Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

I_5_livelli_della_leadership: Massimizza le tue potenzialità per scalare la piramide del successo

I_5_livelli_della_leadership: Massimizza le tue potenzialità per scalare la piramide del successo

Leggi anteprima

I_5_livelli_della_leadership: Massimizza le tue potenzialità per scalare la piramide del successo

Lunghezza:
325 pagine
4 ore
Pubblicato:
31 lug 2019
ISBN:
9788834162903
Formato:
Libro

Descrizione

La vera leadership è un viaggio che dura tutta la vita e che richiede un apprendimento continuo.
Uno dei più grandi esperti di leadership, John C. Maxwell, mostra come individuare il livello di leadership in cui ci troviamo e come passare a quello successivo e oltre ancora:
                •             Al Livello 1 utilizziamo la nostra posizione per influenzare gli altri,
                •             Al Livello 2 costruiamo le relazioni
                •             Al Livello 3 produciamo risultati
                •             Al Livello 4 sviluppiamo i talenti dei collaboratori
                •             Al Livello 5 creiamo i leader del futuro
Un libro per i leader e aspiranti leader di ogni settore.
Pubblicato:
31 lug 2019
ISBN:
9788834162903
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a I_5_livelli_della_leadership

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

I_5_livelli_della_leadership - John C. Maxwell

 I 5 LIVELLI DELLA LEADERSHIP

JOHN C. MAXWELL

Massimizza le tue potenzialità per scalare la piramide del successo

Gribaudi 

Questo libro è dedicato a EQUIP (www.iequip.org) e a tutti coloro che fanno parte di questa organizzazione dedicata allo sviluppo della leadership. Ecco la Regola del 5 di Equip: 

Tutti i giorni noi…

Pensiamo globalmente

Valutiamo la nostra strategia di leadership 

Creiamo risorse

Sviluppiamo formatori, partner e donatori

Addestriamo i leader ad addestrare dei leader

Milioni di leader vengono addestrati attraverso i vostri sforzi. Grazie!

Piero Gribaudi Editore

© 2016 Piero Gribaudi Editore srl

20142 Milano - Via C. Baroni, 190

Titolo originale dell'opera: The 5 Levels of Leadership

© 2011 by John C. Maxwell

This edition published by arrangement with Center Street, New York,N.Y., USA

All rights reserved

Traduzione di Roberto Merlini

Copertina di Ideaesse

Seguici su:

Facebook: Gribaudi Business e Self help

Twitter: @GriBusiness

www.gribaudi.it

Gribaudi Editore - Via C. Baroni, 190 - 20142 Milano

tel. 02-89302244 - fax 02-89302376

email: info@gribaudi.it

Dello stesso autore presso le nostre edizioni:

Le 21 leggi fondamentali del leader

Le 21 qualità indispensabili del leader

Le 17 leggi indiscutibili del lavoro di squadra

Sviluppa il leader che c'è in te

Le 17 qualità essenziali del team player

Come pensano le persone di successo

Le 15 leggi fondamentali della crescita (disponibile anche in ebook) 

Leadershift, Gli 11 cambiamenti essenziali che ogni leader deve adottare

Puoi creare un piano di sviluppo della leadership per la tua vita

La leadership è una delle mie passioni. Anche insegnarla lo è. Ho dedicato più di trent’anni della mia vita ad aiutare gli altri a imparare quello che so sulla leadership. In realtà, passo circa ottanta giorni all’anno a insegnare questa materia. Negli ultimi anni l’ho insegnata in sei continenti. L’argomento è inesauribile. Perché? Perché tutto dipende dalla leadership. Se vuoi avere un impatto positivo sul mondo, imparare a esercitarla più efficacemente ti sarà di grande aiuto.

In tutti gli anni in cui ho insegnato l’arte della leadership, c’è un seminario che mi hanno chiesto di tenere più spesso di qualunque altro, da West Point alla Microsoft e in aziende di tutto il mondo. Questo seminario spiega come funziona la leadership e mette a disposizione un piano strategico per imparare a diventare un leader. Si chiama I 5 Livelli della Leadership.

La mia convinzione che tutto dipenda dalla leadership si è consolidata nel 1976 e mi ha fatto partire per un viaggio di istruzione che dura ancora adesso. Sono partito facendomi tante domande. Come si definisce la leadership? Che cos’è un leader? Come funziona la leadership? Sfortunatamente, le risposte che si danno di solito a queste domande non sono molto utili. Alcuni identificano la leadership con la conquista di un ruolo direttivo. Ma ho conosciuto dei cattivi leader che avevano posizioni di potere e dei buoni leader che ne erano del tutto privi. È capitato anche a te? Altri dicono della leadership: Non sono in grado di descriverla, ma la riconosco immediatamente quando la vedo. Sarà anche vero, ma non aiuta nessuno a imparare come si esercita.

La conclusione alla quale sono giunto presto è che la leadership è influenza. Se la gente può influenzare di più gli altri, può dirigere più efficacemente. Mentre riflettevo su questo punto, ha cominciato a cristallizzarsi nella mia mente uno schema di funzionamento della leadership. Era il concetto dei 5 Livelli di Leadership, che ho impiegato quasi cinque anni a sviluppare. E tutte le volte che lo presento, una delle domande che mi fanno regolarmente gli ascoltatori è: Quando scriverà un libro su questo argomento? Come puoi vedere, ecco finalmente la mia risposta a quella domanda.

Puoi acquisire degli strumenti pratici per la leadership

Sugli scaffali delle nostre librerie ci sono tantissimi libri sulla leadership. Perché dovresti leggere proprio questo? Perché funziona. Lo schema dei 5 Livelli è stato usato per addestrare leader di aziende di tutti i livelli e di tutte le configurazioni, dalle piccole imprese ai colossi che figurano nella classifica Fortune 100. È stato usato per aiutare organizzazioni senza fini di lucro a guidare i volontari. Ed è stato presentato a più di 120 paesi del mondo. Tutte le volte che ne parlo, i miei ascoltatori pongono domande e fanno osservazioni. Queste esperienze hanno aiutato il modello dei 5 Livelli a consolidarsi e ad arricchirsi. Il concetto è abbondantemente collaudato. E offre diversi altri benefici:

I 5 Livelli offrono un quadro nitido della leadership

Come si impara a esercitare la leadership? Per chi non ne è dotato naturalmente, può essere un mistero. Per queste persone, dirigere i collaboratori è come attraversare un corridoio buio. Hanno un’idea di dove vogliono andare, ma non vedono nulla e non sanno dove possono stare i problemi e le trappole. Per molti accademici, la leadership è un esercizio teorico, un’equazione le cui variabili meritano ricerche, studi e un dibattito rigoroso. Per contro, il modello dei 5 Livelli è visivamente intuitivo, per cui lo può imparare chiunque.

I 5 Livelli definiscono la leadership con un verbo, non un sostantivo

La leadership è un processo, non una posizione. C’è stato un periodo in cui la gente usava intercambiabilmente le parole management e leadership. Credo che oggi tutti sappiano che c’è una grossa differenza tra le due cose. Il management dà il meglio di sé quando le cose restano immutate.

La leadership ha a che fare con le persone e con le dinamiche relazionali, che sono in continuo divenire. Non sono mai uguali a se stesse. Richiedono il movimento, che, come vedremo tra poco, è insito nel passaggio da un livello di leadership all’altro.

I 5 Livelli suddividono il processo di leadership in fasi gestibili

Il tema della leadership può essere complesso e confuso. Dove inizia la leadership? Cosa dovremmo fare anzitutto? Quali processi dovremmo impiegare? Come possiamo guadagnare influenza sugli altri? Come possiamo costruire un team produttivo? Lo schema dei 5 Livelli risponde per gradi a queste domande.

I 5 Livelli mettono a disposizione un piano strategico per lo sviluppo della leadership

Troppo spesso, quando si pensa al proprio viaggio nella leadership, ci si immagina un avanzamento di carriera. Bisognerebbe pensare invece allo sviluppo della leadership in quanto tale! Essere un buon leader non significa far progredire te stesso. Significa far progredire il tuo team. Lo schema dei 5 Livelli propone delle azioni finalizzate alla crescita della leadership. Impara a dirigere le persone e ad aiutare i membri del tuo team a diventare dei leader efficaci e una carriera di successo sarà quasi assicurata.

I 5 Livelli allineano pratiche, principi e valori di leadership

Quando ho messo a punto questo modello, ho concepito ciascun livello come una pratica che si potrebbe usare per dirigere più efficacemente i collaboratori. Col passare del tempo e con l’esperienza didattica, mi sono reso conto che in realtà erano dei principi. Ecco dove sta la differenza: la pratica è un’azione che potrebbe funzionare in un caso, ma non necessariamente in un altro. Il principio è una verità oggettiva che ha la stessa affidabilità di una legge fisica. Per esempio, quando Salomone disse: Una risposta gentile dissipa la collera, ma una parola scortese la scatena, fissò un principio che è universale e senza tempo. I principi sono importanti perché fungono da mappa, permettendoci di prendere decisioni illuminate. Se lo adottiamo e lo interiorizziamo, il principio entra a far parte dei nostri valori. Lo schema dei 5 Livelli influenza quotidianamente la mia vita. 

Visione d'insieme dei 5 Livelli della Leadership

Ognuna delle sezioni di questo libro è dedicata a ciascuno dei 5 Livelli. Ci troverai le positività e le negatività di quel livello, i comportamenti più efficaci da tenere in quel livello, le convinzioni che aiutano i leader a passare al livello successivo e i collegamenti tra il livello e le Leggi della Leadership. Se conosci già le Leggi della Leadership (vedi John C. Maxwell, Le 21 leggi fondamentali del leader, Le 21 qualità indispensabili del leader e Leadership 101, Gribaudi), la tua comprensione verrà rafforzata dallo studio della relazione con i 5 Livelli. Ma anche se non le conosci, capirai il concetto di base che ci sta dietro e i criteri con cui applicarlo. C’è inoltre una Guida alla crescita per ciascun livello. Ma prima di entrare nel merito, voglio offrirti una panoramica dei livelli e darti un’idea di come si integrano, oltre a fornirti alcune anticipazioni.

Livello 1 - Posizione

La posizione è il livello più basso della leadership: il livello d’ingresso. L’unica influenza che un leader posizionale esercita è quella che deriva dal suo titolo formale. I collaboratori lo seguono perché lo devono fare. La leadership posizionale si basa sui diritti accordati dalla posizione e dal titolo. Non c’è nulla di male nell’avere una leadership posizionale. È totalmente sbagliato usare la posizione formale per essere seguiti dagli altri. La posizione non può sostituire l’influenza.

Coloro che si fermano al Livello 1 potrebbero essere dei capi, ma non saranno mai dei leader. Hanno dei subordinati, non dei collaboratori. Si basano sulle regole, sulle procedure, sulle politiche e sugli organigrammi per controllare le persone. I dipendenti li seguiranno solo entro i confini prefissati della loro autorità formale. E di solito faranno solo lo stretto necessario. Quando i leader posizionali richiedono uno sforzo extra o un impegno lavorativo eccedente l’orario contrattuale, difficilmente lo ottengono.

Di norma i leader posizionali fanno fatica a lavorare con i volontari, con i giovani e con persone altamente scolarizzate. Perché? Perché i leader posizionali non hanno nessuna influenza e perché questi soggetti tendono a essere più indipendenti.

La posizione è l’unico livello che non richiede nessuna capacità e nessuno sforzo. Chiunque può diventare un leader posizionale.

Livello 2 - Consenso

Il Livello 2 si basa interamente sulle relazioni. Al livello del Consenso, le persone ti seguono perché vogliono seguirti. Quando apprezzi le persone e le tratti come individui di valore, cominci a sviluppare una certa influenza su di loro. Crei un clima di fiducia. L’ambiente diventa molto più positivo, che sia a casa, sul lavoro, nel gioco o nel volontariato.

L’obiettivo dei leader di Livello 2 non è preservare la propria posizione. È conoscere i collaboratori e trovare la maniera di andare d’accordo con loro. I leader scoprono chi sono i loro dipendenti e i follower scoprono chi sono i loro leader. Si costruiscono relazioni solide e durature.

Puoi apprezzare delle persone senza guidarle, ma non puoi guidarle senza apprezzarle. Ecco in cosa consiste il Livello 2.

Livello 3 - Produzione

Uno dei pericoli che si accompagnano al raggiungimento del livello del Consenso è la tentazione di fermarsi lì. Ma i bravi leader non si limitano a creare un ambiente di lavoro gradevole. Fanno le cose! Ecco perché devono salire al Livello 3, che si basa sui risultati. Al livello della Produzione, i leader guadagnano influenza e credibilità e i collaboratori iniziano a seguirli per quello che hanno fatto a favore dell’organizzazione.

Molte cose positive cominciano ad accadere quando i leader arrivano al Livello 3. Il lavoro va avanti bene, il morale sale, i profitti aumentano, il turnover si riduce e gli obiettivi si raggiungono. È sempre al Livello 3 che subentra un nuovo slancio.

A questo livello, dirigere e influenzare le persone diventa un divertimento. È dimostrato che il successo e la produttività risolvono tantissimi problemi. Come disse il leggendario quarterback della NFL Joe Namath, Quando vinci, nulla ti può scalfire.

Al Livello 3, i leader possono diventare agenti di cambiamento. Possono affrontare problemi delicati e risolvere questioni spinose. Possono prendere le decisioni difficili che faranno la differenza. Possono portare i loro dipendenti a un altro livello di efficacia.

Livello 4 - Sviluppo delle persone

I leader non diventano grandi grazie al potere, ma grazie alla capacità di responsabilizzare le persone. È quello che fanno i leader al Livello 4. Usano la loro posizione, le loro relazioni e la loro produttività per investire nei collaboratori e svilupparli finché non diventano leader a loro volta. Il risultato è la riproduzione: i leader di Livello 4 riproducono se stessi.

La produzione può far vincere delle gare, ma lo sviluppo delle persone fa vincere i campionati. Al Livello 4 accadono sempre due cose. Primo, il teamwork raggiunge punti altissimi. Perché? Perché l’elevato investimento nelle persone approfondisce le relazioni, aiuta i collaboratori a conoscersi meglio e ne accresce la lealtà. Secondo, cresce anche la performance. Perché? Perché nel team ci sono più leader, che contribuiscono a migliorare la performance di tutti.

I leader di Livello 4 cambiano la vita alle persone che dirigono. Di conseguenza, esse li seguono sulla base di ciò che hanno fatto per loro. E le loro relazioni durano spesso tutta la vita.

Livello 5 - Cima

Il livello più alto e più difficile da raggiungere è la Cima. Mentre quasi tutti possono imparare a salire dal Livello 1 al 4, il Livello 5 non richiede solo impegno, competenza e determinazione, ma anche grande talento. Solo i leader naturali riescono a raggiungere questo livello apicale. Cosa fanno i leader al Livello 5? Sviluppano i collaboratori per farne dei leader di Livello 4.

Se le persone sono rispettose, gradevoli e produttive, possono ottenere una certa influenza sugli altri e conquistare dei seguaci con relativa facilità. Insegnare ai follower a diventare dei leader è difficile. Non lo fa quasi nessuno, perché ci vuole molto più lavoro rispetto al normale esercizio della leadership. Ma sviluppare dei leader in grado di svilupparne altri è il compito più difficile in assoluto. I ritorni, però, sono eccezionali: i leader di Livello 5 creano organizzazioni di Livello 5. Creano opportunità che gli altri leader non creano. Creano un’eredità da lasciare attraverso le loro azioni. Vengono seguiti per ciò che sono e per ciò che rappresentano. In altre parole, i leader di Livello 5 trascendono spesso la propria posizione, la propria organizzazione e a volte anche il proprio settore.

Informazioni preliminari sui 5 Livelli della Leadership

Adesso che hai avuto modo di conoscere i livelli, voglio darti alcune informazioni che ti aiuteranno a capire come si correlano tra di loro.

1. Puoi salire di un livello ma non puoi mai lasciarti alle spalle il livello precedente

Ora che hai visto i livelli e ne hai appreso i concetti principali, potresti immaginare che il leader li scali progressivamente passando da uno all’altro. Ma la verità è che non ci si lascia mai alle spalle un livello dopo averlo raggiunto. Ci si costruisce semplicemente sopra, piuttosto. Se ci pensi un attimo, ti renderai conto che è perfettamente logico. Se parti da una posizione di leadership e costruisci delle relazioni con le persone che dipendono da te, devi dimetterti dalla tua posizione per farlo? No, non lasci quella posizione per progredire, ma se arrivi correttamente al Livello 2, non devi più fare affidamento su di essa.

I leader non scambiano un livello con l’altro. Aggiungono un livello a quello precedente. È un processo di costruzione.

2. Non sei allo stesso livello con tutti

La leadership è dinamica e cambia da una relazione all’altra. La stessa regola vale per i 5 Livelli della Leadership. Potrei trovarmi a un livello diverso con cinque persone diverse al lavoro. Il primo giorno qualcuno potrebbe riconoscere solo la mia posizione, mentre qualcuno in cui ho investito e che ho messo in condizione di dirigere altre persone potrebbe collocarmi al Livello 4. Se sono stato un bravo padre, potrei essere al Livello 4 con i miei figli. Se sono stato un padre assente, potrei essere al Livello 1. Con il vicino di casa, forse mi trovo al Livello 2.

Hai mai presentato un progetto al tuo team ricevendo tante reazioni diverse allo stesso messaggio? A cosa lo attribuisci? Alla diversa formazione degli ascoltatori? Alla disparità dei livelli di intelligenza? Alla differenza tra le personalità? Io credo che tutti questi fattori possano entrare in gioco, ma spesso il più rilevante è il livello di leadership su cui ti trovi con ciascuno. Le persone reagiranno alle tue azioni in base al livello di leadership in cui ti trovi con loro. Ed è un processo dinamico, soggetto a cambiamento.

Raggiungere un determinato livello di leadership non è come prendersi una laurea. Non è come fissare un record sportivo. Non è uno step definitivo. È come fare tutti i giorni una gara per dimostrare la propria abilità. L’unica eccezione è la Cima. Per i leader che arrivano al Livello 5 conta anche la reputazione, e non solo l’interazione personale. Ma bisogna tener presente che in qualunque livello, la permanenza non è sempre automatica. Devi guadagnarti il tuo livello di leadership con ciascuna persona e quel livello può salire o scendere in qualunque momento.

3. Più sali, più è facile esercitare la leadership

Ecco una buona notizia. Dandoti da fare per scalare i livelli della leadership, scoprirai che diventa più facile guidare le persone. Ogni passaggio ti fa diventare più efficace in questo compito perché la tua influenza aumenta man mano che sali di livello. E più cresce la tua influenza, più le persone sono disposte a seguirti. Influenza limitata, leadership limitata. Influenza maggiore, efficacia maggiore. Questo è puro buon senso. Ma c’è anche una cattiva notizia: non è facile scalare i livelli di leadership! Se fosse facile, chiunque potrebbe essere un leader di Livello 5.

4. Più sali, più tempo e più impegno ci vogliono per guadagnare un livello

Cos’è più difficile? Vedersi assegnare una posizione di leadership (Livello 1) od ottenere il consenso delle persone a farsi guidare (Livello 2)? È piuttosto chiaro. Ci vogliono tempo, fatica e impegno per sviluppare relazioni positive con le persone. E per passare dal Livello 2 al Livello 3? Io credo che sia più difficile diventare costantemente produttivi che farsi degli amici. È ancora più difficile, e richiede molto più tempo, salire al Livello 4, dove si portano le persone a diventare leader efficaci. E può volerci tutta una vita per diventare un leader di Livello 5 che sviluppa dei leader che sviluppano a loro volta altri leader.

Anni fa ho visto un fumetto della serie Ziggy, di Tom Wilson, in cui il protagonista era avviato sulla strada del successo, in fondo alla quale campeggiava la scritta: Prepararsi a pagare il pedaggio. Sarebbe un buon consiglio per chiunque voglia scalare i 5 Livelli della Leadership. Non ci sono scorciatoie per arrivare al top. E ogni volta che sali, devi pagare. Devi impegnarti di più, devi dare di più, devi metterci più energia, ogni volta che vuoi salire di un livello. E i tuoi collaboratori devono fare lo stesso. Nessuno ottiene grandi risultati dando il minimo. Nessuna squadra vince il campionato senza fare dei sacrifici e senza dare il massimo.

5. Salire di livello è un processo lento, ma scendere di livello è un processo veloce

Come dicevo prima, ci vuole tempo per scalare i livelli della leadership. Qualcuno mi chiede: Quanto ci metterò a diventare un leader di Livello 5?

Molto più di quanto non immagini è la mia risposta. Costruire richiede sempre molto più tempo che distruggere. Devono funzionare tante cose per salire di livello, ma a volte ne basta una sola che non funziona per scendere di livello. Pensa per esempio quanto tempo ci vuole per costruire un buon rapporto con una persona. Ma se fai qualcosa che le fa perdere la fiducia, il rapporto può rovinarsi per sempre in un batter d’occhio.

Sì, è inquietante pensare alla rapidità con cui si può scendere di livello nella leadership, ma spero che tu possa consolarti con questa considerazione: quando sali di livello, i livelli sottostanti fanno da rete di sicurezza. Perciò, più sali di livello, più sicura è la tua leadership. Per esempio, se al Livello 3 prendi delle decisioni sbagliate che fanno diminuire la tua produttività o quella del tuo team, le relazioni che hai sviluppato potrebbero salvarti dal licenziamento. L’unico livello che non ha una rete di sicurezza è il più basso: la Posizione. Lì non ci sono molte possibilità di commettere degli errori. È un’altra buona ragione per salire ai livelli successivi di leadership.

6. Più sali, più è elevato il ritorno

Devi dare di più per salire i gradini della leadership, ma ricevi anche di più. Nel tuo ruolo di leader, il ritorno sull’investimento aumenta a ogni livello. Al Livello 2, ti guadagni la fiducia dei collaboratori e il diritto di guidarli. Al Livello 3, accresci la produttività dell’organizzazione. Al Livello 4, moltiplichi quella produttività perché ogni volta che aggiungi un altro leader all’organizzazione, potenzi il suo team. Al Livello 5, la crescita e la produttività diventano esponenziali perché fornisci all’organizzazione dei leader che, oltre a guidare efficacemente le persone, creano continuamente nuove generazioni di leader.

Migliori sono i leader di un’organizzazione, migliori diventano tutti al suo interno. Quando la produttività è elevata, la chimica dei rapporti è buona, il morale è alto e lo slancio è forte, allora i ritorni aumentano.

7. Per salire di livello occorre sempre una crescita ulteriore

A ogni passaggio di livello, occorre una competenza maggiore. Di conseguenza, ogni step di crescita richiede un ulteriore sviluppo da parte del leader. Ma ecco la buona

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di I_5_livelli_della_leadership

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori