Sei sulla pagina 1di 7

G Ital Med Lav Erg 2012; 34:2, 151-157 http://gimle.fsm.

it

PI-ME, Pavia 2012 ISSN 1592-7830

Carlo Alfredo Clerici1,2, Gianfranco Peletti1, Laura Veneroni1, Angelo de Micheli3

Spray per autodifesa da soggetti con comportamento aggressivo: una revisione della letteratura scientifica sullutilizzo delloleoresin capsicum
1 2 3

Sezione di Psicologia, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biomediche, Facolt di Medicina, Universit degli Studi di Milano S.S.D. Psicologia Clinica, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori, Milano Cattedra di Criminologia Clinica, Dipartimento di Morfologia Umana e Scienze Biomediche, Facolt di Medicina e Chirurgia, Universit degli Studi di Milano

RIASSUNTO. In molte nazioni negli ultimi decenni si diffuso limpiego di spray allestratto di peperoncino (oleoresin capsicum) come arma non letale. Nel 2009 in Italia un decreto sulla sicurezza ha stabilito che questi spray, prima illegali, possano essere acquistati e detenuti legalmente dai cittadini; nello stesso tempo i corpi di polizia locale hanno iniziato a dotarsi di questi congegni per autodifesa e per facilitare larresto di soggetti con comportamento aggressivo. Questa review analizza la letteratura scientifica multidisciplinare sullefficacia e i possibili rischi per la salute, acuti e a lungo termine, legati allimpiego di spray al capsicum per i soggetti esposti e gli utilizzatori, privati cittadini o personale delle forze dellordine. Sono illustrate anche le raccomandazioni per un corretto uso di questi strumenti. Parole chiave: capsicum, capsaicina, aggressioni, difesa, violenza, spray al peperoncino, armi non letali.

Introduzione Difendersi un diritto, sostenuto dalla storia e dalle legge, ma non si pu esagerare. Quindi serve difendersi senza danneggiare, tanto meno uccidere. Nel contesto delle societ industrializzate da tempo emersa lesigenza di strumenti difensivi meno letali delle armi da fuoco. Per questo da decenni sono entrati in uso in diverse nazioni del mondo agenti incapacitanti, in confezionamento spray, per autodifesa contro azioni aggressive di persone e animali. Allimpiego di sostanze chimiche fra cui il CS (ortoclorobenzalmalononitrile), il CN (cloroacetofenone) e il CR (dibenzoxazepine), si aggiunto pi recentemente limpiego dellestratto di peperoncino (oleoresin capsicum [OC]). Luso del capsicum descritto fin dallantichit in Giappone mediante il metsubishi, un contenitore in lacca o metallo, per soffiare polvere di peperoncino negli occhi della persona da immobilizzare (1). Come gli altri agenti ha unazione irritante sugli occhi, la cute e le vie respiratorie e pu essere utilizzato come agente incapacitante ma con minori effetti tossici. In Italia vi stato un lungo dibattito circa lintroduzione in commercio di spray al capsicum (a lungo proibiti) per autodifesa dei cittadini e la dotazione per le forze di polizia, in particolare della Polizia Locale. Per alcuni anni solo pochi modelli commerciali sono stati considerati di libera vendita. In Italia questi strumenti, in precedenza proibiti, sono stati resi di legittima detenzione porto con la legge 15-7-2009 n94 (pacchetto sicurezza) art. 3 comma 32. Lo spray OC stato poi compreso fra le dotazioni possibili ai corpi di Polizia Locale per effetto di leggi regionali (ad esempio la legge n 4/2003, art. 18 della Regione Lombardia). Attualmente sono diverse centinaia i comuni italiani che hanno dotato il personale della Polizia Locale di spray O.C. Obiettivo di questa review una rassegna della letteratura scientifica sulla sicurezza, lefficacia sul comportamento aggressivo, indicazioni e controindicazioni dimpiego dei congegni per autodifesa a base di oleoresin capsicum.

ABSTRACT. In several countries oleoresin capsicum (OC) spray is being used as non lethal weapon in recent years. In 2009 in Italy a Security Act has established that self-defence spray devices can lawfully be purchased and possessed by citizens; at the same time corps of local police started to adopt these devices for self defence and aid in arresting aggressive individuals. This article analizes the multidisciplinar literature about the efficacy and possible acute and long-term health risks of pepper spray for exposed individuals and police or civilians users. The paper also reports updated considerations about correct use of this devices. Key words: capsicum, capsaicin, aggressions, defence, violence, pepper spray, non lethal weapons, mace.

Materiali e metodi La letteratura stata raccolta mediante le banche dati online Medline (1950 a 31 maggio 2011), Embase, Cochrane

152

G Ital Med Lav Erg 2012; 34:2 http://gimle.fsm.it

Library e PsychINFO. Sono stati utilizzati i seguenti termini di ricerca variamente combinati: capsicum, pepper, capsaicin, spray, oleoresin, defense, OC, mace, less-lethal, nonlethal weapon. Accanto agli articoli provenienti da riviste indicizzate, la ricerca stata integrata dalla consultazione di libri, articoli e repertori bibliografici cartacei allo scopo di considerare anche articoli appartenenti alla cosiddetta letteratura grigia, per lo pi fonti tecniche di polizia. Tutti gli articoli clinici sono stati considerati, anche se gli studi farmacologici e sperimentali su esseri umani e animali sono stati utilizzati solo in parte. Gli studi considerati per lanalisi finale sono stati sottoposti a unanalisi di qualit indipendente da due degli autori (CAC e LV). La qualit dellevidenza stata basata sul Grading of Reccomandations Assessment, Development and Evaluation System (2). Sono stati esclusi gli studi sullimpiego di capsicum in funzione antisommossa. Analisi dei dati Dalla ricerca sono stati identificati 232 articoli di cui 83 ritenuti pertinenti (Tabella I). possibile suddividere schematicamente gli articoli considerati nei seguenti temi: meccanismo dazione dei derivati capsaicinoidi, confezionamento e merceologia degli spray OC, effetti clinici degli spray OC, effetti comportamentali, effetti letali, misure di soccorso, sicurezza del personale, criteri dimpiego.
Tabella I. Fonti di articoli e abstract identificati ed esaminati

Composizione e meccanismo dazione Il peperoncino piccante era usato come alimento fin da tempi antichissimi. Dalla testimonianza di reperti archeologici risulta conosciuto in Messico alcuni millenni avanti Cristo. In Europa limpiego alimentare del peperoncino si diffuse in seguito allimportazione dalle Americhe. Ingrediente attivo dello spray al peperoncino lolio di peperoncino (oleoresin capsicum). Esso composto da una miscela di fenoli liposolubili chiamati capsaicinoidi, una classe di sostanze chimiche affini alla capsaicina (3, 4). I capsaicinoidi sono ammidi della vanillammina, con un acido grasso ramificato a media catena (5), presenti nelloleoresina, estratta dei frutti delle piante, in concentrazione variabile. Fra i capsaicinoidi naturali quelli pi comuni sono capsaicina, diidrocapsaicina, omodiidrocapsaicina, nordiidrocapsaicina e omocapsaicina (6). Fra questi capsaicina e diidrocapsaicina sono i pi abbondanti mentre gli altri sono presenti in quota pi ridotta. Lo studio della capsaicina si a lungo basato su osservazioni derivate da studi tossicologici soprattutto nellambito della produzione di peperoncino o di contaminazioni occidentali (7 - 17). Da queste osservazioni si compreso che la capsaicina agisce direttamente sulle fibre nervose periferiche sensitive (e non su quelle motorie), stimolando i recettori vanilloidi (VR1, vanilloid receptor type 1) (18). Questa azione induce il rilascio di tachichinine o neuropeptidi come la sostanza P, la neurokinina A, glutammato e CGRP, inducendo uninfiammazione su base neurogena (19, 20) nei vasi, negli epiteli e sulla muscolatura liscia delle vie aeree (21) con vasodilatazione, aumento della permeabilit vascolare, chemotassi neutrofila, secrezione mucosa e broncocostrizione (14). A differenza di altri agenti chimici per impieghi di polizia come il CN e il CS, che provocano soprattutto effetti irritanti, lOC produce sia irritazione sia infiammazione neurogena. Luso ripetuto di capsaicina determina nellarea colpita una deplezione della sostanza P e per questo meccanismo trova impiego a scopo terapeutico per il trattamento del dolore cronico come la nevralgia post-erpetica o la neuropatia diabetica (22, 23). Confezionamento e merceologia Gli erogatori di OC in commercio nel mondo contengono fra l1 e il 15% di capsaicina. Negli Stati Uniti i modelli dimpiego civile ne contengono circa l1% mentre i modelli per impieghi di polizia hanno una concentrazione maggiore (24). I modelli in commercio in Italia hanno generalmente un contenuto di 10% di capsaicina. Generalmente uno spray OC contiene a soluzione di oleoresin capsicum diluito con solventi (diclorometano, tricloroetilene, isopropanolo, freon, glicole dipropilenico, etanolo, metanolo, o etere etilico) e gas propellenti (N2 o CO2). La potenza di ogni spray OC, essendo le sostanze attive derivate da sostanze naturali con tipologie diverse di peperoncini freschi con variabile potere irritante (25) presenta differenze (3, 26) definite dipendenti da tre parametri: Scoville Heat Unit SHUs (un test soggettivo basato sulla percezione del piccante) percentuale di Oleoresin Capsicum

G Ital Med Lav Erg 2012; 34:2 http://gimle.fsm.it

153

concentrazione di capsaicinoidi (quantit di componente attivo presente allinterno del prodotto in percentuale). La letteratura riporta come i prodotti non siano generalmente sottoposti a misure analitiche della concentrazione degli ingredienti attivi e ci pu contribuire al rilievo di una composizione e unefficacia incostante (27, 28, 29, 25). Limpiego di capsicum ha portato anche allo sviluppo di metodiche analitiche ad hoc per analisi medico legali (30). Lefficacia e il metodo dimpiego dipendono anche dal tipo di erogazione dellOC. Esistono quattro tipi di erogatori di capsicum: nebulizzante (fog), a cono (cone), a getto balistico (balistic stream), a schiuma (foam). Per impieghi di polizia sono utilizzati generalmente i modelli con erogazione a getto balistico, sistema preferito per le sue caratteristiche che lo rendono utilizzabile a diversi metri di distanza, con una certa possibilit di selezione del bersaglio e limitata contaminazione ambientale in luoghi chiusi. Lerogazione a cono nebulizzato meno adatta per un uso difensivo, perch se utilizzato in spazi chiusi contamina lambiente rendendo impossibile la presenza di persone per alcune ore. Allaperto risente molto delle condizioni ambientali ed spesso causa di autocontaminazione per gli utilizzatori. Per ultimo i prodotti nebulizzati, a causa del gas propellente e della base oleosa per mantenere in sospensione il prodotto sono altamente infiammabili e possibile causa di ustioni o di altri incidenti. La disponibilit di spray OC dipende dalle normative dei diversi Stati (31). In Australia, India, Israele, Italia, Lettonia, Polonia, Russia, Slovacchia, Spagna, Sud Africa e molti Stati U.S.A, gli spray OC sono di libero porto per autodifesa. In Canada, Germania vietato per limpiego contro persone ma consentito per autodifesa contro animali. In Finlandia, Svezia, in alcuni stati U.S.A. (come il Massachussetts) il porto autorizzato con licenza. In Belgio, Danimarca, Gran Bretagna Irlanda, Islanda, Norvegia, Olanda e Ungheria sono riservati alle forze di polizia. Effetti clinici Gli effetti dellesposizione allOC sono caratteristici a seconda dei distretti corporei esposti. Gli effetti sugli occhi includono blefarospasmo, lacrimazione abbondante e cecit temporanea, vasodilatazione dei vasi palpebrali che porta allimmediata chiusura degli occhi. A carico della cute OC produce unintensa sensazione di bruciore, vasodilatazione e dolore nelle aree colpite proporzionali alla dose ricevuta, della durata di circa 30 minuti. Si pu verificare riduzione della sensibilit per la durata di alcuni giorni (32). A carico delle vie aeree si verifica una risposta irritativa acuta con sensazione di bruciore alla gola e tosse. Pu verificarsi in taluni caso broncocostrizione e dispnea (14), laringospasmo fino a temporanea paralisi laringea e pi raramente arresto respiratorio (33, 34). Sono state descritte anche reazioni idiosincratiche allo spray OC (35). Gli effetti degli spray OC sono in genere transitori, salvo un certo potere lesivo a carico degli occhi. Abrasioni corneali sono riportate in una percentuale variabile fra il 7% e l8.6% (26, 36, 37, 38) e anche lavori pi recenti descrivono la possibilit di danni corneali (39, 40, 41, 42). Alcune revisioni mostrano come gli effetti di OC sulla

congiuntiva e la cornea siano in genere modesti e temporanei (43). descritto il ruolo dei diluenti e dei solventi pi che di OC rispetto a questi effetti lesivi (44). Effetti comportamentali Come effetto della somministrazione di OC via spray, oltre alla chiusura degli occhi e alle difficolt respiratorie, si verifica una perdita di controllo dellattivit motoria; dopo lesposizione pu verificarsi una risposta motoria con flessione della parte superiore del corpo e tremori. possibile il verificarsi di reazioni di panico e disorientamento. La maggior parte di questi effetti transitoria, con un ritorno allassenza di sintomi circa 30 minuti dopo lesposizione. Come effetto dei sintomi sopra descritti nella maggior parte dei casi il soggetto abbandona la propria condotta aggressiva. Lefficacia descritta in una percentuale elevata, anche se la letteratura scientifica riporta un tasso di fallimento fra il 10 e il 26% (32, 45, 46). La letteratura fornisce elementi non univoci per spiegare i casi di mancata efficacia. Alcuni studi (46, 47, 48, 49) hanno evidenziato una minore sensibilit allOC in persone con condotte aggressive per effetto di droghe, alcool o disturbi mentali mentre uno studio ha mostrato elevata efficacia nei soggetti sotto influenza di droghe e alcool (50). In ogni caso riportato come rispetto agli aggressivi chimici CN e CS utilizzati in alcuni spray per autodifesa che hanno unazione irritante diretta, lOC abbia un effetto infiammatorio e quindi meno influenzato dalleffetto analgesico di droghe e alcool (24). Anche nei casi di minore efficacia descritto come la chiusura degli occhi abbia leffetto di ostacolare le reazioni oppositive della persona colpita. Alcuni studi su animali descrivono unefficacia fra il 100% in una piccola serie di aggressioni da parte di cani (46) mentre studi di ambito zoologico e veterinario riportano unefficacia fra il 90 e il 100% negli orsi (51, 52). Effetti letali Sono stati descritti alcuni casi di morte di soggetti in stato di fermo in seguito allimpiego di OC (53, 54, 55). Su alcune decine di casi investigati solo in uno, che ha avuto particolare risonanza (il decesso di un ventiquattrenne avvenuto in North Carolina) lOC stato identificato come agente causale; la vittima era un soggetto asmatico che aveva ricevuto circa 10-15 spruzzi (1). La causa della morte stata identificata in un grave acuto broncospasmo e lesame autoptico ha evidenziato un marcato danno dellepitelio polmonare. La cause del decesso in stato di fermo di soggetti trattati con capsicum sono state attribuite e asfissia da posizione (per ammanettamento), intossicazione da alcool e/o stupefacenti (cocaine, metamfetamina, fenciclidina), disturbi cardiovascolari o respiratori preesistenti, obesit, sindrome neurolettica maligna e altre cause (56, 48, 57). Sono comunque necessari ulteriori dati circa il ruolo dellOC sulla mortalit in stato di fermo di polizia anche se almeno uno studio (58) non evidenzia differenze significative fra contesti che impiegano OC come dotazione alle forze di polizia e quelli che non lo impiegano. Dalla letteratura sullOC non risultano elementi per sostenere che lOC sia del tutto privo di effetti letali nonostante minore

154

G Ital Med Lav Erg 2012; 34:2 http://gimle.fsm.it

tossicit rispetto ad agenti chimici impiegati allo stesso scopo. Il corpus delle osservazioni riportato dalla letteratura scientifica e in particolare da quella statunitense tuttavia fondato su migliaia di episodi di utilizzo e sullo studio dei decessi in stato di fermo senza uso di spray al capsicum (45). Misure di soccorso In generale la misura di pronto soccorso pi importante per chi stato esposto al capsicum di lasciare larea contaminata e spostarsi in una ben ventilata, per facilitare la dispersione delle particelle contaminanti. Dovrebbero essere rimossi i vestiti e lavati in acqua fredda. La cute dovrebbe essere lavata con acqua corrente e sapone e le ustioni dovrebbero essere trattate secondo le procedure raccomandate per la contaminazione da agenti chimici, con luso di steroidi applicati localmente in caso di dermatiti e eritemi in forma grave. Particolare cura deve essere posta rispetto alla contaminazione oculare; generalmente consigliata lirrigazione con acqua corrente (32). Le lenti a contatto dovebbero essere prontamente rimosse e quelle morbide eliminate. Sono anche descritte procedure di decontaminazione con agenti decontaminanti ad hoc (59, 60) anche se la sperimentazione di diverse tecniche di decontaminazione (soluzione di idrossido di alluminio - idrossido di magnesio, gel di lidocaina 2%, shampoo neutro, latte o acqua) in volontari sani non ha mostrato differenze significative e il principale fattore coinvolto nella scomparsa del dolore sia il tempo trascorso dallesposizione al capsicum (61). Soggetti asmatici e che soffrono di broncopneumopatie ostruttive hanno in generale una maggiore reattivit bronchiale a un numero di sostanze in grado di indurre broncocostrizione, come istamina e metacolina. La capsaicina, agendo sul rilascio di sostanza P, pu indirettamente causare il rilascio di istamina e quindi alcuni pazienti possono trovarsi a rischio di sviluppare una reazione di broncocostrizione a dosi di capsaicina inferiori rispetto ad altri soggetti. Queste persone potrebbero costituire un gruppo a rischio rispetto allimpiego di spray OC. Per questo necessario definire procedure di emergenza in caso di reazioni di impersensibilit allo spray OC. Farmaci steroidi e broncodilatatori dovrebbero essere facilmente disponibili. Pazienti che sviluppano difficolt respiratorie dovrebbero essere visitati da un medico. In alcuni casi pu essere necessaria la somministrazione di beta-2 agonisti o di aminofillina per il trattamento del broncospasmo. La somministrazione di ossigeno pu portare ad una remissione dei sintomi cos come in alcuni casi possono essere necessarie misure rianimatorie (62). Linfiammazione cutanea regredisce spontaneamente. Sicurezza del personale La sicurezza del personale una priorit essenziale. Ogni effetto degli strumenti per autodifesa sulla salute degli operatori, soprattutto se a lungo termine un effetto indesiderato. Osservazioni sperimentali riferiscono il sospetto di mutagenicit e cancerogenicit del capsicum ma non alle dosi a cui prevista unesposizione accidentale (63). In seguito a un favorevole rapporto dellF.B.I. (50) molte agenzie di sicurezza negli U.S.A. hanno adottato spray al capsi-

cum fra la fine degli anno Ottanta e gli anni Novanta. stato descritto come lOC presenti importanti rischi per i dipendenti esposti e non dovrebbe essere utilizzato intenzionalmente sulla cute, gli occhi e le mucose nel corso delladdestramento (64). Sono state identificate varie misure per ridurre la possibilit di ridurre la possibilit di danni fisici gravi e permanenti nel corso delladdestramento: non impiegare lo spruzzo diretto (a meno di impiegare protezioni facciali adeguate), avere a disposizione docce e possibilit di lavaggio degli occhi, eseguire uno screening dei dipendenti da addestrare le cui condizioni di salute possono presentare elementi di rischio, presenza di personale medico durante laddestramento, rispettare i segnali OSHA di pericolo e impiegare equipaggiamento di protezione personale durante ogni addestramento con spray OC (65). Nel bilancio rischi / benefici da considerare leffetto di OC sul numero di incidenti e ferite in azione; stato infatti segnalato come lintroduzione dello spray OC si sia accompagnato ad una riduzione degli incidenti nelle forze di polizia e nei sospetti (66, 67, 68). pi difficile la stima dello stesso effetto nella popolazione civile quando OC usato come unico mezzo di autodifesa e al di fuori di procedure codificate daddestramento e impiego. In Italia non sono disponibili dati statistici sullimpiego di OC nella popolazione civile n nelle forze di polizia. Organizzazioni sindacali e gruppi di lavoro dei Comandi di Polizia Locale che hanno adottato questi strumenti, riferiscono comunque una riduzione del numero di infortuni del personale per aggressioni violente durante il servizio. Criteri dimpiego Limpiego di polizia soggetto generalmente a procedure che prevedono che lagente usi lo spray quando laggressore non obbedisce agli ordini, avvisando, ove possibile prima il soggetto che sar contaminato. Lutilizzo dello spray ha lobiettivo di evitare uno scontro a mani nude per fermare un aggressore, garantendo quindi una superiorit di controllo da parte dellagente ed evitare limpiego delle armi da fuoco per difendersi da unaggressione non armata. Dopo la contaminazione, il soggetto colpito deve essere avvisato della temporaneit degli effetti e deve essere prontamente decontaminato con metodi adeguati. Una situazione particolare limpiego per la difesa da aggressioni durante lesecuzione dei TSO, procedure di competenza della Polizia Locale. In questo caso dopo la contaminazione e la messa in sicurezza della persona, gli agenti di polizia devono provvedere ad effettuare le procedure di decontaminazione e di assistenza alla persona, che vengono loro insegnate durante il corso obbligatorio previsto dalle leggi regionali per lassegnazione di spray OC. Anche in ambiente sanitario descritto limpiego degli spray OC per autodifesa in stato di necessit da azioni violente da parte di pazienti con gravi disturbi del comportamento (69, 70).

Discussione Mancano studi sistematici sullimpiego degli spray OC da parte della popolazione civile dove nei paesi in cui la

G Ital Med Lav Erg 2012; 34:2 http://gimle.fsm.it

155

detenzione e il porto di questi strumenti sono liberi; in molti casi gli spray OC sono acquistati presso negozi della grande distribuzione e per corrispondenza e sono portati con s senza alcun addestramento, salvo la lettura di un foglietto illustrativo di effetti e utilizzo. La ricerca di strumenti di autodifesa non letali deriva dallesigenza di far fronte alle aggressioni a cittadini e ad agenti di polizia con strumenti diversi dalle armi da fuoco. In particolare gli agenti di polizia si possono trovare nella situazione di tutelare se stessi e i cittadini la cui tutela loro affidata, senza far uso di armi da fuoco. Cani poliziotto, manganelli, Taser e spray con aggressivi chimici sono fra le soluzioni impiegate per controllare un aggressore e bloccarne lazione lesiva senza provocargli gravi danni fisici. Vari studi hanno evidenziato una preferenza nellopinione pubblica circa luso dellOC piuttosto che di agenti chimici come il CS (71). Nel complesso la letteratura scientifica sul tema del capsicum per caratterizzata da un basso livello di evidenza (72). I dati provengono per lo pi da studi osservazionali retrospettivi e non sono presenti studi sperimentali, per comprensibili ragioni, ma che limitano il grado di conoscenza del tema. In Italia non sono poi sistematicamente raccolti dati sullimpiego di questi strumenti e manca un osservatorio sulla sicurezza del loro impiego. utile ricordare come sia necessario un addestramento, almeno elementare, per un corretto e sicuro utilizzo. Per effetto dello stress acuto in caso di minaccia si possono infatti verificare difficolt di coordinazione motoria e la brevissima distanza dingaggio pu non permettere un secondo spruzzo se la mira del primo sbagliata. Rilevante la scelta del tipo di modello con caratteristiche di erogazione adatte alle possibili necessit dimpiego. Gli spray OC hanno inoltre una durata limitata nel tempo e devono quindi essere sostituiti periodicamente considerando la data di scadenza. Richiedono una familiarit ed un allenamento almeno elementare per un corretto ed efficace utilizzo. La letteratura segnala anche come la disponibilit di spray OC sia a volte accompagnata ad abusi, in particolare per infliggere dolore a persone arrestate (73) e in ambito carcerario (74) e labuso di OC pu accompagnarsi a sequele psicologiche (75). La situazione italiana attualmente disciplinata dal Regolamento concernente la definizione delle caratteristiche tecniche degli strumenti di autodifesa che nebulizzano un principio attivo naturale a base di Oleoresin Capsicum e che non abbiano attitudine a recare offesa alla persona, in attuazione dellarticolo 3, comma 32, della legge n. 94/2009. Tale decreto del Ministro dellInterno, 12 maggio 2011 n. 103, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 8 luglio 2011, n. 157 ed entrato in vigore il 9 gennaio 2012, ha disciplinata in maniera pi precisa rispetto al passato la detenzione e il porto degli strumento da autodifesa contenenti estratto di peperoncino che a lungo erano stati classificati come armi in base alla legislazione italiana in materia (in particolare la legge 110/1975). In base allattuale Regolamento del Ministero dellInterno tutti gli strumenti di autodifesa in grado di nebulizzare una miscela irritante a base di oleoresin capsicum (olio di peperoncino) e che non hanno attitudine a recare

offesa alle persone, per essere liberamente acquistabili e portabili, devono avere come caratteristiche (previste dallarticolo 1): a) contenere una miscela non superiore a 20 ml; b) contenere una percentuale di oleoresin capsicum disciolto non superiore al 10 per cento, con una concentrazione massima di capsaicina e capsaicinoidi totali pari al 2,5 per cento; c) la miscela erogata dal prodotto non deve contenere sostanze infiammabili, corrosive, tossiche, cancerogene o aggressivi chimici; d) essere sigillati allatto della vendita e muniti di un sistema di sicurezza contro lattivazione accidentale; e) avere una gittata utile non superiore a tre metri. Tutti gli strumenti di autodifesa non conformi a queste caratteristiche tecniche rimangono disciplinati dalla normativa in materia di armi. Larticolo 2 prevede che sui prodotti di cui allarticolo 1 importati o immessi sul territorio nazionale devono essere riportate, in lingua italiana visibile e leggibile, le seguenti indicazioni: a) denominazione legale o merceologica del prodotto; b) divieto di vendita ai minori degli anni 16. La confezione dei prodotti di cui al comma 1 deve riportare: a) nome o ragione sociale o marchio e la sede legale del produttore, ovvero, se prodotti allestero, dellimportatore; b) i materiali impiegati ed i metodi di lavorazione, la quantit di miscela e tutte le sue componenti; c) le istruzioni, le precauzioni duso e lindicazione che luso dei prodotti consentito solo per sottrarsi a una minaccia o a una aggressione che ponga in pericolo la propria incolumit; d) in etichetta, almeno il simbolo di pericolo Xi e lavvertenza irritante. Non trattandosi di armi, questi prodotti possono essere detenuti e portati dai privati cittadini maggiori di 16 anni ed entrare a far parte della dotazione di servizio di polizie locali e guardie particolari giurate, con lesclusivo impiego per autodifesa da eventuali aggressioni. In questo studio non descritto limpiego dellOC come agente antisommossa (riot control) perch al di l degli scopi del lavoro: OC non si dimostra comunque adeguato a questo impiego rispetto agli agenti chimici (24). Di recente si segnala anche in Italia lintroduzione di spray al capsicum anche come sistema antifurto reattivo; mancano tuttavia dati sullefficacia dimpiego e la sicurezza dellerogazione di alte concentrazioni di OC in spazi confinati.

Conclusioni Le radici della violenza sono complesse: pertanto la diffusione di strumenti di autodifesa non letali non pu costituire certamente una soluzione ai problemi di sicurezza avvertiti nelle societ occidentali. necessario tuttavia che gli strumenti impiegati siano efficaci e senza effetti a lungo termine per gli utilizzatori e le persone colpite. Limpiego

156

G Ital Med Lav Erg 2012; 34:2 http://gimle.fsm.it 19) Jancso N, Jancso-Gabor A, Szolcsanyi J. Direct evidence for neurogenic inflammation and its prevention by denervation and by treatment with capsaicin. Br J Pharmacol Chemother. 1967; 31: 138-151. 20) Sanico AM, Atsuta S, Proud D, Togias A. Dose-dependant effects of capsaicin nasal challenge: in vivo evidence of human airway neurogenic inflammation. J Allergy Clin Immunol. 1997; 100: 632-641. 21) Maxwell DL, Fuller RW, Dixon CMS. Ventilatory effects of inhaled capsaicin in man. Eur J Clin Pharmacol 1987; 31: 715-717. 22) Watson CPN, Evans RJ, Watt VR. Post-herpetic neuralgia and topical capsaicin. Pain. 1988; 33: 333-340. 23) Tandan R, Lewis GA, Krusinski PB, et al. Topical capsaicin in painful diabetic neuropathy: controlled study with long-term follow up. Diabetes Care 1992; 15: 8-14. 24) Smith J, Greaves I. The Use of Chemical Incapacitant Sprays: A Review. The Journal of Trauma: Injury, Infection, and Critical Care. 2002; 52(3): 595-600. 25) Reilly CA, Crouc DJ, Yost GS, Fatah AA. Determination of capsaicin, dihydrocapsaicin, and nonivamide in self-defense weapons by liquid chromatography-mass spectrometry and liquid chromatography-tandem mass spectrometry. J Chromatogr A 2001; 912(2): 259-67. 26) Watson WA, Stremel KR, and Westdorp EJ. Oleoresin capsicum (cap-stun) toxicity from aerosol exposures. Ann Pharmacotherapy 1996; 30: 733-735. 27) Pfaff AM, Steiner RR. Development and validation of AccuTOFDART as a screening method for analysis of bank security device and pepper spray components. Forensic Sci Int. 2011; 206(1-3): 62-70. 28) Spicer O Jr, Almirall JR. Extraction of capsaicins in aerosol defense sprays from fabrics. Talanta. 2005; 67(2): 377-82. 29) Reilly CA, Crouch DJ, Yost GS. Quantitative analysis of capsaicinoids in fresh peppers, oleoresin capsicupepper spray products. J Forensic Sci 2001; 46(3): 502-509. 30) Gillis TD, Kubic TA, De Forest PR. An alternative method to screen for pepper spray residue. J Forensic Sci 2003; 48(1): 111-5. 31) Mori E. Le non armi. Airsoft, Paintball, Armi a salve, bombolette antiaggressione. In Atti XXV Convegno Nazionale di Studio sulla Disciplina delle Armi. Brescia, Camera di Commercio, Industria e Artigianato 2009. 32) Lee RJ, Yolton RL, Yolton DP, et al. Personal defense sprays: effects and management of exposure. J Am Optom Assoc 1996; 67: 548-560. 33) Chan TC, Vilke GM, Clausen J, Clark RF, Schmidt P, Snowden T, Neuman T. The effect of oleoresin capsicum pepper spray inhalation on respiratory function. J Forensic Sci 2002 Mar; 47(2): 299-304. 34) Miller JJ, Skolnick J. Inhalation injury after capsaicin exposure. J Ky Med Assoc. 2006; 104(3): 103-5. 35) Macdonald HA. Possible idiosyncratic reaction to OC spray. N Z Med J 1998 28; 111(1072): 327. 36) Brown L, Takeuchi D, Challoner K. Corneal abrasions associated with pepper spray exposure. Am J Emerg Med 2000; 18: 271-272. 37) Zollman TM, Bragg RM, Harrison DA. Clinical effects of oleoresin capsicum (pepper spray) on the human cornea and conjunctiva. Ophthalmology 2000; 107(12): 2186-2189. 38) Epstein RJ, Najmudar PA. Pepper spray in the eye. Ophtalmology 2001; 108(10): 1712-3. 39) Gerber S, Frueh BE, Tappeiner C.Conjunctival Proliferation After a Mild Pepper Spray Injury in a Young Child. Cornea 2011 Jun 2. 40) Das S, Chohan A, Snibson GR, Taylor HR. Capsicum spray injury of the eye. Int Ophthalmol 2005; 26(4-5): 171-3. 41) Hand DG, Chotiner B. Maintenance of visual acuity after exposure to oleoresin capsicum spray following LASIK. J Refract Surg 2002; 18(3): 293-4. 42) Kniestedt C, Fleischhauer J, Strmer J, Thiel MA. Pepper spray injuries of the anterior segment of the eye. Klin Monbl Augenheilkd 2005; 222(3): 267-70. 43) Vesaluoma M, Muller L, Gallar J, et al. Effects of oleoresin capsicum pepper spray on human corneal morphology and sensitivity. Invest Ophthalmol Vis Sci 2000; 41: 2138-2147. 44) Holopainen JM, Moilanen JA, Hack T, Tervo TM. Toxic carrier sprays may cause corneal erosion. Toxixol Appl Pharmacol 2003; 186(3): 155-62.

di OC dovrebbe essere una scelta inserita nei protocolli di autodifesa e dintervento, con una ben chiara valutazione di indicazioni e controindicazioni dellimpiego, che prevedano anche la decontaminazione e il soccorso ai soggetti contaminati, oltre che il monitoraggio di possibili sintomi di effetti collaterali pericolosi. Nella valutazione costi / benefici accanto ad una precisa conoscenza degli effetti lesivi dovrebbe essere considerato anche leffetto della riduzione di lesioni traumatiche a poliziotti, cittadini e criminali legate allimpiego di OC, rispetto ad altri mezzi di difesa letali e non letali (72). auspicabile che anche in Italia i vari aspetti legati al tema della sicurezza possano essere affrontati sulla base di dati obiettivi.

Ringraziamenti
Gli autori ringraziano per la collaborazione il dott. Edoardo Mori, e il perito balistico Luca Soldati.

Bibliografia
1) Steffee CH, Lantz PE, Flannagan LM, Thompson RL, Jason DR. Oleoresin capsicum (pepper) spray and in-custody deaths. Am J Forensic Med Pathol 1995; 16: 185-192. 2) Atkins D, Best D, Briss PA et al. Grading quality of evidence and strenght of reccomandations. BMJ 2004; 32:1490. 3) Haas JS, Whipple RE, Grant PM, Andresen BD, Volpe AM, Pelkey GE. Chemical and elemental comparison of two formulations of oleoresin capsicum. Sci Justice 1997; 37: 15-24. 4) Holtzer P. Capsaicin: cellular targets, mechanisms of action and selectivity for thin sensory neurons. Physiol Rev 1991; 43: 143-201. 5) Govindarajan VS, Sathyanarayana MN. Capsicum-production, technology, chemistry and quality. Part V. Impact on physiology, pharmacology, nutrition, and metabolism, structure, pungency, pain and desensitization, sequences. Food Sci Nutr 1991; 29: 435-474. 6) Cordell GA, Araujo OE. Capsaicin: identification, nomenclature and pharmacotherapy. Ann Pharmacother 1993; 27: 330-336. 7) Fuller RW, Dixon CM, Barnes PJ. Bronchoconstrictor response to inhaled capsaicin in humans. J Appl Physiol 1985; 58: 1080-1084. 8) Urogoda CG. Symptoms among chilli grinders. Br J Indus Med 1967; 24: 162-164. 9) Lankatilake KN, Uragoda CG. Respiratory function in chili grinders. Occup Med 1993; 43:139-42. 10) Blanc P, Liu D, Juarez C, Boushey HA. Cough in hot pepper workers. Chest 1991; 99: 27-32. 11) McDonald DM. Infections intensify neurogenic plasma extravasation in the airway mucosa. Amer Rev Resp Dis 1992; 146: S40-4. 12) Agarwal RC, Bhide SV. Histopathological studies on toxicity of chili (capsaicin) in Syrian golden hamsters. Indian J Exper Biol 1988; 26: 377-382. 13) Monsereenusorn Y, Kongsamut S, Pezalla PD. Capsaicin: a literature survey. CRC Crit Rev Toxicol 1982; 321-339. 14) Fuller RW. Pharmacology of inhaled capsaicin in humans. Respir Med 1991; 85(suppl A): 31-34. 15) Fuller RW. The human pharmacology of capsaicin in humans. Arch Int Pharmadyn 1990; 303: 147-155. 16) Pissari TE, Coleridge JCG, Coleridge HM. Capsaicin-induced bronchial vasodilation in dogs: central and peripheral mechanisms. J Appl Physiol 1993; 74: 259-66. 17) Lundberg JM, Martling CR, Saria A. Substance P and capsaicininduced contraction of human bronchi. Acta Physiol Scand 1983; 119: 49-53. 18) Reilly CA, Taylor JL, Lanza DL, Carr BA, Crouch DJ, Yost GS. Capsaicinoids cause inflammation and epithelial cell death through activation of vanilloid receptors. Toxicol Sci. 2003 May; 73(1): 170-181.

G Ital Med Lav Erg 2012; 34:2 http://gimle.fsm.it 45) Busker RW, van Helden HPM. Toxicologic evaluation of pepper spray as a possible weapon for the Dutch Police Force. Am J Forensic Med Pathol 1998; 19: 309-316. 46) Rosenblatt DN, Needle JA. Pepper spray evaluation project. Results of the introduction of oleoresin capsicum (OC) into the Baltimore County, Police Department. Baltimore, Baltimore County Police Department, 1995. 47) United States Department of Justice. Oleoresin capsicum: pepper spray as a force alternative. Natl Inst Just 1994; 1-6. 48) The American Civil Liberties Union of Southern California. Pepper spray update: more fatalities, more questions. Los Angeles, ACLU 1995. 49) Edwards JM, Granfield J, Onnen J. Evaluation of pepper spray. Natl Inst Just Res Brief 1997; 2:1-8. 50) Weaver W, Jett MB. Oleoresin Capsicum Training and Use. Quantico, Firearms Training Unit FBI Academy 1989. 51) Smith T, Herrero S, Debruyn TD, Wilder JM. Efficacy of bear deterrent spray in Alaska. The Journal of Wildlife Management. 2008; 72(3): 640-645. 52) Temte JL. Grizzly bear and pepper spray: a word of caution. Wilderness Environ Med 1998; 9(4): 262. 53) Granfield J, Onnen J, Petty CS. Pepper spray and in-custody deaths: International Association of Chiefs of Police Executive brief. Sci Technol 1994; 3: 1-8. 54) Christensen RG, Frank DE. Preliminary investigation of oleoresin capsicum. National Institute of Justice Report 100-95, Gaithersburg, National Institute of Standards and Technology 1995. 55) Pollanen MS, Chiasson DA, Cairns JT. Unexpected death related to restraint for excited delirium: a retrospective study of deaths in police custody and in the community. Can Med Assoc J 1998; 158: 1603-1607. 56) Granfield J. Pepper spray evaluation project. International Association of Chiefs of Police 1995; 6: 21. 57) Niemcunowicz-Janica A, Ptaszyn ska-Sarosiek I, Wardaszka Z. Sudden death caused by an oleoresin capsicum spray. Arch Med Sadowej Kryminol 2009; 59(3):252-4. 58) Vayer JS. Safety of oleoresin capsicum in law enforcement operations. Washington, Casuality Care Research Centre 1996. 59) Giardino BA. Pepper spray antidote successful in one emergency department. J Emerg Nurs 1997; 23(2): 96. 60) Suchard JR. Tratment of capsaicin (Mace?) dermatitis. Am J Emerg Med 1999; 17: 210-11. 61) Barry JD, Hennessy R, McManus JG Jr. A randomized controlled trial comparing treatment regimens for acute pain for topical oleo-

157

62)

63)

64)

65) 66) 67)

68)

69) 70) 71)

72)

73)

74) 75) 76)

resin capsaicin (pepper spray) exposure in adult volunteers. Prehosp Emerg Care 2008; 12(4): 432-7. Billmire DF, Vinocur C, Ginda M, Robinson NB, Panitch H, Friss H, Rubenstein D, Wiley JF. Pepper-spray-induced respiratory failure treated with extracorporeal membrane oxygenation. Pediatrics 1996; 98(5): 961-3. AA VV. Final report on the safety assessment of capsicum annuum extract, capsicum annuum fruit extract, capsicum annuum resin, capsicum annuum fruit powder, capsicum frutescens fruit, capsicum frutescens fruit extract, capsicum frutescens resin, and capsaicin. Int J Toxicol 2007; 26: 3-106. Stopford W. Statement concerning pathophysiology of capsaicin ad risks associated with oleoresin capsicum exposure. Durham, N.C. Division of Occupational and Environmental Medicine, Duke University Medical Center 1996. Doubet M. The medical implications of OC sprays. Millstadt, PPCT Management Systems 1997. Morgan JP. Oleoresin capsicum policy considerations. Police Chief 1992; 8: 22-4. Strote J, Verzemnieks E, Walsh M, Hutson HR. Use of force by law enforcement: an evaluation of safetyand injury. J Trauma 2010 Nov; 69(5): 1288-1293. MacDonald JM, Kaminski RJ, Smith MR. The effect of less-lethal weapons on injuries in police use-of-force events. Am J Public Health 2009; 99(12): 2268-2274. George JE, Quattrone MS, Goldstone M. Pepper spray for emergency nurses: a hot topic. J Emerg Nurs 1995; 21(3): 250-251. No authors. Increased use of peper sprays by hospital security reported. Hosp Secur Saf manage 1996; 17(1): 1-2 Recer GM. An evaluation of the relative potential public health concern for the self-defense spray active ingredients oleoresin capsicum, o-chlorobenzylidene malonitrile, and 2-chloroacetophenone. Requl Toxicol Pharmacol 2002; 36(1): 1-11. Broadstock M. What is the safety of pepper spray use by law enforcement or mental health service staff ? NZHTA Tech Brief Series 2002; 1(2). Adang OMJ, Mensink J. Pepper spray: An unreasonable response to suspect verbal resistance. Policing: An International Journal of Police Strategies and Management 2004; 2: 206-219. No author. Prisons. Claim of misused pepper spray on ill inmate survives. AIDS Policy Law 2007; 22(20): 8. Cohen MD. The health effects of pepper spray: a review of the literature and commentary. J Correctional Health Care 1997; 4: 73-89. Smith CG, Stopford W. Health hazards of pepper spray. N C Med J 1999; 60: 268-274.

Richiesta estratti: Carlo Alfredo Clerici, Sezione di Psicologia, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biomediche, Facolt di Medicina, Universit degli Studi di Milano, Via Fratelli Cervi 93, 20090 Segrate (Milano), Italy, E-mail: carlo.clerici@unimi.it