Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Il Diario di un Alchimista
Il Diario di un Alchimista
Il Diario di un Alchimista
E-book193 pagine1 ora

Il Diario di un Alchimista

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

IL DIARIO DI UN ALCHIMISTA:

In questa sua autobiografìa, il Dott. Baker racconta la storia dei suoi sforzi per divenire un vero Alchimista. Secondo la sua definizione, Alchimista è colui che utilizza le radiazioni emesse dalla propria Essenza per influenzare il nucleo interiore degli altri.

Primo obbiettivo dell'Alchimista è quello di bruciare le scorie della propria personalità, perché queste coprono e contaminano l'essenza divina, che risplende nel nucleo del suo essere come oro purissimo e che attende di essere liberata.

Quest'opera di purificazione avviene per mezzo del Fuoco. In genere si associa il fuoco con l'azione di bruciare, con il fumo e con le fiamme, perché è attraverso queste manifestazioni che i sensi fisici lo percepiscono. Il Fuoco dell'alchimia, però, è allo stesso tempo più sottile e più potente: brucia senza consumarsi, divampa senza emettere alcun fumo, è energia, ma è anche significato.

Questo libro è la storia di come un vero Alchimista è riuscito a padroneggiare questo Fuoco.

LinguaItaliano
Data di uscita23 apr 2022
ISBN9781625691118
Il Diario di un Alchimista
Leggi anteprima
Autore

Douglas M. Baker

DOUGLAS M. BAKER Le Docteur Douglas Baker est bien connu du public de langue anglaise. Poète, écrivain et scientifique, il est l'une des plus éminentes personnalités dans le domaine des sciences ésotériques. Diplômé en médecine à l'Université de Sheffield en 1964, il a, dès lors, porté à l'attention du public les aspects de l'art médical se trouvant aux confins de la connaissance scientifique. Il se sert d'exemples tirés de la vie de tous les jours et d'explications scientifiques, pour rendre compréhensibles à la mentalité occidentale les enseignements les plus complexes et abstraits. Le but des écrits du Docteur Baker est de rendre présente la Sagesse Antique, avec le langage actuel. Auteur prolifique, il est reconnu en Angleterre comme la principale autorité dans le domaine astrologique. Son œuvre, composée de plus de quatre-vingts livres, couvre quasiment tous les aspects des sciences ésotériques.

Leggi altro di Douglas M. Baker

Correlato a Il Diario di un Alchimista

Ebook correlati

Articoli correlati

Recensioni su Il Diario di un Alchimista

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Il Diario di un Alchimista - Douglas M. Baker

    INDICE

    IL DIARIO DI UN ALCHIMISTA

    PRIMA SEZIONE

    GLI ALCHIMISTI

    L'Alchimista sotto il Fuoco

    LA LEGGE DELL'ABBONDANZA INFINITA

    SIMBOLO DEL LAVORO ALCHEMICO

    SECONDA SEZIONE

    L'Alchimista nel Crogiuolo

    Stati Spirituali

    APPENDICI

    I - IL SIGNIFICATO DELL'ALCHIMIA

    1. LO SCOPO DELL'ALCHIMIA

    2. LA TEORIA TRASCENDENTALE DELL'ALCHIMIA

    3. FALLIMENTO DELLA TEORIA TRASCENDENTALE

    4. LA QUALIFICAZIONE DELL'ADEPTO

    5. IL LINGUAGGIO ALCHEMICO

    6. ALCHIMISTI DI TIPO MISTICO

    7. IL SIGNIFICATO DELL'ALCHIMIA

    8. OPINIONI DI ALTRI SCRITTORI

    9. L'IDEA FONDAMENTALE DELL'ALCHIMIA

    10. LA LEGGE DELL'ANALOGIA

    11. LA NATURA DUALISTICA DELL'ALCHIMIA

    12. CORPO, ANIMA E SPIRITO

    13. L'ALCHIMIA, IL MISTICISMO E LA SCIENZA MODERNA

    II - ALCHIMIA: DIVINA, MORTALE E MINERALE

    L'ALCHIMIA DELLA FISSIONE NUCLEARE

    L'ALCHIMIA DELLA RADIONICA

    LA STORIA DELL'ALCHIMIA

    L'ALCHIMIA IN RAPPORTO ALL'ASTROLOGIA

    LA QUALITÀ VIBRATORIA

    EVOLUZIONE E ALCHIMIA

    DEFINIZIONE DELL'ALCHIMIA

    L'ALCHIMIA E I QUATTRO ELEMENTI

    III - IA TESTIMONIANZA DEGLI ALCHIMISTI

    LA TESTIMONIANZA DI VAN HELMONT

    LA TESTIMONIANZA DI HELVETIUS

    HELVETIUS OTTIENE LA PIETRA FILOSOFALE

    HELVETIUS ESEGUE LA TRASMUTAZIONE

    L'ORO DI HELVETIUS MESSO ALLA PROVA

    L'ORO DI HELVETIUS SOTTOPOSTO A UN'ALTRA PROVA

    IL CONTE CAGLIOSTRO

    IV - L'ALCHIMIA E IL SISTEMA SOLARE

    FUOCO PER FRIZIONE

    FUOCO IN ESSENZA

    LA TERZA EMANAZIONE

    EFFETTI ALCHEMICI DEL COLORE, DEL SUONO E DEL MAGNETISMO

    MAGNETISMO

    IL DIARIO DI UN ALCHIMISTA

    Titolo Originale:

    The Diary of an Alchemist

    Copyright Aprile 1977 by Douglas Baker

    Italiana prima cartacea edizione 1998

    © Copyright 1998 Edizioni Crisalide

    ISBN 8788871830742

    Grafica: BRUNO IRMICI

    Traduzione: ALFREDO COLUTO

    Questo è l'unico eBook autorizzato dell'edizione cartacea

    © Copyright Dr. Douglas M. Baker 2013

    Pubblicato da Baker eBooks Publishing

    ISBN 9781625691118

    Molte delle audioconferenze ed alcune delle immagini e dei diagrammi usati qui possono essere scaricati gratis in alta definizione dal nostro sito web https://www.douglasbaker.org.

    La vendita di questo libro è sottoposta alla condizione che esso non verrà in alcun modo commercializzato, dato in prestito, rivenduto o comunque fatto circolare, in qualunque forma, copertina o rilegatura, senza il previo consenso dell'editore e senza che questa condizione venga imposta al successivo acquirente.

    Per questo ed altri libri cartacei in italiano

    del Dott. Baker rivolgersi a:

    Edizioni Crisalide.

    Via Campodivivo, 43.

    Spigno Saturnia (LT) Italia

    www.crisalide.com

    info@crisalide.com

    PRIMA SEZIONE

    GLI ALCHIMISTI

    L'obiettivo della loro ricerca era quello di soddisfare i bisogni materiali, le capacità intellettuali e la brama spirituale. Per gli alchimisti più nobili il primo di questi obiettivi era sempre secondario rispetto agli altri due.

    Questo è il Sentiero di un dio del fuoco... la nascita, l'iniziazione e il battesimo, tutto nel Fuoco e per mezzo del Fuoco. Nei loro laboratori, gli alchimisti notarono ciò in un numero così grande di reazioni chimiche, che furono colpiti da certi parallelismi. Dopotutto, stavano assistendo - senza il razionalismo dei chimici odierni - alla nascita della chimica moderna, con tutti i suoi fenomeni inorganici: gli amalgami, l'oro, l'argento e le placcature al mercurio...

    L'Alchimista sotto il Fuoco

    Sappiamo pochissimo sul fenomeno del fuoco, anche dal punto di vista scientifico. Di fatto, l'uomo forse conosce meglio il fuoco della propria natura interna, che la sua espressione fìsica.

    È difficile convincere un mondo materialista che, quando gli alchimisti parlano del fuoco, intendono realmente fuoco. Noi tendiamo ad associare il fuoco con l'azione di bruciare, con il fumo e con le fiamme, perché è attraverso queste manifestazioni che i nostri cinque sensi entrano in contatto con esso. Si tratta della parte oggettiva della coscienza, ma esiste anche una parte soggettiva, che non dipende dai sensi e neppure dal cervello. Ci sono delle qualità del fuoco interiore che non hanno nulla a che fare con il bruciare (benché esista un terreno ardente soggettivo), con il fumo (benché ci sia il mondo astrale del glamour) o con le fiamme (anche se i pensieri dell'uomo emanano da un Mare di Fiamme, di elementali del fuoco). Durante la lettura di questo libro, raccomando di tenere a mente questo punto: i fuochi soggettivi non sono meno reali di quelli che vediamo nello stato di veglia. L'uomo può controllare il fuoco esterno, come è stato dimostrato più volte dalle persone che camminano sui carboni ardenti. L'alchimista dimostra la capacità di controllare i fuochi interiori, che sostengono la totalità dell'uomo.

    L'alchimia è il mistero finale da rivelare. Il Maestro D.K. disse che la conquista della cima dell'Everest sarebbe stato il segnale per la rivelazione di tutti i segreti riguardanti i misteri. Il vero scopo dell'alchimia non era tanto di trasformare il metallo vile in oro, ma di collegare direttamente l'uomo con Dio. Faraoni egizi come Akhenaton, artisti e poeti, intuirono il rapporto che lega il fuoco all'interno dell'atomo a quello all'interno dell'uomo, del sole e di Dio stesso...

    Ho visto molti gloriosi mattini

    Sfiorare le cime dei monti con occhio sovrano

    Baciare con viso d'oro ì verdi prati

    Dorando pallidi ruscelli con alchimie celesti...

    C'è una chiave per tutti i fenomeni alchemici, tanto nell'atomo come nei fiori o nell'uomo. Si tratta del Fuoco. Nei miei diari, indicavo quest'energia universale con una S terminante in una punta di freccia (S). È un simbolo che mi fu dato dopo la terza o quarta esperienza di quel fuoco centrale. Solo in seguito scoprii che il cigno è il simbolo alchemico del fuoco. Socrate non sognò un cigno, la notte prima che il giovane Piatone arrivasse da lui come allievo. Si trattò di un diluvio di Fuoco centrale, che egli poi descrisse simbolicamente come un cigno. In oriente il cigno, o hamsa, (1) è il simbolo più comune (specialmente nello yoga indiano) per indicare il Fuoco spirituale del Samadhi. È la esse di Cristo, Cris-s-s-s-to. Non è un caso che il suono della esse ricordi il sibilare delle fiamme.

    1) Parola sanscrita, che indica l'anima individuale e quella cosmica.

    È la spina dorsale ed i canali eterici che si snodano come serpenti lungo di essa e che attraverso i nadi minori fanno circolare il fuoco alchemico in tutto il corpo, il s-s-serpente che comincia anch'esso con S . È la pietra filosofale, la pietra simbolo di Cristo che fu rifiutata dai muratori. La coscienza umana, in tempi remoti, non poteva comprendere il concetto di un dio fatto di fuoco...

    Il mio dio è un fuoco che tutto consuma.

    e preferì invece adottare l'idea di un mes-s-s-ia, di Cristo come figlio di Dio.

    Gli antichi conoscevano la radioattività. La scienza ha dimostrato che questa qualità deriva dalla fusione e dalla fissione nucleare, ma l'uomo moderno non riesce ad accettare che delle persone s-s-s-spirituali possano irradiare energia - al loro livello - con la stessa efficacia di un atomo di uranio al suo livello.

    In questo diario vengono usate varie descrizioni e simboli, ma questi rappresentano tutti la fiamma divina e unica da cui ha origine la Monade. È il fohat, che scava buchi nella materia e mantiene insieme i sette piani con la sua forza incandescente.

    Per pronunciare la lettera s c'è bisogno di muovere la bocca in modo da emettere un piccolo getto d'aria. È il respiro divino, il fuoco soffiato dalle narici del drago, il torrente di fuoco auditivo visto come fiamma dai deva.

    Fin dall'infanzia, il fuoco mi ha sempre affascinato. Sentivo che il mio destino era legato alla sua espressione. Ricordo che passavo ore a costruire galeoni fatti di scatole di fiammiferi. Li dipingevo, aggiungevo le vele e le finiture, a volte mettendoci tutta la notte... e poi davo fuoco all'intera flotta, sulla liscia superficie del nostro laghetto. Le barche incendiarie che sguinzagliavo tra i galeoni con vele e bandiere, erano ispirate alle storie dell'Invencible Armada, un episodio della storia elisabettiana che mi piaceva molto. Amavo specialmente il modo in cui le notizie sull'Armada si diffondevano da collina a collina...

    Verso sud, dalle dolci colline del Surrey,

    Correvano gli splendidi messaggeri

    Dalle nude e scure brughiere di Hampstead si avviavano al nord

    E avanti, avanti senza fermarsi, senza stancarsi:

    Tutta la notte balzavano da torre a torre, da collina a collina:

    Finché spiegarono la bandiera sul picco orgoglioso

    Che domina le valli rocciose di Darwin,

    Finché illuminarono come vulcani le tempestose colline del Galles,

    Finché dodici contee videro il fuoco sul desolato picco di Malvern,

    Finché la cresta illuminata di Wrekin fu striata di rosso

    Finché grande e fiera la stella brillò sul maestoso tempio di Ely,

    Finché le terrazze signorili di Belvoir mandarono il segnale a Lincoln,

    E Lincoln fece proseguire il messaggio fino all'ampia valle di Trent;

    E il bagliore rosso su Skiddaw avvertì gli abitanti di Carlisle.

    IL CIGNO COME SIMBOLO DELL'ALCHIMIA

    Nelle più alte espressioni dei simboli alchemici, il cigno e il fuoco sono sinonimi. Il cigno è muto, ma emette aria con sibili poderosi.

    Ho sempre associato quegli imponenti galeoni a dei cigni, addormentati e ignari della trappola. Nel mio percorso esoterico, i simboli del fuoco e del cigno si sono manifestati molto spesso.

    La poesia Le vecchie navi, di James Elroy Flecker, è una di quelle che ancora ricordo a memoria, dopo tanti anni:

    Ho visto vecchie navi veleggiare come cigni addormentati

    Oltre il villaggio che gli uomini ancora chiamano Tiro,

    Cariche d'anni, verso Famagosta e il sole nascosto

    Che circonda la nera Cipro con un lago di fuoco;

    E tutte quelle navi erano così vecchie,

    Chissà quante volte i pirati genovesi le avevano abbordate

    Durante un trasporto di schiavi o di arance siriane,

    Lasciando la tolda piena di sangue,

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1