Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Interpretare le Eclissi

Interpretare le Eclissi

Leggi anteprima

Interpretare le Eclissi

Lunghezza:
187 pagine
1 ora
Pubblicato:
11 lug 2019
ISBN:
9788834155103
Formato:
Libro

Descrizione

Questo è il libro sulle eclissi più celebrato dagli astrologi del Ventesimo Secolo; Da anni finito fuori catalogo e difficile da reperire questo classico dell'astrologia moderna viene qui presentato nella sua prima edizione in lingua italiana. L'autore, Robert Carl Jansky (1932-1981) è stato il padre dell'Astrologia Medica, con il suo background biochimico unito alla sua conoscenza dell'astrologia scrisse, tra gli altri, il primo testo moderno (Modern Medical Astrology) su questo tema, in un linguaggio facile da capire e che chiunque poteva cogliere. Interpretare le Eclissi (Interpreting the Eclipses), diventato un classico dell'astrologia è stato il suo primo libro interamente dedicato al fenomeno delle eclissi ed alla loro interpretazione in chiave astrologica; In esso potrete imparare come i Caldei scoprirono il Ciclo Saros, come i Greci scoprirono il ciclo di Metone, e come noi possiamo usare questi grandi cicli per interpretare il significato di una qualsiasi eclisse nell'oroscopo natale. L'autore presenta la spiegazione delle eclissi in relazione alle dodici case, ai pianeti congiunti o opposti ad esse, alle serie Saros, alle Stelle fisse ed anche, come usavano fare gli antichi, alle stelle che al momento dell'eclisse si trovano a sorgere o a tramontare sull'orizzonte (ascendente/discendente), al pianeta governatore, ed al tragitto che l'ombra della Luna percorre sulla superficie terrestre durante un'eclisse solare.Le interpretazioni di Jansky sono radicate nell'Analisi Transazionale, teoria psicologica che può essere considerata un'evoluzione in senso relazionale della psicoanalisi freudiana (ciò che io faccio a te diventa ciò che tu fai a me, ecc..) la quale in termini astrologici si traduce nello studio delle polarità, espresse in case e segni opposti. Jansky approfondisce anche temi come la durata di un'eclisse, l'eclisse prenatale, l'eclisse come strumento per la rettificazione degli oroscopi, ed il rapporto tra eclissi e salute, utilizzando esempi semplici ed allo stesso tempo illuminanti.Questo è un libro completo sullo studio delle eclissi in astrologia. Non ve ne serviranno altri.
Pubblicato:
11 lug 2019
ISBN:
9788834155103
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Interpretare le Eclissi

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Interpretare le Eclissi - Robert Carl Jansky

Eclipses

1. Cicli dentro Cicli

Tutti noi conosciamo qualcuno che è scettico nei riguardi dell'Astrologia. Perché? , essi chiedono, sprecare il proprio tempo studiando una disciplina superstiziosa e senza senso?. Da una parte abbiamo degli scienziati che ci dicono che l'astrologia non ha alcuna base scientifica, dall'altra abbiamo i religiosi che affermano si tratti di uno strumento di Satana. La maggior parte delle persone concepisce l'astrologia come qualcosa appena superiore alla banale predizione della fortuna. Eppure, allo stesso tempo, l'interesse generale per l'astrologia non è mai stato così alto in tempi moderni. Dei recenti (1979) sondaggi sul pubblico degli Stati Uniti ha rivelato che più di sei lettori su dieci legge le colonne dell'oroscopo sul giornale che compra. Un altro sondaggio dice che il 60% degli americani adulti conoscono, come minimo, il proprio segno zodiacale, ed almeno il 15% di questi ha trovato il tempo di farsi redigere l'oroscopo natale. L'industria astrologica americana, che include tutto il denaro speso su servizi, beni e oggetti in qualche modo legati all'astrologia è giunta a fatturare 2 miliardi di dollari l'anno, i quali in ritorno significano 500 milioni l'anno di tasse incassate dallo Stato; Somme che hanno portato molti a realizzare che Vi è l'oro nei Cieli!.

Credo che questo grande interesse per l'astrologia abbia dato a molte persone qualcosa in cui credere. La rivoluzione scientifica e tecnologica non ha creato quell'utopia che molti si aspettavano qualche anno fa, anzi, in effetti ha generato più problemi di quanti ne abbia risolti. Per altri ancora, la cieca fiducia in qualche premio nell'aldilà e l'idea che la vita sulla Terra non sia che una specie di sala d'attesa si è rivelata profondamente insoddisfacente. Tutti noi, in un modo o in un altro, siamo alla ricerca di un senso profondo per la vita, la risposta a le grandi domande filosofiche: Perché sono qui? Da Dove sono arrivato? Dove sto andando? Vogliamo credere che l'universo non sia basato sul caos ed il caso, ma che esista una specie di piano che è in opera ed un ordine in tutte le cose. Attraverso lo studio dell'astrologia è possibile percepire un simile ordine e predire con assoluta certezza il movimento e la posizione dei corpi celesti. Si tratta semplicemente di cicli dentro cicli e campi dentro campi. Quando veniamo allo studio delle eclissi questo ordine perfetto e prevedibile diventa qualcosa di immediatamente percettibile per tutti, diventa apparente; non solo per le persone e gli astrologi moderni ma anche per quelli antichi che, come dimostrato da Devor e molti altri studiosi, si cimentavano nella predizione del lavoro del destino attraverso lo studio dei vari cicli dell'universo. La stragrande maggioranza delle persone che manifestano un interesse per l'astrologia, qualsiasi questo sia, lo fanno sulla base di una differente forma di fede rispetto a quella religiosa. In altre parole, essi credono che l'astrologia funzioni pur non sapendo dare alcuna spiegazione razionale del perché funzioni. Per questo motivo l'astrologia è particolarmente vulnerabile agli attacchi dei razionalisti e degli scienziati. Eppure, anche molti di coloro che attaccano l'astrologia sono vulnerabili, e per lo stesso motivo, siano essi religiosi o scienziati. Questo perché non si sono presi il tempo necessario ad investigare l'astrologia fino al punto da averne compreso i suoi prìncipi basilari. Le argomentazioni pro o contro l'astrologia sono dunque entrambe irrazionali, dato che nessuna delle due parti è riuscita a dimostrare in termini scientifici, inconfutabili, che l'astrologia funzioni o non funzioni, e perché. Siamo ora ai primissimi stadi di quei studi scientifici che possono in qualche modo provare o confutare l'astrologia e, quindi, per ora possiamo solo teorizzare. Il problema è che in questi anni sono pochi gli astrologi che si sono occupati di fare questo lavoro di teorizzazione e molti di essi non si ricordano neanche qual è l'ultima volta che hanno osservato il cielo per ricordare a se stessi che esiste una relazione tra l'astrologia e quello che possiamo effettivamente vedere con gli occhi! In questo libro cercherò di offrire questo tipo di lavoro di teorizzazione. Non affermo di avere alcuna risposta definitiva, ma ognuno di noi può utilizzare i propri sensi per giudicare se esiste una relazione tra i cicli e le posizioni planetarie e ciò che si verifica su base giornaliera nella propria vita. È nell'esperienza diretta che risiede la vera prova finale, credo, almeno per il momento. Con ciò non voglio sminuire il problema della prova scientifica, anzi, credo che sia possibile oggi costruire una teoria razionale per spiegare il funzionamento dell'astrologia, e molti fatti scientifici sono e saranno sempre più evidenti in questo senso. In questo primo capitolo cercherò di esporre in modo succinto quali sono questi fatti, per quanto mi riguarda essi mi hanno aiutato a formularmi un'idea più chiara del perché l'astrologia funzioni, e spero possano fare lo stesso per il lettore.

Il Magnete

Il magnete ed il fenomeno del magnetismo furono scoperti, molto probabilmente, dagli antichi Greci più di duemila anni fa. I Greci trovarono un minerale naturale, la magnetite, che quando veniva lasciato libero di ruotare si allineava sempre da nord a sud, e che allo stesso tempo attirava stranamente a sé dei piccoli pezzi di ferro. Più avanti, i naviganti portoghesi (e probabilmente anche marinai anteriori) adattarono questo minerale ed il ferro in un singolo strumento che chiamarono bussola e che li aiutò enormemente a navigare anche in situazioni climatiche difficili e a determinare la direzione sia del mare che della terra. Cosa sia esattamente il magnetismo, come e perché funzioni, non è stato mai spiegato del tutto, nemmeno dagli scienziati contemporanei. Il fatto è che il magnetismo esiste, e funziona; non solo funziona ma è anche stato usato per moltissime applicazioni pratiche. Proprio come l'astrologia!

L'energia magnetica è solo una delle forme all'interno del vasto spettro di quella che chiamiamo energia elettromagnetica. Altre forme di energia elettromagnetica includono i raggi-x, gli infra-rossi e gli ultra-violetti, le onde radio e via dicendo. L'abilità che hanno questi raggi o onde di penetrare la materia varia a seconda della lunghezza d'onda. Ad esempio, sappiamo che i raggi-x hanno un grande potere di penetrazione e riescono ad attraversare i nostri corpi, mentre i raggi della luce non hanno questo potere. Anche le onde radio e l'energia magnetica possiedono un grande potere penetrativo, dato che le nostre tv e radio funzionano pur essendo racchiuse dalle mura domestiche. Viviamo costantemente immersi in un vasto mare di onde elettromagnetiche, anche se la costituzione di tali onde varia da luogo a luogo. La costituzione di questo ambiente elettromagnetico influisce su di noi in maniera diretta. Ad esempio, i raggi infra-rossi causano bruciature sulla pelle che è a dire che i raggi del Sole possono scottare chi ne rimane esposto per troppo tempo. Inoltre, non è possibile leggere dove non vi è luce. Ma da dove origina tutta questa energia elettromagnetica? Ovviamente la gran parte di questa energia è prodotta dal Sole, ma non tutta. Una parte origina dalla Terra stessa, come ad esempio l'energia atomica che origina dall'uranio e dal plutonio, e dal campo magnetico naturale della Terra. Un'altra parte sostanziale di questa energia proviene dalla nostra galassia, la Via Lattea, che gli scienziati ci dicono avere il suo centro a circa 27/28 gradi del Sagittario. Questa energia viene chiamata energia cosmica o galattica. La composizione di questo grande campo energetico si modifica di momento in momento, a causa del continuo movimento di tutti i corpi cosmici e planetari dell'universo. John H. Nelson ha dimostrato che la relazione angolare dei vari pianeti, l'uno nei confronti dell'altro, ha l'effetto di modificare le proprietà di radiotrasmissione della ionosfera terrestre (" Cosmic Patterns: Their influence on man and his communication "). A Firenze, in Italia, nel 1950 Giorgio Piccardi riuscì a dimostrare che quando il Sole si trova a circa 90° dal Centro Galattico di 27°Sagittario (e quindi quando transita in Vergine o Pesci) la tensione di superficie dell'acqua si riduce in maniera misurabile, e quindi aumenta il suo potere di bagnabilità. Sappiamo anche che le macchie solari hanno un forte impatto, misurabile, sulla ionosfera e sul campo magnetico della Terra ed alterano le trasmissioni radio. Nel 1930 in Giappone Takata domostrò che lo stato del campo magnetico della Terra influenza le proprietà dell'unica sostanza capace di riprodurre la vita, e di cui tutti noi siamo composti: le proteine.

Se le condizioni meteorologiche possono influenzare la nostra personalità e i nostri comportamenti, come noi tutti possiamo osservare in prima persona, è forse tanto arduo comprendere che esiste una relazione di causa ed effetto tra lo stato generale della nostra galassia e del sistema solare con il comportamento umano? Se non esiste una relazione di causa/effetto diretta esiste almeno una corrispondenza tra ciò che avviene nello spazio e ciò che avviene qui giù, sulla superficie della Terra.

Se è vero che i cambiamenti o le oscillazioni nel campo magnetico della Terra variano di minuto in minuto e sono per lo più minime, è anche vero che non vi è nulla di più drastico che avere un blocco parziale o totale della maggiore fonte di energia elettromagnetica, anche per un breve periodo di tempo. Si tratta in questo caso di una variazione considerevole, e per gli antichi che probabilmente non potevano sapere cosa stesse succedendo si trattava di un momento di grande sconcerto e stupore. Con i moderni mezzi della scienza siamo oggi capaci di misurare dei grandi cambiamenti nel carattere del campo magnetico della Terra quando, durante una eclisse, il Sole viene oscurato per un determinato periodo di tempo. Non mi sembra eccessivo teorizzare che questa drastica alterazione del campo magnetico della Terra possa avere degli effetti, anche sottili, sul funzionamento della mente umana e che possa lasciare un effetto residuo, più o meno breve, sul modo in cui opera e funziona.

Il Generatore

I fisici hanno dimostrato che quando una corrente elettrica (la quale è anch'essa un'energia elettromagnetica) scorre attraverso un materiale conduttore, come un filo di rame, si origina un campo magnetico circolare che interseca ad angolo retto il corso della corrente. Al contrario, se si muove una sostanza conduttrice attraverso un campo magnetico, tagliando le linee della forza magnetica, si genera una corrente che scorre attraverso il conduttore. È grazie a quest'ultimo principio che possiamo generare tutta la corrente elettrica che usiamo nelle nostre case e nelle fabbriche. L'acqua, o un'altra forma di forza, viene utilizzata per ruotare un conduttore all'interno di un campo magnetico. Oggi questi sono prìncipi di fisica che si studiano alle scuole medie, e possono essere facilmente dimostrati.

Il sistema nervoso dell'organismo umano consiste di fibre nervose che connettono le varie parti del corpo e ne consentono il corretto funzionamento generale. Queste fibre nervose sono conduttrici di piccole correnti elettriche che trasmettono messaggi o informazioni da e verso il cervello. Tali correnti possono essere misurate utilizzando un elettroencefalogramma o altri strumenti, tra i quali vi è lo strumento che volgarmente viene chiamato la macchina della verità che misura la natura elettrica della superficie della pelle.

Se scorre una corrente elettrica attraverso le fibre nervose allora si genera un campo magnetico attorno al corpo; potrebbe essere che ciò che alcune persone vedono e chiamano aurea non sia altro che questo tipo di radiazione elettromagnetica. Se le

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Interpretare le Eclissi

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori