Goditi subito questo titolo e milioni di altri con una prova gratuita

Gratis per 30 giorni, poi $9.99/mese. Cancella quando vuoi.

Guida Tecnica Automobilistica - Dizionario Illustrato del Nuove Tecnologie: Automoción

Guida Tecnica Automobilistica - Dizionario Illustrato del Nuove Tecnologie: Automoción

Leggi anteprima

Guida Tecnica Automobilistica - Dizionario Illustrato del Nuove Tecnologie: Automoción

Lunghezza:
205 pagine
2 ore
Pubblicato:
Sep 2, 2020
ISBN:
9781393100089
Formato:
Libro

Descrizione

L'auto fa parte della nostra vita e, secondo uno studio del 2016, trascorriamo circa 25.000 ore alla guida, che corrispondono a circa 3 anni della nostra vita. L'auto è il nostro modo di vivere, perché grazie ad essa possiamo svolgere una vita sociale piena, grazie ad essa possiamo accedere al nostro modo di vivere, che è il lavoro, e in nessun momento possiamo fare a meno di questo mezzo di locomozione. Questo libro spiega uno per uno tutti i mezzi e tutti i progressi tecnologici che l'auto ha sperimentato dall'inizio ai giorni nostri, spiegando il veicolo in generale, con tutti i tipi di dettagli, motori, sistemi di frenata, sistemi di sicurezza. , in breve, tutti i componenti dell'automobile, inclusi tutti i progressi tecnologici nell'industria automobilistica.

Pubblicato:
Sep 2, 2020
ISBN:
9781393100089
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Guida Tecnica Automobilistica - Dizionario Illustrato del Nuove Tecnologie

Libri correlati

Articoli correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

Guida Tecnica Automobilistica - Dizionario Illustrato del Nuove Tecnologie - Jorge Lucendo

INDICE

DEFINIZIONE DI AUTOMOBILE

PRIMA AUTO DELLA STORIA

PARTI DI UN'AUTOMOBILE

DIZIONARIO TECNICO AUTOMOBILISTICO

A-B-C-D-E-F-G-H-I-J-K-L-M-N-O-P-Q-R-S-T-U-V-W-X-Z

DEFINIZIONE DI AUTOMOBILE

Questa voce è di origine francese ed è apparsa per la prima volta nel settembre 1875, come aggettivo, nella frase voiture automobüe, un'auto che si muove da sola, ispirata al modello locomobüe. Questo termine, che risale al 1808, era stato formato con il pazzo prefisso di «locomotiva», femminile dell'aggettivo locomotivo, termine e definizione derivante dal latino classico ¡ocus, luogo, e dal latino medievale motivus, relativo a movimento, e usato prima nell'espressione locomotiva faculté, la capacità di spostarsi da un luogo all'altro. Da locomobüe, in realtà un'abbreviazione di loco mobüe, cioè libero di muoversi senza binari, nasce quindi automobüe, composto dal greco autos, da solo, e dal latino mobüis, mobile: che si muove da solo stesso. Pertanto, il termine automobüe è ibrido, cioè metà greco e metà latino.

Questa voce è rimasta un aggettivo per molti anni. Limitato alla sua comparsa nel linguaggio dei tecnici, iniziò ad acquisire una certa popolarità l'anno successivo, principalmente per merito di un giornalista scientifico, Henri de Parville (1838-1909), scrittore e divulgatore di argomenti tecnici e scientifici, che parlò più volte della nuova invenzione e altri correlati in vari giornali francesi. Ad esempio, nel Journal des Débats del 30 marzo 1876, de Parville avvertì che "rien de si ingénieux, de sifacile á conduire que la voiture automobüe a air compressé that the voit fonctionner sur le tramway de VArc- de-Triomphe, à Neuilly ', (niente di così ingegnoso, così facile da guidare, come l'auto ad aria compressa che può essere vista correre sul tram VArc-de-Triomphe a Neuilly).

Solo intorno al 1890, 15 anni dopo la sua prima apparizione, la parola fu confermata. Dovettero trascorrere almeno altri 10 anni perché il termine, già popolare, fosse ridotto, per comodità, semplicemente ad automobile.

Per quanto riguarda l'aspetto della parola automobile in lingua spagnola, si può dire che abbia seguito la traiettoria della voce francese a pochi decenni di distanza. Infatti, ai primi veicoli alimentati da un motore a combustione interna (Bonet) sembra che non sia stata applicata la qualifica. Tuttavia, le officine La Cuadra sono già registrate (1898) come autovetture e la convalida è avvenuta praticamente in seguito.

PRIMA AUTO DELLA STORIA

Le prime automobili della storia furono quelle a vapore del XVIII secolo. Sebbene già nel XVII secolo il gesuita belga Ferdinand Verbiest (1623-1688), residente in Cina, inventò un piccolo veicolo di legno, alimentato a vapore. Ma la prima automobile funzionale fu chiamata Fardier, creata dall'ingegnere francese Nicolas-Joseph Cugnot (1725-1804) nel 1769. Nel 1860, l'ingegnere belga Jean Joseph Etienne Lenoir (1822-1900), ha brevettato il primo veicolo con motore a combustione interna a benzina.

PARTI DI UN'AUTOMOBILE

TELAIO

Costituisce la struttura dell'auto, in cui sono fissate tutte le altre parti che la compongono. Il telaio è metallico ed è solitamente realizzato con leghe che gli conferiscono leggerezza e resistenza allo stesso tempo, poiché questo è ciò che aumenta il suo valore nel mercato.

CARROZZERIA

Questo è il nome dato alla parte dell'auto in cui si trovano i passeggeri o il carico da trasportare. In alcuni casi, trattiene anche gli elementi meccanici del veicolo.

FRENI

Sono possibili due tipi di freni: freni a tamburo e freni a disco. Alcune vetture a trazione multipla utilizzano entrambi i tipi: uno per le ruote anteriori e l'altro per le ruote posteriori.

FRENI A TAMBURO

SONO COSTITUITI DA un tamburo mobile che viene montato sul mozzo della ruota mediante viti e riceve il movimento, e da una piastra freno fissa fissata al ponte. Sulla piastra sono installati gli elementi di attrito ei meccanismi che guidano il movimento delle scarpe.

FRENI A DISCO

La sua azione frenante è più energica, riducendo così il tempo e la distanza necessari per frenare. Ciò è dovuto al fatto che gli elementi di attrito sono montati in aria e hanno un migliore raffreddamento, il che rende più veloce l'assorbimento dell'energia e la sua trasformazione in calore.

FRENO A MANO.

Questa parte della vettura viene utilizzata manualmente e agisce meccanicamente sulle ruote posteriori mediante un sistema di aste o cavi che vengono azionati da una leva posta tra il sedile del guidatore e quello del passeggero anteriore. La funzione della leva è quella di amplificare la pressione frenante mentre il cavo bilancia le differenze di movimento delle aste.

SOSPENSIONE

QUESTO È IL NOME DATO all'insieme di parti elastiche che si interpongono tra gli organi sospesi, cioè il telaio, la carrozzeria, i passeggeri e il carico; e le parti non sospese, le ruote e gli assi.

Questo sistema di sospensione è costituito da un elemento flessibile (balestra o molla elicoidale, barra di torsione, molla in gomma, gas o aria) e l'ammortizzatore, la cui funzione è quella di neutralizzare le oscillazioni della massa sospesa quando l'elemento flessibile è si adatta ai terreni irregolari, per garantire il comfort del guidatore e dei passeggeri, mantenendo la stabilità e la direzionalità del veicolo.

RIDUTTORE

PARTI DEL CAMBIO.

Questo elemento di trasmissione è interposto tra il motore e le ruote per modificare i giri che danno e invertire il senso di rotazione nel caso in cui l'ingranaggio lo richieda, cioè invertire.

Pertanto, possiamo dire che funge da trasformatore di velocità e convertitore di coppia meccanico. Quest'ultima capacità è di vitale importanza per scalare pendii.

DIZIONARIO TECNICO AUTOMOBILISTICO

A – B – C – D – E – F – G – H – I – J – K – L – M – N – Ñ – O – P – Q – R – S – T – U – V – W – X - Z

A

ABC. Acronimo di Active Body Control, che significa in spagnolo, (controllo attivo della carrozzeria), utilizzato dal marchio tedesco Mercedes, nei suoi veicoli più prestigiosi. Un sistema elettropneumatico consente di regolare la rigidità della molla della sospensione e, in combinazione con la regolazione della rigidità dell'ammortizzatore, impedisce efficacemente al corpo di rotolare su forti supporti in curva.

ABRASIONE. È l'usura delle parti meccaniche prodotta dall'attrito. Il danno da attrito a elementi come il motore può essere grave poiché le parti soggette ad azione abrasiva possono rompersi o incrinarsi.

ACC. Acronimo di Automatic Cruise Control o che è lo stesso, (cruise control). Il sistema consente di mantenere automaticamente una velocità di crociera senza che il guidatore debba azionare l'acceleratore. Si scollega automaticamente se il freno viene applicato per evitare situazioni pericolose.

ACCELERATORE ELETTRONICO. Sistema mediante il quale il pedale dell'acceleratore non muove direttamente l'elemento che modifica il carico del motore, ma piuttosto dà un segnale elettrico tramite un potenziometro. In un motore a benzina, questo segnale elettrico è uno dei fattori che determina l'apertura dell'acceleratore. In un diesel, è uno dei fattori che determina il flusso di diesel. L'acceleratore elettronico sostituisce vantaggiosamente il cavo dell'acceleratore, perché può integrare funzioni come il controllo della trazione o della stabilità, oppure essere coordinato con il cambio automatico per agevolare il passaggio da una marcia all'altra, ad esempio. Inoltre, la relazione tra il movimento del pedale e la variazione del carico può essere variata, in modo da fornire due diverse risposte del pedale, come fanno i marchi Alfa Romeo o BMW. Un acceleratore elettronico è più affidabile di un cavo, che può rompersi o bloccarsi. In inglese, alcune persone si riferiscono al sistema dell'acceleratore elettronico come dirve by wire, dove wire dovrebbe essere inteso come un cavo di collegamento elettrico.

ACCELERATORE. Sistema che permette di variare la velocità del motore. Con una marcia innestata, si ottiene una maggiore velocità quando si calpesta questo elemento del veicolo. Ciò si ottiene regolando l'ingresso del carburante al motore o tramite la gestione del motore.

accelerazione.jpg

ACCELERAZIONE. È L'aumento della velocità. Nelle statistiche delle auto, l'accelerazione di un veicolo si ottiene misurando il tempo necessario per raggiungere una determinata velocità (solitamente 100 km/h) da fermo. Nelle vetture ad alte prestazioni viene solitamente indicato anche il tempo per raggiungere i 200 km/h, sempre dallo start-stop.

ACCENSIONE TRANSISTORIZZATA. Tipo di sistema di accensione che incorpora un transistor di tipo PNP o NPN, a seconda della derivazione di terra esistente (positiva o negativa) e che può essere trovato in sistemi di accensione con o senza interruttore, ad esempio tramite un generatore di impulsi (hall) .

ACCESO. Impianto elettrico o elettronico del veicolo incaricato di alimentare la scintilla interna al cilindro per l'esplosione della miscela.

ACCIAIO. Metallo formato da ferro e legato con carbonio in una proporzione compresa tra 0,03% e 2%. L'acciaio dolce si caratterizza per essere molto malleabile (con grande capacità di deformazione) e per avere una concentrazione di carbonio inferiore allo 0,2%. Al di sopra di questa percentuale di carbonio, l'acciaio diventa più duro (meno malleabile) ma più fragile (non si piega, si rompe). È possibile creare leghe di acciaio con cromo o vanadio, ottenendo una grande resistenza alla compressione o alla torsione. Le leghe di manganese conferiscono una grande durezza che riduce l'usura. Le leghe di nichel aumentano la resistenza alla corrosione. La durezza dell'acciaio può essere aumentata anche mediante trattamenti termici come tempra o rinvenimento.

ACCOPPIAMENTO IN VISCOSA.jpg

ACCOPPIAMENTO IN VISCOSA. Unione tra due alberi in movimento attraverso la tensione superficiale di un elemento viscoso. Ogni asse mobile ha una serie di dischi che ruotano in solidarietà con esso. I dischi che ruotano con un asse sono intervallati dai dischi che ruotano congiuntamente con l'altro asse. L'elemento viscoso (solitamente silicone) è inserito tra i dischi e la sua tensione superficiale è responsabile del trascinamento di un disco contro l'altro. Ruotando un asse e i suoi dischi, il silicone trasmette il movimento agli altri dischi e quindi all'altro asse. Se c'è una grande differenza di velocità tra gli alberi, il silicone si riscalda e si espande, aumentando la sua pressione sui dischi e trasmettendo più forza. Le velocità degli assi sono equalizzate. Questi accoppiamenti sono anche chiamati Ferguson e vengono utilizzati in alcuni differenziali a slittamento limitato. Un giunto viscoso è in grado di trasmettere la rotazione tra gli alberi fino ad una certa forza che dipende dal tipo di elemento viscoso, dalla pressione tra i dischi e dalla loro dimensione.

ACEA. Acronimo di Association of European Automobile Manufacturers. Tra le sue funzioni c'è la determinazione di standard di qualità per la classificazione degli oli utilizzati nei veicoli europei. La nuova classificazione dell'olio sostituisce la vecchia CCMC A per motori a benzina per autovetture, B per motori Diesel per autovetture, C per motori Diesel per veicoli commerciali.

ACIS (Acoustic Control Induction System). Sistema di induzione a controllo acustico Lexus che migliora la coppia a tutti i regimi, ma soprattutto ai bassi regimi, modificando la lunghezza del collettore di aspirazione in 3 stadi. Ciò si ottiene aprendo o chiudendo due valvole di regolazione della presa d'aria.

ACQUA DISTILLATA. Acqua pura, non contaminata, né da prodotti chimici, né da nient'altro, è il liquido che si ottiene condensando il vapore prodotto dall'ebollizione dell'acqua. Viene utilizzato per riempire le celle della batteria.

Sistema di frenata di emergenza.jpg

ADAM (ADVANCED DYNAMIC Aid System). Sistema di frenata di emergenza del gruppo VAG. Assistenza alla frenata che si attiva in situazioni estreme per garantire una frenata più efficace. Questo sistema riconosce, a seconda della forza applicata al pedale del freno, i momenti di pericolo e applica da solo tutta la forza necessaria. In questo modo si ottiene la massima efficienza in frenata, poiché il sistema aumenta la pressione sfruttando tutta la capacità del servofreno e consente sia al guidatore che al resto degli occupanti dell'auto di viaggiare in modo più sicuro.

ADB-X. Sistema BMW che sostituisce il bloccaggio del differenziale. È responsabile della distribuzione della trazione frenando ogni ruota che perde aderenza. Quella svolta viene assorbita dalle altre 3, 2 o 1 ruote, che rimangono in condizioni di aderenza per frenare.

ADDITIVI. Elementi naturali o chimici che vengono aggiunti a un prodotto per aggiungere o esaltare alcune delle sue caratteristiche. Sono utilizzati in lubrificanti, carburanti, refrigeranti, ecc.

ADDOMINALI. Acronimo di Anti Blockier System, o Anti-Lock Brake System, che significa, (sistema di frenatura antibloccaggio). Il sistema impedisce il bloccaggio delle ruote durante la frenata. È costituito da sensori induttivi posti su ciascuna ruota che ne misurano i giri. Una centralina elettronica elabora questi segnali e determina quando una ruota tende a bloccarsi. In quel momento viene azionato un modulatore idraulico che riduce la pressione idraulica sul freno ruota che tende a bloccarsi. Scomparsa la situazione pericolosa, il sistema ripristina la pressione sul freno. Il sistema ABS non riduce gli spazi di frenata (in alcune situazioni li allunga addirittura) ma mantiene il controllo del veicolo da parte del guidatore in ogni momento. Le ruote bloccate non sono in grado di trasmettere la guida laterale e le ruote si trascinano lungo la strada a seconda dell'inerzia del veicolo.

ADIVI. Sono le iniziali dell'alternatore e del sistema di avviamento incorporati nel volano motore.

ADVANCE-CASTER. Inclinazione longitudinale dell'asse del perno che permette allo sterzo di girare le ruote. Se l'avanzata è grande, la direzione diventa ferma e ritorna velocemente dopo una virata, ma rende lenta la reazione, al contrario, se l'avanzata è piccola, crea una direzione veloce ma eccessivamente nervosa. L'anticipo deve essere abbinato ad altre impostazioni delle sospensioni come l'inclinazione dell'asse di rotazione per evitare un eccessivo autoallineamento dello sterzo.

aerodinamica.jpg

AERODINAMICA. LO SPOSTAMENTO

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Guida Tecnica Automobilistica - Dizionario Illustrato del Nuove Tecnologie

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori