Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Il Dark Web visto attraverso gli occhi del suo leader
Il Dark Web visto attraverso gli occhi del suo leader
Il Dark Web visto attraverso gli occhi del suo leader
E-book145 pagine2 ore

Il Dark Web visto attraverso gli occhi del suo leader

Valutazione: 3 su 5 stelle

3/5

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Il libro ripercorre gli ultimi otto anni di vita di una delle più celebri e affascinanti figure del Dark Web, Jesse James, ed in particolare ripercorre, un capitolo per volta, la sua vita nel Dark Web.

La vita criminale di Jesse James, nel Dark Web, inizia nel 2011 come venditore nel primo e più famoso marketplace della storia: Silk Road Anonymous Marketplace, dove riesce a guadagnare 1 milione di euro (in Bitcoin) in soli 18 mesi.
Il testo prosegue raccontando di come sia stato in grado di riciclare tale somma di denaro, trasformandola addirittura in 2 milioni grazie alla contemporanea decuplicazione del prezzo del Bitcoin.

A questo punto il racconto si sposta sull’idea venutagli per truffare le persone: un sito dove poter pagare per uccidere o ferire qualcun altro, una sorta di killer su commissione, ma in realtà …
La cosa spaventosa di tutto questo? Oltre 50 persone hanno pagato per i suoi “servizi”.

Non pago di tutte queste avventure riesce a farsi “assumere” come moderatore dal marketplace AlphaBay, il più grande negozio illegale mai esistito ed inizia a raccontare di alcuni aneddoti terrificanti verificatisi lì.

Ma non è tutto perché poi si dedica, con scarso successo, agli attacchi informatici assieme ad alcuni amici virtuali ed inizia la prolifica attività di insider trading grazie ad un forum al quale ha avuto accesso quasi per caso. Forum a pagamento che è tutt’ora attivo nel 2019 (attenzione, perché a differenza di molte cose di cui censura i nomi, in questo caso li rivela nell’intento dichiarato di creare un vero e proprio scandalo nel mondo finanziario!!)

Infine, le sue vicende terminano raccontando dei nuovi business, iniziati per noia, negli ultimi anni: la vendita di dati di carte di credito rubate e il negozio “speciale” appena venduto, il quale è ancora attivo presso Empire Market, il nuovo marketplace che sta dominando nel 2019.

Il tutto viene condito con aneddoti ed esperienze personali a tratti divertenti e a tratti spaventose. Condivide i suoi pensieri riguardo temi importanti del Dark Web come il traffico di droga e la tratta degli esseri umani e ci spiega come uno stato potrebbe, volendo, annientare qualsiasi forma di illegalità dal Dark Web spendendo qualche milione di euro al massimo.

Non si dimentica infine di ragionare sull’assurdità del mondo contemporaneo che giustifica il Dark Web perché, a detta di molti, è uno spazio di libertà di pensiero; quando in realtà oltre il 95% delle attività commesse in quel luogo sono semplicemente illegali.

Insomma, grazie a Jesse James siamo in grado di ripercorrere tutti i fatti salienti accaduti nel Dark Web negli ultimi anni, come nessuno è mai stato in grado di fare prima d’ora e riesce a darci uno scorcio di quel mondo perverso attraverso una narrazione diretta e totalmente priva di moralità.
LinguaItaliano
EditoreHobs
Data di uscita17 nov 2019
ISBN9788835332145
Il Dark Web visto attraverso gli occhi del suo leader
Leggi anteprima

Correlato a Il Dark Web visto attraverso gli occhi del suo leader

Ebook correlati

Recensioni su Il Dark Web visto attraverso gli occhi del suo leader

Valutazione: 3 su 5 stelle
3/5

1 valutazione0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Il Dark Web visto attraverso gli occhi del suo leader - Hobs

    STORIA

    IL DARK WEB VISTO ATTRAVERSO GLI OCCHI DEL SUO LEADER

    Jesse James

    Hobs

    PREFAZIONE DEL TRADUTTORE

    Come molte persone sono rimasto incuriosito da questo luogo dopo averne sentito parlare in lungo e in largo sui giornali e online e così, un giorno, mi sono deciso: ho scaricato il browser Tor ed in 5 minuti ero operativo sul Dark Web.

    Dopo alcune ricerche mi sono imbattuto in un forum online fra i più utilizzati (nel Dark Web) e al momento in cui pubblico questo testo è tutt’ora attivo, si chiama dread.

    Su dread ho iniziato a documentarmi e ad imparare come navigare nel web profondo e dopo poco sono stato reindirizzato sul marketplace più popolare del momento, Empire Market. Lì, dopo essermi iscritto con l’username Hobs, mi sono appassionato, in particolare, ad un venditore piuttosto popolare con centinaia di inserzioni attive e feedback positivi.

    Questo venditore mi ha incuriosito parecchio perché letteralmente vendeva di tutto: quasi ogni tipo di droga, oggetti digitali (come account Spotify, Netlix ecc.), oggetti contraffatti e rubati, servizi di ogni tipo e guide per ogni gusto… insomma, sembrava la persona più importante del marketplace!

    Dopo avergli acquistato qualche guida su come rimanere anonimi online e come svuotare un conto PayPal rubato (sì, sul serio!) e avergli rilasciato dei feedback positivi, ero certo di aver catturato la sua attenzione e forse persino la sua simpatia nei miei confronti.

    Così ho iniziato a scrivergli e a porgli qualche domanda, ma poco dopo mi ha interrotto. Mi ha chiesto infatti se fossi un poliziotto perché, testuali parole: if he looks like a man, he is a man; if she looks like a woman, she is a woman; if he looks like a child, he is an agent ovvero, tradotto in italiano è qualcosa come se sembra un uomo (da come scrive) allora è un uomo; se sembra una donna allora lo è, ma se sembra un bambino allora è un agente di polizia!.

    In pratica, da come scrivevo, sembravo un bambino e quindi secondo la sua teoria era molto probabile che fossi un agente di polizia!

    Al di là di questa piccola complicazione iniziale tutto è andato per il meglio: gli ho spiegato che ero solo curioso perché sembrava la persona più potente del Dark Web e che se voleva sarei rimasto volentieri ad ascoltare la sua storia, ma in caso contrario lo ringraziavo comunque per il tempo che mi aveva concesso e gli auguravo il meglio.

    Dopo poco tempo mi ha riscritto, mi ha detto che potevo chiamarlo Jesse James e mi ha lanciato un’idea.

    Lui avrebbe chiuso i battenti per sempre di lì a poco e voleva, almeno in parte, redimersi per il male che aveva fatto in passato. Per farlo non conosceva modo migliore se non quello di raccontare le sue esperienze e cercare di rendere consapevole il maggior numero possibile di persone; ma dato che non poteva esporsi in prima persona, la sua idea era che io diventassi una sorta di suo biografo… dopotutto ero stato io a chiedergli di raccontarmi della sua vita!

    Dopo aver fatto le mie ricerche e dopo aver appurato che avevo realmente del tempo libero ho accettato questo gravoso compito.

    Mi ha contattato su Telegram (l’app di messaggistica) tramite una chat segreta con timer di autodistruzione ad 1 minuto e mi ha avvertito che al termine di tutto ci saremmo salutati per sempre e che lui non si sarebbe mai più fatto vivo.

    Ha iniziato perciò a raccontare la propria storia ed era tanto coinvolto da scrivere messaggi lunghi quanto una pagina A4 senza il bisogno che io intervenissi (infatti, tranne per qualche domanda, i miei interventi erano quasi inesistenti).

    Per rimanere totalmente anonimo mi mandava direttamente i messaggi in italiano ed inglese. Un italiano chiaramente proveniente da un traduttore automatico mentre l’inglese era piuttosto corretto, ma non saprei dire se fosse di madrelingua inglese oppure no.

    Forse questo era tutto un po’ eccessivo, ma alla fine è sicuramente riuscito nel suo intento di rimanere completamente anonimo: non mi ha fatto capire nemmeno il suo paese di provenienza e quando glielo ho chiesto espressamente, per una curiosità personale, mi ha liquidato con un Europa… chiaramente sapeva il fatto suo sul campo dell’anonimato!

    La nostra corrispondenza online è durata così per circa 2 mesi durante i quali io, nel tempo libero, non ho fatto altro che riscrivere i suoi testi in un italiano corretto, lasciando inalterato il suo modo di scrivere a mio avviso molto coinvolgente!

    Vi lascio alla lettura con le ultime parole (tradotte in italiano) che io e Jesse James ci siamo scambiati prima che sparisse per sempre un minuto dopo:

    - Jesse, siamo alla fine presumo, ho ancora una semplice domanda se permetti

    - Dimmi Hobs

    - Cosa spinge una persona ad imbarcarsi nell’ombra e nel crimine per tutti questi anni come hai fatto tu? Non può essere solo una questione di soldi ...

    -È un fatto naturale che continua da secoli e continuerà per sempre: la società prepara il crimine e il criminale semplicemente lo commette, null’altro

    PROLOGO

    La mia prima apparizione nel Deep Web (o per meglio dire Dark Web) risale al lontano 2011 ai tempi del famosissimo Silk Road Anonymous Marketplace e da allora, per 8 costanti anni, non mi sono più allontanato da quell’ambiente tanto terrificante quanto affascinante!

    Se all’inizio è stato un piacere fare parte dell’élite mondiale, dapprima come compratore e poi come venditore e businessman, ora il peso è diventato troppo grande: i segreti che ho e che non posso rivelare per motivi di sicurezza mia e di altre persone mi stanno distruggendo dentro. Vengo letteralmente lacerato dai rimorsi per ciò che ho fatto e vivo in uno stato di paranoia costante che mi sta facendo impazzire. Ogni sirena che sento, immagino sia una volante che sta venendo a prendere me; noto qualsiasi particolare che i più riterrebbero insignificante come ad esempio qualcuno che bussa ad una porta accanto alla mia oppure una penna sulla mia scrivania leggermente spostata da come l’avevo lasciata; oppure ancora, se una macchina rimane parcheggiata fuori da casa mia per più di 1 giorno inizio a preoccuparmi, se è addirittura un furgone inizio ad abbassare le tapparelle di casa e mi passa l’appetito; la notte dormo poco e male e faccio uso di tranquillanti da ormai 5 anni … insomma dal 2011 ad oggi dovrei essere invecchiato di 8 anni, ma mi sento come minimo 15 anni di più.

    Pensate che mi sia ridotto così per soldi? Beh, in parte è vero, ma non è tutto. I soldi sono stati il primo motivo, ma poi è diventata una droga di cui non potevo fare a meno. La mia vita veniva scandita al ritmo di 3 collegamenti (come minimo) nei vari marketplace e forum del Dark Web: uno al mattino, uno a mezzogiorno e uno alla sera e così via per 365 giorni all’anno per 8 anni.

    Alla fine però ero esausto e ho capito che devo darci un taglio e dare indietro, almeno in parte, ciò che avevo rubato al mondo e alle persone in questi otto anni: io sono Jesse James; io ero e rimarrò il vero ed unico re del Dark Web. Sono sopravvissuto a tutti gli attacchi da parte delle autorità e ho deciso di mia spontanea volontà di chiudere per sempre questa parte della mia vita… una specie di primato per il nostro mondo un po’ perverso.

    Voglio però salutare questa parte della mia esistenza in modo grandioso e per farlo non conosco via migliore se non quella di raccontare il Dark Web. Senza pregiudizi e il più dettagliatamente possibile.

    Jesse James è il nome che mi sono assegnato dopo tanto tempo, ed è quello che uso dagli ultimi 10 mesi.

    Ironia della sorte, o forse no, è il nome con cui ho iniziato la mia storia nel Dark Web e lo stesso con il quale pare che chiuderò.

    Infatti durante i miei 8 anni di presenza attiva nel Dark Web ho avuto, per motivi di sicurezza, diversi e svariati pseudonimi che hanno portato un po’ la mia immagine a disperdersi, ma allo stesso tempo ha aiutato a creare attorno a me una sorta di aura leggendaria!

    Spero che con queste mie confessioni possa aiutarvi a capire cos’è realmente il Dark Web e il motivo che spinge così tante persone ad interessarsene e spero di creare in voi una reale coscienza di ciò che è questo mondo virtuale parallelo, senza più falsi miti e credenze.

    La creatività mal compresa provoca la guerra e i crimini

    GLI INIZI PRESSO SILK ROAD

    Tutto è iniziato su Silk Road Anonymous Marketplace, il primo e il più conosciuto marketplace illegale della storia fondato dal paladino del Dark Web, Dread Pirate Roberts, meglio conosciuto come Ross Ulbricht.

    A quel tempo il Dark Web era realmente poca cosa e ne sono venuto a conoscenza grazie ad un post su Reddit (un forum online) … Da quel momento in poi, anche se non lo sapevo, la mia vita sarebbe cambiata per sempre.

    Le mie abilità riguardo l’uso del computer sono sempre state largamente sopra la media e perciò non ci ho impiegato molto a capire cosa dovevo fare per poter sfruttare quell’angolo nascosto di internet e soprattutto per farlo in totale anonimato. Certo, quello che una volta chiamavo anonimato è ridicolo se paragonato a quello che ora chiamo anonimato, ma a quei tempi si sa, non c’era molto di cui preoccuparsi perché le agenzie governative stavano ancora stilando rapporti con la macchina da scrivere se paragonati a noi!

    Ora sarò onesto, lo scopo della mia visita nel Dark Web non era certo quello di passare del tempo, ma ero lì esclusivamente per la droga. Infatti, all’incirca 2 giorni prima della mia prima visita a Silk Road ero rimasto fregato, ancora una volta, da uno spacciatore, il quale mi aveva venduto della polvere pressata al prezzo di 40€ invece di alcune pillole di MDMA. Su Silk Road volevo finalmente trovare qualcuno di affidabile da cui rifornirmi.

    Silk Road era attivo ormai da qualche mese quando io effettivamente ci ho messo piede per la prima volta, ma anche se era trascorso così poco tempo e si parlava di una novità mondiale assoluta, l’accoglienza era più che buona: erano già numerosi i venditori presenti, tutti con i propri prodotti illegali e feedback positivi che trasmettevano grande fiducia all’acquisto. Perciò perché tirarsi indietro davanti a tanta bellezza? E così nel giro di una settimana ho imparato tutto ciò che dovevo per utilizzare i Bitcoin per il mio primo acquisto: 1 grammo di Cocaina pura al 90% (e vi assicuro che lo era!) da un venditore Olandese … per chi non è pratico del mestiere, l’Olanda è considerata da molti stati un paese a rischio proprio per via di questo tipo di merci molto comuni, ma io all’epoca non lo sapevo e ho fatto il mio primo acquisto nell’ebay dell’internet oscuro senza pensarci due volte e proprio dall’Olanda!

    Stranamente, proprio al mio primo acquisito, sono iniziati i primi problemi: il pacco non era arrivato dopo una settimana e l’escrow (I Bitcoin non finiscono direttamente nelle tasche del venditore, ma vengono parcheggiati presso qualcuno di fiducia, il marketplace appunto, in attesa che il pacco arrivi e sia come da descrizione) iniziava a

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1