Sei sulla pagina 1di 45

Corso di introduzione a CorelDRAW

Autore: Stefano Cudini ©

Indice Argomenti
1. Fusione Interattiva Di Forme
2. Strumento Involucro
3. Aggiungere Ombra Agli Oggetti
4. Effetti Di Trasparenza
5. Creazione Di Forme Semplici
6. Creazione Di Forme Complesse
7. Modellazione Di Nodi E Linee
8. Uso Dello Strumento Coltello
9. Uso Del Pennello Ruvido
10. Strumento Supporto Artistico
11. Semplici Effetti Di Testo
12. Gli Strumenti Di Zoom
13. Applicare L'effetto Prospettiva
14. Impostare Il Contorno Di Una Forma
15. Rimepimento Semplice Di Una Forma
16. Riempimento A Gradiente
17. Riempimento A Reticolo
18. Finestra Di Gestione Degli Oggetti
19. Allineamento E Distribuzione Di Oggetti
20. Ordinamento Di Oggetti

« indice

1. Fusione Interattiva Di Forme

Lo strumento fusione interattiva consente di fondere progressivamente due


forme con caratteristiche diverse.
Ecco il risultato finale del nostro esempio.

1 di 45
Lo strumento é situato nella bandierina strumenti interattivi

Per cominciare disegnamo due forme diverse in diverse posizioni e di


diverso colore, tramite gli strumenti rettangolo ed ellisse, poi con lo
strumento mano libera

tracciamo una linea curva tra le due forme come in figura

anche se la linea di mezzo non é indispensabile per l'applicazione


dell'effetto in questo caso servirá a dare un percorso curvo per la
fusione.
Bene adesso selzioniamo lo strumento fusione interattiva e scegliamo gli
oggetti da fondere, clicchiamo prima sul rettangolo e trasciniamo fino al
cerchio.
Come si puó osservare il percorso di fusione é diretto adesso selezionando
l'opzione Proprietá tracciato sulla Barra
poprietá clicchiamo sulla voce Nuovo tracciato

e selezioniamo la curva tra i due oggetti, ora la fusione si é spostata


sopra la curva. Ora impostiamo a 10 il numero di forme mediane tramite
2 di 45
l'opzione Numero di passaggi.

Come potete vedere abbiamo ottenuto l'effetto voluto. Adesso sará anche
possibile selzionare singolarmente le due forme originarie e modificarle
per ottenere una fusione diversa.

© Stefano Cudini

« indice

2. Strumento Involucro

Vedremo ora come ottenere una forma complessa da un semplice quadrato al


quale applicheremo l'effetto involucro interattivo, l'effetto finale sará
la seguente forma.

Disegniamo prima di tutto un semplice rettangolo usando lo Strumento


rettangolo; scegliamo poi lo strumento Involucro interattivo presente
nella bandierina Strumenti interattivi

dopo aver cliccato sulla forma vedremo apparire dei quadratini negli
3 di 45
angoli e nei punti medi del rettngolo, trascinando questi quadratini si
otterrá la deformazione della forma selezionata.
Prima di procedere alla modifica del rettangolo é necessario settare le
opzioni sulla Barra proprietá dello strumento, quindi andiamo ad attivare
l'opzione Modalitá involucro arco singolo

poi mantenendo premuto Shift trasciniamo il quadratino medio-destro della


selezione, otterremo la figura seguente.

Il tasto Shift permette di avere un effetto simmetrico secondo il


quadratino selezionato.
Ripetiamo lo stesso procedimento anche per il quadratino superiore-
centrale, attivando peró prima l'opzione Modalitá involucro linea retta

sempre sulla Barra proprietá e usando il tasto Shift per ottenere una
simmetria per il lato inferiore della figura.
L'uso di una diversa Modalitá di involucro comporta una diversa
deformazione del lato interessato.

© Stefano Cudini

« indice

3. Aggiungere Ombra Agli Oggetti

L'effetto ombra applicato ad un oggetto grafico ne determina un migliore


aspetto soprattutto se deve avere una profonditá.
Nel nostro esempio applicheremo l'effetto ombra ad una sfera come in
figura.

4 di 45
Prima di tutto creiamo la sfera. Disegniamo un cerchio selezionando lo
Strumento ellisse, trasciniamo il cursore su un punto qualsiasi e
contemporaneamente manteniamo premuto il tasto Ctrl, questo permetterá di
creare un cerchio perfetto invece di un ellisse.
Per avere un effetto sferico sará sufficiente applicare un riempimento
sfumato all'interno del cerchio.
Selezioniamo il cerchio, poi dalla Bandierina riempimento scegliamo
Riempimento Sfumato.

Adesso avremo davanti a noi la finestra Riempimento sfumato nella quale


andremo ad impostare le opzioni per il riempimento.
Nella casella Tipo selezionare la voce Radiale, poi all'interno delle
impostazioni Fusione colore scegliere il colore della sfera

spostiamo poi il centro della sfumatura dal riquadro di anteprima a destra


nella finestra

applichiamo le modifiche ed otterremo una realistica sfera blu-viola.


Adesso dobbiamo aggiungere l'ombra al nostro oggetto, selezioniamo lo
Strumento ombra discendente interattiva dalla bandierina Strumenti
interattivi

e clicchiamo sopra la nostra sfera.


Nella Barra proprietá scegliamo dalla casella Elenco preimpostazioni la
voce Prospettiva alta destra

5 di 45
in questo modo avremo applicato un effetto ombra preimpostato, che andremo
se necessario a modificare per rendere il tutto un pó piú realistico.
Cominciamo spostando l'ombra piú in basso, trascinando la maniglia scura a
destra della sfera in basso e un pó a sinistra, come in figura.

Settiamo poi dalla Barra proprietá le opzioni Opacitá ombra e Morbidezza


ombra, rispettivamente a 70 e 15.

© Stefano Cudini

« indice

4. Effetti Di Trasparenza

Applicheremo ora un effetto di trasparenza ad un oggetto semplice, ma


questo puó essere fatto su qualsiasi oggetto disegnato comprese le
immagini bitmap importate in CorelDraw.
Creiamo prima di tutto un paio di forme semplici, di colore diverso ed
6 di 45
applichiamo ad una di
esse la trasperenza in modo che la forma sottostante sia in parte
visibile.
Con lo Strumento rettangolo trasciniamo il cursore e disegnamo un
rettangolo, poi disegniamone un'altro in modo che si trovi in parte
sovrapposto a quello precedente, come in figura.

Selezioniamo dalla Bandierina strumeni interattivi lo Strumento


trasperenza interattiva

e clicchiamo sull'oggetto di destra, poi trasciniamo il cursore sopra


l'oggetto orizzontalmente per tutta la sua larghezza, appariranno le
maniglie di impostazione della direzione dell'ombra, facciamo in modo che
la parte trasparente si trovi a sinistra e che quindi lasci intravedere
l'altro rettangolo.

Abbiao ottenuto una figura con effetto di trasparnza, adesso agendo sulle
opzioni della Barra proprietá sará possibile impostare una diversa
trasparenza del bordo dell'oggetto, del riempimento oppure di entrambi
allo stesso modo.

Un'altra opzione interessate é il Tipo di trasparenza, essa serve a


stabilire se il livello di trasparenza deve seguire una linea retta,
oppure un cerchio ed in altri modi. Questa opzione é presente sulla Barra
proprietá.

7 di 45
Ad esempio selezionando la voce Radiale siottiene l'effetto seguente

© Stefano Cudini

« indice

5. Creazione Di Forme Semplici

Per cominciare a prendere confidenza con gli strumenti di disegno vedremo


ora come si possono creare le forme base che possono essere utilizzate piú
spesso.
Iniziamo con lo strumento rettangolo; a partire dalla versione 11 di
CorelDraw é presente tra le barre degli strumenti la Bandierina strumento
rettangolo

essa contiene due diversi strumenti per la creazione di rettangoli il


primo permette di disegnare rettangoli semplicemente trascinando il
cursore da un punto ad un'altro

8 di 45
il secondo invece permette di stabilire anche l'angolazione del rettangolo
da disegnare, bisogna prima trascinare il cursore tra due punti in modo da
disegnare un lato del rettangolo e decidere l'angolo di inclinazione, poi
si disegna il resto normalmente.

Il discorso ed il metodo di esecuzione é analogo per la creazione di


cerchi ed ellissi, é presente un Bandierina strumento ellisse

usando il primo strumento l'esecuzione é identica a quella del rettangolo

e l'uso del secondo strumento é simile, ma permette maggiore flessibilità


in quanto oltre all'angolo di inclinazione dell'ellisse si puó stabilire
in quale direzione deve essere piú allungato.

Alcune funzionalità ulteriori per la creazione di forme sono rappresentate


dall'uso dei tasti Shift e Ctrl.
Se mentre si trascina il cursore per disegnare una forma si mantiene
premuto il tasto Shift, la forma verrà ridimensionata a partire dal suo
centro, come in figura

9 di 45
usato in modo analogo il tasto Ctrl invece permette di ottenere cerchi o
quadrati perfetti

quest'ultima funzione é molto utile in quanto ad un utente che usa


CorelDraw per la prima volta, sembrerebbe che non esiste uno strumento per
disegnare cerchi perfetti invece che ellissi.

© Stefano Cudini

« indice

6. Creazione Di Forme Complesse

Vedremo ora come sfruttare i potenti strumenti di CorelDraw per disegnare


forme complesse, per le quali usando altri programmi di grafica sarebbe
necessario molto tempo e procedure complesse.
Iniziamo con i poligoni regolari, clicchiamo sullo Strumento poligono
presente nella Bandierina oggetto

impostiamo poi l'opzione Numero di punti del poligono presente nella Barra
proprietà, digitiamo 5 se non é già presente

adesso trascinando il cursore si otterra un pentagono, se nel contempo si


10 di 45
mantiene premuto il tasto Ctrl il poligono ottenuto sarà un poligono
regolare con tutti i lati uguali.

Se adesso volessimo ad esempio trasformare il nostro poligono dandogli la


forma di una stella, non dovremo far altro che trascinare verso l'interno
del poligono i quadratini presenti nei punti medi dei lati, mantenendo
premuto il tasto Ctrl per avere una forma regolare.

Passiamo ora al secondo strumento della Bandierina oggetto, lo Strumento


carta millimetrata

che consente di creare griglie con un numero stabilito di righe e colonne,


andiamo quindi a cliccare su tale strumento e prima di trascinare il
cursore per disegnare l'oggetto settiamo l'opzione Colonne e righe nella
Barra proprietà, digitando 6 e 4.

Passiamo all'ultimo strumento, lo Strumento spirale. Come nel caso


precedente prima di disegnare l'oggetto trascinando il cursore bisogna
impostare nella Barra proprietà alcune opzioni, la prima, Rivoluzioni
spirale

determina il numero di spire complete che dovrà contenere la nostra


spirale, digitiamo il valore 6, trasciniamo quindi il cursore otterremmo
un
disegno del genere.

Se volessimo ottenere un effetto piú interessante, ad esempio fare in modo

11 di 45
che la distanza fra una spira e l'altra sia proporzionale alla distanza
dal
centro, possiamo agire su l'opzione Spirale logaritmica

trascinando il cursore nello stesso modo otterremmo la seguente figura.

© Stefano Cudini

« indice

7. Modellazione Di Nodi E Linee

Una delle funzionalità piú sviluppate in CorelDraw é la modellazione


delle
linee e dei nodi, vedremo prima di tutto gli strumenti che ci serviranno
per queste operazioni.
Lo strumento piú utilizzato é lo Strumento mano libera situato nella
Bandierina curva

con questo strumento si possono tracciare curve semplicemente trascinando


il cursore, il risultato finale di questa operazione sarà una curva senza
spigoli e con curvature morbide

12 di 45
questo é dovuto ad una funzionalità di CorelDraw che permette di
correggere automaticamente le linee tracciare a mano libera, chiamata
Attenuazione mano libera, per di piú l'azione di tale funzionalità può
essere regolata tramite l'opzione presente sulla Barra proprietà

Il secondo strumento della Bandierina curva é lo Strumento bezier, esso


permette di disegnare delle curve agendo su apposite maniglie di
modellazione ai capi della curva, come in figura

come si può capire spostando tali maniglie si ha una diversa curvatura


della linee disegnata.
Uno strumento aggiunto recentemente in CorelDraw é lo Strumento curva a
tre punti

che ci permette di tracciare una curva arrotondata e contemporaneamente


stabilirne la curvatura

com si può capire dalla figura precedente é necessario prima stabilire i


due estremi della curva trascinando il cursore e poi dopo aver rilasciato
il pulsante si può regolare l curvatura della linea.
Dopo aver disegnato una curva con gli strumenti fin qui illustrati,
possiamo modificarla tramite uno degli strumenti piú usati in CorelDraw,
é lo Strumento di modellazione, presente nella Bandierina strumenti di
modellazione
13 di 45
esso permette di modificare linee e curve semplicemente cliccando e
trascinando le maniglie presenti nei nodi

oppure per spostare, aggiungere ed eliminare i nodi sulla curve.


Possiamo spostare un nodo trascinandolo con il cursore. Un nodo può
essere aggiunto all'interno di una linea facendo doppio click nel punto
di inserimento, allo stesso modo possiamo eliminare un nodo esistente
facendo doppio click sopra di esso, oppure selezionandolo e poi premendo
il tasto Delete(o Canc).
In fine lo Strumento di modellazione permette anche di modificare la
curvatura di una linea trascinandola a partire da un qualsiasi punt sopra
si essa, dopo che sia cambiata l'immagine del cursore, come di seguito.

© Stefano Cudini

« indice

8. Uso Dello Strumento Coltello

Questo strumento consente letteralmente di tagliare i nostri oggetti come


se usassimo un taglierino sulla carta; esso fa parte della
Bandierina strumenti di modellazione

L'operazione che adesso effettueremo darà come risultato la seguente


14 di 45
figura

cioé un ellisse a cui sono state esportate delle sezioni.


Per prima cosa disegniamo la figura da sezionare, selezionando lo
strumento ellisse e trascinando il cursore sul foglio per disegnare la
forma, andiamo poi ad attivare lo Strumento coltello e trasciniamo il
cursore sopra l'ellisse, cliccando prima in un punto sulla circonferenza
poi trascinando in un'altro punto finché il cursore non cambia aspetto,
assumendo una posizione verticale.

Quello che abbiamo ottenuto é la suddivisione del'oggetto in due oggetti


diversi, infatti andando a selezionare la parte tagliata di sinistra ci
accorgiamo che si tratta di un oggetto diverso

possiamo quindi usare lo Strumento puntatore per spostarlo piú a sinistra.

Adesso proviamo ad eseguire un taglio dritto nel lato destro della forma,
il procedimento é analogo al precedente, ma questa volta invece di
trascinare direttamente il cursore dobbiamo cliccare nel punto di inizio
del taglio, spostare(non trascinare) il cursore nel secondo punto e fare
di
nuovo click quando cambia l'aspetto del cursore

otterremo nuovamente due oggetti separati che andremo ad allontanare per


realizzare la figura finale.

15 di 45
© Stefano Cudini

« indice

9. Uso Del Pennello Ruvido

Il pennello ruvido è una delle novità presenti dalla versione 11 di CorelDraw;


questo strumento permette di applicare ad una linea o curva un effetto zig-zag
in modo rapido, semplicemente trascinando il cursore lungo la linea.
Il pennello ruvido è posto nella Bandierina strumenti modellazione,

per poterlo utilizzare ci serve prima di tutto una figura a cui applicare
l'effetto, disegniamo quindi tramite lo Strumento ellisse un cerchio, scegliamo
poi lo Strumento pennello ruvido e settiamo alcune delle opzioni presenti
sulla Barra proprietà, digitiamo il valore 10 nell' opzione Dimensioni pennino
e 2 nell' opzione Frequenza dei picchi.

Come possiamo osservare il cursore adesso ha la forma di un cerchio con un


trattino al centro, e di dimensioni diverse secondo il valore impostato sulla
dimensione; trasciniamo il cursore lungo il perimetro della forma, per tutto
il tratto superiore.

La procedura precedente è applicabile anche ad una qualsiasi linea o curva


anche se queste non sono chiuse.
Vediamo ora lo stesso effetto con la modifica dell'opzione Aggiungi asciugatura
effetto, questa opzione permette di dissolvere l'effetto zig-zag con
l'allontanarsi del cursore dalla forma, ottenendo in alcuni punti un' ampiezza
minore. Aumentiamo a 12 il valore dell' opzione Dimensioni pennino ed
impostiamo a 5 l'opzione Aggiungi asciugatura effetto nella Barra proprietà.

16 di 45
Adesso trasciniamo il cursore per tutta la parte inferiore della forma,
allontanando il cursore dal perimetro quando raggiungiamo un' estremità.

Come possiamo osservare il risultato finale è nettamente diverso dal


precedente in quanto nella parte inferiore della forma non si ha un effetto
uniforme per tutta la lunghezza in cui è stato applicato.

© Stefano Cudini

« indice

10. Strumento Supporto Artistico

Lo strumento Supporto artistico è raggiungibile dalla Bandierina Curva.

Una volta selezionato lo strumento si può notare nella Barra Proprietà


la presenza di cinque opzioni, selezionabili una alla volta

queste rappresentano le diverse modalità di utilizzo dello Strumento


supporto artistico, nell'ordine:
-Preimpostazioni
-Pennello
-Distributore immagini
-Calligrafo
-Pressione
Ognuna di queste modalità può essere usata per disegnare linee e curve
con effetti molto particolari, andiamo subito provarle una per una.

PREIMPOSTAZIONI:

17 di 45
permette di tracciare linee e curve con uno spessore variabile, le
opzioni settabili per questa modalità sono lo spessore massimo della
linea, la forma dello spessore applicato ed il livello di attenuazione
della linea, cioé l'arrotondamento delle curve disegnate troppo strette.

L' esempio seguente rappresenta due linee tracciate con diversa forma e
diverso spessore.

Come si può vedere dalla seconda figura è possibile modificare


successivamente lo spessore del contorno ed il riempimento, in quanto la
figura viene considerata da CorelDraw come un oggetto e non come una
semplice linea.

PENNELLO:
questa modalità è usata per stendere lungo una linea o una curva un
qualsiasi oggetto o gruppo di oggetti.

come si può osservare nell'esempio sulla prima linea è stato applicato un


gruppo si oggetti distaccati tra loro, nella seconda una sfera.
Le opzioni che possiamo modificare per questa modalità sono lo spessore
della linea, l' attenuazione (come in precedenza) ed in più possiamo
aprire il file che contiene gli oggetti da stendere sulla nostra linea.
Per creare un nuovo file da usare con lo strumento, creiamo un nuovo
documento vuoto, e disegniamo all'interno una qualsiasi figura o più
figure staccate

18 di 45
salviamo poi il file in formato CMX, torniamo al documento precedente e
dopo aver selezioanto lo Strumento supporto artistico apriamo il file
appena creato dall'opzione Sfoglia sulla Barra proprietà

tracciando una nuova linea otterremo il seguente effetto.

DISTRIBUTORE IMMAGINI:
questa modalità consente di creare un effetto simile al precedente, con
la differenza che gli oggetti non vengono deformati lungo la curva ma
vengono inseriti sequenzialmente, le opzioni impostabili sono davvero
molte

infatti possiamo scegliere oltre che il file contenente la sequenza di


oggeti (simile alla modalità PENNELLO), anche la distanza tra di loro, la
rotazione e la densità di inserimento. Inoltre con la Finestra di dialogo
Elenco distribuzione è possibile scegliere i singoli oggetti da inserire
ed il loro ordine.

19 di 45
CALLIGRAFO:
permette di tracciare linee somigliano a nastri curvi si può impostare
oltre che lo spessore e l'attenuazione anche l'inclinazione che deve
assumere la punta del pennello.

Nella prima linea l'incinazione è di 90 gradi e nella seconda è di 45.

PRESSIONE:
questa modalità viene utilizzata soprattutto se si usano tavolette
grafiche, permette di tracciare linee con spessore maggiore se si applica
una pressione maggiore sulla tavoletta, oppure lo stesso effetto può
essere usato con il mouse tracciando la linea e modificando la pressione
con i tasti SU e GIU' della tastiera.

© Stefano Cudini

« indice

11. Semplici Effetti Di Testo

Per quanto riguarda la gestione del testo CorelDRAW non ha nulla da


invidiare ai migliori word-processor, in più definisce due modalità
differenti di testo: il Testo in Paragrafi ed il Testo Grafico, il

20 di 45
secondo è quello che tratteremo di seguito.
Inserire il Testo Grafico in un documento è utile se ad esempio
vogliamo applicare effetti particolari ad un insieme di poche parole,
ad esempio titoli con effetti grafici da aggiungere all'inizio di una
pagina web, oppure il logotipo per un'azienda.
Lo strumento che ci permette di inserire il testo è lo Strumento testo
presente nella Casella degli strumenti

cliccando su di esso vedremo comparire sul cursore una A e nella Barra


proprietà le opzioni che possiamo applicare al nostro testo.
Quella più importante è senza dubbio il tipo di font, selezionabile
dall'opzione Carattere, in cui sarà visibile un elenco delle anteprime
per ogni tipo font

quindi clicchiamo nel punto in cui vogliamo inserire il testo e


digitiamo una qualsiasi parola.

Nella Barra proprietà è presente anche l'opzione Dimensioni carattere,


ma per quanto riguarda il Testo Grafico la dimensione può essere più
agevolmente modificata agendo sulle maniglie di ridimensionamento, che
compaiono dopo aver digitato il testo.

Come mostrato nell'immagine precedente è possibile ridimensionare il


testo mantenendo le proporzioni(1), oppure aumentare solo l'altezza(2).
Utilizzando lo Strumento di modellazione presente nella Bandierina
strumenti di modellazione

possiamo applicare altri effetti propri del testo. Possiamo ad esempio


modificare la crenatura del testo, cioé la distanza tra ogni carattere,
una volta selezionato lo Strumento di modellazione vicino al testo
appariranno due particolari maniglie, oltre a quelle per il
ridimensionamento già presenti

21 di 45
trascinando quella situata sulle destra possiamo modificare la
creanatura ed aumentare quindi la larghezza complessiva del testo.
La maniglia di sinistra invece modifica l'altezza delle righe.

Un altro effetto che possiamo applicare con lo Strumento di modellazione


al nostro testo è quello di modificare la posizione di un carattere
semplicemente trascinando le maniglie presenti sotto ognuno, come in
figura.

© Stefano Cudini

« indice

12. Gli Strumenti Di Zoom

In qualsiasi programma di grafica uno strumento indispensabile e molto


usato è lo Zoom cioé la possibilità di aumentare o ridurre le dimensioni
dell'area visibile sulla nostra figura.
I migliori programmi associano questa funzione alla rotella del mouse e
CorelDRAW non è da meno, infatti consta di molte altre funzionalità per
rendere più agevole la visualizzazione dell'immagine a cui si sta
lavorando. Il semplice Strumento zoom è raggiungibile dalla Bandierina
zoom presente sulla Casella degli strumenti

insieme ad esso è presente anche lo Strumento mano, utile a spostare la


visibilità dell'immagine trascinandola con il cursore.
Una funzionalità aggiuntiva è lo spostamento dell'immagine anche con il

22 di 45
tasto centrale del mouse (o premendo sulla rotella), molto comoda se
ad esempio si sta applicando un effetto ad un'oggetto non completamente
visibile sull'area di lavoro: cliccando sul tasto centrale non viene
disattivato l'effetto attuale e lo si può applicare contemporaneamente
allo spostamento dell'immagine.
Le funzionalità avanzate per lo zoom sono invece situate nella Barra
degli strumenti zoom oppure direttamente dalla Barra proprietà dello
Strumento zoom.

Oltre alla casella in cui è possibile digitare, in percentuale, il


livello di zoom, una funzione molto utile degli Strumenti zoom è quella
di Ingrandisci selezione

che consente di visualizzare con le dimensioni massime gli oggetti


attualmente selezionati.

La funzione seguente è Ingrandisci tutti gli oggetti, utile a


visualizzare con le dimensioni massime tutti gli oggetti presenti nel
nostro documento.

Le ultime tre funzioni presenti nella Barra degli strumenti zoom


permettono di visualizzare con le dimensioni massime il foglio del nostro
documento, cioé il bordo scuro in cui devono essere contenuti tutti gli
oggetti del documento per fare in modo che vengano eventualmente stampati
correttamente.
Un'altra funzionalità molto utile, soprattutto se ci si trova in una
visualizzazione di alto ingradimento dell'immagine, è lo strumento
Navigator raggiungibile dal pulsante che si trova in basso a destra nel
punto iniziale delle barre di scorrimento.

Questo strumento è di semplice utilizzo, basta premere il tasto sinistro

23 di 45
del mouse quando il cursore vi si trova sopra, quindi coparirà una piccola
finestra in cui è visibile l' intero documento

spostando il cursore al suo


interno si sposterà anche la visualizzazione dell'immagine nell'area di
lavoro, in questo modo si può cambiare l'area visualizzata senza modificare
il livello di zoom.

© Stefano Cudini

« indice

13. Applicare L'effetto Prospettiva

L'effetto prospettiva non è presente nelle barre degli strumenti, ma è


raggiungibile dal menù Effetti

24 di 45
è comunque possibile aggiungerlo ad una qualsiasi barra degli strumenti.
L'immagine seguente è un esempio di uso dell' Effetto prospettiva

vediamo adesso come realizzarla.


Iniziamo col disegnare le due griglie (superiore ed inferiore), con
l'utilizzo dello Strumento carta millimetrata raggiungibile dalla
Bandierina oggetto

selezioniamo lo strumento, impostiamo sulle Barra proprietà le opzioni


Colonne e Righe entrambe a dieci e con il cursore trasciniamo sul foglio
in modo da ottenere una griglia più o meno quadrata, clicchiamo poi sul
menù Modifica - Duplica ed otteniamo due griglie uguali.

25 di 45
Adesso applichiamo ad entrambe le griglie un Effetto prospettiva,
selezionando prima l'oggetto e poi la voce dal menù Effetti.
Per modificare la prospettiva applicata trasciniamo le maniglie presenti
su ogni angolo della griglia, in modo da deformarla a nostro piacimento,
come in figura

come si può notare compaiono due X ai lati dell'oggetto che si spostano


con il movimento del cursore, questi sono i due fuochi della
prospettiva, da tenere come riferimento nel caso si applichi l'effetto
anche ad un'altro oggetto.
Applichiamo la prospettiva in modo simile anche alla griglia superiore,
facendo attenzione che i fuochi coincidano approssimativamente con
quella
della griglia inferiore.
Aggiungiamo poi due cerchi, che dovranno diventare le due sfere,
spostando quello più grande in basso.

26 di 45
In fine aggiungiamo le sfumature agli oggetti con lo Strumento
riempimento interattivo, presente nella Bandierina riempimento
interattivo.

Per le griglie impostiamo nella Barra proprietà l'opzione Tipo di


riempimento come Lineare e trasciniamo sopra all'oggetto con il cursore
per applicare il riempimento.

Facciamo lo stesso per i due cerchi modificando l'opzione Tipo di


riempimento in Radiale.

© Stefano Cudini

« indice

27 di 45
14. Impostare Il Contorno Di Una Forma

Ogni oggetto disegnata in CorelDRAW è composta da un Riempimento e da un


Contorno (le linee e le curve sono composte solo dal contorno),
entrambi posso avere diverse proprietà modificabili con gli strumenti
appositi.
Le caratteristiche del contorno di un oggetto sono impostabili dalla
Bandierina contorno.

Una volta selezionato l'oggetto a cui vogliamo modificare il contorno


possiamo impostare le opzioni presenti sulla bandierina.
Disegniamo quindi un oggetto di esempio, scegliamo lo Strumento ellisse
e attiviamo la modalità Arco sulla Barra proprietà

trasciniamo ora il cursore da sinistra verso destra e dall'alto verso


il basso. Otterremo un ellisse aperto come in figura.

Adesso possiamo modificare le varie proprietà del contorno, dalla


Bandierina contorno clicchiamo sulla prima opzione e si aprirà la
Finestra di dialogo Penna contorno.

Da questa finestra è possibile impostare qualsiasi Proprietà per il


contorno dell'oggetto attualmente selezionato, le opzioni che andremo
ad impostare sono le seguenti:

28 di 45
-Colore
-Larghezza
-Stile
-Estremità linee
-Frecce
-Ridimensiona con l'immagine
Le opzioni viste sono solo quelle più frequentemente usate, le funzioni
delle altre sono comunque facilmente intuibili.

COLORE:
cliccando qui si aprirà l'elenco dei colore della tavolozza predefinita
oppure si può scegliere il colore dalla Finestra di Selezione colore
cliccando su Sfoglia.

LARGHEZZA:
qui possiamo modificare lo spessore della linea di contorno, potendo
scegliere tra quindici unità di misura differenti (la più usata è
comunque il pixel).

STILE:
lo stile del contorno è il tipo di tratto di cui è composto, possiamo
scegliere tra vari tipi di tratteggio oppure possiamo crearne uno
personalizzato cliccando sul pulsante Modifica stile.

ESTREMITA' LINEE:
da qui possiamo scegliere in che modo devono essere disegnate le
estremità o le interruzioni di un contorno o di una linea.

FRECCE:
questa opzione ci permette di inserire un oggetto alle due estremità di
una linea o di un contorno aperto, come ad esempio una freccia ed una
coda.

RIDIMENSIONA CON L' IMMAGINE:


questa opzione è molto utile e di norma va attivata. Permette di
mantenere le proporzioni dello spessore di un oggetto con la sue
dimensioni, cioé aumentando le dimensioni dell' oggetto aumenta anche
lo spessore del contorno.

La figura seguente è il risultato delle modifiche visibili nella


finestra precedente.

Un'altra funzionalità interessante è la possibilità di copiare le


proprietà del contorno da un oggetto all'altro, il modo più rapido per
farlo è di trascinare con il tasto destro l'oggetto originale sopra
all'oggetto a cui vogliamo impostare il contorno.
Trasciniamo ad esempio la freccia curva sopra ad un'altro oggetto
qualsiasi che abbia delle proprietà del contorno differenti, quando il
29 di 45
cursore si troverà sopra di esso comparirà al centro della selezione un
cerchio

a questo punto se rilasciamo il pulsante compare un menù in cui


possiamo scegliere varie operazioni, oltre che a copiare il contorno

otterremo quindi il risultato della figura 2.

© Stefano Cudini

« indice

15. Rimepimento Semplice Di Una Forma

Ogni oggetto disegnato in CorelDRAW è composto da un Contorno e da un


Riempimento (le linee e le curve sono composte solo dal contorno),
entrambi posso avere diverse proprietà modificabili con gli strumenti
appositi.
Le caratteristiche del Riempimento di un oggetto sono impostabili dalla
Bandierina riempimento.

30 di 45
Come si può vedere esistono diverse modalità di Riempimento, quello che
vedremo di seguito è il Riempimento uniforme.
Una volta selezionato l'oggetto a cui vogliamo modificare il riempimento
possiamo impostare le opzioni presenti sulla bandierina.
Disegniamo quindi un oggetto di esempio, scegliamo lo Strumento rettangolo
trasciniamo poi il cursore da sinistra verso destra e dall'alto verso
il basso. Otterremo un rettangolo come in figura.

Adesso possiamo modificare le proprietà del riempimento, dalla Bandierina


rime pimento clicchiamo sulla prima opzione e si aprirà la Finestra di
dialogo Colore Riempimento.

Da questa finestra è possibile impostare il colore del riempimento


dell'oggetto attualmente selezionato, andiamo quindi a scegliere un colore
dalla tavolozza.
Ogni colore può essere classificato secondo diversi modelli, ogni modello
stabilisce un diverso numero e tipo di componenti di cui è composto un
qualunque colore, quindi per definire il colore dobbiamo definire i valori
delle sue componenti.
Il Modello più usato ed anche più comodo è quello RGB (Red Green Blue)

31 di 45
esso definisce un colore con tre componenti: Rosso, Verde e Blu. Il
modello RGB è utile per immagini che dovranno essere visualizzate su
schermo, quindi anche per la grafica web.
Un'altro modello molto usato è quello CMYK (Cian Magent Yellow blacK)

in questo caso un colore può essere definito secondo i valori delle


componenti: Ciano, Magenta, Giallo e Nero. Il modello CMYK è utile quando
si lavora su immagini che dovranno poi essere stampate su carta.
Il Modello di colore può essere impostato nella Finestra di dialogo Colore
Riempimento dall'opzione Modello.

Un'altra opzione utile all'interno della Finestra di dialogo è il Nome, in


cui si possono selezionare i colori da un elenco che li ordina secondo il
loro nome letterale

il riquadro Riferimento invece consente di confrontare il colore originale


(Vecchio) dell'oggetto selezionato con il nuovo colore scelto dalla
tavolozza (Nuovo).

Un'altra funzionalità interessante è la possibilità di copiare le


proprietà del riempimento da un oggetto all'altro, il modo più rapido per
farlo è di trascinare con il tasto destro l'oggetto originale sopra
all'oggetto a cui vogliamo impostare il contorno, quando il cursore si
troverà sopra al secondo oggetto comparirà al centro della selezione un
cerchio, a questo punto se rilasciamo il pulsante compare un menù in cui
possiamo scegliere di copiare il riempimento dal primo oggetto.

32 di 45
© Stefano Cudini

« indice

16. Riempimento A Gradiente

Il Riempimento a gradiente diversamente dal semplice Riempimento


uniforme consente si ottenere in poco tempo effetti che rendono le
figure da noi disegnate più realistiche e gradevoli. Di seguito è
raffigurato un esempio per capire la differenza tra i due tipi di
riempimento.
riempimento a gradiente
La cassaforte sulla sinistra ha un Riempimento uniforme, quella
sulla destra invece ha un riempimento a gradiente di due tipi,
Radiale e Lineare, per questo la seconda immagine appare più
realistica. Lo strumento che ci permettono di applicare e modificare
riempimenti a gradiente (o sfumati) è la Finestra di dialogo
Riempimento sfumato, raggiungibile dalla Bandierina riempimento

Adesso vedremo come creare in poco tempo un elegante pulsante da


inserire in una pagina web. Prima di tutto disegniamo gli oggetti
base del nostro pulsante, per cui utilizzando gli strumenti
Rettangolo ed Ellisse tracciamo la seguente figura:

per aggiungere un tocco di design facciamo ruotare l'ellisse di


qualche grado in senso orario, per fare ciò clicchiamo due volte
sull' ellisse in modo che appaiano le maniglie di rotazione, visibili
nella figura 1.

33 di 45
Selezioniamo il rettangolo e apriamo la Finestra di dialogo
Riempimento sfumato dalla Bandierina riempimento

da qui possiamo impostare varie opzioni per il riempimento del


rettangolo, quelle che ci interessano in questo caso sono:
-Tipo
-Angolo
-Fusione colore
Le opzioni viste sono solo quelle più frequentemente usate, le
funzioni delle altre sono comunque facilmente intuibili.

TIPO:
da qui dobbiamo scegliere il tipo di riempimento sfumato, sono
presenti le voci Lineare, Radiale, Conico e Quadrato.

ANGOLO:
il valore dell'angolo stabilisce l'inclinazione della sfumatura, il
suo valore è definito in senso antiorario, per cui con un angolo di
90° si avrà una sfumatura dall'alto verso il basso.

FUSIONE COLORE:
qui selezioniamo i colori che dovranno essere usati all'interno del
riempimento, se l'angolo è di 90° il colore Da: si troverà nella
parte inferiore ed il colore A: nella parte superiore. Possiamo poi
impostare il lato di maggiore sfumatura del riempimento agendo sull'
34 di 45
opzione Punto mediano.

Dopo aver impostato tutte le opzioni per il riempimento, applichiamole


al rettangolo cliccando su OK, otterremo il risultato seguente:

Adesso seguiamo la stessa procedura anche per l'ellisse, con la


differenza che l'angolo della sfumatura dovrà essere circa uguale
all' angolo di inclinazione dell' ellisse ed i due colori del
riempimento dovranno essere invertiti.

Per finire aggiungiamo il testo al centro degli oggetti usando lo


Strumento testo

ecco che abbiamo ottenuto il pulsante finito.

© Stefano Cudini

« indice

17. Riempimento A Reticolo

Il Riempimento a reticolo è uno degli strumenti più particolari di


CorelDRAW ed è presente solo nelle versioni più recenti. Questa

35 di 45
funzionalità è utile nei casi in cui il riempimento di uno stesso
oggetto deve avere delle sfumature di diverso colore e intensità,
l'immagine che segue è un esempio di utilizzo:

come possiamo vedere la pietra ha un aspetto molto irregolare per cui


le sfumature delle ombre e le diverse tonalità di colore dovranno
essere posizionate manualmente nelle zone più adatte. Se avessimo
usato un semplice riempimento a Gradiente radiale, il risultato
sarebbe stato molto peggiore e poco realistico.

Lo strumento che ci permette di applicare il Riempimento a reticolo è


lo Strumento riempimento reticolo interattivo, presente nella
Bandierina riempimento interattivo.

Adesso procediamo alla creazione della figura di esempio, cominciamo


col disegnare un ellisse con lo Strumento ellisse, poi clicchiamoci
sopra con il tasto destro e selezioniamo dal menù a comparsa la voce
Converti in curve, in modo da modellare i singoli nodi dell'oggetto.

Attiviamo poi lo Strumento di modellazione, raggiungibile dalla


Bandierina strumenti di modellazione

adesso dobbiamo aggiungere qualche nodo al nostro ellisse, facciamo


doppio click sul perimetro dell'oggetto quando sul cursore appare una
sinusoide, come in figura.

36 di 45
Per dare all'oggetto un aspetto irregolare, come quello di una pietra,
spostiamo uno per uno i nodi che abbiamo aggiunto prima, trascinandoli,
otterremo una figura simile a questa:

ora dobbiamo solo aggiungere il Riempimento a reticolo; quindi


selezioniamo lo Strumento riempimento a reticolo e nella Barra
proprietà impostiamo i valori dell' opzione Dimensione griglia entrambi
a quattro.

Vedremo comparire sopra il nostro oggetto delle linee tratteggiate e


dei nodi nei punti in cui si intersecano. Per applicare le diverse
sfumature di riempimento all' interno della pietra trasciniamo con il
cursore i colori della tavolozza

sopra il nostro oggetto e rilasciamo il pulsante quando sul cursore


appare un quadrato colorato, come in figura:

continuiamo fino a quando l'intera pietra è colorata e facciamo


attenzione ad aggiungere i colori più scuri nella parte ombrosa.

37 di 45
© Stefano Cudini

« indice

18. Finestra Di Gestione Degli Oggetti

La Finestra mobile Gestore oggetti è una delle funzionalità più usate


quando si lavora ad un disegna composto da un gran numero di oggetti,
essi possono essere oggetti singoli, raggruppati tra loro, bloccati o
nascosti sotto altri oggetti, per cui a volte questa finestra mobile è
il solo mezzo che abbiamo per selezionare l'oggetto che ci interessa e
renderlo attivo per modificarlo.
Solitamente la Finestra mobile Gestore oggetti è visibile di default
nel lato destro della finestra principale, se così non fosse, andiamo
ad attivarla dal percorso di menù: Finestra - Finestre mobili - Gestore
oggetti, vedremo quindi la seguente figura.

Come molti programmi di grafica CorelDRAW ha una gestione a livelli del


disegno su cui lavoriamo, questo significa che un primo criterio di
raggruppamento degli oggetti è quello di inserirli tutti nello stesso
livello attivo, successivamente sarà possibile anche rendere invisibile
tale livello per cui riusciremo a gestire con facilità anche progetti di
grandi dimensioni composti da un' infinità di oggetti diversi.
Come si può osservare dalla figura precedente il Gestore oggetti è
organizzato in righe e colonne, ogni colonna rappresenta una diversa
modalità che possiamo applicare ad un livello, sulle righe invece all'

38 di 45
interno di ogni livello sono visibili gli oggetti ed gruppi di oggetti,
il loro ordine nella finestra rispecchia l'ordine di visualizzazione sul
foglio e come si può vedere dalla figura seguente l'oggetto evidenziato
nella finestra è l'oggetto attivo.

Un documento realizzato in CorelDRAW oltre ad una gestione a livelli,


consente anche una suddivisione in più pagine, ogni pagina può contenere
uno ò più livelli e ogni livello può contenere uno o più oggetti o
gruppi di oggetti. Ogni pagina presente in un progetto è selezionabile
dalla Finestra del Gestore oggetti ed anche con un'altro strumento, il
Navigator del documento situato nella parte inferiore sinistra dell'area di
lavoro, che consente di spostarsi tra le pagine oppure aggiungere nuove
pagine al progetto, questo facilità la gestione di pubblicazioni anche
molte estese.

Per capire meglio in che modo CorelDRAW gestisce un documento e gli oggetti
che lo compongono, osserviamo con attenzione lo schema seguente che
fornisce alcuni esempi di modalità di ogni oggetto:
finestra di gestione degli oggetti
sulla destra è presente la relativa rappresentazione all'interno del
Gestore Oggetti, notiamo anche che al suo interno ogni oggetto è fornito di
una descrizione standard che consente di conoscere ogni sua proprietà,
questa funzione può essere attivata con il pulsante Mostra proprietà
situato in alto nella finestra.

Come si vede all' interno della finestra mobile, il livello attivo è quello
di colore rosso, per cui se ora andiamo a disegnare un qualsiasi oggetto
sul
foglio, esso verrà inserito in questo livello. Come si può notare la
modalità di visibilità è applicabile soltanto ai livelli, quindi se
vogliamo rendere non visibile un oggetto dobbiamo trascinarlo (dall'
interno del Gestore oggetti) in un livello invisibile. Se vogliamo
aggiungere un nuovo livello all'interno della pagina attiva usiamo il
pulsante Nuovo livello, posto in basso a sinistra nella finestra mobile.

Tutte le funzionalità della Finestra Gestore oggetti sono raggiungibili


anche dall'apposito pulsante Opzioni Gestore oggetti posto in alto a destra

cliccando sopra questo pulsante verrà visualizzato un menù a comparsa


contenente tutte le voci fin qui viste.

39 di 45
© Stefano Cudini

« indice

19. Allineamento E Distribuzione Di Oggetti

Le funzionalità che vedremo di seguito sono usate nella fase di


inserimento degli oggetti all'interno di un progetto.
Sia l' allineamento che la distribuzione degli oggetti (solo gli oggetti
attivi, cioé selezionati) possono essere applicate con l'utilizzo della
Finestra allinea e distribuisci, presente sulla Barra proprietà nel
momento in cui vengono selezionati almeno due oggetti separati.

Una volta premuto il pulsante apparirà la Finestra che ci interessa.


Come possiamo vedere dalla figura seguente, la finestra, è composta da
due parti, ognuna delle quali ha diverse opzioni.

Adesso andiamo a disegnare alcuni oggetti di forme diverse per poi


allinearli e distribuirli in vari modi.
Selezioniamo lo Strumento rettangolo presente sulla Casella degli
strumenti e trasciniamo il cursore per tracciare qualche rettangolo di
dimensioni simili, facciamo lo stesso con lo Strumento ellisse,
anch'esso presente nella Casella degli strumenti, otterremo un insieme
di oggetti simile al seguente:

40 di 45
selezioniamo poi tutti gli ellissi riquadrandoli con il cursore, apriamo
la Finestra allinea e distribuisci ed attiviamo l'opzione "Al centro"
presente in alto, clicchiamo sul pulsante Applica e Chiudi, come
possiamo vedere tutti gli oggetti selezionati ora sono allineati tra
loro secondo i loro assi verticali.

Selezioniamo ora tutti gli oggetti rettangolo e nella Finestra allinea e


distribuisci attiviamo entrambe le opzioni "Al centro", sia quella in
alto che quella a sinistra, come vediamo ora tutti i rettangoli sono
allineati rispetto al loro centro.

Proviamo adesso a distribuire un insieme di oggetti secondo un asse.


Spostiamo prima di tutto l'ultimo ellisse in basso, verso destra facendo
in modo che gli assi verticali degli ellissi non coincidano più come in
precedenza

41 di 45
poi selezioniamo tutti e tre gli ellissi e nella Finestra allinea e
distribuisci (alla sezione Distribuisci) attiviamo le opzioni:
"Al centro" presente in alto e l'opzione "In basso" situata a sinistra
della finestra, otterremo l'insieme di ellissi, distribuiti come nella
seguente figura:

come possiamo osservare gli spazi che li separano verticalmente rispetto


al loro punto più basso, sono uguali ed anche le distanze tra i loro assi
verticali sono uguali.

42 di 45
© Stefano Cudini

« indice

20. Ordinamento Di Oggetti

In CorelDRAW gli oggetti presenti in una immagine sono organizzati in


diversi strati, cioé ogni oggetto può trovarsi davanti o dietro agli
altri, disegniamo ad esempio alcuni oggetti di colore e diverso, con lo
Strumento ellisse e lo Strumento rettangolo, raggiungibili dalla Casella
degli strumenti.

Dopo aver tracciato gli oggetti, apriamo la Finestra mobile Gestore


oggetti, raggiungibile dal menù: Finestra - Finestre mobili - Gestore
oggetti.
Come possiamo vedere dall' immagine seguente l'ordinamento di ogni
oggetto rispetto agli altri rispecchia l'ordinamento degli oggetti nella
finestra mobile.

Proviamo ora a cambiare l'ordinamento di un oggetto, selezioniamo con il


cursore l'ellisse giallo.

43 di 45
Clicchiamo poi con il tasto destro, sopra all'oggetto, verrà visualizzato
il menù a comparsa, in cui scegliamo la voce Ordina, avremo quindi a
disposizione tutte le funzioni per l'ordinamento degli oggetti

selezioniamo la voce "Porta sopra"; il risultato è che l' ellisse giallo


adesso si trova davanti al rettangolo rosso e sempre dietro all' ellisse
blu.
Oltre a spostare l'ordine di un oggetto rispetto alla sua posizione
possiamo spostarlo anche rispetto alla posizione di un' altro oggetto,
per fare questo, selezioniamo ad esempio l' ellisse blu che si trova
davanti a tutti, poi dal menù ordina selezioniamo la voce "Dietro...", a
questo punto il cursore si trasformerà in una grossa freccia nera che ci
consente di selezionare l'oggetto di riferimento per lo spostamento:

andiamo quindi a selezionare l' ellisse giallo, otterremo adesso (come in


figura 2) che l'ellisse blu si trova dietro a quello giallo e davanti al
rettangolo.
Un' altra funzione utile è quella che consente di invertire l'ordine
degli
oggetti selezionati

riquadrandoli selezioniamo i tre oggetti e dal menù Ordina selezioniamo


la voce "Inverti ordine", come possiamo vedere ora gli oggetti si trovano
nell' ordine di visualizzazione opposto.

44 di 45
© Stefano Cudini

valid XHTML

45 di 45