Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La Repubblica di Torriglia: Partigiano Marzo
La Repubblica di Torriglia: Partigiano Marzo
La Repubblica di Torriglia: Partigiano Marzo
E-book156 pagine1 ora

La Repubblica di Torriglia: Partigiano Marzo

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

La Repubblica di Torriglia è forse il testo più rappresentativo sulla Resistenza in Liguria. L’autore, attraverso il tratteggio degli umili ma forti protagonisti, racconta la storia della “zona libera” che le forze partigiane riuscirono a creare progressivamente, dopo la formazione delle prime bande nel settembre del 1943, fino a coinvolgere una vasta area compresa tra i fiumi Trebbia e Aveto che, partendo dal Passo della Scoffera, giungeva fino alle vicinanze di Bobbio, comprendendo importanti località fra cui, appunto, Torriglia. Il sogno della Repubblica, con i partigiani a gestirne, t ramite un comando unificato, l’amministrazione, la giustizia, il fisco, le scuole... finì nell’inverno del 1944, sotto i colpi dei rastrellamenti da parte di preponderanti forze nazifasciste.
LinguaItaliano
Data di uscita11 ott 2013
ISBN9788875639198
La Repubblica di Torriglia: Partigiano Marzo
Leggi anteprima

Correlato a La Repubblica di Torriglia

Ebook correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Recensioni su La Repubblica di Torriglia

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    La Repubblica di Torriglia - G. B. Canepa

    NOTA DELL’EDITORE

    I ricordi di Maria Vitiello riportati in appendice, già pubblicati su quotidiani e in un precedente volume (Bonacasa, Sensoni, Vite di compagni, Ediesse, Roma 1998), sono stati raccontati, nel corso di una intervista redazionale, dalla figlia Enrica – che con la sorella Maria Grazia ha autorizzato la pubblicazione di questo libro – e da Giotto (Giordano Bruschi).

    Presentazione

    Quando mi è stato chiesto dagli editori Fratelli Frilli quale fosse il libro ligure più rappresentativo della Resistenza da ripubblicare in occasione del 64° anniversario della Liberazione, non ho avuto esitazioni.

    La Repubblica di Torriglia di Marzo, nome di battaglia di Giovanni Battista Canepa, non è un saggio di storia, neppure un’autobiografia.

    Nei racconti degli umili e forti protagonisti della vicenda partigiana, Marzo delinea la ricchezza di singole storie umane che diventano epopea popolare.

    Marzo era stato giornalista nella redazione de Il Lavoro, era divenuto scrittore in Francia e in Spagna; dopo il 1945 si inventò grande cronista sportivo de l’Unità al seguito del Giro ciclistico d’Italia. Fondò un giornale di battaglia culturale a Milazzo.

    Però amava soprattutto La Repubblica di Torriglia, quel libro di racconti che, nella struttura e nella descrizione delle emozioni, anticipa i capolavori di scrittori come Luis Sepùlveda.

    È utile aggiungere al testo di Marzo la testimonianza di Maria Vitiello, per 63 anni la compagna di vita di Giovanni Battista Canepa, che racconta in modo spontaneo i sogni, le sofferenze, le speranze, le amarezze di una esistenza dedicata ai grandi valori ideali, espressi mirabilmente nell’ode epigrafe dettata dal comandante partigiano Gregori (Giorgio Gibelli)

    Giotto

    (Giordano Bruschi)

    Prefazione

    Due lettere di presentazione del libro: la prima di un operaio genovese, Badoglìn, che, ancora adolescente, venne sui monti a fare il partigiano; l’altra di Maurizio che diresse il Comitato di Liberazione Nazionale.

    Caro Marzo,

    Ancora non ho capito perché hai chiesto proprio a me di presentare il tuo libro: sai bene che sono un operaio, e che in officina non s’impara a scrivere delle prefazioni ai libri. Ma mi son detto che non è la prima volta che mi fai fare delle cose che non sapevo se sarei riuscito a fare, e ho finito bene o male col farle. Nell’ottobre del ‘43 avevo 15 anni, facevo il «garzonetto» in un’officina e di politica sapevo soltanto che i fascisti, se non si era d’accordo con loro, menavano brutto.

    Un giorno mio fratello maggiore, che da tempo era disoccupato, capitò a casa in camicia nera, e disse che quella camicia serviva per trovare lavoro. Fu allora che scappai: ancora non so se per protesta o per spirito di avventura. So solo che a Cichero ti trovai: e con te c’erano Bisagno, Bini, Dente, Moro e Croce... Insomma, trovai i partigiani. In Val Borbera poi, da Moro e da Croce, imparai cosa significava fare il partigiano, e cioè: la disciplina, la fratellanza, la solidarietà... Non solo, ma che rigore morale significava comportarsi in ogni occasione da vero uomo e dire sempre la verità, quale essa fosse; e la disciplina era che per chi sghindava c’era il palo (e per me ch’ero ancora ragazzo, gli scappellotti).

    E la fratellanza era perché il russo Mikajo, Totò l’albanese, il francese Didon e il tedesco Walter combattevano al nostro fianco, e che tutti: italiani, francesi, tedeschi, albanesi e russi, ci si voleva bene.

    E quando il comandante Croce sotto il fuoco della mitraglia tedesca tornò indietro a cercarmi perché non riuscivo a camminare e finì col portarmi al sicuro (ricordi? Fu a Loco, dove morirono il povero Pantera e Sardegna); eppoi la Maria mi curò come una mamma: ebbene, tutto ciò era solidarietà.

    L’ho ben capito e in questo modo son diventato partigiano: il partigiano Badoglìn.

    Mio caro Marzo, permetti che ti chiami come ti chiamavano a quei tempi, le cose che hai scritto le abbiamo vissute tutte, e tutti abbiamo conosciuto Battista, Virgola, Cucciolo, Berto e gli altri: hai fatto bene a ricordarli così come li abbiamo conosciuti; e a ricordarli anche per quelli che non li hanno conosciuti oppure li hanno dimenticati.

    Sono passati tanti anni e le cose sono cambiate: purtroppo l’Italia non è ancora quella Patria che ci avevate insegnato ad amare; e anche la fratellanza non è più quella, e così la solidarietà... Noi però abbiamo combattuto per quella Patria e siamo soddisfatti lo stesso; anche se ora siamo costretti a bussare alle porte in cerca di lavoro, di solidarietà e di fratellanza.

    Vuol dire che abbiamo combattuto sì, ma non abbastanza...

    Tuo Badoglìn

    (Gino Bonicelli)

    Caro Marzo,

    La presentazione che hai chiesto al partigiano Badoglìn, è assai più che una simpatica trovata: essa completa il tuo libro. Lo commenta con una nota umana assai più efficace di qualunque prefazione ufficiale che avrebbe potuto scriverti il Parri o un altro personaggio della Resistenza.

    Quello che tu racconti è la vita vera, quotidiana sui monti, senza truccature, e la nostra storia ha tutto da guadagnare ad essere conosciuta nella sua realtà e nella sua umanità, con la sua luce ed il suo grigio. E la luce e il riflesso non solo degli eroi, ma anche, e forse ancor più, di quel tanto di eroico che quella vita era riuscita a insegnare ai partigianelli più modesti, ai ragazzi come Badoglìn.

    Il quale, quello che sui banchi della scuola non aveva imparato, lo ha imparato da questa scuola di vita: che cosa siano i valori morali come disciplina, fratellanza, solidarietà, sacrificio per un’idea.

    Anche la Patria infine è diventata per lui una realtà viva, e nelle sue modeste parole trovi dunque la Resistenza come educazione ai valori morali con più forza persuasiva – credilo – che nei discorsi che fanno i professori.

    Forse sarebbe più a posto se invece di aprire, chiudessero il tuo libro.

    Anche con quella nota finale, delusa e dolorosa.

    In altri tempi a rendere popolare l’impresa dei Mille hanno giovato più le Noterelle di G.C. Abba che le storie ufficiali.

    Maurizio

    (Ferruccio Parri)

    CAPITOLO PRIMO

    Verso la metà di settembre del ‘43, un sardo di cui non mi sovviene il nome, e tre giovani siciliani, Severino, Rizzo e Giuseppe, abbandonate le caserme di Caperana, un sobborgo di Chiavari, risalirono la vallata del Malvaro fino a Favale. Qualcuno del Comitato che s’era costituito nella cittadina rivierasca subito dopo l’armistizio, gli aveva fatto indossare degli abiti civili e li aveva indirizzati lassù, dove avrebbero trovato i partigiani; dando loro anche una parola d’ordine, ma raccomandando di usarla con la massima discrezione e prudenza.

    Quei poveri ragazzi, arrivati che furono a Favale – e le scarpe slabbrate e scalcagnate, e l’abito stesso striminzito facevano pensare che fossero degli zingari – cominciarono a chiedere a questo e a quello in cui s’imbattevano, dov’era il comando dei partigiani e, poiché tutti diffidavano, finirono con lo spifferare la parola d’ordine: «sutta a chi tucca» che da quel momento in poi, come una bandiera, spronerà all’azione le nostre formazioni dell’entroterra genovese, diventando il motto delle Divisioni «Cichero».

    C’era una baita appollaiata su un costone folto di castagni, in località Rocca di Merlo, dov’erano rifugiati una dozzina di renitenti alla chiamata alle armi e qualche inglese scampato dal vicino campo di prigionieri, a Calvari. I contadini dei dintorni gli portavano patate e farina di castagne: quel poco che potevano dare, che altro non avevano, povera gente; i quattro giovani si sistemarono lassù con loro, mentre per tutta la valle e fin giù nelle cittadine rivierasche, con la presenza a Rocca di Merlo di quel pugno d’uomini decisi a fare qualcosa, non importa cosa, pur di fare, già si stava acquistando fiducia nel domani e si guardava con commiserazione quei pochi fascisti che, dopo l’8 settembre, avevano ripreso a circolare.

    Poi, ai primi di ottobre, sul monte Antola vi fu un convegno di dirigenti del Movimento di Liberazione, e si cominciò con l’assegnare le zone e a dare delle direttive: la più importante era di attaccare e far fuori il maggior numero di fascisti e di tedeschi.

    Attaccare: con che cosa?

    Ebbene, il fatto della mancanza di armi in realtà rappresentava un inconveniente trascurabile, poiché era ovvio che, attaccando il nemico, le armi si sarebbero conquistate...

    La croce di Sant’Uberto

    Nell’autunno del ‘43, per quanto ne so, i gruppi di Resistenza che si formarono nell’entroterra genovese furono tre: uno nella zona di Voltaggio, l’altro sulle pendici del monte Antola e il terzo a Favale di Malvaro, o più precisamente, a Castello, che è una frazioncina di Favale, sulla mulattiera che conduce a