Sei sulla pagina 1di 1

16 URBINO E MONTEFELTRO

GIOVED 6 SETTEMBRE 2012

Aperte le iscrizioni al master in rieducazione funzionale neuromotoria


URBINO

SI SONO aperte le iscrizioni alla sesta edizione del master di I livello in Rieducazione Funzionale e Neuromotoria alla Facolt di Scienze Motorie dellUniversit degli Studi di Urbino. Il Master, che ormai vanta una solida collocazione allinterno

delle Istituzioni formative del settore, comprende una sessione di attivit pratiche di oltre 350 ore, condotte con pazienti, presso indiscussi centri di rieducazione funzionale come la Casa di cura Sol et Salus di Igea Marina, il Fisiology Center di Forli e lOfficina di Fidia di Corrido-

nia. Il settore occupazionale di riferimento quello della riattivazione motoria post-trauma prodotta in strutture sportive e/o sanitarie. LA FIGURA professionale individuata specifica il professor Vincenzo Bianca-

lana, direttore del Master potr operare nelle strutture a indirizzo preventivo e riabilitativo, fermo restando che il patrimonio didattico appreso non permette laccesso a quelle professioni del SSN per le quali richiesta anche labilitazione. Tale profilo professionale non sovrapponibile, cio, con quelli dellarea sanitaria di cui al DD II del 2/4/2001.

LAteneo punta alla cooperazione bielorussa

Il rettore ha ricevuto una delegazione. Pivato: Serve linternazionalizzazione

INCONTRO I bielorussi con il consigliere regionale Enzo Giancarli ed il rettore Stefano Pivato
URBINO

BIELORUSSI in Urbino per incontrare il Rettore dellUniversit Stefano Pivato. Ad accompagnare la delegazione guidata dal professor Andrei Prokhorov della Facolt di Storia dellUniversit di Minsk e dalla dottoressa Ala Maryamova fisiatra dellospedale di Dobrush, il presidente del Circolo Legambiente Azzaruolo di

Jesi Vincenzo Russo, il consigliere regionale Enzo Giancarli, presidente della Commissione ambiente della Regione Marche, Bruna Bernardini presidente del Circolo Legambiente Le Cesane di Urbino e il suo vice Danilo Alessandroni. SI SONO gettate le basi per un proficuo scambio di relazioni fra

lateneo di Urbino e quello di Minsk ha affermato Vincenzo Russo che allarga i rapporti instaurati con la Bielorussia dopo lincidente nucleare di Chernobyl. Laccoglienza nel 1998 di bambini della scuola media di Dobrusch colpiti dalle radiazioni si trasformata nel tempo in relazioni pi estese, riassunte nel Progetto Chernobyl: oltre laccoglien-

za sostenuto dalla Cassa di Risparmio di Jesi. La presenza dellinsegnamento di Lingua e letteratura Russa nel nostro ateneo e di quello di Filologia Italiana a Minsk ha sottolineato il rettore Pivato saranno i futuri punti di contatto, che ci daranno modo di approfondire i rapporti gi avviati con lest europeo e verso linternazionalizzazione. Tiziano Mancini

Potrebbero piacerti anche