Sei sulla pagina 1di 2

Pagina 1 di 2

Il leone

Nome comune: leone


Nome scientifico: Panthera Leo o Felis Leo
Classe: mammifero
Ordine: carnivoro
DIMENSIONE Peso: il maschio può pesare dai 180 ai 250 chilogrammi, mentre il peso della
femmina varia dai 120 ai 150 chilogrammi. La lunghezza del corpo varia da 170 a 250 centimetri
nei maschi, da 140 a 175 centimetri nelle femmine. L’altezza media al garrese è intorno ai 120 cm.
per il maschio e 100 cm. per la femmina.
DESCRIZIONE DELL’ASPETTO: la coda ha una lunghezza compresa fra 70 e 100 cm.
la coda termina con un ciuffo peloso che nasconde una punta ossea di circa 5 cm di lunghezza. Il
ciuffo al termine della coda è invariabilmente nero. La pelliccia è di colore giallo rossiccio ed ocra.
La criiera va dal colore biondo al marrone scuro. Solo i maschi hanno la criniera.
DESCRIZIONE DEL COMPORTAMENTO
 Dove vive L’habitat è rappresentato dalla savana e dalla boscaglia (in India anche dalla
foresta). Il leone può sopravvivere in ambienti particolarmente aridi, grazie ai liquidi
contenuti nelle prede che lui mangia. Lo possiamo incontrare nell’Africa centrale e
meridionale (sud) e una ridotta popolazione è presente anche in India. Il leone vive in gruppo.
Generalmente il gruppo è costituito da 2 o 4 giovani maschi, da 1 o 3 maschi adulti, da
svariate femmine (fino a 15) con i giovani di diverse età. I giovani leoncini vengono allontanati
dal gruppo all’età di 1 anno e ½ o 2.
La vita media dei leoni in natura arriva al massimo a circa 16 anni, in cattività può protrarsi
per altri 10 anni.
 Come si muove il leone è un animale molto agile. Può salire sugli alberi, nuotare e lanciarsi. I

maschi hanno un ruolo importante: hanno infatti il compito di perlustrare il territorio, di


difendere le prede, proteggere il branco, specialmente i cuccioli.
 Cosa mangia i leoni sono carnivori, hanno bisogno ogni giorno di carne; circa 5 Kg. le femmine

e 7 Kg. i maschi. Si nutrono principalmente di grandi mammiferi come antilopi, zebre,


facoceri e gnu, ma non disdegnano neppure prede di taglia più piccola come lepri e uccelli.
 Come caccia Generalmente è la femmina che caccia. La caccia avviene in modo furtivo,

accerchiando lentamente la preda, mentre l’attacco viene sferrato solo quando la distanza da
compiere è ridotta (30 metri o meno). La preda viene generalemnte uccisa per
strangolamento, con un morso al collo che non solo la soffoca, ma sfonda anche la trachea
dell’animele impedendogli la fuga anche se dovesse liberarsi.
CURIOSITA’
Quale sia lo scopo della criniera in natura è un argomento dibattuto. Secondo alcuni potrebbe
avere anche la funzione difensiva, a protezione della zona della gola.
Il numero complessivo dei leoni in natura viene oggi stimato tra i 16.0000 ed i 30.000
esemplari questi numeri evidenziano un calo drammatico negli anni ’90; quando la popolazione
dei leoni veniva calcolata intorno ai 100.000 esemplari. Le popolazioni rimanenti sono spesso
isolate geograficamente dalle altre cosa che aumenta ancora di più la difficoltà di
sopravvivere.

http://docs.google.com/Doc?docid=dhhfmp29_23g2shc9gk&hl=it 01/02/2009
Pagina 2 di 2

Autori: Alessandro e Thomas

http://docs.google.com/Doc?docid=dhhfmp29_23g2shc9gk&hl=it 01/02/2009