Sei sulla pagina 1di 10

(dal termine latino hroscopus, a sua volta proveniente dal greco hroskpos, composto di (hra), durata di tempo, e (skop),

p), osservare) l'interpretazione astrologica della posizione degli astri al momento in cui si verifica un qualsiasi evento. L'arte divinatoria di produrre un oroscopo si chiama oroscopia.

La sfera di cristallo, talvolta chiamata anche palla di cristallo, uno strumento che alcuni chiaroveggenti, indovini e medium adoperano in quanto lo ritengono in grado di aiutarli ad esercitare le proprie pratiche. Si tratta di un oggetto sferico di materiale cristallino pi o meno trasparente (cristalli artificiali o spesso cristalli di rocca, ovvero quarzi ialini) e pu essere pieno o, molto pi raramente, cavo. La pratica che utilizza questo strumento a scopo divinatorio la cristallomanzia.

un metodo di divinazione effettuato tramite la consultazione di un mazzo di carte che possono essere tarocchi, carte italiane (da briscola), carte cosiddette francesi (da poker), o speciali carte illustrate dette Sibille.

l'arte di descrivere la personalit e prevedere il destino di un individuo attraverso lo studio del palmo della sua mano. La parola deriva dal greco " (cheiromantia)", composto da " (chir)", "mano" e " (mantia)" "divinazione". La pratica anche conosciuta come lettura della mano. Il praticante della chiromanzia chiamato chiromante, chirologo o lettore della mano. La chiromanzia, universalmente considerata una pseudoscienza, si divide in due discipline principali: la chirologia, che si occupa dello studio delle linee del palmo, e la chirognomia, che si occupa dello studio della forma della mano.

la previsione meteorologica o previsione del tempo l'applicazione della scienza e della tecnologia per predire lo stato dell'atmosfera (tempo atmosferico) in un tempo futuro ed in una data localit. Gli esseri umani tentano di predire il tempo informalmente da millenni, e formalmente almeno dal XIX secolo. Le previsioni del tempo si effettuano a partire dalla raccolta di dati quantitativi sullo stato attuale dell'atmosfera (situazione) ed utilizzando la comprensione scientifica dei processi atmosferici per stimare l'evoluzione dell'atmosfera (prognosi).

un metodo di divinazione effettuato tramite la lettura dei fondi di caff. Il caff il cosiddetto caff turco, ottenuto da una miscela di polvere finissima di caff e acqua. Si beve la sola parte liquida del caff, lasciando sul fondo della tazzina i residui della miscela. A questo punto il bevitore chiude la tazzina col il piattino rovesciato appoggiandovi sopra le dita della mano e compiendo delle brevi rotazioni della tazzina, mentre si concentra sugli aspetti che desidera conoscere. Quando si sente pronto, capovolge la tazzina e il piattino sul tavolo. Quando il fondo della tazzina sufficientemente freddo si ribalta la tazzina e si procede alla lettura. Il metodo pi diffuso legge solo le figure che si sono disegnate all'interno della tazzina. Queste rappresentano il futuro. I residui scivolati nel piattino, invece, rappresentano la situazione attuale Le figure si distinguono in: positive, quelle chiare negative, quelle scure e dense L'individuazione del soggetto rappresentato dalle figure deve essere un procedimento spontaneo e deve richiamare alla mente l'immagine della figura nella sua realt. I numeri che si sono formati indicano il tempo (ore, giorni, mesi, anni) entro il quale si verificheranno gli eventi. A volte il numero pu indicare il numero delle persone coinvolte.

(dal greco rbdos=bastone) Divinazione praticata per mezzo di un bastone (di solito un ramo a forcella). Ha un origine antichissima ma le notizie in nostro possesso partono dal Cinquecento, quando, in Germania, essa veniva utilizzata nelle miniere per scoprire filoni di carbone. In seguito fu utilizzata soprattutto per scoprire le sorgenti di acqua.

(dal greco nkros) Divinazione praticata per mezzo dell'evocazione dei defunti.

1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24. 25. 26.

ACHILLEOMANZIA ACUTOMANZIA AEROMANZIA AGALMATOMANZIA AIGOMANZIA ALETTRIOMANZIA ALEUROMANZIA ALOMANZIA AMNIOMANZIA AMNOSCOPIA ANAGRAMMATOMANZIA ANEMOMANZIA ANTROPOMANZIA APANTOMANZIA ARACNOMANZIA ARITMOMANZIA ASSINOMANZIA ASTRAGALOMANZIA BATRACOMANZIA BELOMANZIA BIBLIOMANZIA BOSTRICOMANZIA BOTANOMANZIA BROCOMANZIA BRONTOMANZIA CAFFEOMANZIA

27. 28. 29. 30. 31. 32. 33. 34. 35. 36. 37. 38. 39. 40. 41. 42. 43. 44. 45. 46. 47.

CAPNOMANZIA CAROMANZIA CARTOMANZIA CATOPTROMANZIA CEFALOMANZIA CEROMANZIA CHELONIOMANZIA CHIAMBOLIA CHIROMANZIA CHITONOMANZIA CINOMANZIA CLEDONOMANZIA CLEIDOMANZIA CLEROMANZIA COCCHIGOMANZIA CODONOMANZIA CORACOMANZIA COSCINOMANZIA CRISTALLOMANZIA CUBOMANZIA DATTILOMANZIA

48. 49. 50. 51. 52. 53. 54. 55. 56. 57. 58. 59. 60. 61. 62. 63. 64. 65. 66. 67. 68. 69. 70. 71. 72. 73. 74. 75. 76. 77. 78. 79. 80. 81. 82. 83. 84.

DATTILOSCOPIA 85. OMOMANZIA DEMONOMANZIA 86. ONICOMANZIA DENDROMANZIA 87. ONIROMANZIA EMPIROMANZIA 88. ONOMATOMANZIA EPATOSCOPIA 89. OOMANZIA ESTISPICIO 90. ORNITOMANZIA FABANOMANZIA 91. PALAMOMANZIA FILLOMANZIA 92. PALMOMANZIA GAROSMANZIA 93. PARTENOMANZIA GASTROMANZIA 94. PEGOMANZIA GEDUIMANZIA 95. PIROMANZIA GEMMOMANZIA 96. RABDOMANZIA GENOMANZIA 97. SAUROMANZIA GEOMANZIA 98. SIDEROMANZIA GEOSCOPIA 99. SPODOMANZIA GIROMANZIA 100. SPONDILOMANZIA IDATOSCOPIA 101. TERATOMANZIA IDROMANZIA 102. TRAUMATOMANZIA IPPOMANZIA 103. TURIFUMANZIA LAMPADOMANZIA 104. VITROMANZIA LECANIOMANZIA 105. ZOOMANZIA LIBANOMANZIA LICOMANZIA LITOBOLIA LITOMANZIA LOGARITMOMANZIA MELANOMANZIA MELOMANZIA MENOMANZIA METEOROMANZIA MOLIBDOMANZIA NECHIOMANZIA NECROMANZIA NEFELIMANZIA OCULOMANZIA OFIMANZIA OICOMANZIA Fonte: http://digilander.libero.it/dioraggiante/7libro.html

ll termine profeta deriva dal tardo latino prophta, ricalcato sul greco antico (proftes), che parola composta dal prefisso - (pro, "davanti, prima") e dal verbo (fem, "parlare, dire"); letteralmente quindi significa "colui che parla davanti", sia nel senso di parlare "pubblicamente" (davanti ad ascoltatori), sia in quello di parlare "prima" (anticipatamente sul futuro). Nell'accezione originaria, i profeti sono figure tipicamente religiose, ispirate dalla divinit e che parlano in suo nome, annunciandone la volont e talvolta predicendo il futuro. Il riferimento pi comune ai profeti ebraici e cristiani dell'Antico Testamento, ma quando si parla del "Profeta" senza ulteriori specificazioni si intende indicare Maometto, l'ultimo dei profeti secondo l'Islam. Attualmente il linguaggio comune evidenza soprattutto l'aspetto di previsione del futuro e minimizza l'elemento religioso, per cui spesso lo si utilizza come un sinonimo di chiaroveggente o di indovino, se non addirittura di mago od occultista, volendo comunque indicare chiunque fornisca: 1. informazioni o previsioni 2. pi o meno attendibili 3. su qualcosa che non ancora successo.

Il significato della parola ebraica nab indica chiamare, nominare. Da qui risulterebbe che il profeta colui che stato chiamato per una determinata missione, che ha ricevuto una vocazione particolare in vista di un incarico prestabilito. In quanto depositario e mediatore della parola di Dio il profeta rimane essenzialmente luomo caratterizzato da duplice relazione:

Io sono un profeta, e Dio mi ha detto che ti dica che

la fedelt a Dio, il mandatario e il Signore della parola; la fedelt alluomo, il destinatario della parola.

La sua fedelt, limpegno dellintera personalit e fondamentalmente lamore appassionato rapiscono la sua vita, in pi delle volte costituiscono il suo tormento. Proclamare la parola senza compromessi, vivere contro-corrente senza alienarsi, senza scappare, senza rinunciare a nessuna delle due relazioni la richiesta quotidiana e anche la sfida e sofferenza quotidiana del profeta. Il profeta dunque messaggero, che esegue il mandato di trasmettere ad altri la parola che ha ricevuto da Dio. Una delle espressioni della sua missione di messaggero di Dio la cosiddetta formula del messaggero, cos dice il Signore, che si incontra spessissimo negli scritti profetici. Questa formula ha forza di legittimazione della figura del messaggero stesso in quanto inviato da un Altro; esprime che le parole delloracolo che seguiranno non sono le parole delluomo, Amos, Geremia ma le parole di Dio. La funzione del profeta , essendo un chiamato, non svolta secondo le regole ereditarie o di appartenenza ad una scuola (Am 7,14-15 non sono profeta, n figlio di profeta; io sono mandriano e incisore di sicomori). Il fondamento della personalit e della missione profetica risiede interamente in colui che lo chiama. Il profeta viene rapito da Dio, sradicato dalle sue occupazioni abituali (Amos il Signore mi ha preso da dietro il gregge), conquistato da Dio, a prescindere dalla sua collocazione geografica, familiare o predisposizione caratteriale, e destinato ad incarnare la parola di Dio destinata al popolo, portarla nel proprio corpo, assimilarla con ogni sua dolcezza e amarezza. Questo rapimento divino, la forza che afferra il profeta e lo consuma come fuoco dal di dentro (Ger 20,9) fa s che egli si sente vinto, costretto quasi ad annunciare la parola (Am 3,8) e subirne le conseguenze .

[Costituzione Dei Verbum 12] Dio

ha parlato nella Sacra Scrittura per mezzo di uomini e alla maniera Il profeta percepito come un umana. Il desiderio divino di comunicazione personaggio scomodo per la grande con lumanit traspare dalle prime pagine della parte dei suoi uditori. Non viene Bibbia, dal primo momento della storia accettato il suo esigente messaggio di delluomo, e cio dalla creazione. A differenza prendere sul serio Dio in tutte le sfere di qualsiasi altro essere creato luomo ha il della vita della comunit. scomodo privilegio e la capacit di essere linterlocutore mettersi in questione, rinunciare alla del Creatore. comodit e alla quiete di certezze e di Fin dal racconto della creazione si narra che Dio sicurezze acquisite. pi facile crea luomo come suo interlocutore e da quel accontentarsi dellimmagine di Dio momento Dio non smette di parlare con lontano e inerte, pi facile costruirsi lumanit. (Es 33,11 riporta la figura di Mos con il unimmagine di Dio conforme alla nostra quale Dio parlava faccia a faccia, come un uomo stessa immagine. parla con un suo amico.) Il profeta rifiutato dal potere politico e religioso che del Re i falsi profeti, Dopo la morte preferisce Salomone il regno che preferisce le parole di il Regno di Giuda dIsraele si divise in due parti:rassicurazione e Regno di Israele. In questo periodo e il non di richiamo alla conversione. Per si questo anche il potere si la corruzione, diffondo in maniera forte: rivolge contro il gli profeta: Amos viene Sorgono con la intrighi, l'idolatria... cacciato viain questa proibizione di profetizzare Betel (Am situazione i PROFETI, uomini aposseduti dalla 7,12-13); Geremia viene fustigato ed Parola, uomini che si dedicano interamente al esposto alla gogna dal capo del tempio servizio della Parola, uomini che incarnano la (Ger 20,2); Zaccaria non un negli atri parola di Dio. Il profeta lapidato indovino, ma del tempio (2Cr nome di colui che parla in 24,17-22).Dio e fa della sua stessa vita un messaggio da leggere e interpretare.