Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Chiesa Criminale: Una scia di sangue in nome di Dio lunga 2000 anni
Chiesa Criminale: Una scia di sangue in nome di Dio lunga 2000 anni
Chiesa Criminale: Una scia di sangue in nome di Dio lunga 2000 anni
E-book264 pagine3 ore

Chiesa Criminale: Una scia di sangue in nome di Dio lunga 2000 anni

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

«La ferocia della Chiesa contro gli eretici si manifestò indiscriminatamente nei confronti di tutti coloro che si permisero di mettere in discussione il suo potere. Questa inizialmente si limitò a interdetti, scomuniche o esili, ma ben presto assunse le fosche tinte dell’eliminazione fisica».

La storia della Chiesa cattolica è costellata di crimini: milioni di esseri umani sono stati massacrati in nome di Dio, sotto la furia distruttrice di un potere che per sopravvivere e prosperare ha fatto ricorso all’imposizione, alla violenza, alle stragi e all’inganno.
Oggi solo i metodi sono cambiati: nessuno tollererebbe ancora roghi e plateali massacri. La Chiesa di Bergoglio, osannata dai più come quella del “cambiamento”, ha inaugurato e continua a portare avanti il pontificato delle banalità, delle parole dirette alla pancia della gente, delle dichiarazioni apparentemente anti-teologiche, della finta ingenuità, del «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi».

In questo libro scoprirai:
  • Ipazia: il primo femminicidio documentato della storia
  • Inquisizione, delitti e massacri in nome di Dio
  • l’immonda piaga della pedofilia
... e molto altro ancora.
LinguaItaliano
EditoreOne Books
Data di uscita11 nov 2022
ISBN9791255281139
Chiesa Criminale: Una scia di sangue in nome di Dio lunga 2000 anni
Leggi anteprima

Leggi altro di Laura Fezia

Correlato a Chiesa Criminale

Ebook correlati

Articoli correlati

Recensioni su Chiesa Criminale

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Chiesa Criminale - Laura Fezia

    Prefazione

    Ci sono dei ricordi che rimangono dentro di noi, indelebili. Uno di questi, che ha tracciato la mia vita personale, è quello del mio vecchio professore di Storia. Un classico topo da biblioteca, neppure tanto comunista. Aveva sì una lunga barba e gli occhialini rotondi alla Gramsci, ma alla fine era solo un mite appassionato lettore che amava leggere di tutto, un burbero e scontroso eremita che passava intere giornate a documentarsi sui fatti più remoti del passato. La sua immagine però la rievoco associandola a un piccolo episodio: durante una lezione si parlava di Chiesa, credo di Patti Lateranensi, e citando alcuni passaggi fondamentali del rapporto tra il Vaticano e il nostro Paese, a un certo punto alzò la testa e disse, con un’ingenuità quasi disarmante: Ma com’è possibile credere a un’istituzione che, appena apro una pagina di un qualsiasi libro, emerge subito una contraddizione?.

    Contraddizione… già! Da un punto di vista sociale e umano, avevo già fatto una riflessione analoga, senza attingere però ai grandi eventi della Storia. La mia famiglia non frequentava molto la parrocchia e i miei genitori si stavano separando. Grandi liti in famiglia. Mentre a catechismo m’impartivano lezioni di altruismo, bontà, generosità, amore per il prossimo eccetera, le stesse persone praticavano nei miei confronti e dei miei genitori il pettegolezzo. Contro mia madre e la sua solitudine, contro la loro situazione complessa. Contro me e mia sorella, che essendo due bambini, come ovvio crescevamo in difficoltà perché sapevamo che papà e mamma non si amavano più. Di quel periodo non ricordo nessuna parola di carità da parte dei vicini, tutti devoti cattolici, nessuna parola di comprensione. Ricordo solo le cattiverie, le meschinità, i subdoli comportamenti che iniziarono proprio a farmi riflettere su che cosa di fatto era per me quella Chiesa, quella religione. Quel sentimento… Pensavo a quale gabbia mentale, e poi negli anni di studi filosofici all’Università, quale trappola di follia che uccide persino l’idea stessa di Dio, come concetto alto, importante nonché antropologico, per quanto il mio ateismo sia riuscito nel tempo a ragionare anche su questa importante questione leopardiana, «A che tante facelle?», ma soprattutto a quante contraddizioni ci sono dietro ogni religione, dietro alla Chiesa, alle istituzioni che la tengono in piedi, potenti su tutto il pianeta.

    E di fatto credo che il nucleo centrale di questo saggio, la parola su cui poggiano le pagine scritte da Laura Fezia che seguono, sia proprio questo: il concetto di contraddizione, quella maledetta contraddizione che pone la storia della Chiesa di fronte alle sue inequivocabili responsabilità su alcune delle vicende più atroci della storia dell’umanità.

    L’autrice, con una precisione quasi chirurgica, sia nelle citazioni che nelle argomentazioni storiche non fa altro che constatare quanto il cristianesimo, dalla sua nascita e poi tradotto nei secoli nelle varie forme dottrinali (cattolici, protestanti, ortodossi, ecc.) ci ha fatto annegare solo in un mare