Sei sulla pagina 1di 2

Pisa accoglie 24 studenti brasiliani del programma "Scienza senza Frontiere" Mercoled 5 settembre l'Universit di Pisa ha accolto 24 studenti

aderenti al progra mma "Scienza senza Frontiere", che mira a promuovere esperienze di studio e di r icerca all'estero per oltre 75.000 giovani brasiliani. L'Universit di Pisa, insieme ad altri 10 atenei italiani, stata scelta come meta di studio e di ricerca dal governo brasiliano per favorire la formazione e la ri cerca dei propri giovani, finanziando le loro esperienze di studio all'estero. Questo gruppo va ad aggiungersi alla prima rappresentativa, composta dai 37 stud enti arrivati nel mese di agosto. Il gruppo, accolto nella Sala del Cherubino del Palazzo del Rettorato, ha ricevu to un caloroso saluto di benvenuto da parte dei tre rappresentanti dell'Universi t: Marco Guidi, delegato del rettore, Laura Nelli, dell'Ufficio Relazioni Interna zionali e Fabiana Ubinha Almeida, esperta di relazioni pubbliche e incaricata de l compito di seguire fin da prima della partenza ognuno dei ragazzi, aiutandoli nell'espletamento delle pratiche burocratiche necessarie per l'ingresso in Itali a e per l'inserimento nel contesto universitario. Come spiega Laura Nelli, l'Universit di Pisa sta portando avanti un processo di i nternazionalizzazione che sta coinvolgendo tutto il Sudamerica: con l'arrivo de i brasiliani ( e di uno studente cileno) si realizza il primo arrivo massiccio d i studenti dal gigante verde-oro. Un gigante composto da 26 stati, ben rappresentati nella delegazione di Scienza senza Frontiere, con studenti e studentesse provenienti dal Rio Grande do Sul ( e con ascendenze italiane, venete in particolare), da Espirito Santo, San Paolo, Brasilia e dal Par, che porta a Pisa la rappresentativa pi numerosa. Le facolt da cui provengono i ragazzi sono geologia, biotecnologia, veterinaria, chirurgia, farmacia, biologia, ingegneria idraulica e ingegneria forestale. Dopo i saluti iniziali sono state fornite alcune informazioni sul sistema univer sitario pisano, dai corsi di studio alle posizioni occupate nel ranking internaz ionale, senza dimenticare la dimensione a misura d'uomo - e di studente - dell' ateneo, definito come un "Campus grande come una citt". La parte pi interessante dell'incontro si sviluppata a partire dalla presentazion e di alcune slides, per mezzo delle quali Fabiana ha voluto vedere nell'arrivo d egli studenti brasiliani il "ritorno dei conquistati" in quell'Europa che a suo tempo aveva colonizzato le terre d'oltremare. Alla domanda "Che cosa hai portato?" i ragazzi rispondono indicando orgogliosame nte le proprie radici territoriali e nominando ci da cui esse sono rappresentate come i balli, i cibi, le tradizioni, ma soprattutto dimostrando entusiasmo, mot ivazione e impegno per approfittare al massimo dell'opportunit di studiare in una delle universit pi antiche e prestigiose del mondo. La parola d'ordine di Scienza senza Frontiere "Aiutiamo il Brasile a crescere" e sembra proprio che questo sia l'imperativo condiviso da questi giovani brasilia ni, pronti a crescere individualmente, sia dal lato umano che da quello professi onale e pronti anche a dare il proprio contributo per far crescere il loro paese . Da parte nostra non possiamo che fare un grande in bocca al lupo agli studenti della turma brasileira, che passeranno circa un anno in terra pisana e saranno sicuramente graditissimi ospiti delle nostre prossime feste. Come associazione siamo orgogliosi di avere tra i nostri membri proprio Fabiana, che ha accolto con la sua proverbiale energia e simpatia tutto il gruppo e cont inua a seguirlo ogni giorno con la professionalit e l'entusiamo che la contraddis tinguono. Un grande contributo all'accoglienza degli studenti stato offerto anche dalla no stra Deyse che, in qualit di guida turistica professionale, li ha accompagnati al

la scoperta delle bellezze artistiche di Pisa e di Firenze.