Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Diario della divina Misericordia: Edizione critica a cura di Alessandro e Ilario Messina

Diario della divina Misericordia: Edizione critica a cura di Alessandro e Ilario Messina

Leggi anteprima

Diario della divina Misericordia: Edizione critica a cura di Alessandro e Ilario Messina

Lunghezza:
764 pagine
11 ore
Editore:
Pubblicato:
23 lug 2019
Formato:
Libro

Descrizione

Poco prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, una giovane suora polacca, semplice, ignorante, riceve una chiamata speciale da Gesù che le dice: 'Oggi mando te a tutta l'umanità con la Mia Misericordia. Non voglio punire l'umanità sofferente, ma desidero guarirla e stringerla al Mio Cuore misericordioso".(Diario) Gesù le dice anche di annotare il Suo messaggio di misericordia in un diario: "Sei la segretaria della Mia Misericordia: ti ho scelta per questo incarico in questa vita e in quella futura"(Diario). Queste parole di Gesù si trovano nel Diario di Santa Maria Faustina Kowalska, che racconta la grande esperienza di Sr. Faustina della Divina Misericordia nella sua anima e la sua missione di condividere questa misericordia con il mondo intero. Sebbene fosse morta nel più totale anonimato, il 30 aprile 2000 fu canonizzata da Papa Giovanni Paolo II come 'il grande apostolo della Divina Misericordia per il nostro tempo';a beneficio di "un messaggio consolante che si rivolge soprattutto a chi, afflitto da una prova particolarmente dura o schiacciato dal peso dei peccati commessi, ha smarrito ogni fiducia nella vita ed è tentato di cedere alla disperazione. A lui si presenta il volto dolce di Cristo, su di lui arrivano quei raggi che partono dal suo cuore e illuminano, riscaldano, indicano il cammino e infondono speranza. Quante anime ha già consolato l'invocazione "Gesù, confido in Te", che la Provvidenza ha suggerito attraverso Suor Faustina! Questo semplice atto di abbandono a Gesù squarcia le nubi più dense e fa passare un raggio di luce nella vita di ciascuno. Più di 800.000 copie del diario sono state vendute in tutto il mondo. Nel diario, la fiducia, la semplicità e l'intimità infantile di questa mistica donna con Gesù, sarà di conforto per molte anime. 'Solo l'amore dà valore alle nostre azioni e tanto più il nostro amore diventa puro, tanto meno il fuoco delle sofferenze avrà da distruggere in noi e la sofferenza per noi cesserà di essere sofferenza',(Diario). La presente edizione, in edizione critica è a cura di Alessandro e Ilario Messina.

Editore:
Pubblicato:
23 lug 2019
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Diario della divina Misericordia

Anteprima del libro

Diario della divina Misericordia - Alessandro Messina



L'opera originale

Milosierdzie Boze

Meglio conosciuta in italiano con il titolo

Diario della divina Misericordia

Scritta da

Maria Faustina (in polacco Maria Faustyna) Kowalska, al secolo Helena Kowalska  

(Głogowiec, 25 agosto 1905 – Cracovia, 5 ottobre 1938)

è basata sul contenuto del diario 

scritto dal 1934 fino alla sua morte, nel 1938

Il corpus della versione originale del diario in lingua italiana

Recita della coroncina e devozioni legate al culto della Misericordia

sono di dominio pubblico

Tutti gli altri diritti sono riservati, compreso il diritto a riprodurre questa edizione

o parte di esso in qualsiasi forma senza il consenso scritto da parte dell'autore

Contenuti aggiuntivi e critiche letterarie annesse NO.

Edizione curata, digitalizzata e prodotta da

Alessandro e Ilario Messina © 2019



Dalla chiamata al dono totale

(a cura di Alessandro e Ilario Messina)

Indice

I primi anni, la chiamata e l’ingresso in Convento

Inviata da Dio per far conoscere al mondo la profondità della Sua Misericordia

La missione che il Signore affida a santa Faustina



I primi anni, la chiamata e l’ingresso in Convento

Santa Maria Faustina Kowalska, conosciuta oggi in tutto il mondo come 'l'Apostolo della Divina Misericordia', è numerata dai teologi tra gli eminenti mistici della Chiesa. Era la terza di dieci figli nati da una povera e pia famiglia di contadini a Glogowiec, un villaggio nel cuore della Polonia. Al suo battesimo nella vicina chiesa parrocchiale di Swinice Warckie le è stato dato il nome di 'Helena'. Fin da bambina si distingueva per la sua pietà, amore per la preghiera, laboriosità e obbedienza, oltre che per la sua grande sensibilità alla miseria umana. Aveva appena tre anni di scuola e all'età di quattordici anni lascia il focolare di famiglia per aiutare i suoi genitori e guadagnarsi da vivere come domestica nelle vicine città di Aleksandrow e Lodz. A sedici anni la vita di preghiera matura e cresce a tal punto che lavoro e sonno divengono difficili. Lascia il lavoro e va dai suoi genitori per chiedere il permesso di entrare in un convento, ma loro rispondono categoricamente di no: che non si può fare; adducendo come scusa difficoltà finanziarie . Dopo un altro rifiuto dei suoi genitori, abbandona la sua vita spirituale fino a vivere una vita mondana: comprando vestiti alla moda, frequentando balli e feste, tutto nel tentativo di ignorare ciò che sentiva dentro di sé e a soffocare la voce della sua chiamata. All'età di 20 anni, mentre balla a una festa di notte a Lodz, città di sua residenza, Gesù le appare sofferente, spogliato e coperto di ferite. E immediatamente tutto ciò che la circonda scompare restando solo Gesù, che le dice: 'Per quanto tempo rimarrò con te e per quanto tempo continuerai a rimandarmi?' (Diario 9). Helena corre alla cattedrale per pregare. Nella cattedrale di Lodz, Helena sente queste parole da nostro Signore: 'Vai subito a Varsavia, e là entrerai in un Convento. Si alza dalla preghiera, va a casa sua e come poteva, confessa a sua sorella cosa era successo. Chiede a sua sorella di salutare i suoi genitori per lei, e con un solo vestito e nient'altro, arriva a Varsavia.

Così arrivata alla chiesa di San Giacomo Apostolo, alla periferia di Varsavia, al termine della santa Messa parla con un prete che la manda dalla signora Lipzye, una donna molto cattolica, e lei si presenta. Durante il suo soggiorno con la famiglia Lipzye, visita vari conventi, ma tutte le porte le si chiudono alle spalle. Chiede al Signore di non lasciarla sola mentre cerca una risposta alla sua preghiera, ma il Signore voleva insegnarle che Egli risponde sempre alle nostre preghiere a Suo tempo, non quando vogliamo noi. A questo punto Helena si dirige alle porte della Casa Madre della Congregazione delle Suore di Nostra Signora della Misericordia in via Zytnia, a Varsavia, dove la Madre Generale la interroga e la esorta ad andare a chiedere direttamente al "Signore di casa" se volesse accettarla. 'Io ti accetto, tu sei nel mio Cuore' – si sente dire nel proprio cuore. Confidata la risposta alla Madre Generale, anche lei le risponde: 'Se il Signore ti accetta, anch'io ti accetto, questa è la tua casa. Tuttavia, poche settimane dopo il suo ingresso, sente un forte desiderio di andarsene e trovare un altro, più severo ordine che dedicasse più tempo alla preghiera. Ma anche qui, Gesù le appare di nuovo, torturato e ferito e le dice: 'Sei tu che mi farai questo dolore se lascerai questo convento. È in questo posto che ti ho chiamato e da nessun'altra parte, e ho preparato molte grazie per te '(Diario 19). All'inizio del 1926, Helena viene inviata al noviziato a Józefów (Piazza San Giuseppe) a Cracovia-Lagiewniki, per porre fine al suo postulato. Il 30 aprile prende l'abito religioso di novizia e riceve  il suo nuovo nome: Suor Maria Faustina. Durante questa cerimonia, il Signore le rivela la grandezza delle sue future sofferenze e tutto ciò a cui si stava impegnando anche se tutto questo dura per un breve periodo, e il Signore la riempie di grande consolazione. Suor Faustina soffre la maggior parte del suo noviziato di continue lotte interiori. 

Non può meditare, né sentire la presenza di Dio. Soffre grandi tormenti e tentazioni, anche all'interno della cappella. In più di un'occasione, mentre era alla santa Messa, sente di bestemmiare contro Dio, non è contenta di nulla. Anche le più semplici verità sulla fede sono difficili per lei da capire. Durante tutto questo tempo, Suor Faustina non rimane sola. Ha l'aiuto della sua direttrice delle novizie, suor Joseph Brzoza, che vede in lei le grazie venire direttamente da Dio. Anche se, in quel momento, Suor Faustina si sente completamente abbandonata da Dio, Suor Joseph le avrebbe detto: "sappi cara sorella, che Dio vuole averti molto vicino a Lui in Paradiso. Abbi molta fiducia in Gesù '. Durante il suo terzo anno in Noviziato, le viene rivelato che cosa significasse essere un'anima vittima. Scrive nel suo diario: 'La sofferenza è una grande grazia, attraverso la sofferenza l'anima diventa come il Salvatore, nell'amore sofferente si cristallizza, maggiore è la sofferenza, più puro l'amore'. (Diario 57) Dopo aver preso i voti temporanei per i successivi 8 anni vive in diversi conventi dell'ordine: Varsavia, Vilnius, Walendow, Plock e alcuni altri e, infine, nel 1936, ritorna al convento di Cracovia, dove rimane per il resto della sua breve vita terrena. In questo convento di Cracovia-Lagiewniki, Suor Maria Faustina completa il suo noviziato, professa i suoi primi voti e i suoi voti perpetui, serve come cuoca, giardiniere, custode e trascorre gli ultimi anni della sua vita.

Torna su



Inviata da Dio per far conoscere al mondo la profondità della Sua Misericordia

Suor Faustina era una religiosa semplice, senza molti studi. Basandosi sull'aspetto esteriore, nessuno avrebbe saputo della profonda vita mistica che guidava. Lei, fedele faceva i suoi compiti, rimaneva quasi sempre in silenzio, gentile, allegra e caritatevole verso tutti. Era completamente abbandonata alla volontà di Dio e per Lui era molto preziosa. La sua vita era caratterizzata dalla sua profonda fiducia e obbedienza al Signore. Era un modello di obbedienza e sottomissione religiosa, sottoponendo sempre tutte le sue visioni e le sue esperienze mistiche alla direzione dei suoi superiori e confessori. La sua profonda vita mistica e unione con Dio fu rivelata durante la sua vita a pochi superiori e confessori. La profondità di questa unione, invece, fu nota a tutti solo dopo la sua morte, rivelata dal contenuto del suo diario, che il Signore le aveva ordinato di scrivere. Per lei, il Signore Gesù aveva in serbo una grande missione: far conoscere il messaggio della Divina Misericordia al mondo intero. Il Signore le disse: 'Nell'Antico Testamento inviai dei profeti che brandivano fulmini al mio popolo. Oggi ti mando con la Mia misericordia alle persone di tutto il mondo. Non voglio punire l'umanità dolorante, ma desidero guarirlo, stringendolo al Mio Cuore Misericordioso. '(Diario 1588). Inoltre: 'Tu sei la segretaria della mia misericordia; Ti ho scelto per questo ufficio in questa e nella prossima vita (Diario, 1605) ... per far conoscere alle anime la grande misericordia che ho per loro, e per esortarli a confidare nella profondità senza fondo della Mia misericordia '( Diario, 1567). 

Torna su



La missione che il Signore affida a santa Faustina

La missione che il Signore affidò a Santa Faustina, tuttavia, le costò molto. Soffrì molto nell'adempiere alla sua missione di Apostolo della Misericordia. Nel suo noviziato, fu visitata da dolorose esperienze mistiche e subì una notte oscura dell'anima. Era molto debole fisicamente e spesso tormentata da una grave malattia, che la tenne a ricovero per mesi. Soffrì molte sofferenze spirituali e morali legate alla missione a cui era stata affidata. Per esempio, molte persone, tra cui le sue consorelle, credevano che fosse delirante a causa della sua profonda comunione con Dio e del suo desiderio di avere l'immagine dipinta e propagata; cosa questa che le causò non poche sofferenze. Per anni, non ebbe un confessore o un direttore spirituale che capisse il funzionamento della sua anima, e anche questo la lasciò in uno stato quasi costante di confusione. Divenne un 'segno di contraddizione' proprio come il suo amato Sposo: un'anima vittima, sofferente per la salvezza dei peccatori; attirandosi tribolazioni che includevano sia la 'notte passiva' dello spirito che le stigmate nascoste. Non di rado ingaggiava battaglie spirituali e punizioni per salvare i peccatori e impedire alle persone di commettere peccati mortali!  Pregò e soffrì molto per le anime del purgatorio. Alla fine, contrasse la tubercolosi e soccombette alla malattia, devastata fisicamente dai suoi effetti il 5 ottobre 1938 all'età di 33 anni. Morì esausta fisicamente, ma unita misticamente a Dio, totalmente matura nello spirito e in odore di santità. Visse tredici dei suoi 33 anni in convento. I suoi funerali si svolsero due giorni dopo, il giorno della festa della Madonna del Rosario, che in quell'anno era il primo venerdì del mese.

Torna su



 Un'analisi approfondita del messaggio di suor Faustina

(a cura di Alessandro e Ilario Messina)

Indice

La misericordia di Dio può essere descritta come la Sua risposta

A causa del peccato, l'uomo è in grado di conoscere la Divina Misericordia

L'importanza del messaggio della Divina Misericordia per il nostro mondo



La misericordia di Dio può essere descritta come la Sua risposta 

quando arriva all'aiuto dei suoi deboli figli. Nessuna creatura merita la misericordia di Dio, ma piuttosto è un dono gratuito e una grazia che viene data ai Suoi figli a motivo della grandezza del Suo amore. Il peccato è la più grande miseria dell'uomo e della creazione. La nostra miseria è peccato, e poiché l'uomo è un peccatore, è considerato infelice. Ma c'è una distinzione molto importante tra la miseria e colui che è infelice ... e cioè che Dio odia il peccato ma ama il peccatore; Ama l'uomo che è debole e miserabile. Questo amore con cui Dio ama l'uomo è definito misericordia. La misericordia non è compassione o perdono nel senso preciso del termine; quelli sono piuttosto gli effetti della misericordia. Nella lingua ebraica, la misericordia deriva dalla parola rahamin, che è definita come 'un sentimento che nasce dal seno materno o dalle viscere del Cuore del Padre' (¹) ^ . La misericordia di Dio è uno dei Suoi attributi che esiste solo per le Sue creature. Vale a dire, per mostrare misericordia, è necessario che prima ci sia la miseria. Come ci spiega san Francesco di Sales: 'Anche se Dio non avesse creato l'uomo, sarebbe ancora una perfetta carità, ma in realtà non sarebbe misericordioso, perché la misericordia può essere esercitata solo sulla miseria ... La nostra miseria è il trono di La misericordia di Dio '(²) ^ . E il Curato d'Ars diceva: 'La misericordia di Dio è come un torrente che rode i cuori lungo la sua strada'. 

Così, anche se nessuno lo merita, è disponibile a tutti. Nel Magnificat, la Beata Vergine ci ha detto: "di generazione in generazione la sua misericordia si stende su quelli che lo temono.' (³) ^ . Ogni era, ogni generazione dovrebbe rispondere a Dio e alle sue azioni salvifiche accettando la salvezza, combattendo i mali del suo tempo e rispondendo ai bisogni del momento storico. Gli uomini di ogni generazione hanno la responsabilità di leggere i segni dei (loro) tempi, di scoprire la voce di Dio e di rispondere con obbedienza a ciò che Egli rivela, al fine di portare la Sua misericordia a quella generazione. Tutte le azioni salvifiche di Dio si manifesteranno in ogni generazione e in ogni momento della storia fino a quel preciso momento della Seconda Venuta di Cristo che verrà a giudicare i vivi e i morti, gli uomini e le donne di tutti i tempi; Giudicherà l'uomo e la sua partecipazione alla storia. Dalla Risurrezione di nostro Signore, siamo entrati nel tempo della misericordia, e mentre ogni giorno passa, ci avviciniamo sempre più alla Giustizia Divina. L'Apostolo Paolo ci dice nella sua Prima Lettera ai Tessalonicesi: "1 Riguardo poi ai tempi e ai momenti, fratelli, non avete bisogno che ve ne scriva; 2infatti voi ben sapete che come un ladro di notte, così verrà il giorno del Signore. '(⁵: ¹-²). A causa del grande amore che Dio ha per noi - perché Egli – è - l’Amore, lento all'ira e ricco di misericordia (Ef ²: ⁴) e - ci avverte e ci dà il tempo per prepararci. Ci dà un tempo di misericordia, un tempo in cui Dio ci chiama alla conversione e in cui dobbiamo anche esercitarci nella misericordia verso gli altri. 

Vediamo nella Sacra Scrittura come gli uomini nel Giudizio Universale saranno giudicati dalle loro opere di misericordia: Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, ...' (Mt 25:35). Questa è l'urgenza con cui il Signore si è rivelato a Santa Maria Faustina, religiosa polacca della Congregazione delle Sorelle di Nostra Signora della Misericordia: 'Figlia mia, racconta al mondo intero della mia imperscrutabile misericordia (cfr Diario 848) ... Prima di venire come Giudice giusto, verrò come Re di Misericordia '(Diario, ⁸³). La devozione alla Divina Misericordia è una chiamata di Dio agli uomini affinché possano ritornare a Lui e confidare in Lui. Non si tratta di nuova devozione; era conosciuta già dai tempi di Cristo, ricordate l’invocazione: 'Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me!' (Mt 18,38). Vediamo come il cieco si fidasse del fatto che il Signore sarebbe stato in grado di guarirlo e, perciò, lo chiamò per pietà. Riconobbe la propria cecità e confidò in Cristo come l'unico che potesse guarirlo. Il messaggio di misericordia è per tutti gli uomini, ed è anche un messaggio per i nostri tempi. Il Santo Padre Giovanni Paolo II nella canonizzazione di Santa Faustina ha affermato: 'Non è un messaggio nuovo, ma può essere considerato un dono di illuminazione speciale che ci aiuta a rivivere il Vangelo di Pasqua più intensamente, a offrirlo come raggio di luce a gli uomini e le donne del nostro tempo '(⁴) ^ . La Divina Misericordia ci è stata rivelata sin dall'inizio - sin dalla Genesi, il primo libro della Bibbia. L'uomo si è allontanato da Dio e dalla sua volontà, e il Signore gli ha dato l'opportunità di rimediare alla sua colpa e di ritornare a Lui con tutto il suo cuore.

Torna su



A causa del peccato, l'uomo è in grado di conoscere la Divina Misericordia

Ma al tempo stesso vediamo anche, come il diavolo ha cercato di ingannare l'uomo, suscitando in lui la paura del castigo e della collera di Dio. Dio ha creato tutte le cose in perfetta armonia e ordine che era estraneo a qualsiasi male. L'uomo è stato creato per amare, sapere, obbedire e servire Dio e per godere l'ordine che Egli ha instillato in tutte le cose. Presto, tuttavia, poiché i nostri primi genitori cedettero alla seduzione del serpente, la relazione d'amore con Dio fu spezzata e l'ordine di tutta la creazione fu perso. E dopo aver peccato e disobbedito al comandamento di Dio, hanno sperimentato la paura. 'Il Signore Dio chiamò allora l'uomo e gli chiese: 'Dove sei?' Egli rispose: ' Ho udito il tuo passo nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto.  ''(Gen ³,⁹-¹⁰). Da ciò vediamo che quando l'uomo commette il peccato, il diavolo induce immediatamente il terrore della punizione di Dio in modo che l'uomo abbia paura di incontrarlo; così, l'uomo non confessa i suoi peccati e non riceve nella sua vita la misericordia e il perdono di Dio che lo purifichi dall'errore commesso. 'Quando un'anima loda la mia bontà, Satana trema prima di esso e fugge fino in fondo all'inferno' (Diario, 378). Il diavolo ci fa vedere Dio come un giudice giusto e terribile che non perdona le nostre offese. In realtà, è vero il contrario: Dio è 'ricco di misericordia' nei confronti della sua creazione (Ef ², ⁴). Il Signore usa perfino ciò che è male per ottenere un bene più grande. 

'Il vero e proprio significato della misericordia nel mondo non consiste solo nel guardare, anche se è il più penetrante e il più compassionevole, diretto al male morale, fisico o materiale; la pietà autentica si manifesta nel suo aspetto più vero quando riconvalida, promuove ed estrae il bene da tutte le forme di male che esistono nel mondo e negli uomini. Inteso in questo modo, costituisce il messaggio messianico fondamentale di Cristo e la forza costitutiva della sua missione. Questo è il modo in cui i suoi discepoli e seguaci praticavano la misericordia. La misericordia non ha mai cessato di essere rivelata nei loro cuori e nelle loro azioni come prova singolarmente creativa di quell'amore che non 'si lascia vincere dal male', ma che 'supera il male con il bene' (⁵) ^ . Dio non è vendicativo. Il peccato rende una persona infelice, e Dio usa questa opportunità per rivelare il suo amore infinito e la sua misericordia per l'uomo. In altre parole, a causa del peccato, l'uomo è in grado di conoscere la Divina Misericordia. Dio vince il male con il bene. Sua Santità Giovanni Paolo II, nella sua enciclica Dives en Misericordia, ci dice: 'Nell'adempimento escatologico la misericordia sarà rivelata come amore, mentre nella fase temporale, nella storia umana, che è allo stesso tempo la storia del peccato e della morte l'amore deve essere rivelato soprattutto come misericordia e deve anche essere attualizzato come misericordia '(n.85). Nella Sacra Scrittura possiamo vedere chiaramente la manifestazione della Divina Misericordia nel libro di Osea. Dio dice: [8] Come potrei abbandonarti, Efraim, come consegnarti ad altri, Israele? Come potrei trattarti al pari di Admà, ridurti allo stato di Zeboìm? Il mio cuore si commuove dentro di me, il mio intimo freme di compassione. [9] Non darò sfogo all'ardore della mia ira, non tornerò a distruggere Efraim, perché sono Dio e non uomo; sono il Santo in mezzo a te e non verrò nella mia ira. (Os 11: 8-9). 

Vediamo che anche se Dio ha tutte le ragioni per essere arrabbiato con l'uomo, non ha la durezza del cuore dell'uomo che, al contrario, spesso cerca di sfogare la sua rabbia sul suo avversario. Vediamo che Egli è Dio, non l'uomo, e quindi, Egli non permetterà alla Sua ira di essere più grande del Suo amore. Nel libro di Geremia, il Signore si è diretto anche al Suo popolo Israele dicendo: 'Ritorna, Israele ribelle... Io non rimarrò arrabbiato con te; perché sono misericordioso ... non conserverò la mia ira per sempre. Conosci solo la tua colpa: come ti sei ribellato al Signore tuo Dio '(Ger 3: 12-13). Dio ci dice che è Buono con il suo popolo; è Buono e perdona i peccati dei Suoi figli che si sono pentiti del male che hanno fatto. Il profeta Davide ha capito molto bene l'amore misericordioso di Dio; conosceva anche l'uomo e il suo desiderio di vendetta. Quando Davide commise una colpa contro Dio, Dio fu deluso da lui e mandò il profeta Gad per comunicare la sua ira a Davide e la punizione che avrebbe seguito. Davide è stato in grado di scegliere tra tre punizioni: tre anni di carestia, tre mesi di fuga davanti ai suoi nemici, o tre giorni di pestilenza dal Signore sulla terra (1 Cr 21:12). Davide ha risposto: Sono in un'angoscia terribile. Ma preferisco cadere nelle mani del Signore, la cui misericordia è molto grande, che nelle mani degli uomini '(21:13). Ci sono riferimenti costanti nei salmi alla misericordia di Dio; tuttavia, il profeta Giona riassume molto bene cosa significa, perché dopo essere stato adirato, Dio ha perdonato il popolo di Ninive perché credevano in Lui e si erano convertiti. Giona disse: 'Ti supplico, Signore non era forse questo che dicevo quand'ero nel mio paese? Per ciò mi affrettai a fuggire a Tarsis; perché so che tu sei un Dio misericordioso e clemente, longanime, di grande amore e che ti lasci impietosire riguardo al male minacciato. '(Giona ⁴: ²). 

L'intero libro del profeta Giona ci prepara alla 'rivelazione evangelica del Dio dell'amore' (⁶) ^ , il più grande atto di misericordia che Dio ha fatto per l'umanità: 'il Verbo si è fatto carne e dimorò in mezzo a noi '(Gv 1,14). Il Verbo si fece carne per farci conoscere l'amore di Dio: 'In questo modo ci è stato rivelato l'Amore di Dio: Dio ha mandato il suo unico Figlio nel mondo per poter avere la vita attraverso di lui. In questo è l'amore: non che abbiamo amato Dio, ma che ci ha amato e ha mandato il suo Figlio come espiazione per i nostri peccati '(1 Gv 4,9-10). Per salvarci, liberarci dal maligno, dal peccato, dal mondo e dalla carne, il Padre ha mandato il suo Figlio, affinché attraverso le sue parole, opere, passione, morte e risurrezione, ci riscattasse, acquistandoci con Il suo sangue e ci riporta nel Regno di Dio. 'Per Cristo, mentre eravamo ancora indifesi, tuttavia siamo morti nel tempo stabilito per gli empi ... Dio dimostra il suo amore per noi in quanto mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi' (Rm ⁵,⁶,⁸). Questa misericordia continua a riversarsi attraverso i Sacramenti e attraverso la Chiesa - specialmente nella Confessione e nell'Eucaristia. È venuto per annullare il male con il bene, per trasformare il nostro peccato in grazia e trasformare la nostra sofferenza in un mezzo di santificazione. Ha attraversato il mondo 'facendo del bene'. Il messaggio di misericordia ha una grande e speciale urgenza nei nostri tempi. Dio vuole parlare alla nostra generazione e desidera che ascoltiamo e rispondiamo alla Sua parola. 

In questa generazione, così segnata dalla cultura della morte; dalla crisi di fede, speranza e carità; da guerre mondiali, bombe atomiche, terrorismo, ribellione e autonomia da Dio; dal desiderio degli uomini di essere come Dio; da un'era di violenza e distruzione familiare; con l'aborto, la droga, la povertà, i disastri naturali e l'immoralità sessuale di ogni tipo; e con una grande crisi nella Chiesa - possiamo solo esclamare: 'Abbi pietà di noi, Signore, e del mondo intero!' In uno dei periodi più bui del ventesimo secolo (tra la Prima e la Seconda Guerra Mondiale), il Signore scelse Santa Maria Faustina, religiosa polacca dell'Ordine di Nostra Signora della Misericordia, di essere, come le disse, "la segretaria della mia Misericordia; Ti ho scelto per quell'ufficio in questa e nella prossima vita '(Diario, 1605). Nelle condizioni del mondo di oggi, uno dei più oscuri del mondo e nella Chiesa, il Signore vuole ricordarci la Sua infinita pietà, che è sempre più accessibile nella misura in cui ne abbiamo bisogno. 'La miseria umana non è un ostacolo alla mia misericordia. Figlia mia, scrivi che più grande è la miseria delle anime, tanto più grande avranno diritto alla mia misericordia; invita tutte le anime a confidare nella profondità inconcepibile della mia misericordia '(Diario, 1182).

Torna su



L'importanza del messaggio della Divina Misericordia per il nostro mondo

Santa Faustina ha svolto un ruolo importante e integrale nel messaggio di misericordia perché Dio ha voluto sceglierla come strumento. Scelse la sua penna per annunciare il suo messaggio - non il fulmine - ma un segretario e un apostolo della divina misericordia. L'importanza del messaggio per il nostro mondo moderno ci è stato rivelato chiaramente dalla sua canonizzazione durante l'anno giubilare - un anno di grazia e misericordia, un anno in cui il Cuore Misericordioso di Cristo è stato aperto per l'umanità. Lei fu la prima santa del terzo millennio. Il Santo Padre ha voluto dirigere lo sguardo di due secoli - quello che si avvicina e quello nuovo che sta appena cominciando - alla Misericordia di Dio. 'Cosa ci porteranno gli anni a venire? Come sarà il futuro dell'uomo sulla terra? Non ci è dato di sapere. Tuttavia, è certo che oltre ai nuovi progressi non mancheranno purtroppo le esperienze dolorose. Ma la luce della divina misericordia, che il Signore in certo modo ha voluto restituire al mondo attraverso il carisma di suor Faustina, illuminerà la via per gli uomini e le donne del terzo millennio. La canonizzazione di Faustina ha una particolare valenza: con questo atto, intendo oggi trasmettere questo messaggio al nuovo millennio '(⁷) ^ . In una delle epoche più oscure di grande peccato e grande rifiuto dell'amore e della legge di Dio - e quindi, di conseguenza, grande egoismo e mancanza di carità - Gesù ha rivelato l'immagine della Divina Misericordia che portava le ferite che Egli rivelava ai suoi apostoli nel cenacolo - apostoli che avevano paura della persecuzione e del rifiuto e che erano deboli nella loro fede. 'Se non credi alle mie parole, almeno credi alle mie ferite' (Diario, 379). Si è rivelato con i segni della sua passione - un atto dell'immensa misericordia di Dio, ma anche uno che manifesta la resurrezione e il trionfo sul male. 

L'amore è più forte della morte; il bene è più forte del male. Disse loro: 'La pace sia con voi' (Gv ²⁰, ¹⁹). Ma prima di pronunciare quelle parole, mostrò loro le Sue mani e il suo lato, come per indicare le ferite della Sua passione, specialmente la ferita del Suo Cuore - fonte da cui la grande ondata di misericordia fu riversata sull'umanità. 'Da tutte le mie ferite, come dalle correnti, scorre la misericordia per le anime, ma la ferita nel Mio Cuore è la fonte della imperscrutabile Misericordia. Da questa fonte scaturiscono tutte le grazie per le anime. Le fiamme della compassione mi bruciano. Desidero fortemente riversarli sulle anime '(Diario, ¹¹⁹⁰). Santa Faustina vide due raggi di luce fluire dal suo Cuore che illuminava il mondo. Questi due raggi, le spiegò Gesù, rappresentavano il Sangue e l'Acqua. Sangue e acqua! Questo è ciò che San Giovanni Evangelista ci ha descritto; poiché vide, quando il soldato trafisse il costato di Cristo con una spada, Sangue e acqua che scorrevano (Gv ¹⁹,³⁴). La Misericordia Divina raggiunge gli uomini attraverso il Cuore Trafitto di Cristo. Gesù disse a Santa Faustina: 'Dì a tutte le persone, figlia mia, che io sono Amore e Misericordia stessa' (Diario 1074). Cristo ha riversato questa misericordia sull'umanità attraverso l'invio dello Spirito Santo che, nella Trinità, è Amore. Perché non è misericordia un secondo nome per amore (DM, 7)? Arriviamo a capirlo quando arriviamo a capire il suo aspetto più profondo e tenero: il suo desiderio di soddisfare ogni bisogno e in particolare la sua immensa capacità di perdonare. 'Il mio cuore esulta in questo titolo di Misericordia' (Diario, 300). 

Non tutta l'umanità e ciascuno di noi oggi ha bisogno di chiedere e ricevere il perdono di Dio? Sì, e molto molto. 'Guarda e vedi la razza umana nella sua condizione attuale' (Diario, 445). Ma dobbiamo farlo con la massima fiducia nel fatto che la misericordia di Dio è infinita. 'Desidero che i sacerdoti proclamino questa mia grande misericordia verso le anime dei peccatori. Lascia che il peccatore non abbia paura di avvicinarsi a me. Le fiamme della misericordia mi stanno bruciando, chiedendo a gran voce di essere spesi; Voglio riversarli su queste anime '(Diario, ⁵⁰). 'Desidero che tutto il mondo conosca la mia infinita misericordia. Desidero concedere grazie inimmaginabili a quelle anime che confidano nella mia Misericordia '(Diario 687). 'Incoraggia le anime a riporre grande fiducia nella mia insignificante misericordia. Lascia che l'anima debole e peccatrice non abbia paura di avvicinarsi a me, perché anche se avesse più peccati che granelli di sabbia nel mondo, tutti sarebbero annegati nelle incommensurabili profondità della mia misericordia '(Diario 1059). Il Santo Padre ha detto molte volte che la pace è in grave pericolo. La pace è un annuncio della Divina Misericordia. Perché non era tra queste due guerre mondiali che Gesù venne per offrire la sua misericordia? Non è questa misericordia l'unico mezzo per ottenere la pace - personale, familiare, sociale e mondiale? Gesù disse a Santa Faustina: 'L'umanità non avrà pace finché non si rivolgerà con fiducia alla mia Misericordia' (Diario, ³⁰⁰).

Torna su

 - - - - -

Note

(¹) ^ (Is 49,15)

(²) ^ Francesco di Sales, I trattenimenti, II, 1.2, pp 59,61

(³) ^ (Luca 1:50)

 (⁴) ^ CAPPELLA PAPALE PER LA CANONIZZAZIONE

DELLA BEATA MARIA FAUSTYNA KOWALSKA

OMELIA DEL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II

Domenica, 30 aprile 2000

(⁵) ^ (Giovanni Paolo II, Dives in Misericordia ( DM), 64)

(⁶) ^ (Cfr. Gaudium et spes, 22)

(⁷) ^ (Giovanni Paolo II, Omelia della Canonizzazione, 30 aprile 2000, n.3,5)



La testimonianza di padre Michael Sopoćko direttore spirituale di santa Faustina Kowalska (¹) ^

(a cura di Alessandro e Ilario Messina) 

Vi sono verità della santa fede che, apparentemente sono conosciute e frequentemente menzionate, tuttavia non sono né ben comprese né vissute. Quella fu la mia esperienza riguardo alla verità della Divina Misericordia. Così tante volte ho pensato a questa verità durante le meditazioni, specialmente durante i ritiri, così tante volte ne ho parlato durante i sermoni e così tante volte ho ripetuto questa verità nel contesto delle preghiere liturgiche. Tuttavia, non ho penetrato il suo significato e la sua importanza per la vita spirituale. Soprattutto, non ho capito, e persino non potrei essere d'accordo, che la Divina Misericordia sia il più grande attributo del Creatore, del Redentore e del Santificatore. Era necessaria un'anima, semplice, pia e strettamente unita a Dio, che - sotto l'ispirazione divina, come credo, mi parlò di questo e mi spinse a studiare, a fare ricerche e a riflettere sull'argomento. La defunta Suor Faustina (Helena) Kowalska era questa anima della Congregazione delle Suore di Nostra Signora della Misericordia. Ha realizzato qualcosa lentamente: oggi considero la Divina Misericordia culto e, soprattutto, l'istituzione della Festa della Divina Misericordia la prima domenica dopo Pasqua, uno degli obiettivi principali della mia vita.

Ho incontrato Suor Faustina nell’estate estate (luglio o agosto) del 1933, quando era penitente nella Congregazione delle Suore di Nostra Signora della Misericordia a Vilnius (Via Senatorska ), dove ero allora il confessore regolare. Ha attirato la mia attenzione a causa della sua insolita coscienza e della stretta unione con Dio: la maggior parte delle volte non c'era nulla da cui assolvere e lei non ha mai offeso Dio con un peccato mortale. All'inizio mi ha detto che mi conosceva da molto tempo a causa di una visione. Mi disse anche che sarei stato il suo direttore spirituale, che doveva adempiere alcuni dei piani di Dio che dovevano essere trasmessi da lei. Ignorai ciò che mi aveva detto e la sottoposi a una prova che, con il permesso del Superiore, fece cercare suor Faustina un altro confessore. Dopo un po’ 'tornò da me e disse che avrebbe sopportato tutto, ma non mi avrebbe lasciato più. Qui, non posso ripetere o piuttosto rivelare tutti i dettagli della nostra conversazione, la cui parte può essere trovata nel suo diario, che ha scritto su mia richiesta, perché in seguito le ho proibito di parlare delle sue esperienze durante la confessione. Venendo a conoscere Suor Faustina ho concluso che l'opera dei doni dello Spirito Santo in lei era nascosta, tuttavia, in certi momenti abbastanza frequenti i doni erano più visibili e dotati di così forte intuizione che prendevano possesso della sua anima, suscitando motivazioni d'amore per compiere atti elevati di sacrificio e abnegazione. Frequenti erano i doni di conoscenza, comprensione e saggezza, grazie Suor Faustina vide chiaramente l'inutilità delle cose terrene e l'importanza della sofferenza e dell'umiliazione; arrivò a conoscere gli attributi di Dio, in particolare la Sua infinita misericordia, direttamente, a volte fissava il suo sguardo sulla luce inaccessibile che rende felici le persone e per qualche tempo teneva gli occhi su di esso. Dalla luce emerse la figura di Cristo, in una posizione di cammino, benedicendo il mondo con la mano destra e sollevando l'indumento esponendo il Suo cuore con quello sinistro.

 Da sotto la veste sollevata uscirono due raggi: uno bianco e uno rosso. Per alcuni anni suor Faustina aveva avuto visioni come questa e aveva anche un corpo fisico e intellettuale. Aveva sentito molte parole soprannaturali - catturate dal senso dell'udito, dell'immaginazione e della mente. Per paura che Suor Faustina avesse delusioni, allucinazioni e fantasie, ho chiesto alla sorella superiora, Madre Irene, di dirmi chi era suor Faustina, quale era l'opinione delle sorelle e dei superiori su di lei e di esaminare la sua salute fisica e mentale. Quando tutte le opinioni si rivelarono a favore di Suor Faustina, rimasi ancora per un po’ di tempo. Non riuscivo a crederci del tutto; ho pregato, meditato e esaminato questo. Non rivelando di che cosa si trattava, ho anche chiesto ad alcuni preti consapevoli cosa dovrebbe essere fatto. E si trattava di soddisfare la pretesa ferma richiesta del Signore Gesù di dipingere l'immagine che Suor Faustina vide e per istituire la Festa della Divina Misericordia la prima domenica dopo Pasqua. Alla fine, poiché ero curioso di sapere come sarebbe stata l'immagine, invece di credere che le visioni di Suor Faustina fossero vere, ho deciso di iniziare a dipingere l'immagine. Ho parlato con Eugeniusz Kazimierowski (³(^ un pittore che viveva nella mia stessa casa, che ha iniziato a dipingere il quadro per una somma di denaro. Ho parlato anche con la sorella superiora, che ha permesso a suor Faustina di visitare il pittore due volte alla settimana per descrivere l'immagine. Il lavoro fu fatto per alcuni mesi e, finalmente, a giugno o luglio 1934, il quadro fu completato. Suor Faustina si lamentava che l'immagine non era bella come la sua visione, ma il Signore la mise a suo agio dicendo che era abbastanza così com'era. Ha aggiunto: 'Offro alle persone una nave con cui devono continuare a venire a Me per grazie. Quella nave è questa immagine con la firma: 'Gesù, confido in Te'. (Diario, anno 1934 Porgo agli uomini il recipiente, col quale debbono venire ad attingere le grazie alla sorgente della Misericordia. Il recipiente è quest'immagine con la scritta: Gesù, confido in Te. ) 

A quel tempo Suor Faustina non riusciva a spiegare cosa denotassero i raggi nella foto. Dopo alcuni giorni ha detto che quando aveva pregato il Signore, Gesù le aveva spiegato questo nel modo seguente: 'I due raggi nell'immagine denotano Sangue e Acqua. Il raggio pallido rappresenta l'Acqua che rende l'anima giusta e il raggio rosso rappresenta il Sangue, che è la vita delle anime. Essi sgorgano dal Mio Cuore, che è stato aperto sulla croce. Questi raggi proteggono le anime dall'ira del Padre Celeste. Beato colui che dimorerà nel loro rifugio, perché la mano giusta di Dio non lo impadronirà (Diario - UN SEGRETO DELL'ANIMA. Wilno ¹⁹³⁴) (²) ^ .. Prometto che l'anima che venererà questa immagine non perirà ( Diario - ²² FEBBRAIO ¹⁹³¹). Prometto anche la vittoria sui suoi nemici già qui sulla terra, specialmente nell'ora della morte.( Diario - 22 FEBBRAIO 1931) Io stesso la difenderò come mia gloria ( Diario - G.M.G. Wilno, 8.11.1935) ... Desidero che la prima domenica dopo Pasqua sia la festa della Divina Misericordia.( Diario - UN SEGRETO DELL'ANIMA. Wilno 1934) Chiunque riceve il Sacramento dell'Amore in questo giorno riceverà la remissione di tutti i peccati e le punizioni ... L'umanità non avrà pace finché non si rivolgerà con fiducia alla Misericordia di Dio ( Diario - UN SEGRETO DELL'ANIMA. Wilno ¹⁹³⁴) . Prima di venire come Giudice giusto, vengo come il Re della Misericordia, in modo che nessuno possa trovare una scusa nel giorno del giudizio, che non è lontano (Diario - ⁶.VI.³⁷)... 'ecc. Era una foto con un nuovo contenuto, quindi non potevo esporlo in una chiesa senza il consenso dell'Arcivescovo. Ero imbarazzato per chiederglielo e, ancora di più, per spiegare le sue origini. Perciò l'ho messo in un corridoio buio vicino alla chiesa di San Michele di cui ero stato nominato rettore. Suor Faustina mi ha preannunziato le difficoltà relative alla collocazione in chiesa e, invero, gli eventi insoliti si sono sviluppati abbastanza velocemente. Ha chiesto che inserissi l'immagine nella chiesa, qualunque fosse il costo, tuttavia non avevo alcuna fretta di farlo. Finalmente, nel ¹⁹³⁵, durante la Settimana Santa, mi disse che il Signore Gesù esige che per tre giorni metta l'immagine in Ostra Brama (la 'Porta dell'Aurora'), dove doveva esserci il Triduo che segna la fine dell'Anno Giubilare della Redenzione del mondo, che doveva svolgersi nella domenica di Pentecoste, nel giorno della festa prevista. Poco dopo venni a sapere che il triduo avrebbe avuto luogo e il parroco di Ostra Brama, il canonico St. Zawadzki, mi chiese di tenere un sermone. 

Ho accettato di farlo a condizione che l'immagine fosse decorata per decorare la finestra del porticato, dove sembrava impressionante e attirava l'attenzione di tutti più che l'immagine della Madonna. Dopo il servizio, l'immagine di Gesù Misericordioso fu messa al suo posto precedente, dove fu nascosta per altri due anni. Solo il 1 ° aprile 1937, chiesi a Sua Eccellenza l'Arcivescovo Metropolita di Vilnius di appendere l'immagine nella chiesa di San Michele, dove ero ancora Rettore. Sua Eccellenza l'Arcivescovo Metropolita disse che non voleva prendere la decisione da solo e aggiunse che avrebbe riferito ad un comitato che doveva essere istituito dal Reverendo Canonico Adam Sawicki, il cancelliere della Curia, per esaminare l'immagine. Il cancelliere ordinò che il quadro fosse messo nella sagrestia della chiesa di San Michele il 2 aprile 1937 perché non sapeva a che ora sarebbe stato esaminato. Impegnato a lavorare nel Seminario e all'Università, non ero presente quando l'immagine è stata esaminata e non conoscevo la composizione del comitato. Il 3 aprile 1937, fui informato da Sua Eccellenza l'Arcivescovo Metropolita di Vilnius che aveva già avuto informazioni dettagliate sull'immagine e che diede il suo permesso di benedirlo e appenderlo nella chiesa a condizione che non fosse appeso sull'altare e che a nessuno si dicesse da dove provenisse. In quel giorno l'immagine fu benedetta e appesa accanto all'altare maggiore, sul lato dove si leggeva la lezione. Diverse volte fu trasferito da quel luogo alla parrocchia di San Francesco (che era solita alla chiesa di San Bernardo) per essere messa sugli altari che erano stati preparati per le processioni del Corpus Domini. Il 28 dicembre 1940 l'immagine fu danneggiata quando fu spostata dalle sorelle in un altro luogo, e nel 1942, quando furono arrestate dalle autorità tedesche, tornò al vecchio posto, dove era stato adorato e decorato con numerose offerte votive da parte dei fedeli. Qualche giorno dopo il triduo a Ostra Brama, Suor Faustina mi raccontò di quello che aveva vissuto durante la cerimonia, che è descritta dettagliatamente nel suo diario. Poi, il 12 maggio, vide nello spirito il Maresciallo J. Pilsudski agonizzante e mi raccontò delle sue terribili sofferenze. Il Signore Gesù le avrebbe mostrato questo dicendo: Guarda come finisce la grandezza di questo mondo. Poi ha visto quando il maresciallo è stato giudicato e quando ho chiesto quale fosse il verdetto, lei ha risposto: 'Sembra che, per l'intercessione di Nostra Signora, la Divina Misericordia abbia vinto'. Poco dopo iniziarono le grandi difficoltà (relative alla mia permanenza nella chiesa di San Michele) che era stata predetta da Suor Faustina. Erano sempre più grandi e, nel gennaio del 1936, raggiunsero il loro apice. Non raccontai quasi nessuno di questi problemi e solo nel giorno critico chiesi a Suor Faustina di pregare. Con mia grande sorpresa lo stesso giorno tutte le difficoltà sono scomparse. Suor Faustina disse che aveva preso su di sé tutte le mie sofferenze e non l'aveva mai sperimentato tanto quanto quel giorno. Quando nella cappella ha chiesto al Signore Gesù di aiutarla, ha sentito le seguenti parole: hai deciso di soffrire per Lui e adesso non lo vuoi? Ho permesso che tu sperimentassi solo una parte delle sue sofferenze". Poi, con estrema precisione, mi ha descritto la ragione delle difficoltà, che, come sosteneva, le erano state rivelate in modo soprannaturale. La precisione era davvero sorprendente, soprattutto perché era impossibile per lei venire a conoscenza dei dettagli. 

C'erano alcuni casi simili a quello. A metà aprile 1936, su ordine del Superiore Generale, Suor Faustina andò a Walendów e, più tardi, a Cracovia, mentre meditavo sull'idea della misericordia di Dio e iniziai a cercare la conferma che, come ha detto suor Faustina, questo è il più grande attributo di Dio . Ho cominciato a cercarlo negli scritti dei Padri della Chiesa perché non ne avevo trovato nulla nelle opere dei teologi vissuti in seguito. Sono stato felice di scoprire che San Fulgenzio, San Ildefonso e, in particolare, San Tommaso e Sant'Agostino hanno scritto qualcosa di simile. San Tommaso e Sant'Agostino hanno scritto di più su questo. L'ultimo - Sant'Agostino - nei suoi commentari sui Salmi - ha discusso a lungo sulla Divina Misericordia e ha scritto che questo è il più grande attributo di Dio. Allora non ho più avuto dubbi sulla natura soprannaturale delle rivelazioni di Suor Faustina e ho iniziato ad avere occasionalmente alcuni articoli sulla Divina Misericordia pubblicati su riviste teologiche, che giustificano la necessità di istituire la Festa della Divina Misericordia la prima domenica dopo Pasqua razionalmente e con argomenti poiché è stato trovato nella liturgia e, nel giugno del 1936, a Vilnius ho avuto il primo opuscolo 'Divina Misericordia' con l'immagine del Cristo più misericordioso sulla copertina pubblicata. Prima di tutto, l'ho inviato alle loro Eccellenze. I Vescovi riuniti in una conferenza episcopale a Czestochowa, tuttavia, nessuno di loro ha risposto. Nel 1947 a Poznań ho pubblicato un secondo opuscolo. Era intitolato 'Divina Misericordia nella liturgia' e in alcune riviste teologiche leggevo le sue recensioni, che, in generale, erano molto buone. Ho anche pubblicato alcuni articoli sui quotidiani di Vilnius, ma da nessuna parte ho rivelato che Suor Faustina era la 'causa movens'. Nell'agosto del 1937, ho visitato Suor Faustina a Łagiewniki e nel suo diario ho trovato la novena della Divina Misericordia, che mi è piaciuto molto. Le ho chiesto da dove l'avesse avuto e lei ha risposto che il Signore Gesù stesso gliel'aveva dettata. Ancor prima sosteneva che il Signore Gesù le aveva insegnato la coroncina alla Divina Misericordia e altre preghiere che avevo deciso di pubblicare. Sulla base di alcune espressioni trovate nelle preghiere, ho composto una litania sulla Divina Misericordia che, insieme alla coroncina e alla novena, ho dato a Cebulski (Cracovia, via Szewska 22) per ottenere 'Imprimatur' nella Curia di Cracovia e avere le preghiere stampate con l'immagine della Divina Misericordia sulla copertina. 

La Curia di Cracovia diede l'Imprimatur al numero 671 e in ottobre la novena insieme alla coroncina e alla litania apparve nelle librerie. Nel 1939 ho importato un certo numero di immagini e di novene a Vilnius e dopo che la guerra è scoppiata e le forze armate dell'URSS sono entrate nel paese (19 settembre 1939) ho chiesto il permesso di Sua Eccellenza l'Arcivescovo Metropolita di Vilnius di distribuire le preghiere insieme a informazioni sull'origine dell'immagine. L'Arcivescovo ha detto che ha acconsentito e poi ho iniziato a diffondere la devozione privata all'immagine e distribuito le preghiere che erano state scritte da Suor Faustina e approvate a Cracovia. Quando l'edizione di Cracovia era fuori catalogo dovevo dattilografare le preghiere e quando non riuscivo a scriverne abbastanza perché erano molto richieste chiesi il permesso alla Curia di Vilnius di farle ristampare e, nella prima pagina , per aggiungere una spiegazione del significato dell'immagine. Mi è stato concesso il permesso firmato dal censore - il Rev. Prelato Leon Zebrowski il 6 febbraio 1940, nonché da Sua Eccellenza il Vescovo Suffragan Kazimierz Michalkiewicz e il Notaio della Curia - Rev. J. Ostrejka il 7 febbraio 1940 - numero 35. Già durante la sua permanenza a Vilnius, Suor Faustina ha affermato di provare l'urgenza di lasciare la congregazione di Nostra Signora della Misericordia per fondare una nuova congregazione religiosa. Ho considerato l'urgenza una tentazione e le ho consigliato di non prenderla sul serio. Più tardi, nelle sue lettere da Cracovia, ha continuato a scrivere sull'urgenza e, infine, il suo nuovo confessore e Superiora Generale le ha consentito di lasciare la congregazione a condizione che io fossi d'accordo. Avevo paura di assumermi la responsabilità e risposi che sarei stato d'accordo solo se il confessore di Cracovia e il Superiore Generale non solo le avesse permesso, ma le ordinasse anche di andarsene. A Suor Faustina non fu detto di farlo e per questo si ritrovò in pace e rimase nella sua Congregazione fino al giorno della sua morte. A metà settembre 1938 sono venuto a una conferenza dei dipartimenti di teologia a Cracovia e ho visitato Suor Faustina nell'ospedale delle malattie infettive a Prądnik, dove era già pronta per morire. Durante la settimana l'ho visitata e una delle materie di cui abbiamo parlato era la congregazione che voleva trovare e il fatto che, nonostante ciò, stava morendo. Ho sottolineato che forse quella questione era un'illusione e che qualsiasi altra cosa di cui aveva parlato poteva anche essere un'illusione. Suor Faustina ha promesso di parlarne con il Signore Gesù durante la preghiera. Il giorno seguente ho celebrato una santa Messa per l'intenzione di Suor Faustina durante la quale mi è venuto in mente che siccome non era in grado di dipingere l'immagine ma la descriveva solo, allo stesso modo, non era riuscita a fondare una nuova congregazione, ma aveva dato solo istruzioni generali e che le urgenze significavano che era necessario fondare la nuova congregazione in futuro. 

Quando sono andato in ospedale più tardi e ho chiesto se voleva dire qualcosa in merito, lei ha risposto che non era necessario che lei parlasse perché il Signore Gesù mi aveva già dato la luce durante la Santa Messa. Poi ha aggiunto che il mio compito principale era di fare sforzi in modo che la festa della Divina Misericordia fosse istituita la prima domenica dopo Pasqua. Ha detto che  che non dovevo preoccuparmi troppo per la nuova congregazione e che avrei riconosciuto da certi segni chi doveva agire e che cosa bisognava fare. Mi disse che quel giorno alla radio non avevo pronunciato il sermone con un'intenzione completamente pura (anzi, era vero); per quanto riguarda tutta questa questione, dovevo sforzarmi soprattutto circa la pura intenzione; che vedeva che io prendevo i voti da sei primi candidati per la congregazione in una piccola cappella di legno di notte, che lei sarebbe morta presto e che avrebbe già compiuto tutto quello che aveva da dire e da scrivere. Mi descrisse ancora l'aspetto della chiesina e della prima casa della congregazione e si rammaricava per le sorti della Polonia che amava molto e per la quale pregava spesso. Seguendo il consiglio di San Giovanni della Croce ho quasi sempre trattato ciò che Suor Faustina ha detto in modo distaccato e non le ho chiesto dei dettagli. In questo caso non le ho nemmeno chiesto: ti affligge così tanto il destino della Polonia, quindi cosa succederà al Paese? Non me lo ha detto lei stessa, ma ha solo sospirato e nascosto il viso tra le mani a causa della terribile immagine che probabilmente vedeva allora. Quasi tutto ciò che predisse riguardo alla congregazione si avverò precisamente - e quando nel 1944, il 16 novembre di notte, presi i voti personali dei primi sei candidati per la congregazione nella cappella di legno delle Suore carmelitane a Vilnius e quando tre anni dopo venni nella prima casa della congregazione a Myślibórz, rimasi stupito dalla sorprendente somiglianza di ciò che vedevo con ciò che mi aveva detto la defunta Suor Faustina. Anche lei, in modo abbastanza dettagliato, predisse le difficoltà e persino le persecuzioni che dovevo fare per quanto riguarda la diffusione della devozione alla Divina Misericordia e gli sforzi per ottenere l’istituzione dell'omonima festa la domenica in Albis (era più facile sopportare tutto questo essendo convinto che fin dall'inizio questa era stata la volontà di Dio). Il 26 settembre mi disse che sarebbe morta entro 10 giorni e morì il 5 ottobre. Non potevo venire al funerale per mancanza di tempo.

Cosa pensare di Suor Faustina e delle sue rivelazioni? Per quanto riguarda la sua disposizione naturale, era una persona completamente stabile, senza ombre di nevrosi o isteria. La naturalezza e la semplicità hanno caratterizzato il suo rapporto con le sorelle della Congregazione e con gli estranei. Non c'era artificiosità, teatralità o affettazione in lei. Non voleva attirare l'attenzione su di sé, ma, al contrario, cercò di non distinguersi parlando delle sue esperienze interiori solo al suo confessore e ai suoi superiori. La sua emotività era normale, controllata dalla volontà e non si rivelava facilmente cambiando stati d'animo o emozioni. Non ha avuto alcuna depressione psicologica e non si è arrabbiata quando ha fallito, ma ha sopportato i fallimenti con calma, sottomettendo tutto alla volontà di Dio. Per quanto riguarda le sue capacità intellettuali, era sagace e aveva un discernimento sano delle cose pur non essendo molto colta: riusciva a malapena a leggere e scrivere - con errori. Ha dato consigli alle altre sorelle quando le hanno chiesto di farlo e, più volte, l'ho messa alla prova – sottoponendo alcuni dubbi che lei ha saputo dissipare molto bene. La sua immaginazione era fertile ma non era esaltata. Soprattutto per quanto riguarda i ricordi del passato, spesso non riusciva a distinguere ciò che immaginava da un'azione soprannaturale. Tuttavia, quando ho attirato la sua attenzione su questo e le ho detto di sottolineare nel suo diario solo quello che poteva giurare che, di sicuro, non era un frutto della sua immaginazione, ha lasciato fuori molti dei suoi ricordi passati.Per quanto riguarda la sua moralità, era completamente sincera, senza la minima esagerazione e traccia di menzogne. Diceva sempre la verità anche se a volte le faceva male. Nel 1934, in estate, sono stato via per alcune settimane e Suor Faustina non ha parlato con altri confessori delle sue esperienze. Al mio ritorno vidi che aveva bruciato il suo diario - affermando che un angelo era venuto ordinandole di gettarlo nella caldaia dicendo: Stai scrivendo delle sciocchezze e non fai altro che esporre te stessa e altre persone a dispiaceri. Che cosa ti porta questa misericordia? Perché stai perdendo tempo a descrivere certe allucinazioni?! Brucia tuttoe sarai più tranquilla e più felice!. Non c'era nessuno a cui Suor Faustina potesse chiedere consiglio e quando ebbe di nuovo la visione fece ciò che le aveva detto il presunto angelo.Poi si rese conto di aver fatto la cosa sbagliata, mi raccontò tutto e portò a termine l'ordine di annotare tutto di nuovo. Per quanto riguarda le virtù soprannaturali, ha fatto progressi chiari. 

Sebbene fin dall'inizio avevo visto che lei era radicata nelle virtù della castità, dell'umiltà, dello zelo, dell'obbedienza, della povertà e dell'amore per Dio e il prossimo e che le virtù erano già state testate, tuttavia si poteva facilmente notare che si svilupparono costantemente. Soprattutto alla fine della sua vita, l'amore di Dio, che rivelò nelle sue poesie, crebbe. Oggi non ricordo esattamente di che cosa si trattasse, ma, ricordo che quando li lessi nel 1938 fui deliziato dal loro contenuto (non dalla forma). Una volta ho visto suor Faustina in uno stato di estasi. Era il 2 settembre 1938, quando la visitai all'ospedale di Prądnik e le dissi addio: stavo andando a Vilnius. Dopo  una dozzina di passi, mi resi conto che le avevo fatto qualche decina di preghiere sulla Divina Misericordia (la novena, la litania e la coroncina) che era stata scritta da lei e pubblicata a Cracovia. Allora tornai indietro immediatamente, per darglieli. Quando ho aperto la porta della stanza dov'ero, l'ho vista immersa nella preghiera. Era seduta, ma stava quasi levitando sul letto. I suoi occhi erano fissi su un oggetto invisibile, e le sue pupille leggermente dilatate, per un po’ non si accorse di me, e io non volevo disturbarla e intendevo andarmene, ma presto lei si fece avanti, mi notò e si scusò per non avermi sentito bussare o entrare. Le ho fatto le preghiere e ho detto addio, e lei mi ha detto: 'Ci vediamo in paradiso!' 'L'ultima volta che l'ho visitata, il ²⁶ settembre nel convento di Łagiewniki, non voleva parlare con me, o forse lei non poteva più dire: 'Sono in comunione con il Padre celeste'. Anzi, dava l'impressione di essere soprannaturale. Non avevo più alcun dubbio sul fatto che ciò che scriveva nel suo diario sulla Santa Comunione che le veniva amministrata in ospedale da un angelo era assolutamente vero.

Riguardo all'argomento delle rivelazioni di Suor Faustina, non c'è nulla che possa essere contrario alla fede o alla decenza o che riguardi le opinioni contrastanti dei teologi. Al contrario, lo scopo di tutto ciò è di venire a conoscere e amare di più Dio. L'immagine è stata dipinta artisticamente ed è un prezioso contributo all'arte religiosa contemporanea'. (Protocollo della Commissione riguardo alla valutazione e alla conservazione dell'immagine del Salvatore Misericordiosissimo nella chiesa di San Michele a Vilnius, del 27 maggio 1941, firmato dai periti, professore della storia dell'arte dott. M. Morelowski, professore della dogmatica don L. Puchaty e conservatore don dott. P. Sledziewski). La devozione privata alla Divina Misericordia (nella forma della novena, della coroncina e della litania) così come quella pubblica (nella forma della festa programmata) non solo non è affatto contraria ai dogmi e alla liturgia, ma mira anche a spiegare le verità della santa fede e presentare una visione sinottica di quello che nella liturgia era fino ad ora come un collegamento - per evidenziare e presentare al mondo intero ciò di cui hanno scritto i Padri della Chiesa, cosa significasse l'autore della Liturgia e ciò di cui oggi ha bisogno la grande miseria umana. L'intuizione della semplice monaca, che conosceva solo il catechismo, l'intuizione riguardo alle cose così sottili, così accurate e corrispondenti alla psicologia della società contemporanea, può essere spiegata solo attraverso l'azione soprannaturale e l'illuminazione. Molti teologi che hanno studiato a lungo non potrebbero, nemmeno approssimativamente, risolvere le difficoltà con la stessa facilità e precisione di Suor Faustina. È vero che nell'anima soprannaturale di Suor Faustina l'azione soprannaturale è stata talvolta accompagnata dalla sua immaginazione umana, abbastanza fertile e, di conseguenza, ha involontariamente deformato leggermente certe cose, ma è successo a tutte le persone di questo tipo, ad esempio a Santa Brigida, Caterina Emmerich, Maria d ‘Agreda, Giovanna d'Arco. È così che può essere spiegata la discrepanza tra il racconto di suor Faustina di come è stata ammessa al convento e che cosa ha affermato la venerabile Madre generale, Michaela Moraczewska, e forse anche le altre sue descrizioni nel diario, possono essere spiegate. Comunque, queste cose sono successe molto tempo fa, entrambe le parti potevano dimenticarsene o cambiare leggermente ciò che era successo e ciò che non era il nocciolo della questione.  

I risultati delle rivelazioni di Suor Faustina, sia nella sua anima che nell'anima di altre persone hanno superato ogni aspettativa. Mentre all'inizio suor Faustina era un po’ spaventata, temeva la possibilità di eseguire gli ordini e cercava di evitarlo, gradualmente si calmò e la sua anima giunse a uno stato di certezza assoluta e di profonda gioia interiore. Ella divenne sempre più umile e sempre più obbediente, accettando la volontà di Dio in tutte le cose. Penso che non sia necessario approfondire i risultati delle rivelazioni nelle anime di altre persone che sono venute a conoscenza della rivelazione, perché i fatti parlano da soli. Le numerose offerte votive (circa 150) che sono state messe vicino all'immagine del misericordiosissimo Salvatore a Vilnius e in molte altre città dimostrano sufficientemente che le grazie sono state date ai fedeli della Divina Misericordia sia nel paese che all'estero. Da ogni parte del mondo arrivano notizie di straordinarie grazie, veri miracoli della Divina Misericordia. Riassumendo, potremmo facilmente arrivare a una conclusione, tuttavia, poiché la decisione finale su questa questione deve essere presa da un'istituzione infallibile della Chiesa, ci sottomettiamo a questo giudizio e aspettiamo tranquillamente la sua sentenza.

Rev. Michael Sopoćko -  Białystok, 27 gennaio 1948

Trentatré anni dopo la sua morte, p. Sopocko (1888-1975) - il grande promotore del messaggio della Divina Misericordia e un confessore di Santa Maria Faustina Kowalska - è stato elevato agli onori dell'altare in una speciale messa di beatificazione di domenica 28 settembre 2008 a Bialystok, Polonia (2) . Circa 80.000 persone erano presenti alla Messa, celebrata da Sua Eccellenza Mons. Angelo Amato, Prefetto per le cause dei santi e delegato personale del Santo Padre Benedetto XVI. Di lui e attraverso il diario, Nostro Signore ebbe a dire: "È un sacerdote secondo il Mio stesso cuore (...) Attraverso di lui mi ha fatto piacere proclamare il culto della mia misericordia' (Diario 1256). 'Il suo pensiero è strettamente unito al mio, quindi sii tranquilla riguardo a ciò che riguarda il mio lavoro. Non gli permetterò di fare un errore, e non dovresti fare nulla senza il suo permesso '(Diario ¹⁴⁰⁸).

Un consiglio spirituale del padre Sopocko

 "Senza umiltà non possiamo piacere a Dio. Esercitati nel terzo grado dell'umilta', cioè non solo non ricorrere a spiegazioni e giustificazioni, quando ci rimproverano qualche cosa, ma rallegrarsi dell'umiliazione. Se le cose di cui mi parli, provengono veramente da Dio, prepara la tua anima a grandi sofferenze. Incontrerai disapprovazioni e persecuzioni; ti considereranno un'isterica ed una stravagante; ma Dio non ti risparmierà la Sua grazia. Le vere opere di Dio incontrano sempre difficoltà e sono contraddistinte dalla sofferenza. Se Dio vuole realizzare qualche cosa, prima o poi la realizza, nonostante le difficoltà e gli ostacoli; e tu frattanto àrmati di tanta pazienza".

 - - - - 

Note ::

(¹) ^ ( Estratti pubblicati in: 'Newsletter della Divina Misericordia', n. 34, 35, 36, 37, 38, 39, 40

a cura della redazione di divinemercy.org )

Degni di interesse:

Ibid: Blessed Fr. Michael Sopocko - Memoirs - divinemercy.org sezione books

Ibid: Endless Mercy - The Life of Bl. Michael Sopocko - divinemercy.org sezione books

Ibid: In the Footsteps of Blessed Fr. Michael Sopocko - - divinemercy.org sezione books

Vedi anche:  

La Congregazione delle Suore di Gesù Misericordioso - Faustine, su faustina-messaggio.com

Apostolato della divina misericordia

Divine Mercy Apostolate, Maryville,

Skerries, Co. Dublin, Ireland K34 NW54 |  Tel: +353 1 849 1458  |  

Email:  newsletter@divinemercy.org

(²) ^ Diario della divina misericordia

(³) ^ Eugeniusz Marcin Kazimirowski (11 novembre 1873 - 23 settembre 1939 a Białystok) 

fu un pittore polacco membro del movimento di realismo. È meglio conosciuto per la prima rappresentazione 

dell'immagine della Divina Misericordia nel 1934, basata su una richiesta di Saint Faustyna Kowalska 

e del suo confessore Michael Sopoćko

(⁴) ^ La Divina Misericordia di Kazimirowski fu mostrata per la prima volta in pubblico durante le cerimonie pasquali del 25-28 aprile 1934 e la prima Messa con l'immagine della Divina Misericordia fu celebrata dal Rev. Michael Sopoćko alla chiesa della Porta dell'Aurora a Wilno, il 28 aprile 1935 la seconda domenica di Pasqua, molto prima che il Vaticano approvasse il termine Domenica della Divina Misericordia nel 2000





::: Diario della divina Misericordia :::

Quaderno I - Parte 1

Indice

G.M.G. Wilno, 28.VII.1934 Primo fascicolo DIO E LE ANIME

Varsavia, I.VIII.1925 L'INGRESSO IN CONVENTO

Fine del postulato 29.IV.1926

²² FEBBRAIO ¹⁹³¹

¹⁹³³ CONSIGLI SPIRITUALI DATIMI DA PADRE ANDRASZ S. J

¹⁹²⁸. LA GITA A KALWARIA

CONFESSIONE DI UNA NOSTRA EDUCANDA

TENEBRE E TENTAZIONI

RIASSUNTO DEL CATECHISMO DEI VOTI RELIGIOSI

IL VOTO DI POVERTA’

LA VIRTÙ DELLA POVERTÀ

IL VOTO DI CASTITÀ

IL VOTO DELl'OBBEDIENZA

LA VIRTU’ DELL'OBBEDIENZA

I GRADI DELL'OBBEDIENZA



O Re di Misericordia, guida la mia anima Suor M. Faustina del SS.mo Sacramento Wilno,

²⁸.VII.¹⁹³⁴ O Gesù mio, con fiducia verso di Te Intreccio migliaia di

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Diario della divina Misericordia

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori