Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Leggi anteprima

Lunghezza:
47 pagine
19 minuti
Pubblicato:
26 giu 2020
ISBN:
9788835855507
Formato:
Libro

Descrizione

Giuseppe Cosmi (1913-1934) nacque a Genova in una famiglia operaia e lui stesso lavorò come operaio. Si appassionò alla poesia da autodidatta e si dedicò anche alla critica letteraria. Fin da bambino fu di salute molto cagionevole e morì prematuramente a 24 anni. La sua produzione poetica, per la maggior parte inedita, venne pubblicata da Adriano Grande nel volume postumo Liriche del 1940, qua riedito. Inspiegabilmente ignorata dalla (miope) critica “accademica”, la poesia di Giuseppe Cosmi è fra le più alte del primo Novecento. Basti leggere l’inquietante “Donna notturna”: «Accorresti, donna notturna, / tra gli alberi del viale, / come la cagna raminga: / urlavi, avevi gli occhi / fatti enormi e dallo sguardo / di bestia accondiscendente. / La moneta penetrò nella mano / come la fiocina nel polpo. / S’intrecciarono sulla mia figura / le tue risa stridenti, / irridendo alla mia paura. / Eri il teschio ai piedi della statua / che nelle notti buie di bimbo / mi gridava chi sa quale minaccia». (Riccardo Roversi)
Pubblicato:
26 giu 2020
ISBN:
9788835855507
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Categorie correlate

Anteprima del libro

Liriche - Giuseppe Cosmi

DIGITALI

Intro

Giuseppe Cosmi (1913-1934) nacque a Genova in una famiglia operaia e lui stesso lavorò come operaio. Si appassionò alla poesia da autodidatta e si dedicò anche alla critica letteraria. Fin da bambino fu di salute molto cagionevole e morì prematuramente a 24 anni. La sua produzione poetica, per la maggior parte inedita, venne pubblicata da Adriano Grande nel volume postumo Liriche del 1940, qua riedito. Inspiegabilmente ignorata dalla (miope) critica accademica, la poesia di Giuseppe Cosmi è fra le più alte del primo Novecento. Basti leggere l’inquietante Donna notturna: «Accorresti, donna notturna, / tra gli alberi del viale, / come la cagna raminga: / urlavi, avevi gli occhi / fatti enormi e dallo sguardo / di bestia accondiscendente. / La moneta penetrò nella mano / come la fiocina nel polpo. / S’intrecciarono sulla mia figura / le tue risa stridenti, / irridendo alla mia paura. / Eri il teschio ai piedi della statua / che nelle notti buie di bimbo / mi gridava chi sa quale minaccia». (Riccardo Roversi)

LIRICHE

(1932-1937)

NOTTE

Una mano raccoglie

il volto d’ombra

teso nella notte,

pieno di luce fredda,

bianco come il viso

degli astri vaganti.

Tacita la speranza

s’innalza, protesa

nel regno d’ombra,

a un miraggio lontano.

(Agosto 1932-X)

DONNA NOTTURNA

Accorresti, donna notturna,

tra gli alberi del viale,

come la cagna raminga:

urlavi, avevi gli occhi

fatti enormi e dallo sguardo

di bestia accondiscendente.

La moneta penetrò nella mano

come la fiocina nel polpo.

S’intrecciarono sulla mia figura

le tue risa stridenti,

irridendo alla mia paura.

Eri il teschio ai piedi della statua

che nelle notti buie

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Liriche

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori