Inizia a leggere

Le Statue Parlanti

Valutazioni:
47 pagine22 minuti

Sintesi

Le statue parlanti ci raccontano di un’epoca lontana in cui il papa esercitava sulla città di Roma un forte potere, creando tra classe politica e cittadini una frattura insanabile e gravi disagi. Dal XVI secolo il dissenso verso il papato e poi verso le istituzioni in generale inizia a manifestarsi attraverso cartelli satirici anonimi, posti di notte accanto ad alcune note statue romane, proprio nei posti più frequentati della città, in modo da poter essere letti da molte persone il mattino seguente. Ecco come sei di queste statue diventano “parlanti”. L’anima del popolo romano è sicuramente Pasquino, la statua parlante più caratteristica, mentre il suo interlocutore privilegiato è Marforio: memorabili sono i loro velenosi botta e risposta tanto su Sisto V quanto su Napoleone. Accanto a loro Madama Lucrezia, unica rappresentante femminile, Abate Luigi, Babuino e Facchino, la statua più giovane. La voce delle statue parlanti di Roma scrive una storia parallela a quella deimanuali, lontana dalle fonti ufficiali e lunga ben quattro secoli, ma non meno credibile e interessante: Valentina Ghilardi la riporta in vita attraverso uno stile a metà strada fra poesia e prosa, in una piacevole e appassionata rilettura di un passato quanto mai attuale.

Valentina Ghilardi è nata a Roma, dove vive tuttora con il marito ed il figlio. Dopo la maturità classica si è laureata prima in Sociologia e poi in Scienze della Formazione Primaria. È autrice di filastrocche e fiabe per l’infanzia, attualmente insegna in una scuola primaria statale di Roma, occupandosi dell’area linguistica. Le Statue Parlanti (Ciance in “libbertà”) è la sua prima pubblicazione.

Leggi sull'app mobile di Scribd

Scarica l'app mobile gratuita di Scribd per leggere sempre e ovunque.