Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Profumo di menta
Profumo di menta
Profumo di menta
E-book69 pagine54 minuti

Profumo di menta

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Frammenti preziosi di vita vissuta, una vita sempre assaporata al massimo, anche nei momenti meno facili.
Non è una semplice rievocazione del passato, ma un bilancio che, nell’età della maturità, risulta essere positivo, perché chi ama davvero raramente si pente delle sue scelte. Anche quelle che ad alcuni possono essere sembrate azzardate per lei hanno avuto un profondo significato, perché la sua esistenza di oggi è la somma di quelle decisioni. 
Un impalpabile pulviscolo argentato e un insolito profumo di menta ripercorrono insieme alla protagonista gli anni dell’infanzia, dell’adolescenza e della maturità in un viaggio nell’anima che va oltre il tempo e lo spazio.

Sono nata a Porto Viro (Rovigo), cittadina inserita all’interno del Parco del Delta del Po, nel 1952.
Rodigina d’adozione, sia l’infanzia che l’adolescenza le ho trascorse in vari paesi del Veneto e non, per motivi di lavoro di mio padre.
Il paese che più mi è rimasto nel cuore, e lo si evince da quanto da me raccontato, è il pittoresco paesino di montagna, Laino Intelvi, in cui ho trascorso i momenti più significativi della mia vita.
Diplomata presso la Scuola Magistrale di Rovigo, ho svolto per più di vent’anni l’attività di Educatrice di Asilo Nido.
Ho frequentato, e concluso, nei primi anni 2000, con durata biennale, un corso di giornalismo, a Venezia, organizzato dal quotidiano nazionale “Il Gazzettino”. 
Grazie a questo, ho collaborato, per anni, con il quotidiano locale “La voce di Rovigo”, in cui seguivo una rubrica dedicata alla cultura e alle varie manifestazioni ad essa legate.
Per motivi personali, ho dovuto lasciare, anche se, a volte, e quando ritengo ne valga la pena, invio qualche mio articolo, che viene sempre ben accolto.
LinguaItaliano
Data di uscita31 ott 2022
ISBN9791220134804
Profumo di menta
Leggi anteprima

Categorie correlate

Recensioni su Profumo di menta

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Profumo di menta - Maria Rita Rudian

    cover01.png

    Maria Rita Rudian

    Profumo di menta

    © 2022 Europa Edizioni s.r.l. | Roma

    www.europaedizioni.it - info@europaedizioni.it

    ISBN 979-12-201-3003-5

    I edizione ottobre 2022

    Finito di stampare nel mese di ottobre 2022

    presso Rotomail Italia S.p.A. - Vignate (MI)

    Distributore per le librerie Messaggerie Libri S.p.A.

    Profumo di menta

    Dedicato al mio dolce, tenero, piccolo fratello

    Nuvola azzurra, hai affrontato,

    seppur indifeso, le tempeste,

    della vita; ora le hai vinte!

    Veleggi, nel vento che profuma di celeste,

    attento che nessun temporale,

    possa colpire chi, quaggiù,

    ti ha semplicemente amato!

    Profumo di menta

    Mi sono alzata presto questa mattina, non è una novità, ma sono in vacanza e dovrei dormire un pochino di più.

    Il mio bioritmo è fatto così, adoro il mattino, le aspettative che porta, e che poi si affievoliscono, inevitabilmente, al calar del sole.

    Sono un’ottimista bipolare; appena sveglia vorrei abbracciare il mondo, la sera vorrei solo bearmi dell’infinità del silenzio.

    Mi piace il mattino, scendo dal letto con rinnovato vigore anche se ho fatto le ore piccole, anche se la notte non è stata particolarmente tranquilla.

    Penso al caffè che di lì a poco berrò; caldo e forte, penso all’aroma inconfondibile che invaderà la cucina, e già mi vedo seduta sul vecchio divano, mentre, la calda tazza tra le mani, ascolterò il lieve e delicato cinguettio dei passerotti che immagino appollaiati sui rami della magnolia in giardino, intenti a celebrare il nuovo giorno.

    Non ricordo chi l’abbia detto, ma credo corrisponda al vero il fatto che il canto degli uccelli, il mattino, è discreto e quasi soffice, come se volessero scusarsi per il disturbo che potrebbero arrecare, è un canto tenero e fresco, che si intensificherà con il trascorrere delle ore, e che si esaurirà al tramonto.

    L’essenziale è saper ascoltare, avere orecchie buone, ed uno spirito accogliente e ricettivo.

    Io ascolto, questa mattina in particolar modo; non ho fretta, anzi, e questa disponibilità temporale mi permette di mettere un po’ d’ordine nei miei pensieri.

    Certo, non è che le altre mattine, al mio risveglio, la testa sia completamente vuota; sono un vulcano di idee, di sani e costruttivi propositi, proprio per questa mia predisposizione mattiniera a vedere le cose in una prospettiva rosea e ottimistica che mi pervade all’iniziar del giorno, ma che si affievolisce, proprio come il canto degli uccelli, al calar della sera.

    Questa è una mattina strana, piena di pensieri strani, con desideri languidi che scaldano il mio corpo.

    No, non sono le vampate di calore che, ahimè, ultimamente, mi fanno diventare, e nei momenti più impensabili, rossa come un peperone; è un calore diverso quello che sento, piacevole e veloce.

    Provo un’incredibile voglia di tenerezza, per poter tornare a respirarne la sua prorompente intensità, ho voglia di appoggiare la guancia sulla spalla di un uomo, di un amico, di una donna, di un cane, per potermi abbandonare, finalmente, e dare vita così ai miei pensieri, lontana da paure ed ansie che mi attanagliano da sempre.

    Ho voglia di sentire, di capire che qualcuno si sta occupando di me, potrei così chiudere gli occhi ed aspettare, sfacciatamente distaccata, volutamente lontana, che tutto si compia, e che le azioni, anche le più banali, proseguano imperterrite il loro corso abituale.

    Anche senza di me.

    Cerco un tipo di dolcezza che forse solo io conosco, una voglia di dolcezza che riempia i miei pensieri, condizionando così il mio modo di vivere.

    La dolcezza, come la tenerezza, è qualcosa di impalpabile ed assolutamente innata, non si può inventare, né tanto meno costruire; la porti dentro, vive in te, cresce con te.

    È estremamente devastante aver avuto vicino qualcuno che ha saputo coccolarti, ed averlo perso, tanto tempo fa; ed è assolutamente incomprensibile sentire il mio sangue sciogliersi lentamente, e non avere il coraggio di dimostrare questa mia capacità di amare.

    Che rilassatezza! Mi prendono sensazioni vagamente erotiche, e il tutto mi crea emozioni assolutamente proibitive, quasi ipnotiche, e mi chiedo perché certi pensieri non mi prendano la sera, quando il sonno tarda ad arrivare.

    Ora le mie membra si distendono, sto galleggiando in un mare tranquillo, mi sento dondolare come fossi sopra un’amaca mentre, ad occhi socchiusi, osservo un cielo inspiegabilmente bianco, straordinariamente vicino.

    Penso che gli uomini che ho conosciuto, e che hanno condiviso con me particolari momenti, non abbiano capito queste mie sensazioni, non sono riusciti a esorcizzare le mie paure; volevo solo sentirmi protetta; è finita che sono stata io a

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1