Sei sulla pagina 1di 3

Progetto A: Open Source Geospatial Laboratory Versione pilota: data 31-4-2012

Progetto Open Source Geospatial Laboratory


----- Non sempre per capire bisogna essere ------

propriet intellettuale del Progetto: Piergiorgio Roveda aiuto per infrastruttura di rete: Netman-k aiuto per configurazione Rete delle Classi: Epto localit di partenza del progetto: Legnano progetto pilota avviato: a Legnano presso uno spazio dellospedale durata progetto: infinita risorse hardware richieste: computer, ADSL, Aula per corsi risorse umane: basato su risorse volontarie, nella versione pilota target di persone interessate: da 0 a infinito tipologia di persone: cittadini (cyber citizen) organizzatori: Simone Bruschi, Luca Costenaro, Piergiorgio Roveda collaboratori: da definire

********************* Versione pilota Data 31-4-2012

Ultima modifica del documento:06/06/12 pagina 1 di 3

Progetto A: Open Source Geospatial Laboratory Versione pilota: data 31-4-2012

Il seguente documento, vuole illustrare quello che Piergiorgio Roveda, sta cercando di creare sfruttando quello che ogni giorno molti cittadini generano, percorrendo il territorio dove vivono mediante le apparecchiatture che si portano nelle tasche. Con questo progetto, vuole amplificare lanalisi del territorio, dal punto di vista geografico e sociologico, mettendo nelle condizioni, mediante apposite lezioni e attraverso sotto-progetti, i cittadini ad arricchire di informazioni derivanti dal territorio che percorrono, portando cos a creare una banca dati di informazioni, utili in primo luogo agli stessi cittadini e subito dopo alle amministrazioni e agli operatori tecnici del settore, che sono gli esecutori delle trasformazioni sul territorio, che in questo modo sono in grado di effettuare meglio le loro scelte ed essere indirizzati verso la migliore ipotesi, che la comunit si aspetta. Lo stile Open -Source -Data -Government dovr essere lo spirito e la logica di questo progetto madre e tutti i sotto-progetti, partendo da quelli gi attivi sul territorio come Progetto informatica, fino a rientrare nella logica di quelli che col tempo verranno avviati. Premesso questo, sono a spiegarVi in cosa consiste questo progetto: il Progetto Open Source Geopsatial Laboratory, ha l'intento, grazie alla collaborazione di istituzioni, privati, aziende e quanti potranno interessarsi, a creare delle aule informatiche aperte e tecnologicamente predisposte per raccolgiere ed organizzare i date territoriali, ove vi sar la possibilit di poter imparare le tecniche di rilevamento e studiare insieme il nostro territorio. Essendo un progetto madre, gli approfondimenti tecnici vengono rimandati ad ognuno dei sottoprogetti, che a titolo esemplificativo possiamo riferirci alle seguenti tematiche:

arricchire le voci di Wikipedia promuovere laggiornamento delle mappe su OpenStreetsMap imparare ad usare ricevitori GPS, macchine fotografiche e smartphone leggere le mappe analizzare i piani comunali e sovracomunali individuare percorsi ciclopedonali e promuovere il recupero organizzare corsi di orienting e geocaching costituire tavoli tecnici per analizzare le proposte attuative delle amministrazioni

Ultima modifica del documento:06/06/12 pagina 2 di 3

Progetto A: Open Source Geospatial Laboratory Versione pilota: data 31-4-2012

Citt intelligenti? Parliamone!


Grazie ai volontari, in queste aule si diffonderanno sul territorio in modo capillare, non fermandoci alla nostra area geografica, ma spazializando in giro per il nostro Bel Paese, a caccia di forme di organizzazione nuove e scoprire laboratory info/geografici da riprodurre in altre zone. Questi laboratori, nella forma iniziale, esigono risorse economiche pressoch nulle se non, escludendo la risosrsa tempo, di adeguamento dei locali e strutturando delle reti di connessione di base, per lo scambio e la condivisione delle informazioni. Ognuno dei laboratori sar interessato da corsi formativi che puntano alla formazione di tutor che con laumentare delle adesioni, si tende ad innescare un meccanismo di successione/evoluzione per passare a compiti pi complessi in base al merito ottenuto nella formazione stessa. Lidea a livello internazionale tuttaltro che nuova, ma di certo non rappresenta unistituzione e del resto dalla forza volontaria dipendono molti aspetti. Il punto forza per di questo progetto dimora nella professionalit maturata nellesperienza del proponente dellidea e dai collaboratori, ognuno con una professionalit specifica per alimentare questo progetto, che insieme hanno visto la potenzialit enorme di tutto questo. Questo per ora una parte, se credete in quello che stiamo facendo allora siete i ben venuti, e qualsiasi aiuto che riuscirete a darci sar una nuova speranza per costruire una reale forma di conoscenza, perch

Nonsemprepercapirebisognaessere
Per qualunque informazione, Simone Bruschi mobile: +39 3386198494

Grazie, Piergiorgio Roveda

Ultima modifica del documento:06/06/12 pagina 3 di 3