Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Il Libro della Rivelazione (Tradotto): Uno studio dell'ultimo libro profetico della Sacra scrittura
Il Libro della Rivelazione (Tradotto): Uno studio dell'ultimo libro profetico della Sacra scrittura
Il Libro della Rivelazione (Tradotto): Uno studio dell'ultimo libro profetico della Sacra scrittura
E-book377 pagine5 ore

Il Libro della Rivelazione (Tradotto): Uno studio dell'ultimo libro profetico della Sacra scrittura

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Quest'opera è il risultato di 25 anni di studio del Libro dell'Apocalisse. Due volte in 6 anni lo scrittore ha tenuto un corso di 4 mesi di sermoni domenicali al suo popolo sul Libro. Queste conferenze sono state anche tenute in corsi dell'Istituto Biblico, illustrate con grandi grafici a colori.
Il Libro dell'Apocalisse è interpretato dal punto di vista futurista. I capitoli due e tre coprono l'attuale Dispensazione della Chiesa. Dal capitolo quattro fino alla fine del Libro tutto è futuro. Lo scopo dello scrittore è di mostrare che il Libro dell'Apocalisse deve essere preso alla lettera e che è scritto in ordine cronologico. Viene usato il testo della Vecchia Versione che è stampato in cima ad ogni argomento. Le divisioni in capitoli e versetti sono ignorate. Il testo è enfatizzato dall'uso di maiuscole e caratteri neri. Questo aiuta a spiegarlo e a renderlo chiaro al lettore generale. La materia descrittiva del libro è enfatizzata allo stesso modo.
Il libro è anche illustrato con oltre 30 grafici, mappe e diagrammi. Numerosi tagli di simboli, bestie, ecc., di cui si parla nel Libro dell'Apocalisse, sono distribuiti nel libro nel luogo in cui sono menzionati, e aggiungono grande valore al libro, chiarendo il testo e risparmiando molta materia esplicativa.

Non c'è nulla di fantastico nel libro. Non contiene materiale speculativo, né opinioni dello scrittore. Il libro non è un commento composto da citazioni di altri scrittori. Lo scrittore non è né un copista né un compilatore. L'unico Autore che lo scrittore ha cercato di seguire è l'Autore del Libro, il Signore Gesù Cristo. Perciò lo scrittore non ha alcuna pretesa di originalità. Tutto ciò che ha cercato di fare è di presentare chiaramente la "MENTE DI CRISTO" come rivelata nel Libro, avendo in mente la "MALEDIZIONE" a cui ogni espositore del Libro si sottopone. Se qualcuno aggiungerà a queste cose, Dio gli aggiungerà le "PIAGHE" che sono scritte in questo Libro, e se qualcuno toglierà dalle parole del "Libro di questa Profezia", Dio toglierà la sua parte dal "libro della vita", dalla città santa e dalle cose che sono scritte in questo libro".
Apocalisse 22:18-19.

Lo scopo dello scrittore è stato quello di preparare un'opera standard sul Libro dell'Apocalisse, dal punto di vista futurista, che possa essere usata come libro di testo nei seminari teologici e nelle scuole bibliche, e che sia di prezioso servizio al pastore impegnato nella sua esposizione della Parola di Dio.
Il libro viene inviato con la preghiera che Dio benedica la sua testimonianza in questi giorni in cui gli enunciati profetici del Libro dell'Apocalisse si stanno rapidamente avvicinando al loro compimento.
LinguaItaliano
Data di uscita5 mar 2022
ISBN9791221306293
Il Libro della Rivelazione (Tradotto): Uno studio dell'ultimo libro profetico della Sacra scrittura
Leggi anteprima

Correlato a Il Libro della Rivelazione (Tradotto)

Ebook correlati

Articoli correlati

Recensioni su Il Libro della Rivelazione (Tradotto)

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Il Libro della Rivelazione (Tradotto) - Clarence Larkin

    CONTENUTI

    PREMESSA

    PIATTI

    IL TITOLO

    IL SALUTO

    L'ANNUNCIO

    I. LE COSE CHE HAI VISTO

    LA VISIONE

    LA CHIAVE DEL LIBRO

    II. LE COSE CHE SONO

    I MESSAGGI ALLE SETTE CHIESE

    I. LA CHIESA DI EFESO

    II. LA CHIESA DI SMIRNE

    III. LA CHIESA DI PERGAMO

    IV. LA CHIESA DI THYATIRA

    V. LA CHIESA DI SARDEGNA

    VI. LA CHIESA DI PHILADELPHIA

    VII. LA CHIESA DI LAODICEA

    III. LE COSE CHE AVVERRANNO IN SEGUITO

    1. LA PORTA CELESTE

    2. IL TRONO CELESTE

    3. I QUATTRO E VENTI ANZIANI

    4. LE QUATTRO BESTIE

    5. IL LIBRO A SETTE SIGILLI

    LA SETTANTESIMA SETTIMANA DI DANIEL

    I SETTE SIGILLI

    PRIMO SIGILLO. (UN CAVALLO BIANCO).

    TERZO SIGILLO. (UN CAVALLO NERO).

    QUARTO SIGILLO. (UN CAVALLO PALLIDO).

    QUINTO SIGILLO. (LE ANIME DEI MARTIRI).

    SESTO SIGILLO. (CAMBIAMENTI FISICI).

    CONFRONTO TRA IL DISCORSO DELL'OLIVETO DI CRISTO E LA SESTA RIVELAZIONE".

    LA TRIPLICE DOMANDA

    REV. 6:12-17

    L'INTERVALLO TRA IL SESTO E IL SETTIMO SIGILLO

    1. IL SUGGELLAMENTO DEI 144.000

    2. LA MOLTITUDINE LAVATA DAL SANGUE

    SETTIMO SIGILLO (SILENZIO.)

    L'INCENSIERE D'ORO

    LE SETTE TROMBE

    PRIMO TROMBA. (GRANDINE - FUOCO - SANGUE).

    SECONDA TROMBA. (LA MONTAGNA IN FIAMME).

    TERZO TROMBA. (LA STELLA ASSENZIO).

    QUARTA TROMBA. (SOLE, LUNA E STELLE COLPITI).

    L'ANGELO CHE AVVERTE. (TRE SVENTURE ANNUNCIATE).

    QUINTO TROMBA. PRIMA MALEDIZIONE. (LA PIAGA DELLE LOCUSTE).

    IL POZZO SENZA FONDO

    LA SESTA TROMBA. SECONDA SVENTURA (LA PIAGA DEI CAVALIERI).

    L'INTERVALLO TRA LA SESTA E LA SETTIMA TROMBA

    1. IL PICCOLO LIBRO

    2. I DUE TESTIMONI

    SETTIMA TROMBA. TERZA VOCE. (COPRE IL RESTO DELLA SETTIMANA).

    LA METÀ DELLA SETTIMANA. I SETTE PERSONAGGI

    1. LA DONNA VESTITA DI SOLE

    2. IL DRAGONE

    3. L'UOMO-BAMBINO

    4. L'ARCANGELO. (GUERRA IN CIELO).

    LA PERSECUZIONE DELLA DONNA VESTITA DI SOLE".

    5. IL RESIDUO EBRAICO

    6. LA BESTIA DAL MARE

    I. LA PREVISIONE DI ISAIAH

    II. LA PREVISIONE DI DANIEL

    2. LA VISIONE DELLE QUATTRO BESTIE.

    3. LA VISIONE DELL'ARIETE E DELLA CAPRA.

    4. LA VISIONE DEI RE DEL NORD E DEL SUD.

    III. LA VISIONE DI PAOLO

    IV. LA VISIONE DI JOHN

    7. LA BESTIA DALLA TERRA

    L'INTERVALLO TRA I SETTE PERSONAGGI E LE SETTE FIALE.

    1. L'AGNELLO SUL MONTE SION

    2. I TRE ANGELI MESSAGGERI

    3. I MORTI BENEDETTI

    4. IL RACCOLTO E LA VENDEMMIA

    LE SETTE ULTIME PIAGHE O GIUDIZI DELLE FIALE

    PRELUDIO. IL MARE DI VETRO

    IL TABERNACOLO DELLA TESTIMONIANZA

    PRIMO VIALE. (BOLLE.)

    SECONDO VIALE. (SANGUE SUL MARE).

    TERZO VIALE. (SANGUE SUI FIUMI).

    QUARTA VIALE. (GRANDE CALORE.)

    QUINTO VIALE. (OSCURITÀ.)

    SESTO VIALE. (L'EUFRATE SI È PROSCIUGATO).

    L'INTERVALLO TRA LA SESTA E LA SETTIMA FIALA. TRE SPIRITI IMMONDI

    SETTIMO VIALE. (GRANDE SALUTO.)

    I SIGILLI, LE TROMBE E LE FIALE A CONFRONTO

    I SETTE DESTINI

    PRIMO DOOM

    SECONDA MORTE. BABILONIA COMMERCIALE

    L'INTERVALLO TRA IL SECONDO E IL TERZO DESTINO. IL CORO DELL'ALLELUIA

    2. LE NOZZE DELL'AGNELLO

    3. LA BATTAGLIA DELL'ARMAGEDDON

    TERZA MORTE. LA BESTIA E IL FALSO PROFETA.

    QUARTA MORTE. LE NAZIONI ANTICRISTIANE

    L'INTERVALLO TRA LA QUARTA E LA QUINTA SVENTURA

    1. SATANA LEGATO PER MILLE ANNI

    2. LA PRIMA RISURREZIONE

    3. IL MILLENNIO

    4. SATANA BLOCCATA

    QUINTO DOOM. GOG E MAGOG

    SESTA MORTE. SATAN

    SETTIMA MORTE. I MORTI MALVAGI. "IL GRANDE GIUDIZIO DEL TRONO BIANCO.

    LE SETTE COSE NUOVE

    1. IL NUOVO PARADISO

    2. LA NUOVA TERRA

    3. LA NUOVA CITTÀ

    4. LE NUOVE NAZIONI

    5. IL NUOVO FIUME

    6. IL NUOVO ALBERO DELLA VITA

    7. IL NUOVO TRONO

    LA GRANDE ABDICAZIONE

    LE EPOCHE DELLE EPOCHE

    L'EPILOGO O LA TESTIMONIANZA FINALE E GLI AVVERTIMENTI

    PREMESSA

    Quest'opera è il risultato di 25 anni di studio del Libro dell'Apocalisse. Due volte in 6 anni lo scrittore ha tenuto un corso di 4 mesi di sermoni domenicali al suo popolo sul Libro. Queste conferenze sono state anche tenute in corsi dell'Istituto Biblico, illustrate con grandi grafici a colori.

    Il Libro dell'Apocalisse è interpretato dal punto di vista futurista. I capitoli due e tre coprono l'attuale Dispensazione della Chiesa. Dal capitolo quattro fino alla fine del Libro tutto è futuro. Lo scopo dello scrittore è di mostrare che il Libro dell'Apocalisse deve essere preso alla lettera e che è scritto in ordine cronologico. Viene usato il testo della Vecchia Versione che è stampato in cima ad ogni argomento. Le divisioni in capitoli e versetti sono ignorate. Il testo è enfatizzato dall'uso di maiuscole e caratteri neri. Questo aiuta a spiegarlo e a renderlo chiaro al lettore generale. La materia descrittiva del libro è enfatizzata allo stesso modo.

    Il libro è anche illustrato con oltre 30 grafici, mappe e diagrammi. Numerosi tagli di simboli, bestie, ecc., di cui si parla nel Libro dell'Apocalisse, sono distribuiti nel libro nel luogo in cui sono menzionati, e aggiungono grande valore al libro, chiarendo il testo e risparmiando molta materia esplicativa.

    La composizione e la stampa del libro sono uniche. Lo scrittore ha infranto tutte le regole del fare libri nel suo desiderio di far vedere e afferrare la verità al lettore medio. Questo è stato possibile grazie alla sua abilità di disegnatore, e perché i tipografi del libro, che sono amanti della verità e amano vederla giustamente divisa, erano in sintonia con lo scopo dello scrittore, e hanno fatto tutto il possibile per far sì che l'arte dello stampatore esprimesse il pensiero dello scrittore.

    Un libro fatto in questo modo è naturalmente più costoso da stampare di un libro ordinario. Lo scrittore ha dovuto passare settimane e mesi nello studio e nella progettazione di grafici, mappe, diagrammi, tagli, ecc. Questi dovevano essere inchiostrati e scritti a mano. Poi si dovevano fare le lastre dei disegni, e gli elettrodi delle lastre. L'enfatizzazione della materia descrittiva con caratteri neri costa extra, ma tutti questi problemi e spese rendono il libro doppiamente prezioso. Mentre ci sono solo 210 pagine nel libro, la dimensione del tipo e la pagina ingrandita, 6 x 9 pollici, lo rendono equivalente ad un libro ordinario di 400 pagine.

    Non c'è nulla di fantastico nel libro. Non contiene materiale speculativo, né opinioni dello scrittore. Il libro non è un commento composto da citazioni di altri scrittori. Lo scrittore non è né un copista né un compilatore. L'unico Autore che lo scrittore ha cercato di seguire è l'Autore del Libro, il Signore Gesù Cristo. Perciò lo scrittore non ha alcuna pretesa di originalità. Tutto ciò che ha cercato di fare è di presentare chiaramente la "MENTE DI CRISTO come rivelata nel Libro, avendo in mente la MALEDIZIONE" a cui ogni espositore del Libro si sottopone. Se qualcuno aggiungerà a queste cose, Dio gli aggiungerà le "PIAGGE" che sono scritte in questo Libro, e se qualcuno toglierà dalle parole del "Libro di questo

    Profezia, Dio toglierà la sua parte dal libro della vita, dalla città santa e dalle cose che sono scritte in questo libro. Apocalisse 22:18-19.

    Lo scopo dello scrittore è stato quello di preparare un'opera standard sul Libro dell'Apocalisse, dal punto di vista futurista, che possa essere usata come libro di testo nei seminari teologici e nelle scuole bibliche, e che sia di prezioso servizio al pastore impegnato nella sua esposizione della Parola di Dio. Il libro viene inviato con la preghiera che Dio benedica la sua testimonianza in questi giorni in cui gli enunciati profetici del Libro dell'Apocalisse si stanno rapidamente avvicinando al loro compimento.

    CLARENCE LARKIN.

    Sunnyside

    Fox Chase, Phila, Pa.

    PIATTI

    La visione di Patmos di Giovanni

    Il libro dell'Apocalisse

    IL TITOLO

    "LA RIVELAZIONE di Gesù Cristo",

    CHE DIO GLI DIEDE, PER MOSTRARE AI SUOI

    SERVITORI COSE CHE DEVONO PRESTO

    VENITE A PASSARE;

    Ed Egli lo mandò e lo significò per mezzo del suo angelo al suo servo Giovanni:

    CHE HA MESSO A VERBALE LA PAROLA DI DIO, LA TESTIMONIANZA DI GESÙ CRISTO E TUTTE LE COSE CHE HA VISTO.

    LA BENEDIZIONE.

    BENEDETTO COLUI CHE "LEGGE".

    E QUELLI CHE "ASCOLTANO" LE PAROLE DI QUESTO

    PROFEZIA, E "CUSTODIRE" LE COSE CHE VI SONO SCRITTE:

    PERCHÉ L'ORA È VICINA".

    Apocalisse 1:1-3.

    Il Titolo del Libro descrive il suo carattere. Non è L'Apocalisse di San Giovanni il Divino, come il titolo delle nostre Bibbie vorrebbe farci credere, ma è "L'Apocalisse di Gesù Cristo".

    La parola Rivelazione in greco è "APOCALUPSIS. Da qui il titolo L'APOCALISSE, con cui è spesso chiamata. Viene dal verbo APOCALUPTO, svelare; da APO", via da; e "KALUMMA", un velo. Quindi Apocalupsis significa togliere un velo, come quando una statua viene svelata, affinché si possa vedere ciò che si trova dietro il velo. Non è tanto una rivelazione o uno svelamento della Persona di Cristo, sebbene riveli la Sua gloria sacerdotale e regale, quanto lo svelamento di quegli eventi che precederanno e accompagneranno il Suo ritorno sulla terra. Questo si vede dal fatto che ciò che è rivelato nel Libro, è stato dato a Gesù Cristo, da Dio Padre, per mostrare ai Suoi servi le "cose che devono avvenire tra breve".

    Quando a Gesù fu chiesto, poco prima della sua morte, quando sarebbero avvenute le cose che aveva profetizzato contro Gerusalemme (Marco 13:1-31), Egli rispose al versetto 32: "Ma di quel giorno e di quell'ora nessuno sa, né gli angeli che sono in cielo, né (NON ANCORA) il Figlio, ma il PADRE. Ma dopo la Sua Ascensione Egli ricevette dal Padre le informazioni che i Discepoli chiesero, e prima della fine del primo secolo, mentre almeno uno di quei Discepoli era ancora in vita, l'amato Giovanni, Egli mandò un angelo messaggero per impartire a lui, e tramite lui alle Chiese, le informazioni che sono svelate" in questo Libro dell'Apocalisse. Così vediamo che il canone delle Scritture sarebbe incompleto senza questo messaggio di Gesù alla sua Chiesa dopo il suo ritorno al cielo.

    Mentre l'apostolo Giovanni è lo scrittore del Libro, non è l'autore o il compositore. L'autore era il Signore Gesù stesso. L'apostolo era solo uno scriba o amanuense. Due volte egli dichiara che il contenuto del Libro gli fu rivelato da un angelo. Apoc. 1:1; 22:8. Il fatto che lo stile del Libro differisca in modo così evidente dagli altri scritti di Giovanni, come il Vangelo e le Epistole, è il tipo di prova più forte che Giovanni non ha composto il Libro, ma che gli è stato dettato o visualizzato. Nel suo argomento, e nella maestà e sublimità del suo linguaggio, che è in armonia con il suo contenuto, il Libro dell'Apocalisse differisce da tutti gli altri libri, ed è incomparabilmente al di sopra di essi, rivelando così la sua Autorizzazione Divina. Infatti è l'unica parte del Nuovo Testamento alla quale Gesù dà la Sua approvazione e appone la Sua firma, dicendo alla fine: "Io, Gesù, ho mandato il mio angelo a testimoniarvi queste cose nelle Chiese". Apocalisse 22:16.

    Il Libro dell'Apocalisse non è quindi una compilazione di letteratura apocalittica ebraica, mescolata con visioni pagane cristianizzate, essendo così un "patchwork" di folclore ebraico e pagano, ma è la Rivelazione di Gesù Cristo, che Dio gli ha dato, per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra breve. Questo Egli mandò per mezzo del Suo ANGELO. Chi fosse questo Angelo non ci viene detto, ma quando Giovanni si prostrò per adorarlo, disse: "Non lo fare, perché io sono tuo servo e dei tuoi fratelli profeti e di coloro che osservano i detti di questo libro". Apoc. 22:8-9. Egli doveva dunque essere uno dei vecchi profeti suscitati a tale scopo.

    Il Libro è un libro profetico. Non è una storia. Non registra il passato, ma rivela il futuro. Esso fa questa affermazione nel titolo: "Beato colui che legge e coloro che ascoltano le parole di questa profezia, Apoc. 1:3; e quattro volte nel capitolo conclusivo. Apoc. 22:7, 10, 18, 19. È il compendio e la consumazione di tutta la profezia. In essa si adempie tutta la profezia incompiuta. È la finalità della profezia fino al ritorno di Gesù. Non c'è stata alcuna nuova rivelazione" da quando è stata scritta; e tutti coloro che affermano di aver ricevuto nuove e successive "rivelazioni sono impostori e falsi profeti. Non c'è posto per aggiunte o sottrazioni nel Libro. Si apre con una benedizione promessa al lettore e finisce con una maledizione su coloro che aggiungono o tolgono". Apoc. 1:3; 22:18-19.

    Non viene detto nulla sulla comprensione del Libro, ma beato colui che "legge, o se troppo analfabeta per leggere, beati coloro che ascoltano, cioè che ascoltano la sua lettura. Il riferimento qui è senza dubbio al lettore e agli uditori della Scrittura letta nella sinagoga ai tempi dell'Apostolo. Che il Libro sia evitato da molti a causa del suo carattere misterioso non c'è da meravigliarsi. È uno degli stratagemmi di Satana per indurre la gente a trascurare un Libro che predice la sua cacciata come Principe delle Potenze dell'Aria e Dio di quest'epoca dai Cieli; la sua prigionia nel Pozzo senza fondo" per 1000 anni; e la sua gettata finale nel Lago di Fuoco. Mentre Satana odia tutte le Scritture in generale, odia i libri della Genesi e dell'Apocalisse in particolare. Perciò attacca l'autenticità della Genesi e cerca di far trascurare l'Apocalisse.

    Il Libro non è solo un libro "profetico, è un libro SIMBOLICO, cioè è scritto in gran parte in un linguaggio simbolico, che è il significato dell'affermazione nel Titolo - Egli lo mandò e lo 'SIGNIFICò' per mezzo del Suo Angelo al Suo Servo Giovanni. La parola significato significa dato in segni e simboli e dovrebbe essere pronunciata SEGNATO. Ci sono più segni e simboli nel Libro dell'Apocalisse che in qualsiasi altro libro della Bibbia, ma sono spiegati lì o in qualche altra parte delle Scritture. Nessuno può capire il Libro dell'Apocalisse se non capisce il Libro di Daniele. Al profeta Daniele fu detto di sigillare le parole della sua profezia fino al Tempo della Fine, non la fine dei tempi, ma la fine dei Tempi dei Gentili. Dan. 12:4, 9. Ma allo scrittore del Libro dell'Apocalisse fu detto di non sigillare" i detti del Libro, perché il tempo è vicino. A