Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La spiaggia

La spiaggia

Leggi anteprima

La spiaggia

Lunghezza:
91 pagine
1 ora
Editore:
Pubblicato:
30 nov 2021
ISBN:
9788828102908
Formato:
Libro

Descrizione

La vicenda si svolge nel giro di poche giornate in una calda estate ligure passata tra Genova e una casa in riviera. Attori, tutti intorno ai trent’anni, – «Avevamo allora l’età che si ascolta parlare l’amico come se parlassimo noi, che si vive a due quella vita in comune che ancor oggi io, che sono scapolo, credo riescano a vivere certe coppie di sposi» – , sono un gruppo di amici e conoscenti come quelli che si fanno un’estate al mare. In questo spicca l’amicizia di lunga data di Doro e del narratore, amicizia che si è scolorata al momento del matrimonio di Doro con Clelia, donna in gamba e affascinante, e soprattutto per il trasferimento della coppia da Torino a Genova.
Editore:
Pubblicato:
30 nov 2021
ISBN:
9788828102908
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a La spiaggia

Leggi altro di Cesare Pavese

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

La spiaggia - Cesare Pavese

Informazioni

Questo e-book è stato realizzato anche grazie al sostegno di:

E-text

E-text

Editoria, Web design, Multimedia

Pubblica il tuo libro, o crea il tuo sito con E-text!

QUESTO E-BOOK:

TITOLO: La spiaggia

AUTORE: Pavese, Cesare

TRADUTTORE:

CURATORE: Mondo, Lorenzo

NOTE:

CODICE ISBN E-BOOK: 9788828102908

DIRITTI D'AUTORE: no

LICENZA: questo testo è distribuito con la licenza specificata al seguente indirizzo Internet: https://www.liberliber.it/online/opere/libri/licenze/

COPERTINA: [elaborazione da] On the beach di Paul Gustav Fischer (1860–1934) - Private collection - https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Paul_fischer_on_the_beach_121356).jpg - Pubblico dominio.

TRATTO DA: 2: La spiaggia ; Il compagno ; La casa in collina / Cesare Pavese ; edizione a cura di Lorenzo Mondo. - [Trezzano sul Naviglio] : Euroclub, 1997 (stampa 1996). - XXXI, 414 p. ; 21 cm. Fa parte di: Romanzi e racconti / Cesare Pavese. - [Trezzano sul Naviglio] : Euroclub. - v. ; 21 cm.

CODICE ISBN FONTE: n. d.

1a EDIZIONE ELETTRONICA DEL: 25 maggio 2021

INDICE DI AFFIDABILITÀ: 2

0: affidabilità bassa

1: affidabilità standard

2: affidabilità buona

3: affidabilità ottima

SOGGETTO:

FIC019000 FICTION / Letterario

FIC027000 FICTION / Romantico / Generale

DIGITALIZZAZIONE:

Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it

REVISIONE:

Umberto Galerati, umgaler@alice.it

Ugo Santamaria

IMPAGINAZIONE:

Umberto Galerati, umgaler@alice.it (ODT)

Carlo F. Traverso (ePub)

Marco Totolo (revisione ePub)

PUBBLICAZIONE:

Catia Righi, catia_righi@tin.it

Ugo Santamaria

Liber Liber

Fai una donazione

Se questo libro ti è piaciuto, aiutaci a realizzarne altri. Fai una donazione: https://www.liberliber.it/online/aiuta/.

Scopri sul sito Internet di Liber Liber ciò che stiamo realizzando: migliaia di ebook gratuiti in edizione integrale, audiolibri, brani musicali con licenza libera, video e tanto altro: https://www.liberliber.it/.

Indice

Copertina

Colophon

Liber Liber

Indice (questa pagina)

I.

II.

III.

IV.

V.

VI.

VII.

VIII.

IX.

X.

XI.

LA SPIAGGIA

CESARE PAVESE

I.

Da parecchio tempo eravamo intesi con l’amico Doro che sarei stato ospite suo. A Doro volevo un gran bene, e quando lui per sposarsi andò a stare a Genova ci feci una mezza malattia. Quando gli scrissi per rifiutare di assistere alle nozze, ricevetti una risposta asciutta e baldanzosa dove mi spiegava che, se i soldi non devono neanche servire a stabilirsi nella città che piace alla moglie, allora non si capisce piú a che cosa devano servire. Poi, un bel giorno, di passaggio a Genova, mi presentai in casa sua e facemmo la pace. Mi riuscí molto simpatica la moglie, una monella che mi disse graziosamente di chiamarla Clelia e ci lasciò soli quel tanto ch’era giusto, e quando alla sera ci ricomparve innanzi per uscire con noi, era diventata un’incantevole signora cui, se non fossi stato io, avrei baciato la mano.

Diverse volte in quell’anno capitai a Genova e sempre andavo a trovarli. Di rado erano soli, e Doro con la sua disinvoltura pareva benissimo trapiantato nell’ambiente della moglie. O dovrei dire piuttosto ch’era l’ambiente della moglie che aveva riconosciuto in lui il suo uomo e Doro li lasciava fare, noncurante e innamorato. Di tanto in tanto prendevano il treno, lui e Clelia, e facevano un viaggio, una specie di viaggio di nozze intermittente, che durò quasi un anno. Ma avevano il buon gusto di accennarne appena. Io, che conoscevo Doro, ero lieto di questo silenzio, ma anche invidioso: Doro è di quelli che la felicità rende taciturni, e a ritrovarlo sempre pacato e intento a Clelia, capivo quanto doveva godersi la nuova vita. Fu anzi Clelia che, quand’ebbe con me un po’ di confidenza, mi disse, un giorno che Doro ci lasciò soli: — Oh sí, è contento — e mi fissò con un sorriso furtivo e incontenibile.

Avevano una villetta in Riviera e sovente il viaggetto lo facevano là. Era quella la villa dove avrei dovuto esser ospite. Ma in quella prima estate il lavoro mi portò altrove, e poi devo dire che provavo un certo imbarazzo all’idea d’intrudermi nella loro intimità. D’altra parte, vederli, come sempre li vedevo, nella loro cerchia genovese, passare trafelato di chiacchiera in chiacchiera, subire il giro delle loro serate per me indifferenti, e fare in sostanza tutto un viaggio per scambiare un’occhiata con lui o due parole con Clelia, non valeva troppo la pena. Cominciai a diradare le mie scappate, e divenni scrittore di lettere – biglietti d’auguri e qualche cicalata ogni tanto, che sostituivano alla meglio la mia antica consuetudine con Doro. A volte era Clelia che mi rispondeva – una rapida calligrafia snodata e amabili notizie scelte con intelligenza fra la cangiante congerie dei pensieri e dei fatti di un’altra vita e di un altro mondo. Ma avevo l’impressione che fosse proprio Doro che, svogliato, lasciava a Clelia quell’incarico, e mi dispiacque e, senza nemmeno provare grandi vampe di gelosia, mi staccai da loro dell’altro. Nello spazio di un anno scrissi forse ancora tre volte, ed ebbi un inverno una visita fugace di Doro che per un giorno non mi lasciò un’ora sola e mi parlò dei suoi affari – veniva per questo – ma anche delle vecchie cose che c’interessavano entrambi. Mi parve piú espansivo di una volta e ciò, dopo tanto distacco, era logico. Mi rinnovò l’invito a passare una vacanza con loro nella villa. Gli dissi che accettavo, a patto però di vivere per conto mio in un albergo e trovarmi con loro soltanto quando ne avessimo voglia. — Va bene – disse Doro, ridendo. – Fa’ come vuoi. Non vogliamo mangiarti. — Poi per quasi un altr’anno non ebbi notizie e, venuta la stagione del mare, per caso mi trovai libero e senza una meta. Toccò allora a me scrivere se mi volevano. Mi rispose un telegramma di Doro: — Non muoverti. Vengo io.

II.

Quando l’ebbi davanti estivo e abbronzato che quasi non lo conoscevo, l’ansia mi si mutò in dispetto. — Non è il modo di trattare, – gli dissi. Lui rideva. – Hai litigato con Clelia? — Macché. —

— Ho da fare, – diceva. – Tienimi compagnia.

Passeggiammo tutta la mattinata, discorrendo persino di politica. Doro faceva

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di La spiaggia

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori