Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La Cronaca Nera In TV: Quando il crimine diventa spettacolo

La Cronaca Nera In TV: Quando il crimine diventa spettacolo

Leggi anteprima

La Cronaca Nera In TV: Quando il crimine diventa spettacolo

Lunghezza:
129 pagine
1 ora
Editore:
Pubblicato:
2 giu 2020
ISBN:
9788885691704
Formato:
Libro

Descrizione

Nel 2014 la televisione ha compiuto 60 anni. Un anniversario celebrato in maniera giustamente pomposa, perché quella scatola di immagini e suoni ha rivoluzionato la vita degli italiani. Immaginare, oggi, una vita senza tv sembra impossibile. Per uomini e donne di qualsiasi generazione. Nel corso dei decenni il tubo catodico è cambiato insieme agli italiani, accompagnandone paure e rinascite, dai sogni del decennio dei ’60 agli anni di piombo, fino ai fantastici anni ’80 e alla rapida evoluzione tecnologica che ha preceduto il nuovo millennio. Un profondo cambiamento nel modo di fare televisione è coinciso con l’affermazione della tecnologia: in principio erano i computer, poi le web tv e la smartphone-dipendenza, senza ovviamente trascurare il cambiamento più epocale, l’affermarsi della tv satellitare che ha aperto la crisi dei canali generalisti. Crisi irreversibile? Non è dato a sapersi, come in ogni settore anche in quello dell’intrattenimento televisivo per restare a galla occorrono idee, oltre ai mezzi per svilupparle. Non si può negare che nell’ultimo ventennio la qualità e l’originalità delle trasmissioni delle tv commerciali e di quella di stato sono venute meno e che a tenere a galla la baracca, attraverso i salvifici punti di share, sono stati programmi che vengono apprezzati da un certo target anagrafico di telespettatori e in particolare telespettatrici.

Tv trash, secondo molti, eppure è questo ciò che è più preponderante all’interno dei cosiddetti “contenitori pomeridiani”. Già, gli stessi che, negli anni ’80, presero piede in particolare sulle allora emergenti reti Fininvest e nei quali il pubblico di signore pensionate o alle prese con bimbi da crescere veniva intrattenuto a suon di soap opera, rigorosamente sudamericane (e infinite…), inframmezzate da qualche intervista in studio e da qualche gioco, oltre che da parecchia pubblicità. Nostalgia? In parte sì, per chi ha vissuto quel periodo, e comunque si trattava di una programmazione figlia dei tempi. Come detto, si viveva il sogno della rinascita post anni di piombo nel segno di un generale benessere per il paese. Meno di trent’anni dopo è tutto cambiato e allora quegli stessi “contenitori” hanno invaso anche gli schermi della Rai, ma non trasmettono più storie d’amore più o meno favolistiche, bensì danno sempre più spazio alle notizie di cronaca nera, trattata in tutte le sue sfaccettature, comprese le più delicate e macabre.

Sulla carta, il target dello spettatore-medio sarebbe cambiato, visto che l’obiettivo, anzi il sogno, è quello di tenere davanti agli schermi non solo signore/i di età medio-avanzata, ma anche giovani, laureati o non, e comunque quella fascia di italiani, purtroppo ampia, che non lavora durante il pomeriggio. Nella sostanza, però, i dati d’ascolto confermano che il prime time pomeridiano non sfonda presso gli under 50 e del resto non c’è da stupirsi pensando a cosa sia diventata la tv generalista oggi, ovvero non più il mezzo di comunicazione principale per i giovani, che possono fruire della vasta gamma assicurata dai new media, bensì per quella fascia di popolazione più lontana dalla tecnologia. E quindi più facilmente “condizionabile”.
Editore:
Pubblicato:
2 giu 2020
ISBN:
9788885691704
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a La Cronaca Nera In TV

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

La Cronaca Nera In TV - Davide Martini

brand_blu1_50

Davide Martini

LA CRONACA NERA IN TV

(Prima edizione)

Quando il crimine diventa spettacolo

Titolo

LA CRONACA NERA IN TV

Autore

Davide Martini

Editore

Blu Editore

ISBN

9788885691704

Sito internet

www.blueditore.com

ATTENZIONE: questo Ebook contiene   dati criptati al fine di un riconoscimento in caso di pirateria. Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun mezzo senza l’autorizzazione scritta dell’Autore e dell’Editore.  È espressamente vietato trasmettere ad altri il presente libro, né in formato cartaceo né elettronico, né per denaro né gratuitamente. Le nozioni e le tecniche riportate in questo libro sono frutto di anni di studi e specializzazioni, quindi non è garantito il raggiungimento dei medesimi risultati di crescita personale o professionale. Il lettore si assume piena responsabilità delle proprie scelte, consapevole dei rischi connessi a qualsiasi forma di esercizio.

Il libro non garantisce il raggiungimento dei risultati a cui i contenuti si riferiscono, il lettore è responsabile di ogni sua azione e scelta. Il libro non sostituisce l'aiuto di un formatore esperto della materia trattata nel libro stesso.

L’autore e l’editore non sono responsabili dell’uso improprio o per scopi vietati del contenuto di questo Ebook. Il libro ha esclusivamente scopo formativo e non sostituisce alcun tipo di trattamento medico o psicologico. Se sospetti o sei a conoscenza di avere dei problemi o disturbi fisici o psicologici dovrai affidarti a un appropriato trattamento medico.

Indice dei contenuti

La tv d’informazione nel XXI secolo

L’invasione delle brutte notizie

Le morti mediatiche nei salotti televisivi

Da Portobello ai giorni nostri: nascita (e morte?) della Tv verità

Quando lo spettatore entra in tribunale: la nuova frontiera del voyeurismo

Le morti mediatiche: esorcizzazione o distorsione?

La tragedia di Alfredino Rampi: le 18 ore che cambiarono la tv (verità)

Tra diritto di cronaca e sensazionalismo

Una tragedia che ha fatto epoca: la nascita della Protezione Civile

Alfredino, il figlio di tutti

Una svolta di nome Ground Zero

11/09/2001: la fine dello stupore

I doveri dell’informazione davanti a una tragedia epocale

La lezione della tv made in Usa

Le crime news e gli effetti sul pubblico

Cosa dice la statistica

Il parere degli studiosi

La Teoria della coltivazione: quando la tv orienta le coscienze

L’Agenda Setting’: l’influenza dei mass media sull’audience

Cogne vs Avetrana: delitti televisivi allo specchio

Se l’orrore è domestico

La Valle d’Aosta e il primo delitto mediatico d’Italia

L’Italia in un plastico

Il caso Cogne nell’immaginario popolare

L’omicidio di Sarah Scazzi: l’orrore diventa intrigo

Quando il delitto è orizzontale

L’importanza dell’Io confesso

Scende in campo il criminologo

Cronaca nera e gli altri media

L’informazione sul Web

L’approccio della stampa

Il Disimpegno morale: le distorsioni linguistiche della carta stampata

L’ascesa del multiculturalismo e il politically correct

Le tragedie scomode

Il suicidio e lo spettro dell’emulazione

I mass media e l’importanza della prevenzione

Crimini sulle donne: tra orrore e ipocrisia

Quel nonsense chiamato raptus

Il dolore delle donne tra spettacolarizzazione e narrazione

Lo stupro e quello strano ribaltamento mediatico

Conclusione

Bibliografia

Sitografia

RITIRA IL TUO OMAGGIO!

La tv d’informazione nel XXI secolo

Nel 2014 la televisione ha compiuto 60 anni. Un anniversario celebrato in maniera giustamente pomposa, perché quella scatola di immagini e suoni ha rivoluzionato la vita degli italiani. Immaginare, oggi, una vita senza tv sembra impossibile. Per uomini e donne di qualsiasi generazione. Nel corso dei decenni il tubo catodico è cambiato insieme agli italiani, accompagnandone paure e rinascite, dai sogni del decennio dei ’60 agli anni di piombo, fino ai fantastici anni ’80 e alla rapida evoluzione tecnologica che ha preceduto il nuovo millennio. Un profondo cambiamento nel modo di fare televisione è coinciso con l’affermazione della tecnologia: in principio erano i computer, poi le web tv e la smartphone-dipendenza, senza ovviamente trascurare il cambiamento più epocale, l’affermarsi della tv satellitare che ha aperto la crisi dei canali generalisti. Crisi irreversibile? Non è dato a sapersi, come in ogni settore anche in quello dell’intrattenimento televisivo per restare a galla occorrono idee, oltre ai mezzi per svilupparle. Non si può negare che nell’ultimo ventennio la qualità e l’originalità delle trasmissioni delle tv commerciali e di quella di stato sono venute meno e che a tenere a galla la baracca, attraverso i salvifici punti di share, sono stati programmi che vengono apprezzati da un certo target anagrafico di telespettatori e in particolare telespettatrici. Tv trash, secondo molti, eppure è questo ciò che è più preponderante all’interno dei cosiddetti contenitori pomeridiani. Già, gli stessi che, negli anni ’80, presero piede in particolare sulle allora emergenti reti Fininvest e nei quali il pubblico di signore pensionate o alle prese con bimbi da crescere veniva intrattenuto a suon di soap opera, rigorosamente sudamericane (e infinite…), inframmezzate da qualche intervista in studio e da qualche gioco, oltre che da parecchia pubblicità. Nostalgia? In parte sì, per chi ha vissuto quel periodo, e comunque si trattava di una programmazione figlia dei tempi. Come detto, si viveva il sogno della rinascita post anni di piombo nel segno di un generale benessere per il paese. Meno di trent’anni dopo è tutto cambiato e allora quegli stessi contenitori hanno invaso anche gli schermi della Rai, ma non trasmettono più storie d’amore più o meno favolistiche, bensì danno sempre più spazio alle notizie di cronaca nera, trattata in tutte le sue sfaccettature, comprese le più delicate e macabre. Sulla carta, il target dello spettatore-medio sarebbe cambiato, visto che l’obiettivo, anzi il sogno, è quello di tenere davanti agli schermi non solo signore/i di età medio-avanzata, ma anche giovani, laureati o non, e comunque quella fascia di italiani, purtroppo ampia, che non lavora durante il pomeriggio. Nella sostanza, però, i dati d’ascolto confermano che il prime time pomeridiano non sfonda presso gli under 50 e del resto non c’è da stupirsi pensando a cosa sia diventata la tv generalista oggi, ovvero non più il mezzo di comunicazione principale per i giovani, che possono fruire della vasta gamma assicurata dai new media, bensì per quella fascia di popolazione più lontana dalla tecnologia. E quindi più facilmente condizionabile.

L’invasione delle brutte notizie

Lungi da noi, ovviamente, voler insinuare che i programmi di approfondimento della cosiddetta tv d’informazione vogliano strumentalizzare lo spettatore-medio, ma è un dato di fatto che questo tipo di trasmissioni fanno breccia verso un target di spettatori attaccabili sul piano emotivo visti gli argomenti trattati: omicidi, spesso misteriosi e a lungo insoluti, quando non infanticidi e uxoricidi, senza parlare del più esteso e drammatico campo della violenza sulle donne che tratteremo a parte. Attaccabili e condizionabili anche perché sprovvisti della possibilità di ricorrere a mezzi d’informazione alternativi, il cosiddetto controcanto, in grado di dare magari non un punto di vista diverso, ma almeno quella visione critica, nel senso etimologico del termine di giudizio, dei fatti avvenuti e del modo in cui questi vengono raccontati.

Del resto, basti pensare allo stesso modo in cui i programmi vengono impostati. A partire dalla presentazione schematica del fatto attraverso uno o più servizi riassuntivi, ma non troppo dettagliati, perché nel giorno in cui la notizia esce la trasmissione è interamente dedicata ai primi approfondimenti: quello, semmai, avverrà in un secondo tempo, magari quando gli aggiornamenti scarseggiano e bisognerà ricapitolare più e più volte l’incipit della storia e quanto successo fino a quel punto. Da che giornalismo è giornalismo, un servizio del tg si compone di immagini e di un discorso di chi lo realizza, quasi sempre corredato da interviste a personaggi chiave nella storia. La parola immagini è in questo caso più determinante che mai, perché è fatale che trattando di argomenti così delicati nella mente e negli occhi del telespettatore si fissino soprattutto le sequenze visive, più che le parole. Sequenze che, riproposte nei giorni e spesso anche durante il dibattito in studio, che segue immediatamente la presentazione dei fatti, vengono mandate a memoria e si fissano nell’immaginario collettivo, determinando sempre una profonda partecipazione, che può poi svilupparsi in rabbia e sdegno, ma anche in paura e autosuggestione e che in ogni caso convince, anzi quasi assuefà, chi segue a non pensare neppure ad impugnare il telecomando per cambiare canale, come se quelle che si stessero vedendo fossero davvero le scene di un film thriller. Purtroppo, però, è tutto drammaticamente vero. A questo segue, come si diceva,

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di La Cronaca Nera In TV

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori