Sei sulla pagina 1di 1

Abstract Tesi

Con l’avvento delle nuove tecnologie, la ricostruzione per la visualizzazione scientifica dei beni culturali, ha ottenuto un considerevole guadagno in termini di qualita’ e accuratezza.

Nel lavoro di tesi svolto, si e’ voluto studiare, attraverso un esempio concreto, come l’utilizzo

della modellazione procedurale per ambienti urbani possa aiutare alla realizzazione di uno scenario storico filologico da inserire all’interno di un cortometraggio animato facente parte di un percorso museale della storia della citta’ di Bologna.

Partendo da un plastico dell’area urbana, sono stati effettuati dei fotopiani, poi inseriti all’interno

del software City Engine, per la realizzazione del modello virtuale attraverso la modellazione

procedurale: qui, con l’ausilio della grammatica per la descrizione di regole modellistiche e di

script in linguaggio python, e’ stato possibile ricreare tutto l’ambiente urbano della Bologna del

XIII secolo in meno di un mese di lavoro.

Come risultato finale di questo processo si e’ ottenuto un modello geolocalizzato e fedele all’originale della citta’, da utilizzare come scenografia all’interno del cortometraggio <nomedelcortometraggio>. Passando attraverso il software Blender, e’ stato infatti possibile

raffinare il lavoro svolto con City Engine, migliorando i dettagli richiesti dal regista e creando dei

veri e propri set in cui far muovere gli attori digitali.

La modellazione procedurale si e’ quindi rivelata cruciale per la realizzazione di un ambiente urbano complesso e, considerando il rapporto tra la quantita’ di lavoro e la qualita’ dei modelli ottenuti, risulta evidente come questo tipo di approccio sia l’unico possibile nella creazione (o ricostruzione) di scenari estesi e complessi quali le citta’.

Valuta