Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

COME ORGANIZZARE IL METODO DI STUDIO - Il manuale SACRO dello studente

COME ORGANIZZARE IL METODO DI STUDIO - Il manuale SACRO dello studente

Leggi anteprima

COME ORGANIZZARE IL METODO DI STUDIO - Il manuale SACRO dello studente

Lunghezza:
437 pagine
4 ore
Pubblicato:
24 set 2013
ISBN:
9788868553906
Formato:
Libro

Descrizione

Questo manuale contiene semplici strategie da adottare nel metodo di studio quotidiano, insegna a sfruttare l’autostima, e costituisce una guida per far sviluppare allo studente il suo personale metodo si studio.
Studiare, fare attività fisica, mangiare sano e leggero, riposare bene, sono tutti parte di un unico processo, atto a favorire il miglior risultato giornaliero e annuale, nella vita e nello studio.
La fluidità con cui è presentato il contenuto aiuterà lo studente a fare i giusti passi giornalieri per arrivare ai compiti in classe o agli esami universitari sereno e competente.
• Questo libro può venir letto anche dai genitori, come guida per aiutare il proprio figlio a studiare bene, proteggerlo, e farlo divertire, se adolescente, come giusto che sia.
• Può essere sfruttato da professori che vogliono diventare bravi professori.
• Può essere utilizzato da chi impartisce ripetizioni e lezioni private, al fine di guidare l’allievo ad apprendere un metodo di studio.
Pubblicato:
24 set 2013
ISBN:
9788868553906
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a COME ORGANIZZARE IL METODO DI STUDIO - Il manuale SACRO dello studente

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

COME ORGANIZZARE IL METODO DI STUDIO - Il manuale SACRO dello studente - Simone Rotili

Simone Rotili

Il manuale SACRO dello studente

COME ORGANIZZARE IL METODO DI STUDIO

UUID: c7bab260-3549-11ea-80d5-1166c27e52f1

Questo libro è stato realizzato con StreetLib Write

http://write.streetlib.com

Indice dei contenuti

Dedica

Letture di apertura

Presentazione

Introduzione

La struttura del sistema di istruzione italiano

CAPITOLO 1 - Specializzarsi nello studio

Cosa significa essere specializzati nello studio

Cosa serve

La scrivania

Tutto ruota attorno alla scrivania

Meditazione prima di lasciare la scrivania

Il computer

La stampante e lo scanner

La lampada

Ergonomia alla scrivania

La posizione di apprendimento

Come stabilire l'altezza della sedia e della scrivania più adatte a noi

Le piccole accortezze cambiano tutto - I segnali di riassetto

Un occhio di riguardo alla postura

La sedia

La scrivania

Lo schermo

La tastiera

Il mouse

Il leggio

La cassettiera

Utensili per lo studio

Lo scaffale dello studio

I libri organizzati per materia

Analogia della spugna

Metafora della strada nuvolosa

Tenere i libri in ordine nello scaffale dello studio

Organizzazione di base dei libri e dei quaderni

Un raccoglitore per la burocrazia

Alle scuole secondarie si archiviano

All'università si archiviano

Le riserve

I dizionari

Il dizionario online

Il quaderno dei vocaboli

Quando usare il dizionario? SEMPRE!

Se non si ha la possibilità di cercare una parola sul dizionario?

Il gioco del dizionario

Occorrente

Regole del gioco

Il diario rotfeliano

Chi era Rotfelio

Come creare un diario rotfeliano

Come utilizzare un diario rotfeliano

Il cambiamento

Il pozzo delle idee

Se hai i sensi di colpa per non studiare

Lo zaino

Buono studio

Se non devo studiare nella vita a cosa mi serve specializzarmi nello studio?

CAPITOLO 2 - Elementi essenziali per lo studio

Avere una routine & un metodo

La routine - Rispettare gli orari

La costanza

L'orologio studiologico

Rispettare gli orari di studio è un tipo di meditazione

Scegliere di studiare: ogni giorno una scelta nuova

Metodo

Esercizio fisico e nutrimento per lo studente

Sport o attività fisica

Quali sono gli orari da dedicare allo sport per non togliere tempo allo studio?

Mattina presto

In tarda mattinata

Il pomeriggio dopo la digestione del pranzo (tre ore dopo pranzo)

La sera

La sera prima di cena

La sera dopo cena

La tabella dei vantaggi, degli svantaggi e della digestione

Esercizi da svolgere durante lo studio per riattivare la circolazione

Cibo

Nutrirsi ad intervalli regolari e mai a sazietà

L'intervallo di tempo tra un pasto ed un altro

Lo stimolo della concentrazione

Meditazioni

Il luogo

Il riposo

L'appisolarsi

Qual'è la differenza tra il pisolino completo e una appisolata breve?

La pausa merenda

Dormire bene

Rapa Nui

Al 100% - ALIAS - Non dormite vestiti

Lo svago è un tipo di riposo

Leggere ad alta voce

L'acqua

La musica

Il ragazzo e la ragazza

L'unione degli opposti - Cosa fare verso il partner

Maestro Aïvanhov – Cosa aspettarsi dal partner

CAPITOLO 3 - L'ambiente di studio

L'ambiente di studio

Studiare a casa

La porta

Il fengshui della stanza in cui si studia

Come sistemare la stanza per studiare

Gli animali celesti del Feng Shui

Il Feng Shui della scrivania

Personalizzare il proprio ambiente di lavoro

Rispettare gli spazi familiari e degli altri

Studiare ovunque in qualunque momento

Come valutare i punti di forza e i punti deboli, e sfruttare al massimo i punti di forza di un luogo.

A cosa serve la valutazione del luogo di studio?

I punti di forza di un luogo per lo studio

La tabella per valutare i luoghi di forza per lo studio

Studiare in biblioteca

Tutti gli altri luoghi del mondo

Meditazione della scrivania

Iniziate la meditazione

CAPITOLO 4 - Creare il proprio metodo di studio

Orientarsi nelle scelte del metodo di studio

Come utilizzare questo libro

Essere ordinati a vostro piacimento

Cosa si fa per lo studio

Le mete giornaliere sono più importanti di ogni altra cosa

Scrivere i capitoli da studiare

Scrivere compiti da fare sul diario

Fare domande agli insegnanti

Come impostare il vostro quadernone ad anelli

Una o più materie?

Ogni singola materia deve essere impostata nel seguente modo

Il corpus

L'esoscheletro

Il corpus e l'esoscheletro

Alle scuole secondarie

All'università

Ad un vostro corso personale - Come organizzarsi per seguire un singolo

Il syllabus

Cos'è un syllabus e come curarlo

Come impostare un syllabus

Quali sono i vantaggi derivati dall'utilizzo dei syllabi?

Se si salta una lezione come faccio? - Dal syllabus al questionario tutto compreso

Come si compila un syllabus?

Dove si tiene un syllabus?

Quando è il momento migliore per dedicarsi alla compilazione del syllabus?

Prendere appunti

La fase di stesura degli appunti

La fase di sbobinatura degli appunti

Tenere in ordine gli appunti

Appunti de re: Un quaderno per ciascuna materia

Appunti de rebus: Un quaderno per tutte le materie

Gli appunti presi con il pc

Appunti orali - audioregistrazioni e videoregistrazioni

Il grande vantaggio di prendere appunti

Se perdi gli appunti o te li rubano

L'attenzione in classe è un ingrediente essenziale

Meditazione dell'orologio

La postura della curiosità

Lo studio

Leggere

Inquadrare ciò che dovete studiare con un colpo d'occhio

Durante la lettura concentrarsi solo sulla lettura

Il metodo della lettura a crocette

Riassumere Copiare e Schematizzare

Consigli per riassumere

Cosa copiare per intero

Schematizzare: cronologicamente, per ordine di esposizione, per ordine di importanza

Sfruttare le immagini! Come?

Gli esercizi

La lista degli esercizi

Ripetere ad alta voce

Creare lo schema per la ripetizione

Farsi fare delle domande

Confrontarsi

Come superare la vergogna di ripetere ad alta voce

Utilizzare il pc per studiare

Come sfruttare internet ed utilizzare il computer

e-teaching & e-learning

Il tablet

Chicche per lo studente - La ciliegina sulla torta

Come calcolare l'intensità dello studio

Il cestino dell'immondizia

Il bagno

Acqua tè mandarini noci frutta secca nocciole mandorle per tenere il ritmo

Sfruttare a proprio vantaggio gli auguri di buona fortuna

Consigli pratici

Consigli ad materiam

Esempi di metodo scritti a mano

Tutto deve essere parte di voi, fluire in voi

CAPITOLO 5 - Come centrare il metodo di studio

Il segreto dell'incipit

Lo scopo

L'imperturbabilità

Le scelte

Il tempo

I vostri paletti di forza

Lettera di Kipling al figlio

Il mio cuore brucia come fuoco

La meditazione di Rotfelio

jasminbrahmana

Orationem ante studium Divae Thomae Aquinatis

Preghiera di san Tommaso prima dello studio

Tirare fuori la grinta

CAPITOLO 6 - Dritte per i genitori

Il minimo indispensabile è più che sufficiente

I consanguinei colleghi di studio

Disciplina e comando

Episodio della visita al manicomio

Ultimatum ai genitori

CAPITOLO 7 - Consigli per i docenti

Professori universitari

Presentarsi e presentare il proprio modulo

Fornire o indicare il materiale di studio all'inizio del corso e durante il corso

Indicare l'orario delle lezioni e rispettarlo

Quando arriva il professore - La puntualità

La pausa

Quando termina una lezione

Fornire un syllabus del proprio corso

Come spiega il professore

Una mozione a sfavore delle spalle agli studenti

I presidenti di corso di laurea

Professori delle scuole secondarie

Essere delle persone buone non basta

CAPITOLO 8 - Come preparare l'Esame di Stato

Come organizzarsi l'ultimo anno di superiori

Quando iniziare a studiare per preparare la tesina?

Come scegliere l'argomento

Farsi una tabella di marcia

Come stendere la tesina

Preparare un indice della tesina

Consigli per la stesura della tesina

Come presentare la tesina

Presentazione Power Point

Public Speaking - Leggere e ripetere ad alta voce

CAPITOLO 9 - Come impostare lo studio per prepararsi al test di ammissione all'Università

Iscriversi al test

Scaricare il bando

Pagare il bollettino

Confermare l'iscrizione CTRL, AUTH

Preparazione emotiva al test

Preparazione alla folla

Portarsi acqua e caramella

Il professore che incontrerai - Sfatiamo i miti

Il parcheggio

Il materiale di studio per prepararsi al test

Come impostare il quadernone di studio per prepararsi al test di ammissione all'università

Come organizzare le sezioni degli argomenti da studiare per il test di ammissione all'università

Logica

Cultura generale

Biologia

Chimica

Matematica & statistica

Fisica

Strategie di controllo del test

Le percentuali

La prima tirata veloce, poi caramella e la seconda tirata più lenta

Prima tirata

La pausa

Seconda tirata

Numerare le risposte

Autocorreggere un test

Routine da rispettare per preparare il test di ammissione all'Università

40 o più giorni prima del test

Un mese prima del test

22 giorni prima del test - inizia la routine soft

12 giorni prima del test - Inizia lo sprint finale

2 giorni prima del test

CAPITOLO 10 - Gestire la carriera studentesca al computer

Organizzare e gestire la carriera universitaria sul computer

La cartella Università

Cartella: Curriculum vitae

Cartella. Ricevute di pagamento tasse universitarie

Cartella: Rubrica telefonica - Contatti

La cartella dell'anno in corso

Cartelle degli esami

Cartella organizzativa interna

Cartella tirocini corsi e concorsi

Schema completo su come impostare una cartella università

Organizzare e gestire la carriera scolastica sul computer

Curriculum vitae - Resume

Curriculum vitae et studiorum di vostro nome

Informazioni personali

Diplomi

Laurea

Specializzazioni post-laurea e/o post-diploma

Esperienze lavorative

Partecipazione a seminari, corsi, convegni universitari

Competenze informatiche

Capacità linguistiche

Partecipazione a seminari, corsi, convegni di interesse personale ed esperienze di volontariato

Pubblicazioni

Scegliere l'ordine di elencazione

Partire con il piede giusto

All'inizio del corso

Tattica universitaria consolidata

ATLANTE SCUOLA

ATLANTE UNIVERSITÀ

Appendici di chiusura

Bibliografia

Fonti web

Scrivi qui il tuo metodo di studio

L'autore

Dedica

Ai miei genitori

A zio Mauro

A zia Anna

che mi sono

sempre accanto,

che porterò per

sempre nel

mio cuore!

Letture di apertura

Presentazione

Di metodi di studio ve ne sono molti, uno più efficiente dell’altro; ma uno solo vale veramente, quello che ci fa prendere ottimi voti, e accresce la nostra conoscenza. Questo libro vuole essere una guida per far scoprire il proprio metodo di studio. Ciascuno ha il proprio, e usare quello di altri può rivelarsi faticoso, o costrittivo, come un mago che non utilizzi la sua bacchetta, ma quella di un altro mago; in un certo senso la bacchetta gli resiste. Per tale motivo, questo manuale, non mostra un metodo di studio, ritenuto oggettivamente valido, bensì, dà a chiunque lo legga, la possibilità di crearne uno personale, diverso da tutti gli altri, mostrando moltissime scelte, in modo tale che ciascuno potrà selezionare quelle che percepisce essere adatte a se, realizzando cosi il proprio metodo di studio.

Questo libro può venir letto anche dai genitori, come guida per aiutare il proprio figlio a studiare bene, proteggerlo, e farlo divertire, se adolescente, come giusto che sia.

Può essere sfruttato da professori che vogliono diventare bravi professori.

Può essere utilizzato da chi impartisce ripetizioni e lezioni private, al fine di guidare l’allievo ad apprendere un metodo di studio.

Introduzione

Studiare, fare sport, lavarsi, mangiare sano, riposare bene, sono tutte parti di un unico processo, atto a favorire il miglior risultato giornaliero e annuale nella vita e nello studio, poiché quando uno di questi vacilla compromette la migliore performance di tutti gli altri. Studiare con il massimo dell’impegno, fa venire voglia di studiare di più. Fare una attività sportiva, magari ascoltando della musica, aiuta a sfogare le tensioni accumulate, si eliminano le tossine presenti nel corpo attraverso il sudore, e questo favorisce la concentrazione. Inoltre una muscolatura tonica permette una maggiore resistenza fisica sui libri, e uno sfogo attraverso una attività fisica permette una maggiore tenuta della concentrazione. Lavarsi tutto il corpo compresi i denti, essere puliti e freschi, fa diventare tutto lo sforzo dello studio più leggero e accettabile, inoltre curare la propria igiene vi consente una vita relazionale più ricca, con i vostri colleghi di lavoro, ed ovunque. Mangiare sano e leggero, mai a sazietà, favorisce molto lo studio. Quando ci si mette alla scrivania, la pancia deve darvi la possibilità di concentrarvi, ma con una pancia strabordante di cibo, tutto il sangue fluirà nella zona addominale diminuendo l’afflusso di sangue al cervello. Anche nell’alimentarsi ci può essere uno sfogo settimanale, tuttavia è meglio stabilire il giorno in cui si desidera eccedere di gola, in modo tale da far abituare l’organismo, e mantenere sempre lo stesso giorno di sfogo culinario, per tutto il periodo di studi. Riposare bene è una regola importantissima, non meno delle altre, poiché comunque il cervello necessita di un periodo di riposo di qualche ora per sedimentare bene ciò che è stato appreso. Per lo studente dormire è un dovere prima di tutto, poi un piacere, per qualcuno. Per stabilire un buon ritmo di studio occorre coricarsi tutti i giorni alla stessa ora scelta personalmente da ciascuno studente, ma si consiglia di non andare a letto dopo la mezzanotte. Occorre riposare per circa 7 ore, 7 ore e mezzo quando si è giovani, per sei giorni a settimana, il settimo giorno si può, come anche per tutte le altre regole, sfogare il sonno quanto si vuole, anche se è meglio, nel giorno di riposo, non dormire più di 9 ore. Quindi avrete capito che queste 5 attività sono un tutt’uno, sfogo compreso, poiché senza sfogo le tensioni esplodono. Questo unicum rende più forte lo studio, se una sola di queste vacilla si abbassa il livello di tutti gli altri punti, studio compreso. Nessuno può essere escluso o trascurato, ma fanno tutti parte di un unico processo. In questo manuale ci concentreremo su tutti questi punti (studiare / fare attività fisica / lavarsi / mangiare sano / riposare bene) , ma in modo particolare sul primo, lo studio. Vedremo tutti i segreti per risparmiare tempo, al fine di dedicare il giusto tempo allo studio, come organizzarlo, e come comprendere quale sia il vostro personale modo di apprendere le cose, scoprirete e costruirete il vostro personale METODO DI STUDIO semplicemente su un foglietto di carta. Arriverete a rendere vostra l’idea che apprendere o studiare non è stressante, bensì è estremamente interessante.

La struttura del sistema di istruzione italiano

Il sistema di istruzione in Italia è suddiviso in tre cicli ufficiali:

la scuola dell’infanzia (non obbligatoria)

l’istruzione primaria (le elementari)

l’istruzione secondaria

istruzione secondaria di primo grado (le medie ufficialmente chiamate scuole medie inferiori)

istruzione secondaria di secondo grado (le superiori ufficialmente chiamate scuole medie superiori: comprende i licei, gli istituti tecnici e gli istituti professionali)

l’istruzione superiore (l’università).

Stando alla legislazione in vigore in Italia l’obbligo di istruzione termina all’età di 17 anni.

La scuola dell’infanzia , o materna, non è obbligatoria, e dura circa tre anni. Vi si possono iscrivere infanti dai tre ai cinque anni.

L’istruzione primaria , o scuola primaria, o come viene comunemente chiamata, la scuola elementare, ha la durata di 5 anni.

L’istruzione secondaria di primo grado , o scuola secondaria di primo grado, , o scuola media inferiore, o come la si denomina di consueto, la scuola media, ha la durata di 3 anni. Dopodiché il ragazzo o la ragazza dovranno operare una scelta; dovranno scegliere quale scuola secondaria di secondo grado frequentare.

L’istruzione secondaria di secondo grado è suddivisa in:

licei

istituti tecnici

istituti professionali

I LICEI

I licei hanno una durata di 5 anni, divisi in biennio e triennio. In Italia sono attualmente 6:

liceo artistico (che ha 6 indirizzi nel triennio)

liceo classico

liceo linguistico

liceo musicale e coreutico (ha due indirizzi)

liceo scientifico (ha due indirizzi)

liceo delle scienze umane (ha due indirizzi)

GLI ISTITUTI TECNICI

Gli istituti tecnici hanno una durata di 5 anni, di cui il biennio è uguale per tutti gli studenti, mentre nel triennio ciascuno studente si confronta con le materie dell’indirizzo scelto. In Italia attualmente sono 11.

GLI ISTITUTI PROFESSIONALI

Gli istituti professionali hanno la durata di 3 anni, dopo il terzo anno si consegue una qualifica professionale. A questo punto lo studente ha la possibilità di scegliere se iniziare a lavorare e proseguire altri 2 anni per così conseguire un diploma di 5 anni. tale diploma permette l’iscrizione all’università. Attualmente In Italia ci sono 6 istituti professionali.

L’istruzione superiore o istruzione universitaria

Quando si decide di iscriversi all’università ci si pone dinanzi ad un bivio, se seguire un corso di laurea (triennale), per poi scegliere in futuro se conseguire anche una laurea magistrale, oppure iscriversi direttamente ad un corso di laurea magistrale a ciclo unico. Non tutte le aree di istruzione consentono un corso di laurea magistrale a ciclo unico.

LAUREA (della durata di 3 anni)

LAUREA MAGISTRALE - È possibile iscriversi ad un corso di laurea magistrale dopo aver conseguito la laurea; la laurea magistrale ha la durata di 2 anni e conferisce il titolo di dottore).

LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO - Vi è la possibilità di iscriversi a corsi di laurea a ciclo unico (al termine degli studi viene conferito il titolo di dottore), ad esempio:

Architettura (5anni)

Farmacia (5anni)

Giurisprudenza (5anni)

Ingegneria aereonautica (5anni)

Ingegneria edile e architettura (5anni)

Medicina (6anni)

Odontoiatria (5anni)

Scienze della formazione (5anni)

Veterinaria (5anni)

Dopo la laurea si può optare per una di queste tre scelte.

DOTTORATO DI RICERCA - Il dottorato di ricerca (da 2 a 4 anni), è un percorso di studi che porta ad una alta qualificazione delle conoscenze in una determinata area, e che indirizza alla carriera universitaria, di ricercatore e/o docente. Per accedervi occorre passare un test, e a seconda del punteggio ottenuto si ottiene uno stipendio per la durata degli studi di dottorato. Coloro che ottengono punteggi bassi potranno seguire il dottorato, ma non verranno stipendiati, e dovranno pagare le tasse universitarie.

SPECIALIZZAZIONE - La specializzazione (da 2 a 6 anni), come per il dottorato, è un percorso di studi che porta ad una alta qualificazione delle conoscenze in una determinata area, ma tende ad introdurre lo specialista nel mondo del lavoro attraverso la libera professione, o come impiegato.

MASTER UNIVERSITARIO - I master sono dei corsi della durata di alcuni mesi, hanno un costo molto elevato quando patrocinate da privati, ed hanno la caratteristica di preparare il laureato, o lo specialista, in una determinata area di competenza.

...

CAPITOLO 1 - Specializzarsi nello studio

Consigli su come diventare specialista dello studio

La conoscenza ha un limite,

e quel limite inizia quando

cominci a smettere di imparare.

Simone

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di COME ORGANIZZARE IL METODO DI STUDIO - Il manuale SACRO dello studente

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori