Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Giustino ama gli animali e la natura: Come i Maestri insegnano ai ragazzi di tutte le età il Tutto-Uno-Assoluto
Giustino ama gli animali e la natura: Come i Maestri insegnano ai ragazzi di tutte le età il Tutto-Uno-Assoluto
Giustino ama gli animali e la natura: Come i Maestri insegnano ai ragazzi di tutte le età il Tutto-Uno-Assoluto
E-book295 pagine2 ore

Giustino ama gli animali e la natura: Come i Maestri insegnano ai ragazzi di tutte le età il Tutto-Uno-Assoluto

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Giustino, che non a caso è chiamato dai parenti e dagli amici “il santarello”, è un “ragazzino verde”, perché già intuisce che gli animali e la natura sono i suoi “fratelli minori”. Cerca di non fare loro del male e di prendere da essi il meno possibile, perché intuisce che solo così ci si arricchisce. I Maestri che si manifestano attraverso grandi medium, da decine di anni ripetono che gli uomini che vivono nei pianeti superiori non uccidono più i loro fratelli minori per nutrirsi, ma si alimentano, i più evoluti, con pillole e, i meno evoluti, del regno vegetale. È quello che sulla Terra accade all’uomo che sceglie di essere vegetariano o vegano.
LinguaItaliano
Data di uscita22 mar 2021
ISBN9788892951501
Giustino ama gli animali e la natura: Come i Maestri insegnano ai ragazzi di tutte le età il Tutto-Uno-Assoluto
Leggi anteprima

Leggi altro di Vitaliano Bilotta

Correlato a Giustino ama gli animali e la natura

Recensioni su Giustino ama gli animali e la natura

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Giustino ama gli animali e la natura - Vitaliano Bilotta

    Copertina: «Giustino ama gli animali e la natura», di Vitalino Bilotta

    Molti anni fa con un gruppo di amici ci riunimmo per leggere e commentare l’insegnamento che giungeva dalla coscienza estesa di coloro che noi chiamiamo Maestri o Guide. Tale coscienza ripete che il fine ultimo dell’uomo è l’evoluzione della coscienza. Chiamammo perciò quest’unione di amici Evolvenza.

    Iniziammo ad applicare l’insegnamento dei Maestri cercando una risposta alla domanda: «Perché la vita è così?».

    Da questo intenso lavoro interiore sono nati studi di narrativa attiva, in cui il protagonista del racconto comprende il motivo evolutivo per cui accade un particolare evento nella sua vita. La narrativa attiva presenta, perciò, due anime: è un saggio e, insieme, una narrazione.

    evolvenza, numero 8

    evolvenza

    © 2021 Gruppo editoriale Tab s.r.l.

    viale Manzoni 24/c

    00185 Roma

    www.tabedizioni.it

    Prima edizione marzo 2021

    ISBN 978-88-9295-150-1

    È vietata la riproduzione, anche parziale,

    con qualsiasi mezzo effettuata,

    compresa la fotocopia,

    senza l’autorizzazione dell’editore.

    Tutti i diritti sono riservati.

    Vitaliano Bilotta

    Giustino ama

    gli animali

    e la natura

    Come i Maestri insegnano

    ai ragazzi di tutte le età

    il Tutto-Uno-Assoluto

    Logo evolVenza

    ai Maestri

    che si manifestano

    attraverso grandi medium

    Domanda: Papà, dopo gli animali e la natura, noi rimaniamo?

    Risposta: Certo, perché noi siamo già la natura e gli animali.

    V.B.

    Le margherite

    1. Pancia a terra

    Giustino si sdraiò sul prato pancia a terra e guardò davanti a sé; un mare di margherite gli venne incontro allegramente. Pensò che lì si trovava bene e anzi, che lì voleva rimanere per sempre, come un bruco sulla foglia, come un passero nel cielo, come un’ape nel suo fiore.

    Ma quel giorno di festa finiva e Giustino sapeva che doveva tornare a casa, imprigionato nel fiume di macchine che rientravano nella grande città, nella fucina di nevrosi, come diceva il padre.

    2. Specie in pericolo

    Prese dai jeans sdruciti il Libretto verde del WWF, dov’erano elencate le specie animali rare o in pericolo di estinzione e iniziò a leggere. Da quell’opuscolo aveva tratto il suo vademecum, il suo quaderno di appunti sulla natura, con cui Giustino riviveva sensazioni ed emozioni di vite passate.

    Per l’ennesima volta prese in mano le pagine spiegazzate del libretto e corse alla pagina che lo interessava di più, a quella che riportava la foto maestosa dell’Aquila Imperiale e rilesse avidamente:

    3. Aquila imperiale (Aquila heliaca)

    «Questa grande aquila dal piumaggio bruno scuro con macchie chiare sulla nuca e sulle spalle ha un’apertura alare che può superare i due metri. La sottospecie della penisola iberica vive nella macchia mediterranea. Va a caccia di mammiferi di piccole e medie dimensioni: uccelli (anatre, trampolieri, gazze ecc.), rettili e carogne. È presente con due distinte popolazioni: una nell’Europa orientale e balcanica fino a gran parte dell’Unione Sovietica meridionale e all’Asia centrale e l’altra nella penisola Iberica. È il rapace più minacciato in Europa a causa della caccia, del bracconaggio e della distruzione del suo ambiente di vita (taglio degli alberi, scomparsa di alcune sue prede)…».

    Giustino sfogliò altre pagine, per fermare meglio nella memoria i nomi degli animali, della natura che amava tanto.

    Ma non era perché in altre vite la natura l’aveva tanto disprezzata?

    4. Sparare

    Forse per questo Giustino stimava tanto lo zio che la domenica usciva di mattina presto per andare a caccia nell’aria lenta odorosa di alghe, di pace e di fango salato. Lo zio se ne andava col fucile ma non si poteva dietro le cartucce. Invece di sparare, ammirava le covate delle anitre e la casa del capriolo.

    5. Cammello di Battriana

    (Camelus bactrianus)

    «Il cammello ha due gobbe, a differenza del suo simile dromedario che ha una gobba sola; zampe molto lunghe, collo lungo e arcuato. Sopravvive ancora con una piccola popolazione selvatica. Ha la capacità di fare riserva d’acqua e di poter vivere molti giorni senza bere. Vive nella regione del Gobi (Mongolia sudoccidentale) e in altri gruppi nella Cina nordoccidentale. Dal 1986 è stato creato il Parco Nazionale mongolo del Gobi per proteggerlo».

    6. Parchi nazionali

    «Ma se la natura ha deciso che una specie si deve estinguere, a che servono i parchi nazionali? Non sono inutili?».

    Sempre, la Legge che comandava la natura interessava Giustino.

    Ma un giorno mentre andava a scuola, il semaforo in cima alla scogliera che si rifletteva ora sì ora no nell’acqua rosa, smise ad un tratto di funzionare e il lampione vicino a casa sua, che ridacchiava con quella sua grande testa priva di bocca si spense, anche lui di colpo.

    Allora Giustino pensò che forse anche i parchi nazionali erano giusti, finché la natura non li spegneva del tutto, come le vite dei dromedari e dei cammelli.

    Quella mattina fotografò lo stormo degli uccelli che si contorceva nel cielo terso della mattina presto.

    Lesse ancora:

    7. Castoro europeo (Castor fiber)

    «Sebbene non sia in immediato pericolo di estinzione, si è drasticamente ridotto di numero a causa della distruzione del suo habitat e dell’intensa caccia a cui era sottoposto (per la pelle, per la coda che era considerata un cibo prelibato, per alcune ghiandole, anticamente utilizzate in medicina. Un tempo era diffuso in quasi tutta l’Europa ad est dei Pirenei, nelle isole britanniche e in buona parte dell’Asia centrosettentrionale; oggi è presente solo in poche delle regioni originarie. Per la sua protezione è indispensabile la costituzione di aree protette».

    Ma quali aree protette? Giustino pensò alla fotografia che aveva scattato pochi giorni prima e che era in un certo senso simbolica dell’offesa che l’uomo fa ogni giorno alla natura: sul litorale di Casco dell’Acqua, a pochi metri dalla spiaggia invasa dal cemento, aveva visto una grande aquila, quasi priva di piume stecchita sull’asfalto. Giustino l’aveva fotografata più volte con l’intenzione di affiggere quella foto nella bacheca della scuola.

    Ma poi non lo aveva fatto.

    Continuò a leggere, con una gran voglia di fare per gli amici animali:

    8. Cavallo di Przewalski (Equus przewalskii)

    «Piccolo di statura, corpo robusto, manto rossiccio, con una folta e irta criniera. Vive nella steppa asiatica. Gli esemplari esistenti sono circa 550. Fu scoperto dal Capitano di cavalleria russo Nicola Michajlovich Przewalski, ma solo in seguito ci si rese conto che era una specie molto rara. Il suo declino è dovuto non solo alla caccia delle popolazioni nomadi (per il cibo e per la pelle) ma anche per la crescente competizione fra l’animale e le mandrie domestiche, in cerca di nuovi pascoli e soprattutto di acqua. Il futuro del cavallo di Przewalski è legato al successo delle reintroduzioni degli individui allevati in cattività».

    Ma che cosa poteva fare lui, studente delle medie, a cui le buche delle lettere gli facevano paura, perché gli ricordavano la letterina di Natale?

    Ricordò che in una riunione natalizia in cui i cugini avevano letto ognuno la sua letterina davanti ai genitori, lui davanti a sua madre aveva letto il corpo umano, che l’insegnante di scienze aveva dettato a scuola il giorno prima a scuola.

    9. Cervo sardo (Cervuus elaphus corsicanus)

    «Più piccolo del Cervo continentale (Cervo nobile europeo), ha corporatura compatta, pelame più scuro e rossiccio fino a diventare quasi nerastro in inverno. Corna che raggiungono 75 cm. di lunghezza. Limitato a due foreste della Sardegna. Specie in pericolo. Circa 240-330 esemplari. Il cervo sardo è, con la Foca monaca, una delle specie che corrono maggior pericolo di estinzione. Un progetto WWF¹-IUCN² prevede di costituire in Corsica un gruppo riproduttore per tentare la reintroduzione. Il WWF italiano ha in progetto di acquistare e proteggere uno dei territori in cui vive».

    10. Senza difendersi

    Mentre il pomeriggio Giustino faceva i compiti quasi all’oscuro, perché gli piaceva la penombra, si avvicinava alle persiane e udiva il cinguettio delle rondinelle che nel nido sotto la grondaia aspettava il cibo dalla madre. Allora si commuoveva e, se lo raccontava a scuola, i compagni lo prendevano in giro; Giustino si allontanava senza difendersi.

    11. Irbis (Panthera uncia)

    «Simile al leopardo, è lungo più di due metri compresa la coda, ha una folta pelliccia di colore grigio con grosse macchie scure. È il felino che raggiunge le più alte quote delle montagne, suo ambiente di vita: si trova oltre i 6.000 m. e solo d’inverno può scendere al di sotto dei 3.000 m. Attivo soprattutto di notte, caccia erbivori d’alta quota e piccoli mammiferi. È il più raro dei grandi felidi. Le cause della sua netta diminuzione sono la caccia con trappole per la pelliccia pregiata, la scarsità di prede e il basso tasso di riproduzione. Quasi introvabile a causa dell’habitat inospitale in cui vive, è stato osservato molto raramente in libertà».

    12. La natura ne imponeva gli effetti

    Giustino pensava che l’estinzione che la Panthera uncia avveniva per le trappole per la pelliccia, per la scarsità di prede e il basso tasso di riproduzione. Lui era certo però che quando la natura decideva qualcosa era sempre per una concomitanza di cause, le quali, tutte, nel momento in cui la natura ne imponeva gli effetti, erano sempre le più giuste possibili.

    Giunse a leggere di un cugino della talpa:

    13. Desman dei Pirenei

    (Galemys pyrenaicus)

    «Piccolo insettivoro, parente stretto della nostra talpa. Ha una bella pelliccia di colore bruno sul dorso e bianca nelle parti inferiori. Vive vicino ai corsi d’acqua. Esce di notte. Si ciba di insetti acquatici, piccoli pesci e crostacei. Presente nella catena dei Pirenei e sui monti della Penisola Iberica dai 300 ai 1.200 m. Le cause che minacciano questa specie sono: inquinamento dei corsi d’acqua, installazioni di centrali elettriche, costruzioni di dighe, ecc. Attualmente sono in corso studi sulla biologia e il comportamento di questo animaletto e un piccolo nucleo viene tenuto in cattività per la riproduzione».

    Una notte Giustino sognò a lungo che aveva preso a calci questo piccolo insettivoro, per strappargli la pelliccia. Ma quando la mattina, appena sveglio, si pentì di quello che aveva fatto di notte, pensò che, forse, quando lui era stato un avvoltoio, si era precipitato tante volte su quel piccolo animaletto per mangiarlo.

    14. Pianeta del sentire

    Giustino avrebbe voluto sognare il pianeta del sentire, lo stesso che gli faceva

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1