Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La conoscenza dei perfetti: Ricordando don Ennio Innocenti
La conoscenza dei perfetti: Ricordando don Ennio Innocenti
La conoscenza dei perfetti: Ricordando don Ennio Innocenti
E-book67 pagine58 minuti

La conoscenza dei perfetti: Ricordando don Ennio Innocenti

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Ricordo di aver conosciuto don Ennio Innocenti molti anni fa.
Il suo nome non mi era ignoto, ma non lo aveva mai incontrato. Poi, forse a causa della nostra comune frequentazione della Basilica di san Pietro in Vaticano, capitò che ci incontrammo. Era un prete romano don Ennio, così gli piaceva essere definito. Ricordo che fin da quei primi incontri ebbi una impressione duplice, quella di un uomo molto cortese ma non facile, non con un carattere semplice. L’impressione mi fu confermata quando la nostra conoscenza si approfondì, quando ebbi occasione di frequentarlo anche a casa sua, alla Garbatella, in cui mi sono recato molte volte. Era un tipo sanguigno don Ennio, a volte sapeva essere spiacevole. Era tutto concentrato nelle sue cose, nei suoi progetti, nei suoi studi, e questo gli ha permesso di produrre tantissimo. A volte gli capitava di essere sbrigativo con le persone e questo non mi ha riguardato solo a me, ma l’ho sentito anche da altri che lo hanno frequentato. Ci si litigava, insomma, ma questo non poteva oscurare il rispetto e la considerazione per uno studioso che tanto ha dato alla Chiesa, non sempre venendone ripagato adeguatamente. Ricordo che mi manifestava la sua amarezza per non essere mai riuscito a diventare canonico di san Pietro, ma rimase sempre come beneficiato del Capitolo, malgrado vari tentativi in quel senso. Mi disse che in Segreteria di Stato c’era chi bloccava sempre quella nomina, malgrado lui avesse senz’altro più meriti di tanti che ricevettero quella posizione ecclesiastica. Malgrado questo lui andava avanti sempre con amore per la Chiesa, combattendo le sue battaglie spirituali e culturali, occupandosi di gnosi, del commissario Calabresi, di Mussolini, di Massoneria, di storia della Chiesa…il campo di azione di don Innocenti fu vastissimo, con decine e decine di volumi e articoli pubblicati. Dovremmo parlare di più di questo in seguito, anche perché la sua produzione editoriale fu intrapresa in un modo del tutto singolare, praticamente quasi tutta a suo carico, potendo contare su un certo numero di sottoscrittori che gli inviavano qualche soldo al ricevimento dei suoi nuovi libri che lui puntualmente spediva. Ma negli ultimi tempi il numero dei sottoscrittori si assottigliò fatalmente e mi chiese se io avessi voluto pubblicare, con la mia piccola realtà editoriale, i suoi lavori. Io ero naturalmente d’accordo e la prima cosa che mi inviò fu un testo sui gesuiti. Purtroppo il testo era veramente troppo breve per essere pubblicato e io gli dissi di integrarlo con altro materiale in modo da avere qualcosa di più consistente. Lui accettò, ma nel frattempo venne la malattia che dopo qualche tempo lo condurrà alla morte. Con questo testo, che contiene una conversazione che avemmo anni fa e che non è mai stata pubblicata, voglio omaggiare una persona che altrimenti rischierebbe di rimanere dimenticata, cosa che certamente egli non merita.
LinguaItaliano
EditoreChorabooks
Data di uscita16 giu 2022
ISBN9791222022130
La conoscenza dei perfetti: Ricordando don Ennio Innocenti
Leggi anteprima

Leggi altro di Aurelio Porfiri

Correlato a La conoscenza dei perfetti

Recensioni su La conoscenza dei perfetti

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    La conoscenza dei perfetti - Aurelio Porfiri

    La conoscenza dei perfetti

    Aurelio Porfiri

    Introduzione

    Ricordo di aver conosciuto don Ennio Innocenti molti anni fa.

    Il suo nome non mi era ignoto, ma non lo aveva mai incontrato. Poi, forse a causa della nostra comune frequentazione della Basilica di san Pietro in Vaticano, capitò che ci incontrammo. Era un prete romano don Ennio, così gli piaceva essere definito. Ricordo che fin da quei primi incontri ebbi una impressione duplice, quella di un uomo molto cortese ma non facile, non con un carattere semplice. L’impressione mi fu confermata quando la nostra conoscenza si approfondì, quando ebbi occasione di frequentarlo anche a casa sua, alla Garbatella, in cui mi sono recato molte volte. Era un tipo sanguigno don Ennio, a volte sapeva essere spiacevole. Era tutto concentrato nelle sue cose, nei suoi progetti, nei suoi studi, e questo gli ha permesso di produrre tantissimo. A volte gli capitava di essere sbrigativo con le persone e questo non mi ha riguardato solo a me, ma l’ho sentito anche da altri che lo hanno frequentato. Ci si litigava, insomma, ma questo non poteva oscurare il rispetto e la considerazione per uno studioso che tanto ha dato alla Chiesa, non sempre venendone ripagato adeguatamente. Ricordo che mi manifestava la sua amarezza per non essere mai riuscito a diventare canonico di san Pietro, ma rimase sempre come beneficiato del Capitolo, malgrado vari tentativi in quel senso. Mi disse che in Segreteria di Stato c’era chi bloccava sempre quella nomina, malgrado lui avesse senz’altro più meriti di tanti che ricevettero quella posizione ecclesiastica. Malgrado questo lui andava avanti sempre con amore per la Chiesa, combattendo le sue battaglie spirituali e culturali, occupandosi di gnosi, del commissario Calabresi, di Mussolini, di Massoneria, di storia della Chiesa…il campo di azione di don Innocenti fu vastissimo, con decine e decine di volumi e articoli pubblicati. Dovremmo parlare di più di questo in seguito, anche perché la sua produzione editoriale fu intrapresa in un modo del tutto singolare, praticamente quasi tutta a suo carico, potendo contare su un certo numero di sottoscrittori che gli inviavano qualche soldo al ricevimento dei suoi nuovi libri che lui puntualmente spediva. Ma negli ultimi tempi il numero dei sottoscrittori si assottigliò fatalmente e mi chiese se io avessi voluto pubblicare, con la mia piccola realtà editoriale, i suoi lavori. Io ero naturalmente d’accordo e la prima cosa che mi inviò fu un testo sui gesuiti. Purtroppo il testo era veramente troppo breve per essere pubblicato e io gli dissi di integrarlo con altro materiale in modo da avere qualcosa di più consistente. Lui accettò, ma nel frattempo venne la malattia che dopo qualche tempo lo condurrà alla morte. Con questo testo, che contiene una conversazione che avemmo anni fa e che non è mai stata pubblicata, voglio omaggiare una persona che altrimenti rischierebbe di rimanere dimenticata, cosa che certamente egli non merita.

    Cenni biografici

    Riprendo alcune informazioni pubblicate suo sito donennioinnocenti.it e disponibili nel bel libro di Fausto Belfiori e Carlo Fabrizio Carli Fede e fedeltà, che contiene una intervista con don Ennio Innocenti dove lui racconta il suo percorso biografico ed intellettuale.

    Nato a Pistoia nel 1932, suo padre, militante della Repubblica Sociale, venne ucciso durante la seconda guerra mondiale. Anche lui si impegna da giovanissimo con il fronte fascista. Manifesta una vocazione al sacerdozio e diviene alunno del Capranica, studiando alla Gregoriana dove ottiene titoli accademici in filosofia e teologia. Nel 1957 viene ordinato sacerdote e svolge il suo ministero nelle parrocchie e come insegnante.

    Si dedica ad una intensa attività pubblicistica con commenti spirituali alla radio nella popolare rubrica radiofonica Ascolta si fa sera. Il suo apostolato tocca anche le case matrimoniali e l’educazione della gioventù nel movimento di spiritualità Oasi di padre Virginio Rotondi, in cui avrà tra gli altri allievi Giovanni d’Ercole (Vescovo emerito di Ascoli Piceno) e Luigi Calabresi, commissario di polizia assassinato nel 1972 e a cui ha dedicato alcuni lavori in vista di una sua possibile beatificazione.

    L’opera di don Ennio Innocenti si rivolse anche all’animazione culturale ed editoriale attraverso la sua attività come cappellano della Sacra Fraternitas Aurigarum in Urbis. Ha pubblicato centinaia di volumi sui temi più svariati, di cui ci occuperemo più in giù. È stato anche membro del Capitolo di san Pietro in Vaticano per moltissimi anni.

    Muore il 9 gennaio 2021, dopo un periodo doloroso di infermità. Luigi Copertino, lo ricorda così: Fedele alla Tradizione ma senza cadere negli eccessi di un certo tradizionalismo museificante. Tomista serio sulla scia di padre Cornelio Fabro ma anche mistico alla scuola di don Divo Barsotti, a lui si devono importanti e fondamentali studi sulla gnosi. Una categoria, quest’ultima, all’interno della quale, ed a dispetto di tanta confusione alimentata da certuni che fanno della riflessione tomista un becero razionalismo teologico, Ennio Innocenti ha avuto il merito di enucleare la gnosi pura differenziandola dalla gnosi spuria". La prima finisce per identificarsi con la Rivelazione,

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1