Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Cinque racconti brevi

Cinque racconti brevi

Leggi anteprima

Cinque racconti brevi

Lunghezza:
44 pagine
35 minuti
Pubblicato:
22 mar 2020
ISBN:
9788835391111
Formato:
Libro

Descrizione

Questi sono cinque deliziosi racconti brevi del maestro dell’Horror americano. Ci troviamo una fantasia straordinaria all’opera, capace di creare situazioni fantastiche, storie avvincenti. Non mancano tocchi sadici, note psicologiche argute, descrizioni piene di poesia. Indimenticabile la figura della fata sulla canoa che lascia la sua ombra allo scuro dell’acqua. Come è indimenticabile la nicchia nella catacomba nella quale viene murato… Una lettura agile, pienamente soddisfacente per ogni tipo di lettore. IL SILENZIO/UNA FAVOLA / LA MASCHERA DELLA MORTE ROSSA / LA BOTTE DI AMONTILLADO / IL DEMONE DELLA PERVERSITA'   / L'ISOLA DELLA FATA
Pubblicato:
22 mar 2020
ISBN:
9788835391111
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore

New York Times bestselling author Dan Ariely is the James B. Duke Professor of Behavioral Economics at Duke University, with appointments at the Fuqua School of Business, the Center for Cognitive Neuroscience, and the Department of Economics. He has also held a visiting professorship at MIT’s Media Lab. He has appeared on CNN and CNBC, and is a regular commentator on National Public Radio’s Marketplace. He lives in Durham, North Carolina, with his wife and two children.


Categorie correlate

Anteprima del libro

Cinque racconti brevi - Edgar Allan Poe

ENGLISH/ITALIANO

IL SILENZIO - UNA FAVOLA

Il sonno dei pinnacoli montani; valli, falesie e grotte sono silenziose.

Alcmane

ASCOLTA me, disse il Demone mentre mi posava una mano sulla testa. "La regione di cui parlo è una regione triste in Libia, ai confini del fiume Zaire. E lì non c'è silenzio, né riposo.

"Le acque del fiume hanno il colore malato dello zafferano; e non scorrono verso il mare, ma palpitano per sempre e per sempre sotto l'occhio rosso del sole con un movimento tumultuoso e convulso. Per molte miglia su entrambi i lati del letto fangoso del fiume c'è un pallido deserto di gigantesche ninfee. Sospirano l'una con l'altra in quella solitudine e allungano verso il cielo i loro colli lunghi e spaventosi, e annuiscono avanti e indietro con le loro teste eterne. E c'è un mormorio indistinto che esce da loro come il precipitare dell'acqua sotterranea. E sospirarono l'una all'altra.

"Ma c'è un confine nel loro regno: il confine della foresta oscura, orribile, alta. Lì, come le onde attorno alle Ebridi, il basso sottobosco è continuamente agitato. Ma non c'è vento in tutto il cielo. Eppure gli alti alberi primordiali oscillano eternamente qua e là con un suono violento e potente.

E dalle loro alte vette, una ad una, cadono gocce di rugiada. E alle radici strani fiori velenosi giacciono contorcendosi in un sonno turbato. E in alto, con un rumoroso fruscio, le nuvole grigie si precipitano verso ovest per sempre, finché non rotolano, una cascata, sopra la parete infuocata dell'orizzonte. Ma non c'è vento in tutto il cielo. E sulle rive del fiume Zaire non c'è né silenzio né riposo.

"Era notte e la pioggia cadeva; e cadde, fu pioggia, ma, dopo essere caduta, fu sangue. E io rimasi in mezzo al pantano tra le alte ninfee e la pioggia cadde sulla mia testa - e i gigli sospirarono l'uno con l'altro nella solennità della loro desolazione.

"E, all'improvviso, la luna sorse attraverso la sottile nebbia orribile, di colore cremisi. E i miei occhi caddero su un'enorme roccia grigia che si trovava vicino alla riva del fiume ed era illuminata dalla luce della luna. E la roccia era grigia, orribile e alta, - e la roccia era grigia. Sulla sua facciata c'erano caratteri incisi nella pietra; e attraversai la muraglia di ninfee, finché non mi avvicinai alla riva, per poter vedere i caratteri sulla pietra. Ma non sono riuscito a decifrarli. E stavo tornando nel pantano, quando la luna brillò di un rosso più pieno, e mi voltai e guardai di nuovo sulla roccia e sui caratteri; e i caratteri erano DESOLAZIONE.

"E ho guardato in alto, e c'era un uomo sulla cima della roccia; e mi nascosi tra le ninfee per scoprire le azioni dell'uomo. E l'uomo era alto e maestoso nella forma, ed era avvolto dalle spalle ai piedi nella toga della vecchia Roma. E i contorni della sua figura erano indistinti,

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Cinque racconti brevi

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori