Sei sulla pagina 1di 68

LA FILOLOGIA GERMANICA

Sommario
1. 1.1. 1.2. 2. 2.1. 2.2. Introduzione .................................................................................................................................... 6 Definizione della disciplina...................................................................................................... 6 Schizzo di storia della filologia germanica ............................................................................. 6 Il Germanesimo ............................................................................................................................... 7 Il Concetto di germanesimo .................................................................................................. 7 Problemi metodologici nella ricostruzione e definizione dellunit culturale germanica 7

2.2.1. Fonti storiche ............................................................................................................................ 7 2.2.2. Fonti Archeologiche ................................................................................................................ 8 2.2.3. Lonomastica germanica negli autori classici ...................................................................... 9 2.2.4. La scrittura runica ................................................................................................................. 10 2.2.5. La ricostruzione linguistica .................................................................................................. 11 2.3. Comparazione delle fonti ............................................................................................................ 13 3. Lunit culturale germanica ............................................................................................................... 14 3.1. Valutazione dei documenti storici e letterari ........................................................................... 14 3.2. La religione germanica ................................................................................................................ 15 3.2.1. Le testimonianze di Cesare e Tacito.................................................................................... 15 3.2.2. Odino ....................................................................................................................................... 15 3.2.3. Thor ......................................................................................................................................... 15 3.2.4. Tr ............................................................................................................................................ 15 3.2.5. I Vani ....................................................................................................................................... 16 3.2.6. Problemi di interpretazione ................................................................................................. 16 3.2.7. Elementi caratteristici della religione germanica .............................................................. 17 3.3. La societ germanica .................................................................................................................... 18 3.3.1. Limiti della ricostruzione ..................................................................................................... 18 3.3.2. La famiglia .............................................................................................................................. 18 3.3.3. Il comitatus ......................................................................................................................... 19 3.3.4. Levoluzione della societ germanica ................................................................................. 19 3.3.5. Classi sociali ........................................................................................................................... 20 3.4. Formazione dellunit culturale germanica .............................................................................. 20 3.4.1. Relativit del concetto di unit culturale germanica ........................................................ 20 3.4.2. Momenti di aggregazione .................................................................................................... 21 La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 1

3.4.3. Aree culturali nel mondo germanico .................................................................................. 22 4. Lunit linguistica germanica ............................................................................................................ 23 4.1. Il protogermanesimo .................................................................................................................... 23 4.1.2. Tipi di descrizione del protogermanesimo ........................................................................ 23 4.1.3. Caratteristiche indoeuropee ................................................................................................. 24 4.1.4. Caratteristiche esclusive ....................................................................................................... 24 4.2. Periodizzazione del protogermanico ......................................................................................... 27 4.2.1. Cronologia relativa ................................................................................................................ 27 4.2.2. Cronologia assoluta. Datazione della rotazione consonantica........................................ 27 4.3. Il germanico e la preistoria linguistica dellEuropa ................................................................. 28 4.3.1. Isoglosse lessicali del germanico con le lingue dellEuropa occidentale ....................... 28 4.3.2. Problemi metodologici nellanalisi delle relazioni lessicali tra il germanico e le altre lingue ...................................................................................................................................................... 29 4.3.3. La formazione dellunit linguistica germanica................................................................ 29 4.4. Dal protogermanico alle lingue germaniche ............................................................................ 29 4.4.1 Impostazione metodologica del problema ......................................................................... 29 4.4.2. Isoglosse parziali tra le lingue germaniche ........................................................................ 30 4.4.3. La suddivisione delle lingue germaniche .......................................................................... 30 5. Il gotico.................................................................................................................................................. 32 5.1. I Goti e Wulfila .............................................................................................................................. 32 5.1.1. La traduzione della Bibbia ................................................................................................... 32 5.1.2. La storia dei Goti ................................................................................................................... 32 5.1.3. Wulfila ..................................................................................................................................... 32 5.1.4. La lingua della Bibbia gotica ................................................................................................ 33 5.2. Documenti della lingua gotica .................................................................................................... 33 5.2.1. Le iscrizioni runiche .............................................................................................................. 33 5.2.2. La tradizione manoscritta ..................................................................................................... 33 5.3. La Lingua gotica ........................................................................................................................... 34 5.3.1. Il sistema grafico fonologico ................................................................................................ 34 5.3.2. Valore fonetico e fonologico dei grafemi gotici................................................................. 34 5.3.3. Caratteristiche morfologiche ................................................................................................ 35 5.3.4. Caratteristiche sintattiche ..................................................................................................... 35 5.3.5. Il lessico ................................................................................................................................... 35 5.4. La sopravvivenza della tradizione gotica ................................................................................. 35 5.4.1. Il gotico nel mondo occidentale ........................................................................................... 35 5.4.2. Il gotico di Crimea ................................................................................................................. 36 La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 2 6. Langlosassone ..................................................................................................................................... 37

6.1. Le origini della cultura anglosassone ........................................................................................ 37 6.1.1. La conquista e il mondo celtico ........................................................................................... 37 6.1.2. La conversione ....................................................................................................................... 37 6.1.3. La vita culturale dellVIII secolo.......................................................................................... 38 6.1.4. Lepoca di Alfredo ................................................................................................................. 39 6.1.5. La rinascita benedettina ........................................................................................................ 39 6.2. La letteratura anglosassone ......................................................................................................... 40 6.2.1. Primi testi ................................................................................................................................ 40 6.2.2. Documentazione scritta della poesia anglosassone ......................................................... 40 6.2.3. Motivi ispiratori ..................................................................................................................... 40 6.2.4. Cynewulf e la sua scuola .................................................................................................. 41 6.2.5. Il Linguaggio poetico ............................................................................................................ 41 6.2.6. Linflusso latino ..................................................................................................................... 42 6.2.7. Linflusso scandinavo ........................................................................................................... 42 6.3. La Lingua anglosassone............................................................................................................... 43 6.3.1. I dialetti anglosassoni............................................................................................................ 43 6.3.2. Il sistema grafico-fonologico ................................................................................................ 43 6.3.3. Evoluzione fonologica dal germanico allanglo-sassone ................................................. 44 6.3.4. Caratteristiche morfologiche ................................................................................................ 44 6.3.5. Caratteristiche sintattiche ..................................................................................................... 44 7. Il tedesco antico ................................................................................................................................... 46 7.1. Confini della tradizione culturale tedesca antica ..................................................................... 46 7.1.1. Teudisca lingua ...................................................................................................................... 46 7.1.2. Suddivisione dei dialetti tedeschi antichi .......................................................................... 46 7.1.3. La cristianizzazione della Germania................................................................................... 47 7.1.4. La politica culturale di Carlo Magno .................................................................................. 48 7.1.5. La rinascita ottoniana ............................................................................................................ 49 7.2. La tradizione scritta...................................................................................................................... 49 7.2.1 Frammentariet della documentazione............................................................................... 49 7.2.2. Poesia in versi allitteranti ..................................................................................................... 50 7.2.3. Letteratura di traduzione ..................................................................................................... 50 7.2.4. Poesia in rima ......................................................................................................................... 50 7.3. Lantico alto tedesco ..................................................................................................................... 51 7.3.1. Pluralit dialettale nellambito del tedesco antico ............................................................ 51 7.3.2. Stratificazioni diacroniche .................................................................................................... 51 7.3.3. Linflusso del latino. Prestiti e calchi .................................................................................. 51 La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 3

7.3.4. Il sistema grafico fonologico dellantico alto tedesco ....................................................... 52 7.3.5. Evoluzione fonologica dal germanico allantico tedesco ................................................. 52 7.3.6. Caratteristiche morfologiche ................................................................................................ 53 7.3.7. Caratteristiche sintattiche ..................................................................................................... 53 8. Il frisone ................................................................................................................................................ 55 8.1. Confini della tradizione culturale frisone ................................................................................. 55 8.2. Origini della civilt frisone.......................................................................................................... 55 8.3. Documenti letterari ...................................................................................................................... 55 8.4. La lingua frisone ........................................................................................................................... 56 8.4.1. La lega linguistica ingevone................................................................................................. 56 8.4.2. Elementi fonologici caratteristici del frisone ..................................................................... 56 9. Lantico nordico ................................................................................................................................... 57 9.1. Conservativit del mondo nordico ............................................................................................ 57 9.1.2. Suddivisione cronologica dellantico nordico ................................................................... 57 9.2. Le origini della cultura islandese ............................................................................................... 57 9.2.1. I vichinghi. La colonizzazione dellIslanda ....................................................................... 57 9.2.2. La conversione ....................................................................................................................... 58 9.3. La tradizione letteraria................................................................................................................. 58 9.3.1. LEdda .................................................................................................................................... 58 9.3.2. La poesia scaldica .................................................................................................................. 59 9.3.3. La tecnica poetica................................................................................................................... 59 9.3.4. La prosa ................................................................................................................................... 60 9.4. La lingua norrena ......................................................................................................................... 60 9.4.1. Sistema grafico-fonologico ................................................................................................... 60 9.4.2. Evoluzione fonologica dal germanico allantico nordico ................................................ 60 9.4.3. Caratteristiche morfologiche ................................................................................................ 61 9.4.4. Caratteristiche sintattiche ..................................................................................................... 61 10. I Germani in Italia.............................................................................................................................. 63 10.1. Il superstrato germanico ............................................................................................................ 63 10.1.1. Un problema di interferenza .............................................................................................. 63 10.1.2. Fonti e metodologia di ricerca ........................................................................................... 63 10.2. Gli stati germanici in Italia. Cenni storici ................................................................................ 64 10.2.1. I primi insediamenti ............................................................................................................ 64 10.2.2. Odoacre ................................................................................................................................. 64 10.2.3. Gli Ostrogoti ......................................................................................................................... 64 10.2.4. I Longobardi ......................................................................................................................... 65 La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 4

10.3. Aspetti culturali del germanesimo in Italia ............................................................................ 65 10.3.1. Gli Ostrogoti ......................................................................................................................... 65 10.3.2. I Longobardi ......................................................................................................................... 66 10.4. Tracce linguistiche del germanesimo in Italia ........................................................................ 66 10.4.1. La lingua dei Goti ................................................................................................................ 66 10.4.2. La lingua dei Longobardi ................................................................................................... 67

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 5

1.
1.1.

Introduzione
Definizione della disciplina

Si pu definire filologia germanica quella scienza che studia ed interpreta le testimonianze scritte di quelle civilt che hanno avuto comuni origini nel mondo germanico antico e come tali origini si riflettano nella loro evoluzione. Lelemento di studio di detta disciplina sono i testi scritti delle culture germaniche anche se i maggiori elementi di spunto per approcciare alla materia sono quelli composti nel medioevo (soprattutto tardo), in quanto la matrice puramente germanica di quelle lingue che oggi definiamo tali tanto pi evidente quanto pi ci si avvicina a allinizio dellera volgare. Le lingue germaniche che posseggono una documentazione antica rilevante sono: il gotico, lingua oggi estinta testimoniata nel IV-VI sec. d.C. e unica rappresentante delle lingue germaniche orientali; linglese, il tedesco, il nederlandese (olandese e fiammingo) e il frisone che costituiscono il gruppo germanico occidentale; lislandese, il norvegese, lo svedese e il danese che formano il gruppo germanico settentrionale. Oggetto dello studio sono gli elementi comuni che consentono di individuare in queste lingue origini culturali comuni, che vengono definite appunto germaniche, ma sar anche materia di indagine il diverso modo in cui tali civilt entrarono in contatto con il mondo europeo non germanico (quindi latino-cristiano) accogliendone gli apporti culturali. La filologia germanica va dunque vista sotto unottica interdisciplinare, in quanto i testi studiati non devono essere studiati solo come fine a s stessi, ma nellambito del contesto culturale coevo.

1.2.

Schizzo di storia della filologia germanica

Linteresse per le antichit germaniche inizia a svilupparsi gi nellUmanesimo (1300) e durante la Riforma: nel 1455 venne riscoperta la Germania di Tacito (98 d.C. ca.) e quasi contemporaneamente part lo stimolo negli umanisti tedeschi di saperne di pi sulle loro origini. Solo pi tardi per, e principalmente fra il XVI e XVII secolo in Olanda, si avvi la vera ricerca filologica delle opere. Attorno alla fine del 1500 Justus Lipsius pubblic la versione dei Salmi in basso francone (prima testimonianza di lingua olandese) e a Franciscus Junius si deve la pubblicazione del Codex Argentus della Bibbia gotica. Una vera e propria nascita della filologia germanica come scienza, e della filologia in generale, avvenne per solo nellOttocento con la scoperta romantica del senso delle origini e della storia e con limpostazione di un atteggiamento scientifico per losservazione dei fenomeni letterari e linguistici. Linvenzione di un metodo rigoroso per la ricostruzione storica e lettura dei testi antichi va attribuita a Lachmann, e coincide con la nascita della grammatica comparativa e lenunciazione scientifica delle leggi sullevoluzione fonetica. Jacob Grimm con la sua Deutsche Grammatik (1819) diede la prima esposizione scientifica dei fenomeni linguistici comuni a tutte le tradizioni germaniche e pi in l nello stesso secolo vennero pubblicate altre grammatiche del germano comune e delle singole lingue germaniche. Molti studiosi si spinsero pi in l della semplice ricerca scientifica. H. Paul ad esempio fond il Grundriss der Germanischen Philologie che era un compendio dello stato degli studi concernenti vari campi di Germanistica, vennero pubblicate preziose edizioni critiche allo studio filologico dei testi antichi e pi in l vennero realizzate anche numerose opere specifiche dedicate alla metrica, lepica, la religione e alcuni dizionari che vengono aggiornati sino ad oggi. Lera contemporanea predilige maggiormente dedicarsi alla stesura di opere lessicali, una su tutte il nuovo Dictionay of Old English, in preparazione a Toronto e favorito dal rinnovato interesse che ha avuto negli ultimi anni lo studio dei modelli stilistici della poesia anglosassone. La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 6

2.
2.1.

Il Germanesimo
Il Concetto di germanesimo

Quando parliamo di germanesimo ci riferiamo al concetto di appartenenza di determinate lingue ad uno stesso gruppo in base alla costatazione di elementi affini, mentre germanico tutto quanto si riferisce ad un contesto culturale caratterizzato e delimitato dalluso di tali lingue. Sono lingue germaniche linglese, il tedesco, il nederlandese, il frisone, il danese, lo svedese, il norvegese ed i loro dialetti. Ovviamente oggi queste lingue riescono ad essere anche molto diverse luna dallaltra, non a caso le prime attestazioni scritte di ognuna si spalmano nellarco di un millennio: la letteratura nordica comincia ad essere fissata attorno al XII-XIII secolo, i primi scritti inglesi e tedeschi sono dellVIII secolo, mentre gi nel IV secolo si hanno testimonianze delle lingue germaniche orientali (ad esempio la traduzione della Bibbia in gotico) e addirittura nel II-III era gi esistente la scrittura runica della Danimarca, Norvegia e Germania settentrionale. Le lingue attestate in questi documenti appaiono assai pi vicine fra loro di quanto non lo siano oggi e ci ci fa presupporre che in unepoca preistorica cio precedente a quella dei primi reperti scritti esistesse addirittura una lingua unica. Tale risultato fu una delle mete pi importanti per quegli studi condotti nellOttocento attraverso lattuazione del metodo storico-comparativo in base al quale si ricostruisce la preistoria di singole tradizioni linguistiche mediante la comparazione delle fasi documentate e lindividuazione dei mutamenti che caratterizzano il passaggio di ogni lingua da una fase allaltra della sua evoluzione. Tuttavia il germanico unitario non possiede alcuna documentazione contemporanea accertata come accade per i testi latini in riferimento alle lingue romanze; resta dunque unipotesi astratta e tale vaghezza affonda le sue radici nella visione che avevano gli antichi scrittori delle popolazioni germaniche stesse, la quale ci stata tramandata in maniera cos frammentaria e confusionale.

2.2. Problemi metodologici nella ricostruzione e definizione dellunit culturale germanica


In ogni studio filologico sono diverse le fonti che vanno prese in considerazione per avere una visione quanto pi chiara della nascita e dellevoluzione di una o pi lingue. Si va da fonti storiche, a quelle archeologiche ed infine linguistiche. Nel caso delle lingue germaniche tutte queste fonti hanno subito, come si gi detto, la storpiatura del tempo in cui sono state prodotte (soprattutto quelle storiche). 2.2.1. Fonti storiche Secondo gli antichi greci le popolazioni da loro poco conosciute del Nord Europa si dividevano in Celti a Ovest e Sciti a Est, e fu solo durante le invasioni dei Cimbri e Teutoni (II sec. a. C.) che queste iniziarono ad avere un qualche tipo di considerazione. La considerazione di questi popoli come Germani avviene per la prima volta nel De Bello Gallico (58-51 a.C.) di Giulio Cesare che tuttavia presentava molte lacune da un punto di vista dellaccuratezza socio-topografica. Innanzitutto le sue descrizioni erano condizionate dai suoi interessi politici e militari, egli infatti vedeva il Reno come una sorta di confine geografico nonch frontiera etnica fra Galli e Germani, facendo riferimento ai costumi di questi popoli posti al di l del Reno solo per differenziarli dai Galli. Nessunaccenno alla loro lingua. Fu solo allinizio dellera La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 7

volgare 1 che i contatti fra latini e Germani si accentuarono in maniera sempre maggiore, difatti fu proprio questo il periodo in cui vennero realizzati due importanti opere riportanti notizie fondamentali, da parte di Plinio e Tacito. Plinio milit nellesercito romano e conobbe direttamente la Germania. Mise per iscritto preziosi passi riguardo queste terre nella Naturalis Historia (23-79 d.C.), ma fu soprattutto in Tacito che inizi a trasparire una consapevolezza dellesistenza di popolazioni germaniche in quanto gruppi etnici e politici. Negli Annales e nelle Histori egli testimonia fin dagli inizio del I secolo la formazione di ampie coalizioni militari e politiche, e tali considerazioni sfoceranno addirittura in un trattatello, Germania (98 d.C.) che descrive una situazione con radici certamente antiche. Gi da questi testi traspare una coscienza tra le varie trib germaniche di profonda affinit e legami di tipo religioso e culturale in termini di compattezza e coerenza; ma la vera pecca delle opere di Tacito risiede nel fatto che man mano che ci si allontana geograficamente dal Reno le informazioni e le descrizioni diventano sempre pi frammentarie. Non del tutto certo anche il metodo utilizzato per classificare le varie trib, visto che si fa riferimento sia ad una sorta di ceppo genealogico unico per tutte queste, sia ad elementi quali istituzioni, costumi e lingue differenti per differenziarle. Interessante comunque il luogo comune tirato in ballo dallautore nel descrivere questi popoli sobri e semplici nel loro contatto con la natura diretta, fieri ed indipendenti, spunti per un esplicito rimando allattacco alla vita decadente e piena di vizi dei Romani suoi contemporanei. Come prevedibile, comunque, le fonti utilizzate dallautore risultano molto scarse, ma non essendo possibile fare molti raffronti con autori a lui contemporanei o antecedenti, molte delle lacune che i suoi testi presentano rimangono tali, e pure le notizie vanno prese con le molle. Utili in tal senso potrebbero essere delle opere di compilazione geografica (scadente in Tacito) come quelle di Strabone (I sec. a.C.) e Tolomeo (II sec. d.C.). A partire dal IV secolo, quando cio lImpero Romano inizia effettivamente a sgretolarsi, si fa pi frammentaria anche limmagine dei Germani negli autori greco-romani, e assieme allaffermarsi delle varie popolazioni che alternativamente invadevano quei territori una volta romani, si va perdendo anche quellidea di un popolo germanico unico ed unito. Si perde il concetto di germanesimo come unit etnica e culturale, ed il termine stesso Germani esce dalluso; ad esso verranno preferite denominazioni pi precise (Franchi, Alemanni, Goti, Vandali). I legami culturali che sussistono tra le popolazioni germaniche anche durante lepoca delle invasioni sfuggono al mondo romano e ci va aggiunto al fatto che gi la precedente considerazione dei Germani come unica popolazione non fosse scientificamente attestata e riconosciuta, quanto piuttosto un costrutto letterario-culturale. 2.2.2. Fonti Archeologiche Partendo dalla zona considerata da Cesare e Tacito come sede originaria dei Germani si potrebbe considerare lo studio dei reperti archeologici rinvenuti in loco per cercare di capire quanto le popolazioni che abitassero quelle lande potessero essere effettivamente unitarie. Fino agli anni 50 dello scorso secolo ha prevalso lipotesi di Gustav Kossinna, la quale per ha subito molte critiche e revisioni ultimamente, in quanto basata principalmente su fonti storiche (quindi poco attendibili). Kossinna infatti ammetteva linterpretazione classica del Germanesimo come unit etnica ben definita e ben confinata fra Danubio e Reno presupponendo una continuit territoriale, culturale e razziale tra le popolazioni preistoriche dellEuropa centrale ed i Germani di Tacito, intesi a loro volta come proto-tedeschi. Partendo proprio da alcune definizioni di Tacito che vedeva i Germani come indigeni, Kossinna ha ricercato le loro origini nella pi remota preistoria (II millennio a.C.) collocandoli geograficamente nella penisola dello Jutland (lodierna
1

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 8

Anno 0.

Danimarca e Germania del Nord). Il Germanesimo inteso come unit etnica, culturale e linguistica sarebbe nato dalla fusione tra i popoli creatori della cultura megalitica, presente gi nel neolitico nelle zone costiere dellEuropa Settentrionale, ed i portatori di una nuova cultura fino ad allora sconosciuta che prevedeva linumazione in tombe singole a tumulo e luso dellascia da guerra. Tale unit si sarebbe mantenuta fino allet del ferro quando inizi lespansione verso SE e SO per motivi associabili a variazioni climatiche. Le variazioni rispetto alla cultura originaria sarebbero dovute al contatto con altri popoli che, essendo a loro volta diversi fra loro, avrebbero portato alla differenziazione ed infine alla disgregazione delloriginaria unit. Larbitraria commistione del lato archeologico con quello storico rende comunque poco attendibile le teorie di Kossinna. Al fine di individuare una cultura germanica unica infatti gli archeologi non si affidano tanto alla remota preistoria, tendono piuttosto a concentrare la loro attenzione sulle singole culture dei primi secoli precedenti e susseguenti lepoca volgare. Si opera ad esempio distinguendo i reperti trovati allinterno della Germania rispetto a quelli di La Tne, una cultura dellet del ferro recente (VI-I sec. a.C.) che ha avuto fulcro nel sud della Gallia estendendosi dallItalia del nord fino allInghilterra del sud e Ungheria, generalmente associata al mondo linguistico celtico. Fino al I sec. a.C. infatti il Reno non costituisce il confine naturale che si supponga esser stato, in quanto reperti e strutture fra loro similari sono stati rinvenuti sia ad occidente che ad oriente del fiume. Tali caratteristiche comuni scompariranno nella regione a destra del fiume a partire dal I sec. a.C. a favore di una facies molto pi povera e rurale, orientata verso nord. Difatti, apparir completamente differente sia dalle regioni romanizzate che da quelle de tardo La Tne quellarea della Germania settentrionale nellera del primo volgare. Larea in questione comprende la Danimarca, la Germania a nord della Lippe, le coste scandinave e arriva fino in Polonia e distinguer almeno tre grandi gruppi di culture, differenziati per usi funerari. La cultura dei Germani dellElba, che dal bacino inferiore di questo fiume si espande a sud fino alla Moravia e al Danubio; quella di Przeworsk nelle zone dellOder e della Vistola (Slesia e Polonia SO), e quella dei Germani occidentali che si estendeva tra la Weser ed il Reno al Nord della Lippe. Unite alle culture baltiche, e pur non potendo essere ununica entit archeologica, queste culture potevano appartenere tuttavia ad ununica entit culturale per la presenza di alcune caratteristiche comuni, e non comuni ai territori limitrofi. Questa molteplicit era dunque attiva allinizio dellera volgare, e dovuta dalle differenti culture che, precedenti a questa, si erano sviluppate assieme a La Tne, per poi confluire dopo il I secolo avanti Cristo e questa situazione accertata di un inizio dellera volgare non nasce quindi, come si credeva, dalla disgregazione di una precedente unit unica (non accertata) ma da un graduale processo di aggregazione iniziato nei primi secoli d.C. Un punto di incontro fra ricerca storica e archeologica potrebbe risiedere proprio qui, in quanto le popolazioni che abbiano contribuito a portare tale civilt potrebbero essere proprio i Germani di Tacito. 2.2.3. Lonomastica germanica negli autori classici Sarebbe quindi il caso di porsi il problema di quali fossero le lingue parlate dai portatori delle culture settentrionali i quali, secondo la denominazione degli autori classici, dovrebbero essere i nostri Germani, e potremmo anche domandarci se alla seppur relativa unit culturale nei Germani dellepoca di Tacito corrisponda una certa omogeneit linguistica. Non escludibile che prima dellera volgare si fosse diffusa su una variet di dialetti una certa sopravariet dialettale in concomitanza con i sempre pi stretti rapporti che le compagini militari andavano sugellando fra loro (soprattutto di tipo commerciale) ma purtroppo le prime attestazioni dei linguaggi germanici presentano problemi di interpretazione e valutazione della fonte, sia per via delle notizie indirette ricavabili dai testi latini o greci, sia per la stessa, scarsa, documentazione La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 9

diretta. A parte rari casi infatti gli autori classici non forniscono mai informazioni specifiche sugli usi dei popoli germanici ma si limitano a citare nomi comuni di animali o oggetti. Un elemento utile potrebbe essere quello dellonomastica, infatti alcuni nomi comuni sono simili (ambra ted. glas, aing. glas), ma soprattutto nomi propri come Segismundus, Longobardi, Alemanni. Va premesso che molti nomi germanici non sono di origine germanica ma celtica o latina, ed in alcuni casi il nome riportato dallautore latino pu essergli giunto da fonte non germanica, quindi gi latinizzata, ma tuttavia chiaro che molti presentassero aspetti fonologici propri del germanico. Ed infatti grazie a determinate caratteristiche fonologiche che si pu stabilire quanto un nome sia germanico. La prima fra tutte la cosiddetta rotazione consonantica (o Legge di Grimm), cio unevoluzione nel modo di articolare le consonanti rispetto a quello cui rinviano altre culture europee. Per cui lindoeuropeo bh dh gh appaiono come (b) (d) (g), ie. b d g come p t k, ie. p t k come f h, ed alcuni mutamenti vocalici come ad esempio il passaggio di indoeuropeo ad ed il passaggio di ad . Un esempio poi del mutamento di in si trova nel nome proprio Langobardi dalle lunghe barbe o dalle lunghe lance, con Lango- (ted. Lang) rispetto a longus. Singolarmente alcuni nomi possono aver subito modifiche di trascrizione dovute da adattamenti fonologici, ma in generale la mancanza di tratti fonologici caratteristici fa pensare che detta parola non appartenesse allambiente linguistico germanico, che sia giunta attraverso una tradizione estranea o precedente il diffondersi del germanesimo linguistico ovvero da unarea che non era o non era ancora germanica. Il nome dei Teutones, tradizionalmente considerato sinonimo di Germani, in realt non germanico dal punto di vista linguistico, come appare dalla base tetu- che ha valore di popolo in una vasta area dellEuropa, ma che non presenta mutazioni caratteristiche delle lingue germaniche (got. iuda). Dunque dalla sola onomastica non siamo in grado di stabilire se tutto il territorio germanico dal I sec. a.C al I sec. d.C. abbia conosciuto quei mutamenti che definiscono la germanicit linguistica, ma certo che proprio in quellepoca si delinea una progressiva diffusione di tipi lessicali e tratti fonematici caratteristici delle lingue germaniche che diventeranno pi frequenti nellonomastica dei secoli successivi. 2.2.4. La scrittura runica Le prime testimonianze dirette delle lingue del gruppo germanico sono testi epigrafici scritti in una scrittura caratteristica di tipo alfabetico detta runica, la cui successione di segni veniva chiamata futhark, risalenti attorno agli inizi del III secolo d.C. Il nome in antico nordico rn nelle iscrizioni indica i singoli segni del futhark ed conservato in altre lingue germaniche con il significato di segreto. I documenti pi antichi sono rappresentati da una ventina di iscrizioni brevi su oggetti come armi e fibule, rinvenuti in Danimarca e Norvegia; a partire dal IV-V secolo la scrittura runica acquisisce un carattere monumentale in Scandinavia venendo utilizzata in grandi epigrafi di guerra, ed assieme alle invasioni molti oggetti con incisioni runiche verranno importati e rinvenuti anche in Europa continentale. Il contatto col mondo romano non permetter comunque la diffusione di tali caratteri, (nellVIII secolo sar completamente scomparsa) cosa che non per totalmente avvenuta in Inghilterra dove una morsa del Cristianesimo pi lenta ne ha permesso se non la diffusione quantomeno la permanenza per un periodo di tempo maggiore. Tant che si sono trovati addirittura documenti risalenti al IX secolo presentanti il carattere , detto thorn per indicare la spirante (spiranti = fricative) dentale sorda, la quale sar successivamente rappresentata con th. Lipotesi pi accreditata per dare unidentit alla scrittura runica quella che essa sia nata in contatto con gli alfabeti delle culture prelatine e che poi sulla rotta delle tracce commerciali sia stata importata nel Nord Europa. Originariamente di uso prettamente magico, in seguito, forse per La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 10

linflusso romano, sarebbe stata utilizzata per indicare il nome del proprietario o dellincisore di armi e oggetti. Quale che sia lorigine dei segni, il futhark si presenta come un sistema alfabetico compiutamente formato, modellato secondo una invenzione originale e consapevole su di un sistema fonematico correttamente analizzato al quale sembra adattarsi e corrispondere la maggior parte del germanico comune. Il futhark antico era adottato da tutte le popolazioni germaniche, costituito da un sistema di 24 segni, ridotto a 16 nella variante semplificata, rimasto in vigore nel solo mondo scandinavo a partire dal IX secolo. Dunque, le rune sono la pi importante testimonianza dellespressione culturale del mondo germanico antico, precedente e indipendente dal mondo romano, e nella loro forma pi arcaica (IIIII sec.) rappresentano anche un modello di scrittura abbastanza unitario, la cui espressione per lo pi caratterizzata da quelle variet dialettali che successivamente costituiranno gli elementi distintivi delle diverse lingue germaniche. Il pi antico testo germanico di senso compiuto risale al 400 circa, uniscrizione sul corno doro di Gallehus e si presta a diverse interpretazioni riguardo la lingua alla quale potesse appartenere (germanico comune, germanico nord-occidentale, protogermanico), ma conserva tratti comuni alle lingue germaniche antiche per quanto riguarda la struttura sintattica e lordine delle parole (soggetto-oggetto-verbo), la presenza dellallitterazione (tre parole inizianti per h-), elementi morfologici quali il suffisso do di preterito ed un sistema fonologico evoluto rispetto alle lingue indoeuropee (ad. es. la rotazione consonantica in ek horna rispetto al latino ego cornu), ma conservato rispetto alle lingue germaniche posteriori. ek HlegwagastiR HoltijaR horna tawido io H. Di Holt feci il corno Le iscrizioni antiche dunque, pi che per singoli dialetti, offrono interessanti spunti per considerare lantico germanico da un punto di vista di lingua sopradialettale in un momento di particolare coesione politica e culturale, che avrebbe portato alla generalizzazione e codificazione dei tipi in ambito fonologico, morfologico e lessicale, quindi al costituirsi di una specifica koin letteraria. 2.2.5. La ricostruzione linguistica Il concetto di protolingua nasce durante lepoca della linguistica storico-comparativa dellOttocento e cerca di ricostruire i legami genealogici delle varie lingue attraverso la comparazione delle fonti in determinate fasi. Secondo i neogrammatici il protogermanico sarebbe un sistema linguistico intermedio che si colloca fra lantica matrice indoeuropea e le moderne lingue germaniche, dal quale sarebbero scaturiti tutti quei dialetti che poi avrebbero dato vita agli attuali idiomi; e la tesi potrebbe anche sussistere non fosse per il fatto che non esiste nessuna documentazione attestata di protogermanico. pertanto uno schema astratto e privo di qualsiasi spessore storico o sociologico, non definibile spazio-temporalmente, ma si comunque cercato di collocarlo sulla base dellidentificazione semplicistica di una protolingua ricostruita sui vari momenti di quella presupposta comunit etnica e culturale in cui si riconoscevano via via le origini del germanesimo in senso lato. Si parla qui, del punto di vista di Kossinna e della sua scuola. Come gi menzionato, questo pensiero stato fortemente criticato e messo in dubbio negli ultimi anni, soprattutto per la mancanza di attestazioni letterarie sulle quali certe ipotesi sarebbero dovute basarsi; si cercato altres di procedere comunque con unanalisi diacronico-strutturale ma basata sulla successione dei singoli mutamenti del sistema fonologico o indicando lo sviluppo di eventuali segmentazioni dialettali, oppure avvalendosi di studi comparativi cercando di descrivere le relazioni ed i contatti con altri gruppi linguistici. Si tende dunque a considerare il protogermanico come una lingua viva e ancora in evoluzione, pur ammettendone il suo status artificioso, ma tuttavia non abbiamo dati inequivocabili riguardo ad una cronologia assoluta n al La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 11

significato storico che quellevoluzione linguistica deve aver avuto nella costituzione dellunit germanica. Sar pi utile quindi appoggiare lipotesi di Pisani secondo cui il germanico una protolingua pi o meno astrattamente definita che calata nel reale stride col contrasto di molteplici variet dialettali effettivamente documentate, mentre sembra pi plausibile limmagine di una ben pi concreta realt linguistica preistorica in cui i parlanti di un certo numero di dialetti siano venuti, in un particolare momento di stretta relazione, a far s che si potessero diffondere fra loro, e solo fra loro, quei caratteri linguistici che definiscono come strettamente affini le lingue germaniche antiche. Questo punto di vista rende innegabile il legame che sussiste tra situazione e mutamento socio-culturale e mutamento linguistico: proprio il fatto che si siano stabiliti e diffusi quegli elementi comuni che prova il costituirsi di una stretta unit culturale tra gruppi sociali antenati dei parlanti delle lingue germaniche. Certo, la ricostruzione storica presenta i suoi limiti, soprattutto in base a determinati fattori linguistici. Eccone alcuni: 1) I mutamenti del protogermanico (intesi come quelli che lo distinguono dalle altre lingue europee) non sono avvenuti tutti contemporaneamente, ma potrebbero essersi spalmati in quel lungo lasso di tempo che va dalla fine del periodo della lingua indoeuropea fino alle prime attestazioni germaniche, e nonostante ci possano essere dei legami tra alcuni di questi fenomeni non vi alcuna datazione assoluta di ciascuno di essi. C ad esempio una reciproca dipendenza nella evoluzione delle singole serie di consonanti nel germanico (rotazione consonantica), ma non possibile avanzare ipotesi sullepoca nella quale siano avvenuti questi fenomeni, si sa solo che era compiuta alla fine del II sec. d.C. 2) Non tutti i fatti caratteristici del protogermanico hanno lo stesso valore caratterizzante, lo stesso peso storico. Ad esempio la risoluzione delle sonore aspirate in aspiranti ed occlusive sonore e lo stabilirsi dellaccento radicale sono fenomeni tipici anche ad altre lingue europee, mentre fenomeni come la rotazione consonantica saranno tipici del solo germanico. 3) Non sempre un mutamento che appare comune ha origine per diffusione di un fenomeno in aree geograficamente vicine o per contatti culturali diretti, ma spesso pu realizzarsi uno sviluppo simile ma indipendente di tendenze originariamente comuni; perci la sua presenza non pu esser fatta valere come prova di uneventuale coesione culturale. il caso, ad esempio, della diffusione della metafonia, nata per fonemizzazione parallela ma indipendente di originari allofoni della sillaba radicale in seguito alla semplificazione delle sillabe desinenziali. Un altro modo di utilizzazione storica del procedimento di ricostruzione linguistica lo studio del patrimonio lessicale comune alla maggior parte delle lingue germaniche. Il lessico ci mostra quanto sia innegabile il rapporto con il mondo culturale indoeuropeo, in particolare nellambito di certi campi semantici come la famiglia (ingl. father, lat. pater), delle funzioni vitali (ted. essen, gr. desthai), delle parti del corpo (ingl. foot, gt. pus podos; ted. Herz, gr. kardia), dellallevamento (ted. Kuh, ing. cow, sanscr. gaus), inoltre si possono incontrare parole che si ritrovano nelle lingue germaniche e solo in alcune lingue europee (balcaniche, slave, celtiche, italiche) ipotizzando rapporti preistorici esclusivi fra queste culture. Solo il lessico che non trova riscontri in altre realt indoeuropee pu essere documento di una particolare coesione linguistica e culturale, poich sono diffusi a tutti i Germani nomi che riguardano svariati campi lessicali, dallambiente naturale (ing. sea, anord. siar), ai rapporti sociali e giuridici (ted. Knig, anord. konungr). La presenza in tutte le lingue germaniche di parole quasi identiche pu confermare la contemporanea presenza in un determinato ambiente geografico o la comune elaborazione di concetti fondamentali, ma anche i dati di tipo lessicale vanno presi con cautela in quanto spesso si ha una conoscenza di questi dialetti molto lacunosa perch si riferisce ad epoche separate per le singole identit. Va inoltre ricordato che non sempre la presenza di una voce in tutte le lingue germaniche garanzia della sua origine antica in quanto questa potrebbe essere stata trasmessa successivamente da un centro di diffusione. La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 12

2.3. Comparazione delle fonti


Oggi, generalmente, si tende ad essere molto cauti nellassociare fonti di tipo storico, archeologico e linguistico fra loro come concause di un dato comune. In passato infatti, non sono stati radi gli esempi in cui si prendessero in considerazione testi e/o reperti di epoche diametralmente opposte cercando un modo di farli confluire in ununica corrente di pensiero per il solo scopo di arrivare a giustificare lunit germanica. Innanzitutto, la documentazione degli antichi stata ridimensionata valutandola nel contesto storico e culturale nel quale quel lautore scriveva; larcheologia preistorica si preoccupa di definire delle aree culturali piuttosto che volerne stabilire necessariamente la pertinenza etnica e la ricerca linguistica rifiutandosi di accettare aprioristicamente legami di tipo genealogico, deve continuamente rivedere le sue posizioni riguardo i legami che i dialetti germanici ed il protogermanico possano aver avuto con le altre lingue indoeuropee. Questo pi oculato e prudente approccio alle fonti di ogni genere ci da unimmagine pi realistica, anche se pi complessa ed astratta, della situazione linguistica e sociale preistorica.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 13

3. Lunit culturale germanica


3.1. Valutazione dei documenti storici e letterari
Lesame della varie fonti ci autorizza dunque a presupporre una unit culturale tra le trib germaniche intorno agli inizi dellera volgare. Nella valutazione dei dati storici bisogna innanzitutto effettuare una divisione fra le notizie che provenivano dallepoca precedente le grandi invasioni e che riguardano quindi direttamente i Germani intesi come un mondo culturale relativamente compatto, da quelle pervenute dopo le invasioni che invece ci presentano una realt frammentata e potranno rappresentare il germanesimo solo se si troveranno attestate in pi di una popolazione ma va sempre tenuto in considerazione il fatto che anche le conoscenze del mondo germanico relative al periodo storico delle grandi invasioni sono molto limitate e problematiche. Il fatto che le singole popolazioni, malgrado la lontananza geografica, abbiano mantenuto una vivace circolazione di motivi culturali comuni pu essere dedotto dallampia diffusione che hanno avuto gli spunti epici fondati su personaggi e vicende storiche per i quali possibile una datazione, quali lepopea del regno renano dei Burgundi, la figura di Attila o la leggenda dellesilio di Teodorico, quale si accenna gi nel Carme di Ildebrando. Ad esempio la leggenda del fabbro Wlund, allusa gi in alcune strofe dellelegia anglosassone Dr appare alcuni secoli pi tardi anche nella nordica Volunkdarkvia in quanto evidentemente motivo letterario diffusosi nellambito delle relazioni fra Inghilterra settentrionale e mondo nordico in quanto entrambe le tradizioni possono aver attinto ad una fonte comune. Va citata la costante funzione di filtro svolta dal mondo classico e cristiano nei riguardi dellimmagine della civilt germanica; molte notizie dellepoca sono evidentemente riportate in maniera distorta dallautore latino o greco ma anche le prime espressioni letterarie dirette di ciascuna delle lingue germaniche attestate sono state per lo pi sollecitate e condizionate dallimpatto con la civilt romano-cristiana. La cultura scritta germanica infatti si diffonde per mezzo della scrittura e della lingua latina nei primi secoli verso il nord dellEuropa esclusivamente attraverso il tramite della Chiesa, pertanto risulta ovvio che la visione di questi popoli come barbari ne abbia condizionato i primi scritti. I primi secoli sono infatti quasi del tutto privi di testi relativi alle manifestazioni culturali e religiose germaniche di un certo spessore, appunto a causa del monopolio culturale esercitato dalla Chiesa e appunto perch considerate appartenenti ad un mondo spirituale pagano, che la Chiesa combatteva. Le norme culturali giuridiche sono invece pi ampiamente documentate, in quanto si sent la necessit, dovuta dal bene per la stabilit politica, di metterle per iscritto sul modello del diritto romano. Le altre espressioni della cultura germanica antica invece ci sono giunte dopo un lungo processo di adattamento alla mentalit cristiana, come ci appare nella poesia epica anglosassone, o ci rimangono addirittura del tutto sconosciute. Una delle rare eccezioni la letteratura norrenica, ricca di motivi pagani e sviluppatasi soprattutto in Islanda, in cui il Cristianesimo attecch solo dopo lanno 1000. Per cercare di ricostruire aspetti comuni della civilt germanica relativi allepoca anteriore alle invasioni bisogna basarsi sulle fonti greche e latine pi antiche (soprattutto Cesare e Tacito), sul materiale epigrafico e archeologico e in parte sullonomastica e la comparazione lessicale in quanto le fonti pi tarde possono essere tenute in conto solo quando presentano elementi arcaici non isolati.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 14

3.2. La religione germanica


3.2.1. Le testimonianze di Cesare e Tacito Cesare sintetizza le sue conoscenze sui costumi religiosi dei Germani descrivendoli come praticanti culti religiosi di tipo primitivo, addirittura privo di rituali caratteristici, dedito al culto degli elementi naturali e principalmente al sole e lontano da una rappresentazione antropomorfa delle figure divine. Molto pi esaustivo Tacito nella Germania, cap. 9, il quale spiega che invece i Germani venerassero un pantheon ben preciso, contante una triade maschile affiancabile alle romane figure di Mercurio, Ercole e Marte, pi una divinit femminile oggetto di culto soprattutto degli Svevi, identificabile con Iside. 3.2.2. Odino Il dio in cui Tacito riconosce Mercurio Wodan-Odino (ags. Wden, anord. Oinn, da un tema indoeuropeo connesso con i concetti di ira ed eccitazione); associazione confermata dal fatto che i Germani dedicassero a questo dio il terzo giorno della settimana (it. Mercoled, ing. Wednesday, anord. odinsdagr). Viene venerato in tutto il mondo germanico e ad esso fa riferimento una delle pi antiche formule magiche tedesche (le cosiddette Merseburg) che allude ad un episodio in cui Wodan seppe curare un cavallo perch conosceva la formula per farlo nonch toponomastica sparsa (es. in Inghilterra c Wednesfield, in Olanda Odense). La figura di Odino quella di una personalit complessa e capricciosa, dio-mago custode della sapienza e della forza magica della parola ma anche ispiratore dellimpeto bellico, del furore audace e irrazionale. Fra i suoi compiti, quello di condurre gli eroi mori in battaglia nel Walhalla, dove continueranno a combattere, egli re e padre degli dei. 3.2.3. Thor Il dio che Tacito chiama Ercole il germanico Donar-Thor (ags. unor, asass. Thunaer, sinonimi dei nomi germanici che indicano il tuono), dio della tempesta e dei fenomeni naturali come da quanto confermato da Adamo di Brema e la sua testimonianza sul culto degli Svedesi. In base a queste caratteristiche il dio stato in epoca romana pi spesso identificato con Giove ed in qualche caso con Ercole (Tacito infatti ne sottolinea laspetto di esuberanza fisica). Eroe fortissimo e benefico, uccide mostri e giganti. Il nome del gioved, lat. Jovis dies compare nelle lingue germaniche come giorno di Thor (ags. unres daeg, ingl. Thursday, ted. Donnerstag) ed il culto di questo dio compare in tutta larea germanica occidentale. Ci sono addirittura dei codici battesimali scritti in latino in cui si fa giurare al battezzato di rinunciare a Thunaer, Woden ende Saxnot. 3.2.4. Tr Pi oscura e complessa p la figura del dio che Tacito identifica con Marte e che corrisponde col dio nordico di Tr, tesi confermata ancora una volta dal giorno della settimana a lui dedicato: lat. Martis dies, ingl. Tuesday, anord. tsdagr. Dalletimologia del nome si evince che questa figura occupasse in epoca antica una posizione pi importante, infatti la base Twas corrisponde al latino dvus a sua volta connesso con Juppiter, Zus e col sanscrito dyus; il tutto fa insomma riferimento ad una divinit pi antica, conosciuta e comune, cio il dio indoeuropeo divino del cielo per eccellenza. In antico nordico il plurale di questa figura serviva ad identificare tutti gli dei in generale ed il suo singolare in alcune accezioni compare affiancato ad Odino e Thor per completarne i nomi. Adorato principalmente dagli Svevi, La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 15

viene descritto da Tacito come il terribile regnator omnim deus, al cui bosco sacro si poteva accedere solo con mani e piedi legati, in segno di sottomissione. Sono di particolare interesse due iscrizioni del II sec. d.C. trovate in Inghilterra presso il vallo di Adriano e dedicate da legionari frisoni a Mars Thincsus, Marte del thing, cio dell assemblea popolare, lassemblea giuridica e politica dei Germani a cui allude lo stesso Tacito. Tale funzione non contrasta con la natura prettamente belligerante del dio, in quanto secondo i barbari la guerra non era un atto illegale ma un giusto metodo di risoluzione delle controversie testimone della volont divina. In una di queste iscrizioni Mars Thincsus affiancato alle dee Beda e Fimmilena che ricompaiono in alcuni testi frisoni medievali come due tipi di assemblee o tribunali. 3.2.5. I Vani Nel cap. 40 Tacito descrive dettagliatamente il culto della divinit femminile Nerthus. La dea, nascosta in un carro coperto da un velo e trascinato da giovenche, veniva portata in processione tra i popoli a lei devoti donando grande gioia e pace assoluta, finch alla fine il carro e la divinit stessa venivano purificati nelle acque di un lago dove morivano affogati gli stessi schiavi che avevano prestato servizio durante labluzione. Rito che presenta evidenti caratteri di adorazione della fecondit, richiama il culto romano della dea Cibele, ed appare assai lontano da quella societ guerriera devota alla triade maschile. Va notato che il nome Nerthus ritorna al maschile nel dio nordico Niorr, capostipite della stirpe divina dei Vani, padre di Freiya e Freyr, a sua volta venerato come dio della fecondit. Un'altra dea femminile la dea Tamfana, la quale ha un nome che si pu ricollegare etimologicamente a signora, padrona. Questo contrasto tra due tipi di divinit espresso nella mitologia nordica dal racconto della guerra e successiva pacificazione tra due stirpi divine, quella dai Vani (Nior, Freyr e Freyia) e quella degli Asi (Odino, Thor e Tr). Si pensa che questa leggenda sia il risultato di un processo di sincretizzazione tra le religioni di due popolazioni, con riferimento allipotesi che vede il germanesimo come frutto della fusione di due gruppi etnici; la religione dinamica e guerriera degli Asi, portata dalle genti indoeuropee, avrebbe avuto la meglio sul culto autoctono dei Vani, caratteristico della civilt agraria preesistente. Anche se tale interpretazione appare troppo schematica, innegabile che il dualismo Asi-Vani interpreti con molta evidenza gli elementi contrastanti che, qualunque sia la loro origine, dovevano coesistere allinterno della religiosit germanica. 3.2.6. Problemi di interpretazione Molti sono i problemi di interpretazione relativi alle notizie sulla religione germanica prediasporica, soprattutto se ci si sforza di voler trovare una certa omogeneit e coerenza. Ci sono infatti atteggiamenti religiosi contrastanti a seconda di trib differenti, e soprattutto molte fonti differiscono per precisione di descrizione, come Cesare e Tacito, il primo dei quali descriveva una religione assolutamente primitiva, il secondo un molto pi evoluta, nonostante soli 150 anni di differenza. Di certo in questi 150 anni (I sec. a.C. I sec. d.C.) i contatti fra romani e Germani si erano intensificati notevolmente, da permettere quindi una maggiore conoscenza delle abitudini di queste trib, ed i Germani stessi sviluppando una nuova capacit dinamica hanno consentito il diffondersi di certi atteggiamenti spirituali e religiosi dapprima inosservati. Ma per spiegare meglio come mai ci sia tanto contrasto fra Cesare e Tacito bisogna anche soffermarsi e riflettere sulla vastit del territorio e riguardo il frammentarismo delle trib germaniche; infatti proprio attorno allepoca di Tacito che queste cominciano a realizzare delle associazioni stabili di natura prima religiosa e poi politica, che si riconoscono in identiche divinit, ma allo stesso tempo viene accentuato il contrasto con quei gruppi di trib che in tali divinit non si riconoscevano. Ci La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 16

riscontrabile, ad esempio, dalla variet di usanze e reperti funebri rinvenuti in tutta larea germanica ed a ci si deve inoltre aggiungere che i Germani dovettero subire, soprattutto nel periodo successivo ai contatti con Roma, linflusso di varie religioni limitrofe, influsso che non fu lo stesso per tutte le trib. Risente ad. esempio della vicinanza di analoghi culti celtici la devozione ad lacune divinit femminili, dette Matronae o Matres cui sono dedicate alcune iscrizioni, sono raffigurate pi frequentemente in numero di tre ed i loro appellativi rivelano struttura ed etimo di origine chiaramente germanica. La figura stessa di Odino presenta caratteristiche contrastanti: nelle fonti nordiche infatti assume atteggiamenti di tipo sciamanico come la pratica di iniziazione magica, lestasi guerresca e le frequenti trasformazioni animali; daltro canto per ha visto una veloce diffusione nella zona renana laffinit col dio celtico Lug, lidentificazione con Mercurio e frequentemente associato alle Matres a testimonianza di una profonda influenza celtica nello sviluppo della sua figura. Da quanto evinto dunque la Renania ci appare sempre di pi fulcro di incontro e sviluppo per la cultura germanica, ma anche chiaro anche che c una relativamente netta differenza fra la cultura occidentale ed i suoi culti prettamente dediti allesaltazione delle facolt dinamiche e aggressive, e quella orientale pi vicina ad ideali di pace e tranquillit. Il culto di Odino (e degli Asi) si sarebbe comunque espanso fino alle regioni pi remote della zona germanica, fondendosi con la primitiva religione vanica dando come risultato un mondo mitologico in cui gli dei Vani si personalizzano rivelando pi spiccate caratteristiche individuali, mentre gli Asi assumono nuove funzioni di tipo vanico (come il martello di Thor, arma da guerra e simbolo del suo potere celeste, amuleto potente contro la sterilit). C stato anche chi, come G. Dumzil, ha provato a schematizzare la religione di questi popoli sostenendo che nel pantheon dei popoli indoeuropei fosse presente una tripartizione funzionale, basata sulla suddivisione per classi della societ umana. Questa tripartizione aveva triplice funzione: una prima funzione di sovranit, a sua volta di duplice aspetto (giuridico e magico), rappresentata da Odino e Tr, una funzione militare identificata in Thor ed infine una agricola e pastorale facente riferimento alle divinit vaniche (cui allude Tacito nel suo accenno a Iside e a Nerthus). Tale ipotesi, per quanto indubbiamente affascinante, non pu comunque considerarsi la risposta definitiva alla comprensione del sistema religioso delle trib germaniche, in quanto pur rappresentando uno schema relativamente funzionale, sacrifica molteplici aspetti della complessit delle figure germaniche come lidentificazione antica e costante di Twaz con Marte, lintervento di Thor nei riti per la fertilit e gli aspetti cruenti e bellicosi del carattere di Odino. 3.2.7. Elementi caratteristici della religione germanica Ovviamente, insieme agli elementi contrastanti riguardo notizie relative ad una unitariet della religione germanica ce ne sono anche molti che risultano equamente diffusi in tutto il mondo germanico. La venerazione della triade maschile e la predominanza di Odino uno di questi, ma anche varie caratteristiche esterne erano comuni a tutti i Germani, come ad esempio la pratica dei sacrifici, il culto dei boschi e delle piante, la divinazione per mezzo di bastoncini iscritti o attraverso linterpretazione dei nitriti e dei fremiti dei cavalli, o ancora la venerazione verso le facolt profetiche delle donne. Luomo germanico chiama gli dei ad intervenire direttamente nella sua vita, ne interpreta le intenzioni e soprattutto ne sollecita il benefico aiuto per ottenere la vittoria in battaglia. Anche le strutture sociali si reggono in funzione di quelle religiose: il re, dove esiste, ha una funzione religiosa oltre che giuridica e funge in qualche modo come mediatore del divino a volte ne addirittura discendente, come attestano le genealogia dei sovrani Ostrogoti, detti discendenti degli Asi, o delle famiglie regnanti svedesi e anglosassoni il cui capostipite sarebbe Odino. La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 17

Le assemblee e le attivit giuridiche, cos come le azioni belliche, sono affidate alla protezione delle divinit ed il loro esito dipende dalla protezione divina, la vita individuale a sua volta guidata da una cieca fede e di conseguenza da uno spiccato senso di fatalismo verso le decisioni degli dei. Tale profondo legame fra vita terrena e divinit testimoniato anche dal nome generico per dio, e cio got. gu, ags., afris., asass. god, aat. got, anord. go gu di genere neutro ed etimologicamente riconducibile alla radice europea gheu- versare, offrire in senso sacrificale, ovvero gh invocare.

3.3. La societ germanica


3.3.1. Limiti della ricostruzione Come per la religione, impossibile cercare di capire anche in questo caso se una particolare istituzione potesse essere universale nellintero mondo germanico, bisogna concentrarsi dunque principalmente su quelle pi diffuse. Solo Tacito, fra le nostre fonti antiche, dedica ai costumi dei Germani una trattazione ampia e documentata mentre altri autori fanno per lo pi cenno a fatti che riguardano singole trib, i quali seppur vadano tenuti in considerazione per meglio comprendere la variegata frammentariet che componeva il mondo germanico, non possono essere considerati riflesso di una presupposta struttura giuridica e sociale unitaria. A ci si aggiunga che in campo giuridico e sociologico non vale il metodo della comparazione di istituti simili per ricostruirne la presenza nella cosiddetta epoca unitaria perch si sa che in societ primitive, seppur distanti geograficamente e culturalmente fra solo, si possono sviluppare costumi e usanze identici. Tali costumi possono non essere comune conservazione di un sistema pi antico o riflesso di contatti esclusivi ma semplicemente lo sviluppo indipendente di esigenze naturali affini, capiter infatti che alcune di queste si ritroveranno solo in determinate trib germaniche e al contempo in altre popolazioni estranee al germanesimo. questo il campo che, in tal senso, dimostra maggior vivacit, dinamismo e variet rispetto ad un sistema unitario che dovrebbe essere statico e armonico. 3.3.2. La famiglia Come in molte altre culture listituzione fondamentale su cui si reggeva la societ germanica era la famiglia o Sippe intesa come insieme di persone che condividessero una comune discendenza di sangue da un antenato comune, una parentela. Lappartenenza alla stessa famiglia vincolava gli individui che la componevano gli uni agli altri, nel comune impegno di accrescere il benessere della Sippe, mantenendo legami pacifici allinterno e proteggendola da pericoli esterni. Questa coscienza di interesse collettivo, il cui il bene personale messo in secondo piano rispetto a quello della comunit, la radice degli atteggiamenti caratteristici delluomo germanico e sfociava in vendette di sangue e faide familiari che contemplavano luccisione dellomicida di un parente o di un suo congiunto. In molti documenti sottolineata limportanza quasi equa di entrambe le linee di parentela (ci viene ulteriormente dimostrato dal fatto che le lingue germaniche distinguevano zii paterni da quelli materni) e ci sono alcuni accenni relativi allimportanza degli zii materni che fanno addirittura sospettare una fase matriarcale della storia germanica, tesi poco credibile tuttavia. Di fatto i ruoli maschili e femminili erano ben delineati e fondamentalmente divisi in compiti di equa e proporzionata importanza, probabilmente il fatto che abbia destato tanto scalpore tale importanza delle figura femminile lascia intendere una sorta di sgomento da parte degli scrittori dellepoca romana schiavi di una societ patriarcale e maschilista, piuttosto che lesistenza di una vera e propria fase matriarcale. La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 18

Lesistenza di vocaboli per termini relativi alle parentele acquisite (suocero, cognato, fratello del marito, marito della sorella) lascia infine presupporre una rilevante importanza attribuita anche alle parentele acquisite. 3.3.3. Il comitatus Insieme al desiderio di proteggere la comunit luomo germanico sentiva anche il bisogno di appagare la sua individualit, esaltando le proprie doti personali. Gruppi di uomini infatti tendevano ad evadere gi dallantichit dalle consuetudini pacifiche ed agresti realizzate nellambito della Sippe per dedicarsi completamente allesercizio delle armi, al servizio di un capo particolarmente illustre. Si veniva cos a creare questa situazione in cui tale comitato che Tacito chiama comitatus si riunisca senza badare a legami di sangue e stipuli con un princeps un patto di adozione: il princeps si impegna a proteggere e mantenere il guerriero (comes) e ad offrirgli con liberalit banchetti e doni prestigiosi; in cambio il comes combatte per far acquisire fama e potenza al suo capo. I valori sono quelli dellonore e di unassoluta lealt reciproca e inducono da un lato il capo a ricercare imprese sempre pi audaci che gli assicurino potenza e ricchezza da elargire, dallaltro i membri del comitatus ad essergli fedeli ad ogni costo tanto da affrontare la morte con e per lui. La differenza con la Sippe qui fondamentale, perch non ci si basa pi su un principio di uguaglianza, ma su uno gerarchico. A differenza della Sippe il comitatus aristocratico e indipendente, intertribale e dinamico, e contribuir alla diaspora delle trib germaniche. Il rapporto fra princeps e comes avvicinabile a quello fra signore e vassallo ma ci non significa che si possa riconoscere un legame storico fra le istituzioni germaniche e quella feudale prima di tutto perch i feudi si sono venuti formando a seguito di processi lunghi e complicati, in secondo luogo perch quello dei comitatus non era un sistema organizzativo appannaggio esclusivo dei Germani, ma poteva benissimo verificarsi anche nelle realt non-germaniche circostanti. La vera tipicit di questi comitati risiede nel piano della morale individuale dove il contrasto tra i legami naturali di sangue e limpegno di fedelt assunto verso il signore diventa tipico del germanesimo. 3.3.4. Levoluzione della societ germanica Sicuramente, questo contrasto che si viene a creare fra la tranquillit della Sippe e la dinamicit del comitatus testimone anche di un periodo storico e sociale molto travagliato. Infatti, alcune trib da fonti diverse potevano essere descritte come pacifiche o guerrigliere. Gi nellarco di tempo che divide le testimonianze di Cesare e Tacito avvengono importanti modifiche strutturali nel sistema sociale ed economico delle popolazioni germaniche, si intensificano i rapporti con Roma ed inizia a crearsi una sorta di lite in alcune trib dove viene forse per la prima volta concepito il concetto di lusso come possedimento di beni materiali. Per la struttura del comitatus accumulare ricchezze significava ridistribuirle in virt di rapporti personali portando ad un progressivo indebolimento della struttura famigliare agraria a favore di forme sociali pi complesse. Gi Tacito ci d testimonianza di un tipo pi ampio di aggregazione politica descrivendo la cerimonia di ingresso del giovane nella vita pubblica con lassunzione delle armi, affermando che da quel momento non sarebbe stato pi un membro della sua famiglia ma dello stato. una forma di associazione superiore, una res publica ed in quanto nucleo embrionale di stato ha le sue esigenze di tipo economico, militare e civile; rappresentato da unassemblea presieduta da sacerdoti alla quale confluiscono tutti gli uomini in armi in maniera egalitaria. Compito dellassemblea era quello di riunirsi e di discutere, ed in alcuni casi amministrare la giustizia. La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 19

I comitatus si sviluppano insieme a queste istituzioni di tipo egalitario, conservando per la loro struttura gerarchica, e diventano sempre pi fonte alla quale attingere per conquistare potere politico, gettando le basi per quel tipo di sovranit presente durante lepoca delle migrazioni e enfatizzando il sempre pi netto distacco con lo stile di vita che anteponeva il bene della Sippe a qualsiasi altra cosa. Tacito descrive proprio linizio di questa evoluzione, dovuta essenzialmente dal rapporto dei popoli germanici col mondo celtico e romano, anche se sar soprattutto limpatto violento col mondo istituzionalizzato dellImpero che sconvolger cos radicalmente le istituzioni germaniche. C una storia documentata attorno al primo secolo d.C. che parla di personaggi con poteri politici speciali che evolveranno in veri e propri scettri del comando nei casi di Odoacre e Teodorico i quali da semplici soldati, e sul calco del sistema romano, diventeranno i pionieri dei primi monarchi-condottieri. Poi ci sono i reges germanici, di cui si incomincia a parlare a partire dal secondo secolo. Essi venivano eletti da unassemblea e da questa potevano essere deposti in qualsiasi momento, soprattutto qualora avessero voluto imporre la loro autorit in maniera assolutista; le loro funzioni erano prevalentemente sacre. Erano il simbolo dellunit popolare e venivano visti essenzialmente come tramiti della volont divina per intraprendere o meno determinate battaglie. Finch la loro autorit non venisse meno: in tal caso potevano essere non solo deposti, ma anche sacrificati. 3.3.5. Classi sociali difficile affermare con certezza se gli istituti religiosi, sociali e politici fin ora descritti abbiano avuto omogenea diffusione in tutto il territorio germanico nellepoca prediasporica. Ad esempio lo sviluppo di unaristocrazia guerriera nellambito del comitatus e la predisposizione ad accettare il principio dellautorit individuale sono stati testimoniati con pi frequenza presso i Germani dellOvest, mentre la monarchia di tipo sacrale, sottoposta alla volont del popolo, ha resistito pi a lungo a nord e ad est. Anche qui siamo in presenza di fonti contrastanti per, in quanto testimonianze posteriori come quelle di Adamo di Brema contraddirebbero Tacito che affermava che gli Svedesi fossero governati da un sovrano con poteri assoluti. Riguardo la suddivisione in classi della struttura sociale, c una documentazione data dalla frequenza di tombe principesche datate dal 50 al 150 d.C. che testimoniano la presenza di unoligarchia intertribale in un ampio tratto del territorio germanico settentrionale. Vere e proprie classi sociali sono testimoniate solo pi tardi e solo in alcune popolazioni occidentali, venute a contatto con usanze celtiche. Lesistenza di schiavi sembra invece abbastanza caratteristica a tutti i popoli germanici. Come testimoniato gi da Tacito, questi venivano trattati abbastanza mitemente. Pare che esistessero presso i Sassoni tre classi di liberi, e tra classi diverse non erano ammesse unioni e matrimoni. Si tratta delle tre classi dei nobiles, liberi e liberti, che ritroviamo anche presso gli anglosassoni coi nomi di eorl, ceorl e laet e presso i Frisoni come ethelinga, frilinga o frilhas e letar o liti. I liti sono da considerarsi quasi come una categoria intermedia fra liberi e schiavi, vincolati generalmente alla terra e alla protezione del podere.

3.4. Formazione dellunit culturale germanica


3.4.1. Relativit del concetto di unit culturale germanica Quanto affermato fin ora non vuole in alcun modo snocciolare certezze sullunit culturale degli antichi Germani, piuttosto cerca di giustificare lipotesi che ununit culturale ci sia effettivamente stata basandosi sulle fonti pervenute fino ad oggi. Quanto trattato comunque lascia presupporre, in definitiva, che una vera e propria unit culturale germanica sia effettivamente esistita agli inizi dellera volgare ma non va vista come un La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 20

cerchio chiuso allinterno del quale si era germanici ed allesterno del quale non lo si era, bens come una serie di cerchi in espansione progressiva che si intersecano in determinanti punti, e quei punti sono fattori comuni di grande rilievo. Lappartenenza allunit culturale germanica non va pertanto considerata in senso assoluto ma relativamente alla componente che prendiamo in considerazione (religione, affinit linguistiche, istituzioni). Le genti germaniche sono tutte facenti parte di una subcultura che potremmo definire comune, ma ne sono coinvolte in modo variegato per quanto riguarda singoli usi o istituzioni, tanto che alle volte rimane addirittura difficile definire cosa sia germanico e cosa non meriti di esserlo. Linterpretazione romantica del mondo germanico come unico ed evolutivo (prima, durante e dopo lera volgare) quindi astratta e fatiscente, per capire a fondo quanto di germanico ci sia in ognuno degli elementi trattati bisogna contestualizzare il contesto storico che si studia e cercare di individuare la presenza di quei singoli momenti di coesione di varie componenti attorno ad un centro. 3.4.2. Momenti di aggregazione Nel mondo germanico il costituirsi di momenti di aggregazione coincide spesso con il rafforzarsi dellinflusso di altre civilt, che stimola verso nuove direzioni lo sviluppo economico culturale. Si vengono a costituire in queste circostanze dei centri in cui entrano in contatto e si fondono fra loro componenti culturali differenti, che funzionano da poli di attrazione ed espansione; ed proprio linflusso straniero che spesso ha spinto gli stessi popoli germanici ad una maggiore vivacit sociale, che a volte si tramutava in aggregazione. Le civilt che hanno maggiormente influito in tal senso sul germanesimo sono state ovviamente la celtica e romana da Ovest e Sud Ovest e quella scito-iraniana da Oriente anche se risulta molto difficile stabilire con esattezza come queste abbiano determinato levoluzione della civilt germanica. Uno di questi pochi casi quello della nascita dellornamentazione figurativa locale si parla dellera prediasporica, prima met del III secolo e del passaggio dalluso sacrale dellalfabeto runico a quello privato. Possono essere considerati questi testimoni di momento di aggregazione perch tali variazioni sono riscontrate pi o meno contemporaneamente nello Jutland e nella parte meridionale della Scandinavia, nonch nelle isole danesi e nel Baltico occidentale che in quellepoca avevano vivacizzato i loro scambi commerciali con Roma. Gi nel I sec. d.C. compaiono in Scandinavia le cosiddette tombe principesche che conservano una ricchissima suppellettile di importazione romana e soli due secoli dopo piuttosto che essere importata larte romana verr direttamente imitata e prodotta in territorio germanico. Quasi contemporaneamente lalfabeto runico si evolve sullesempio di quello latino e trova impiego in usi indipendenti e personali, come oggetti privati. C, come si vede anche in questo contesto, uno sviluppo favorevole di una pi netta valutazione dellindividuo rispetto alla collettivit, spinta sicuramente dovuta quantomeno in parte ai sempre pi stretti rapporti con la cultura romana. Gli stessi episodi di aggregazione politica e militare sono stimolati dallinfluenza romana, ed una prima notizia a riguardo ce la fornisce proprio Cesare quando riferisce di una coalizione organizzata da Ariovisto che raccoglieva Svevi e guerrieri di diversa provenienza, proprio contro i romani. Va poi considerato il fattore che molti germanici entrarono a far parte delle fila dellesercito di Roma e che alcuni nobili soggiornarono addirittura nella capitale dellImpero. Uno di questi principes, Marobodus, fonder in Boemia allinizio dellera volgare un regno che riunisce genti provenienti da varie trib germaniche e la cui influenza giunge ad estendersi fino ai Longobardi del basso Elca, come testimoniato da Strabone.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 21

3.4.3. Aree culturali nel mondo germanico Ad altri tipi di associazioni intertribali alludono Plinio e Tacito riferendosi alla suddivisione genealogica delle popolazioni germaniche. Secondo Tacito infatti i Germani si dividevano in tre gruppi, tutti discendenti del capostipite Mannus: essi prendevano il nome dei figli di Mannus ed erano gli Ingaevones quelli vicini al mare, gli Hermiones quelli situati nelle regioni interne e gli Istaevones, gli altri. Nonostante sia addirittura pi antica la classificazione di Plinio riconosce altri due gruppi oltre a quelli citati (a cui comunque Tacito accenna), cio i Vandali e i Peucini o Bastonae. Vista la frequente contraddittoriet delle fonti antiche, rimane comunque pressoch impossibile collocare con esattezza geografica tutte queste trib, gli studiosi sono comunque concordi che non tutte le stirpi germaniche discendano da Mannus, ma probabilmente solo una parte di quelle occidentali. Forse uno dei pochi fattori su cui quasi tutti concorda quello di far risalire tutte le popolazioni germaniche ad uno stesso ceppo, allinterno di singoli raggruppamenti imparentati tra loro; per cui le ipotesi di Tacito e Plinio trovano conferma se si guarda alle singole popolazioni come leghe di origine culturale e religiosa tra trib che riconoscono dei legami tra loro nella venerazione dello stesso dio e nella comune pratica di determinati culti, come nel caso della confederazione sveva e dei popoli adepti al culto della dea Nerthus. Si tratta anche in questo caso di associazioni intertribali basate su elementi di carattere culturale. Recentemente stata sostenuta la coincidenza di tali leghe grazie a circoscrizioni archeologiche che presentano elementi comuni. Hachmann identifica ad esempio le stirpi di Mannus con la cultura dei Germani occidentali, tra Weser e Reno, mentre la confederazione sveva potrebbe aver occupato la zona della circoscrizione dellElba, ed infine alcune leghe di culto dei Germani orientali (esempio i Vandali) possono aver ricoperto larea della cultura di Przewprsk. Sembra dimostrata quindi, sul piano archeologico e storico, la presenza nel germanesimo prediasporico di zone culturali distinte e differentemente caratterizzate.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 22

4. Lunit linguistica germanica


4.1. Il protogermanesimo
Lespressione pi evidente di quella che abbiamo chiamato unit culturale germanica quellinsieme di fatti linguistici coincidenti che ci consentono di definire come germaniche le lingue che li posseggono. La somma degli elementi comuni a tutte le lingue germaniche, ricavati attraverso la comparazione, delinea un sistema organico, il cosiddetto protogermanico, che se comparato ad altri sistemi derivanti dallindoeuropeo, presenta degli elementi comuni a questi (a testimone della comune derivazione) ma anche tratti distintivi che ne fanno un sistema linguistico differente. A scanso di ogni equivoco andrebbe ribadito che non possibile riferire alcun documento linguistico di rilievo allunit germanica preistorica e protostorica, sia perch testimonianze dirette precedenti lera volgare si riducono a poche glosse sia perch per quanto riguarda i singoli dati risulta difficile stabilire se questi siano riconducibili ad un vero e proprio protogermanico o a qualche dialetto. In mancanza di una documentazione diretta, le caratteristiche riferibili al protogermanico si devono ricavare comparando tra loro testi pi arcaici e linguisticamente conservativi nellambito di ognuna delle tradizioni germaniche e isolando i tratti comuni da quelli caratteristici di ogni singola lingua. Bisogna per rammentare che nella comparazione si accostano anche documenti di epoche molto diverse (si va dal IV al XIII sec.) e dunque, nonostante molte affinit morfologiche e fonologiche permangano, rimane comunque difficile valutare storicamente tutte le affinit riscontrate. A ci si deve aggiungere il fatto che nel loro sviluppo le lingue germaniche abbiano evoluto elementi affini anche senza un particolare legame culturale, ma come trasformazione naturale di tratti arcaici probabilmente comuni. 4.1.2. Tipi di descrizione del protogermanesimo Al problema del valore storico della ricostruzione si lega quello dellevoluzione delle lingue germaniche rispetto al protogermanico, e cio di come si possa conciliare la pluralit e la variet attestata di dialetti con la rappresentazione astrattamente unitaria della protolingua ricostruita. Se inizialmente si sosteneva che fosse avvenuta una progressiva differenziazione da parte delle lingue storiche rispetto alla protolingua, oggi viene maggiormente considerata la pi oggettiva ipotesi che prende in considerazione il contesto storico e geografico (cause esterne che influiscono sullevoluzione), nonch quelli che erano i rapporti strutturali interni ai sistemi linguistici che alternandosi ne provano la progressiva modificazione. Le prime descrizioni del protogermanico, ovvero le prime grammatiche comparative della scuola neogrammatica dei vari Streitberg, Hirt, Prokosh, Krahe, forniscono una raccolta ed unanalisi minuziosa di unenorme mole di materiale, anche rimarcabile da un punto di vista prettamente filologico. Risultano tuttavia insufficienti al giorno doggi, in quanto non pi accettabile lutilizzazione di un modello teorico unilaterale che rimane in ultima analisi quello dellalbero genealogico presupponente una considerazione dei rapporti linguistici troppo astratta e lontana da una reale prospettiva storica e sociale del linguaggio. Grazie alle metodologie della geografia linguistica si evince quanto non sia pi tanto la protolingua in senso genealogico a dover essere persa in considerazione, quanto la formazione e levoluzione delle lingue germaniche storiche nei loro aspetti convergenti e divergenti, i quali dipendono in ultima analisi dalle condizioni storiche e geografiche, cio dagli atteggiamenti e dalle reazioni dei gruppi sociali che di quelle si servono. Lacquisizione del metodo strutturale ha dato un contributo fondamentale alla descrizioni dei fenomeni grammaticali del protogermanico, introducendo il concetto di sistema, in base al quale la La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 23

specifica funzionalit di ogni costituente della lingua viene chiarita proprio dallanalisi dei legami con tutti gli elementi affini e connessi nel loro complesso. Quindi tutti gli aspetti morfologici e fonologici vengono studiati separatamente, non come necessariamente derivanti da un altro sistema, come componenti di una struttura nella quale si presuppongono inseriti con la stessa coerenza che si osserva nei sistemi linguistici effettivamente attestati. Similmente, levoluzione che porta dal protogermanico alle lingue germaniche viene vista non come evoluzione di singoli fenomeni, ma come sviluppo di sistemi. Avvalendosi dunque sia della comparazione che del metodo strutturale, si realizza una naturale fusione fra sincronia e osservazione diacronica della realt linguistica, che sa dare (e ha dato) sicuramente interessanti risultati. Daltro canto, escludendo qualsiasi motivazione psicologica, sociale ecc. in relazione allo sviluppo delle lingue, il modello proposto dalla grammatica generativa risulta infruttuoso in questo caso, in quanto troppo impostato su considerazioni esclusivamente logico-innatiste. 4.1.3. Caratteristiche indoeuropee Le caratteristiche indoeuropee comuni a tutte le lingue germaniche, e quindi presenti anche in quelle non germaniche sono: 1) La struttura flessiva nominale e verbale attuata mediante un sistema di suffissi e desinenze o di relazioni apofoniche 2 che, applicate alla radice servono ad indicare nel caso dei nomi i rapporti sintattici (casi) ed eventualmente la nozione di pluralit e genere, nel caso dei verbi la persona, la pluralit, i modi, i tempi ed eventualmente il genere e laspetto verbale. Prendiamo ad esempio la forma germanica geb dono, dove accanto ad una radice/morfema lessicale gebriconosciamo un suffisso/morfema grammaticale . Tale suffisso, corrispondente allie. , indica sia lappartenenza al genere femminile, il numero singolare e la funzione sintattica di nominativo. 2) Il mantenimento nel sistema fonologico di tre serie consonantiche caratterizzate dallo stesso modo di articolazione corrispondenti alle tre serie di occlusive presenti in tutte le lingue indoeuropee occidentali. 3) Lutilizzazione dellapofonia per esprimere funzioni grammaticali pur essendo del tutto peculiare alle lingue germaniche la codificazione di tali variazioni nel sistema dei tempi verbali. 4) Nellambito morfologico, ed in particolare nel sistema pronominale, si conserva la caratteristica distribuzione funzionale indoeuropea e le singole corrispondenze formali (ad es. got. ik u is per le prime tre persone singolari, lat. ego tu is e le relative flessioni plurali). 5) Gran parte del lessico, tra cui ben definita la categoria dei numerali (es. got. ains lat. nus, da oinos), i nomi di parentela, di animali, parti di corpo e funzioni vitali. 6) I sistemi di formazione di nuove parole mediante derivazione con suffissi e mediante la composizione di due o pi lessemi erano gi tipici nellindoeuropeo, e sono rimasti tali sia nelle lingue neolatine che in quelle germaniche. 4.1.4. Caratteristiche esclusive Le principali innovazioni che daltro canto caratterizzano e differenziano dalle altre le lingue germaniche sono: 1) La trasformazione dellaccento, che da libero e musicale quale era diventa fisso sulla sillaba radicale e intensivo, e di conseguenza influisce sul ritmo della frase e sulla pronuncia. Si manifesta cio la perdita di autonomia delle sillabe atone che genera lindebolimento delle vocali non accentate e la sincope di vocali e sillabe finali, nonch mutamenti di timbro e dittongazioni delle

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 24

Lapofonia un fenomeno di mutamento fonetico, in genere applicato alle radici di verbi e sostantivi.

vocali radicali (metafonie 3 e fratture) per influsso delle sillabe atone seguenti. Da tutto ci, in particolare dalla trasformazione e dalla caduta delle desinenze in sillabe atone, hanno origine svariati fenomeni, fra cui: A. Le vocali prodotte dalla metafonia acquisivano funzioni grammaticali B. Lo sviluppo dellarticolo e dei sintagmi preposizionali che sostituiscono nelle loro funzioni le desinenze nominali, la semplificazione della coniugazione che favorisce la presenza del pronome personale il quale avr la sola funzione di indicare la persona e comparir sempre. 2) La confluenza dei fonemi e in e delle rispettive lunghe e in e parimenti i dittonghi oi ai eu ou au in ei ai eu au. 3) Levoluzione delle liquide nasali sonanti in ul ur um un 4) Il sistema apofonico dei verbi forti, il quale utilizza lo schema indoeuropeo della variazione vocalica radicale per lelaborazione di paradigmi tipicamente germanici indicanti i temi temporali. Questi verbi si distinguono in sette classi, a seconda dellapofonia che presentano. Nelle prime cinque classi riscontriamo tre o quattro gradi apofonici diversi e si verifica unalternanza tra le vocali e/i ed a, nella sesta classe si alternano le vocali a ed . 5) La cosiddetta rotazione consonantica o legge di Grimm la caratteristica pi vistosa del germanesimo linguistico, tale che la sua presenza considerata qualificante per definire lappartenenza di una parola al patrimonio linguistico germanico. Le tre serie di occlusive dellindoeuropeo occidentale, precisamente le sorde (p t k k), sonore (b d g g) e sonore aspirate (b d g g) si evolvono in tutte le lingue germaniche secondo il seguente schema: le occlusive sorde nelle spiranti sorde f ( in IPA) h h, le occlusive sonore in occlusive sorde p t k k, le occlusive sonore aspirate in spiranti sonore (b) (d) (g) che in IPA corrispondono rispettivamente alla fricativa sonora bilabiale , alla fricativa sonora dentale e alla fricativa sonora velare .

3 Con metafonia (o metafonesi) si intende un fenomeno fonologico che consiste nella modificazione del suono di una vocale per influsso di unaltra vocale.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 25

In linguistica storica si definiscono medie tutte quelle consonanti occlusive sonore non aspirate 4, quindi nel nostro caso b d g g. Le medie si contrappongono alle tenui che a differenza di queste sono occlusive sorde non aspirate, cio le nostre p t k k, e si contrappongono anche alle cosiddette medie aspirate cio occlusive sonore aspirate, cio le nostre bh dh gh gh. Attribuiamo ora alle occlusive sonore (medie) e alle fricative sonore il simbolo M, alle occlusive sorde il simbolo T e indichiamo con A sia le occlusive sonore aspirate che le fricative sonore le quali, come abbiamo visto, possono essere indicate con b d g T = - occlusive sorde: p t k k A = - spiranti (fricative) sorde f () h h - occlusive sonore aspirate b d g g M = - occlusive sonore b d g g - spiranti (fricative) sonore o (b), o (d), o (g) potremmo pertanto dire che M T A M, o meglio: p t k k T

b d g g (b) (d) (g) = Indoeuropee = Germaniche

f h h b d g g

Le occlusive sorde (T) diventano spiranti sorde (A). Con (A) indichiamo anche le occlusive sonore aspirate le quali diventano spiranti sonore (M). Visti gli identici caratteri grafici possiamo indicare con (M) anche le occlusive sonore che diventano occlusive sorde (T). Ecco come spieghiamo graficamente la rotazione consonantica. Esistono poi alcuni casi particolari, o pi semplicemente eccezioni, in cui la rotazione consonantica non si applica. Le occlusive sorde sono escluse dal cambiamento se precedute da /s/, e la /t/ germanica preceduta da fricativa non subisce rotazione. Le eccezioni pi importanti comunque, cos come quelle appena accennate, furono descritte da Verner (in quella denominata appunto Legge di Verner), e riguardano ancora lesito in spirante. Questo pu realizzarsi in alcuni casi in corrispondenza di una occlusiva indoeuropea tra elementi sonori (vocali, semivocali, liquide e nasali) e ci avviene nel caso in cui lantico accento indoeuropeo non cada sulla sillaba immediatamente precedente. Citiamo ad esempio got. fadar ags. faeder gr. patr, got. sibun aat. sibun sette gr. hept. Con lo sviluppo di spiranti sorde e sonore a seguito dei mutamenti suddetti, il germanico, pur continuando a mantenere distinte tre serie di fonemi consonantici, sostituisce le correlazioni di sorda / sonora e di aspirata / non aspirata, che avevano rilevanza nel sistema delle occlusive indoeuropee (ad esempio p/b e b/bh), con correlazioni di sorda / sonora tra le spiranti e occlusiva / spirante tra le sorde (ad es. f/ e p/f). Sul campo morfologico invece si presentano i seguenti sviluppi:
4 Laspirazione quel tratto che contraddistingue le consonanti occlusive. Si tratta di unarticolazione che prevede una forte emissione daria al momento del rilascio e quindi una specie di soffio che accompagna il termine della pronuncia. Es. top > [top]

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 26

6) Semplificazione delle declinazioni con riduzione dei casi a nominativo, accusativo, genitivo e dativo in cui gli ultimi due assolvono anche le funzioni dellablativo e locativo presenti in altre lingue indoeuropee. 7) Riduzione delle categorie verbali a due tempi (presente e preterito) e tre modi (indicativo, ottativo con funzione anche di congiuntivo e imperativo). 8) Formazione del sistema temporale dei verbi deboli con utilizzazione di suffissi in dentale. 9) Sviluppo della declinazione in n dei sostantivi e suffissazione per la flessione debole degli aggettivi, di contro alla flessione forte che di tipo vocalico con alcune terminazioni pronominali. 10) Una notevole parte del lessico trova corrispondenza in tutte le lingue germaniche e pu quindi essere attribuita alla fase unitaria. Pi che per le singole parole, sono interessanti similarit in interi campi semantici come quello geografico, naturale o delle istituzioni giuridiche. Le lingue germaniche hanno infine introdotto nuovi suffissi che, seppur utilizzati nellambito e con i modi propri delle altre lingue indoeuropee, non sono presenti in quelle non germaniche.

4.2. Periodizzazione del protogermanico


4.2.1. Cronologia relativa Certamente lunit linguistica germanica si formata in un lasso di tempo assai lungo ed possibile stabilire tra i mutamenti linguistici delle lingue germaniche una cronologia relativa, individuarne cio la reciproca dipendenza. Si proposta pertanto una suddivisione cronologica del protogermanico in due o pi fasi di evoluzione (Van Coestem e Antonsen) chiamate rispettivamente protogermanico in riferimento alla fase pi antica e germanico comune per indicare quella pi recente. Secondo Van Coestem il mutamento di accento che imprime la spinta determinante allevoluzione successiva delle lingue germaniche, permette di distinguere un primo da un secondo periodo di sviluppo dei fenomeni comuni. Al primo periodo vanno attribuite le leggi di Grimm e di Verner, la riduzione a otto vocali con la confluenza di e in e di e in , e forse la strutturazione del sistema apofonico. Nel secondo periodo, invece, con linstaurarsi dellaccento radicale si realizza gradualmente una vera e propria rivoluzione del vocalismo con lintervento della metafonia, cio della modificazione della sillaba radicale condizionata alla presenza di determinati suoni nella sillaba seguente. In un periodo successivo nelle lingue germaniche settentrionali e occidentali un sistema di cinque o pi vocali brevi viene ricomposto dopo la modificazione o scomparsa delle vocali finali e la conseguente fonemizzazione dei suoni metafonizzati. 4.2.2. Cronologia assoluta. Datazione della rotazione consonantica Gli studiosi che ipotizzano una periodizzazione nello sviluppo del protogermanico si basano dunque su mutamenti fonologici per i quali pi difficile ricostruire una successione reciproca e quindi una cronologia relativa; e ancor pi complesso il discorso che riguarda una cronologia assoluta, cio la data dinizio dellevoluzione che ha portato dallindoeuropeo al protogermanico. In tal senso utile lo studio della datazione della rotazione consonantica. Questa tradizionalmente considerata come il mutamento pi antico e pi caratteristico, tale da costituire un confine sia in senso verticale (rispetto allindoeuropeo) sia in senso orizzontale (rispetto alle lingue non germaniche). Un primo dubbio sullesatta datazione di questo fenomeno se esso sia precedente o successivo al mutamento di accento dato che la legge di Verner ne presupporrebbe un accento di tipo indoeuropeo, ma leffetto di questo accento pu essersi limitato ad una La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 27

modificazione, forse rafforzamento, della consonante seguente tale da impedirne, anche in unepoca che pu esser stata posteriore, la sonorizzazione in posizione intervocalica. Di sicuro, la rotazione uno di quei pochi elementi attestati in tutta la protostoria del germanesimo. Il documento linguistico pi antico dove questa compare liscrizione sul cosiddetto elmo B di Negau (dove compare il passaggio da ad a) che stato rinvenuto appunto a Negau, nella Stiria, e datato in unepoca imprecisata variabile dal V sec. a.C. al I sec. d.C. Nelliscrizione riportata sulloggetto si riconosciuta la presenza di uno o due nomi di origine germanica: harigasti e teiva, confrontabili con temi nominali di tipo indoeuropeo. Oggi, linterpretazione germanica delliscrizione non cos sicura come in passato, prima di tutto per la posizione (Slovenia) molto periferica rispetto al centro germanico nella quale il reperto stato rinvenuto e poi dalla datazione che, almeno da un punto di vista archeologico, si fissa quasi certamente attorno al 400 a.C. Ancora, liscrizione per certi aspetti sembra pi pertinente con certe caratteristiche delletrusco settentrionale viste le forti affinit con lalfabeto retico o veneticoarcaico, e comunque non andrebbero esclusi legami con i dialetti italici settentrionali dellepoca di tipo retico o celtico-retico. Per lindividuazione dei limiti cronologici e geografici della rotazione consonantica stata presa come riferimento lonomastica latina soprattutto nei casi in cui uno stesso nome compare, in contesti diversi, con o senza rotazione consonantica in quanto le fonti secondarie che lo riportavano potevano essere differenti. Molto pi importante la considerazione dei prestiti che sono sempre numericamente ampi in ogni momento storico e ambito linguistico. Si osservato infatti che mentre molti prestiti latini non sono stati adattati, quindi presumibilmente acquisiti dopo lavvento della rotazione consonantica, non si pu dire lo stesso di quelli celtici, e le due culture sono venute a contatto principalmente attorno al VI-V sec. a.C. Una moneta di conio celtico (100 a.C.), che presenta gli effetti della rotazione consonantica, Fariarix, potrebbe costituire secondo Birkhan il termine ante que. inutile dire che queste considerazioni non possono avere valore assoluto perch i processi di modificazione della lingua richiedono anche centinaia di anni per radicarsi e divenire definitivi, tanto che c una certa incertezza anche fra quali, degli aspetti della rotazione, sia avvenuto per primo. Fra gli altri, Fourquet ha dato una spiegazione fonologica al problema, proponendo che ad una prima fase in cui si realizza laspirazione delle occlusive sorde (es. p > ph) e lassorbimento delle occlusive sonore (es. b > p), ne segua una in cui le aspirate, sorde e sonore, passino alle rispettive spirannti (ph > f e bh > ).

4.3. Il germanico e la preistoria linguistica dellEuropa


Esistono degli elementi che rivelano alcune affinit del germanico esclusivamente con alcune lingue europee. La diffusione di queste isoglosse risulta interessante se grazie ad esse si pu riscontrare un effettivo momento di contatto fra due culture e quindi una certa unit sociale e linguistica, e ci permettono comunque, seppur con i dovuti limiti del caso, di poter stilare una specie di cartina delle lingue germaniche in epoca preistorica nonch quali fossero i loro rapporti con le confinanti culture non germaniche. 4.3.1. Isoglosse lessicali del germanico con le lingue dellEuropa occidentale A parte alcune concordanze di voci derivanti dallindoeuropeo con il sanscrito e littita, da segnalare la piena partecipazione del lessico germanico allarea linguistica e culturale dellEuropa centro-occidentale che abbraccia oltre al germanico anche le lingue celtiche, italiche e baltoslave. Esaminando le corrispondenze del germanico con i dialetti vicini si nota soprattutto lantichit delle relazioni avute con le lingue baltiche e slave, mentre predominante linfluenza delle parlate italiche e celtiche nella stesura di un vocabolario tecnico riguardante caccia, pesca e agricoltura, e si La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 28

deve al rapporto col celtico una particolare terminologia politica e sociale. Le tre fasi qui descritte vanno considerate cos come sono esposte anche in ordine cronologico. 4.3.2. Problemi metodologici nellanalisi delle relazioni lessicali tra il germanico e le altre lingue Non sempre unisoglossa risulta diffusa in tutte le lingue germaniche, anzi pu capitare che sia limitata ad una sola. un concetto questo che ci permette di puntualizzare come lunit linguistica germanica vada considerata in senso relativo, tenendo conto cio della presenza nelle lingue germaniche non solo di elementi comuni, ma anche di altri differenzianti. proprio il lessico infatti, a differenza di morfologia e fonologia, che ci fa comprendere come, quanto e in alcuni casi quando le singole lingue siano entrate in contatto con altre realt extragermaniche, e quindi la relativa indipendenza sotto questo punto di vista delle lingue germaniche le une dalle altre. 4.3.3. La formazione dellunit linguistica germanica Accanto allindividuazione degli elementi comuni a tutte le lingue germaniche sarebbe utile ricostruire anche le fasi preistoriche di ogni dialetto, in quanto data limpossibilit di riconoscere un protogermanico ufficiale, sono proprio le similitudini mostrare da quei dialetti a gettare le basi per parlare di unit linguistica germanica. Gli stessi mutamenti che hanno investito un dialetto piuttosto che un altro possono tranquillamente essere stati frutto di processi iniziati in epoca preistorica e diffusi in ere diverse per ogni minoranza, per tendenze interne o accrescimento delle attivit di scambio intertribali. proprio attraverso lirradiazione di un certo numero di isoglosse da centri particolarmente attivi in senso culturale, e attraverso la conseguente acquisizione delle innovazioni da parte dei dialetti soggetti allinfluenza di tali centri che pu essersi formata nel corso di un certo lasso di tempo quella comunit linguistica che contraddistingue il gruppo germanico nellambito delle altre lingue dellEuropa (Pisani). Non si tratta quindi di ununit originaria, ma di una progressiva aggregazione di dialetti attraverso la acquisizione di determinate isoglosse. Sarebbe necessario quindi individuare, delimitandoli in tempo e spazio, quei momenti di convergenza intorno ad un centro irradiatore che ha dato origine al diffondersi di isoglosse. In epoca storica si possono ancora riconoscere alcuni elementi di stretta coesione (come ad esempio quella lingua di tipo runico, attestata attorno al II sec. d.C. molto simile in quasi tutte le popolazioni germaniche), ma gi a ridosso dellepoca volgare molti elementi presi in prestito dal latino avevano esito pressoch identico allinterno di tutta larea germanica, come nel caso di Cesare, lat. Caesar, got. kaisar, ags. cesare, aat. keisar, prima ancora della monottongazione di ae latino e della palatizzazione di C-. Poich, come gi accennato, i prestiti celtici e latini precedono e rispettivamente seguono lo sviluppo della rotazione consonantica, verosimile pensare che durante gli ultimi secoli prima di Cristo persistesse una stretta unit tra i dialetti germanici e fosse ancora possibile la diffusione di isoglosse. Basandoci su questi dati si potrebbe anche tracciare una specie di mappa del territorio occupato dai parlanti lingue germaniche allepoca della loro unit. ci che ha fatto, ad esempio, Wenskus (cfr. 2.2.2.) il quale basandosi sui ritrovamenti archeologici ha individuato unarea particolarmente compatta che si estende dallOder alle foci del Reno e dal Lss alla Scandinavia meridionale.

4.4. Dal protogermanico alle lingue germaniche


4.4.1 Impostazione metodologica del problema La germanistica neogrammatica, quella cio che considera il protogermanico come una lingua compatta, non tiene conto di sfaccettature dialettali originarie che oppongono lun gruppo allaltro, La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 29

considerandole solo casi di conservazione o viceversa innovazione rispetto ad una situazione considerata in una fase precedente come propria di tutte le lingue germaniche. Levoluzione da lingua unitaria a variet dialettali viene quindi vista come mero fattore cronologico-genealogico, quale capillare smembramento dellantica unit. Lapplicazione dei metodi della geografia linguistica alla situazione ipotizzabile nella preistoria, tuttavia, permette di osservare che isoglosse pi antiche potrebbero descrivere confini dialettali preistorici. In questo modo si d rilievo anche ad una dimensione spaziale (presenza di isoglossa = antica vicinanza geografica) e si tiene conto del fatto che le singole situazioni storiche condizionano lo sviluppo dei fatti linguistici che ne conservano a lungo traccia. Tale situazione rapportabile anche allepoca dellunit, seppur molto difficile per quel periodo determinare le isoglosse e i momenti di convergenza, anche se esiste sempre lipotesi che la stessa innovazione possa avvenire senza influsso di un dialetto sullaltro ma per sviluppo interno condizionato da analoghe premesse. Resta comunque assai verosimile la supposizione che la presenza di una serie di isoglosse possa rispecchiare un certo periodo di vicinanza geografica e di evoluzione comune, quindi ricostruire antichi momenti di convergenza. 4.4.2. Isoglosse parziali tra le lingue germaniche Isoglosse pi comuni riguardano le seguenti relazioni: - Gotico e antico nordico; - Lingue germaniche settentrionali e occidentali ad esclusione del gotico - Lingue germaniche occidentali in generale (ags. asass. fris. e dialetti tedeschi) - Lingue ingevoni (anglosassone, frisone e parte del sassone continentale) - Gotico antico e alto tedesco ad esclusione dellingevone. 4.4.3. La suddivisione delle lingue germaniche La tradizionale ripartizione delle lingue germaniche in occidentali, settentrionali e orientali risale allo Schleicher (Die deutsche Sparche, 1860) che applica al germanico una teoria dello sviluppo genealogico: dalla protolingua germanica si sarebbero dipartite in fase preistorica le lingue germaniche orientali (tra cui il gotico), quelle settentrionali e quelle occidentali che poi sarebbero ulteriormente evolute in quelle attestate. Generalmente si ritenuta buona questa ipotesi a livello geografico, non tanto al livello temporale in riferimento al fatto che le suddivisioni fossero avvenute in epoca preistorica. Scherer propone invece una divisione bipartita per la quale ad un germanesimo occidentale se ne opponeva uno orientale comprendente Goti e Germani settentrionali ma ci presupporrebbe lipotesi (tuttoggi non ancora attestata) dellorigine dei Goti dalla Scandinavia e di un loro sviluppo culturale solo dopo lallontanamento dalle sedi originarie. Infine Kuhn suggerisce come le isoglosse tra le lingue germaniche possano essersi stabilite anche per contatti successivi al distacco delle singole trib dalla comunit protogermanica. Pi delicata linquadratura delle singole lingue germaniche occidentali. Streitberg divideva il germanico occidentale in anglofrisone e tedesco da cui poi sarebbero derivati il basso e lalto tedesco. Lipotesi stata comunque rivista da Wrede che considerando le numerose isoglosse ingevoni, che riaccostano cio il basso tedesco allanglosassone e al frisone, ha supposto lesistenza di un antico ingevone che avrebbe abbracciato i dialetti occidentali dallInghilterra alla Svizzera, spezzati poi dallinflusso gotico proveniente da sud-est. La situazione originaria sarebbe quindi quella conservata dalle lingue del Mar del Nord mentre i dialetti posti pi a sud sarebbero una specie di germanico occidentale goticizzato. La tripartizione suggerita da Tacito ha introdotto anche nella considerazione del germanico occidentale una tripartizione quantomeno come ipotesi di lavoro, che ha dato comunque dei La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 30

risultati. Maurer indentifica gli Ermiones con i Germani dellElba (Alemanni e Bavaresi), gli Ingaevones con i Germani settentrionali e del Mar del Nord e gli Isteaevones con i Germani della Weser e del Reno (fra cui i futuri Franchi) ma demolisce il concetto di germanico occidentale come unit culturale sottolineando alcune connessioni tra lalemanno ed il nord, antichissime e poi annullate dalla posteriore sistemazione geografica dei due popoli. A questo punto risulta ovvio che per disegnare un quadro pi o meno sensato e conclusivo delle relazioni tra le lingue germaniche bisogna prendere in considerazione solo i fatti pi evidenti. evidente che le innovazioni goto-nordiche devono risalire ai primi secoli a.C., dato che la partenza dei Goti dalle sedi settentrionali si pone circa al II-I sec. a.C. Non si escludono quindi contatti fra Goti e Germani dellElba (i futuri tedeschi meridionali) durante le migrazioni dei Germani orientali verso sud (giustificando quindi le analogie fra gotico e tedesco antico). Dopo la partenza dei Goti le lingue nordiche e occidentali continuano congiuntamente la loro evoluzione fino allet delle migrazioni, elaborando quella koin linguistica di carattere strettamente letterario, rispecchiata nelle iscrizioni runiche pi antiche. Ad unepoca antecedente la conquista della Britannia da parte di Angli, Sassoni e Juti risalgono probabilmente le basi della comunit linguistica ingevone. Dopo lo spostamento di Bavari e Alemanni dalle sedi dellElba nella Germania meridionale inizia lespansione verso nord dei fenomeni linguistici tedesco-meridionali (ad es. della rotazione consonantica tedesca), che provocher la conseguente progressiva ritirata delle caratteristiche ingevoni.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 31

5. Il gotico
5.1. I Goti e Wulfila
5.1.1. La traduzione della Bibbia Nel gruppo germanico orientale lunica popolazione di cui documentata la lingua quella dei Goti. Tuttavia, tutto ci che giunto sino a noi sono dei frammenti della traduzione della Bibbia effettuata nel IV secolo dal vescovo visigoto Wulfila, tre quarti del Nuovo Testamento e tre capitoli del libro di Neemia. Per quanto si tratti di lingua gotica, il registro alto in quanto riferito al contesto religioso (quindi potrebbe essere distante dal Gotico parlato), rimane il fatto che vista lestensione e lantichit esso un testo importantissimo. Non va sottovalutato infine il fatto che si tratti di uno dei primi testi che testimoniano il contatto diretto dei Germani con il mondo mediterraneo colto e letterato. 5.1.2. La storia dei Goti I Goti cominciano ad entrare in contatto con limpero romano agli inizi del III secolo d.C. in seguito al loro stanziamento sul Mar Nero, dopo che ebbero lasciato le antiche sedi sulla bassa Vistola dove sono segnalati da Tacito. La leggenda che li vede originari della Scandinavia non trova conferme archeologiche e linguistiche. Nella sedi meridionali i Goti fondano un dominio dapprima stabile, che si estendeva dal Don fino al Danubio, suddiviso fra le due grandi trib degli Ostrogoti a est e dei Visigoti a ovest. Dopo pi di un secolo di guerre contro i romani e popolazioni confinanti, nellultimo quarto del IV secolo gran parte dei Goti si unisce allinvasione Unna guidata da Attila e muove verso ovest. I Visigoti con Alarico arriveranno addirittura a saccheggiare Roma nel 410 e nel 418 fonderanno nel sud della Gallia il regno di Tolosa. Si spingeranno fino alla penisola iberica dove, sconfitti dai Franchi nel 507, si ritireranno fino alla conquista araba del 711. Nel 375 anche gli Ostrogoti si uniscono agli Unni si noti che il nome Attila di origine gota, diminutivo di atta padre e dopo la morte del condottiero unno riacquistano lindipendenza e si stabiliscono nella Pannonia e nel Norico confederati dellImpero romano. Da qui, alla fine del V secolo invadono lItalia sotto la guida di Teoderico, il quale compir anche il primo tentativo di conciliare in uno stesso stato le esigenze giuridiche, religiose e culturali dei Germani e dei Latini. 5.1.3. Wulfila I due momenti pi importanti della storia gota sono da un lato limpatto con limpero Bizantino e la conversione al Cristianesimo (valida soprattutto per i visigoti), dallaltro il regno di Teoderico in Italia. La figura del vescovo Wulfila fu fondamentale per lacquisizione del Cristianesimo da parte dei Goti, anche se molto probabilmente questi conobbero la religione cristiana fin dai primi contatti coi greco-bizantini. Lo stesso Wulfila, di madre cappadoce e padre goto, fu istruito nella lingua latina e greca, e sembra essere un rappresentante di quella minoranza che attraverso le relazioni con Costantinopoli inizi ad operare una revisione della tradizione germanica alla luce dellacquisita cultura greca. Elevato a vescovo nel 341 a Costantinopoli, torn in patria facendosi promotore del Cristianesimo, dirigendo come capo spirituale e temporale una piccola comunit di convertiti, i Gothes minores.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 32

5.1.4. La lingua della Bibbia gotica probabilmente giunta fino a noi grazie alla sua funzione liturgica, che la rendeva di uso comune. Il testo rivela una sensibilit linguistica molto raffinata da parte del traduttore, soprattutto in rapporto allelevata difficolt dellopera in quanto il gotico non aveva una tradizione letteraria vastissima, se non quella limitata a poesia orale di tipo epico. Inoltre la lingua della Bibbia presentava unimmensa variet di generi e stili, e richiedeva di esprimere un patrimonio concettuale sicuramente estraneo per la sua maggioranza al mondo germanico. Tuttavia Wulfila riusc in qualche modo a piegare il testo biblico alla lingua gotica sfruttandone al massimo le possibilit espressive, ampliando i significati di alcune parole e creandone di nuove. Lequilibrio tra innovazione e rispetto della tradizione linguistica indigena, quindi, viene rispettato e si crea unopera di novit e raffinatezza notevoli per un dialetto germanico del IV secolo. Per quanto sicuramente la maggioranza delluditorio sarebbe stato colto, si nota comunque uno sforzo da parte del traduttore di allargare quanto pi possibile lo spettro dei potenziali lettori, limpianto grammaticale sostanzialmente germanico della lingua non sembra quasi mai compromesso dallinfluenza del greco; questo si manifesta soprattutto nel lessico, nella sintassi e nellordine delle parole, secondo un criterio di scrupoloso rispetto della lettera del testo sacro che invita a non modificare la struttura della frase e del periodo. Non c molta chiarezza su quale possa essere loriginale dal quale Wulfila abbia attinto in quanto non ci sono versioni n greche n latine che rispecchino alla perfezione il testo gotico, quindi lipotesi pi accreditata quella di un testo revisionato in epoche successive allinserimento dei Goti nel mondo occidentale, anche pi di una volta.

5.2. Documenti della lingua gotica


I biografi di Wulfila confermano che per la stesura e traduzione della sua Bibbia egli invent un alfabeto che utilizzava lonciale 5 greco del IV secolo integrando con segni tratti dellonciale latino e dellalfabeto runico (presumibilmente i segni per u e per o). Sembra accertato infatti che anche i Goti abbiano conosciuto la scrittura runica. 5.2.1. Le iscrizioni runiche Alcune delle iscrizioni runiche pi antiche, datate III-IV secolo su oggetti rinvenuti per lo pi in zone dellEuropa orientale, possono essere attribuite ai Germani dellEst come scritte in gotico. Le pi famose sono liscrizione sulla punta di lancia di Kowel, sul collare di Pietroasa e sulla fuseruola trovata a Letcani, interpretabili anche grazie al gotico wulfiano. Ma anche se attestato che i Goti conoscevano le rune, rimane chiaro che questo stile cos magico-rituale fosse inadatto alla scrittura del testo sacro, per la quale sembrato pi opportuno un utilizzo dellalfabeto greco con i dovuti adattamenti alla struttura fonologica del gotico. 5.2.2. La tradizione manoscritta A parte queste scarse attestazioni runiche, tutti i documenti gotici individuati risalgono al V-VI secolo e sono di provenienza occidentale, riferibili quindi con tutta probabilit a stanziamenti gotici nellimpero dOccidente e quindi al regno italico degli Ostrogoti (o in misura minore a quello visigoto di Tolosa). documentato linteresse scaturito durante il regno italico di Teoderico per la tradizione e lesegesi biblica, tant che la maggior parte degli scritti gotici sembra provenire proprio dallItalia. Il pi importante di questi sicuramente il Codex Argenteus, conservato ad Uppsala, che appartiene
5

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 33

Antica scrittura maiuscola usata dal III allVIII secolo nei manoscritti degli amanuensi latini e bizantini.

ad una serie di evangelari del V-VI secolo in pergamena purpurea con scrittura in argento e oro. Uno di questi evangelari, il Brixianus presenta particolari somiglianze con Codex Argenteus. Questultimo doveva essere originariamente costituito di 336 fogli; ne restano 188. Gli altri manoscritti che contengono testi gotici sono: il Codex Gissenis, il Codex Carolinus, entrambi bilingui latino-gotici, e i cinque Codices Ambrosiani (denominati A B C D E); i fogli che costituiscono i cosiddetti Codex Taurinensis e Codex Vaticanus appartengono rispettivamente allAmbrosianus A ed E. Tutti questi scritti sono frammentari e contengono alcuni passi della Bibbia e il commento, anchesso parziale, ai primi sette capitoli del Vangelo di S. Giovanni, detto Skeireins spiegazione. La Skeireins molto probabilmente la traduzione di unopera a noi ignota piuttosto che un testo originale, ma di fondamentale importanza perch testimone delluso della lingua gotica anche in contesti non liturgici. Ci sono infine documenti minori di carattere profano, fra tutti due atti di vendita che, in un contesto latino, contengono dichiarazioni e firme in gotico, testimoniando lestensione della lingua scritta anche ad un uso civile e giuridico.

5.3. La Lingua gotica


Anche dal punto di vista linguistico la tradizione gotica appare alquanto compatta e rigidamente codificata. Infatti pur avendo presumibilmente conosciuto una certa evoluzione cronologica e certe differenziazioni fra ostrogoto e visigoto, i documenti di entrambe le parti risultano abbastanza similari, o quantomeno attinenti ad una stessa struttura comune. 5.3.1. Il sistema grafico fonologico Lalfabeto gotico aveva un carattere prevalentemente fonologico nel senso che in linea di massima ogni segno grafico rappresentava un fonema. Esso considerava (espresse secondo la trascrizione in lettere latine) cinque vocali brevi: i ai a au u e cinque lunghe ei e ai a au o u. Per quanto riguarda i vocalismo notiamo che i digrammi ai e au esprimono probabilmente [] ed [] intesi come [:] ed [:], anche le vocali a e u si riferiscono sia alle brevi che alle lunghe, mentre e e o indicano vocali lunghe e probabilmente chiuse. Infine i ed ei esprimono entrambi [i] (la prima breve, la seconda lunga). 5.3.2. Valore fonetico e fonologico dei grafemi gotici Essendo una lingua morta, la determinazione del valore fonetico dei grafemi gotici presenta alcune difficolt. Per la soluzione dei casi problematici ci si basati da un lato sullosservazione degli usi grafici degli alfabeti modello (soprattutto greco bizantino), dallaltro su criteri di coerenza interna e sulla ricostruzione della situazione pregotica attraverso la comparazione. Inoltre la trascrizione dei nomi stranieri in caratteri gotici una prova attendibile del valore fonetico di un segno, anche se non sono rari casi contraddittori. Detto ci, si stabilito con una certa sicurezza che i digrammi ai e au valgono quanto specificato in 5.3.1. davanti a r h hv, i segni b d g indicano probabilmente delle spiranti sonore tranne che in inizio di parola e dopo nasale. Il consonantismo corrisponde essenzialmente al sistema del germanico, ma il vocalismo rivela vistose trasformazioni, tra cui: realizzazioni come i delle e del germanico, passaggio di /i/ /u/ ad [e] [o] davanti ad r h hv (got. baurgs citt, aat. burg), monottongazione di ai e au germanici, fonemizzazione di e o (da i u avanti r h hv), forse per indebolimento di h, da cui erano in origine in parte condizionati.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 34

5.3.3. Caratteristiche morfologiche Morfologicamente il gotico si distingue dalle altre lingue germaniche per una migliore conservazione di alcune strutture di origine indoeuropea, quali la distinzione in pi declinazioni nella flessione nominale e dei vari casi allinterno della stessa declinazione, nonch per la prima e seconda persona duale del tema presente dei verbi (noi due, voi due), il raddoppiamento del preterito nei verbi forti di VII classe e la presenza di verbi in na- (IV classe debole). Le innovazioni principali consistono nellintroduzione di singole formazioni come il tipo del pronome relativo mediante la giustapposizione alla forma del dimostrativo della particella ei (es. sa-ei egli, il quale). 5.3.4. Caratteristiche sintattiche Linflusso del greco ha fortemente condizionato lordine delle parole e la struttura della frase e del periodo, tanto da impedire in alcuni casi di riconoscere elementi sintattici prettamente gotici. In generale per si osserva una mancanza nellevoluzione verso un tipo di espressione analitica dei rapporti sintattici pi tipica di altre lingue germaniche, parallelamente alla conservazione delle desinenze, luso dellarticolo (limitato rispetto al greco) o luso relativamente frequente del dativo e genitivo senza preposizione. Tra le caratteristiche pi particolari si noti luso del prefisso ga- per esprimere laspetto durativo del verbo semplice (fraihnan domandare e ga-fraihnan ottenere risposta). 5.3.5. Il lessico Il vocabolario gotico giunto fino a noi assai limitato, sono assai pochi i documenti relativi a campi lessicali importanti come quello militare, dellarte e delle scienze mentre abbastanza ben rappresentato quello della vita e le attivit umane, natura e rapporti sociali. Il greco ed il latino hanno influito notevolmente sulla terminologia cristiana, i prestiti sono penetrati nel lessico gotico in periodi distinti e probabilmente in epoca anteriore a Wulfila. I calchi hanno notevole impiego nella Bibbia gotica, perch costituiscono il mezzo pi appropriato per trasmettere con immediatezza i concetti della dottrina e pratica cristiana ad un mondo culturalmente estraneo a questa. Tra i calchi di struttura (che riproducono con mezzi gotici la formazione lessicale greca) sono molto frequenti gli aggettivi qualificativi e gli astratti, con i calchi semantici invece (grazie ai quali si attribuisce ad una parola preesistente un nuovo significato) si riusciti ad indicare gran parte dei concetti di ispirazione cristiana: ad es. ahma wehis Spirito Santo.

5.4. La sopravvivenza della tradizione gotica


5.4.1. Il gotico nel mondo occidentale Il patrimonio culturale gotico si trasmesso, per forza di cose, anche ai popoli limitrofi. La politica espansionistica di Teoderico, che strinse alleanze con Alemanni e Turingi, stimol fortemente gli scambi culturali e non fece altro che accrescere la gi vasta stima (nata allepoca dei successi militari) che i Goti potevano vantare dagli altri popoli germanici. La fede ariana tuttavia dovette costituire un grosso ostacolo per la trasmissione posteriore della tradizione gotica in quanto gli altri popoli germanici divennero ben presto tutti cattolici. Leredit culturale gotica quindi manifesta in pochi campi, fra cui quello dellepica, ma anche in quello linguistico: infatti riscontrabile il lascito che il lessico della Bibbia gotica ha donato a quelli delle altre lingue germaniche, soprattutto nella elaborazione e costruzione della terminologia religiosa. Per quanto non esista una testimonianza esplicita del fatto che traduttori inglesi e tedeschi La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 35

dellepoca abbiano avuto il gotico come elemento di partenza, lo studio linguistico di determinate glosse dimostra limpossibilit che questi siano giunti indipendentemente a certe innovazioni lessicali parallele. 5.4.2. Il gotico di Crimea Al tempo dellassoggettamento agli Unni, una parte del popolo goto si trasfer in Crimea, sulle sponde del Mar Nero. La loro presenza in questo luogo documentata da una testimonianza del XVI secolo quando venne pubblicata (1589) una notizia contenuta sulla Legationis turcicae Espistolae del diplomatico fiammingo A.G. Busbecq. Questi ottenne da un suo emissario di ritorno dalla penisola un glossario di circa 90 parole, la pi parte delle quali di origine germanica, che presentavano affinit con il gotico di Wulfila. Tuttavia, la mancanza di certezze sullaffidabilit dellinformatore e sulle doti di trascrizione dello stesso Busbecq, hanno recentemente gettato dubbi sullimportanza del documento nel poter testimoniare che, ad oltre un millennio di distanza dalla presunta estinzione della societ originaria, si potesse ancora individuare una societ gotica addirittura in un contesto extraeuropeo.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 36

6. Langlosassone
6.1. Le origini della cultura anglosassone
Nel periodo anglosassone, cio dallemigrazione degli Angli, Sassoni e Juti (sec. V) alla conquista normanna (1066), la lingua e la cultura inglese pur conservando caratteristiche tipicamente germaniche subiscono unevoluzione particolare, condizionata dallassorbimento nella matrice germanica di elementi diversi, fra cui quelli del sostrato celtico, del latino e del mondo scandinavo. 6.1.1. La conquista e il mondo celtico Al loro sbarco in Britannia i Germani si trovarono di fronte ad una popolazione cristiana di cultura romano-celtica, che occupava il Sud e il centro dellisola e che confinava a Nord con le trib ancora pagane dei Picti e degli Scoti. Lo storico Beda nella sua Historia Ecclesiastica gentis Anglorum ci informa che i Germani sarebbero giunti sullisola dalla Danimarca e dalla Germania settentrionale, prima in qualit di mercenari contattati dalle trib del Sud per contrastare quelle del Nord, salvo il fatto che si sarebbero poi impadroniti dellintera isola ad esclusione della Cornovaglia e del Galles, rimasti in mano ai Celti. Della situazione culturale della Britannia prima della conquista germanica si sa ben poco. Nella lingua pressoch impossibile scorgere forti influenze di stampo celtico, ma ci sono delle caratteristiche dellanglosassone molto peculiari che mettono la lingua in una posizione diversa rispetto alle altre germaniche. Ad esempio la tendenza alla palatizzazione e la caratteristica ricettivit della lingua inglese (soprattutto di termini romanzi a partire dallXI secolo) potrebbero derivare da elementi riconducibili al sostrato celtico. Nondimeno, la particolare fisionomia della cultura germanica in Inghilterra, cos propensa ad armonizzare elementi germanici e cristiani, potrebbe avere le sua radici nella familiarit stabilitasi nel corso degli anni fra conquistatori ed gli indigeni locali cristiani e latinizzati, a seguito di rapporti se non di convivenza certamente di vicinanza. 6.1.2. La conversione Nel corso del VI secolo gli Anglosassoni rafforzano la loro conquista suddividendo lisola in sette regni: il regno del Kent, i tre regni sassoni del Sussex, Essex e Wessex e, a nord del Tamigi, i regni della Mercia, Anglia orientale e Northumbria. Contemporaneamente nei territori rimasti celtici e soprattutto in Irlanda si consolida la tradizione cristiana affiancata da una forte ritualit monastica fondata su rigide pratiche ascetiche. Nel 565 il monaco irlandese Columba fonda il monastero di Iona in Scozia ma sar in tutto il VII secolo che i monasteri irlandesi dimostreranno una notevole vivacit culturale in tutta la Britannia, soprattutto settentrionale. In Inghilterra meridionale, intanto, si stabiliscono fecondi contatti con la tradizione cristiana continentale: nel 599 re Ethelbert del Kent che aveva sposato una principessa franca cattolica si converte al Cristianesimo e autorizza il monaco Agostino ed i suoi missionari a predicare presso il suo popolo. Di ritorno da Roma, verr investito dal papa Gregorio Magno del titolo di arcivescovo di Canterbury. La conversione degli Anglosassoni fu tranquilla e moderata sia dal punto di vista della Chiesa, che non us mai mezzi forti per imporre il proprio credo, sia dal punto di vista delle popolazioni le quali, a differenza di altre germaniche, non si sollevarono mai veramente contro questo indottrinamento fortemente politico. Fatto dovuto probabilmente dal fatto che, basicamente, la religione cattolica non fosse una novit in quelle terre quindi seppur non praticata pi ufficialmente, essa poteva appoggiarsi su una tradizione conosciuta e acquisita, anche se solo La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 37

parzialmente, gi da secoli. Nel giro di mezzo secolo tutto il territorio delle isole britanniche occupato da popolazioni germaniche pot dirsi cristianizzato. Non pot invece definirsi da subito del tutto romanizzato in quanto lesigenza di organizzare la struttura politica del clero per via gerarchica voluta da Roma si trov a collidere con le sempre pi integrate comunit benedettine irlandesi, di matrice pi naturale e popolare. Oggetto della disputa dovrebbero esser state questioni di carattere liturgico pi che dottrinale, quali il metodo da usare per stabilire la data della Pasqua che nei calendari irlandese e romano era differente. Ovviamente esistevano motivi pi profondi: da una parte il mancato riconoscimento dellautorit romana, dallaltra certi atteggiamenti estremistici del monachesimo irlandese che consentiva ai singoli monaci una notevole indipendenza dal proprio convento. La Regola di S. Benedetto infatti suggeriva un comportamento pi predicativo e meno ascetico e sosteneva rigidamente il dovere della residenza continuata in comunit. La situazione venne risolta quando nel 644 nel sinodo di Whitby - con lappoggio di re Oswin di Northumbria venne dichiarata valida la data romana delle Pasqua, adottata nel 716 anche nel monastero di Iona. Dopodich gradualmente tutti i monasteri inglesi aderirono alla regola Benedettina e Teodoro di Tarso, vescovo vicino a Roma, venne nominato arcivescovo di Canterbury nel 688 ed abol le consuetudini monastiche irlandesi, rendendo obbligatoria la residenza in convento. 6.1.3. La vita culturale dellVIII secolo Nel corso dellVIII secolo malgrado le lotte tra i piccoli regni anglosassoni, i monasteri inglesi svilupparono una notevole vita culturale che vide da un lato il rafforzarsi della letteratura latina di carattere omiletico 6 e agiografico 7, dallaltro il fiorire della poesia germanica. Furono particolarmente feconde le scuole dei monasteri settentrionali come Yarrow, York, Lindisfarne, ed proprio in Nothumbria che venne stimolata la nascita della poesia volgare. Qui lavoravano figure che avrebber influenzato tutta la vita culturale europea e la prima di queste sicuramente Beda che scrisse, oltre alla preziosissima Historia Ecclesiastica gentis Anglorum, numerose opere grammaticali di compilazione scientifica. Accanto a lui non pu essere non citato Alcuino di York (735), operante nel monastero di York, il quale scrisse in lingua latina opere in versi e manuali grammaticali e filosofici di carattere didattico, ma viene soprattutto ricordato per essere stato chiamato, nel 781, alla corte di Carlo Magno per realizzare il vasto programma di riorganizzazione scolastica. Alcuino il simbolo di quellEuropa medievale in cui erano fiorenti scambi culturali fra Germania e Inghilterra per tutto lVIII secolo, spinti soprattutto dallopera dei missionari che convertivano i popoli pagani al Cristianesimo. La vivacit culturale del monachesimo anglosassone fu fortemente stimolata dal piano di rivitalizzazione culturale voluto da Carlo Magno e vede la sua massima espressione in quellopera di accurato recupero del patrimonio letterario e scientifico classico e tardo-antico. Centro culturale di queste attivit fu la Schola Palatina che, assieme alla ricostruzione filologica del testo biblico attuata da Alcuino, funse da motore trainante alla rivalutazione della scienza pagana finalizzata allo studio e alla comprensione delle Sacre Scritture. Di riflesso, anche in Inghilterra lapproccio ai testi sacri si intensifica e si raffina, la poesia di ispirazione cristiana si arricchisce divenendo a volte di tipo lirica in virt di un linguaggio pi immaginoso e complesso.

6 7

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 38

Relativo alle omelie. Che ne riproduce lo stile piano e accessibile a tutti. Relativo alla narrazione mitizzata della vita dei santi.

6.1.4. Lepoca di Alfredo A questo periodo cos intellettualmente vivace fa seguito una delle epoche pi travagliate del medioevo inglese (fine VIII met IX secolo) che ha inizio con la devastazione e la conquista da parte dei Vichinghi della parte settentrionale dellisola. Labbazia di Lindisfarne viene distrutta nel 793 (e dopo di essa molti altri monasteri), pertanto gran parte della poesia anglosassone che ci arrivata posteriore (X-XI sec.) e scritta in sassone occidentale, perch cio si trattava di copie di testi che non esistevano pi. Con le devastazioni a nord, il baricentro della vita politica si sposta nel sud dellisola, dove i re del Wessex riescono temporaneamente ad opporsi alle incursioni vichinghe. Con il regno di Alfredo il Grande (871-901) ci fu un periodo di relativa tranquillit con una relativa ripresa dellattivit letteraria, stimolata dal sovrano stesso. Alfredo riesce a sconfiggere i Danesi e a stipulare con loro il trattato di Wedmore che gli riconosceva sovranit sui regni di Wessex, Sussex, Kent e Mercia, mentre restavano ai danesi gli altri regni. Alfredo, costatando la decadenza civile e intellettuale della popolazione, si propose di riedificare i costumi e riformare listruzione religiosa e civile, nel campo giuridico stese un nuovo codice legislativo, rinnovato ma rispettoso dei principi tradizionali. Sar infatti cura di Alfredo non rinnegare mai il passato del suo popolo cercando sempre di rivalutarne le tradizioni. Con tale spirito promosse la redazione della Cronaca Sassone, promosse le traduzioni in inglese di alcuni importanti testi dottrinari e filosofici, ed infine incit ad usare la lingua inglese sia in contesti formali che civili. Fu cos, proprio per il doversi raffrontare con opere alte e complicate, che linglese raggiunse buoni livelli di prosa. 6.1.5. La rinascita benedettina Al regno di Alfredo segu nel corso del X secolo un nuovo periodo di incertezza dovuto dal riacutizzarsi delle guerre contro i Danesi. Tuttavia la tradizione culturale monastica fu tutelata dal diffondersi nei periodi di pace dello spirito della rinascita benedettina, partita dai monasteri che introdussero anche in Inghilterra un nuovo fervore di vita religiosa e di conseguenza favorirono la ripresa degli studi. Attorno al periodo dellanno 1000 risale la stesura di quattro codici ce contendono due terzi della poesia anglo-sassone rimastaci, la produzione dellepoca tuttavia di carattere prettamente omiletico e si sviluppa principalmente nelle abbazie meridionali. Famosa fu la scuola di Winchester di cui fu riorganizzatore larcivescovo Aethelwod, il quale tradusse in inglese la Regula di S. Benedetto. Assieme a lui degno di nota il suo allievo Aelfric, celebre per lattivit di maestro, latinista e traduttore. Ad egli si deve la versioni delle Istitutiones grammaticae di Prisciano e dei primi libri del Vecchio Testamento (volutamente parziale, con testi selezionati vista la larga fascia di lettori). Con lomelia e lagiografia, la prosa inglese entra a pieno diritto nelluso letterario, sostituendosi a quella latina. Il periodo propriamente anglosassone della cultura britannica termin di fatto con linvasione dei Normanni, popolo di origine scandinava ma cultura francese, i quali vincendo la battaglia di Hastings nel 1066 portarono un loro sovrano, Guglielmo il Conquistatore, sul trono dellisola. La struttura social del regno ne fu drammaticamente sconvolta e modificata, lavvento della nuova aristocrazia feudale normanna determin lo sparimento di quella anglosassone che nei suoi elementi ecclesiastici e laici era la detentrice della cultura scritta indigena. Dora in avanti, invece, linglese venne quasi totalmente soppresso nei testi letterari , a favore del latino o del francese. Antichi manoscritti in lingua inglese non venivano n compresi n presi in considerazione dalla nuova classe aristocratica, pertanto non vennero copiati, dimenticati e in alcuni casi anche dispersi. Solo poche sacche conservatrici si adoperarono a portare avanti la vecchia tradizione: a Peterborough ad esempio si continu a compilare la Cronaca Anglosassone fino al 1514, ma la cultura ufficiale faceva uso del solo francese, mentre di una vera e propria fusione si pu parlare solo a partire dal XIII secolo. La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 39

6.2. La letteratura anglosassone


6.2.1. Primi testi abbastanza artificioso cercare di portare uno studio sui testi della cultura anglosassone ed escludere quelli in lingua latina dato che fino al IX secolo le personalit pi incisive la usavano come maggiore codice di comunicazione, tuttavia a differenza di altre realt germaniche, nel mondo inglese la frattura fra cultura latina e germanica non stata cos profonda e netta. La lingua anglosassone entra infatti nelluso scritto assai precocemente rispetto alle altre lingue germaniche nord-occidentali, ed assume unimportanza molto rilevante: i primi testi anglosassoni sono in un alfabeto epigrafico di origine runica appositamente modificato per la resa dei suoni inglesi (VI-VII sec.). Beda ci informa che gi il re Ethelbert avrebbe pregato il monaco Agostino di mettere per iscritto in anglosassone le leggi del Kent, e lo stesso Beda narra altrove del poeta Cdmon, vissuto nella met del VII secolo, il quale ispirato da Dio avrebbe iniziato a comporre in inglese poemi di ispirazione cristiana. Questa alta considerazione della lingua indigena coerente con latteggiamento tipicamente anglosassone di rispetto e conservazione della tradizione germanica in armonia con la nuova civilt cristiana appena acquisita. 6.2.2. Documentazione scritta della poesia anglosassone I pi antichi documenti di poesia epica in anglosassone sono due brevi inni, luno attribuito da Beda a Cdmon, e canta in nove versi la gloria del Creatore, laltro il canto di morte dello stesso Beda, in cinque versi, conservato in 29 manoscritti, di cui molti in northumbrico. Il grosso della produzione poetica anglosassone contenuto, come gi detto, in quattro codici, tutti scritti intorno al 1000 in dialetto sassone occidentale tardo. Essi sono: 1) Il manoscritto Junius XI, con la serie dei poemetti detti Cdmoniani ispirati allAntico Testamento. In tutto 5.000 versi. 2) LExeter Book conta circa 8.000 versi e vi si trovano fra gli altri i poemi Cristo e Giuliana di Cynewulf, nonch carmi di carattere profano come le cosiddette Elegie. 3) Il Vercelli Book, che sarebbe stato scritto in Inghilterra e giunto per vie non chiare a Vercelli, dov tuttora conservato nellArchivio Capitolare della Cattedrale. Due terzi del contenuto costituito da omelie in prosa. Sono presenti alcuni poemetti di Cynewulf. 4) Il codice Cotton Vitellius A XV del British Museum il codice che contiene lunico manoscritto di carattere profano, Beowulf. preceduto da tre brani in prosa e seguito da un frammento in versi che tratta dellepisodio biblico di Giuditta. 6.2.3. Motivi ispiratori In tutto il materiale, contente circa 30.000 versi, la maggior parte del materiale ispiratore di matrice cristiana che da un lato tratta di episodi biblici e della vita dei santi, dallaltro informa di spirito nuovo il materiale epico proprio della tradizione germanica. La poesia eroica rappresentata essenzialmente da Beowulf, leroe che combatte i mostri per sconfiggere il male. Il poema si riferisce alla tradizione scandinava ma impregnato di messaggi morali evidentemente cristiani. Nei poemi di argomento cristiano si possono evidenziare due gruppi, quelli del ms. Junius XI attribuiti dal primo editore Franciscus Junius (1655) a Cdmon sulla base del racconto di Beda, e quelli di Cynewulf e della sua scuola. Nei poeti Cdmoniani (cos denominati ancora oggi bench lattribuzione sia indimostrabile) la materia biblica entra a far parte del patrimonio anglosassone e come tale assume gli schemi narrativi e stilistici della poesia pagana di tradizione germanica (come in Beowulf), Dio

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 40

presentato come un re vittorioso, Mos assume lo slancio delleroe condottiero germanico, traducendo motivi biblici in atmosfere germaniche. Malgrado la mancanza di datazioni certe i pi antichi poemi Cdmoniani, Esodo e Genesi, vengono datati attorno allinizio del settimo secolo, precedenti quindi a Beowulf che dovrebbe esser stato composto attorno alla met del 700. Si nota quindi la sopravvivenza di una poesia profana di stampo e stile germanico intrisa di elementi cristiani, un racconto epico sostenuto da un linguaggio sopraffino, ed infine una trama accessibile ai pi che per non tessa le lodi di un signore o padrone, ma di Dio creatore. 6.2.4. Cynewulf e la sua scuola Quattro poemi (Giuliana, Elena, gli Apostoli e il cosiddetto Cristo II) contengono in caratteri runici il nome dellautore, fatto assai raro per lera medievale. Si tratta del poeta Cynewulf, vissuto fra la seconda met del VIII secolo e la prima dellIX nellInghilterra settentrionale. Su questi, non ci sono altre notizie certe. Sulla base di alcune affinit stilistiche e concettuali si attribuiscono a Cynewulf e alla sua sfera di influenza anche altre opere, e anche se non testimoniata una precedente cronologia delle opere Cdmoniane rispetto a quelle di Cynewulf e della sua scuola, si pu affermare che i due gruppi rappresentino due tradizioni poetiche e letterarie diverse. I primi si ispirano direttamente alle Sacre Scritture e sono vicini alle tecniche narrative tradizionali germaniche, Cynewulf e la sua scuola invece attinge per quanto riguarda gli argomenti a fonti pi disparate (principalmente Nuovo Testamento e vite dei Santi) rivelando forti legami nei contenuti con tutta la letteratura religiosa latina. La complessa mitologia trattata con profonda partecipazione, e sa raggiungere anche picchi di lirica raffinatissima come nel Cristo o ne Sogno della Croce; si tratta di un approccio pi complesso e meditato alla materia religiosa, sulla base di una cultura ecclesiastica pi matura. Nellambito della poesia di ispirazione laica merita un accenno la serie di brevi commenti contenuta nellExeter Book, detti Elegie. Le pi celebri sono quelle denominate Lerrante, Il navigante, Il lamento di Deor che trattano dei motivi elegiaci della lontananza e della nostalgia del passato presentando frequenti descrizioni naturalistiche come metafore dei sentimenti umani. Fondendo i moduli poetici dellepica con la tradizione liturgico-religiosa, il linguaggio delle elegie raggiunge spesso alti livelli di efficacia espressiva. 6.2.5. Il Linguaggio poetico Tutta la poesia anglosassone (epica, elagiaca o descrittiva) si serve di un linguaggio sostanzialmente unico: arricchito e variato a seconda dei motivi ispiratori e ubbidisce a strutture metriche e stilistiche prettamente germaniche (strutture analoghe infatti ritorneranno nellepica tedesca antica e nella poesia nordica posteriore), il che un ulteriore punto a favore di quella presunta unit linguistica protogermanica. Il verso anglosassone generalmente composto da due emistichi (ciascuna delle due parti di un verso suddivisibile) separati da una cesura (lelemento ritmico separatore) ma legati dallallitterazione 8. Il suono allitterato pu essere una consonante o un determinato gruppo consonantico, oppure un elemento vocalico qualsiasi: Es. brgstede brston gli edifici della citt hanno ceduto brsna enta geworc cadono in rovina le opere dei giganti

Ciascun emistichio comprende generalmente quattro elementi: due tempi forti e due tempi deboli. Il tempo forte costituito da una sillaba lunga accentata o da due brevi di cui una accentata; il tempo debole si compone di una o pi sillabe non accentate o debolmente accentate.
8 Ripetizione di lettere o sillabe uguali in parole vicine, principalmente allinizio (es. caddi come corpo morto cadde)

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 41

Ogni emistichio richiede dunque due accenti forti intorno ai quali si raggruppano gli elementi deboli. Laccento coincide sempre con laccento radicale della parola e tende a sottolineare gli elementi del verso pi importanti dal punto di vista concettuale ed espressivo. una poesia fortemente ritmica, dunque. Allinterno di questo schema vengono usati modelli stilistici, anchessi caratteristici del germanico, come ad esempio la variazione, e cio la ripetizione nello stesso verso o nei successivi del medesimo concetto mediante apposizioni ed aggettivi che possono precisare alcuni particolari gi evocati o aggiungere immagini nuove. Es: il re Aethelstan, signore di guerrieri, donatore di anelli tra gli uomini. La variazione deve subire a sua vola allitterazione, per questo si vengono a formare molti sinonimi. Altro stilema caratteristico quello che prevede limpiego di perifrasi 9 chiamate col termine islandese kenningar. Le perifrasi diventano ovviamente funzionali allo scopo della variazione, e permettono al poeta sia di disporre di un repertorio espressivo vastissimo, sia di poter elaborare nuove figure. Non sono rari infatti casi di hapax. 6.2.6. Linflusso latino Ricapitolando, stilisticamente la poesia anglosassone si rif alle strutture germaniche ma nel caso specifico proprio del linguaggio poetico si inserisce in questi schemi lapporto della cultura latina. Nascendo in un momento successivo, sar la prosa a subire pi profondamente linflusso del latino sia dal punto di vista sintattico che stilistico. Bisogna tuttavia sottolineare che questa assumer sempre pi indipendenza dal modello latino riuscendo ad elaborare strutture sintattiche sempre pi complesse (basti confrontare quanto si legge nelle Cronache e poi nelle opere di Alfredo). In Alfredo stesso se in principio le dipendenti si legheranno alla principale con modelli di subordinazione piuttosto complicati, cos come sono frequenti anacoluti ed ambiguit, si assiste man mano ad una mutazione stilistica che fa apparire gli scritti sempre pi agili e raffinati, spesso ricchi di figure retoriche, antitesi, paragoni e metafore. Nellomiletica del X e XI secolo il discorso in prosa appare molto pi semplice e disinvolto, la costruzione del periodo regolarizzata e le innovazioni sintattiche si armonizzano con la prosodia della frase anglosassone, fondendosi con la sua naturale struttura ritmica. Se inizialmente sono le parole latine di uso comune ad entrare a far parte del linguaggio, il pi cospicuo arricchimento del lessico avverr attraverso lammissione di usi e concessi cristiani, ovvero calchi che tentano di riprodurre con materiale indigeno voci latine (es. rines per trinitas). 6.2.7. Linflusso scandinavo Ancora in periodo anglosassone deve essere iniziata limmissione di elementi lessicali di origine scandinava, che si riflette solo pi tardi nei testi medio inglesi e che deve essere stata facilitata dalle affinit di lingua e di cultura tra i due popoli. La conservazione di una parola di origine nordica si pu riconoscere da aspetti fonetici, ad esempio la conservazione di un aspetto pi simile alle lingue scandinave che allinglese (anord. syster ags. Sweostor) anche se lattendibilit di tali criteri limitata dalla scarsa conoscenza che abbiamo dei dialetti anglici, che in teoria potrebbero essere stati essi stessi portatori di alcuni innesti. Molto pi evidente linflusso nordico quando siamo di fronte alla sostituzione radicale di alcune voci (come ad. es. to take piuttosto che lags. niman), la presenza di centinaia di toponimi di origine nordica e pi ancora nellimmissione di elementi grammaticali come la forma they di terza singolare (ags. hie), i pronomi both e same e alcune voci del verbo to be.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 42

Espressione costituita da pi vocaboli

Essendo gelosa delle sue basi indigene influenzate da una tradizione dotta meridionale, la cultura inglese risultata restia a farsi completamente permeare da tali influenze a livelli alti, tant che la maggiore partecipazione dei vocaboli di origine scandinava viene riscontrata nella lingua di uso comune e derivante dalla zone settentrionali dellisola.

6.3. La Lingua anglosassone


La lingua anglosassone, ovvero antico inglese, ovvero Old English, ovvero la fase dellinglese precedente il 1150 appartiene al gruppo germanico occidentale. Essa, presentando strette analogie con le lingue del Mare del Nord (sassone continentale e frisone), costituisce con queste il gruppo delle lingue detto ingevone o ingveonico. 6.3.1. I dialetti anglosassoni In base ai documenti pervenuti ne sono stati contati almeno quattro, da nord verso sud: il Northumbrico a nord del fiume Humber, il Merciano dellHumber alla linea del Temigi, il Kentico nellodierno Kent e il Sassone Occidentale nella zona a sud del Tamigi ad eccezione del Kent e della Cornovaglia. Il nortumbrico e il merciano facevano parte dei dialetti anglici che, assieme al kentico ci hanno fornito unassai scarsa documentazione; discorso opposto per il sassone occidentale che veniva parlato in quella zona che notoriamente ha resistito meglio e pi a lungo agli attacchi esterni rispetto alle zone settentrionali. Sar pertanto solo il dialetto sassone occidentale quello che verr preso in considerazione nel paragrafo relativo alle strutture linguistiche dellinglese antico. 6.3.2. Il sistema grafico-fonologico La scrittura dei manoscritti anglosassoni la cosiddetta insulare, derivata cio dalla semionciale 10 tardolatina, in uso agli inizi dellVII secolo presso i monasteri di origine irlandese della Scozia e dellInghilterra settentrionale, e qui adattata alla espressione dei suoni della lingua anglosassone. Ci sono delle imprecisioni di adattamento evidenti come nel caso della presenza di un solo segno per pi fonemi (es g per /j/, // e /g/), di diagrammi per fonemi semplici ( per //) o dellambiguit per esprimere alcune fricative, espresse progressivamente da th e , in seguito anche dalla runa . Di base, comunque, le vocali dellanglosassone sono le seguenti: i e y (oe) a o u Foneticamente, il valore dei segni vocalici non presenta particolari problemi. Osserviamo solo: 1) la confusione fra a ed o che si verifica fino al X secolo davanti nasale, e ci autorizza a presupporre la presenza di un suono [] allofono di /a/ in tale posizione. 2) Ciascun grafema, tranne quelli descritti nel punto precedente, pu valere sia per le vocali lunghe che brevi, poich la quantit non segnata in anglosassone. 3) Il segno oe indica lesito di e sottoposti a metafonia. Grafema molto raro in sassone occidentale, qui sembra dissolversi abbastanza velocemente in e ed . In anglico invece la grafia oe totalmente conservata. 4) Parallelamente y indica la vocale turbata, per metafonia palatale di u nella fase antica della lingua. Nei testi pi tardi y in luogo di i rivela una delabializzazione di y tanto che alla fine del periodo anglosassone /i/ appare scritto indifferentemente come y i ie.

10 Tipo di grafia minuscola derivata dalla minuscola corsiva utilizzata dal III al VIII secolo in ambito latino. Poi divenne trov uso anche in Britannia.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 43

5) I digrammi ea eo (ant. io) ie possono indicare tanto i corrispondenti dittonghi () che le vocali semplici // od /a/, /e/, /e/ od /i/. 6) Si evince la polivalenza fonetica di alcuni grafemi consonantici, ed oltre al gi citato esempio del punto 1), si rileva anche c g h con valore palatale in vicinanza di vocali palatali, e similmente i due segni indicano indifferentemente la fricativa interdentale sonora solo in contesto sonoro (bror [], pt [th]). 6.3.3. Evoluzione fonologica dal germanico allanglo-sassone Soprattutto per quanto riguarda il vocalismo langlosassone ha conosciuto rispetto al germanico occidentale una vistosa evoluzione, che pu sintetizzarsi nei seguenti fatti: 1) Si registra la tendenza alla chiusura delle vocali e alla modificazione dei dittonghi tramite monottongazione o assimilazione di un elemento allaltro. Ad esempio le germaniche occidentali a e palatizzano in e , il dittongo ai monottonga in . aat. fater ags. fder, got. ains ags. n. 2) Condizionato dalla nasale seguente il mutamento di e in i, di o in u e di a in . Alcune consonanti (h, r + cons., l + cons.) provocano in sassone occidentale la cosiddetta frattura, cio la nascita di una vocale dappoggio che solo nel caso di originarie lunghe giunge a formare con la vocale tonica un dittongo stabile (ad es. ags. eald, aat. alt). Si riscontrano poi casi di metafonia velare quando una vocale lunga seguita da una sillaba con u (aat. sibun ags. seobon) e di metafonia palatale quando cio avviene la modificazione del timbro della vocale tonica per influsso di una i o di una j (settan porre, got. satjan). Infine il dittongo ie si evolve il i y. 3) Il consonantesimo rimane invece pi fedele alla tradizione germanica. I mutamenti di maggior rilievo sono la sonorizzazione intervocalica delle spiranti s f e la palatalizzazione delle gutturali in vicinanza di vocali palatali originarie originariamente. Come in tutte le lingue germaniche le sillabe atone tendono ad indebolirsi con conseguente scomparsa o livellamento delle vocali postoniche. 6.3.4. Caratteristiche morfologiche Rispetto al protogermanico le maggiori differenze di tipo morfologico dellanglosassone risiedono in una tendenza alla progressiva semplificazione delle classi di flessione che nel medio-inglese sfocer in una vera e propria eliminazione degli elementi flessivi della lingua e alla contemporanea creazione di nuove strutture di tipo analitico. Per i nomi sono conservati i casi mentre tende ad essere semplificata la gamma dei temi nominali. Come sempre la flessione pronominale quella pi ricca di elementi conservativi, si registra ad esempio la presenza di forme di strumentale e la sopravvivenza del duale (noi due, voi due). Divenendo sempre pi complessa, la sintassi obbligher alla creazione di nuovi pronomi, come ad esempio il dimostrativo rafforzato s eos is in corrispondenza del sempre pi frequente uso del dimostrativo semplice se seo t come articolo. Anche per quanto riguarda la flessione verbale si nota una tendenza alla uniformazione delle desinenze: mentre le tre persone del singolare hanno tre desinenze distinte, il plurale possiede ununica desinenza per tutte le persone in tutti i tempi. Lottativo, sia presente che preterito, presenta due sole forme, una per il singolare ed una per il plurale, senza distinzione di persona. 6.3.5. Caratteristiche sintattiche Levoluzione verso strutture sintattiche di tipo analitico sottolineata dalla progressiva perdita di valore delle desinenze era gi avviata nella fase pi antica della lingua. Ovviamente i maggiori cambiamenti sono avvenuti durante lera della prosa pi tarda. Per ovviare a molte possibilit di fraintendimento luso del dimostrativo in funzione di articolo La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 44

diventa sempre pi frequente, cos come lindicazione del soggetto tramite pronome personale. Larticolo passa da un uso raro e saltuario nella poesia arcaica (ad es. nell Inno di Cdmon del VII sec. del tutto assente) ad uno molto pi vivace, riscontrabile nelle ultime elegie. Su imitazione del latino e delle lingue romanze diventa sempre pi ricca ed articolata la sintassi con lintroduzione di forme perifrastiche per il passivo e per il futuro. Nel primo caso citiamo i verbi ausiliari beon wesan essere e weoran divenire con il participio passato (gi accertati in Beowulf), mentre per il futuro sempre pi importante laffermarsi delle forme con ausiliare sceal e wille pi infinito, le quali da indicazione di obbligo e volont al presente arrivano a significare un vero e proprio futuro. Contemporaneamente si sviluppa un sistema di tempi composti del passato con limpiego di beon/wesan e habban con il participio passato (gi presenti nei testi pi antichi di ispirazione latina). Con lintroduzione di un nuovo sintagma verbale, formato da wesan pi il participio presente si gettano le basi per quella che sar la celebre forma progressiva tipica dellinglese, che esprime laspetto imperfettivo di unazione verbale. Sopravvivono alcune distinzioni aspettuali realizzate da prefissi quali gewinnan conquistare resultativo rispetto a winnan combattere. Con levolversi della scrittura, infine, semplici casi di coordinazione si evolveranno in pi complessi esempi di subordinazione; fulgidi esempi di tale miglioramento al livello della struttura della frase possono essere facilmente colti confrontando lo stile espositivo delle Cronache con la prosa delle traduzioni di Alfredo.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 45

7. Il tedesco antico
7.1. Confini della tradizione culturale tedesca antica
I confini cronologici e geografici che delimitano la tradizione culturale tedesca antica sono di tipo linguistico, e cio riconducibili a diversi testi altomedievali scritti in vari dialetti. Ci che indichiamo come Germania infatti non coincide con unentit politica vera e propria, piuttosto con una zona dellEuropa in cui si parlavano dialetti germanici occidentali, differenti dalle lingue romanze presenti ad ovest e da quelle slave presenti ad est. 7.1.1. Teudisca lingua Le prime testimonianze dellaggettivo theodisk, theudisk (che corrisponde al tedesco moderno deutsch) hanno un significato prettamente linguistico, si riferiscono cio alluso del volgare da parte delle popolazioni di lingua germanica in contrapposizione alluso del latino. Gi in alcuni documenti redatti allepoca di Carlo Magno theudisk traduce il latino vulgaris da theoda, vulgus, popolo, ma manca di qualsiasi riferimento di tipo etnico. Fino al IX secolo non si pu parlare di vere e proprie differenze fra i volgari romanzi e quelli germanici, sar solo con ladozione definitiva da parte dei Galli di un dialetto romanzo, e con la suddivisione dellimpero carolingio in due parti, che si creer una prima, vera e propria scissione linguistica e politica fra il regno franco occidentale e quello orientale. La cosa risulter palesemente evidente quando i sovrani dei due regni, in occasione dei giuramenti di Strasburgo (842), sugelleranno il loro patto luno nella lingua dellaltro. 7.1.2. Suddivisione dei dialetti tedeschi antichi Sebbene testi in tedesco di un certo rilievo siano documentati attorno al IX secolo gi lungo tutto il secolo precedente sono frequentissime le glosse tedesche in testi latini sia come citazioni di denominazioni germaniche relative ad oggetti ed usi caratteristici, sia come aiuto per la comprensione e la traduzione del testo latino. Dal punto di vista cronologico si possono riconoscere nella storia della lingua tedesca tre grandi periodi: il periodo antico (althochdeutsch) che va dallinizio della documentazione (VIII sec.) all XI sec., il periodo medio (mittelhochdeutsch) dal XII al XV secolo e il periodo moderno (neuhochdeutsch) XVI secolo ai giorni nostri. Se il periodo medio quello in cui la letteratura cortese favorisce laffermazione di una lingua sopradialettale omogenea, quello antico vede una grande frammentariet di dialetti e tradizioni grafiche, divisi essenzialmente i due grandi gruppi: i basso tedeschi, cio settentrionali (che comprendono francone, che sta alla base del nederlandese, e sassone) e quelli alto tedeschi cio della Germania alta o meridionale, da dove proviene la maggior parte dei testi antichi. I dialetti alto tedeschi antichi si possono suddividere a loro volta in centrali (medio francone, francone renano, francone orientale) e superiori (alemanno e bavarese). In base a quella che stata la cosiddetta seconda rotazione consonantica o rotazione consonantica alto tedesca i dialetti franconi, che occupano la fascia del medio e basso Reno, vengono suddivisi a seconda di quale conosca o meno tale evoluzione. Il basso francone, come tutti i dialetti basso tedeschi, non conosce questa evoluzione, il francone centrale la realizza solo parzialmente, i dialetti franconi del sud (francone renano meridionale) e quelli influenzati dalla tradizione meridionale (francone orientale) la realizzano molto ampiamente. La seconda rotazione consonantica appare infine completamente realizzata nellalemanno e nel bavarese. noto come questa possa essere identificata come la caratteristica pi appariscente dei dialetti meridionali e la sua diffusione nellepoca antica da sud verso nord considerata come uno dei pi importanti e certificati esempi di irradiazione linguistica nella lingua tedesca. La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 46

Va comunque fatto presente che quando ci si trova ad analizzare un testo riconducibile ad un particolare periodo dellepoca tedesca e ad un particolare luogo di composizione (e quindi dialetto) non ci si pu soffermare ad analizzare elementi di tipo storici e geografici in quanto, spesso, il corpus del testo poteva presentare alcune peculiarit tipiche di questo o di quel dialetto non in base al luogo in cui fu scritto o rinvenuto, ma in base alla mano, e quindi allistruzione, dellautore che laveva concepito.

7.1.3. La cristianizzazione della Germania Prima di tutto per la suddivisione dialettale del tedesco antico il riflesso di una situazione storica che ha le sue radici nella collocazione geografica delle trib germaniche dellEuropa centrale. Le prime espressioni del mondo culturale tedesco non vanno accostate semplicemente alleredit del germanesimo antico (germanico non uguale a tedesco), ma nasce da un processo di aggregazione tra le popolazioni germaniche a est del reno, dovuto dalle politiche espansionistiche del regno franco. Le popolazioni stanziate fra il V e VI secolo nellodierna germanica (cio Alemanni e Bavari nella regione meridionale, Frisii e Sassoni tra il basso Reno e lElba, e i Turingi nella zona centrale tra il Danubio e lElba caddero ben presto sotto linfluenza dei Franchi che dominavano la Gallia settentrionale (Neustria) e la zona del medio Reno (Austrasia). La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 47

Chi diede origine a tutto ci fu re Clodoveo (441-511) che riusc ad imporsi su Burgundi, Vichinghi e Alemanni, consolidare il suo prestigio convertendosi al Cristianesimo ed assumendo di conseguenza il compito di difendere lEuropa e la Cristianit dalla minaccia pagana ed eretica. Gi da allora, differenziandosi cos evidentemente dagli altri popoli di origine barbara, i Franchi assumevano una prima connotazione nazionalistica. Le popolazioni germaniche poste al di l del Reno entrarono in pieno contatto con la cultura cristiana solo con lavvento al potere dei Carolingi i quali seppero riconoscere lutilit di unalleanza con la Chiesa e incoraggiarono pertanto la penetrazione organizzata di missionari in Germania e la fondazione di monasteri, utilizzando in questopera monaci anglosassoni assai pi preparati del clero franco, a quellepoca decadente e corrotto. La figura di punta della cristianizzazione della Germania S. Bonifacio (ags. Winfri), direttamente autorizzato da Roma ad effettuare nella prima met dellVIII secolo unazione evagelizzatrice sistematica e totale, il quale cerc di rispettare il suo dovere tenendosi sempre ben distaccato dalla sfera dinfluenza franca. Alla morte di Carlo Martello suo figlio Carlomanno eredit il possesso delle regioni orientali, ed appoggi lazione riformatrice di Bonifacio aiutandolo anche economicamente a riorganizzare tutta la Chiesa franca. Il clero che ne risult, rafforzato, rimase da allora legato pi allo stato che a Roma, divenendo spesso un utile strumento politico. S. Bonifacio riusc a cristianizzare quasi completamente la Germani meridionale e con la fondazione del monastero di Fulda (744) nella Germania centrale gett le basi per allargare il suo spettro dazione al nord; tale processo sar portato a termine dopo decenni di guerre sanguinose dal Carlo Magno in persona. 7.1.4. La politica culturale di Carlo Magno Nonostante alcuni aspetti brutali della sua politica civile, Carlo Magno fu una delle figure di maggior rilievo nel processo di risveglio culturale dellEuropa. Rinascita che deriva direttamente dallidea di restaurazione dellImpero, quindi alla valorizzazione del mondo classico (romano e greco-bizantino) in visione del nuovo ordine franco-cristiano. Carlo Magno riun nella sua Accademia un gruppo di dotti provenienti da ogni dove fra i quali spiccava la figura di Alcuino di York, assieme ad essi elabor quel programma di rinnovamento culturale finalizzato alla restaurazione e divulgazione della tradizione latino-cristiana e fra i vari frutti che questo progett port va citata la raccolta e lo studio di testi antichi e manoscritti originali. Ci favor e venne favorito dallimmenso lavoro di filologia portato avanti dallo stesso Alcuino nel campo della ricostruzione del testo biblico, cos come venne promossa la riforma del canto liturgico e la diffusione della vera Regola di S. Benedetto in tutte le comunit monastiche. Un primo passo verso la nascita della cultura scritta in lingua tedesca venne fatto dallopera di rivalutazione del volgare, come interpretazione di una miglior fruizione dei testi liturgici; sotto diretto incitamento di Carlo vennero tradotti il Padre Nostro, il Credo, i Salmi, la Regola, la Formula battesimale e negli ultimi anni di vita del re si allarg addirittura alla costituzione di raccolte di testi giuridici e carmi eroici germanici e alla redazione di una grammatica francone (tuttavia non pervenuti). Lopera di divulgazione dottrinaria attraverso il volgare continu anche dopo la morte di Carlo, ad esempio venne composto direttamente in sassone a Fulda il Hliand al fine di rendere accessibile la materia del Vangelo alle popolazioni sassoni da poco convertite. Nasce una vera e propria classe ecclesiastica nellEuropa centrale detentrice di un potere sociale e culturale vastissimo, unico vero elemento collante dopo la morte dellimperatore e la disgregazione dellimpero , la quale manterr viva la sua opera educatrice in maniera unitaria anche nellera delle ristrettezze politiche, sociali e geografiche del feudalesimo.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 48

7.1.5. La rinascita ottoniana Dopo la decadenza dei Carolingi il potere effettivo in Germania pass allalta nobilt e contemporaneamente iniziarono a formarsi i grandi ducati (Baviera, Svevia, Franconia, Sassonia). Nonostante tutto per si venne a consolidare attorno ai re unidea di unit nazionale, spinta soprattutto dalle minacce di invasione da parte degli Ungari e degli Salvi. Nel 919 il re Enrico di Sassonia assume la corona del Regno dei Teutoni (non dei Franchi orientali comera stato fino ad allora), che diverr fulcro del nuovo Sacro Romano Impero sotto legidia di suo figlio Ottone I il quale favor il fiorire dellidea di una cultura imperiale, legando notevolmente la Germania a Roma. Il poema Waltharius (prima met del X sec.) esprime in esametri latini concetti di matrice germanica, e lo stesso Ottone verr esaltato in un poemetto epico in latino della monaca Rosvita (935-1000). Nella seconda met del X secolo iniziano ad aprirsi quei novi orizzonti culturali che caratterizzeranno tutta lepoca del mille, ma fino alla fine dellXI secolo la poesia continuer ad esprimersi quasi esclusivamente in latino, mentre il tedesco utilizzato a scopo didattico. Sar per proprio la maggior vivacit di interessi e atteggiamenti culturali dellepoca che permetter limpiego del volgare non pi ai soli testi liturgici, ma anche alle traduzioni di opere teologiche e filosofiche avvenute soprattutto per mano di Notker III di San Gallo (950-1022). Fra le varie ricordiamo De consolatione Philosopiae di Boezio, De interpretatione di Aristotele, De nuptiis Pilologiae e Mercurii di Marziano Capella ed i Salmi per intero. Lapporto di Notker determinante allo sviluppo della prosa tedesca, in virt dellaspetto didattico del suo lavoro, e la traduzione di un testo costituisce essa stessa, spesso, il risultato di una riflessione filosofica ed esegetica, per cui la creazione stessa di un nuovo termine frutto di un lungo processo di riflessione alla ricerca delladattamento perfetto. I forti scrupoli traduttivi autoimposti da Notker (come ad esempio il tradurre difficili concetti teologici quali quelli di persona, sostanza, divinit, virt) renderanno alla fine sia accessibile il testo al lettore medio, e allo stesso tempo permetteranno un ampliamento del lessico ed un arricchimento culturale non indifferenti. Latino e tedesco si mescolano e si compenetrano, nella seconda met dellXI secolo la vita culturale inizia ad espandersi al di fuori delle mura dei conventi, si intensificano i rapporti col mondo orientale e si d ampio spazio ad interessi culturali di tipo non religioso. Tutto ci porter alla trasformazione del tedesco in lingua letteraria nella sua completezza nei secoli immediatamente successivi al 1000.

7.2. La tradizione scritta


7.2.1 Frammentariet della documentazione I primi secoli della tradizione manoscritta tedesca offrono fonti molto frammentarie e disuguali, sia per quanto riguarda la lingua, sia per la loro motivazione ed interesse storico-culturale. Ci si spiega prima di tutto dalla situazione politica della Germania altomedievale 11 che contava lotte intestine fra i singoli stati ed uno scambio di contatti con la civilt latino-cristiana avvenuti solo dallesterno, che ha comportato un rallentamento nella nascita di ununit linguistica ed il permeare della cultura cristiana la quale, come si sa, fu uno dei motori propulsori dello sviluppo letterario di Francia e Inghilterra. Inoltre luso della lingua tedesca in testi scritti di qualche rilievo si inaugura solo dopo la fine dellVIII secolo e per la spinta politica voluta da Carlo Magno; si dovr a spettare fino a Notker per constatare una piena considerazione del volgare come strumento linguistico. mancata in tutto lalto medioevo una tradizione linguistica sopradialettale, sono mancati gli usi grafici univoci e la
11

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 49

Approssimativamente 476 - 1000

tradizione scritta rimasta troppo a lungo legata agli interessi liturgici dei singoli monasteri; pertanto assurgono ad una certa dignit letteraria solo i dialetti delle regioni dove la vita monastica pi vivace, principalmente presenti nelle zone dove si parlava lalemanno, il bavarese, il francone meridionale, e il francone orientale. Solo in epoca medio-tedesca, con laffermarsi della societ cortese, si instaurer un modello linguistico che potremmo definire quasi unico, e che sar lo strumento di fioritura letteraria del XII e del XIII secolo. 7.2.2. Poesia in versi allitteranti Lunico testo che si ricollega completamente alla tradizione germanica antica il poemetto eroico detto Carme di Ildebrando (Hildebrandslied), in versi allitteranti, tramandato mutilo 12 in un codice teologico di Fulda nella decade 820-830 che narra del duello tra padre e figlio sottolineando il conflitto morale del vecchio Ildebrando che deve contrastare, per fedelt al proprio padrone, il figlio che milita in campo avverso. Dal punto di vista fonologico presenta un singolare esempio di lingua mista mentre da quello della struttura narrativa e stilistica ricalca i modelli germanici pi generali. La poesia allitterante sopravvive ancora in due testi poetici di argomento religioso, pervenutici in manoscritti dei primi decenni del IX secolo: la Preghiera di Wessobrunn (un poema sulla creazione simile alla Genesi) e il poemetto Muspilli (trasposizione in stile retorico di motivi omiletici concernenti il destino delluomo dopo la morte, fine del mondo e Giudizio Universale). Della stessa epoca lunico esempio di poesia di vasta portata in versi allitteranti (ca. 6000), si tratta del Hliland, poema della vita di Cristo in Sassone. In questo caso la sostanza del testo resa con moduli metrici e stilistici germanici anche se tuttavia nella grafia evidente linflusso della tradizione alto tedesca, propriamente francone, assai ben consolidata. Altri esempi di poesia allitterante si sono conservati nelle formule magiche e nelle benedizioni, dove il contenuto pagano subisce progressivamente una superficiale cristianizzazione passando dallinvocazione degli dei a quella del Cristo. 7.2.3. Letteratura di traduzione La letteratura di traduzione ci aiuta a capire come latino e tedesco si siano compenetrati e soprattutto come il primo abbia contribuito alla realizzazione del secondo. Il primo gradino del lavoro di traduzione rappresentato dalle glosse ai testi latini e da alcuni glossari conservatici sotto il Vocabularius s. Galli e il cosiddetto Abrogans (circa fine VIII sec.), che la traduzione di un dizionario di sinonimi latino. Dalla fine dellVIII secolo iniziano ad essere ben documentate le traduzioni di testi liturgici e catechistici, di cui sono pervenute anche differenti versioni a seconda dei dialetti; erano libri didattici che insegnavano ai chierici a leggere e contemporaneamente a scrivere. Fra le traduzioni di opere di un certo rilievo vanno citate la Regola di S. Benedetto (802-817), gli Inni Ambrosiani (817) e parte della Armonia Evangelica (830), mentre sono vere e proprie versioni la traduzione del de fide catholica di Isidoro de dellinizio della Lex salica. 7.2.4. Poesia in rima Alla seconda met del IX secolo risale lopera pi importante tra quelle composte originariamente in alto tedesco, cio il Liber evangeliorum di Otfrid, un monaco e mastro del monastero di Weissenburg. Lopera una rielaborazione della materia evangelica in forma di creazione poetica dove si narra la vita di Ges affiancata da commenti e interpretazioni morali e simboliche in una dimensione molto pi vicina alla lirica che allepica. Lautore il primo poeta tedesco di cui noto
12

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 50

Privato di una o pi parti essenziali

il nome ed ha avuto il merito di aver introdotto la rima finale, tipica degli schemi metrici latinoromanzi, grazie alla quale la lingua francone pot per la prima volta assumere il prestigio e la dignit per cantare la vita di Cristo. Si compone di brevi strofe di due versi lunghi, dunque lontana dalle strutture metriche di verso libero tipiche delle lingue germaniche, anche se non mancano allitterazioni e variazioni in una specie di compensazione bilingue. La stessa tecnica utilizzata anche in altri testi poetici dellepoca, come il Ludwigslied, carme encomiastico scritto in onore di Ludovico III vincitore dei Normanni nella battaglia di Sancourt (881).

7.3. Lantico alto tedesco


7.3.1. Pluralit dialettale nellambito del tedesco antico La caratteristica pi vistosa della produzione letteraria tedesco antica la mancanza di unit e di una linea di sviluppo comune ai vari corpus, tanto che a parte gli interessi liturgici comuni spesso difficile identificare come e quanto due testi siano in relazione fra loro. Fino al XII secolo altrettanto disunita la tradizione tedesca dal punto di vista linguistico, tanto che sarebbe meglio parlare di una pluralit di lingue scritte che si fondano sul materiale fornito dai singoli dialetti parlati e che assumono dignit letteraria grazie alla produzione monastica del IX secolo. Nonostante tutto ci, si pu affermare che per ragioni principalmente politiche e di prestigio, siano stati i dialetti franconi a prevalere linguisticamente sugli altri; dapprima influendo sulla stesura dei poemi religiosi in sassone (Hliand e Genesi), pi tardi con il diffondersi di forme franconi anche nei dialetti meridionali. 7.3.2. Stratificazioni diacroniche In base al monastero da cui provengono possono essere classificati tutti i testi tedeschi, in quanto per tale motivo presentavano o meno determinati elementi grafico-fonologici comuni o peculiari. quindi lo studio dei sistemi linguistici dei testi provenienti da una stessa scuola, ma distanziati nel tempo, il mezzo pi efficace per individuare qualsiasi tipo di evoluzione dei fatti linguistici relativo a quel determinato dialetto. Le variazioni grafiche possono essere testimoni di mutamenti fonologici gi avvenuti nella lingua parlata e non sempre registrati in quella scritta, ma possono anche darci utili suggerimenti su casi di mescolanze dialettali dovuti soprattutto al sovrapporsi di differenti tradizioni dialettali su altre piuttosto che allinflusso di un dialetto sullaltro nella lingua dellautore. Succede cos che il Muspilli, in bavarese, presenti frequenti tracce di francone meridionale, e la lingua del Carme di Ildebrando sia pregna di elementi sia basso che alto tedeschi. 7.3.3. Linflusso del latino. Prestiti e calchi Uno dei pochi elementi unificanti veramente importati ed accertati stato il latino che ha fornito modelli comuni di tipo culturale e linguistico, per certi versi anche grazie alle sue evoluzioni, come il francese. Il latino ha influito sullevoluzione delle strutture sintattiche e nellarricchimento del lessico, si pensa infatti che il 3% del lessico germanico sia composto da prestiti latini, il 10% da calchi strutturali 13 e il 20% da calchi semantici 14.
Traduzione letteraria degli elementi che compongono la parola (generalmente un composto) dorigine. Skyscraper grattacielo. 14 Dare un significato nuovo ad un termine gi esistente. Es. litaliano realizzare rendersi conto dallinglese realize.
13

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 51

I prestiti arrivano in diversi momenti storici ed attraversano diversi ambiti linguistici (documentando quindi la capillarit dei rapporti latino-tedeschi). Molte parole sono state acquisite in epoca romana e quindi sono comuni a tutti i dialetti tedeschi, mentre quelle di penetrazione pi recente fanno parte del patrimonio linguistico del volgare, principalmente quello gallico, e sono pi frequenti nei dialetti franconi. La maggiore differenza fra i due tipi di presiti si scorge nel fatto che le parole introdotte possano o meno aver conosciuto le modificazioni tipiche del germanico: generalmente quelle acquisite in epoca romana hanno subito queste variazioni, mentre quelle pi recenti no (o in maniera minore). Mentre i prestiti presentano modalit di penetrazione molto varie, lincremento lessicale costituito dai calchi nasce in ambiente prevalentemente dotto a fianco del lavoro di traduzione nello sforzo di ampliare le possibilit espressive del tedesco ed adeguarle alla interpretazione della cultura medievale cristiana. In epoca antica si creano non solo nuove formazioni per designare singoli concetti ma anche nuove strutture che accrescono la produttivit della lingua. il caso di heit divenuto suffisso per la formazione di astratti per la traduzione di tas e ito latini. Molti dei calchi strutturali sono stati catalogati da Betz proprio in base al rapporto che avevano col latino: quando la nuova parola riproduce esattamente la struttura formale del modello si ha, secondo la terminologia di Betz, una Lehnbersetzung; dove limitazione solo parziale e cio interessa solo uno degli elementi del modello, parliamo di Lehnbertragung; quando non esiste legame formale tra modello e replica si ha invece una Lehnschpfung, che consiste in una formazione indipendente ma sempre stimolata dal latino. La creazione del lessico astratto, o meglio spirituale, avviene quasi sempre per calco semantico, come nel caso di geist che significava originariamente alito, respiro e assume anche significato di spirito, anima. 7.3.4. Il sistema grafico fonologico dellantico alto tedesco Non solo in tedesco risultata assente una tradizione linguistica unitaria, ma si verificata anche una veloce evoluzione delle singole tradizioni scritte, perci da questo punto di vista conviene considerare il solo dialetto francone del IX secolo documentato in Fulda dalla traduzione di Taziano come spunto dal quale partire per studiare il sistema grafico tedesco. La scrittura usata in quasi tutti i testi di antico tedesco la carolina minuscola, con alcune eccezioni dovute alluso di caratteri anglosassoni come per e e per th, in linea di massima potremmo comunque dire che il tedesco conosceva le cinque vocali i e a o u valenti sia per le lunghe che per le brevi e i dittonghi ei ie io iu ou uo. Altre caratteristiche del sistema grafico fonologico dellantico alto tedesco sono: - Ci sono incertezze grafiche riguardo le consonanti, con z che pu rappresentare sia /ts/ che /s/. Le grafie ff zz hh (ch) indicano spiranti doppie e forti, di contro a f s h th che indicano le rispettive semplici e in posizione intervocalica. - h in inizio di parola indica aspirazione mentre in altre posizioni indica fricativa sorda velare. - s rappresenta lantica sibilante germanica mentre z pare sia uno degli esiti di germanico t per effetto della rotazione consonantica alto tedesca. incerto se tra i due esista sono una differenza di luogo di articolazione (s palatale, z postdentale) o se si realizzi anche un opposizione di sonorit fra lene (s) e forte (z zz). 7.3.5. Evoluzione fonologica dal germanico allantico tedesco Rispetto al germanico occidentale si registra nel sistema fonologico dei dialetti alto tedeschi una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda le consonanti mentre modifiche al vocalismo avverranno solo in epoca pi tarda. La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 52

1) La metafonia interviene in aat. dapprima solo nel caso di a che passa ad e, mentre Notker registra anche la metafonia di mediante il digramma iu. 2) Le altre variazioni vocaliche riguardano la semplificazione di alcuni dittonghi e la dittongazione di e . Nello specifico il dittongo eu appare in francone come iu, nel tedesco superiore lesito eo io limitato al caso in cui il dittongo sia seguito da dentale o h germanico. Il dittongo germanico au si monottonga in davanti a qualsiasi dentale e a h anche se in alcune tradizioni conosce il passaggio in ao o ou. Parallelamente il germ. ai si monottonga davanti ad h r w, negli altri casi si modifica in ei adeguando come nel caso di au>ou il primo elemento del dittongo al secondo. La dittongazione di in ea e progressivamente in ia e ie parte dal francone e dallalemanno fino ad interessare progressivamente tutti i dialetti. Infine > uo. 3) Per quanto riguarda le vocali atone, come sempre, notiamo che in finale assoluta le brevi tendono a comparire e le lunghe ad abbreviarsi, salvo alcuni casi in cui il loro mantenimento corrisponde a precisi bisogni morfologici. 4) Infine la seconda rotazione consonantica o rotazione consonantica alto tedesca. Si tratta di unevoluzione del consonantismo simile in parte a quello della prima rotazione: le occlusive sorde e sonore germaniche, nonch la spirante si evolvono secondo uno sviluppo concatenato, mutando il modo (e non il luogo) di articolazione. Pi precisamente: Le occlusive sorde germaniche p t k mutano in aat. nelle affricate pf z kh o in spiranti doppie ff zz hh; diventano affricate se si trovano in inizio di parola, dopo consonante e se sono originariamente geminate, mentre spiranti doppie se sono dopo vocale. Le occlusive sonore. b d g (e le rispettive spiranti sonore) del germanico compaiono come occlusive sorde p t k. Tale mutamento avviene tuttavia completamente solo in tedesco superiore, mentre in francone renano ed orientale interessa solo le dentali. Il punto di partenza per la seconda rotazione consonantica individuato nellalemanno per quanto riguarda la mutazione delle occlusive sorde, nel bavarese per quella delle sonore. Concatenata al passaggio di d a t probabilmente la mutazione in aat. di in d che avviene dapprima nel bavarese ma sar registrata nellXI secolo anche in francone. Laddove non viene registrato il passaggio di d a t non viene registrato neanche quello di in d. 7.3.6. Caratteristiche morfologiche Come succede in molte altre lingue in quellepoca storica, anche in tedesco si nota lindebolimento delle strutture flessive dovute allindebolimento delle sillabe finali, dallaltro si verifica la progressiva costruzione di nuove strutture di tipo analitico sul modello latino. Il primo di questi processi il livellamento delle desinenze nominali e verbali, che essendo per pi lento rispetto alle altre tradizioni occidentali far s che il tedesco conservi in qualche modo il suo sistema morfologico originario agli albori della sua storia. Solo pi in l avverr la modificazione definitiva. Nella declinazione nominale i dialetti tedeschi antichi conservano la distinzione dei casi: nominativo, genitivo, dativo, accusativo e a volte strumentale. Nel sistema pronominale vengono introdotte nuove forme come quelle derivanti dagli articoli dimostrativi e come per linglese nasce il dimostrativo rafforzato. La flessione verbale mantiene in aat. la struttura germanica originaria conservando fino ad oggi la differenza fra verbi forti e verbi deboli con differenti classi apofoniche, nonch la distinzione delle terminazioni desinenziali, tre per il singolare, due per il plurale. 7.3.7. Caratteristiche sintattiche Le principali innovazioni che riguardano la sintassi sono, come immaginabile, legate allinflusso del latino; addirittura nelle opere in prosa si perde quasi ogni rimanenza della sintassi originaria germanica. Fra queste innovazioni si pu citare limpiego del pronome dimostrativo come articolo La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 53

definito, lintroduzione nel sistema verbale di nuove strutture di tipo analitico, e lespressione del passivo con locuzioni formate da weasan essere o werdan divenire pi il participio passato che sottolineano generalmente luno lidea di stato, laltro di azione. Per quanto riguarda lespressione dellidea del futuro, la struttura perifrastica infinito pi scolan, con il senso originario di dovere, si affianca anche in tedesco alluso del presente. La posizione delle parole nella frase relativamente libera e le strutture evolveranno sempre di pi in forme pi articolate e complesse grazie al sempre pi vasto uso della subordinazione, in stretta dipendenza dal modello latino.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 54

8. Il frisone
8.1. Confini della tradizione culturale frisone
La lingua frisone oggi parlata in tre diverse zone non contigue geograficamente: - Nella regione olandese della Frisia con capoluogo Leeuwarden e in alcune isole frisoni occidentali (frisone occidentale) - Nel Saterland, una provincia interna della Frisia tedesca tra Weser ed Ems (frisone orientale) - Nella zona nord-occidentale dello Schleswig e nelle isole prospicienti (frisone settentrionale). Seppur ad oggi cos frammentaria, originariamente la regione in cui si parlava il frisone era abbastanza compatta ed omogenea. Da quello che ci pervenuto risulta che le zone settentrionali sono pressoch prive di tradizione scritta, mentre nellantica zona frisone originaria (orientale ed occidentale, nello Jutland i frisoni sono arrivati in seguito a migrazioni) documentata dallepoca medievale da una letteratura scritta di notevole importanza che presenta tratti tipici dellantico germanico e caratteristiche uniche. Lespressione letteraria pi importante di questa lingua composta da un corpus di testi giuridici in cui si documentano gli usi, la vita e le istituzioni del popolo frisone del XII secolo.

8.2. Origini della civilt frisone


Anche il popolo frisone, cos come tutti gli altri basso tedeschi, riceve dai franchi la spinta per acquisire consapevolezza della propria identit. Le lotte contro i franchi durarono quasi un secolo, durante il quale questi riuscirono ad attirare a s tutta la Frisia ed introdurre il Cristianesimo. Qui lo stesso Bonifacio predic e trov la morte da martire nel 754. La conversione definitiva avvenne per mano di Carlo Magno che incorpor le popolazioni frisoni nellimpero; e con il disfacimento dellimpero il popolo frisone vide aumentare la propria coscienza di s nonostante continuasse a perdere territori a beneficio della crescente Olanda. Mentre il potere era detenuto dai feudatari imperiali si vennero a formare delle piccole comunit autogestite politicamente che gi nel XII secolo si costituirono in confederazione, la cui autonomia si basava sul diritto giuridico di matrice germanica e la cui societ era amministrata da magistrati locali. Durer fino al XVI secolo, quando i sassoni minacceranno lindipendenza culturale frisone, intaccandone il patrimonio giuridico indigeno per favorire linserimento del diritto romano, e parallelamente la lingua decadde al rango di dialetto.

8.3. Documenti letterari


Come detto, la quasi totalit del lascito scritto frisone di tipo giuridico, nella fattispecie si tratta di diverse norme e rielaborazioni di queste contenute nella Lex Frisionum di epoca carolingia. Le prescrizioni fondamentali sono le cosiddette 17 disposizioni (kesta) e le 24 leggi della regione (londriucht). Altri testi del corpus contengono testimonianze storiche ed aneddoti leggendari, a testimonianza della praticit dellopera, di come cio non si trattasse di una semplice raccolta di leggi manuali contenenti le disposizioni tradizionali per luso dei singoli magistrati. Accanto ai testi giuridici ci sono tramandati anche alcune composizioni in rima come la Fon alta Fresena fridome, Della libert di tutti i Frisoni risalente al XIII-XIV secolo. Tuttavia anche la stessa

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 55

prosa giuridica contiene elementi tipici dellantica poesia germanica come lallitterazione e leniadi 15, il che non stupisce trattandosi di un linguaggio antico e di tradizione orale.

8.4. La lingua frisone


8.4.1. La lega linguistica ingevone Nellambito del germanico occidentale il frisone presenta particolari affinit con il sassone occidentale e langlosassone tanto da poter definire queste tre lingue come appartenenti ad uno stesso gruppo, quello delle lingue ingevoni. Le cause che possono aver favorito la nascita di questa lega linguistica sono varie: loriginaria affinit etnica degli anglosassoni con le civilt rimaste nel continente pu aver favorito lo sviluppo indipendente di tendenze comuni, e ci sono inoltre testimonianze di come il mondo anglosassone abbia continuato a mantenere anche dopo il V secolo rapporti con quella parte dellEuropa, tanto da poter giustificare lo sviluppo parallelo di elementi mitologici e letterari, nonch linguistici. Forse, lesempio pi lampante di questa comunanza riscontrabile nella toponomastica, che sa essere molto simile in tutte e tre le tradizioni. 8.4.2. Elementi fonologici caratteristici del frisone In molti casi il frisone sembra effettuare in maniera pi coerente o completa mutamenti che si verificano anche in anglosassone. Ad es. 1) La palatizzazione di a si spinge fino a e in sillaba chiusa. 2) Lesito di e si realizza non solo per quanto riguarda come in anglosassone ma anche da u . 3) La monottongazione interessa non solo il dittongo germanico ai, che passa ad ed , ma anche au che si evolve in . 4) La palatizzazione delle velari molto avanzata e giunge in certi casi alla vocalizzazione o allassimilazione delle originarie velari (k g). Altre caratteristiche sono tipicamente frisoni, come ad esempio: 1) La frattura di i in iu (io) avanti ad ht hs e u 2) Levoluzione di in davanti alla a della sillaba seguente 3) La desinenza in ar del nom. acc. plur. dei temi in a Dopo il XV secolo il frisone decade nelluso fino al XIX secolo quando la Frisia olandese conosce un nuovo periodo di floridezza culturale. Qui tuttora considerato seconda lingua ufficiale ed insegnato nelle scuole, cos come la tradizione frisone viene tutelata in territorio tedesco.

15 Processo secondo il quale si esprime un concetto usando due parole legate da congiunzione. Es. notte buia la notte ed il buio

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 56

9. Lantico nordico
9.1. Conservativit del mondo nordico
La tradizione nordica risulta essere estremamente ricca e varia, e sa documentare molto esaustivamente i molteplici aspetti delle societ che lhanno prodotta. Presenta tuttavia un aspetto fortemente conservativo nonostante i primi testi ritrovati risalgano a non prima del XII secolo per quanto riguarda le letterature dellIslanda e della Norvegia, al XIII secolo per Danimarca e Svezia (posteriormente quindi allintroduzione del Cristianesimo). I testi tramandati presentano dunque s un patrimonio di tradizioni germaniche, ma rimane pur sempre un patrimonio filtrato dalla cultura cristiana con motivi letterari e religiosi che assumono aspetti tipicamente sincretistici in cui la morale tradizionale si confronta non i nuovi ideali apportati dal Cristianesimo. Per ragioni politiche lambiente islandese la roccaforte di una voluta conservativit delle tradizioni culturali e religiose indigene ma che deve pur sempre confrontarsi con linvasione cristiana rinnegando i principi basilari della cultura nordica che prevedevano la tolleranza di culto. 9.1.2. Suddivisione cronologica dellantico nordico La gran parte della produzione letteraria in nordico antico proviene dallIslanda e in misura minore dalla Norvegia. Il contributo di Svezia e Danimarca limitato ad alcuni testi giuridici del XIII-XIV secolo. La lingua che definiamo come antico nordico quella lingua letteraria che, al di sopra delle differenze dialettali locali, rappresentata in tutta la documentazione scritta indigena del mono nordico dalle origini al XIII-XIV secolo. Tale tradizione pu essere suddivisa in tre periodi: 1) Il periodo runico (dal V al IX secolo) documentato esclusivamente dalle scritture runiche in futhark antico di 24 segni. 2) Il periodo vichingo (dal IX alla fine dellXI secolo), la cui documentazione composta da iscrizioni runiche successive a quelle del periodo runico in un alfabeto ridotto a 16 segni (futhark recente). 3) Il periodo nordico classico o norreno (dalla fine dellXI al XV secolo) durante il quale appare tutta la tradizione manoscritta che si identifica principalmente con lislandese e il norvegese antico (antico nordico occidentale). Diventando solo successivamente pi influenti dal punto di vista politico e culturale, Svezia e Danimarca presenteranno la prima una tradizione forse fra le pi conservatrici del mondo nordico, la seconda importantissima a livello culturale vista la posizione geografica di intermediatrice che il regno danese possedeva. A partire dal XIV secolo, addirittura, il danese diventa la lingua ufficiale dellamministrazione statale della Norvegia, e verr sostituita solo nellottocento da una lingua creata artificialmente su materiale indigeno dialettale. Infatti oggi la nuova lingua (landsml) viene riconosciuta al pari del vecchio danese (riksml).

9.2. Le origini della cultura islandese


9.2.1. I vichinghi. La colonizzazione dellIslanda Sono tre i momenti che hanno caratterizzato levoluzione culturale e letteraria del mondo nordico: in ordine cronologico il movimento vichingo, la colonizzazione dellIslanda e lacquisizione del Cristianesimo. I vichinghi riuscirono ad espandersi dalla Siberia alle estreme terre occidentali, acquisendo ricchezze ovunque. Durante la dominazione dellIrlanda entrarono in contatto col mondo celtico e anglosassone dove appresero molti aspetti della futura cultura norrena; daltro canto la debolezza La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 57

dellimpero carolingio e le ricchezze acquisite permisero loro di penetrare lEuropa continentale dove entrarono in contatto diretto e continuato con la cultura cristiana medievale. Proprio linfluenza cristiana e la struttura statale carolingia suscitarono una reazione conservatrice che avr come effetto determinante la colonizzazione dellIslanda e la conservazione in quella terra dei tratti pi caratteristici del mondo nordico. Fino alla fine del IX secolo infatti i sovrani settentrionali avevano rispettato lautonomia delle comunit tribali tant che quando il re norvegese Haraldr Harfagr nel X secolo tent di unificare le trib norvegesi sotto un unico regno sul modello feudale dei regni europei, molte di queste si rifiutarono e molti dei loro membri emigrarono in Islanda. Anche come conseguenza di ci si venne a creare nellisola quel fiorente movimento culturale che poi sarebbe sfociato nella grande produzione letteraria islandese. 9.2.2. La conversione Ovviamente la pi profonda trasformazione culturale e sociale nel mondo nordico antico avviene attraverso la conversione al Cristianesimo. Accettato ufficialmente per assemblea generale attorno al 1000 in Islanda e Norvegia, il nuovo culto almeno inizialmente venne assorbito nelle sue forme pi esteriori pi che nel suo intimo spirito. Inghilterra e Germania svolsero unimportante funzione mediatrice per la causa, si pensi che il primo vescovo islandese venne consacrato dal tedesco Adalberto nella seconda met dellanno mille a Brema, e che lalfabeto latino venne introdotto proprio dalle nazioni germaniche e inglesi. Con lintroduzione della scrittura latina si diffonde la conoscenza dei testi liturgici e si afferma luso del latino come lingua letteraria, ma se questa attecchir bene nel continente, non si pu dire che sia successo lo stesso in Islanda dove la tradizione norrena non ne resta influenzata in maniera rilevante, per lo meno dal punto di visa linguistico. Qui si continuer a rivolgersi infatti principalmente ad un pubblico indigeno, esprimendosi pertanto essenzialmente in norreno.

9.3. La tradizione letteraria


La tradizione scritta in lingua norrena si svilupp dunque con lintroduzione della scrittura latina in Islanda e Norvegia, cio a partire dal XII secolo. A parte qualche traduzione, la produzione scritta in nordico consiste in un vastissimo patrimonio letterario maggiormente di origine e ispirazione pagana. Questo corpus composto da poesia eddica, poesia scaldica e una prosa di carattere storico, scientifico e soprattutto narrativo che ha la sua massima espressione nelle saghe, probabilmente di origini orali rielaborate nel contesto della tradizione scritta. 9.3.1. LEdda Mentre le liriche degli scaldi sono tramandate singolarmente, la poesia eroico-mitologica contenuta in gran parte in un manoscritto del 1270 circa: il Codex Regius conservato a Reykjavk, che fu trovato in Islanda nel 1643 e denominato dal suo scopritore Edda Smundi multiscii ovvero Edda di Smund il Sapiente. Da qui il titolo della raccolta rimase Edda, che in origine il titolo dellomonima opera in prosa di Snorri Sturluson, che fa riferimento al contenuto mitologico del Codex Regius e che fu chiamata appunto Edda forse dallautore stesso. Tuttavia lattribuzione al dotto islandese Smund non provata. LEdda (o Edda poetica per distinguerla dallEdda in prosa di Snorri) una raccolta di 29 canti anonimi, vari ed autonomi quanto al contenuto, ma abbastanza omogenei per quanto riguarda li linguaggio. Apre la raccolta un carme profetico escatologico, la Vlusp che tratta di storia e mitologia del mondo, della nascita di giganti, uomini e nani e arriva fino alla previsione apocalittica del ragnark. Seguono dei canti legati alle avventure di Odino e Thor, tra cui emerge il La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 58

Havamal ricco di consigli di saggezza e di vita pratica. La seconda parte del corpus si distacca dai racconti mitologici e presenta carmi eroici intervallati da brani esplicativi in prosa; riguardano avventure di vari eroi con particolare attenzione a quelle di Sigurr (Sigfrido) in tutti gli ultimi 15. Nel complesso si intuisce una stratificazione cronologica di motivi e la presenza di influssi di diversa provenienza ma c sicuramente un nucleo arcaico di origine schiettamente pagana con carmi di tipo eroico germanico. A giudicare dallaspetto stilistico non si possono anteporre questi canti allXI secolo per i pi arcaici, mentre molti rivelano una sicura rielaborazione in tempi pi recenti. Nei riguardi dei miti e degli dei pagani latteggiamento dei poeti spesso irriverente, tranne forse che nella Vlusp. Anche se i riferimenti al Cristianesimo non sono espliciti, si nota un sensibilit nuova in certi carmi, sensibilit dimostrabile dallintroduzione di alcuni fattori come la risurrezione e la rigenerazione del mondo dopo la conflagrazione universale. Ci che nellEdda sembra interpretare con pi evidenza latteggiamento di un mondo e di unepoca geloso delle sue tradizioni ma al tempo stesso avviato ad una dinamica di evoluzione da riconoscersi non tanto nella rievocazione del mondo mitologico divino, quanto piuttosto nei carmi eroici dove attraverso una narrazione drammatica ed essenziale emergono le personalit dei protagonisti, attivi in mezzo al volgersi degli avvenimenti e tesi verso la conquista di una propria individualit umana ed eroica. 9.3.2. La poesia scaldica Se la poesia eddica rappresenta il patrimonio culturale tradizionale del mondo nordico-islandese, quella scaldica ne rappresenta laspetto attuale, lambiente delle piccole e grandi corti vichinghe e i loro valori fondamentali: il desiderio di onore e ricchezza, lamore per le battaglie e le avventure, il rapporto di fedelt verso il capo. poesia encomiastica e di occasione, mai anonima e basata sullo stile descrittivo, sul virtuosismo metrico e sulloriginalit delle variazioni sinonimiche e delle metafore (kenningar). Di questa si conoscono anche unimportante trattazione teorica dovuta allo storico Snorri Sturlunson (1179-1241) che nella sua Edda ha lasciato un vero e proprio trattato sullarte poetica. Lopera divisa in tre parti: la prima contiene una esposizione ordinata della mitologia eddica ed dedicata alla materia dellarte poetica, la seconda e la terza sono dedicate rispettivamente al linguaggio poetico e alla metrica. 9.3.3. La tecnica poetica Tutta la poesia nordica caratterizzata dalla suddivisione in strofe, che costituiscono ciascuna unentit stilistica e concettuale. I tipi di strofe pi comuni dellEdda sono il metro epico antico (fornyrislag) e il liahattr, caratteristico della poesia gnomica o dialogica. Il primo formato da quattro versi lunghi allitteranti ed diviso da cesura dopo il secondo verso; il secondo costituito da due versi lunghi alternati da due versi brevi (o pieni), questi ultimi hanno generalmente tre accenti forti di cui solo due su sillaba allitterante. Mentre il liahattr pu considerarsi un verso tipico della poesia eddica e conserva una struttura relativamente libera, il fornyrislag denuncia linfluenza della poesia scaldica nella tendenza a regolare il numero delle sillabe nel verso lungo, che nella poesia germanica era alquanto vario. Tipica della tecnica scaldica era anche lestrema libert nella disposizione delle parole nelle frasi e delle frasi nel discorso al fine di trovare soluzioni stilistiche sempre pi originali e imprevedibili, e allo stesso intento lubbidire alla frequenza di rime interne e di assonanze, luso di sinonimi inconsueti e di kenningar cos ricercate da poter essere comprese solo da un pubblico esercitato e colto.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 59

9.3.4. La prosa Cos come avviene per la poesia, anche il quadro della prosa norrena particolarmente ricco e vario. Di particolare interesse sono le opere storiche che nello spirito di tramandare la tradizione narrano gli avvenimenti che riguardano limmigrazione in Islanda e i primi secoli della colonizzazione. Il Lansnmabk libro dellacquisizione della terra narra dellorigine e della storia delle prime famiglie che si insediarono sullisola mentre lIslendigabk parla dellevoluzione e dello sviluppo della societ islandese. Alla storia della Norvegia invece si rivolge la Heimskringla orbe terrestre di Snorri, unopera storica che si presenta come una raccolta di saghe e che raggiunge anche buoni momenti di drammaticit, ad esempio nella dominazione di Haraldr Hrfgr. A differenza delle opere storiche, scarne ed essenziali, le saghe presentano una narrazione di elevata dignit letteraria ed uno stile ricco e libero. Il nucleo pi importante costituito dalle cosiddette Saghe Islandesi che narrano di eventi ritenuti storicamente importanti, ma non vanno trascurate anche opere ricche di elementi religiosi come le vite degli apostoli e dei santi o quelle inerenti a temi epico-cavallereschi, tradizione quindi vicina agli interessi dellEuropa occidentale.

9.4. La lingua norrena


Il Codex Wormianus A M 242 della Biblioteca dellUniversit di Copenaghen contiene, oltre allEdda di Snorri, anche quattro importanti documenti inerenti alla retorica e alla grammatica. Il primo di questi il cosiddetto Primo trattato grammaticale (probabilmente XII sec.); contiene unanalisi minuziosa dei suoni dellislandese antico per dimostrare la necessit di adattare lalfabeto latino alla lingua norrena introducendo nuovi segni. 9.4.1. Sistema grafico-fonologico Grazie quindi alle osservazioni dei grammatici, la scrittura norrena appare abbastanza vicina ad una rappresentazione fonologica dei suoni. La lingua riconosceva distinzione fra vocali lunghe e brevi, con le lunghe generalmente indicate da un apice. Nel Primo trattato grammaticale troviamo che esistevano anche vocali lunghe nasalizzate nate dalla caduta della nasale che originariamente seguiva. Il segno ha valore di vocale breve solo nelle trattazioni teoriche, nei manoscritti vale sempre solo // in quanto la corrispondente breve si molto presto confusa con /e/. Dopo il 1200 il sistema vocalico si impoverisce a causa del confluire di alcune vocali in altre vocali e della chiusura di altre. Per quanto riguarda le consonanti, il segni f e rappresentano spirante sorda allinizio di parola e vicino a sorda, ma spirante sonora nelle altre posizioni; il segno g indica i due allofoni occlusivo e spirante sonora velari (il primo ad inizio di parola e dopo nasale, il secondo allinterno e fine di parola), salvo che davanti ad s e t finali dove lo stesso segno rappresenta le corrispondenti sorde [k] e [x]. z indica laffricata []. 9.4.2. Evoluzione fonologica dal germanico allantico nordico I tratti pi salienti dellevoluzione dal germanico allantico nordico riguardano il sistema vocalico, con una tendenza spiccata a trasformazioni di tipo metafonico. Citiamo: 1) I dittonghi germanici generalmente non monottongano, salvo in presenza di determinate consonanti. ai compare generalmente come ei ovvero si monottonga come davanti ad h r, au resta inalterato salvo davanti h, eu appare come dittongo ascendente i o i a seconda dei suoni che seguono. 2) Il passaggio di i ad e e di u ad o avviene in anord. molto pi ampiamente rispetto alle altre lingue germaniche. La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 60

3) La metafonia si realizza non solo ad opera di i j (palatale) e di u w (labiale) ma anche per la presenza di r e di k o g seguiti da e. 4) La frattura interessa solo la vocale e che appare come ia o come io per la presenza di a e u (w). 5) Scompare la semivocale j allinizio di parola (anord. r anno gor. jr). 6) Il fenomeno pi caratteristico la semplificazione dei gruppi consonantici attraverso assimilazione o scomparsa di una delle consonanti. 7) Gli effetti dellaccento protosillabico agiscono sullo sviluppo della metafonia e sullindebolimento delle sillabe atone. Il vocalismo mediano si riduce a tre vocali a e o, tranne quando le escluse hanno funzione morfologica; i prefissi atoni perdono la vocale o scompaiono del tutto, come i prefissi verbali. Il processo di indebolimento dei suoni finali di parola non differisce in linea generale da quello delle altre lingue germaniche occidentali antiche, cos come scompaiono o si indeboliscono alcune desinenze (es -R in fine di parola) del periodo runico. 9.4.3. Caratteristiche morfologiche Malgrado la riduzione delle sillabe finali e la coincidenza di alcune desinenze, per quanto riguarda la morfologia loriginario sistema flessivo ancora mantenuto in nordico antico, come del resto nellislandese moderno. Il processo di adeguamento analogico tra i vari temi nominali abbastanza avanzato, anche allinterno della stessa declinazione le desinenze tendono ad uniformarsi ma la distinzione dei casi scompare solo in poche declinazioni. Nella flessione verbale si verificano alcuni adeguamenti mentre in quella nominale hanno particolare rilievo le frequenti forme metafonizzate. Ad esempio nei temi in u agiscono contemporaneamente metafonia palatale e labiale, nella declinazione debole dellaggettivo la metafonia caratterizza tutto il plurale ed in molti casi la consonante acquisisce pieno valore morfologico per lindicazione del numero e a volte del caso. Flessione a parte, il nordico sa presentare elementi assai arcaici accanto ad innovazioni peculiari. Gli elementi conservativi sono ad esempio la presenza del duale nei pronomi di I e II persona, linterrogativo huerr chi, il valore duodecimale dei numerali (hundra 120), la formazione dei verbi in na- come in gotico, con valore incoativo. Le novit sono invece presenti nel sistema pronominale, come ad esempio il pronome di III pers. hann m. hon f., la particella es/er per esprimere il relativo, alcune forme di indefinito (nakkuerr per qualcuno e hutvettna per ogni cosa). Tipicamente nordico inoltre larticolo enn et posposto al nome. Per quanto riguarda le strutture verbali originale una forma di mediopassivo costituita dalla giustapposizione dellaccusativo del pronome riflessivo sik alle forme del verbo passivo. 9.4.4. Caratteristiche sintattiche Anche in nordico il passivo si forma usando strutture perifrastiche, cos come vengono utilizzate per la resa del futuro e dei tempi composti del passato (es. non ek segia io dir con lausiliare munnu divenire). Forse per la caratteristica pi interessante della lingua quella di riuscire ad indicare le relazioni tra gli elementi della frase e del periodo con estrema libert ed immediatezza, attraverso schemi agili e sintetici. Questo atteggiamento genera una notevole variet di locuzioni idiomatiche, usate soprattutto in prosa, testimoni della particolare vivacit del discorso narrativo norreno. Linflusso della latino infatti appare solo nelle traduzioni dei testi liturgici, e ci si riflette anche nel fatto che nellindicazione di relazioni fra le frasi allinterno del periodo la sintassi norrena privilegia strutture piuttosto semplici, con il discorso diretto preferito alle coordinazioni, a loro La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 61

volta preferite alle subordinazioni. Quando le subordinazioni sono presenti sono indicate da pochissime congiunzioni (come, da e la particella polivalente es/er con valore temporale, locativo e modale).

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 62

10. I Germani in Italia


10.1. Il superstrato germanico
Se per quanto riguarda le popolazioni germaniche fu fondamentale lintervento del latino e della cultura romana affinch queste potessero conoscere unevoluzione culturale, non si pu dire che lo stesso processo sia avvenuto quando sono stati i Germani a colonizzare ex territori fortemente romanizzati. In zone come lItalia, la Gallia, lIberia il germanesimo non riuscito a prevalere dal punto di vista culturale, n tantomeno in quello linguistico. Sicuramente, daltro canto, vista la stabilit di certi stanziamenti, ha avuto unimportante azione di superstrato. 10.1.1. Un problema di interferenza Il susseguirsi di diverse popolazioni germaniche in suolo italico ha creato un problema di interferenza nello studio di quelle che sono le gi esigue testimonianze che questi popoli ci hanno lasciato. Da un lato va valutato limpatto che queste popolazioni hanno avuto sulla civilt romana, dallaltro le sovrapposizioni culturali e linguistiche tra le diverse etnie che si sono alternate al comando. 10.1.2. Fonti e metodologia di ricerca Il periodo che riguarda la permanenza dei Germani in Italia va dal loro graduale inserimento nel IV-V secolo fino allepoca delle invasioni ed insediamenti (V-VIII). Sicuramente il fatto di colonizzare la penisola italiana ha in qualche modo agevolato il lavoro degli eserciti goti e longobardi, in quanto si sono inseriti in un ambiente da gi letterarizzato. Appaiono come fonti storiche credibili i reperti archeologici ed epigrafici, documenti pubblici ed atti notarili, leggi e diplomi, glosse e nomi di persona e luogo. Nonostante tutto, per, ancora oggi non si riesce a decifrare con assoluta precisione quale siano stati i contributi di queste popolazioni alla cultura durante lepoca latino-barbarica. Larcheologia documenta la progressiva espansione degli stanziamenti barbarici attraverso lesame di suppellettili ed oggetti vari ritrovati ci fornisce buoni spunti per lo studio dellentit culturale dei Germani in Italia cos come sono di particolare interesse alcuni documenti Longobardi editi nel VII secolo che vanno sotto il nome di Codice diplomatico longobardo. Tale documentazione ci d informazioni dapprima linguistiche, ma anche sociologiche, politiche e organizzative della vita dei Longobardi nonch permette la ricostruzione di alcuni aspetti delle condizioni di vita delle personalit di spicco e della popolazione. Per quanto riguarda la storia religiosa ed il rapporto con le istituzioni gi presenti si pu far riferimento ai testi agiografici (ad es. la Vita Columbiani di Jonas) e alle biografie dei papi mentre nel caso specifico dei Longobardi, pi che per i Goti, sono numericamente importanti le fonti relative al diritto giuridico. La sapienza giuridica di Teoderico testimoniata gi dai suoi contemporanei ed confermata dal famoso editto a lui attribuito (Edictum Theoderici) sulla pacificazione dei dissapori tra i goti; tuttavia la sua azione legislativa si muove sullimpronta del diritto romano pur cercando di far rimanere inalterate le peculiarit di quello gotico. Il primo documento di rilievo che ci informa sulle norme giuridiche degli invasori germanici in Italia lEdictum Rothari promulgato il 23 Novembre del 643 da re Rothari, anchesso a doppia base latina e germanica, il quale fu seguito da editti simili realizzati dai suoi successori. I diplomi dei re longobardi sono invece dellordine di poche decine e due soltanto anteriori a Rothari. A parte qualche manoscritto, mancano totalmente testimonianze scritte della lingua degli invasori sebbene ci che abbiamo testimonia quanto la scrittura dei Goti avesse potuto assumere una certe dignit nella penisola, spesso pari a quella del latino. La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 63

Infine, risultano assenti testimonianze letterarie originali in lingua gotica, seppur risulta attestata la presenza di carmina, cio di canti epici di tradizione orale. Per quanto riguarda i Longobardi invece assente la tradizione poetica, seppur la sua esistenza non pu essere esclusa a priori.

10.2. Gli stati germanici in Italia. Cenni storici


10.2.1. I primi insediamenti La penetrazione dei Germani in Italia inizi, com noto, molto prima della caduta dellImpero, in un primo tempo nella forma dellarruolamento mercenario che consent ad alcuni di essi di arrivare ad occupare alte cariche ed avvicinarsi ai centri di potere politico. Gi nel IV secolo alcuni mercenari ed ex-mercenari potevano godere di terre pubbliche in cambio della loro disponibilit alla chiamata alle armi, ma lo spostamento effettivo dellago della bilancia avvenne effettivamente solo nel V secolo quando, nellambito delle lotte fra imperatori, i gerarchi militari germanici diventarono strumento di contese giungendo infine ad avere potere sui regnanti stessi. Lo straordinario dinamismo delle popolazioni germaniche quindi, permise a queste di far valere la loro forza politica e militare sia allinterno che allesterno dei confini imperiali, ed essere alloccorrenza amici o nemici di Roma, come nel caso estremo dei Visigoti: dapprima per due volte invasori dItalia, poi al servizio dellImpero. 10.2.2. Odoacre Odoacre reclam lassegnazione delle terre italiche nel 476 capeggiando una sollevazione di federati (Eruli, Sciri e Turcilingi fra gli altri); assunse il potere e invi a Costantinopoli le insegne imperiali ufficializzando di fatto un potere assunto da tempo. Si tratt infatti non di una caduta vera e propria, n di uninvasione, ma pi precisamente di una graduale evoluzione interna portata a compimento da punto di vista istituzionale in occasione di una delle tante ribellioni militari per la lotta al potere. Stesso discorso pu essere fatto per i regni romano-barbarici del V e VI secolo quali Tolosa in Aquitania, dei Burgundi e dei Franchi in Gallia. Odoacre si qualifica come re delle genti germaniche stanziate in Italia (pur non detenendo formalmente la sovranit territoriale della penisola), e concede ai soli Germani listituto del regno ponendo di fatto un ostacolo non indifferente allintegrazione con le genti italiche. LImpero comunque di fatto esisteva ancora, e tale dualismo politico e amministrativo, improntato sulla tolleranza e al rispetto reciproco delle singole tradizioni, sar ereditato anche da Teodorico. 10.2.3. Gli Ostrogoti Linsediamento degli Ostrogoti in Italia avviene dopo pi di tre anni di lotte contro Odoacre (48993), e risult in una vera e propria migrazione di circa centomila persone con unoccupazione che interess lItalia del nord e le regioni lungo tutto lAppennino fino alla Campania. Il regno di Teoderico si fond su una politica di equilibri: in Italia Goti e Romani vivevano sotto giurisdizioni parallele ma distinte secondo la tradizione che separava lamministrazione militare da quella civile con il potere militare ovviamente in mano a Teoderico ed al suo esercito, e quello legislativo gestito dalla dotta e sapiente burocrazia latina. Con lesterno Teoderico mostr una notevole abilit diplomatica sapendo essere prudente nei confronti della Chiesa e con lImpero dOriente, stringendo inoltre alleanze con Visigoti, Vandali, Franchi e Burgundi. Il regno di Teoderico fu pertanto un regno di pace e rifioritura economica seguito dopo la sua morte avvenuta nel 526 da un periodo di imbarbarimento e decadenza sociale culminati da venti anni di guerra fra Goti e Bizantini con incursioni anche da parte di Franchi, Burgundi, Alemanni. La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 64

I Goti tentarono inutilmente, durante questo periodo, di opporsi alla politica restauratrice di Giustiniano e alla fine, seppur sconfitti e deportati, riuscirono singolarmente a detenere posizioni di prestigio. 10.2.4. I Longobardi Nel 569 si affaccia in unItalia stremata da pestilenze e carestie la popolazione germanica dei Longobardi che pi precisamente era un agglomerato di popoli di varie origini, come Sassoni, Bavari, Svevi e appunto, prevalentemente, Longobardi. Era una popolazione rimasta essenzialmente ai margini delle invasioni del VI secolo, priva della maturit politica dei Goti; descritti come una popolazione rozza e violenta, tale affermazione sembra trovare conferma con il periodo di decadenza che sub lItalia sotto il loro dominio. La migrazione si configur come unoperazione militare pi che come un vero e proprio progetto politico, sebbene gli insediamenti militari divennero ben presto colonizzazioni stabili. Lorganizzazione del regno rest sempre di tipo militare, la monarchia rimase elettiva ed il re si qualific sempre come capo dellesercito, che veniva a coincidere con la classe di possidenti la quale manteneva lobbligo di armarsi e partecipare alle spese militari. I Longobardi si insediarono soprattutto in tre zone della penisola: lItalia settentrionale con Pavia capitale, la Toscana e i territori centro-meridionali di Fermo, Spoleto e Benevento. Vista la distanza dei tre poli, vi fu sempre il problema e lobbiettivo di riunire geograficamente tre amministrazioni distinte, cosa resa alquanto ostica dagli attriti con i Bizantini dellEsarcato 16 ed il papato. Liutpandro con le campagne militari del 712-744 riusc a conquistare notevoli lembi di terra ma fu Astolfo, nella met dellVIII secolo, ad estendere il potere su quasi tutta la penisola, ad eccezione del Lazio, la Calabria e le isole. Alla fine dellVIII secolo (campagne del 773-774) tuttavia Carlo Magno, Franco e mosso da spirito di salvaguardia del Cristianesimo, riusc a sottrarre tali territori ai Longobardi, i quali anzich cercare di difendere la propria identit e tradizioni finirono con lintegrarsi con le popolazioni italiche.

10.3. Aspetti culturali del germanesimo in Italia


10.3.1. Gli Ostrogoti Differentemente da quello che avveniva a livello politico, da quanto risulta nei testi fino a noi pervenuti cera volont ed effettiva applicazione di dialogo fra Goti e la cultura latina in altri aspetti sociali extra-istituzionali. I Goti erano stati per lunghi anni a contatto con i bizantini, gi nel IV secolo avevano adottato la religione cristiana ed iniziato una tradizione scritta divenendo molto pi sensibili rispetto ad altri Germani ai valori della civilt italica. Tuttavia la loro indole fece s che si mantennero orgogliosamente fedeli alle loro antiche tradizioni integrandole con le recenti innovazioni di aver inventato una scrittura e vantare gi una tradizione di studi biblici (5.2.1.). Lintegrazione con la popolazione italica era impedita, del resto, dalla fedelt alla confessione ariana. Si riscontrata una intensa attivit di traduzione, emendazione e commento delle Scritture, gli stessi maggiori personaggi letterari erano molto vicini a Teoderico, fra questi vi erano Cassiodoro, consigliere del re, scrittore e uomo di stato; Severino Boezio, le cui opere vennero tradotte in inglese e tedesco; e Jordanes, che con le sue due opere Romana e Getica rappresenta il momento pi consapevole di integrazione fra le due civilt.

16

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 65

Istituzione religiosa della Chiesa cattolica di rito orientale.

Il periodo di pace incoraggi la fioritura artistica di centri urbani come Ravenna e di arti particolari come quella delloreficeria. Durante la decadenza e la rovina del regno gotico si conserv lattivit di trasmissione e conservazione che diventer poi a solo appannaggio di una minoranza monastica. Tuttavia, la tradizione scritta in lingua gotica, per la sua implicazione ariana, non godette dellopera conservatrice dei monaci, tant che alcune informazioni sulle gesta di Teoderico sono state recuperate solo grazie a testi provenienti da altre culture germaniche. 10.3.2. I Longobardi Di base, inizialmente i Longobardi contribuirono a degradare la societ di una popolazione gi in decadenza. Strenui oppositori dei poteri cattolici e dellImpero Bizantino, conservarono a lungo il culto ufficiale della fede ariana, pur tollerando la convivenza con il cattolicesimo. Tuttavia, si registrano svariati cambi di politica riguardo la tolleranza religiosa da parte dei re Longobardi che si sono alternati al potere. Il re Autari proibiva il battesimo cattolico ai Longobardi, mentre Agilulfo lo consent agli inizi del VII secolo, ma i suoi successori Ariovaldo e Rothari pur permettendo la libert di culto tornarono alla fede ariana. Solo nellVIII secolo i popolo longobardo ader definitivamente al cattolicesimo avviando un processo di assimilazione e integrazione con la componente romana. Ne giov non solo la societ, ma ogni aspetto della vita comune e istituzionale, nonch le arti. I Longobardi occuparono gli stessi centri precedentemente appartenuti ai goti, facendo s che queste citt si impregnassero della cultura germanica a che qui pi che altrove fiorisse quellarte ricca di elementi occidentali e orientali, che videro la loro massima espressione durante la prima met dellVIII secolo sotto il regno di Liutprando. Anche la pratica scrittoria mantenne una certa continuit con la tradizione, leducazione scolastica non fu interrotta ma indirizzata ad una preparazione pi istituzionale che religiosa, ne scatur un accenno di attivit letteraria, soprattutto in latino, presso le corti e i monasteri. Tra gli autori di origine longobarda emerge Paolo Diacono, poeta, dotto e storico vivacissimo; e assieme alle sue produzioni videro la luce anche testi di un certo valore come il Carmen de Synodo ticinesi (per celebrare la pacificazione religiosa sancita dal sinodo di Pavia nel 698) e le Laudes meridiolanesis civitatis (descrizioni poetiche di citt). Tracce delle tradizioni germaniche si trovano soprattutto nelle fonti giuridiche e storiche, quali proprio lEdictum Rothari, scritto come gli altri in latino (seppur imbarbarito). Di Paolo Diacono invece unimportante fonte storica, lHistoria Longobardorum in cui si fa riferimento alle antiche vittorie e ai leggendari guerrieri longobardi, importante se non in senso strettamente cronistico quantomeno in senso divulgativo. presente in molti brani pseudostorici la presunta origine del popolo longobardo che, dapprima devoto a Freia avrebbe conseguito vittorie in battaglia dopo aver ottenuto con linganno il favore di Odino, ed in onore al dio (chiamato nelle fonti norrene con lepiteto di Langbarr) le genti longobarde avrebbero assunto il costume della lunga barba ed il nome conseguente. In realt si tratta di racconti che, probabilmente, alludono al passaggio di questo popolo da una religione vanica al culto asico di Odino.

10.4. Tracce linguistiche del germanesimo in Italia


10.4.1. La lingua dei Goti La documentazione scritta in lingua gotica proviene per la maggior parte dallItalia e risale al periodo di dominazione ostrogotica e a quello immediatamente successivo. A giudicare da quanto pervenuto essi adottarono la lingua di Wulfila come lingua scritta, segnale di desiderio di conservazione dei propri costumi (seppur, in questo caso, si tratta di costumi Visigoti) e di accresciuto prestigio della lingua. La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 66

Non si sa quanto e come lostrogoto sia potuto penetrare nel latino italico seppur in alcuni versi del V secolo si faccia riferimento ad una piuttosto ampia diffusione, anche nel parlato. Certo che nomi propri di Goti sono conservati nelle fonti latine anche dopo la loro scomparsa dalla penisola, e addirittura nei papiri ravennati (VI sec.) sono presenti trascrizioni latinizzate di tali nomi. La loro struttura bimembre, cio composta da due morfemi o lessemi portanti significati diversi. Sicuramente sono presenti tracce di gotico anche nel lessico, pare infatti che una settantina di parole oggi dellitaliano siano di origine gotica; fra queste citiamo: bega, nastro, arringo, stecca, grinta, guercio, ma anche quelle che probabilmente sono penetrate nel latino ancor prima dellinvasione gotica (e quindi riguardino anche situazione come quella iberica e gallica), come ad esempio albergo, elmo, rocca, schietto. Come si pu notare, tali inserimenti appartengono ad un linguaggio di tipo comune, mentre mancano termini di ambito giuridico o amministrativo, mancanza molto probabilmente dovuta al fatto che il latino fosse la lingua ufficiale durante il regno gotico e che qualche termine introdotto, seppur di origine puramente gotica, possa esser stato assimilato talmente in profondit da essere irriconoscibile in quanto tale o sostituito da successive voci longobarde. 10.4.2. La lingua dei Longobardi Anche per la lingua dei Longobardi la maggior parte delle attestazioni che possediamo sono di tipo lessicale. Per quanto riguarda le glosse longobarde in testi latini (opere storiche, codici di leggi, documenti pubblici e privati) si pu osservare la presenza di alcuni termini di linguaggio comune come feld campo, scala coppa, gaida punta delle freccia ma soprattutto di termini inerenti laspetto giuridico e patrimoniale della vita. Ci sono ad esempio faida vendetta, wirgild guidrigildo, faderfio dote, anagrip-anagrif aggressione. Unaltra serie lessicale particolarmente ricca quella dei nomi di funzioni e posizioni politiche e sociali come aldius uomo libero, gastaldius gastaldo, uomo regio, tutte contenute in glossari dellepoca che necessitavano di essere redatti vista leffettiva situazione di bilinguismo che si era creata. I diversi livelli di adattamento al contesto fonetico e morfologico del latino rendono problematica la prospettiva di recuperare le caratteristiche del longobardo originario poich non sempre facile individuare quando alcuni sviluppi siano generati dalladattamento al contesto romanzo o latino medievale, o quanto riflettano unevoluzione precedente e indipendente del longobardo. Va inoltre tenuto in considerazione un forte elemento di interferenza, e cio linflusso degli altri dialetti germanici progressivamente parlati in Italia, dal gotico allalemanno, bavarese e francone. Sul modello gotico ad esempio i Longobardi adottarono alcuni termini del linguaggio giuridico come si pu notare comparando glosse analoghe; mentre allattrazione esercitata dai dialetti tedeschi meridionali sono stati attribuiti fenomeni quali la rotazione consonantica. Molto importante la presenza dei nomi di persona Longobardi presenti in Italia. Prima di tutto per bisogna tener presente che nellonomastica longobarda possono esser confluite tradizioni antroponimiche appartenenti a varie etnie germaniche, quali quelle stanziate precedentemente sul suolo italico (Goti, Vandali) e quelle penetrate successivamente (Sassoni, Alemanni, Franchi). Se quindi originari termini gotici possono essere stati longobardizzati, anche termini longobardi possono aver assunto una veste grafica adatta alle nuove parlate. Parlare di onomastica longobarda vuol dire quindi parlare di una specie di koin che presenta variazioni grafiche e fonetiche dipendenti non solo dal dialetto di origine ma dal tipo, dallepoca di provenienza del documento e dal grado di adattamento al contesto latino. Pertanto, i nomi che possiamo definire longobardi non differiscono di molto per struttura dal tipo onomastico germanico arcaico costituito secondo il modello indoeuropeo da un composto La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 67

bimembre con loriginaria funzione di appellativo: ad. es. Liuprand (liuti- gente, branda- spada, spada del popolo) o Theuderada femm. (eud popolo, rd consigliera). Il constante ripetersi di determinati temi vocali giustificherebbe la forte presenza nei nomi longobardi di alcuni di questi, soprattutto nelle famiglie pi prestigiose, come brand pert ald perga rada truda ecc.; daltro canto sono poco numerosi i nomi monotematici e quasi tutti presentano la terminazione in o, esito longobardo della desinenza del nominativo debole. Proprio a giudicare da quanto avviene nellonomastica si pi osservare nel longobardo una certa regolarit nella variazione e nellapplicazione di alcune regole come: la relativa conservativit del vocalismo tonico germanico tranne che per alcune eccezioni e la presenza di alcuni fonemi metafonetici, nonch la tendenza a rimanere inalterati dei dittonghi au ed eu. Poi la realizzazione della rotazione consonantica alto tedesca (7.3.5.). Di tutte le presunte assunzioni longobarde nella lingua italiana, solo per alcune certa lorigine: a parte quelle di carattere dotto citate sopra abbiamo scherpa-scherfa per corredo, biotto nudo, gualdo bosco, sala corte e altre in cui sembrerebbe attestata la rotazione consonantica (che le differenzierebbe quindi dai prestiti franconi e gotici) come zaffo, bioscio, strofinare rispetto alle voci tappo, biotto, stropicciare ed inoltre tutte quelle che presentano unaffricata in luogo di unocclusiva sorda germanica o un assordimento delle originarie sonore come milza, zanna, zazzera, ciuffo, panca, palco, guancia. Quando non palese lappartenenza di un lessema al lessico longobardo ci si pu affidare al contesto in cui questo stato introdotto per definirne lorigine: sono probabilmente, pertanto, di origine longobarda parole appartenenti a determinate aree semantiche come le parti del corpo (schiena, stinco, spanna), animali e caccia (bracco, falco, trappola, staffa), utensili e abbigliamento (bara, gruccia, guanto, roba, tasca), vita militare (guerra, guardia, sgherro), colori (bianco, biondo, bruno), qualit (ricco, sghembo, snello, baldo, gramo). Ovviamente laspetto geografico e dialettale delle singole zone della penisola gioca un ruolo importante nella determinazione dellavvenuta acquisizione di un nuovo lessema, sono state individuati pertanto tre tipi di intervento. Si innanzitutto limitato il valore attribuito alla rotazione consonantica perch sono pi che plausibili prestiti privi di tale mutamento avvenuti in epoca antica se mantengono una fisionomia pi arcaicizzante che riconosce linflusso del gotico o in una pi recente in cui tutto il longobardo aveva gi subito linflusso del tedesco. Tale studio diventa ancor pi articolato se si considerano fattori come linflusso dellalemanno e del bavarese. Dunque, linvadenza di altri dialetti germanici non avrebbe fatto altro che accelerare la scomparsa del longobardo soprattutto nelle vicine regioni settentrionali mentre, in quelle meridionali, possibile che si sia venuta a creare una maggior conservativit, riscontrabile in elementi appartenenti alle sfere dellonomastica e della toponomastica.

La Filologia germanica, di M.V. Molinari Riassunto a cura di Enzo Santilli rage_X_love@live.it Corso di Filologia germanica, a.a. 2011/2012, Universit degli Studi di LAquila Pag. 68

Potrebbero piacerti anche