Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Cantate inni con arte e con suono melodioso: Riflessioni sulla tradizione romana e sul coro della Cappella Sistina

Cantate inni con arte e con suono melodioso: Riflessioni sulla tradizione romana e sul coro della Cappella Sistina

Leggi anteprima

Cantate inni con arte e con suono melodioso: Riflessioni sulla tradizione romana e sul coro della Cappella Sistina

Lunghezza:
69 pagine
1 ora
Editore:
Pubblicato:
22 ago 2020
ISBN:
9789887999478
Formato:
Libro

Descrizione

La Cappella Sistina, si dice spesso, è il coro del Papa. Questo è vero ma non dice tutto. Cioè la Cappella Sistina serve le celebrazioni liturgiche celebrate dal Santo Padre, ma non è il coro di questo o quel Papa, ma è il coro che serve l’istituzione papale stessa. Il Quirinale è a servizio del presidente della repubblica, ma non è di proprietà di Sergio Mattarella o di qualunque altro presidente. Il Quirinale è a disposizione dell’istituzione presidenziale, non delle singole persone. Per questo, il coro è chiamato a servire le celebrazioni presiedute dal Pontefice regnante ma anche a portare avanti un patrimonio ed una eredità che gli è venuta dalla attenzione e benevolenza dei Papi precedenti e, si spera, da quelli che verranno. Avendo una funzione così speciale, questo coro dovrebbe essere considerato un modello per altri cori che cantano nelle liturgie cattoliche, non tanto e non solo per il livello tecnico (che certamente si auspica) ma anche per la speciale cura nella aderenza alla liturgia e ai testi che vengono eseguiti. La Cappella Sistina non è un coro da concerti, ma un coro liturgico. Certo può fare concerti, ma questi sono in secondo piano rispetto al suo ruolo nella liturgia. Ed è infatti un coro liturgico per eccellenza, fatto discendere dalla Schola Cantorum di papa Gregorio Magno, poi riorganizzato durante i secoli, stiamo parlando di un complesso che conta più di mille anni di storia e più di 500 anni nella sua forma attuale.
In questo testo si riflette su alcune problematiche inerenti il mantenimento di una tale tradizione e come affrontare le sfide attuali basandosi sulla saggezza della Tradizione.
Sommario
Prefazione (Jacques Viret)
In onore del coro della Cappella Sistina.
Rinnovamento nella continuità.
Liturgia e musica, due realtà inestricabili
Progresso graduale.
Universalità della musica sacra.
La vocalità romana.
L'anima della parola sacra che diventa arte.
Conclusione.
 
Editore:
Pubblicato:
22 ago 2020
ISBN:
9789887999478
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Cantate inni con arte e con suono melodioso

Leggi altro di Aurelio Porfiri

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Cantate inni con arte e con suono melodioso - Aurelio Porfiri

Conclusione

Prefazione

Dall'inizio del Medioevo il coro connesso con il Papa è stato il polo della tradizione romana del canto sacro, e quindi il polo musicale della Chiesa latina. Tuttavia, l'attuale situazione della musica liturgica lascia molto a desiderare, il che deplora lo strumentista (viola da gamba) e direttore catalano Jordi Savall, famoso interprete di musica barocca e medievale: La musica cantata oggi nelle chiese non ha più nulla a che fare con l'autentica musica religiosa antica, cioè il canto gregoriano, o con musica contemporanea di qualità. È un divorzio molto grave tra la creazione e coloro che hanno potere spirituale (« La musique est la mémoire du monde et de l’amour », entretien d’Olivier Bellamy avec Jordi Savall, Classica n° 150, mars 2013, p. 38-50 (cf. p. 42)).

Per il canto sacro la qualità musicale è una condizione necessaria ma non sufficiente; una qualità spirituale deve completarla, capace di elevare l'ascoltatore al di sopra delle contingenze materiali. Entriamo quindi nella prospettiva senza tempo e universale dell'Uomo nella sua triplice costituzione di mente, anima e corpo: il Sacro fa parte dell'antropologia, lo ha mostrato Mircea Eliade. La musica è la più spirituale delle arti perché ha il maggiore impatto su anima e spirito. Da qui la grandezza della missione che spetta al musicista, esecutore o compositore, specialmente nel contesto dei rituali sacri.

Secondo Aurelio Porfiri - e siamo d'accordo - una delle cause dell'attuale declino della musica liturgica, è la perdita della voce romana, vale a dire italiana. Questa vocalità, scrive, è nobile, fiera, espressiva, non sentimentale; e il cantante usa le parole cantate come il predicatore fa con le parole dette (l'accento, ad-cantus, è il legame vocale, musicale, tra loro). L'estetica vocale dei cori inglesi, considerata da alcuni la perfezione nella musica sacra, è molto diversa: un'espressione del temperamento britannico, certo, come afferma Aurelio Porfiri, ma anche una derivazione del movimento ceciliano o del Cecilianesimo. Questo movimento, che apparve in Germania nel XIX secolo, iniziò con una buona intenzione, vale a dire di purificare la musica liturgica dalle sue moderne contaminazioni profane; ma esaltava un'estetica corale segnata dal sentimentalismo romantico, quindi inappropriata rispetto alle antiche polifonie.

Pio X fu un fervente seguace del Cecilianesimo: il 22 novembre 1903, festa di Santa Cecilia, pubblicò il suo Motu Proprio Tra le sollecitudini che riformò la musica liturgica della Chiesa latina secondo la linea Ceciliana. Oltre al canto gregoriano, repertorio ufficiale e tradizionale - ribadito come tale nel 1963 dal Concilio Vaticano II - fu ora accettata solo una polifonia a cappella, di cui Palestrina, gran maestro della scuola romana nel XVI secolo, fornì modelli eminenti. Il prestigio del Palestrina, salutato da Victor Hugo come padre dell'armonia (« Puissant Palestrina, vieux maître, vieux génie, / Je vous salue ici, père de l’harmonie, / Car, ainsi qu’un grand fleuve où boivent les humains, / Toute cette musique a coulé de vos mains ! » (« Que la musique date du xvi e siècle », dans Les Rayons et les Ombres, 1840)), si basa in parte sul ruolo decisivo che avrebbe avuto durante il Concilio di Trento per salvare la polifonia che avrebbero pianificato di estromettere dalla liturgia, con il pretesto che impediva ai fedeli di comprendere le parole cantate. Palestrina compose quindi la sua famosa messa di papa Marcello per dimostrare che una polifonia semplificata non interferisce con la comprensione delle parole.

Il ruolo svolto da Palestrina come salvatore della musica sacra non è, come è stato affermato, una leggenda inventata dai gesuiti come parte della loro politica controriformistica: si basa certamente su una verità storica. Vedi il nostro articolo " La Messe du pape Marcel et son histoire: légend ou réalité ? », In Regards sur la musique vocale de la Renaissance italienne (dir. J. Viret), Lione, Éditions À Cœur Joie e Strasbourg, Presses Universitaires, 1992, pp. 139-183. Nella stessa opera abbiamo dedicato uno studio dettagliato al pezzo più famoso nel repertorio dei cantori pontifici: " Une oeuvre mitique: le Miserere d'Allegri" (pp. 231-269).

Un altro campione del Cecilianesimo, Lorenzo Perosi (1872-1956) probabilmente collaborò alla stesura del Motu Proprio. Un compositore di talento, ebbe un brillante inizio nel 1890 con una serie di oratori stilisticamente vicini alle opere di Puccini e ammirati in Italia e all'estero. Grazie al cardinale Sarto, futuro Pio X, nel 1902 viene chiamato alla direzione del coro della Cappella Sistina e mantenne questa posizione fino al 1956, a intermittenza perché dal 1907 soffriva di disturbi mentali e neurologici. Domenico Bartolucci, maestro di Aurelio Porfiri, gli succedette fino al 1997.

La vocalità italiana ha una sua lontana origine presso gli oratori latini, per i quali il timbro vocale era parte integrante della loro arte (la lingua italiana è la più vicina al latino). Quindi, secondo la Retorica ad Herennium, un trattato anonimo del I secolo a.C. erroneamente attribuito a Cicerone, un buon oratore deve avere una voce dotata di potere (magnitudo), solidità (firmitudo) e flessibilità (mollitudo). Poco dopo il retorico Quintiliano noterà che una bella voce è caratterizzata meno dalla potenza che dalla qualità di un timbro intriso di purezza, pienezza, finezza, flessibilità, chiarezza (candida, plena, lenis, flexibilis, clara ). Questa vocalità sarà adottata dai cantanti cristiani. Sembra in effetti molto simile a quello che sei secoli dopo il vescovo Isidoro descriverà come voce perfetta, vox

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Cantate inni con arte e con suono melodioso

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori