Sei sulla pagina 1di 4

ASSOCIAZIONE CIVICA PORTA NUOVA – VASTO

www.portanuovavasto.it

COMUNICATO STAMPA 24 Settembre ’05

PUNTA PENNA: UNA QUESTIONE AMBIENTALE. (seguito)

2. L’insediamento industriale.
A Punta Penna è situata, com’è noto, anche una zona industriale. Tra gli altri, sono presenti in essa
alcuni stabilimenti soggetti a una specifica normativa. Questi non saranno qui considerati per se
stessi, ma solo in relazione alle responsabilità derivanti all’autorità pubblica dalla loro presenza
nell’area industriale. Quegli stabilimenti sono:

2.1. Lo stabilimento della “Industrie chimiche Puccioni” S.p.A. Lo stabilimento Puccioni


produce, com’è noto, fertilizzanti per l'agricoltura. Nel suo genere è uno dei maggiori in Italia,
producendo circa il 15% del fabbisogno nazionale con punte, in specifici settori, superiori al 30% 1.
E’ classificato come industria insalubre di I classe2. Queste industrie, dispone l’art. 216 del Testo
Unico delle Leggi Sanitarie3, “debbono essere isolate nelle campagne e tenute lontane dalle
abitazioni”. Precisamente così l’autorizzazione comunale, il lontano 29 Ottobre 1963, descriveva
l’impianto: “una fabbrica [sita] in aperta campagna e lontana dalle abitazioni”. La situazione è da
tempo evidentemente mutata; e da tempo avrebbe dovuto porre al Comune di Vasto (e ai partiti) il
problema della compatibilità dell’impianto con l’insediamento residenziale (le case ATER) che
sorge negli immediati paraggi.
Il problema, naturalmente, non è stato posto. E, di conseguenza, neppure è stata presa in
considerazione la sua soluzione, così come è prospettata dalla legge: “L'attivazione di un'industria,
iscritta nella prima classe, può essere permessa nell'abitato solo se l'interessato ne dimostri
l'innocuità alla salute del vicinato per i nuovi metodi introdotti o le speciali cautele adottate4”. Così
la legge; e così anche una recente sentenza del TAR delle Marche5.
Non risulta che il Comune di Vasto (il diretto interessato), in quarant’anni, abbia mai richiesto una
siffatta dimostrazione; né che abbia mai incaricato altri enti (l’ARTA, o la ASL, ad esempio) di
indagare nel merito6.

1
Fonte: www.puccioni.it.
2
Così l’autorizzazione del Comune di Vasto del 29 Ottobre 1963. Le classi sono solo due. Alla prima appartengono gli
impianti potenzialmente più pericolosi.
3
RD 27.07.1934 n. 1265.
4
DPR 8 Novembre 2001, Regolamento di semplificazione del procedimento di classificazione delle industrie insalubri,
art. 4. La legge ripropone una formulazione già presente nell’art. 216 del TULS.
5
La sentenza si riferisce ad un’azienda nella zona di insediamento della quale, precisamente com’è nel nostro caso, è
intervenuto negli anni un mutamento della destinazione urbanistica. “In considerazione del riferito intervenuto
mutamento della destinazione urbanistica della zona di insediamento […] bisogna convenire che la stessa non è più
isolata nella campagna, con la conseguenza che la sua permanenza in un contesto residenziale-produttivo e, quindi,
abitato, è condizionata comunque all’introduzione di metodi di lavorazione ed a speciali cautele per evitare che il suo
esercizio arrechi nocumento alla salute dei vicini, come previsto dal citato art.216 del R.D. n.1265 del 1934”. E ancora:
“In considerazione dell’attuale destinazione urbanistica della zona e della qualifica di industria insalubre di prima
classe che caratterizza l’impianto in questione, nonché della contestuale presenza nelle vicinanze dello stesso di
numerosi nuclei abitativi, l’iniziativa assunta dall’Autorità comunale di imporre un adeguamento dei sistemi produttivi,
al fine di attenuare gli inconvenienti igienico-sanitari […] nei riguardi degli abitanti delle abitazioni vicine, appare
conforme alla legge, oltre che opportuna”. T.A.R. Marche, Ancona – 3 marzo 2004, n. 104. Si veda anche: Cons. Stato,
Sez. V, 5 febbraio 1985, n. 67.
2.2. Lo stabilimento della Fox Petroli S.p.A.. Lo stabilimento e deposito di oli minerali della Fox
Petroli S.p.A., attivo già dal 1996, è il maggiore in Italia nel suo settore 7. E’ classificato come uno
stabilimento a rischio di incidente rilevante8.
Che cosa sono gli stabilimenti a rischio di incidente rilevante. A seguito del gravissimo incidente
accaduto nel 1976 presso l’impianto Icmesa-Givaudan di Seveso, in Lombardia, la Comunità
Europea ha emanato, nell’arco di poco più di un ventennio, ben tre direttive9 finalizzate alla
prevenzione del rischio industriale. In base ad esse si definiscono “stabilimenti a rischio di
incidente rilevante” quelle industrie o depositi che, sia per tipo e quantitativo di sostanze pericolose
utilizzate, sia per processi produttivi impiegati, potrebbero causare “un evento quale un'emissione,
un incendio o un'esplosione di grande entità”[…]“che dia luogo ad un pericolo grave, immediato
o differito, per la salute umana e/o per l'ambiente, all'interno o all'esterno dello stabilimento, e in
cui intervengano una o più sostanze pericolose10”. In Italia (a Giugno 2005) gli stabilimenti a
rischio sono 1116; di questi 468 sono definiti ad alto rischio11. Lo stabilimento vastese della Fox
Petroli è per l’appunto uno stabilimento classificato ad alto rischio di incidente rilevante.
Il D. Lgs. 334/99. La materia, in Italia, è normata dal D. Lgs. 334 del 17 Agosto 1999 (e successivi
decreti attuativi), che recepisce la direttiva Seveso II12. Esso dispone, a carico della Pubblica
Amministrazione, tre ordini di obblighi principali, che riguardano:
1) Il controllo dell’urbanizzazione. In relazione alla “necessità di mantenere le opportune
distanze tra stabilimenti e zone residenziali13” il D.M. 9 Maggio 2001 (uno dei decreti
attuativi della 334/99) prevede:
a) per il Comune:
- la predisposizione di un elaborato tecnico (detto allegato rischi rilevanti - RIR)
che, come variante generale della pianificazione urbanistica, determini le aree di
danno e individui la vulnerabilità ambientale;
- ove necessario, la modifica degli strumenti urbanistici, in funzione dei requisiti
minimi di sicurezza.
b) per la Provincia:
- l’inclusione nel Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) di una
specifica disciplina in merito.
Nessuna di queste misure risulta essere stata adottata. Delle competenze provinciali nel
merito si è occupata di recente la sezione abruzzese di Legambiente14: “È un obbligo

6
E’ vero che l’azienda si è dotata nel 2002 di un sistema di gestione ambientale conforme alla norma UNI EN ISO
14001 Ed. ’96. Ciò però non pare qui di particolare rilievo, posto che: 1) L'ente di certificazione (BVQI Italia S.P.A) è
un soggetto privato, accreditato da un altro soggetto privato (Sincert); 2) Non è prevista in UNI EN ISO 14001 la
cosiddetta dichiarazione ambientale, ossia il documento che fornisce al pubblico o ad altri soggetti interessati
informazioni sull’impatto e sulle prestazioni ambientali dell’azienda (la quale dichiarazione è invece presente nelle
certificazioni EMAS). Detto in due parole: “Il processo è un miglioramento continuo, però un miglioramento rispetto a
che cosa, se noi non siamo in grado di sapere qual è lo stato attuale della nostra area?”: Maurizio Calabrese,
(Legambiente, Comitato Scientifico Regionale) in: La gestione sostenibile delle aree industriali –strumenti e
prospettive- Atti del Convegno, Atessa, 28 Aprile 2004.
7
Fonte: Agenzia delle Dogane, “Biodiesel: assegnazione del contingente per l’annualità’2003-2004”, Roma, 13
Febbraio 2004. Alla Fox Petroli risulta assegnato un contingente di 110.000 tonnellate/anno.
8
Fonte: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, “Inventario nazionale degli stabilimenti suscettibili di
causare incidenti rilevanti”, Aprile 2005.
9
1982/501/CE (Seveso I); 1996/82/CE (Seveso II); 2003/105/CE (Seveso III).
10
1996/82/CE art. 3, comma 5.
11
In Abruzzo gli stabilimenti a rischio di incidente rilevante sono 22 (7 in provincia di Chieti), dei quali 9 ad alto
rischio (3 in provincia di Chieti, 2 dei quali nel vastese).
12
La Seveso III avrebbe dovuto essere recepita entro il Luglio 2005. Anche in questo caso il governo italiano non ha
rispettato i tempi.
13
D.Lgs. 334/99, art. 14, comma 1.
tassativo15 della Provincia delimitare e pianificare le zone interessate da queste attività a
rischio”. Questo obbligo, prosegue il documento, è stato “ignorato completamente”.
2) L’adozione delle migliori tecniche disponibili. L’art. 14, 6° comma, della 334/99 prevede
che “in caso di stabilimenti esistenti ubicati vicino a zone frequentate dal pubblico, zone
residenziali e zone di particolare interesse naturale” [a Vasto, nei pressi dello stabilimento
Fox, si ritrovano tutt’e tre le tipologie: il porto, le case ATER, la riserva regionale –nonché
sito SIC- di Punta d’Erce] “il gestore deve, altresì, adottare misure tecniche complementari
per contenere i rischi per le persone e per l'ambiente, utilizzando le migliori tecniche
disponibili. A tal fine il Comune invita il gestore di tali stabilimenti a trasmettere, entro tre
mesi, all'autorità competente le misure che intende adottare”. Dal Comune di Vasto non
risulta sia mai partito un siffatto invito.
3) La diffusione delle informazioni alla popolazione. L’art. 22 del decreto 334/99 prevede:
a) per la Regione:
- “La regione provvede affinché il rapporto di sicurezza e lo studio di sicurezza
integrato siano accessibili alla popolazione interessata”.
b) per il Comune:
- “4. Il comune ove è localizzato lo stabilimento soggetto a notifica porta
tempestivamente16 a conoscenza della popolazione le informazioni fornite dal
gestore […] di cui all'allegato V”. [Si tratta della Scheda di informazione sui rischi
di incidente rilevante per i cittadini ed i lavoratori, che il gestore, a norma di legge,
deve aver presentato entro il 13 ottobre 200017].
“5. Le notizie di cui al comma 4 sono pubblicate ad intervalli regolari e […] devono
essere aggiornate dal sindaco”.
“6. Le informazioni sulle misure di sicurezza da adottare e sulle norme di
comportamento da osservare in caso di incidente sono comunque fornite dal comune
alle persone che possono essere coinvolte in caso di incidente rilevante. Tali
informazioni sono riesaminate ogni tre anni e, se del caso, ridiffuse e aggiornate.
Esse devono essere permanentemente a disposizione del pubblico. L'intervallo
massimo di ridiffusione delle informazioni alla popolazione non può, in nessun caso,
essere superiore a cinque anni. ”
Il Comune di Vasto non ha mai portato a conoscenza della popolazione la Scheda di
informazione sui rischi di incidente rilevante. Le notizie in essa contenute non le ha
parimenti mai pubblicate. Le informazioni sulle misure di sicurezza da adottare e sulle
norme di comportamento da osservare in caso di incidente non sono mai state fornite alle
persone che possono essere coinvolte. Infine esse (nonostante l’ammirevole disponibilità
degli uffici tecnici comunali) non risultano reperibili, e pertanto non sono affatto a
disposizione del pubblico.
Forse non tutti sanno che, su un caso analogo (de iure, ovviamente non de facto), è già
intervenuta una sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo. Lo
stabilimento in questione è il tristemente noto Petrolchimico di Manfredonia, uno

14
Maurizio Calabrese e Luzio Nelli (Legambiente), Osservazioni al Piano Territoriale delle Attività Produttive della
Provincia di Chieti, Giugno 2005.
15
Il neretto è nel testo.
16
Neretto nostro.
17
Essa deve contenere almeno: nome e indirizzo della società; responsabile dello stabilimento; indicazioni e recapiti di
amministrazioni, enti, isitituti, uffici o altri enti pubblici, a livello nazionale e locale a cui si è comunicata
l'assoggettabilità alla normativa, o a cui è possibile richiedere inforniazioni in merito; descrizione della/delle attività
svolta/svolte nello stabilimento/deposito; descrizione del territorio circostante (ricettori sensibili - quali: scuole;
ospedali; uffici pubblici; luoghi di ritrovo, ecc.-, altri impianti industriale presenti, ecc.), nel raggio di 5 km; sostanze e
preparati soggetti al DPR 175/88 [sostanze pericolose]; natura dei rischi di incidenti rilevanti; tipo di effetto per la
popolazione e per l'ambiente; misure di prevenzione e sicurezza adottate.
stabilimento ad alto rischio di incidente rilevante. Per “assenza d’informazione della
popolazione sui rischi corsi e sui provvedimenti da adottare in caso di incidente in una
industria chimica” la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo18, il 19 Febbraio 1998, ha
condannato lo Stato italiano, per violazione dell’articolo 8 della Convenzione Europea, al
pagamento di “10.000.000 di lire italiane a ciascuna ricorrente per il danno morale
subito”. “Le ricorrenti [un gruppo di quaranta donne, NdR] sono rimaste” così ha motivato
la Corte, “nell’attesa di informazioni essenziali che avrebbero permesso loro di valutare i
rischi che potevano derivare, su di loro e sui loro congiunti, dal fatto di continuare a
risiedere nel territorio del comune di Manfredonia, un comune esposto al pericolo nel caso
di incidente all’interno dello stabilimento.
La Corte constata, quindi, che lo Stato convenuto è venuto meno al suo obbligo di garantire
il diritto delle ricorrenti al rispetto della propria vita privata e familiare, violando così
l’articolo 8 della Convenzione19”.

2.3. Considerazioni. Certamente non vogliamo paragonare Vasto a Manfredonia; però è bene
ricordare che col rischio industriale non si scherza. Purtroppo, l’impressione che dalla disamina
della situazione locale si ricava è che, al contrario, vi sia stata negli anni –sul piano politico, non su
quello tecnico- una palese, e grave, sottovalutazione del problema. La Seveso II dalle nostre parti
non è ancora arrivata. Auguriamoci solo che le circostanze non costringano i nostri amministratori
ad accorgersene quando sarà ormai troppo tardi.

18
Sentenza del 19 febbraio 1998 sul ricorso n° 14967/89 presentato da Guerra ed Altri contro Italia.
19
Qualcuno forse ricorderà che nello stabilimento era occorso nel Settembre 1976 un gravissimo incidente chimico, per
il quale un processo penale è ancora in corso. A chi volesse saperne di più si consiglia la lettura del libro: “I fantasmi
dell’Enichem”, di Giulio Di Luzio (prefazione di Gianfranco Bettin), Baldini Castoldi Dalai Editore.