Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Il corpo dorme...La mente lascia le orme
Il corpo dorme...La mente lascia le orme
Il corpo dorme...La mente lascia le orme
E-book28 pagine22 minuti

Il corpo dorme...La mente lascia le orme

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Il corpo dorme...La mente lascia le orme di Cristiano Benci è un romanzo di memorie, ricordi di un mondo agreste e onirico, dove ogni cosa è incantata e lo stupore invade la mente del protagonista Crin. 

Cristiano Benci, ribattezzato “ Cri Cri” nasce il 28-luglio-1975 a Grosseto. Vive in una villetta sita nella campagna maremmana, nel comune di Campagnatico. Si è diplomato geometra durante l’anno scolastico1995/1996, presso l’istituto tecnico per geometri “Alessandro Manetti” di Grosseto. Arruolato nel 12° scaglione dell’anno 1996 ha svolto il servizio militare presso il 2° CE.RI.MOT di Lenta, un centro di rifornimento e motorizzazione, sperso tra i boschi e le risaie del Vercellese. Durante la sessione 2000 ha superato l’esame per l’abilitazione di geometra. Ha due figlie, Anastasia e Melissa, la prima nata nel 2000 e la seconda nata nel 2012.
LinguaItaliano
EditorePasserino
Data di uscita14 lug 2022
ISBN9791221372533
Il corpo dorme...La mente lascia le orme
Leggi anteprima

Leggi altro di Cristiano Benci

Correlato a Il corpo dorme...La mente lascia le orme

Categorie correlate

Recensioni su Il corpo dorme...La mente lascia le orme

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Il corpo dorme...La mente lascia le orme - Cristiano Benci

    Il corpo dorme… …La mente lascia le orme

    Con un calcio Crin allontanò il sasso che teneva socchiusa la porticina di ferro e allungò la gamba destra per fare il suo ingresso in quella fresca cantina interrata, utilizzata da sua nonna per le scorte alimentari. Oltre la porticina però non c’era nessun pianerottolo a sorreggergli il piede, ma dalla semioscurità si fecero intravedere quattro gradini, tutti malconci e stonacati, che lasciavano scorgere la sottostante ossatura di mattoni rossi. Detti scalini, con una disagevole alzata accompagnavano verso il fondale di quel casotto, che a Crin parve un abisso profondo, dove il buio sembrò addirittura più nero del carbone. Ecco l’ultimo scalino ma Crin scivolò su un mucchio di pezzi di laterizio, che con il passare degli anni si erano staccati dal soffitto, ritrovandosi sdraiato sull’umido pavimento. Il tempo di rialzarsi e intravide immediatamente sua nonna. L’aveva scoperta per caso, seguendo un lamentoso piagnucolio, che inizialmente gli sembrò uno gnaulio di un gatto in amore. Era nascosta, per metà corpo, dietro un grande sacco di iuta, pieno, per il momento, di non si sa cosa. La luce entrava dalla piccola apertura posta in alto. La vecchietta si mostrò al nipote come se dormisse. Improvvisamente una lacrima scivolò dentro uno di quei profondi solchi del suo viso, disegnando lo stesso percorso di una stella cadente. Il nipote, rivolgendo lo sguardo al cupo soffitto, comunicò, in silenzio, il suo desiderio. Purtroppo gli occhi di sua nonna non si sbottonarono più. Crin prese in braccio sua nonna per portarla in casa e farla riposare, per l’ultima volta, sul suo letto. Usciti dall’interrata cantina, un brusco colpo di vento fece cadere a terra, i tanti bianchi petali del gigante mandorlo, come se fossero una pioggia di coriandoli. Era da pochi giorni iniziato il mese di marzo, ma sfortunatamente, Crin e sua nonna non stavano vivendo

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1