Inizia a leggere

Umanità perduta

Valutazioni:
101 pagine1 ora

Sintesi

Cosa può esserci in comune tra una ragazzina, un ex detenuto e una madre?

“Umanità perduta” mette in scena tre personaggi che, in un momento della loro vita, hanno perso la loro umanità agli occhi della società. Tre personaggi, tre storie parallele, un’unica storia. Un primo romanzo noir.

Estratto

Era sempre la stessa storia. «Non sei qui per pensare» le ripeteva l'uomo, «sei qui per fare quello che ti dico io». La prima volta era su un'altra spiaggia che assomigliava a questa. Aveva portato con lei un'altra ragazzina, più giovane di lei, per fare merenda nel furgone parcheggiato vicino al molo. L'uomo, dentro il suo veicolo,  aveva sorriso quando le due ragazzine si erano avvicinate. «Ma sono scemo?» Aveva detto mentre scendeva dal furgone «i biscotti sono rimasti nel bagagliaio». «Vai avanti tu» le aveva ordinato duramente. Aveva aperto il baule e vi aveva spinto dentro l'altra ragazzina, che si era messa a urlare a squarciagola quando il bagagliaio venne brutalmente chiuso. Poi, il furgone era partito ad alta velocità e avevano viaggiato a rotta di collo per ore. Esausta, la ragazzina aveva finito per addormentarsi con il viso incollato al finestrino. Quello che era successo dopo, non se lo ricordava più molto bene.

Leggi sull'app mobile di Scribd

Scarica l'app mobile gratuita di Scribd per leggere sempre e ovunque.