Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Psicologia dei social network. Chi (non) vogliamo essere online

Psicologia dei social network. Chi (non) vogliamo essere online

Leggi anteprima

Psicologia dei social network. Chi (non) vogliamo essere online

Lunghezza:
236 pagine
58 minuti
Pubblicato:
17 dic 2020
ISBN:
9788864589398
Formato:
Libro

Descrizione

“Una volta avevo una vita. Ora ho un computer e una connessione Wi‑Fi”: potrebbe riassumersi con questa frase che, appunto, circola sul web, il concetto di vita che abbiamo noi oggi. Siamo in balia di un flusso di informazioni che trovano la propria sponda tra i margini di uno schermo di un PC o di un display di uno smartphone. Concetto fondamentale è “esserci”, essere presenti, “condividere”. Quella condivisione che detta le nuove regole di galateo e di recitazione su un palcoscenico virtuale che accoglie tutti e dove questi “tutti” esprimono loro stessi senza timore di essere giudicati come nella realtà. Sbagliando, perché è proprio qui – sui social media – che i giudizi si articolano, si scagliano, a volte, in maniera piuttosto violenta verso chi ha osato, chi ha avuto il coraggio di mostrarsi. Pregi, ma soprattutto difetti vengono analizzati dal popolo, sciorinati, scandagliati e picconati sul personaggio di turno, sullo sconosciuto che vuole emergere e semplicemente farsi notare. Ed è qui che si districano nuovi rapporti sociali, nuove figure con un loro modo di agire, pensare, comportarsi, porsi e comunicare. Perché sì, i social network non sono solo nuove forme di comunicazione, sempre in evoluzione, sempre alla ricerca del “nuovo”. Sono anche, e soprattutto, nuovi e inediti divani da psicologo dove si adagiano caratteri, più o meno simili, con tratti ben delineati e che, seppur non è sempre semplice distinguere, non fanno altro che creare altri stereotipi, e poi altri ancora. Sempre in quel flusso di immagini, informazioni e video che ci travolge ogni giorno. Che lo vogliamo o meno.
Pubblicato:
17 dic 2020
ISBN:
9788864589398
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Psicologia dei social network. Chi (non) vogliamo essere online

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Psicologia dei social network. Chi (non) vogliamo essere online - Federica Vitale

Federica Vitale

Psicologia dei social network

Chi (non) vogliamo essere online

Copyright © 2020 Tangram Edizioni Scientifiche

Gruppo Editoriale Tangram Srl

Via dei Casai, 6 – 38123 Trento

www.edizioni-tangram.it

info@edizioni-tangram.it

Collana Orizzonti – NIC 60

Prima edizione digitale: dicembre 2020

ISBN 978-88-6458-209-2 (Print)

ISBN 978-88-6458-939-8 (ePub)

ISBN 978-88-6458-940-4 (mobi)

In copertina: Fourleafclovermom, Federica Vitale

Della stessa autrice: L’universo africano di Karen Blixen, Seconda edizione, 2014

Il libro

Una volta avevo una vita. Ora ho un computer e una connessione Wi-Fi: potrebbe riassumersi con questa frase che, appunto, circola sul web, il concetto di vita che abbiamo noi oggi. Siamo in balia di un flusso di informazioni che trovano la propria sponda tra i margini di uno schermo di un PC o di un display di uno smartphone. Concetto fondamentale è esserci, essere presenti, condividere. Quella condivisione che detta le nuove regole di galateo e di recitazione su un palcoscenico virtuale che accoglie tutti e dove questi tutti esprimono loro stessi senza timore di essere giudicati come nella realtà. Sbagliando, perché è proprio qui – sui social media – che i giudizi si articolano, si scagliano, a volte, in maniera piuttosto violenta verso chi ha osato, chi ha avuto il coraggio di mostrarsi. Pregi, ma soprattutto difetti vengono analizzati dal popolo, sciorinati, scandagliati e picconati sul personaggio di turno, sullo sconosciuto che vuole emergere e semplicemente farsi notare. Ed è qui che si districano nuovi rapporti sociali, nuove figure con un loro modo di agire, pensare, comportarsi, porsi e comunicare. Perché sì, i social network non sono solo nuove forme di comunicazione, sempre in evoluzione, sempre alla ricerca del nuovo. Sono anche, e soprattutto, nuovi e inediti divani da psicologo dove si adagiano caratteri, più o meno simili, con tratti ben delineati e che, seppur non è sempre semplice distinguere, non fanno altro che creare altri stereotipi, e poi altri ancora. Sempre in quel flusso di immagini, informazioni e video che ci travolge ogni giorno. Che lo vogliamo o meno.

L’autrice

Federica Vitale è giornalista pubblicista. Laureata in Lingue e Letterature Straniere nel 2003, ha proseguito gli studi conseguendo una laurea in Scienze e Tecniche della Comunicazione e Relazioni Internazionali. Attualmente scrive per diversi siti di informazione online ed è un’appassionata traduttrice. Il suo percorso formativo l’ha portata a specializzarsi nell’analisi della letteratura e delle sue trasposizioni cinematografiche. Ama scrivere ed esprimersi anche attraverso la fotografia.

I social media danno diritto di parola

a legioni di imbecilli

Umberto Eco

A te, che sei sempre con me…

Psicologia dei social network

Chi (non) vogliamo essere online

Introduzione

Social Network, una moderna versione de La finestra sul cortile

La popolarità di una persona, oggi, si misura in Mi piace e Followers. La generazione di Facebook e Instagram la vive così, spesso scadendo in una vita grigia fatta di un consenso altrui che (in alcuni casi) non arriva. Erano stati creati per unire, i social media. Hanno finito per dividerci.

Hanno diviso le platee, hanno diffuso la violenza, hanno dato la parola a tutti. Veramente tutti. Quest’ultimo aspetto dovrebbe essere decisivo e decretarne l’effettiva predisposizione favorevole e mood positivo e farne sinonimo di utilità che, spesso, gli affidiamo. No, non è così se l’inciviltà si nasconde dietro uno schermo e l’opinione e la libertà di parola vengono confuse con l’offesa gratuita, il vilipendio, lo sproloquio e la bestemmia.

No, non sono contraria ai social network. Anzi. Nonostante quel che possa sembrare da quanto esposto finora, ritengo che essi abbiano cambiato il nostro atteggiamento verso l’informazione, verso i confini che spesso tentiamo di stringere e, invece, i social cercano di aprire e allargare.

Il problema non sono i social media, sono le persone. Non dimentichiamo che queste piattaforme, siano esse dedicate alle immagini, alla condivisione di status e di vite parallele, sono pur sempre cose e hanno vita se c’è qualcosa o qualcuno che gliela plasma attorno. Non possiamo, infatti, scagliarci contro Facebook se nei commenti ci sono, come ingredienti indispensabili, odio e violenza. Questi, infatti, sono il frutto di menti sottosviluppate che trovano nei social una piazza in cui sfoggiarsi, pavoneggiarsi e sfogarsi. Non possiamo nemmeno additare Instagram o, ancora, Facebook per la diffusione di immagini inutili, spesso cruente per suscitare coinvolgimento emotivo. Spetta a chi le pubblica avere il buon gusto di discernere l’utilità dal non avere alcun significato, alcun beneficio.

Sì, è qui, più che altrove, che vale il discorso se per me vuol dire qualcosa, la pubblico. Ma è pur vero che, come non andiamo per strada in mutande, sarebbe il caso di riconoscere che le community, seppur virtuali, sono pur sempre comunità, per l’appunto.

No, su Facebook e sui social in genere tutto è lecito. I ragazzini possono offendere coetanei e professori, gli adulti possono offendere altri adulti e dire la

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Psicologia dei social network. Chi (non) vogliamo essere online

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori