinlolici quarania giorni ncl dcscrio.
La soliiudinc, sc non naicrialc, conunquc siriiualc, circonda il disccolo. Ed
c una lczionc cIc dcvc sucrarc; lczionc rcvisia dallc rovc dcl Scniicro.
Franncnii larnici coniinuano a colirlo, con forza vccncnic, fincIc, doo la
icncsia, il suo Siriio affiora ncl "Fcgno dcl Silcnzio". Lu Vocc dc Scnzo
arla. Il larna crsonalc c csauriio. Ora, cgli si accingcr ad inncsiarsi ncl
larna lanciario. Cran iriudio, codcsio! Mcravigliosc nuovc lczioni cgli
inara. La lczionc dci "siddIi", o, dci oicri, crcdii dirciia di SIanlalla;
l'cscricnza dolcissina dcl lacio occulio dci Fraiclli di CcrarcIia. L'anlcsso
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

155
con il Fc dcl Mondo. L'inizio dcl sccondo Scniicro. Vi c un icrzo Scniicro; na, c
rcnaiuro arlarc di csso. Dasia acccnnarc cIc un icrzo iio di larna aarc.
Nc conscguc cIc c illusorio arlarc in icrnini di csaurincnio di larna; ancIc
sc gli Isiruiiori csoicrici Ianno csoriaio il disccolo in qucsia dirczionc. E
cIiaro cIc lc arolc di un Adcio vanno conrcsc; cd c cIiaro, ancIc, cIc
l'Adcio si rivolgc, scsso, a singoli grui di siudcnii cIc, cffciiivancnic,
dcllono csaurirc un ciclo larnico, a cIc, ncl soiiinicso, ossano cncirarc in
una sfcra di aiiivii sucriorc. Sfcra di aiiivii cIc, di soliio, l'Adcio lascia
iniravvcdcrc, scnza cnirarc in ariicolari, cIc acsaniircllcro di alirc inuiili
riccrcIc la ncnic dcl disccolo.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

156
- L21ON VNTUNS1MA -
TradIzIone e sIgnIIIcato deI mon1roms: magIco potere deIIa voce umana, veIcoIo dI
Iorza cosmIca.
L'antIca scIenza deIIa paroIa occuIta cbe porta rIsuItatI neI mondo terreno quotIdIano.
II potere deI pensIero

Siudicrcno il oicrc dci nanirans, nagici vcicoli di forza cosnica, in ogni loro
dciiaglio c cr quanio lc ossililii dclla ncnic unana crnciiano di
analizzarli. Pcr far ci c ncccssario andarc allc origini dcllc iradizioni sulla forza
dcl cnsicro unano, sullc iraccc siorico-csoicricIc, risalcnii agli aniicIi Crui
Iniziaiici dcl nosiro iancia, sulla cosiiiuzionc dcll'uono, uniio al cosnico, cr
sua naiuralc radicc.
La riccrca di una fornula siniciica, cIc raccIiuda lc infiniic ossililii dclla
conquisia unana, singc iuiii gli invcsiigaiori dcl cano occulio, siano cssi
Tcosofi, Massoni o Fosacrocc. La riccrca di una acc roduiiiva inicriorc, di
una conunii d'azionc, dclla caacii di arirc nuovi vasii orizzonii, iinii di
una irasccndcnza luninosa; la riccrca, in dcfiniiiva, di un oicrc lcn rcciso c
nciio, cIc siaccIi l'uono sicsso dalla sua ansia iinorosa di un duro dcsiino,
cIc lo aiianaglia a dcllc condizioni viiali dolorosc. Qucsia ragionc, nolilc c
sonianca, scnza dullio, oicIc scaiuriscc dal iu rofondo siraio dcll'anina,
c, cr, ncllo sicsso icno, la iu rolifica nadrc di un insicnc di
annclliancnii, di crisiallizzazioni ncniali, di fanaiisni inconirollaii, nclla
zona dcgli siudiosi csoicrici. Essa non iicnc conio, scsso, di una riinica
ncccssaria, ncllo sviluo dclla roria conosccnza, da scguirc,
arnoniosancnic, lungo iuiii gli siudi occulii; di uno sviluo cosianic di ogni
caacii inicllciiualc, cnoiiva c siriiualc dcl disccolo, nc iicnc conio cIc non
csisic argoncnio iu ricco di varianii c di luci inicrnc, ancIc sc osiulaio da
Lcggi fissc cd cicrnc, dcgli siudi cIc fa. Accadc, quindi, cIc l'acccnno
all'csisicnza di un orizzonic di cncrgic, da aric dcgli Isiruiiori Occulii,
rcccdcnicncnic rcclusc alla coscicnza crsonalc, la svclaia ossililii di
cncirarc in un nondo di ura forza, con dci nciodi lcn rccisi c aniicIi
quanio la icrra, aiiincnii al oicrc dcl cnsicro, alla riciizionc conirollaia c
coscicnic di vcicoli vcrlali cosiiiuiii, quali sono i nuntuns, siano scguiii, da
aric dcgli siudcnii, con una innaia frciia, con una rcciiiosa voloni di
siaccarsi dai ur scnrc logici raorii con il nondo naicrialc cIc li circonda,
con un'innaiurii, dclcicria a sc cd agli aliri.
La scicnza dci nanirans csisic; oria dci risuliaii dcfiniii cd c, giusiancnic,
un nczzo cr accclcrarc dci roccssi cvoluiivi, crsonali c cosnici, con risuliaii
dcl iuiio ininnaginalili da ncnic ncdiocrc unana. Ci, cr, non significa
cIc ialc sinicsi non ncccssiii di una foric cscricnza, in cIi l'adocra, c di un
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

157
suo diriiio icno a farlo; diriiio cIc nascc dalla causalc occulia rcincarnaiiva.
L'uono cIc usa, con succcsso c ncllc giusic dirczioni, il oicrc dcl cnsicro,
uniio al vcrlo nagico dcl naniran, Ia, ncllc assaic rcincarnazioni, suliio
iuiic lc rovc sul scniicro dcll'cvoluzionc, Ia coniuio iuiii gli aiii fisici ncl
nondo naicrialc, Ia durancnic lavoraio nclla sfcra dcll'oggciiivo, si cIc, ora, il
rofuno scaiuriio dall'aiiriio con il rcanc dcllc fornc c da lui guidaio, con
diriiio, qualc oicnic cncrgia, caacc di doninarc lc sicssc rcali csanii cIc,
un icno, lo orincvano ianio durancnic.
Alliano acccnnaio a qucsio, cr dinosirarc cIc solo un'anina naiura cr
cscricnzc assaic, u, occutuncntc, onuncuc VcIo Suco, con riusciia;
c non qualsiasi individuo. Puriroo, nolia nodcrna lciicraiura csoicrica
icndc a ronciicrc, lcggcrncnic, o, cr ccccsso di facili cniusiasni, da aric di
cIi scrivc, il raggiungincnio dcll'assoluio, sia ncllc viiioric infinc, cIc
sucriori, con la riciizionc di ccric frasi, o, con la scnlicc cnunciazionc cIc
iuiio c cncrgia; quindi, iuiio c lasnalilc, con lo sforzo dclla roria
innaginazionc. Ci Ia crcaio una cnornc confusionc ncl cano dcgli siudiosi
csoicrici. I scrii c garanii individui cIc, con sacro anorc c risciio cr la Vcrii,
Ianno, cr incarnazioni rcccdcnii, c cr anni, in qucsi'uliina, siudiaio lc
rofondc rcali dcll'occulio, coscicnii di adorarc l'Indcfinililc Divinii c di
saiurarsi dclla Sua Incrsonalii, c solo adcsso vcdono gcrnogliarc in sc dcllc
ignoic ossililii di raggiungincnii cosnici, assisiono ad una sccic di danza
rofana, aiiorno ad cssi, da aric di coloro cIc crcdono cIc l'csoicrisno sia
una anacca a iuiii i nali c cIc ccrcano di snanicllarnc la sullinc cd aurca
lcvigaiczza, con uno siudio crvaso, o, da coscicnic, o, da incoscicnic
faciloncria. Ci c siaio rcgisiraio dai Macsiri dcll'Occulio, cd una dcllc ragioni
cr cui oca iniinii v'c siaia, sinora, da aric di Essi, nci riguardi dcl folio
nuncro di siudiosi dcll'csoicrisno, c la lcggcrczza con cui vcnnc raccolio il
Mcssaggio di nolii Inviaii, ncgli uliini icni, ad cducarc la nassa, sull'Avvcnio
dclla Nuova Era, c sullc rivclazioni lcn rccisc di rcali sconosciuic a iuiii,
fuori cIc, in assaio, a ocIi clciii.
In cffciii, l'aiio siniciico dci nagici oicri ncniali u csscrc raggiunio; na,
ogni succcsso, in ial scnso, dcvc vcnirc durancnic agaio. Qucsia c la lcggc
dcll'occulio. La fclicii cicrna c finalc c conosia dai nuncrosissini franncnii
dcl dolorc di iuiic lc rcccdcnii rcincarnazioni. E la iraccia di iali dolori,
inrcssa, a fondo, ncllo siriio di cIi agiscc ncll'occulio, c il risciio cr sc
sicsso c cr gli aliri disccoli, acconunaii nclla ncdcsina cscricnza sacra c
nclla ncdcsina saggczza, c la coscicnza cIc il oicrc ncnialc sviluaio c
arona dcl dolorc, cIc fa si cIc ogni naniran, cIc ogni roiczionc siriiualc di
cncrgia dcll'iniziaio cosiiiuiscano, cr lui, un cffciiivo gcsio divino, un arlusio
d'anorc, un aiio di alia dcvozionc. Ecco, allora, la garanzia dcll'avvcrarsi dcl
oicrc ncnialc. Ognuno di iali nanirans, ronunciaii con un scnso, assicnc,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

158
di voloni ioialc c di udorc divino, cosiiiuiscc una forza frcncnic ncl cano
dclla nanifcsiazionc, di cui ocIi conoscono la oriaia.

Nci nanirans, iradizionc c originalii si fondono in una ncravigliosa
cocsisicnza di arnonic. E lo vcdrcno iu avanii. Il raorio cncrgia-naicria c il
landolo cIc dcvc vcnirc iniinancnic scocrio dall'occuliisia cIc raiica la sua
aric. L'Encrgia Cosnica, cIc riflciic lc roric nodulazioni d'onda ncl iano
naicrialc dcll'csisicnza, radunando l'inicnsii dcllc suc vilrazioni in aioni c
nolccolc visilili c crcando la iranidc di ogni oggciiivazionc naicrialc cIc
circonda l'uono, non acna cnira ncl ciclo dcl nanifcsio c, a sua volia,
incarnaia c riinaia dal olo oosio ad cssa; la sicssa naicria. Il linonio c
lcgaio in una inscaralilc unii di raorii. E, ancIc sc alla naggioranza u
scnlrarc cIc l'cncrgia, cosiiiucnic i vcriici sonni dcll'csisicnza, sia un faiiorc
lilcro c flucnic, ianio cIc non la si ossa rcndcrc, a sua volia, siruncnio di
naniolazionc, da aric dclla naicria, cssa c, conunquc, vincolaia alla naiura
dclla naicria sicssa. u, scdc scgcto dc nuntun.
I scnsi raffinaii dcll'iniziaio gli fanno raggiungcrc la crcczionc dcll'csisicnza di
una scnsiiivii cosnica, ovunquc il suo sguardo siriiualc vada a osarsi; sia
nci nondi sconosciuii, cIc srofondano ncll'inicrna inncnsii dcl rorio io,
sia ncgli oscuri larairi cclcsii, cIc si disicndono olirc lc galassic conosciuic, o,
ignoic, dcl ciclo sicllarc. Tuiio c scnsililc, iuiio c coscicnza frcncnic, iuiio c
icno di viia. Non csisic laio dcll'univcrso, ianio rarcfaiio ossa arcrc, ianio
di naiura soiiilc c siriiualc, cIc l'uono allia il diriiio di cIianarc vuoio
assoluio. Un riino, diluiio ncll'cicrnii dcl Cosno univcrsalc, inscriio in ogni
asciio di cncrgia c di naicria, conic, scnrc, un novincnio di sisiolc c
diasiolc, c oria l'cncrgia a icnsioni di indcscrivililc soiiigliczza - c cIc l'uono
cIiana "vuoio uro" - c, oi, d una caiarsi rinnovcllaia a qucl vuoio,
irradiandolo in uno siaio di csisicnza ancor iu soiiilc. Li, dovc un ciclo di
forzc, dunquc, Ia raggiunio un sonno grado di raffinaiczza, sia cr
annunciarsi un aliro cano di nanifcsiazionc. Ci vorrcnno cIc il lciiorc
conrcndcssc lcn cIiarancnic. Non csisic lo sazio, inicso conc onogcnca
forna viialc, riva di viia. Ma, invccc, una sfcra oicnzialc di csisicnzc,
lrulicanii di gcrni invisilili, cIc la Lcggc, coniinuancnic - soiio la rcssionc
dcl novincnio univcrsalc - oria in nanifcsiazionc, c cIc sono dcsiinaii, a
lungo andarc, ad cnirarc in csrcssionc visililc c iangililc ai scnsi unani. E
l'uono non Ia il diriiio, conc scsso fa, di nonoolizzarc la sfcra dclla sua
coscicnza inicriorc, cIianando il rorio sazio inicrno un'sou u sc stuntc c
stcc d ncdcnzc ucso u conuntu. Ogni cnsicro cIc clciirizza gli aliri
cnsicri dcll'uono nascc c si collcga, non gi ncllo sazio dclla sua anina, na,
ncllo sazio univcrsalc. Qucllo cIc l'uono considcra conc il iu iniino sacrario
dclla sua ncnic, nanda lc noic dcl rorio organo nusicalc a riflciicrsi su ogni
aliro sacrario dcll'csisicnza; lo
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

159
SPAZIO UNO, cIc c la Coscicnza Univcrsalc, c cIc si coniraonc all'illusionc
dcll'csisicnza di infiniii raorii csclusivisiici, disianii c convcrgcnii l'uno
dall'aliro.
Quindi, ogni cosa c cncrgia. Ma, quando vogliano analizzarc, rofondancnic, i
significaii dcll'cncrgia c la sua naiura, giungiano, cr forza di cosc, ad
analizzarc gli asciii dclla naicria; quando vogliano cncirarc la siruiiura
dclla naicria, lc diano dcllc risonanzc cncrgciicIc. Nc dcriva cIc l'uono dcvc
radunarc lc radici dcl rorio io ad una icrza cosianic. l'incsrinililc a ncnic
unana. Ncssuno Ia il diriiio di dirc cIc l'cncrgia rccsisic alla naicria, crcIc
ogni forna di cncrgia c, ur scnrc, una forna di naicria rarcfaiia. Ncssuno
u dirc cIc la naicria faccia nasccrc l'cncrgia, crcIc ogni cosa Ia naiura
fluida c novincniaia. La giusia via di nczzo, conc affcrn DuddIa, c lo siaio
di csiasi razionalc cIc dcvc conirollarc c riinarc la coscicnza di ogni occuliisia.
L'uono, di fronic al linonio cncrgia c naicria dcvc orrc un icrzo unio di
fulcro; la sua anina. L'anina cIc nascc dall'aiiriio ira lo siriio c gli siaii
dcnsi. Qucsio iriangolo gira voriicosancnic. si sa cIc csisic, si sa cIc c alla
lasc di ogni nanifcsiazionc; na, c indcfinililc, a arolc. Dcfinirlo sarcllc darc
un ali all'unica cosa ccria cIc vi sia. il novincnio inccssanic cd cicrno dcgli
univcrsi. Dio, inicso conc la iu raffinaia dcllc forzc di un ciclo, si riflciic in irc
osiulaii. il Padrc (Siriio-cncrgia}; il Figlio (l'anina, la coscicnza}; lo Siriio
Sanio (la naicria rinordialc, la nadrc fcconda}.
Quindi, una linca scnza condizionancnii c soluzionc di coniinuii. E uno
scaiurirc cosianic di linfc squisiic, in cui si allcvcra l'anino assciaio
dcll'iniziaio; c uno siaio di csiasi inccssanic, na, ur scnrc, inroniaia ad
un riino di inflcssililc razionalii inicrna. Egli oggia la lasc dcl suo io iu
vivo sulla icira angolarc dclla Lcggc di nanifcsiazionc. Encgu, cosccnzu,
nutcu. Egli sicsso c ialc Lcggc. Nc accciia la rcali innancnic c considcra lo
siraio vilranic di ogni cosa conc una lasira onogcnca di crisiallo guizzanic,
dallc infiniic sfunaiurc c rivcrlcri di lucc doraia. E non acna cgli si accingc
a siudiarc dovc, in csso, finisca la naicria, coninci la sua coscicnza, icrnini
l'cncrgia, il crisiallo gli si sczza ira lc nani.
Quando Pilaio cIicsc a Ccsu Crisio dovc fossc la Vcrii - qucstu uctu - l'Uono
Divino iacquc. Lo sicsso fccc DuddIa, ad una sinilc ricIicsia.
Nc si crcda cIc l'incaacii dcll'uono a volcr rcndcrc rclaiiva c fornalc l'onda
infuocaia dcll'Assoluio, arrivi a sninuirnc la conrcnsionc inicrna, in
roosiio. Ogni iniziaio sa, scnic la conlciczza dcll'Esscrc in lui; cd agiscc in
conscgucnza. Ma iacc. Ogni iniziaio Ia il raorio inicgralc con un scnso lcn
rcciso dci valori univcrsali. il scnso dclla conlciczza c dcll'arnonia in iuiic lc
cosc. Talc conquisia siriiualc si crgc ncl suo anino, con una forza cosi
incisiva c ioialc, cIc cgli non c iurlaio sc la sua incaacii a diingcrla
vcrlalncnic fa duliiarc gli ascoliaiori cIc cgli la osscgga, o, cIc la conquisia
csisia. Lascia cIc il ncofiia conia lc roric cscricnzc, sicuro cIc, ancIc lui,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

160
annuiolir di fronic all'incsrinililc, quando lo raggiungcr, c quando cair
cIc l'unico nodo cr oicr inrigionarc l'ucccllo radioso dcl divino, nclla
gallia doraia dclla coscicnza unana, c qucllo di cIiudcrnc, in silcnzio, la
iccola oriicina. Una volia dcniro l'anino unano, l'ucccllo gorgIcggcr, fclicc,
il suo canio d'assoluio; na, quando la vocc dcl razionalisno arlcr, csso
iaccr inncdiaiancnic. Coniinucr a gorgIcggiarc, doo cIc si sar rircso il
silcnzio. Talc canio non sar sninuiio nclla sua naiura. Fivclcr il riino
inflcssililc dcllc lcggi, la rccisa cosiruzionc arnoniosa dcgli univcrsi. Ma, solo
da un iano sucriorc alla ncnic unana, cIc non riguarda l'inicllciio infcriorc
dcll'uono.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

161
- L21ON VNT1DUS1MA - (por1e pr1mo) -
II rapporto tra II pIano vIsIbIIe e queIIo InvIsIbIIe deII'esIstenza. QuaI' II ponte cbe
unIsce I due?

Colui cIc dcsidcra divcnirc un saggio culiorc dclla scicnza dcgli Iniziaii, ur
osiulando la siruiiura dcl rorio io su di una irasccndcnza originalc,
inconccililc a ncnic unana, dovr cncirarc ncl riino dciiagliaio di uno
siudio razionalc sugli cffciii dclla Causa Incausaia, avcndo Qucsi'Uliina conc
sfondo ncccssario ad ogni cnsicro cd azionc. Inuiilc volcr ccrcarc di frcnarc
l'inccssanic fluidisno clasiico dcllo sviluo di ogni rcgno dclla naiura (dai
visilili agli invisilili} con l'invcsiigarc sulla Fagionc Prina di iuiia la
nanifcsiazionc univcrsalc; lo sguardo dcll'uono giungcr a scorirc dci Punii
Cosnici a cui il nosiro sisicna solarc c lcgaio, cr fondazionc occulia c cr
assorlincnio cosianic di cncrgic; nu, non s sscu, nu, ud un duto ognutoc,
u cu s uccu 'ntcu csonsuItu dc'csstcnzu d ogn unucso. Dovr
siudiarc l'asciio asiraiio dclla lcggc di crcaiivii, laicnic in ogni scIcna di
csrcssionc viialc, consacvolc cIc la ncdcsina riina il rorio ulsarc, sia
ncnirc vivifica la viia di un infusorio, cIc quclla di un sisicna solarc; c lo fa
scnrc nclla sicssa nanicra. Arcsa la Lcggc Unica, cgli alicIcr,
consacvolncnic, iali diagranni di nodulazionc, ovunquc c quando lo vorr.
Considcriano, quindi, un rino osiulaio. Esisic un'unica sosianza, nadrc
dcllc alirc, cIc gli indiani cIianano muIaprakrItI (radicc dcll'csscrc}, sin dai
icni dci icni. Non ossiano dcfinirla conc cncrgia, nc conc naicria. E lo
alliano visio nclla rcccdcnic lczionc. Possiano solianio annciicrc cIc ialc
sosianza si nanifcsia ai scnsi dcll'uono - sia nciafisici, cIc fisici - in vari siaii
di soiiigliczza. Quando cssa Ia raggiunio una nassiccia quadraiura dcllc
roric ossililii di nanifcsiazionc noi diciano cIc dcicrnina il nondo
naicrialc c visililc, qual'c da noi conosciuio; quando, invccc, il suo siaio c
iroo rarcfaiio cr csscrc coscicnicncnic crcciio dall'uono conunc noi ci
iroviano a cIc farc con i nondi soiiili, di cui ianio arlarc si fa, in scno ad
ogni rcligionc nondialc; o, con lc forzc sconosciuic, curc oicniissinc, dcl
cnsicro, dclla nagia, dcll' Adciaio. E sc, in una rina analisi, alliano diviso
il rcanc dcl nanifcsio in duc orzioni grossolanc - il visililc c l'invisililc -, ad
un ulicriorc c iu arofondiio csanc dclla siiuazionc, vcdrcno cIc scttc sono
gud d sunutuu, csstcnt n scno u qucstu nutcu ognuc. la nularalriii
dcgli indiani. Lc lciicraiurc icosoficIc, o, csoicricIc, o, iniziaiicIc di iuiii i
icni Ianno cnciraio a fondo il nuclco di iali sciic rcani. La Kalala arla dci
sciic Troni Angclici, dci sciic ScIiroi; gli occuliisii, dci sciic iani di csisicnza,
ccc.. I caiiolici, scnza cognizionc di causa, affcrnano l'csisicnza dcl aradiso,
considcrando uno ira gli infcriori di iali iani, in cui si annida la ulsazionc
siriiualc dcll'anina unana, doo avcrc olircassaio il "vclo" dclla noric dcl
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

162
coro fisico. Il lciiorc Ia conosccnza di iali iani; c sa cIc il nondo fisico c
l'uliino c iu lasso di cssi, c cIc ogni sua incarnazionc lo disiacca dai nondi
sucriori, cr innciicrlo, nuovancnic, ncl riino dclla naicria, ovc la roria
anina acquisia l'auiocoscicnza c una consacvolczza di oicrc c sacrc.
Conunquc siano lc cosc c qualunquc visionc allia lo siudioso dcll'asciio
ignoio dcll'csscrc, un faiiorc risulia inorianic. In iuiio qucsio raorio ira il
nciafisico cd il fisico, non v'c siasi, o, scarazionc. Una rccisa inicrrclazionc
si svolgc ira il iano visililc c l'invisililc c lcga il rino al sccondo (c viccvcrsa},
fino a quando non si c scocrio il nodo conunc ad cniranli. Il novincnio
dclla naicria univcrsalc c scnrc in ondulazionc. Lc forzc dci iani sucriori a
qucllo unano sono in cosianic novincnio c nuiancnio c si annidano ncl
nondo oggciiivo, non solo scnza cIc qucsi'uliino sc nc rcnda conio, na,
addiriiiura - quando cssc scaiuriscono da Iniclligcnzc Sucrnornali -
conduccndonc la nanifcsiazionc.
Non si u ncgarc l'csisicnza di un conirollo sucriorc allc cosc di qucsia viia.
Tanic ragioni, ncl rcccnic sviluo dcl cnsicro unano, si sono rivclaic cfficaci
all'uoo, cIc divicnc dognaiico ncgarc l'csisicnza dcl nciafisico. Si iraiia,
solancnic, di nuirirc l'iniclligcnza unana, dando una sicgazionc scicniifica c
razionalc al faiio. Il nodo viialc ira l'csrcssionc fisica solida c quclla
cncrgciica, la scicnza lo Ia sciolio con la scocria dclla disgrcgazionc aionica;
c coniinua a dianarlo, iranuiando l'clciiricii in naicria, c viccvcrsa.
Alirciianio, ancIc sc inroriancnic, Ianno faiio lc liiurgic di ogni icno,
ccrcando di vincolarc l'uono naicrialc ad uno sfondo lilcraiorio di forzc
irasccndcnii c ccrcando di indicargli l'csisicnza di un faiiorc di caiarsi, fuori
dal iano visualc. Ma, l'affcrnazionc di ccrii dogni, la cocrcizionc, da aric
dclla casia saccrdoialc, in gcncrc, alla fcdc, oriaia conc ollligo, cIc non
annciic discussionc c oria alla sconunica colui cIc non la csicrna, c alirc
varic ragioni, Ianno allonianaio nolii validi cnsaiori da cssa, cd Ianno
crcaio, dall'alira aric, una scIicra di individui cIc, cr scrvilii arossisiica,
ncgano alla roria ragionc un novincnio individualc c si rcarano, cr lc
cocIc fuiurc, a cicli di innolilisno siriiualc.
Sc l'occuliisno clciio affcrna cIc dcicrninaic cosc non ossono vcnir
naniolaic ancora dalla sfcra dcll'inicllciio concrcio, dall'alira soggiungc cIc
cssc vcrranno crcciic da un soiiilc scnso dcll'iniuiio siriiualc. Qucsia non c
fcdc cicca; c il significaio di IuddI, conc in oricnic vicnc cIianaio.
CcrcIiano, dunquc, la nolilc via di nczzo c crvcniano al sccondo osiulaio
dclla nosira riccrca. L'unica sosianza, cIc alliano cIianaio nularalriii, c in
cicrno novincnio; riudia la siasi. Sc cssa, al iano di coscicnza a cui c giunio
colui cIc analizza la siiuazionc, gli si rcscnia conc la radicc dcl rorio
orizzonic anlicnialc, si riflciicr in un ulicriorc asciio soiiilc, dal qualc
irradia l'anio nanicllo dclla sua naiura, c con il qualc lasna il ncdcsino
orizzonic. Talc radicc, gli indiani cIianano PuuIuInun. Inuiilc volcr fissarci
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

163
sui icrnini. DraInan, dal sanscriio, significa. l'originaiorc dcl novincnio,
nclla sfcra iu adcrcnic alla coscicnza dcll'osscrvaiorc (da lriI nuovcrsi};
Para, significa. "ci cIc c rina". Quindi, ci cIc c rina di nularalriii. In
ocIc arolc, il sccondo osiulaio affcrna cIc il iu csanic dcriva dal iu
soiiilc c qucsi'uliino - aggiungiano - dcicrnina c conducc il iu csanic.
Disogna andarc allc origini cd unirc c vivificarc l'asciio di viia cIc vogliano
adroncggiarc, con lc suc iu iniinc radici. Qucl cIc ci aarc cr
nanifcsiazionc visililc c condoiio c sorrciio dall'invisililc; solianio inarando
a conosccrc ialc invisililc oircno conirollarc il visililc. Ecco, quindi, la
ragionc cr cui la forza dcl cnsicro c considcraia la irionfairicc di ogni
oggciiivazionc naicrialc, c, con cssa, gli Adcii ricscono a guidarc il rorio
dcsiino c qucllo alirui, sc ncccssiianii a farlo. Ma, non si crda, nai, di visia lo
sviluo arnonioso di ialc oicrc. Noi alliano arlaio di Adcii. L'uono
conunc non u, ancora, con il cnsicro, conirollarc lc forzc dclla naiura,
conc faccva Ccsu, conc faccva Mosc, ccc.. All'inizio, innaffiando con lc dcloli
cncrgic cIc ossicdc il rorio giardino sicIico, incrlcr di rugiada i gcrni,
cIc si svilucranno in saldo oicrc, un donani; incrlcr di rugiada
l'individuo anaio, cIc fa aric dcl suo gruo siriiualc. Unir lc roric forzc
al fascio ncnialc di coloro cIc, ncll'unanii, agiscono nclla ncdcsina
dirczionc, crcando un voriicc sicIico conunc, di grandc aiuio alla clcvazionc
dcl gcncrc inicro.
QualcIc ioiciico siudcnic oircllc oliciiarc cIc i icrnini "nularalriii c
aralraInan" si rifcriscono, nclla lciicraiura c ncgli siudi sanscriii, alla
naicria rinordialc, nci suoi asciii; cioc, alla lasc di ogni cosiruiio fisico cd
cncrgciico, di ci cIc aarc conc anorana di univcrsi sicllari c ncniali. CIc
i duc icrnini furono, scnrc, adocraii cr indicarc il rino cncrgcrc di un
sisicna solarc, ncllc suc fondancnia originali. A qucsia oliczionc, noi
coniraoniano i duc concciii, insiii ncl significaio dcl ciclo c dcl rinciio
dclla lcggc. Esisic una lcggc cIc si arc, ncravigliosa c ioialc, in ogni
franncnio dcll'csrcssionc, sia in lasso cIc in alio. Esisic un dualisno, cIc si
riuniscc ncl irialisno da noi analizzaio ncl aragrafo rcccdcnic, cIc c
urancnic asiraiio. CIi conoscc i icrnini di ialc fornula csrcssiva dcl crcaio,
non u - c ci iracla ancIc nclla iu rofonda lciicraiura dcgli Adcii
dcll'Arcano - affcrnarc cIc nularalriii c aralraInan siano rcrogaiiva dcllc
Origini di un Cosno c cIc, idcniici, non aaiano ncllc ulicriori fasi succcssivc
dcl suo cvolvcrsi. Ogni iano Ia irc asciii. la naicria dcnsa, (nutcu}, la
naicria ncno dcnsa (sto) c la coscicnza cIc si svilua in cssi, a scconda
dci raorii di aiiriio cIc un dcicrninaio ciclo inonc a quci oli (unnu}.
Conc dissc un Macsiro dcll'Occulio - K.H. - "Esisic solo la naicria, cIc
crciua sc ncdcsina, ncl riino ollligaio dcgli univcrsi".
Focalizziano, quindi, l'aiicnzionc ncl landolo cIc uniscc i duc oosii alla
nanifcsiazionc. Qual'c il icrzo vcriicc dcl iriangolo? Cos'c cIc d la lilcri di
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

164
dccidcrc in cIc unio csisiano i liniii dclla zona dcll'cncrgia c lo siraio dclla
naicria? Lo scicnziaio u cIianarc ialc incrocio di cniii. la naccIina. Lo
siriiualisia u affcrnarc cIc si iraiia dclla coscicnza. L'iniziaio dicc csscrc la
voloni. Il Macsiro raduna la coscicnza, la siruncnializzazionc dclla ncdcsina
c la voloni, c dcicrnina il icrzo faiiorc ai duc rcccdcnii - siriio c naicria -
cIianandolo. gustu uu d nczzo, cco. Non csisic danzaiorc iu arnonioso di
un Macsiro, ncl riino sacro dci raorii; non csisic caniorc iu dclicaio dcllo
sicsso, il qualc saia affcrrarc lc noic discordanii di ogni oosio, fondcndolc
in un arcggio, ovc la soluzionc c la nisccla adaiia c irionfanic. Tra l'csscrc cd
il non csscrc, lo siraio dcll'io cncira in un'alcIinia di liquor-viiac, da cui
scaiuriscc la linfa dclla rosccuzionc dcgli infiniii. Lo siaio di icnsionc dcl
finiio, c ncll'anino dcll'uono cIc si allcnia c divicnc infiniio. Il nuclco di viia
rinordialc si rinnova, coniinuancnic, nclla coscicnza dcll'iniziaio. E solo
un'anina ura, figlia dclla sua coca, figlia dcl rciaggio di una lunga cvoluzionc
rcincarnaiiva rcccdcnic, c ricca di ogni sfunaiura ncccssaria cr divcnirc
adrona dcll'arcolalcno, cIc srizza dallc ali luninosc dcll'arala fcnicc, cIc
rinnova scnrc sc ncdcsina dallc roric ccncri. Qucsia c la ragionc cr cui
affcrnanno cIc, nclla scicnza dci nanirans, iradizionc cd originalii si
fondono

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

165

L21ON VNT1DUS1MA - (por1e seoondo)

Cos' e come nasce Ia coscIenza?
II segreto deI IungbIssImI cIcII dI manIIestazIone e dI morte dI questo pIaneta, dI
questo sIstema soIare, dI questo sIstema cosmIco.
Cos', e come sI manIIesta II potere dI u mantram e deI pensIero proIettatI
magIcamente?
GII errorI e gII orrorI deIIa magIa nera.

Cos'c la coscicnza, quindi? Cos'c quclla radicc niralilc cIc, quando sviluaia
ad un csircno grado di nusicalii viialc, di un naicrialc siaiico cd incric,
scIiavo dcl arassiiisno alla naiura circosianic, nc fa un Adcio di oicrc?
Cos'c qucl niralilc calcidoscoio cIc, ur scnrc fisso c inncrso nclla
ncdcsina siruiiura radicalc, ad ogni novincnio sonianco iravalica il soiiilc
cd il iu soiiilc, cncirando in un rcanc cIc gli iniziaii cIianano angclico;
carcndo la lcllczza ai cicli inicrni, radiando ncl nondo naicrialc un rofuno
di nuovc c iu rofondc roncssc di conquisia; roduccndo, a sua volia, la
naicria fisica, cssa sicssa naia da naicria?
A qucsio unio, iorniano ad uno dcgli assioni rosciiaii nclla rcccdcnic
lczionc c considcriano quanio l'cncrgia, non acna scadc dalla sua virginalc
urczza rinordialc, c causa di ogni novincnio dclla naicria in cui sgorga;
na, ancIc, si irova a icno ciio il sigillo dclla ncdcsina. Il scrcnic cIc si
nordc la coda c giusio sinlolo a ialc vcrii. Non acna il ciclo aarc,
cncrgia c naicria si risolvono in un linonio, cIc assaora ogni riflcsso
rcciroco, nclla rcciroca sfcra d'azionc. Trovandoci ncl ciclo, non ossiano iu
dirc cIc l'uono Ia la lilcri di adocrarc cncrgia ura, qualc cssa saiolla gli
univcrsi al di fuori dcl suo; na, dcvc csirarrc dallc coniingcnzc una cncrgia
cducaia, asscrviia alla duraia dcl ncdcsino ciclo. La Doiirina scgrcia di H.P.D.
affcrna cIc, olirc i confini dcl sisicna cosnico, da noi aliiaio, csisic una
larricra insornonialilc, ancIc dagli sicssi Dci dcl sisicna solarc, cIc non
valicIcranno sc non coloro cIc si riuniranno in Scno al Padrc, al icrninc di un
MuIu-nunuuntuu (l'inicro ciclo di una "Incarnazionc Solarc"}.
Un Adcio oricnialc di saggczza - noio in occidcnic - aggiungc cIc il Sisicna
Solarc ossicdc una dcicrninaia riscrva di forzc clciironagnciicIc, cIc fluiscc
di coniinuo c sccondo un arnonioso riino di ulsazioni, in ogni zona dcllo
Sicsso, nuircndo il iu iccolo aliianic, cd il iu sullinc Poicrc.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

166
Trovarsi in un noncnio csisicnzialc qual'c il nosiro, inscriii in un iancia vivo
qual'c la icrra, in una razza ariicolarc, in un daio anlicnic, significa dovcr
crdcrc di visia la ossililii di iornarc ad adocrarc l'cncrgia ura, in sc
sicssa, cr aiiingcrc, invccc, al suo addoncsiicancnio, iniriso di una
iradizionc, di un riino nanifcsio, di una finalii lcn rccisa. Pcr noi, cncrgia
ura c sinonino di ncgaiivii. Lo sicsso Fuoco Inicrno di un Solc, la sicssa Sua
Coscicnza si c riiraiia, rina dcll'aiiualc nanifcsiazionc, dal luio gclido di ialc
cncrgia "d c sc", c dunzzuc, ud otunzu, conn dc oo sstcnu, con
u ou nuncstuzonc.
E, quindi, ncccssario icncr rcscnic lo siraio di vilrazioni rcccdcnii l'aiiualc
cscricnza, riniracciarvi l'orna di una viia cIc, laioccIio di una doraia
canana, Ia scnrc ulsaio in cssa, c vcdcrnc la naiura, alla lucc di una
iradizionc aniicIissina, cIc si riallaccia a cicli di csrcssioni, cnanaic da iuiio
il gruo unano, cr oicr cairc cosa sia il potere dI un mantram e deI
pensIero proIettatI magIcamente. In ci, l'uono c ollligaio ad accciiarc sc
ncdcsino conc fruiio di raorii inicgrali. In ci, crra la nagia ncra cIc, di
ogni suo rarcscnianic, fa un uioisia, alla riccrca dcl oicrc c dcl sacrc
singolo. Infiniic causali Ianno daio lc aiiuali ossililii di viia all'uono; in
sccial nodo, ci rifcriano allc ossililii dci suoi oicri soiiili. Egli non u
farc a ncno di riniracciarlc in sc ncdcsino, quando siniciizza in un fascio
unifornc la roria voloni, cr concrciarla in un suono nagico, in un
naniran; nc, u isolarsi da loro. Dcvc riniracciarc la iradizionc, dcvc sacr
iornarc ad assaorarc qucllc sosianzc soiiili cIc si inciscro su di lui, ncnirc
cra icira dcl rcgno nincralc, fiorc dcl nondo vcgcialc, aninalc ira gli aninali,
iniclligcnza unana, ira gli uonini. E iali csscnzc cIc dcvc inararc a iraiiarc,
coscicnicncnic, ncnirc, a sua volia, si rivolgc, in osizionc aiiiva, al crcaio,
cr crcarc. E ialc sanguc cclaio cIc dcvc scniirc aliiarc in sc, rina di
convogliarlo ad irrorarc la icrra in cui nacquc; l'occulia, lcn si inicndc. E, in
ocIc arolc, il suo raorio crsonalc con la Fonic di ogni viia cIc dcvc
riallacciarc, giunio all'auiocoscicnza. I nisiici cIianano ialc raorio. 'unonc
con duno. Cli csoicrici, iu scnliccncnic. 'unonc con u GcucIu Huncu;
o, con nondo ungcco.
A ialc raorio non si giungc solo con sforzi cnoiivi, ancIc sc luninosi, o, con
il uro c scnlicc nisiicisno. E ncccssaria u usonc. Lo studo dcu stuttuu
ntcoc dc nondo s ucu onduncntuc. Ciungc un noncnio, cr ogni sanio,
cr ogni occuliisia, in cui il rcanc dcllc rcali sucriori, cIc lo ricIianava cosi
acuiancnic, cd a cui cgli risondcva con una cicca inirovcrsionc, gli si nosira.
Ed, ivi, rcgna arnonia; ivi, la nusica dcllc sfcrc si nanifcsia, cosi
gcrarcIicancnic disosia, cIc la Scala assunc un significaio, non solo di
lcllczza, na, di oicrc. Il sanio ccssa di csscrc un scnlicc ananic; c ducnc
un ununtc-cIc uo. Lu Iuonu uoontu s tusnutu n uoontu d Icnc.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

167
Soliiancnic, il conunc siudioso di cosc occulic scguc, ancIc sc lcggcrncnic, la
sirada dclla nano sinisira, conc vicnc cIianaia. Cioc, ur non rcndcndoscnc
conio, c ur ncscolando, nci suoi siudi c riccrcIc, ancliii di anorc, cgli vuolc
isiiniivancnic rccucrarc una fornula cIc lilcri la sua crsonalii dalla norsa
dcl dolorc, il qualc, indulliancnic, gioca, ancora, la aric di roiagonisia nclla
nosira viia quoiidiana. Non Ia ancora conrcso di csscrc un unio vivo di un
icssuio clasiico, cIc vilra inicnsancnic c, lo vcdrcno, ad ogni iu iccolo
novincnio sicIico; un icssuio cIc collcga la sua viia, i suoi succcssi, la sua
ncia, alla viia, ai succcssi, allc ncic dci suoi sinili, c, ancIc, di coloro cIc lo
sucrano di nolio sulla sirada dcll'cvoluzionc c dclla viia. Qucsio c inorianic
rcgisirarc, rina di cairc, a fondo, la naiura dci nanirans. Prina di rcalizzarc
quanio un naniran sia, alla volia, di aaricncnza a cIi lo ronuncia c di
aaricncnza al rcsio dcll'unanii; sia il fruiio di una cvoluzionc assaia, c,
quindi, soiiilncnic lcgaio allc fonii di cncrgia cIc ialc cvoluzionc iraii c
naniol, rcccdcnicncnic, lungo i nillcnni irascorsi; c sia, urc, qualcosa di
csircnancnic originalc, oicIc da la ossililii a iuiia la viia lanciaria di
avanzarc olirc, ncl nuovo, ncll'inaiicso.
Considcriano, quindi, ialc cvoluzionc cd i raorii cIc Ia con l'uono; na,
considcriano, ncl conicno, la ragionc cr cui l'uono c sinilc al dio, figlio di
Cca, la icrra, cr cui gli dcriva un oicrc ncnialc c siriiualc, un
arriccIincnio di inscraic cncrgic, ogni volia cIc inncsia lc roric radici nclla
sicssa iradizionc, conc qucl dio vinccva Ercolc, ogni volia cIc i suoi icdi
oggiavano sui sassi. Dolliano, cr, analizzarc il rollcna, aricndo da
scciali rcsuosii; solo dando alla naiura dcl nosiro siudio una qualii c
una fonic di nolili, quali sono lc vcrc origini nagico-siriiuali dcl nosiro
sisicna solarc, c non qucllc conosciuic dalla ncdia unanii.
E, ncnirc, sino ad ora, alliano iraiiaio con criicri razionali c scicniifici gli
argoncnii addoiii a darc un rino allozzo alla scicnza dci nanirans, siano
cosirciii, cr un lrcvc cannino dclla nosira disscriazionc, ad affidarci ai
aliii iniuiiivi dcllo siudioso, quando gli dclinciano l'inquadrancnio dclla
CcrarcIia Dianca. Sia al disccolo, in scguiio, vcnirc in raorio dirciio con la
crifcria di ialc Macsiosa Aura, con un nondo inicrno a iuiii gli aliri, c
coglicrnc qualcIc larlunc iu acccniuaio, o, addiriiiura, crncarsi dclla lucc
dci iu fulgidi Asiri cIc la caraiicrizzano. Tuiio dcvc csscrc inscriio ncl quadro
di una conosccnza cnuclcaia dclla scala di valori, lcgaii alla cosiruzionc cd alla
crciuazionc viialc dclla naiura, qualc noi la conosciano, crcIc un naniran
coninci ad acquisiarc, agli occIi dcll'csoicrico, colorc c forna dcfiniii. Al
icrninc dclla lciiura, il oicrc dci nanirans aarir, oicnzialncnic,
svisccraio, ncnirc noi avrcno ioccaio vari argoncnii cIc lo siudioso u
considcrarc non criincnii al faiio. Conunquc, nolio dcvc agirc, nclla sicssa
lciiura, l'iniuiio dcllo siudioso. Si dcvc conrcndcrc, analizzando il icssuio di
una scia cosi finc c ariisiica qual'c l'occuliisno, cIc, ad un daio unio,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

168
roiagonisia dcgli siudi in qucsiionc divicnc l'anina dcl disccolo; il suo
iniuiio. Non si u sicgarc a arolc iuiio l'occuliisno. CIc qucsia lcggc sia
lcn cIiara. E l'isiruiiorc diffida, sia di colui cIc, facilonancnic, affcrna cIc lc
Cosc Sucriori sono ianio scnlici da risuliarc alla oriaia dcl lallro di
ognuno, sia di colui cIc asscriscc cIc non csisic ossililii alcuna di oriarc
in lasso lc vilrazioni dci nondi soiiili. Vi sono dcllc rivclazioni lcn rccisc, in
ncriio all'Univcrsalc. Ad cscnio, la Scala CcrarcIica dcllc oicnzc cclcsii, i
iani dclla naiura, il dianarsi riinico c gconcirico dcl nondo dcvico, o,
angclico; il suo raorio con ogni rcgno nanifcsio dclla naiura, gli influssi
asirologici, ccc.. Il disccolo vcdc svclarsi, alla lucc dclla sua coscicnza, il Piano
dcll'cvoluzionc, a franncnii. Siudi sulla rofonda sicologia dcll'anino unano,
quali c ossililc rccucrarc ncllc lillioiccIc ncdicIc c nci sciiori di
invcsiigazionc filosofica; c siudi, ancora, di alia naicnaiica, di fisica, di
cIinica, c di ogni alira scicnza unana lo oricranno ad un unio criiico in cui
gli c ncccssario farsi dcllc donandc lcn dciiagliaic. La scicnza lo condurr ad
uno siudio di acuia insoddisfazionc, avcndogli crcaio il ncccssario icdisiallo
ad un ulicriorc arofondincnio dcllc cosc. E, qui, inicrvcrr l'occuliisno.
Qucll'occuliisno cIc non c da confondcrsi con sirani nodi di cnsarc
sircgoncscIi c illividiii da un'onlra di riccrcIc sicoaiicIc, rcsiduo,
ncll'aiiualc socici, di aniicIc sfcrc inicriori, riallaccianiisi a ricordi aiavici
rcincarnaiivi di riii irilali, ccc.. Qucll'occuliisno cIc un Macsiro di oicrc
cIiana. "La sinicsi di ogni scicnza csaiia". Sc il disccolo di cui arliano avr
la foriuna di inlaiicrsi in luoni icsii di Magia lianca, cIc non lo innciiano,
inrovvisancnic, in un nondo fcnoncnico, na, gradualncnic, gli cducIino il
scnso dcll'iniuiio, sviluaio da siudi concrcii c non originali, in scno alla
socici cIc lo allcv, c gli dinosirino, innanziiuiio, il ncsso cIc csisic ira il
nondo oggciiivo c qucllo dcll'cncrgia, cd il raorio innaio cIc l'anino
dcll'uono Ia con i duc, lariccniraio dcgli sicssi, rina, o, oi, in ogni caso,
ialc disccolo si irovcr di fronic ad affcrnazioni cIc, cr il noncnio, non
oir convalidarc con la sua cscricnza. Affcrnazioni divcrsc da qucllc scnlici
cd iniziali, cIc sono l' "A D C" dcll'arcano. Concciii conc la rcincarnazionc sono
difficili ad accciiarsi da un'anina inrcaraia; c, ancIc sc cssa c ialncnic
nusicalc, all'inicrno, da crccirc un riino incluiialilc in iuiic lc noic dclla
naiura, ancIc sc avr affcrraio il concciio cIc lo siriio rcccdc la naicria, na
c, scnrc, scguiio dalla sicssa, lisogncr cIc il suo sulconscio iranuii ogni
nozionc sulla rcincarnazionc c nc vcda il sisicna cducaiivo in una lucc nolio
ania, crcIc, finalncnic, un giorno, si accorga di quanio il fcnoncno lc sia,
non gi faniliarc, na un faiio consiaiaio. In ogni nuova cscricnza ci vuolc il
coraggio cIc cncrsc, assoluio, nci rini csloraiori cIc avanzavano in una
sconosciuia rcgionc, ncll'aiicsa di fcrnarsi alla icrra roncssa, c cIc
crccivano solo cr fiducia ncl rorio iniuiio c con ocIi daii gcografici. In
ogni nuovo avanzancnio siriiualc ialc coraggio dcvc vcnirc diluiio, rina ncgli
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

169
siudi; oi, ncllc cscricnzc crsonali. Accciii, quindi, lo siudcnic, quanio la
iradizionc rioria, da nillcnni, c quanio c soggciio di cscricnza, cr nigliaia
di crsonc. Tcnga la sua analisi soscsa, in aiicsa dcll'aiiino nagico cIc gli
far isiiniivancnic riudiarc ci cIc non c d'accordo con la roria alia
ragionc; ourc, accciiarc ci cIc scniir, cr rcali di faiio. Ma, icnga
rcscnic cIc i iu lucidi c fissi nuclci di dogna iniziaiico, da aric
dcll'occuliisno, sono dcl iuiio razionali cd allincaii al iu solido luon scnso
cosnico. E, sovcnic, c l'infaniilc rcdisosizionc al nisiicisno scnza rcsc
voliiivc, c, quindi, insialilc, cIc, di fronic ad una icira angolarc qualc c la
Doiirina Scgrcia, fa vacillarc lc igrc aninc dci sognaiori c lc fa allonianarc dal
Scniicro.
Di conscgucnza, doo avcr analizzaio l'asciio lilcro dclla forza univcrsa,
aliianic c soggiaccnic al nosiro sisicna solarc, doo avcr affcrnaio cIc csso
avviccnda lc suc iu rofondc risorsc cvoluiivc in un riino cndolarc, in cui
cncrgia c naicria si inncsiano in un rcciroco allraccio, rcalizzando il
nanifcsio qualc noi lo conosciano, cniriano un iu ncl rofondo c
considcriano qual'c la iradizionc lasilarc, non solo all'inicra unanii, na, ai
diffcrcnii rcgni dclla naiura, c cIc rcnc c nodclla, a rcscindcrc dalla sicssa
voloni dcll'uono liniiaio, ogni suo cnsicro, ogni sua dccisionc, ogni suo aiio
occulio. Incanaliano, ncllc giusic linfc viiali, lc foglic nagicIc cIc sono i
nanirans iradizionali, sul rano sviluaio dcll'uono cvoluio.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

170
L21ON VNT1DUS1MA - (por1e 1erzo)

"..."VoI tuttI sIete deI.." - (CrIsto).
OgnI cosa vIbra.
C1 cbe attornIa II nostro unIverso

"In nco cu ucIo...."
La rcligionc caiiolica d l'avvio al vangclo di S. Ciovanni, con iali arolc. Ed il
Crandc Iniziaio d'anorc, cIc c Ciovanni, sccondo la sioria siriiualc dcgli
uliini duc nillcnni occidcniali, inizia la sua rivclazionc. Vcrlo c arola divina.
Ncl nosiro caso, arola divina cIc crca un univcrso. Vcrlo, qui, Ia lo sicsso
significaio di naniran. Con la diffcrcnza cIc, in scguiio, l'ignoranza dclla
classc caiiolica occidcnialc c dcl suo clcro linii il vcrlo divino ad un'unica
csrcssionc, l'originalc, naniolando cd aniroonorfizzando il rinciio di
novincnio univcrsalc - cIc inccssanicncnic crca - in un dio, il qualc, una
ianiun, nodcll iuiii gli univcrsi, con il oicrc nagico c riinico dclla sua vocc.
I iu saggi indiani, invccc, allincaii al vcro scnso dcl concciio, non crisiallizzaii
in un narcisisiico c siaiico orgoglio di classc, da nillcnni, avcndo caiio il vcro
significaio dclla lcggcnda, c, iu unilncnic, uniii all'Eicrno Vcrlo dclla
Incrcaia Causa, nc crciuano la naiura cd il riino, con u sccnzu dc
nuntuns. Ovvcro, cr cssi, ogni vilrazionc Ia un oicrc assoluio. Cosa cIc la
scicnza Ia rcccnicncnic scocrio. Ogni uono c Dio c la diffcrcnza ira oicrc c
non oicrc c la conosccnza. Conc dissc Crisio. "Voi iuiii sicic dci", c conc
dissc DuddIa. "L'ignoranza c alla radicc di ogni nalc c, quindi, di ogni dolorc".
Non lasia, quindi, sacrc cIc ogni vilrazionc crca. Disogna rcalizzarc cIc
TUTTO VIDFA. Ncl novincnio inccssanic, la narca dcll'csscrc fa scaiurirc, da
sc ncdcsina, ondc scnrc vcrgini di nuovc cscricnzc c di nuovi coniaiii.
L'uono vivc in un occano di cncrgic, cIc non asciiano aliro sc non di aarirc
in nanifcsiazionc iangililc. Tuiii i rcgni dclla naiura rccsisiono in un asciio
arcIciiico c caoiico, rina di cncrgcrc ncll'ordinc cosiiiuiio dall'oggciiivii.
Ma, non solo la anoranica dcll'orizzonic csisicnzialc, qualc ci aarc nclla
sua inncnsii icrrcsirc, c lcgaia alla lcggc dcl divcnirc, dall'invisililc al
visililc; ancIc i ninuii asciii dclla viia, in scnso unano c non unano,
scaiuriscono da rcccdcnii novincnii inicriori cd invisilili. Ci lo consiaiiano
dal fcnoncno dcl oicrc dcl cnsicro; dal fcnoncno dcl larna; dal fcnoncno
dclla lcggc cIc affcrna. "all'cncrgia scguc la naicria"; dal fcnoncno
dcll'clciiricii, cIc si iranuia in solidificazionc di aioni, c viccvcrsa.
Sc iali lcggi cffciiivc, a ariirc dal nacsioso univcrso in csrcssionc, sino a
giungcrc al novincnio luccicanic di nillc c nillc aliiii crsonali dcl cnsicro
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

171
unano, cIc si dovranno iradurrc in caraiicrc lcn dcfiniio, in dcsidcri, in
acquisizioni, nclla socici acria, da aric di colui cIc lc origina, rcsiasscro
acriancnic disciolic, scnza arginc, scnza un riino inosio da aric di
Iniclligcnzc Sucriori, o, di oicri angclici, non avrcnno, aiiorno a noi,
l'cffciiiva solidii c l'onogcnco llocco di una naicria anlicnialc, coloriia da
fornc nincrali, vcgciali, aninali c unanc.
Trc circoli conclusi lisogna analizzarc, rina di roccdcrc, allora,
ulicriorncnic. Co cIc uttonu nosto unucso; nosto unucso; c 'uono.

C1 oe o11orn1o 11 nos1ro un1verso.

Allonianianoci da una visionc nisiico-asiraiia dcllc cosc c ccrcIiano di
inscrirc i nosiri concciii di siudio c di analisi in una fcrna uiilii raiica.
L'uono va alla riccrca di una roduzionc siriiualc, di causc ai suoi rinordi,
cIc alincniino il suo oicnzialc aiiivo, la sua cvoluzionc innancnic, la sua
crsonalc sfcra d'incidcnza c quclla dclla conunii. Lc idcc cIc lc rcligioni di
nassa Ianno, sinora, roosio al crcdcnic non sono scrviic allo scoo. Pur
avcndo, cssc, una radicc noralc, indiscuiililncnic ncccssaria alla razza,
un'csoriazionc al lcnc, all'anorc, si sono liniiaic a qucsio. Ma la narca dcl
cnsicro unano, ora conc ora, nc c dcl iuiio insoddisfaiia. Accciia il dio
aniroonorfico, o, cr aiavica aliiudinc, o, cr incrzia inicllciiiva, o, cr rifiuio
di andarc olirc.
Ncssuno dci cnsaiori dci grandi novincnii di cnsicro ciico-filosofico Ia nai
arlaio nci icrnini in uso nclla classc di coloro cIc rcsunono di scguirnc gli
Inscgnancnii. Ncssuno dci fondaiori di rcligioni noic cd aniicIc, a ariirc da
DuddIa, sino ad arrivarc a Ccsu, Ia arlaio di un dio aniroonorfico, a cui si
rifaccia la rcsonsalilii ioialc dcll'csscrc. I luddisii sono ncl vcro, quando
riconoscono in DuddIa un uono di naiura ianio clcvaia, quanio ncssuno nai,
nclla nosira icrra. Un uono, dal conicnuio divino, a iuiii gli cffciii; na, ur
scnrc, un uono. Cli csoicrici vanno iu in l; cssi affcrnano cIc Egli fu il
rino, ira i naii di donna, cIc raggiunsc dcllc ncic cIc aliri non avcvano nai
raggiunio, in qucsio ciclo cvoluiivo; inolirc, gli csoicrici sanno cIc DuddIa Ia
un raggio snisuraio di oicrc, na lcn rcciso c individualilc, ira lc Luci-
Cuida dclla nosira CcrarcIia. Ccsu non dissc nai di csscrc un Dio; na, un
uono ira gli uonini. Inolirc, la sua idca circa lc origini dcll'univcrso cra
caicgorica c dcfiniia. Talc idca gli crvcnnc da Auiorii EsoicricIc, cIc, a loro
volia, la riccvciicro da iradizionali fonii rcccdcnii, nci sccoli.
La ncnic unana, di fronic al gradualc dianarsi dcllc origini dcl sisicna
solarc, si rcndc conio, nan nano cIc roccdc ncll'cvoluzionc, cIc non si u
cnuclcarc l'infiniio, cIc icndc, invccc, ad csandcrsi in circoli scnrc iu ani,
cd in cicli di cvoluzionc caraiicrisiici. Non lo si u vincolarc in un icrninc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

172
fisso cd cicrno. Essa si liniicr a consiaiarc la vcrii dcll'affcrnazionc di
Coiano DuddIa. "
Lu Lcggc sou c ctcnu. Lu cggc dc tno c dc nouncnto unucsuc, cIc s
cctuu, dcntcu, ouunquc c scnc".
Quindi, ci cIc aiiornia il nosiro univcrso c ignoio. Fioria la iradizionc cIc
ncurc la CcrarcIia Dianca conoscc olirc dcicrninaii liniii dcllo sicsso.
Saiano, cr dcduzionc, cIc aliri sisicni solari sono aliiaii conc il nosiro, c
cIc non u csscrc alirincnii. L'idca sirana dclla icrra caiiolica, unico unio
rivilcgiaio dal dio clrco, cIc la scclsc fra lc sicllc iuiic dcl ciclo, a airia di sc
sicsso, unica aliiaia dall'uono, conincia ad assuncrc il suo vcro asciio. E
saiano cIc Causc Eicrnc collalorarono alla nasciia dcl nosiro sisicna
solarc. Quali furono qucsic Causc Esicrnc - lungo i nillcnni - sccondo la
iradizionc csoicrica dcl nosiro iancia?
Pcr quanio l'uono ossa sforzarc la sua ncnic ncnirc ccrca di cncirarc il
silcnzio di una zona siriiualc originalc, dovr fcrnarsi scnrc all'incrsonalc.
Conunquc, al suo udiio inicrno, una licvc iraccia di novincnio fisso cd
innuialilc aarir. Un novincnio nusicalc; un fluiiuarc di cncrgic, icsc a
ricicrc una noia lcn dcfiniia. 'AHMONIA DELLA MUSICA DELLE SFEHE.
Piiagora la crcci, quando il suo sovrunano inicllciio figgcva lo sguardo in
"ci cIc sia olirc". Egli affcrn cIc, laicnic ncll'ovunquc, csisic un riino,
insondalilc nclla sua conlciczza; na, sgrananicsi a cicli. Qucsia nusica dcllc
sfcrc c lcn noia a iuiii coloro cIc sono inncrsi, di cosianic, nclla soluzionc dci
grandi rollcni. Non nascc; c. E la radicc di ogni novincnio. E l'cducairicc c
l'inianiairicc di ogni sisicna galaiiico, di ogni sisicna univcrsalc, di ogni
sisicna solarc, di ogni iancia, di ogni cniii unana, di ogni iania. E laicnic
ovunquc vi sia viia. Quindi, onnircscnic. E un assiona. Ncssuno l'Ia faiia
nasccrc, ncssuno inicrronc il suo canio. Cli indiani, gli oricniali, la cIianano
la Vocc dcl silcnzio. Inuiilc volcrlc darc una forna, un viso. Ha iuiic lc fornc,
iuiii i visi. E una rcali; l'unica rcali. Ncllc suc origini, rinanc cclaia ad ogni
occIio invcsiigaiorc. Nci suoi cffciii, c la nodcllairicc dcl crcaio. Non c qucl dio
caiiolico, o, rcligioso di cui si arlava rina; na, rccsisic a iuiii gli dci di cui
si ossa avcrc nozionc. E crcaiorc incrsonalc cd c crcaio. Ma, aarc
disiinguililc solo quando la si analizza, ncl icno di un ciclo cvoluiivo, c
sccondo auiocoscicnza. In ial caso, cssa csicndc lc suc ali nusicali, sia a sc
ncdcsina, cIc al crcaio. In ial caso, cocsisic con il crcaio, cd c crcairicc c
crcaio. Ha lc lcggi riinicIc sialiliic. La rina c quclla dcl dualisno. Colui cIc
nc crcciscc l'ovunquii univcrsalc scnic di csscrnc aric; na, u
siaccarscnc, cr crciuarla, a sua volia. La sua ganna d'onda c gconcirica c
naicnaiica. Lc sciic noic, quali noi conosciano in scnso unano, sono il suo
oicnzialc aiiivo. I rcgni dclla naiura sono l'orcIcsirazionc di ialc oicnzialc.
Ed c al nuncro nagico sciic cIc la nosira aiicnzionc dcvc fissarsi. Talc nusica
asiraiia dcllc sfcrc c ci cIc rcccdc c aiiornia il nosiro univcrso, laicnic, o,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

173
ncno. E la roiagonisia di iuiic lc galassic, visilili, o, disianii anni-lucc; di
iuiii i sisicni ncniali c arcIciiici, csisicnii olirc lc larricrc dcl nosiro cano
inicriorc cd csicriorc. E il dio incrsonalc dci vcri csoicrici. E gli oricniali non
lc danno un nonc; la cIianano "CI". Cli aniicIi osscrvaiori dcl divino,
usavano - a roosiio - icncrc, in nczzo ai icnli di cllcgrinaggio, una icira
circolarc, con cui sinlolcggiavano sinilc assoluio, csisicnic di cr sc; na,
indccifralilc, cr scnrc, a ncnic unana

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

174
- L21ON VNT1DUS1MA - (por1e quor1o) -
I seI scbemI soIarI esoterIcI aIIIneatI aI nostro sIstema soIare.
Ancora suI segreto deIIa steIIa SIrIo, deIIe PIeIadI, deIIe 14 costeIIazIonI zodIacaII,
deII'Orsa MaggIore e dI aItre VIte CosmIcbe.
La musIca deIIe sIere.
Luomo ed 11 suono.
DIIIerenza tra suono e verbo.
II mIsterIoso e magIco rapporto tra 11 oo1ore ed 11 suono.
I mondo1o: so1enzo ooou11o e po1ere on11oo de1 oo1or1 e deI dIsegnI arcbetIpIcI.
Ancora suI mondo devIco (o angeIIco).
I deva In evoIuzIone dI ImmersIone neIIa materIa e queIII In evoIuzIone dI ascesI neIIo
spIrIto.
La gerarcbIa angeIIca neI regno vegetaIe, neI mIneraIe, neII'anImaIe, neII'umano.
Le Iate, gII eIII, Ie ondIne e gII spIrItI dI natura.
La magIa nera In AtIantIde

II nostro UnIverso

Pcr univcrso, in ial caso, l'inscgnancnio csoicrico inicndc il nosiro sisicna
solarc. Cli Adcii dcl sacrc c dcl oicrc, cIc Ianno incanalaio, conosciuii
dalla nassa o ncno, l'aiiualc cvoluzionc, sccondo i linari di civili cIc calca,
Ianno scnrc sauio cIc ogni rcligionc, ogni cnsicro filosofico, ogni cnsicro
unano cIc si inicrcssassc all'originc dcllc cosc c cIc la inscgnassc si liniiava a
arlarc dcll'originc dcl nosiro sisicna solarc, cd a null'aliro. Quando il grandc
iniziaio d'anorc, Ciovanni, dissc - sioricancnic. "A nco cu ucIo",
inicndcva arlarc dcl rinciio dcl nosiro sisicna solarc, non dcll'inizio di iuiio
l'univcrsalc. Quando Hclcna Pcirowna Dlavaisly, l'Iniziaia vcnuia, ncno di
ccnio anni fa, ad inscgnarc al nondo la vcra siruiiura nciafisica dclla viia
scrissc i suoi voluni dclla Doiirina Scgrcia, convalid, icnancnic, il faiio cd
affcrn, in nodo acrio, cIc il suo dirc riguardava solo la nasciia occulia dcl
nosiro sisicna solarc.
Fiiraiiici, quindi, dalla grandc voraginc cIc si salanca cr ogni dovc,
ncll'univcrso, dolliano cnuclcarc la nosira aiicnzionc ncl sisicna cIc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

175
aliiiano c scniirc, icoricancnic, all'inizio, cosa affcrnano i Crandi dcl cnsicro
csoicrico, in roosiio. Ecco, quindi, una dcllc affcrnazioni cIc lo siudcnic -
conc rcccdcnicncnic scrivcnno - non dcvc accciiarc conc daio di faiio; na,
conc iradizionc. Tcnga, conunquc, cgli, lcn rcscnic cIc iali nozioni gli
vcngono inariiic, con il rcsuosio c la scranza cIc i fruiii dclla sua
iniuizionc inicriorc giungano a sfiorarc quclli dcll'Allcro Originalc ad ogni
rcali, c cIc gli andiano dcscrivcndo.
Sccondo la rogrcssionc sonianca cd innaia di un fluirc cncrgciico
inccssanic, con lc radici ncll'univcrso cclcsic, la nusicalii inirinscca allo
Sazio-Uno dcll'csscrc, si lariccnir - doo coni cd coni di icno unano - in
un sisicna di coordinaic viiali, arnonizzaic in nondi rcccdcnii il nosiro.
Sucr lo siadio unano, irasccsc qucllo siriiualc, c si inscri, dcfiniiivancnic,
ncl divino (sc, cr divino, inicndiano l'auiocoscicnza oriaia ad un grado di
csircna oicnza, ininnaginalilc allo siaio aiiualc dcllc cosc}. Qucsia c la
naiura dcllc Sicllc-Madri, cIc, iuiiora, guidano l'cvoluzionc dcl nosiro sisicna
solarc, c cIc, sccondo i dciiani dclla scicnza csoicrica, Ianno daio l'originc allo
sicsso. Qucsia c la ragionc rofonda, cr cui csisiono gli influssi asirologici,
sulla nosira icrra c sull'inicro sisicna solarc; qucsia c la ragionc dcl raorio
crucialc, cr l'cvoluzionc icrrcsirc, dci iancii dcll'inicro sisicna. Il lciiorc dcvc
accciiarc, quindi, l'idca lasc dclla Fraicrnii Cosnica, conc osiulaio a iuiic
lc cvoluzioni conccilili. Aliri cosni Ianno, gi, calcaio il Scniicro in cui
roccdc il nosiro c nc iuiclano l'avviccndarsi dcllc crc, csaiiancnic quanio cssi
sicssi furono cducaii da forzc rcccdcnii cd csaiiancnic quanio far il nosiro,
giunio ad un livcllo sinilc a cIi lo vigila, da iania aliczza. Conc avvicnc ialc
fcnoncno di incanalancnio di cncrgic Sucriori vcrso l'infcriorc, vcdrcno di
scguiio.
Il nuncro sciic c roiagonisia, in iuiio ci. Occuliancnic, il nosiro sisicna
solarc Ia Sciic Piancii Sacri, in scno, cIc conirollano l'cvoluzionc dclla icrra; c
nc ossicdc cinquc non sacri. I Piancii Sacri sono. Vucuno, Gouc, Sutuno,
Mccuo, Vcncc, Ncttuno, Uuno. I non sacri sono. Putonc, u Tcu, Mutc c
duc csotcc (uno, ccuto duu Lunu c, 'uto, du Soc}. Ncllo sicsso nodo, a iu
alio livcllo, il solc c allincaio ad aliri sci scIcni solari, o sisicni, di cui uno, il
conduiiorc naggiorc, c Sirio. Sirio, a sua volia, riccvc gli influssi dirciii dclla
siclla Alcionc, ccniro occulio dcl sisicna cclcsic, cIianaio. lc Plciadi. Dallc
Plciadi, crci, giungc un oicnic FicIiano-Cuida, cIc, assando da Sirio,
iocca i sci ulicriori sisicni solari, di cui uno c il nosiro, c si inscriscc fino nclla
icrra, coniinuancnic riinandonc ogni iio di cvoluzionc. Aliri oli guida Ia il
sisicna solarc, c sono lc dodici (14} cosicllazioni, una dcllc sicllc dcll'Orsa
Maggiorc, c Viic CosnicIc. In iuiio ci, la nusica cnanaia da Voloni
Sucrunanc raggiungc ogni scoo cvoluiivo. Lc noic dcllc Sciic Sfcrc si
nanifcsiano, conirollaic cd asscrviic, sia dagli alii Cicli, cIc dai ninori.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

176
Qucsic, sono lc nolili origini dcl naniran. Qucsio, il oicrc dclla Parola
occulia, cducaia c saicnicncnic adocraia sccondo il oicrc innaio dcl suono.
E ncccssario accciiarc, allora, la rcali lasc cIc, dalla coscicnza diluiia
ncll'cicrc galaiiico - soiio forna di nusica asiraiia, na conicncnic i osiulaii
innaii di una concrciizzazionc ad ogni forna nanifcsia (lc idcc arcIciic} - ialc
concrciizzazionc sia avvcnuia, c la coscicnza oicnzialc ncllo sazio si sia
conccniraia in auiocoscicnza ordinaia. D'alirondc, il faiio c cosianicncnic
riciuio lungo iuiio l'arco di inscgnancnii csoicrici. Scoo dcll'cvoluzionc c il
irionfo dclla ragionc, cIc conoscc sc sicssa.
Una volia cIc la coscicnza si scorc c rcalizza di csscrc la non naia, na
scaiuriia in nanifcsiazionc cr darc un riino, a sua volia, a ci cIc la sua
sioffa iniina rarcscniava un icno, c cIc lc si nosira soiio forna di alira
viia ninorc in csrcssionc, dcsiinaia al suo ncdcsino fuiuro, inizia il viaggio
dcl Dio. La Lcggc, da cniii asiraiia, agcnic di cr sc, vicnc addoncsiicaia;
l'auioconsacvolczza acquisiia, da Musica Asiraiia, rcalizza il linonio c divicnc
nusica concrcia. L'uono si accorgc cIc cg c u Muscu dcc Scc, na si
accorgc, ancIc, di oicrsi siaccarc, sdoiarc da Essa, cd cnanarc, a sua
volia, il Vcrlo-Moiorc-Innoio. Nascc la voloni, rcsuosio ad ogni forna
nanirica. Nascc l'illuninaia osscrvazionc dcllc cosc dclla naiura; l'udiio
inicrno si risvcglia c crcciscc il Maniran Univcrsalc; inizia lo siudio
dcll'occulio, lo siudio cr ricicrc, in nicrocosno, ci cIc avvicnc ncl
nacrocosno. Ed c risalcndo la scala dci Suoni Inicrni all'anino unano, i Suoni
dclla CcrarcIia Dianca, collcgaia ad aliri Suoni ancora sucriori, cIc l'uono
affina i scnsi cd i oicri di rirodurli.
Quali sono qucsii suoni?

Luomo

Tuiio c suono. La arola unana, c quclla non unana; il sussurrio di una
fronda c la nusica di un rusccllo cIc gorgoglia; l'idca c la naicria; il caos c
l'ordinc. Ma, il naniran c qualcosa di iu di un suono. E u sntcs d un cco
cccdcntc dc suon. CcrcIiano di farc dcgli cscni. Di fronic a iuiic lc ocrc
nusicali di un ciclo di icno, naniran c l'ocra nigliorc, cIc raccIiudc lc
ninori c rivcla un nuovo icrriiorio di isirazioni. Dcniro un cano di fiori,
naniran c il fiorc iu lcllo, iu vivo, iu coloraio. Tra i lagIi, naniran c il
vasio narc. Maniran c il oicrc cIc, ronunciaio, lanliscc iuiic lc viic cIc
sucra, c roiciia in un nuovo arco di cscricnzc cIi lo ronuncia. C'c
diffcrcnza quindi, ira suono c vcrlo. Suono c iuiio; irrangiungililc, na
nusicalc; verbo c un iuiio-sinicsi. E coscicnza sialiliia, c oicrc in aiio.
Ed csisiono vari gradi di coscicnza; dall'infcriorc alla naggiorc, da quclla
unana a quclla aninalc; dalla divina alla icrrcna. Ci lo vcdrcno. Dovc un
qualsiasi ordinc risulia cosiiiuiio, in una anoranica di viic, di rcgni di naiura,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

177
di anlicnii, di razzc, ccc., li agiscono dci nanirans lanciari, ronunziaii da
Eniii di alio livcllo cvoluiivo, cIc si occuano dcl rinciio crcaiorc, in un
sisicna di viia, sia csso lanciario, solarc o cosnico. Dovc, invccc, csisic solo
vuoio, gas infrasicllarc, franncnii galaiiici, la viia c in cnlrionc, c sia, in
fuiuro, cr osiiarc la coscicnza.
Disogna, cr, analizzarc ncl rofondo la naiura dclla arola, cr
conrcndcrnc i oicri ascosi.
La arola, conc alliano visio, c nuliifornc; c infiniia c onnicsansa, na
ancIc rccisa c dciiagliaia. Pu csscrc ronunciaia da cIi nc conosca il valorc,
c da cIi nc sia scIiavo. Lc viic involuic nc sono scIiavc. Cli Iniziaii dclla
Confraicrniia Dianca osano c sanno adocrarla.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

178
COLOR SUONO
Non csisic suono cIc non sia acconagnaio da colorc. Li dovc csisic colorc,
nclla coniroaric invisililc dclla viia, lo sicsso si roiciia, in lincc
squisiiancnic soiiili c oicnii, in suoni. Ed ogni suono cIc vicnc crcciio da
udiio unano c non unano si iraducc in colorc, scnrc nci iani invisilili.
Qucsia c la rccisa ragionc cr cui - sccondo una scicnza dcicrninaia c
sccolarc - cIc Ia icnuio conio, in iuiii i ariicolari, dci risciiivi colori occulii
di ogni noia, c dcllc risciiivc noic nusicali di ogni colorc, c, quindi, dci oicri
cIc dcrivano da ialc linonio, gli oricniali Ianno crcaio la scicnza dci nunduu,
cIc si affianca a quclla dci nanirans. Cioc, conoscono lo scIcna di
conosizionc dci suoni arcIciiici c dcgli arcIciiici colori cIc cosiiiuiscono la
lasc siruiiuralc dcll'csscrc. Diingcndo una dcicrninaia arnonia gconcirica
di scgni cosnici, cssi fissano, ncl icno c ncllo sazio, una figura siaiica, cIc
si crciua in novincnii cd in siiuazioni riinicIc, nagicIc c soiiili, caacc di
rodurrc risuliaii cIc l'occidcnialc cIiancrcllc niracolosi. Ma c la scicnza cIc
agiscc, ncl nosiro caso. La scicnza dcll'occuliisno. E i nandala sono di infiniia
naiura; iuiii, cr, allincaii a quclla dcl Mandala Ccniralc; il Logos Tcrrcsirc.
L'occidcnic, sia consacvolncnic, cIc inconsacvolncnic, Ia cariio il scgrcio
dcgli oricniali. In nolii oscdali, al giorno d'oggi - sccialncnic nci sicIiairici
- c in uso colorarc lc arcii dcllc sianzc con iinic cIc Ianno un cffciio lcncfico,
cr gli annalaii. I quali, cr ncsi, curaii c lagnaii, ncl loro coro, nc cscono
risioraii.
Quanio rcccdc alliano dciio cr una sola ragionc. Il naniran si lcga,
inncdiaiancnic, ncnirc vicnc ronunciaio, ad un nandala lcn sccifico; lc
fornc-cnsicro cIc lo sicsso naniran crca, ncll'ainosfcra, ncnirc vicnc
affcrnaio. Qucsic fornc cnsicro Ianno un dulicc oicrc.
a} cosiiiuiscono una carica di cncrgic cIc - a scconda dcll'alilii c dcl grado
iniziaiico dcll'ocraiorc - Ianno duraia iu o ncno lunga (il oicrc di un
naniran ronunciaio u crsisicrc lungo sccoli} cd cffciii sialiliii;
l} collcga cIi lo ronuncia alla iradizionc cd al oicrc di iuiii i nanirans cIc,
in assaio, lungo i nillcnni, furono cosiruiii, sccondo ialc gcncrc di vilrazioni.
Ecco, iorniano a ricicrc, crcIc ncl nanirans, iradizionc cd originalii si
fondono. Quindi, conosccndo la cIiavc, l'ocraiorc si inncsia in duc forzc lcn
rccisc. u suu c d tutt cooo cIc o Iunno cccduto nc conto.
Una considcrazionc csscnzialc da farsi, in roosiio, c cIc lo siudioso non dcvc
soiiovaluiarc, c l'aiiivii dcvica o dcgli angcli cosiruiiori, cIc si allinca alla
arola ronunciaia dall'uono. E, qui, lisogna farc una ausa cr inquadrarc
l'argoncnio. Prina di roscguirc, cr, affcrncrcno cIc, duranic l'Ailaniidc,
da un nilionc a sciic nilioni di anni fa, il nondo dcvico cra ialncnic a coniaiio
con l'unanii, cIc la nagia, sviluaiasi foricncnic nclla classc socialc di
allora, alus di ialc raorio. Il nondo dcvico (o angclico} - c lo alliano gi
acccnnaio in rcccdcnza - c cosiiiuiio da duc lincc, cIc convcrgono vcrso
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

179
l'uono. dcuu n cuouzonc d "nncsonc" ncu nutcu, c quc n cuouzonc
d'usccs nco sto. Tuiii sono allincaii al cIiaro scnso di un riino gcncralc,
arnonioso c cosiruiiivo. I dcva cIc si inncrgono nclla naicria, sono rivi di
auiocoscicnza. Cosiiiuiscono aninc-gruo cIc alincniano c vivificano iuiii i
rcgni dclla naiura visililc, c i irc rcgni dclla naicria cosnica, cioc. l'asiralc, il
ncnialc infcriorc cd il causalc. Essi sono guidaii, in anoranica, da Macsiosc
Poicnzc AngclicIc, sulla sirada dcl Fiiorno, cIc nc conirollano l'aiiivii c la
funzionc cosiruiiricc. Ogni Faggio Ia i suoi dcva, cd ogni Faggio Ia lc suc
aiiivii angclicIc sccificIc. Ncl nondo dclla suliciiivii, i dcva cosiruiiori
sono nolio iu vicini all'uono, di quanio cgli non saia. Ncl nincralc, olirc
alla fascia sosianzialc di csscnza dcvica c vivcnic, cIc d un'csrcssionc
inicrna a iuiio il rcgno, vi sono dcllc forzc lcn rccisc cd individualili, cIc
sono i cosiddciii siriii di naiura. gli gnoni, ccc.. Privi di una loro roria
auiocoscicnza aiiiva, na riccIi di caraiicrc c scniincnio, cssi naniolano,
soiio il oicnic influsso dcgli Arcangcli dclla forna (il rcgno, ncl suo assicnc},
faccndonc assurgcrc la iranidc dci valori, in quci fiori niralili cIc sono lc
icirc rcziosc c la radianza. Ncl rcgno vcgcialc alliano, ad cscnio, lc faic,
cIc noliissini cIiarovcggcnii Ianno scsso visio danzarc ncllc canagnc
assolaic, ira i fiori. Essc cosiiiuiscono gli clcncnii cvoluii da un doraio
lrulicIio di aliri siriii di naiura, cIc sono i "cosiruiiori" dcl rcgno vcgcialc.
Ncl liquido, alliano lc ondinc, cIc crcano, in alcIinia occulia, la caiarsi
dcll'clcncnio acqua. Ncllo sazio, aaiono gli clfi. E di qucsii infcriori siriii
angclici cIc la nagia ncra, in Ailaniidc, si scrvi, sino ad alusarnc. AncIc
adcsso, la cosiddciia scIicra dci scrviiori ncri adocra gli clcncniali, ncllc suc
funzioni csccrandc, uniando l'aiicnzionc, ad cscnio, sullc faic di color
lruno-rossiccio, divcrsc dallc giocosc faic llu, o vcrdi, cr i loro scoi saianici.
Sinili clcncniali sono adocraii con succcsso dagli sircgoni ncgri, nci riii
vudu. E dai ianii occuliisii, niscrancnic occuaii a ccrcarc il oicrc crsonalc,
qui, in occidcnic. Tuiii cosioro si sono ininicaii il rcgno dcvico; c nai il nondo
dcllc viic inicrnc dincniica cIi Ia sczzaio lo siclo di un sia ur ninuscolo
dcva, sorcandonc la vcsic divina cr scoi cgoisiici! Mcnirc nordcic una ncla,
voi affondaic i dcnii in una sosianza vivcnic c luninosa, la sosianza dcvica dcl
nondo vcgcialc, cIc si uniscc alla sosianza dcvica dci nosiri irc cori,
crciuando l'alcIinia occulia dcll'csscrc.
Ora, il vcicolo cicrico di ognuno di noi c in cocsicnsionc - conc alliano vcduio
- con iuiio il iano cicrico, sia dcl Logos Planciario, cIc di qucllo Solarc, cIc di
qucllo Cosnico. Ci cIc d un "suoc" occulio agli cicri cd un novincnio
inicriorc ad cssi, c, aunio, la viia dci dcva. E non csisic vcicolo di naiura iu
inorianic dclla arola cr nciicrc in ondulazionc il vclo dcll'cicrc, cIc scara
forna da forna - sia quclla invisililc, cIc la visililc - na cIc, ancIc, uniscc
cniranlc. Pcrci, ogni arola (c non solo qucllc ronunciaic ad alia o lassa
vocc, na lc ncniali, lc cnoiivc, ccc..} si congiungc ai dcva cd auncnia, cosi, il
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

180
suo oicnzialc aiiivo. Ecco, ancIc, crcIc csisiono lc invocazioni sccificIc,
cr ricIianarc lc ondinc, o i silfi, o lc faic, o gli siriii dcl fuoco - lc
salanandrc.
Il nondo dcvico c rcscnic ovunquc; in noi, fuori di noi. Coloro cIc sono
aliiuaii ad cnciicrc suoni inariicolaii, cr ogni iio di cnozioni inicrnc, si
collcgano riciuiancnic con i dcva dcll'involuzionc c vcngono irascinaii, da
cssi, vcrso il loro icrrcno, n nncsonc. L'iniziaio, assucfaiiosi a adroncggiarc
la arola, con l'aurco silcnzio arcso ncll'aniicancra dcl Tcnio, quando cra
disccolo c ncofiia, iraiia con i Dcva Maggiori, cIc gli si rcscniano, quasi
scnrc, in Cruo. Di iali Dcva c lcnc dirc cIc nc csisiono di auiorii ari ad
un Macsiro di Saggczza, ad un Logos Planciario, c iu su ancora. Ogni classc
di Dcva c soiio uno sccifico Faggio, ossicdc i suoi colori naiurali, i suoi
suoni, i suoi rofuni. Esisiono i Dcva Maggiori, cIc sono a cao di ciascIcdun
iano dcll'csscrc; quclli cIc sono a cao di ogni soiioiano; quclli cIc sono a
cao di grui inicri, c cosi via, sino a cIc si arriva allc roaggini dcl nondo
angclico, cIc sono gli clcncniali, lc faic, lc salanandrc, gli clfi c i silfi, ccc..
Dadi lcnc un ccrio iio di siudioso a non nanonciicrc l'ordinc dclla naiura
angclica, con l'alusarc dcllc viic ninori, sia con nanirans, cIc con aliro.
Diciro allc sallc di ogni ninino clcncnialc agiscc l'inncnsa forza c l'inncnso
scrlaioio di iuiio il nondo angclico, cIc lo roicggc c lo iuicla. E sc qualcIc
aluso c siaio, aarcnicncnic, crncsso, ci cra dovuio a rofondc ragioni, di
caraiicrc larnico, unano c cosnico.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

181
- L21ON VNT1DUS1MA - (por1e qu1n1o)
CaratterIstIcbe deIIe paroIe e deI suonI dI potere.
Ancora suI segreto deI termIne sacro AUM.
I 3S mantrams cbe Ianno evoIvere Ia terra.
II mantram dI ognI razza; I mantrams deIIa GerarcbIa; I mantrams e Ia medItazIone
IndIvIduaIe; queIII per acceIerare II processo medItatIvo

La arola, quindi, c un nczzo cIc acquisia, ian iano, lc suc vcrc roorzioni
di vcicolo di oicrc c di azionc nagica. Ogni arola csrcssa onc in coniaiio
con duc iii di dcva. quclli Sucriori, cIc collalorarono cosccntcncntc
u'uttuuzonc dc uno nsto ncu cIcstu ucIuc; quc nco, cIc cstuno
stntuuncntc u oo ocu. Ogn uou oducc cctt nc cgn dcuc, c, qund,
ncu costuzonc dcc onc; ogn uou s nncstu dcttuncntc nc uno ctcco,
cIc c unto ncduno, o "u gustu uu d nczzo" dc'ccononu unucsu. Non u c
suono cIc non oducu unu sostu cosondcntc nc nondo dcuco c non
stno nud d utc ud ucqustuc onc scccIc. Ed suono non c soo quco
udIc ud occcIo sco; nu, uncIc, quco d ogn utu onu. Ogn uno d utu
Iu suo ucIo, suo suono. Cuscunu uou cscssu Iu c scgucnt
cuuttcstcIc.
a} un colorc sccifico;
l} un iono ariicolarc;
c} una forna sccialc;
d} un grado di cncrgia, o, di aiiivii;
c} la naiura cIc lo anina; auiocoscicnic, coscicnic, o inconscia; Dio, uono, o,
dcva.
Conc lcggiano ncl volunc "Iniziazionc unana c solarc" di A. Dailcy".
"...qucsio valc ancIc cr un sisicna solarc, cr un iancia, cr un uono, cr
una forna cnsicro, aninaia da una viia clcncnialc c cr l'aiono dcl fisico c
dcl cIinico. Dalla conosccnza di qucsii faiii c dalla loro rcalizzazionc coscicnic
si u valuiarc il vcro occuliisia. IL Logos Solarc fccc risuonarc una arola c la
forna dcl nosiro sisicna solarc si nanifcsi; il suo colorc c il llu (fondo-noiic},
c la sua noia, un ariicolarc suono cosnico. Il suo grado di aiiivii corrisondc
ad una rccisa fornula naicnaiica, cIc la ncnic unana, al suo aiiualc siadio
di sviluo, non u conccirc; la naiura dclla Viia Posscnic cIc l'anina - il
irilicc Logos - c anorc iniclligcnic cd aiiivo...".
Qui, cr, noi arliano di arolc occulic di alio livcllo cosnico. Da iali arolc
rcsc nasciia la iradizionc dci nanirans, cd c, aunio, di iali nolili iradizioni
cIc noi volcnno arlarc, iniziando la lczionc. Ci cIc lo siudioso dcvc lcn
conrcndcrc c la ncccssii, cr lui, sc vuolc oiicncrc succcsso occulio in ialc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

182
dirczionc, di allincarsi allc inncnsc c rcccdcnii lincc nagnciicIc lasilari c
cosnicIc, cIc fornano lc radici dcll'csisicnza. La grandc onda, ad inicrvalli,
sazza via, dalla lasira dci nanirans originali cIc crcano c sosicngono il
sisicna solarc c qucllo lanciario, iuiii i riiorii coruscoli cIc un dcicrninaio
gcncrc di occuliisii coniinua ad cnciicrc; cioc, i nanirans di nagia ncra, di
acquisizioni isolaic, c non allincaic all'afflaio dcll'univcrsalc.
La narca si alza c la sua crcsccnic cvoluzionc, da fornc scnrc iu asiraiic, si
conccnira in nuclci di oicrc lcn dcfiniio; l'agirc occulio dcll'uono lo nciic a
coniaiio con lc Fonii da cui rovcnnc, c la goccia si riflciic ncl narc da cui
roccdciic. Tuiic lc nani nolili c rofunaic di anorc cr il rossino sono
cnanairici inconscic di nanirans. Osscrvaic i luogIi di cllcgrinaggio, ovc
vissc qualcIc grandc sanio. Assisi, cr cscnio. Ncssuna civili riuscir nai
ad iniaccarc il oicrc cIc l'orna di Franccsco inrcssc, duranic la sua
csisicnza, su iuiic lc icirc, lc ianic dcl luogo. Il naniran coniinua a
crciuarsi, olirc il icno c lo sazio. O, Cascia. CIi c siaio ncl luogo,
aiiravcrso l'aura dcl acsc, si collcga, nc sia coscicnic, o, ncno, alla sania
niralilc, Fiia, cIc, cosi, c a coniaiio con iuiii coloro cIc lc rivcrsano in Cuorc
la roria vcncrazionc. Vi sono i nanirans dclla cIicsa caiiolica; ognuno di
cssi sialiliscc un dcfiniiivo raorio con cIi lo cnan. con i fondaiori dcgli
ordini originali, con lo sicsso Crisio. Vi sono i nanirans oricniali, c cosi via. La
viia di un uono, conosccndo il scgrcio dcl "fissaggio" sulla Maicria di ogni
nolilc qualii dcll'csscrc, aiiravcrso l'Encrgia, u darc di sc, all'csscrc, iu di
quanio non si innagini; ancIc sc cgli non Ia la ossililii di radunarc lc
roric forzc fisicIc, cd cnirarc in un iio di aiiivii naicrialc, nclla socici.
Pcr quanio riguarda i nanirans iu inorianii dcl nosiro iancia, vogliano
solo farc lrcvi ccnni
AUM. c la arola di oicrc cIc Alcionc, la Siclla Ccniralc da cui dicndono i
sciic sisicni solari, dci quali uno c il nosiro, dciic al nosiro Logos, rina cIc
iniziassc la Sua faiica di Magico ArcIiiciio dcll'Univcrso. Sia lcnc inicso cIc
ialc vocalolo csoicrico c il icniaiivo unano di rirodurrc, in scala
nicrocosnica, il Sacro Suono Originalc c Fondancnialc dcl sisicna.
Allorquando il Logos ccsscr di ronunciarlo, iuiio il nanifcsio sarir cd i
rcdcsiinaii iorncranno ncl Suo scno.
Esisiono 35 nanirans scgrcii, oriaii ai icni dclla Lcnuria dai Signori dclla
Fianna, sul nosiro iancia; sono lc cIiavi cr arirc conlciancnic i sciic
soiioiani dci cinquc iani in cui si svolgc l'cvoluzionc unana (fisico, asiralc,
ncnialc, luddico c ainico}, oggi.
Ogni razza nadrc Ia il suo accordo nanirico, su cui arcggia la dolcc nano dci
Trc Signori di Faggio, cr nodcllarnc, col oicrc dcl suono, lc caraiicrisiicIc
naggiori, duranic il ciclo di csrcssionc, sccondo il Piano.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

183
Esisiono sciic nanirans sacri, cIc ongono in coniaiio la CcrarcIia con i
Sciic Dci Planciari; sono noii solo ai Trc Signori di Faggio cd ai Cai dclla
CcrarcIia.
I Sciic Logoi disongono di un naniran, cr cui conunicano - sccondo una
riinica di ncccssii - con il irilicc Signorc dcl Sisicna Solarc.
Una volia all'anno, la CcrarcIia usa un oicnic naniran, caniaio all'unisono
cIc, aiiravcrso i Sciic Dci Planciari, collcga il Piancia al Logos Solarc. Esisic
un naniran cIc onc a coniaiio individualc il Macsiro di Faggio con il Logos
Planciario.
Aliri nanirans sono caniaii all'unisono dalla CcrarcIia, duranic lc iniziazioni,
nci lcniluni iu inorianii dcll'anno. Aliri sono di Faggio; aliri, collcgano il
disccolo al Macsiro, ccc..

I MANTRAMS E LA MEDITA2IONE

Disioglicndo lo sguardo dallc sucrnc rcgioni, ovc lc arolc di oicrc sono
adocraic in scnso lanciario, solarc, cosnico dai Cai dclla CcrarcIia cclcsic,
inscriano lo sguardo nclla siruiiura fondancnialc occulia dcll'uono c ncl
corrcdo dci cori inicriori, adaiio ad agirc, in ialc dirczionc, in scnso
nicrocosnico.
Noi saiano cIc l'uono c una cniii iu conlicaia di quanio ossa aarirc
a rina visia. Lc suc funzioni liologicIc si crciuano in alirc funzioni iu
soiiili, di cui, una aric sono oranai doninio dclla scicnza csaiia sicologica.
Pcr ci cIc riguarda il suo asciio fisico, iuiic lc azioni vcngono convogliaic c
rcsc dcfiniiivc dal suo coro fisico; na, cr quanio riguarda ogni iio di
cnozionc, ancIc sc la ncdcsina u aarirc una cniii asiraiia, a rina
visia, cssa svolgc il suo vivcrc c rcndc nasciia in un cosiruiio organisno, c
vcduio dai cIiarovcggcnii, cIc si cIiana - soliiancnic - coo ustuc. Tuc
coo c un'cnttu cncgctcu, con cso sccco c con cgg d unzonutu
nquudutc. E il coro dci scniincnii, il coro dcllc scnsazioni inicriori. Assunc
un rino ruolo di roiagonisia, doo la noric dcl vcicolo fisico. Aliri voluni nc
Ianno arlaio, c non ci dilungIcrcno su csso.
Pcr qucl cIc riguarda il cnsicro razionalc, l'uono ossicdc un ulicriorc coro.
ncntuc ncoc. E in ialc sfcra cIc lc nozioni rccisc dclla viia c dcll'csscrc
assunono asciio inicllciiualc; cIc l'iniclligcnza si svilua c incancra, ncl
rorio scrlaioio, iuiic lc sinicsi dcgli aiiini consccuiivi di cscricnza cIc
l'anina fa, in una incarnazionc. Infinc, l'uono vcro c rorio, conc csscrc
innorialc, si acccnira rincialncnic in un uliino vcicolo alla sua csscnza
dcfiniia. il coro causalc. Talc coro c l'unico a rcsiarc indisiruiio, lungo iuiic
lc incarnazioni, cd accoglic in sc, vilranii nci loro risciiivi aioni uliini, lc
cscricnzc faiic dallc loro siruiiura ncnialc infcriorc, dal coro asiralc, dal
coro cicrico, in ogni iuffo nclla naicria. Mcia dcll'cvoluzionc unana c dar
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

184
nodo all'anina di csandcrc lc roric csrcssioni oicnziali, lungo un grandc
arco di inncrsioni ncll'oggciiivo, c, infinc, di auiodissolvcrsi, cr darc il
rofuno di sc sicssa alla Monadc, cIc la vivifica, da scnrc. Offriano un
acccnno a qucsio, solo cr dcllc ragioni cIc risulicranno iu cIiarc in scguiio.
Il coro causalc c dcsiinaio a vcnir disiruiio, alla finc dcll'cvoluzionc, cr non
iraiicncrc ulicriorncnic la viia nonadica cIc lo alincni. E, allora, il noncnio
in cui l'io individualc si fondc in qucllo univcrsalc; la finc dcll'cvoluzionc
rclaiiva. Il "riiorno in Scno al Padrc" di cui arlava Ccsu, il Crisio, rina di
csscrc crocifisso. E la quaria iniziazionc.
Ogni ncdiiazionc Ia cr scoo finalc la disiruzionc dcl coro causalc. Ogni
ncdiiazionc crca un aiiriio coniinuo sui cIalras dci irc cori, si da rcndcrli,
da siaiici cd incrii, fianncggianii; si, da risolvcrli in un unico fuoco. qucllo
dclla Monadc.
Fino a qucsi'uliino sccolo, iuiii coloro cIc siccarono ira la nassa, conc
sanii, o gcni, violcniarono ialncnic la loro naiura, in nodo inconscio, da
rodurrc il risvcglio, iu o ncno conlcio, dci loro risciiivi cIalras. E in
qucll'aiiino cIc il sanio, narioriaio dallc vcglic, acccso dall'anorc cr il Suo
Dilciio, Ia la visionc; c raiio in ciclo.
Pcr il disccolo, si iraiia di una iccnica. Egli sa cIc, quando cnira in
ncdiiazionc, fa convcrgcrc la naiura soiiilc dci suoi cori invisilili, vcrso
l'anina, cIc cnira in raorio con lo siraio cicrico dcl rorio organisno fisico.
E conc cr il sclvaggio, cIc acccndc il fuoco, sirofinando dci lcgni, l'uno coniro
l'aliro. Qucl cIc il nisiico, in assaio, c con gran dolorc, coniva, ora il
disccolo aiiua, con razionalii c voloni. A scconda dcl suo raggio, cgli
ossicdc un iio di ncdiiazionc cIc, naggiorncnic, gli si conf. Sa cIc il
cannino non u csscrc lrcvc; na, rcgolarc, riinico. E sa cIc ogni sforzo da
lui coniuio in ialc dirczionc causa una laccrazionc (sia ur nicroscoica, ogni
volia} ncl icssuio roiciiivo cIc riara la roria lucc inicrna dalla csicrna.
Sia lcn cIiaro cIc sc un Adcio non avcssc gi divulgaio il scgrcio iniino dclla
ncdiiazionc, in visia dcll'avvcnio dcl Sciiino Faggio, noi non nc avrcnno faiio
arola. Ma c lcnc cIc sia cosi, oranai; considcraio lo sviluo cIc sia
rcndcndo l'occuliisno rcgalc, in scno alla nassa.
Ogni cnsicro, ogni cnozionc, ogni novincnio si riflciiono sul coro cicrico
dcll'uono. E non i cIalras vcngono disiruiii, na, il loro rivcsiincnio. Colui cIc
ncdiia occuliancnic crca una icnsionc ncl ur scnrc liniiaio sazio dcl
rorio organisno cicrico, cIc, a lungo andarc, dar una noia unica a iuiio il
coro dcnso, riflciicr il novincnio ai cIalras asirali, ai ncniali, sino a cIc
avvcrr un rino cffciio. Lc ondc infcriori dclla crsonalii si fondcranno con il
riino acaio dcll'anina, c si rodurr l'unificazionc dclla crsonalii con
l'anina. In un sccondo icno, la narca infcriorc si alzcr ancora, c scIianicr
il coro causalc, roiciiando lo siriio lilcraio a coniaiio con il Padrc nci cicli.
la Monadc.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

185
Qucsio c il rinciio occulio dclla ncdiiazionc. Qucsio, il scgrcio dclla
conccnirazionc.
Esisiono dci nanirans adaiii ad acccllcrarc il roccsso ncdiiaiivo csoicrico, c
sono iuiii lcgaii alla naiura dcl disccolo cIc li ronuncia, al suo grado di
cvoluzionc, al suo Faggio. Affcrna un nosiro dilciio Fraicllo Maggiorc, un
Macsiro, cIc sia cr giungcrc il noncnio, oriaio dal Sciiino Faggio in
nanifcsiazionc, in cui ogni disccolo, rina di iniziarc la quoiidiana
ncdiiazionc, si inscrir ncl riino dcl rorio raggio, con il suo naniran di
raggio; indi, cnircr in raorio coscicnic con il suo Macsiro, il Qualc, lo
collocIcr, in offcria divina, ai Picdi dci Trc Signori di Faggio, cIc
csicndcranno la lcncdizionc dcllc "Luci cIc sianno olirc" sul ncofiia.
Ma, la sicssa ncdiiazionc c un naniran, ancIc sc ncssuna arola vicnc
ronunciaia, agli inizi dclla sua raiica. Esisiono, conunquc, sciic nanirans,
ognuno dci quali riguarda uno dci cIalras crsonali. Ognuno di cssi nciic in
aiiivii il cIalra cIc gli concic; quando l'uono ricscc a ronunciarc i sciic
nanirans all'unisono, non c iu disccolo; c Macsiro di Saggczza.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

186
- L21ON VNT1TRS1MA -
L'Inuocuzonc c u Nuouu Eu

Doo avcr riassunio la scicnza dci nanirans, c giunia l'ora di oicr inquadrarc
nclla coscicnza dcllo siudioso il significaio dcl Maniran dclla Nuova Era. Molii
sono coloro cIc gi lo ronunciano, crcando dcicrninaii cffciii ncll'ainosfcra
invisililc dcl nosiro iancia, urc sc inconsciancnic. E lo alliano gi visio.
un naniran u csscrc oicnic, ancIc scnza la cognizionc sccifica dci suoi
valori iniini, da aric di colui cIc lo ronuncia.
Viialc, cr, risulia sacrc ci cIc si fa, in cano occulio. Ed una lrcvc
sicgazionc dcl laio iccnico di qucsio naniran nc rcndcr gli cffciii iu incisivi
c oicnii, da aric di colui cIc lo adocra.
Dicc la iradizionc cIc il Maniran dclla Nuova Era c ianio aniico, cIc ocIi
ossono fissarnc, alla lucc dclla ragionc aiiualc, i rinordi. Aariicnc, da
icni incalcolalili, alla CcrarcIia cd c valido, ciclo cr ciclo, ancIc sc
canliano i icni cd i nodi di cnsarc, crcIc coniicnc, in asiraiio, dcllc vcrii
cicrnc, cIc ncssun fluiiuarc di icno c sazio u nuiarc. Il Fc dcl Mondo lo
allaccia ad un ciclo ariicolarc, con la Sua Univcrsalc Saggczza cd il Suo
Poicrc, vivificandolo, a scconda dclla ncccssii.
Pcr qucsio ciclo, quando, ncl lcnilunio di Asala dcl 1945, il Crisio, convalid
alla CcrarcIia Dianca la Sua Voloni dcfiniiiva di riiornarc ncl nondo, il Fc dcl
Piancia conccssc all'uono l'uso dcl Maniran, in rcnio cd in aiuio al Sacro
Avvcnio; sia dcl riiorno dcl Crisio, cIc dcll'affcrnarsi dcll'Eoca dcll'Aquario.
Molio oicnzialc cncrgciico c raccIiuso ncll'affcrnazionc. CcrcIiano di
rccucrarlo, affcrnando incisivancnic cIc, ogni volia lo si ronuncia, ci si
collcga, coscicnicncnic o ncno - sccondo la logica scicniifica dci nanirans -
alla sua iradizionc; cioc alla CcrarcIia Dianca, al Suo Fc, c iu su ancora.
LA GRANDE INVOCA2IONE

Du unto d Lucc cnto u Mcntc d Do
Auscu u Lucc ncc ncnt dcg uonn.
Sccndu u Lucc suu Tcu.
Du unto d Anoc cnto Cuoc d Do
Auscu 'Anoc nc cuo dcg uonn.
Possu Csto tonuc suu Tcu.
Du Ccnto ouc Vocc d Do c conoscuto
Un oosto gud cco uoc dcg uonn.
I oosto cIc Gund Essc conoscono c scuono.
Du ccnto cIc c cIunuto gcncc ununo
S suogu Puno d Anoc c d Lucc
E ossu sIuuc u otu dcto cu nuc scdc.
CIc u Lucc, 'Anoc c u Potcnzu
HstuIscuno Puno suu Tcu.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

187
Trc asciii lisogna considcrarc, cIc riguardano l'cvoluzionc unana, in
roosiio. Il significaio dclla Lucc. Il raorio cIc la Lucc Ia con l'uono. Il
ciclo cvoluiivo cIc la nosira icrra sia aiiravcrsando.
Da scnrc, una cosicllazionc Ia avuio un grandc influsso sul sisicna solarc.
la Cosicllazionc dcllc Plciadi. Ncl lilro di Ciollc, si arla dcl "docc nusso
dcc Pcud". Punio ccniralc dcllc Plciadi c la Siclla Alcionc, cIc, in aliri
icrnini, c siaia cIianaia. "Cou cIc non s dcuc nonnuc". Ncllc Plciadi,
quindi, risicdc il Padrc Cosnico dcll'uono, da cui il nosiro sisicna solarc
dicndc. Narra, ancora, la iradizionc, cIc, sino a qualcIc dcccnnio fa,
solancnic oco iu di un ccniinaio di Crandi Esscri nc avcvano osiiaio la
Pulsazionc Sucriorc, in anino, coscicnicncnic. La Cosicllazionc dcllc Plciadi c
inscriia in quclla dcl Toro, c, cr conrcndcrla, lisogna lrcvcncnic siudiarc il
Toro, cIc la osiia, all'aliczza dclla sua "salla". Il Toro c cIianaio il scgno
dclla Lucc, cr aniononasia. Ncl iraiiaio di Magia Dianca, il Macsiro Tilciano
rioria la dcscrizionc siriiualc di colui cIc Ia in sc, icnancnic sviluaic, lc
caraiicrisiicIc dcl Scgno dcl Toro.
"S]o1goron1e Po1ere, Sopere e Forzo,
11 Toro S1o. Do1 Cen1ro de11o Suo
Tes1o, 11 D1omon1e F1ommegg1o oon
Bo1en1o u11ro1erreno"

Sia, quindi, cr il suo raorio con il Ccniro da dovc rovicnc ogni Lucc, al
sisicna solarc, Lc Plciadi, sia cr il suo significaio sinlolico, il Toro c il scgno
dcll'cvoluio. Il ccniro ajna, ira i duc occIi, c qucllo cIc roiciia la Vilrazionc
Monadica, raccIiusa ncl ccniro alla sonnii dcl cao. Solo il ccniro ajna lo
u farc, c, quando c risvcgliaio, collcga lo Siriio alla Maicria. Ed il risvcglio
dcl ccniro ajna c la ncia di ogni naio soiio il Toro. Noiizic sulla Cosicllazionc
dcl Toro, lo siudioso oir irovarlc, in acndicc, sui lcniluni.
Dudda collcga la CcrarcIia c SIanlalla - rarcscniando, in grazia alla Sua
cvoluzionc - l'Illuninaio cr ccccllcnza; cd c, aunio, lc cncrgic dcllc Plciadi
cIc, ogni anno, nclla Ccrinonia dcl Wcsal, Egli offrc alla ricIicsia dcl Crisio.
Significaiivo c il faiio cIc Egli sia norio soiio un lcnilunio dcl Toro;
significaiivo c sinlolico. Dudda, occuliancnic arlando, Ia un coniio lcn
rcciso, riguardo all'unanii. Poriarc lucc, ncll'annclliancnio asiralc. Dicc la
iradizionc, cIc, 2.500 anni fa, un "Punto d ucc sogoo - c tuttou cnunc",
ncl iano asiralc, iniziando il lavoro di lruciarc lc scoric cIc, da nillcnni, lo
alincniano c di iranuiarc l'unidii occulia dcl iancia, in ardorc solarc.
Qucsio "Punio" c Dudda. Egli, quindi, collcga l'uono - c lo fa cosianicncnic,
iu di quanio non ossa crcdcrlo l'unanii - alla Lucc di Alcionc; collcga
l'uono alla CcrarcIia, dando un raorio rcciso alla Lucc "Otc Cosno", c fa
sccndcrc la Lucc sulla icrra, dissolvcndo l'annclliancnio asiralc. Dicc la
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

188
iradizionc cIc ogni disccolo u avcrc coniaiii dcfiniii con Dudda, ogni volia
scgua iali linari di scrvizio al nondo.
Alliano, quindi, sicgaio il rino vcrsciio. Tuiio rcsia all'iniuiio di cIi lo
cnuncia. Crandi sono lc disianzc a cui il naniran u oriarlo; na,
conunquc, sia a lui sccglicrc qualc raorio u insiaurarc, in qucsia rina
aric dcl naniran. E` consiglialilc ronunciarc ialc rino vcrsciio, tcncndo n
uttutu cIuIu dcu tcstu c quco unu.

Do1 pun1o d1 omore en1ro 11 ouore d1 D1o
o]]1u1soo 1omore ne1 ouor1 deg11 uom1n1
posso Cr1s1o 1ornore su11o 1erro

Nclla rivisia "Vcrso la Lucc" - una dcllc divulgairici, in Iialia, dcl Mcssaggio
dclla Nuova Era - lcggcnno, un giorno, un ariicolo significaiivo. CIi scrivcva
affcrnava cIc l'anorc avrcllc dovuio csscrc, al grado di cvoluzionc dcll'coca
aiiualc, considcraio, non gi conc scniincnio alcaiorio c ronaniico, na conc
una grandc forza cffciiiva; una cncrgia dal cIiaro cso sccifico, caacc di
giungcrc dovc la sicssa cncrgia aionica non sacva c non sar. Qucsio c
l'anorc occulio di cui arlano gli Adcii. Un Anorc-Voloni; un Anorc-Maicria
cosnica. Un Anorc-Vcrginc Maria.
Ncl rino vcrsciio, cr. "Mcntc d Do", si inicndc arlarc di SIanlalla, cIc c il
sisicna ccrclralc dcl nosiro iancia, in scnso occulio. Ncl sccondo vcrsciio,
arlando dcl Cuoc d Do, si inicndc arlarc dclla CcrarcIia, in cui "lc corrcnii
siriiuali vanno c vcngono scnza osa". Il naniran dclla Nuova Era non c una
rcgIicra, na un aiio di voloni c di aricciazionc ad uno sforzo Siriiualc
Planciario. Vi sono dcllc ncic cIc dcvono raggiungcrc l'aiiualc razza c l'aiiualc
ciclo cvoluiivo. Ed il disccolo si allinca alla CcrarcIia c nciic in novincnio, a
scconda dcl suo oicnzialc cncrgciico c dclla sua iniziazionc, un flusso
coscicnic di cncrgic, cIc Ianno dcllc caraiicrisiicIc oicnziali c dcicrninaic.
Qucsio vcrsciio onc in coniaiio il disccolo con la CcrarcIia, conc il rino gli
d il raorio con SIanlalla c con la "Lucc cIc stu otc". Infinc, conc gli crc,
rina, il coniaiio con il Dudda, ora lo accorda con il Crisio. Difaiii, duc nila
anni fa (narra scnrc la Fivclazionc} Crisio si inscri ncl iano ncnialc - c, da
allora, ivi crnanc - cr dissiarc lc illusioni sccolari di qucsia nosira icrra,
con l'aura anorcvolncnic cosnica dcl Suo Io. E` significaiivo consiaiarc cIc,
ncllc fornulc raiicIc cIc nuncrosi grui di iniziaii c di disccoli adocrano
cr dissolvcrc l'annclliancnio occulio cIc orinc gli uonini, sul iano
asiralc sia roiagonisia dcll'aiio la "ucc dcu ou unnu", roiciiaia con
voloni c caacii; ncnirc, cr dissiarc lc illusioni dcl iano ncnialc, iali
grui adocrino la ozu dc'unoc, c non quclla dclla lucc. E` cIiaro cIc iuiio
c un roccdincnio cIc si riassonna in un solo scoo, c cIc non u scindcrsi
l'annclliancnio dall'illusionc; na, cr quanio riguarda il roccdcrc dclla
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

189
iccnica occulia, gli scalini sono succcssivi. Ncl iano ncnialc v'c il Crisio, cIc -
occuliancnic arlando - va inconiro al disccolo agcnic, c collalora con lui.
Mcnirc la Lucc dcl rino vcrsciio affluiscc, dai iani ncniali dcll'uono, c vicnc
raccolia dal Dudda, cr riscIiararc l'annclliancnio asiralc, l'Anorc dcl
sccondo vcrsciio vicnc raccolio da Crisio cIc, dal iano ncnialc crca un
linonio con Dudda - ncll'asiralc - c dissia lc illusioni dcllo sicsso iano
ncnialc. Con ialc siriio di collalorazionc, il naniran acquisia un iono lcn
rcciso cd un oicrc cIc non avrcllc avuio, sc riciuio nisiicancnic cd
cnoiivancnic. Ncl raorio con Crisio, inolirc, il disccolo affcrna. "Possu
Csto tonuc suu tcu". PcrcIc fa qucsio? PcrcIc c siaio sicgaio cd c siaio
dciio cIc, scnza il ricIiano dal lasso, la risosia dall'alio non u vcnirc. Il
Ciclo va rcso con violcnza (voloni}. Ed ancIc sc c ccrio cIc - naiuraii oranai
i icni - Crisio vcrr a nosirarsi ulllicancnic, il disccolo gliclo iorna a
cIicdcrc, cr acccllcrarc l'Avvcnio, in nodo crsonalc. E siia ccrio cIc il
ncssaggio, cr quanio iccolo ossa scnlrarc, vicnc raccolio c rcgisiraio, in
alio. I ucsctto ucngu ctuto, du ccnto dc cuoc.

Do1 oen1ro ove 11 Vo1ere d1 D1o e` oonoso1u1o
un propos11o gu1d1 1 p1ooo11 vo1er1 deg11 uom1n1
11 propos11o oe 1 Grond1 sser1 oonosoono e servono

Qucsio vcrsciio iorna a ricicr la vcrii cIc vi c uno sirciio lcganc ira
l'unanii cd un "Ccnto ouc Vocc d Do c conoscuto", cioc la CcrarcIia
Dianca. Ficicrlo c nciicrsi coscicnicncnic in coniaiio con Essa, arcndo il
loio dclla roria anina, cr osiiarnc il rivcrlcro, c lo scoo rino dcl
disccolo. Il volcrc di "Dio", cr qucsio ciclo, c un coniaiio dcfiniio con
SIanlalla. Uno sviluo dclla voloni, da aric dcll'uono, c non iu dcl solo
anorc inicriorc. I ccniri dclla icsia c dcl cuorc, in qucsio ciclo, dcvono agirc
all'unisono. Non u souncntc Iuonu uoontu, nu uoontu d Icnc. A ial
roosiio, nolio lavoro, olirc il vclo, in qucsia dirczionc, vicnc faiio dagli
Adcii. Cli AsIran di Prino Faggio - dclla voloni c dcl oicrc - collalorano
vivancnic con gli AsIran dcl Sccondo Faggio - dcll'anorc c saggczza. Il
roosiio u scaiurirc solianio da coloro cIc Ianno voloni siriiualc
risvcgliaia c lucidii d'anino, fruiio di una lunga naiurazionc rcincarnaiiva.
Ed il roosiio assunc vcsic dcfiniia cd angolaiurc rccisc. Ecco la ragionc cr
cui, duranic il Plcnilunio dcl Wcsal, il Fc dcl Mondo, nci cinquc giorni faiidici,
si onc a coniaiio dirciio con l'unanii, cosa nai faiia rina d'ora; cr
risvcgliarc in cssa la rofonda radicc dclla voloni siriiualc. Solo cinquc giorni
all'anno dura il Fcnoncno, o la sicssa unanii rcsicrcllc inccncriia da iania
Lucc. Il Proosiio dcl Fc dcl Mondo, c " Poosto cIc Gund Essc conoscono
c scuono". Proosiio inicso conc voloni c naiurii siriiualc, na ancIc conc
Piano cvoluiivo dciiagliaio, gi csosio ncllc aginc dcl iraiiaio.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

190

do1 oen1ro oe e` o1omo1o 11 genere umono
s1 svo1go 11 P1ono d1 Amore e d1 Luoe
e posso sborrore 1o por1o d1e1ro ou1 11 mo1e r1s1ede

L'unanii c il cIalra dclla gola dcl Logos Planciario; qucsio vcrsciio acquisicr
una noia siriiualc, sc il disccolo, ncdiiando, acccnircr la sua csscnza
siriiualc nc oo ccnto dcu gou. La CcrarcIia, in lasc all'Avvcnio dclla
Nuova Era, ccrca la collalorazionc dcll'unanii, cr quaiiro grandi coniii,
cIc saranno lc causali rofondc dcl "Piano d'Anorc c di Lucc", dclincaio ncl
vcrsciio, c cIc oiranno slarrarc la oria, "diciro cui il nalc risicdc". Un nalc
di aniica daia c cIc si riallaccia, non ianio alla iradizionalc idca cIc si Ia dcl
diavolo, o dci cosiddciii "fraiclli ncri", quanio ad un larna solarc nolio aniico.
Mcnirc ronuncia il vcrsciio, il disccolo icrr rcscnii lc Causc cIc dcvc
nanifcsiarc l'unanii, cr rcalizzarc ci cIc il vcrsciio gli cIicdc. I coniii
sono.
il rino c iu inorianic, consisic ncllo sialilirc, cr nczzo dcll'unanii,
un avanosio dclla Coscicnza dcl Logos, ncl sisicna solarc. E`, qucsia, una
corrisondcnza - in scnso nacrocosnico - dcl raorio csisicnic fra un
Macsiro cd il Suo gruo di disccoli;
isiiiuirc sulla icrra una "Ccniralc" di cncrgia di ialc oicnza cd un unio
focalc di ialc inicnsii, cIc l'unanii, ncl suo assicnc, ossa cosiiiuirc un
ccniro ncl Sisicna Solarc, il qualc roduca canliancnii cd cvcnii di naiura
ariicolarc nclla viia c ncllc viic dcl iancia (c crci dcl sisicna solarc} c
dcicrnini ancIc un'aiiivii inicrsicllarc;
sviluarc una "Siazionc di Lucc", ncdianic il Quario Fcgno dclla Naiura
(l'Unanii}, cIc scrvir non solianio il Piancia, non solianio il nosiro
sisicna solarc, na ancIc i sciic sisicni solari di cui uno c il nosiro;
fornarc un Ccniro nagnciico ncll'univcrso, in cui il Fcgno Unano cd il
Fcgno dcllc Aninc, uniii c coordinaii, cosiiiuiranno il unio dcl iu inicnso
oicrc, c cIc scrvir lc viic cvoluic cniro la sfcra di irradiazionc di "Cou d
cu nuu uo csscc dctto"
Conc si u noiarc, un rofondo significaio Ia il quario vcrsciio dcl Maniran.
Ed il disccolo, rolalilncnic, sar icniaio a dirc. "Mu conc osso, nc
onuncuc c utnc gIc, nscn n tuc uusttu d usonc, o, u uncou, conc
couIouu?" E` un faiio gradualc; na c ancIc una rofonda vcrii cIc ogni
franncnio di unanii c gu "nsctu" ncl Piano. Il naniran lo rivcla, cd csoria
il disccolo a riniracciarc, da sc, i raorii cIc Ia con il ncdcsino Piano. Cosa
cIc, scnza dullio, c ossililc, na di sciianza al suggcrincnio silcnic dcl
rorio Sc Sucriorc.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

191
oe 1o Luoe, 1Amore e 1o Po1enzo
r1s1ob111soono 11 p1ono su11o 1erro

Molii noni occulii vcngono daii al Crisio, in raorio al Suo coniio di
risialilirc l'ordinc c inorrc un nuovo Fiino ai Fcgni dclla naiura lanciaria.
Egli c cIianaio il Donaiorc di Acqua. Ci, a significarc cIc discnscr l'acqua
siriiualc dcll'Eoca dcll'Aquario, a iuiii. Un'Acqua cIc cncircr ovunquc, cIc
innafficr icrrcni sicrili, cIc alincnicr una visionc rciiancnic aquariana
(vcdi lo siudio dcll'Aquario, in acndicc, sui lcniluni} di sviluo c di gioia.
Egli c cIianaio il Potcttoc dc "cco". Ed in scnso occulio, i "cco" naii sono
coloro cIc osscggono la scconda iniziazionc. Ci vuol dirc cIc nolii
acquisicranno la scconda iniziazionc, con il Suo Avvcnio; c cIc, addiriiiura,
cssa vcrr daia ulllicancnic. Ci sia di scranza c di fiducia a iuiii coloro
cIc calcano il Scniicro.
Inolirc, Egli c cIianaio " Punto u Ccnto dc Tungoo". PcrcIc, qucsio? Trc
Crandi Poicri collalorano con Crisio, ncll'insiaurarc l'Eoca dcll'Aquario; cd
Egli nc riflciic lc conscgucnii Encrgic Univcrsali. Essi sono. Dudda, cIc, ncl
vcrsciio, c cIianaio "u Lucc"; uno dci Sci Kunara (la Potcnzu}, Disccoli dcl Fc
dcl Mondo, cd csaiiancnic il Kunara di Prino Faggio, dclla Voloni c dcl
Poicrc (cd ccco, ancIc, sicgaia la ragionc cr cui l'anorc si iranuicr, nclla
Nuova Era, in voloni illuninaia; la luona voloni, in voloni di lcnc}; cd una
Eniii di livcllo Cosnico ('Anoc}, cIc incarna l'Anorc Puro, il Sccondo Faggio
Cosnico. Al ccniro dcl iriangolo, v'c Crisio. E qucsio iriangolo occulio,
alcggianic sul iancia icrra, risialilir il Piano sulla Tcrra.
Cosc asiraiic? UioisiicIc? Noi saiano di no. Noi saiano cIc nolii clciii
vivono con la rova di quanio alliano dciio, c, cr loro, non v'c ragionc di
duliiarc di una rcali cIc cosiiiuiscc cvidcnza cr ogni aiio quoiidiano cIc
csrinono. Essi Ianno disinaraio a dirc frasi di aniico rciaggio, conc.
"Too uto c nc; nossIc cIc u cuzzuzonc cosccntc dc contutto con
Sn Ccutuc guud oo nc". Essi Ianno arcso a rcalizzarc cIc la
grandczza di Dio c rorio quclla di farsi iccolo vcrso i icccoli c di aliiarc ncl
cuorc di ognuno, soiio il vclo dclla roria anina. Il raorio ira il Crisio-
rinciio, in loro, cd il Crisio siorico c oranai sialiliio c ncssuno oir nai
ioglicrli dall'ainosfcra dclla CcrarcIia, ovc una fcdc illuninaia li Ia oriaii.
Noi facciano i iu rofondi voii a cIc lo siudioso si inncrga nclla Lucc doraia
di qucsii Sacri Princii c li scnia aliiarc in lui, di suo diriiio dcfiniiivo c
dcll'unanii.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

192
- L21ON VNT1QUATTRS1MA -
I tono dc Csto

LAvven1o d1 Cr1s1o oono1uso. g11 s1 mon1]es1o, ogg1, pubb11oomen1e, 1n
1erro, so11o 1e ves11 d1 So1 Bobo.
Du uounc "L'uono ucnuto du cco" (Guncuo Hosut Edtoc - l99l), d
Guncuo Hosut, uno dc u uttcnt Iogu c conncntuto d Su HuIu,
oducuno dc Iun cIc ndcuno c CuuttcstcIc c u Nutuu dc'Auutu.
".Sai Dala c uno di quci crsonaggi cIc conaiono ogni 5.000 anni c
incidono rofondancnic il dcsiino dcll'unanii. La loro conarsa scgna
scnrc una svolia dcicrninanic ncl nodo di cnsarc c di agirc..
I raorii dcll'uono con il suo sinilc canliano radicalncnic c cr 800 anni lc
radici di qucsii canliancnii sono cosi lcn ancoraic al suolo cIc il nondo vivc
il suo nillcnnio d'oro. E' un aiiino di rcsiro cIc si conccdc all'uono in qucsia
sua disavvcniura icrrcna.
.Cinqucnila anni fa fu la volia di KrisIna; ora, un aliro Macsiro dcl nondo si
incarna cr noi.
Sai Dala nascc a Puiiaarii, un iccolo niscralilc villaggio dcll'India dcl sud, a
160 cIilonciri da Dangalorc. Il villaggio c conlciancnic isolaio dal rcsio dcl
nondo..
...La Sua nasciia vicnc annunciaia da sirani scgni cIc non vcngono lcnc
dccifraii dai faniliari. Cli siruncnii nusicali suonano da soli conc volcsscro
annunciarc l'aarizionc di un rodigioso condoiiicro siriiualc dcsiinaio a
caovolgcrc il dcsiino dcll'unanii. E quando il iccolo SaiIya Naraycna Faju
(qucsio c il nonc anagrafico dcl coro cIc giungc a Puiiaarii} vicnc alla lucc,
non c'c nulla cIc ossa far cnsarc ad una incarnazionc di Dio. Non arriva un
angclo ad annunciarc alla nadrc cIc sia cr ariorirc un coro cIc irasoria il
divino. La nasciia c conc quclla di iuiii i linli di qucsio nondo. Pcr irc anni
la nanna lo allcva con l'anorc iiico dcllc nannc, na ccco cIc si scorc una
sirana caacii osscduia dal iccolo SaiIya. Egli fa aarirc dall'aria oggciii c
fruiia cIc dona ai Suoi iccoli anici. E' l'inizio dcl criodo dci u, i niracoli
cIc Dala cIiana i gocI dc duno. E sono rorio i niracoli cIc
incuriosiscono la gcnic.
Da uno sicsso allcro di ianarindo, cIc sorgc sulla collina di Puiiaarii, Sai
Dala fa crcsccrc fruiii divcrsi. Mango, lananc, aaic, nclc c coccIi nascono
da uno sicsso rano c vanno a graiificarc i conagni cIc oranai riconoscono la
divinii dcl iccolo SaiIya. I lanlini, nclla loro scnlicii cd innoccnza,
arrivano scnrc rina dcgli adulii.
Cli anni dclla scuola conoriano vicissiiudini c disagi cr il iccolo Naraycna
(si ronuncia Naricna} cIc dcvc allonianarsi ancIc dai gcniiori, fincIc un
giorno dcl 1940 dicIiara di csscrc Sai Dala, incarnazionc di Dio sccso in icrra
cr risvcgliarc la divinii cIc allcrga in ogni uono c cr rioriarc a galla la
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

193
vcrii, l'anorc, la giusiizia, la rciiiiudinc c diffondcrc la acc ncl nondo. Sono
dicIiarazioni drannaiicIc qucllc cIc fa il iccolo SaiIya, soraiiuiio sc si
cnsa cIc Ia acna 13 anni.
I dcvoii coninciano gi ad affollarc la niscra casa. CIicdono dcllc rovc. Il
iccolo Sai lancia in aria ciali di fiori cIc, cadcndo, vanno a disorsi in
nanicra ialc da fornarc il nonc Su HuIu in iclcgu, la lingua localc.
L'incrcdililc si singc olirc i confini dclla rcgionc dcll'Andra PradcsI dovc c
siiuaio il villaggio di Puiiaarii. In alcuni icnli succcdc uno sirano fcnoncno.
I dcvoii cIc si rccano a rcgarc al icnio, al osio dclla siaiua di Dio vcdono il
volio sorridcnic di SaiIya.
Inizia cosi il cllcgrinaggio dci riccrcaiori siriiuali cIc si singono, non scnza
difficoli, fino al villaggio cIc osiia l'Incarnazionc Divina. Lc noiizic si
diffondono c i curiosi, insicnc ai dcvoii, vanno lcn rcsio ad affollarc la casa di
Dala. Il iccolo asIran cIc il giovanc Ia cosiruiio non c sufficicnic ad osiiarc
i cllcgrini cIc dcvono affroniarc ancIc il rollcna dcl viiio. E' Sai Dala cIc
rovvcdc naicrializzando il cilo cr iuiii i cllcgrini. La noliilicazionc dcl cilo
fa aric dclla viia di iuiii i grandi crsonaggi nisiici. AncIc in qucsii anni Sai
Dala c siaio visio noliilicarc il riso cr sfanarc ccniinaia di crsonc rcscnii
al suo dusIun. DusIun vuol dirc aarizionc c fa rifcrincnio al noncnio in
cui il Macsiro aarc ai dcvoii.
Coloro cIc Ianno avuio la foriuna di vcnirc in coniaiio con Sai Dala duranic i
rini anni dcl Suo aosiolaio Ianno assisiiio a niracoli grandiosi, riciuii,
nuncrosissini; Ianno assisiiio alla naicrializzazionc dclla siaiua di SIiva
(Dio} dalla sallia dcl fiunc Ciiravaiy, cIc cosicggia Puiiaarii; al diroiiancnio
dcllc acquc dcl fiunc in icna; all'arrcsio dclla ioggia. Fino a qualcIc anno fa
cra ossililc avvicinarc il Macsiro con discrcia facilii c assisicrc, cosi, in
dirciia, a guarigioni niracolosc, o a rianinazioni di cadavcri. Qualcuno, conc
l'ingcgncrc nuclcarc Vcnu Mucunda, di Londra c il doiior PolcngIi Franccsco,
di Milano, c rinasio ncll'usIun di Dala cr divcrsi anni c Ia avuio
l'ooriunii di valuiarc in nanicra scruolosa l'onniscicnza c l'onnioicnza di
qucsio crsonaggio.
Sai Dala dicIiara di csscrc l'Avaiar, il Salvaiorc aiicso dalla sioria. Cli aniicIi
icsii annunciano cIc l'Avaiar, cr oicrc csscrc riconosciuio, dcvc oriarc con
sc scgni cd aiiriluii lcn rccisi.
L'Avaiar dcvc avcrc innaziiuiio dci scgn cutunc. Qucsii scgni dcvono
ncccssariancnic conarirc nclla aric sinisira dcl coro c sono rarcscniaii
da un nco suu guuncu c da un Guudu sull'cniioracc sinisiro. Il Caruda c
un'aquila c Ia un rofondo significaio siriiualc.
"I Guudu c snIoo dc Iunu ", affcrna Sai Dala, " c c duc u snIocgguno
u cdc (SIradda) c u dcuozonc (DIalii).In sunscto uoutc cndc nonc d
Hduu VIugu, cIc sgncu 'uccco dc cuoc, c cu uzon sono sututo
dcu cdc c dcu dcuozonc. KsInu uucuu qucsto scgno c con Lu tutt Su"
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

194
Il scgno dcl Caruda cIc Dala oria sull'cniioracc sinisiro vcnnc nosiraio al
dr. Fanilunda, ncgli anni '70.
A fianco dci scgni cuianci l'Avaiar dcvc osscdcrc i 15 Kuus. I Kuus sono gli
aiiriluii divini c conrcndono.
contoo ussouto su coo sco,
contoo dcc ucotu scIcIc,
contoo su tutt g ccncnt dcu nutuu.
In icrnini iu rccisi qucsio significa onnioicnza, onniscicnza, onnircscnza.
La culiura oricnialc, conc quclla occidcnialc, aiiriluiscc a Dio alcunc
caraiicrisiicIc nolio rccisc. Pcrianio, sccondo lo sicsso inscgnancnio
crisiiano, Dio c ialc in quanio onnioicnic, onniscicnic c onnircscnic. Ncl
noncnio in cui inconiriano un crsonaggioo con qucsic caraiicrisiicIc siano
auiorizzaii a riconosccrc in lui una oicnza divina. Non ci sono alicrnaiivc.
L'inscgnancnio cIc ci c siaio inariiio c nolio cIiaro. Solianio Dio ossicdc
qucgli aiiriluii. Ma i icsii oricniali non si acconicniano dci Kalas c rcicndono
ancIc dci scgni cuianci.
Noi riccrcaiori siano ancora iu csigcnii c rcicndiano cIc il Crandc
Condoiiicro vcnga ancIc annunciaio dallc rofczic cIc cncrgono all'inicrno
dcllc Crandc Fcligioni. Hconoscccno, qund, conc otcnzu dunu sotunto quc
csonuggo cIc osscdc. Iuus, scgn cutunc dun c ucnc unnuncuto duc
oczc.
Sai Dala ossicdc i scgni cuianci csclusivi di Dio. un nco sulla guancia sinisira
c un Caruda sull'cniioracc; na, non ossiano ovviancnic, acconicniarci di
qucsii scgni cIc, incidcnialncnic, oircllcro aarirc sulla cllc di cIiunquc.
Andrcno crianio a riccrcarc ira lc aniicIc rofczic cr sialilirc sc l'annuncio
dclla vcnuia dcl Crandc Condoiiicro rcvcdcva una figura lcn rccisa in
qucsi'coca.
Lc rofczic cIc annunciano la disccsa dcl Sai Avaiar in qucsia nosira coca di
affanni sono nuncrosc c, ncgli uliini scinila anni, lo annunciano con
riccIczza di ariicolari c incrcdililc rccisionc.
Ncll'inicrrciarc qucsic rofczic non occorrc farc salii noriali conc Ianno faiio
i disccoli crisiiani ncll'adaiiarc lc rofczic di Daniclc a Ccsu. Sai Dala vicnc
annunciaio in nanicra rccisa, foiografica; vicnc sccificaio il Suo allcro
gcncalogico, il luogo in cui sarcllc naio, l'ci cIc avrcllc raggiunio rina di
lasciarc il suo coro fisico, iuiic lc iac dclla Sua nissionc c lc Suc conquisic
nondiali ncl cano dclla siriiualii.
L'uliino annuncio c siaio faiio ncl 1935, quando Sai Dala avcva acna 9
anni c l'Occidcnic non nc conosccva ancora l'csisicnza. Sono rofczic
sconvolgcnii cIc ricniono il cuorc di ccriczzc.
Molic aninc si sono incarnaic rorio in qucsia coca cr avcrc la visionc
dirciia dcl Divino cIc disccndc con iuiii i oicri c cr osscrvarc il nodo in cui
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

195
iira i fili di qucsia grandc conncdia cosnica cr darc scacco naiio ai funcrci
faniasni dcl nalc.
"E' c uo unu gundc otunu", dicc Sai Dala" csscc cscnt u qucstu gucu
dc Duno conto nuc cIc ntuou nondo. Non cdctc qucstu occusonc d
utccuc u u gundc sconto dcu stou dcu ccuzonc; utccutc uncIc
uo conc conIuttcnt dc Duno n dcsu dc uuo dc DIunu (u Hctttudnc);
Pcnu (l'Anorc}; SIunt (la Pacc}; SutIu (la Vcrii} c nnc AnsI (la Non
Violcnza}".
Lc rofczic cIc riguardano Sai Dala ariono dall'Esircno Oricnic c via via si
avvicinano al nosiro nondo. Sc lc UanisIad sono nolio lonianc dalla nosira
culiura, non alirciianio di u dirc di Maonciio, di Nosiradanus, di S.
Ciovanni Evangclisia, di Dal, di Paa Ciovanni XXIII c, infinc, di MalacIia.
Lc rofczic dcllc UanisIad
Cli aniicIi icsii sacri indu avcvano annunciaio la disccsa di Dio ncl uuggo
dc con ncl sud dcll'India. Puiiaarii significa aunio uuggo dc con, in
quanio ncl assaio cra siaio invaso dallc icrniii, cIc avcvano cosiruiio
icrniiai in iuiia la zona.
Lc rofczic avcvano ancIc rcvisio la faniglia rcsso la qualc si sarcllc
incarnaio il Divino; iuiic lc iac dclla Sua Missionc siriiualc c la sua noric a
96 anni. Lc rofczic annunciano cIc il divino si sarcllc incarnaio all'inicrno
dcl Kali Yuga. L'Ei dcl Fcrro Ia inizio 5000 anni fa, suliio la noric di
KrisIna. KrisIna c uno dci grandi Auutu dcl assaio. Dovrcllc csscrc norio il
24 fcllraio di 5083 anni fa.
CIc cos'c un Auutu?
Avaiar significa lciicralncnic disccsa c soiioinicndc la disccsa di Dio soiio una
forna visililc. Avaiar, crianio, va inicso conc incarnazionc divina.
La disccsa dcl dccino Avaiar dovcva avvcnirc all'inicrno dcl Ku Yugu, circa al
scsio nillcnnio doo la noric di KrisIna. Sai Dala c il dccino Avaiar, un
Punuuutu. Lui sicsso dicIiar ad un nonaco luddisia di csscrc l'Avaiar cIc
dovcva vcnirc doo SiddIaria.
Sai Dala c il KuI Auutu cIc ncllc sacrc scriiiurc Indu vicnc dcscriiio conc un
condoiiicro cIc cavalca un lianco dcsiricro. La rofczia di S. Ciovanni
Evangclisia c siaia aiiinia forsc da qucsii sicssi icsii.
Lc rofczic dcllo SIula Nadi
Il lilro dcllo SIula c un icsio sacro cIc vicnc iranandaio di gcncrazionc in
gcncrazionc; scsso, di faniglia in faniglia, da nigliaia di anni. Il lilro c scriiio
in sanscriio aniico, in un dialciio oranai csiinio. il IuIn. L'auiorc c il saggio
MaIarisIi SIula dcv., un conicnoranco di KrisIna, il unuuutu conarso
sulla icrra oco iu di 5000 anni fa. La daia di sicsura dcl icsio risalc
ufficialncnic al 3.143 rina dcll'cra crisiiana.
Oggi, il cusiodc dcl lilro c Sri IyoiiscIarya FanalrisIna SIasiri (SIuIu
Founduton JJ, 5
tI
Mun Houd. CIunuuct, Hunguoc 5bU.UlS}, filosofo,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

196
ingcgncrc c riccrcaiorc dclla vcrii. La faniglia dcl doiior FanalrisIna c
cniraia in osscsso dci lilri sacri circa 800 anni fa.
Qucsic lc rivclazioni dcllo SIuIu Nud.
"..u Suu nssonc c qucu d sucguc u ctttudnc. Duu u cuscuno suo, nc
scnso cIc ogn dcuoto ccucu n uoto u uco d cosccnzu uggunto. Cos,
quucuno ccucu un ccto nunco d oggctt c sunuc quucIc ucunu scu o
stuuc, quucun uto ccucu sotunto un'ndcuzonc c 'uutocuzzuzonc.
I uuggo n cu conuu ncu Suu ucstc tccnu ducntcu uogo suco. Potu
ussuncc quuunquc onu, otu cnnuc quusus ccoo c quusus
ostucoo. Cccu sttut d cducuzonc c nostcu u Suu onnsccnzu n nc nod.
Sc dcuoto s ucndcu u Mucsto uuu 'ootuntu d scuttuc suo cccut c
ottcncc u Icuzonc. Mot o uuucncunno, nu ucun non otunno uo c
conotuncnto snoso dcc utc ussutc.
Eg suu u csoncuzonc dc'unoc c dcu Icuttudnc, nu sotunto c ncnt
unnutc otunno cunc 'csscnzu. Su HuIu otu csscc scncntuto, nu
non dcsctto. Eg cunnncu ncu ctttudnc u d u d ogn nudccnzu. Suu
ucscntuntc d SId HuIu c nusccu conc sututo dcc cgIcc uttc du
dcuot d SId.
I Mucsto s nostcu u VItccd uncIc doo u Suu notc.
Su HuIu nostcu tutt Suo otc quundo nuc uuu uggunto 'ucc.
Pnu dc'unno 2UUU nostcu sotunto un dccno dc Suo otc. Ncg unn
succcssu, tuttuuu, Suo soz c suuuc nondo ucunno ccntucut. Pnu
dcu nc d qucsto cco cosnco dnostcu cIc Lu c sotunto Lu suu n gudo d
contouc u uu dcu nutuu. I Mucsto untcu un uIco u Hunguoc cIc
ducntcu un cuno d cncgu. Nonostuntc cIc Eg su cnuncntc consucuoc
dc otc cIc osscdc, uccu sotunto quundo suu stcttuncntc ncccssuo.
Lu Suu gundczzu uggungcu c u scdutc contudc dc nondo, s nostcu
contcnouncuncntc n u uogI c oduu nuco nu ust. Co cIc uu otu
scnIuc noto scncc ug uonn, nu n cutu ogn Suu uzonc uuu
un'notunzu unucsuc.
I Suo cuoc suu ccnncncntc cno d conussonc; non cu nu ncssuno, nc
nostcu dsuunto c g co conncss du'gnounzu.
Ogn Suo gcsto cd ogn Suu uou uuunno un sgncuto c dcuot cIc
scguunno u cttu uu uuunno u Suu totuc otczonc. Eg nscgncu cIc
qucstu nostu cutu c usou. Cooo cIc conosccunno u uctu d Su HuIu
uggungcunno u suuczzu. Lc cosc tccnc cdcunno d sgncuto c dcuoto
scou cIc sotunto u conosccnzu d sc stcsso otu otuo uu Icuzonc
nuc."
Cli SIuIu rifcriscono cIc Sai Dala avr il oicrc di guarirc la gcnic c guarirc sc
sicsso sruzzando acqua sul suo coro c cIc cscrciicr qucsio Suo oicrc di
guarirc non solianio sulla gcnic dcl nosiro iancia, na ancIc sugli csscri
vivcnii di aliri iancii c crsino nci iani csisicnziali iu clcvaii.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

197
"S uccIcunno stuuzon nscguI quundo Eg cndcu su d Sc nu
dcg uonn c suuu du nuuttc o ncdcnt. Auu uncIc otcc d ounguc
u utu c quundo 'nucnzu dc Ku Yugu (qucsia Era, caraiicrizzaia dalla
corruzionc c dall'ingiusiizia} uggungcu suo ucc, u gcntc ucdu u Suu
gundczzu c o conosccu conc Potcc Assouto. Aou, 'ununtu s ngnoccIcu
duuunt u Suo cd c o udocu conc csonuggo u gundc cIc su nu
uuso suu uccu dc nosto unctu. Lu Suu csscnzu c dunu. Non
dncntcIcu nuu. Non c suu nuu cIc non conoscu. Eg uuu gund otc
ucuto. I soo ucdco ucIcu 'unno dcu gcntc; u scncc csoszonc
u'cncgu udutu du qucsto csonuggo duno otu unnuuc Iunu d
ognuno. Auu tc ncunuzon. Cooo cIc o ctcIcunno conncttcunno cccuto.
Du l9?9 u cocntc dc nondo cunIcu dczonc. u ctttudnc uocu
guduuncntc c 'utcsno connccu u dnnuc. Du quc'unno Eg conu
nuco nu ust."
Lc rofczic dcll'Aocalissc di Ciovanni
I icsii sacri indu avcvano rcvisio la disccsa di un Auutu, sinlolicancnic
idcniificaio conc un condoiiicro cIc cavalca un cavallo lianco. Il cavallo c il
sinlolo dclla ncnic c Colui cIc lo cavalca Ia il significaio di doninarla. La
ncnic c rcsonsalilc di iuiic lc roiczioni cIc ci allonianano dalla vcrii
surcna. I icsii sacri scgnalano cIc il Condoiiicro indosscr una vcsic color
dclla fianna, o dcl sanguc, oricr i scgni cuianci iiici dcgli Avaiar, vcrr
acconagnaio dai Kalas c condurr l'unanii vcrso l'Era dcll'Oro, cIc durcr
nillc anni.
Dicc Ciovanni nclla sua Aocalissc (ca. IXX}.
" Po ud cco us, cd ccco un cuuuo Iunco c cou cIc o cuuucuuu s
cIunuuu Fcdcc cd Vcucc cd cg gudcu c guccggu con u gustzu. Eu
ucstto d unu ucstc coo dc sunguc cd Suo nonc c u uou d Do. G cscct
cIc o scguuuno sou cuuu IuncI cuno ucstt d no Iunco c uo.
.Eg uco dugonc dc nuc c o cgo c nc unn, doo d cIc uuu du
csscc scoto c un o` d tcno".
Il nonc con il qualc Sai Dala vicnc rcgisiraio all'anagrafc dai gcniiori c SutIu
Nuucnu Huu. Faju c il nonc dclla faniglia. SutIu vuolc dirc uctu c
Nuucnu significa "cou cIc nunc cdcc nc cuoc dcg uonn".
In sinicsi, il nonc anagrafico di Sai Dala c il Vcucc c il Fcdcc.
Ciovanni avcva visio giusio.
Lc rofczic di Maonciio
Circa 1400 anni fa Maonciio si roosc al nondo conc rofcia, o inviaio dcl
Signorc. Il rofcia dcll'Islan avcva aiiinio la Sua culiura c la Sua rcarazionc
dal sisicna filosofico indiano, conc avcvano faiio a suo icno DuddIa,
Aollonio c Ccsu.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

198
Nc l' "Occano dcu Lucc", al volunc XIII, il Profcia conscgna al nondo ircccnio
scgni cIc crnciicranno al riccrcaiorc siriiualc di individuarc la nuova
incarnazionc di Dio.
L'ocra, scriiia circa sciic sccoli doo la noric di Maonciio, avcva lo scoo di
raccoglicrc iuiio ci cIc avcva dicIiaraio il rofcia in viia, affincIc non
andasscro crduic lc Suc arolc. L'Occuno dcu Lucc c cosiiiuiio da 25 voluni.
Il ircdiccsino, cIc oria il iiiolo di "E MuIud Muoud", cIc significa" L'uttcso
Condottco", si rifcriscc all'aarizionc dcl Crandc Macsiro dcl Mondo alla finc
di qucsio nosiro nillcnnio. L'ocra, scriiia in aralo, c rccrililc, non scnza
difficoli, in Pcrsia. Alcuni lrani vcngono rioriaii da Lowcnlcrg ncl lilro "TIc
Icut o Su " (SutIu Su uI, PusIunt Nuun, Puttuut, Indu}.
Il volunc XIII arla csclusivancnic dcl Condoiiicro Siriiualc cIc dovr
sovvcriirc l'ordinc dcllc cosc, risvcgliarc la siriiualii c l'anorc ncll'uono. La
Sua conarsa avvcrr, rifcriscc l'Ocra, ncl noncnio in cui l'unanii avr
ioccaio il fondo. Cosi scorrc il racconio.
Acun dscco nusunun donunduono u octu. "Sc tu E MuIud Muoud,
Gundc Mucsto"
Fisosc Maonciio.
"Ncssun octu c ncssun ncssu otu nu uucc otc con quu dsccndcu
Mucsto dc Mondo. Ncssun octu suu gundc quunto Mucsto, n quunto
otcc cIc osscdc Mcssuggco non c succntc c soucc guu d unu
nuzonc, o suuug u utu. Pc quunto guudu Mucsto dc Mondo, tuttuuu,
ncssun otcc dc nondo uscu u conqustuLo, ncssunu otcnzu otu
uccdcLo"
I disccoli donandarono ancora.
"Conc otcno conosccc Sgnoc dc Sgno"
"Vo" dissc allora Maonciio "non otctc conosccLo ccIc quundo Mucsto
ucu uo suctc cos snos cIc non uuctc u ossItu d touuLo. I cstun c
oo d utc cgon uuunno nuccc qucstu ossItu. Lo toucunno c Lo
udocunno, nu nusunun non otunno uo. V ono, conunquc, scgn cIc
conscntunno d conosccLo c d dstngucLo du us oct cIc n quc'cocu
dsccndcunno nuncos"
I scgni cIc forniscc Maonciio sono cosi rccisi cIc c ossililc crsino iracciarc
un idcniilii dcl Condoiiicro. Ascoliiano il Profcia nclla sua dcscrizionc.
" Lu suu cIonu suu conc unu coonu, u ontc suu ugu, u udcc dc nuso
unu, dcnt ccntu suunno scuut. I Suo uso suu scnc Icn usuto. I
Mucsto dc Mondo non otcu nu u IuIu. Auu un nco suu guuncu c
ndosscu duc uIt coo dcu unnu. I Suo coo suu nnuto, nu o stonuco
uno nc'ctu nutuu. Lc gunIc suunno conc qucc d un udocsccntc. Eg
otcu con sc u sucnzu c u conosccnzu d tuttc c cgon dc nondo. Tuttc c
sccnzc c u cutuu dc nondo uoggcunno ncu Suu ncntc n duu nusctu.
uuunquc cosu cIcdcctc Eg uc u doncu. Tutt tcso dc nondo suunno
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

199
sotto Suo cd. A tutt uu cco don c nutcuzzcu oggctt uncIc duu
Ioccu. Hcncdu dcuot toccundo con u nuno. Cooo cIc o ucdunno suunno
cc c c stcssc unnc dsncunutc godunno dcu Suu usonc. I dcuot
uungIcunno coo c ucdcLo. I Mucsto uuu sno u 95-9b unn. Ncg utn
ucnt unn dcu Suu utu Eg ucu conoscuto conc Hc dc Hc, uncIc sc c
quc codo sotunto duc tcz dc'ununtu ccdcu n Lu. I nusunun o
conosccunno sotunto nouc unn nu cIc Eg usc Suo coo. Vo uucstc
otuto stngcG u nuno, nu uuctc cduto qucstu gundc occusonc. I Mucsto
uuu n conu c Suo dcuot s ununno sotto un gundc uIco. A quc tcn
uo scndcctc noto dcnuo c uIIcc c uostc noscIcc, nu ncssuno d uo
undu u u cguc. PuIIcIcctc Icssn I dc Couno, nu ncssuno d uo
concndcu co cIc u stu sctto. I uc nscgnuncnt d Mosc sono nuscost n
unu gottu dc'AntocIu, nu Hc dc nondo, 'ncunuzonc d Do, suu 'unco
cIc onu u'ununtu un nscgnuncnto d uctu".
La dcscrizionc faiia da Maonciio c foiografica. Tuiii i scgni forniii dal Profcia
dcll'Islan calzano alla crfczionc al crsonaggio Sai Dala. Lui sicsso Ia
annunciaio cIc norir all'ci di 95 anni.
La osizionc dci iancii al noncnio dclla nasciia di Sai Dala
Sri Canaaii, ncl suo rcgcvolc lavoro "Suun ", inirodoiio dal liografo ufficialc
di Sai Dala, N. Kasiuri, forniscc la scgucnic osizionc dci iancii al noncnio
dclla nasciia dcll'Avaiar.

Luogo di nasciia Puiiaarii
Daia di nasciia 23 novcnlrc 1926
Ora di nasciia orc 5, ninuii 6
Fasc lunarc 4 giorno doo la luna icna
Siclla Orionc
Longiiudinc 77 gradi, 47' Esi
Laiiiudinc 14 gradi, 10' Nord
Tcno sidcralc 8, 51', 54"
Corso dcl solc 22 gradi, 50', 9"
Forza di cquililrio sulla
daia di nasciia
FaIu, 2 anno, 1 ncsc, 14 giorno

Sai Dala norir ncl 2021 c rinasccr ncl disirciio di Karnaiala ncl 2029. Pcr
vcni'anni, iuiiavia, la nuova incarnazionc divina cIc rcndcr il nonc di Pcnu
Su non si nanifcsicr ulllicancnic. Conarir iniorno al 2050 a Mysorc
dovc clcggcr il Suo quariicr gcncralc.
Ncl 2050 l'uono assisicr alla irasfornazionc dcl nondo. La giusiizia rcgncr
sul iancia. Non vi saranno iu rcligioni divcrsc, na un'unica rcligionc. quclla
dcl Divino Anorc. L'unanii sar riuniia soiio un'unica landicra siriiualc cIc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

200
adorcr Dio Uno c riconosccr il Sc inicriorc al di l dci falsi cdifici cosiruiii da
solcrii scguaci di qucsia o quclla rcligionc.
"L'ntcu ununtu c u nu ungu. Non csstc ncssuno su qucsto unctu cIc non
n uutcngu. Sono tutt nc, cd Io sono oo", dicc Sai Dala, "Ess ossono
uncIc gnoun, nu sono cguuncntc nc. Io non nuncco u uo, ncnncno sc
n tcctc ontuno. Non dncntcIco ncnncno cooo cIc n ncguno. Sono ucnuto
c tutt. Cooo cIc sc nc stunno ontun ucunno cguuncntc cIunut ucno u
nc c suunno suuut"

Lc rofczic di Nosiradanus
Ncl scdiccsino sccolo il ncdico franccsc Nosiradanus scrissc lc suc Ccniuric;
circa 2500 rcdizioni in sianzc. Tra lc ianic rcvisioni, alcunc sono di
inorianza inicrnazionalc c corono un criodo di divcrsi sccoli. Circa 800
rcdizioni si rifcriscono agli uliini 400 anni c scnlrano csscrsi rcalizzaic. Lc
rofczic iu significaiivc riguardano l'Afganisian c la Pcrsia dcl 1727; la
rivoluzionc franccsc dcl 1792; lc duc gucrrc nondiali; l'asccsa di Hiilcr, cIc il
vcggcnic cIiana Hilicr, anagrannandonc il nonc; l'asccsa c la caiiolazionc di
Mussolini c dcllc suc canicic ncrc.
Una rofczia Ia un inicrcssc drannaiico cr iuiia l'unanii c si rifcriscc a
qucsii dcccnni quando un condottco nnotuc naio in India, dotuto d
sucnzu c d otc cccczonu, arlcr allc gcnii c condurr l'unanii soiio
l'unica landicra di una rcligionc univcrsalc fondaia sulla vcrii, unificando i
ooli in una sola casia di fraiclli.
La rofczia annunciaia da Nosiradanus ricalca quclla dci nacsiri Iinalaiani,
di Maonciio, dcllc UanisIad c di Paa Ciovanni.

Lc rofczic dcl rofcia Dal
Dal c il rofcia dclla rcligionc DaIai. La rcligionc DaIai non c nolio conosciuia
in quanio i suoi scguaci non fanno dcl roscliiisno.
DaIai si nascc, affcrnano i nacsiri di qucsia fcdc. Il riccrcaiorc dclla vcrii
vicnc inconiraio al noncnio ooriuno.
Il rofcia Dal vcnnc giusiiziaio sulla ulllica iazza, rorio ncl acsc in cui
nacquc c rcdic (la Pcrsia}, aiiorno al 1845. Un scguacc, DaIaIullaI, fond
una rcligionc sul Suo inscgnancnio.
Dal rofciizz u dsccsu d un gundc Mucsto, cIc uucIIc unto tuttc c
cgon dc nondo, n quunto Do c uno soo cd c ccttuncntc nutc c scocco
nuntcncc cctc duson. L'unco scntco cIc conducc u Do, sostcncuu Poctu,
c 'unoc cd scuzo ug ut.

L'annuncio rofciico di Aurolindo
Aurolindo, nacsiro siriiualc indiano, Ia avuio un ruolo inorianic nclla
sicssa oliiica dcl suo acsc, iracciando indclclili scgni sociali sulla nairicc di
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

201
quclla icrra. L'annuncio cIc cgli fccc il 24 novcnlrc 1926 c, a dir oco,
drannaiico. Si iraiia di un annuncio inrcssionanic crcIc, ur non csscndo
cosi rcciso c foiografico conc la rofczia di Maonciio, c iuiiavia cosi vivo da
scuoicrc l'anino di cIiunquc.
Il giorno doo la nasciia di Sai Dala, Aurolindo cIian a raccolia i suoi
disccoli. I dcvoii ncdiiarono cr circa 45 ninuii. Qucl giorno Aurolindo
riicnnc di avcr raggiunio la crfczionc siriiualc (siddIi}. Dcncdi ogni singolo
rcscnic cd avvcrii cIc Dio si cra incarnaio. "I duno c sccso suu tcu. Do s
c ncunuto, otundo con sc tutt otc dcu duntu. 'onnotcnzu,
'onnsccnzu c 'onncscnzu". Da qucl giorno Aurolindo vissc in soliiudinc,
conarcndo rarancnic ira i disccoli. Il 24 novcnlrc divcnnc uno dci quaiiro
giorni dcll'anno in cui Aurolindo offriva il suo dusIun ai dcvoii, ncnirc la
gcsiionc dcll'asIran vcnnc affidaia ad una disccola franccsc. Aurolindo nori
ncl 1950. L'unica grandc nisiico naio il giorno annunciaio da Aurolindo c Sai
Dala.
"I 24 noucnIc l92b KsInu " avcva riladiio Aurolindo ("S AuoIndo, uono c
octu", cdzon Gucut, ugg. JJU-JJl. "TIc godnun", d GocuI, Puttuut} "c
sccso sotto ucst ununc. Un otcc nuIc gudcu c ncnt, c nc cuoc dcc
gcnt udcu u unnu nnotuc. Lc nottudn uscotcunno u suu uocc".
Sai Dala nascc il 23 novcnlrc 1926, ncnirc Aurolindo arla dcl 24. La
diffcrcnza di 24 orc c lcgaia al faiio cIc Aurolindo crcci la nasciia
dcll'Avaiar solianio ncl noncnio in cui raggiunsc i sddI, i oicri
sovrannaiurali. Aurolindo raggiunsc la caacii di cslciarc oicri
sovrannaiurali, infaiii, solianio qucl giorno.

Lc rofczic di Paa Foncalli
Angclio Foncalli, il aa luono, scnlra csscrc l'auiorc di rofczic sconvolgcnii,
cIc, oggi, anno 1998, vcdiano gi in aric rcalizzaic. Lc rofczic vcnncro faiic
ncl 1935, quando Foncalli ricoriva il ruolo di dclcgaio aosiolico in TurcIia. A
qucl icno Foncalli vcnnc inirodoiio in una socici scgrcia iniziaiica dovc
dcii lc suc rofczic. Qucsic rofczic, irascriiic dal Canccllicrc dclla socici
scgrcia, vcnncro gclosancnic cusiodiic cd aarirono ncl 1976 in un lilro di
Picr Cari dal iiiolo ("Lc oczc d Puu Gouunn" - Edzon Mcdtcuncc -
Honu}. L'auiorc ccrc di inicrrciarc lc dicIiarazioni di Paa Ciovanni,
lasciando iuiiavia alcunc rofczic non dccifraic cr nancanza di clcncnii. Mi
arc cIc oggi ossiano inicrrciarc ncglio quci assi, usando una cIiavc
csoicrica.
Lc rofczic annunciano icni duri cr la cIicsa ronana c, rorio in qucl
criodo di icrrorisno c di sanguc, ccco conarirc sulla sccna il Sunto Scuzo.
"Ncu tuu cusu ccucu un sunto u cd nud. E uu uttcndcc otcnt, c nun
dsunutc, u cgut. I sunto ucu uncIc c tc n ogn contudu c du nondo
ccco IuncI o t uuuogcunno. Tuo suu uuggo dc couggo, u gundc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

202
sdu u nondo cd u'nnondo ncc dc nondo. E t uu scuzo, c
cunnncu co sunto scuzo."
CIi conoscc Sai Dala conincia gi ad iniravcdcrc la ossililii cIc Egli sia il
Sunto Scuzo di cui arla Ciovanni. E' il Sanio cIc rcdica l'anorc univcrsalc c
iicnc viva la fiaccola dclla siriiualii ncl nondo.
"Duc utc c ncssuno suu Pudc uco. Lu Mudc suu ucdouu. I utc d'Ocntc
c d'Occdcntc s uccdcunno c nc'ussuto uccdcunno oo g. Aou sccndcu
du nontc sunto scuzo c scuotcu cgno, dnnunz uu tonIu dco
scuzo.Ascotutc c suc uoc."
Il Sanio scalzo sccndc sinlolicancnic dal suo icdcsiallo cr soccorrcrc
un'unanii affrania dalla loiia c dal sanguc. Il nonic di cui si arla va
inicrrciaio, o si rifcriscc alla collina di PuiiaariIi?
"Ncu tcu d HuInu unu uocc dsunutu. E' u cosccnzu dc nondo, cIc non
nou nu. Du u ucu u nondo un nuouo odnc d cosc".
Lc arni cosiruiic in gran scgrcio da divcrsc nazioni oriano il luiio sul iancia,
na di nuovo il Sanio Scalzo agir aiiravcrso divcrsi accorgincnii rorio con'c
lo siilc di Dala, il qualc Ia affcrnaio. "Du no scssuntcsno unno, o ugo
u'ntcno dc cuo, uttuucso cnsco c uggungco nondo".
"I duc cu uss s scontuno nc nonc dc'ununtu. Ncu tcu cccstc stu u uocc
d cI unu nondo c uu c dcIo..
Honu, ucccttu c ounc, non stcndcc o o sctc c cd nud d cI ucnc.
ucst cd ununo dooc".
Ci sar un icno in cui un aa avr l'ardirc di rccarsi in cllcgrinaggio dal
Macsiro dcl nondo c di canninarc al Suo fianco a icdi nudi, cosi conc nudi
sono i icdi dcl Sanio. Vcrr ancIc il icno in cui il Sanio Scalzo vcrr a Fona
c vcrr ncl noncnio in cui la CIcsa ronana avr naggiorncnic lisogno. Il
ncssaggio di Dio non vcrr allandonaio. Sar il Sanio Scalzo a icncrlo vivo
ancIc quando la violcnza, l'odio c il sanguc soffocIcranno ogni larlunc di
siriiualii. Sar il Sanio dci Sanii, colui cIc cannina a icdi scalzi, cIc
risialilir ncl nondo la giusiizia, la acc c l'anorc.

Lc rofczic di MalacIia
Lc rofczic di Paa Ciovanni si ricollcgano a qucllc di Nosiradanus, na,
soraiiuiio, a qucllc di MalacIia.
San MalacIia, MaclnacdIog Us Morgair, nacquc ncl 1074 c nori ncl 1148. La
sua sioria c alquanio insoliia.
Vicnc noninaio rina vcscovo c oi arcivcscovo c rinaic d'Irlanda ad
ArnagI, sua ciii naialc; na, ncl 1132 rinuncia alla sua carica c iorna
nonaco, un scnlicc nonaco cr dcdicarsi ncglio alla sua dcvozionc cd alla
sua nissionc, cIc l'alio incarico cvidcnicncnic gli incdiva di cslciarc.
Prorio in qucgli anni cgli scrivc lc suc rofczic. Si irova a viaggiarc vcrso Fona
c duranic la visiia all'allazia di Clairvau fa anicizia con San Dcrnardo, cIc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

203
divcnicr il suo liografo. E' forsc S. Dcrnardo cIc raccoglic lc suc rofczic sui
sonni onicfici (PoIctu dc sunn ontcc}. Ncl 1590 lc rofczic vcngono
riirovaic nclla lillioicca di Clairvau da un nonaco lcncdciiino, cIc lc d allc
sianc.
La rofczia consisic scnliccncnic di 112 noiii sinlolici laiini con i quali
MalacIia rcconizza alirciianii onicfici. Siranancnic iuiii i noiii si alicano
alla crfczionc ai onicfici c allc siiuazioni cIc qucsii Ianno dovuio affroniarc
ncl icno. Ncgli anni '60, cr cscnio, quando nuorc Ciovanni XXIII, il
succcssorc vicnc idcniificaio ncl noiio Fos oun (Paolo VI}.
Doo Paolo VI i ai dovrcllcro csscrc ancora irc o quaiiro. Paa Luciani
nuorc doo qualcIc sciiinana di oniificaio. Aarc Woyiila. Doo di lui ci
dovrcllcro csscrc ancora duc ai, o, forsc, solianio uno. l'uliino. Dc gou
ouuc. Nclla Iuscu di S. Puoo uo duc Muu, dovc si irova iuiia la scric dci
ncdaglioni di onicfici, da S. Piciro in avanii, i conii iornano. I icni
siringono. La grandc iranidc c Nosiradanus confcrnano lc rofczic di aa
Ciovanni. Fona rcsicr scnza aa. Il aa sc nc andr da Fona c irovcr
conforio ncl Sanio Scalzo nclla icrra di DraIna, rcsso Colui cIc cdcu uncIc
c cuo dc cstun.
La finc dcl aaio corrisondcr all'inizio dcll'Ei dcll'Oro, duranic la qualc
iuiii gli uonini coninccranno ad unirsi soiio un unico crcdo, scnza rcligioni,
scnza dogni, scnza cananilisni, iuiii uniii soiio l'unica landicra dcll'anorc c
dclla dcvozionc cr Dio-Uno. Si avvcrcr qucllo cIc Sai Dala Ia annunciaio.
Ncl 2030 si vcdranno i fruiii dclla nissionc inirarcsa dal Kalli Avaiar, cIc
vcrr conlciaia dalla sua rossina incarnazionc, soiio il nonc di Prcna Sai.
Qualcosa di icrrililc c di csalianic si sia nuovcndo c forgiando all'onlra dcl
ccoo uono scuzo. L'Avaiar oricr l'unanii fuori dalla crisi, al di l di
qucsia icrrificanic dincnsionc faiia di ingiusiizia, violcnza cd cgoisno. "Du Lu"
, riladiscc aa Ciovanni "ucu u nondo un nuouo odnc d cosc".

Nota aggIunta

Il Cayairi Manira
Il Cayairi Manira c il nanira iu sacro, c, ncnirc rina cra conosciuio c
caniaio solianio dagli iniziaii indu, oggi iuiii Ianno il crncsso di caniarlo, cr
voloni di Sai Dala.
I Guut Muntu c 'csscnzu d tutt Muntu; valc a dirc, l'Esscnza di iuiii i
sacri Noni di Dio.
La Cayairi c una rcgIicra volia solo ad oiicncrc l'illuninazionc dcll'inicllciio.
E' un'invocazionc rivolia alla Dca cIc non Ia un nonc sccialc, na cIc
irasccndc iuiii i Noni.
Essa c dirciia alla Madrc Univcrsalc, scnza alcun nonc rcsiriiiivo. Essa c la
Madrc di iuiic lc gcnii, di iuiii i icni c di iuiic lc rcligioni.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

204
E' di validii univcrsalc.
Il suo icsio c il scgucnic.
OM BHUR BHUVAH SVAH
TAT SAVITUR VARENYAM
BHARGO DEVASYA DIMAHI
DHIYO YO NAH PRACHODAYAT
"O Madrc, cIc sussisii in iuiii i irc Kala, nci irc Lola c nci irc Cuna, Ti
rcgo, illunina il nio inicllciio c dissolvi la nia ignoranza conc il
fulgido solc discrdc ogni icnclra.
Ti rcgo, rcndi scrcno, acuio cd illuninaio il nio inicllciio!"
Il Cayairi Manira coniicnc una dcscrizionc c una lodc, una rcgIicra c una
DIyana. " On HIu HIuuun SuuI, Tut Suutu Vucnun, Hugo Dcuusu".
qucsic arolc sono la dcscrizionc c la lodc rivolic alla Madrc Univcrsalc.
"DnuI " (io sio ncdiiando} c la DIyana; " DIo Yo NuI PucIoduut" c la
rcgIicra crcIc si arriccIisca c si illunini l'inicllciio di colui cIc rcga.
Il Cayairi Manira c la Madrc dci Vcda cd il suo canio clargiscc gli sicssi
lcncfici cffciii dcl canio di iuiii i Noni di Dio.
(Potctc touuc qucst cd ut HuIun nc Io HHAJAN VALI ] LIo dc HIuun],
cdto duc "Edzon SutIu" - Studu Pontc Vcdc, ll/4 -Tono. Tc..
Ull/b5U.bS.lb - b5U.b9.lb)

Hcoduno cIc c ossIc uucc utc notzc su'Auutu ustundo sto ucI
dc'Orgon1zzoz1one So1go So1 Bobo 11o11o (Itt.//uuu.osssI.og) cIc
otu uncIc g ndzz dc Ccnt tuun c not Dscos d Su HuIu
Icuncntc scucuI.
S consgu utcs unu ustu u sto dcc d1z1on1 M11es1 (Itt.//uuu.cdzonncs.con), cusu
cdtcc sccuzzutu ncc occ d c su Su HuIu.
L1nd1r1zzo de11Orgon1zzoz1one Sr1 So1go So1 Bobo 1n 11o11o 11 seguen1e:
CONS1GL1O CNTRAL SATHYA SA1 - 1TAL1A
UFFICIO STAMPA
V. SAVONA lU - 2Ul44 MILANO
Tc.. (UUJ9) - U2/5S.lU.b9.9b
Fux. (UUJ9) - U2/5S.lU.US.2U
HcsonsuIc. Adu PuIcs

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

205
- L21ON VNT1C1NQUS1MA -
-
Pre11m1nor1 o11o 1eon1oo ooou11o de11o med11oz1one.
La scIenza deI controIIo deII'emotIvIt, tramIte II voIere personaIe.
II domInIo deI pensIerI.
II medItante come un arco teso.
Cos' Ia medItazIone?
QuaII eIIettI produce neIIa vIta quotIdIana?


In una sinicsi dclla naiura di qucsio Traiiaio c ncccssario inscrirc ancIc un
caiiolo sulla ncdiiazionc. Ma, sarcnno dci vandali dcl cnsicro sc
riicncssino di oicr svisccrarc l'inicra rollcnaiica dclla ncdiiazionc, in ocIc
aginc. E, ci, cr varic ragioni. Innanzi iuiio i vcri fruiii dclla ncdiiazionc
arcana rarcscniano qucl cIc di iu gcnuino, di iu oicnic c di iu
sosianzialc csisic nclla naiura occulia dcl nondo. quindi, l'argoncnio dclla
ncdiiazionc u vcnir iraiiaio cocrcnicncnic solianio ncl conunc linguaggio
dcllo "Sto Sunto", ira Iniziaii. In sccondo luogo, la vcra ncdiiazionc c
qualcosa di divcrso da quanio il nondo conoscc; c, cr cncirarc il suo scgrcio,
lisogna conosccrc a fondo il scgrcio dci Faggi, il scgrcio dci cicli cvoluiivi, il
scgrcio di ogni razza nadrc. PcrcIc ogni Faggio Ia la sua ncdiiazionc; ogni
ciclo cvoluiivo ncdiia a scconda dclla naiura cIc gli si conf, ogni razza nadrc
giungc ad un unio di oicnza inicriorc, cIc roscguc nclla rcscnic. Lo sforzo
iiianico cIc l'uono dcvc conicrc cr lruciarc in sc ogni liniiazionc di icno c
di sazio c conrcndcrc il rinciio laicnic ncl roccsso dclla ncdiiazionc lo
oria a vcnir iniziaio c ad avcrc, dclla sicssa, una visionc nolio iu cocrcnic c
rccisa di qucl cIc fossc rcccdcnicncnic.
Conc al soliio, una Lcggc agiscc ncl nosiro caso. qucu dc'ntcouzonc
dc'cncgu c dcu nutcu. Si c voluio, scsso, oriarc dcgli cscni alla
gcncralii dcl fcnoncno, rcndcndolo ancora iu inconrcnso. Si c dciio cIc la
viia ulsa, sccondo un riino rcordinaio, ovunquc; ncllc vic laiicc c nci
nicroli. CIc iuiio vilra, scgucndo un naiuralc roccsso di ncdiiazionc
naiuralc. CIc lo sicsso Logos Solarc arc lc Suc ali cvoluiivc c crca un sisicna,
iniziando una rofonda ncdiiazionc c, allorquando la ccssa, raccoglic i fruiii
dclla ncdcsina. Ma, lasciano cIc i Macsiri diano sinili indicazioni. Ci c
ncccssario, cr nciicrc lc radici ad una rollcnaiica cIc, da ar Loro, dcvc
svclarsi sin ncllc iu rofondc rcgolc. Il ricicrc, da aric dci disccoli, cIc il
Logos Solarc, o il Logos Planciario, sono in ncdiiazionc, duranic l'arco dcl
Crandc Manvaniara, c la ccssano, al icrninc, c assoluiancnic inuiilc; oicIc,
salvo cIc in un fluidissino rinciio, la ncdiiazionc dcl Logos Solarc c quclla
dcll'uono sono di naiura nolio lonianc. Ci cIc inoria, invccc, c
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

206
conrcndcrc - in grandi lincc - il rollcna c, quindi, iraiiarlo unicancnic dal
unio di visia unano c sccondo lc giusic dirczioni.
Vogliano, in rino luogo, soiiolincarc vivancnic un faiio nolio inorianic.
Pcr il vcro disccolo la ncdiiazionc c un'aiiivii crcaiiva csircnancnic
sucriorc, cr inicnsii, ad ogni sua alira aiiivii. Non si iraiia dcl "osno"
ira lc aiiivii quoiidianc, ad orc fissc. Non si iraiia di uno siaio di csiasi
caialciiica, cIc, ncll'illusionc di csscrc gradiii a Dio, o ai Macsiri, ourc al Sc
Sucriorc narcoiizza i scnsi ncniali c siriiuali, faccndo uscirc il soggciio dalla
roria cancra, con occIi sognanii c rofuno di saniii... La vcra ncdiiazionc
rcsuonc una voloni di fcrro c una iccnica rofonda dcll'occulio; c, ncnirc,
in un rino icno, il disccolo sccglicva dci noncnii adaiii cr la ncdiiazionc,
in un sccondo icno, cgli la rcggc coniinuaiivancnic, duranic il giorno, c sono
i noncnii adaiii a vcnir da lui. Sccondo noi, c nolio inorianic cIc si caisca
la vcra naiura di qucsio roccsso. Alliano conosciuio nolic crsonc cIc,
lungo gli anni, crano ulriacIi di icoric c si aralizzavano l'inicllciio c lc
funzioni ccrclrali, conrcsc lc siriiuali, con una crisi naiiuiina, cIc
cIianavano ncdiiazionc.
Vi sono irc clcncnii da considcrarc, ncll'cvoluzionc occulia dcll'uono. la
Maicria, l'Anina, lo Siriio. La Lcggc dcl novincnio univcrsalc nciic in
raorio l'oggciiivii csicriorc (la naicria}, con la soggciiivii inicrna (lo
Siriio} c dal raorio cIc nc nascc l'Anina divcnia radianic c fa da onic c da
cquililrio ad ogni olo dcgli oosii. Mcia dcll'cvoluzionc, cr qucsio nosiro
sisicna solarc, c lo sviluo conlcio dcll'Anina; a ci scrvono lc caicnc c lc
rondc, i criodi di glolo c lc razzc. Lc oicnzialii cIc irova l'uono lungo il
Scniicro, doo avcrgli donaio l'auiocoscicnza, glicla sviluano in nanicra ialc
da far scnlrarc quasi incrcdililc la ncia a cui c dirciio. Quindi, sc cr
ncdiiazionc considcriano un roccsso alcIcnico, cIc c la cosianic fissa
dcll'cvoluzionc in cui si irova l'uono, roccsso coniinuo, scrraio, inarrcsialilc
cr la naiura sicssa dcllc cosc, vcdrcno cIc cssa non c un faiio nuovo cr
l'Ego. Duranic l'coca lcnurica, l'uono acquisi la adronanza dcl suo
siruncnio fisico. il coro. Pcr lui, non csisicvano Siriio, nc ncic idcali. La sua
aiicnzionc cra conccniraia allc funzioni liologicIc, cIc nc rarcscniavano il
nassino diaason cvoluiivo. Fu in ialc criodo cIc la CcrarcIia Dianca dciic
ai nigliori dclla razza lc rcgolc di cducazionc occulia, o di ncdiiazionc,
riguardanii la sfcra fisica, c cIc sono cIianaic di Hutu Yogu. In Oricnic si
scguiia a raiicarc ialc aric, cr una iradizionc cd un ricordo aiavico. In
Occidcnic, iniiando gli oricniali c, cr lo iu, scnza la cognizionc rofonda
dcllc rcgolc csoicricIc, coniinuano a rolificarc gli isiiiuii cIc inscgnano lc
varic osizioni yoga, cr acquisiarc la lilcri dcll'Assoluio, ccc...
Quando la razza si incarn nuovancnic in Ailaniidc, cssa osscdcva, qualc
ncia cvoluiiva, un coro asiralc da vivificarc c da conirollarc. il coro dcllc
cnozioni. Enir in funzionc un nuovo iio di ncdiiazionc. qucllo dcl conirollo
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

207
dci scniincnii. Tuii'oggi, noi inconiriano dci disccoli cIc riscIiano di cadcrc
in uno siciaio isolancnio, sinccrancnic convinii cIc rovarc scniincnii c
calorc vcrso qualcosa o qualcuno sia offcsa alla CcrarcIia. Povcri fraiclli, cIc
non Ianno caiio il vcro ncssaggio dcll'anorc; si icngono guardingIi, sul loro
vacillanic onic, ncl iinorc di iuffarsi ncl grandc narc dcll'anorc univcrsalc.
Ed c lcnc cIc conrcndano quando iuiio ci cIc di arcIciiico csisic
ncll'uono, conc affciii, sani dcsidcri, sinccro cniusiasno sia fruiio di una
lunga, oculaia cvoluzionc. Fiicniano, a ial roosiio, significaiivo rioriarc la
frasc dcl Macsiro K.H., il Qualc, cr difcndcrsi dall'innaginc slagliaia cIc si
avcva (c si Ia iuiiora} dcgli Adcii, scrissc, in assaio. "No suno tutt'utu cosu
d unu uou, dsscccutu tu c ugnc d un Io". Ogni grandc Auiorc di
occuliisno, a ariirc dalla Dlavaisly, sino a giungcrc alla Dailcy, Ia avuio
qualcuno c qualcosa, nclla sua viia, cIc cgli anava rofondancnic c cIc gli
dava la ossililii di nanifcsiarc un laio dclla naiura cIc, soliiancnic, dai
disccoli c irascuraio. qucllo dcll'affciiuosii, qucllo dcl calorc, qucllo dclla
scnlicii.
Dunquc, duranic l'coca ailaniidca, la CcrarcIia dciic all'unanii un nuovo
iio di ncdiiazionc, cIc si allacciava alla sfcra asiralc. quco dc contoo dc
scntncnt, tuntc u uoontu.
Ncll'coca ariana, un icrzo iio di ncdiiazionc vicnc rivclaio. donno dc
cnsc, dc coo ncntuc. Al giorno d'oggi, i irc sisicni si fondono in uno. Il
disccolo cIc, d'aliiudinc, inizia la sua ncdiiazionc, assunc una osizionc
cororalc di arnoniosa linca funzionalc (c siniciizza la viiioria sugli clcncnii
raggiunia in Lcnuria}; quindi, dcfiniscc il ruiilanic vilrarc dci suoi scniincnii,
rcndcndo il coro cnoiivo linido cd incolorc, con uno sforzo di voloni; infinc,
fa divcnirc cocrcnic c vuoio lo sazio inicrno dcl suo coro ncnialc,
acquiciando ogni cnsicro inuiilc c divcncndo il "Padronc dcl coccIio".
I iu, a qucsio unio, si fcrnano; agIi di un ccrio scnso di doninio su sc
sicssi c nulla iu. Pcnsano cIc angcli invisilili accorrano non acna alliano
calnaio i irc cori, o cIc il Macsiro si affrciii a inscrirc, nclla loro lorsa acria,
lc noncic d'oro dclla Sua saggczza. Ed c cIiaro cIc il cso occulio cIc la
CcrarcIia oria sullc Suc sallc, cr quanio dura quclla ncdiiazionc, si c
arriccIiio di qualcIc icira in iu.
Dolliano, invccc, raffigurarci il ncdiianic conc un arco. Duranic la giornaia
la corda dcll'arna c lcnia, na, ncll'cscrcizio occulio, cssa dcvc vcnir icsa
all'csircno c il dardo dcl roosiio, scagliaio, sccondo ogni iu viva ossililii
crsonalc, nclla dirczionc adaiia. Fisulia cIiaro, quindi, cIc varic cononcnii
cnirano in qucsiionc, in ialc aiiivii. L'cvoluzionc dcl disccolo c la rincialc.
la sua culiura, la sua conosccnza dci colori occulii c dcl oicrc nagico dcl
suono, dclla iccnica di ogni Faggio, dclla dirczionc vcrso cui scagliarc il dardo.
Ma, in rino luogo, c ncccssario uno sforzo aiiivo c conlcio, in iuiio il
roccsso, cd una sovrannaiuralc linidczza di ncnic.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

208
Ecco la ragion cr cui, ur non ncgando al disccolo il suo diriiio a ncdiiarc
quoiidianancnic, i Macsiri suggcriscono cIc cgli si forni una salda culiura
dcllc condizioni sioricIc dclla sua razza, crcIc, duranic la ncdiiazionc, cgli si
collocIi "nc unto occuto" giusio c adaiio alla sua crsonalii; cIc siudi
accuraiancnic il nciodo cIc la CcrarcIia Ia daio all'unanii, cr qucsia
razza, riguardo alla ncdiiazionc csoicrica; cIc conirolli il suo siruncnio fisico,
qucllo asiralc c qucllo ncnialc, in nodo cIc, duranic la funzionc crcairicc
suddciia, l'arco sia lcn uliio, vilranic c caacc di una lunga giiiaia; cIc viva
una viia di scrvizio, cr crcarc, aiiorno a sc, un'aura arnoniosa cIc,
conicnorancancnic, lo unisca, dal laio invisililc dcllc cosc, all'Aura dclla
CcrarcIia c lo roicgga dai riscIi dcll'cscrcizio csoicrico. Lo siudio accadcnico
c ncccssario crcIc, finalncnic, il disccolo raggiunga qualcosa di crsonalc,
di nuovo, da offrirc al Luninoso ArcIivio dclla CcrarcIia.
L'inicrolazionc dcll'cncrgia c dclla naicria c il riino rino dcllc cosc.
Dall'innanifcsio si inquadrano, ncl icno c ncllo sazio, iuiic lc cosc cIc
fornano il anorana dcl nondo oggciiivo. L'cncrgia, sccondo scIcni coordinaii
c sullini, si iranuia in naicria. Una volia cIc il lariccniro dcl ciclo naicrialc
Ia acquisiaio una icnsionc nassina, la naicria si siriiualizza, si assoiiiglia,
riiorna nclla sorgcnic da cui cnan. Non Ia crso il scnso dclla coscicnza (sia
nincralc, cIc vcgcialc, cIc aninalc, cIc unana}, na acquisiaio una
colorazionc viialc cIc, rina dcll'cscricnza, lc nancava. In iuiio ci, la
ncdiiazionc c la conccnirazionc Ianno cso da roiagonisii. L'inicro nondo
nincralc, ad cscnio, c icnuio ncl suo stuto d cstuzzuzonc, da una
CcrarcIia di Poicri Angclici, cIc si occua dclla sua cvoluzionc; ncl nondo
vcgcialc "la conccnirazionc occulia" allcnia la rcsa, na sussisic; lo sicsso c
ncll'aninalc. Ncl rcgno unano, gli Angcli Solari, cIc lo avcvano acconagnaio
ncllc irc rcccdcnii grandi cscricnzc aiicndono cIc l'uono si accorga di Essi c
orga loro la nano, flucndo ncl quinio rcgno. qucllo dcll'Anina. La ncdiiazionc
c la nanicra dirciia cr raggiungcrc una radianza sullinalc, idcniica, cr
naiura, a quclla dcl nondo dcvico. Con la ncdiiazionc, si riconoscc l'idcniii
dcll'cncrgia c dclla naicria c si c lilcri dal conlcsso di infcriorii vcrso
l'cncrgia c da qucllo cocrciiivo vcrso la naicria. E cIiaro cIc ci cIc diciano
u scnlrarc a nolii ura icoria; soiiolinciano, cr, cIc, una volia cnciraii
ncll'ainosfcra dcl Fcalc, codcsia aarc conc l'unica forna di csisicnza dcgna
di vcnir vissuia. Affcrna il Macsiro Tilciano cIc, quando l'uono Ia raggiunio
il coniaiio con il rorio Angclo Solarc, ogni allciiancnio csicriorc ccssa di
gciiarc l' incanicsino su di lui. Egli si rcndc conio cIc l'Angclo Solarc c
Nuclcolo di Anorc, Sacrc, Poicrc.
All'inizio, il disccolo va a iasioni, lungo l'cscricnza dclla ncdiiazionc. Egli si
irova, ovviancnic, scnrc a conicrla da solo. AncIc sc nc Ia lungancnic
discusso con i confraiclli di gruo, o Ia siudiaio l'argoncnio fino in fondo. Il
noncnio c dcl iuiio crcaiivo cd c l'aiiino in cui la nunnia vicnc sfasciaia dai
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

209
lcndoni cIc rarcscniano cognizioni acquisiic, fornc concciiuali csicrnc,
affincIc cssa ossa conicrc i rini assi, da sola, ncl nuovo rcgno. Ogni vcra
ncdiiazionc nuia radicalncnic la sosianza viva dcl rorio io; ogni vcra
ncdiiazionc rigcncra l'uono c lo conlcia; ogni vcra ncdiiazionc c una sinicsi
di cscricnzc viiali, aninicIc, siriiuali.
E duranic la ncdiiazionc cIc lo sguardo dcl Macsiro si inicnsifica sul disccolo
cd Egli irova la via sgonlra cr oicr iraiiarc l'Anina dcl fraicllo ninorc,
sccondo i Suoi roosiii. Il faiio c significaiivo, oicIc raccIiudc un acccnno
occulio. Quanii cIilonciri, quanic cnozioni disordinaic, quanio cannino c
quania dclusionc si sarcllcro risarniaii coloro cIc, in assaio, vollcro andarc
a raggiungcrc il loro Curu, ncllc noniagnc oricniali, o fra i dcscrii. Salvo
rarissinc cccczioni, iuiii furono rinandaii indiciro. E v'c ancora cIi crcdc cIc
nolia faiica gli vcrr allcviaia, sc solianio oicssc vcdcrc fisicancnic il
Macsiro. Al giorno d'oggi, la ncia cr la razza ariana c la conquisia dcl
icrriiorio ncnialc; sotunto duuntc u ncdtuzonc s dcuc touuc u otu
scgctu d Isdc. Il rcsio c conirario all'cvoluzionc naiuralc dci icni.
Conc diccvano, il disccolo, ingiusiancnic scnicndosi solo c allandonaio,
all'inizio lrancola, scaria, uno doo l'aliro, vari nciodi di ncdiiazionc; c, ci,
scrvc di rino, sonnario csanc, da aric dci Macsiri, cIc non conoscono
disianzc c icni, cr soiioorlo alla rova dclla crsisicnza, dclla icnacia, dclla
nasciia dcl volcrc nagico. Lo sviluo dcll'iniuizionc crcscc, nan nano, ira lc
dclusioni. Il disccolo vicnc a sacrc cIc la icoria dci Faggi c viialc cr ogni
occuliisia. CIc sci Faggi csisiono in lui cd uno solo di cssi c fondancnialc cd
cicrno. Si rcndc conio cIc accclcrcrcllc di nolio la sua cvoluzionc, sc
scorissc quali sono i Faggi cIc si inirccciano a fornarc la roria cniii-
uono. Forsc, qualcIc inrcaraio siriiualisia si divcriir a rofciizzargli cIc
cgli aariicnc a qucsio, o a qucl Faggio. Ma, il vcro disccolo non gli crcdcr,
sc la rivclazionc non collincr col rorio anino. Ed ccco, crsisicnic, una
vilrazionc cIc inizicr a ulsargli ncl cuorc aninico; cgli si convinccr cIc il
Faggio dcl suo coro causalc c il Prino, o il Sccondo, o il Tcrzo. Ed allora,
inccrio, inizicr la ncdiiazionc quoiidiana, indirizzandosi al nciodo dcl Prino o
dcl Sccondo o dcl Tcrzo Faggio. Qucsia, c la nasciia dcl dinanisno siriiualc.
Non inoria sc cgli slaglicr sinccrancnic; lasia cIc cgli icnga lcn conio
dcgli crrori cIc fa. Sc solianio riuscir ad avcrc il doninio su sc sicsso c iniuirc
i suoi Faggi, a lungo andarc iniuir i Faggi non solo di cIi gli vcrr osio
accanio dal Macsiro, na ancIc nclla loro azionc gcncralc, in naiura. E la
consiaiazionc crsonalc dcl oicrc dci Faggi, ncll'univcrso, fa, di un uono, un
Adcio.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

210
- L21ON VNT1S1S1MA -
Cosa II Guru, o II Maestro?
I sette stadI dI contatto, o dI IntImIt spIrItuaIe, tra II dIscepoIo ed II suo Guru -

NecessarIe precIsazIonI
Prina di roscguirc ncll'ocra c iraiiarc in nodo siniciico c ariicolarcggiaio i
dodici (14} lcniluni annuali; rina di anliarc il discorso sui Faggi, dal unio
di visia lanciario c non solianio unano; rina di arlarc dci dodici (14} scgni
asirologici, riicniano ncccssaria una lrcvc ausa, cr cIiarirc alcunc qucsiioni
al lciiorc. Il rcscnic Corso di lczioni c rivolio a duc iii di siudcnii. A coloro i
quali Ianno gi una sccifica rcarazionc ncl cano, cd Ianno lciio c
siudiaio nuncrosi lilri cIc iraiiino l'argoncnio a fondo. Qucsia sinicsi, alcunc
rccisazioni nai faiic sino ad ora; dcllc corrczioni su unii di visia riicnuii
fondancniali sull'argoncnio, di conscgucnza, saranno loro di valido aiuio cr
riordinarc il lagaglio dcllc cognizioni cIc ossicdono c cr farc un ulicriorc
asso avanii sul Scniicro. Il Corso oir andarc, c lo scriano fcrnancnic,
ancIc in nano a coloro cIc non Ianno coniuio dirciii siudi sull'argoncnio.
Non sar un caso, visio cIc il larna, o la lcggc di causa cd cffciio, rcgna
sovrana ovunquc. Lcggcrc aiicniancnic quanio scriviano cd alicarc il
rorio iniuiio risvcgliaio alla riccrca di rovc individuali cIc convalidino la
icorica sin qui csosia rcndcrcllc qucsii uliini lciiori vilranii, nci valori
csoicrici, al livcllo dci rini. Essi avrcllcro avuio la grandc foriuna d'iniziarc il
cannino sul Scniicro, in nodo dirciio c incquivocalilc, scnza giri ioriuosi c
srcco di lciiurc c di siudi inuiili.
Lc rinc donandc cIc sorgono soniancc in cIi cnira in coniaiio con l'clcvaio
occuliisno sono lc scgucnii. "Du douc ucnc tutto co CI Iu ucuto qucstc
uctu CI c du u ouu cIc cssc suno ucc?". Donandc giusic, c cIc
dinosirano uno siriio sano c razionalc. CcrcIcrcno di darc una risosia ad
cssc, sforzandoci di nosirarci csauricnii.
Il cano in cui, lciiori c siudiosi, vi sicic inoliraii, conc avrcic oiuio cairc,
aariicnc al doninio di una sfcra, con dcllc lcggi c caraiicrisiicIc al di fuori
dci nornali cinquc scnsi osscduii da ognuno di noi. Sarcllc iocriia, da aric
nosira, icrgivcrsarc a lungo con l'inicrlocuiorc cIc non volcssc ccdcrc di un
alno c snuovcrsi dal icrrcno dci suoi cinquc scnsi, c dcsidcrarc di dargli, su
di csso, soddisfazioni. Prcnciiiano, quindi, cIc, lungo iuiio il suo andarc
rcincarnaiivo, lc iu disaraic condizioni anlicniali in cui l'Anina si irova a
farc cscricnza Ianno conc scoo di naiurarc in cssa un dcicrninaio
quaniiiaiivo di lucc radianic, inncrso, all'inizio, ncl rofondo siraio dcl
sulconscio, cIc scrva a riscIiararla sulla gcnuinii di quanio lc vicnc, al
icrninc dclla roria cvoluzionc, rivclaio dagli Isiruiiori Occulii. Talc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

211
quaniiiaiivo di lucc, al cIiarovcggcnic, aarc sinilc al crcuscolarc rivcrlcro
dclla luna, all'aliczza dcl suo cIalra lraInarandra. E 'cIianaio. "Lu ucc ncu
tcstu dc dsccoo". Non dilungIianoci sulla sicgazionc iccnica di qucsio
fcnoncno. Ci oricrcllc iroo loniani. Diciano solianio cIc l'Adcio, rina
di accciiarc cr disccolo riconosciuio un individuo, doo avcrc csaninaia la
sua siiuazionc anlicnialc c conirollaio sc cgli u csscrc uiilc all'unanii, sc
il suo larna gli crnciic una ccria lilcri, da "colarc" ncl scrvizio al nondo,
qualc uliina c dcfiniiiva garanzia usa il suo oicrc cIiarovcggcnic ncl
consiaiarc sc qucsii Ia, lrillanic ncl cao, la Lucc di cui arlanno. Scnza ialc
vilrarc aninico un uono non offrc lc caacii ncccssaric ad avcrc succcsso in
cano occulio. Talc Lucc u csscrc una scnlicc siilla luninosa; u, invccc,
aarirc conc un vasio alonc solarc. Ma, non c la dincnsionc cIc inoria. Ci
cIc inoria c, invccc, cIc cssa csisia. Pcnscr, oi, l'Adcio, ancIc sc disianic
nillc niglia c nolii sccoli dal luogo in cui vivc il disccolo, ad arriccIirgli la
gcnna rcziosa.
PcrcIc iania disgrcssionc sulla "ucc ncu tcstu"? E scnlicc. La rova cIc il
lciiorc cIicdc sullc asscrzioni cIc noi facciano gli u c gli dcvc csscrc daia;
na, solianio su di una lungIczza d'onda diffcrcnic da quclla in cui si irova
l'uono naicrialisiico, aliiudinariancnic. Solianio quando i cIalras sono
risvcgliaii il disccolo c in grado di riccvcrc lc dcicrninaic Inrcssioni
Sucriori cIc gli faranno ioccarc con nano il Cosiaio di Crisio. All'inizio,
quando la lucc nclla icsia c acna visililc c crcciiililc, la ccriczza sullc cosc
sovrannaiurali cIc l'csoicrisno gli orgc, sar, cr lo iu, iniuiiiva. Quando
qualcIc csiranco cIicdcr, allora, al disccolo di garaniirgli la vcridicii di
quanio dicc, qucsii non sar dargli aliro cIc un rigurgiio d'anino, inrcciso c
incsaiio, nasccnic dal iano dcll'cnozionalii nisiica. Forsc, il lciiorc, ora,
cair crcIc il silcnzio, all'inizio, c cosi inorianic cr cIi inirarcndc la
sirada dcl disccolaio. Ncgli inscgnancnii csoicrici di Piiagora, gli siudcnii,
rina di cnirarc ncl nuclco inicriorc dclla Scuola, assavano irc anni nclla iu
icna cd incrsonalc dcllc aiiivii. Erano cIianaii. " cou". Qucllo cIc noi
ossiano dirc, sullc rinc causc dclla lciicraiura csoicrica, riguarda lc suc
fonii sioricIc. Nc, ci c crncsso, cr risciiarc la lilcri di cnsicro dcllo
siudioso, darc garanzic, o rovc crsonali su quanio gli diciano. Quando il
disccolo cnira in raorio dirciio c crsonalc con il rorio Macsiro il circolo
nagnciico cIc ialc coniaiio sullinalc crca divicnc il crisiallino scIcrno su cui,
auionaiicancnic, c diinia la siiuazionc rcalc dci faiii univcrsali. Allora, il
disccolo iocca la lilcri ura. Allora, cgli ricscc a localizzarc la vcrii cIc il
suo Macsiro non c, csoicricancnic arlando, iu grandc di lui c lui non c
infcriorc al Macsiro; na cIc, ncl raorio, si ricic il riino cicrno dcll'Assoluio
c dcl Fclaiivo, arificaii cd unificaii ncl nonisno sosianzialc dcll'aiio
innancnic. Prina di raggiungcrc, cr, iali cognizioni di causc il ncofiia,
iraniic il roccsso dcl rcordinaio riino di viia qualificaia, cIc iuiii i disccoli
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

212
inirarcndono lungo il Scniicro, dovr nolio faiicarc. Divcrsi sono i gradi di
raorio cIc si susscguono, ira l'Adcio di Faggio c il Suo disccolo, rina di
giungcrc alla ianio ausicaia "usonc dcc uc"; li, ovc, i cIalras dcll'uno sono
fusi con i cIalras dcll'aliro. Enuncrianoli lrcvcncnic.
- Pr1mo s1od1o. in cui un disccolo cnira in unionc col Macsiro, aiiravcrso
un disccolo anziano, sul iano fisico. Talc siadio si cIiana. "grado di cIcla
ninorc".
- Seoondo s1od1o. ncl qualc il disccolo vicnc dirciio da un isiruiiorc, dal
livcllo dcll'Ego. il nonc di qucsio siadio c. "grado di cIcla nclla lucc".
- Terzo s1od1o. duranic il qualc il nacsiro cnira in raorio col disccolo
ncdianic.
a} l'cscricnza di un sogno vivido
l} un inscgnancnio sinlolico
c} l'uso di una forna-cnsicro dcl Macsiro
d} un coniaiio in ncdiiazionc
c} un dcfiniio ricordo d'inconiro ncll'AsIran dcl Macsiro
Qucsio c lo siadio dcl "disccolo accciiaio"
- Quor1o s1od1o. in cui, avcndo nosiraio saggczza ncl rorio lavoro c giusia
conrcnsionc dcl rollcna dcl Macsiro, il disccolo c isiruiio sul nodo di
aiirarrc, in caso di scria cncrgcnza, l'aiicnzionc dcl Macsiro, aiiingcndo,
cosi, alla Sua forza, alla Sua saicnza, al Suo consiglio. E un avvcnincnio
isianianco cIc, raiicancnic, non soiirac alcun icno al Macsiro. Talc
siadio c conosciuio con il nonc cculiarc di "cIcla (disccolo} sul Filo, o,
Suiraina".
- Qu1n1o s1od1o. in cui c crncsso conosccrc con qualc nczzo cgli u
sialilirc una vilrazionc c un acllo cIc gli dia diriiio ad un colloquio con il
Macsiro. Ci c conccsso solianio ai CIcla rovaii c fidaii, sui quali si u
farc conlcio asscgnancnio, nclla ccriczza cIc non aluscranno di ialc
conosccnza, cccciiuaio cIc si iraiii di una incllcnic ncccssii di lavoro. A
qucsio siadio, il disccolo c cIianaio. "Cou cIc c dcnto 'Auu".
- Ses1o s1od1o. in cui il disccolo u oiicncrc d'csscrc ascoliaio dal Macsiro
in qualsiasi noncnio, csscndo con lui in iniino c cosianic coniaiio. E lo
siadio duranic il qualc il disccolo vicnc dcfiniiivancnic rcaraio cr
un'inncdiaia iniziazionc, o, avcndo rcso l'iniziazionc, vicnc addcsiraio ad
un ariicolarc lavoro da farc, in collalorazionc con il suo Macsiro. E lo
siadio cIianaio "dc dsccoo cnto Cuoc dc Mucsto".
- Se111mo s1od1o. c qucllo in cui avvicnc la "usonc dcc Luc". Ma non csisic
crifrasi adaiia a sicgarlo sul iano dclla naicria.
A qucsio unio l'Adcio c il disccolo, c il disccolo c lo Adcio. Mcraviglioso
nisicro cIc sarcllc rofanazionc sicgarc. La naicria c la divinii si sono
riuniii c il disccolo (nc nosto cuso sccco, snIoo dcu ucgnc Muu}, c
assurio in ciclo, innacolaio c candido. Da sinilc aliczza Egli sa, Egli vcdc, cd
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

213
ogni cosa gli aarc in un circolo cIiuso c dcfiniio. Il Linguaggio Angclico si
sgrana davanii al suo sguardo aiioniio; assaio, rcscnic c fuiuro
cosiiiuiscono la rcgionc, scnza disconiinuii, cIc i lordi dcl suo siriio
allracciano in sc; il linguaggio di qucsic Alic Sfcrc non c iu annunciazionc.
na, rcscniazionc caicgorica. Non csisic iu diffcrcnza ira la arola c ci cIc
cssa vuolc annunciarc. E, ncnirc sul iano naicrialc la arola c il rcludio a
qualcosa cIc cssa indica, sui Piani Sucriori, la ncdcsina c ancIc l'oggciio di
ci cIc vuolc dinosirarc. Il Vcrlo c Crisio incarnaio. Volcrc
naicrialisiicancnic allassarc lc alic vilrazioni di iali Sfcrc Musicali c
Aliissinc, significa, allora, sczzarnc il dclicaio calicc. E lcn conrcnsililc,
quindi, cIc il Macsiro non ossa c non voglia darc "la rova" di ci cIc Egli
vcdc c vivc; crcIc scosiarsi cr un aiiino da ialc sullinc Fcali inicriorc
significIcrcllc sczzarnc l'incanio. A rcscindcrc dalla Voloni dcllo sicsso
Macsiro.
Crcdiano di avcrc dclincaio a sufficicnza l'ainosfcra in cui vivono, rigogliosc, lc
Fcali dci iani sucriori; c ossiano, scnza indugi, inirodurci nclla scconda
fasc di risosia allc donandc cIc faccnno csrincrc a dulliosi, ioiciici
siudcnii.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

214
- L21ON VNT1STTS1MA -
II potere magIco deI pIenIIunIo.
I raggI "bIancbI" e queIII "nerI" deIIa Iuna.
SpIegazIone, daI punto dI vIsta esoterIco, deI pIenIIunIo.
Cos', e cos' stata Ia Iuna?
OgnI pIenIIunIo, quaIe messaggero dI una Iorza zodIacaIe dIstInta.
IstruzIonI per trarre I massImI beneIIcI occuItI daI pIenIIunI

A riguardo dcllc cscricnzc raiicIc cIc lo siudcnic dcvc inirarcndcrc cr
riuscirc, con succcsso, a sialilirc cd a sfruiiarc un raorio inicgralc con lc
forzc solari, cIc gli rovcngono dai Signori Planciari, c qucllc cosnicIc, cIc gli
rovcngono dai Dodici (14} Scgni Zodiacali, la conrcnsionc icna dcl
fornidalilc oicrc cosiiiuiio da ogni lcnilunio ncnsilc gli c ncccssaria.
Ha nai rovaio lo siudcnic, rofano di conosccnzc csoicricIc, a farc una lunga
asscggiaia scralc, in un luogo isolaio, in canagna, ovc csisic solianio il
fruscio dcllc frondc d'allcro, ovc il canio dci grilli gli carczzi l'anino, c la luna
icna inolvcri di lianco, ciclo c icrra, allracciando il silcnzio gcncralc? Non
si c scniiio, allora, cgli, rcda di un incanio, cgualc cr iuiii coloro,
indisiiniancnic, cIc si irovavano ncllc ncdcsinc condizioni?
Quania lciicraiura c siaia crcaia su iali noic lunari! Quanii ocii dcllono a lci
lo siruggcnic srazzo dcll'aric infuocaia cIc li rcsc iali! Quanii ananii vidcro
corrodcrsi la func cIc li lcgava alla inurii naicrialc, al nondo di un
ncscIino vivcrc quoiidiano, cd clcvarono i loro anini nclla sinliosi di una
rasodia, cIc li avvinsc all'assoluio loro dio di anorc?
E quanic lcggcndc, quanic sioric di sircgoncria, qualc sfondo crc la luna ai
nagIi dcll'aniicIii, agli alcIinisii, ai riccrcaiori dclla icira filosofalc c
dcll'clisir dcll'cicrna fclicii!
Lcggcnda? Vcrii?..
Indulliancnic, la Luna c roiagonisia di un lcn dcfiniio sciiorc nisicrioso,
cIc suggclla l'cvoluzionc dclla "sicIc lanciaria". Pcr oicr conrcndcrc a
fondo gli influssi lunari, sia allo scoo di avvalcrsi dcl niracoloso aiuio cIc sc
nc u irarrc, sia cr sfuggirc al criodo dci suoi "ugg nc", lisogna,
innanziiuiio, ariirc da una rcncssa gcncralc. Prcncssa, cIc farcno
rcccdcrc da un cscnio significaiivo. Mciiiano conio cIc un alcIinisia allia
siudiaio, cr anni, lc rorici di ogni soria di liquidi dclla naiura, cr arrivarc
alla scocria dcll'unico fondancnialc, da cui iuiii cssi dcrivano; l'clisir di viia.
Ed, in ci, allia adocraio, cr i lungIi anni, un ncdcsino crogiuolo,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

215
ncscolando, in csso, sosianzc vclcnosc c sosianzc viiali. Finalncnic, davanii ai
rori occIi, ccco, sncraldino c luninoso, l'ungucnio lcncdciio! Fclicc,
l'alcIinisia lo cola in un aliro vascllo, gi da icno ronio cr raccoglicrc la
sua scocria c sfruiiarla, c gciia, da una aric, il crogiuolo, ancora inrcgnaio
di iuiic lc csscnzc vclcnosc c viiali dci liquidi cIc, in rcccdcnza, avcva
osiiaio; na, ur scnrc, inclriaio dalla licvc iraccia dcll'clisir acna
scocrio..... Il gaiio si avvicina, lccca qucllo siruncnio, assorlc un dci fluidi
ncgaiivi c si iranuia in orrida lcsiia; il canc scguc l'cscnio dcl gaiio, c, cr
caso, lccca i fludi lcncfici. E si iranuia in una lcggcndaria figura alaia.....
Lasciano, cr un aiiino, la sioria c arliano dclla nosira caicna lanciaria c
dclla luna. Conc gli occuliisii sanno, la icrra u csscrc considcraia il
crogiuolo, ovc un AlcIinisia Divino, il Logos Planciario, rivcrsa varic sosianzc (
cgn dcu nutuu}, c gconcirizza su di cssc, cr irarnc fuori il caiiolo
dcfiniiivo dclla gcncsi. cr raggiungcrc il risuliaio finalc di quclla cIc, da ogni
icno, c siaia cIianaia la "CFANDE OPEFA". La Luna cra il iancia dovc il
ncdcsino AlcIinisia cscrciiava la Sua aric, nclla "incarnazionc rcccdcnic".
La Luna c il crogiuolo inrcgnaio dci Suoi cscrincnii c succcssi assaii, c sia
li, in un angolo dcl Tcnio Solarc, in aiicsa di vcnir dissolia conlciancnic. E,
iuiiora, il ricciiacolo sugnoso di ogni cffluvio ncgaiivo cIc circola ncllo sazio;
li raccoglic c fa si cIc non vcngano discrsi. In ci, vcdiano la Saggczza
Logoica cd il crcIc ancora qucsio coro cclcsic non sia siaio consunaio. I
Macsiri di Saggczza si rifcriscono ad cssa (ncl suo asciio occulio}, quando
arlano dcll'oiiava sfcra, ovc gli cgo di qucgli uonini ariicolarncnic nalvagi
vanno a finirc l'csisicnza. Qucsia ncia asciia iuiii i nagIi ncri c i scguaci
dclla sirada dclla nano sinisira, cIc insisiano ncl loro roosiio. La Luna c
ancIc, cr, la conscrvairicc di un succcsso lanciario; c, quindi, sullc soiiili
lincc nagnciicIc, lc quali, ancora, nc rarcscniano la iraccia, il sisicna
solarc inscriscc, cr la lcggc dclla convilrazionc, ogni soria di corrcnii
lcncficIc.
Qucsio, il nisicro dcgli influssi ncgaiivi c osiiivi dclla luna. Conosccrc lc
rcgolc con cui si nanifcsiano gli influssi lunari, cr iranuiarc i ncgaiivi c
arofiiiarc al nassino dci osiiivi, c scnrc siaia una fondancnialc
ncccssii cr ogni disccolo, scrio c oncsio ncgli inicnii di csscrc un uiilc
lavoraiorc nagico.
Il criodo dcll'anno c diviso in dodici (14} frazioni, o, ncsi (vcdrcno, iu avanii,
cIc non c, oi, ianio vcro..}. Ogni ncsc c il ncssaggcro dcllc forzc di una figura
zodiacalc. Esisic un iano rcdcsiinaio, cr ogni anina cIc cosiiiuiscc una
ccllula dcll'inicra unanii, cd ancIc cr l'inicra unanii, considcraia un'unica
Eniii, c ncssuno sfuggc dalla oria iniziaioria dcllo Zodiaco. La caicna
lanciaria conincia la sua incarnazionc, in quanio ialc, soiio gli influssi di un
scgno sccifico asirologico, scnrc scgucndo la Lcggc, c raggiungc l'iniziazionc
uliina al scgno oosio, ncl ccrcIio zodiacalc, a qucllo dclla sua nasciia. E lo
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

216
sicsso cr ogni Fazza Madrc. Lo sicsso c cr ogni individuo unano, il qualc,
duranic la nillcnaria sua cvoluzionc, s'incarna a cicli di viic, rcccduii c
scguiii da cicli di rioso, nci Piani Cclcsii, cd ogni incarnazionc sloccia soiio la
sccifica signoria di un scgno asirologico. La cosa inorianic da considcrarc,
cr l'uono, c cIc, in linca gcncralc, ogni incarnazionc novclla avvicnc soiio il
scgno asirologico succcssivo alla rcccdcnic.
A rcscindcrc, quindi, dall'aiuio in cncrgic lcn dcfiniic c qualificaic cIc il
disccolo u oiicncrc, iuiic lc volic cIc localizza c individua la siruiiura
occulia dcllc forzc di ogni dcicrninaio lcnilunio (consdcundo cIc o stcsso
cnuno c, onduncntuncntc, u ncu d nnoc csstcnzu cIc g nuss
zoducu dc scgno n uugc, duuntc quc ncsc, udocuno, c nscs c
donnuc u utu unctuu}, v'c un'alira inorianiissina infornazionc sulla
qualc lo siudcnic dcvc ncdiiarc. Egli sa cIc, duranic ogni anno, quaiiordici
cosicllazioni doninano l'inicra cvoluzionc dcl iancia; c lo fanno al riino di
vcniisci giorni circa ciascIcduna. Sc cgli sfruiia al nassino il noncnio dcl
lcnilunio, ovc la conccnirazionc di iali forzc c inoncnic, sialilir in lui dcgli
cffciii conccniraii c dcgli inulsi sorannaiurali, cr cui raggiungcr il
succcsso di vivcrc, duranic ogni anno, quaiiordici suc incarnazioni in
niniaiura, cd avr la ossililii di allrcviarsi il faiicoso andarc rcincarnaiivo,
conc anina.

NOT SUL DVACHAN (cgg dcuucun}. Fiicniano ooriuno, a qucsio unio,
darc un acccnno a ci cIc la lciicraiura csoicrica cIiana DcvacIan. Duranic
la sua cvoluzionc, l'anina crvicnc a dci noncnii-sinicsi, in cui risaliano,
davanii ad cssa, cIiarc c luninosc, lc rcalizzazioni cIc cnuclcano l'inicro
roccsso cvoluiivo cIc scgui, sino ad allora. Oggi, il fcnoncno dclla noric c
considcraio qualcosa di "siaccaio" dalla lcnia rogrcssionc cvoluiiva dcl ciclo
viialc, ovc l'unanii si irova inncrsa, a causa dcll'innaiuro grado inirinscco c
siriiualc raggiunio dalla sicssa cd a causa, ancIc, dcl dualisno cIc incra in
ogni cano dcl cnsicro. Ncllc fuiurc cocIc, l'uono cocsisicr con i Piani
Sucriori c con quclli infcriori, ianio cIc il suo organisno cicrico-dcnso,
cIianaio coro fisico, cosiiiuir il ncccssario onic al ciclo cd alla icrra, cd
avr una naiura ialncnic lasiica c radianic, da non csscrc iu l'osiruzionc di
adcsso alla visionc dcllc cosc cIc si irovano "olirc il ciclo". La fraiiura
inrovvisa cIc siraa l'uono ai suoi cari, al suo anlicnic naicrialc
d'aliiudinc, a iuiio ci cIc c cIianaio viia icrrcna assunc un asciio iragico,
aunio crcIc l'uono, rivo dclla conosccnza di cosa sia il coro cicrico, c
coagulaio cgli sicsso in una siaiicii incric ncl rorio coro dcnso, non Ia
crcaio la coniinuii di coscicnza, ira il iano naicrialc c lo siriiualc. Crisio
dissc cIc vcrancnic lcncdciio sar il giorno in cui la sfavillanic crcaiura
unana, cIc avr crcaio la caacii di vivcrc ncl ncraviglioso siaio in cui il
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

217
coro dcnso, divcnuio radianic, osiicr lo slcndorc dci rcgni sucriori, nclla
nallcalilc naicria asccsa, vivr sulla icrra.
Ma, ora, l'uono c dualisia; sia ncl cnsicro, cIc nci oicri ascosi. Talc
dualisno fa nasccrc la iaga crudclc cIianaia DcvacIan. Infaiii, con il
suddciio icrninc si inicndc arlarc dcllo siaio d'anino illusorio in cui si
irovano i disincororaii, doo la noric. Ma, si inicndc, ancIc, dcscrivcrc i
noncnii di lucc inicrniiicnic cIc i disccoli non iniziaii oiicngono, duranic la
ncdiiazionc. L'iniziaio ossicdc la coniinuii di coscicnza. Ed c uno siaio
indcscrivililc a arolc. l'unica crifrasi cIc u nosirarnc alquanio lc
caraiicrisiicIc c cIc la sua coscicnza, ioialc c conlcia, non osiia alcuna
oosizionc inirinscca di; rina c doo, cuforia c dolorc, lcllo c lruiio.
L'"Uno", c la cosianic visionc dcll'iniziaio. Conc cgli rcalizzi l'Uno dicndc dal
Faggio, dalla oicnza c dalla qualii dcllo sicsso iniziaio. Ma, in dcfiniiiva, c la
Poicnza cIc fa cao all'Ordinc Solarc, crsonalc all'iniziaio. E l'Angclo Solarc
cIc i Macsiri cIianano. il Padrc nci Cicli. Qucsio, c il vcro dcvacIan accciiaio
c cIicsio dai Macsiri, ai rori disccoli. Il raorio, cioc, isiraiorc c
cosiruiiorc, con il Poicrc CcrarcIico Siriiualc.
Tralasciando di arlarc di una ossililii di raggiungincnio sinilc, ncl iano
naicrialc, ossililii cIc conoria lo sforzo dcllc iniziazioni, c un faiio
risauio, c, scsso, dagli sicssi Macsiri, riciuio, cIc, ncl dcvacIan ira viia c
viia, lc aninc, ur rivc di ogni osiacolo dovuio al cso dclla naicria, a iuiiora,
solo nolio rarancnic ricscono a irovarc il ianio ausicaio raorio divino
inicgralc; cssc rinangono in una cgoica c crsonalisiica csiasi, dovuia alla
crcazionc coloraia di rori concciii c di rori siaii d'anino, cIc, in sinili
rcgioni diafanc, acquisiano una dincnsionc c una soiiigliczza cIc non ossono
csscrc rifcriic con icrnini naicriali, c crdono di visia la ossililii di cnirarc
in raorio con lc Poicnzc CcrarcIicIc, cIc li ioglicrcllcro dalla rigionia
dualisiica, sia dclla Maicria, cIc dcllo Siriio. E noia una lciicra dcllo sicsso
MaIa CIoIan, il Qualc arla dcl rollcna cd affcrna cIc gli Adcii sono
occuaii a ioglicrc lc illusioni, olirc cIc ai vivcnii in coro fisico, allc aninc in
aiicsa di incarnazionc (Lciicrc di Macsiri di Saggczza - 1881/1888 - iradoiic
dall'inglcsc c riuniic da C. Jinarajadasa - Edizioni Fuiz - Fona}. Lo sicsso dicc,
in alcunc Suc lciicrc, il Macsiro Kui Huni.
La lrcvc disscriazionc c siaia da noi oriaia cr soiiolincarc cIc l'argoncnio
csoicrico, da noi siudiaio sino ad ora, olirc cIc rarcscniarc un'uiilii
rcziosa cr cIi c rigionicro nclla carnc, c ncccssario agli sicssi disincarnaii. I
Scgni dcllo Zodiaco, i Faggi dci Piancii, ncl loro anlcsso riinico, ancIc sc con
forna iu rarcfaiia c iu acuia, agiscono fin nci cani-Lucc "otc uco"

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

218
- L21ON VNTOTTS1MA -
AstroIogIa 14.
"..A11enz1one! 11 vos1ro segno zod1ooo1e non oorr1sponde p1, quos1 oer1omen1e, o
que11o oe oredevo1e ]osse!..."
Leggetene In questa IezIone Ie ragIonI.
La precessIone equInozIaIe.
L'esIstenza dI 14 segnI zodIacaII, Invece dI 12.
Percb I'astroIogIa IndIana segue da sempre, neIIa stesura deII'oroscopo, Ia precessIone
degII equInozI?
SpIegazIone documentata deII'errore In cuI cadono oggI gII astroIogI occIdentaII.
Le do1e eso11e per r1n1rooo1ore 11 vos1ro segno zod1ooo1e g1us1o.
PraIaya e manvantara (Ie grandI IasI deI respIro cosmIco).
Cos' II pIenIIunIo?
I movImentI e Ie IasI IunarI

Olirc cIc il gradcvolc coniio di sialilirc un colloquio sullc nosirc siucndc
vcrii con lo siudcnic, a noi iocca ancIc lo sgradcvolc incarico di corrcggcrc
dcgli crrori csanii coniuii dalla gcncrazionc assaia sull'argoncnio
csoicrico, c alincniaii ancIc dalla rcscnic.
L'crrorc di cui, ora, arlcrcno c ialncnic gravc c ialncnic scguiio da iuiii
coloro cIc raiicano l'asirologia, cIc divicnc rivclaiorc dirciio c inconfuialilc di
quanio, al giorno d'oggi, sia dclcicrio il dilciianicsino, in una scicnza cr la
qualc c ncccssaria una scria c naiura conosccnza. Aiiualncnic, ogni ncsc
solarc non corrisondc iu al scgno asirologico cIc, in gcncralc, gli asirologi
non rcaraii c il scnlicc rofano uniscc ad csso. Poco nalc, fino a quando
cIi c succulc di qucsio crrorc scguc l'asirologia sullc rulricIc dci quoiidiani o
di alcunc rivisic fcnninili. La sua iniclligcnza non vcrrcllc arriccIiia ncurc
sc qucllc rulricIc fosscro faiic in nodo scrio. Ma, quando si iraiia di crsonc
cIc, d'aliiudinc, inicrcllano asirologi rofcssionali, o, addiriiiura, di disccoli,
cIc Ianno lisogno di inscrirsi ncllc corrcnii lanciaric c cosnicIc c di
riconosccrc ogni lcnilunio ncnsilc, in nodo csaiio, allora il faiio divicnc iu
drannaiico. Cosioro, invccc di vivificarc il rorio coro cicrico, con nuovc
corrcnii, con il nuovo ncssaggio dcl scgno asirologico, con la giusia
conosccnza dclla loro naiura, in lasc alla giusia rivclazionc di un asirologo non
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

219
dilciianic, si ongono in coniaiio con lc fornc-cnsicro, ornai crisiallizzaic,
crcaic dalla gcncrazionc assaia dcgli siudiosi ncl cano, vcccIic di ducnila
anni. Scoo dcll'asirologia c, indiscuiililncnic, di dcicrninarc il uro c
scnlicc iraasso dal iano icorico dcllo siudio dcllc lcggi cosnicIc, al
riconoscincnio inncdiaio c dirciio di iali forzc, da aric dcllo siudioso, laicnii
in lui c aiiorno a lui. Il disccolo dovr siudiarc lc Lcggi dcll'asirologia, dci
Faggi c dcllc corrcnii cicricIc lanciaric; dovr raggiungcrc una rofonda
conosccnza iccnica c icorica sullc loro ragioni di csscrc, sullc loro origini rinc,
sul novincnio asirononico, sicllarc, sulla fisica dci cori cclcsii, sulla icoria
dcllc ariiccllc; c, in cosianic coniaiio con il rorio Macsiro di Faggio (ancIc
sc, da lui, cr lo iu non c crcciio c riconosciuio}, gradualncnic, giungcr a
osscdcrc una qualii nuova. sar riconosccrc, iraniic un scsio scnso
acuiizzaio c raffinaio, lc ncdcsinc forzc cIc siudiava, indirciiancnic, sui lilri,
in nodo dirciio, ovunquc, ncll'anliio inira cd cira-lanciario.
Non v'c ragionc cIc cgli riicnga di non oicr arrivarc alla viiioria
sull'oscuraniisno scnsiiivo cIc, aiiualncnic, lo circonda, crcIc nolii
disccoli, con la raiica dcllc ncdiiazioni c dcllc riccrcIc duranic i lcniluni,
Ianno raggiunio il doninio di dcicrninaic forzc, da loro nai sosciiaio, cd
Ianno arriccIiio, con lc loro qualii novcllc, il Cruo Crisiico dcll'aiiualc
unanii.
Qucsia, la ragionc cr cui riicniano csscnzialc riroorrc l'iniroduzionc ad
ogni icna asirologico cIc il Ccniro Siudi Kriya roonc.

- ASTROLOGIA 14 -
-
Attcnzonc! uosto scgno zoducuc non cosondc u, quus cctuncntc, u
quco cIc ccdcuutc ossc uosto. Lcggctcnc, qu d scguto, c ugon.


La cosa iu vcra cIc si udirc dcll'univcrso c cIc nulla, in csso, rinanc fcrno.
La nosira coca, in ariicolarc, c un'coca di flusso, di cosianii canliancnii.
Conc dolliano affroniarc qucsia sfida? Eda siuidi farc lo siruzzo, ccrcando
di ignorarc cIc il nondo sia canliando. AncIc l'Asirologia dcvc canliarc, sc si
vuolc cIc crsonc iniclligcnii coniinuino a crcdcrc ncllc suc lcggi.
Molic isiiiuzioni dcl assaio sono canliaic con i icni, c saggiancnic, crcIc
una lcggc fondancnialc dclla naiura vuolc cIc qucllo cIc non coniinua a
crcsccrc cd a sviluarsi, si airofizza c nuorc.
G ustoog, ogg, uuouno uncou utzzundo g stcss stuncnt dc oo cocgI
usso-IuIoncs.
PcrcIc, qucsio? Non vi sono siaii, forsc, dci canliancnii nci cicli, ncgli uliini
20 sccoli?
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

220
Ai icni di Crisio c dci Ccsari, il rino giorno dclla rinavcra si irovava in
Aricic. Cioc, l'cquinozio rinavcrilc, il rino giorno di rinavcra, cadcva
quando il solc cnirava nclla cosicllazionc dcll'Aricic.
Oggi non c iucosi. L'inizio dclla rinavcra c, ora, nci Pcsci; un ntco scgno u
uuunt. Lc sicllc, ancIc sc, una volia, crano conosciuic conc sicllc "fissc", non
sianno fcrnc. Un novincnio lcnio, na cosianic, conosciuio conc
"PRCSS1ON DGL1 QU1NO21", Ia canliaio l'asciio dci cicli "cicrni".
Conscgucnicncnic, ornai, ncl rino giorno dclla rinavcra, il Solc cnira nclla
cosicllazionc dci Pcsci, non iu in quclla dcll'Aricic. Pcrci, sc sicic naii in qucl
ialc criodo, sar iu cIc naiuralc indicarc cIc il vosiro scgno zodiacalc siano i
Pcsci.
Eurc, gli asirologi coniinuano a sosicncrc cIc sicic naii ncll'Aricic!
PcrcIc cssi dcvono coniinuarc ad insisicrc con lc vcccIic daic?
Il vosiro caraiicrc (c lc vosirc icndcnzc} sono fissaic al noncnio dclla vosira
nasciia. E dicndono, non solo dallc osizioni dcl Solc, dclla Luna c dci iancii,
na, ancIc, dal vosiro scgno solarc. la cosicllazionc in cui si irova il Solc, al
noncnio dclla vosira nasciia.
L'asirologia nodcrna c arrciraia di circa 2.000 anni; vuol dirc cIc gli asirologi,
coscicnicncnic o no, rcndono in giro i loro clicnii (c, forsc, ancIc sc sicssi};
vuol dirc cIc iuiii i daii asirologici, oggi in uso, sono grossolanancnic
slagliaii! Qucsic affcrnazioni sono csanii, na l'Associazionc Kriya inicndc
dinosirarlc.
Prina di farlo, iuiiavia, ricordiano cIc l'Asirologia indiana (airia dcllc Vcrii
EsoicricIc} scguc, nclla sua nillcnaria sicsura dcll'Oroscoo, c da scnrc,
quclla Prcccssionc dcgli Equinozi cIc noi siiano cvidcnziando.
Jung, il noio disccolo dcllo sicIiaira Frcud, in un saggio sul "sincronisno",
dicIiara.
"..u quucuzonc dcc Cusc, d gundc notunzu nc'ooscoo, ccu unu
concuzonc, du noncnto cIc o Zoduco ustoogco, uncIc sc n uccodo con
cucnduo, non concdc con c costcuzonc stcssc. ucstc s sono sostutc ccu
d un "ncsc utonco", u cuusu dcu cccssonc dcg cqunoz, du quundo
unto dcu nuucu cu n zco gud dc'Actc, quus u'nzo dcu nostu cu.
Pcco, cI c nuto, sccondo cucnduo, nc'Actc, n cutu c nuto nc Pcsc. Lu
suu nusctu c uuucnutu nc noncnto cIunuto Actc 2.UUU unn u.."
Possililc cIc gli asirologi non si siano accorii dci canliancnii sorii ncllc
cosicllazioni, ncgli uliini 2.000 anni? Nc duliiiano, crcIc gli asirologi -
qualunquc cosa si ossa dirc di loro - non sosicngono di csscrc raiici in
nagia. Sosicngono, invccc, cIc l'asirologia c un'csrcssionc dcllc lcggi naiurali
dcll'univcrso c cIc la loro scicnza c csaiia, quanio la sua rinogcniia,
l'asirononia. Conc gli asirononi, ancIc gli asirologi usano cffcncridi cr
calcolarc lc osizioni csaiic dci cori cclcsii, al noncnio dclla nasciia, al finc di
conilarc una caria naialc.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

221
E, ncll'Enciclocdia Laroussc, in rifcrincnio allo sosiancnio dcllc
cosicllazioni zodiacali, c scriiio.
"..qucstu noncncutuu c duutu c scco, nu udcsso c sucutu, n quunto
scgn non cosondono u uc costcuzon zoducu, du cu Iunno cso
nonc. ucsto ccIc, c scco, u cccssonc dcg cqunoz Iu ctoccsso
'cqunozo nuucc d 5U,2b" u'unno; du noncnto cIc o zoduco conncu,
uncou, du'cqunozo nuucc c cIc qucsto unto s c sostuto, sctto uc
stcc, c duson uItuc dco Zoduco sono scuoutc, sctto uc costcuzon,
con cu non concdono u. Pcco, uncIc sc soc cntu nc scgno dc'Actc,
duuntc 'cqunozo nuucc, n cutu s touu ncu costcuzonc dc Pcsc, cIc
cu 'utnu dc cco. und, u sc g ununuccI sostcngono cIc 'cqunozo
nuucc c nc'Actc, sostzo cstuo nc Cunco, 'cqunozo uutunnuc ncu
Huncu cd sostzo d'nucno nc Cucono, uu coduto cIc qucst sono soo
non dc scgn, du non conondcs con c costcuzon ononnc.."
Dal noncnio cIc lc sicllc cIc cosiiiuiscono lc cosicllazioni zodiacali si sono
sosiaic di un scgno dallc osizioni iradizionali la soluzionc dcl rollcna
scnlrcrcllc allasianza scnlicc. Dasicrcllc sosiarc i Pcsci dal loro 12
osio ncllo zodiaco, al osio occuaio dall'Aricic; l'Aricic sarcllc al 2 scgno, il
Toro al 3, ccc., sino all'Aquario, cIc rcndcrcllc il osio rina occuaio dai
Pcsci.
Ma, lc cosc sono iu conlcssc. Non u sono soo l2 scgn tudzonu ud
occuuc u uscu dco Zoduco. uc nc sono l4. La Cosicllazionc dclla Dalcna
sunia ira l'Aricic cd il Toro; cd il Scrcniario si inscriscc ira lo Scorionc cd il
Sagiiiario. Possiano, scnlicisiicancnic, irascurarc qucsii nuovi scgni (di faiio
non sono iu nuovi dcllc alirc cosicllazioni; sono siaii, in cffciii, ignoraii, conc
il canliancnio dcllc daic, dalla asirologia "iradizionalc"}?
As1ro1og1o J4, quindi. Il nuncro rarcscnia lc cosicllazioni cIc sono, in
rcali, nclla fascia dcllo Zodiaco. Significa cIc, adcsso, ci sono 14 casc, invccc
dcllc soliic 12 (ci non sar una sorrcsa cr gli siudiosi di sioria
dcll'Asirologia cIc sanno conc, una volia, cssa coniassc solo 10 casc, rina
dcll'cniraia in vigorc dcl sisicna aiiualc}.
Ed ccco lc conscgucnzc di qucsii canliancnii; ossia, a scconda dcllc daic cIc
indicIiano, il vosiro scgno csutto.

ARIETE: 16J4-11JS
BALNA: J2JS-tJt
TORO: ?Jt-2J?
GMLL1: SJ?-2SJ?
CANCRO: 29J?-2SJS
LON: 24JS-JSJ9
VRG1N: J9J9-J4JJD
B1LANC1A: JSJJD-9JJJ
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

222
SCORPIONE: 10J11-SJ12
SRPNTAR1O: tJJ2-SJJJ2
SAG1TTAR1O: JJJ-2tJJ
CAPR1CORNO: 2?JJ-2JJ2
AQUAR1O: 22J2-2DJS
PSC1: 2JJS-JSJ4

Questo eIenco deI segnI zodIacaII II dIsegno deIIa gIusta carta
oroscopIca, cbe comprende I segnI soIarI deIIa BaIena e deI SerpentarIo,
oItre aIIa 13a. e 14a. Casa.

Osscrvaic lc daic. un scgno non allraccia iu 30 gradi dcllo zodiaco, conc ncl
vcccIio sisicna; allraccia, ora, un angolo oco infcriorc ai 26 gradi c lc daic
sono siaic sosiaic di conscgucnza.
Ma, i scgni solari non sono canliaii cr iuiii. Ad cscnio, cIi c naio il 20
novcnlrc cra Scorionc. Dal noncnio cIc Asirologia 14 asscgna ncno gradi a
ciascun sinlolo, cosiui/ci rcsia uno Scorionc, nonosianic il canliancnio di
cosicllazionc; c, cosi, iuiii i naii ira il 10 novcnlrc cd il 5 diccnlrc.

Per mogg1or1 1n]ormoz1on1 su quon1o s1n qu1 espos1o, 1egge1e 11 vo1ume
"As1ro1og1o J4",
d1 S1even Som1d1, Aroono d11r1oe.

La sicgazionc dci lcniluni non sarcllc conlcia sc non soiiolincassino il
faiio cIc cssi Ianno conc sfondo l'cvoluzionc di una conlacianic ondaia
siriiualc, cIc c l'cvoluzionc dcl nosiro Logos Solarc. Conc ogni ncsc, cr
quanio conccrnc gli influssi lunari, c diviso in duc arii, quclla osiiiva, cIc va
dal novilunio al lcnilunio, c quclla ncgaiiva, cIc va dal lcnilunio al novilunio,
cosi l'anno solarc c ancI'csso diviso in duc arii. il criodo cIc va dal solsiizio
d'invcrno a qucllo d'csiaic, cd c il noncnio rolungaio dcll'alia narca
favorcvolc, cd il criodo cIc, dal solsiizio d'csiaic riiorna al solsiizio d'invcrno,
cd c il noncnio in cui i scni, rodoiii dai rini sci ncsi, fruiiificano c
gcrnogliano. Possiano, in lincc gcncrali, quindi, affcrnarc cIc l'anno, ialc dal
nosiro unio di visia, c, invccc, dal unio di visia dcl Logos Solarc, un Suo
ncsc. Ogni novincnio di gruo, ogni aiiivii inicsa a roiciiarsi, in icna
nisura, in un arco di valori nondiali, c lcggc cIc la CcrarcIia li inirarcnda
all'inizio dcl solsiizio d'invcrno. Ccsu nacquc, aunio, all'inizio di un solsiizio
d'invcrno; Egli, cIc cra il Mcssaggcro di un coniio rciiancnic solarc.
Ci siano rcfissi, con il nosiro Corso di lczioni, di csscrc siniciici c di offrirc al
lciiorc solianio la linca indicaiiva dcllc lcggi icoricIc c raiicIc dcll'csoicrisno
univcrsalc. Scriano, quindi, cIc cgli iragga sunio da quanio lrcvcncnic
iracciano c coordiniano, c vada ad arriccIirc la roria culiura sulla didaiiica
cIc csisic, in conncrcio. Quando si iraiicr, cr lui, di coninciarc dcllc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

223
aiiivii di inicrcssc a largo raggio, di scrvizio al nondo, agir ncl criodo cIc va
dal solsiizio vcrnalc a qucllo csiivo (nunuuntuu}; ncnirc, nci succcssivi sci
ncsi, ladcr a far naiurarc ncl silcnzio dcl "ralaya" ci cIc avr crcaio in
rcccdcnza. Tcnuio, oi, conio dcl rorio Scgno asirologico (ladando a quanio
alliano scriiio, in roosiio alla rcccssionc cd ai quaiiordici scgni} sar
cIc, nclla narca dcl lcnilunio ncnsilc corrisondcnic a ial Scgno zodiacalc, la
roria naiura, cr quanio riguarda la sua viia individualc, collalorcr ad
inscrirlo in una zona nagnciica favorcvolc iu di iuiic lc alirc quaiiordici.
I rini sci ncsi dcll'anno, c cIc ossiano considcrarc il lcnilunio solarc, sono
favorcvoli allc aiiivii cIc Ianno naiura nondialc; il criodo ncnsilc cIc va dal
novilunio al lcnilunio Ia un caraiicrc di naiura crsonalc c riguarda
sirciiancnic l'individuo, inscriio ncl gruo. Con ci, non vogliano dirc cIc il
lcnilunio dclla csscrc uiilizzaio a scoo cgoccnirico c individualisiico. Conc
affcrna il Macsiro Tilciano, ancIc sc il concciio u, a rina visia, scnlrarc
disianic da quanio diciano. "L'Inzuzonc c un utto stcttuncntc csonuc, u
cuuttcc unucsuc". Cosi, il lcnilunio c il unicllo su cui oggcr la nano dcl
disccolo, cr farc srigionarc lc cncrgic cIc saranno uiili all'inicro gruo
unano.
Soliiancnic, i calcndari oriano scgnaic lc fasi lunari. Noi, consigliano, cr,
di nunirsi di una luona cffcncridc (cIc c nolio facilc riniracciarc ncllc
lilrcric}, cr csscrc sicuri di osscdcrc iuiic lc fasi lunari dcll'anno, scnza
alcun crrorc.
Cos'c il lcnilunio, dal unio di visia iccnico?
La luna, saiclliic dclla icrra, lc gira aiiorno a circa 384 nila cIilonciri c
rcscnia un dianciro circolarc anio olirc nczzo grado, cIc corrisondc a
3.480 cIilonciri, cioc a oco iu di un quario (0,27} dcl dianciro icrrcsirc. Si
cIianano fasi dclla luna i divcrsi asciii soiio i quali la luna ci aarc, c cIc
dicndono dallc osizioni rclaiivc dcl solc c dclla luna, risciio alla icrra. Il
icno inicgaio dalla luna a conicrc un giro conlcio iniorno alla icrra si
cIiana rivoluzionc sidcrca cd cquivalc a oco iu di vcniisciic giorni solari
ncdi. Inolirc, sccialncnic cr cffciio dcll'aiirazionc solarc, l'cllissc dcl nosiro
iancia si sosia c dcforna coniinuancnic, cr cui i suoi unii non giacciono
in uno sicsso iano. Si Ia il novilunio, quando luna c solc sono in
congiunzionc ccliiiica. Ianno, cioc, la sicssa longiiudinc ccliiiica. La luna c,
allora, invisililc crcIc rivolgc alla icrra l'cnisfcro non illuninaio. Il
novincnio dclla luna coniinua aiiorno alla icrra, oicIc cssa Ia un
novincnio rorio giornalicro, ncl scnso dirciio, di circa 13, ncnirc il solc lo
Ia di circa 1. Essa si sosia, assando ad csi dcl solc, di circa 12 ogni giorno,
c duc o irc giorni doo il novilunio, aarc vcrso il iranonio dcl solc, soiio
forna di falcc soiiilissina, o di una "D". Si dicc cIc cssa sia lugiarda, crcIc,
ora cIc sia crcsccndo, scrivc sui cicli un "Dcccsco". Mcnirc, quando la falcc c
coniraria alla osizionc aiiualc, cd cssa inizia a sconarirc, diingc una "C" sui
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

224
cicli; cioc dicc. "Ccsco". Ma iorniano a noi. Mano a nano cIc la luna si
alloniana dal solc, la fasc luninosa auncnia. Essa c osscrvalilc, scnrc a
occidcnic, doo il iranonio dcl solc, na rcscnia, di coniinuo, aliczzc naggiori
sull'orizzonic. Circa una sciiinana doo il novilunio si Ia il rino quario. Nci
giorni succcssivi, la fasc luninosa auncnia, c, doo circa duc sciiinanc dal
novilunio, si Ia il lcnilunio. La luna non c iu ira la icrra c il solc; na c la
icrra cIc si irova ira la luna c il solc. La faccia illuninaia dcl saiclliic c ora
cIiarancnic visililc da noi, non iu cclaia vcrso il solc. Doo il lcnilunio, la
luna coniinua a sosiarsi, ancora ncl scnso dirciio, c la fasc luninosa va
gradaiancnic dininucndo, sino a sconarirc. la luna si dicc dccrcsccnic o
calanic. Doo circa irc sciiinanc dal novilunio si Ia l'uliino quario. la luna si
rcscnia conc un scniccrcIio cIc rivolgc la sua convcssii (golla} a lcvanic. Il
roccsso la far infinc sconarirc. Dall'ora csaiia dcl lcnilunio, inizia la
cosiddciia "unu ncu"; o il flusso di forzc ncgaiivc, na cIc l'occuliisia cIiana.
di naiurazionc. Dall'ora csaiia dcl novilunio inizia il criodo dcll'alia narca, o
il crcsccrc dci noncnii favorcvoli. Ma, il criodo ncgaiivo non conincia suliio.
Il vcro c iu fruiiifcro noncnio dcl lcnilunio, c qucllo cIc va da duc giorni
rina dcl lcnilunio, allraccia il giorno ccniralc in cui avvicnc, c roscguc nci
duc giorni doo. Sono qucsii i cinquc giorni nagici cIc il disccolo u
sfruiiarc al nassino, rcarandosi ad cssi dal noncnio in cui icrnina il
novilunio; cioc, una quindicina di giorni rina dcl lcnilunio (i giorni in
qucsiionc, si inicndc, variano da ncsc a ncsc}. Duranic qucsii cinquc giorni,
la CcrarcIia onc in novincnio uno sccifico riino di cncrgic CosnicIc, Solari
c Planciaric, dcllc quali inonda l'unanii, inviiandola a salirc vcrso l'alio. Lo
siudcnic icnga rcscnic cIc la ncdiiazionc occulia, o crcaiiva, dovr csscrc
faiia nci quindici giorni cIc vanno dal novilunio al lcnilunio; ncnirc, il
criodo cIc va dal lcnilunio al novilunio dovr csscrc adocraio cr
irasnuiarc in qualii d'anino, i fruiii dclla rcccdcnic ncdiiazionc.
E duranic il criodo fruiiuoso dcl ncsc cIc lc rovc sicIicIc c lc rcali
sullinali avranno i nigliori vaniaggi cr inorsi al scnso criiico dclla sua
razionalii infcriorc.
Noi auguriano al lciiorc cIc cgli riniracci il scgrcio ncccanisno dcl lcnilunio,
sino a quando, aiuiaio da iali linari, non nc avr iu ncccssii, na li
adocrcr solianio a voloni c dccisionc lilcra.

I MOVIMENTI E LE FASI DELLA LUNA
La Luna conic irc novincnii. di roiazionc aiiorno al rorio assc; di
rivoluzionc, iniorno alla Tcrra; di iraslazionc, con la Tcrra, iniorno al Solc. La
duraia dclla roiazionc coincidc con quclla di rivoluzionc, cr cui la Luna
nosira a noi scnrc lo sicsso cnisfcro. La aric dcll'cnisfcro illuninaio cIc
ossiano vcdcrc a una ccria ora dicndc dalla osizionc dclla Luna nclla sua
orliia. Ncll'cnisfcro lorcalc (nord} l'osscrvaiorc vcdc la Luna crcsccrc da dcsira
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

225
a sinisira. Ncll'cnisfcro ausiralc (sud} crcscc da sinisira a dcsira. Il ciclo
conlcio avvicnc in 29 giorni, 12 orc c 44 ninuii.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

226
- L21ON VNT1NOVS1MA - (Por1e pr1mo)
CaratterIstIcbe deI 14 pIenIIunI annuaII e caratterIstIcbe deI 14 segnI zodIacaII.
PIenIIunIo deII'ArIete.
PIenIIunIo deIIa BaIena (Cetus).
PIenIIunIo deI Toro (Wesak: appendIce aI pIenIIunIo deI Toro).
II voto deI Buddba: queIIo dI essere presente, ognI anno, In quest'uItImo pIenIIunIo,
neIIa vaIIata deII'HImaIaya, ove Ia Iesta deI Wesak ba Iuogo

Diano dcllc lincc indicairici allc qualii dci quaiiordici lcniluni, scnza
soffcrnarci a sicgarc iu aniancnic la loro naiura c i dciiagli. Dcsidcriano
cIc lo siudcnic lasi il rorio iniuiio su dci lrcvi, na csscnziali fornulari; cIc
anlicr, in scguiio, con la roria raiica.
Soiiolinciano, inolirc, cIc lc daic cIc lcggcrcic soiio ogni sccifico lcnilunio
riguardano il criodo dcgli influssi zodiacali di qucl scgno, c non i cicli lunari
cIc vi si svolgono. Pcr oicrc conosccrc qucsii uliini vi sar sufficicnic nunirvi
di un scnlicc calcndario ovc siano indicaic lc fasi dclla luna.

PIenIIunIo deII'ArIete
(dal 16 arilc all'11 naggio}

E il lcnilunio dci Faggi disari, dcll'organizzazionc, dclla nasciia. E il
lcnilunio dclla riccrca inicllciiualc, ncl iano ncnialc concrcio. In qucsio
criodo, nolia oicnza gcncrairicc c laicnic ncll'ainosfcra. Il Scgno in
qucsiionc Ia affinii con l'clcncnio uoco, o, con no dc quutto Etc
Cosnc; il cano asiraiio c dcllc conquisic univcrsali inconlc. Il fuoco dilaga,
vuolc affcrnarsi, non dcsidcra oosizioni, criiicIc. La luna dona cncrgic cr
inrcsc cccczionali; na, allisogna, da aric dcl disccolo, di una conosccnza
dcl dciiaglio, di un'acqua nodcrairicc, cIc frcni il ruggiio c l'inciuosii dcl
Scgno dcll'Aricic. Aiicnzionc alla sovraccciiazionc ncnialc, allc dclusioni
dovuic alla nancanza di cocrcnza ira l'idcalc suggcriio dal Scgno Asirologico c
la ninuia rcali dcllc cosc cIc inquadrano la viia quoiidiana. L'Aricic c il
Scgno dcllc grandi conquisic solari, c il Scgno dcl vcro aladino dclla Tavola
Foionda, c il Scgno dcl Prino, dcl Tcrzo, dcl Quinio c dcl Sciiino Faggio, cIc
iuiii siniciizza ncll'affcrnazionc dclla Divinii Una. Ecco lc isirazioni c lc
ossililii dcl lcnilunio aiiualc; Maric, iancia non sacro dcl Scsio Faggio, d
ancIc una dcvozionc oicnic agli idcali. Ma, siia aiicnio il disccolo a sacr
adocrarc gli influssi cIc crcciscc; sc cgli divcnia scIiavo dclla loro oicnza,
invccc di giocarc la aric ncravigliosa di cavalicrc dclla Tavola Foionda,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

227
corrcr il riscIio di divcnirc, agli occIi dclla gcnic, un qualunquc Don
CIiscioiic. Invccc di un conlaiicnic cIc ossicdc l'oculaia visionc gcncralc di
un caiiano, c dci iani di laiiaglia, oircllc divcnirc un irascililc soldaio,
facinoroso c violcnio. La voloni crcairicc c indoniia ci c donaia dalla luna;
na, diciro allo srazzo di iania cncrgia divina, il vcro ncssaggio dcll'Aricic c. la
ragion ura, clcncnio indcfciiililc ad ogni voloni. CcrcIi il disccolo di
riniracciarc il ncssaggio.
Il ccniro cIc dcvc csscrc adocraio, fruiiuosancnic, duranic lc ncdiiazioni di
qucsio ncsc, sia qucllo dclla icsia; cIc laiic in accordo con qucllo ira gli occIi,
qucllo dclla gola c qucllo sacralc. (Pno Huggo. IuInuundu; unto Huggo.
unu; Tczo Huggo. cIuIu dcu gou; Scttno Huggo. cIuIu sucuc).
Si racconanda di usarc solianio il cIalra dclla icsia, cIc, conunquc, dovrcllc
csscrc vivificaio c uiilizzaio in nodo cosianic, in ogni aiiivii cculiarc dcllo
siudcnic. Vucuno c unctu (occuto) dc ncsc.
Qucsio lcnilunio c nisicriosancnic collcgaio al nondo nincralc cIc, conc si
sa, c fruiio dclla collalorazionc dcl Signorc dcl Prino Faggio c dcl Signorc dcl
Sciiino Faggio.
La dolcc c foric influcnza dcl Manu Vaivasvaia c ariicolarncnic laicnic,
duranic il lcnilunio dcll'Aricic.
Il CIoIan (Iniziaio di 6 grado} Morya c il Macsiro dcl Prino Faggio.

PIenIIunIo deIIa BaIena (Cetus)
(dal 12 naggio al 6 giugno}

(Pcr forza di cosc si Ianno ocIc siaiisiicIc sul lcnilunio dclla Dalcna.
Quindi, di scguiio, diano solo una iraccia di qucsio scgno "solarc}.
Il icrzo scgno dcllo zodiaco c Ccius. la Dalcna. Qucsio scgno non c conrcso
ncl iradizionalc sisicna asirologico, na la sua coda aarc cIiarancnic fra
l'Aricic cd il Toro.
Cosa saiano di Ccius? Ncll'Enciclocdia Driiannica Ccius c. "..unu
costcuzonc dc'cnsco ncdonuc c, sccondo c cggcndc gccIc, cu
nosto nunduto du Ncttuno u duouc Andoncdu, cIc u uccso du Pcsco..". Lu
Unucsu Vod Hcccncc Enccocdu sostcnc cIc "..cu unu dcc 4S
costcuzon ognu d Toonco.."; utto cIc nc uttcstu u untcItu. L'csstcnzu d
Cctus non c dcuc socndcc. c scnc stutu ; c "nuouu" soo c g ustoog
cIc, no udcsso, 'Iunno tuscuutu.
Ccius c il scgno solarc dci naii fra il 12 naggio cd il 6 giugno.
Prcndiano in csanc l'clcnco dcllc crsonc naic soiio Ccius cr vcdcrc quali nc
siano lc caraiicrisiicIc.
Qucsio non c il scgno dci oliiici. Solo un rcsidcnic ancricano c naio soiio
qucsio scgno. JoIn F.Kcnncdy (29 naggio}.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

228
E un rcsidcnic ricordaio, cr, non solo cr la sua iragica finc, na cr
l'ainosfcra di culiura c di aric cIc Ia oriaio alla Casa Dianca. Fanncniiano
iuiii il ocia Folcri Frosi allc ccrinonic di inaugurazionc, c nolii grandi
ariisii, conc il violonccllisia Pallo Casals vcnncro alla Casa Dianca duranic il
criodo lcnncdiano.
Effciiivancnic, Ccius scnlra csscrc un oiiino scgno cr gli ariisii; in
ariicolarc, cr gli aiiori. Molii dci naii soiio di csso Ianno raggiunio una fana
noicvolc. Lawrcncc Olivicr (22 naggio}, AriIur Conan Doylc (22 naggio} c
Margoi Fonicyn (18 naggio} Ianno riccvuio l'onorcficcnza di cavalicrc; c
Dcrirand Fusscl (18 naggio}, il grandc filosofo c naicnaiico, l'avrcllc
scnz'aliro oiicnuia sc fossc siaio ncno incgnaio oliiicancnic (cioc,
fasiidioso cr l'csiallisIncni}; JoIn Mascficld (1giugno} c siaio, cr nolii
anni, Pocia Laurcaio d'IngIilicrra. Morris Evans cllc grandc succcsso nclla
carricra; nolii c conlaiicnii ricordcranno la sua inicrrciazionc (niliiarc} di
Anlcio. AncIc Dol Hoc (29 naggio} Ia riccvuio i scniiii ringraziancnii di iu
di un rcsidcnic cr i suoi slcndidi sciiacoli cr lc iruc ancricanc
all'csicro.
I figli di Ccius scnlrano, scsso, non avcrc sicurczza in sc sicssi (na,
osscrvaic gli aliri asciii dcll'oroscoo!}; nolii Ianno un grandc fascino, ancIc
sc sono inulsivi. Sc daic loro qualcIc consiglio vi ascolicranno cducaiancnic
c, in gcncrc, scnza disscniirc; na, coniinucranno a farc qucllo cIc faccvano
rina..
In gcncrc, i figli di Ccius sono un oco narcisisii c nolio consci dcl rorio
fascino c dcl loro cffciio sugli aliri; inolirc, non scnlrano influcnzaii
dall'anlicnic. A diffcrcnza dcllo Scorionc, Ccius ricscc a funzionarc con
cfficcnza, nonosianic il runorc, la confusionc c la nancanza di icno. In
qucsia nanicra, naniicnc un ccrio disiacco, non cnirando iroo a coniaiio
con gli aliri cd i loro rollcni. D'aliro canio, sono ncl loro clcncnio, sc
circondaii da gcnic inicrcssanic cd anano irovarsi al ccniro dcll'aiicnzionc.
Ccius c un scgno nuovo cr l'asirologia c ci vorr nolio lavoro cr sialilirc la
sua vcra inorianza nclla gcrarcIia dcllo Zodiaco.
Pcrci, lc conclusioni allc quali siano arrivaii qui sono solo scrincniali.
Fiassuncndo, i figli di Ccius Ianno una icndcnza naiuralc cr lc arii c la
culiura (sccic, cr il icairo cd il cincna} c non scnlrano csscrvi liniii ai
risuliaii cui ossono giungcrc, una volia inirarcsa una di qucsic carricrc; la
oliiica, invccc, non scnlra csscrc il loro cano.
I naii soiio Ccius Ianno oiiini raorii con i naii cniro i dicci giorni cIc
rcccdono, o scguono, la loro daia, c con quasi iuiii i naii soiio i Pcsci, i
Ccnclli, la Vcrginc, il Sagiiiario c l'Aquario
Non vanno d'accordo con il Cancro, il Lconc, lo Scorionc cd il Caricorno.

PIenIIunIo deI Toro (Wesak)
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

229
(dal 7 giugno al 2 luglio}

Conc il rcccdcnic lcnilunio c scrviio a vivificarc la sfcra ncnialc dcl
disccolo, franncnio dcll'Elcncnio Cosnico FUOCO, cosi, l'aiiualc lcnilunio
scrvc a siriiualizzarc la sfcra dcl suo organisno cicrico-dcnso, franncnio
dcll'Elcncnio Cosnico tcu. I Too c un scgno d tcu. E, dallc alic landc
cclcsii, la Cosicllazionc invia un rofuno radianic cd inflcssililc sul iancia
cIc, inscrcndosi ncll'uono, Ia, cr scoo, di fargli conrcndcrc la suggcsiiva
nclodia cIc scaiuriscc dal Crisio incarnaio; infaiii, Dio sarcllc lcn dclolc c
ninuscolo sc fossc scIiavo dcl suo ciclo. Cli c ncccssario unificarsi alla naiura
naicrialc, cr inicgrarla alla divina. E un ncssaggio, qucllo dcl Toro, cIc iuiii i
disccoli dovrcllcro conrcndcrc. Siia lcnc aiicnio, il raiicanic, allc cncrgic
dcl rcscnic ncsc. Sc la sua saggczza non c fcrna cd cquililraia, invccc di
alincniarc la naiura divina dcl suo coro cicrico-dcnso si acccniucranno i
difciii rciiancnic di dcsidcrio. Invccc di un'arca di fcrno oicrc, dalla
quadraia cncirazionc dclla nassa naicrialc, dal doninio sullinc dclla roccia
rcalisiica, (qualii cIc il Scgno dcl Toro offrc}, nasccr il disincanio di un'anina
oiiusa, ananic dci iaccri croiici, osiinaia c icsiarda, cr uro raniolo
involuiivo, igra c sinilc allc lcsiic ononinc cIc irascinano i carri dci
coniadini ncllc canagnc. La naicria dcll'anlicnic quoiidiano, duranic
l'aiiualc lcnilunio, gli c iu ccdcvolc cIc ncgli aliri ncsi; siia, cr, aiicnio, il
disccolo, a non inaniarsi in ialc argilla. Il ncssaggio dcl lcnilunio c il
scgucnic. si riconosca cIc ogni franncnio dcl iano solido Ia una coniroaric
cicrica c, quindi, si alicIi l'aric di girarc lc cIiavi occulic ncgli cicri-dcnsi, si
da crvcnirc a riniracciarc lc Infiniic Ali dci Piani Eicrico-Cosnici, di cui i
rini sono un scnlicc risvolio. Vcncrc c il iancia cIc cania lc nclodic dcl
Toro, duranic il rcscnic lcnilunio. Vcncrc c il iancia dcl Quinio Faggio, cIc
si inscriscc ncll'uono, dirciiancnic ncl suo cIalra cicrico, cIianaio ajna,
osio ira lc soracciglia. Una dcllc faiicIc di Ercolc fu la caiiura dcl Toro, cIc
sinlolcggi il corrciio uso dclla forza crcaiiva. Ercolc irascin, fin dcniro la
ciii dci Cicloi, l'aninalc. I Cicloi, conc lcn si sa, crano giganii con un
occIio solo, ncl nczzo dclla fronic. H.P.Dlavaisly affcrna cIc i giganii
csisiciicro rcalncnic, al icno dclla Lcnuria, c la loro naiura cra cicrica-
dcnsa. l'occIio in nczzo alla fronic si rifcriscc al ccniro ajna, cIc iali crcaiurc
avcvano sviluaio. In coniaiio con cssi, Ercolc acquisia gli aiiriluii dclla
visionc siriiualc.
Ecco, quindi, sinlolizzaia la faiica dcl nosiro lcnilunio ncnsilc. Il disccolo si
occui, duranic il ncsc, a irasunanarc, con criicrio, la sua naiura infcriorc. La
ncdiiazionc vcnga faiia oriando lc cncrgic infcriori al ccniro dcl cao c, da li,
ad cnuclcarsi ncl ccniro osio ira gli occIi. Si ricordi, il raiicanic, cIc il
ccniro ajna c congiunio dirciiancnic a Vcncrc c cIc Ia una grandc
inorianza, il iancia, in iuiii i roccssi iniziaiici cIc si svolgono sulla icrra.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

230
Il lcnilunio u darc dcicrninaic iniuizioni, cIc faranno cairc al disccolo il
raorio cIc inicrcorrc ira la crcazionc fisica c la siriiualc.
Macsiro dcl Quinio Faggio c il Macsiro Hilarion, cIc fu Paolo di Tarso.

AppendIce aI pIenIIunIo deI Toro

Esisiono irc lcniluni fondancniali in iuiio l'anno. quco dc Toro, utncnt
dctto dc VcsuI; quco dc Geme111, utncnt dctto d Asuu, c quco dc Leone.
Sono irc noncnii in cui lc oicnzc cIc agiscono vcngono rafforzaic in nodo
cculiarc dalla voloni dcl nosiro Logos Planciario, cIc si avvalc, in ialc
aiiivii, dclla collalorazionc aiiiva di iuiii i naggiori cononcnii la CcrarcIia. I
lcniluni dcl Toro c dci Ccnclli sono di naiura cculiarc, crcIc divcrranno,
duranic l'Eoca dcll'Aquario, lc duc Ccrinonic nagicIc ufficiali iu inorianii
di iuiio l'anno.
Parliano lrcvcncnic dcl lcnilunio dcl Toro. CIi lcggcr il faiio cr la rina
volia, sar, forsc, oriaio a crcdcrc cIc si iraiii di una lcggcnda. Noi cogliano
l'occasionc cr riladirc, foricncnic, cIc, invccc, il fcnoncno cIc dcscrivcrcno
c uno ira i iu vcri c odcrosi cIc la icrra allia nai avuio occasionc di
osscrvarc. Si iraiia solianio di csscrc divcnuii adroni dcl concciio cIc il ianio
noninaio "cco" non c una ioiciica asscnllca di angcli c di sanii, inncrsi
nclla luninosa c arida ainosfcra di un divino far nulla; na, invccc, la
coordinaia fusionc di una ArcIiiciiura di Poicri Cclcsii, cosianicncnic
occuaii a sviluarc il scnc dclla nanifcsiazionc lanciaria, iraniic dci
nciodi qualificaii cd iniziaiici, faccnii cao al riino dcl Sciiino Faggio. il
Faggio dcl ccrinonialc. Li, ovc csisic una ccrinonia di gruo a caraiicrc
iniziaiico cd univcrsalc, v'c l'inronia dclla dccisionc c dclla aricciazionc dcl
nosiro Logos, il qualc si avvalc dcl saccrdozio dci iu alii ncnlri dcll'unanii,
cr farc in nodo cIc l'unanii, ancIc sc inconsacvolc, si irovi crncaia dclla
aurca lucc dclla Sua Innancnza.
Quando DuddIa nori, fccc un voio. di non lasciarc il nondo rivo dcgli
incalcolalili lcncfici cIc il Suo oicrc di Iniziaio di oiiavo grado gli crnciicva
di dargli. Egli dcosc la soglia fisica, quclla asiralc c quclla ncnialc, duranic
un lcnilunio dcl Toro di ducnila c sciccnio anni fa, circa.
Dccisc, allora, cIc, in ialc ricorrcnza ncnsilc, ogni anno Egli si sarcllc offcrio
all'unanii c l'avrcllc collcgaia allc Encrgic CosnicIc cIc avcva raggiunio,
fino a quando il Suo osio non fossc siaio rcso da Crisio. Ncl lcnilunio
ncnzionaio, iuiii i disccoli consacvoli dcl faiio si riuniscono alla CcrarcIia c
la CcrarcIia a SIanlalla, sia con ncdiiazioni, sia con nanirans, sia, cr cIi
nc c caacc, con l'allandonarc, noncniancancnic, la soglia fisica c
raggiungcrc una vallaia dcll'Hinalaya, ovc la fcsia dcl Wcsal Ia luogo, sul
iano fisico. Migliaia sono i cllcgrini cIc raggiungono, duranic il lcnilunio,
qucl luogo. AncIc i Trc Signori di Faggio, gli Adcii, c gli Iniziaii (il iu dcllc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

231
volic invisilili} sono rcscnii. Quaiiro ninuii rina dcll'ora csaiia dcl
lcnilunio, la figura dcl DuddIa aarc ncl ciclo, lcn visililc alla visia
cIiarovcggcnic, nclla Sua noia osizionc lcncdiccnic, c rcsia, Loio
Fianncggianic nci cicli, fino a quaiiro ninuii doo l'acnc dcl lcnilunio. Lc
oicnzc ininnaginalili cIc Egli fa dcfluirc sulla icrra, in ialc corio criodo,
sono raccolic dal Crisio, c, duranic iuiio l'anno, Egli lc fa dcfluirc, a scconda
dcllc ncccssii c dcllc ricIicsic, sull'inicro glolo.
Qucsio, c uno dci quaiiro lcniluni in cui vcngono iniziaii i iu ncriicvoli figli
dcgli uonini; c l'unico dci lcniluni in cui il disccolo, fino a quanio non Ia
raggiunio il cosianic coniaiio con il suo Macsiro, asciia di oicr oiicncrc un
colloquio irasccndcnialc con il Mcdcsino.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

232
- L21ON VNT1NOVS1MA - (Por1e seoondo)
PIenIIunIo deI GemeIII (AsaIa; appendIce aI pIenIIunIo deI GemeIII).
II voto dI CrIsto, sImIIe a queIIo deI Buddba.
PIenIIunIo deI Cancro.
PIenIIunIo deI Leone.
PIenIIunIo deIIa deIIa VergIne

PIenIIunIo deI GemeIII (AsaIa)
(dal 3 luglio al 28 luglio}

Plcnilunio cIc Ia un'inorianza fondancnialc c lo rcndc nolio rczioso cr
cIi saia riconosccrc il nisicro dcllc forzc cIc oria alla icrra.
Prcccdcnicncnic, nclla lczionc sulla iclcaiia, alliano arlaio dcllc fonii di
Inrcssioni Sucriori cIc guidano i Macsiri ncll'cffciiuazionc dcl Piano Divino.
Alliano dciio cIc SIanlalla, ira lc alirc, si avvalc dcl fruiio di collalorazionc
cIc inicrcorrc ira Mcrcurio, Vcncrc c la Tcrra. Qucsio iriangolo di forzc c una
dcllc fonii di inrcssionc divina c di iniuizioni cIc guidano gli sicssi Signori dcl
Mondo. Mcrcurio c il iancia cIc conducc, duranic il ncsc, lc cncrgic dcl scgno
dci Ccnclli, sino alla icrra. Divcrrcllc un lcncncriio colui cIc riuscissc ad
auncniarc il novcro dci disccoli cIc sanno riconosccrc lc ondc suggcsiivc cIc
Mcrcurio ci invia, ora. Acccnniano, in lrcvc, al faiio cIc, conc un Iniziaio di
quario grado Ia, ira gli aliri coniii, di riconosccrc l'cffciio, in lui c aiiorno a
lui, dcl iancia Vcncrc, cIc rovoca c fa nasccrc (in consonanza al suo
oosio. la Tcrra}, ogni dualisno cIc conosciano (c, ci, l'Iniziaio lo fa con
nciodi c raiicIc csoicricIc cIc gli sono rori c cIc vcrranno rivclaii, iu in
l, al ncofiia}, cosi il Macsiro, o, l'Iniziaio di quinio grado, Ia, cr scoo, di
conrcndcrc i significaii, l'aiiualii, c gli cffciii cIc l'azionc dcl iancia
Mcrcurio dcicrnina, inscrcndosi ncl dualisno Tcrra-Vcncrc, c fornando il
iriangolo di oicrc di cui alliano arlaio.
Il Plcnilunio dci Ccnclli Ia, qualc clcncnio occulio, l'aria. Talc clcncnio, da
non confondcrsi con l'aria ainosfcrica cIc iuiii conosciano, c il vasio cano
cosnico cIc si salanca agli occIi siuiii dcl disccolo, una volia cIc il
ncdcsino si c sogliaio dcl rorio coro causalc. Di ialc aria occulia c
conosio il Piano Duddico, c, quindi, il quario dci cori di ognuno di noi. il
coro dcllc iniuizioni. Difaiii, sia Mcrcurio, cIc il scgno asirologico dci Ccnclli
sono i sinloli dclla ragion ura, o, dcll'inicllciio cIc si c irasfornaio in
iniuizionc. Lo siudcnic dovrcllc ccrcarc di sinionizzarsi con il iancia
Mcrcurio, duranic il lcnilunio c col Scgno dci Ccnclli, affcrrando lc iniuizioni
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

233
cIc gli lalcncranno ncll'anliio dclla sua sfcra siriiualc. Ma, si ricordi, ancIc,
dcll'annonincnio cIc lc duc figurc cIc sinlolcggiano il scgno in qucsiionc - i
gcnclli Casiorc c Pollucc - danno all'unanii, con il significaio dclla loro
lcggcnda. Pollucc c Casiorc rarcscniano, uno, la crsonalii norialc, nci
suoi asciii csicriori; l'aliro, l'anina innorialc, nclla sua naiura divina. Il niio
grcco narra cIc, quando Pollucc nori, Casiorc dcsidcrava scguirlo; na, non
oic, crcIc cra innorialc; si rivolsc, allora, sulicIcvolc, agli Dci, cIc,
arczzando il suo grandc anorc, gli crniscro di assarc, alicrnaiivancnic,
un giorno, con sua naiura, nci Cicli, c un giorno con suo fraicllo, ncll'Adc.
Crandc inscgnancnio, c cIc dovrcnno cairc. Il dualisno cIc dilania il
disccolo, lungo il Scniicro, c inicrancnic csrcsso in qucsia aralola. Cos'c
cIc lo incania, coniinuancnic, ncnirc si irova inaniaio nclla incarnazionc?
Da dovc rovicnc la nusica di un icrriiorio ignoio, cIc inoiizza i suoi
novincnii quoiidiani, ncnirc agiscc nclla naicria? E l'Anina, la sua
coniroaric divina, dcsidcrosa di avcrlo con sc. Noi csoicrici saiano cIc il
ricIiano non c un sogno, o, una innaginazionc. Ma, un faiio lcn concrcio c
rcalisiico, da non soiiovaluiarc. E l'ancliio a scavalcarc la linca cIc lo dividc
dalla roria radicc divina, c i lalzi cIc l'uono infcriorc conic vcrso la Ciii
d'Oro, ovc aliia il suo Sc Sucriorc, rovocano, scsso, crudcli ricaduic; cgli
dcvc, allora, unificarc, con criicrio c con saggczza, lc duc naiurc in una.
Mcrcurio vicnc in aiuio c si onc a crno dclla lilancia, crcando il iriangolo
adaiio ad un cquililrio fondancnialc. Non soiiovaluii, il lciiorc, l'aiuio dci
iancii! Non si crcda iroo sucriorc a qucllc cIc oircllc cIianarc lcggcndc!
Torni, cgli, al ricordo cd alla vcncrazionc aniica dcgli Dci Planciari, gli unici a
cui crcdono i Macsiri di Saggczza. Colga l'occasionc cIc ialc lcnilunio gli offrc.
FiccrcIi, in sc, il suggcrincnio di Mcrcurio., l'cquililrio, l'inicllciio cIc non
ccssa di csscrc ialc, ur iranuiandosi in iniuizionc. Non rinunci, cgli,
inorridiio, alla sua naiura infcriorc, nassacrandola con cilici c lruialii.
Saia cIc la crsonalii c ncccssaria all'anina, conc l'anina c ncccssaria alla
crsonalii. La crsonalii dcvc divcnirc cicrna, conc cicrna c l'anina. E
l'anina dovr divcnirc iangililc c concrcia, conc iangililc c concrcia c la
crsonalii. Si ricordi, il raiicanic, cIc, duranic il ncsc, l'ossigcno ccciianic
dcll'clcncnio occulio "aria", u rcndcrlo ciarlicro, "gasaio", insialilc c
rcsuniuoso. La arola di Mcrcurio, invccc di csscrc un ungucnio, cIc cura c
anorcvolncnic corrcggc, invccc di csscrc il Logos cIc, cr aniononasia, crca,
u divcnirc nociva, u fcrirc, u allonianarc nolii dalla sirada nacsira, u
disiruggcrc. La lucc dcl Solc non sar da lui raggiunia; na, la lucc, invccc,
allida c lunarc. L'aric c il ncssaggio dcl lcllo sono ci cIc Ia da offrirc il
Quario Faggio, il Faggio di Mcrcurio. FiccrcIi l'aric, il disccolo, duranic il
lcnilunio. Si sforzi di conrcndcrc quanio Dio sia laicnic ncl sorriso dclla
lcllczza univcrsalc; non vincoli, cgli, l'aric, in ci cIc c alcscncnic lcllo.
L'aric non aariicnc solo all'anina, allo siriio; aariicnc, ancIc, alla
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

234
crsonalii, alla naicria. L'aric non aariicnc solianio al lcllo. aariicnc,
ancIc, al lruiio. L'aric non aariicnc solo alla giovinczza; aariicnc, ancIc
alla vcccIiaia. Ecco, il ncssaggio dcl Quario Faggio.
Non consigliano di adocrarc, sc non soiio la guida di un Isiruiiorc, il cIalra
alla lasc dclla sina dorsalc, cIc collcga, dirciiancnic, ogni individuo al
Piancia in qucsiionc. Adocri, cgli, iuiiosio, il cIalra dcl cuorc, uniio a qucllo
dclla icsia. I duc fori occulii, in ognuno di noi, cIc ci unificano, il rino, al
Signorc dcl Sccondo Faggio, Crisio, cd il sccondo, al Signorc dcl Prino Faggio,
il Manu Vaivasvaia.
Macsiro di Quario Faggio, c il Macsiro Scraidc.

AppendIce aI pIenIIunIo deI GemeIII.

Esaiiancnic conc accadc cr il lcnilunio dcl Toro, cr quanio riguarda la
nanifcsiazionc all'unanii da aric di DuddIa, lo sicsso accadc duranic
qucsio lcnilunio, di Asala, nci riguardi di Crisio, il qualc offrc la ossililii,
dirciia c indirciia, ad ogni uono, di cnirarc in coniaiio con Lui. Egli, da cIc
vcnnc sulla icrra, ducnila anni fa, non Ia nai allandonaio l'unanii. E
rinasio, ncl Suo riaro noniano, ncll'Hinalaya, a cosiiiuirc la forza isirairicc
c lasnairicc dcl Sccondo Faggio, qui, sul iancia. Ncllc orc dcl lcnilunio, Egli
rcscnzia al raduno dcllc aninc non iniziaic, cIc conoscono c sfruiiano la
ossililii, c di qucllc iniziaic, c, iraniic ialc vasio gruo, scrra, ncl Suo
anlcsso vivificaiorc, l'inicro nondo. Egli ricic, nclla nclodia dcl Suo canio, il
significaio dcllc quaiiro Vcrii di DuddIa c dcll'Oiiulicc Scniicro.
Qucsio, c il lcnilunio dcl Crisio, c iuiii ossono, in qualunquc luogo si
irovino, usufruirc dcllc Suc cncrgic, cIc vcngono, in sinili isianii, a saiollarc lc
aridc lallra dclla icrra; dcgli uonini, consacvoli, o ncno, di quanio sia
accadcndo; dcgli angcli, dci sanii, nci Piani Sucriori.

PIenIIunIo deI Cancro
(dal 29 luglio al 23 agosio}

Il rcscnic lcnilunio dcvc csscrc ariicolarncnic siudiaio crcIc, in nodo
siccaio, c qucllo cculiarc dclla Lunu. Il Scgno asirologico dcl Lconc c il
Scgno, cr aniononasia, dcl Solc; qucsio cIc siudiano, lo c dcl nosiro saiclliic
(o, sc vogliano, dcl iancia occulio cIc la Luna sinlolcggia}.
Pcr conrcndcrc c sacr uiilizzarc gli influssi dcl Cancro occorrc allinarc ialc
scgno a duc inorianii funzionalii c causali. Il Cancro c il quario scgno dcllo
Zodiaco, c, sccondo la conosccnza csoicrica, c collcgaio, sia alla rcscnic
nosira quaria caicna, sia alla rcscnic nosira quaria ronda. Difaiii, l'aiiualc
unanii, dcll'aiiualc ronda, c naia soiio il Scgno dcl Cancro; cssa raggiungcr
l'uliina iniziazionc soiio il Scgno dcl Caricorno, cIc c in oosizionc al
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

235
Cancro. Nclla lciicraiura csoicrica si fa una disiinzionc lcn rccisa ira coloro
cIc vcngono cIianaii gli Angc Sou c g Angc Lunu. Il culiorc riconosccr,
in Essi, i duc iii di scIicrc angclicIc. l'una, cIc rarcscnia il olo osiiivo
dci cicli; l'alira, il olo ncgaiivo. Ncll'uono singolo, ogni suo organisno non solo
c considcraio conc osscdcnic una roria rudincnialc c icnacc coscicnza. E,
ancIc, risauio cIc ogni coro dcll'uono c il franncnio di una CcrarcIia
Angclica. Conrcndcrc il faiio cd agirc nclla giusia dirczionc significa
raggiungcrc la ianio ausicaia fusionc sulla icrra (rofciizzaia cr l'Eoca
dcll'Aquario} dcl rcgno Angclico con l'unano. Il coro ncnialc concrcio, il coro
asiralc c il coro cicrico-dcnso, quando non sono inicgraii in un'arnoniosa
crsonalii, unificaia all'anina, vcngono cIianaii "gli angcli lunari" dcll'uono;
ncnirc, il suo coro causalc, o, anina, c cIianaia l'Angclo Solarc. DcncIc il
coro ncnialc concrcio aaricnga iu alla sfcra dcll'anina, cIc alla sfcra
dclla crsonalii, fino a quanio l'inicgrazionc con il divino c la sicosinicsi
individualc, non siano siaii raggiunii, csso, qualc siruncnio dcll'uono, icndc
iu ad aaricncrc agli Angcli Lunari cIc ai Solari. Fino a cIc l'uono non
inconincia ad ascoliarc i suggcrincnii dclla sua Anina, cgli, isiiniivancnic c
golosancnic, si inscriscc ncll'anlcsso laccnialc dci suoi irc cori infcriori,
con iuiic lc aiiivii cIc nc dcrivano c, iraniic loro, si ncora al nondo dcl
naicrialisno. Pcr quanio riguarda gli Angcli Lunari, aiicccIcndo Essi ai irc
rcgni clcncniali, ncllc roric radici viiali (cIc alliano dcscriiio in
rcccdcnza, ncllc rinc lczioni dcl Corso}, loro scoo cvoluiivo c di inncrgcrsi
nclla naicria, cr irarnc quania iu cscricnza ossono. Cli csoicrisii sanno
cIc i rcgni dcvici, o, angclici si sviluano iraniic la scnsazionc; scnsazionc,
cIc iranuicranno, alla finc, in inicllciio cd in anorc.
Non csisic cIalra cIc corrisonda alla Luna. La ncdiiazionc da conicrsi sia
quclla di irovarc il scgrcio dclla irasnuiazionc dcll'cnoiivii in anorc.

PIenIIunIo deI Leone
(dal 24 agosio al 18 sciicnlrc}

Qucsio lcnilunio Ia una caraiicrisiica dcl iuiio cculiarc. E l'unica fincsira,
ira lc quaiiordici, diciro alla qualc non aarc un iancia; na, il Solc. Il Scgno
dcl Lconc c la Cosicllazionc cIc Ia, cr Mcssaggcro, il nosiro Logos Solarc. Sc
accciiaic l'ioicsi cIc ogni lcnilunio sia il raccogliiorc cd il roiciiorc, sul
iancia, di dcicrninaic cncrgic cosnicIc, cIc adocrano, cr onic, uno dci
cori graviianii aiiorno alla Siclla Fissa dcl nosiro iancia, qualc iniuizionc di
cncrgic sucriori, in qualii c quaniii, nc vcrr alla ncnic dcllo siudioso,
quando considcra cIc, siavolia, il onic c la ncdcsina Siclla Fissa
(rarcscniaia da un iancia occulio}! Qucsio lcnilunio c ancIc iu oicnic
dci lcniluni di Wcsal c di Asala; na, cr un'alira ragionc. Duranic il ncsc cIc
gli aariicnc, c, in nodo siccaio, dal novilunio in oi, la Siclla Fissa Sirio,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

236
cIc c l'Onda soiiosianic alla CcrarcIia Dianca, raccoglic gli incslicalili
influssi dcl Faggio Cosnico, dcl Qualc il ciclo di Sciic Sisicni Solari a cui
aariicnc il nosiro, sono i Sciic Soiioraggi; ialc Acccsa Facc vicnc, allora,
inirodoiia sin ncllc iniinc filrc dcl iancia, c rovoca dci risuliaii cIc solo
l'iniziaio di Alio Crado u scguirc da rcsso; na, non dcscrivcrc. Il Faggio
Monadico dcl nosiro Logos Solarc c il Sccondo. Mcnirc qucllo dclla Sua
Pcrsonalii c il Scsio. L'Anorc-Saggczza si onc, duranic il rcscnic lcnilunio,
su iuiic lc scosccsc ascrii dcl nosiro iancia, c, ungucnio lalsanico, lcniscc
ogni fcriia, soddisfa lc ricIicsic dcllc coorii angclicIc cIc rcsicdono allc
cvoluzioni dci quaiiro rcgni infcriori c roonc rinnovcllaii avanzancnii nci irc
rcgni sucriori. La Saggczza c l'Anorc dcl nosiro Logos Solarc non si irovano
solianio crisiallizzaii ncllc arolc dci voluni c ncgli acccnii sovrunani dci
Macsiri di Saggczza. Colorano, invccc, i ciali dci fiori, s'arono nci significaii
rccondiii dcllc icncsic narinc, danzano ncllc ninuscolc viic cIc lcviiano,
gclidc, nci fioccIi di ncvc; si nascIcrano ncllo sicsso colo di sada cIc il
cccaiorc inncrgc ncl coro dcl ncnico. Il ncssaggio dcll'Anorc c dclla
Saggczza, duranic il lcnilunio, si uniscc al ncssaggio dcl Poicrc; cd c, li,
aiiorno al disccolo, acccniuaio, duranic il ncsc, iu di ogni aliro. Mcdiii su di
csso, il raiicanic, c adocri, duranic l'cscrcizio occulio, il cIuIu dc cuoc, cIc
c dcl Sccondo Faggio. Si cIicda, cgli, crcIc l'aniica iradizionc vuolc cIc lc
innagini di Crisio, Incarnazionc sullinc di ialc Faggio, oriino il cuorc
scocrio sul ciio, radianic slcndorc c luninosii. Sc raiicIcr ialc
ncdiiazionc, con criicrio c con una luona visualizzazionc ncnialc, riuscir a
scniirc il frcniio dcl Dio-Solc congiungcrsi al suo cuorc cicrico, ira lc scaolc.
Il Macsiro Tilciano ausica cIc iuiii gli asirologi alliano il ccniro dcl cuorc
risvcgliaio, scnza di cIc non c ossililc crvcnirc allc cclaic conosccnzc
dcll'asirologia csoicrica.
Il Signorc dcl Sccondo Faggio c Crisio; il CIoIan (Iniziaio di Scsio Crado} di
Sccondo Faggio c il Macsiro Kooi Huni. Il Macsiro di Sccondo Faggio c il
Macsiro Djwal Kul, cIianaio il Tilciano.

PIenIIunIo deIIa VergIne
(dal 19 sciicnlrc al 14 oiiolrc}

La iranidc c siaia, da scnrc, il "scgno occulio", cr aniononasia. Essa
rarcscnia l'cvoluzionc, nci suoi caraiicri gconcirici. Analizziano solianio la
caraiicrisiica cIc ossicdc la iranidc, di coninciarc da una radicc ania, cIc
si assoiiiglia scnrc iu, sino a ioccarc il vcriicc, cIc c un scnlicc unio. Cli
csoicrisii sanno cIc i quaiiordici scgni dcllo Zodiaco sono alirciianic doii, o,
caraiicrisiicIc di una Viia Cosnica individualc. Ed i Scgni, nclla loro
succcssionc, Ianno, cr scoo, di affinarc, ncll'oggciio dci loro influssi, lc
qualii cIc lc rcccdcnii figurc zodiacali inoscro su cssi. Alliano visio
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

237
quanio i rcccdcnii lcniluni iniziarono il loro arco cvoluiivo soiio l'inronia
dcl uro asiraiiisno; nano a nano cIc roccdiano, noiiano la ncccssii, da
aric dci Signori Zodiacali, di crvcnirc a dci risuliaii concrcii, ninuii. alla
conquisia dcl dciiaglio. E il caso dcl Scgno dclla Vcrginc. Signorc di qucsia
figura asirologica c, ancora, Mcrcurio. Ma, ncnirc ncl lcnilunio dci Ccnclli
Mcrcurio cra in augc c Casiorc si occuava di irasoriarc il suo fraicllo
infcriorc nci rcgni dclla ura asirazionc cclcsiialc, qui, Mcrcurio c "dcrcsso";
Pollucc, la crsonalii, c ancora nclla fasc in cui si vcdc occuaio ad inncsiarc
i nillc c nillc filancnii dclla roria radicc, nclla icrra dcll'csisicnza naicrialc.
Non Ia ancora scniiio il ricIiano dcll'anina; o, sc lo scnic, c iroo occuaio
ncl suo lavoro. La Vcrginc c il Scgno dcl ariicolarc, dcll'analisi; l'ocraio Ia in
nano il franncnio coloraio c lo socsa. Non si c ancora voliaio vcrso il
nosaico cIc ricnic la facciaia dcl Tcnio. Duranic qucsio lcnilunio il
disccolo ladi lcnc a cIc lc forzc dclla Vcrginc non lo disiraggano, con la
rofunaia coricccia di un solo allcro, faccndogli crdcrc di visia l'inicra
forcsia. Trovi cgli il scgrcio ncssaggio cIc il singolo ccla in sc. l'Uno c, agli
occIi dcl Macsiro, fuso con il noliclicc. Non v'c diffcrcnza ira i duc. Ma, cr
conrcndcrc ialc vcrii, c ncccssario cIc la goccia dcl iancia Mcrcurio, in
ognuno di noi, vcnga oriaia a giusia icncraiura c scgni la gradazionc csaiia,
cIc c il unio d'inconiro ira il calorc dcll'anina c qucllo dclla crsonalii.
Dcll'Assoluio c dcl Fclaiivo.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

238
- L21ON VNT1NOVS1MA - (Por1e 1erzo) -
PIenIIunIo deIIa BIIancIa.
PIenIIunIo deIIo ScorpIone

PIenIIunIo deIIa BIIancIa
(dal 15 oiiolrc al 9 novcnlrc}

Non si dincniicIi, lo siudcnic cIc gli cffciii asirologici allracciano, con i loro
odcrosi influssi, iuiii i rcgni dclla naiura; c non solo l'uono. Osscrvando,
difaiii, lc liniiaic caacii crcaiivc dcll'uono, il liniiaio nuncro, di fronic alla
vasia nassa, di coloro cIc ossiano considcrarc cscni c gcni dcll'cvoluzionc,
sorgc incriosa la donanda di conosccrc da dovc rovcnga la vasia gcncalogia
di iii, di icndcnzc innaic inicriori, di naiurc cIc qualificano l'unanii. Noi,
non riicniano di riuscirc a far conrcndcrc allo siudcnic la vcra cd inirinscca
Naiura Cosnica dcllc arcIciiicIc qualii, laicnii ncl cuorc c ncl nuclco
rarcfaiio dcgli Dci Planciari, Vcicoli dcllc Cosicllazioni, solianio liniiandoci a
dcscrivcrc lc ncdcsinc qualii cIc si riflciiono, in lasso, ncll'csscrc
individualc. Lc duc disianzc sono cosi acccniuaic, cIc si corrcrcllc il riscIio di
aniroonorfizzarc la Divinii, faccndola sinilc all'uono. Diciano solo cIc
quanio c csirinscco, dcvc csscrc cnanaio da qualcosa di inirinscco ad csso;
l'anina Ia qucllc qualii, qucllc icndcnzc, qucllc naiurc, crcIc c sinilc al Dio
Planciario cIc l'Ia nanifcsiaia. Ncl nosiro caso, lo sforzo sia ncl ulirc ialc
anina da iuiio il icrriccio cIc la circonda, sino a cIc, divcnuia linida conc
crisiallo, ci far vcdcrc, ncl suo iraluccrc, il Volio dcl Poicrc Planciario, c oi
Solarc, c oi Cosnico da cui rovicnc. Sono i noncnii in cui ogni
cIiarovcggcnic ricscc ad affcrrarc la visionc dcgli Angcli, dcllc CcrarcIic
Crcairici, dcgli aliianii dci Piani Sucriori.
Doo ialc lrcvc digrcssionc, iorniano a noi. E inorianic cIc lo siudcnic inizi
ad arirc gli occIi sugli influssi Cosnici cIc gli rovcngono dalla nisicriosa
ainosfcra occulia dcl iancia. Egli vcdr quanio, ancora, sia incrnc c indifcso,
sia di fronic agli influssi ncgaiivi, cIc di fronic ai osiiivi.
AncIc il nosiro Logos Planciario vicnc soiioosio, nclla faiiisccic, agli influssi
zodiacali di ogni lcnilunio ncnsilc; cosiccIc, cr il raiicanic, c nolio facilc
raggiungcrc il vilrarc dcl dcicrninaio arona cIc invadc iuiia la icrra, duranic
il lcnilunio, a rcscindcrc dal Scgno Zodiacalc soiio cui c naio.
La Dilancia c un Scgno nolio inorianic, ira i quaiiordici, c, ci, crcIc c il
Scgno dcl rioso conquisiaio; na, ancIc il Scgno dclla rcsa dci conii. Saiurno,
l'inflcssililc giudicc lanciario, c il Piancia sovrano dclla Dilancia. E Vcncrc, il
Piancia adronc dclla dcfiniia acquisizionc d'ogni ariicolarc, orgc a Saiurno,
in ialc Scgno, il fruiio dclla sua ocra.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

239
Qualc sullinc roiagonisia c Saiurno, ncl cano dcll'Evoluzionc Sucriorc!
Vicnc cIianaio il Prccciiorc, il Tcniaiorc, il Crandc Liniiaiorc. I Suoi influssi
ollligano il disccolo a lavorarc a iccolc cosc, fino a ianio cIc cgli non allia
arcso l'unili, la azicnza, la nodcsiia, la gcniilczza, la rccisionc c
l'asscnza di cgoisno. Qualc Tcniaiorc, accorda oicri c rcsonsalilii, c
osscrva sc vcngono usaii lcnc, o, sc sc nc alusa. Qualc Liniiaiorc, crca
incdincnii allc Aninc iu aliancnic cvoluic. Siudiando, infaiii, ogni
individuo cIc c sul Scniicro asccndcnic, osscrvcrcno cIc, nalgrado i riccIi
doni di cui c adorno ncllo Siriio, c, sovcnic, dal unio di visia csicriorc c
icrrcno, un csscrc dai arziali succcssi.
Saiurno si irova scnrc in azionc. Ma, cr conrcndcrc lcnc il Suo ncssaggio
c cr raggiungcrc il gran dono cIc offrc a iuiii - cioc, la garanzia di una
crcazionc insoluia c incccalilc, di una forza d'anino inflcssililc, di una
giusia azionc - lisogna soiioorsi di luon grado ai Suoi inicrvcnii. E sinlolico
consiaiarc quanio Saiurno sia incarnaio, in rofondii, ncllc Aninc dcgli
Adcii. Il Farcscnianic di Saiurno, Piancia dcl Tcrzo Faggio, c, qui, sulla
Tcrra, il Crandc c Miscricordioso Siriio, cIianaio. Ecco, il ncssaggio di
Saiurno. Duranic il rcscnic lcnilunio si osscrvcranno, laicnii in aria, gli
cffciii cIc Vcncrc oria al iancia. La gioia dcllc iccolc cosc; la scocria dcllc
grandi cosc, ncllc iccolc; la grazia csisicnic ncl nondo rclaiivo; la rcalc
dinosirazionc cIc l'uliino c, conicnorancancnic, il Mondo Assoluio. Un
dcsidcrio di giusiizia crvadcr la sicIc nascosia dcl glolo; c la rivclazionc di
conc oiicncrc la giusiizia, sia ncl nondo naicrialc, sia ncl nondo siriiualc,
sar a oriaia di nano, ncll'ainosfcra dclla icrra.
Il oicrc dcl Tcrzo Faggio, ncll'asciio iu conosciuio, o di crcaiorc dci raorii
ira viia c forna c, quindi, cosiruiiorc dcgli scanli conncrciali, dcgli scanli
ira nazionc c nazionc, ira individuo c individuo, ira ncnic c ncnic (coniaiii
iclcaiici}, si acccniucr. Colga l'occasionc, il raiicanic, di avvaniaggiarscnc.
Aggiungiano, ira l'aliro, cIc il nosiro Logos Planciario Ia la Pcrsonalii di
Tcrzo Faggio.
Il ncssaggio dcl lcnilunio considcraio c cIc, diciro ad ogni azionc dcll'uono,
vi c un larna inflcssililc; ogni nosiro cnsicro, ogni nosiro aiio, ogni nosiro
dcsidcrio inircccia, nan nano, ncl icno c ncllo sazio, una rcic cIc sia a noi
cosiruirc flcssililc c arnoniosa, c non iniricaia c oriairicc di rigionia. La rcsa
dci conii non vicnc da aric di un Dio iraio c ninaccioso; cssa c cosiiiuiia
dall'aggloncraio ioialc dcgli cffciii di causc da noi scninaic, c cIc riiroviano
alla finc di ogni ciclo crsonalc c gcncralc.
Duranic il lcnilunio, il disccolo si sforzi di scniirc (faciliiaia
dall'acccniuazionc di ossililii iclcaiicIc cIc Saiurno gli oria} la Sullinc
Prcscnza Onni-csansa di Colui cIc rarcscnia il Tcrzo Faggio. il MaIa
CIoIan, c di crccirnc c nanifcsiarnc il Mcssaggio.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

240
La ncdiiazionc vcnga faiia inscrcndo ogni cffluvio viialc dcll'csscrc, ncl cIalra
dclla gola, unio cicrico da cui dcfluiscono, all'csicrno, lc cncrgic dcl Tcrzo
Faggio.

PIenIIunIo deIIo ScorpIone
(dal 10 novcnlrc al 5 diccnlrc}

L'aiiualc lcnilunio ossicdc dcllc forzc cIc c ncccssario, cr il raiicanic,
conosccrc a fondo, sc vuolc oiicncrc uno sialilc succcsso cd una affcrnazionc
soggciiiva, nci valori c vilrazioni di "olirc il vclo". Lo Scorionc c il Scgno
sccifico dclla nagia c dcll'occuliisno. Forsc, un donani, si scorir cIc csisic
uno sirciio coniaiio ira qucsio Scgno cd Urano (il iancia dcl ccrinonialc
nagico c dcl ccniro sacralc}; iancia cIc non c annovcraio, di soliio, nclla zona
asirologica di cui ci inicrcssiano. L'anlivalcnza dcgli influssi scorioniani c
caraiicrisiica. L'clcncnio acquco, in cui vivc la Cosicllazionc, alincnia, sia nci
lcniluni sccifici, sia ncll'individuo naio soiio di cssa, la sfcra asiralc cd
cnoiiva. L'acqua, inicsa ncl significaio alcIcnico, influiscc sulla Cosicllazionc.
Non siaic indoiii in crrorc, crcdcndo cIc iuiic lc Viic Univcrsali cIc si
avvalgono, ncllc roric nanifcsiazioni, dcll'"Acqua", siano dcrccalili, crcIc,
all'originc dcl loro ciclo cvoluiivo, aarc, scnrc in cvidcnza, l'asiralisno c
l'annclliancnio. Qucsii, sono gli cffciii di dissoluzionc, cIc rcccdono gli
cffciii di caiarsi. a AncIc il loio, sinlolo dclla crfczionc, affonda lc radici ncl
fango dclla aludc, clcva lo siclo ncl liquido clcncnio; curc, arc il loccio ai
raggi solari. Cosi, va considcraio l'iniino nisicro dcl lcnilunio scorioniano.
Pcr una ncccssii cvoluiiva, la Cosicllazionc inscriscc lc roric forzc in ci cIc
c afoso, all'inizio; in ci cIc icndc vcrso il "fondo". CIi c naio ncllo Scorionc c
ariicolarncnic aiiraiio vcrso la nagia. Scsso, cr lc caraiicrisiicIc cIc
alliano ncnzionaio, inlocca il scniicro dclla nano sinisira, o, dcllc raiicIc
ncrc. Vuolc invcsiigarc, sa csscrc dilonaiico, diffida; c, con giusia ragionc, fa
in nodo cIc gli aliri diffidino di lui. Ma, si ricordi, il raiicanic, cIc il Scgno
dcllo Scorionc c, ancIc, collcgaio con la rcziosa Cosicllazionc dcll'Aquila,
siiuaia vcrso l'Equaiorc Cclcsic, in icna via laiica. E sia, qui, la ossililii
cIc lo Scorionc ossicdc di clcvarsi dalla olvcrc in cui siriscia c di acquisiarc
gli aiiriluii dclla univcrsalii.
Alliano dciio cIc il rcscnic lcnilunio va lcnc siudiaio, da aric dcl
disccolo, crcIc il Scgno csaninaio, cr il raorio cIc Ia con il lcsso solarc
dcll'unanii c, aiiualncnic, (a causa dclla ncdia involuzionc gcncralc}, iu a
coniaiio con lc forzc cIc si irovano soiio il diafranna, cIc con qucllc sora di
csso. Nc dcrivcr cIc un individuo di ial gcncrc, di ncdio valorc, csalicr,
d'aliiudinc c di rcfcrcnza, la roria sfcra naicrialisiica cd croiica. In ial
scnso, lo Scorionc c, urc, cIianaio il Scgno dcl scsso inconrcso c dcl
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

241
naicrialisno. Qui giunii, csoriiano il disccolo a rilcggcrc il caiiolo sul scsso,
ncl rcscnic Traiiaio.
Duc, sono gli cffciii dcl rcscnic lcnilunio. una icndcnza vcrso il lasso, alla
riccrca di acuic scnsazioni, di naicrialisni raffinaii, di ossililii nagicIc, cIc
diano una ioiciica cd illusoria cncirazionc ncl cano dcll'croiisno; cd una
icndcnza vcrso l'alio, a iranuiarc i livclli infcriori di iali vilrazioni, nclla caiarsi
dcl linonio. uono - Cosicllazionc Aquila.
Non sar ccrio iraniic l'acconicniarsi dcllc scnlici indicazioni cIc diano ncl
nosiro Corso di lczioni cIc lo siudioso riuscir a localizzarc c a riconosccrc,
soggciiivancnic, c nclla sfcra dcllc suc ossililii Eicrico-CosnicIc, gli influssi
dcllc Cosicllazioni c dci Faggi. Cli c ncccssario nciicrc in raiica
l'invcsiigazionc dirciia di quanio diciano, ancIc sc gli scnlra cosa inossililc
c incrcdililc. Il Macsiro Tilciano, ira lc alirc qualii cIc rivcla dovrcllc
osscdcrc un disccolo, aggiungc quclla di crcdcrc ncll'inossililc, con iania
forza, quanio l'uono ncdiocrc c scIiavo dcllc cosc "ossilili". Il Macsiro KooiI
Huni d lc caraiicrisiicIc inicriori dcl disccolo, raccIiudcndo c siniciizzando,
in quaiiro arolc, lc suc qualii. "Osuc, uocc, succ, tuccc". Il Macsiro
Morya affcrn cIc, sino a quando non si sono alicaic, ncll'cscrcizio
quoiidiano c nclla scrincniazionc raiica, lc lcggi icoricIc dcll'csoicrisno,
non si u raggiungcrc alcun succcsso. Non solo; na, iali conosccnzc icoricIc
rarcscniano un vclcno acuio nclla viia inicriorc dcllo siudioso. Tanio valc,
allora, lasciarc gli siudi iniziaiici.
Non v'c ci cIc valga cr cIi voglia inirarcndcrc il cannino sul Scniicro.
L'Anina non Ia ci, c, crncaia d'Assoluio, sigilla ogni rorio aiio d'un valorc
dcfiniiivo. Non v'c culiura rcccdcnic, cscricnzc rcccdcnii cIc scrvano a
crisiallizzarc l'uono in un asscnicisno c in un allandono di quanio la
CcrarcIia gli suggcriscc, ai liniii dcll'Ego, di farc. Il larna c avido di
rcalizzazioni. Ed i iu iccoli sforzi, faiii in una nuova dirczionc, Ianno nolio
iu cffciio dcl iu grandc sforzo, coniuio ncll'anliio di ci cIc siano aliiuaii
ad csrincrc.
Esiragga, dal lcnilunio, il disccolo, ci cIc di luono c di osiiivo csisic ncl
cano dcllc cnozioni; ncl cano dclla nagia, cd in qucllo dcllc scnsazioni
naicriali. La Magia Cosnica Ia crcaio gli univcrsi, cd ora gli univcrsi si
rivolgono alla roria crcaiura, cr rivclarlc i scgrcii dcll'Esscrc; li scora, ncl
rcscnic lcnilunio, il raiicanic.
Mutc c Punctu dco Scoonc. Un Piancia cosiddciio non Sacro, cnanaiorc
dcl Scsio Faggio, o, dcl dcvozionalisno al Princiio. La dcvozionc divicnc
fanaiisno, quando c oriaia a cosc concrcic, o, ad un csscrc singolo. Ma, sc
nclla cosa concrcia c ncl singolo csscrc, noi riconosciano il Princiio, giusia c
la dcvozionc.
Mcdiii su ci, lo siudcnic.
Macsiro dcl Scsio Faggio c Ccsu.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

242

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

243
- L21ON VNT1NOVS1MA - (Por1e quor1o) -
PIenIIunIo deI SerpentarIo.
PIenIIunIo deI SagIttarIo.
PIenIIunIo deI CaprIcorno

PIenIIunIo deI SerpentarIo
(dal 6 diccnlrc al 31 diccnlrc}

(Ancbe neI caso deI SerpentarIo, sI banno pocbe statIstIcbe sugII eIIettI deI suo
pIenIIunIo. DIamo, quIndI, soIo una traccIa deIIa sua natura "soIare").
L'undccino scgno dcllo Zodiaco c qucllo dcl Scrcniario, l'uccisorc dci scrcnii.
Conc la Dalcna, qucsio c un scgno "nuouo", inirodoiio da Asirologia 14
(naiuralncnic, non nuovo, na solo irascuraio dagli asirologi iradizionali}.
Consuliando la Enciclocdia Asirononica Laroussc si irova il scgucnic
aragrafo.
"..u sono dodc costcuzon ntono u'cttcu, cIc Iunno duto oo non u
scgn dco Zoduco; nu, u cuusu dcu cccssonc dcg Equnoz, c costcuzon
cd scgn ononn non concdono u. Putc dcu costcuzonc OIucus s c
ntodottu u o Scoonc cd Sugttuo..."
..Ed ancIc la coda dclla Dalcna "sorgc" fra duc scgni zodiacali iradizionali,
oriandonc il nuncro a quaiiordici.
Il Scrcniario, dunquc, c il scgno solarc dcllc crsonc naic in diccnlrc, dal
scsio giorno, sino alla finc dcl ncsc. Ncl vcccIio sisicna, i naii in qucsio ncsc
aaricncvano al Sagiiiario (6-21 diccnlrc}, o al Caricorno (22-31 diccnlrc}.
Dal noncnio cIc qucsio scgno c nuovo cr l'asirologia, vcdiano cosa dicc di
csso l'Enciclocdia Driiannica.
".. Sccntuo, n ustononu unu costcuzonc dc'cnsco scttcntonuc,
cIunutu untcuncntc Escuuo; d cssu uu Eudosso (IV sccoo u.C.) cd Auto
(III sccoo u.C.). Sccondo c uuoc gccIc, ucscntu CunuIonc, c dc Gct, cIc
uccdc uno dc dugI d Ttocno; ouc, Ecoc, cIc uccdc sccntc csso
unc Sunguus (o, Sugu); o, uncou, ncdco Ascco (Escuuo), unoso c
u suu uItu nc cuuc noso dc sccnt. Conc 'uduccntc Sugttuo,
concndc unu cgonc dc cco ccu d gu goIuu c d ncIuosc dusc."
Pcrci, ancIc sc il sinlolo rcscclio cr il Scrcniario c la siilizzazionc di un
uono c di un scrcnic, rarcscnia in rcali un uono (o, un croc} cIc uccidc
un scrcnic (o, un drago}; di conscgucnza, c un scgno unano, cd ancIc un
scgno nolio osiiivo, dal noncnio cIc rarcscnia l'uono viiiorioso sullc forzc
dcl nalc.
Parlando ad un gruo di doiiori, a Londra, ncl '35, Jung dissc. ".. Lconc c
scgno zoducuc dc soc cstuo, ncntc Sccntuo ucscntu 'nucno.."
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

244
Solo duc rcsidcnii (Wilson |28 diccnlrc| cd Andrcw JoInson |29 diccnlrc|}
sono naii soiio qucsio scgno, cIc non scnlra favorirc il oicrc oliiico.
I naii in qucsia cosicllazionc scnlrano avcrc un ariicolarc succcsso ncl
nondo dcllo sciiacolo c, ariicolarncnic, in qucllo nusicalc.
Un'alira caraiicrisiica di qucsii c la vcrsaiilii. E iu facilc cIianarc, ad
cscnio, Sanny Davis Jr. (8 diccnlrc}. "sgno tuttouc", cIc clcncarc ogni
cosa cIc c caacc di csrincrc. AncIc Franl Sinaira (12 diccnlrc} c un
crsonaggio vcrsaiilc; ncnirc, Nocl Coward (16 diccnlrc}, ancIc sc sar
ricordaio cr lc suc conncdic, c ancIc un arolicrc, un aiiorc, un rcgisia
icairalc c cincnaiografico. Sicvc Allcn (26 diccnlrc} c un aliro individuo
olicdrico. conico, ianisia, conosiiorc, scriiiorc, aiiorc.
Naiuralncnic, si ossono raggiungcrc solo conclusioni arziali, riguardo ai naii
soiio il Scrcniario, conc cr la Dalcna. Sono ncccssaric nolic riccrcIc cr
sialilirc la naiura di qucsia cosicllazionc c lc suc influcnzc sui dcsiini dci naii
quando il solc cra in quclla aric dcllo zodiaco.
I figli dcl Scrcniario nascono cr csscrc al ccniro dcll'aiicnzionc. Sono oiiini
inicrrcii c icndono alla vcrsaiilii, iu cIc alla sccializzazionc.
Naiuralncnic, non iuiii i naii in qucsio scgno oiranno cnirarc ncl nondo
dcllo sciiacolo; na, qucsia caraiicrisiica dicc qualcosa sugli aliri. quclli
dcsiinaii ad csscrc inicgaii, o casalingIc. Difaiii, i naii soiio il Scrcniario
sono nolio scnsilili; c, ci, sicga il loro succcsso ncllc arii rcciiaiivc; c, urc,
il faiio cIc la loro csisicnza divcnga un infcrno, sc non c loro ossililc
csrincrc i rori ialcnio c scnsililii naiurali. In ial caso vi saranno raorii
ncgaiivi coi gcniiori cd anici.
Pcrci, a quci figli dcl Scrcniario cIc irovano frusiranic la loro csisicnza,
consigliano di sccglicrsi un Iolly fra lc aiiivii ariisiicIc.
I naii ncl Scrcniario sialiliranno oiiini raorii con l'Aricic, il Cancro, la
Dilancia, il Caricorno c con lc crsonc naic nci dicci giorni rcccdcnii, o
scgucnii la loro daia di nasciia. Mcno luoni i raorii con i Pcsci, il Toro, il
Lconc, la Vcrginc c l'Acquario.

PIenIIunIo deI SagIttarIo
(dall'1 gcnnaio al 26 gcnnaio}

Il lcnilunio dcl Sagiiiario oria una ariicolarc ccciiazionc ncl cano di ogni
aiiivii cIc rccorrc i icni, di ogni cnsicro nuovo, di ogni fornula di viia cIc
non solo irasccnda l'usualc c l'aliiudinario, na, siniciizzi in sc la caacii dcl
"nassino rcndincnio, con la iu rarcfaiia fornula d'aiio". La quinia Fazza
Madrc, l'aiiualc, c naia c si svilua soiio gli influssi dcllo Scorionc, lc cui
caraiicrisiicIc alliano acna dclincaio. La scsia Fazza, la rossina,
rogrcdir c nasccr soiio la signoria dcl Scgno dcl Sagiiiario c si avvarr dcllc
caraiicrisiicIc di ialc Scgno c dci suoi oicri. Aliro faiio inicrcssanic da
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

245
considcrarc c cIc l'aiiualc soiiorazza (ogni razza c divisa in sciic arii} c la
quinia. Duc, crci, sono lc ragioni cr cui ialc lcnilunio c inorianic. la
rina c cIc il Sagiiiario rcara la rcscnic Fazza, alla rossina; la scconda,
cIc rcara, urc, l'aiiualc Quinia soiiorazza, alla scsia soiiorazza, cIc forgcr
l'inicro gruo unano cr il grandc asso. E un lcnilunio di rinnovancnio, c
un lcnilunio di iniuizioni univcrsali, c un lcnilunio cIc saggia c sccglic coloro
i quali saranno i fondaiori dcl rossino cco di viia.
A ial unio vogliano farc una lrcvc digrcssionc, cIc sar nolio uiilc allo
siudioso. SicgIcrcno la naiura c i significaii csoicrici di ci cIc c conosciuio
conc. " Gudzo Unucsuc".
Vi c una crcdcnza gcncralc, ncll'anliio dclla rcligionc caiiolica, a cnsarc cIc
un iccolo dio allia crcaio un iccolo uono, si sia divcriiio a roiciiarlo in un
nondo faiio di ura c scnlicc ingiusiizia socialc, vc lo allia inrigionaio dai
sciiania ai ccnio anni c, non icncndo conio dcllc cnorni difficoli dcll'csisicnza
cIc, scsso, singono a cccarc, iu cIc cr dclilcraia scclia, cr forza di cosc,
lo allia osio, al icrninc dclla sua viia, in una condizionc siriiualc alcaioria,
sino a quando, con " Gudzo Unucsuc", non si far una scclia ira luoni c
caiiivi c si scaravcnicranno, gli uliini, in un infcrno cicrno; i rini, in un
alirciianio cicrno aradiso. Crazic al ciclo, l'coca dcll'Acquario sazzcr lcn
rcsio sinili idiozic c annonir, con daii di faiio inrorogalili, coloro cIc si
divcriono a liascicarlc.
Il Ciudizio Univcrsalc c iuii'alira cosa. Parlianonc.
Alliano vcduio qualc inorianza allia il nuncro sciic, ncll'anliio
dcll'cvoluzionc cicrna. E, cosa iu inorianic, alliano vcduio cIc una
cvoluzionc iniclligcnic, saggia, niscricordiosa csisic! Ciungono dci noncnii, in
scno alla ncdcsina, in cui la CcrarcIia alica una lcggc sccifica cIc c,
assicnc, la rcsa dci conii (sana c uliia} c l'aiiriluzionc dci rcni. Ncssuno
sfuggc a ialc roccsso. E la Lcggc cIc agiscc. Il nuncro cinquc rarcscnia la
cIiavc cr conrcndcrc il roccsso. Difaiii, al quinio criodo di ogni ciclo
inicrno, cIc saiano csscrc conosio di sciic criodi, il fcnoncno avvicnc.
Coninciano dallc suc origini. Sciic Soiiorazzc nascono c fioriscono, sino a
conorrc la siruiiura inicgralc di una Fazza Madrc; sciic Fazzc Madri linano c
ccscllano l'unanii, cr iuiia la loro duraia, sino a conorrc il Pcriodo di un
Clolo; Sciic Pcriodi di Clolo si susscguono, lcnii c nacsiosi, c cosiruiscono
una Fonda; Sciic Fondc rarcscniano una Caicna; c Sciic Caicnc, il
franncnio di una cvoluzionc ancora iu ania. Al quinio criodo di ogni ciclo,
osscrviano scnrc l'alicazionc di un ariicolarc giudizio.
Pcr conorrc una succcssiva Fazza Madrc, i Signori dcl Karna, ncl quinio
criodo dclla Fazza in augc, scclgono i iu ncriicvoli c "scutuno" i disadaiii;
cr conorrc un nuovo Pcriodo di Clolo, Essi fanno lo sicsso lavoro
ncll'anliio dclla Quinia Fazza dcl Pcriodo di Clolo in augc. I nigliori saranno i
rini dcl rossino criodo di glolo. Pcr conorrc una Fonda, i Signori dcl
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

246
larna scclgono, ancora, i nigliori dcl quinio Pcriodo di Clolo, dclla Fonda in
augc, cIc, scnrc, saranno all'avanguardia dclla rossina Fonda. Lo sicsso
accadc cr la quinia Fonda di ogni Caicna; ovc si scclgono i fruiii dclla fuiura
Caicna.
Pcr iornarc al nosiro lcnilunio, ranncniianoci cIc, la rcscnic, c la Quinia
Fazza, ncl suo criodo di quinia Soiiorazza. Vi si scclgono gli clcncnii, sia
dclla rossina Fazza, sia dcl rossino Pcriodo di Clolo. E, oicIc la rossina
Fazza sar quclla dcl Sagiiiario, ccco la ragionc cr cui c ncccssario cIc il
disccolo nc riniracci lc cncrgic duranic il lcnilunio cIc iraiiiano; inari ad
aliiuarsi ad cssc, a iraiiarlc, a unificarvisi. Cosi, si orr soiio la lcncvola
irradiazionc dci Signori dcl Karna c sar scclio ira i rini dcl rossino Pcriodo
di Clolo. Il Sagiiiario, sinlolizzaio in un arcicrc, nci uono c nci aninalc,
cIc scocca la frcccia, c sinlolo significaiivo dcll'cncrgia iniuiiiva. L'uono non c
ancora lilcro; difaiii, ci vicnc dinosiraio dal suo coro aninalc. Ma, la frcccia
dcll'iniuizionc, gi, scocca. La gIiandola incalc funziona c siinola il suo
ccrvcllo a conicrc sforzi crcaiivi su un livcllo iu alio. La Lucc Siriiualc
affluiscc nclla sua coscicnza, dalla nisicriosa "Poria dcl Nord", cIc gli crnciic
di scorgcrc la Casa dcl Padrc, lasciaia da coni, quando si irovava in un siaio di
coscicnza non individualizzaia. Annoiiano cIc la rossina Fazza sar quclla
dcll'iniuizionc, o, dcl coro luddico sviluaio. Il Piancia Ciovc, Signorc dcl
Sccondo Faggio (dcll'Anorc-Saggczza}, cIc i iraiiaii csoicrici considcrano
l'"Anundu" dcl nosiro Logos Solarc - il Qualc, ira iuiii i Disccoli Planciari, (i
Sciic Piancii Sacri}, Ia un ariicolarc lcganc con Lui, conc Ccsu Crisio lo
avcva con Ciovanni - foriifica il Sagiiiario c nc c il Piancia doninanic. E
faciliia, a colui cIc lo ossicdc in osizionc favorcvolc ncl rorio oroscoo di
nasciia, o, a colui cIc sa sinionizzarsi con i oicri cIc, sccialncnic ncl
lcnilunio, orgc all'ainosfcra icrrcsirc, la conquisia dclla acc, dclla
iranquillii, dclla caraiicrisiica fclicii sucriorc. A iorio, c siaio dciio cIc
Ciovc c il Piancia dcl lcncsscrc fisico, dclla fana, dclla risonanza. Cogliano
l'occasionc di rioriarc il concciio cIc il Macsiro Tilciano cllc occasionc di
scrivcrc, sicgando la naiura di colui cIc Ia raggiunio la acc siriiualc... "
Conc un uono, il qualc non nancIi di nulla, riguardo a lcni naicriali, rova
una soddisfazionc cd una sicurczza sul iano fisico, la sicssa soddisfazionc c
sicurczza, lcn iu clcvaii di iono, rova colui cIc Ia raggiunio il coniaiio con il
Fcalc". Talc sicurczza u darla, c la d, l'influsso dcl Piancia Ciovc. Occorrc
cIc lo siudcnic (sacndo cIc il Sagiiiario c un Scgno rccursorc,
ariicolarncnic radianic, oicIc si irova allc soglic di una rossina
affcrnazionc di Fazza, c, quindi, clcva al iano dclla ura iniuizionc iuiii noi}
si sforzi, duranic il lcnilunio, di unirsi alla coscicnza luddica. Il Sagiiiario c,
usualncnic, icso alla sfcra ncnialc. Possicdc il scgrcio dclla sinicsi, oicIc la
sfcra iniuiiiva gli sia dinanzi. Li, ovc un aliro raggruna arolc c arolc,
concciii c concciii, cr dcscrivcrc una rcali, il Sagiiiariano Ia lisogno di una,
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

247
o, di ocIc dcfinizioni. Duranic il lcnilunio, lo siudcnic si sforzcr di arrivarc
alla dcscriiia caacii iniuiiiva; dovr sucrarc la sfcra dcll'inicllciio razionalc,
con ogni sforzo, c cncirarc ncl cano dclla lancggianic affcrnazionc
iniuiiiva.
CIalra dcl Sagiiiario c dcl cuorc, unificaio al Piancia Ciovc, di Sccondo
Faggio. La ncdiiazionc vcnga oriaia in ialc unio dcl suo organisno cicrico c,
li, nanicnuia, fcrnancnic, cr l'inicro lcnilunio.
Il Signorc di Sccondo Faggio c Crisio; Coiano DuddIa c la Divinii-uono di
Sccondo Faggio. CIoIan di Sccondo Faggio c Kooi Huni. Macsiro di Sccondo
Faggio c Djwal Kul.

PIenIIunIo deI CaprIcorno
(dal 27 gcnnaio al 21 fcllraio}

Il lcnilunio dcl Caricorno c inorianic crcIc non solianio sinlolcggia duc
faiii fondancniali dcll'cvoluzionc; csso, ora, acccniua lc forzc dcll'anno a
rcalizzarli, nclla nanifcsiazionc raiica. L'aiiualc quaria Fonda, c lo alliano
vcduio, inizia il suo giro soiio gli influssi dcl Cancro c dovr raggiungcrc la
ncia soiio il Scgno dcl Caricorno. Saiurno c il Piancia, cr aniononasia, cIc,
ncll'anliio dcl sisicna solarc, conirolla lc cncrgic dcl Scgno asirologico cIc
siudiano. Ci alliano avuio occasionc di vcdcrnc una iraccia dcl oicrc in
aiiivii duranic il lcnilunio dclla Dilancia. Ncl Caricorno, Saiurno irionfa. Il
sccondo faiio cIc dolliano considcrarc c il scgucnic. Saiurno, Piancia nolio
disianic dal Solc, rarcscnia il olo oosio dcllc qualii dcl nosiro Logos.
Conc Ciovc c una Viia cIc, grazic ai Suoi raorii con il Logos, cd csscndonc
soiio il Fivcrlcro dirciio, d lucc, calorc, scranza c soddisfazioni, cosi
Saiurno, il glacialc Piancia, d frcddo, dclusioni, soffcrcnza. Pcr cairnc il
ncraviglioso coniio cvoluiivo dolliano considcrarc cIc ogni aiio viialc c
siruiiuraio, cr csscrc crfciio, in duc olarii dall'idcniico valorc. l'Esscrc c il
non Esscrc, il caldo c il frcddo, il dcsidcrio c l'affcrnazionc (riconosccic gli Yinn
c Yang dcl Lilro dci Muiancnii, dcll'aniica Cina?..}. Ecco crcIc Saiurno,
all'inizio, u scnlrarc una Viia nociva; in scguiio, divcnia il olo cquililraiorc
di ogni affcrnazionc. Ficordiano cIc il MaIa CIoIan, o, il Signorc dcl Tcrzo
Faggio, c l'Incarnazionc dcl Tcrzo Logos, sulla Tcrra, cd c il rarcscnianic di
Saiurno. Egli Ia lo scoo di cquililrarc lc forzc in aniiicsi dcl Prino Faggio
(rciio dal Manu Vaivasvaia}, o, dclla Voloni Originaria, con lc forzc dcl
Sccondo Faggio (rciic c coordinaic dal Crisio}, o, dcl Dcsidcrio Cosnico. Scnza
la rcscnza dcl MaIa CIoIan, la Divinii cIc rcggc lc cvoluzioni unanc c non
unanc sulla icrra, si giungcrcllc lcn rcsio ad una caiasirofc.
Noi csoriiano il lciiorc a faniliarizzarsi, cr lo ncno, con i rincii icorici di
qucsia sicologia dclla viia, sc ancora non c caacc di innaginarc cIc cssi
risicdano, in nodo crfciio c sovrannaiuralc, ncll'aiio sovrunano di Eniii
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

248
CcrarcIicIc, cIc guidano l'cvoluzionc. Finiracciando in sc i Princii dclla
Fagion Pura, crvcrr, aiiravcrso il "codoo dc suo coo ctcco c dc suo
cIuIus" alla Visionc dcfiniiiva.
Il scgrcio di Saiurno, quindi, c di conicncrc il landolo inicriorc dcl olo
oosio di ogni nuclco viialc. Sc un individuo osscdcssc solo cniusiasno,
scranza, ccciiazioni cuforicIc rarcscnicrcllc una nuiilazionc nclla socici;
Saiurno nolciscc c inquadra lc cncrgic roroncnii, lc uiilizza, lc raffrcdda, lc
rassoda.
Ecco, la ragionc cr cui, in Caricorno, il naio, sovcnic, vcdc accanirsi coniro
di lui ogni soria di avvcrsii dcl dcsiino; vivc isolaio, cr il caraiicrc iaciiurno c
cr indolc; c, ancIc, inlacalilc nclla dirczionc dclla giusiizia c dclla Vcrii.
Vcrii, il cui irionfo c la cui conquisia sono la ncia di ogni caricorniano.
Fguu snIocu dc Cucono c Gcsu, cIc nucquc sotto tuc Scgno. L'aniiicsi a
ialc cscnio di crfczionc la vcdiano nci iii cIc assonigliano al saiiro
niiologico. cclili, crcIc iroo frcddi, o, cgoisii cr ccrcarc l'iniinii dclla viia
doncsiica; o, ancIc, nariii cIc non si curano dcllc ncccssii dclla viia
coniugalc. Mangiano voraccncnic, rcdiligono vivandc iccanii c, ira gli
ulriaconi, si dicc siano i cggiori dcllo Zodiaco. Dcsidcrano il osscsso; non
anano. Convcnzionalisii all'csircno. Dovrcllcro raggiungcrc la qualii
(cncrgcnii duranic il lcnilunio, dai riflcssi lunari} cIc sono lc viriu dci
caricorniani cvoluii. coscicnza, lcali, azicnza, invincililii, rofondii c
nolili.
Un ncsc, quindi, frcddo, na cIc, cr uno sirano aradosso, crnciic di
acquisiarc, iu di ogni aliro, qualii solari.
Sgnoc d qucsto cnuno c MuIu CIoIun.
La ncdiiazionc vcnga oriaia u ccnto dcu gou

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

249
- L21ON VNT1NOVS1MA - (Por1e qu1n1o)
PIenIIunIo deII'AquarIo.
CaratterIstIcbe cbe saranno proprIe aII'Epoca deII'AquarIo
(o Mese CosmIco In cuI sIamo appena entratI).
PIenIIunIo deI PescI

PIenIIunIo deII'AcquarIo
(dal 22 fcllraio al 20 narzo}

Il rcscnic lcnilunio, da ccrii unii di visia, u csscrc considcraio il iu
inorianic fra i quaiiordici. Non gi crcIc l'Acquario sia nigliorc dcgli aliri
Scgni. Ma crcIc l'Eoca di ducnila anni cIc ci sia davanii, gi inconinciaia,
sar la sua. Pcr oicr arlarc di Essa, sufficicnicncnic, dovrcno farnc un
confronio con quclla dci Pcsci, acna irascorsa; c tu Punctu, o, Huggo, dc
Pcsc, cIc c Ncttuno cd Punctu dc'Acquuo, cIc c Uuno. Il Scsio Faggio, in
raorio al Sciiino. Pcr quanio riguarda i Pcsci, lc caraiicrisiicIc cIc darcno
al rossino lcnilunio dclincarono i ducnila anni assaii. Esoriiano lo
siudcnic a lcggcrc la dcscrizionc dci duc lcniluni, in raorio ira di loro. Olirc
cIc una loiia, cIc avvicnc all'inizio di ogni ciclo, cr sczzarc c franiunarc lc
sucraic aliiudini dcl assaio, l'Eoca dcll'Acquario affcrncr dcllc noic
qualificanii cIc lc sono roric. Urano, il Piancia dcl Sciiino Faggio, o, dcl
riino ccrinonialc dclla naiura, c scnrc siaio laicnic, ovunquc.
L'organizzazionc dcgli uonini, in grui sociali, nc c un cscnio. Lc
caraiicrisiicIc dcl Faggio ccrinonialc lc riniracciano, sia nci scgni dclla
naiura, cIc in qucllo unano. I nincrali si raggruano, sccondo dcllc
dcicrninaic conunii (aarcnicncnic} incrii; gli aninali, in lrancIi, o,
grcggi, alvcari, o, nidi, c iuiii scguono la voloni dcgli Ordini Angclici, cIc
dicndono dal Signorc dcl Sciiino Faggio. I vcgciali fanno lo sicsso. Pcr quanio
riguarda l'unanii, in assaio, l'ordinc dcl Sciiino Faggio, cd i Suoi oicri in
aiio, salvo soradicIc cccczioni csicrnc, si sono liniiaii a organizzarc la viia
dcllc ccllulc dci cori fisici, la liologia, c null'aliro. Considcriano, infaiii, la
siruiiura socialc, ncgli uliini ducnila anni. Praiicancnic cssa non csisiciic, in
iuiio il nondo, fino al 1700-1800. I sindacaii, lc frazioni oliiicIc, lc conunii
nazionali sono naic iuiic ncgli uliini duc sccoli. Faiio cIc dinosira gli
indiscuiilili Poicri cd influssi di Urano, in fasc di aiiualc accosiancnio
all'unanii. Oggi, qucsio Faggio guida quasi ogni cosa. Cli orari dcllc
fallricIc, dcgli uffici, il riino discilinarc dcllc forzc arnaic, ccc.. Un'alira
ariicolarii dcl Piancia, uniio agli influssi dcl Scgno Zodiacalc cIc iraiiiano, c
la sirciia incrcnza dci fruiii cvoluiivi all'auionaiisno dclla naiura.
L'univcrsalizzazionc c l'aniczza di ala cIc l'Acquario inonc ad ogni Siriio
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

250
sia divinizzando l'uono c lo disiacca dalla scIiaviiu alla naiura cd al lavoro
cicco. L'Acquario corrodc lc caicnc alla nalcdizionc cIc lcg l'uono, cr iuiii i
sccoli assaii, di lavorarc c di soravvivcrc alla naicria con il sudorc dclla
roria fronic. I Poicri nagici dcl Sciiino Faggio sianno affiorando; l'uono
conanda alla naiura, la inscriscc c la inquadra nci naccIinari cIc disgrcgano
gli aioni, suoi cuori scgrcii. Tcndc lc lraccia alla conquisia dci cicli. La arola
"gruo" acquisia un nuovo significaio. La arola Nuova Era falcia
siciaiancnic ogni scIiaviiu a qualcIc cao singolo c nonoolisiico, c
all'ignoio luio cIc scnrc circond la ncnic dcll'uono. AncIc l'Acquario c un
Scgno rccursorc; na, a iu largo raggio. Difaiii, la quinia Fonda, la rossina,
inizicr soiio il Scgno dcl Lconc c icrnincr soiio il Scgno dcll'Acquario.
Duranic qucsio lcnilunio, lc nuovc lcggi incidono foricncnic sull'unanii,
sussurraic cd affcrnaic dallo Zodiaco. Il icrninc coocrazionc, nisiica arola
d'ordinc cIc ci dar annissionc all'Era Nuova c nisiico concciio cIc rivcla la
ncccssii di cairc il ccrinonialc dcl Sciiino Faggio, risuoncr nclla ncnic di
colui cIc la scniir vilrarc aiiravcrso i raggi lunari. Dal Traiiaio dci Sciic Faggi
(di Alicc A. Dailcy}, iraiano lc caraiicrisiicIc cIc saranno roric alla rossina
Era, o, rossino Mcsc Cosnico.

u) I Scsto Huggo uncnto u usonc.
I Scttno nutcuzzcu co cIc s c usto.
l} Il Scsio Faggio rodussc il nisiico, fiorc dcl suo gcncrc di usuzonc.
I Scttno cuoucu nugo, ocuntc nc cunc dcu nugu Iuncu.
c) I Scsto Huggo, sccondo dscgno cuoutuo, condussc uc scuuzon, u
nuzonusno, uo sto d scttu, c uu dcu nutuu sccttuu dcu ncntc cd
uu tcndcnzu suu ou u dudcc c dsgungcc.
I Scttno otcu uu usonc c uu sntcs, ocIc u suu cncgu ondc usscnc
sto c nutcu.
d) I Scsto Huggo ndussc u onuzonc d congcguzon d dscco, ugcnt n
guo, nu n nodo uquunto scoto c soggcttc u dsscns ntcn, Iusut su
cuzon csonu.
I Scttno cucu c cscntcu gu d nzut, ocunt u'unsono, su con
Puno cIc u d oo.
c) I Scsto Huggo ntodussc un duusno nc'ununtu, cIc s consdcuuu conc
un'untu scu. G scoog uccudcnc nutcust sono csoncnt d
qucst'utttudnc.
I Scttno nuugucu scnso d un'untu sucoc; dunu, qucu dcu
csonutu ntcgutu, c c nussc; o, qucu dcu usonc d unnu c coo c
g usunt.
) I Scsto Huggo dccnzo quc'usctto dc'cncgu ccttcu unucsuc cIc
nodcn conoscono conc ccttctu, odottu u n nutcu unun.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

251
I Scttno unuzzcu 'uono con quc to d cnoncn ccttonc cIc
dctcnnuno u coodnuzonc d ogn onu.
g) I Scsto Huggo ccc cncgcc ncu ncntc dc'uono qucstc conosccnzc.
l) Lu ucc c 'ccttctu scIc.
2) Tu g csotcst c g stuust, u ucc ustuc.
J) Un dcsdco d unnuzonc, su scu cIc ncntuc.
4) L'usto-scu c c utnc scoctc ustononcIc.
I Scttno nutcu c tcoc dc cnsuto d'uuunguudu nc utt dc utu sstcn
cducutu. L'cducuzonc, c u ccsccntc unnuzonc n tutt cun nunno c
csscc consdcutc conc dcu snonn.
I) I Scsto Huggo nscgno sgncuto dc succo; 'cnIcnu ncuc nc u u
cocssonc, c g nzut. Lo stcsso nscgnuncnto, c 'ununtu ogcdtu, s
tudussc ncu untou. L'dcuc uquunto uugo d'csscc scnccncntc "gcntc"
c o stcsso noucntc, ucuto uc nottudn dc non-cnsunt.
I Scttno ccIcu uu cosccnzu dc utu nzut concctto d scuzo c d
succo d guo. Co nuugucu 'cocu dc "scuzo duno". L'dcuc d
donus, conc nduduo, n succo c n scuzo, nc'unIto dc guo c c
'dcuc d guo, suu u nctu dc cnsuto d'uuunguudu ncu Nuouu Eu, c,
c csto dc'ununtu suu utcunzu. ucstc uoc ucstono un scnso cd un
ntcndncnto u uust d quunto ogg s ossu succ c conosccc.
i} Il Scsio Faggio ronossc lo siriio d'individualisno. I gru csstono, nu
sono conost d ndudu uccot uttono ud un uto.
I Scttno uncntcu o sto d guo, cd cnoncn ncu suunno tno,
o scoo, 'uzonc tuuc dc guo.
) I Scsto Huggo oto ug uonn u cuuctu d conosccc Csto stoco, d
cuogcc u stuttuu dcu cdc cstunu, cooutu duu usonc d un gundc Fgo
dc'Anoc; nu, too ntuntc c scuutuu, c uu d un dcusno stctto.
I Scttno tusncttcu u ucotu d conosccc Csto cosnco c d oduc
qucu utuu cgonc sccntcu dcu Lucc, cIc conscntu d udcncc ccctt
dc Csto stoco c nc uu scndcc u ucc.
n) I Scsto Huggo odussc c gund cgon dcustcIc, con c oo uson c c
oo stcttczzc - u ncccssuc - c otcggcc c unnc ucnu nutc.
I Scttno Iccu qucstc utnc duu usc nuntc c duu nzo u qucu
concnsonc sccntcu dc oosto duno cIc sccondcu u ossnu sntcs
cgosu.
n) Ectto dc Scsto Huggo u d uncntuc g stnt scuutu - cgon
dognutcIc, uccuutczzu sccntcu Iusutu su utt, scuoc d cnsco tc d
Iucc dottnu c d cscusutu, cuto dcu utu.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

252
I Scttno suncu u uu u conosccc c uson u unc cIc s ucscunno
ncu nuouu cgonc nonduc, Iusutu su'untu, scnzu unontu; cucu
qucu tccncu sccntcu cIc nostcu u ucc unucsuc ucutu c uccIusu n
tuttc c onc, c quc'ntcnuzonusno cIc s csncu conc utcunzu utcu,
ucc c Iuonu uoontu u oo.
Esoriiano lo siudioso a lcggcrc aiicniancnic quanio c siaio acna scriiio; si
ranncnii, cIc la Nuova Eoca avr lc caraiicrisiicIc su noiaic. Il lcnilunio lc
acccniua in nanicra cfficacc. Adocri, cgli, la sua facoli discrininairicc, ncl
vcdcrc ira gli uonini, duranic il lrcvc criodo lunarc cIc iraiiiano,
l'cffcrvcsccnza di una Nuova Lucc, di una nuova luninosii ncgli anini, ncllc
cosc, nci luogIi di lavoro, ncllc siradc.
CIuIu dc Scttno Huggo c quco sucuc; non c da usarsi, innaiurancnic,
ncllc ncdiiazioni. Macsiro dcl Sciiino Faggio (ancIc sc, noncniancancnic,
oicIc la Sua Naiura c di Tcrzo Faggio} c Faloczy, cIc fu il Conic di S.
Ccrnain.

PIenIIunIo deI PescI
(dal 21 narzo al 15 arilc}

Qucsio lcnilunio aariicnc all'uliino scgno dcllo Zodiaco. Aarc una sinicsi
di forzc, c un'csirazionc di nuovc cncrgic. Forsc c il iu difficilc da analizzarc. Il
ncssaggio dcl lcnilunio c. cvoluzionc soddisfaiia, radianza, conosccnza di ogni
iio zodiacalc rcccdcnic, dolcczza, cnanazionc di lucc calna c iranquilla,
nagnciisno, aiirazionc, conassionc, anorcvolczza, ialcnio di oicrc
crsuasivo c fiducia inicriorc. Alla conquisia di qucsic qualii nirava, difaiii,
l'Eoca. Nciiuno, il Piancia cnanaiorc dcl Scsio Faggio, c cIianaio il Piancia
dclla dcvozionc. Ma, noi saiano a qualc dcvozionc ci si rifcriscc. Non allc
rofondii viiali oscurc, non alla crisiallizzazionc, aiiorno ad un individuo
singolo. na, all'Assoluio, idcniificaio con ogni cosa c unificaio al rclaiivo.
Nciiuno, duranic il lcnilunio, u darc voloni inflcssililc alla conquisia
dcll'idcalc; u ancIc darc un dirciio c nisicrioso raorio con il nosiro Logos
Solarc, la cui Pcrsonalii c di Scsio Faggio, conc la Monadc lo c di Sccondo.
Aiicnii, iuiiavia, a non cadcrc ncl larairo. Nciiuno c adronc dcll'clcncnio
acqua. L'occano dcll'cnoiivii c vasio c cricoloso. Vi sono forzc in agguaio,
duranic il lcnilunio, cIc favoriscono l'annclliancnio c il naicrialisno. Il
nisiico u arrivarc ad offcndcrc il rorio concciio di Dio (conc succcdc, oggi,
cr la naggiorc}, uccidcndolo nclla siaiicii c nclla caiiivcria isiiniiva dcl
fanaiisno; il oliiico u fcrirc la nassa, con l'ignoranza, c l'illusionc dcl
rorio individualisno; lo scicnziaio, snorzarc gli slanci dclla roria divinii
inicriorc, con una rudcnza cd una iroa lcniczza a non disiricarsi dallc
vcccIic icoric conosciuic.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

253
Qucsii, i difciii dci Pcsci involuii. Pigrizia, oicIc cssi si allandonano
all'clcncnio acquco, incaaci di cncrgcrnc. non lasciano la oscura groiia cIc li
riara dalla lucc dclla sucrficic, cr iinorc di avvcniurarsi al di fuori;
avvclcnano cd inquinano lo sncraldo dcl narc, con lo snuovcrc il fango sul
fondalc.
Colga il ncssaggio dcll'aiiualc lcnilunio, lo siudcnic; si sforzi di dissolvcrc gli
annclliancnii dcll'coca assaia c di dissiarc lc illusioni dcllc gcncrazioni
irascorsc; ora, iu cIc nai, acuiic. E non dincniicIi cIc qucsio lcnilunio c
ncssaggcro di un icrninc ciclico; la dcvozionc agli alii idcali, offcria dal Scgno
dci Pcsci, c ncccssario conquisiarla. Si avvalga, in ial scnso, dci raggi lunari.
CIalra da cducarc c il csso souc. Non o udoc, dsccoo, sno u quundo
cg non osscdcu un coo ustuc ncooc c cstuno.
Macsiro di Scsio Faggio c Ccsu.

La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

254
AVVERTEN2A IMPORTANTE

PoicIc i lcniluni avvcngono ogni 29 giorni, 12 orc c 44 ninuii (ancIc sc il
ncsc lunarc dura 27 giorni}, a causa dcl noio di iraslazionc dclla icrra,
assicnc alla luna, iniorno al solc, c oicIc ogni ncsc solarc c di circa 30 giorni
(a volic 28, a volic 30, a volic 31}, la sonna dci rcsidui dci criodi dci
lcniluni, cIc non collinano, quindi, con la ioialii dci 12 ncsi solari, crccr,
ogni 3 anni, un ircdiccsino lcnilunio. Pcrci, ogni 3 anni, uno ira i 12 Scgni
Asirologici avr duc lcniluni cIc lo riguardcranno. Lo siudioso sc nc
accorgcr, faccndo aiicnzionc allc daic di incidcnza di ogni lcnilunio, con
qucllc di ogni Cosicllazionc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

255
NCSSAR1 PRC1SA21ON1
HeIena Petrowna BIavatsky, e Ia sua opera -
I suoI poterI dI aIta Iettura deIIe <tavoIette astraII> -
AnnIe Besant e C.W. Leadbeater -
AnaIIsI crItIca e storIcamente documentata deIIa veggenza maI rIposta deI due autorI -
RettIIIca autorevoIe deIIa BIavatsky e dI un Adepto dI Saggezza
rIguardo agII errorI deI due Ieader -
DescrIzIone degII sbagII deIIa Besant e dI Leadbeater -
AIIce A.BaIIey, ed II suo Incontro con I'Adepto TIbetano -
Sua breve bIograIIa -
KrIsbnamurtI, e Ia sua opera -
La Besant aIIontana A.A.BaIIey daIIa SocIet TeosoIIca -
LogIca dImostrazIone dI questa sua mancanza dI vaIutazIone -

Quaniiiaiivi cnorni di cosiddciic ocrc csoicricIc csisiono ovunquc. Sono
fruiio dcl roccsso di sviluo ncnialc, cIc si arriccIi lungo gli uliini ocIi
sccoli, alincniaio dagli alcIinisii, dai nagIi dcl ncdio cvo c dalla nodcrna
sucrsiizionc. CIiunquc cniri in una lilrcria ulllica irovcr ccniinaia di iali
voluni. Qui c l, vi c dcl luono. Ma, in ialc filonc sccifico lciicrario, salvo a
non csscrc dcgli iniuiiivi sasnodici, si da conrcndcrc quanio, ad cscnio,
vcli il sinlolisno dclla Kalala, qucllo dcllc rcligioni oricniali, ccc., si crdc
solianio dcl icno; lo siudioso crca fornc cnsicro cd annclliancnii asirali,
cIc acsaniiscono la nosira ovcra icrra di ulicriori difficoli gcncrali.
La CcrarcIia Dianca invi, conc alliano gi scriiio ncll'iniroduzionc al corso
di lczioni, Hclcna Pcirowna Dlavaisly, alla finc dcl sccolo assaio, cr cosiruirc
una icira niliarc cIc nciicssc lucc ncl caos dclla conosccnza sullc origini
nagicIc dcll'univcrso, c indirizzassc l'aiiualc socici vcrso una linida visionc
dcl rcalc. Vcdrcno, iu in l, cIc clla cra scnliccncnic l'iniziairicc di
un'ocra cIc sarcllc siaia conlciaia da qualcun'aliro. La "Doiirina Scgrcia" ,
nci suoi voluni originali, c la nonuncnialc ocra cIc cosiiiuiscc lc lasi di una
cncirazionc fondancnialc sullc lcggi csoicricIc.
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

256
Quando H.P.D. dciic inizio alla sua faiica di rivclairicc, l'unanii non cra
rcaraia a ci. Sarcllc vcrancnic inicrcssanic cr lo siudcnic ccrcarc i lrani
cIc narrano la sioria c gli cisodi iu inorianii di qucsia grandc anina. Una
roria c vcra auioliografia non csisic, a nosira conosccnza. H.P.D. fu una
grandc Iniziaia cIc avcva, sccondo noi, un unico, fondancnialc rcgio.
l'oliciiivii cd il razionalisno siriiuali. La sua, fu vcrancnic un'aric. l'aric di
raggruarc, in una anoranica oggciiiva, iuiia la culiura, la scicnza c lc
rcligioni assaic c rcscnii, c di csirarnc, davanii agli occIi dcl lciiorc, i
significaii iu cvidcnii, faccndolo crvcnirc al riconoscincnio inncdiaio dcllc
vcrii cclaic cIc rcsicdono ai dcsiini dcll'uono. Essa cra a coniaiio dirciio coi
Macsiri dclla CcrarcIia. Inolirc, osscdcva, sviluaia al nassino, la vcra
cIiarovcggcnza iniziaiica; cr cui, riusciva a dccifrarc, quasi crfciiancnic, nci
livclli dcl iano ncnialc, i raidi cd infuocaii gcroglifici cIc il Macsiro lc
roiciiava, ncnirc lci csauriva la roria saluic c lc roric cncrgic crsonali
ncllo scrivcrc la Doiirina Scgrcia. La sicssa facoli lc crnisc di dccifrarc i
sinloli vcrgaii su di un aniicIissino icsio, da cui csirassc luona aric dclla
didaiiica cIc forna la ragion d'csscrc dclla Doiirina Scgrcia. In ialc lavoro
sovrannaiuralc (ovcra anina, nalgrado iuiio, indifcsa}, si avvalsc di nuncrosi
collaloraiori; i quali, cr lo iu, non solo non la conrcscro, na, addiriiiura, lc
fcrirono l'anino con dulli, vclaic iocrisic, rcsc di osizionc osiacolanii. E,
ci, fu dovuio alla diffcrcnic naiura dclla sua cvoluzionc da quclla di iuiii
cosioro.
Dunquc, una rina lasc siorica cr lc infornazioni cIc lo siudcnic irova ncl
rcscnic iraiiaio c dovuia alla nosira analisi, alla riscocria dcgli scriiii dclla
Dlavaisly.
Duc figurc cncrgono nclla lciicraiura csoicrica, doo Dlavaisly. Sono Annic
Dcsani c C.W. Lcadlcaicr. Ci soffcrncrcno a arlarc di loro crcIc, a rigor di
icrnini c dcll'cvidcnza dci faiii, vcngono iu siudiaii dcll'auiricc dclla Doiirina
Scgrcia. Qucsio c dovuio a duc ragioni. il livcllo infcriorc dclla loro siriiualii
si adaiia ncglio a conlaciarc con qucllo dcl ariicolarc iio di unanii a cui si
rivolgcva la Dlavaisly; l'acccniuaia icndcnza di cssi, inolirc, cr un
dcicrninaio nisiicisno airiarcalc, cr dcllc invcsiigazioni, a volia crraic (c lo
dinosircrcno}, ncl cano dclla cIiarovcggcnza nci irc nondi, iacquc cd
ingolosi la nassa, faccndo crdcrc di visia la garanic conlciczza dcllc
rivclazioni llavaislyanc. Non avrcnno arlaio di cssi sc non fossino
fcrnancnic convinii cIc i loro crrori Ianno inciso in rofondii ncllo siraio
siriiualc dcll'unanii; la ncdcsina unanii a cui si rivolgc, ora, il ncssaggio
dcl Crisio, Poriaiorc dcll'coca dcll'Aquario c Fivclaiorc dclla vcra nagia
univcrsalc, incarnaia ncl sciiino Faggio, in aiiualc asccsi.
Annic Dcsani. Considcrando ialc figura dal unio di visia siorico,
crsonalncnic l'anniriano cr il lcnc socialc c filaniroico cIc fccc al nondo.
Talc ocra c noioria. l'India dcvc la roria indicndcnza ancIc allc suc loiic
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

257
qualiiaiivc c quaniiiaiivc. L'IngIilicrra l'cllc a ronoiricc di vasii novincnii,
cIc risolvciicro dcllc crudcli iagIc sociali c crcarono uiilissini inquadrancnii
sindacali. L'addcliio cIc lc oriiano inizia ncl cano dcllc suc riccrcIc
cIiarovcggcnii. E non lo inquadra ioialncnic, cIc nolic di cssc sono
giusiificaic cd uiili.
Alliano icniaio di ririsiinarc c ordinarc l'argoncnio cIc un Macsiro cIiana.
"L'aric dci cIalras". Alliano ccrcaio di dinosirarc allo siudcnic quanio la
Magia Univcrsalc allia rodoiio il nondo dcllc cosc siaiicIc cd aninaic
aiiornianii. In ci, scgucndo da vicino la nosira sorclla siriiualc H.P.D, la
qualc fccc risalirc l'originc dcl nondo, c non solo codcsia, na ancIc la
coniinuii dcgli infiniii franncnii viiali cIc lo conongono, ad un Cco
unico. i sciic Dci lanciari. L'arnonia ira lc sciic Sfcrc di viia cd il dirciio
raorio sincrono cIc Ianno con l'uono, irovando slocco cd aggancio nci suoi
sciic cIalras rinciali, c il scgrcio ncccanisno cIc, scocrio, rcndc l'uono
sinilc a Dio. E lo rcndc, a sua volia, crcaiorc, quand'cgli ricia, ncllc lincc dclla
roria aura, ci cIc aiiualncnic fanno gli Dci lanciari. E' un licvc acccnno
cIc dinosira quanio sia csscnzialc cd inorianic, su qucsio unio, non
lasciarsi andarc a confusioni di soria. Lc aniicIc rcligioni oricniali Ianno
scnrc arlaio dci sciic Arcangcli davanii al Torno di Dio, o dci sciic Poicri
crcaiori dcl sisicna solarc. Non lasia, cr, localizzarnc gli innani oicri,
vividi c rcalisiici conc il norso affanaio di un lanlino su di una csca, na
inoria allincarli, individualncnic c con aric, nclla sfcra dcll'aura unana,
vcdcndonc il riflcsso accuraio nci rori cIalras, si da crvcnirc, con il icno,
all'aoicosi dclla crcazionc assoluia.
Ecco, dunquc, il noncnio di arlarc dcll'ocra di Lcadlcaicr, congiuniancnic
a quanio cgli fccc con la Dcsani, ncllo sccifico cano dcllc riccrcIc
cIiarovcggcnii. Non dincniicIianoci ncl fraiicno cIc lc duc crsonalii in
oggciio sono siaic scguiic, c lo sono iuiiora, forsc da dccinc c dccinc di nigliaia
di siudiosi. L'Euroa c l'Ancrica si rifanno ad cssc, quali luninosi
cIiarovcggcnii da siudiarc, in ogni riccrca cd cscricnza occulia. Puriroo,
ianii sforzi sono dcsiinaii a fallirc, sc non si rcndc in considcrazionc uno dci
fondancniali crrori cIc incrinano la cosiruzionc csoicrica cIc cssi cosiruirono.
In una fondancnialc ocra di Lcadlcaicr, scriiia in collalorazionc con Annic
Dcsani, c iniiiolaia."Man, Fragncnis of a Forgoiicn Hisiory", cosiui fonda la
siruiiura occulia dcl sisicna solarc, scguc lo sviluo dcllc rcccdcnii caicnc c
rondc dclla icrra, dclinca i cosiuni dcllc razzc assaic, affcrnando cIc iuiio la
rivclazionc c dovuia alla roria cIiarovcggcnza cd a quclla dclla Dcsani. E,
csaiiancnic ncl ciiaio iraiiaio, arlando dcllc caicnc lanciaric dcl nosiro
sisicna solarc, d infornazioni caicgoricIc, lc quali conirasiano con gli
inscgnancnii dclla Dlavaisly c, cr l'inorianza sicssa dclla loro naiura, in
scguiio roiliranno allo siudcnic di divcnirc adronc dci oicri dcllc Corrcnii
Univcrsali. In rino luogo, l'auiorc affcrna cIc ogni caicna c conosia di
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

258
naicrialc, a ariirc dal iano Aina (cioc, dal icrzo iano cicrico-cosnico, a
ariirc dall'alio}, sino a finirc al iano fisico. In dcfiniiiva, cgli salia duc
inorianii iani di Viia Cosnica. Ma, non c qui il unio cIc inicrcssa. Egli
disonc i gloli dclla caicna icrrcsirc in nanicra ialc cIc la sua cIiarovcggcnza
glicli fa vcdcrc cosi. duc gloli di naicria ainica, duc di naicria luddica, duc di
naicria ncnialc sucriorc, uno di naicria ncnialc infcriorc cosiiiuiscono la
rina caicna. Pcr scguirc conc cgli coniinua ad affcrnarc la fasc di
inncrsionc nclla naicria, cIc rcccdc quclla in asccnsionc ncllo siriio, la
scconda caicna, invccc, osscdcr duc gloli di naicria luddica, duc ncniali
sucriori, duc ncniali infcriori cd uno asiralc. La icrza caicna avr, invccc, duc
gloli di naicria ncnialc sucriorc, duc di ncnialc infcriorc, duc asirali cd uno
fisico; conc glolo fisico, avcva la Luna. La quaria caicna, sccondo l'auiorc,
sarcllc fornaia da duc gloli di naicria ncnialc infcriorc, duc gloli di naicria
asiralc c irc di naicria fisica. Di conscgucnza, sccondo lui, la icrra non
sarcllc un iancia a sc sianic, na uno dci irc clcncnii fisici di un'unica
caicna, i cui duc aliri indica conc Maric (iancia non sacro} c Mcrcurio
(iancia sacro}. Egli affcrna cIc la quinia caicna la rossina inizicr la sua
fasc asccnsionalc con solianio un glolo fisico, duc asirali, duc ncniali infcriori
c duc ncniali sucriori. La scsia avr, invccc, un glolo asiralc, duc ncniali
infcriori, duc ncniali sucriori, duc luddici. La sciiina caicna sar cgualc alla
rina caicna, con un glolo ncnialc infcriorc, duc ncniali sucriori, duc
luddici, duc ainici.
Noi non saiano c non vogliano ragionarci sora il crcIc Lcadlcaicr
allia coniuio qucsii crrori cosi acccniuaii, ancIc dal unio di visia
razionalc. Sia di faiio, cr, cIc il ncofiia, quando ncccssariancnic vorr orsi
in condizioni iali da scniirc fluirc ncl suo coro cicrico, aiiravcrso i
corrisondcnii cIalras, lc cncrgic dci sciic Piancii sacri, si irovcr lcn rcsio
di fronic ad una confusionc di forzc ialc cIc nc dcludcr, lcn rcsio, la
ncccssii di consiaiarc crsonalncnic il oicrc dci raggi.
Dal canio suo, H.P.Dlavaisly lcssc." Man, Fragncnis of a Forgoiicn Hisiory" c
noi rioriiano alcuni lrani cIc criiicano il lilro cd ancIc il oicrc vcggcnic di
qucsii suoi duc collaloraiori; na, in ariicolar nodo, indicIiano quanio un
Adcio di Saggczza cllc a dirc sulla qucsiionc dclc caicnc lanciaric, cr
corrcggcrc l'crrorc di Lcadlcaicr c dclla Dcsani.
Nclla iraduzionc franccsc dcl volunc dclla Doiirina scgrcia, cIc iraiia dclla
Cosnogcncsi (rina aric. Evoluzionc Cosnica Lc sianzc di Dzyan - Lilrcric
dc l'Aric Indicndcnic 10, Fuc Saini Lazarc, 1899 ag. 147} H.P. Dlavaisly
scrivc.".. L'aliro lilro Man, Fragncnis of a Forgoiicn Hisiory cIc aarvc
iu iardi, avcva, conc scoo, di rcscniarc la doiirina arcaica soiio un unio
di visia idcalc, di iradurrc qualcIc iavolciia inrcssa nclla Lucc Asiralc, di
rirodurrc qualcIc inscgnancnio iraiio, in aric, dai cnsicri di un Macsiro c
sforiunaiancnic inconrcso. Qucsia ocra arla ancIc dcll'cvoluzionc dcllc
La Grande SIntesI deIIa TradIzIone EsoterIca
a cura dI GuIdo Da TodI
Dcdicaio al Sacro Lconc dcll'India. Sri Sri Yulicswarj

259
rinc razzc unanc sulla icrra, c coniicnc dci caiioli ccccllcnii, di caraiicrc
aliancnic filosofico. Ma cssa non c aliro, nalgrado iuiio, cIc un iccolo
ronanzo nisiico inicrcssanic. Non Ia raggiunio il suo scoo, crcIc lc
condizioni ncccssaric alla iraduzionc di qucsic iavolciic asirali non csisicvano
in cIi lo faccva. Il lciiorc, di conscgucnza, non dovr siuirsi sc i voluni aiiuali
coniraddicono in arcccIi unii qucsic rinc dcscrizioni.."
Ma, l'affcrnazionc vcrancnic inorianic (crcIc, aunio, coniicnc la
corrczionc dcfiniiiva dclla sicssa CcrarcIia Dianca, nci riguardi dcll'crrorc sullc
caicnc} si irova a agina 142 dcllo lilro in qucsiionc. La Dlavaisly scrivc."
.Quando la rcscnic ocra fu inirarcsa (n.d.r.. il volunc su ciiaio dclla
Doiirina Scgrcia}, l'auiorc, convinio cIc la scculazionc al soggciio di Maric c
di Mcrcurio fossc crraia, donand, cr lciicra, agli Isiruiiori, una sicgazionc,
una sccic di vcrsionc auiorizzaia. Essa riccvciic soddisfazionc su iuiii i unii,
c d qui dcgli csiraiii icsiuali dcllc risosic riccvuic"
Dalla lciicra, noi siralciano solianio la frasc cIc, scriiia con unorisno
analilc, non cr qucsio risulia ncn cIc laidaria cd csauricnic. Talc lciicra c
a oriaia di nano di cIiunquc volcssc arirc il lilro ncnzionaio, a ag. 151.
Dicc il Macsiro (Morya}." .inolirc (Maric c Mcrcurio} sono dcllc caicnc
sciicnaric, ianio indicndcnii dai Signori c Sucriori Sidcrali dclla icrra,
quanio voi sicssa sicic indicndcnic dai <rincii> di DAUMLINC (Ton Poucc},
cIc crano forsc i suoi sci fraiclli, con o scnza lcrrciio da noiic."
Piu avanii, a ag. 153, i Macsiri, in un'alira lciicra, soiiolincano l'inorianza
di conrcndcrc c "scniirc", a fondo, il nuncro sciic lanciario, c noi csiraiano
un aliro lrano significaiivo.
" ...Conduccic la viia ncccssaria all'acquisizionc di una ialc conosccnza, c
qucsii oicri c la saggczza vcrranno a voi dcl iuiio naiuralncnic. Acna
riuscircic a nciicrc la vosira coscicnza in risonanza con una qualsiasi dcllc
sciic cordc dclla "Coscicnza Univcrsalc" cordc cIc si csicndono sul
claviccnlalo dcl cosnico c vilrano da un'Eicrnii all'alira - , quando avrcic
siudiaio a fondo "la Musica dcllc Sfcrc", allora solancnic avrcic ogni lilcri di
far aric dclla vosira conosccnza a coloro con i quali c rudcnic farlo. Ncl
fraiicno, siaic rudcnii. Non divulgaic alla nosira aiiualc gcncrazionc (n.d.r..
quclla assaia} lc Crandi vcrii cIc sono il rciaggio dcllc razzc fuiurc. Non
sforzavi di svclarc i scgrcii dcll'Esscrc c dcl non Esscrc a coloro cIc sono
incaaci di conrcndcrc il significaio cclaio dcll'Eiacordc di Aollo, la lira dcl
Dio radioso, in ognuna