Sei sulla pagina 1di 8

Corriere del Mezzogiorno Venerd 30 Novembre 2012

17
NA

SPECIALE OROLOGI

Restivo, scocca lora di Napoli


di RAFFAELE NESPOLI
re nuove boutique nel segno di Trucchi, storico marchio che ormai a tutti gli effetti stato acquisito dalla famiglia Restivo. Unoperazione commerciale, certo, ma anche il segno di una nuova amicizia. Loperazione - spiega Francesco Restivo - che assieme alla sorella Beatrice rappresenta la quarta generazione della famiglia - nasce dallincontro tra mio padre e Aldo Trucchi. Nel tempo nata una solida amicizia e visto che Aldo non poteva contare su un cambio generazionale si creata una sorta di famiglia allargata. Cos, abbiamo rilevato la Trucchi che aveva un solo punto vendita, quello storico in Piazza Trieste e Trento, e abbiamo ricamato attorno al brand altri tre punti vendita. Aldo, che ormai per me come uno zio, resta un punto inamovibile nella boutique di Napoli. Quali sono i nuovi punti vendita? In Campania ne abbiamo aperti due, uno stato inaugurato in piazza Santa Caterina a Chiaia, laltro a Capri. La terza bou-

tique ha aperto i battenti a Roma in Via Veneto. Per noi si tratta di tre nuovi punti vendita di grande prestigio, nei quali i nostri clienti potranno trovare tutta lesperienza che ormai da anni ci contraddistingue. E naturalmente le migliori marche. I brand pi richiesti sono certamente quelli che possono vantare una lunga tradizione. Le maison orologiere e gioielliere che noi rappresentiamo sono veramente tante, si va da Audemars Piguet a Patek Philippe, da Blancpain a Breguet. E ancora, Chopard, Breitling, Omega, Hamilton, Chopard, De Bethune, Officine Panerai e Jaeger-LeCoultre. Ce ne sarebbero certamente molti altri, ma menzionarli tutti impossibile. Un investimento impor-

tante, quasi in controtendenza in questo momento di crisi economica. Anche nel nostro settore si sentito leffetto della crisi, e cos ci siamo affidati sempre pi ad un numero pi selezionato di marchi di assoluta qualit, ma al tempo stesso abbiamo deciso anche di diversificare ricercando marche che avessero un buon rapporto qualit prezzo posizionandoci sempre su una fascia alta di mercato ma non soltanto esclusiva. Nel tempo abbiamo acquisito una clientela internazionale, nelle nostre boutique arrivano clienti da ogni parte del mondo, paesi dove leconomia viva e non subisce gli stessi effetti che si hanno in Euro-

pa. I maggiori problemi arrivano invece dalle nuove leggi varate dal governo in tema di tracciabilit del denaro. E quasi un effetto psicologico; molti professionisti, pur senza avere nulla da temere, sono come frenati negli acquisti. E pur se nelle condizioni di spendere preferiscono rimandare. Ci nonostante i clienti affezionati non mancano. Questo ci conforta e ci inorgoglisce. E un riconoscimento importante per la nostra azienda che da sempre punta su qualit e assistenza. Un fattore determinante quando si lavora ad alto livello. Quali sono le richieste alle quali dovete dare risposta? Ciascun cliente ha le sue. Alcuni ci chiedono consigli, altri hanno le idee ben chiare e sanno cosa vogliono. Per questo motivo ogni anno ci premuriamo di aggiornare i nostri dipendenti con corsi di formazione presso le aziende pi importanti. Ma il nostro plus anche quello di occuparci dellassistenza dei nostri clienti nel tempo, consigliando revisioni periodiche degli

orologi che acquistano. Da dove nasce la sua passione per questo mestiere? qualcosa che ormai abbiamo nel Dna. Il merito di nostro padre che ha sempre gestito lazienda con dedizione e amore. Al mondo del lusso e degli orologi sono anche legati alcuni dei miei ricordi di infanzia. Da bambino andavo spesso con mio padre in giro per il mondo, alle pi importanti fiere del settore. Per me era come fare delle vacanze. Poi, quello che per me era un gioco diventato il mio mestiere, e spero che con il tempo possa essere cos anche per i miei figli. Intanto, a breve arriver la soddisfazione della sua laurea. Per lei sar come un nuovo inizio? Ogni sfida un nuovo inizio. Superato un ostacolo si alza lasticella e si lavora per raggiungere un nuovo traguardo. Dopo la laurea in Economia Aziendale potr dedicarmi a tempo pieno a questo lavoro. Professione che amo e che non cambierei per nulla al mondo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

1907

Beatrice e Francesco, la quarta generazione dei Restivo, in uno dei loro negozi frequentatissimi anche da una vasta clientela internazionale a caccia di gioielli unici che segnano il tempo

Napoli Capri Roma

www.trucchiorologeria.it

18
NA

Venerd 30 Novembre 2012 Corriere del Mezzogiorno

OROLOGI

Patek Philippe, il fascino degli orologi complicati


Tre nuovi segnatempo deccezione e di alto artigianato per lui e per lei con diamanti e calendario perpetuo

P
Perpetual Calendar di Patek Philippe

atek Philippe, un trionfo di orologi complicati, per lui e per lei. Da qualche anno si intravedono due tendenze dominanti nella produzione Patek Philippe, che ravvivano e confermano la grande tradizione della manifattura ginevrina. Da un lato, la forte crescita degli orologi complicati e delle Grandi Complicazioni. Dallaltro la particolare attenzione dedicata alle

donne sempre nel settore degli orologi complicati. La selezione presentata a Baselworld 2012 illustra a meraviglia questa evoluzione, con tre nuovi segnatempo deccezione. Il cronografo rattrapante con calendario perpetuo Ref. 5204 di architettura classica arriva a completare la tradizionale trilogia di cronografi Patek Philippe con movimenti 100% maison. La Ref. 7140 Ladies First Perpetual

Calendar interpreta nuovamente il celebre calendario perpetuo ultrapiatto Patek Philippe in una versione esclusivamente femminile ornata di una preziosa incastonatura di diamanti. Gli uomini, per, non sono da meno, con un nuovo calendario perpetuo ultrapiatto Ref. 5940 montato su una cassa coussin, una forma che richiama lepoca in cui Patek Philippe lanci il primo calendario

perpetuo da polso del mondo. Con i suoi tre capolavori di alta orologeria, la manifattura ginevrina a conduzione familiare d prova una volta di pi del suo valore raccogliendo sfide al pi alto livello di complicazione. Le donne sono attratte da tutto ci che destinato a durare per sempre. La nuova Ref. 7140 Ladies First Perpetual Calendar primo calendario perpetuo nelle attuali collezioni per signora della manifattura un orologio da polso meccanico ultrapiatto a carica automatica. Il suo calendario tiene conto automaticamente della durata variabile dei mesi e del 29 febbraio degli anni bisestili. Leleganza senza tempo del suo design, il prezioso ornamento in diamanti Top Wesselton Pur sulla lunetta (68 diamanti/circa 0,68 carati) e sulla fibbia (27 diamanti/circa 0,20 carati) nonch il valore duraturo degli orologi complicati Patek Philippe fanno di questo gioiello di tecnica e di estetica un oggetto prezioso. Col suo diametro di 35,1 mm ed il suo spessore di 8,8 mm, la cassa rotonda in oro rosa pre-

La proposta

Nautilus in acciaio Il volto sportivo

King Power UNICO King Gold Carbon. UNICO column-wheel chronograph movement, 72-hour power reserve, manufactured in-house by Hublot. Case in 18K red gold crafted using a unique new alloy: King Gold. Carbon fiber bezel. Black rubber strap.

Il Nautilus in acciaio presenta un volto sportivo ed elegante del tutto nuovo, contraddistinto da un quadrante bianco argentato impresso col rilievo orizzontale che l'emblema della collezione, tanto da sedurre gli amanti di questo orologio-culto creato nel 1976. La cassa, dal design molto caratteristico, impermeabile a 120 metri, racchiude un movimento meccanico a carica automatica. 5711/1 Movimento meccanico a carica automatica. Calibro 324 S C. Data a finestrella. Secondi al centro. Quadrante bianco argentato, indici applicati in oro con rivestimento luminescente. Bracciale in acciaio con fermaglio "dployante " Nautilus. Corona a vite. Fondo cassa in cristallo di zaffiro. Impermeabile fino a 120 m. Acciaio. Diametro cassa (10 h - 16 h): 40 mm.

senta un look sobriamente classico al di sopra delle mode. Dotata di un movimento costituito da 275 componenti, la Ref. 7140 Ladies First Perpetual Calendar Patek Philippe far la felicit di tutte le donne che apprezzano la bellezza. Nel 1925, Patek Philippe ha prodotto il primo orologio da polso del mondo con calendario perpetuo. Negli stessi anni, la manifattura si distinta per le sue casse coussin dispirazione Art dco. La nuova Ref. 5940 combina queste due tradizioni collocando un calendario perpetuo ultrapiatto in una cassa coussin di 44,6 x 37 mm un design elegantemente sottile le cui linee rimangono moderne come lo erano negli anni che lhanno visto nascere. Nel cuore di questo segnatempo eccezionale pulsa il mitico calibro 240 Q, con mini-rotore in oro 22 carati inserito nella platina. Costituito da 275 componenti, ha uno spessore di soli 3,88 mm di cui solo 1,35 mm per il meccanismo del calendario perpetuo. Un movimento molto sottile che tuttavia consente una precisione di marcia di 3/+2 secondi al giorno risultato eccezionale per un orologio meccanico. Il quadrante color crema offre uneccellente leggibilit delle indicazioni di ore e minuti e del calendario. Col suo prezioso movimento e la forma della sua cassa, al di sopra delle mode effimere, che ha avuto un grande ruolo nella storia di Patek Philippe, la nuova Ref. 5940 ha tutto ci che serve per imporsi come un futuro pezzo da collezione. Cronografo rattrapante e calendario perpetuo Ref. 5204 I cronografi classici di Patek Philippe con innesto orizzontale, ruota a colonne e carica manuale si articolano tradizionalmente in tre ordini di complicazioni. Con lavvento del proprio calibro cronografico base, la manifattura ha tenuto a conservare questa usanza, lanciando oggi la nuova Ref. 5204 con funzione di rattrapante e calendario perpetuo. Il movimento di questa Grande Complicazione designato CHR 29-535 PS Q. Il calendario perpetuo (Q) funziona con lo stesso meccanismo del cronografo e calendario perpetuo Ref. 5270 presentato lanno scorso, ma i tecnici di Patek Philippe hanno interamente rilavorato ed ottimizzato il meccanismo della rattrapante (R). Un nuovo sistema di isolatore della leva della rattrapante permette di ridurre la massa in movimento, di diminuire lo spessore della costruzione e di garantire una buona ampiezza di oscillazione del bilanciere, mentre un dispositivo brevettato assicura una sovrapposizione perfetta della lancetta del cronografo su quella della rattrapante. Questo gioiello di micromeccanica racchiuso in una cassa rotonda classica in platino di 40 mm di diametro, e pu essere ammirato attraverso un fondo cassa trasparente in cristallo di zaffiro. Lorologio viene fornito anche con un fondo intercambiabile in platino.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere del Mezzogiorno Venerd 30 Novembre 2012

19
NA

OROLOGI

Tondo e ovale, larmonia Piaget


La nuova collezione Gouverneur rappresenta e racchiude in s il raffinato equilibrio di forme
a collezione Piaget Gouverneur rappresenta prima di tutto un raffinato equilibrio di due forme tondo e ovale che sono spesso associate luna allaltra ed hanno lasciato il segno nella storia dellarte. inoltre espressione delleccellente maestria tecnica che caratterizza la Manifattura di AltaOrologeria Piaget. Infine, il frutto del lavoro di squadra di un padre ed un figlio di talento che hanno portato con s lesperienza di due generazioni di designer. La nuova collezione Gouverneur un

concentrato del know how e della storia di Piaget. Presentata allinterno della famiglia Black Tie, rivela un eccezionale meccanismo orologiero enfatizzato da una decisa espressione formale; offre tre variazioni meccaniche dal modello automatico, al cronografo, al tourbillon ciascuna disponibile in oro bianco con diamanti oppure in oro rosa. Questa nuova ed esclusiva gamma dal design classico realizzata dalla Manifattura di Alta Orologeria Piaget rappresenta anche la storia di due generazioni di designer, padre e fi-

glio. Black Tie la famiglia che per eccellenza si identifica con casse eleganti dal design unico e distintivo Emperador, Emperador Coussin, Protocole, Rectangle lAncienne e ora Gouverneur completate esclusivamente da cinturini in pelle; ciascun modello Black Tie presenta, inoltre, un notevole livello di finiture e decorazioni su cassa, movimento e quadrante. Ci reso possibile dalla vasta gamma di competenze che la maison Piaget possiede in house, non solo relative ai movimenti, ma anche alla produzione di casse originali. Allinterno della famiglia Black Tie trovano espressione i movimenti meccanici di Manifattura Piaget, ma ogni anno si inserisce anche la maggior parte delle nuove complicazionisviluppate dalla maison. Lorologio Gouverneur presenta unestetica sapientemente articolata attraverso labile combinazione di forme tonde e ovali, che insieme creano un senso

straordinario di equilibrio visivo. Un ovale inserito in un tondo e poi un tondo inserito in un ovale: dallesterno della cassa al centro del quadrante, il Piaget Gouverneur offre un approccio stilistico sofisticato, delicato ed armonioso, che gioca con le forme. Una cassa tonda con unapertura del quadrante ovale, quindi un cerchio al centro delquadrante: la sovrapposizione di forme rende il Gouverneur un segnatempo dal carattere unico e caratterizzato da una complessa architettura formale che svela uninfinit di sottili dettagli e simboli. Pittori, scultori ed architetti da sempre lavorano sul principio di sovrapposizione di forme, giocando con lequilibrio tra sagome tonde e ovali. Emblema di perfezione, dellassoluto e dellattrazione, il cerchio d adito ad infinite interpretazioni e implica un senso di movimento; lovale evoca, invece, associazioni pi intime e simboleggia rinascita, rinnovamento e protezione. Quando le due forme si inseguono e si riflettono armoniosamente in un equilibrio perfetto, il potere di ci che ne deriva innegabile. Il savoir faire tradizionale e le tecnologie pi moderne coltivati allinterno della Manifattura di Alta Orologeria Piaget vengono messi al servizio di uno straordinario codice di forme. Questo proietta la collezione Gouverneur in una dimensione completamente nuova, quella dellArte nelle sue numerose declinazioni, che hanno chiaramente ispirato i designer Piaget.
RIPRODUZIONE RISERVATA

In alto, Gouverneur automatico oro bianco e diamanti; sopra Gouverneur Tourbillon oro rosa, due delle nuove proposte di Piaget

Independent Spirit Awards

Star di Hollywood, preziosi segnatempo e scintillanti orecchini

Il sole splendente della California e una profusione di diamanti Piaget hanno reso scintillante il red carpet degli Independent Spirit Awards sulla spiaggia di Santa Monica. Pur essendo un evento pi casual e informale rispetto agli Oscar, la manifestazione attira le principali star del cinema indipendente, che grazie a Piaget possono aggiungere al loro look un tocco di prezioso luccichio. La candidata al premio di miglior attrice non protagonista, Janet McTeer, indossava degli straordinari orecchini Piaget Rose Fairy in oro bianco con diamanti taglio brillante e a goccia, mentre Demin Bichir, nominato nella categoria miglior attore protagonista, ha sottolineato il proprio stile con un segnatempo Piaget Polo FortyFive. Jessica Chastain, uno dei nomi emergenti di Hollywood, ha accessoriato il suo outfit da red carpet con un anello Piaget della collezione Limelight; ha puntato su unallure chic Lucy Liu, impreziosendo il proprio look con un bracciale Piaget Possession in oro giallo, abbinato ad orecchini e anello pav di diamanti. Rachel Harris, in lizza per il premio di miglior attrice protagonista, ha deliziato fotografi e fan con una parure Piaget Rose composta da orecchini e anello in oro bianco con diamanti e zaffiri blu, mentre il suo co-protagonista in New Girl, Max Greenfield, sfoggiava un classico orologio Piaget Emperador in oro bianco. Per Li Bing Bing Piaget ha persino attinto dalla propria collezione storica, offrendo allattrice degli esclusivi orecchini vintage in oro e turchese abbinati ad un orologio manchette in oro. Michelle Chen ha illuminato il red carpet con i diamanti della nuova collezione Piaget Limelight Garden Party: bracciale e collier Diamond Light Garland. Hanno indossato Piaget anche la candidata come miglior attrice non protagonista Harmony Santana, la presenter Patricia Clarkson e star del cinema quali Anthony Mackie, Penelope Ann Miller, Illeana Douglas, Paz Vega, Maria Leon, Blanca Suarez, Virginie Efira, Nicolas Bedos, Fiona Hefti, Carlos Leal, Judith Godreche, la celebre cantante jazz Melody Gardot e il co-titolare di Decades Christos Garkinos.
RIPRODUZIONE RISERVATA

20
NA

Venerd 30 Novembre 2012 Corriere del Mezzogiorno

OROLOGI

Di padre in figlio
Innovazione e tradizione nel segno della qualit: Francesco e Giovanni Restivo. Nelle altre immagini i quattro punti vendita dello storico marchio Trucchi: la sede a Napoli di piazza Trieste e Trento, quella inaugurata nel giugno scorso, sempre a Napoli, in via Santa Caterina a Chiaia, la raffinata boutique di Capri, in corso Vittorio Emanuele e quella di Roma nella centralissima via Veneto

ra i palazzi storici della citt, nel salotto della Napoli bene tornata a risplendere la tradizione del marchio Trucchi. qui infatti che sorge la nuova gioielleria e orologeria del brand assieme alla boutique Chopard. Nel cuore di una delle pi note ed eleganti strade di Napoli, dove lo shopping ha il sapore di una storia lontana, tra antichi palazzi, c oggi il nuovo store dedicato agli amanti del lusso e della qualit. Prosegue cos il rilancio del prestigioso marchio Trucchi che conta ben quattro punti vendita, a partire dal primo storico di Piazza Trieste e Trento. C infatti la raffinata boutique di Capri, in Corso Vittorio Emanuele, inaugurata nellaprile del 2011; a Roma invece la sede quella di via Veneto, nel cuore di quella che fu la strada della Dolce vita, inaugurata nel maggio del 2012 e ora, la nuova scommessa di via Santa Caterina a Chiaia. Elegante, raffinata, moderna e minimal limpronta alla quale si ispira il nuovo concept della boutique Trucchi. Allinterno, tessuti preziosi nelle sfumature dellavorio e del tortora per i tendaggi e per i pannelli che rivestono le pareti, in perfetta armonia con il pavimento in travertino. Dettagli che conferiscono allambiente unatmosfera calda e familiare. Il progetto enfatizza la presenza, allinterno del nuovo Trucchi, di un ambiente interamente dedicato al marchio storico Patek Philippe per lorologeria, e un altro al raffinatissimo Pomellato per la gioielleria. Le nicchie dai colori neutri ospitano i pi prestigiosi marchi di orologeria e gioielleria internazionale. Dettagli in laccature lucide, forti e scure, caratterizzano ed impreziosiscono le vetrine esterne. Uno spazio volutamente flessibile curato nei minimi particolari che accoglie lo spirito della Maison Chopard, marchio al quale riservato una boutique dagli arredi in ciliegio e tessuti molto classici impreziositi da un meraviglioso lampadario in cristallo. Un salotto elegante dove possibile accogliere la clientela in un certo modo e realizzare una vendita quasi personalizzata. Uno stile tipico che contraddistingue il marchio. Due concept ben amalgamati, in un connubio tra classico e moderno, dove la tradizione e linnovazione si fondono e il gioiello e lorologio diventano gli indiscussi protagonisti. Si rilancia cos una tradizione centenaria: risale infatti al lontano 1907 un documento che attesta lattivit dellazienda. Si tratta del primo registro nel quale venivano riportati tutti gli

Il nuovo punto vendita di Chiaia si aggiunge a quelli di Capri, Roma e piazza Trieste e Trento

Trucchi c. E si vede
interventi sugli orologi dati in riparazione. Attraverso la descrizione degli orologi, delle riparazioni, dei nomi dei lavoranti, dei prezzi pagati, ma soprattutto attraverso la lettura dei nomi dei clienti, sembra di leggere le pagine di un diario della vita napoletana dallinizio del secolo fino ai nostri giorni. Una tranche de vie di particolare interesse sociale e storiografico. E proprio dalla lettura di questi registri una cosa risalta su tutte: la frequenza di nomi preceduti dal titolo nobiliare. Pare infatti che questo negozio sia stata la meta preferita dalla nobilt. Nel tempo gli emergenti napoletani, la classe borghese cap che il negozio Trucchi offriva prodotti e servizi che non erano pi "riservati ad un elite". Ad incoraggiare questo incontro ci pens la seconda generazione Trucchi che suscit la curiosit dei napoletani creando un orologio marcato con il proprio nome. Ad oggi Aldo Trucchi, non avendo eredi diretti, coinvolge Giovanni Restivo a ricoprire lincarico di amministratore unico dell azienda. Restivo, imprenditore da generazioni nel settore dellorologeria e gioielleria non ha avuto la bench minima esitazione ad accettare la sfida di dirigere nel segno della continuit e della tradizione centenaria il marchio Trucchi con abilit affidandosi ad un numero di marchi sempre pi prestigiosi e di qualit. Tra i marchi storici spicca, Patek Philippe, punto di forza dellazienda. Il nuovo amministratore riuscito ad espandersi aprendo nel 2011 un nuovo negozio Trucchi a Capri. Un ottimo biglietto da visita e nello stesso tempo una mossa oltremodo indovinata per avvalersi ancora di pi della stima di Aldo Trucchi. La nuova gestione, molto attenta nella scelta dei brand, ha incrementato con questi marchi; Audemars Piguet, Bonato, Breitling, Carlo Luca della Quercia, Chopard, De Grisogono, Hublot, Iwc, Jager-LeCoultre, Longines, Omega, Officine Panerai, Patek Philippe, Piaget, Pomellato, Roger Dubuis, Scatola del tempo, Scavia, Trucchi e Verdi. La storia dunque continua. Nel segno della tradizione e della continuit di un marchio blasonato.

La tradizione di famiglia

Restivo: un nome, una garanzia Da novantanni tra gli orologi


Sono radici che affondano nel tempo quelle della famiglia Restivo nel mondo dellalta orologeria e nella gioielleria siciliana. Novantanni di tradizione segnati da professionalit e ricerca. La storia dei Restivo inizia infatti nel 1922 con Angelo Restivo che apre il suo primo punto vendita a Enna. Il figlio, Francesco Restivo, sposta a Catania, centro pulsante del commercio siciliano, gli interessi dellazienda aprendo nel 1955 un esclusivo punto vendita con i marchi pi prestigiosi nazionali ed internazionali, di argenti, cristalli e porcellane. Il negozio nel 1975 fu poi ampliato dalla terza generazione dei Restivo sviluppando ulteriormente il commercio nellambito del design, diventando un vero e proprio punto di riferimento per tutti quei clienti che consideravano lo stile e il buon gusto un presupposto imprescindibile. Ma la storia non si ferma qui. Nel 1985 Giovanni Restivo, dimostr grande raffinatezza e intuito aprendo una gioielleria a Catania, in corso Italia 256, al centro del salotto dello shopping cittadino. Una storia di famiglia che continua sino ad oggi, giunta alla quarta generazione nelle figure di Francesco e Beatrice, figli di Giovanni Restivo.

Giovanni Restivo Discendente della famiglia leader dellalta orologeria

Nel segno della continuit Aldo Trucchi, non avendo eredi diretti, ha coinvolto Giovanni Restivo che oggi ricopre lincarico di amministratore unico dellazienda che ha una tradizione centenaria

R. N.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Raffaele Nespoli
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere del Mezzogiorno Venerd 30 Novembre 2012

21
NA

OROLOGI

Chopard presenta il Tourbillon doc


il primo orologio al mondo a poter vantare le pi ambite certificazioni dellorologeria svizzera

l nuovo modello L.U.C Triple Certification Tourbillon il primo orologio al mondo a poter vantare le tre pi prestigiose certificazioni dell'orologeria svizzera: il COSC, il Punzone di Ginevra e il test Qualit Fleurier. Un autentico coronamento per la Manifattura Chopard, che non solo riuscita a ottenere un livello di certificazione mai raggiunto prima, ma lo ha fatto con una delle complicazioni orologiere pi sensibili ai test di usura e affidabilit. Non era mai accaduto prima nella storia di Chopard ma neanche in quella

delle certificazioni orologiere. Il nuovo modello L.U.C Triple Certification Tourbillon esibisce i tre marchi pi prestigiosi nel mondo dell'Alta Orologeria svizzera: il Controllo Ufficiale Svizzero dei Cronometri (COSC), il Punzone di Ginevra e il test Qualit Fleurier. Un riconoscimento unanime da parte degli enti garanti dell'eccellenza orologiera, i cui marchi sono visibili sul quadrante di questo segnatempo fuori dal comune, nonch una nuova dimostrazione della perizia della Manifattura Chopard, che ha ottenuto le tre certificazioni

addirittura con un movimento tourbillon, notoriamente una delle complicazioni pi sensibili ai test di usura e affidabilit. La cassa di 43 mm di diametro in oro rosa 18 carati del L.U.C Triple Certification Tourbillon, dalle linee sagomate e sensuali, adotta le nuove curve della collezione L.U.C. Le anse, lucidate e satinate, sono state interamente ridisegnate per un maggiore confort e per un perfetto equilibro estetico. La corona, con inciso il logo L.U.C, si fa pi sottile senza per dover scendere a compromessi con le sue qualit ergonomiche. A sottolineare le straordinarie caratteristiche tecniche di questo autentico strumento di precisione, il quadrante evidenzia alcune raffinatezze inedite volte a migliorarne la leggibilit: la finitura argent gren cattura la luce e offre un notevole contrasto con le lancette rodiate nere e personalizzate sulla base dello stile "Dauphine". Per gli indici sono stati scelti i numeri

romani, delicatamente applicati e rodiati neri, in stile anni 60. Sopra di loro scorre il chemin de fer. All'interno della cassa batte il calibro di manifattura a carica manuale L.U.C 02.13-L (L.U.C 1.02QF), il unico movimento al mondo ad essere stato dotato di 4 bariletti sovrapposti e accoppiati in serie per un'autonomia di oltre 9 giorni. Questo movimento offre le funzioni ora e minuti al centro, l'indicatore della riserva di carica a ore 12 e i piccoli secondi su un tourbillon 1 minuto visibile a ore 6, e d vita all'unico segnatempo che soddisfa i pi alti criteri dell'orologeria di qualit. Delle tre certificazioni ottenute dall'ultimo nato della collezione L.U.C, due riguardano la perfetta fattura, la precisione e l'affidabilit del movimento, mentre la terza considera la perfezione dell'orologio nel suo insieme. Se il modello L.U.C Triple Certification Tourbillon rappresenta una prima in termini di riconoscimenti ufficiali, Chopard abituato a questi certificati. La Manifattura, infatti, fa certificare dal COSC tutti i suoi modelli della collezione L.U.C a parte il L.U.C XP che non possiede l'indicazione dei secondi - e tutti i suoi tourbillon. Allo stesso modo, la maggior parte dei suoi movimenti vanta da molti anni il Punzone di Ginevra. Per quanto riguarda la Fondation Qualit Fleurier, Chopard ne uno dei marchi fondatori, insieme a diversi partner del Val-de-Travers, la localit dove ha sede Chopard Manufacture, l'entit dedicata alla progettazione e alla fabbricazione dei modelli L.U.C.
RIPRODUZIONE RISERVATA

In alto, il nuovo modello L.U.C. Triple Certification Torbillon del marchio Chopard Sopra, lImperial Watch White

Test e controlli di qualit

Il Punzone di Ginevra e le altre attestazioni per entrare nella storia

Istituito legalmente il 6 novembre del 1886 il bureau de contrle facultatif des montres de Genve stato probabilmente il primo esempio di organo di controllo della qualit e della provenienza degli orologi svizzeri. Gi allora infatti era frequente la pratica della contraffazione o comunque dell'utilizzo fraudolento della provenienza degli orologi. Gli orologiai della zona di Ginevra, dove l'orologeria all'inizio del XVII secolo era gi industria florida, addirittura gi nel 1601 decisero di unirsi in corporazione creando degli statuti appositi. Le corporazioni prevedevano serie regole di entrata ed appartenenza, come il periodo da 1 a 4 anni per la formazione dell'apprendista artigiano per l'entrata di diritto al titolo di matrise e dopo essere stato giudicato degno d'essere ammeso nella corporazione questi veniva autorizzato ad eseguire un chef d'oeuvre. il Punzone di Ginevra esige che siano scrupolosamente rispettati12 criteri che riguardano la realizzazione delle forniture, la finitura dei componenti, il tipo di materiali, l'architettura e l'assemblaggio del calibro. Per soddisfare queste condizioni occorre una tale perizia che solo un ristretto circolo di marchi in grado di vantarne la competenza. Il Controllo Ufficiale Svizzero dei Cronometri (COSC) l'unico ente ufficiale indipendente autorizzato a conferire a un segnatempo il titolo di "Cronometro". Quest'ultimo certifica la precisione di marcia del movimento, che subisce una serie di test della durata di 15 giorni, in cinque diverse posizioni e a tre diverse temperature. Per ottenere il certificato di "Cronometro", un movimento deve essere stato oggetto di particolari cure da parte dei migliori orologiai durante il suo assemblaggio. Infine, la certificazione Qualit Fleurier, la pi difficile da ottenere. Comprende, oltre ai test del COSC, anche quelli di Chronofiable che simulano nell'arco di 21 giorni l'usura di sei mesi per attestare la robustezza di un movimento nel tempo, sottoponendolo a sollecitazioni quali urti e variazioni di umidit - e quelli del Fleuritest, che riproducono in 24 ore i movimento del polso per valutare l'affidabilit dei calibri meccanici incassati nella loro collocazione definitiva.

22
NA

Venerd 30 Novembre 2012 Corriere del Mezzogiorno

OROLOGI

Audemars e Messi Binomio vincente


Il Royal Oak compie 40 anni: un nuovo modello dedicato al grande campione argentino
a manifattura Audemars Piguet stata fondata nel 1875 nella Valle de Joux, in Svizzera, per volere di due appassionati maestri orologiai: Jules Louis Audemars ed Edward Auguste Piguet. Cosa desideravano all'epoca? Creare orologi occupandosi internamente dell'intero processo di fabbricazione, dal design iniziale al prodotto finito. La sfida era

Il Royal Ok e, nella foto accanto, indossato da Leo Messi

audace, ma la decisione di abbinare il tradizionale savoir-faire a uno spirito pi innovativo fu determinante. Da allora, nella totale indipendenza, la manifattura Audemars Piguet ha sviluppato una straordinaria maestria orologiera, coniugando ad arte il rispetto delle tradizioni e la perfezione creativa. Icona senza tempo dell'eleganza sportiva, il Royal Oak riscrive il suo de-

stino quarant'anni dopo la sua nascita. Contemporaneamente all'anniversario e al lancio di due nuovi esemplari in platino creati per l'occasione, Audemars Piguet lieta di presentare un nuovo cronografo di 41 mm dedicato al migliore calciatore al mondo, Leo Messi. Questo modello sar l'unico Royal Oak in edizione speciale del 2012, ottre ai due esemplari in platino. Li-

mitato a 1.000 esemplari e disponibile in tre versioni, l'orologio Royal Oak Leo Messi si distingue sia per i materiali impiegati sia per l'originalit dell'innovativo design. Si dice che i grandi fuoriclasse siano in grado di vincere una partita da soli. Si dice anche che alcuni di loro possano rendere migliori i compagni di squadra. Leo Messi, un caso rarissimo, rientra in entrambe le categorie. All'et di soli ventiquattro anni, lo strepitoso campione argentino ha gi lasciato il segno nella storia del calcio. Titolare di tre Palloni d'Oro e pi volte nominato migliore giocatore al mondo, vincitore di tre Campionati di Spagna e di tre Champions League, questo mago del pallone con la maglia numero 10 ha rivoluzionato il mondo del calcio, grazie alla sua tecnica straordinaria, alla sua predisposizione per il gioco di squadra e al suo fair-play esemplare. Eleganza sportiva Nel 1972, diversi anni prima della nascita di Leo Messi, Audemars Piguet lancia un orologio rivoluzionario, disegnato da Grald Genta: il Royal Oak. L'orologio in accia-

diventa il testimonial della Manifattura. Leo Messi ama gli orologi Audemars Piguet non soltanto per la loro modernit, il loro design e la loro qualit tecnica, ma anche e soprattutto per la storia che raccontano e i valori che incarnano. Testimonial del marchio dal 2010, condivide con la Manifattura svizzera le stesse idee in materia di eccellenza e di autenticit. Per queste ragioni, ha deciso di legare il suo nome a una delle ultime manifatture orologiere ancora oggi gestite dalle famiglie che le hanno fondate. Storia di valori Passione, precisione e rigore sono i valori che accomunano Leo Messi e Audemars Piguet. La collaborazione tra il migliore giocatore al mondo e la Manifattura di Le Brassus non poteva che andare oltre... Nel pieno rispetto della filosofia del marchio ("To break the rules, you must first master them"), la nuova serie limitata a 1.000 esemplari "rompe" i codici del Royal Oak con dimensioni leggermente pi grandi, cinturino in pelle di alligatore al posto del bracciale in acciaio, quadrante privo del tradizionale

io, animato da un movimento automatico ultrapiatto... ed venduto a prezzo d'oro. Nasce cos il primo segnatempo sportivo di lusso. I codici estetici che lo caratterizzano - la lunetta ottagonale, il diametro di 39 mm e il bracciale con maglie che si restringono progressivamente - stravolgono ogni convenzione. Sono trascorsi quarant'anni e il Royal Oak non ha fatto una grinza, conservando inalterato il suo ruolo di icona dell'eleganza sportiva. Leo Messi scopre Audemars Piguet nel 2005. Per festeggiare il suo primo trionfo in Liga, i dirigenti della sua squadra spagnola gli regalano un Royal Oak. Il colpo di fulmine immediato. Tra il promettente calciatore argentino e questo orologio dal design atipico nasce una storia d'amore destinata a durare nel tempo. Leo Messi inizia cos a collezionare i Royal Oak e nel 2010, seguendo un percorso del tutto naturale,

motivo tapisserie e impiego del tantalio, un materiale poco utilizzato nel mondo dell'orologeria. In edizione limitata a soli 1.000 esemplari (acciaio/tantalio, oro rosa/tantalio e platino/tantalio), il Royal Oak Leo Messi Edizione Limitata si differenzia completamente dai suoi predecessori. Il modello presenta un diametro di 41 mm e un design moderno, dalle forme generose e lo stile discreto. In tutti gli esemplari, il cinturino in alligatore e un cinturino supplementare pi sportivo in caucci sostituiscono il tradizionale bracciale in acciaio. Il quadrante si distingue per l'essenzialit e l'eleganza della linea. Nelle versioni in acciaio e in oro rosa, di colore antracite con satinatura verticale e indici rispettivamente in oro bianco e oro rosa, mentre nella versione in platino di colore blu scuro, con indici in oro bianco.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere del Mezzogiorno Venerd 30 Novembre 2012

23
NA

OROLOGI

Hublot detta il tempo alla Vecchia Signora


Dopo Bayern Monaco e Manchester la maison svizzera diventa fornitore di orologi delite per la Juventus
annuncio ufficiale arrivato da Pechino, in occasione della grande finale della Supercoppa italiana (Juventus-Napoli) che si svolta l11 agosto 2012 in presenza di Gianluigi Buffon e Andrea Pirlo. Hublot diventa fornitore di orologi, cronometrista e orologio ufficiale della Juventus Campione d'Italia 2012 in una stagione che l'ha vista realizzare lo storico record di zero sconfitte in campionato. La Vecchia Signora ha scelto Hublot come Official Timekeeper a partire dal

Gianluigi Buffon e Andrea Pirlo in occasione del gemellaggio tra la Juventus e la maison svizzera dorologi Hublot

questa stagione calcistica. Per la maison orologiera svizzera un onore e un privilegio essere associata a questa squadra dal palmares eccezionale. Perch la Juventus un'istituzione. La sua storia straordinaria. Fondata nel1897, la Juve stata la terza squadra a nascere in Italia militando in serie A nel corso di tutta la sua storia, ad eccezione della stagione 2006-07. Oltre a riunire il maggior numero di tifosi, la Vecchia Signora storicamente la squadra italiana

che ha collezionato pi titoli ed tra le squadre pi famose e titolate al mondo. Storia meno recente ma non per questo meno significativa e avvincente quella del marchio Hublot. In trentanni di attivit il produttore svizzero di orologi Carlo Crocco, fondatore di Hublot, riuscito a costruire intorno al proprio marchio una reputazione di orologeria di lite. Hublot ha avuto un successo strepitoso grazie allidea di fondere sostanze quali minerali e piante ed arrivata persino a combinare loro estratto dalle viscere della terra, con il caucci delle piante tropicali. Ora il dna dellazienda si evoluto sino ad arrivare a includere materiali quali il Kevlar, il carbonio e persino la ceramica. Il concetto della fusione ha fatto il suo ingresso anche nella lavorazione di precisione degli orologi, dove la tradizione orolo-

giaia svizzera abbraccia i progressi tecnologici del 21 secolo. Oggi, grazie alle sue collezioni Big Bang, King Power, Classic Fusion e Masterpieces, Hublot (nome derivante da obl in francese) continua a scrivere la storia dellArte della Fusione, combinando materiali tradizionali e non convenzionali. Grazie alla collaborazione con la Juventus, Hublot rafforza ulteriormente la sua presenza nelluniverso del calcio di alto livello. Dopo essere stato il primo marchio di lusso a dedicarsi al calcio nel 2006, Hublot lavora da allora in stretta collaborazione con la Fifa come fornitore di orologi e cronometrista ufficiale dei Mondiali di calcio, con lUefa in qualit di fornitore ufficiale di orologi per Euro 2012 e con alcuni del pi prestigiosi club del mondo: Manchester United, Bayern Monaco, Ajax e Flamengo. Ma Hublot un brand ben noto anche agli appassionati di automobilismo: nel 2011 a Basilea, infatti, stato presentato il primo cronografo tourbillon, sviluppato per il circus della Formula Uno. Questo movimento montato su di un King Power in oro e ceramica, ed una sua particolarit quella di ricordare alcuni componenti di una monoposto, come la lunetta e il bilancere che sembrano i freni di una vettura di F1, mentre il cinturino realizzato in Nomex, una fibra sintetica utilizzata per le tute dei piloti.
RIPRODUZIONE RISERVATA[

La proposta 1

Big Bang, il rampante segnatempo da Formula 1


Il design del Big Bang Ferrari subisce la sua prima evoluzione da quando stato creato, nel 2005. Una cassa pi grande (45,5 mm di diametro), pi possente, pi meccanica, una lunetta cilindrica che offre profondit al movimento che traspare dal quadrante zaffiro, una corona con indici (con il logo H che si posiziona sempre nell'asse), pulsanti di forma allungata, fissati su un asse di rotazione come i pedali di un'auto, inserti in carbonio sul profilo della cassa, due cinturini intercambiabili con un sistema di attacco molto innovativo il cui principio si ispira alle cinture di sicurezza e le cui cuciture sono tono su tono come sempre per la selleria Ferrari. Niente accessori superflui. Il design deve essere funzionale, razionale. Sul quadrante, il simbolico cavallino rampante compare sobriamente in rilievo alle ore 9. Alle ore 3 posizionato un contatore dei minuti (completato da un datario giallo), con lancetta e indici ispirati ai contatori di una Ferrari, per rispecchiare il Dna sportivo del costruttore italiano pur mantenendo i codici Hublot. Il movimento di manifattura Unico in qualche modo l'equivalente del 12 cilindri in Ferrari.

La proposta 2

Classic Fusion, tonalit sorprendenti con il platino


Il Classic Fusion, con il suo look sportivo e raffinato, pi classico rispetto al Big Bang, il profilo sottile e leleganza senza tempo che nasce dai valori dellorologeria tradizionale, senza tuttavia tradire i codici dinamici e sofisticati di Hublot, dotato per la prima volta di un movimento tourbillon. Una proposta logica e necessaria per rispondere alla domanda. Sul quadrante si possono notare le lancette che richiamano il design dei primissimi orologi Hublot, un elegante accenno alla storia del brand. Questo modello dotato di ben 120 ore di riserva di carica e impermeabile fino a circa 50 metri, proposto in due versioni, titanio e King Gold 18 carati, una colorazione doro particolarmente intensa, frutto di una preziosa lega sviluppata da Hublot. Questa sorprendente e inedita tonalit, ricavata grazie allaggiunta del 5% di platino allinterno della massa doro in fusione, possiede unirresistibile potenza visiva, accentuata ulteriormente dai contrasti con gli altri elementi trattati in nero. Ogni versione limitata a soli 50 esemplari.

24
NA

Venerd 30 Novembre 2012 Corriere del Mezzogiorno