Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

L'impero romano: Giulio Cesare

L'impero romano: Giulio Cesare

Leggi anteprima

L'impero romano: Giulio Cesare

Lunghezza:
55 pagine
36 minuti
Editore:
Pubblicato:
17 mag 2021
ISBN:
9788726886962
Formato:
Libro

Descrizione

Chi era Gaio Giulio Cesare? Dall'esilio volontario per sfuggire alla mano di Silla, all'inizio della sua carriera politica e al pontificato nell'Antica Roma, dalla congiura di Catilina alla campagna in Gallia, dal passaggio del Rubicone alla campagna africana e agli attimi precedenti il tragico epilogo delle Idi di marzo. Questo saggio storico ripercorre la storia del grande Imperatore e i momenti cruciali della sua vita. Una vita dedicata interamente al suo Impero romano, guidata dalla fortuna e dalla consapevolezza che il destino è racchiuso in un lancio di dadi e che la vittoria altro non è che una dea bendata.-
Editore:
Pubblicato:
17 mag 2021
ISBN:
9788726886962
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a L'impero romano

Libri correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

L'impero romano - Giancarlo Villa

L’impero romano: Giulio Cesare

I personaggi e l'uso del linguaggio nell'opera non esprimono il punto di vista dell'editore. L'opera è pubblicata come un documento storico che descrive la sua percezione umana contemporanea.

Copyright © -, 2021 Giancarlo Villa and SAGA Egmont

All rights reserved

ISBN: 9788726886962

1st ebook edition

Format: EPUB 3.0

No part of this publication may be reproduced, stored in a retrievial system, or transmitted, in any form or by any means without the prior written permission of the publisher, nor, be otherwise circulated in any form of binding or cover other than in which it is published and without a similar condition being imposed on the subsequent purchaser.

www.sagaegmont.com

Saga Egmont - a part of Egmont, www.egmont.com

Cesare, l'immortale

Fàrsalo, Tessaglia, 9 agosto dell'anno 48 Avanti Cristo.

I legionari romani guardano negli occhi altri legionari. Le stesse insegne latine, gli stessi stendardi, sventolano da entrambi i lati del campo di battaglia, su tutti e due gli schieramenti che si fronteggiano.

La guerra civile tra Pompeo e Cesare, che per diversi anni ha macchiato di sangue la Repubblica Romana, è giunta al suo epilogo.

Le forze di entrambi i generali sono al loro completo. Dopo un lungo inseguimento ed alcuni scontri marginali, entrambi i protagonisti sanno che l'esito di questa battaglia segnerà per sempre non solo il loro destino, ma anche quello di Roma.

Pompeo, tuttavia, gioca in casa. La città di Fàrsalo, in Grecia, è da sempre uno dei suoi avamposti, ed il campo di battaglia, in questo torrido giorno di agosto, è molto diverso da ciò a cui sono abituati gli uomini di Cesare, cioè le fredde foreste della Gallia e della Germania, dove hanno ottenuto numerose vittorie.

Tra gli uomini di Giulio Cesare, sia pure i legionari migliori e meglio addestrati che la storia abbia mai conosciuto, serpeggia una certa preoccupazione.

Il loro generale, quel mattino, sembra distratto. I suoi occhi non sono sull'esercito nemico, ma guardano il paesaggio, corrono lungo le colline, persi in pensieri che forse solo egli stesso può capire. Il loro destino è, come al solito, nelle sue mani.

Generale! Generale! dice un ufficiale, preoccupato. Gli uomini di Pompeo sono in grande superiorità numerica. Si sono appostati lassù, sulla collina, dove sarà molto difficile attaccarli. La loro cavalleria non aspetta altro che di piombarci addosso, sorprendendoci ai fianchi.

Cesare non risponde subito. La sua mente sembra essere altrove.

Pompeo è un abile generale risponde infine, sorridendo. Ha allestito il campo di battaglia a suo favore, sfruttando la geografia del luogo, ed i numeri sono dalla sua. La vittoria sembrerebbe fuori dalla nostra portata...

Gli uomini intorno a Cesare si guardano, preoccupati da quelle parole. Hanno sentito bene? Il loro generale, l'invincibile Cesare, ha deciso di arrendersi?

Dunque... dunque ci ritiriamo, generale? chiede l'ufficiale. Devo dare l'ordine agli uomini?

Ritirarsi? risponde Cesare. Il suo sguardo si fa improvvisamente severo, determinato. "Soldato, entro stasera, questa battaglia sarà finita. E tutto il territorio di Roma sarà sotto il mio potere. Dalla Britannia all'Africa, dalla Germania alla Spagna, nessuno

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di L'impero romano

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori