Sei sulla pagina 1di 1

Tar il fannullone Ad Atarashii, un paese nel distretto Tsukuma, viveva Monokusa Tar Hijikasu, sopr annominato fannullone; aveva

il progetto di costruire una bellissima residenza, ma siccome gli mancavo alcuni elementi, si accontentava di vivere sotto un tetto di stuoie. Un giorno una persona impietosita dalle sue condizioni gli offr cinqu e aikyomochi, ne trangugi quattro in un baleno e l'ultimo decise di risparmiarlo finch qualcuno gli avrebbe offerto dell'altro. Mentre stava giocherellando con l 'ultimo li cadde in mezzo alla strada e siccome era troppo faticoso andare a rac coglierlo, decise di aspettare che passasse qualcuno. Tre giorni dopo, l'intende nte del paese, Nobuyori, tenente di terzo grado della guardia di sinistra, pass d i l insieme ai suoi seguaci; gli uomini non ascoltarono la richiesta di Monokusa e questo inizi a brontolare, stupendosi dalla pigrizia del tenete. Questi senten do questo decisero di fare due chiacchiere con il famoso fannullone e in seguito di salvarlo dal suo destino. Tar per non sembrava propenso a far alcun che per a iutarsi ad uscire dalla sua situazione, perci il Tenete decret che i contadini de l luogo dovevano offrire a Taro 3 go di riso 2 volte al giorno e del sake. Per ben tre anni Tar venne mantenuto dal popolo. Il Governatore della provincia di Shinano assegno al paese di Atarashii di manda re un uomo alla capitale per il servizio obbligatorio. Gli abitanti del paese ri uscirono a convincere il fannullone e questi part. Nella capitale l'atteggiamento di Monokusa non dava alcun segno di essere un fannullone, perci il servizio di 3 mesi fu prolungato a 7. Prima di rientrare al paese voleva trovarsi una bella moglie e convinto da un lo candiere, decise di fare tsujitori. Cos si apposto sotto il portone del tempio Ki yomizu in attesa di trovare una donna di suo gradimento. Poco dopo ne adocchi una di una bellezza stupefacente accompagnata da una dama, e mentre ella cercava di aggirare la sua direzione per non dover imbattersi in quella brutta creatura, il fannullone le corse incontro con braccia spalancate. Iniziarono a discorrere e l a donna pensando di aver a che fare con un campagnolo, per allontanarlo cerc di c onfonderlo, prima facendo ricorso ad alcuni indovinelli, poi con la poesia. L'uo mo per era pi preparato in queste arti di quanto la donna si aspettasse, cos che qu esta, non trovando altra via d'uscita da quel spiacevole incontro fugg. Deciso a ritrovarla, l'uomo ricordo che la dama gli aveva detto con una poesia, che la sua residenza aveva un cancello di murasaki e di karatachibana e dopo ave r chiesto in giro scopri che era la casa del Governatore di Buzen. Una volta rit rovata, scopri che si chiamava Jujuu, mentre la sua dama Nadeshiko, l'amata si s pavent molto alla vista dell'uomo, ma alla fine non riuscendo pi a resistere e aff ascinata dalla sua poesia, lo fece accomodare in casa; poco dopo convinta che l' amore di Tar era dovuto da un legame di una vita precedente, gli chiese se desid erava trasferirsi in quella casa, e lui accett volentieri. Venne lavato per ben 7 giorni e divento bello come una gemma. La dama saggiament e gli insegn tutte le buone maniere e ben presto super ogni nobiluomo per i suoi m odi raffinati. Convocato a Corte, l'imperatore rimase stupito per la sua abilit p oetica e era convito che tale bravura doveva avere origine reale; dopo un'indagi ne si venne a sapere infatti che era figlio di un Luogotenete generale di II ran go, secondogenito del 53 imperatore Ninmyou. Tar venne quindi fatto Luogotenente di Shinano, durante il ritorno alla sua prov incia, si ricordo della generosit del Tenete Nobuyori, il quale lo nomin segretari o generale delle due provincie di Kai e si Shinano, e ai contadini che lo avevan o mantenuto regal alcune terre. Fece costruire una villa a Tsukama e l si narra abbia passato 120 primavere e aut unni che lo portarono ad essere venerato come dio della longevit, Otaga no daimyo ujin: kami che patrocina il matrimonio e esaudisce le preghiere degli innamorati ; la dama venne invece deificata come Asai no gongen.