Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Feedback
Feedback
Feedback
E-book126 pagine1 ora

Feedback

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questo ebook

Questo libro sulla rilevanza del feedback nella comunicazione aziendale si rivolge a tutti coloro che aspirano a scoprire e valorizzare il proprio talento, migliorare sé stessi e l’organizzazione di lavoro in cui sono inseriti. Infatti, in queste pagine incisive, con uno stile immediato e chiaro, gli autori forniscono molteplici spunti, strumenti, indicazioni e consigli (molto pragmatici e pronti per l’uso) al fine di attivare un prezioso processo di crescita umana e professionale tanto del singolo quanto dell’intera comunità di appartenenza. E questo a partire da domande molto semplici. Che cos’è un feedback? A cosa serve? Quando e come darlo, ma anche quando richiederlo? 
Un testo che si rivela molto utile per acquisire i segreti di una comunicazione aziendale efficace e tesa a riconoscere e valorizzare le competenze di ciascun lavoratore per favorire la costruzione di un team affiatato e di un buon clima di lavoro. Una comunicazione specifica volta a liberare potenzialità e ad accrescere la soddisfazione professionale. In tal modo si può immaginare di rivoluzionare una squadra, migliorarne le prestazioni e lanciarsi verso nuove sfide, anche quelle che prima si ritenevano impossibili.

Bruno Galli è COO (Chief Executive Officer) di blackship, Venditore, Master Trainer e Executive Coach. Affianca come Executive Coach di blackship centinaia di Executive e Top Manager, Imprenditori e venditori, ogni anno, supportandoli nella definizione e nel raggiungimento dei loro obiettivi strategici. Da sempre appassionato dello sviluppo del capitale umano, aiuta le organizzazioni a creare una cultura della condivisione e del feedback, lavorando sempre meglio insieme per conseguire traguardi sempre più sfidanti.

Davide Zamuner è COO (Chief Executive Officer) di blackship, Responsabile di una divisione di business, Master Trainer e Coach. Ogni anno, con blackship, affianca uno svariato numero di persone delle aziende per aiutarle ad aumentare la loro capacità di lavorare insieme, supportandoli nell’apprendimento, nella personalizzazione e nell’applicazione di strumenti e metodologia che gli consentano di aumentare la propria efficacia verso i loro colleghi e le persone in genere.
LinguaItaliano
Data di uscita31 mag 2019
ISBN9788899706647
Feedback
Leggi anteprima

Correlato a Feedback

Libri correlati

Articoli correlati

Recensioni su Feedback

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

    Anteprima del libro

    Feedback - Bruno Galli

    Bruno

    PREFAZIONE

    Conoscere: è uno dei verbi più importanti di cui disponiamo nel nostro lessico, senza del quale sarebbe impossibile perfino dirci umani; un verbo con radici profonde quanto lontane che ci giunge direttamente dalla culla del pensiero occidentale, l’Antica Grecia, attraverso il consueto filtro della latinità: γιγνώσκω, conosco, che – non certo per caso – condivide la radice con γίγνομαι che vuol dire nasco.

    E non è poco.

    Muovendo dalla riflessione sulla fascinosa importanza di questo verbo nasce – appunto - una collana che tenta di soddisfare un’esigenza fondamentale da sempre della società umana: mettere in comunicazione chi dispone della conoscenza, conquistata attraverso anni di studio e un’intera vita di esperienza, e chi della conoscenza si vuole servire per migliorare la propria condizione, perché afflitto da una malattia, titolare di un diritto da far valere, per promuoversi socialmente o, semplicemente, perché beatamente curioso di un sapere.

    Ci viene proposta, dunque, una serie di opere dedicate alla diffusione della conoscenza: la novità, cruciale, è che i titolari della sua trasmissione non sono intermediari, come spesso accade, ma proprio le persone che detengono il sapere che si fa prassi socioculturale, dimensione antropologica. Sono medici, avvocati, commercialisti, architetti, imprenditori, artisti. Cittadini, insomma della Citta dell’uomo.

    Chiunque abbia costruito, negli anni, una competenza basata sullo studio e approfondita dall’esperienza è chiamato a condividerla per formare un bagaglio comune, un alveare di sapienza al servizio dei lettori.

    La Collana è perciò anche una rassegna di buoni professionisti del Paese, donne e uomini che hanno dedicato passione e – diciamolo! – anche fatica, all’acquisizione di un patrimonio che sono disposti a condividere. Per non dimenticare la definizione della cultura data dal filosofo: il sedimento naturale dei saperi condivisi.

    E da condividere, aggiungerei, con il villaggio globale fatto di informazione del quale tutti, oggi, siamo abitanti.

    La Collana, infine, è un farmaco. Un genere preciso e molto particolare di farmaco: un antidoto. Va assunto senza alcuna preoccupazione di effetti indesiderati perché è l’antidoto a un veleno potente e diffuso: l’ignoranza.

    Fake news, bufale, catene di Sant’Antonio multimediali, chiacchiere di fattucchiere e bugie più o meno telematiche sono gli agenti del contagio, gli untori dell’intruglio velenoso.

    Ogni atto volto a contrastare la progressione del morbo va dunque accolto con la riconoscenza che si tributa al medico intervenuto a salvarci la vita. E a scacciare lo stregone.

    Con la certezza di rivolgervi il più fausto degli auspici, il migliore che possa capitare di ricevere, vi auguro dunque una buona lettura.

    Michele Mirabella

    REFERENZE

    Cosa dicono le persone che hanno lavorato con noi

    Ci piace far parlare le persone delle aziende che hanno lavorato e che lavorano con noi, chi quotidianamente ha l’opportunità di sperimentare l’impatto del nostro approccio sul campo.

    Un modo nuovo per conoscermi, molti spunti per migliorare.

    Valentina Maran

    Pratico, costruttivo, utile; nozioni e spunti da poter utilizzare ogni giorno; ti permette di migliorare concretamente la comunicazione.

    Desirè Schillacci

    Corso organizzato su temi concreti che sono applicabili nella vita di tutti i giorni, migliorandoci.

    Tommaso Montefusco

    Estremamente efficace, diretto, incisivo e tecnicamente semplice con il risultato di aver acquisito e portato con me tutti gli argomenti trattati.

    Andrea Ricci

    Ti apre la mente ad un possibile che non avevi mai esplorato e ti dà degli strumenti per migliorare la tua vita nella quotidianità; utile, impegnativo, affascinante.

    Andrea Pairone

    Ho visto qualcuno interessato a trasmettere il contenuto per aumentare la consapevolezza di sé, qualcosa che mi ha tirato verso l’alto e l’ho sentito.

    Gabriele Iori

    Mi ha aperto ad un nuovo approccio e non vedo l’ora di approfondire e sperimentare le tecniche apprese nella mia vita.

    Alessandro Bettoni

    Di grande impatto, molto utile per raggiungere una consapevolezza maggiore delle capacità della comunicazione.

    Morena Mantelli

    Sono rimasto straordinariamente sorpreso dal mio nuovo modo di pensare e vedere le cose.

    Massimo

    Ti aiuta ad uscire dagli schemi che ogni persona si crea nel suo bagaglio personale per poter pensare anche in modo differente.

    Enzo

    Strumenti utili, moderni ed immediatamente applicabili.

    Renata Borean

    Se le persone seguissero questi insegnamenti sia in azienda che nella vita privata, staremo tutti meglio e vivremo con più armonia.

    Majli Abderrahman

    Apertura mentale che ti consente di avere maggiore consapevolezza sulle tue possibilità di agire e guardare le attività dei tuoi colleghi con occhi diversi.

    Simone Lucchetta

    Ottimo per iniziare a lavorare meglio non solo nel mio mestiere ma nella vita; il corso mi ha dato la consapevolezza che posso fare sempre di più.

    Simone

    Siamo tutti incredibili nella nostra imperfezione! Grazie!

    Manuela Dabbene

    Utilissimo, coinvolgente, sono argomenti infiniti, quindi grazie per la sintesi perfetta.

    Irene De Margis

    PREMESSA

    di Pasquale Acampora

    Aumento di fatturati, apertura di nuovi clienti, crescita della produttività, miglioramento della qualità, sviluppo di nuovi prodotti, riduzione delle non conformità, abbassamento del turnover, minimizzazione di scarti e tempi, lancio di nuovi progetti e tanto altro ancora.

    Sempre più oggi, in tutte le aziende, in ogni organizzazione, in qualsiasi squadra, il focus è sul risultato, sul raggiungimento di obiettivi più sfidanti e ambiziosi.

    Per farlo si hanno a disposizione strumenti e metodologie sempre più precise e dettagliate, in grado di misurare ed evidenziare risultati ed indicatori di ogni genere.

    Se il focus sul risultato è importante e doveroso, altrettanto lo è (o lo dovrebbe essere) quello sul processo, sulla maniera in cui i risultati e gli obiettivi vengono ottenuti.

    Per una presunta mancanza di tempo, per una forte pressione sul risultato finale quasi ad ogni costo e per una mancanza di competenze ed abilità, purtroppo questo è un aspetto sempre molto trascurato eppure fondamentale.

    Se ottenere straordinari risultati una volta, è possibile senza un processo efficace e di qualità, ottenere risultati nel tempo è una cosa praticamente impossibile da ottenere senza un processo che funzioni.

    Puoi vincere una partita giocando male e senza un impianto di gioco, ma è estremamente improbabile vincere un campionato intero (o creare un ciclo vincente) con una squadra incapace di giocare, senz’anima e strategia.

    Ottenere risultati, nel tempo, questo è l’assillo e l’obiettivo che si dovrebbe voler perseguire ed è profondamente e radicalmente diverso dal semplice ottenere risultati.

    Ho trascorso gli ultimi quindici anni della mia vita a lavorare e studiare team, squadre e organizzazioni di ogni genere, praticamente in ogni settore e ambito. Una domanda mi ha sempre accompagnato in questo tempo: Cosa differenzia i team che ottengono risultati straordinari, nel tempo, da quelli incapaci di produrne o di replicarli?.

    Diversi sono stati gli ingredienti che ho trovato come minimo comune denominatore in quei gruppi di lavoro in grado di vincere con continuità: uno di questi è la capacità di creare all’interno del team una cultura del feedback, l’abitudine delle persone a dirsi le cose in maniera aperta e naturale.

    Parlo di cultura

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1