Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La Cattiva Educazione Del Nero (Tradotto)

La Cattiva Educazione Del Nero (Tradotto)

Leggi anteprima

La Cattiva Educazione Del Nero (Tradotto)

Lunghezza:
176 pagine
2 ore
Pubblicato:
3 ott 2021
ISBN:
9791220852647
Formato:
Libro

Descrizione

"Il nero, sia in Africa che in America, deve essere indirizzato verso un serio esame dei fondamenti dell'educazione, della religione, della letteratura e della filosofia come gli sono stati esposti. Deve essere sufficientemente illuminato per determinare da solo se queste forze sono entrate nella sua vita per benedirlo o per benedire il suo oppressore. Dopo aver appreso i fatti del caso, il negro deve sviluppare il potere di esecuzione per affrontare queste questioni come fanno le persone di visione".
Carter G. Woodson
Pubblicato:
3 ott 2021
ISBN:
9791220852647
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Anteprima del libro

La Cattiva Educazione Del Nero (Tradotto) - Godwin Woodson Carter

Prefazione

Qui non sono registrate opinioni ma le riflessioni di uno che per quarant'anni ha partecipato all'educazione delle razze nere, marroni, gialle e bianche in entrambi gli emisferi e nelle regioni tropicali e temperate. Tale esperienza, inoltre, è stata fatta con studenti di tutti i gradi, dalla scuola materna all'università. L'autore, inoltre, ha viaggiato in tutto il mondo per osservare non solo i sistemi scolastici moderni in vari paesi, ma per studiare i sistemi speciali istituiti da agenzie private e governi per educare i nativi nelle loro colonie e dipendenze. Alcune di queste osservazioni, inoltre, sono state verificate con studi più recenti in un tour successivo.

Discutendo qui gli errori commessi nell'educazione dei neri, lo scrittore ammette francamente di aver commesso lui stesso alcuni di questi errori. In diversi capitoli, inoltre, indica specificamente dove lui stesso si è allontanato dal sentiero della saggezza. Questo libro, quindi, non è inteso come una bordata contro una particolare persona o classe, ma è dato come un correttivo per i metodi che non hanno prodotto risultati soddisfacenti.

L'autore non sostiene l'opinione, un tempo popolare, che in materia di istruzione i neri siano giustamente sottoposti alla volontà di altri, sulla base del presupposto che questa povera gente non è un grande contribuente e deve accontentarsi di contributi caritatevoli per il loro miglioramento. L'autore prende la posizione che il consumatore paga le tasse, e come tale ogni individuo dell'ordine sociale dovrebbe avere l'opportunità illimitata di trarre il massimo da se stesso. Tale opportunità, inoltre, non dovrebbe essere determinata dall'esterno da forze che si prefiggono di dirigere l'elemento proscritto in modo da ridondare esclusivamente al bene degli altri, ma dovrebbe essere determinata dalla composizione del nero stesso e da ciò che il suo ambiente richiede da lui.

Questo nuovo programma di elevazione, sostiene l'autore, non dovrebbe essere deciso con il metodo per tentativi ed errori nell'applicazione di dispositivi utilizzati nel trattare con altri in una situazione diversa e in un'altra epoca. Solo attraverso un attento studio del nero stesso e della vita che è costretto a condurre si può arrivare alla procedura corretta in questa crisi. Il semplice impartire informazioni non è educazione. Al di sopra di tutto, lo sforzo deve risultare nel far sì che un uomo pensi e faccia da sé, proprio come hanno fatto gli ebrei nonostante la persecuzione universale.

Nel valutare così i risultati ottenuti dalla cosiddetta educazione del nero, l'autore non va alle cifre del censimento per mostrare il progresso della razza. Può non essere importante per la razza poter vantare oggi un numero di membri istruiti molte volte superiore a quello che aveva nel 1865. Se sono del tipo sbagliato, l'aumento del numero sarà uno svantaggio piuttosto che un vantaggio. L'unica questione che ci interessa qui è se queste persone istruite sono effettivamente equipaggiate per affrontare la prova che le attende o se contribuiscono inconsciamente alla loro stessa rovina perpetuando il regime dell'oppressore.

Qui, comunque, non c'è nessun argomento per la tesi spesso sentita che l'istruzione per l'uomo bianco dovrebbe significare una cosa e per il nero una cosa diversa. L'elemento della razza non entra qui. Si tratta semplicemente di esercitare il buon senso nell'avvicinarsi alle persone attraverso il loro ambiente, al fine di affrontare le condizioni come sono piuttosto che come si vorrebbe vederle o immaginare che siano. Ci può essere una differenza nel metodo di attacco, ma il principio rimane lo stesso.

I neri altamente istruiti denunciano le persone che sostengono per i neri un tipo di educazione diversa in alcuni aspetti da quella che ora viene data all'uomo bianco. I neri che sono stati così a lungo scomodati e negati nelle opportunità di sviluppo hanno naturalmente paura di qualsiasi cosa che suoni come discriminazione. Sono ansiosi di avere tutto ciò che l'uomo bianco ha, anche se è dannoso. La possibilità di originalità nel nero, quindi, è scontata al cento per cento per mantenere un'uguaglianza nominale. Se i bianchi decidono di abbracciare il mormonismo, i neri devono seguire il loro esempio. Se i bianchi trascurano tale studio, allora i neri devono fare altrettanto.

L'autore, tuttavia, non ha un tale atteggiamento. Egli considera il sistema educativo così come si è sviluppato sia in Europa che in America un processo antiquato che non colpisce nel segno nemmeno nel caso dei bisogni dell'uomo bianco stesso. Se l'uomo bianco vuole tenerlo, che lo faccia; ma il nero, per quanto possibile, dovrebbe sviluppare e portare avanti un programma proprio.

La cosiddetta educazione moderna, con tutti i suoi difetti, tuttavia, fa molto più bene agli altri che al nero, perché è stata elaborata in conformità alle esigenze di coloro che hanno schiavizzato e oppresso i popoli più deboli. Per esempio, la filosofia e l'etica risultanti dal nostro sistema educativo hanno giustificato la schiavitù, il peonaggio, la segregazione e il linciaggio. L'oppressore ha il diritto di sfruttare, handicappare e uccidere l'oppresso. I neri educati quotidianamente ai principi di una tale religione del forte hanno accettato lo status del debole come divinamente ordinato, e durante le ultime tre generazioni della loro libertà nominale non hanno fatto praticamente nulla per cambiarlo. Il loro broncio e le risoluzioni assecondate da alcuni della razza sono state di scarso valore.

Nessuno sforzo sistematico verso il cambiamento è stato possibile, perché, insegnando la stessa economia, storia, filosofia, letteratura e religione che hanno stabilito l'attuale codice morale, la mente del nero è stata portata sotto il controllo del suo oppressore. Il problema di tenere giù il nero, quindi, è facilmente risolvibile. Quando si controlla il pensiero di un uomo non ci si deve preoccupare delle sue azioni. Non devi dirgli di non stare qui o di andare laggiù. Troverà il suo posto giusto e ci resterà. Non c'è bisogno di mandarlo alla porta di servizio. Ci andrà senza che glielo si dica. Infatti, se non c'è una porta sul retro, ne taglierà una per il suo speciale beneficio. La sua educazione lo rende necessario.

Lo stesso processo educativo che ispira e stimola l'oppressore con il pensiero che lui è tutto e che ha realizzato tutto ciò che vale la pena, deprime e schiaccia allo stesso tempo la scintilla del genio nel nero facendogli sentire che la sua razza non vale molto e non sarà mai all'altezza degli standard degli altri popoli. Il nero così educato è una passività senza speranza della razza.

La difficoltà è che il nero educato è costretto a vivere e muoversi tra la sua stessa gente che gli è stato insegnato a disprezzare. Di regola, quindi, il nero istruito preferisce comprare il suo cibo da un droghiere bianco perché gli è stato insegnato che il nero non è pulito. Non importa quanto spesso un nero si lavi le mani, quindi, non può pulirle, e non importa quanto spesso un bianco usi le sue mani, non può sporcarle. Il nero istruito, inoltre, è poco incline a prendere parte agli affari dei neri, perché gli è stato insegnato in economia che i neri non possono operare in questa particolare sfera. Il nero istruito trae sempre meno piacere dalla chiesa negra, non a causa della sua primitività e della crescente corruzione, ma a causa della sua preferenza per le sedi della rettitudine controllate dal suo oppressore. Questa è stata la sua educazione e non ci si può aspettare altro da lui.

Se il nero istruito potesse andarsene e diventare bianco potrebbe essere felice, ma solo un mulatto ogni tanto può farlo. La grande maggioranza di questa classe, quindi, deve passare la vita denunciando i bianchi perché stanno cercando di scappare dai neri e denigrando i neri perché non sono bianchi.

Capitolo I: La sede dei problemi

I neri istruiti hanno un atteggiamento di disprezzo verso il loro stesso popolo perché nelle loro scuole, così come in quelle miste, ai neri viene insegnato ad ammirare l'ebraico, il greco, il latino e il teutone e a disprezzare l'africano. Delle centinaia di scuole superiori negre recentemente esaminate da un esperto dell'Ufficio dell'Educazione degli Stati Uniti, solo diciotto offrono un corso che riprende la storia dei neri, e nella maggior parte dei college e delle università negre dove si pensa ai neri, la razza è studiata solo come un problema o liquidata come di poca importanza. Per esempio, un funzionario di un'università negra, pensando che si dovesse tenere un corso supplementare sui neri, chiamò un dottore in filosofia nero della facoltà per offrire tale lavoro. Egli informò prontamente l'ufficiale che non sapeva nulla sui neri. Non era andato a scuola per perdere tempo in quel modo. È andato per essere educato in un sistema che liquida il nero come una non-entità.

In una scuola estiva per neri di due anni fa, un istruttore bianco ha tenuto un corso sui neri, usando come testo un'opera che insegna che i bianchi sono superiori ai neri. Quando uno degli studenti gli chiese perché avesse usato un tale libro di testo, l'istruttore rispose che voleva che avessero quel punto di vista. Anche le scuole per i neri, quindi, sono luoghi dove devono essere convinti della loro inferiorità.

Il pensiero dell'inferiorità del nero gli viene inculcato in quasi ogni classe in cui entra e in quasi ogni libro che studia. Se gli capita di lasciare la scuola dopo aver imparato i fondamenti, prima che finisca il liceo o raggiunga il college, sfuggirà naturalmente ad alcuni di questi pregiudizi e potrà recuperare in tempo per essere al servizio del suo popolo.

Praticamente tutti i neri di successo in questo paese sono del tipo non istruito o di quello dei neri che non hanno avuto alcuna educazione formale. La grande maggioranza dei neri che hanno messo il tocco finale dei nostri migliori collegi è tutto fuorché inutile per lo sviluppo del loro popolo. Se dopo aver lasciato la scuola hanno l'opportunità di distribuire ai neri ciò che i traditori della razza vorrebbero far apprendere, tali persone possono così guadagnarsi da vivere insegnando o predicando ciò che è stato loro insegnato, ma non diventano mai una forza costruttiva nello sviluppo della razza. La cosiddetta scuola, quindi, diventa un fattore discutibile nella vita di questo popolo disprezzato.

Come un altro ha ben detto, handicappare uno studente insegnandogli che la sua faccia nera è una maledizione e che la sua lotta per cambiare la sua condizione è senza speranza è la peggior specie di linciaggio. Uccide le aspirazioni di una persona e la condanna al vagabondaggio e al crimine. È strano, quindi, che gli amici della verità e i promotori della libertà non si siano sollevati contro l'attuale propaganda nelle scuole e l'abbiano schiacciata. Questa crociata è molto più importante del movimento contro il linciaggio, perché non ci sarebbe nessun linciaggio se non iniziasse nelle aule scolastiche. Perché non sfruttare, schiavizzare o sterminare una classe che si insegna a tutti a considerare inferiore?

Per essere più espliciti possiamo andare alla sede del problema. I nostri studiosi più noti si sono formati in università al di fuori del Sud. Le istituzioni settentrionali e occidentali, tuttavia, non hanno avuto il tempo di occuparsi di questioni che riguardano soprattutto i neri. Devono rivolgere la loro attenzione ai problemi della maggioranza dei loro elettori, e troppo spesso hanno stimolato i loro pregiudizi riferendosi al nero come indegno di considerazione. La maggior parte di ciò che queste università hanno offerto come lingua, matematica e scienza può essere servito ad un buon scopo, ma molto di ciò che hanno insegnato come economia, storia, letteratura, religione e filosofia è propaganda e cant che hanno comportato una perdita di tempo e hanno indirizzato male i neri così formati.

E anche nella certezza della scienza o della matematica è stato un peccato che l'approccio al nero sia stato preso in prestito da un metodo straniero. Per esempio, l'insegnamento dell'aritmetica in quinta elementare in una contea arretrata del Mississippi dovrebbe significare una cosa nella scuola negra e una cosa decisamente diversa nella scuola bianca. I bambini neri, di regola, provengono da case di affittuari e peones che devono migrare ogni anno da una piantagione all'altra, cercando la luce che non hanno mai visto. I bambini delle case dei piantatori e dei commercianti bianchi vivono permanentemente in mezzo a calcoli, bilanci familiari e simili, che permettono loro a volte di imparare di più per contatto di quanto il nero possa acquisire a scuola. Invece di insegnare a questi bambini neri meno aritmetica, si dovrebbe insegnare loro molta più aritmetica dei bambini bianchi, perché questi ultimi frequentano una scuola di livello consolidato dal trasporto gratuito, mentre i neri vanno in tuguri affittati con una sola stanza per essere istruiti senza attrezzature e da insegnanti incompetenti educati a malapena oltre l'ottavo grado.

Nelle scuole di teologia ai neri viene insegnata l'interpretazione della Bibbia elaborata da coloro che hanno giustificato la segregazione e strizzato l'occhio allo svilimento economico del nero, a volte quasi fino alla fame. Derivando il loro senso del diritto da questo insegnamento, i laureati di tali scuole non possono avere alcun messaggio per afferrare il popolo che sono stati mal addestrati a servire. La maggior parte di questi ministri male istruiti, quindi, predica ai banchi mentre i predicatori neri analfabeti fanno il meglio che possono nel fornire i bisogni spirituali delle masse.

Nelle scuole di economia aziendale i neri sono addestrati esclusivamente nella psicologia e nell'economia di Wall Street e sono quindi portati a disprezzare le opportunità di gestire carri di ghiaccio, spingere carretti di banane e vendere noccioline tra la loro gente. Gli stranieri, che non hanno studiato economia, ma hanno studiato i neri, intraprendono questo business e diventano ricchi.

Nelle scuole di giornalismo ai neri viene insegnato come editare i quotidiani metropolitani come il Chicago Tribune e il New York Times, che difficilmente assumerebbero un nero come inserviente; e quando questi laureati si rivolgono

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di La Cattiva Educazione Del Nero (Tradotto)

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori