Trova il tuo prossimo book preferito

Abbonati oggi e leggi gratis per 30 giorniInizia la tua prova gratuita di 30 giorni

Informazioni sul libro

Sette sermoni ai morti

Sette sermoni ai morti

Azioni libro

Inizia a leggere
Lunghezza: 111 pagine

Descrizione

QUESTO LIBRO È A LAYOUT FISSO

Nel 1916, in una condizione di profonda crisi personale
e d’intensa esperienza visionaria, Carl Gustav Jung è visitato
da “spiriti” di ritorno da Gerusalemme.
“Cominciò con uno stato di inquietudine dentro di me, ma non
sapevo che cosa significasse, o che cosa si volesse da me. C’era
intorno a me un’atmosfera sinistra: avevo la strana sensazione
che l’aria fosse pregna di entità spettrali. […] .
Gli, spiriti, provenienti dalla “terra dei morti”, sono “le voci dell’Inesplicabile, dell’Irrisolto, dell’Irredento”.
Gli straordinari Sette sermoni ai morti con cui Jung cerca di
portarli a consapevolezza e di placarli, scritti in una condizione
prossima all’esperienza medianica, sono a un tempo
una Teogonia, una Cosmogonia, una Psicogenesi, in un lucidissimo
e controllatissimo “mythologein”.
Pagine complesse e ricchissime, imbarazzanti per gli stessi
cultori di Jung, qui proposte attraverso un puntuale commento
filosofico e teologico, sempre in rigorosa aderenza al
pensiero di Jung.
Carl Gustav Jung (1875 – 1961) è stato uno psichiatra, psicoanalista
e antropologo svizzero. Tra le sue opere, Psicologia
e patologia dei cosiddetti fenomeni occulti (1902), La libido:
simboli e trasformazioni (1912), Mysterium coniunctionis
(1956).
Leggi altro
Sette sermoni ai morti

Azioni libro

Inizia a leggere

Informazioni sul libro

Sette sermoni ai morti

Lunghezza: 111 pagine

Descrizione

QUESTO LIBRO È A LAYOUT FISSO

Nel 1916, in una condizione di profonda crisi personale
e d’intensa esperienza visionaria, Carl Gustav Jung è visitato
da “spiriti” di ritorno da Gerusalemme.
“Cominciò con uno stato di inquietudine dentro di me, ma non
sapevo che cosa significasse, o che cosa si volesse da me. C’era
intorno a me un’atmosfera sinistra: avevo la strana sensazione
che l’aria fosse pregna di entità spettrali. […] .
Gli, spiriti, provenienti dalla “terra dei morti”, sono “le voci dell’Inesplicabile, dell’Irrisolto, dell’Irredento”.
Gli straordinari Sette sermoni ai morti con cui Jung cerca di
portarli a consapevolezza e di placarli, scritti in una condizione
prossima all’esperienza medianica, sono a un tempo
una Teogonia, una Cosmogonia, una Psicogenesi, in un lucidissimo
e controllatissimo “mythologein”.
Pagine complesse e ricchissime, imbarazzanti per gli stessi
cultori di Jung, qui proposte attraverso un puntuale commento
filosofico e teologico, sempre in rigorosa aderenza al
pensiero di Jung.
Carl Gustav Jung (1875 – 1961) è stato uno psichiatra, psicoanalista
e antropologo svizzero. Tra le sue opere, Psicologia
e patologia dei cosiddetti fenomeni occulti (1902), La libido:
simboli e trasformazioni (1912), Mysterium coniunctionis
(1956).
Leggi altro