Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Una meditazione al giorno sulla passione di Gesù
Una meditazione al giorno sulla passione di Gesù
Una meditazione al giorno sulla passione di Gesù
E-book1.873 pagine7 ore

Una meditazione al giorno sulla passione di Gesù

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Capolavoro della letteratura cristiana, si compone di 366 meditazioni molto brevi, una per ogni giorno dell’anno.
Ogni meditazione inizia con una riflessione su di un versetto del Vangelo della Passione e termina o con uno slancio affettivo che si propone di accendere in noi un amore di carità più intenso o con degli interrogativi che vogliono scuoterci dal torpore spirituale. Le meditazioni hanno un duplice obiettivo: assimilare la nostra volontà e la nostra vita alla volontà e alla vita di Dio; insegnarci l’arte di meditare. Infatti, già dopo aver seguito il testo di Chardon per una trentina di giorni, il lettore ha appreso un metodo molto facile per meditare.
LinguaItaliano
Data di uscita5 lug 2021
ISBN9788855450393
Una meditazione al giorno sulla passione di Gesù
Leggi anteprima

Correlato a Una meditazione al giorno sulla passione di Gesù

Ebook correlati

Categorie correlate

Recensioni su Una meditazione al giorno sulla passione di Gesù

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Una meditazione al giorno sulla passione di Gesù - Louis Chardon

    Tutti nostri libri e le altre attività delle

    Edizioni Studio Domenicano

    possono essere consultate su: www.esd-domenicani.it

    Tutti i diritti sono riservati

    © 2021 - Edizioni Studio Domenicano - www.esd-domenicani.it

    Via dell’Osservanza 72, 40136 Bologna, 051 582034.

    Ebook ISBN 978 88 5545 039 3

    L’Editore è a disposizione degli aventi diritto con i quali non è stato possibile comunicare.

    I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i micro-film, le fotocopie e le scannerizzazioni, sono riservati per tutti i Paesi.

    Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% del volume dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall’art. 68, commi 4 e 5, della legge 22/04/1941, n. 633.

    Le riproduzioni diverse da quelle sopra indicate, e cioè le riproduzioni per uso non personale (a titolo esemplificativo: per uso commerciale, economico o professionale) e le riproduzioni che superano il limite del 15% del volume possono avvenire solo a seguito di specifica autorizzazione scritta rilasciata dall’Editore oppure da AIDRO, Corso di Porta Romana 108, 20122 Milano, segreteria@aidro.org.

    L’elaborazione dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per eventuali involontari errori o inesattezze.

    Indice

    Introduzione

    La vita e l’ambiente di Louis Chardon

    Le meditazioni sulla passione di Gesù

    La struttura dell’opera

    Accendere il fuoco della carità

    Insegnare a meditare

    Il successo e l’oblio dell’opera

    I temi delle meditazioni

    L’ira di Dio

    Il castigo di Dio

    La redenzione e il riscatto

    La soddisfazione

    Il sacrificio

    Il merito

    La Croce è il trionfo dell’amore

    La partecipazione degli uomini alla redenzione operata da Cristo

    Avvertenza dell’Editore

    Prefazione dell’Autore

    Una meditazione al giorno sulla Passione di Gesù

    1 gennaio

    Cantato l’inno, uscirono dirigendosi verso il monte degli Ulivi

    2 gennaio

    Gesù uscì con i suoi discepoli

    3 gennaio

    Gesù uscì con i suoi discepoli attraversando il torrente Cedron

    4 gennaio

    Gesù uscì attraversando il torrente Cedron

    5 gennaio

    Gesù uscì attraversando il torrente Cedron

    6 gennaio

    Gesù uscì attraversando il torrente Cedron65

    7 gennaio

    Gesù uscì attraversando il torrente Cedron

    8 gennaio

    Gesù uscì attraversando il torrente Cedron dove c’era un giardino

    9 gennaio

    Allora Gesù entrò in un giardino chiamato Getsemani

    10 gennaio

    E giunsero in un campo chiamato Getsemani

    11 gennaio

    Giuda, il traditore, conosceva quel luogo, perché Gesù vi si recava spesso con i suoi discepoli

    12 gennaio

    Uscito [da Gerusalemme, Gesù] si recava, come era solito fare, sul monte degli Ulivi

    13 gennaio

    Disse ai suoi discepoli: «Sedete qui, mentre io vado a pregare»

    14 gennaio

    E prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni

    15 gennaio

    E iniziò ad avere paura

    16 gennaio

    E iniziò ad avere paura

    17 gennaio

    Ed iniziò ad avere angoscia

    18 gennaio

    E iniziò ad avere angoscia

    19 gennaio

    E iniziò ad avere angoscia

    20 gennaio

    E iniziò ad avere angoscia

    21 gennaio

    E iniziò ad avere angoscia

    22 gennaio

    E cominciò a essere triste e afflitto

    23 gennaio

    E presi con sé Pietro e i due figli di Zebedèo, cominciò a essere triste e afflitto

    24 gennaio

    E cominciò a essere triste e afflitto

    25 gennaio

    E cominciò a essere triste e afflitto

    26 gennaio

    E cominciò a essere triste e afflitto

    27 gennaio

    E cominciò a essere triste e afflitto

    28 gennaio

    E cominciò a essere triste e afflitto

    29 gennaio

    Allora disse loro: «La mia anima è triste fino alla morte»

    30 gennaio

    La mia anima è triste fino alla morte

    31 gennaio

    Allora disse loro: «La mia anima è triste fino alla morte»

    1 febbraio

    Allora disse loro: «La mia anima è triste fino alla morte»

    2 febbraio

    Allora disse loro: «La mia anima è triste fino alla morte»

    3 febbraio

    Allora disse loro: «La mia anima è triste fino alla morte»

    4 febbraio

    La mia anima è triste fino alla morte

    5 febbraio

    Restate qui e vegliate con me

    6 febbraio

    Restate qui e vegliate

    7 febbraio

    Poi Gesù andò un po’ più avanti

    8 febbraio

    E Gesù si allontanò da loro

    9 febbraio

    E Gesù si allontanò da loro

    10 febbraio

    E Gesù si allontanò da loro quasi un tiro di sasso

    11 febbraio

    E Gesù si allontanò da loro

    12 febbraio

    Gesù si prostrò con la faccia a terra e pregava

    13 febbraio

    Si gettò a terra e pregava

    14 febbraio

    Si gettò a terra159

    15 febbraio

    Si gettò a terra

    16 febbraio

    Inginocchiatosi pregava dicendo: «Padre»

    17 febbraio

    Inginocchiatosi pregava dicendo: «Padre»

    18 febbraio

    Inginocchiatosi pregava dicendo: «Padre»

    19 febbraio

    Abbà, Padre

    20 febbraio

    Abbà, Padre

    21 febbraio

    Abbà, Padre

    22 febbraio

    Padre, se è possibile passi da me questo calice

    23 febbraio

    Pregava che se fosse possibile passasse da lui questo calice

    24 febbraio

    Padre, se è possibile passi da me questo calice

    25 febbraio

    Allontana da me questo calice

    26 febbraio

    Non come voglio io, ma come vuoi tu

    27 febbraio

    Non sia fatta la mia, ma la tua volontà

    28 febbraio

    Non ciò che io voglio, ma ciò che vuoi tu

    29 febbraio203

    Allora presero il corpo di Gesù e lo avvolsero in bende

    1 marzo

    Non ciò che io voglio, ma ciò che vuoi tu

    2 marzo

    Non sia fatta la mia, ma la tua volontà

    3 marzo

    Passi da me questo calice, però non ciò che io voglio, ma ciò che vuoi tu

    4 marzo

    Tutte le cose sono a te possibili, ma non sia fatto ciò che io voglio

    5 marzo

    Allora un angelo del cielo apparve a Gesù per consolarlo

    6 marzo

    Allora un angelo del cielo apparve a Gesù per consolarlo

    7 marzo

    Allora un angelo del cielo apparve a Gesù per consolarlo

    8 marzo

    E il suo sudore divenne come gocce di sangue che scorrevano per terra

    9 marzo

    E il suo sudore divenne come gocce di sangue che scorrevano per terra

    10 marzo

    E il suo sudore divenne come gocce di sangue che scorrevano per terra

    11 marzo

    E il suo sudore divenne come gocce di sangue che scorrevano per terra

    12 marzo

    E il suo sudore divenne come gocce di sangue che scorrevano per terra

    13 marzo

    E il suo sudore divenne come gocce di sangue che scorrevano per terra

    14 marzo

    E il suo sudore divenne come gocce di sangue che scorrevano per terra

    15 marzo

    E il suo sudore divenne come gocce di sangue che scorrevano per terra

    16 marzo

    E il suo sudore divenne come gocce di sangue che scorrevano per terra

    17 marzo

    Terminata la preghiera, Gesù si recò dai suoi discepoli

    18 marzo

    Lasciati gli apostoli, Gesù si allontanò di nuovo e pregò per la terza volta, ripetendo le stesse parole

    19 marzo

    Gesù venne di nuovo […] poi lasciò gli apostoli e se ne andò di nuovo a pregare per la terza volta, ripetendo le stesse parole

    20 marzo

    Perché dormite?

    21 marzo

    Vegliate e pregate per non entrare in tentazione

    22 marzo

    Pregate per non entrare in tentazione

    23 marzo

    Lo spirito è pronto, mentre la carne è debole

    24 marzo

    Lo spirito è pronto, mentre la carne è debole

    25 marzo

    Lo spirito è pronto, mentre la carne è debole

    26 marzo

    Così non siete stati capaci di vegliare un’ora sola con me?

    27 marzo

    I loro occhi si erano appesantiti, e non sapevano cosa rispondergli2

    28 marzo

    E non sapevano che cosa rispondergli

    29 marzo

    Ormai dormite e riposatevi

    30 marzo

    Ormai dormite e riposatevi

    31 marzo

    Ormai dormite e riposatevi

    1 aprile

    Su, alzatevi, andiamo!, ecco il traditore si sta avvicinando

    2 aprile

    Ecco, è giunta l’ora nella quale il Figlio dell’uomo sarà consegnato in mano ai peccatori

    3 aprile

    Il Figlio dell’uomo sarà consegnato in mano ai peccatori

    4 aprile

    Il Figlio dell’uomo sarà consegnato in mano ai peccatori

    5 aprile

    Mentre ancora Gesù parlava, ecco arrivare Giuda

    6 aprile

    Ecco arrivare Giuda, uno dei Dodici

    7 aprile

    Alzatevi, andiamo, ecco colui che mi tradirà è vicino

    8 aprile

    Alzatevi, andiamo, ecco colui che mi tradirà è vicino

    9 aprile

    Ecco, Giuda, uno dei Dodici, precedeva i soldati

    10 aprile

    Ecco, Giuda, uno dei Dodici, precedeva i soldati

    11 aprile

    Giuda, dunque, preso un distaccamento di soldati e delle guardie fornite dai sommi sacerdoti e dai farisei, si recò là con lanterne, torce e armi

    12 aprile

    Giuda si avvicinò a Gesù per baciarlo

    13 aprile

    Il traditore aveva dato ai soldati questo segno: «Quello che bacerò, è lui; arrestatelo e conducetelo via sotto buona scorta»

    14 aprile

    Giuda, appena arrivò, si accostò a Gesù

    15 aprile

    Giuda si avvicinò a Gesù per baciarlo

    16 aprile

    Giuda, avvicinandosi a Gesù, disse: «Salve, Maestro»

    17 aprile

    «Salve, Rabbi»

    18 aprile

    Giuda disse: «Salve, Rabbi»

    19 aprile

    E Giuda lo baciò

    20 aprile

    E Giuda lo baciò

    21 aprile

    E Giuda lo baciò

    22 aprile

    E Giuda lo baciò

    23 aprile

    Gesù gli disse: «Giuda, con un bacio tradisci il Figlio dell’uomo?»

    24 aprile

    Gesù gli disse: «Giuda, con un bacio tradisci il Figlio dell’uomo?»

    25 aprile

    Gesù gli disse: «Giuda, con un bacio tradisci il Figlio dell’uomo?»

    26 aprile

    Tu tradisci il Figlio dell’uomo?

    27 aprile

    Tu tradisci il Figlio dell’uomo?

    28 aprile

    Tu tradisci il Figlio dell’uomo?

    29 aprile

    Amico, perché sei venuto?

    30 aprile

    Gesù disse loro: «Chi cercate?»

    1 maggio

    Gesù disse loro: «Chi cercate?»

    2 maggio

    «Chi cercate?», «Gesù il Nazareno»

    3 maggio

    Gesù disse loro: «Chi cercate?»

    4 maggio

    Gesù disse loro: «Chi cercate?»

    5 maggio

    Gesù dice loro: «Io sono»

    6 maggio

    Gesù dice loro: «Io sono»

    7 maggio

    Con le guardie era anche Giuda, il traditore

    8 maggio

    Non appena Gesù disse: «Sono io», le guardie indietreggiarono e caddero a terra

    9 maggio

    Non appena Gesù disse: «Sono io», le guardie indietreggiarono e caddero a terra

    10 maggio

    Le guardie indietreggiarono e caddero a terra

    11 maggio

    Le guardie indietreggiarono e caddero a terra

    12 maggio

    Gesù di nuovo chiese alle guardie: «Chi cercate?»

    13 maggio

    Vi ho detto che sono io. Se dunque cercate me, lasciate andare loro

    14 maggio

    Vi ho detto che sono io

    15 maggio

    Simon Pietro, allora, estrasse la sua spada e colpì il servo del sommo sacerdote

    16 maggio

    San Pietro colpì il servo del sommo sacerdote e gli tagliò l’orecchio destro

    17 maggio

    Gesù disse loro: «Lasciate, basta così»

    18 maggio

    Gesù disse a Pietro: «Pensi forse che io non possa pregare il Padre mio, che mi darebbe subito più di dodici legioni di angeli?»

    19 maggio

    Pensi forse che il Padre mio non mi darebbe subito più di dodici legioni di angeli?

    20 maggio

    Pensi forse che il Padre mio non mi darebbe subito più di dodici legioni di angeli?

    21 maggio

    Ma come allora si adempirebbero le Scritture, secondo le quali così deve avvenire?

    22 maggio

    Ma come allora si adempirebbero le Scritture, secondo le quali così deve avvenire?

    23 maggio

    Perché così deve avvenire

    24 maggio

    Non devo forse bere il calice che il Padre mi ha dato?

    25 maggio

    Gesù disse alla folla: «Siete usciti come contro un brigante, con spade e bastoni, per catturarmi»

    26 maggio

    Gesù disse alla folla: «Siete usciti come contro un brigante, con spade e bastoni, per catturarmi»

    27 maggio

    Gesù disse alla folla: «Siete usciti come contro un brigante»

    28 maggio

    Ogni giorno stavo seduto nel tempio ad insegnare, e non mi avete arrestato»

    29 maggio

    Ogni giorno stavo seduto nel tempio ad insegnare, e non mi avete arrestato»

    30 maggio

    Gesù disse a coloro che gli erano venuti contro, sommi sacerdoti, capi delle guardie del tempio e anziani

    31 maggio

    Ma questa è la vostra ora, è l’impero delle tenebre

    1 giugno

    Ma questa è la vostra ora, è l’impero delle tenebre

    2 giugno

    Ma questa è la vostra ora, è l’impero delle tenebre

    3 giugno

    Ma questa è la vostra ora, è l’impero delle tenebre

    4 giugno

    Allora la coorte con il comandante e le guardie dei Giudei afferrarono Gesù

    5 giugno

    Allora lo afferrarono

    6 giugno

    Afferrarono Gesù e lo legarono

    7 giugno

    Allora la coorte con il comandante e le guardie dei Giudei afferrarono Gesù

    8 giugno

    Allora la coorte con il comandante e le guardie dei Giudei afferrarono Gesù

    9 giugno

    Allora la coorte con il comandante e le guardie dei Giudei afferrarono Gesù

    10 giugno

    Gli misero le mani addosso e lo catturarono

    11 giugno

    Allora tutti i discepoli, abbandonatolo, fuggirono

    12 giugno

    Allora tutti i discepoli, abbandonatolo, fuggirono

    13 giugno

    Allora tutti i discepoli, abbandonatolo, fuggirono

    14 giugno

    Allora tutti i discepoli, abbandonatolo, fuggirono

    15 giugno

    Allora tutti i discepoli, abbandonatolo, fuggirono

    16 giugno

    Un giovanetto però lo seguiva, rivestito soltanto di un lenzuolo

    17 giugno

    Ma egli, lasciato il lenzuolo, fuggì via nudo

    18 giugno

    E lo condussero prima da Anna, suocero di Caifa, che in quell’anno era sommo sacerdote

    19 giugno

    Pietro, tuttavia, seguiva Gesù da lontano per vedere la conclusione

    20 giugno

    Pietro, tuttavia, seguiva Gesù da lontano per vedere la conclusione

    21 giugno

    Pietro, tuttavia, seguiva Gesù da lontano per vedere la conclusione

    22 giugno

    Pietro, tuttavia, seguiva Gesù da lontano

    23 giugno

    Intanto Simon Pietro seguiva Gesù insieme con un altro discepolo

    24 giugno

    Quell’altro discepolo entrò con Gesù nel cortile del sommo sacerdote

    25 giugno

    Intanto i capi dei sacerdoti e tutto il sinedrio cercavano una testimonianza contro Gesù per metterlo a morte

    26 giugno

    Il sommo sacerdote, allora, interrogò Gesù sui suoi discepoli e sulla sua dottrina

    27 giugno

    Il sommo sacerdote, allora, interrogò Gesù sui suoi discepoli e sulla sua dottrina

    28 giugno

    Io un tempo ho parlato apertamente alla gente. Interroga loro che hanno ascoltato ciò che dicevo loro

    29 giugno

    Perché interroghi me? Interroga coloro che mi hanno ascoltato

    30 giugno

    Perché interroghi me?

    1 luglio

    Io ho sempre insegnato nella sinagoga e nel tempio, dove i Giudei si riunivano e non ho mai parlato in segreto

    2 luglio

    Una delle guardie presenti diede uno schiaffo a Gesù, dicendo: «Così rispondi al sommo sacerdote?»

    3 luglio

    Una delle guardie diede uno schiaffo a Gesù

    4 luglio

    Una delle guardie diede uno schiaffo a Gesù

    5 luglio

    Una delle guardie diede uno schiaffo a Gesù

    6 luglio

    Una delle guardie diede uno schiaffo a Gesù

    7 luglio

    Rispondi così al sommo sacerdote?

    8 luglio

    Se ho parlato male, dimostrami dov’è il male; ma se ho parlato bene, perché mi percuoti?

    9 luglio

    I capi dei sacerdoti cercavano dei falsi testimoni contro Gesù

    10 luglio

    Ma alcuni si alzarono per testimoniare il falso contro di lui

    11 luglio

    La loro testimonianza non era concorde

    12 luglio

    Ma egli taceva e non rispondeva nulla

    13 luglio

    Ma egli taceva e non rispondeva nulla

    14 luglio

    Il sommo sacerdote si alza in mezzo al sinedrio

    15 luglio

    Il sommo sacerdote disse a Gesù: «Ti scongiuro per il Dio vivente»

    16 luglio

    Ti scongiuro, per il Dio vivente, perché tu ci dica se sei il Cristo, il Figlio di Dio

    17 luglio

    Il sommo sacerdote gli disse: «Ti scongiuro, per il Dio vivente, perché ci dica se tu sei il Cristo, il Figlio di Dio». E Gesù gli rispose: «Tu l’hai detto»

    18 luglio

    Gesù gli rispose: «Tu lo hai detto»

    19 luglio

    Gesù gli rispose: «Tu lo hai detto»

    20 luglio

    Anzi io vi dico: d’ora innanzi vedrete il Figlio dell’uomo seduto alla destra di Dio, e venire sulle nubi del cielo

    21 luglio

    Anzi io vi dico: d’ora innanzi vedrete il Figlio dell’uomo seduto alla destra di Dio, e venire sulle nubi del cielo

    22 luglio

    E vedrete il Figlio dell’uomo venire sulle nubi del cielo

    23 luglio

    Allora il sommo sacerdote si stracciò le sue vesti

    24 luglio

    Allora il sommo sacerdote si stracciò le sue vesti

    25 luglio

    Allora il sommo sacerdote si stracciò le sue vesti

    26 luglio

    Ha bestemmiato. Ecco adesso avete ascoltato la bestemmia. Che ve ne pare?576

    27 luglio

    Ha bestemmiato. Ecco adesso avete ascoltato la bestemmia. Che ve ne pare?

    28 luglio

    Allora essi, rispondendo, dissero: «È reo di morte»

    29 luglio

    Tutti lo condannarono a morte

    30 luglio

    Allora gli sputarono in faccia e lo schiaffeggiarono; altri lo bastonavano

    31 luglio

    Allora gli sputarono in faccia

    1 agosto

    Allora iniziarono a sputargli addosso

    2 agosto

    Allora iniziarono a sputargli addosso

    3 agosto

    Gli uomini che avevano in custodia Gesù lo schernivano e lo percuotevano, lo bendarono e lo colpivano in faccia […] e molti altri insulti dicevano contro di lui

    4 agosto

    Allora lo bendarono e gli chiedevano: «Dicci, chi ti ha colpito?»

    5 agosto

    E lo bendarono

    6 agosto

    «Non sei tu forse uno dei discepoli di quell’uomo?» ed egli rispose: «Non lo sono»

    7 agosto

    Siccome avevano acceso un fuoco in mezzo al cortile e si erano seduti attorno, anche Pietro si sedette in mezzo a loro

    8 agosto

    Donna, non lo conosco. […] O uomo, non lo sono. […] O uomo, non so quello che tu dici

    9 agosto

    Ma egli iniziò a imprecare e a giurare: «Non conosco quell’uomo che voi dite»

    10 agosto

    San Pietro negò di nuovo giurando […] e cominciò a imprecare e a giurare: «Non conosco quell’uomo»

    11 agosto

    Allora san Pietro cominciò a imprecare e a giurare: «Non conosco quell’uomo»

    12 agosto

    Allora san Pietro cominciò a imprecare e a giurare: «Non conosco quell’uomo»

    13 agosto

    Pietro allora si ricordò delle parole di Gesù

    14 agosto

    Mentre Pietro stava ancora parlando, un gallo cantò. Allora il Signore, voltatosi, guardò Pietro

    15 agosto

    Allora il Signore, voltatosi, guardò Pietro

    16 agosto

    Allora, Pietro uscì e pianse amaramente

    17 agosto

    Pietro pianse amaramente

    18 agosto

    Pietro pianse amaramente

    19 agosto

    Pietro pianse amaramente

    20 agosto

    Se tu sei il Cristo, diccelo apertamente

    21 agosto

    Se tu sei il Cristo, diccelo apertamente

    22 agosto

    I sommi sacerdoti, insieme agli anziani, agli scribi e a tutto il sinedrio, incatenano Gesù e lo conducono da Pilato

    23 agosto

    Tutta l’assemblea si alzò e lo condusse da Pilato

    24 agosto

    Allora Giuda, vedendo che Gesù era stato condannato, si pentì e riportò le trenta monete d’argento ai sommi sacerdoti e agli anziani

    25 agosto

    Giuda si pentì e riportò le trenta monete d’argento ai sommi sacerdoti dicendo: «Ho peccato, perché ho tradito sangue innocente»

    26 agosto

    Giuda, gettate le monete d’argento nel tempio, si allontanò e andò ad impiccarsi. I sommi sacerdoti, comprarono con quel denaro il Campo del vasaio per la sepoltura dei pellegrini stranieri

    27 agosto

    Gesù allora stava in piedi davanti al governatore e questi lo interrogò: «Sei tu il re dei Giudei?»

    28 agosto

    Tu hai detto che io sono re

    29 agosto

    Tuttavia, il mio regno non è di questo mondo

    30 agosto

    Per questo sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per rendere testimonianza alla verità

    31 agosto

    Per questo sono venuto nel mondo, per rendere testimonianza alla verità: chiunque è nato dalla verità ascolta la mia voce

    1 settembre

    Pilato gli chiese: «Che cosa è la verità?»

    2 settembre

    «Che cosa è la verità?». Dopo avergli chiesto ciò, Pilato uscì di nuovo verso i Giudei

    3 settembre

    Non ho trovato in lui nulla che meriti la morte

    4 settembre

    Ma i sommi sacerdoti e la folla insistevano: «Costui solleva il popolo, insegnando per tutta la Giudea, dopo aver cominciato dalla Galilea fino a qui»

    5 settembre

    Pilato, saputo che apparteneva alla giurisdizione di Erode, lo mandò da Erode. Questi, vedendo Gesù, si rallegrò molto

    6 settembre

    Da molto tempo Erode desiderava vedere Gesù

    7 settembre

    Lo interrogò con molte domande, ma Gesù non gli rispose nulla. Allora Erode lo insultò e lo schernì

    8 settembre

    Erode lo disprezzò insieme a tutto il suo esercito

    9 settembre

    Erode, rivestitolo di una veste bianca, lo rimandò da Pilato

    10 settembre

    In quel giorno Erode e Pilato diventarono amici

    11 settembre

    Ecco, l’ho esaminato davanti a voi, ma non ho trovato in lui nessuna colpa

    12 settembre

    Pilato disse loro: «Chi volete che vi liberi? Barabba o Gesù detto il Cristo?». Allora essi dissero: «Barabba»

    13 settembre

    Noi non abbiamo altro re al di fuori di Cesare

    14 settembre

    Secondo la nostra legge deve morire, perché si è fatto Figlio di Dio. All’udire queste parole, Pilato ebbe ancor più paura

    15 settembre

    Dopo averlo severamente castigato lo rilascerò

    16 settembre

    Lo castigherò severamente e poi lo rilascerò

    17 settembre

    Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare

    18 settembre

    Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare

    19 settembre

    Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare

    20 settembre

    Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare

    21 settembre

    Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare

    22 settembre

    Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare

    23 settembre

    Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare

    24 settembre

    Spogliatolo, gli misero addosso un manto scarlatto

    25 settembre

    Spogliatolo, gli misero addosso un manto scarlatto

    26 settembre

    Intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo

    27 settembre

    Intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo

    28 settembre

    Intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo

    29 settembre

    I soldati convocarono tutta la coorte, lo rivestirono di porpora e, dopo aver intrecciato una corona di spine, gliela misero sul capo. Cominciarono poi a salutarlo: «Salve, re dei Giudei!». E gli percuotevano il capo con una canna, gli sputavano addosso e, piegando le ginocchia, si prostravano a lui

    30 settembre

    Gli percuotevano il capo con una canna

    1 ottobre

    Pilato disse loro: «Ecco, io ve lo conduco fuori». Allora Gesù uscì, incoronato di spine e vestito del mantello di porpora

    2 ottobre

    Disse loro: «Ecco l’uomo»

    3 ottobre

    Disse loro: «Ecco l’uomo»

    4 ottobre

    Disse loro: «Ecco l’uomo»

    5 ottobre

    Disse loro: «Ecco l’uomo»

    6 ottobre

    Disse loro: «Ecco l’uomo»

    7 ottobre

    Il suo sangue cada su di noi e sui nostri figli

    8 ottobre

    Pilato, visto che non otteneva nulla, si lavò le mani davanti alla folla

    9 ottobre

    Pilato disse: «Non sono responsabile di questo sangue; vedetevela voi!»

    10 ottobre

    Pilato, volendo dar soddisfazione alla moltitudine, consegnò Gesù perché fosse crocifisso

    11 ottobre

    Al di sopra del suo capo, posero la motivazione scritta della sua condanna: «Questi è Gesù, il re dei Giudei»

    12 ottobre

    Gesù, portando la croce, si avviò verso il luogo detto Calvario

    13 ottobre

    Gesù, portando la croce, si avviò verso il luogo detto Calvario

    14 ottobre

    Gesù, portando la croce, si avviò verso il luogo detto Calvario

    15 ottobre

    Presero un certo Simone di Cirène e gli misero addosso la croce da portare dietro a Gesù

    16 ottobre

    Costrinsero un tale che passava, un certo Simone, a portare la croce

    17 ottobre

    Lo seguiva una gran folla di popolo e di donne che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui

    18 ottobre

    Gesù, voltandosi verso le donne, disse: «Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me»

    19 ottobre

    Piangete su voi stesse e sui vostri figli. Perché se trattano così il legno verde, che avverrà del legno secco?

    20 ottobre

    Se trattano così il legno verde, che avverrà del legno secco?

    21 ottobre

    E giunsero nel luogo detto Golgota, che significa luogo del Cranio

    22 ottobre

    E giunsero nel luogo detto Golgota, che significa luogo del Cranio

    23 ottobre

    Il luogo dove Gesù fu crocifisso era vicino alla città

    24 ottobre

    E gli diedero da bere vino mescolato alla mirra e saggiatolo non volle bere

    25 ottobre

    E gli diedero da bere vino misto a fiele e saggiatolo non ne volle bere

    26 ottobre

    E gli diedero da bere vino misto a fiele e saggiatolo non ne volle bere

    27 ottobre

    E gli diedero da bere vino mescolato alla mirra e saggiatolo non ne volle bere

    28 ottobre

    Lì lo crocifissero818; Avendolo crocifisso819; Dopo averlo crocifisso

    29 ottobre

    Quando fu l’ora terza, lo crocifissero

    30 ottobre

    Lo crocifissero

    31 ottobre

    Lo crocifissero

    1 novembre

    Lo crocifissero

    2 novembre

    Lo crocifissero

    3 novembre

    Lo crocifissero

    4 novembre

    Lo crocifissero

    5 novembre

    Crocifissero insieme con lui due ladroni, uno a destra e l’altro a sinistra, e Gesù nel mezzo

    6 novembre

    E insieme con lui crocifissero due ladroni

    7 novembre

    E insieme con lui crocifissero due ladroni, uno a destra e l’altro a sinistra

    8 novembre

    Uno dei due ladroni che erano stati crocifissi bestemmiava contro di lui

    9 novembre

    L’altro lo rimproverava dicendo: «Nemmeno tu hai timore di Dio e sei condannato alla stessa pena»

    10 novembre

    L’altro lo rimproverava dicendo: «Nemmeno tu hai timore di Dio»

    11 novembre

    In mezzo ai due ladroni c’era Gesù

    12 novembre

    Neanche tu hai timore di Dio e sei condannato alla stessa pena? Noi giustamente, perché riceviamo il giusto per le nostre azioni, egli invece non ha fatto nulla di male». E aggiunse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno»

    13 novembre

    Noi siamo stati condannati giustamente, perché riceviamo il giusto per le nostre azioni, egli invece non ha fatto nulla di male

    14 novembre

    Noi siamo stati condannati giustamente, perché riceviamo il giusto per le nostre azioni, egli invece non ha fatto nulla di male

    15 novembre

    E diceva a Gesù: «Signore, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno»

    16 novembre

    Signore, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». E Gesù gli disse: «Oggi sarai con me in paradiso»

    17 novembre

    Signore, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno

    18 novembre

    Signore, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno

    19 novembre

    Si divisero le sue vesti tirandole a sorte

    20 novembre

    Si divisero le sue vesti tirandole a sorte

    21 novembre

    C’era anche una tunica senza cuciture. I soldati dissero tra loro: «Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca»

    22 novembre

    C’era anche una tunica senza cuciture. I soldati dissero tra loro: «Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca»

    23 novembre

    Il popolo stava a guardare e i capi dei sacerdoti lo deridevano

    24 novembre

    Quelli che passavano di là lo insultavano

    25 novembre

    Ha salvato gli altri, non può salvare se stesso

    26 novembre

    Gesù allora diceva: «Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno»

    27 novembre

    Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno

    28 novembre

    Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno

    29 novembre

    Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno

    30 novembre

    Gesù gridò a gran voce: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?»

    1 dicembre

    Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?

    2 dicembre

    Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?

    3 dicembre

    Presso la croce di Gesù stava sua Madre

    4 dicembre

    Presso la croce di Gesù stava sua Madre

    5 dicembre

    Presso la croce di Gesù stava sua Madre

    6 dicembre

    Presso la croce di Gesù stava sua Madre

    7 dicembre

    Presso la croce di Gesù stava sua Madre

    8 dicembre

    Presso la croce di Gesù stava sua Madre

    9 dicembre

    Presso la croce di Gesù stava sua Madre

    10 dicembre

    Gesù, allora, vedendo sua Madre

    11 dicembre

    Gesù, allora, vedendo sua Madre

    12 dicembre

    Gesù, allora, vedendo sua Madre

    13 dicembre

    Gesù, allora, vedendo sua Madre

    14 dicembre

    Gesù dice a sua Madre: «Donna, ecco tuo figlio»

    15 dicembre

    Gesù, allora, vedendo sua Madre

    16 dicembre

    Dice a sua Madre: «Donna, ecco tuo figlio». Poi disse al discepolo: «Ecco, tua Madre»

    17 dicembre

    Tutto è compiuto

    18 dicembre

    Tutto è compiuto

    19 dicembre

    Gesù disse per adempiere la Scrittura: «Ho sete»

    20 dicembre

    Disse: «Ho sete»

    21 dicembre

    Disse: «Ho sete»

    22 dicembre

    Posero una spugna imbevuta di aceto in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca

    23 dicembre

    Gesù, sapendo che tutto era compiuto, disse: «Ho sete»

    24 dicembre

    Gesù gridò a gran voce

    25 dicembre

    Padre, nelle tue mani affido il mio spirito

    26 dicembre

    Gesù, gridando a gran voce, disse: «Padre, nelle tue mani affido il mio spirito»

    27 dicembre

    Chinato il capo, emise lo spirito

    28 dicembre

    Emise lo spirito

    29 dicembre

    Allora il velo del tempio si squarciò in due parti da cima a fondo

    30 dicembre

    Un soldato aprì il costato di Gesù con una lancia e subito ne uscì sangue ed acqua978

    31 dicembre

    Giuseppe d’Arimatea venne e prese il corpo di Gesù

    Storia della Passione di nostro Signore Gesù Cristo secondo i quattro Vangeli

    Al Getsemani - Agonia di Gesù

    L’arresto di Gesù

    Gesù davanti ad Anna e Caifa

    I rinnegamenti di Pietro

    Gesù davanti al sinedrio

    La disperazione di Giuda

    Gesù davanti a Pilato

    Gesù davanti ad Erode

    Gesù è di nuovo condotto davanti a Pilato

    Gesù è flagellato e condannato a morte

    Sulla via del Calvario

    La crocifissione

    Le sante donne al Calvario

    La morte di Gesù

    Dopo la morte di Gesù

    La sepoltura

    La custodia del sepolcro

    Introduzione

    La vita e l’ambiente di Louis Chardon

    ¹

    Louis Chardon nacque a Clermont-de-l’Oise (a 70 Km circa a nord di Parigi) probabilmente nei primi giorni di marzo del 1595, in quanto fu battezzato il 12 marzo di quell’anno con il nome di Jean. Apparteneva a una famiglia della piccola nobiltà dell’Oise, la quale si distingueva per aver dato i natali a diversi uomini di legge ed ecclesiastici.

    La sua famiglia, viste le sue promettenti capacità intellettuali, lo inviò a Parigi per gli studi universitari. Durante questi anni probabilmente frequentò, oltre ai corsi dell’Università, anche i salotti dei Preziosi, veri e propri centri di raffinata cultura letteraria che raccoglievano la più alta aristocrazia e la migliore borghesia di Parigi: ciò gli consentì di approfondire e coltivare la cultura letteraria ed umanistica, per la quale ebbe sempre una viva passione.

    Sempre in questi anni Chardon è affascinato dalla vita interiore e dalla preghiera. Mosso da questi desideri, conosce l’Ordine Domenicano frequentando il Convento dell’Annonciation e nel maggio del 1618, a ventitré anni, abbandona ogni cosa e chiede di entrare nell’Ordine di san Domenico. Egli fu sicuramente attratto dalla vita evangelica esemplare che i frati del Convento dell’Annonciation conducevano. In quegli anni, infatti, questo Convento di Parigi era uno dei diciotto che formavano la Congregazione riformata di san Luigi, fondata alla fine del 1500 da Sébastien Michaëlis (1543-1618), il quale si proponeva il rinnovamento spirituale dell’Ordine Domenicano accordando molta importanza non solo alla povertà e alla vita comune, ma anche alla celebrazione liturgica dell’Ufficio divino, della Messa, dei Sacramenti e alla meditazione metodica, detta anche più semplicemente orazione². Oltre tutto, proprio in quegli anni era priore il padre Michaëlis e il Convento dell’Annonciation non era un comunità come tutte le altre della Congregazione riformata di san Luigi, ma era sede del Noviziato generale, sotto la diretta giurisdizione del Maestro dell’Ordine, e perciò aveva il compito di formare i frati che avrebbero diffuso in tutti i Conventi della Francia la riforma della vita religiosa domenicana. Quindi, si può facilmente immaginare quale fosse il fervore religioso, lo zelo apostolico e l’osservanza regolare di questo Convento parigino.

    La chiesa conventuale doveva essere particolarmente nota ai parigini come un luogo di intensa vita di preghiera. Infatti, era frequentata da una folla di persone desiderose di progredire spiritualmente e lo stesso re, Luigi XIII, la scelse per ringraziare Dio del successo ottenuto contro gli ugonotti davanti a La Rochelle nel 1628. Inoltre, poteva vantare tra i propri benefattori le più illustri famiglie della nobiltà parigina, come i Gondi e i Vendôme.

    Inoltre, questa comunità religiosa si distingueva anche per un’intensa vita intellettuale che non aveva nulla da invidiare a quella del più antico e celebre Convento di Saint-Jacques. Anzi, mentre la formazione culturale curata in quest’ultimo Convento si caratterizzava prevalentemente per una schietta e pura fedeltà alla teologia scolastica, quella impartita dal Convento dell’Annonciation si sforzava di coniugare la migliore tradizione teologica scolastica con la cultura umanistica e classica e con le moderne conoscenze scientifiche³. Questa maggiore sensibilità alle vicende culturali del tempo propria del Convento dell’Annonciation è testimoniata dal fatto che esso fu famoso per aver ospitato fra Tommaso Campanella negli ultimi quattro anni della sua vita, cioè dal 1635 al 1639. Tutti gli uomini di cultura che si trovano a Parigi in quegli anni ambivano a frequentare questo Convento e il suo dottissimo religioso: tra questi vanno ricordati almeno Gassendi, Mersenne, Descartes. La biblioteca del Convento era particolarmente prestigiosa e fornita, in quanto poteva contare sul mecenatismo del Delfino di Francia, essendo intitolata a lui.

    Chardon, abbracciando la vita religiosa, cambiò il suo nome di battesimo Jean in quello di Louis ed emise la sua professione religiosa il 26 maggio 1619. Una volta ordinato sacerdote, fu nominato sostituto del maestro dei novizi: questo particolare è segno della stima e della fiducia che Chardon godeva tra i suoi confratelli e soprattutto presso il maestro dei novizi di quel tempo, cioè il padre Jean-Baptiste Carré, considerato dai suoi contemporanei un uomo di virtù talmente straordinarie e un religioso così osservante che il Maestro dell’Ordine, Nicolò Ridolfi, gli affidò la fondazione del Noviziato generale per la riforma dell’Ordine in Francia. Durante questi anni in cui aiutava il maestro dei novizi nella formazione dei giovani frati, Chardon scrisse probabilmente la sua prima opera, La vita del devoto frate Simon Balièvre, con la quale proponeva all’imitazione dei novizi la vita fervente ed edificante di quel giovane frate morto in concetto di santità durante il suo noviziato.

    Dal 1630 Chardon non è più sostituto del maestro dei novizi, ma non sappiamo perché fu sollevato da quell’ufficio, né quale fu il suo nuovo ministero. Il Capitolo della sua Congregazione riformata, il 28 giugno 1632, lo assegna al Convento di Tolosa con l’incarico di predicatore ordinario⁴. Non sappiamo quanti anni Chardon abbia soggiornato a Tolosa, l’unica cosa certa è che tredici anni dopo, nel 1645, Chardon è di nuovo

    a Parigi, nel suo Convento dell’Annonciation. In questi anni egli dà alle stampe le sue opere: nel 1647 La vita di san Sansone e La Croce di Gesù⁵; nel 1648 pubblica la traduzione francese de La dottrina di Dio insegnata a santa Caterina da Siena⁶; nel 1649 Il compendio dell’arte di meditare; l’anno successivo Le meditazioni sulla Passione di Nostro Signore Gesù Cristo e Le divine istituzioni delle lezioni della perfezione del venerabile padre Taulero.

    Durante questi anni si dedicò al ministero della confessione e della direzione spirituale. Fu uno dei direttori spirituali più ricercati e apprezzati della capitale francese: molte persone desiderose di crescere nella vita spirituale lo scelsero, infatti, come «direttore e guida sicura e sperimentata»⁷.

    Non mancarono, tuttavia, i momenti del dolore e delle croci: Chardon soffrì molto per le vicissitudini della riforma domenicana in Francia. L’autorevole e stimatissimo padre Carré, dopo tanti anni durante i quali era stato maestro dei novizi, fu destituito da quest’ufficio dal Maestro dell’Ordine in persona, l’8 luglio 1646; la sua permanenza a Parigi venne giudicata inopportuna e perciò fu trasferito nel Convento di Montpellier. Carré fu rimosso dal suo ufficio per il suo carattere fortemente accentratore e ancor più per il suo tentativo di formare, insieme ai frati usciti dal suo noviziato, una nuova Congregazione religiosa riformata. Alcune pagine de La Croce di Gesù descrivono velatamente, senza mai fare alcun nome, le vicende travagliate del noviziato e la personalità dura e intransigente del padre Carré e riflettono le amarezze e sofferenze spirituali dello stesso Chardon⁸. Questi, tre anni dopo, nel 1649, fu implicato in tale vicenda: si adoperò insieme ad altri frati perché il Parlamento di Parigi sostenesse l’iniziativa di sottrarre alla giurisdizione del Maestro dell’Ordine il Convento dell’Annonciation e di renderlo soggetto alla Congregazione riformata di san Luigi. Questo progetto aveva come conseguenza che tutti i frati formati in quella comunità dopo il noviziato non sarebbero stati più dispersi nei diversi Conventi francesi, ma avrebbero dovuto essere assegnati soltanto a Conventi di quella Congregazione. Di fronte a quest’iniziativa il Maestro dell’Ordine, Tommaso Turco, reagì prontamente: il 1° novembre 1649 ordinò al vicario generale della Congregazione riformata di san Luigi di trasferire da Parigi alcuni frati, tra cui il nostro Chardon. Tuttavia, sembra che quest’ordine non abbia avuto alcuna conseguenza pratica, in quanto due anni più tardi, il 17 agosto 1651, Louis Chardon morirà di peste nel suo amato Convento dell’Annonciation e lo stesso Maestro dell’Ordine, Tommaso Turco, invierà subito dopo al priore di quella comunità una lettera nella quale scriveva con paterna affabilità: «Piangerei con voi per la morte del padre Chardon, se non fosse stata così pia e dolce»⁹.

    Questa lettera scritta dal Maestro dell’Ordine è un’ulteriore testimonianza del fatto che Louis Chardon doveva essere una personalità di spicco all’interno della riforma domenicana in Francia e un religioso di esemplari virtù cristiane. Oggi è considerato come uno dei più grandi mistici francesi¹⁰.

    Le meditazioni sulla passione di Gesù

    La struttura dell’opera

    La struttura dell’opera è descritta dallo stesso Chardon nella Prefazione e presenta almeno due aspetti di indubbia originalità. Il primo è la sua divisione in 366 brevi meditazioni, una per ogni giorno dell’anno. Mentre il secondo consiste nell’estrema semplicità delle singole meditazioni, soprattutto se confrontata con l’analitica suddivisione suggerita dai metodi di meditazione allora molto in voga. Quasi tutte le singole meditazioni si compongono di due parti, «la riflessione» e «gli affetti».

    La riflessione non è altro che una considerazione che prende le mosse dal brano evangelico, spesso molto breve, che apre la singola meditazione. Chardon condivide con il suo lettore ciò che la sua contemplazione gli ha suggerito circa quel versetto biblico della passione di Cristo. La riflessione, cioè, corrisponde all’aspetto contemplativo e propriamente intellettuale della meditazione. Lo stile e il linguaggio sono volutamente molto semplici, anche se spesso vengono richiamate profonde e dense verità di fede.

    Gli affetti occupano l’ultima parte della meditazione e corrispondono all’aspetto affettivo della meditazione. Sono deliberatamente molto brevi e iniziano con l’espressione «Anima fedele». Qui Chardon, come esperto maestro di vita spirituale, suggerisce alcune applicazioni molto pratiche della riflessione precedente, esorta all’esercizio delle virtù teologali e morali, eccita la volontà del suo lettore all’amore di Dio e soprattutto alla penitenza e a conformare la propria volontà a quella di Dio.

    Questa struttura, volutamente molto semplice, mette subito in risalto il contenuto teologico e cristologico della riflessione, la profonda unità esistente tra la «riflessione» e gli «affetti» e la consequenzialità esistente tra queste due parti. Chardon, conformemente alla tradizione domenicana, si rivela un autentico maestro nel saper coniugare sapientemente la contemplazione e l’azione, l’aspetto intellettuale e quello pratico della propria fede, come si era anche proposto nel suo indiscusso capolavoro, La Croce di Gesù¹¹.

    Quali sono gli obbiettivi che Chardon si propone con queste Meditazioni?

    Accendere il fuoco della carità

    Il nostro frate domenicano ci svela i suoi propositi nella Prefazione.

    Innanzitutto Chardon desidera aumentare il fuoco della carità dei nostri cuori, quel fuoco che Gesù

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1