Sei sulla pagina 1di 2

33 giorni per... Vedere Bene Sperimentazione 1. 33 giorni per...

Vedere Bene Parto oggi con una sperimentazione di 33 giorni sul miglioramento della vista. 3 0 giorni a partire da oggi mi dedicher con incessante entusiasmo a questa pratica . Dicono che con 30 giorni si forma una nuova abitudine, bene... voglio esserne sicuro e quindi far 33 giorni di pratica in cui scriver sul blog come sta andando e cosa sto facendo. Mi sembra valido e utile non solo parlare delle migliori tecniche motivazionali e di trasformazione personale, ma anche di metterle in pratica in prima persona, dando l'esempio. Ho messo sul tavolo i miei libri sul miglioramento della vista che ho comprato n egli anni, ho tolto i miei occhiali e ne ho indossati un paio a correzione sotto graduata (un vecchio paio di mio fratello), ho misurato la vista alla tabella di Snellen: 2 decimi senza occhiali. Nella foto allegata vi sono alcuni dei testi che ho acquistato nel corso degli anni e che mi saranno ancora da guida in questo "33 giorni per... Vedere Bene" Cos in questi 33 giorni porter avanti il cambiamento, il miglioramento, usando sia le tecniche proposte da questi autori, sia le tecniche che ho appreso nella mia vita, provenienti dallo studio delle arti marziali, della visualizzazione creat iva, della motivazione. Non resta che augurarmi un bel "In bocca al lupo" -32 di... Vedere Bene Ho iniziato con molta determinazione questo "challenge" sul vedere bene e cos son o al secondo giorno. Ieri non ho praticamente indossato occhiali se non un paio molto sottocorretto p er una mezz'oretta al computer. Sono stato molto tempo fuori alla luce del sole ed ho lavorato su postura e stato d'animo. Durante il giorno ho eseguito rotazioni e movimenti dei muscoli oculari per scio glierli un po'. Anche stamattina appena sveglio ho continuato con il fitness deg li occhi. Ieri sera invece ho fatto un'ora di palming, copertura degli occhi con i palmi d elle mani per togliere tutta la luce, con associata meditazione. Durante tutto i l tempo ho osservato il flusso dei pensieri. Sto inoltre rileggendo il libro "Vedere Bene" che segue le indicazioni del giapp onese Masahiro Oki, creatore della Yoga Dinamico, che affronta un approccio olis tico alla guarigione del sistema mente-corpo. Masahiro Oki nacque l8 novembre 1919 in Corea, da famiglia giapponese. La sua vita fu subito molto difficile, nascendo prematuro, dopo solo sei mesi di gravidanza. Allet di otto anni conobbe il maestro Otthama Bhikkyu, guida spiritua le della rivoluzione birmana, da cui sente per la prima volta parlare dello Yoga , la strada che porta a diventare maestri e allievi di se stessi. Ecco un breve estratto del primo approccio con la miopia di Masahiro Oki, dal li bro Vedere Bene (Ed. Mediterranee) "Mentre frequentavo la quarta elementare i miei occhi cominciarono a darmi qualc he preoccupazione e spesso mi dolevano... Dietro indicazione di parecchi insegna nti fui visitato dal medico che mi diagnostic una miopia e mi prescrisse gli occh iali.... Io sono stato uno dei pochi bambini giapponesi in quella parte della Co rea, e il pi piccolo, a portare gli occhiali... Tutti gli adulti erano convinti c he l'unica soluzione del problema della miopia fosse rappresentata dagli occhial i. Sebbene seguissi con grande scrupolo le raccomandazioni del medico, la mia vi sta invece che migliorare continu a peggiorare"

Nella mia pratica sto tagliando la dipendenza dagli occhiali portandoli solo qua ndo strettamente necessario. Utilizzo in alternativa un paio di lenti sottocorre tte ed un paio di rasterbrille (gli occhiali con i buchi). Misurazione soggettiva alla Tabella di Snellen di oggi: 3-4 decimi (3 al mattino , 4 dopo pranzo) -31 di... Vedere Bene Continua il training visivo con maggiore utilizzo della Tabella di Snellen. Mettendomi in piedi di fronte alla Tabella di Snellen ad una distanza di 6 metri , distendo bene la schiena, lascio scendere le spalle, faccio un bel respiro ed assumo un'espressione vincente con un bel sorriso. Ricreo uno stato d'animo positivo e pieno di entusiamo e poi comincio a leggere le lettere. L'uso della Tabella di Snellen un ottimo metodo di feedback automatico in cui l' apparato visivo (occhio-mente) impara a regolarsi correttamente. Lo stato d'animo, la postura, l'espressione visiva ed anche la respirazione infl uiscono molto sulla percezione visiva, per questo imparare a stare bene ci aiuta anche a vedere bene. Per ora non eseguo tecniche particolari, semplicemente leggo con stato d'animo molto positivo. Non ho pi portato occhiali a correzione piena. Sto senza il pi possibile, oppure uso un paio sottocorretto o i rasterbrilles. La vista appare migliorata con frequenti flash di maggiore chiarezza sulla lunga distanza. La lettura alla Tabella di Snellen oggi riportava variazioni tra 3 e 4 decimi. Continuo anche la pratica della meditazione associata al palming. Dopo aver osse rvato il flusso dei pensieri ora mi dedico a concentrarmi sull'osservazione del colore nero dello schermo visivo. In seguito a questo palming di circa 10 minuti , migliora moltissimo la nitidezza delle immagini.