Sei sulla pagina 1di 1

Si tenuto oggi, presso la sede di Confindustria a Roma il quarto incontro per il rinnovo del Contratto nazionale di lavoro in scadenza

a al 31 dicembre 2012; le parti trattanti: Fim e Uilm rappresentate dalle Segreterie Nazionali e dalle delegazioni territoriali e Federmeccanica e Assistal,rappresentate dai Direttori Generali e dalle delegazioni territoriali e dalle principali imprese. Nella prima parte della riunione le parti hanno esposto gli esiti delle trattative tenutesi in forma ristretta la scorsa settimana e discusso le proposte testuali formulate dalla Federmeccanica facendo seguito alla discussione in commissione in materia di tipologie contrattuali e apprendistato. Alcune delle proposte discusse, sono coerenti con le richieste della piattaforma sindacale e ci permettono di fare una prima valutazione positiva. In particolare, per quanto concerne le possibilit di accesso al part time e sul contratto di apprendistato relativamente alla progressione economica e professionale, mentre su altri punti, come la durata massima del contratto a tempo determinato e la possibilit di assumere i lavoratori con contratto di somministrazione acausale, la discussione resta aperta in relazione a controproposte che Fim e Uilm hanno avanzato. Inoltre le OO.SS. hanno avanzato proposte in materia di relazioni sindacali, diritti di informazione e partecipazione, sulle quali Federmeccanica ha manifestato parziali disponibilit con alcune riserve. Nella seconda parte della riunione invece la trattativa entrata nel merito delle tematiche su cui le posizioni tra le parti sono risultate distanti e le criticit pi forti ovvero: salario, orario, esigibilit, indennit di malattia, assenteismo e di altri temi come la formazione e linquadramento. Su ognuno di tali temi Fim e Uilm hanno ribadito con convinzione lapproccio della piattaforma sindacale e la sua coerenza con le regole vigenti, e sollecitato Federmeccanica ad evitare di rendere complicato il negoziato con proprie richieste sostenute solo in parte, da bisogni reali delle imprese, ma contemporaneamente, hanno dato la propria disponibilit ad un confronto costruttivo concreto e attento al merito sulle questioni pi importanti nell obiettivo comune di arrivare ad un accordo. Federmeccanica ha voluto ricordare come il contesto economico generale e quello del settore metalmeccanico in particolare, siano complicatissimi, invitando cos a procedere con pragmatismo nell interesse dei lavoratori e delle imprese per trovare i giusti equilibri. In particolare, Federmeccanica ha esposto il proprio punto di vista sulle quantit economiche della della nostra richiesta salariale che, come noto, non verte soltanto sull aumento dei minimi, ma anche dellelemento perequativo, delle indennit di trasferta e di reperibilit, delle maggiorazioni e della contribuzione al fondo di assistenza sanitaria integrativa metaSalute. Su tali molteplici aspetti abbiamo registrato avvicinamenti e disponibilit solo parziali e quindi, allo stato attuale, ancora non sufficienti. Per proseguire la trattativa sono state programmate due ulteriori riunioni in commissione per i giorni 6 e 7 novembre e una sessione di trattativa in forma plenaria il 13 novembre. Roma, 25 ottobre 2012