Inizia a leggere

Canto d'aria e sale

Valutazioni:
201 pagine2 ore

Sintesi

Il Bianco, Lola, Micio, la tata e la bambina con le elle nel nome. Ritrovatasi all’improvviso a dover vivere per strada, Rosa, sessantenne solitaria che deve usare un bastone per camminare, scoprirà un mondo inaspettato, in cui finalmente riuscirà a essere se stessa.
Rosa è una donna sulla sessantina che fin da piccola usa un bastone per camminare. Abita sola da quando la madre è morta, ha una piccola pensione. Vive a Firenze, vicina a un giardino dove, seduta su una panchina con due iniziali incise, passa il tempo. Sulla panchina conosce Lucio, detto il Bianco, intagliatore di legno ed ex marinaio, ma ignora che è senza fissa dimora.
La sua vita trascorre ritirata e solitaria, fino a quando la notizia che la casa dove abita non sarà più sua, ma della scombinata cugina Caterina, la costringe a un enorme cambiamento.
Il Bianco cerca di aiutarla standole vicino, in una sorta di amicizia amorosa, esperienza nuova nella sua vita di uomo abbandonato da due mogli e dagli amori di fortuna.
Dopo brevi esperienze traumatiche fatte di colloqui con l’assistente sociale e soggiorni in centri di accoglienza, a causa dei sui scarsi mezzi Rosa si troverà a dormire all’aperto con Micio, un gattino che ha “adottato”.
Per proteggerla da questa vita, il Bianco la convincerla a seguirlo in un bungalow sul mare prestatogli da un amico, a Rimigliano, in un campeggio ancora chiuso.
Qui Rosa conoscerà Lola, amica del Bianco, che, dopo un’iniziale diffidenza, si trasformerà in amica per la vita; Camilla, la bambina “con le elle nel nome”, e la sua tata filippina.
Rosa teme il mare, ma imparerà a capirne la voce ancor prima di vederlo.
Da un epilogo inaspettato Rosa rinascerà decidendo del proprio futuro, mentre la tata intonerà il suo canto.

Leggi sull'app mobile di Scribd

Scarica l'app mobile gratuita di Scribd per leggere sempre e ovunque.