Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Hovertrain: Apre la strada ai futuri treni ad alta velocità
Hovertrain: Apre la strada ai futuri treni ad alta velocità
Hovertrain: Apre la strada ai futuri treni ad alta velocità
E-book421 pagine4 ore

Hovertrain: Apre la strada ai futuri treni ad alta velocità

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Cos'è l'hovertrain


Un hovertrain è un tipo di treno ad alta velocità che sostituisce le tradizionali ruote d'acciaio con le piattaforme di sollevamento dell'hovercraft. Inoltre, il letto ferroviario standard viene sostituito con una superficie asfaltata simile a una strada nota come binario o guida. Lo scopo dell'idea è ridurre la complessità dell'infrastruttura necessaria per installare nuove linee, eliminando contemporaneamente la resistenza al rotolamento e consentendo prestazioni molto elevate. La parola "hovertrain" è più un'espressione generica e i veicoli specifici sono spesso chiamati dai titoli dei progetti in base ai quali sono stati creati. Nel Regno Unito, questi veicoli sono indicati come hovercraft cingolati, mentre negli Stati Uniti sono noti come veicoli cingolati a cuscino d'aria. In Francia, Jean Bertin (1917-1975) è stato il primo a progettare un hovertrain. In Francia, questi treni sono stati commercializzati come Aérotrain fino a quando il governo francese non ha deciso di interrompere il progetto.


Come ne trarrai vantaggio


(I) Approfondimenti, e convalide sui seguenti argomenti:


Capitolo 1: Hovertrain


Capitolo 2: Motore lineare


Capitolo 3: Ferrovia ad alta velocità


Capitolo 4: Hovercraft


Capitolo 5: Transrapid


Capitolo 6: Streamliner


Capitolo 7: Maglev


Capitolo 8: Hovercar


Capitolo 9: Nave ad effetto di superficie


Capitolo 10: Aérotrain


Capitolo 11: Record di velocità ferroviaria


Capitolo 12: Treno ad effetto suolo


Capitolo 13: Sviluppo del TGV


Capitolo 14: Sistema di trasporto di massa URBA


Capitolo 15: Transpo '72


Capitolo 16: Treno turbojet


Capitolo 17: ROMAG


Capitolo 18: Hovercraft cingolato


Capitolo 19: Transurbano Krauss-Maffei


Capitolo 20: Magnetico river


Capitolo 21: Otis Hovair


(II) Rispondere alle principali domande pubbliche sull'hovertrain.


(III) Esame del mondo reale per l'uso dell'hovertrain in molti campi.


(IV) 17 appendici per spiegare, brevemente, 266 tecnologie emergenti in ciascun settore per avere una comprensione completa a 360 gradi delle tecnologie dell'hovertrain.


A chi è rivolto questo libro


Professionisti, studenti universitari e laureati, appassionati, hobbisti e coloro che vogliono andare oltre le conoscenze o le informazioni di base per qualsiasi tipo di hovertrain.

LinguaItaliano
Data di uscita2 nov 2022
Hovertrain: Apre la strada ai futuri treni ad alta velocità
Leggi anteprima

Correlato a Hovertrain

Titoli di questa serie (26)

Visualizza altri

Ebook correlati

Articoli correlati

Recensioni su Hovertrain

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Hovertrain - Fouad Sabry

    Diritto d’autore

    Hovertrain Copyright © 2022 di Fouad Sabry. Tutti i diritti riservati.

    Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo elettronico o meccanico, compresi i sistemi di archiviazione e recupero delle informazioni, senza il permesso scritto dell'autore. L'unica eccezione è quella di un recensore, che può citare brevi estratti in una recensione.

    Copertina disegnata da Fouad Sabry.

    Questo libro è un'opera di finzione. Nomi, personaggi, luoghi e incidenti sono prodotti dell'immaginazione dell'autore o sono usati fittiziamente. Qualsiasi somiglianza con persone reali, vive o morte, eventi o luoghi è del tutto casuale.

    Bonus

    Puoi inviare un'e-mail a 1BKOfficial.Org+Hovertrain@gmail.com con oggetto Hovertrain: Paving the way to the future high speed trains e riceverai un'e-mail che contiene i primi capitoli di questo libro.

    Fouad Sabry

    Visita il sito web di 1BK all'indirizzo

    www.1BKOfficial.org

    Prefazione

    Perché ho scritto questo libro?

    La storia della scrittura di questo libro è iniziata nel 1989, quando ero uno studente della Secondary School of Advanced Students.

    È straordinariamente simile alle scuole STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica), che sono ora disponibili in molti paesi avanzati.

    STEM è un curriculum basato sull'idea di educare gli studenti in quattro discipline specifiche - scienza, tecnologia, ingegneria e matematica - in un approccio interdisciplinare e applicato. Questo termine è tipicamente usato per indirizzare una politica educativa o una scelta di curriculum nelle scuole. Ha implicazioni per lo sviluppo della forza lavoro, le preoccupazioni per la sicurezza nazionale e la politica di immigrazione.

    C'era una lezione settimanale in biblioteca, dove ogni studente è libero di scegliere qualsiasi libro e leggere per 1 ora. L'obiettivo del corso è quello di incoraggiare gli studenti a leggere materie diverse dal curriculum educativo.

    In biblioteca, mentre guardavo i libri sugli scaffali, ho notato libri enormi, per un totale di 5.000 pagine in 5 parti. Il nome del libro è The Encyclopedia of Technology, che descrive tutto ciò che ci circonda, dallozero assoluto ai semiconduttori, quasi ogni tecnologia, a quel tempo, era spiegata con illustrazioni colorate e parole semplici. Ho iniziato a leggere l'enciclopedia e, naturalmente, non sono stato in grado di finirlo nella lezione settimanale di 1 ora.

    Così, ho convinto mio padre a comprare l'enciclopedia. Mio padre ha comprato tutti gli strumenti tecnologici per me all'inizio della mia vita, il primo computer e la prima enciclopedia tecnologica, ed entrambi hanno un grande impatto su di me e sulla mia carriera.

    Ho finito l'intera enciclopedia nelle stesse vacanze estive di quest'anno, e poi ho iniziato a vedere come funziona l'universo e come applicare quella conoscenza ai problemi quotidiani.

    La mia passione per la tecnologia è iniziata più di 30 anni fa e ancora il viaggio continua.

    Questo libro fa parte di The Encyclopedia of Emerging Technologies che è il mio tentativo di dare ai lettori la stessa straordinaria esperienza che ho avuto quando ero al liceo, ma invece delle tecnologie del 20 ° secolo  , sono più interessato alle tecnologie, alle applicazioni e alle soluzioni industriali emergenti del 21° secolo.

    The Encyclopedia of Emerging Technologies sarà composto da 365 libri, ogni libro sarà incentrato su una singola tecnologia emergente. Puoi leggere l'elenco delle tecnologie emergenti e la loro categorizzazione per settore nella parte di Coming Soon, alla fine del libro.

    365 libri per dare ai lettori la possibilità di aumentare le loro conoscenze su una singola tecnologia emergente ogni giorno nel corso di un anno.

    Introduzione

    Come ho scritto questo libro?

    In ogni libro di The Encyclopedia of Emerging Technologies, sto cercando di ottenere intuizioni di ricerca istantanee e grezze, direttamente dalle menti delle persone, cercando di rispondere alle loro domande sulla tecnologia emergente.

    Ci sono 3 miliardi di ricerche su Google ogni giorno e il 20% di queste non è mai stato visto prima. Sono come una linea diretta con i pensieri delle persone.

    A volte è Come faccio a rimuovere l'inceppamento della carta. Altre volte, sono le paure strazianti e i desideri segreti che oserebbero sempre e solo condividere con Google.

    Nella mia ricerca per scoprire una miniera d'oro non sfruttata di idee di contenuto su Hovertrain, uso molti strumenti per ascoltare i dati di completamento automatico dai motori di ricerca come Google, quindi sforna rapidamente ogni frase e domanda utile, le persone chiedono intorno alla parola chiave Hovertrain.

    È una miniera d'oro di intuizioni delle persone, che posso usare per creare contenuti, prodotti e servizi freschi e ultra-utili. Le persone gentili, come te, vogliono davvero.

    Le ricerche di persone sono il set di dati più importante mai raccolto sulla psiche umana. Pertanto, questo libro è un prodotto dal vivo e costantemente aggiornato da sempre più risposte a nuove domande su Hovertrain, poste da persone, proprio come te e me, che si interrogano su questa nuova tecnologia emergente e vorrebbero saperne di più.

    L'approccio per scrivere questo libro è quello di ottenere un livello più profondo di comprensione di come le persone cercano intorno a Hovertrain, rivelando domande e domande che non penserei necessariamente dalla cima della mia testa, e rispondendo a queste domande in parole super facili e digeribili, e di navigare nel libro in modo diretto.

    Quindi, quando si tratta di scrivere questo libro, mi sono assicurato che sia il più ottimizzato e mirato possibile. Lo scopo di questo libro è aiutare le persone a comprendere ulteriormente e far crescere le loro conoscenze su Hovertrain. Sto cercando di rispondere alle domande delle persone il più fedelmente possibile e mostrando molto di più.

    È un modo fantastico e bello per esplorare le domande e i problemi che le persone hanno e rispondere direttamente, e aggiungere intuizione, convalida e creatività al contenuto del libro - anche presentazioni e proposte. Il libro svela aree ricche, meno affollate e talvolta sorprendenti della domanda di ricerca che altrimenti non raggiungerei. Non c'è dubbio che, ci si aspetta che aumenti la conoscenza delle menti dei potenziali lettori, dopo aver letto il libro usando questo approccio.

    Ho applicato un approccio unico per rendere il contenuto di questo libro sempre fresco. Questo approccio dipende dall'ascolto delle menti delle persone, utilizzando gli strumenti di ascolto della ricerca. Questo approccio mi ha aiutato a:

    Incontra i lettori esattamente dove si trovano, in modo da poter creare contenuti pertinenti che colpiscano una corda e guidino una maggiore comprensione dell'argomento.

    Tieni il dito saldamente sul polso, in modo da poter ricevere aggiornamenti quando le persone parlano di questa tecnologia emergente in modi nuovi e monitorare le tendenze nel tempo.

    Scopri tesori nascosti di domande che richiedono risposte sulla tecnologia emergente per scoprire intuizioni inaspettate e nicchie nascoste che aumentano la pertinenza del contenuto e gli danno un vantaggio vincente.

    Gli elementi costitutivi per scrivere questo libro includono quanto segue:

    (1) Ho smesso di perdere tempo in congetture e congetture sul contenuto voluto dai lettori, ho riempito il contenuto del libro con ciò di cui la gente ha bisogno e ho detto addio alle infinite idee di contenuto basate su speculazioni.

    (2) Ho preso decisioni solide, e preso meno rischi, per ottenere posti in prima fila per ciò che le persone vogliono leggere e vogliono sapere - in tempo reale - e utilizzare i dati di ricerca per prendere decisioni audaci, su quali argomenti includere e quali argomenti escludere.

    (3) Ho semplificato la mia produzione di contenuti per identificare le idee di contenuto senza dover passare manualmente al setaccio le opinioni individuali per risparmiare giorni e persino settimane di tempo.

    È meraviglioso aiutare le persone ad aumentare le loro conoscenze in modo semplice semplicemente rispondendo alle loro domande.

    Penso che l'approccio alla scrittura di questo libro sia unico in quanto raccoglie e tiene traccia delle domande importanti poste dai lettori sui motori di ricerca.

    Riconoscimenti

    Scrivere un libro è più difficile di quanto pensassi e più gratificante di quanto avrei mai potuto immaginare. Nulla di tutto ciò sarebbe stato possibile senza il lavoro svolto da prestigiosi ricercatori, e vorrei riconoscere i loro sforzi per aumentare la conoscenza del pubblico su questa tecnologia emergente.

    Dedica

    Per gli illuminati, quelli che vedono le cose in modo diverso e vogliono che il mondo sia migliore - non amano lo status quo o lo stato esistente. Puoi essere troppo in disaccordo con loro, e puoi discutere ancora di più con loro, ma non puoi ignorarli e non puoi sottovalutarli, perché cambiano sempre le cose ... Spingono la razza umana in avanti, e mentre alcuni possono vederli come pazzi o dilettanti, altri vedono geni e innovatori, perché quelli che sono abbastanza illuminati da pensare di poter cambiare il mondo, sono quelli che lo fanno, e conducono le persone all'illuminazione.

    Epigrafe

    Un hovertrain è un tipo di treno ad alta velocità che sostituisce le tradizionali ruote in acciaio con piattaforme di sollevamento hovercraft. Inoltre, il letto ferroviario standard viene sostituito con una superficie stradale pavimentata nota come binario o guida. Lo scopo dell'idea è quello di ridurre la complessità dell'infrastruttura necessaria per installare nuove linee, eliminando contemporaneamente la resistenza al rotolamento e consentendo prestazioni molto elevate. La parola hovertrain è più di una frase generale, e i veicoli specifici sono spesso chiamati dai titoli di progetto con cui sono stati creati. Nel Regno Unito, questi veicoli sono indicati come hovercraft cingolati, mentre negli Stati Uniti sono noti come veicoli cingolati a cuscino d'aria. In Francia, Jean Bertin (1917 1975) fu la prima persona a progettare un hovertrain. In Francia, questi treni sono stati commercializzati come rotrain A  fino a quando il governo francese ha deciso di terminare il progetto.

    Sommario

    Diritto d’autore

    Bonus

    Prefazione

    Introduzione

    Riconoscimenti

    Dedica

    Epigrafe

    Sommario

    Capitolo 1: Hovertrain

    Capitolo 2: Motore lineare

    Capitolo 3: Ferrovia ad alta velocità

    Capitolo 4: Hovercraft

    Capitolo 5: Transrapid

    Capitolo 6: Streamliner

    Capitolo 7: Maglev

    Capitolo 8: Hovercar

    Capitolo 9: Nave ad effetto superficiale

    Capitolo 10: Un rotrain

    Capitolo 11: Record di velocità ferroviaria

    Capitolo 12: Treno ad effetto suolo

    Capitolo 13: Sviluppo del TGV

    Capitolo 14: Sistema di trasporto di massa URBA

    Capitolo 15: Transpo '72

    Capitolo 16: Treno a turbogetto

    Capitolo 17: ROMAG

    Capitolo 18: Hovercraft cingolato

    Capitolo 19: Krauss-Maffei Transurbano

    Capitolo 20: Fiume magnetico

    Capitolo 21: Otis Hovair

    Epilogo

    Informazioni sull'autore

    Prossimamente

    Appendici: Tecnologie emergenti in ogni settore

    Capitolo 1: Hovertrain

    Un hovertrain è una forma di treno ad alta velocità che utilizza piattaforme di sollevamento hovercraft al posto delle tradizionali ruote in acciaio viste su altri treni, e il tradizionale letto ferroviario, che è simile a una strada asfaltata in apparenza, si riferisce al percorso o alla guida.

    L'idea è quella di eliminare completamente la resistenza al rotolamento, che consentirebbe prestazioni estremamente elevate, riducendo allo stesso tempo la complessità dell'infrastruttura necessaria per installare linee aggiuntive.

    La frase hovertrain si riferisce a qualsiasi treno volante, Inoltre, i nomi dei progetti in cui sono stati creati i veicoli sono quelli che vengono più spesso utilizzati quando ci si riferisce a loro.

    Sono conosciuti come hovercraft cingolati nel Regno Unito, sono noti come veicoli cingolati a cuscino d'aria negli Stati Uniti.

    Jean Bertin (1917-1975) della Francia è accreditato con l'invenzione del primo hovertrain, dove sono stati commercializzati come Aérotrain prima di essere abbandonati dal governo francese.

    In un'epoca in cui la ferrovia convenzionale sembrava essere limitata a velocità di circa 230 chilometri all'ora o meno, lo sviluppo del servizio di treni intercity ad alta velocità che utilizzava hovertrain era visto come un approccio ragionevolmente a basso rischio e basso costo per costruire un servizio di treni intercity ad alta velocità. Alla fine degli anni 1960, considerevoli attività di sviluppo erano già in corso negli Stati Uniti d'America, nel Regno Unito e in Francia. Durante questo periodo, British Rail stava conducendo un'analisi completa dei problemi che si verificavano ad alta velocità sui binari tradizionali. Questa ricerca è stata effettuata mentre venivano progettate le nuove rotaie. Ciò ha portato a molti progetti innovativi per i treni ad alta velocità sviluppati nel 1970, il primo dei quali è stato il loro APT molto proprio. In teoria, gli hovertrain avevano costi di infrastruttura inferiori rispetto all'APT e ad altri treni di progettazione comparabile, come il TGV; Ma, in realtà, richiedevano linee ferroviarie completamente nuove, che annullavano questo vantaggio. I treni a ruote convenzionali possono viaggiare a una velocità modesta sulle linee ferroviarie esistenti, il che ridurrebbe drasticamente la quantità di denaro speso per migliorare il capitale nelle aree metropolitane. La metà degli anni 1970 ha visto l'inizio del declino dell'interesse per gli hovertrain, che ha portato alla cessazione dello sviluppo sostanziale.

    C'era molto interesse per il concetto di reti di trasporto rapido personale alla fine degli anni 1960 e all'inizio degli anni 1970, che ha portato allo sviluppo di hovertrain in grado di operare su tali sistemi. In questa posizione, la sua capacità di galleggiare su piccoli difetti e detriti sulle rotaie è stato un vantaggio pratico. Tuttavia, ha gareggiato con l'idea del maglev, che aveva gli stessi vantaggi, quindi ha affrontato una forte concorrenza. Solo la tecnologia Otis Hovair è mai stata utilizzata commercialmente dai produttori di hovertrain. A seguito di una sentenza antitrust, General Motors è stata costretta a vendere il progetto per il sistema di transito a guida automatizzata che aveva inizialmente creato internamente. Otis Elevator ha successivamente sostituito il motore lineare con un tiracavo e ha offerto il design risultante per installazioni di people mover in tutto il mondo. Alla fine, il progetto si è fatto strada verso Otis Elevator, che alla fine è diventato parte di Otis Elevator.

    Ci si rese presto conto che la levigatezza della superficie su cui si muoveva un hovercraft aveva un impatto diretto sulla quantità di energia necessaria per mantenere l'hovercraft in alto. Questo non è stato una sorpresa; L'aria che viene intrappolata sotto la gonna dell'hovercraft rimarrà lì ad eccezione dell'area in cui fuoriesce intorno alla parte inferiore della gonna dove entra in contatto con il suolo. Se l'interfaccia tra l'hovercraft e il terreno è liscia, la quantità di aria che fuoriesce sarà minima. Ciò che è stato sorprendente è stato il fatto che la quantità di energia che può essere persa attraverso questo processo potrebbe essere inferiore a quella persa dalle auto con ruote in acciaio, almeno quando si viaggia ad alta velocità.

    Quando viaggiano ad alta velocità, i treni sono soggetti a una sorta di instabilità nota come oscillazione di caccia. Ciò fa sì che le flange che si trovano sui lati delle ruote si scontrino con i lati delle rotaie, dando l'impressione che il treno stia percorrendo una curva stretta. A velocità di oltre 230 chilometri all'ora (140 miglia all'ora), la frequenza di queste collisioni è cresciuta al punto da formare un tipo importante di resistenza. Ciò ha comportato un aumento significativo della resistenza al rotolamento e ha avuto il potenziale di causare un deragliamento. Per questo motivo, era possibile per un hovercraft avere una maggiore efficienza del carburante rispetto a un veicolo a ruote dello stesso peso mentre viaggiava a velocità superiori a una certa soglia.

    Meglio ancora, tutti i vantaggi associati agli hovercraft sarebbero ancora presenti in un veicolo del genere.

    La qualità di guida non sarebbe influenzata in alcun modo da eventuali difetti minori della superficie, al fine di rendere il sistema di sospensioni più semplice e quindi minimizzarne la complessità.

    Inoltre, a causa del fatto che il peso è distribuito uniformemente sulle superfici delle pastiglie di sollevamento, spesso l'intera parte inferiore della vettura, la pressione sulla superficie di corsa è notevolmente ridotta - circa 1⁄10.000 la pressione di una ruota del treno, circa ¹/20 della pressione di uno pneumatico su una strada.

    Gli hovertrain potrebbero essere supportati su superfici paragonabili alle strade leggere esistenti piuttosto che sui binari ferroviari significativamente più complessi e costosi richiesti per i treni convenzionali. Queste due proprietà significavano che la superficie di scorrimento poteva essere notevolmente più semplice della superficie necessaria per sostenere lo stesso veicolo su ruote. Ciò potrebbe comportare una significativa riduzione delle spese in conto capitale per le infrastrutture associate alla costruzione di nuove linee e fornire un percorso verso l'adozione diffusa di treni ad alta velocità.

    Uno dei primi concetti per un hovertrain precede l'hovercraft di diversi decenni. Nei primi anni 1930, Andrew Kucher, un ingegnere che lavorava per Ford, ebbe l'idea di utilizzare l'aria compressa per fornire sollevamento come forma di lubrificazione. Questo concetto di hovertrain è stata una delle prime idee per un hovertrain. Ciò ha portato alla concezione del Levapad, che consisteva nell'espulsione di aria pressurizzata da minuscoli dischi metallici formati in modo molto simile a una valvola a otturatore. Per funzionare correttamente, il Levapad doveva essere utilizzato su superfici estremamente piane, come piastre metalliche o, come inizialmente previsto, il cemento molto liscio di un pavimento di produzione. Alla fine, Kucher è stato promosso alla posizione di Vice Presidente responsabile del Ford Scientific Laboratory. Ha mantenuto la sua attenzione sull'idea di Levapad per tutto il suo mandato. Tuttavia, nessuno di loro poteva avvicinarsi all'efficienza di una ruota alimentata da un motore elettrico.

    Prima degli sforzi di Eric Laithwaite, i motori a induzione lineare (LIM) si trovavano solo nei sistemi giocattolo. Nello stesso periodo, Eric Laithwaite stava lavorando alla costruzione dei primi motori lineari a induzione (LIM). Un LIM può essere costruito in diversi modi; Tuttavia, nella sua configurazione più semplice, è costituito da una parte del veicolo che è attiva, che è analoga agli avvolgimenti su un motore convenzionale, e una piastra metallica che viene posizionata sui binari e funziona come statore. Quando agli avvolgimenti viene data una corrente elettrica, il campo magnetico che generano innesca l'induzione del campo opposto nella piastra. Come risultato dell'isteresi, c'è un ritardo momentaneo tra il campo e il campo indotto. Dopo una serie di dimostrazioni convincenti, riuscì a convincere la British Rail (BR) a finanziare alcuni lavori sperimentali che prevedevano l'uso di un LIM per alimentare un treno che correva su binari e faceva uso di minuscole piattaforme di sollevamento paragonabili al sistema Levipad per le sospensioni.

    Un problema significativo con l'uso dell'energia è emerso durante tutto il processo di sviluppo dei diversi sistemi di hovertrain. La portanza è creata negli hovercraft non dalla quantità di moto d'aria che scorre su un profilo alare come nel caso degli aerei tradizionali, ma piuttosto dall'applicazione della pressione. La pressione dell'aria necessaria è determinata dal peso del veicolo oltre alle dimensioni della piattaforma di sollevamento; Questa è effettivamente una misura della densità totale del veicolo. Un veicolo che non si muove può solo perdere quest'aria a causa di perdite intorno alle pastiglie, che possono essere molto basse a seconda della pressione relativa tra la piattaforma e l'atmosfera esterna. Questa perdita può essere ulteriormente ridotta con l'introduzione di una gonna per chiudere il più possibile lo spazio tra il pad e la superficie di corsa.

    Tuttavia, quando l'auto inizia a muoversi, un altro processo di perdita entra in marcia. Ciò è dovuto all'attrito che si verifica a livello della superficie tra l'aria dell'ascensore e il terreno sottostante. Una parte dell'aria di sollevamento si attacca alla superficie di scorrimento e viene estratta da sotto il pad mentre viaggia di conseguenza. La quantità di aria che viene persa a seguito di questo processo dipende dalla velocità del veicolo, dalla rugosità superficiale e dalla superficie totale delle piattaforme di sollevamento. Per compensare queste cadute di pressione, l'aria compressa fornita dalle pompe dell'aria del veicolo deve essere aumentata. Poiché il peso del veicolo e l'area della piattaforma di sollevamento non sono variabili, la quantità di aria che le pompe devono assorbire per funzionare correttamente cresce proporzionalmente alla velocità del veicolo per qualsiasi progetto.

    Il problema non è con l'auto in sé, ma piuttosto con il fatto che l'aria è a riposo rispetto al resto del globo. Prima che possa essere utilizzato dalle pompe pneumatiche del veicolo, la velocità alla quale sta viaggiando deve essere aumentata. Effetti simili sono causati praticamente da tutti i veicoli ad alta velocità; Per questo motivo, gli aerei ad alta velocità, come gli aerei da combattimento, hanno prese d'aria che sono enormi e complicate per portare l'aria a una velocità che i loro motori a reazione possono consumare. Quando si tratta della progettazione di un hovertrain, le perdite d'aria alle pastiglie aumentano con la velocità, il che significa che una quantità crescente di aria deve essere consumata e accelerata per compensare la perdita. Rispetto al veicolo in movimento, la quantità crescente di aria si muove a una velocità che sta gradualmente diminuendo. Di conseguenza, c'è un aumento non lineare della quantità di potenza che viene persa nell'aria di sollevamento. Valori simili sono stati raggiunti dal francese I80 HV (80 posti) ad una velocità di 431 chilometri all'ora (268 miglia all'ora).

    Durante il periodo attivo degli hovertrain, è stata presa in considerazione la possibilità di impiegare magneti per far levitare un treno. All'inizio, si credeva che ciò non sarebbe stato possibile nel mondo reale; Se il sistema utilizzasse elettromagneti, i sistemi di controllo che garantirebbero un sollevamento uniforme attraverso il veicolo sarebbero proibitivi; E all'epoca, non c'erano magneti permanenti adeguatamente potenti che sarebbero stati in grado di sollevare un treno.

    A causa dei progressi nell'elettronica e nei sistemi di controllo elettrico che li accompagnavano, divenne sempre più facile costruire una traccia attiva impiegando elettromagneti. Alla fine del 1960, c'era stata una rinascita di interesse per l'idea del maglev e diversi progetti di ricerca erano iniziati sia in Germania che in Giappone. Durante lo stesso periodo, Laithwaite ideò un nuovo tipo di LIM che poteva essere costruito su un binario passivo, simile a come sono i LIM tradizionali, e che forniva sia forza di sollevamento che di avanzamento. In entrambi gli scenari, gli unici magneti che dovrebbero essere attivati sarebbero quelli nell'area locale intorno al treno, che sembra avere un fabbisogno energetico complessivo molto inferiore rispetto all'hovertrain.

    A grandi linee, il maglev ha essenzialmente eliminato i cuscinetti al passaggio del mouse e li ha sostituiti con elettromagneti. Il peso del veicolo è stato ridotto di circa il 15% rimuovendo i motori e le ventole e sostituendo i pad con magneti. A causa di questa modifica, la percentuale di carico utile precedentemente molto modesta dell'hovercraft è stata significativamente aumentata, raddoppiando così la sua capacità in teoria.

    In tempi più recenti, un'iniziativa giapponese nota come Aero-Train è stata sviluppata al punto che sono stati costruiti più prototipi e una pista di prova. L'idea fondamentale è identica a quella dell'hovertrain tradizionale; Tuttavia, al posto del sistema di hovercraft attivo costituito da pompe e piattaforme di sollevamento, vengono utilizzate le ali. Ciò consente una creazione più efficace di portanza attraverso l'effetto ala-in-terra.

    Lo sforzo franco-brasiliano Fultrace (abbreviazione di Fast ULtralight TRacked Air-Cushioned Equipment) è stato avviato nel 2007 e da allora ha fornito disegni di schizzi per una linea interurbana ad alta velocità (200-350 km / h). Una dimostrazione della tecnologia è stata mostrata durante la conferenza Maglev che si è svolta a Rio nel 2014, ed è stata anche mostrata a funzionari governativi del Brasile e dell'Africa nel 2015.

    Non dovrebbe sorprendere che l'azienda di Christopher Cockerell, fondata a Hythe, nell'Hampshire, con il nome di Hovercraft Development Ltd., sia stata responsabile dei primi casi di seri concetti di hovertrain. I loro ingegneri iniziarono a sperimentare l'idea di un hovertrain già

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1