Sei sulla pagina 1di 1

AMNESIA La vista tornava lentamente assieme al sapore ferroso del sangue, la luce della Luna entrava dalla finestra

scardinata e illuminava quella che doveva essere una camera da letto. Si era portato una mano alla nuca, dolorante e bagnata di sangue. La testa gli pulsava al ritmo del cuore, trasmettendo il dolore in onde brucianti. Quando il mondo smise di girare si guard attorno, esaminando lo sporco e il caos che lo circondavano. Il pavimento macchiato di sangue, ma non pu essere il mio, non ne ho perso cos tanto. Non mi ricordo niente, ho solo la sensazione di non essere entrato solo qui dentro... accidenti che male. Barcoll fino allingresso dove si intravedevano altre stanze. Entrare nella prima non fu un problema con la porta divelta dai cardini. Quanto sangue, mio Dio! Ci sono tre cadaveri, e i pezzi... Trattenne un conato mentre raccoglieva la gamba di un tavolo da terra. Con unarma in mano si sent pi sicuro. Devo trovare luscita, in fretta. Seconda stanza. Un calcio e la porta cedette di schianto. Anche qui lo spettacolo si ripeteva, un macabro mosaico di resti umani. Sollev lo sguardo e la luce lunare fece il resto. Una creatura alta due metri, massiccia, con il muso di un lupo lo fissava ghignante. Le gambe scattarono a dispetto del terrore mentre ladrenalina scorreva a fiumi. Sulla soglia lo aspettava la macchia viscida di sangue. Nooo! Dopo la botta solo pochi secondi di black out, poi si rialz senza pi traccia di paura o dolore. Ora ricordo. Entr nellultima stanza, quella dove cera lei. Un corpo di donna ancora integro, stringeva tra le mani una statuetta di Diana. Quella puttana mi ha colpito con una statua dargento! Riflessa nello specchio vide limmagine, la sua immagine, che lo fissava imitando un sorriso umano. Adesso sar meglio pulire...